Rischio STRESS da Lavoro Correlato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischio STRESS da Lavoro Correlato"

Transcript

1 A tutti i dipendenti dell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco Integrazione ai Documenti di Valutazione dei Rischi di tutte le scuole dell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco Rischio STRESS da Lavoro Correlato Sommario Rischio STRESS da Lavoro Correlato... 1 Premessa legislativa... 1 Cosa è lo stress da lavoro-correlato... 2 Parametri individuati per valutare lo stress da lavoro nell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco... 2 A) Parametri oggettivi individuati... 2 B) Manifestazioni di alterazione della salute e del comportamento considerate... 3 C) Organizzazione del lavoro: aspetti coinvolti... 3 Valutazione del rischio stress da lavoro correlato... 4 A) Parametri oggettivi... 4 B) Manifestazioni di alterazione della salute e del comportamento... 5 C) Organizzazione del lavoro... 6 D) Sintesi della valutazione del rischio da stress da lavoro... 7 Procedure... 7 Revisione del documento... 8 Firme... 8 Allegato A-> Questionario sullo stress da lavoro... 9 Allegato B-> Criteri di valutazione del questionario Allegato C-> Grafici relativi al questionario Allegato D-> Revisioni e misure intraprese nel tempo Premessa legislativa La legge 81/2008 che sostituisce la conosciuta legge 626 in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, fa obbligo al datore di lavoro di considerare anche il rischio da stress correlato al lavoro. Nella stesura di questo documento si è fatto riferimento anche all accordo europeo dell 8/10/2004. Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 1

2 Cosa è lo stress da lavoro-correlato Lo stress negativo ( distress in termini tecnici) è conseguenza del fatto che taluni individui non si sentono in grado di adattarsi/corrispondere agli stimoli, richieste o aspettative che provengono dall esterno ed è una condizione che può essere accompagnata da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale. Lo stress correlato al lavoro è il distress che deriva dal non riuscire ad instaurare un equilibrio accettabile tra le richieste che vengono rivolte nell ambiente di lavoro (dalla scala gerarchica, dai colleghi, dagli utenti, dalle condizioni di lavoro) e le capacità ed aspirazioni del lavoratore. Lo stress potenzialmente può colpire qualsiasi lavoratore, a prescindere dal luogo di lavoro, dalla mansione, dal tipo di azienda: l ambiente scolastico quindi è esposto a tale rischio come tutti gli ambienti di lavoro. E necessario tener presente che il medesimo lavoratore può reagire diversamente alle stesse condizioni di contorno in periodi differenti della propria vita. Sono sempre più numerose le persone nella scuola colpite da problemi di stress sul luogo di lavoro. I motivi principali possono essere: le continue riforme e frequenti cambiamenti nell organizzazione e nella gestione del lavoro, cambiamenti nella sede di servizio e nelle mansioni, l aumento del carico di lavoro, elevate pressioni emotive esercitate sui lavoratori da parte dell utenza e dalla società, lo scarso equilibrio tra lavoro e vita privata (la professione assume un importanza smisurata). Nella scuola lo stress da lavoro è accompagnato da emozioni negative, da sentimenti di incapacità e frustrazione, dalla percezione che gli altri (alunni, utenti, colleghi, coordinatori di plesso, vicario, DSGA o dirigente scolastico) siano ostili a noi, dalla perdita di capacità di controllo. Lo stress da lavoro diventa un rischio per la sicurezza e la salute quando è prolungato nel tempo: le procedure previste da questo documento non si applicano a situazioni che sono limitate nel tempo o che riguardano preoccupazioni ed ansie proiettate nel futuro. Le violenze e le molestie di natura psicologica fanno parte del fenomeno mobbing, ma possono essere trattate, almeno inizialmente, con gli stessi strumenti previsti in questo documento. Parametri individuati per valutare lo stress da lavoro nell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco La valutazione del rischio stress è riferita alle valutazioni soggettive, cognitive ed emotive, che ogni persona dà alla propria esperienza lavorativa. Per accedere a queste valutazioni sono stati considerati parametri oggettivi, alcune manifestazioni di alterazione della salute e del comportamento ed osservazioni sull organizzazione del lavoro nell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco. A) Parametri oggettivi individuati I parametri oggettivi sono stati così individuati, per il periodo storico di attuale permanenza del Dirigente Scolastico (dall anno scolastico 2003/2004 al 2007/08): assenteismo (giorni di malattia escluse maternità e ricoveri ospedalieri per gravi patologie) frequente avvicendamento del personale problemi disciplinari (numero di sanzioni disciplinari) Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 2

3 denunce di violenza e molestie di natura psicologica alle autorità di PP.SS. o al dirigente scolastico infortuni tra il personale dipendente (esclusi gli alunni) personale dichiarato inidoneo allo svolgimento della propria funzione per motivi di salute ovvero per incapacità o persistente insufficiente rendimento Si considera solo personale di ruolo a tempo indeterminato (sarebbe infatti improponibile e neppure rilevante, ai fini della valutazione delle condizioni di rischio dell Istituto Comprensivo, tener conto dei molti avvicendamenti dovuti in genere a cause esterne, quali l organico d Istituto, le graduatorie del personale, le supplenze per la sostituzione dei docenti). B) Manifestazioni di alterazione della salute e del comportamento considerate Esistono nella letteratura medica significative manifestazioni, di natura psicosomatica, correlate allo stress da lavoro; rispetto al nostro Istituto Comprensivo abbiamo preso in considerazione: disturbi dell alimentazione (anoressia, bulimia) disturbi gastroenterici (ulcera e colite) disturbi cardiocircolatori (ipertensione) cefalee e disturbi del sonno disturbi urogenitali e sessuali (alterazioni mestruali, incontinenza, impotenza) alcolismo dipendenza da droghe consumo protratto di psicofarmaci irritabilità e reazioni di tipo aggressivo verso i colleghi e gli alunni/utenti come schema relazionale tipico Poiché l accesso a queste informazioni (di tipo sensibile rispetto alla privacy) non è possibile senza il consenso dei lavoratori e senza una raccolta dati da parte di figure professionali, è stato chiesto allo psicologo che lavora in Istituto di collaborare nel formulare un questionario per avere informazioni in merito ed eventualmente decidere, sulla base dei risultati, un approccio diverso. Tale questionario è in allegato (ALLEGATO A) ed è anonimo e compilato su base volontaria da parte del personale a ruolo indeterminato. Tale questionario è integrato anche con alcune domande riguardanti il punto seguente (problemi organizzativi) e la percezione di adeguatezza e di realizzazione di sé rispetto alle richieste dell ambiente di lavoro. C) Organizzazione del lavoro: aspetti coinvolti L organizzazione del lavoro ed i processi coinvolti, come l assegnazione ai plessi ed alle classi, la pianificazione dell orario di lavoro, i carichi di lavoro, la turnazione dei permessi e delle ferie, la condizione di sicurezza e salute dei luoghi di lavoro, le pressioni sociali, le prospettive di cambiamento, la certezza del proprio lavoro, il grado di autonomia nel lavoro, la partecipazione alle decisioni, la conoscenza e la condivisione degli obiettivi, la trasparenza nelle decisioni, sono tutti fattori decisivi che possono contribuire a creare o al contrario ridurre o eliminare una situazione di stress. In generale un organizzazione che punta alla responsabilità ed alla partecipazione dei lavoratori, a creare luoghi di lavoro sicuri e salubri, ad avere una struttura comunicativa chiara, semplice ed efficace e basata sulla trasparenza, favorisce la percezione positiva del proprio lavoro ed il sostegno reciproco tra i colleghi anche nei momenti di difficoltà. Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 3

4 Valutazione del rischio stress da lavoro correlato La valutazione è stata effettuata in base ai fattori elencati nel capitolo precedente; per ogni fattore è stata riassunta la valutazione del livello di rischio tenendo conto di una scala da R=1 a R=5 con le seguenti corrispondenze: R1 = molto basso, R2 = basso, R3 = medio, R4 = alto, R5 = molto alto. A) Parametri oggettivi solo 2003/ / / / /08 TOTALE personale di ruolo Numero docenti e Ata di ruolo (tempo indet.) Assenteismo (giorni) * Richieste di trasferimento o assegnazione provvisoria ** problemi disciplinari (numero di sanzioni disciplinari) denunce di violenza e molestie di natura psicologica alle autorità di PP.SS. o al dirigente scolastico infortuni tra il personale (esclusi gli alunni) personale dichiarato inidoneo *** Note: * giorni di malattia escluse maternità e ricoveri ospedalieri per gravi patologie ** fuori dall I.C. San Giovanni Bianco (anche non ottenute) *** anche per incapacità o persistente insufficiente rendimento % assenteismo = somma giorni assenza ruolo / (somma personale ruolo x 220 giorni lavorativi) = 3.312/(314x220)= 4,8% di assenteismo, dato molto basso considerato anche che è antecedente alla riforma Brunetta sulle assenze dei lavoratori pubblici che ha prodotto i suoi effetti dal settembre NB: i 220 giorni lavorativi derivano dal minimo di 200 giorni lezione + periodo antecedente lezioni di settembre + periodo seguente alle lezioni fino al 30 giugno; le maternità sono state escluse perché non derivano da stress da lavoro; le gravi patologie sono state escluse per la caratteristica dell ambiente scolastico, dove il rischio da agenti cancerogeni e mutageni è molto basso. % frequenza avvicendamento del personale = somma richieste trasferimento ruolo / somma personale ruolo = 8/314 = 2,5% di avvicendamento del personale, dato molto basso. % problemi disciplinari (numero di sanzioni disciplinari ruolo/ somma personale ruolo = 0/314= 0 % molto basso. % denunce di violenza e molestie di natura psicologica alle autorità di PP.SS. o al dirigente scolastico = somma denunce ruolo/ somma personale ruolo = 0/314= 0 % molto basso. % infortuni tra il personale dipendente (esclusi gli alunni) = somma infortuni/ somma personale ruolo = 1/314= 0,3 % molto basso. Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 4

5 % personale dichiarato inidoneo = somma personale ruolo non idoneo/ somma personale ruolo = 1/314= 0,3 % molto basso. Attualmente i parametri oggettivi individuati indicano che nell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco il rischio da stress lavoro correlato è R=1 (molto basso). B) Manifestazioni di alterazione della salute e del comportamento Il questionario è stato distribuito nella seconda parte del mese di aprile 2009 (dopo una breve presentazione a tutti i lavoratori) e consegnato entro il 30 aprile; sono pervenuti numero 49 questionari. L analisi del questionario, secondo i criteri di valutazione dettagliati nell ALLEGATO B, è stata svolta dal coordinatore del Servizio Prevenzione e Protezione con la collaborazione dello psicologo dell Istituto. Rispetto ai disturbi psicosomatici la valutazione del rischio è R= 2,5 MEDIO/BASSO come si evince dalla TABELLA A. I disturbi maggiormente evidenziati sono le cefalee ed i disturbi del sonno (un terzo dei questionari). TABELLA A DISTURBI MEDIE PSICOSOMATICI alimentazione 1,53 gastroenterici 1,57 cardiocircolatori 1,49 cefalee 1,82 del sonno 1,94 sessuali 1,08 alcolismo 1,08 droghe 1,08 psicofarmaci 1,08 MEDIA VALORI MAX. 2,51 Rischio (arrotondamento) 2,50 Rispetto alla PERCEZIONE DI SE e LA PERCEZIONE DEI FATTORI ORGANIZZATIVI e SOCIALI la valutazione del rischio è R = 2 BASSO come si evince dalla tabella B. E evidente l accordo relativamente alto all affermazione che il lavoro è una preoccupazione continua, che incanala tutte le energie (è un po la caratteristica del lavoro nella scuola); si segnala una certa insoddisfazione rispetto all organizzazione del lavoro ed ai livelli di partecipazione nella formazione delle decisioni. TABELLA B PERCEZIONE DI SE MEDIE non riesco ad interessarmi 1,31 mi sento poco valorizzato 1,63 non riesco a migliorare 1,43 mi sento incapace 1,08 prosciugamento energie 2,16 non riesco a staccare 1,86 MEDIA VALORI 1,58 FATTORI ORGANIZZATIVI E SOCIALI sempre irritato 1,29 subire decisioni 1,51 non posso esprimermi 1,33 non mi capiscono 1,45 lavoro male organizzato 1,51 mi sento preso di mira 1,33 MEDIA VALORI 1,38 MEDIA TRA I MAX. VALORI MEDI 1,67 Rischio (arrotondamento) 2,00 La valutazione statistica, secondo i criteri predeterminati, è quindi di R = 2,5 (arrotondamento allo 0,5 superiore della media tra 2,50 derivante dai disturbi psicosomatici e 2,00 derivante dalla seconda parte del questionario). Un analisi dei singoli questionari, svolta insieme allo psicologo dell Istituto, porta però ad innalzare tale valore. Infatti 4 questionari indicano un rischio elevato da stress, altri 4 un rischio medio, 2 un rischio medio basso per un totale di 10 lavoratori a rischio, cioè circa il 20% dei questionari, ed è indice di un rischio medio/alto; 5 di questi questionari indicano problematicità nella struttura organizzativa e nella valorizzazione delle competenze. Altri 8 questionari esaminati evidenziano come nella Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 5

6 scuola sia investita una notevole carica emotiva e impegno personale che però spesso non è riconosciuto; in genere in questi casi lo stress non è passato al corpo, viene gestito razionalmente, ma è richiesta attenzione da parte dei responsabili. A diminuire il rischio intervengono invece due fattori: - tra i questionari compilati ben 20 (circa il 40%) indica in modo chiaro assenza di stress (risposte tutte ai minimi o al massimo con alcuni poco d accordo ); - è pervenuto il 75% dei questionari ed è probabile che il 25% dei lavoratori che non hanno risposto ritenga non rilevante la questione stress da lavoro. Pertanto la valutazione complessiva del questionario, considerata sia la valutazione statistica sia l analisi qualitativa dei singoli questionari, è R = 3 MEDIO. Nella seguente tabella C sono indicate le frequenze delle varie risposte: TABELLA C - FREQUENZE (numero di risposte) 1) disturbi psicosomatici NO IN PARTE SI In parte + si alimentazione % gastroenterici % cardiocircolatori % cefalee % del sonno % sessuali % alcolismo % droghe % psicofarmaci % 2) percezione di sé QUASI MAI POCO MOLTO MOLTISSIMO Molto + moltissimo non riesco ad interessarmi % mi sento poco valorizzato % non riesco a migliorare % mi sento incapace prosciugamento energie % non riesco a staccare % 3) fattori organizzativi e QUASI MAI POCO MOLTO MOLTISSIMO Molto + moltissimo sociali sempre irritato % subire decisioni % non posso esprimermi % non mi capiscono % lavoro male organizzato % mi sento preso di mira % C) Organizzazione del lavoro L organizzazione del lavoro dell Istituto Comprensivo prevede due ruoli gerarchici diretti, il Dirigente Scolastico Bonzi Franco e la Direttrice dei Servizi Amministrativi Belotti Noemi che è responsabile in modo particolare di tutto il personale ATA. Entrambi sono disponibili, senza formalità particolari, a colloqui e richieste del personale, sono disponibili al confronto ed a modificare le proprie decisioni qualora esistano i presupposti di ragionevolezza e pari efficacia. All inizio di ogni anno la DSGA Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 6

7 consulta il personale ATA per l attribuzione delle mansioni, mentre il dirigente scolastico consulta la R.S.U. ed i diretti interessati per l assegnazione ai docenti della sede di servizio e delle classi. Il Dirigente è supportato da due docenti collaboratori (di cui uno vicario) e dalle funzioni strumentali per il POF, il disagio, la continuità, il sostegno all attività didattica e organizzativa, la sicurezza nei luoghi di lavoro. Nell istituto è presente la R.S.U., che adempie a tutte le funzioni previste dal contratto e consulta i lavoratori in assemblee annuali sull utilizzo del fondo incentivante e su alcuni aspetti della contrattazione, come l assegnazione dei docenti alle classi. I lavoratori quindi possono rivolgersi ai loro rappresentanti od ai sindacati per tutelare il loro lavoro. A livello dei docenti sono istituite numerose commissioni (da quella del POF, alla Continuità, a quella del Disagio ) nelle quali è possibile esprimere la propria professionalità e collaborare per condurre l istituzione scolastica nei parametri stabiliti. Le commissioni si confrontano poi negli organi collegiali (Collegio Docenti). I responsabili di plesso sono docenti che hanno una responsabilità di tipo organizzativo e operano per favorire la collaborazione. E presente un Servizio Prevenzione e Protezione ADEGUATO; in particolare l RLS Rangeloni Sandra ed il coordinatore Galizzi Bernardo hanno avuto formazione adeguata ed a loro possono rivolgersi direttamente o indirettamente tutti i lavoratori senza particolari formalità e senza limitazione. Anche i genitori partecipano alle decisioni nel Consiglio di Istituto e nei Consigli di Interclasse. Tutto ciò significa che l Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco è una struttura con un DISCRETO livello di partecipazione e collaborazione. Anche se la discussione può essere aspra e conflittuale, in genere si arriva ad una sintesi democratica e rispettosa della convivenza dei diversi punti di vista. La struttura organizzativa, di tipo gerarchico ma con molteplici livelli partecipativi e propositivi di tipo orizzontale, porta ad assumere che nell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco il rischio da stress lavoro correlato è R=2,5 MEDIO/BASSO. D) Sintesi della valutazione del rischio da stress da lavoro Nell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco il rischio da stress lavoro correlato è valutato R=2,5 MEDIO/BASSO per tutte le categorie di lavoratori. Procedure Il rischio valutato medio/basso non esclude la possibilità che nel futuro si verifichi uno o più casi da stress lavoro correlato. La stessa valutazione è soggetta a continui aggiornamenti, dovuti non solo al cambiamento di situazioni oggettive (cosa che vale per tutti gli altri rischi presenti nel Documento della Valutazione dei Rischi), ma anche ai vissuti ed alle relazioni dei lavoratori. Per favorire la presa di coscienza del problema e per informare i lavoratori tale documento verrà spiegato a tutti i lavoratori all inizio dell anno scolastico 2009/10, pur essendo formalmente approvato nel maggio Qualora emergessero situazioni, segnalate da uno o più lavoratori, riguardanti lo stress da lavoro correlato, si stabilisce la seguente procedura: 1) Il lavoratore interessato segnala il possibile problema a. a uno dei componenti del Servizio Prevenzione e Protezione (dirigente scolastico Bonzi Franco, coordinatore Bernardo Galizzi, RLS Rangeloni Sandra) Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 7

8 b. allo psicologo dell Istituto c. al DSGA d. a un componente delle RSU. Il lavoratore deve acconsentire (anche verbalmente) al trattamento del problema da parte dei componenti del Servizio Prevenzione e Protezione che sono tenuti al più stretto riserbo. Il Servizio Prevenzione e Protezione in casi gravi (ad esempio nel caso sia necessario salvaguardare la sicurezza e la salute degli alunni e /o dei lavoratori) può attivarsi indipendentemente da segnalazioni da parte della persona interessata e procedere direttamente al punto seguente (punto 2). 2) Il Servizio Prevenzione e Protezione si consulta al proprio interno; la decisione deve essere sempre collegiale, in quanto le misure adeguate a prevenire, eliminare o ridurre lo stress da lavoro potrebbero toccare aspetti dell organizzazione legati a credenze, valori, tradizioni profondamente sentiti da una sola persona. Pur essendo il datore di lavoro (dirigente scolastico) responsabile della prevenzione dei rischi, in questo caso, come emerge anche dall accordo europeo, potrebbe non essere la persona idonea a stabilire le misure necessarie. Tale considerazione vale anche per ogni altra singola persona, per cui in questa fase della procedura viene richiesta la collegialità. Se necessario, e con il consenso del lavoratore, il Servizio Prevenzione e Protezione è integrato dalla presenza della DSGA Belotti Noemi. Il Servizio Prevenzione e Protezione potrà attivare, anche con la consulenza dello psicologo dell Istituto, forme di supporto sociale, di ascolto e di condivisione del problema. Su alcune questioni potrebbe essere investita la R.S.U. oppure consultati i lavoratori (ad esempio tutti gli ATA, o tutti i docenti, o solo i docenti o ATA di un determinato plesso o i docenti di una classe/sezione). Nei casi gravi il lavoratore dovrà essere adibito temporaneamente ad altre mansioni. 3) Qualora non sia chiara la valutazione del rischio, oppure non vengano trovate soluzioni, oppure le soluzioni adottate non producano effetto, previo assenso del lavoratore interessato viene nominato all uopo un medico del lavoro competente che farà una propria valutazione nei modi previsti dalla normativa. Revisione del documento Il presente documento fa parte a tutti gli effetti del Documento della Valutazione dei Rischi presente in ogni scuola dell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco; dovrà essere rivisto nel caso di cambiamenti dell organizzazione del lavoro, dall emergere di nuovi dati e valutazioni, dalla denuncia di casi di stress da lavoro correlato all interno dell Istituto Comprensivo, dall emanazione di nuove disposizioni regolamentari o di legge. Firme Datore di lavoro e RSPP Franco Bonzi Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Alessandra Rangeloni Coordinatore del Servizio Prevenzione e Protezione Bernardo Galizzi San Giovanni Bianco, 22 maggio 2009 Protocollo n 1255/A36 Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 8

9 Allegato A-> Questionario sullo stress da lavoro per il personale assunto a tempo indeterminato dell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco Il presente questionario è strettamente personale, riservato, anonimo e compilato su scelta volontaria. E da deporre nell urna appositamente predisposta nell atrio della scuola media, chiuso nella busta apposita, entro le ore 14 del 30 aprile 2009 (l urna è sigillata come per le votazioni). 1) RITIENE, A PARTIRE dal settembre 2003, DI AVER SOFFERTO DI QUESTI DISTURBI A CAUSA DEL LAVORO CHE HA SVOLTO nell Istituto Comprensivo di San Giovanni Bianco? a) disturbi dell alimentazione (ad esempio poca voglia di mangiare oppure mangiare in eccesso) b) disturbi gastroenterici (come ulcera e colite) c) disturbi cardiocircolatori (come l ipertensione) d) cefalee (frequenti mal di testa) e) disturbi del sonno (difficoltà ad addormentarsi, risvegli precoci o frequenti) f) disturbi urogenitali e sessuali (ad esempio alterazioni mestruali, incontinenza, impotenza) g) alcolismo h) dipendenza da droghe i) consumo di psicofarmaci NO IN PARTE SI 2) SI RICONOSCE IN QUESTE AFFERMAZIONI? Mi riconosco in queste affermazioni QUASI MAI POCO MOLTO MOLTISSIMO a) Non riesco più ad interessarmi al lavoro, non mi dà soddisfazione Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 9

10 Mi riconosco in queste affermazioni QUASI MAI POCO MOLTO MOLTISSIMO b) Mi sento poco valorizzato nel lavoro c) Non riesco a migliorare il mio lavoro d) Mi sento incapace, non riesco a fare quello che mi viene richiesto e) Il lavoro prosciuga tutte le mie energie f) Il lavoro è una preoccupazione continua, ci penso sempre e non riesco a staccare g) Sul lavoro sono irritato con gli altri (colleghi utenti - alunni) anche per motivi banali h) Devo sempre subire le decisioni prese dagli altri i) Penso di non poter esprimere le mie idee e giudizi j) I responsabili non capiscono le mie esigenze k) Il mio lavoro è male organizzato l) Mi sento preso di mira da un collega o da un superiore 3) SPAZIO LIBERO PER OSSERVAZIONI Chiudere nella busta fornita col questionario deporre nell urna predisposta nell atrio della scuola media entro le ore 14 del 30 aprile 2009 Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 10

11 Allegato B-> Criteri di valutazione del questionario 1) Alle nove domande della prima parte (disturbi psicosomatici): RITIENE DI AVER SOFFERTO DI QUESTI DISTURBI? NO IN PARTE SI punteggio La valutazione complessiva dei questionari (di questa prima parte) non è la media aritmetica di tutti i punteggi, ma la media del punteggio più alto di ciascun questionario. Il fattore di rischio è il numero decimale più vicino approssimato allo 0,5 o all intero (esempio media dei valori più alti = 1,3 -> arrotondamento a 1,5 e fattore di rischio R1/R2 basso). Inoltre viene redatta una tabella con la frequenza di risposte per ogni sintomo. 2) Alle dodici domande della seconda parte (sei sulla percezione e realizzazione di sé nel lavoro, sei sugli aspetti organizzativi e relazionali): SI RICONOSCE IN QUESTE AFFERMAZIONI? QUASI MAI POCO MOLTO MOLTISSIMO punteggio La valutazione complessiva dei questionari (seconda parte) non è la media di tutti i punteggi, ma della media aritmetica più alta tra quella delle prime sei domande (percezione di sé) e delle ultime sei domande (organizzazione e relazione). Ad esempio la media nelle prime domande potrebbe essere 2 e nelle ultime 3: si prende come valore della seconda parte del questionario questo ultimo (il 3). Il fattore di rischio è la media di queste medie più alte ed è il numero decimale più vicino approssimato allo 0,5 o all intero(esempio media delle medie più alte = 3,1 -> arrotondamento a 3 e fattore di rischio R3 medio). Inoltre viene redatta una tabella con la frequenza di riconoscimento per ogni affermazione. 3) I due valori di rischio così ottenuti vengono mediati (sempre con arrotondamento allo 0,5) per ottenere la valutazione di rischio complessiva risultante dal questionario. Le tabelle ottenute possono essere utili per valutare qualitativamente il rischio. Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 11

12 Allegato C-> Grafici relativi al questionario 1) disturbi psicosomatici 40% del sonno 35% cefalee 30% 25% gastroenterici 20% alimentazione cardiocircolatori 15% 10% 5% sessualialcolismo droghepsicofarmaci 0% 40% 35% 30% 2) PERCEZIONE DI Sé prosciugamento energie 25% 20% 15% 10% 5% 0% mi sento poco valorizzato non riesco a non riesco ad migliorare interessarmi mi sento incapace non riesco a staccare 40% 3) fattori organizzativi e sociali 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% non posso subire decisioniesprimermi sempre irritato non mi capiscono lavoro male organizzato mi sento preso di mira 0% Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 12

13 Allegato D-> Revisioni e misure intraprese nel tempo DATA e FIRME Datore di Lavoro -RSPP- RLS MISURE INTRAPRESE, AGGIUNTE O MODIFICHE AL DOCUMENTO Stress da lavoro correlato Istituto Comprensivo San Giovanni Bianco Pagina 13

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO Quello che un datore di lavoro deve sapere per effettuare una corretta valutazione dello stress lavoro correlato STRESS LAVORO CORRELATO: di cosa si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA. ANALISI DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO ATA - marzo 2015 -

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA. ANALISI DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO ATA - marzo 2015 - IC BASEGGIO VE-Marghera pag. 1/8 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA ANALISI DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO ATA - marzo 2015 - Valutazione del rischio

Dettagli

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO Di FORMAZIONE ASL CN2 ALBA-BRA 05/07/2012 Dr. Musto Domenico Dirigente Medico S.Pre.S.A.L. ASL AT Asti D.L.GS 81/2008 E RISCHI DA

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA'

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA' Questionari Distribuiti n 89 Elaborati n di cui in bianco n ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA VALUTAZIONE e QUALITA' ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 Rilevazione della qualità del servizio

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO Spinea, 3 giugno 2010 IMPEGNO DEL COMITATO ANTI-MOBBING Sensibilizzare amministrazioni, dirigenti e dipendenti

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO 1 Introduzione. La gestione della salute e sicurezza in azienda assume un importanza sempre maggiore non solo al fine

Dettagli

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO Insegnanti incaricate: Muraca Rita Silvana, Raffaela Messina e Giuseppina Elicrisio

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA per STUDENTI con DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA): DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA.

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA per STUDENTI con DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA): DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA. PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA per STUDENTI con DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA): DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA. Sommario PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA per STUDENTI con DISTURBI SPECIFICI

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO SCOPO E OBIETTIVI L obiettivo aziendale di realizzare e mantenere per i dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, sano

Dettagli

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE del

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI

MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI Pag. 1 di pag. 5 NORME UNI EN ISO 9001 : 2008 MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. PROCEDURA 4.1 Obiettivi e tempi della comunicazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "ALVARO - GEBBIONE" 89100 REGGIO CALABRIA Via Botteghelle, 29. Tel. 0965/621049 - Fax 0965/591683 e-mail rcic870003@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO ALVARO - GEBBIONE 89100 REGGIO CALABRIA Via Botteghelle, 29. Tel. 0965/621049 - Fax 0965/591683 e-mail rcic870003@istruzione. ISTITUTO COMPRENSIVO "ALVARO - GEBBIONE" 89100 REGGIO CALABRIA Via Botteghelle, 29 C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 Tel. 0965/621049 - Fax 0965/591683 e-mail rcic870003@istruzione.it Allegato al POF I CRITERI

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

Questionario insegnante

Questionario insegnante Questionario insegnante Anno Scolastico 2014/15 INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini, 5 Villa Falconieri 00044 Frascati (Roma)

Dettagli

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti LA TRASPARENZA E PRIVACY E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti della scuola che riguardano il percorso scolastico e formativo dei propri figli secondo le modalità

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo

Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo maria paola cogotti L articolo 28, co. 1, D.Lgs. n. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni, ha chiarito che Lo

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA 02 30/09/2006 SOMMARIO

PROCEDURA GESTIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA 02 30/09/2006 SOMMARIO Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RESPONSABILITÀ...2 3 FLOW ATTIVITÀ...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 4 RACCOLTA DATI E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONEERRORE. IL SEGNALIBR

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

Stress - Panorama legislativo

Stress - Panorama legislativo Lo Stress lavoro-correlato La valutazione del rischio stress lavoro correlato Stress - Panorama legislativo Accordo- quadro Europeo 8 ottobre 2004 Art. 28 del D.Lgs. n.81/2008 Valutazione del rischio stress

Dettagli

RELAZIONE FINALE QUESTIONARI DI AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. CEDERLE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

RELAZIONE FINALE QUESTIONARI DI AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. CEDERLE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Dipartimento della Programmazione - D.G. per gli Affari Internazionali Ufficio V Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO COSA E LO STRESS Lo stress è una risposta naturale dell organismo che permette di affrontare situazioni percepite come problematiche

Dettagli

Indagini sul personale dipendente

Indagini sul personale dipendente AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Indagini sul personale dipendente Gentile Collega, La ringraziamo per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

Autovalutazione di istituto

Autovalutazione di istituto I.C. "Dante Alighieri" - Aulla Autovalutazione di istituto Nel mese di aprile 2015 sono stati somministrati dei questionari in forma anonima per verificare il livello di gradimento del servizio offerto.

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Regolamento di istituzione e funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO Prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione del benessere organizzativo SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE

Dettagli

Come affrontare lo stress lavorativo

Come affrontare lo stress lavorativo V Convegno del Coordinamento Donne CIMO LA DONNA IN SANITÀ : UNA RISORSA, UNA CRITICITÀ, UNA FORZA MOTRICE DEL MIGLIORAMENTO IN SANITÀ Come affrontare lo stress lavorativo Antonia Ballottin ULSS 20 VERONA

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

A) Pensi alla Sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e indirizzi di studio. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

A) Pensi alla Sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e indirizzi di studio. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni? Questionario insegnante A) Pensi alla Sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e indirizzi di studio. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni? Indichi una risposta per ogni riga.

Dettagli

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Totale rappresentanti genitori: 22 Totale questionari cartacei distribuiti: 22 Totale questionari ricevuti:

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Premessa La valutazione del grado di soddisfazione degli utenti rappresenta un importante aspetto nella gestione di qualsiasi organizzazione,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti"

Istituto Tecnico Statale per il Turismo Francesco Algarotti Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti" REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE L Istituto Algarotti, nell ambito del Piano dell Offerta Formativa, ogni anno propone ai propri studenti Uscite

Dettagli

COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 16/02/2012 Articolo 1 Costituzione La Commissione Mensa scolastica

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

Prot. n. 6802 Saponara, 17/10/2015. AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL R.S.P.P. (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione)

Prot. n. 6802 Saponara, 17/10/2015. AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL R.S.P.P. (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione) ISTITUTO COMPRENSIVO SAPONARA Via Firenze - Saponara (ME) - Tel. /Fax 090/333120 Via Antonello Spadafora Tel./Fax 090/9941778 Corso della Libertà, 86 Rometta Marea Tel./Fax 090/9961742 Cod. fiscale: 97062220831

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO FASE -VALUTAZIONE INDICATORI OGGETTIVI STRESS LAVORO CORRELATO La valutazione dello stress lavoro correlato prevede la compilazione di una Check

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO IN QUESTA SCUOLA SI ATTUANO PROGETTI PON I.C. 3 de Curtis Ungaretti ad Indirizzo Musicale Scuola dell Infanzia -Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Sede Centrale: Via Viola, 20 80056, Ercolano

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2012-2013 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 14 giugno 2013

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali Napoli, li 23 settembre 2015 Prot. n 5386 Tit. A/11 All Albo scolastico dell Istituto Tecnico Settore Tecnologico Url: http://www.itimariecurie.gov.it/ Avviso pubblico di selezione per conferimento incarico

Dettagli

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 Istituto Comprensivo Dante Alighieri Via Giustiniano7 -Trieste Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 I questionari sono stati distribuiti agli alunni

Dettagli

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA COMUNE DI POLLENA TROCCHIA PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 i (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 26.02.2015) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

BOZZA a cura della Cisl Scuola

BOZZA a cura della Cisl Scuola BOZZA a cura della Cisl Scuola IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Attuazione normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (CCNL art. 6 comma 2 lettera k) Istituto/Circolo - a.s./.. L'anno

Dettagli

a.s. 2015/ 2016 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3:

a.s. 2015/ 2016 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3: a.s. 2015/ 2016 AREA 3: RESPONSABILE E COORDINATORE DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI E CON DIFFICOLTA SPECIFICA DI APPRENDIMENTO (DSA) NOMINATIVO DEL RESPONSABILE

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE VISITE GUIDATE E DEI VIAGGI D ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLE VISITE GUIDATE E DEI VIAGGI D ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Via Baranzate n. 8 20026 NOVATE MILANESE (MI) Tel. 02/3564884 Tel. 02/38201592 e fax 02/38202307 C.F. 80129670156 Cod. Mecc. MIIC8DB00D - E-MAIL : MIIC8DB00D@istruzione.it

Dettagli

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni TITOLO K ORGANI COLLEGIALI I - COLLEGIO DOCENTI Art. K 1. Competenze e composizione Il Collegio docenti ha le competenze ad esso attribuite dalla legge (D.l.vo n. 297/1994 e successive modificazioni).

Dettagli

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Le istituzioni

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Ing. Roberto Scarparo SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 28 DEL D.Lgs. 8/2008 VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DIPENDENTE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DIPENDENTE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 167 del 28.12.2011 INDICE 1. OBIETTIVI, PRINCIPI, CONTENUTI, RUOLI 1.1 Obiettivi... p.

Dettagli

RAV rapporto di autovalutazione Luglio 2015

RAV rapporto di autovalutazione Luglio 2015 RAV rapporto di autovalutazione Luglio 2015 Dati oggettivi ricavati da Intranet dal SIDI, Segreteria della scuola ecc Dati oggettivi ricavati dal POF, contrattazione Istituto ecc Dati sull ambiente di

Dettagli

Questionario genitori Scuola Primaria

Questionario genitori Scuola Primaria www.survio.com 23/06/2015 11:32:42 Generale Nome sondaggio Questionario genitori Scuola Primaria Autore ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE SUD Lingua Italiano URL Sondaggio http://www.survio.com/survey/d/i9m4l2p7a9r4a1j9r

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusività

Piano Annuale per l Inclusività Piano Annuale per l Inclusività Anno Scolastico 2015-2016 Premessa del dirigente scolastico... 2 Parte 1 Analisi dei punti di forza e di criticità... 3 Rilevazione dei BES presenti... 3 Risorse professionali

Dettagli

SEZIONE III - DISPOSIZIONI USCITE DIDATTICHE E VIAGGI D ISTRUZIONE

SEZIONE III - DISPOSIZIONI USCITE DIDATTICHE E VIAGGI D ISTRUZIONE SEZIONE III - DISPOSIZIONI USCITE DIDATTICHE E VIAGGI D ISTRUZIONE Art. 52 Normativa di riferimento La presente materia è disciplinata: C.M. n. 291 del 1992 (disciplina l intera materia); C.M. n. 623 del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Il presente documento fornisce, in forma schematica, sintetiche indicazioni relative alle sequenza dei principali adempimenti

Dettagli

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Giovanni Battista Bartolucci SEMINARI DI MEDICINA DEL LAVORO 2008 Benessere organizzativo e prevenzione del disagio in ambiente di lavoro

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

I rischi da stress lavoro correlato

I rischi da stress lavoro correlato I rischi da stress lavoro correlato dr.ssa Elena Padovan Psicologa del Lavoro Logo Soggetto Attuatore Stress lavoro correlato D.Lgs 81/2008 art. 28 La valutazione ( ) deve riguardare tutti i rischi per

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE CARSOLI Infanzia,Primaria,Scuola Media e Liceo Scientifico Via IX

Dettagli

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774 Breve estratto dell intervento: Conseguenze cliniche e psicologiche del mobbing: malattie professionali, conseguenze sul nucleo familiare, ricadute sociali e individuali L intervento si propone un esposizione

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/08 Prima del D.Lgs 626/94 il lavoratore era visto come un soggetto passivo destinatario delle misure

Dettagli

Bilancio SA8000:2008

Bilancio SA8000:2008 Bilancio SA8000:2008 2010 30 luglio 2011 Il Presidente Fabio Pini Bilancio Sociale SA 8000:2008 anno 2009 Pagina 1 Indice Leggi di Riferimento per la Cooperativa pag. 03 Requisiti della norma SA8000 Lavoro

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola

BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola Il corretto funzionamento degli Organi Collegiali, nonostante limiti e difetti, è oggi un importante presupposto per una partecipazione

Dettagli

VERBALE DELLA SEDUTA DI INFORMAZIONE DEL 6 MAGGIO 2016 CRITERI DI VALORIZZAZIONE DOCENTI A.S. 2015/16

VERBALE DELLA SEDUTA DI INFORMAZIONE DEL 6 MAGGIO 2016 CRITERI DI VALORIZZAZIONE DOCENTI A.S. 2015/16 VERBALE DELLA SEDUTA DI INFORMAZIONE DEL 6 MAGGIO 2016 CRITERI DI VALORIZZAZIONE DOCENTI A.S. 2015/16 Il giorno 6 maggio 2016 alle ore 13,10 nel locale di presidenza dell istituto, si tiene la seduta di

Dettagli

INDICAZIONI DI BASE PER LA PRIMA SEGNALAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA SCOLASTICA O IN SITUAZIONE DI DISAGIO

INDICAZIONI DI BASE PER LA PRIMA SEGNALAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA SCOLASTICA O IN SITUAZIONE DI DISAGIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LONGARONE scuole dell infanzia, primaria e secondaria di I grado Piazza Mazzolà, 1 32013 Longarone Tel. 0437 770209 Fax 0437 576168 e_mail: blic82100c@istruzione.it sito web: www.comprensivolongarone.info

Dettagli

Regolamento Civica Scuola di Lingue

Regolamento Civica Scuola di Lingue Regolamento Civica Scuola di Lingue Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. xx del xx.xx.xxxx In vigore dal xxxxxxxxx I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza, 20 A cura del

Dettagli

PROGETTO DI SETTORE - ANNO 2012

PROGETTO DI SETTORE - ANNO 2012 Tel.0438/587101 Fax 0438/587617 PROGETTO DI SETTORE - ANNO 2012 Area: PSICOLOGICA Centro di responsabilità: Responsabile: Secondo referente: dr. Giovanni Sallemi 1 Centro di responsabilità Responsabile

Dettagli

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale)

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata

Dettagli

PREMESSO. Prot. n. 5350/B18 Roma, 13.10.2015

PREMESSO. Prot. n. 5350/B18 Roma, 13.10.2015 Ministero dell Istruzione. Dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via G. Messina Via G. Messina, 51 00173 ROMA 06/7210164 FAX 06/72970364 18 Distretto

Dettagli

ISTITUTI SCOLASTICI PARITARI SCUOLA DOMANI

ISTITUTI SCOLASTICI PARITARI SCUOLA DOMANI 1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI SCUOLA PARITARIA ARTICOLO 1) - Ente gestore 1.1 Denominazione Istituti Scolastici Paritari Scuola Domani S.r.l. è l ente gestore dell Istituto Tecnico Commerciale

Dettagli