Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0)"

Transcript

1 Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Approvato dal comitato del Dipartimento di Interesse Regionale del Servizio di Emergenza Territoriale 118 e dai rappresentanti regionali di ANPAS-CRI-CIPAS nella seduta del 16 febbraio 2011 DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 1

2 PROTOCOLLO DI INTESA TRA SERVIZIO 118 E LE ASSOCIAZIONI CONVENZIONATE PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI DI EMERGENZA In ottemperanza a quanto previsto dal DGR n 283/20 10 Nuova convenzione per la regolamentazione dei tra le Aziende Sanitarie Locali e ospedaliere e ANPAS, CIPAS e CRI: linee guida organizzative e modalità operative ( art 17 comma 2) criteri oggettivi per l assegnazione dei servizi (art 9 comma 3) PREMESSA Questo documento, sottoscritto tra il Servizio 118 ed i firmatari dell accordo di cui alla DGR 283/2010, definisce le modalità generali organizzative e operative per l effettuazione degli interventi di emergenza/urgenza tra il Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate - AC. Per la stesura del presente documento si è fatto riferimento alla seguente normativa: 1. Decreto del Presidente della Repubblica 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria in emergenza ; 2. PCM 30 maggio 1992 Comunicato relativo al DPR 27/3/1992, recante atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria in emergenza ; 3. Regione Liguria legge regionale n. 24/1994 Sistema di emergenza sanitaria ; 4. Decreto della Giunta Regionale -DGR- 229/1995 Direttiva vincolante per l organizzazione dei sistemi di emergenza sanitaria ; 5. Ministero della Sanità 17 maggio 1996 Atto di intesa tra stato e regioni di approvazione delle linee guida sul sistema di emergenza sanitaria in applicazione del DPR 27/3/1992 ; 6. Regione Liguria legge regionale n. 24/1996 Disciplina delle autorizzazioni e della vigilanza sull esercizio del trasporto sanitario di infermi ed infortunati ; 7. Decreto Ministro della Sanità e delle Comunicazioni 6/10/1998 Assegnazione coppie di frequenze per le esigenze del sistema di emergenza sanitaria ; 8. Decreto Dirigenziale 1415/1999 Centrali operative 118. Formazione del personale volontario delle associazioni convenzionate per i servizi di emergenza ; 9. Presidenza del Consiglio dei Ministri decreto 13 febbraio 2001 pubblicato sulla G.U. n. 109 del 12 maggio 2001 Adozione dei criteri di massima per l organizzazione dei soccorsi sanitari nelle catastrofi ; 10. DGR 1360/2001 Direttiva in materia di emergenza/urgenza sanitaria ; 11. DGR 251/2002 Disciplina per l uso del defibrillatore semiautomatico ; DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 2

3 12. Linee guida su formazione, aggiornamento e addestramento permanente del personale operante nel sistema di emergenza-urgenza, Conferenza Stato-Regioni del 22 maggio 2003; 13. Regione Liguria, Decreto Dirigente n del 07/10/2004 Servizio 118: rinnovo autorizzazione all utilizzo extraospedaliero dei defibrillatori semiautomatici ; 14. DGR n 1446 del Nuova convenzione per la regolamentazione dei tra le Aziende Sanitarie Locali e ospedaliere e le Associazioni di Volontariato ; 15. Legge regionale 41/2006 Riordino del Servizio Sanitario Regionale e sue successive modifiche con legge regionale 57/2009; 16. DGR n 441 del 26/04/2007 Modalità di erogazione dei servizi di trasporto sanitario a carico del Servizio Sanitario Regionale ; 17. DGR N 440 del 26/04/2007 Recepimento integrazione all accordo quadro regionale per la regolamentazione dei rapporti tra le Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere e le Associazioni di Volontariato (ANPAS- CIPAS e la CRI) in materia di trasporti sanitari, 18. Coordinamento Responsabili dei Servizi 118 liguri Guida pratica per Soccorritori ottobre 2007 e successive modifiche; 19. DM 17/12/2008 pubblicato sulla G.U. n. 9 del 13 gennaio 2009 Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio delle prestazioni erogate nell ambito della assistenza sanitaria in emergenza urgenza ; 20. DGR n 798 del 16/06/2009 Istituzione del Dipartimento di interesse regionale del Servizio di Emergenza Territoriale 118 ; 21. DGR n 283/2010 Nuova convenzione per la regolamentazione dei tra le Aziende Sanitarie Locali e ospedaliere e ANPAS, CIPAS e CRI ; 22. Decreto legislativo numero 81 del 9 aprile 2008 il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro 23. legge 11/08/1991 n 266 legge quadro sul volontariato 24. legge regionale n. 15/ DPCM 06/05/2005 n. 97 Approvazione nuovo statuto della Associazione Italiana della Croce Rossa AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO 1. Soccorso sanitario con ambulanze (soccorso primario) 2. Soccorso sanitario con automediche 3. Trasferimento assistito urgente 4. Trasporto sanitario in emergenza DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 3

4 SOCCORSO SANITARIO CON AMBULANZE (soccorso primario) Per attività di soccorso sanitario si intendono gli interventi gestiti dalla Centrale Operativa-CO del Servizio 118 espletati esclusivamente con ambulanze appartenenti alle Associazioni Convenzionate-AC, alle Aziende Sanitarie Locali o Ospedaliere, nei confronti di malati o infortunati. Competenze territoriali Le competenze territoriali delle A.C. sono state determinate da tempo e, salvo contenziosi, vengono confermate. In caso di esigenza di modifiche dovute a variazioni della viabilità, nascita o chiusura di AC le nuove competenze vengono attribuite con i seguenti criteri: 1. il Servizio 118 attribuisce le competenze territoriali alle singole Associazioni basandosi sul calcolo dell itinerario più breve dalla sede al toponimo considerato approssimato al chilometro. A parità di distanza si considera: 1. disponibilità della postazione sulla base della analisi postazioni non disponibili dell anno precedente, 2. se persiste la parità si valuta la radicazione sul territorio (anni di presenza operativa nella zona). Le Associazioni di nuova istituzione possono essere inserite nel sistema secondo quanto previsto e nei limiti di cui dall art. 2 della DGR 283/2010.In questo caso verrà presentata una proposta di competenze al Servizio 118 sulla base dei criteri sovra esposti, che verranno verificate dal 118 in collaborazione con le Associazioni vicine alla nuova Postazione. Dato atto che, ad oggi, il sistema è consolidato ed efficace, in caso di motivate e documentate occorrenze, le AC possono proporre eventuali modifiche delle priorità di partenza, sulla base degli stessi criteri che verranno esaminati dal Servizio 118, in collaborazione con le Associazioni vicine e discusse al tavolo tecnico locale. Queste regole sono da considerarsi di carattere generale, resta ferma la competenza del Servizio 118 sull individuazione della risorsa migliore da utilizzare nella singola gestione del soccorso come previsto dalla normativa vigente. L istituzione di distaccamenti o colonnine su iniziativa delle singole Associazioni non da diritto a nuove competenze territoriali. Potrà essere valutata tale opportunità su proposta del Servizio 118 al tavolo tecnico locale DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 4

5 Soccorritori L equipaggio dell ambulanza deve essere composto da almeno 2 persone di maggior età in possesso della qualifica di soccorritore. E opportuno che tutto il personale delle AC che presta servizio di emergenza abbia frequentato il corso del Servizio 118 previsto dal Decreto Dirigenziale 1415/1999, e abbia almeno seguito adeguati percorsi formativi all interno della propria organizzazione. I soccorritori devono indossare le divise proprie della Associazione, mettere in vista l apposito cartellino di riconoscimento rilasciato dalla AC ed indossare i dispositivi di protezione individuale quando previsti. E in corso un progetto per la realizzazione di una divisa unica regionale per il personale sanitario del 118, di colore giallo-grigio, diversa da quella delle AC. Per il futuro Le AC si impegnano a non adottare divise uguali a queste del personale sanitario. L AC deve vigilare in merito al non utilizzo di bevande alcoliche, o altre sostanze psicotrope e stupefacenti, durante le attività di servizio da parte del personale. Eventuali problematiche relative al servizio prestato dai soccorritori saranno verificate da un apposita commissione costituita, di norma, dal Direttore del Servizio 118, o suo delegato, e dalla dirigenza della AC di appartenenza. Autista-soccorritore Per gli autisti si individua un limite di età non inferiore ai 21 anni, o almeno 2 anni dal conseguimento della patente di guida, e non superiore ai 70 anni. Per gli autisti delle ambulanze che abbiano più di 70 anni è prevista una valutazione caso per caso da parte della Direzione del 118 e della AC. Per gli autisti delle automediche che abbiano più di 65 anni di età, è prevista una valutazione caso per caso da parte del Direttore del 118 di concerto con il Responsabile della AC. E auspicabile la partecipazione ad un corso di formazione di guida sicura. Durante l intervento di soccorso l autista, avvalendosi delle comunicazioni fornite dalla CO, delle proprie conoscenze, dell ausilio di eventuali dotazioni tecniche, decide la strada migliore per giungere sul luogo dell evento. In qualsiasi momento è competenza del personale sanitario dell automedica stabilire le modalità di andatura del mezzo, nel rispetto del codice della strada. I turni di servizio debbono di norma uniformarsi a quelli del personale sanitario e comunque mai superare di norma le 8 ore giornaliere. Eventuali problematiche relative al servizio prestato dell autistasoccorritore saranno verificate da un apposita commissione costituita, di DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 5

6 norma, dal Direttore del Servizio 118, o suo delegato, e dalla dirigenza della AC di appartenenza. Automezzi Le AC mettono a disposizione del Servizio 118 ambulanze di soccorso tipo A, tipo B ex D.M. n. 553/1987, e A1 ex DM del 20/11/97 n 487; l uso di altri mezzi deve essere autorizzato dalla CO. L ambulanza tipo A1 è finalizzata al soccorso in situazioni logistiche particolari, di difficile accesso per i normali mezzi di soccorso: centri storici, vie e vicoli stretti, manifestazioni, strade impervie. Il Servizio 118 deve vigilare sull impiego improprio di tali mezzi. L Associazione deve garantire la cura e l igiene del mezzo e delle attrezzature a bordo della ambulanza. Presso la rispettiva sede deve essere tenuta documentazione dell avvenuta sanificazione. Il logo del Servizio 118 ed il contrassegno della Associazione devono essere ben visibili sul mezzo che svolge interventi di emergenza. Sul veicolo non deve essere riportato alcun altro numero telefonico di emergenza, per non creare confusione nella popolazione. Se un DAE è in possesso della AC deve essere posizionato sull ambulanza di prima partenza. E comunque auspicabile che tutte le ambulanze destinate al soccorso siano dotate di DAE. Guida dell ambulanza e della automedica La guida deve essere sempre prudente e coscienziosa. L autista della ambulanza è prima di tutto un Soccorritore, deve pertanto avere anche una buona conoscenza di tecnica sanitaria oltre ad una sufficiente esperienza nel campo. La guida in emergenza in situazioni potenzialmente pericolose (ad esempio passaggio di incroci con semaforo rosso, attraversamento di incroci con obbligo di STOP o senza diritto di precedenza, ecc.) è raccomandata la riduzione della velocità oltre ad una particolare attenzione da parte degli autisti dei mezzi. I segnalatori luminosi vanno usati simultaneamente agli avvisatori acustici, questi ultimi devono rispondere al DM 17 0ttobre 1980 (G.U. n. 310 del 12/11/1980) e, per la CRI, a quanto stabilito dall Allegato 02 /10 (VEI) al Testo Unico O. C. n. 345/10 del 6 luglio L utilizzo di tali dispositivi è altresì regolato dall art. 177 del Codice della strada. Si concorda che le sirene devono essere bitonali in quanto rendono più facile l individuazione dell ambulanza e creano minor inquinamento acustico DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 6

7 Codici di gravità & utilizzo della sirena e del lampeggiante CODICE PRESUNTO ROSSO/VALUTAZIONE SUL POSTO INDIA 3 - EMERGENZA- E' di norma previsto l'utilizzo dei segnalatori acustico e luminosi in conformità alla vigente normativa. CODICE PRESUNTO GIALLO/ VALUTAZIONE SUL POSTO INDIA 2 - URGENZA- E' di norma previsto l'utilizzo dei segnalatori acustico e luminosi in conformità alla vigente normativa. CODICE PRESUNTO VERDE/ VALUTAZIONE SUL POSTO INDIA 1 - URGENZA MODESTA- Non è di norma previsto l'utilizzo dei segnalatori acustico e luminosi. L'attribuzione di un codice rosso o giallo di norma prevede, ma non obbliga, ad usare i dispositivi supplementari di allarme. L'autista del mezzo deve utilizzare responsabilmente tali presidi in relazione alle necessità del momento. Non è consentito fumare a bordo. Se presente, è il personale sanitario (medico o infermiere) a decidere le modalità di andatura del mezzo in relazione alle condizioni cliniche del paziente e nel rispetto del codice della strada, ferma restando la competenza dell autista di decidere il percorso anche in base alla sua esperienza, alle condizioni della strada, meteorologiche e del mezzo in uso. Le sanzioni per l uso abusivo del lampeggiante e della sirena sono previste dal codice della strada. Comunicazioni con la CO Durante tutto l intervento le comunicazioni avvengono prioritariamente con la radio in dotazione sintonizzata sulle frequenze UHF. Presso ogni Servizio 118 sono disponibili: un canale dedicato alle comunicazioni locali, uno per le comunicazioni regionali ed uno per l isofrequenza. La CO di Genova è in costante ascolto sul canale locale e su quello regionale. Il canale radio va utilizzato solo per comunicazioni relative al servizio, è preferibile utilizzare le selettive per i cambiamenti di stato (partenza, target, inizio trasporto, arrivo in ospedale, partenza dall ospedale, arrivo in sede). Il telefono è di norma utilizzato su richiesta della CO, o per comunicazioni che impegnerebbero troppo il canale radio. Tutte le comunicazioni radio-telefoniche sono registrate. DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 7

8 Allertamento dell Associazione In caso di indisponibilità della sede deve esserne data immediata comunicazione alla CO tramite la selettiva 7 (modalità preferibile) oppure per telefono (seconda opzione). Quando nuovamente disponibile deve esserne data immediata comunicazione alla CO tramite la selettiva 1 (modalità preferibile) oppure per telefono (seconda opzione). La mancata registrazione di disponibilità/indisponibilità in CO potrebbe comportare un ritardo nella attivazione del soccorso. La CO allerta telefonicamente l Associazione disponibile competente per territorio, secondo la precedenza proposta dal sistema informatico (è comunque facoltà della CO di utilizzare, per interventi in codice rosso, anche le ambulanze in rientro dal pronto soccorso). La AC contattata dovrà comunicare senza indugio la sigla dell ambulanza impiegata nell intervento. In caso di mancata disponibilità tra le competenze previste per toponimo, vengono prese in considerazione le competenze per località. In caso di ulteriore carenza l operatore della CO contatterà l Associazione disponibile più vicina, a suo giudizio, al luogo dell evento. In caso di chiamata di soccorso per un evento nel territorio di propria competenza, giunta direttamente alla sede dell associazione, i soccorritori devono richiedere il numero di telefono del chiamante ed il luogo dell intervento e quindi avvisare immediatamente la CO per le disposizioni del caso; per i pazienti in codice rosso l Associazione è autorizzata ad intervenire immediatamente, dandone contestuale comunicazione alla CO, dopo aver ottenuto (quando possibile) il numero di telefono del chiamante. Al momento della allerta della AC la CO comunicherà l indirizzo con eventuali informazioni per raggiungere il target, il codice di criticità presunta, il nominativo del paziente (se noto), la patologia presunta e tutte le ulteriori notizie inerenti l intervento. Partenza e avvicinamento al target La squadra di soccorso deve partire al più presto segnalando tempestivamente con la selettiva 2 la partenza. In caso di ritardo, qualunque ne sia la causa, il personale della AC ne deve dare immediata segnalazione alla CO. Il luogo dell evento va raggiunto utilizzando il percorso più idoneo (la CO può fornire indicazioni sul percorso migliore) guidando con prudenza, rispettando le norme del codice della strada senza mettere in pericolo l incolumità propria ed altrui. DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 8

9 Arrivo dell equipaggio di soccorso sul target e trasporto del paziente all ospedale Appena l ambulanza giunge sul posto deve essere inviata la selettiva 3. La squadra deve avvicinarsi al paziente dopo un attenta valutazione della sicurezza ambientale. Se la scena non è sicura occorre comunicare la notizia alla CO e attendere istruzioni. Se la scena è sicura si procede alla valutazione del paziente. Secondo la griglia di valutazione di cui alla Guida pratica per soccorritori. Comunicare alla CO il ragguaglio della valutazione per l attribuzione del codice di valutazione sanitaria sul posto India- e attendere le indicazioni circa la destinazione del paziente. Provvedere alla eventuale stabilizzazione attenendosi alle direttive proposte nello specifico corso di formazione regionale e descritte nella citata Guida. Iniziare il trasporto del paziente verso l ospedale indicato inviando la selettiva 4. Se durante il trasporto le condizioni del paziente si modificano deve essere informata immediatamente la CO. Appena giunti in ospedale va inviata la selettiva 5 comunicando contestualmente il codice di colore di rilascio. Il paziente va affidato al personale del triage del Pronto Soccorso con quanto di sua proprietà unitamente alla copia del rapportino sanitario. Come previsto dall accordo quadro, art. 18 comma 2, i moduli di viaggio, in quadruplice copia, sono forniti dalla Azienda Sanitaria. Alla partenza dall ospedale per ritornare alla sede occorre inviare la selettiva 6. All arrivo in sede, se operativi, inviare la selettiva 8. SOCCORSO SANITARIO CON AUTOMEDICHE L automedica è un veicolo adibito al trasporto di professionalità (medico e infermiere) e tecnologia (farmaci e attrezzature sanitarie necessarie al supporto vitale) utilizzato per anticipare sul territorio il trattamento di pazienti in condizioni critiche prima e/o durante il trasporto in ospedale. I requisiti di personale, attrezzature e materiali per l automedica sono definiti dalla Legge Regionale-LR n.24 del 5 maggio 1994 (art. 9 lett. D) e dalla LR n del 23 maggio 1997, oltre che dal Decreto Dirigenziale del 5 Novembre 1996 da parte del Dirigente Generale M.C.T.C. (G.U. n.268 del ). I materiali e le attrezzature dell automedica sono messe a disposizione da parte dell azienda di appartenenza del Servizio 118, salvo diversi accordi. DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 9

10 Personale Il personale sanitario dell automedica è composto da un medico ed un infermiere professionale. In alcune realtà anche da un autista-soccorritore e automezzo delle Associazioni Convenzionate. Durante l espletamento degli interventi il personale e tenuto a fare uso delle cinture di sicurezza in dotazione al veicolo. Autista- Considerato il particolare ruolo assunto dagli autisti come componenti dell equipaggio di un mezzo di soccorso avanzato, ad essi deve essere fornita dal Servizio 118 una formazione specifica oltre al corso regionale previsto dal citato Decreto Dirigenziale n I nominativi del personale formato verranno tenuti in un apposito elenco conservato presso il locale Servizio 118. I turni di servizio debbono di norma uniformarsi a quelli del personale sanitario e comunque mai superare di norma le 8 ore giornaliere. Eventuali problematiche relative al servizio prestato dell autistasoccorritore saranno verificate da un apposita commissione costituita, di norma, dal Direttore del Servizio 118, o suo delegato, e dalla dirigenza della AC di appartenenza. TRASFERIMENTO ASSISTITO URGENTE (secondario urgente) Si intende il trasporto in urgenza di un paziente, da un ospedale ad un Pronto soccorso, od unità operativa di area critica, di un altro ospedale. Il trasporto deve essere assistito da personale sanitario della struttura. L ospedale di invio,ai sensi dell art.12 della D.G.R. 283/2010, richiede il servizio alla CO. In questo caso la CO gestisce l intervento utilizzando per la scelta dell ambulanza, di norma, la vicinanza all ospedale di partenza e la copertura del territorio di competenza. L ambulanza messa a disposizione deve essere di tipo A con le dotazioni previste dalla normativa vigente. Eventuali ulteriori richieste vanno concordate con la CO. TRASPORTO SANITARIO IN EMERGENZA Si intende un qualsiasi trasporto in emergenza strettamente connesso a prestazioni sanitarie urgenti in caso di: trapianti di organo, trasporto di sangue ed emoderivati, antidoti, farmaci, materiale sanitario etc. In questo caso la CO gestisce l intervento utilizzando per la scelta del mezzo, di norma, la vicinanza all ospedale di partenza e la copertura del territorio di competenza. DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 10

11 DOCUMENTO AD ESCLUSIVO USO INTERNO DEL SISTEMA 118 LIGURE 11

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato 1 Comporre su qualsiasi telefono il numero 118 La chiamata è gratuita Non occorre gettone o tessera Non è possibile chiamare il 118 da telefoni cellulari privi di scheda, in queste situazioni è possibile

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA Avviso pubblico finalizzato alla stabilizzazione di n. 39 posizioni relative a rapporti a tempo determinato, Area professionale A, posizione economica A2, ( 38 posti per profilo tecnico

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale)

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 71 della l.r. 40/2005 Art. 2 Inserimento del capo II

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COMMISSIONE PROTEZIONE CIVILE SOTTO-COMMISSIONE: CONCORSO DELLE REGIONI ALLE EMERGENZE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Approvato dalla Commissione Interregionale

Dettagli

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria. Dipartimento di Emergenza Levante Direttore: Dott. Paolo Bellotti Direttore: Dott. Salvatore Esposito Savona marzo 2009 Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.it

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE Obiettivi Formativi: 1) Decodificare e formulare

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Accreditamento Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Riferimenti legislativi Regione Emilia-Romagna Delibera Giunta n. 44 del 26.01.2009 Requisiti per l accreditamenti Determinazione

Dettagli

Responsabilità e competenze avanzate dell Infermiere negli interventi di Protezione Civile. Elvira Granata

Responsabilità e competenze avanzate dell Infermiere negli interventi di Protezione Civile. Elvira Granata Responsabilità e competenze avanzate dell Infermiere negli interventi di Protezione Civile Elvira Granata C.Coordinamento Coordinamento I.Infermieri Infermieri V.Volontari Volontari E.Emergenza Emergenza

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6

ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6 Allegato B Procedure per l accreditamento provvisorio e l assegnazione del servizio Sezione B1 Definizione delle

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli

( 1 PARTE ) ! CENTRALINO. Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo.

( 1 PARTE ) ! CENTRALINO. Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo. ! CENTRALINO ( 1 PARTE ) Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo Potenza Teresa CENTRALINO Il Centralino è il Punto di Riferimento per le comunicazioni

Dettagli

Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS.

Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS. Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS. Approvato dal Consiglio Nazionale il 10 settembre 2005 Art.1 - L A.N.P.AS. svolge attività di Protezione Civile direttamente o attraverso i Comitati Regionali

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI DI EMERGENZA

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI DI EMERGENZA P.A. CROCE VERDE LAMPORECCHIO ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI DI EMERGENZA Giovedì 5 Marzo 2009 COSA E IL 118? Il numero UNICO telefonico da fare in caso di un emergenza sanitaria per attivare un mezzo di soccorso;

Dettagli

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE Francesco Piemontese Coordinatore C.O. Teresa Di Bennardo Infermiera C.O. Bernardini Giulio Infermiere C.O. RESPONSABILE Piemontese Francesco

Dettagli

di Agrigento (cod. fisc. 80004020840) e l ing. Salvatore Cocina, nella qualità di Direttore

di Agrigento (cod. fisc. 80004020840) e l ing. Salvatore Cocina, nella qualità di Direttore PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PREFETTURA, UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO, DI AGRIGENTO, ED IL DIPARTIMENTO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE, SERVIZIO REGIONALE PER LA PROVINCIA DI AGRIGENTO, PER L ATTUAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A Articolo 1 - Oggetto del servizio Il presente appalto ha per oggetto l affidamento del

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici

Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici DISEGNO DI LEGGE Art. 1. (Obiettivi e finalità) 1. La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Articolo 1 (Premesse)

TUTTO CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Articolo 1 (Premesse) CONVENZIONE TRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E LA REGIONE PIEMONTE PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO INTERREGIONALE DI COORDINAMENTO PER LE MALATTIE RARE. TRA la Regione Piemonte, codice fiscale 800876770016,

Dettagli

PROPOSTA DI CONVENZIONE PER LE ATTIVITA DI SOCCORSO TERRITORIALE DI BASE 118 CON LA CROCE ROSSA ITALIANA. L anno, addì del mese di in.

PROPOSTA DI CONVENZIONE PER LE ATTIVITA DI SOCCORSO TERRITORIALE DI BASE 118 CON LA CROCE ROSSA ITALIANA. L anno, addì del mese di in. Allegato alla Delib.G.R.n. 30/17 del 11.7.2012 PROPOSTA DI CONVENZIONE PER LE ATTIVITA DI SOCCORSO TERRITORIALE DI BASE 118 CON LA CROCE ROSSA ITALIANA L anno, addì del mese di in Tra l Azienda Sanitaria

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU43 24/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 30 settembre 2013, n. 21-6423 Applicazione D.P.R. 16.4.2013 n. 68 concernente "Regolamento recante modifiche all'art. 330 del D.P.R.

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

IL SERVIZIO DI EMERGENZA 118 NELLA URBINO

IL SERVIZIO DI EMERGENZA 118 NELLA URBINO IL SERVIZIO DI EMERGENZA 118 NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA SISTEMA DI ALLARME SANITARIO CENTRALE OPERATIVA 118 SISTEMA TERRITORIALE DI SOCCORSO POTES (Postazioni di

Dettagli

Organizzazione del 118 Toscana

Organizzazione del 118 Toscana Organizzazione del 118 Toscana Sistema 118 in Toscana Sistema complesso ed integrato d.p.r. 27 marzo 1992 la creazione di un sistema di Emergenza Urgenza Sanitaria strutturato: Fase di Allarme e prima

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE Il Dirigente Responsabile: CHIARUGI CECILIA Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI

CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI MEZZI DELLA CENTRALE OPERATIVA 118 PRESSO IL COMANDO DI FORLI

Dettagli

Regolamento. Personale Infermieristico S. U. E. S. 118

Regolamento. Personale Infermieristico S. U. E. S. 118 Regolamento Personale Infermieristico S. U. E. S. 118 Sommario : 1. Obiettivo AZIENDAOSPEDALIERA RIUNITI PAPARDO PIEMONTE 2. Finalità 3. Criteri di ammissione al servizio 118 4. Elenco Postazioni 118 5.

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Numero telefonico unico di chiamata del Servizio di Continuità Assistenziale 116 117

Numero telefonico unico di chiamata del Servizio di Continuità Assistenziale 116 117 Numero telefonico unico di chiamata del Servizio di Continuità Assistenziale 116 117 Animatore di formazione: dottor Michele Di Paolantonio Docente: dottor Walter Palumbo Il passato prossimo I riferimenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

proposta di legge n. 97

proposta di legge n. 97 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 97 a iniziativa dei Consiglieri Benatti, Mollaroli, Altomeni, Binci presentata in data 24 maggio 2006 GESTIONE DEL TRASPORTO SANITARIO. MODIFICAZIONI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013)

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) Pagina 1 di 6 MISSIONE STRATEGICA Dare risposta alle richieste di soccorso e trasporto infermi dei cittadini, di assistenza sanitaria, alle richieste dei bisognosi,

Dettagli

Legge accesso disabili agli strumenti informatici

Legge accesso disabili agli strumenti informatici Legge accesso disabili agli strumenti informatici da Newsletter Giuridica: Numero 81-26 gennaio 2004 Pubblicata sulla Gazzetta la Legge in materia di accesso dei disabili agli strumenti informatici, approvata

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III CAPITOLATO TECNICO Cottimo fiduciario ai sensi dell art. 125 del Decreto

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali COMITATO MINORI STRANIERI Il Comitato per i minori stranieri, nella seduta del 14 marzo 2005, ha modificato le Disposizioni generali che stabiliscono i criteri

Dettagli

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE gnbvmnbvb ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MMG EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE Art. 1 Compiti professionali Il medico di emergenza sanitaria territoriale, oltre ai compiti

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

L.E.D Lume Emergency Day

L.E.D Lume Emergency Day REGOLAMENTO L.E.D Lume Emergency Day Sabato 4 Luglio 2015 Lumezzane (Bs) Volontari Croce Bianca Lumezzane ONLUS Pagina 1 di 7 SOMMARIO CAP. 1 FINALITA DELLA MANIFESTAZIONE 3 Art. 1.1 Scopo della Manifestazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

TRA. Il Comune di Pomezia, rappresentata dal Sindaco Fabio Fucci o suo delegato nato a il in qualità di

TRA. Il Comune di Pomezia, rappresentata dal Sindaco Fabio Fucci o suo delegato nato a il in qualità di Inserire logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI POMEZIA E LA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI POMEZIA - PER ATTIVITA DI VOLONTARIATO DI SUPPORTO ALL ASSISTENZA SANITARIA DA ATTUARSI

Dettagli

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE.

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Premesso che: - la Legge 24/02/1992, n. 225, istitutiva del servizio nazionale

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 DATORE DI LAVORO (RETTORE) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE S.P.P. MEDICO COMPETENTE M.C. -DIRIGENTI -RESPONSABILI DELL ATTIVITA DIDATTICA E DI RICERCA -PREPOSTI LAVORATORI

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS)

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS) CARTA DEI SERVIZI Erogazione di servizi di soccorso di base all interno del servizio di emergenza territoriale 118 Servizio trasporto ammalati e disabili Assistenza sanitaria durante attività sportive

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

PRO 37 Attività di assistenza sanitaria nell ambito di eventi/manifestazioni programmati/e Rev. 1 del 15/04/2015 Pagina 2 di 7

PRO 37 Attività di assistenza sanitaria nell ambito di eventi/manifestazioni programmati/e Rev. 1 del 15/04/2015 Pagina 2 di 7 Decreto Ministeriale del Ministero dell Interno del 18 marzo 1996 Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio degli impianti sportivi. Atto d intesa Stato Regioni del 11 aprile 1996 Approvazione

Dettagli

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO COMUNE DI MARTELLAGO Provincia Di Venezia SALA OPERATIVA: Deposito Comunale - Via Roma N 79-30030 Martellago (VE) TEL / FAX: 041-5408314 E-MAIL: pc.marte@provincia.venezia.it

Dettagli

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile.

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile. Comune di San Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Sezione viabilità Bozza: Ottobre 2000 1a stesura: Luglio 2001 Verifica: Ottobre 2001 PROCEDURA Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde

Dettagli

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia Consiglio Regionale della Puglia VIII Legislatura PROPOSTE E DISEGNI DI LEGGE Atto Consiglio N 243 Data di Arrivo 08/02/2008 N. Prot. Gen 1160 Iniziativa Legislativa Proposta di legge Presentatori Zullo;

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO per la costituzione e il funzionamento del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Premariacco

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI COS È LA CARTA DEI SERVIZI? CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento che la legge italiana, precisamente la Legge n. 328/2000, ha voluto si realizzasse nel processo di innovazione fra istituzioni

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

CONSIDERATO che il richiamato Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 regola ie attività formative realizzate all estero e quelle transfrontaliere;

CONSIDERATO che il richiamato Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 regola ie attività formative realizzate all estero e quelle transfrontaliere; LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione nazionale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 311 del 25 settembre

Dettagli

UFFICIO X. Art. 1 Oggetto

UFFICIO X. Art. 1 Oggetto DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI, DEGLI ACQUISTI, DELLA LOGISTICA E GLI AFFARI GENERALI UFFICIO X CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI N. 535 IN 27/03/2015 RICHIAMATI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA -

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE SETTORE PROGRAMMAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLE CURE Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità.

Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità. Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità. 1. La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali DIREZIONE GENERALE DELLE RISORSE FORESTALI, MONTANE E IDRICHE

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali DIREZIONE GENERALE DELLE RISORSE FORESTALI, MONTANE E IDRICHE Roma, 27 GEN. 2003 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali DIREZIONE GENERALE DELLE RISORSE FORESTALI, MONTANE E IDRICHE Prot. n 2740 DIVISIONE I Al Dirigente Superiore Direttore della Scuola del

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO. Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO. Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario Requisiti del personale Le figure del soccorso sanitario: Autista ambulanza Soccorritore di livello base Soccorritore

Dettagli

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12.

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12. FINANZIARIA 2002 (L.448 DEL 28.12.2001): IMPORTANTI NOVITA' PER I MEDICI, IN VIGORE DALL' 1.1.2002 Art. 19 (...) 10. I medici di base iscritti negli elenchi di medicina generale del Servizio sanitario

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI 118 NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE D.P.R. 27 MARZO 1992 ISTITUISCE LE CENTRALI OPERATIVE 118 UNICHE PER L ALLARME SANITARIO Il sistema di allarme sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

A relazione dell'assessore Pentenero:

A relazione dell'assessore Pentenero: REGIONE PIEMONTE BU12S1 26/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 marzo 2015, n. 19-1217 DPR 20 marzo 2009, n. 81, DPR 20 marzo 2009, n. 89, DCR n. 10-35899 del 4 novembre 2014. Programmazione

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso

COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Prot. ---------------------------------------------------------------- CONVENZIONE PER LA PROMOZIONE E L ATTUAZIONE DI ATTIVITÀ DI PROTEZIONE CIVILE------------------------------------------

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.16 in data 25/3/2002

Dettagli

L. 9 gennaio 2004, n. 4 (1).

L. 9 gennaio 2004, n. 4 (1). L. 9 gennaio 2004, n. 4 (1). Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 gennaio 2004, n. 13. (2) Per il regolamento di

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli