EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi."

Transcript

1 LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT

2 RISK MANAGEMENT

3 IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL EVENTO E CHE POSSA DETERMINARE (NEGATIVAMENTE MA ANCHE POSITIVAMENTE) UNA PERDITA (O UN GUADAGNO) si misura in termini di probabilità il concetto di rischio è molto ampio (non solo tema legato alla sicurezza) IL RISK MANAGEMENT E IL PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE, VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO.

4 LE CATEGORIE DI RISCHIO LE CATEGORIE DI RISCHIO SONO NUMEROSE: DISASTRI NATURALI uno dei rischi più temuti prima e durante l evento (il piano di evacuazione impatta sulla sicurezza) RISCHI FINANZIARI costi inattesi, incassi bassi, frodi, multe RISCHI LEGALI dispute legali con il cliente-committente.

5 LE CATEGORIE DI RISCHIO LE CATEGORIE DI RISCHIO SONO NUMEROSE: RISCHI TECNOLOGICI malfunzionamenti tecnici (network computerizzati: rischio della perdita delle liste dei partecipanti) CATTIVA GESTIONE un evento importante con un manager incapace SICUREZZA incidenti, risse, sabotaggi, atti di terrorismo RISCHI LEGATI ALLA PECULIARITA DEGLI SPORT pensiamo alla sicurezza delle persone (atleti, spettatori) in alcuni sport motoristici

6 RISK MANAGEMENT LE STRATEGIE DI RISK MANAGEMENT DEVONO ESSERE MESSE IN ATTO DURANTE LE SEGUENTI FASI DEL PROGETTO: SVILUPPO DEL CONCETTO E DELLE STRATEGIE DI MARKETING in cui si identificano i rischi strategici PLANNING DELLA LOGISTICA: in cui si identificano i rischi operativi (per es. la registrazione, la ticket policy) PIANIFICAZIONE DELLA SICUREZZA: strutture (ed equipaggiamenti) e cibo

7 IL PROCESSO DI RISK MANAGEMENT 1 VERIFICARE IL CONTESTO IDENTIFICARE I RISCHI ANALIZZARLI VALUTARLI GESTIRLI

8 LA VERIFICA DEL CONTESTO CONTESTO STRATEGICO valutare la situazione macroeconomica, i trend turistici, la politica, i social trend, lo stato dei competitors CONTESTO ORGANIZZATIVO ad es. il mercato, i prodotti, il timing CONTESTO DELLA GESTIONE DEI RISCHI ad es. il terrorismo e comunque le minacce specifiche alla sicurezza

9 IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI IL BRAINSTORMING PUO ESSERE UTILE PER INDIVIDUARE I RISCHI AD ESEMPIO, PROVATE A RISPONDERE ALLE SEGUENTI DOMANDE: quali sono le cose peggiori che possono accadere? dove siamo esposti? quali sono le cose migliori che possono accadere? come le affrontiamo?

10 POSSIBILI RISCHI COMPORTAMENTO UMANO arriva una star inaspettata (grande esposizione e gran folla) membri della security feriscono un fan il senior manager nasconde le perdite TECNOLOGIA rottura dell apparato di videoconference le apparecchiature non sono compatibili con la location il tecnico specialista lascia l azienda SALUTE intossicazione da cibo denuncia per accusa di fumo passivo

11 POSSIBILI RISCHI ECONOMIA contrazione nei consumi da parte delle famiglie minor afflusso turistico LEGALE ad es.: si va in causa con lo sponsor POLITICA riduzioni di fondi per iniziative ed eventi (cultura in particolare) EQUIPAGGIAMENTO i fan distruggono le strutture gli equipaggiamenti affidati non rispettano gli standard di sicurezza

12 POSSIBILI RISCHI AMBIENTE la comunità locale protesta per rumore o traffico minor afflusso turistico EVENTI NATURALI...

13 ANALIZZARE I RISCHI I RISCHI VANNO ANALIZZATI SOPRATTUTTO DA DUE PUNTI DI VISTA: quali sono le conseguenze e gli impatti sull evento? qual è la probabilitè che accadano?

14 ANALIZZARE I RISCHI UNA VOLTA CLASSIICATI GLI IMPATTI E LA PROBABILITA DEL RISCHIO, OCCORRE VALUTARE IL LIVELLO DI RISCHIO E DECIDERE QUALI RISCHI CONSIDERARE RISCHIO PER RISCHIO VA FATTO UN PIANO DI PREVENZIONE E CONTINGENZA IL COSIDDETTO PIANO B

15 PIANI DI CONTINGENZA ALCUNI DI ESSI SONO OBBLIGATORI PER LEGGE AD ES. USCITE DI SICUREZZA, SISTEMA ANTINCENDIO, ECC I PIANI DI CONTINGENZA SONO SICURAMENTE PREVISTI PER: impedire l accesso al pubblico in determinate zone la perdita di energia elettrica la caduta della rete di telecomunicazione riparare i danni causati da acqua e fumo contaminazione dell acqua e dell aria esplosioni persone intrappolate

16 I RISCHI ALLA SICUREZZA INCLUDONO furto del contante furto dei beni della location ingressi abusivi ingressi vietati nelle zone off limit atti vandalici insufficiente numero dei membri della security scarsa professionalita della security uso di forza eccessiva da parte della security

17 GESTIONE DEI RISCHI PER GESTIRE I RISCHI, BISOGNA COMPRENDERE LE OPZIONI A DISPOSIZIONE (ED IL COSTO) AD ESEMPIO, POSSIAMO: evitarli ridurre le probabilita che accadano (mettendo in atto programmi di prevenzione) ridurre la severita delle conseguenze (contingency plan per pronto soccorso) condividerli (trasferimento a terzi: outsourcing e assicurazioni) accettarli metterli a budget

18 IL TRATTAMENTO DEI RISCHI NELLA GESTIONE DEI RISCHI VA CONSIDERATO: LA FONTE DEL RISCHIO come nasce il rischio? L EVENTO cosa succede? PRIORITA che priorità ha questo rischio verso gli altri? PROBABILITA quasi certo, probabile, possibile, raro? CONSEGUENZE ignorabile, minore, moderato, severo LIVELLO DI RISCHIO estremo, alto, moderato, basso?

19 IL TRATTAMENTO DEI RISCHI NELLA GESTIONE DEI RISCHI VA CONSIDERATO: TRATTAMENTO trasferiamo il rischio o lo affrontiamo? RESPONSABILITA chi e responsabile della gestione dei rischi? RISORSE NECESSARIE quali risorse fisiche ed umane sono necessarie per gestire il rischio? SISTEMA DI MISURAZIONE come sapere se il risk management funziona? TIMETABLE quando viene sviluppata l opzione di trattamento?

20 CRISIS MANAGEMENT

21 CRISIS MANAGEMENT IL RISK MANAGEMENT E UN PROCESSO CONTINUATIVO: INIZIA NELLA FASEDI PLANNING E SEGUE L EVENTO MINUTO PER MINUTO ma cosa succede se ACCADE IL PEGGIO?

22 CRISIS MANAGEMENT SI TRATTA DI QUEL PROCESSO ORDINATO DI ATTIVITA CHE VA DALLA PREVISIONE DELLA CRISI (RISK MANAGEMENT) FINO ALLA GESTIONE DELLA STESSA LA CRISI APPARE CARATTERIZZATA DA TRE ASPETTI FONDAMENTALI: ECCEZIONALITA DELL EVENTO CRITICO VISIBILITA DELL EVENTO NEGATIVO E DEI SUOI EFFETTI ALL ESTERNO LEGATA: 1. Importanza dell azienda e immagine presso il pubblico 2. Area geografica interessata dalla crisi 3. Conseguenze pratiche verso i diversi pubblici NECESSITA DI UNA RISPOSTA TEMPESTIVA ED ESAUSTIVA I pubblici coinvolti hanno esigenza di essere informati in modo veloce e chiaro

23 PROCESSO DI CRISIS MANAGEMENT DURANTE LA CRISI: si costituisce il crisis management team si prepara il piano di comunicazione di crisi ed il manuale di crisi (proncipi e procedure da seguire, azioni da compiere) verificare l efficiacia delle azioni comunicative DOPO LA CRISI: verificare l efficacia ex post delle azioni intraprese avviare il processo di apprendimento

24 LA COMUNICAZIONE DELLA CRISI BISOGNA indagare la natura della crisi (aree coinvolte, responsabilita, entita del danno e pubblici coinvolti) gestire le informazioni capire quali messaggi inviare e a chi cercare di fare sempre in modo che un problema diventi un opportunità

25 LA COMUNICAZIONE DELLA CRISI LA COMUNICAZIONE DEVE ESSERE: IMMEDIATA E COMPLETA evitare che notizie si diffondano da altre fonti CENTRALIZZATA un solo portavoce = coerenza SEMPRE AGGIORNATA sullo stato di avanzamento delle azioni intraprese TRASPARENTE che non nasconda le responsabilità MULTIDIREZIONALE che sia diretta a tutti i pubblici interni ed esterni

26 GRAZIE PER L ATTENZIONE Cristiano Habetswallner

NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI

NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI FIRE SAFETY ENGINEERING E RISK MANAGEMENT: La protezione antincendio all interno di un disegno di risk management Bologna - 29 novembre 2003 Ing. Lucio Silvio Casati

Dettagli

comunicare la crisi >>>>

comunicare la crisi >>>> comunicare la crisi tutto può precipitare in una crisi Catastrofi naturali attentati incidenti scalate ostili trans-fotografie copertine black-out cadute di sistemi paralisi dei collegamenti mucca pazza

Dettagli

Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli

Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli Comunicazione Istituzionale e reputazione d impresa Strumenti principali: Public Affairs Crisis Management Codice Etico, Bilancio Sociale e Sostenibilità

Dettagli

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia con il sostegno di propongono il percorso formativo RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia sede del corso: ISFOR 2000, via Pietro Nenni 30, Brescia periodo

Dettagli

Le Soluzioni IBM per la continuità operativa

Le Soluzioni IBM per la continuità operativa Le Soluzioni IBM per la continuità operativa Storage Expo 2006 Verona, 9 Maggio 2006 Sergio Resch IBM System Storage Solutions Manager sergio_resch@it.ibm.com Continuità operativa capacità di adattarsi

Dettagli

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe Business continuity per la PA Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma Generalità sul disaster recovery Disaster recovery e sicurezza Aspetti

Dettagli

Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3

Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3 Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3 PROMOSSO E ORGANIZZATO DA IN COLLABORAZIONE CON: 1/40 Risk management: collegamenti e sinergie con il Sistema Qualità Come visto nel precedente intervento,

Dettagli

CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI

CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT Anno Accademico 2013-2014 CORSO DI CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI FINALITÀ E DESTINATARI Perché parlare di Crisis Management?Prepararsi

Dettagli

2 Congresso Nazionale Banche Club TI

2 Congresso Nazionale Banche Club TI 2 Congresso Nazionale Banche Club TI Verona 24 giugno 2005 Paolo Cavazzuti Business Continuity Manager di Gruppo Auditorium del Banco Popolare di Verona e Novara Centro Servizi - Via Meucci, 5 - Verona

Dettagli

Gestione Proattiva di Minacce di Sicurezza. StoneGate Management Center White Paper

Gestione Proattiva di Minacce di Sicurezza. StoneGate Management Center White Paper Gestione Proattiva di Minacce di Sicurezza StoneGate Management Center White Paper Marco Rottigni 4/27/2007 Pag. 2 di 8 Sommario Capitolo 1 Introduzione 3 Capitolo 2 StoneGate Management Center Security

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Gianna Detoni, AFBCI Presidente di PANTA RAY BCI Italian Forum Leader 1 Roma, 9 ottobre 2015 AGENDA

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader

Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader Certificazione ISO 27001: l'esperienza IBM Certificazione ISO 27001: l'esperienza IBM Il caso di IBM BCRS Perchè certificarsi Il

Dettagli

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 Dott.ssa Speranza Sensi ASL 3 Genovese - Regione Liguria SICUREZZA SANITARIA GLOBALE gli impegni assunti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E

ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E CRESCITA DELLO STUDIO PROFESSIONALE Roberto Cunsolo Commercialista in Catania Catania 27 marzo 2014 Guida alla gestione dei piccoli e medi studi professionali Modulo 2:

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY DOTT. ALESSANDRO LEGA, CPP Managing Director di Traicon S.r.l. (Gruppo DAB) Nel percorrere il vasto territorio professionale che caratterizza

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI I Termini e Condizioni di seguito riportate costituiscono una parte integrante del contratto tra il cliente, da ora in avanti chiamato PARTECIPANTE e SERVICIOS TURISTICOS

Dettagli

La reputazione aziendale è frutto di duro lavoro. Non rischiate di rovinarla a causa di una cattiva gestione della supply chain.

La reputazione aziendale è frutto di duro lavoro. Non rischiate di rovinarla a causa di una cattiva gestione della supply chain. Supply Chain Management La reputazione aziendale è frutto di duro lavoro. Non rischiate di rovinarla a causa di una cattiva gestione della supply chain. Soluzioni e applicazioni di BSI per gestire e mitigare

Dettagli

Lezione Fasi di Attivazione e Pianificazione di un Evento

Lezione Fasi di Attivazione e Pianificazione di un Evento Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Fasi di Attivazione e di un Evento a.a. 2012/13 Dott. Mario Liguori 2. Attivazione Fase 2 Attivazione 2. Analisi di fattibilità

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT. Dott.ssa Lara Maini. Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013

IL RISK MANAGEMENT. Dott.ssa Lara Maini. Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013 IL RISK MANAGEMENT Dott.ssa Lara Maini Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013 1 RIFERIMENTI PER LO STUDIO P. Pignolo, La gestione e la ritenzione del rischio d impresa,

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 GLI ATTORI DELLA COMUNICAZIONE 1 MEDIA MODERNI, CONTEMPORANEI E UGC: il bombardamento

Dettagli

AEO e sicurezza dei sistemi informativi. Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008

AEO e sicurezza dei sistemi informativi. Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 AEO e sicurezza dei sistemi informativi Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Agenda La sicurezza delle informazioni: introduzione e scenario di riferimento La sicurezza

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

LA CORPORATE CAR POLICY. Ermanno Molinari Direttore Marketing Econometrica e Segretario Generale A.I.A.G.A.

LA CORPORATE CAR POLICY. Ermanno Molinari Direttore Marketing Econometrica e Segretario Generale A.I.A.G.A. Ermanno Molinari Direttore Marketing Econometrica e Segretario Generale A.I.A.G.A. 1. INTRODUZIONE Il documento di Car Policy aziendale: definisce i criteri di utilizzo ed assegnazione ai dipendenti dell

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ Angela Pietrantoni Managing Director cienze per la sicurezza consulting Garantire

Dettagli

Perché il Corso di Alta Formazione in Etica e Sicurezza all Aquila?

Perché il Corso di Alta Formazione in Etica e Sicurezza all Aquila? Perché il Corso di Alta Formazione in Etica e Sicurezza all Aquila? Il terremoto economico e finanziario che ha colpito il Pianeta ha preceduto di poco quello de L Aquila. I due fenomeni hanno fatto palesare

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

GL Solutions. da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato

GL Solutions. da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato ORBIT Overview GL Solutions da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato Associata al Consorzio ABILab Certificazioni BS25999 IBM Business

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK COMUNALE

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK COMUNALE Citta di Vico Equense Provincia di Napoli DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK COMUNALE 1 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Principi Art. 3 - Gestione della pagina e pubblicazione degli atti

Dettagli

CARTA DELLA SICUREZZA INFORMATICA

CARTA DELLA SICUREZZA INFORMATICA CARTA DELLA SICUREZZA INFORMATICA Premessa L Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) è un ente pubblico nazionale di ricerca a carattere non strumentale con autonomia scientifica, organizzativa, finanziaria

Dettagli

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Face to Face Marketing Comunicazione Eventi - Fundraising Ricerchiamo Location per la promozione della Vostra Causa Vi aiutiamo

Dettagli

Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it

Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it L effetto della gestione del rischio Resources Opportunity to Add Value Curve Cost of Modifying Curve Conception Planning Execution

Dettagli

Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi

Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi Luciano Veronese - RSA Technology Consultant Marco Casazza - RSA Technology Consultant 1 Obiettivi della presentazione Dimostrare come

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Il tuo partner strategico per la gestione delle ICT aziendali

Il tuo partner strategico per la gestione delle ICT aziendali Il tuo partner strategico per la gestione delle ICT aziendali Entro il 2024 L ammontare di informazioni che le imprese dovranno gestire aumenterà di 50 volte. Le risorse umane in campo IT aumenteranno

Dettagli

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA. LA GESTIONE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE: Principi e Linee Guida UNI ISO 31000:2010

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA. LA GESTIONE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE: Principi e Linee Guida UNI ISO 31000:2010 PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO LA GESTIONE DEL

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione ICT RISK MANAGEMENT Società KAPPA Introduzione Carlo Guastone, Convegno AIEA Analisi dei rischi, Verona 26 maggio 2006 APPROCCIO ALLA GESTIONE DEL RISCHIO Definizioni Metodologie per il Risk Management

Dettagli

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda Fabio Tamburini Premessa Il business plan uno strumento a disposizione dell impresa per la pianificazione finanziaria a supporto

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (approvate con deliberazione di Giunta comunale n. 17 del 28 febbraio 2015)

CITTÀ DI AVIGLIANO. (approvate con deliberazione di Giunta comunale n. 17 del 28 febbraio 2015) CITTÀ DI AVIGLIANO LINEE GUIDA E POLICY PER L UTILIZZO DEI CANALI SOCIAL MEDIA DA PARTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO E PER LA GESTIONE DEI CONTENUTI ISTITUZIONALI SUL WEB (approvate con deliberazione di Giunta

Dettagli

Unità Didattica S ISO 27001 SGSI. Docente: Ing. Rutilio Mazza

Unità Didattica S ISO 27001 SGSI. Docente: Ing. Rutilio Mazza Unità Didattica S ISO 27001 SGSI Docente: Ing. Rutilio Mazza Cosa significa SGSI Sistema (modo di operare - metodo) Gestione (organizzazione - coordinamento di risorse in processi e attività) Sicurezza

Dettagli

Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto

Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto 1. Definizione e Componenti Definizione del Controllo Interno Che cosa ci si può attendere dal Controllo Interno Che cosa non ci si può attendere dal

Dettagli

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio Convegno La gestione integrata della safety e della security aziendale e il ruolo del security manager ANMIL 22 Ottobre 2014 Bologna Penetrazione jihadista nel mondo nel 2011 In giallo evidenziati i Paesi

Dettagli

Presentazioni. Andrea Zapparoli Manzoni. Founder, General Manager, Security Brokers. Founder, CEO, idialoghi

Presentazioni. Andrea Zapparoli Manzoni. Founder, General Manager, Security Brokers. Founder, CEO, idialoghi Presentazioni Andrea Zapparoli Manzoni Founder, General Manager, Security Brokers Founder, CEO, idialoghi Membro Osservatorio Sicurezza Nazionale (OSN) CD Assintel CDe Docente Clusit(SCADA, Social Media

Dettagli

Gara per l affidamento triennale della gestione dei social media della Reggia di Venaria 2015-2018

Gara per l affidamento triennale della gestione dei social media della Reggia di Venaria 2015-2018 Gara per l affidamento triennale della gestione dei social media della Reggia di Venaria 2015-2018 Introduzione. Le prime attività sui social network riconducibili a La Venaria Reale sono state avviate

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.)

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) Il gestore unico della sicurezza in azienda Quando la sicurezza va in rete IVU Global Service S.r.l. (gruppoivu S.p.A.) Via RinaMonti, 15 00155 Roma Tel +39

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA La Sicurezza Informatica e delle Telecomunicazioni (ICT Security) VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA Auto Valutazione Allegato 1 gennaio 2002 Allegato 1 Valutazione del livello di Sicurezza - Auto Valutazione

Dettagli

Cyber Security e Social Networks: Minacce, Rischi e Contromisure. Padova, 10 Settembre 2015

Cyber Security e Social Networks: Minacce, Rischi e Contromisure. Padova, 10 Settembre 2015 Cyber Security e Social Networks: Minacce, Rischi e Contromisure Padova, 10 Settembre 2015 1 Agenda TASSONOMIA DEGLI AGENTI OSTILI E DELLE MINACCE ATTACCHI RECENTI E RELATIVI IMPATTI SCENARI DI RISCHIO

Dettagli

IESBA Code. Principi fondamentali dello IESBA Code Integrità Obiettività Diligenza e competenza professionale Riservatezza Comportamento professionale

IESBA Code. Principi fondamentali dello IESBA Code Integrità Obiettività Diligenza e competenza professionale Riservatezza Comportamento professionale Modulo 7 La gestione dei rischi nello Studio Professionale Corrado Baldini Dottore Commercialista Studio Silva & Guarnieri Associati Membro del gruppo di lavoro italiano SMP Management Guide 1 Agenda Professionalità

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

Definizioni e interpretazione In questa Privacy Policy i seguenti termini hanno il seguente significato:

Definizioni e interpretazione In questa Privacy Policy i seguenti termini hanno il seguente significato: PRIVACY POLICY Definizioni e interpretazione In questa Privacy Policy i seguenti termini hanno il seguente significato: Sito internet Significa www.famemusic.com Contenuto Significa qualsiasi testo, grafica,

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

I PIANI SPECIFICI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI IDRICI. Ing. Lorenza MEUCCI Dirigente Laboratori, Ricerche e Controlli Centro Ricerche SMAT SMAT SpA

I PIANI SPECIFICI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI IDRICI. Ing. Lorenza MEUCCI Dirigente Laboratori, Ricerche e Controlli Centro Ricerche SMAT SMAT SpA I PIANI SPECIFICI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI IDRICI Ing. Lorenza MEUCCI Dirigente Laboratori, Ricerche e Controlli Centro Ricerche SMAT SMAT SpA AZIONI PREVENTIVE Adozione di tecnologie antiscasso, antintrusione

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

LA CORPORATE CAR POLICY

LA CORPORATE CAR POLICY Ermanno Molinari Bologna, venerdì 7 giugno 2013 iziativa 1. INTRODUZIONE LA CORPORATE CAR POLICY Il documento di Car Policy aziendale: definisce i criteri di utilizzo ed assegnazione ai dipendenti dell

Dettagli

Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08. Roma, 27 Maggio 2010

Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08. Roma, 27 Maggio 2010 Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08 Roma, 27 Maggio 2010 1 Presentazione Relatore Fabio Guasconi Presidente del SC27 di UNINFO e membro del direttivo Head of Delegation per l Italia,

Dettagli

comunic@re a 360 xsign / COMUNICAZIONE 2

comunic@re a 360 xsign / COMUNICAZIONE 2 COMUNICAZIONE 2 comunic@re a 360 La comunicazione moderna nasce dall incontro tra linguaggi eterogenei, in grado di fondere diversi elementi, diverse sensibilità ed esperienze, in un messaggio capace di

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING di una struttura ricettiva

IL PIANO DI MARKETING di una struttura ricettiva IL PIANO DI MARKETING di una struttura ricettiva Marketing plan Partiamo dal perché Il Marketing plan (piano di marketing) è il documento con il quale si espongono gli obiettivi e le strategie di mercato

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

develon web d.seo Search Engine Optimization: tutto quello che dovete sapere per migliorare la vostra visibilità on line develon.

develon web d.seo Search Engine Optimization: tutto quello che dovete sapere per migliorare la vostra visibilità on line develon. develon web d.seo Search Engine Optimization: tutto quello che dovete sapere per migliorare la vostra visibilità on line develon.com Un sito non frequentato è come una festa senza invitati: il cibo più

Dettagli

ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI

ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI Pag. 1 di 21 PROCEDURA ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 09 Revisionato

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA

INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA Damiano TOSELLI Direttore Security Il Gruppo Telecom Italia ATTIVITA NUMERI RISULTATI Tlc fisse e mobili, internet e media, office and system solutions,

Dettagli

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO Il Sistema Congressuale Italiano nel primo semestre 2003 Copyright 2003 Convention Bureau della Riviera di Romagna Meeting e Congressi - Ediman Alma Mater Studiorum Università

Dettagli

Assicurazione: sintesi nella gestione del rischio e della crisi

Assicurazione: sintesi nella gestione del rischio e della crisi Assicurazione: sintesi nella gestione del rischio e della crisi Aldo Bertelle Manager Linea Inquinamento Pronto intervento ambientale: le professionalità necessarie per gestire l inaspettato Sala Gemini

Dettagli

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo ISO 27000 family La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione Autore: R.Randazzo La Norme che hanno affrontato il Tema della gestione dei rischi Concetto di Rischio Agenda Il Rischio all interno della

Dettagli

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio Audit & Sicurezza Informatica Linee di servizio Application Control Consulting Molte organizzazioni hanno implementato applicazioni client/server integrate, come SAP e Oracle Queste applicazioni aumentano

Dettagli

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 1 di 5 ALLEGATO 15 Misure di autoprotezione della Popolazione PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 2 di 5 Generalità Le azioni che le persone devono compiere, e quelle che devono evitare,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE CRISI RELATIVE AL MERCATO IN AMBITO FEDERBIO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE CRISI RELATIVE AL MERCATO IN AMBITO FEDERBIO Premessa La certificazione nel settore del biologico è un punto di forza che trasmette al pubblico finale un valore aggiunto elevato e lo guida nelle scelte di acquisto. L esito di questa attività può

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA Nel settore culturale, è necessario introdurre un approccio di project management che non sia però solo una trasposizione dei

Dettagli

ASSICURAZIONE AUTO OPEL SPALLE COPERTE. opel-assicurazioneauto.ch

ASSICURAZIONE AUTO OPEL SPALLE COPERTE. opel-assicurazioneauto.ch ASSICURAZIONE AUTO OPEL SPALLE COPERTE. opel-assicurazioneauto.ch ASSICURATI DAL PARTNER OPEL FIN DA SUBITO IN BUONE MANI, GARANTITO. Assicurarsi direttamente dal partner Opel e beneficiare di molti vantaggi

Dettagli

Lavoro forzato e traffico di esseri umani

Lavoro forzato e traffico di esseri umani Lavoro forzato e traffico di esseri umani L approccio di Patagonia ai mezzi di tutela e di riparazione Introduzione Come dichiarato nel Codice di Condotta, Patagonia condanna severamente e vieta qualsiasi

Dettagli

Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations

Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

La Pianificazione Operativa o Master Budget

La Pianificazione Operativa o Master Budget La Pianificazione Operativa o Master Budget Questo corso è destinato ai vari imprenditori e manager delle piccole e medie imprese, che desiderano conoscere un sistema pratico e semplice per fare il piano

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Gli standard e la certificazione di sicurezza ICT

Gli standard e la certificazione di sicurezza ICT Gli standard e la certificazione di sicurezza ICT Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Definizione

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

Una breve introduzione

Una breve introduzione Una breve introduzione UN SOLO OBIETTIVO Il profitto Margine di commessa = Valore contrattuale della commessa - Costi consuntivi + quota ragionevole di costi indiretti Avremmo stipulato il contratto se

Dettagli

Informatica Forense dal punto di vista di Manager e figure apicali

Informatica Forense dal punto di vista di Manager e figure apicali Soluzioni e sicurezza per applicazioni mobile e payments 1 Informatica Forense dal punto di vista di Manager e figure apicali Pietro Brunati Venezia, 27 settembre 2013 2 Soluzioni e sicurezza per applicazioni

Dettagli

Regole sulla Privacy. 3.2 La Società può raccogliere ed archiviare, tra gli altri, i seguenti i dati personali:

Regole sulla Privacy. 3.2 La Società può raccogliere ed archiviare, tra gli altri, i seguenti i dati personali: Regole sulla Privacy Le presenti Regole sulla Privacy contengono le informazioni su come Golden Boy Technology & Innovation S.r.l. (di seguito, la Società) utilizza e protegge le informazioni personali

Dettagli

L importanza di una corretta impostazione delle politiche di sicurezza

L importanza di una corretta impostazione delle politiche di sicurezza La Gestione della Sicurezza Informatica nelle Aziende L importanza di una corretta impostazione delle politiche di sicurezza Paolo Da Ros Membro del Direttivo CLUSIT Firenze 29 gennaio 2003 L importanza

Dettagli

Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management. Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting

Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management. Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting 25 settembre 2008 Agenda Il contesto del mercato della security I principali risultati della survey

Dettagli

IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA

IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA Il rapporto di necessità fra comunicazione e sponsorizzazioni PROGETTO MANAGER FIDAF IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA a cura di EUGENIO MEINI CONCETTI DI MARKETING Il marketing è inutile quanto

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network.

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network. Studio dei conflitti organizzativi e della loro gestione attraverso modelli innovativi (A.D.R., D.S.D) Riprogettazione delle strutture organizzative e dei sistemi Creazione e operatività di nuovi attori

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA INFORMATICA NELLE PMI

LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA INFORMATICA NELLE PMI LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA INFORMATICA NELLE PMI Linee guida per la Sicurezza Informatica nelle PMI La presente ricerca costituisce il primo aggiornamento dello studio: La criminalità informatica e i

Dettagli