Tecnica di scansione in ecografia e punti di repere ecografici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnica di scansione in ecografia e punti di repere ecografici"

Transcript

1 4 e punti di repere ecografici Federica Rossi PREPARAZIONE DEL PAZIENTE Per facilitare l esame ecografico dell addome vanno presi i seguenti accorgimenti. Digiuno Antimeteorici Acqua Contenuto fecale nel grosso intestino Replezione vescicale Sedazione Di almeno 12 ore: uno stomaco fortemente disteso impedisce la corretta valutazione dell addome craniale sinistro, inoltre se è presente alimento la parete gastrica è di difficile valutazione. Situazioni di emergenza sono ovviamente eccezione a quanto sopra. Il loro utilizzo non risulta efficace nei piccoli animali pertanto non è consigliato. Somministrata per via orale (circa 15 ml/kg), può essere utile se è necessario valutare la parete gastrica, per distendere l organo. Se è abbondante può ostacolare un agevole esame ecografico pertanto è bene suggerire al proprietario di far defecare l animale prima dello studio. Se devono essere esaminate in modo particolare le vie urinarie è importante che la vescica sia distesa. Una vescica vuota presenta un falso ispessimento della parete pertanto non può essere valutata. È indispensabile se il paziente non collabora. L ambiente deve essere tranquillo, senza rumori e in penombra, anche per facilitare la visione delle immagini sul monitor. PREPARAZIONE DELLA REGIONE DA ESAMINARE Tricotomia Alcool Gel Addome: deve includere, per l addome, un area che va dall appendice xifoidea alla regione del pube, e che si estende lateralmente negli ultimi due spazi intercostali (valutazione dei lobi epatici) e nella regione del fianco (valutazione dello spazio retro-peritoneale). L utilizzo della tosatrice deve essere attento in modo da non creare lesioni cutanee. Torace e collo: viene effettuata a seconda dell area di interesse. Utile per rimuovere residui di pelo, cute e l aria in essa trattenuta. Attenzione a non applicare alcool su lesioni cutanee o direttamente sulla sonda. È fondamentale per ottenere un ottimale contatto tra la sonda e la cute e va applicato abbondantemente e ripetutamente anche durante l esame. Va ricordato che è necessario rimuovere il gel prima di effettuare aghi aspirati, altrimenti questo inquina il campione. 27

2 Capitolo 4 POSIZIONAMENTO DEL PAZIENTE Il posizionamento del paziente deve garantire un approccio comodo per l operatore e per l animale, che permetta al paziente di rilassarsi e all ecografista di effettuare un esame tranquillo. Materassino Contenzione Decubito - Addome Decubito - Torace Decubito - Collo L utilizzo di un materassino morbido agevola l esame in quanto l animale è più comodo e tollera meglio la procedura. L animale deve essere fermo: una gentile contenzione è necessaria e resa possibile grazie a uno o due aiutanti. Nella maggior parte dei casi una persona è sufficiente, soprattutto se si utilizza un posizionamento in decubito laterale. Può e deve essere variabile. Nella maggior parte dei casi si inizia con un decubito standard (laterale destro o dorsale) per poi spostare l animale in altro decubito a seconda delle necessità. Il decubito dorsale (Fig. 1a) ha il vantaggio di esporre in modo uguale entrambi gli emiaddomi e di consentire una posizione simmetrica, maggiormente riconducibile ad un approccio chirurgico. È una posizione meno comoda per l animale, anche se si utilizza un cuscino di posizionamento. Il decubito laterale destro (Fig. 1b) ha il vantaggio di essere una posizione più comoda e meglio tollerata dall animale. Fornisce un ottima finestra per l addome caudale, medio e craniale sinistro. Per l esplorazione dell addome craniale destro, la mano e la sonda devono essere posizionate tra la parete addominale ed il tavolo (Fig. 2). Ciò può non essere particolarmente agevole tuttavia vi è un vantaggio pratico non indifferente: il gas tende a spostarsi dorsalmente allontanandosi da queste regioni, pertanto lo studio di organi come la regione pilorica dello stomaco, il duodeno ed il pancreas risultano molto agevolati. Con questo decubito, soprattutto in cani di grossa taglia non è possibile a volte esaminare adeguatamente il rene e la ghiandola surrenale destra, pertanto l animale deve essere spostato in decubito dorsale o nel decubito laterale sinistro. Il decubito laterale sinistro può risultare utile per l esame degli organi del lato destro (es. scansione intercostale per i lobi epatici destri). L esame con cane posizionato in stazione quadrupedale non è ottimale per uno studio accurato dell addome in quanto il paziente continua a muoversi ed è molto difficile ottenere precise scansioni standard per i diversi organi. Questa posizione può essere utilizzata in situazioni particolari (es. animale con grave dispnea) e utile per valutare alcuni organi o lesioni alla fine dell esame convenzionale, per esempio sfruttando lo spostamento dovuto alla gravità (es. calcoli vescicali o corpi estranei gastrici). Va sempre considerato lo stato clinico del paziente, se è presente grave dispnea (per esempio in un soggetto con versamento pleurico) è preferibile mantenere il decubito sternale o la stazione quadrupedale. Il decubito (Fig. 3a) va scelto in base alla sede della lesione, tenendo conto anche che la presenza di versamento pleurico può favorire la visualizzazione di lesioni pertanto questo può essere spostato in base alle esigenze. Talvolta lasciando il paziente in decubito laterale per qualche minuto, si favorisce la visualizzazione di una lesione polmonare perché il polmone declive va incontro ad atelettasia e la lesione viene a contatto con la parete toracica. Utile in questi casi il tavolo con apertura per eseguire una scansione da una posizione ventrale. Per esaminare la regione ventrale del collo si può utilizzare un posizionamento sternale o stazione quadrupedale (Fig. 3b). Se l animale è tranquillo e collabora questa è la posizione più fisiologica per valutare anche i movimenti della laringe. Spesso, tuttavia, è necessario utilizzare il decubito dorsale contenendo il soggetto con la testa estesa e simmetrica: solo in questo modo si riescono a valutare bene le piccole strutture della regione (lobi tiroidei, linfonodi, ghiandole salivari). 28

3 Figura 1 - Metodo di scansione per l addome, animale in decubito dorsale (a) o laterale (b). Notare l ampia tricotomia, che include anche gli ultimi spazi intercostali. Figura 2 - La foto (a) mostra come effettuare una scansione dell addome craniale destro con animale in decubito laterale destro. Lo schema (b) dimostra l utilità di questo posizionamento per la scansione della regione dell antro gastrico, del duodeno prossimale, nei quali si accumula fluido (F) e del lobo pancreatico destro. In questa posizione, il gas (G) si sposta nella regione del fondo gastrico. Figura 3 - Metodo di scansione del torace con animale in decubito laterale (a) e della regione ventrale del collo con animale in stazione quadrupedale (b). 29

4 Capitolo 4 POSIZIONE E MANUALITÀ DELL OPERATORE Disposizione paziente, operatore e attrezzatura Mani Operatori mancini Manualità durante le procedure (FNA, biopsie) La più utilizzata è con il tavolo a destra, l operatore seduto alla sinistra del tavolo con l ecografo di fronte. L altezza del tavolo e della sedia vanno regolati per avere una posizione comoda per le braccia, soprattutto per chi rimane diverse ore ad operare con l ecografo. Può essere utile avere un tavolo con altezza regolabile, eventualmente anche con una apertura, che può servire per effettuare scansioni da una posizione ventrale, o utilizzabile anche per ecocardiografia. Si utilizza la mano destra per muovere la sonda e la sinistra per agire sulla macchina. La maggior parte degli ecografisti mancini (e ce ne sono di famosi!!!) preferiscono utilizzare la stessa disposizione degli operatori destri. In questo caso, si deve acquisire la manualità per spostare la sonda sul paziente con la mano non dominante e questo può risultare più difficile. Tuttavia, con una disposizione a specchio è più difficile capire ed acquisire le posizioni standard (per esempio, indicate sui testi e utilizzate dalla maggior parte degli operatori). Per gli ecografisti destri, il suggerimento dell autore che scrive è quello di invertire le mani durante le procedure. Identificata la lesione o l organo da raggiungere, si cambia la mano e si mantiene la sonda con la mano sinistra, operazione che non presenta difficoltà in quanto la sonda deve stare ferma. Si utilizza quindi la mano destra (dominante) per inserire gli strumenti (aghi o cateteri). Per gli operatori mancini, non serve invertire le mani. Durante le procedure è sempre opportuno avere un aiutante. MOVIMENTI DELLA SONDA (Fig. 4-7) Durante l esame ecografico vanno effettuati diversi movimenti, che combinati tra loro permettono di esaminare completamente una struttura od organo: Traslazione (Fig. 4) Inclinazione (Fig. 5) Rotazione (Fig. 6) Oscillazione (Fig. 7) La manualità viene acquisita con l esperienza (di ANNI, non di giorni o settimane!). Quando si è identificato un organo o struttura, si deve imparare a fare piccoli movimenti di aggiustamento, che ottimizzano la scansione e rendono l immagine più definita e diagnostica. Mantenere la stessa posizione per un po di tempo è già un modo per migliorare l immagine, in quanto migliora il contatto tra la sonda e la cute, il gel si distribuisce in modo ottimale e l aria intrappolata nel pelo residuo si sposta. Con il tempo, questi movimenti diventano automatici, e si combinano tra di loro senza mantenere la suddivisione didattica descritta precedentemente. Figura 4 - Scivolamento della sonda lungo un piano orizzontale (traslazione). 30

5 Figura 5 - Movimenti di obliquità (inclinazione). Figura 6 - Ruotare la sonda di un angolo (spesso di 90 ) sul proprio asse (rotazione). Figura 7 - La sonda viene inclinata lungo il suo asse longitudinale (oscillazione). 31

6 Capitolo 4 PIANI DI SCANSIONE (Fig. 8) È importante conoscere ed utilizzare i vari piani di scansione standard per i diversi organi, perché in questo modo si acquisisce l immagine di normalità di una struttura e si possono confrontare le proprie immagini con le immagini patologiche mostrate ai corsi, riportate dai testi o dagli articoli. Si distinguono i seguenti piani di scansione standard (Fig. 8): Longitudinale Trasversale Dorsale (coronale) Obliquo. ORIENTAMENTO DELL IMMAGINE ECOGRAFICA (Fig. 9-12) Le immagini ecografiche vanno orientate in modo da rispettare alcune regole condivise in tutto il mondo scientifico. Per convenzione: per le immagini ottenute in scansione longitudinale (Fig. 9), il lato sinistro dell immagine indica il lato craniale dell animale o dell organo, il lato destro quello caudale; per le immagini ottenute in scansione trasversale (Fig. 10): il lato sinistro dell immagine indica il lato destro dell animale o dell organo, il lato destro quello sinistro. Per un corretto orientamento, è necessario verificare come è appoggiata la sonda sull animale. Ciascuna sonda presenta un marker che indica un lato della sonda. Il marker trova corrispondenza sul monitor dell ecografo, è segnalato da un simbolo che può essere posizionato a destra o a sinistra dell immagine ecografica. Marker sulla sonda e simbolo sul monitor devono essere accoppiati in modo che ci sia sempre corretta corrispondenza tra lato dell animale e lato dell immagine ecografica, quindi: se il marker è orientato verso la porzione craniale (scansione longitudinale, Fig. 9) o a destra (scansione trasversale, Fig. 10) dell animale, nell immagine deve comparire a sinistra del monitor; se il marker è orientato verso la porzione caudale (scansione longitudinale, Fig. 11) o a sinistra (scansione trasversale, Fig. 12) dell animale, nell immagine deve comparire a destra del monitor; per passare dalla scansione longitudinale a quella trasversale, la sonda va ruotata di 90 in senso antiorario. PIANO DI SCANSIONE LONGITUDINALE PIANO DI SCANSIONE TRASVERSALE PIANO DI SCANSIONE DORSALE PIANO DI SCANSIONE OBLIQUO Figura 8 - Piani di scansione convenzionali. 32

7 Figura 9 - Scansione longitudinale. Il marker (freccia rossa) è allineato verso la parte craniale dell animale e a sinistra nell immagine (simbolo e). Figura 10 - Scansione trasversale. Il marker (freccia rossa) è allineato verso la parte destra dell animale e a sinistra nell immagine (simbolo e). La sonda è ruotata di 90 in senso antiorario rispetto all immagine precedente. Figura 11 - Scansione longitudinale. Il marker (freccia rossa) è allineato verso la parte caudale dell animale e a destra nell immagine (simbolo e). 33

8 Capitolo 4 Figura 12 - Scansione trasversale. Il marker (freccia rossa) è allineato verso la parte sinistra dell animale e a destra nell immagine (simbolo e). La sonda è ruotata di 90 in senso antiorario rispetto all immagine precedente. ESECUZIONE DELL ESAME ECOGRAFICO (Fig. 13) Figura 13 - Esempio di possibile metodo di scansione dell addome seguendo le posizioni da 1 a 11. Alla fine, dalla posizione 11 si può traslare la sonda lateralmente fino al fianco destro e portarsi caudalmente fino a identificare nuovamente la vescica. È estremamente importante imparare ad eseguire l esame ecografico con un approccio sistematico. Ciò significa: Identificare tutte le strutture /organi ecograficamente visibili Studiare ciascuno di questi mediante tutti i piani di scansione Non farsi influenzare da lesioni evidenti o lesioni sospettate dall esame clinico Stabilire un proprio metodo per eseguire un esame completo. L ordine e la sequenza degli organi esaminati può essere diversa, ma il ripetere tutte le volte i movimenti nello stesso modo aiuta nell apprendimento della tecnica e a non dimenticare una o più strutture. La Figura 13 raffigura uno dei possibili metodi di scansione, utile per focalizzare diverse posizioni fondamentali (numerate da 1 a 11) in cui reperire le strutture addominali da esaminare. L animale è posizionato in decubito laterale destro o dorsale. La sonda si sposta dalla posizione 1 alla 11 percorrendo una sorta di punto di domanda, iniziando dall addome caudale, poi proseguendo cranialmente nella parte sinistra dell addome, per arrivare così alla parte craniale centrale e destra. Rimanendo sul lato destro, ci si porta caudalmente lungo la parete addominale per terminare con l esame della regione addominale centrale. Seguono una serie di Schemi che indicano la corrispondenza tra le posizioni indicate nella Fig. 13 e le principali strutture anatomiche addominali. Nello Schema 14 vengono indicati i principali organi dell apparato gastroenterico e urinario. Gli Schemi 15 mostrano le posizioni dei principali linfocentri addominali e dell apparato genitale. La Tabella 1 riassume le principali strutture rinvenute in ciascuna posizione indicata nella Fig. 13 ed alcuni utili punti di repere. In ciascun Capitolo, nella Tabella dedicata alla tecnica di scansione, sono riportati ulteriori dettagli e suggerimenti per reperire gli organi addominali. 34

9 a) b) Figura 14 - Schemi che rappresentano i diversi organi addominali con vista ventrale (a) e la corrispondenza delle diverse posizioni di scansione (b). 35

10 Capitolo 4 a) b) Figura 15 - Schemi che rappresentano la posizione dei principali gruppi di linfonodi addominali (a) e l apparato genitale (b). 36

11 TABELLA 1 Principali organi/strutture rinvenute nelle posizioni da 1 a 11 (Fig. 13) e punti di repere ecografici Posizione Sonda Organi visibili Scansioni Commenti 1 Addome caudale cranialmente Vescica, colon, prostata, Longitudinale e trasversale al pube, linea mediana corpo dell utero 2 Addome caudale a sinistra Vasi (aorta ed arterie iliache, Longitudinale e trasversale Utile doppler per identificare della linea mediana, vena cava caudale e vasi e ottenere flussi sonda poco ventralmente al vene iliache), linfonodi iliaci rachide lombare Da 2 a 3 Addome caudale a sinistra Aorta e vena cava caudale, Longitudinale e trasversale Le arterie in uscita dall aorta della linea mediana, linfonodi se ingranditi, (a. renale, aa. mesenterica sonda poco ventralmente al si arriva a visualizzare i vasi craniale e celiaca) sono i punti rachide lombare renali e la ghiandola surrenale di repere per l identificazione sinistra della ghiandola surrenale sinistra 4 Addome medio a sinistra, Rene sinistro, ovaio sinistro Longitudinale trasversale Per la scansione dorsale leggermente laterale rispetto e dorsale del rene, talvolta necessario alla precedente spostare la sonda in uno degli ultimi spazi intercostali 5 Addome craniale a sinistra Milza, piccolo intestino, Longitudinale, trasversale La testa della milza ha colon trasverso e discendente, ed oblique posizione fissa in questa sede, lobo sinistro del pancreas da qui si deve proseguire verso l addome medio seguendo l andamento del corpo e della coda della milza, che sono variabili 6 Addome craniale a sinistra, Stomaco (fondo), lobi epatici Longitudinale, trasversale Visualizzazione dei lobi epatici a contatto con l arco costale sinistri ed oblique variabile a seconda del riempimento e contenuto gastrico 6 Scansione intercostale sinistra Fegato lobi sinistri Come consentito dallo spazio intercostale 7 Linea mediana, sonda a Fegato (sonda orientata Longitudinale e trasversale Ottima overview del fegato contatto con l appendice cranialmente), corpo dello xifoidea stomaco e del pancreas (sonda orientata più perpendicolarmente) 8 Addome craniale a destra, Fegato (lobi destri), Longitudinale, trasversale Per questa scansione utile il a contatto con l arco costale ilo epatico (vasi), colecisti e ed oblique decubito laterale destro dotto biliare comune, stomaco (allontana il gas dallo stomaco (piloro), duodeno, pancreas e duodeno) vedi Fig. 2 (corpo e lobo destro) 8 Scansione intercostale destra Fegato lobi destri Come consentito dallo Orientando la sonda spazio intercostale caudo-ventralmente si ottiene una scansione obliqua che rappresenta i tre vasi addominali principali (aorta, CVC e porta) utile in caso di sospetta anomalia vascolare 9 Addome medio a destra Rene destro, duodeno, Longitudinale, trasversale Per la scansione dorsale del pancreas (lobo destro), e dorsale rene, talvolta necessario ovaio destro spostare la sonda in uno degli ultimi spazi intercostali 10 Addome medio a destra, Vena cava caudale e surrenale Longitudinale e trasversale Punto di repere per il leggermente mediale rispetto destra reperimento della surrenale alla scansione precedente destra: vena cava caudale 11 Addome medio, posizione Piccolo intestino, linfonodi Longitudinale, trasversale Vasi mesenterici punto di centrale digiunali e colici, peritoneo, ed oblique repere per i linfonodi digiunali colon ascendente e trasverso 37

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano ECOGRAFIA OMBELICALE Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano PATOLOGIE OMBELICALI Le patologie della regione ombelicale sono relativamente diffuse nelle prime quattro settimane di vita. Non sempre

Dettagli

Anatomia eco-topografica dell addome superiore. Vibo Valenzia 1-3 maggio 2014 Dott. Erasmo Di Macco

Anatomia eco-topografica dell addome superiore. Vibo Valenzia 1-3 maggio 2014 Dott. Erasmo Di Macco Anatomia eco-topografica dell addome superiore Vibo Valenzia 1-3 maggio 2014 Dott. Erasmo Di Macco Anatomia eco-topografica! e non ecografica - Perchè la scarsa panoramicità e le differenti scansioni muteranno

Dettagli

Fondamenti di base dell ecografia addominale. V. Arienti

Fondamenti di base dell ecografia addominale. V. Arienti Fondamenti di base dell ecografia addominale V. Arienti Modalità pratiche di esecuzione di un esame ecografico addominale V. Arienti Centro di Ecografia Internistica, Intreventistica e Vascolare Medicina

Dettagli

INDICE. capitolo 3 Orientamento delle immagini Introduzione

INDICE. capitolo 3 Orientamento delle immagini Introduzione INDICE capitolo 1 Principi di base di ecografia Interazione degli ultrasuoni con la materia Principi di ecografia Doppler Seconda armonica tissutale capitolo 2 Artefatti in ecografia Rinforzo acustico

Dettagli

CONFRONTO TRA CONFRONT

CONFRONTO TRA CONFRONT Versamento pleurico in un uomo Da tempo usata in medicina umana Solo recentemente in medicina equina Possibile utilizzo come metodo di screening Ben tollerata (scarsa contenzione) Prelievo liquido eco

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO DI ECOGRAFIA DEL COLLO IN MG E VALUTAZIONE ECOGRAFICA ADDOMINALE E PELVICA IN MEDICINA GENERALE

CORSO TEORICO-PRATICO DI ECOGRAFIA DEL COLLO IN MG E VALUTAZIONE ECOGRAFICA ADDOMINALE E PELVICA IN MEDICINA GENERALE CORSI PROFESSIONALIZZANTI SIMG MODULO ECOGRAFIA INTERNISTICA (12 ore ven. 14-20 sab. 08.30-14.30) Data unica: 18-19 Marzo 2016 CORSO TEORICO-PRATICO DI ECOGRAFIA DEL COLLO IN MG E VALUTAZIONE ECOGRAFICA

Dettagli

Indice generale. Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati. Indice generale

Indice generale. Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati. Indice generale Indice generale Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati 1 Sistemi e apparati e sviluppo delle cavità corporee 1.1 Definizione, quadro riassuntivo ed evoluzione delle

Dettagli

CORSO AVANZATO DI ECOGRAFIA

CORSO AVANZATO DI ECOGRAFIA CORSO AVANZATO DI ECOGRAFIA MILANO MARTEDÌ 7, MERCOLEDÌ 8, GIOVEDÌ 9, VENERDÌ 10, SABATO 11 APRILE 2015 DIRETTORE DEL CORSO: Dott. Swan Specchi, DVM, PhD, Dipl. ACVR RELATORI: Dott. Swan Specchi, DVM,

Dettagli

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo)

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) L APPARATO DIGERENTE Tubo digerente (dalla bocca all ano) e ghiandole annesse; epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) Epitelio

Dettagli

Anatomia ecografica della colecisti e delle vie biliari

Anatomia ecografica della colecisti e delle vie biliari Anatomia ecografica della colecisti e delle vie biliari 32 Corso Teorico di Ecografia Generalista Fimmg-Metis HOTEL FEDERICO II JESI (AN ) 10, 11 e 12 settembre 2010 Coordinatore Scientifico Dott. Fabio

Dettagli

Principi fisici e pratici dell ecografia

Principi fisici e pratici dell ecografia Principi fisici e pratici dell ecografia L'ecografia è una metodica che permette di ottenere immagini degli organi interni del corpo umano utilizzando onde ultrasonore ad alta frequenza per mezzo di sonde

Dettagli

Itinerario di ecografia addominale

Itinerario di ecografia addominale Itinerario di ecografia addominale Con il patrocinio dell Ordine dei Medici Veterinari di Terni Primo livello: Ecografia base Venerdì 17 Sabato 18 Domenica 19 Ottobre 2014 Terni DIRETTORE CORSO Dott. Paolo

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

Ecografia vescicale. Anatomia ecografica normale e quadri patologici

Ecografia vescicale. Anatomia ecografica normale e quadri patologici Ecografia vescicale Anatomia ecografica normale e quadri patologici Maurizio De Maria, Andrea Mogorovich, Girolamo Morelli Urologia Universitaria, Università di Pisa Dir. Prof. C. Selli L'Ecografia Multidisciplinare

Dettagli

ecografica è affrontata alla luce della valutazione, presso lo studio del MMG, dei quadri patologici e dei mutamenti in corso di terapia.

ecografica è affrontata alla luce della valutazione, presso lo studio del MMG, dei quadri patologici e dei mutamenti in corso di terapia. Caro collega, cara collega, Sono lieto di informarti che i prossimi 3-4, 24-25 Ottobre-, e 21-22 Novembre 2015, a Catanzaro lido presso l'hotel Perla del Porto, si terrà il Corso di formazione di ecografia

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI E TEMPI DI CONSEGNA

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI E TEMPI DI CONSEGNA Ecografia ECO(COLOR)DOPPLER FEGATO E V.B 43,38 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER PANCREAS 43,38 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER RENI E SURR. 34,09 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER DELLA MILZA

Dettagli

Indice generale. Introduzione 2. Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5. Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2

Indice generale. Introduzione 2. Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5. Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2 Introduzione 2 Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2 Organizzazione regionale 2 Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5 Visione d'insieme 6 Circolazione sanguigna e vasi linfatici

Dettagli

Preparazione per esame ecografico ADDOME COMPLETO da eseguire tre giorni prima dell esame

Preparazione per esame ecografico ADDOME COMPLETO da eseguire tre giorni prima dell esame Preparazione per esame ecografico ADDOME COMPLETO da eseguire tre giorni prima dell esame 1) Evitare l assunzione di frutta, verdura e legumi (cibi ricchi di scorie); 2) Mangiare cibi digeribili e ingerire

Dettagli

Ultrasonologia specialistica

Ultrasonologia specialistica Master di II livello a svolgimento biennale Ultrasonologia specialistica in Medicina Veterinaria dei piccoli animali Obiettivi formativi Lo Studente seguirà un percorso formativo che lo guiderà nell approfondimento

Dettagli

Cod. Prestazioni erogate Tempi di risposta (referto) (in giorni feriali).. Pazienti

Cod. Prestazioni erogate Tempi di risposta (referto) (in giorni feriali).. Pazienti .. Pazienti. INTERVENTISTICA.. 40.19.1 AGOBIOPSIA LINFONODALE ECO-GUIDATA 40.19.2 AGOBIOPSIA LINFONODALE TC-GUIDATA 54.24.1 BIOPSIA (PERCUTANEA) (AGOBIOPSIA) ECO- GUIDATA DI MASSA INTRAADDOMINALE Escluso:

Dettagli

LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI

LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI MASSAGGIAPIEDI LA SALUTE COMINCIA DAI PIEDI Fin dai tempi più antichi, l uomo ha imparato ad adoperare i suoi piedi per reggersi col corpo, ma poche persone hanno cercato di capire la struttura e l importanza

Dettagli

AGO ASPIRATO 100.00 ECOGRAFIA TIROIDEA 50.00 ECOCOLORDOPPLER TIROIDEO 60.00 ECOCOLORDOPPLER SCROTALE 60.00 ECOCOLORDOPPLER PENIENO BASICO 60.

AGO ASPIRATO 100.00 ECOGRAFIA TIROIDEA 50.00 ECOCOLORDOPPLER TIROIDEO 60.00 ECOCOLORDOPPLER SCROTALE 60.00 ECOCOLORDOPPLER PENIENO BASICO 60. ENDOCRINOLOGIA AGO ASPIRATO 100.00 ECOGRAFIA TIROIDEA 50.00 ECOCOLORDOPPLER TIROIDEO 60.00 ECOCOLORDOPPLER SCROTALE 60.00 ECOCOLORDOPPLER PENIENO BASICO 60.00 GINECOLOGIA ECOGRAFIA PELVICA 60.00 ECOGRAFIA

Dettagli

B 30 1 0.00% 97 C 180 1 100.00% 104 32 NEUROLOGIA 89.13 PRIMA VISITA NEUROLOGICA [NEUROCHIRURGICA]Incluso: eventuale fundus oculi e

B 30 1 0.00% 97 C 180 1 100.00% 104 32 NEUROLOGIA 89.13 PRIMA VISITA NEUROLOGICA [NEUROCHIRURGICA]Incluso: eventuale fundus oculi e OSPEDALE BOVOLONE OSPEDALE LEGNAGO 08 CARDIOLOGIA 89.43 TEST CARDIOVASCOLARE DA SFORZO CON CICLOERGOMETROEscluso: Prova da A 10 2 100.00% 2 sforzo cardiorespiratorio (89.44.1) C 180 2 100.00% 15 89.50

Dettagli

L ANGIOGRAFIA DIGITALIZZATA NELLA DIAGNOSTICA DELLA PATOLOGIA VASCOLARE PERIFERICA: TSA, aorta addominale, arterie renali, asse iliaco, arti inferiori

L ANGIOGRAFIA DIGITALIZZATA NELLA DIAGNOSTICA DELLA PATOLOGIA VASCOLARE PERIFERICA: TSA, aorta addominale, arterie renali, asse iliaco, arti inferiori L ANGIOGRAFIA DIGITALIZZATA NELLA DIAGNOSTICA DELLA PATOLOGIA VASCOLARE PERIFERICA: TSA, aorta addominale, arterie renali, asse iliaco, arti inferiori iori Dott.ssa Carla Auguadro Corso di Introduzione

Dettagli

03/05/14 ERASMO DI MACCO SCUOLA DI ECOGRAFIA GENERALISTA SIEMG - FIMMG

03/05/14 ERASMO DI MACCO SCUOLA DI ECOGRAFIA GENERALISTA SIEMG - FIMMG 03/05/14 La patologia dei grossi vasi addominali Vibo Valenzia 01-03 maggio 2014 La patologia dei grossi vasi addominali Lo studio dei vasi addominali costituisce parte integrante dello studio ecografico

Dettagli

Indice analitico. A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149. linfonodi regionali (N)

Indice analitico. A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149. linfonodi regionali (N) Indice analitico A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149 classificazione, 149, 151, 152 metastasi a distanza (M), 149-153 raggruppamento in stadi, 153 sedi di metastasi, 149 sede primitiva,

Dettagli

Analisi quali-quantitativa su tempi attesa per le. 43 prestazioni critiche in ambito provinciale

Analisi quali-quantitativa su tempi attesa per le. 43 prestazioni critiche in ambito provinciale Analisi quali-quantitativa su tempi attesa per le 43 critiche in ambito provinciale 1 Sommario Analisi della domanda... 3 Metodologia di analisi... 3 Tabelle Strutture provinciali esclusi stabilimenti

Dettagli

con rotazione destra e inclinazione sinistra

con rotazione destra e inclinazione sinistra Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Unità Riabilit. Gravi Disabilità Infantili Dott. A. Ferrari - Direttore Torcicollo con rotazione destra e inclinazione sinistra 1 A cura di: Giulia Borelli,

Dettagli

Cod. Prestazioni erogate Tempi di risposta (referto) Utenti esterni. INTERVENTISTICA... .. Pazienti ricoverati

Cod. Prestazioni erogate Tempi di risposta (referto) Utenti esterni. INTERVENTISTICA... .. Pazienti ricoverati Cod. Prestazioni erogate Tempi di risposta (referto). INTERVENTISTICA.... 40.19.1 AGOBIOPSIA LINFONODALE ECO-GUIDATA 40.19.2 AGOBIOPSIA LINFONODALE TC-GUIDATA 54.24.1 BIOPSIA (PERCUTANEA) (AGOBIOPSIA)

Dettagli

SPS - Tempi Attesa Prestazioni Specialistiche Garantite Traccianti: Azienda 102.FELTRE - 1 Trimestre 2012

SPS - Tempi Attesa Prestazioni Specialistiche Garantite Traccianti: Azienda 102.FELTRE - 1 Trimestre 2012 Branca: 08. Carologia 88.72.3 - ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA CARDIACA A riposo e dopo prova fisica o farmacologica. Non associabile a 88.72.1; 88.72.2 89.43 - TEST CARDIOVASCOLARE DA SFORZO CON CICLOERGOMETRO

Dettagli

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE RICONOSCERE LA COLICA COLICA non è una patologia specifica ma è un termine che indica in modo generale un dolore addominale. Il dolore addominale può originare da

Dettagli

Lesioni epatiche maligne. Franco Brunello

Lesioni epatiche maligne. Franco Brunello Lesioni epatiche maligne Franco Brunello Check list: La lesione che non c è (oppure.. non l abbiamo vista?) Apparecchiatura adeguata ok Settaggio ottimale (grigi, fuoco, II arm...) ok Abbiamo esaminato

Dettagli

Anatomia epatica e delle vie biliari

Anatomia epatica e delle vie biliari REGIONE TOSCANA Progetto formativo indirizzato ai Medici di Medicina Generale e finalizzato all introduzione dell ecografia nel setting della Medicina Generale Anatomia epatica e delle vie biliari Dr.

Dettagli

Ecografia del surrene

Ecografia del surrene Ecografia del surrene Metodica di studio Anatomia ecografia Quadri patologici Congresso SIEMG Up-Date Vibo Valentia 01-03 maggio 2014 Visibilità ecografia Sonde convex multifrequenza 2-5 Mhz Surrene destro

Dettagli

ASPIRAZIONE. Descrizione Onorario LP (es. 150,00 ) ASPIRAZIONE PERCUTANEA DI CISTI DELLA MAMMELLA ECO-GUIDATA DX

ASPIRAZIONE. Descrizione Onorario LP (es. 150,00 ) ASPIRAZIONE PERCUTANEA DI CISTI DELLA MAMMELLA ECO-GUIDATA DX RADIOLOGIA DOTT.SSA FURFARO DANY ASPIRAZIONE ASPIRAZIONE PERCUTANEA DI CISTI DELLA MAMMELLA ECO-GUIDATA DX ASPIRAZIONE PERCUTANEA DI CISTI DELLA MAMMELLA ECO-GUIDATA SX TC TC ORBITE (SENZA CONTRASTO) TC

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI AMBULATORIALI. Radiologia Convenzionale. 8705 Dacriocistografia. 87061 Scialografia. 8707 Laringografia 4 proiezioni

ELENCO PRESTAZIONI AMBULATORIALI. Radiologia Convenzionale. 8705 Dacriocistografia. 87061 Scialografia. 8707 Laringografia 4 proiezioni ELENCO PRESTAZIONI AMBULATORIALI Radiologia Convenzionale 8705 Dacriocistografia 87061 Scialografia 8707 Laringografia 4 proiezioni 87091 Esame diretto ghiandole salivari 87091 Rinofaringe - Laringe -

Dettagli

ASLCN1 RILEVAZIONE GIORNO INDICE 18 LUGLIO 2012; 1

ASLCN1 RILEVAZIONE GIORNO INDICE 18 LUGLIO 2012; 1 CEVA Visita Allergologia 96 61 64 91 113 49 29 30 63 14 61 75 110 68 79 19 Chirurgia Generale 5 27 1 1 2 8 8 Chirurgia Vascolare 76 69 44 36 42 12 Endocrinologia 33 42 9 47 2 Pneumologia 62 63 43 19 64

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI E RELATIVI IMPORTI AGGIORNATO AL 27.12.2010 RADIOLOGIA TRADIZIONALE

ELENCO PRESTAZIONI E RELATIVI IMPORTI AGGIORNATO AL 27.12.2010 RADIOLOGIA TRADIZIONALE 1 ELENCO PRESTAZIONI E RELATIVI IMPORTI AGGIORNATO AL 27.12.2010 RADIOLOGIA TRADIZIONALE Rx OPT 40,00 Rx TELECRANIO L.L. / P.A. / A.P. 40,00 Rx ATM MONOLATERALE 40,00 Rx ATM BILATERALE 50,00 Rx EMIMANDIBOLA

Dettagli

IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE

IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE Dott. E. De Masi Specialista in Chirurgia Generale Specialista in Malattie dell Apparato Digerente Primario Gastroenterologo Ospedale San Carlo IDI

Dettagli

ASLCN1 RILEVAZIONE TEMPI ATTESA RILEVATI A GIORNO INDICE 03/12/2014 PAG.1 DI 6

ASLCN1 RILEVAZIONE TEMPI ATTESA RILEVATI A GIORNO INDICE 03/12/2014 PAG.1 DI 6 Allergologia 30 71 92 70 84 75 70 Cardiologia 30 118 1 188 117 65 97 100 49 90 1 Chirurgia Generale 30 8 1 1 6 8 1 Chirurgia Vascolare 30 76 69 37 64 42 113 37 Endocrinologia 30 69 42 21 37 5 5 Pneumologia

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO:

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: All. B SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: ANAMNESI: TIPO DI INVALIDITA' PERCECENTUALE di INVALIDITA': % INDENNITA' DI

Dettagli

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Cute Fascia superficiale (di Camper) Tessuto sottocutaneo Aponeurosi o fascia dei m. retti Fascia trasversale dell addome Tessuto adiposo preperitoneale Foglietto parietale

Dettagli

CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA

CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA PIACENZA I 17/20 MAGGIO 2014 Auditorium Università Cattolica del Sacro Cuore Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra PRESENTAZIONE DEL CORSO

Dettagli

L aorta è una grossa arteria che origina dal cuore e porta il sangue a tutto il corpo.

L aorta è una grossa arteria che origina dal cuore e porta il sangue a tutto il corpo. Cos è un aneurisma L aorta è una grossa arteria che origina dal cuore e porta il sangue a tutto il corpo. Il tratto di arteria che dal cuore attraversa il torace è chiamata aorta toracica e mentre quella

Dettagli

dichiara che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con soggetti portatori di interessi commerciali in campo sanitario

dichiara che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con soggetti portatori di interessi commerciali in campo sanitario Il sottoscritto Valentina Basile ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre 2009, dichiara che negli ultimi due anni NON ha

Dettagli

Cavità addominale. fegato. stomaco. milza. grande omento. vescica. (Da Barone, modificato)

Cavità addominale. fegato. stomaco. milza. grande omento. vescica. (Da Barone, modificato) Cavità addominale fegato stomaco milza grande omento vescica Cavità addominale forame epiploico piccolo omento foglietto profondo grande omento foglietto superficiale borsa omentale Disposizione del peritoneo

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

PSA Totale-Free...pag 8. Ecografia Internistica...pag 10. Ecocolor Doppler Carotideo...pag 12. Ecocolor Doppler dell Aorta Addominale...

PSA Totale-Free...pag 8. Ecografia Internistica...pag 10. Ecocolor Doppler Carotideo...pag 12. Ecocolor Doppler dell Aorta Addominale... PREVENZIONE UOMO SOMMARIO Prevenzione Uomo...pag 4 Sangue Occulto nelle Feci...pag 6 PSA Totale-Free...pag 8 Ecografia Internistica...pag 10 Ecocolor Doppler Carotideo...pag 12 Ecocolor Doppler dell Aorta

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE CRONICA

INSUFFICIENZA RENALE CRONICA ORGANI INDAGABILI NELL ADDOME DELL ADULTO VESCICA MILZA STOMACO DUDODENO COLON CIECO OCCASIONALMENTE DIGIUNO È l unica indagine strumentale non invasiva eseguibile sull addome del cavallo adulto TECNICA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

LA DIAGNOSI ECOGRAFICA

LA DIAGNOSI ECOGRAFICA LA DIAGNOSI ECOGRAFICA Approccio ecografico al basso apparato urinario Lo studio ecografico del basso tratto dell apparato urinario può essere effettuato per via sovra-pubica trans - rettale trans - perineale

Dettagli

ANCA. Il protocollo prevede la suddivisione dell anca in 4 compartimenti: anteriore, mediale, laterale e posteriore.

ANCA. Il protocollo prevede la suddivisione dell anca in 4 compartimenti: anteriore, mediale, laterale e posteriore. ANCA Il protocollo prevede la suddivisione dell anca in 4 compartimenti: anteriore, mediale, laterale e posteriore. COMPARTIMENTO ANTERIORE Check list: sartorio e tensore della fascia lata retto femorale

Dettagli

CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA. Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna)

CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA. Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna) CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna) Sabato 13 Ottobre I SALA DEL NORD Moderatori: M. Romano (Scuola di Catania), F.M.

Dettagli

ORE) 8,4 31,8 144,1 155,8 ECOGRAFIA DELL' ADDOME INFERIORE (INCLUSO: URETERI, VESCICA E PELVI MASCHILE O FEMMINILE, PROSTATA)

ORE) 8,4 31,8 144,1 155,8 ECOGRAFIA DELL' ADDOME INFERIORE (INCLUSO: URETERI, VESCICA E PELVI MASCHILE O FEMMINILE, PROSTATA) DESCRIZIONE U - NEL PIU' BREVE TEMPO POSSIBILE (ENTRO 72 B - ENTRO 10 D - ENTRO 30 (VISITE), ENTRO 60 GIORNI P - ENTRO 180 GIORNI ORE) GIORNI (ESAMI) COLONSCOPIA - ILEOSCOPIA RETROGRADA 21,5 7,0 COLONSCOPIA

Dettagli

Progetto alternanza scuola-lavoro

Progetto alternanza scuola-lavoro Progetto alternanza scuola-lavoro OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO Gastroenterologia Abbiamo visto il reparto di gastroenterologia in due aspetti: L ambulatorio dove si effettuano tutti giorni visite ed esami

Dettagli

A CUI SI INTENDE PARTECIPARE INFORMAZONI UTILI:

A CUI SI INTENDE PARTECIPARE INFORMAZONI UTILI: Congresso S.I.E.M.G. + Congresso FIMMG: La quota di iscrizione è di 500,00 Il pagamento potrà essere effettuato unicamente mediante bonifico bancario intestato a: Metis srl Credito Bergamasco S.p.A. -

Dettagli

Tempi di attesa delle prestazioni specialistiche

Tempi di attesa delle prestazioni specialistiche 008. Cardiologia 009. Chirurgia generale 014. Chirurgia vascolare 88.72.3 ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA CARDIACA A riposo e dopo prova fisica o farmacologica. Non associabile a 88.72.1; 88.72.2 88.73.5 ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA

Dettagli

I.R.C.C.S. "BURLO GAROFOLO" Elenco Prestazioni RADIOLOGIA

I.R.C.C.S. BURLO GAROFOLO Elenco Prestazioni RADIOLOGIA 40.19.1 Agobiopsia agoaspirato ecoguidata linfonodi - 40.19.1 75,7 40.19.2 Agobiopsia agoaspirato TC guidata linfonodi - 40.19.2 133,4 06.01 Alcolizzazione noduli tiroidei e/o regione del collo eco-guidata-

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

L'addome craniale La chirurgia nella clinica dei piccoli animali

L'addome craniale La chirurgia nella clinica dei piccoli animali L'addome craniale La chirurgia nella clinica dei piccoli animali A chi si rivolge: medici veterinari, docenti e studenti. CARATTERISTICHE TECNICHE Autori: José Rodríguez Gómez, María José Martínez Sañudo

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 863 del 21 giugno 2011 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 863 del 21 giugno 2011 pag. 1/5 ALLEGATOA alla Dgr n. 863 del 21 giugno 2011 pag. 1/5 45.13 45.13 45.16 45.16 45.23 45.24 45.24 45.25 ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA [EGD]. Endoscopia dell' intestino tenue Escluso: Endoscopia con biopsia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TC RACHIDE INTRODUZIONE TC La TC è una metodica radiologica che sfruttando la rotazione del tubo radiogeno intorno ad un oggetto fornisce immagini tomografiche pressochè

Dettagli

TEMPI D'ATTESA DELLE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE AMBULATORIALI

TEMPI D'ATTESA DELLE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE AMBULATORIALI Chirurgia A 10 6,3 7,5 5,0 COLONSCOPIA CON ENDOSCOPIO FLESSIBILE. Escluso: Colonscopia transaddominale o attraverso stoma artificiale, Sigmoidoscopia con endoscopio flessibile (45.24), Proctosigmoidoscopia

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

LIQUIDO LIBERO INTRA-ADDOMINALE

LIQUIDO LIBERO INTRA-ADDOMINALE LIQUIDO LIBERO INTRA-ADDOMINALE Materiale e-learning per la preparazione al corso di ecografia d urgenza 2014 Manuel Weibel FMH medicina interna Medico d urgenza SGNOR/SSMUS Certificato di ecografia addominale

Dettagli

RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE. Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini

RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE. Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini ESAME RADIOGRAFICO TRADIZIONALE DEL TORACE Posizione eretta Apnea inspiratoria

Dettagli

Requisiti minimi Aprile 2013. Linee guida SIUMB per l effettuazione dell ecografia del Torace

Requisiti minimi Aprile 2013. Linee guida SIUMB per l effettuazione dell ecografia del Torace Requisiti minimi Aprile 2013 Linee guida SIUMB per l effettuazione dell ecografia del Torace A cura della Commissione Metodologie e Linee Guida C. Schiavone, M. Sperandeo 1 P a g i n a Refertazione Referto

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Retraining 2009 Il Trattamento Primario Protocollo locale A.A.T. Brescia Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione

Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione Queste diapositive fanno parte di un corso completo e sono a cura dello staff di rm-online.it E vietata la riproduzione anche parziale Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione Centratura

Dettagli

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Interventistica Radiologica

Interventistica Radiologica IMAGING DEL FEGATO LA PATOLOGIA DI CONFINE BENIGNO-MALIGNO LA DIAGNOSTICA PRE E POST- INTERVENTIVA Venerdì 11 OTTOBRE 2013 AUDITORIUM A.FERRARI, Via Palladio 1 Camposampiero Padova Interventistica Radiologica

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

IV CONGRESSO NAZIONALE SIEMG

IV CONGRESSO NAZIONALE SIEMG IV CONGRESSO NAZIONALE SIEMG 6 ottobre2014 Programma del Corso Teorico ECM 247-106325 CREDITI ASSEGNATI 15 Ore 14.00-14.30: Accoglienza ed accreditamento iscritti Ore 14.30 15.00: Ruolo dell'ecografia

Dettagli

PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S.

PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S. Protocollo Autoptico ALLEGATO 7 PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S. AUTOPSIA n data ora SETTORE DR.... DEL SERVIZIO... ASL ANAGRAFICA PAZIENTE: Cognome... Nome... Età ( in

Dettagli

TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO

TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO IL TRAUMA TORACICO Il 25% dei decessi successivi a trauma derivano da un trauma toracico. Questo, infatti, interessando la parete toracica, può coinvolgere tutti

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DEL CANE E DEL GATTO (DICG) - CALENDARIO GIORNALIERO DELLE ATTIVITA' -

MASTER DI II LIVELLO IN DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DEL CANE E DEL GATTO (DICG) - CALENDARIO GIORNALIERO DELLE ATTIVITA' - Inaugurazione mer 23 1 09:00 10:00 1 PROPEDEUTICA - Principi Fisici GENNAIO PROPEDEUTICA - Biologia, Protezionistica e Medicina legale (radiobiologia ed effetti biologici delle radiazioni ionizzanti; protezionistica)

Dettagli

Il ruolo della Diagnostica per Immagini

Il ruolo della Diagnostica per Immagini Il ruolo della Diagnostica per Immagini Vittorio Miele AO S. Camillo-Forlanini Roma UOC Diagnostica per Immagini Cardiovascolare e d Urgenza Trauma in età pediatrica Causa più frequente di morte ed invalidità

Dettagli

Corso Teorico di Formazione in Ultrasonologia Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna)

Corso Teorico di Formazione in Ultrasonologia Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna) Corso Teorico di Formazione in Ultrasonologia Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna) ERGIFE PALACE HOTEL 14 17 novembre 2015 PRESENTAZIONE DEL CORSO Il Corso - a numero

Dettagli

Corso Teorico di Formazione in Ultrasonologia Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna)

Corso Teorico di Formazione in Ultrasonologia Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna) Corso Teorico di Formazione in Ultrasonologia Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra (Scuola di Bologna) Sabato 14 novembre - Sala Leptis Magna I Moderatori: G. Di Candio (Pisa) - M. Romano

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

Tariffa Campania Lire. Pagina 1 di 7

Tariffa Campania Lire. Pagina 1 di 7 06.01 ASPIRAZIONE NELLA REGIONE TIROIDEA L. 95.200 49,17 70,00 40.19.1 AGOBIOPSIA LINFONODALE ECO-GUIDATA L. 91.840 47,43 70,00 40.19.2 AGOBIOPSIA LINFONODALE TC-GUIDATA L. 162.000 83,67 90,00 BIOPSIA

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DEL CANE E DEL GATTO (DICG) - CALENDARIO GIORNALIERO DELLE ATTIVITA' - GENNAIO

MASTER DI II LIVELLO IN DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DEL CANE E DEL GATTO (DICG) - CALENDARIO GIORNALIERO DELLE ATTIVITA' - GENNAIO GENNAIO Inaugurazione mer 20 1 09:00 10:00 1 PROPEDEUTICA - Biologia, Protezionistica e Medicina legale (- radiobiologia ed effetti biologici delle radiazioni ionizzanti; - protezionistica) Mastino Calori

Dettagli

Piani anatomici Tra i piani sagittali, il piano sagittale mediano rappresenta il piano di simmetria bilaterale Questo permette di individuare nel corpo umano due antimeri (emisoma destro e emisoma sinistro).

Dettagli

Introduzione. ecografico viene considerato elettivo solo per lo studio del cuore, per il quale è oramai considerato il gold

Introduzione. ecografico viene considerato elettivo solo per lo studio del cuore, per il quale è oramai considerato il gold Il Torace Standard Introduzione Il torace contiene i polmoni e le vie aeree caudali. Quindi, aria che fornisce un elevato contrasto sia con i tessuti molli sia con quelli duri di questo distretto anatomico.

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA ESAMI DI PER IMMAGINI PER IMMAGINI REVISIONE 2 RADIOLOGIA CONVENZIONALE ADDOME DIRETTO 1 e 2 20 digiuno da 5 ore 0 ANCA DX 1 e 2 10 nessuna 0 ANCA SX 1 e 2 10 nessuna 0 APPARATO URINARIO 1 e 2 20 digiuno

Dettagli

Ecografia Ginecologica 30 giugno 2007 Ordine dei Medici della Provincia di Bari dott. Luigi Scaringello

Ecografia Ginecologica 30 giugno 2007 Ordine dei Medici della Provincia di Bari dott. Luigi Scaringello Ecografia Ginecologica 30 giugno 2007 Ordine dei Medici della Provincia di Bari dott. Luigi Scaringello spec.ostetrico-ginecologo luigi.scaringello@virgilio.it www.sessuologiaonline.com Clinica LA MADONNINA

Dettagli

prestazioni erogate Rad III.xls

prestazioni erogate Rad III.xls prestazioni erogate Rad III.ls il CUP da RADIOLOGIA CONVENZIONALE ( RX ) RADIOGRAFIA DEL CRANIO E DEI SENI PARANASALI RADIOGRAFIA DELLA COLONNA CERVICALE RADIOGRAFIA DELLA COLONNA TORACICA (DORSALE) RADIOGRAFIA

Dettagli

PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare

PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare A.A. 2014 2015

Dettagli

TARIFFARIO PRIVATO VILLA SANTA TERESA - U.O. DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Convenzione SANIT CARD CONVENZIONE SANIT CARD

TARIFFARIO PRIVATO VILLA SANTA TERESA - U.O. DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Convenzione SANIT CARD CONVENZIONE SANIT CARD CONVENZIONE SANIT CARD 87.37.01 MAMMOGRAFIA BILATERALE 30,00 88.71.41 Ecografia di: ghiandole salivari 35,00 88.71.42 Ecografia di: collo per linfonodi 35,00 88.71.43 Ecografia di: tiroide paratiroidi

Dettagli

AREA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

AREA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI AREA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI N. prestaz ANGIO-RMN DEL DISTRETTO VASCOLARE INTRACRANICO 15 6,6% 28 12 16,6% 75 23 100,0% 69 ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO 62 82,2% 2 284 20,0% 51 196 13,7% 142 183 99,4% 109

Dettagli

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG)

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Applicazioni della Risonanza Magnetica dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Neurologia La risonanza magnetica (RM) è oggi l'esame d elezione per l imaging del sistema nervoso centrale e periferico. L alta

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA MEDICI DI FAMIGLIA AIMEF L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE L ECOGRAFIA IN MEDICINA GENERALE

L ASSOCIAZIONE ITALIANA MEDICI DI FAMIGLIA AIMEF L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE L ECOGRAFIA IN MEDICINA GENERALE L ASSOCIAZIONE ITALIANA MEDICI DI FAMIGLIA AIMEF e L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE organizzano un CORSO DI FORMAZIONE IN ECOGRAFIA PER I MEDICI DI FAMIGLIA dal titolo L ECOGRAFIA IN MEDICINA GENERALE

Dettagli

Report Analitico "RICAVI" per Prestazioni Intermedie 2013

Report Analitico RICAVI per Prestazioni Intermedie 2013 RADIOLOGIA MONTEFIASCONE AREA DELLA RIABILITAZIONE 88.77.2 ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA DEGLI ARTI SUPERIORI O INFERIORI O DIST 4,0 43,90 175,60 88.76.1 ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO GASTROENTEROLOGIA - CHIRURGIA

Dettagli

STOMACO è una sacca che connette esofago e intestino e ha azione di accumulare il cibo e digerirlo DIMENSIONI: Capacità media 1200 ml (variabile) Lunghezza 29-30 cm Diametro trasverso 5-10 cm FORMA: (SEGUE

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli