ELABORATI PROGETTUALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELABORATI PROGETTUALI"

Transcript

1 ELABORATI PROGETTUALI PROGETTO ESECUTIVO "POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL' ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO" IL PROGETTISTA 66041, ATESSA (CH) Tel. 0872/ / IL PROGETTISTA Ing. D'ALO' LUZIO TAVOLA 5

2 Sommario dell opera: POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO Committente: PUBLIRETI S.R.L. Impresa: (art. 38 D.P.R. n.207/2010) 1

3 Sommario Sommario Premessa... 3 SOLUZIONE PRESCELTA... 3 INSERIMENTO AMBIENTALE... 3 Dati identificativi dell opera... 4 Riferimenti progettuali... 5 Elenco corpi d opera e relative unità tecnologiche... 6 Manuale d uso... 7 Manuale di Manutenzione Programma di Manutenzione Sottoprogramma delle prestazioni Sottoprogramma dei controlli Sottoprogramma delle manutenzioni Grafico Interventi

4 Premessa Premessa DESCRIZIONE DELL INTERVENTO La PUBLIRETI S.r.L con sede in via Roma in Atessa (Ch), nell'ambito del potenziamento delle reti del gas metano, intende procedere alla realizzazione del seguente progetto di POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO alfine di servire la le numerose famiglie residenti nella contrada. SOLUZIONE PRESCELTA La scelta del tracciato è stata preceduta da uno studio sulle caratteristiche geologiche e morfologiche del versante nonché dall esame di alcuni fenomeni franosi in atto. Lo sviluppo del tracciato oggetto del presente progetto preliminare è di ml Nella progettazione definitiva ed esecutiva, si dovrà procedere ad un esame più approfondito delle caratteristiche dei terreni, interessando le sedi delle strade comunali presenti e/o effettuando l occupazione di terreni privati allo scopo di diminuire la lunghezza della rete mediante l attuazione di procedura di esproprio per pubblica utilità. INSERIMENTO AMBIENTALE L intervento in oggetto non comporta criticità per la salvaguardia ambientale in quanto completamente interrato, percorrendo nella totalità la sede stradale esistente. Il territorio interessato non è sottoposto ad alcun vincolo di natura storica, artistica, archeologica, paesaggistica o di qualsiasi altra natura. 3

5 Dati generali dell opera Dati identificativi dell opera Denominazione GASDOTTO Destinazione d uso prevalente GASDOTTO 5 SPECIE Ubicazione AGRO DI ATESSA Proprietario PUBLIRETI S.R.L. Estremi Note Difformità del documento (art. 38, comma 2, D.P.R. 207/2010) 4

6 Dati generali dell opera Riferimenti progettuali Soggetti Concessione Qualifica Responsabile unico del procedimento Redattore del Direzione dei lavori Nominativo ING. LUZIO D'ALO' ING. LUZIO D'ALO' ING. LUZIO D'ALO' Eventuale successiva variante Data di collaudo Genio civile di deposito Archivio di collocazione Documenti di riferimento 5

7 Dati generali dell opera Elenco corpi d opera e relative unità tecnologiche Unità tecnologiche Corpo d opera: Opere di urbanizzazione Elementi tecnici Erogazione metano (Quantità: 1) Rete gas media pressione (Quantità: 20) Tubi in PE ad alta densità (Quantità: 2250) 6

8 Manuale d uso Manuale d uso (art. 38 D.P.R. 05/10/2010 n.207) dell opera POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO Committente PUBLIRETI S.R.L. Impresa 7

9 Manuale d uso Corpo d opera Opere di urbanizzazione DATI GENERALI Il progetto prevede il POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO tramite condotta 5 specie in Polietilene. Unità tecnologiche componenti Quantità Erogazione metano 1 8

10 Manuale d uso Unità tecnologica Erogazione metano DATI GENERALI Opera che conduce, distribuisce ed eroga gas necessario ad alimentare i dispositivi ad essa collegati. Collocazione AGRO DI ATESSA Elementi tecnici componenti Localizzazione Unità di misura Quantità Rete gas media pressione AGRO DI ATESSA CAD 1 Tubi in PE ad alta densità AGRO DI ATESSA metri (m)

11 Manuale d uso Elemento tecnico Rete gas media pressione DATI GENERALI L impianto di adduzione gas è composto da una serie di elementi che consento di distribuire ed erogare gas al fine di alimentare i dispositivi collegati, come cucine, scaldacqua, forniture industriali, ecc L installazione della rete di distribuzione gas a media pressone avviene tramite l impiego di tubi in acciaio zincato. Collocazione AGRO DI ATESSA- DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA "GIARROCCO" Modalità di uso corretto La tenuta delle tubazioni deve essere verificata regolarmente da parte degli addetti alla manutenzione tramite l ausilio di rivelatori e/o prodotti schiumogeni. RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Nome ALLACCIO PRIMARIO Note: 10

12 Manuale d uso Elemento tecnico Tubi in PE ad alta densità DATI GENERALI Tubi in polietilene ad alta densità per condotte interrate di distribuzione gas combustibile in ottemperanza a quanto previsto dalla UNI EN 1555 e al D.M. 11/99. Collocazione AGRO DI ATESSA - DA "CAMPANELLE" A CONTRADA "GIARROCCO" Modalità di uso corretto Dopo la posa in opera è necessario effettuare una prova di carico allo scopo di verificare che non vi siano perdite di carico. E altresì opportuno eseguire regolarmente dei controlli sulla tenuta. Le tubazioni devono essere prodotte da aziende in possesso di certificazione qualità aziendale secondo le UNI EN ISO 9001:2008. Danni possibili Deterioramento della superficie esterna. Tubi schiacciati a causa di una posa in opera sbagliata. GESTIONE EMERGENZE Modalità di intervento Prova sulla tenuta e, se necessario, sostituzione del tratto di tubazione. RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Nome TUBAZIONE GAS Note: 11

13 Manuale di manutenzione Manuale di Manutenzione (art. 38 D.P.R. 05/10/2010 n.207) dell opera POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO Committente PUBLIRETI S.R.L. Impresa 12

14 Manuale di manutenzione Corpo d opera Opere di urbanizzazione DATI GENERALI Il progetto prevede il POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO tramite condotta 5 specie in Polietilene. Forma di conduzione attuale Conduzione in proprietà DATI DI GESTIONE E COSTI Ripartizione spese di gestione Spese di gestione e manutenzione a completo carico del proprietario Valore di mercato probabile ,81 (anno rif. 1013) Costo iniziale ,00 (anno rif. 2023) Costo manutenzione 2.135,00 (incidenza 2,0 %) Dati dimensionali Dimensione Valore Unità di misura Lunghezza 2250 metri Unità tecnologiche componenti Quantità Erogazione metano 1 13

15 Manuale di manutenzione Unità tecnologica Erogazione metano DATI GENERALI Opera che conduce, distribuisce ed eroga gas necessario ad alimentare i dispositivi ad essa collegati. Costo iniziale ,00 DATI DI GESTIONE E COSTI Costo manutenzione 2.135,00 (incidenza 2,0 %) 14

16 Manuale di manutenzione Elemento tecnico Rete gas media pressione DATI GENERALI L impianto di adduzione gas è composto da una serie di elementi che consento di distribuire ed erogare gas al fine di alimentare i dispositivi collegati, come cucine, scaldacqua, forniture industriali, ecc L installazione della rete di distribuzione gas a media pressone avviene tramite l impiego di tubi in acciaio zincato. Costo iniziale 65,00 (anno rif. 2023) DATI DI GESTIONE E COSTI Unità di misura metri (m) Costo annuale manutenzioni/installazione 5,0 Costo manutenzione 3,25 Efficienza PRESTAZIONI Classe requisito Tecnica Prestazione Assicurare le funzionalità e l efficienza previsti in fase di progetto. Livello minimo prestazioni Fissato in base alla tipologia del materiale, dell impianto oppure in funzione della normativa UNI presente nel capitolato speciale d'appalto. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Impermeabilità ai gas Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità dell'elemento di garantire la tenuta ai gas ed impedirne la penetrazione nell ambiente. 15

17 Manuale di manutenzione Livello minimo prestazioni Verificare la resistenza meccanica delle tubazioni destinate al trasporto gas in funzione delle normative di riferimento. È possibile effettuare testi di trazione, schiacciamento e piegamento. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Resistenza alle deformazioni Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità dell elemento di mantenere l integrità ed evitare deformazioni rivelate se sottoposto all azione di sollecitazioni superiori rispetto a quelle previste in fase di progetto. Livello minimo prestazioni Fissato in base alla tipologia del materiale oppure in funzione delle norme UNI e/o prescrizioni normative presenti nel capitolato speciale d'appalto. Normative Norme UNI 7129; UNI EN 910, 10002, Deterioramento prestazioni Valore collaudo Fenomeni corrosivi DIFFORMITÀ Alterazioni e difetti riscontrabili Degradazione determinata dallo sviluppo di un processo di natura chimica. Possibile causa Fattori esterni (ambientali o climatici); manutenzione assente, errata e/o inefficace; componenti e materiali caratterizzati di difetti di realizzazione. Conseguenze riscontrabili Si manifestano chiari segni di decadimento indicati dalla variazione della colorazione e dalla presenza di ruggine nelle zone prossime alle corrosioni. Ciò determina il danneggiamento o la rottura delle giunzioni oppure dei fori nelle tubature con conseguente perdita del gas. Criterio di intervento Sostituzione totale e/o parziale del componente danneggiato. Perdite di gas Alterazioni e difetti riscontrabili Funzionamento anomalo dei componenti e/o presenza di difetti che comportano perdite di gas. 16

18 Manuale di manutenzione Possibile causa Presenza di fori e danni a carico delle tubazioni e delle giunzioni; peggioramento dello stato delle guarnizioni. Conseguenze riscontrabili Riduzione di gas nelle tubature e eventuale perdita da giunzioni e valvole; è possibile che si originino delle sacche di gas che posso dar luogo a fenomeni esplosivi. Criterio di intervento Effettuare una riparazione e/o una sostituzione dei tubi e delle guarnizioni interessate. Formazione incrostazioni Alterazioni e difetti riscontrabili Depositi di materiale in corrispondenza dei filtri e all'interno delle tubature Possibile causa Conseguenze riscontrabili Riduzione del diametro delle tubazioni con conseguente aumento della velocità del gas. Criterio di intervento Visivo su coibentazione CONTROLLI ESEGUIBILI DALL UTENTE Modalità di ispezione Controllare lo stato delle coibentazioni e, nel caso risultassero danneggiate, intervenire con un ripristino. Verifica su tubazioni CONTROLLI DA ESEGUIRE A CURA DI PESONALE SPECIALIZZATO Modalità di ispezione Controllare la tenuta e la resistenza delle tubazioni tramite l utilizzo di appositi rilevatori o prodotti schiumogeni. Accertarsi che guarnizioni e sigillanti siano perfettamente funzionanti. MANUTENZIONI DA ESEGUIRE A CURA DI PESONALE SPECIALIZZATO Pulitura tubazioni Modalità di esecuzione Eseguire la pulizia delle tubazioni e dei filtri dell impianto tramite impiego di apparecchiature apposite. Qualifica operatori Idraulico specializzato Attrezzature necessarie 17

19 Manuale di manutenzione Disturbi a terzi causabili dalla manutenzione RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Nome ALLACCIO PRIMARIO Note: Identificazione tecnologica Componente Classe materiale Produttore Modello Codice prodotto Codice colore Tubazioni Giunti Valvole d'arresto e intercettazione Metalli Materiale plastico Metalli Identificazione merceologica Componente Classe materiale Note Tubazioni Giunti Valvole d'arresto e intercettazione Metalli Materiale plastico Metalli 18

20 Manuale di manutenzione Elemento tecnico Tubi in PE ad alta densità DATI GENERALI Tubi in polietilene ad alta densità per condotte interrate di distribuzione gas combustibile in ottemperanza a quanto previsto dalla UNI EN 1555 e al D.M. 11/99. Costo iniziale 46,00 (anno rif. 2013) DATI DI GESTIONE E COSTI Unità di misura metri (m) Costo annuale manutenzioni/installazione 2,0 Costo manutenzione 0,92 Danni possibili Deterioramento della superficie esterna. Tubi schiacciati a causa di una posa in opera sbagliata. GESTIONE EMERGENZE Modalità di intervento Prova sulla tenuta e, se necessario, sostituzione del tratto di tubazione. Centri di assistenza/servizio PUBLIRETI Utilizzo in condizioni di sicurezza PRESTAZIONI Classe requisito Operativa Prestazione Capacità dell elemento di garantire l assenza di rischi per l utente durante l uso. Livello minimo prestazioni Assenza di situazioni di pericolo per l'utenza. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo 19

21 Manuale di manutenzione Resistenza ad agenti biologici Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità di resistenza all azione di microrganismi, oppure animali e vegetali, che possono provocare alterazioni delle caratteristiche. Livello minimo prestazioni Variabile in funzione della tipologia di elemento, della posa e della collocazione rispetto a fattori capaci di stimolare la proliferazione di agenti biologici (quali umidità, esposizione, temperatura, ecc). Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Resistenza alle deformazioni Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità dell elemento di mantenere l integrità ed evitare deformazioni rivelate se sottoposto all azione di sollecitazioni superiori rispetto a quelle previste in fase di progetto. Livello minimo prestazioni Fissato in base alla tipologia del materiale oppure in funzione delle norme UNI e/o prescrizioni normative presenti nel capitolato speciale d'appalto. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Efficienza Classe requisito Tecnica Prestazione Assicurare le funzionalità e l efficienza previsti in fase di progetto. Livello minimo prestazioni Fissato in base alla tipologia del materiale, dell impianto oppure in funzione della normativa UNI presente nel capitolato speciale d'appalto. Normative Deterioramento prestazioni 20

22 Manuale di manutenzione Valore collaudo Impermeabilità ai gas Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità dell'elemento di garantire la tenuta ai gas ed impedirne la penetrazione nell ambiente. Livello minimo prestazioni Verificare la resistenza meccanica delle tubazioni destinate al trasporto gas in funzione delle normative di riferimento. È possibile effettuare testi di trazione, schiacciamento e piegamento. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Perdite di gas DIFFORMITÀ Alterazioni e difetti riscontrabili Funzionamento anomalo dei componenti e/o presenza di difetti che comportano perdite di gas. Possibile causa Presenza di fori e danni a carico delle tubazioni e delle giunzioni; peggioramento dello stato delle guarnizioni. Conseguenze riscontrabili Riduzione di gas nelle tubature e eventuale perdita da giunzioni e valvole; è possibile che si originino delle sacche di gas che posso dar luogo a fenomeni esplosivi. Criterio di intervento Effettuare una riparazione e/o una sostituzione dei tubi e delle guarnizioni interessate. Danni Alterazioni e difetti riscontrabili Formazione di schegge; azioni di deformazione e schiacciamento. Possibile causa Erronea esecuzione dei lavori, connessa anche all uso di strumenti e macchinari non adatti; cause di natura accidentale quali ad esempio l urto o la caduta di un corpo pesante. Conseguenze riscontrabili Anomalie nella rete che possono condurre a perdite cospicue di gas. Criterio di intervento Procedere alla sostituzione del tratto di rete interessato dall'anomalia. 21

23 Manuale di manutenzione Controllo in fase di posa CONTROLLI DA ESEGUIRE A CURA DI PESONALE SPECIALIZZATO Modalità di ispezione Verificare eventuali scheggiature durante le operazioni di posa e la presenza di odori evidenti. Verifica di tenuta Modalità di ispezione Verificare la corretta tenuta tramite ideonei strumenti. Verifica su tubazioni Modalità di ispezione Controllare la tenuta e la resistenza delle tubazioni tramite l utilizzo di appositi rilevatori o prodotti schiumogeni. Accertarsi che guarnizioni e sigillanti siano perfettamente funzionanti. Verifica di tenuta Modalità di ispezione Verificare la corretta tenuta tramite ideonei strumenti. Verifica rottura Modalità di ispezione Controllare l'eventuale rottura e sfilamento dell'elemento. MANUTENZIONI DA ESEGUIRE A CURA DI PESONALE SPECIALIZZATO Sostituzione parti danneggiate Modalità di esecuzione Sostituire la parte danneggiata, rimuovendola e ripristinandola con giunti a saldatura controllare. Qualifica operatori Termoidraulico Attrezzature necessarie Strumenti di misura; D.P.I. Disturbi a terzi causabili dalla manutenzione RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Nome TUBAZIONE GAS 22

24 Manuale di manutenzione Note: Identificazione tecnologica Componente Classe materiale Produttore Modello Codice prodotto Codice colore Tubazioni Matariali plastici Identificazione merceologica Componente Classe materiale Note Tubazioni Matariali plastici 23

25 Sottoprogramma delle prestazioni Programma di Manutenzione (art. 38 D.P.R. 05/10/2010 n.207) dell opera POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO Committente PUBLIRETI S.R.L. Impresa 24

26 Sottoprogramma delle prestazioni Sottoprogramma delle prestazioni CORPO D OPERA Opere di urbanizzazione UNITÀ TECNOLOGICA Erogazione metano ELEMENTO TECNICO Rete gas media pressione L impianto di adduzione gas è composto da una serie di elementi che consento di distribuire ed erogare gas al fine di alimentare i dispositivi collegati, come cucine, scaldacqua, forniture industriali, ecc L installazione della rete di distribuzione gas a media pressone avviene tramite l impiego di tubi in acciaio zincato. Efficienza PRESTAZIONI Classe requisito Tecnica Prestazione Assicurare le funzionalità e l efficienza previsti in fase di progetto. Livello minimo prestazioni Fissato in base alla tipologia del materiale, dell impianto oppure in funzione della normativa UNI presente nel capitolato speciale d'appalto. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Impermeabilità ai gas Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità dell'elemento di garantire la tenuta ai gas ed impedirne la penetrazione nell ambiente. Livello minimo prestazioni Verificare la resistenza meccanica delle tubazioni destinate al trasporto gas in funzione delle normative di riferimento. È possibile effettuare testi di trazione, schiacciamento e piegamento. Normative 25

27 Sottoprogramma delle prestazioni Deterioramento prestazioni Valore collaudo Resistenza alle deformazioni Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità dell elemento di mantenere l integrità ed evitare deformazioni rivelate se sottoposto all azione di sollecitazioni superiori rispetto a quelle previste in fase di progetto. Livello minimo prestazioni Fissato in base alla tipologia del materiale oppure in funzione delle norme UNI e/o prescrizioni normative presenti nel capitolato speciale d'appalto. Normative Norme UNI 7129; UNI EN 910, 10002, Deterioramento prestazioni Valore collaudo ELEMENTO TECNICO Tubi in PE ad alta densità Tubi in polietilene ad alta densità per condotte interrate di distribuzione gas combustibile in ottemperanza a quanto previsto dalla UNI EN 1555 e al D.M. 11/99. Utilizzo in condizioni di sicurezza PRESTAZIONI Classe requisito Operativa Prestazione Capacità dell elemento di garantire l assenza di rischi per l utente durante l uso. Livello minimo prestazioni Assenza di situazioni di pericolo per l'utenza. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Resistenza ad agenti biologici Classe requisito Tecnica 26

28 Sottoprogramma delle prestazioni Prestazione Capacità di resistenza all azione di microrganismi, oppure animali e vegetali, che possono provocare alterazioni delle caratteristiche. Livello minimo prestazioni Variabile in funzione della tipologia di elemento, della posa e della collocazione rispetto a fattori capaci di stimolare la proliferazione di agenti biologici (quali umidità, esposizione, temperatura, ecc). Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Resistenza alle deformazioni Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità dell elemento di mantenere l integrità ed evitare deformazioni rivelate se sottoposto all azione di sollecitazioni superiori rispetto a quelle previste in fase di progetto. Livello minimo prestazioni Fissato in base alla tipologia del materiale oppure in funzione delle norme UNI e/o prescrizioni normative presenti nel capitolato speciale d'appalto. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Efficienza Classe requisito Tecnica Prestazione Assicurare le funzionalità e l efficienza previsti in fase di progetto. Livello minimo prestazioni Fissato in base alla tipologia del materiale, dell impianto oppure in funzione della normativa UNI presente nel capitolato speciale d'appalto. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo Impermeabilità ai gas 27

29 Sottoprogramma delle prestazioni Classe requisito Tecnica Prestazione Capacità dell'elemento di garantire la tenuta ai gas ed impedirne la penetrazione nell ambiente. Livello minimo prestazioni Verificare la resistenza meccanica delle tubazioni destinate al trasporto gas in funzione delle normative di riferimento. È possibile effettuare testi di trazione, schiacciamento e piegamento. Normative Deterioramento prestazioni Valore collaudo 28

30 Sottoprogramma dei controlli Sottoprogramma dei controlli CORPO D OPERA Opere di urbanizzazione UNITÀ TECNOLOGICA Erogazione metano ELEMENTO TECNOLOGICO Rete gas media pressione L impianto di adduzione gas è composto da una serie di elementi che consento di distribuire ed erogare gas al fine di alimentare i dispositivi collegati, come cucine, scaldacqua, forniture industriali, ecc L installazione della rete di distribuzione gas a media pressone avviene tramite l impiego di tubi in acciaio zincato. Visivo su coibentazione CONTROLLI ESEGUIBILI DALL UTENTE Raccomandazioni Se, in sede di verifica, le coibentazioni risultano danneggiate rivolgersi ad un tecnico che interverrà alla loro sostituzione. Frequenza 1 Anni Requisiti da verificare Efficienza Resistenza alle deformazioni Difformità riscontrabili Fenomeni corrosivi Verifica su tubazioni CONTROLLI DA ESEGUIRE A CURA DI PESONALE SPECIALIZZATO Frequenza 1 Anni Qualifica operatori Idraulico Attrezzature necessarie Chiave inglese, chiavi fisse di grandezze diverse, pinze, utensili vari, cacciaviti. Requisiti da verificare Efficienza Impermeabilità ai gas Difformità riscontrabili Formazione incrostazioni Perdite di gas 29

31 Sottoprogramma dei controlli ELEMENTO TECNOLOGICO Tubi in PE ad alta densità Tubi in polietilene ad alta densità per condotte interrate di distribuzione gas combustibile in ottemperanza a quanto previsto dalla UNI EN 1555 e al D.M. 11/99. Controllo in fase di posa CONTROLLI DA ESEGUIRE A CURA DI PESONALE SPECIALIZZATO Frequenza All'occorrenza Periodo consigliato VERIFICARE IL POSIZIONAMENTO IN SABBIA. Qualifica operatori Idraulico specializzato Attrezzature necessarie Utensili vari; Strumenti di misura; D.P.I. Requisiti da verificare Efficienza Impermeabilità ai gas Resistenza alle deformazioni Difformità riscontrabili Danni Verifica di tenuta Frequenza All'occorrenza Qualifica operatori Idraulico specializzato Attrezzature necessarie Tester di rete dati; D.P.I. Requisiti da verificare Efficienza Impermeabilità ai gas Utilizzo in condizioni di sicurezza Difformità riscontrabili Perdite di gas Verifica su tubazioni Frequenza 1 Anni Periodo consigliato VERIFICA INTEGRITA' Qualifica operatori Idraulico 30

32 Sottoprogramma dei controlli Attrezzature necessarie Chiave inglese, chiavi fisse di grandezze diverse, pinze, utensili vari, cacciaviti. Requisiti da verificare Resistenza alle deformazioni Utilizzo in condizioni di sicurezza Verifica di tenuta Frequenza All'occorrenza Periodo consigliato VERIFICA DI TENUTA Qualifica operatori Idraulico specializzato Attrezzature necessarie Tester di rete dati; D.P.I. Requisiti da verificare Impermeabilità ai gas Verifica rottura Frequenza In caso di rottura Qualifica operatori Operaio specializzato Attrezzature necessarie Scarpe antinfortunistiche; Tuta da lavoro; Elmetto; Guanti; Utensili vari; D.P.I. Requisiti da verificare Resistenza ad agenti biologici 31

33 Sottoprogramma delle manutenzioni Sottoprogramma delle manutenzioni CORPO D OPERA Opere di urbanizzazione UNITÀ TECNOLOGICA Erogazione metano ELEMENTO TECNICO Rete gas media pressione L impianto di adduzione gas è composto da una serie di elementi che consento di distribuire ed erogare gas al fine di alimentare i dispositivi collegati, come cucine, scaldacqua, forniture industriali, ecc L installazione della rete di distribuzione gas a media pressone avviene tramite l impiego di tubi in acciaio zincato. MANUTENZIONI DA ESEGUIRE A CURA DI PESONALE SPECIALIZZATO Pulitura tubazioni Frequenza 6 Mesi ELEMENTO TECNICO Tubi in PE ad alta densità Tubi in polietilene ad alta densità per condotte interrate di distribuzione gas combustibile in ottemperanza a quanto previsto dalla UNI EN 1555 e al D.M. 11/99. MANUTENZIONI DA ESEGUIRE A CURA DI PESONALE SPECIALIZZATO Sostituzione parti danneggiate Frequenza 6 Mesi Periodo consigliato Ad inizio stagione 32

34 Grafico Interventi (art. 38 D.P.R. 05/10/2010 n.207) dell opera POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO Committente PUBLIRETI S.R.L. Impresa Il progettista 33

35 Grafico interventi Elemento tecnico: Rete gas media pressione Grafico Interventi Controllo Manutenzione Dal 13/nov/2013 al 12/mag/2028 Pulitura tubazioni semestrale Verifica su tubazioni annuale Visivo su coibentazione annuale

36 Controllo Manutenzione Dal 13/mag/2013 al 12/mag/2028 Verifica rottura In caso di rottura Verifica di tenuta Verifica su tubazioni Sostituzione parti danneggiate Verifica di tenuta All'occorrenza All'occorrenza annuale semestrale Grafico interventi Elemento tecnico: Tubi in PE ad alta densità Controllo in fase di posa All'occorrenza

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI U.O. PROGETTAZIONE STRADE ED ESPROPRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE OPERE D'ARTE POSTE AL SERVIZIO DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE FINALIZZATI

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE 4.1 Generalità La persona responsabile deve predisporre un programma di manutenzione,

Dettagli

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 1 di 8 Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 2 di 8 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente capitolato disciplina la fornitura di tubazioni in acciaio per la costruzione delle reti ed allacci

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

Sistema tubo-guarnizione per. Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15

Sistema tubo-guarnizione per. Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15 Sistema tubo-guarnizione per Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15 BLU SEWER EVOLUTION Prestazioni superiori garantite dal sistema di giunzione integrato al tubo Il nuovo tubo Blu Sewer Evolution

Dettagli

Le novità subentrate sono le seguenti: 1. CAPITOLO 3 TERMINI E DEFINIZIONI

Le novità subentrate sono le seguenti: 1. CAPITOLO 3 TERMINI E DEFINIZIONI La nuova normativa UNI 9994-1 edizione 06/2013: Estintori d incendio - Manutenzione Dopo 10 anni ecco, rivista e aggiornata alle esigenze del mercato, la nuova norma tecnica UNI 9994-1 (prima parte), in

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 8. OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 8. OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 8. OPERATORE DI IMPIANTI TERMO- Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI. Trasporto di acqua potabile ed usi generali

RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI. Trasporto di acqua potabile ed usi generali RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI Tubi in polietilene PE100 (MRS 10) ad elevata resistenza ai disinfettanti a base di cloro (ipoclorito di sodio, diossido di cloro, cloraine...),

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso...

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso... I N D I C E 1 Premessa... 2 2 Scheda identificativa dell opera... 3 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4 4 Manuale d uso... 4 5 Manuale di manutenzione... 6 6 Programma di manutenzione...

Dettagli

Operatore di impianti termo-idraulici. Standard della Figura nazionale

Operatore di impianti termo-idraulici. Standard della Figura nazionale Operatore di impianti termo-idraulici Standard della Figura nazionale Denominazione della figura professionale OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI

OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI Descrizione sintetica della figura L operatore di impianti termo-idraulici interviene, a livello esecutivo, nel processo di realizzazione e manutenzione dell impiantistica

Dettagli

OGGETTO: INFORMAZIONI RELATIVE AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE GESTITI. Criteri adottati per il dimensionamento e la verifica dell assetto distributivo

OGGETTO: INFORMAZIONI RELATIVE AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE GESTITI. Criteri adottati per il dimensionamento e la verifica dell assetto distributivo OGGETTO: INFORMAZIONI RELATIVE AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE GESTITI Criteri adottati per il dimensionamento e la verifica dell assetto distributivo Punti di consegna (cabine RE.MI): o D.M. 16.04.2008

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS Via della Madonna n 105, 51100 Pistoia Tel/fax 0573.977477 0573.25014 RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS S. Domenico ASP Via Colle dei Fabbri n 8 51017 Pescia (PT) Premessa di carattere generale La presente

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO.. Sede:.. (.) Data del Documento : Versione Documento : Rev.0 e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4-35040 Boara Pisani (PD) Tel: 0425485621 - Fax 0425019846 0425485245 e-mail:

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI

OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste 10.03.2008 12.06.2013 DATA 30.01.

Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste 10.03.2008 12.06.2013 DATA 30.01. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Committente Comune di Carcoforo Oggetto Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste L.R. n. 13/97 - art.

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA Requisiti fisico-meccanici I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per il trasporto di gas combustibili sono prodotti

Dettagli

VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI

VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI Linee guida CIG per la progettazione in zona sismica degli impianti di gas combustibile

Dettagli

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Pulizia, manutenzione e collaudo delle reti idiriche Gli impianti idraulici prima di essere consegnati all utente devono essere ripuliti

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle costruzioni civili ed

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

PLUG&PLAY System. Tubazioni PE bicchierate per condotte in pressione SYSTEM GROUP

PLUG&PLAY System. Tubazioni PE bicchierate per condotte in pressione SYSTEM GROUP PLUG&PLAY System Tubazioni PE bicchierate per condotte in pressione SYSTEM GROUP 02.2015 PLUG&PLAY System Conforme alla norma (UNI) EN 12201 Sistema tubobicchiere antisfilamento PN 6 10 16 DETTAGLI BICCHIERE

Dettagli

MODULO TECNICO PROFESSIONALE

MODULO TECNICO PROFESSIONALE CENTRO PER L IMPIEGO MODULO TECNICO PROFESSIONALE ORE: 60 COMPARTO: IMPIANTISTICA AREA PROFESSIONALE: Impianti idro-termo-sanitari U.F.1 PRINCIPI TEORICI DI BASE (termoidraulica). Esegue trasformazioni

Dettagli

BQ Press GAS per impianti gas per uso domestico

BQ Press GAS per impianti gas per uso domestico BQ Press GAS in accoppiamento a tubi di rame conformi alla norma UNI 1057 nei diametri da 12 a 54 mm può essere utilizzato per la realizzazione di impianti a gas per usi domestici, non superiori la portata

Dettagli

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - 1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA - Piano di manutenzione LOTTO 1 AMGA - Azienda Multiservizi SpA via del Cotonificio 60 - Udine PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE IN GAS IN GAS Rubinetto a sfera per gas da incasso VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE DADI DI FISSAGGIO SEDI LATERALI CODOLI PER SALDATURA O-RINGS GUARNIZIONI METALLICHE ROSONE DI COPERTURA LEVA VITI

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1991 REVISIONE DAL 1992 COMUNE DI ATENA LUCANA Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1992 REVISIONE DAL 1993 COMUNE DI CONTURSI TERME Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE UNIONCAMERE LOMBARDIA PROGETTO DI SOSTITUZIONE GENERATORE DI CALORE E ELETTROPOMPE CIRCUITI SECONDARI EDIFICIO SEDE UNIONCAMERE LOMBARDIA VIA OLDOFREDI 23 MILANO PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Cod. rich. Venditore PDR Committente Impresa / Ditta Responsabile tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla seguente tipologia di intervento : impianto

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La norma UNI 9994-1, in vigore dal 20 Giugno 2013, sostituisce la UNI 9994 del 2003. Essa

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione Direzione Tecnica Ingegneria Rotabili e Tecnologie di Base Tecnologie Meccaniche e Sistemi Frenanti - Sistemi e Componenti Meccanici - Sistemi Frenanti - Processi Speciali Autori: Nannini Andrea e-mail:

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Tubazioni preisolate TECNOTHERM La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Il Gruppo Amenduni Tubi Acciaio è l unica azienda del settore delle tubazioni preisolate da teleriscaldamento a produrre

Dettagli

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI GUAGNANO Provincia DI LECCE POI ENERGIA 2007 2013 / PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Dettagli

- Procedura Operativa

- Procedura Operativa INTERVENTI DI MANUTENZIONE E DI RIMOZIONE DI TUBATURE IDRICHE IN CEMENTO-AMIANTO - Procedura Operativa 1 Predisposizione dell area cantiere 2 Esecuzione dello scavo e messa allo scoperto della tubazione

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013)

Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013) Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013) La presente norma prescrive i criteri per effettuare il controllo iniziale, la sorveglianza, il controllo periodico, la revisione programmata e il

Dettagli

Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO

Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO B.1 Informazioni generali sulla qualifica B.1.1 Indicazioni relative alla figura professionale nazionale di cui all Accordo Stato/Regioni del 29 aprile 2010 Denominazione

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione:

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione: 0.0.0 PREMESSA 0.0.1 Come manutenzione si identifica un tipo di attività il cui scopo è quello di mantenere funzionanti ed in sicurezza, con le prescrizioni qualitative e quantitative gli impianti elettrici.

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

GIUNTO EASY-LOCK. Giunto stampato in polietilene alta densità PE100 con sistema d innesto a bicchiere :

GIUNTO EASY-LOCK. Giunto stampato in polietilene alta densità PE100 con sistema d innesto a bicchiere : Raccordi Easy-Lock Easy-Lock Fittings Sistemi completi in PE100 per reti tecnologiche Acqua e Gas SCHEDA TECNICA PRODOTTO TECHNICAL SHEET Rev. 1/00 del 01/06/2009 Pag. 1/1 Code Descrizione / Gruppo 003

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 5 Settore Tecnico Edificio ISTITUTO MAGISTRALE DI PARTANNA Attività principale: n. 67/C scuola Attività collegate : n. 74/B centrale termica a servizio corpo aule Pratica

Dettagli

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE MINIMIZZARE I DANNI ALLE PERSONE AGEVOLARE L ESODO DALLE STRUTTURE PREVENIRE O LIMITARE I DANNI AL PATRIMONIO, ALL ATTIVITA LAVORATIVA ED AGLI AMBIENTI

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE (ai sensi della Norma UNI 10567) La C.S.A. srl svolge le funzioni di Ente di Controllo

Dettagli

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto TV - SAT Ai sensi dell art. 8, comma 2, del DM 22 gennaio 2008, N.

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto TV - SAT Ai sensi dell art. 8, comma 2, del DM 22 gennaio 2008, N. Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto TV - SAT Ai sensi dell art. 8, comma 2, del DM 22 gennaio 2008, N. 37 Spazio per timbro impresa Il presente libretto d uso e manutenzione fornisce

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme MANUALE D'USO 1 Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme degli elementi di raccolta, convogliamento,

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marsciano Provincia di Perugia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Sistemazione delle pavimentazioni e delle infrastrutture a rete di

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI FASCICOLO

Dettagli

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO STUDIO INGEGNERIA STRUTTURALE MASSETTI CONSOLIDAMENTO EDIFICI STORICI, MONITORING PROGETTAZIONE SISMICA, STRUTTURISTICA CONSULENZA E DIREZIONE LAVORI PROGETTAZIONE EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI Via Brescia

Dettagli

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita IN GAS DOPPIO IN GAS DOPPIO Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita VALVOLA A SFERA CW 617 N UNI EN 5-4 CESTELLO DI ISPEZIONE Plastica DADI DI FISSAGGIO CW 6 N UNI EN 4 SEDI LATERALI P.T.F.E.

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

Norma UNI 9994-1:2013 - Apparecchiature per estinzione incendi - Estintori d'incendio - Parte 1:

Norma UNI 9994-1:2013 - Apparecchiature per estinzione incendi - Estintori d'incendio - Parte 1: Brugherio, (Mi) 15 Luglio 2013 A tutti i Clienti C/O loro sedi OGGETTO : La nuova versione della norma UNI 9994 Come molti di voi sapranno in data 20 giugno 2013 è stata pubblicata la norma in oggetto,

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo TALIERCIO Via Commercio, 1 Marina di Carrara SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

Tubi di Polietilene per Drenaggio

Tubi di Polietilene per Drenaggio CENTRALTUBI Tubi di Polietilene per Drenaggio - Drenaggio opere civili; - Drenaggio opere sportive; - Raccolta percolato; - Captazione biogas; - Reti di controllo. Listino n. 8/C - Giugno 2006 CENTRALTUBI

Dettagli

Figura Professionale codice FP225 TERMOIDRAULICO

Figura Professionale codice FP225 TERMOIDRAULICO settore Comparto descrizione COSTRUZIONI COSTRUZIONI Persona che garantisce la messa in opera, la manutenzione e l adeguamento di impianti termoidraulici. La figura professionale in esame ha la funzione

Dettagli

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 La PROVA DI TENUTA di un impianto gas è una verifica che deve essere eseguita obbligatoriamente su un NUOVO IMPIANTO interno di adduzione

Dettagli

Sicurezza al 300% con EMIFLEX. 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge

Sicurezza al 300% con EMIFLEX. 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge Sicurezza al 300% con EMIFLEX 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge CHIARIMENTI TECNICI NORMATIVE GAS EMIFLEX è l azienda leader in Italia nella progettazione e produzione

Dettagli

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 UNIVERSITA DI MESSINA REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO Struttura: DATA del Responsabile della struttura PAGINE Totali.

Dettagli

Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer

Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer La risposta Georg Fischer ai tecnici che chiedono un risparmio in termini economici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 4 - ZONA 6 - SCUOLA N 5269/5 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO ANTINCENDIO PRESSO LA SCUOLA MATERNA

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE Generalità Il presente documento viene redatto con lo specifico scopo di programmare gli interventi di manutenzione, di carattere ordinario, da attuare successivamente alla realizzazione delle opere previste

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO DOTT. ING. MARIA VINCENZA SACCONE

RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO DOTT. ING. MARIA VINCENZA SACCONE RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO DOTT. ING. MARIA VINCENZA SACCONE LE DISPOSIZIONI NORMATIVE PRINCIPALI Legge 1083 del 6/12/1971 Norme per la sicurezza dell impiego del gas comb.le Decreto Ministeriale

Dettagli

LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE TERMOIDRAULICO/IDRAULICO

LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE TERMOIDRAULICO/IDRAULICO MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE TERMOIDRAULICO/IDRAULICO 1 INSTALLATORE TERMOIDRAULICO/IDRAULICO TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 Eseguire semplici di lavorazioni

Dettagli