I N D I C E. 1 Premessa Scheda identificativa dell opera Riepilogo delle parti piu importanti del bene Manuale d uso...

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso..."

Transcript

1 I N D I C E 1 Premessa Scheda identificativa dell opera Riepilogo delle parti piu importanti del bene Manuale d uso Manuale di manutenzione Programma di manutenzione Sottoprogramma delle prestazioni Sottoprogramma dei controlli e degli interventi di manutenzione... 11

2 1 Premessa Il presente piano prevede il complesso di attività inerenti la manutenzione di cui si presume la frequenza, gli indici di costo orientativi e le strategie di attuazione nel medio e nel lungo periodo, con il fine di conservare e mantenere l efficienza delle opere di sistemazione idraulica relative all affluente in destra idraulica del canale Il Fosso nel territorio di Cellino San Marco. La manutenzione potrà essere ordinaria o straordinaria a seconda che l insieme delle operazioni venga svolto periodicamente e ordinariamente, oppure sia rappresentato da un complesso di lavori di riparazione, di ricostruzione e miglioramento al fine di mantenere le opere nelle migliori condizioni di conservazione ed efficienza. Le principali tipologie di intervento di manutenzione sono così identificabili: a) Interventi nell alveo - rimozione di rifiuti solidi e piante sradicate; - ripristino della capacità idraulica mediante taglio di vegetazione arbustiva ed arborea; - ripristino della capacità idraulica mediante movimentazione e asportazione di materiale alluvionale. Il presente piano di manutenzione si articola in: a) manuale d uso; b) manuale di manutenzione; c) programma di manutenzione. Il manuale d uso, il manuale di manutenzione ed il programma di manutenzione, redatti in fase di progettazione, saranno sottoposti a cura della direzione dei lavori, al termine della realizzazione dell intervento, al controllo ed alla verifica di validità, con eventuali aggiornamenti resi necessari dai problemi emersi durante l esecuzione dei lavori. 2

3 2 Scheda identificativa dell opera Oggetto: Localizzazione: Soggetti: redattore del piano di manutenzione: gruppo di progettazione: Affluente Canale Il Fosso Territorio di Cellino San Marco Dott. Ing. Giuseppe Pontrelli Collaudatore/i: Resp.le Unico del Procedimento: Da designare Dott. Ing. Giovanni Patera Appaltatore/i: da designare Altri esecutori: Dati dimensionali: Lunghezza: Larghezza: Superficie: Progetto: 540 m variabile cfr. tavole allegate mq Interventi di Sistemazione idraulica dell affluente canale Il Fosso Importo progetto: Finanziamento: Euro : 3

4 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene - Canale di deflusso; - Sistema di protezioni delle sponde; - Attraversamenti in cls in corrispondenza della viabilità stradale. 4 Manuale d uso Il manuale d uso contiene l insieme delle informazioni utili al gestore per consentire a quest ultimo di conoscere tutte le operazioni atte alla conservazione del bene che, non richiedendo conoscenze specialistiche, consentano di riconoscere tempestivamente fenomeni di deterioramento anomalo del bene e, pertanto, di attivare interventi specialistici. Il manuale d uso contiene le seguenti informazioni: a) la collocazione nell intervento delle parti menzionate; b) la rappresentazione grafica; c) la descrizione; d) le modalità di uso corretto. Canale (manuale d uso) OG8.1 Collocazione Parte dell affluente del canale Fosso che interessa il territorio comunale di Cellino San Marco per una lunghezza dell asta di 540 m. Rappresentazione grafica Vedere TAV.B5.1 allegate al progetto. Canale naturale in terra a sezioni trapezia e pendenza variabile. Modalità d uso corretto Istruzioni per l uso Ispezionabilità Mantenere pulito da materiale alluvionale sedimentato, rifiuti solidi, alberi sradicati e vegetazione che potrebbero diminuire la capacità di trasporto idraulico. Manutenzione da eseguire secondo le indicazioni del programma di manutenzione. E consentita solo al personale autorizzato ed appositamente istruito e formato. Anomalie Riduzione della sezione idraulica per la presenza di materiale alluvionale sedimentato, rifuti solidi sversati in modo incontrollato, crescita di vegetazione arbustiva ed arborea acquatica. Manutenzioni eseguibili dall utente Nessuna senza la presenza di personale specializzato 4

5 Protezioni di sponda (manuale d uso) OG8.2 Collocazione Paramento interno del Canale. Rappresentazione grafica Vedere TAV. B8 allegata al progetto. Protezione delle sponde e dell alveo con rivestimento in calcestruzzo articolato. Modalità d uso corretto Istruzioni per l uso Ispezionabilità Riferimento al libretto d uso del costruttore Mantenere pulito da materiale alluvionale sedimentato, rifiuti solidi, alberi sradicati e vegetazione che potrebbero diminuire la capacità di trasporto idraulico. Manutenzione da eseguire secondo le indicazioni del programma di manutenzione. E consentita solo al personale autorizzato ed appositamente istruito e formato. Da indicare in fase di esecuzione dei lavori (grigliato articolato). Anomalie Segni più frequenti di anomalie Riferimento al manuale del costruttore Deterioramento del cls, dissesto del sistema di protezione, presenza di materiale alluvionale sedimentato, rifuti solidi sversati in modo incontrollato, crescita di vegetazione arbustiva ed arborea acquatica. Da indicare a fine dei lavori Manutenzioni eseguibili dall utente Nessuna senza la presenza di personale specializzato Attraversamenti viabilità (manuale d uso) Collocazione Rappresentazione grafica OG8.3 Interferenze tra il canale e la viabilità stradale. Vedere TAV.B9.1 B9.3 allegate al progetto. Manufatti in c.a. (attraversamenti), che consentono il deflusso delle acque senza interferire con la viabilità. Modalità d uso corretto Istruzioni per l uso Ispezionabilità Riferimento al libretto d uso del costruttore Mantenere pulito da materiale alluvionale sedimentato, rifiuti solidi, alberi sradicati e vegetazione che potrebbero impedire il deflusso e la capacità di trasporto idraulico. Manutenzione da eseguire secondo le indicazioni del programma di manutenzione. E consentita solo al personale autorizzato ed appositamente istruito e formato. Da indicare in fase di esecuzione dei lavori (paratoie metalliche). Anomalie Segni più frequenti di anomalie Riferimento al manuale del costruttore Scoscendimenti, abbassamento sommità stradale, scalzamento al piede, rifuti solidi sversati in modo incontrollato, crescita di vegetazione arbustiva ed arborea. Nessuno Manutenzioni eseguibili dall utente Nessuna senza la presenza di personale specializzato 5

6 5 Manuale di manutenzione Il manuale di manutenzione contiene l insieme delle informazioni utili ai tecnici della manutenzione, è finalizzato a raccogliere i dati informativi utili per l attività di manutenzione, per il recupero di prestazioni o per la preventiva riduzione delle probabilità di degradamento, a fornire istruzioni sulle modalità di un corretto intervento di manutenzione, a stabilire le procedure da adottare per l organizzazione degli interventi e per la raccolta e l archiviazione delle informazioni di ritorno. Il manuale di manutenzione contiene le seguenti informazioni: a) la collocazione nell intervento delle parti menzionate; b) la rappresentazione grafica; c) la descrizione; d) la descrizione delle risorse necessarie per l intervento di manutenzione; e) il livello minimo delle prestazioni; f) le anomalie riscontrabili; g) le manutenzioni eseguibili direttamente dall utente; h) le manutenzioni da eseguire a cura di personale specializzato. Canale (manuale di manutenzione) OG8.1 Collocazione Affluente del canale Fosso che interessa il territorio comunale di Cellino San Marco per una lunghezza dell asta di 540 m. Rappresentazione grafica Vedere TAV.B5.1 allegate al progetto. Canale naturale in terra a sezioni trapezia e pendenza variabile. Risorse per la manutenzione Risorse strumentali Risorse umane Livello minimo delle prestazioni Guanti, casco, occhiali di sicurezza, tuta da lavoro, scarpe antinfortunistiche, stivali, utensili portatili, gruppo elettrogeno, autocarro, pala caricatrice, escavatore. n 1 operaio comune e n 2 operai specializzati. Sezione trasversale del canale come da progetto. Modalità d uso corretto Istruzioni per l uso Mantenere pulito da materiale alluvionale sedimentato, rifiuti solidi, alberi sradicati e vegetazione che potrebbero diminuire la capacità di trasporto idraulico. 6

7 Ispezionabilità Manutenzione da eseguire secondo le indicazioni del programma di manutenzione. E consentita solo al personale autorizzato ed appositamente istruito e formato. Anomalie Segni più frequenti di anomalie Riduzione della sezione idraulica per la presenza di materiale alluvionale sedimentato, rifuti solidi sversati in modo incontrollato, crescita di vegetazione arbustiva ed arborea acquatica. Manutenzioni eseguibili dall utente Nessuna senza la presenza di personale specializzato Manutenzioni specialistiche Procedure di conduzione tecnica Non eseguire i lavori in concomitanza di eventi meteorici particolarmente intensi; Determinare la zona di lavoro; Porre in essere tutte le misure di messa in sicurezza per i lavoratori, indossare D.P.I.; Utilizzare utensili ed attrezzature a norma (presenza delle protezioni meccaniche); Acquisire l autorizzazione dell inizio dei lavori di manutenzione; Eseguire i lavori di manutenzione come da programma di manutenzione Costo della manutenzione Euro 0,72 al metro quadrato per taglio a raso di vegetazione; Da determinare volta per volta a seconda delle quantità di materiale alluvionale sedimentato o di rifiuti solidi sversati. Protezioni di sponda (manuale di manutenzione) OG8.2 Collocazione Paramento interno del Canale. Rappresentazione grafica Vedere TAV. B8 allegata al progetto. Protezione delle sponde per tutto il tratto oggetto di studio. Risorse per la manutenzione Risorse strumentali Guanti, casco, occhiali di sicurezza, tuta da lavoro, scarpe antinfortunistiche, stivali, utensili portatili, gruppo elettrogeno, autocarro, pala caricatrice, escavatore. Risorse umane n 1 operaio comune e n 2 operai specializzati. Livello minimo delle prestazioni Dimensioni e pendenze delle sezioni del canale arginale come da progetto. Modalità d uso corretto 7

8 Istruzioni per l uso Ispezionabilità Anomalie Segni più frequenti di anomalie Manutenzioni eseguibili dall utente Manutenzioni specialistiche Procedure di conduzione tecnica Costo della manutenzione Mantenere pulito da materiale alluvionale sedimentato, rifiuti solidi, alberi sradicati e vegetazione che potrebbero diminuire la capacità di trasporto idraulico. Manutenzione da eseguire secondo le indicazioni del programma di manutenzione. E consentita solo al personale autorizzato ed appositamente istruito e formato. Scoscendimenti, scalzamento al piede, presenza di materiale alluvionale sedimentato, rifuti solidi sversati in modo incontrollato, crescita di vegetazione arbustiva ed arborea acquatica. Nessuna senza la presenza di personale specializzato Non eseguire i lavori in concomitanza di eventi meteorici particolarmente intensi; Determinare la zona di lavoro; Porre in essere tutte le misure di messa in sicurezza per i lavoratori, indossare D.P.I.; Utilizzare utensili ed attrezzature a norma (presenza delle protezioni meccaniche); Acquisire l autorizzazione dell inizio dei lavori di manutenzione; Eseguire i lavori di manutenzione come da programma di manutenzione. Euro 0,72 al metro quadrato per taglio a raso di vegetazione; Da determinare volta per volta a seconda delle quantità di materiale alluvionale sedimentato o di rifiuti solidi sversati da rimuovere. Attraversamenti viabilità (manuale di manutenzione) OG8.3 Collocazione Interferenze tra il canale e la viabilità stradale. Rappresentazione grafica Vedere TAV. B9.1 B9.3 allegate al progetto. Manufatti in c.a. (attraversamenti), che consentono il deflusso delle acque senza interferire con la viabilità. Risorse per la manutenzione Risorse strumentali Risorse umane Guanti, casco, occhiali di sicurezza, tuta da lavoro, scarpe antinfortunistiche, stivali, utensili portatili, gruppo elettrogeno, autocarro, pala caricatrice, escavatore. n 1 operaio comune e n 2 operai specializzati. Livello minimo delle prestazioni Sezione idraulica e sagoma rilevato stradale come da progetto. Modalità d uso corretto Istruzioni per l uso Mantenere pulito da materiale alluvionale sedimentato, rifiuti solidi, alberi sradicati e vegetazione che potrebbero impedire il funzionamento automatico delle paratoie e la 8

9 Ispezionabilità Riferimento al libretto d uso del costruttore capacità di trasporto idraulico. E consentita solo al personale autorizzato ed appositamente istruito e formato. nessuno Anomalie Segni più frequenti di anomalie Riferimento al manuale del costruttore Scalzamento al piede, sifonamento, rifuti solidi sversati in modo incontrollato, crescita di vegetazione arbustiva ed arborea, blocco delle paratoie metalliche. nessuno Manutenzioni eseguibili dall utente Nessuna senza la presenza di personale specializzato Manutenzioni specialistiche Procedure di conduzione tecnica Non eseguire i lavori in concomitanza di eventi meteorici particolarmente intensi; Determinare la zona di lavoro; Porre in essere tutte le misure di messa in sicurezza per i lavoratori, indossare D.P.I.; Utilizzare utensili ed attrezzature a norma (presenza delle protezioni meccaniche); Acquisire l autorizzazione dell inizio dei lavori di manutenzione; Eseguire i lavori di manutenzione come da programma di manutenzione. Costo della manutenzione Da determinare volta per volta a seconda del guasto 6 Programma di manutenzione Il programma di manutenzione prevede un sistema di controlli e di interventi da eseguire, a cadenze temporalmente o altrimenti prefissate, al fine di una corretta gestione del bene e delle sue parti nel corso degli anni. Esso si articola secondo tre sottoprogrammi: a) il sottoprogramma delle prestazioni, che prende in considerazione, per classe di requisito, le prestazioni fornite dal bene e dalle sue parti nel corso del suo ciclo di vita; b) il sottoprogramma dei controlli, che definisce il programma delle verifiche e dei controlli al fine di rilavare il livello prestazionale (qualitativo e quantitativo) nei successivi momenti della vita del bene, individuando la dinamica della caduta delle prestazioni aventi come estremi il valore di collaudo e quello minimo di norma; c) il sottoprogramma degli interventi di manutenzione, che riporta in ordine temporale i differenti interventi di manutenzione, al fine di fornire le informazioni per una corretta conservazione del bene. 9

10 6.1 Sottoprogramma delle prestazioni Canale (sottoprogramma delle prestazioni) OG8.1 Canale naturale in terra a sezioni trapezia e pendenza variabile. Esigenze Capacità di trasporto idraulico piene ordinarie Protezioni di sponda (sottoprogramma delle prestazioni) OG8.2 Protezione delle sponde per tutto il canale oggetto di intervento. Esigenze Principali requisiti/prestazioni Capacità di trasporto idraulico piena duecentenaria - Resistenza alle azioni tangenziali - Stabilità dimensionale e meccanica Attraversamenti viabilità (sottoprogramma delle prestazioni) OG8.3 Strada di accesso all argine in sinistra idraulica, in rilevato in terra, di lunghezza pari a circa 25 metri lineari. Esigenze Principali requisiti/prestazioni Fruibilità della viabilità Stabilità delle opere di attraversamento 10

11 6.2 Sottoprogramma dei controlli e degli interventi di manutenzione Per facilitare la lettura della tabella dei controlli e degli interventi di manutenzione viene esplicitata la seguente legenda: LEGENDA CODICI STRM STRATEGIE DI MANUTENZIONE MAG Manutenzione a guasto; MPP Manutenzione preventiva programmata CODICI TIPI - TIPI DI INTERVENTO ISP Ispezione ICR Intervento curativo SST Sostituzione CODICI SPEC SPECIALIZZAZIONI TLS Tecnico di livello superiore (istruito e formato in sistemazioni idrauliche fluviali) Operaio specializzato Sottoprogramma dei controlli e degli interventi di manutenzione CODICE SUB-SISTEMA/COMPONENTE STRM TIPI FREQ SPEC COSTO % OG8.1 ALVEO FLUVIALE OG Ispezione MPP ISP Semestr TLS 1 Verifica presenza materiale alluvionale sedimentato, rifuti solidi sversati in modo incontrollato, crescita di vegetazione arbustiva ed arborea acquatica. OG Intervento conservativo MPP ICS Annuale 100 Taglio a raso di erbe palustri, paglie e rovi, canne, tamerici, salici ed altri arbusti legnosi e bruciatura in sito OG Intervento curativo MAG ICR Quando Da Riconfigurazione sezione, bonfica da necessario determinare materiale alluvionale sedimentato e da rifiuti Volta per solidi sversati volta OG8.2 PROTEZIONE DI SPONDA OG Ispezione MPP ISP Semestr TLS 1 Verifica presenza materiale alluvionale sedimentato, rifuti solidi sversati in modo incontrollato, crescita di vegetazione arbustiva ed arborea acquatica. Verifica presenza di fenomeni di erosione o di rotture. 11

12 OG Intervento conservativo MPP ICS Annuale 100 Taglio a raso di erbe palustri, paglie e rovi, canne, tamerici, salici ed altri arbusti legnosi e bruciatura in sito OG Intervento curativo MAG ICR Quando Da Riconfigurazione scarpate sezioni; necessario determinare volta per volta OG Sostituzione MAG SST Quando 100 Sostituzione integrale del rivestimento. necessario OG Attraversamenti viabilità Ispezioni MPP ISP Annuale TLS 1 Verifica presenza di scoscendimenti, abbassamento sommità stradale, di scalzamento al piede, di rifuti solidi sversati in modo incontrollato, di crescita di vegetazione arbustiva ed arborea. Intervento conservativo MPP ICS Annuale 100 Taglio a raso di erbe palustri, paglie e rovi, canne, tamerici, salici ed altri arbusti legnosi e bruciatura in sito. Intervento curativo MAG ICR Quando Da Ricarica sommità stradale, ricostruzione necessario determinare rilevato volta per volta 12

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI U.O. PROGETTAZIONE STRADE ED ESPROPRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE OPERE D'ARTE POSTE AL SERVIZIO DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE FINALIZZATI

Dettagli

CAPITOLO I. Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati.

CAPITOLO I. Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Scheda I Descrizione sintetica dell'opera ed individuazione dei soggetti interessati Descrizione sintetica

Dettagli

Manutenzione degli edifici

Manutenzione degli edifici Corsi di PRODUZIONE EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Manutenzione degli edifici Prof. Ing. Pietro Capone a.a. 2011-2012 PROCESSO EDILIZIO La sequenza organizzata di fasi operative che

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 D.P.R. n 207/2010)

PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 D.P.R. n 207/2010) PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 D.P.R. n 207/2010) Pag. 1 di 15 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI 1. Premessa Il Piano di Manutenzione dell Opera e delle sue parti è il documento la cui

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA MANUTENZIONE NELLA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

CONSIDERAZIONI SULLA MANUTENZIONE NELLA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO CONSIDERAZIONI SULLA MANUTENZIONE NELLA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO La parola manutenzione deriva dalla locuzione latina manu tenere ovvero tenere con mano ed esprime l atto di mantenere qualcosa

Dettagli

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO PROGETTO ESECUTIVO INERENTE LA MESSA IN SICUREZZA DELLA ZONA DI TUTELA ASSOLUTA DEI POZZI DI ROSSANA PIANO DI MANUTENZIONE Marzo 2010 dr.geol. Raffaele Boninsegni dr.geol.

Dettagli

8. PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

8. PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA SOCIETA IN LIQUIDAZIONE Sede: Zona Ind. Centro Direzionale ASI, Edificio Uffici % p. 97100 RAGUSA TEL. 0932/666.519 Fax 0932/666.516 e-mail: atorg1@virgilio.it PEC: atoragusa1@postecert.it Cap. Sociale

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE Generalità Il presente documento viene redatto con lo specifico scopo di programmare gli interventi di manutenzione, di carattere ordinario, da attuare successivamente alla realizzazione delle opere previste

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

CITTA' DI GALATINA. Provincia di Lecce. Regione Puglia

CITTA' DI GALATINA. Provincia di Lecce. Regione Puglia CITTA' DI GALATINA Provincia di Lecce Regione Puglia PROGETTO DI INTERVENTO DI RISTRUTTURAZIONE, ADEGUAMENTO A NORMA IGIENICO- SANITARIO, VV.F. E M E S S A I N S IC U R E Z Z A I S T ITUTO C OM P R E N

Dettagli

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare 1 te generali Il presente piano di manutenzione relativo alla realizzazione della Variante alla SR 66 Pistoiese in località Limestre (San Marcello P.se), è redatto tenendo conto delle specifiche norme

Dettagli

Il Manuale si articola in: - Manuale d uso - Manuale di manutenzione - Programma di Manutenzione

Il Manuale si articola in: - Manuale d uso - Manuale di manutenzione - Programma di Manutenzione Premessa Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Selargius Provincia di Cagliari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEI CONTROLLI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Completamento Via della Resistenza Realizzazione

Dettagli

ELABORATI PROGETTUALI

ELABORATI PROGETTUALI ELABORATI PROGETTUALI PROGETTO ESECUTIVO "POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL' ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO" IL PROGETTISTA

Dettagli

REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO. Dott. Ing. A. Bartoli (progettista)

REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO. Dott. Ing. A. Bartoli (progettista) REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO elaborato: FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE tavola: scala: data: rif.: R10 dicembre 2012 - responsabile

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015 La manutenzione degli argini Iacopo Iacopo MANETTI MANETTI Consorzio Consorzio di di bonifica bonifica Medio Medio Valdarno Valdarno Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI All D PREMESSA Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI 1. PREMESSA Il presente piano di manutenzione individua gli elementi necessari alla previsione, pianificazione e programmazione degli interventi di manutenzione

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO A BIOMASSE (LEGNO VERGINE) A SERVIZIO DELLA FRAZIONE DI VALLOMBROSA NEL COMUNE DI REGGELLO

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO A BIOMASSE (LEGNO VERGINE) A SERVIZIO DELLA FRAZIONE DI VALLOMBROSA NEL COMUNE DI REGGELLO IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO A BIOMASSE (LEGNO VERGINE) A SERVIZIO DELLA FRAZIONE DI VALLOMBROSA NEL COMUNE DI REGGELLO Dott. Ing. Paolo Vangi Via Roma, 289 50012 Bagno a Ripoli (FI) Tel./Fax

Dettagli

COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE

COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE: INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DELL'I.I.S.S. "C. AMATO VETRANO" DI SCIACCA IN RELAZIONE ALL'EFFICIENZA

Dettagli

progetto definitivo/esecutivo

progetto definitivo/esecutivo Città di Capriate San Gervasio (BG) Piazza della Vittoria, 4 24042 Capriate San Gervasio Sito UNESCO di Crespi d'adda Ex scuola S.T.I. Valorizzazione del sito UNESCO di Crespi d'adda attraverso la realizzazione

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRATI PROVINCIA DI

COMUNE DI VILLAFRATI PROVINCIA DI COMUNE DI VILLAFRATI PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SCUOLA MEDIA GIOVANNI XXIII COMMITTENTE: COMUNE DI VILLAFRATI IL TECNICO: ARCH.

Dettagli

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE Norme di attuazione - Direttive di Piano 5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE approvata con deliberazione di C.I. n. 1 in data 15 aprile 1998

Dettagli

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche N Opera oggetto di manutenzione Risorse necessarie per l intervento manutentivo Livello minimo delle prestazioni Anomalie riscontrabili personale comune

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA REALIZZAZIONE DI UN ITINERARIO TURISTICO NELLA ZONA ARCHEOLOGICA DI MONTAGNA DEI CAVALLI

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA REALIZZAZIONE DI UN ITINERARIO TURISTICO NELLA ZONA ARCHEOLOGICA DI MONTAGNA DEI CAVALLI PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA REALIZZAZIONE DI UN ITINERARIO TURISTICO NELLA ZONA ARCHEOLOGICA DI MONTAGNA DEI CAVALLI Il presente piano di manutenzione individua gli elementi necessari alla previsione,

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità...

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità... PIANO DI MANUTENZIONE PAG 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 2 1 MANUALE D USO... 3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 2.1 Risorse

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA OGGETTO: REALIZZAZIONE NUOVA PISTA DA SKATE PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Committente: Amministrazione Comunale di Creazzo R.U.P.: arch. Daniela

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE INDICE 1. Premesse...2 2. Manuale d uso delle opere...3 2.1. Descrizione delle opere...3 2.2. Modalità d uso delle opere progettate...4 3. Monitoraggio delle opere...5 4. Manutenzione...6 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

REGIONE SICILIANA PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE

REGIONE SICILIANA PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE REGIONE SICILIANA PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE: LAVORI DI ADEGUAMENTO LOCALI DA DESTINARE AD UFFICIO AL PIANO 6 DELLO STABILE SITO A PALERMO IN VIA LIBERTA' 203 COMMITTENTE: E.A.S

Dettagli

REGOLE DI SICUREZZA FASE DI LAVORAZIONE RISCHI MISURE

REGOLE DI SICUREZZA FASE DI LAVORAZIONE RISCHI MISURE REGOLE DI SICUREZZA Il presente documento viene redatto per informare le aziende che effettueranno, per conto della società Sistema Ambiente S.p.A., gli interventi di gestione del verde pubblico del Comune

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 D.P.R. 207/2010)

PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 D.P.R. 207/2010) A.S.P. s.p.a. C.so Don Minzoni 86, 14100 Asti MANUTENZIONE STRAORDINARIA PARCHEGGIO VIA NATTA PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 D.P.R. 207/2010) ALLEGATO 4 Responsabile progettazione Ing.

Dettagli

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici CAPITOLO I 1.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA Il progetto riguarda i lavori di adeguamento/miglioramento sismico controllato della scuola primaria Colombo nell'ambito del piano per la messa in sicurezza

Dettagli

Piano di Manutenzione

Piano di Manutenzione Piano di Manutenzione Piano di Manutenzione ART. 40 D.P.R. 554/99 REDATTO DA : OGGETTO: Dott. Ing. Emer Florini Ristrutturazione di alcune parti delle coperture del plesso scolastico "U. Foscolo" sito

Dettagli

PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI 1 DATI GENERALI E RESPONSABILI DELL OPERA Committente: COMUNE DI SANT ANTIOCO Responsabile del procedimento: Arch. Paolo Pinna Oggetto dell appalto: Interventi Diffusi di

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DI UN'ARCOSTRUTTURA

PIANO DI MANUTENZIONE DI UN'ARCOSTRUTTURA Manuale delle manutenzioni e dei controlli IMPRESA SARTORI SAS del Geom. Sartori Enzo & C. Costruzione Impianti Sportivi Via L. da Vinci 9-35020 CASALSERUGO (PD) Tel 049/8740940 fax 049/8740944 www.impresasartori.it

Dettagli

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI Computo metrico estimativo pag. 1 di 5 LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI 1 47 Sfalcio meccanico di vegetazione spontanea eterogenea costituita in prevalenza da canne e cespugli pulizia

Dettagli

Introduzione e riferimenti normativi

Introduzione e riferimenti normativi Relazione Generale 2 Introduzione e riferimenti normativi Ai fini della compilazione dei piani di manutenzione, si deve fare riferimento alla UNI 7867, 9910, 10147, 10604 e 10874, nonché alla legge 11

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010.

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. 1. GENERALITÀ 1.1 FINALITA DEL PIANO Il presente documento dovrà

Dettagli

2 PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (art. 10.1 DM 14/01/2008)

2 PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (art. 10.1 DM 14/01/2008) INDICE 1 PREMESSA... 2 2 PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (art. 10.1 DM 14/01/2008)... 3 3 MANUALE D'USO... 4 4 MANUALE DI MANUTENZIONE... 6 5 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 8 1 1 PREMESSA Il piano

Dettagli

- Procedura Operativa

- Procedura Operativa INTERVENTI DI MANUTENZIONE E DI RIMOZIONE DI TUBATURE IDRICHE IN CEMENTO-AMIANTO - Procedura Operativa 1 Predisposizione dell area cantiere 2 Esecuzione dello scavo e messa allo scoperto della tubazione

Dettagli

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI E OBIETTIVI DI INTERVENTO VV Manutenzione ordinaria del sistema viario minore (piste, sentieri, ) L obiettivo dell intervento VV è quello di migliorare l

Dettagli

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Progetto Anno 2003-2005 Committenti Autorità Portuale Venezia Localizzazione geografica di Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Attività Svolte PROGETTAZIONE GEOTECNICA Progettista Prof.

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

Piano di manutenzione dell opera

Piano di manutenzione dell opera Piano di manutenzione dell opera I INDICE 1 NOTE D USO DEL PIANO... 1 1.1 NOTE GENERALI... 1 1.2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI PROGETTO... 2 1.3 CATEGORIE D OPERA E UNITA TECNOLOGICHE... 3 1.4 GRADO

Dettagli

Piano di Risanamento Fiume Lambro

Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano annuale delle manutenzioni Triuggio, Dicembre 2013 INDICE 1. PREMESSA 3 2. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA 4 2.1. Interventi per la manutenzione delle opere

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. Si chiede di presentare l offerta per la realizzazione,

Dettagli

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 Macchina utensile in cui il mandrino, orizzontale o verticale, è in grado di eseguire due o più processi di lavorazione

Dettagli

SIMT-POS 038 GESTIONE STRUMENTI

SIMT-POS 038 GESTIONE STRUMENTI 1 Prima Stesura Redattori: Gasbarri, De Angelis, Rizzo Data: 15-02-/2014 SIMT-POS 038 GESTIONE STRUMENTI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE..

SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE.. SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE..2 3. MODALITÀ DI USO CORRETTO DELLE OPERE...4 4. LIVELLO MINIMO

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito.

SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito. SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito. 1. PREMESSA... 2 2. TIPOLOGIA DI MATERIALI... 3 3. MODALITA DI RIMOZIONE... 6 4. SMALTIMENTO DEL MATERIALE... 7 5. RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI...

Dettagli

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - 1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA - Piano di manutenzione LOTTO 1 AMGA - Azienda Multiservizi SpA via del Cotonificio 60 - Udine PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO

OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO 1. RIFERIMENTI Le presenti linee guida sono redatte in conformità allo Schema di Protocollo d Intesa tra la Regione

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI

PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI COMMITTENTE PROGETTO INTERVENTO DI RIDUZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO SUL VERSANTE DELLA FALESIA DEL COLLE SAN BARTOLO IN CORRISPONDENZA DEL CENTRO ABITATO DI FIORENZUOLA DI FOCARA. SETTORE NORDOVEST.

Dettagli

Disfunzioni delle reti fognarie, interventi di pulizia, verifica, video ispezioni, collaudo e risanamento

Disfunzioni delle reti fognarie, interventi di pulizia, verifica, video ispezioni, collaudo e risanamento CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI : TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALEE CAMBIAMENTI CLIMATICI Disfunzioni delle reti fognarie, interventi di pulizia, verifica, video ispezioni, collaudo e risanamento Bologna,

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO DI MESSA IN SICUREZZA DELL ABITATO DI ESCARRA

PROGETTO DEFINITIVO DI MESSA IN SICUREZZA DELL ABITATO DI ESCARRA PREMESSA Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO AI SENSI DELL ART. 125 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA HARDWARE E

Dettagli

Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: Fornitura e posa in opera di ossarini prefabbricati

Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: Fornitura e posa in opera di ossarini prefabbricati 1 Capitolo 1 PIANO DI MANUTENZIONE DEFINIZIONE E SCOPI Il presente dell Opera, redatto in conformità all Art.38 del DPR 207/2010, contiene i seguenti documenti operativi: 1. il manuale d uso 2. il manuale

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE STRUTTURALE DELL'OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE STRUTTURALE DELL'OPERA Edificio Codice 106_C Denominazione P.O. CIVITA CASTELLANA Indirizzo Via Vincenzo Ferretti, 169 CAP e Città 01033 CIVITA CASTELLANA VT PIANO DI MANUTENZIONE STRUTTURALE DELL'OPERA (in attuazione al punto

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DEI CORPI STRADALI

PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DEI CORPI STRADALI ELABORATO A.4 SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO PROGETTAZIONE E COSTRUZIONI STRADALI S.P. n 569 DI VIGNOLA COMPLETAMENTO DELLA VARIANTE GENERALE ALLA S.P. N 569 E REALIZZAZIONE DELLE VARIANTI ALLA S.P.

Dettagli

Piano di manutenzione

Piano di manutenzione Opera Comune di: Provincia di: Committente: Denominazione: Porto Tolle Rovigo Amministrazione Comunale 8 Stralcio funzionale Porto peschereccio Pila-Barbamarco Piano di manutenzione Proprietà Committente:

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA " INTERVENTO URGENTE DI SISTEMAZIONE STRUTTURALE COPERTURA SANTUARIO SS. TRINITA SACRO MONTE DI GHIFFA "

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA  INTERVENTO URGENTE DI SISTEMAZIONE STRUTTURALE COPERTURA SANTUARIO SS. TRINITA SACRO MONTE DI GHIFFA ENTE DI GESTIONE DEI SACRI MONTI PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA " INTERVENTO URGENTE DI SISTEMAZIONE STRUTTURALE COPERTURA SANTUARIO SS. TRINITA SACRO MONTE DI GHIFFA " PROGETTO ESECUTIVO DATA Luglio

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile Riberto"

Progetto di recupero ambientale e funzionale del Fontanile Riberto CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA via A. Gritti 21/25-24125 Bergamo PSR 2007-2013 / MISURA 126 Investimenti non produttivi Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE ex art. 38 del Regolamento dei contratti pubblici approvato con D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207. - OPERE DEL DEMANIO IDRICO STATALE - OPERE IDRAULICHE REGIO DECRETO 25 luglio 1904 n.

Dettagli

EDIFICIO SCOLASTICO COMUNALE DI SANT ENEA INTERVENTI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO, CONSOLIDAMENTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

EDIFICIO SCOLASTICO COMUNALE DI SANT ENEA INTERVENTI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO, CONSOLIDAMENTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI PERUGIA EDIFICIO SCOLASTICO COMUNALE DI SANT ENEA INTERVENTI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO, CONSOLIDAMENTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PIANO di MANUTENZIONE Committente: Amministrazione

Dettagli

ALLEGATO 3. Linee guida per gli interventi sulla viabilità provinciale. PTCp 2020 NORME DI ATTUAZIONE

ALLEGATO 3. Linee guida per gli interventi sulla viabilità provinciale. PTCp 2020 NORME DI ATTUAZIONE PTCp 2020 NORME DI ATTUAZIONE ALLEGATO 3 Linee guida per gli interventi sulla viabilità provinciale PTCp 2020 ALLEGATO n. 3 alle Norme di attuazione Pag. 1 ALLEGATO ALLE NORME DI ATTUAZIONE Allegato n.

Dettagli

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio ALLEGATO 5 Settore Territorio, Servizio Gestione e Manutenzione Strade Oggetto Servizio di manutenzione ordinaria del verde per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2015-2016) Data

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 3 2. FASCICOLO

INDICE 1. PREMESSA 3 2. FASCICOLO INDICE 1. PREMESSA 3 Individuazione e descrizione dell opera 4 Le Imprese esecutrici 5 Rischi e misure preventive delle attività di manutenzione 6 l organizzazione del lavoro per le imprese e i lavoratori

Dettagli

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI GUAGNANO Provincia DI LECCE POI ENERGIA 2007 2013 / PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Dettagli

Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini.

Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. Descrizione generale del progetto Il presente progetto

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI COMUNEDILANCI ANO CH- PI ANODIMANUTENZI ONEDELL OPERAE DELLESUEP ARTI PROGRAMMADIMANUTENZI ONE SOTTOPROGRAMMACONTROLLI SOTTOPROGRAMMA I NTERVENTI SOTTOPROGRAMMA PRESTAZI ONI ALLEGATO 1 4 TAVOLA 0 0 LANCI

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO

LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO LA TERMOGRAFIA, IL VALORE AGGIUNTO Per garantire una sempre più efficiente attività di manutenzione degli impianti fotovoltaici pur garantendo un basso canone di manutenzione la SIEM si avvarrà di dispositivi

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON ASEAMAC

IN COLLABORAZIONE CON ASEAMAC 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL MARTELLO PNEUMATICO La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un MARTELLO PNEUMATICO (demolitore, perforatore, picconiere). L operatore

Dettagli

Documento specifico di manutenzione del manto in erba artificiale

Documento specifico di manutenzione del manto in erba artificiale Documento specifico di manutenzione del manto in erba artificiale 1. PREMESSA Lo scopo è di fornire le informazioni necessarie alla Proprietà od al Gestore degli impianti per eseguire una corretta manutenzione

Dettagli

Parti simili. Noli escavatore cingolato per demolizione h 0,060 0,060 99,240 5,95

Parti simili. Noli escavatore cingolato per demolizione h 0,060 0,060 99,240 5,95 AP01 Disfacimento di vecchi gabbioni e materassi metallici con pietrame, danneggiati o dissestati o crollati in alveo, di qualsiasi forma e dimensione, compreso la movimentazione nell ambito del cantiere,

Dettagli

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com Sinergo Spa - via Ca Bembo 152-30030 - Maerne di Martellago - Venezia - Italy tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com oggetto PROGETTO ESECUTIVO AMMODERNAMENTO IMPIANTO

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Taggia Provincia di Imperia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI MURO DI SOSTEGNO VILLA CURLO

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

COMUNE DI LAINATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAINATE PROVINCIA DI MILANO MOD.7.3.12.e_def-es_rev. 00 COMUNE DI LAINATE PROVINCIA DI MILANO PROGETTO: OGGETTO: PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO LAVORI DI BONIFICA PER LA RIMOZIONE DELLE LASTRE ONDULATE DI CEMENTO-AMIANTO E LA SUCCESSIVA

Dettagli

CONSORZIO PER LA BONIFICA DELLA VAL DI CHIANA ROMANA E VAL DI PAGLIA

CONSORZIO PER LA BONIFICA DELLA VAL DI CHIANA ROMANA E VAL DI PAGLIA CONSORZIO PER LA BONIFICA DELLA VAL DI CHIANA ROMANA E VAL DI PAGLIA Delib. n. 36 del 23.04.2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTI- VO LAVORI DI MANU- TENZIONE ORDINA- RIA E STRAORDINA- RIA SUL FIUME

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA ETIMOLOGIA DEL TERMINE MANUTENZIONE Dal latino medievale manutentio onis, derivazione

Dettagli

Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici

Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo convergenza 2007-2013 Sistema di videosorveglianza del comune di Casarano Sicurezza per la città CIG:559455225C

Dettagli