Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di. Sistemi Distribuiti. Prof. Stefano Russo. Sistemi distribuiti peer-to-peer

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di. Sistemi Distribuiti. Prof. Stefano Russo. Sistemi distribuiti peer-to-peer"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer Ing. Marcello Cinque

2 Sommario Introduzione e classificazione Evoluzione dei sistemi P2P Esempi: o Napster, BitTorrent, o Gnutella, Freenet, o Chord, Pastry. Riferimenti: G. Coulouris et al.: Distributed Systems: Concepts and Design (Cap. X, da 10.1 a ), IV ed., 2005; E.K. Lua et al. A Survey and Comparison of Peer-to-Peer Overlay Network Schemes, IEEE Communications Surveys and Tutorial, Vol. 7, No. 2, Second Quarter 2005; I. Stoica, R. Morris, D. Liben-Nowell, D. R. Karger, M. F. Kaashoek, F. Dabek, H. Balakrishnan, Chord: A Scalable Peer-to-peer Lookup Protocol for Internet Applications. In IEEE/ACM Trans. on Networking, Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 2

3 Sistemi distribuiti peer-to-peer (P2P) Un sistema peer-to-peer (P2P) è un sistema distribuito nel quale ogni nodo ha identiche capacità e responsabilità e tutte le comunicazioni sono potenzialmente simmetriche; Obiettivi: condividere risorse e servizi (dove per risorse e servizi intendiamo: scambio di informazioni, cicli di CPU, spazio sul disco ); I sistemi P2P sono caratterizzati da: controllo decentralizzato; adattabilità; si organizzano e si gestiscono da soli; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 3

4 Peer-to-Peer vs Client-Server Architettura Client-Server Approccio centralizzato Risorse poste nei server Localizzazione e gestione semplificate Limiti di scalabilità e affidabilità Architettura Peer-to-Peer Approccio distribuito Risorse condivise dai peer Consente scalabilità e affidabilità Richiede algoritmi per la localizzazione e gestione delle risorse Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 4

5 P2P: Applicazioni e Requisiti Applicazioni File sharing system; File storage system; Distributed file system; Redundant storage; Chat service; Distributed computation; Requisiti non funzionali Availability; Reliability; Performance; Scalability; Anonymity; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 5

6 Operazioni sottese ad applicazioni peer-to-peer Il ciclo di vita di applicazioni peer-to-peer è scandito da tre fasi distinte: Boot: un applicazione appena avviata intende far parte del sistema ottenendo informazioni per connettersi agli altri membri del sistema P2P; Lookup: un applicazione intende acquisire una risorsa (ad esempio un file), pertanto ricerca chi dei peer del sistema detiene la risorsa di interesse; Resource Sharing: un applicazione contatta un peer identificato nella fase di lookup per acquisire una risorsa e effettua lo scambio dati. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 6

7 Soluzioni architetturali per boot e lookup Le fasi di boot e di lookup possono essere realizzate secondo tre pattern architetturali: Centralizzato: esiste un server centrale a cui ogni peer richiede informazioni di boot e lookup; Federato: esiste un server per ogni gruppo di peer, e i server sono interconnessi per garantire consistenza dei dati gestiti; Distribuito: non esiste un server dedicato, ma i dati sono distribuiti tra i peer e sono ottenuti applicando appositi algoritmi decentralizzati. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 7

8 P2P: Classificazione Parleremo di: P2P puro se: le fasi di boot, lookup e sharing sono P2P; P2P se: le fasi di lookup e sharing sono P2P; la fase di boot utilizza dei SERVER (centralizzati o federati); P2P Ibride se: la fase di sharing è P2P; la fase di boot utilizza dei SERVER (centralizzati o federati); nella fase di lookup vengono usati Peer particolari (server federati): Hub (Direct Connect) Supernodo (KaZaA) MainPeer (EDonkey) SuperPeer, Ultra Peer(Gnutella2) NodoRandezVous (JXTA) Server (WinMX) Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 8

9 Peer-to-peer overlay - 1/3 I nodi di un sistema peer-to-peer sono interconnessi per mezzo di una overlay network costruita al di sopra del protocollo IP: I nodi rappresentano applicazioni interconnesse per mezzo di link virtuali o logici, ognuno dei quali corrisponde a uno o più link fisici nella rete sottostante; I nodi di una overlay network realizzano operazioni di store&forward per consegnare un messaggio a destinazione. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 9

10 Peer-to-peer overlay - 2/3 Scala Load Balancing Dinamiche di rete Fault Tolerance Identificazione destinazione Sicurezza e anonimità IP routing Gli indirizzi IP sono in numero limitato [IPv4: 2 32 ma IPv ] Il carico dei router dipende dalla topologia ed il relativo traffico Tabelle di routing aggiornate asincronamente ad ogni ora Ridondanza realizzata dagli ISP ed amministratori di rete Ogni indirizzo IP identifica un singolo nodo Sicurezza ottenuta solo se tutti i nodi sono affidabili, non è garantita l anonimità Overlay routing Il peer-to-peer consente di indirizzare più oggetti [>2 128 ] Oggetti disposti a caso, scollegando il carico dalla topologia Tabelle di routing aggiornate in frazioni di secondi in maniera sincrona e/o asincrona Percorsi ed oggetti replicati all occorrenza Messaggi indirizzati verso la replica più vicina di un oggetto Sicurezza ottenubile anche su reti non pienamente affidabili. Una limitata anonimità è ottenibile Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 10

11 Peer-to-peer overlay - 3/3 I sistemi peer-to-peer sono comunemente classificati in base all organizzazione imposta all overlay network: P2P Strutturati: la topologia dell overlay network è lascamente controllata e le risorse non sono collocate a caso, ma in precise posizioni in modo da rendere la loro ricerca più efficiente; P2P Non Strutturati: i peer non sono interconnessi secondo una precisa struttura, ma adottando grafi casuali. Overlay network strutturate: maggiore efficienza di ricerca, ma vulnerabilità ai fallimenti di nodo; richiedono la gestione di uno stato complesso. Overlay network non strutturate: più affidabili, ma meno efficienti per quanto riguarda i tempi di lookup. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 11

12 Evoluzione sistemi P2P Peer-to-Peer strutturati Peer-to-Peer non strutturati Second Generation Third Generation First Generation Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 12

13 P2P di I generazione Peer-to-Peer strutturati Peer-to-Peer non strutturati Second Generation Third Generation First Generation Sistemi con fase di boot e lookup centralizzati (o federati), mentre lo sharing è realizzato in modalità peer-to-peer. Esempio: BitTorrent, Napster Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 13

14 Esempio P2P di I generazione: Napster Sistema per lo sharing di file musicali Nel 2000, 50 milioni di utenti hanno scaricato il client di Napster; Napster ha avuto un picco di traffico di circa 7 TB in un giorno; Soluzione con lookup centralizzata Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 14

15 Esempio P2P di I generazione: BitTorrent - 1/3 BitTorrent è una soluzione P2P di prima generazione per file sharing: Un server mantiene.torrent files che Tracker c o n t e n g o n o m e t a - informazioni sui file da scaricare; Un Tracker tiene traccia di tutti i peer che detengono un dato file. Un downloader contatta periodicamente il tracker per aggiornare le sue informazioni e ricevere la lista di peer che posseggono il file in download, così da contattarli..torrent File.torrent Server Riferimento: Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 15

16 Esempio P2P di I generazione: BitTorrent - 2/3 Il tracker tiene traccia di tutti i membri dello swarm, e i frammenti di file in loro possesso. Il downloader riceve e diffonde più frammenti del file allo stesso tempo da/verso molteplici peers. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 16

17 Esempio P2P di I generazione: BitTorrent - 3/3 Quale frammento del file viene richiesto dal downloader? Inizialmente un peer richiede frammenti scelti a caso (Random First Policy), quando ne sono stati scaricati almeno 4, si passa ad eseguire il Rarest First Algorithm: Ogni peer mantiene una peer list col numero di peer aventi ogni frammento (RepID). Gli identificativi dei frammenti con il minore RepID sono memorizzati nella rarest piece list, da cui a caso viene scelto il frammento da scaricare. Quando un blocco di un frammento è stato scaricato, anche gli altri saranno richiesti con altissima priorità (Strict Priority Policy). Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 17

18 P2P di II generazione: Peer-to-Peer strutturati Peer-to-Peer non strutturati Second Generation Third Generation First Generation Sistemi con fase di boot centralizzata (o federata), e lookup e sharing distribuite; l overlay non presenta organizzazione. Esempio: Gnutella, Freenet Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 18

19 Esempio P2P di II generazione: Gnutella Raccoglie l eredità di Napster; Nel 2000 la dimensione della rete cresce in 7 mesi da 2K a 48K nodi; Applicazioni più conosciute basate su Gnutella: BearShare; LimeWire (anche client BitTorrent); Fase di boot centralizzata: un Server (gnutellahost.com) viene usato dai nodi per il boot. Fase di lookup distribuita: le richieste di Ricerca vengono propagate con tecniche di flooding. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 19

20 Flooding 1/2 I sistemi di seconda generazione sono interconnessi secondo un grafo casuale, dove ogni nodo mantiene una lista degli identificativi dei vicini, che riceve a conclusione la fase di boot. Come realizzare il lookup senza un server centralizzato o federato? Il nodo invia una richiesta di query a tutti i vicini, i quali inoltrano la richiesta ai propri vicini se non dispongono dell informazione cercata. Il messaggio di query si propaga all interno del sistema fino a raggiungere un nodo che detiene l informazione (flooding), che viene inoltrato al richiedente. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 20

21 Flooding 2/2 Il flooding presenta l inconveniente che i messaggi possono circolare nel sistema indefinitamente, ripassando per nodi già visitati precedentemente. Soluzioni: Ogni nodo mantiene la lista di query già valutate, qualora una query passata è nuovamente ricevuta, viene scartata; Ogni query ha associato un TTL, che viene decrementato ad ogni ricezione, cosicché quando il suo valore è nullo la query viene scartata. Siccome diverse repliche della stessa query sono disseminate nel sistema, sussiste l inconveniente che il sender della query riceva l informazione più di una volta se nel sistema più di un nodo la detiene. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 21

22 Esempio P2P di II generazione: Freenet - 1/2 Freenet migliora le prestazioni del flooding strutturando scarsamente l overlay network: Ogni dato è identificato da una chiave. Dati con chiavi simili tendono a raggrupparsi su un simile insieme di peer, così da ridurre i peer da visitare per il lookup. Ogni nodo presenta due liste di chiavi: Quella dei propri dati; Quella delle locazioni dei dati noti. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 22

23 Esempio P2P di II generazione: Freenet - 2/2 C 2 1 A Richiedente Il peer A avvia il flooding di richieste per un dato detenuto da D. 3 D Peer con dato richiesto B E Richiesta Oggetto 2 3 F Definizione scorciatoia Quando D riceve la richiesta, non contatta direttamente A, ma ripercorre al contrario il percorso di lookup. O g n i n o d o c o n t a t t a t o memorizza nella seconda lista la chiave e il next_hop così da definire una scorciatoia ( routing s h o r t - cut) p e r successive query dello stesso dato. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 23

24 Scalabilità I protocolli di I e II generazione non sono scalabili, in quanto le prestazioni (es. tempo di ricerca di un file) peggiorano linearmente all aumentare del numero dei nodi. In altri termini, la quantità di lavoro richiesta a un determinato nodo deve crescere linearmente in funzione del numero di nodi nel sistema; La scalabilità è direttamente legata all efficienza dell algoritmo usato per il lookup; Per questo motivo, diviene necessario: Minimizzare il numero di messaggi necessari per fare lookup; Minimizzare, per ogni nodo, le informazioni relative agli altri nodi; Per migliorare la scalabilità sono nati i cosiddetti protocolli P2P di terza generazione che supportano DHT (Distributed Hash Table); Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 24

25 P2P di III generazione: Peer-to-Peer strutturati Peer-to-Peer non strutturati Second Generation Third Generation First Generation Sistemi con tutte le fasi completamente distribuite, con la overlay strutturata secondo il paradigma DHT. Esempi: Chord, CAN e Pastry Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 25

26 Distributed Hash Table (DHT) Nei sistemi di I e II generazione le informazioni sono organizzate senza alcuno schema. N e l l a I I I g e n e r a z i o n e, g l i o g g e t t i s o n o deterministicamente collocati nei peer i cui identificatori corrispondono alla chiave associata all informazione. Le Distributed Hash Tables (DHT) forniscono un astrazione simile alle hash tables, per cui a una chiave corrisponde un valore, sebbene i dati non siano locali ma distribuiti. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 26

27 DHT: funzionamento di base A ogni file e ad ogni nodo è associata una chiave; La chiave viene di solito creata facendo l hash del nome del file o dell IP del nodo; Ogni nodo del sistema è responsabile di un insieme di file/chiavi e tutti realizzano una DHT; La principale operazione che un sistema DHT deve fornire è lookup(key), la quale restituisce l identità del responsabile di una determinata chiave. IP Address Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 27

28 DHT: funzionamento di base Tutti i nodi del sistema condividono una tabella hash; Conoscono la struttura della tabella Ma non conoscono il responsabile di una data chiave! Nodo x Nodo y Nodo z ID m Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 28

29 DHT: scalabilità Messaggi necessari per trovare una chiave Anello n -1 DHT O(log n) Grafo Totalmente connesso 1 1 O(log n) n -1 n è il numero dei peer; Dimensione tabella di routing Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 29

30 Esempio P2P di III generazione: Chord - 1/6 Soluzione DHT che associa a peer e chiavi un identificativo di m bit attraverso una funzione di hash SHA-1 (in totale N = 2 m identificativi); Si basa su un overlay ad anello in cui i peer sono ordinati in base agli id. Il nodo responsabile di una determinata chiave K è quello con il primo identificativo W tale che W succede K in senso orario; Ogni nodo x di Chord mantiene due insiemi di vicini: gli m successori del nodo x più il predecessore. N56 m=6 N4 N8 F i n g e r s : U n i n s i e m e m n o d i costituito dai responsabili delle chiavi distanziate esponenzialmente dal nodo x, vale a dire l insieme delle chiavi che si trovano a distanza 2 i da x dove 0 i m-1. N51 N48 N42 K54 K30 K10 K24 N14 N21 N38 N32 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 30

31 Esempio P2P di III generazione: Chord - 2/6 Successors table: utilizzata per ricerche nelle immediate vicinanze; contiene gli id degli m successori e del predecessore N56 N4 N8 N51 N48 N42 N38 N32 N14 N21 Grado del successore NodeID 1 N14 2 N21 3 N32 4 N38 5 N42 6 N48 Predecessor N4 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 31

32 Esempio P2P di III generazione: Chord - 3/6 Finger Table: utilizzata per velocizzare la ricerca; contiene gli id degli m peer a distanza 2 i con 0 i m-1 N51 N48 N56 N N N N32 N8 +1 N14 N21 Grado del finger NodeID 1 (N8+1) N14 2 (N8+2) N14 3 (N8+4) N14 4 (N8+8) N21 5 (N8+16) N32 6 (N8+32) N42 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 32

33 Esempio P2P di III generazione: Chord 4/6 La Finger Table consente di realizzare un algoritmo di lookup, più scalabile, minimizzando le informazioni da memorizzare nei peer. E usata per identificare il nodo più prossimo alla chiave, così da ridurre i nodi da contattare. ALGORITMO DI LOOKUP N4 n.find_successor(id) N56 N8 if (id (n, successor]) Lookup 54 return successor; N51 N14 else n = closest_preceding_node(id); N48 return n.find_successor(id); N21 N42 n.closest_preceding_node(id) for i = m downto 1 N38 N32 if (finger[i] (n, id)) return finger[i]; return n; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 33

34 Esempio P2P di III generazione: Chord 5/6 La correttezza di Chord si basa sul presupposto che ogni peer conosca esattamente i successori e i finger. Tale requisito può essere compromesso dalla dinamicità dei peer (churn o fallimenti). P e r m a n t e n e r e l a correttezza dei dati di routing sono eseguiti periodicamente appositi algoritmi di stabilizzazione. n.stabilize() x = successor.predecessor; if (x (n, successor)) successor = x; successor.notify(n); n.notify(n ) if (predecessor is nil or n (predecessor,n)) predecessor = n ; n.fix_fingers() next = next + 1 ; if (next > m) next = 1; finger[next] = find_successor(n + 2 next-1 ); n.check_predecessor() if (predecessor has failed) predecessor = nil; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 34

35 Esempio P2P di III generazione: Chord 6/6 Analisi di Complessità Le informazioni che il nodo deve mantenere sugli altri nodi sono m + m + 1 = 2m +1 (O(log N)); Il numero di messaggi necessari per fare lookup è m (O(log N)); Il costo che si paga quando un nodo lascia o si connette alla rete è di O(log 2 N) messaggi; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 35

36 Esempio P2P di III generazione: Pastry - 1/4 Anche Pastry usa un overlay ad anello, ma, a differenza di Chord, si basa sul prefisso delle chiavi: Ad ogni nodo è assegnato in maniera casuale un NodeID a 128-bit, generalmente considerato come una sequenza di interi con base B (tipicamente 16); Ogni query di un dato con chiave k viene istradata verso il nodo il cui NodeID è numericamente vicino a k (i primi n interi di NodeID e k coincidono); Ad ogni passo dell algoritmo di routing, un nodo inoltra la richiesta di query a un peer il cui NodeID condivide con la chiave un prefisso di almeno un intero, di dimensione maggiore di quello che la chiave condivide con il nodo corrente. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 36

37 Esempio P2P di III generazione: Pastry - 2/4 Per consegnare a destinazione il messaggio di query, ogni nodo di Pastry dispone delle seguenti strutture: 1. Routing Table (R), contiene NodeID e indirizzi IP dei peer noti. Nella n-sima righa, tutti gli elementi hanno in comune i primi n interi; 2. Neighborhood Set (M), contiene dati sui peer vicini (per prossimità di routing) a quello corrente; 3. Leaf Set (L), contiene informazioni dei L /2 peer con NodeID più piccolo prossimo a quello corrente e L /2 con NodeID più grande. (R) (M) (L) Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 37

38 Esempio P2P di III generazione: Pastry - 3/4 Le query sono istradate secondo il seguente algoritmo: Se la chiave della query è uguale al NodeID corrente o in L ci sono nodi che condividono meno interi del nodo corrente, la query è conclusa; Lookup D46A1C 65A1FC 0 FFFF F D46A1C D471F1 D467C4 D462BA D4213F D13DA3 Se la destinazione è in L, il messaggio viene inoltrato a tale peer; Altrimenti, si identifica (in R o in alternativa in L o in M) il peer con il maggior numero di interi in comune e il primo non in comune più vicino a quello della c hiave, e s i i noltra i l messaggio a questi. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 38

39 Esempio P2P di III generazione: Pastry - 4/4 Pastry gestisce il churn dei peer secondo un meccanismo di heartbeat per rilevare i fallimenti e di riparazione del leaf set per porvi rimedio: Periodicamente i peer scambiano messaggi di PING, il peer che non risponde entro un apposito timeout è considerato fallito; Il nodo che ha scoperto il fallimento, contatta il peer numericamente successivo a quello fallito, chiedendo una copia del suo leaf set; Il leaf set ricevuto avrà delle sovrapposizioni con quello in possesso dal peer che ha iniziato la procedura, ma anche validi peer per sostituire quello fallito; I peer vicini sono informati del fallimento e eseguono la stessa procedura. Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 39

40 Confronto DHT Architettura Algoritmo di Lookup CHORD Spazio NodeID unidirezionale e circolare Matching chiave e NodeID PASTRY Mesh globale Plaxton-style Matching chiave e prefisso NodeID Complesità del lookup O(logN) O(log B N) Routing State logn Blog B N + L + M Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 40

Sicurezza dei Sistemi Peer-to-Peer per il Data Store Distribuito

Sicurezza dei Sistemi Peer-to-Peer per il Data Store Distribuito Sicurezza dei Sistemi Peer-to-Peer per il Data Store Distribuito tlei guy montag BFi14-dev - file 06-2007.09.23 Indice 1 Introduzione 8 2 OceanStore 11 2.1 Caratteristiche........................................

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

MailStore Server PANORAMICA

MailStore Server PANORAMICA MailStore Server PANORAMICA Lo standard per archiviare e gestire le Email Le aziende possono beneficiare legalmente, tecnicamente, finanziariamente ed in modo moderno e sicuro dell'archiviazione email

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli