Istituto Comprensivo di Gallicano. Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico. Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo di Gallicano. Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico. Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA»"

Transcript

1 Istituto Comprensivo di Gallicano Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA» Classi 1^/2^/3^/4^/5^ a. s

2 OBIETTIVI ESSENZIALI ABILITA Descrivere le fasi della procedura per la realizzazione di un foglio di carta riciclata Indagare i comportamenti della carta in alcune situazioni sperimentabili per individuarne proprietà Osservare la realtà e formulare ipotesi Eseguire esperimenti per verificarle CONOSCENZE/ESPERIENZE Fasi della realizzazione di un foglio di carta riciclata Proprietà della carta: capillarità, permeabilità; leggibilità, resistenza Osservare e studiare un fenomeno seguendo le fasi del metodo scientifico Produrre tabelle, disegni per rappresentare un esperimento eseguito Saper relazionare verbalmente un esperienza Saper lavorare e cooperare in gruppo, rispettando le regole sociali ed i ruoli

3 ELEMENTI ESSENZIALI DELL APPROCCO METODOLOGICO Lavori con la metodologia del piccolo gruppo Peer tutoring Cooperative Learning (metodologia base della nostra scuola Senza Zaino) Attività sperimentali (secondo le fasi del metodo scientifico) Verbalizzazione delle esperienze svolte Rappresentazioni grafiche

4 MATERIALI, APPARECCHI E STRUMENTI IMPIEGATI MATERIALI Cartoncini, pennarelli, matite, tempere ecc Materiali per esperimenti: vari tipi di carta, acqua, bicchieri, cucchiaini, contenitori di vario tipo ecc APPARECCHI E STRUMENTI LIM PC Tablet Macchina fotografica digitale Bilancia a bracci Minipimer a immersione Asciugacapelli Setaccio Cronometro

5 Ambienti e tempi Ambienti in cui è stato sviluppato il percorso Tempi impiegati Aula Spazi interni della scuola 3 ore di progettazione per classe 8 ore di formazione docenti 30 ore di laboratori ed esperimenti

6 Il nostro percorso sulla carta è iniziato attraverso un brainstorming con l ausilio della LIM. I bambini di tutte le classi hanno espresso le loro conoscenze relative all argomento, aiutati dalle seguenti domande-guida: - Secondo voi, la carta è sempre esistita? - Su cosa scrivevano i primi uomini? - Come viene fatta la carta? - Quali tipi di carta conosci? - Come puoi usare la carta?

7 LA CARTA RICICLATA Gli alunni hanno seguito tutte le fasi della produzione della carta riciclata. In particolare per gli aspetti scientifici è da rilevare l uso della bilancia a bracci pe pesare la quantità di carta (1 hg) occorrente per la realizzazione del foglio. Le fasi di realizzazione, esposte qui di seguito, sono state vissute in prima persona da ogni bambino, condivise e verbalizzate in piccolo gruppo. Il resoconto collettivo dell esperienza è stato infine svolto con l utilizzo della LIM.

8 1. ABBIAMO PRESO DEI FOGLI DI CARTA USATI E LI ABBIAMO STRAPPATI.

9 2. CON UNA BILANCIA A DUE BRACCI, ABBIAMO PESATO 100 g. DI CARTA

10 3. POI ABBIAMO IMMERSO LA CARTA DENTRO A UNA VASCHETTA CONTENENTE ACQUA CALDA

11 4. ABBIAMO LASCIATO RIPOSARE LA CARTA DENTRO L ACQUA PER DUE O TRE GIORNI

12 5. CON UN FRULLATORE AD IMMERSIONE, ABBIAMO SPAPPOLATO LA CARTA, RIDUCENDOLA IN UNA SPECIE DI PASTA OMOGENEA E APPICCICOSA

13 6. CON UN SECCHIELLO ABBIAMO VERSATO 10 LITRI DI ACQUA IN UNA GRANDE TINOZZA E SUBITO DOPO ABBIAMO AGGIUNTO LA PASTA OTTENUTA

14 7. SUCCESSIVAMENTE ABBIAMO MESCOLATO IL CONTENUTO.

15 8. ABBIAMO IMMERSO NELLA TINOZZA UN TELAIO COSTRUITO APPOSITAMENTE FINO A TOCCARE IL FONDO, POI LO ABBIAMO SOLLEVATO.

16 9. DOPO AVER SCOLATO L ACQUA, CON UN PANNO ABBIAMO TAMPONATO, ASSORBENDO L ACQUA IN ECCESSO.

17 10. CON UN PHON ABBIAMO ULTERIORMENTE ASCIUGATO LA PASTA DI CARTA.

18 11. IN SEGUITO ABBIAMO LASCIATO ESSICCARE I FOGLI OTTENUTI PER CIRCA UN GIORNO SOPRA DEI CANOVACCI.

19 12. INFINE CON I FOGLI PRODOTTI ABBIAMO REALIZZATO DEGLI ORIGINALI BIGLIETTI DI AUGURI PASQUALI

20 ATTIVITA SPERIMENTALI PER VERIFICARE ALCUNE PROPRIETA DELLA CARTA

21 PRIMA ESPERIENZA ESPERIENZA OPERATIVA PER LA VERIFICA DELLA PERMEABILITA (attitudine a lasciarsi attraversare da un liquido) Dai diversi assortimenti di carta, taglia dei quadrati di 10 cm di lato. Piega in quattro ogni campione secondo le diagonali; al centro del campione fai cadere una goccia d acqua. Osserva se l acqua viene assorbita e con quale velocità. Materiali: Campioni di carta di diverso tipo; cucchiaino di plastica; acqua VELOCITA DI TIPO DI CARTA ASSORBIMENTO (secondi) Carta di giornale 3 15 OSSERVAZIONI Carta da quaderno 8 12 I quadretti sbiadiscono Carta da stampante 6 31 Carta assorbente 1 15 Carta da forno (infinita) Carta velina gialla 7 48 Ha prodotto un liquido giallo

22

23 SECONDA ESPERIENZA PROBLEMA: Se metto in acqua quattro pezzetti rettangolari (con la stessa superficie) di diversi tipi di carta, cosa succede? IPOTESI: TIPO DI CARTA SI SFALDA NON SI SFALDA GALLEGGIA NON GALLEGGIA CARTA IGIENICA SCOTTEX x x x x CARTA FORNO DA x x STAGNOLA CARTA x x

24 ESPERIMENTO: Prendiamo una bacinella piena di acqua, immergiamoci uno per volta i pezzetti di carta e registriamo che cosa succede: TIPO DI CARTA SI SFALDA NON SI SFALDA GALLEGGIA NON GALLEGGIA CARTA IGIENICA SCOTTEX CARTASTAGNOLA CARTA DA FORNO X X x X X x X X CONCLUSIONI: Abbiamo visto che non tutti i tipi di carta sono uguali. La carta igienica, ad esempio, galleggia, ma si sfalda velocemente rispetto alle altre, perché è molto più sottile e assorbe di più l acqua. Dunque, la carta igienica è anche quella meno resistente rispetto alle altre.

25

26

27 TERZA ESPERIENZA TEMPI DI RESISTENZA DEI QUATTRO TIPI DI CARTA ALL ACQUA MISURA DELLA VELOCITA DI SFALDAMENTO Adesso proviamo a misurare i tempi di velocità allo sfaldamento dei quattro tipi di carte, immergendole in acqua prima stese e poi appallottolate. Per fare questo, per ogni tipo di carta prepariamo: fogli rettangolari con la stessa superficie; palline realizzate con la stessa quantità di carta. Registriamo i tempi di resistenza in tabella. TIPO DI CARTA STESA APPALLOTTOLATA CARTA IGIENICA T: 48 T: 1 25 SCOTTEX T: 1 10 T: 2 00 CARTA DA FORNO T: 2 9 T: all infinito CARTA STAGNOLA T: all infinito T: all infinito

28

29

30

31 CONCLUSIONI La carta igienica si sfalda più velocemente perché è più morbida, adatta per l uso che ne dobbiamo fare. La carta da forno e quella stagnola sono impermeabili e dunque resistenti all acqua. La carta igienica appallottolata impiega più tempo rispetto a quella stesa perché è come se si formassero più strati, e quindi diventa più resistente.

32 QUARTA ESPERIENZA GRADI DI LEGGIBILITA DELL INCHIOSTRO SU ALCUNI TIPI DI CARTA Prendiamo dei rettangoli di diversi tipi di carta e tracciamo su ognuno di essi un segno grafico con il tratto-pen. Dopo aver osservato, riempiamo la seguente tabella per valutare i gradi leggibilità dell inchiostro. Campione di carta CARTA DA FORNO SCOTTEX CARTA STAGNOLA CARTA IGIENICA CARTA VELINA CARTA DA STAMPARE Gradi di leggibilità dell inchiostro L inchiostro sbaffa Assorbe l inchiostro Non è molto leggibile Si legge, ma la carta si sfa Si legge, ma ci si scrive male Si legge benissimo

33

34 MANUFATTI REALIZZATI CON VARIE TECNICHE E TIPI DI CARTA

35 Le maschere di Carnevale

36

37 VERIFICA E VALUTAZIONE Nel processo di valutazione sono stati presi in esame i seguenti criteri: Saper osservare e comprendere un fenomeno Saper porre domande per indagare e approfondire l esperienza, per poi trarne le conclusioni Saper utilizzare una corretta terminologia sia durante la fase di realizzazione degli esperimenti che durante quella di verbalizzazione orale Capacità di strutturare un discorso e di intervenire coerentemente Capacità di gestione della parola e delle regole di turnazione Capacità di relazionarsi e di cooperare col gruppo per la costruzione di nuove conoscenze Interesse verso le attività proposte e serietà d impegno

38 ANALISI CRITICA IN RELAZIONE AGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI E VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEL PERCORSO DIDATTICO SPERIMENTATO I bambini hanno dimostrato interesse verso tutte le attività proposte, sviluppando atteggiamenti di curiosità, di scoperta e di ricerca delle spiegazioni, indirizzandoli verso il metodo scientifico. Le attività condivise all interno del piccolo gruppo sono state efficaci per la riuscita del progetto, poiché i bambini hanno partecipato attivamente e collaborato. Gli alunni, inoltre, hanno imparato facendo (LEARNING BY DOING) e cooperando per la costruzione di nuove conoscenze, rispettando le modalità dell apprendimento induttivo. Da rilevare una certa difficoltà nel progettare il percorso più adatto sull argomento «carta» da intraprendere con bambini di varie età della scuola primaria (visto che la nostra scuola è organizzata in classi plurime) che stimolasse in loro curiosità verso i concetti scientifici da scoprire. Una procedura in cui abbiamo rilevato un riscontro positivo è stata la realizzazione di un foglio di carta riciclata. Altre attività efficaci e adattabili a vari livelli di apprendimento sono state quelle relative alla scoperta delle proprietà della carta.

39 Antonietta Vannetti Cinzia Serani Silvia Morelli Francesca Cosimini Marzia Ridolfi Jessica Regoli Elaborato da Jessica Regoli Le insegnanti

ISTITUTO COMPRENSIVO DI GALLICANO. Scuola Primaria di Montaltissimo. Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «UN MONDO DI CARTA»

ISTITUTO COMPRENSIVO DI GALLICANO. Scuola Primaria di Montaltissimo. Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «UN MONDO DI CARTA» ISTITUTO COMPRENSIVO DI GALLICANO Scuola Primaria di Montaltissimo Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «UN MONDO DI CARTA» Classi 1^/2^/3^/4^/5^ ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La Scuola Primaria di

Dettagli

PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI OBIETTIVI

PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI OBIETTIVI PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI La motivazione che mi ha fatto optare per la stesura di questo progetto è l'interesse mostrato dai bambini per le scienze ed in particolare per il tema del riciclo.

Dettagli

PROGETTO LDT Scienza a scuola

PROGETTO LDT Scienza a scuola Istituto Comprensivo A. Pacinotti Scuola dell infanzia A. De Gasperi PROGETTO LDT Scienza a scuola Insegnanti: Badalassi Lucia Barani Selene Riccardi Lucia PROGETTO FATTI SIGNIFICATIVI RIFLESSIONI COSA

Dettagli

Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa

Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa Laboratorio di attività aducativo -didattiche per: sensibilizzare

Dettagli

LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA

LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA Classe 4 A Primaria Di Gallicano E S P E R I M E N T I E O S S E R V A Z I O N I S C I E N T I F I C H E A P O R T A T A D I B A M B I N I Anno scolastico 2014/2015 COLLOCAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE La combustione si inserisce nella scansione dei percorsi del curricolo verticale per la classe terza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014 Dati identificati vi Titolo significativo: L area delle figure piane Insegnamenti coinvolti: Matematica (geometria)

Dettagli

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica lettera ai genitori : informazioni sul progetto Alle famiglie degli alunni della classe II B della Scuola Primaria Virgilio Giotti. Oggetto: Educazione stradale e attività scientifiche collegate. La sottoscritta

Dettagli

Nel campo d'esperienza "Immagini, suoni e colori" gli obiettivi specifici sono stati:

Nel campo d'esperienza Immagini, suoni e colori gli obiettivi specifici sono stati: Mescolanze di colori L'attività laboratoriale è stata pensata e programmata per i bambini di 4/5 anni; il suo obiettivo generale è la scoperta dei colori derivati: viola, arancione e verde, principalmente

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B ANNO SCOLASTICO:2006/2007 SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B INSEGNANTI: Bergamini Patrizia, Manfredini Maria Grazia Acquisire una maggiore sensibilità verso l

Dettagli

Giochi con la frutta. Laboratorio in continuità Scuola dell Infanzia (bambini di 5 anni) Scuola primaria (classe prima)

Giochi con la frutta. Laboratorio in continuità Scuola dell Infanzia (bambini di 5 anni) Scuola primaria (classe prima) Giochi con la frutta Laboratorio in continuità Scuola dell Infanzia (bambini di 5 anni) Scuola primaria (classe prima) Collocazione nel curricolo verticale Il percorso si colloca fra le classi ponte di

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Prima Pipolo Giulia Primaria G. Giusti Sezione A Disciplina Storia Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a. s. 2015-2015

Dettagli

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Questa attività è stata proposta nell ambito del Progetto LE PAROLE DELLA SCIENZA in una classe dell I.C. M.L.King di Torino e poi condivisa

Dettagli

Problemi tra prima e seconda

Problemi tra prima e seconda Problemi tra prima e seconda AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IN MATEMATICA Annalisa Sodi Claudia Novelli A.S. 2013 2014 SCUOLA-CITTÀ PESTALOZZI Firenze Il lavoro che presentiamo continua una riflessione iniziata

Dettagli

LA FISICA IN LABORATORIO

LA FISICA IN LABORATORIO Istituto Calasanzio anno 2015-2016 LA FISICA IN LABORATORIO Progetto sulle attività sperimentali per la scuola primaria e secondaria IN COSA CONSISTE IL METODO SCIENTIFICO Nell educazione scientifica è

Dettagli

Scuola dell infanzia di Gallicano

Scuola dell infanzia di Gallicano Scuola dell infanzia di Gallicano Curricolo di geometria Anno scol.2013-2014 Laboratorio di matematica Competenze da promuovere Asse dei linguaggi: Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI TECNOLOGIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Siamo partiti dal progetto Quotidiano in classe e abbiamo quantificato quanti giornali arrivano a scuola e quanti Kg di carta potrebbero essere riciclati

Dettagli

Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno)

Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno) IC «M. L. Niccolini» Ponsacco (PI) a.s. 2014-15 Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno) «Il Peso Specifico il Principio di Archimede Il Galleggiamento» Classe 3 Scuola Secondaria di 1 grado Docente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON LORENZO MILANI» DI AQUILEIA IL TEMA DEI FENOMENI OTTICI IN PROSPETTIVA VERTICALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON LORENZO MILANI» DI AQUILEIA IL TEMA DEI FENOMENI OTTICI IN PROSPETTIVA VERTICALE NELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO «DON LORENZO MILANI» DI AQUILEIA IL TEMA DEI FENOMENI OTTICI IN PROSPETTIVA VERTICALE NELLA SCUOLA PRIMARIA SEQUENZA CONCETTUALE AFFRONTATA 1. FORMULAZIONESCRITTADAPARTEDEIBAMBINI

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA TECNOLOGIA classe 1^ COMPETENZE CHIAVE Competenza in campo scientifico-tecnologico Competenza digitale Imparare a imparare TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno: riconosce

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

LA CARTA. Prove fisiche e Meccaniche. Classi 3A e 3B scuola sec.di primo grado

LA CARTA. Prove fisiche e Meccaniche. Classi 3A e 3B scuola sec.di primo grado LA CARTA Prove fisiche e Meccaniche Classi 3A e 3B scuola sec.di primo grado Collocazione del percorso effettuato nel curricolo verticale Fase conclusiva del ciclo di istruzione relativo ad un Istituto

Dettagli

Classe seconda scuola primaria

Classe seconda scuola primaria Classe seconda scuola primaria Il percorso di seconda cerca di approfondire le differenze tra le principali proprietà delle figure geometriche solide, in particolare il cubo, e di creare attività di osservazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia si rivolge a tutte le bambine e i bambini dai tre ai sei anni di età E la risposta al loro diritto all

Dettagli

FACCIAMO UN FOGLIO DI CARTA

FACCIAMO UN FOGLIO DI CARTA Settore HOME Attività Creative Attività graficopittoriche Ambiente Italiano Tema Dall albero alla carta e la carta riciclata. Classi Quarta elementare Autori Elena Fontana Petra Frigeri Maura Bottinelli

Dettagli

SPERIMENTIAMO PER CONOSCERE L ARIA

SPERIMENTIAMO PER CONOSCERE L ARIA SPERIMENTIAMO PER CONOSCERE L ARIA Classi quarte della scuola primaria - Istituto comprensivo Pescara 3 Insegnanti: Pompa Serenella, Presicce Eliana, Tiberti Elena (Via del Milite Ignoto) Salvia Maria

Dettagli

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA 93010 DELIA (CL) Via G. Dolce, 8 - Tel Presidenza 0922-826570 - Tel Segreteria e Fax 0922-820290 - Tel. Sc. Elementare 0922-820289-Tel. Sc Materna

Dettagli

ESEMPIO DI GRIGLIA DI PROGETTAZIONE

ESEMPIO DI GRIGLIA DI PROGETTAZIONE ESEMPIO DI GRIGLIA DI PROGETTAZIONE Utenti destinatari Bambini di 5 anni Periodo di applicazione (ore totali 15) maggio Docenti coinvolti Compito/Prodotto previsto Daniela Nicoletti - Maria Grazia Nicoletti

Dettagli

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano Candidata: Maria Ghirardi LA MIA CLASSE La mia classe V di scuola primaria è composta da 20 bambini, di cui 11 maschi e 9 femmine. Tra i

Dettagli

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel BAMBINI COINVOLTI : 19 del gruppo rosa (D) 17 del gruppo giallo (C) INSEGNANTI RESPONSABILI : Balbo Gabriella Anna Maria De Marchi

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj. Anno scolastico 2014-2015

ELABORATO DAI DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj. Anno scolastico 2014-2015 qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI SCIENZE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4

ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4 ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4 Le classi 2-3 - 4 della scuola primaria dell istituto comprensivo di Certaldo collocano questo percorso all interno della programmazione di classe annuale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA - L alunno riconosce e identifica nell ambiente che lo

Dettagli

LA FABBRICA DELLE PAROLE

LA FABBRICA DELLE PAROLE 74 Circolo didattico, Roma Plesso scolastico Via del Calice Classi seconda A e seconda B LA FABBRICA DELLE PAROLE Laboratori multiespressivi di creatività scolastica 1 PROGETTO La Fabbrica delle parole:

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

IL PAESE QUATRICERCHIO

IL PAESE QUATRICERCHIO Scuola dell infanzia di Santa Maria in Punta UNITÀ DI APPRENDIMENTO: IL PAESE QUATRICERCHIO UN MONDO DI FORME(prima parte) Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO GRIGLIA DI OSSERVAZIONE/RUBRICA

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2012/2013 1 Indice Componenti del gruppo di lavoro pag. 2 Premessa pag. 3 Descrizione dell'attività di laboratorio pag. 4 Verifica

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA Osservare, registrare, classificare organismi viventi e fenomeni fisici con la guida dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015

SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I^ PARTE UDA TITOLO (per alunni) TITOLO (per docenti) PERSONE E AMBITI COINVOLTI MOTIVAZIONE L acqua si trasforma? Gli Stati della

Dettagli

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE Gruppo : DOCENTI DI CLASSE TERZA Ordine di Scuola: PRIMARIA Istituti coinvolti: ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO Classi/anni: CLASSI TERZE /ANNI NOVE Competenze:

Dettagli

Ministero Della Pubblica Istruzione Università e Ricerca

Ministero Della Pubblica Istruzione Università e Ricerca Ministero Della Pubblica Istruzione Università e Ricerca Istituto Comprensivo Statale Scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1mo Grado Via Isabella Morra 15-85049 TRECCHINA (PZ) Tel.: 0973826035

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente SCUOLA DELL INFANZIA Obiettivi di apprendimento Conoscere i poligoni regolari Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente Ricostruzione

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER

UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER bambini di 2 anni e mezzo PASTICCIO DIPINGO E MI DIVERTO ANNO SCOLASTICO 2011-12 Scuola dell infanzia ad onore degli Eroi A.S.

Dettagli

Come si fa la carta a partire da cellulosa vergine o proveniente dalla linea del riciclo

Come si fa la carta a partire da cellulosa vergine o proveniente dalla linea del riciclo Come si fa la carta a partire da cellulosa vergine o proveniente dalla linea del riciclo Classi I.A, I.B,I.C scuola secondaria di primo grado di Gallicano Laboratorio del Sapere Scientifico A.S. 2014-2015

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua.

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti IL CICLO DELL ACQUA Materiale occorrente Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. Immergiamo nell'acqua i due fazzoletti. Li strizziamo bene e li appendiamo fuori

Dettagli

Dal Tangram alle conoscenze dichiarative in geometria

Dal Tangram alle conoscenze dichiarative in geometria Dal Tangram alle conoscenze dichiarative in geometria II Istituto Comprensivo di Padova R. Ardigò Insegnante: Cacco Loredana e-mail: loredana.cacco@istruzione.it Descrizione dell'esperienza Quadro di riferimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

NUMERI PER CONTARE GIOCARE

NUMERI PER CONTARE GIOCARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO INFANZIA- NOTARESCO - G. VOMANO PAGLIARE - MORROD ORO A. S. 2016/19 PROGETTO DI FORMAZIONE NUMERI PER CONTARE NUMERI PER GIOCARE Approfondimento delle tematiche disciplinari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel 0872/981187 Fax 0872993450 Cod.Fiscale 81002140697 Cod.Mecc.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO. Descrizione del progetto. Durata progetto: da gennaio a fine maggio

Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO. Descrizione del progetto. Durata progetto: da gennaio a fine maggio Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO Anno scolastico 2013/2014 Classe: 3 C Insegnanti: V. Paterlini - G. Catenacci Descrizione del progetto L idea del progetto

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe.. Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Laura Colombini. S.Infanzia G.Giusti... Sezione Gruppo intersezione bambini di 3 anni.. La conoscenza del

Dettagli

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani UDIA: QUANTI SIAMO? I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani 1 giornata: Oggi è un giorno speciale, c'è un compleanno da festeggiare,la festeggiata assumerà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

GIOCHIAMO CON LA CARTA

GIOCHIAMO CON LA CARTA GIOCHIAMO CON LA CARTA Alla fine dello scorso anno, abbiamo allestito la stanza delle stelle con tante carte dalle diverse consistenze e forme e abbiamo invitato i bambini di tutti e tre i gruppi a giocare

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano Scuola dell infanzia G. Siani - Marano a.s. 2015/16..Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono la curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi Docente: Scuola: Classe/i: CORRIAS RAFFAELA PRIMARIA 1^ A Discipline riportate: ARTE E IMMAGINE MATEMATICA SCIENZE - GEOGRAFIA 1) Disciplina: ARTE E IMMAGINE Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Dettagli

LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme. ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE

LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme. ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE Il percorso Dalle scatole alle forme apre il curricolo di geometria della scuola

Dettagli

Come si costruisce il Totem Io non rischio!

Come si costruisce il Totem Io non rischio! Come si costruisce il Totem Io non rischio! La struttura 5 scatoloni circa 50x50x50, anche usati, purché in buone condizioni e possibilmente con poche scritte Scotch di carta da carrozzieri Vernice nera,

Dettagli

PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche

PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche ISTITUTO (NOME, COORDINATE, SITO WEB) Via Monte Zovetto, 8 tel. 0171 692906 - fax 0171 435200 Via

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

NUMERI, NUMERI, NUMERI

NUMERI, NUMERI, NUMERI ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO SCUOLA DELL'INFANZIA A. S. 2015/16 PROGETTO DI FORMAZIONE NUMERI, NUMERI, NUMERI (Approfondimento delle tematiche disciplinari relative alle indicazioni) per il curricolo....tutto

Dettagli

LA LUCE E IL FUOCO. Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna SCHEDA SINTETICA

LA LUCE E IL FUOCO. Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna SCHEDA SINTETICA SCHEDA SINTETICA LA LUCE E IL FUOCO Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna Sede: 33034 Fagagna (UD) - Via del Castello 1 Tel. 0432 800258 Fax. 0432

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico ESPERIENZA SULLA SEMINA. La germinazione SVOLTA NELLA CLASSE 2

Dettagli

Per una scuola hands on : esperienze

Per una scuola hands on : esperienze Per una scuola hands on : esperienze Scuola: Primaria G. Deledda - Gaggio in P. classe 2^ A Denominazione dell attività: Laboratorio bolle di sapone. Caccia alla ricetta per bolle resistenti. Conoscenze

Dettagli

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel Alcune considerazioni sul perché è stato scelto questo percorso. Nell intento di rispondere alla situazione-problema rilevata nelle

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima Classe prima Classe I competenza matematica e SPERIMENTARE CON OGGETTI E MATERIALI competenze di base in scienza e tecnologia competenza digitale Osservare, descrivere elementi della realtà circostante

Dettagli

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza 1 Componenti dell Asse dei linguaggi Padronanza della lingua italiana come ricezione e produzione, orale e scritta Conoscenza di almeno una lingua straniera

Dettagli

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO?

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ISTITUTO COMPRENSIVO PONTASSIEVE SCUOLA DELL INFANZIA LEO LIONNI GRUPPO 5 ANNI MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ROSSANA GUERRI, CHIARA NOVELLI CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGETTO MOTIVAZIONI La scuola

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Lezione «Corri, lancia, misura»

Lezione «Corri, lancia, misura» Nel primo ciclo l educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità nella costante relazione con l ambiente, gli altri, gli oggetti. (Indicazioni per il curricolo, 2012) Il candidato

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE CONFRONTO E RACCORDO TRA IL PROFILO DI FINE QUINTA INIZIO PRIMA MEDIA FINE PRIMA

RACCORDO TRA LE COMPETENZE CONFRONTO E RACCORDO TRA IL PROFILO DI FINE QUINTA INIZIO PRIMA MEDIA FINE PRIMA RACCORDO TRA LE COMPETENZE Poiché l'informatica nella scuola media è trasversale si punterà maggiore attenzione sulla tecnologia. Competenze primaria Competenza secondaria di primo grado 1. UTILIZZA OGGETTI

Dettagli

SCHEMA DI SCENEGGIATURA. Bruzzi Alessandra, Guardincerri Patrizia, Montesissa Giuliana, Giorgi Donatella, Vilardo Mariarosa

SCHEMA DI SCENEGGIATURA. Bruzzi Alessandra, Guardincerri Patrizia, Montesissa Giuliana, Giorgi Donatella, Vilardo Mariarosa SCHEMA DI SCENEGGIATURA DOCENTE/I TITOLO UNITA (termine generico per indicare un attività didattica omogenea e congruente, a scelta dei docenti può trattarsi di una singola unità, di più unità, di un modulo)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2 I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago, 110-20132 Milano - t e l. : ( 0 2 )

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

L avvio alla scrittura: ricerca nazionale sulle abilità grafo-motorie tra fine scuola dell infanzia e i primi anni di scuola primaria

L avvio alla scrittura: ricerca nazionale sulle abilità grafo-motorie tra fine scuola dell infanzia e i primi anni di scuola primaria L avvio alla scrittura: ricerca nazionale sulle abilità grafo-motorie tra fine scuola dell infanzia e i primi anni di scuola primaria Serena Baldassarre e Alessandra Venturelli Faenza, 29 settembre 2012

Dettagli

COSTRUIRE Le schede di lavoro

COSTRUIRE Le schede di lavoro A. Mastromarco, A scuola: giocare, costruire, fare per... imparare l italiano con il metodo TPR! 0 Ill frullllato rosa Completa il comando: collega con una freccia e poi scrivi sui puntini la parola che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA E compito della tecnologia quello di promuovere nei bambini e nei ragazzi forme di pensiero e atteggiamenti che preparino e sostengano

Dettagli

se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si insegna Ubaldo Pernigo 5 marzo 2014

se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si insegna Ubaldo Pernigo 5 marzo 2014 Autore con Marco Tarocco di UbiMath Matematica per il tuo futuro Ed. Le Monnier 2014 Autore diel sito aperto UbiMath www.ubimath.org se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA TECNOLOGIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative; esplora le potenzialità offerte dalle tecnologie. Si interessa

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2012-2013, proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato giallo, blu e i tu!. Il progetto nasce dalla volontà

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINA TECNOLOGIA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 01 DATI IDENTIFICATIVI TITOLO I METALLI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSI SECONDE CLASSI / ALUNNI COINVOLTI DOCENTI COINVOLTI UNITÀ DI APPRENDIMENTO DOCENTI

Dettagli