DINAMISMO E UN AMPIA PROPOSTA DI INIZIATIVE PER SOSTENERE LA RICERCA SCIENTIFICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DINAMISMO E UN AMPIA PROPOSTA DI INIZIATIVE PER SOSTENERE LA RICERCA SCIENTIFICA"

Transcript

1 DICEMBRE 2014 newsletter DINAMISMO E UN AMPIA PROPOSTA DI INIZIATIVE PER SOSTENERE LA RICERCA SCIENTIFICA EDITORIALE Ricerca Censis DIVENTARE GENITORI OGGI. INDAGINE SULLA FERTILITÀ/INFERTILITÀ IN ITALIA FOCUS SU Forum AGING: IS IT A DISEASE? ATTIVITA

2 EDITORIALE Dinamismo e un ampia proposta di iniziative per sostenere la ricerca scientifica FOCUS SU Ricerca Censis Diventare genitori oggi. Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia ATTIVITA ATTIVITA Forum Aging: is it a disease? Workshop Mente e social media: come cambia l individuo? APPUNTAMENTI INTERVISTA INTERVISTA Intervista al Prof. Andrea Lenzi Professore di Endocrinologia Università degli Studi Sapienza di Roma e Presidente del Consiglio Universitario Nazionale OVERVIEW APPUNTAMENTI I prossimi Forum Le borse di studio Attualità

3 editoriale Dinamismo e un ampia proposta di iniziative per sostenere la ricerca scientifica Crediamo che la seconda metà del 2014 sia stata particolarmente significativa per Fondazione ATTIVITA IBSA: sono stati infatti sei mesi intensi in cui sono stati organizzati e realizzati numerosi e importanti eventi attraverso i quali abbiamo contribuito allo sviluppo della ricerca scientifica, sia nel senso più stretto del termine sia con una prospettiva più ampia che impatta a livello sociale. Il Forum Aging: is it a disease? ha visto infatti coinvolti i massimi esponenti scientifici a livello internazionale su un tema, quello dell invecchiamento, che ha forti ripercussioni anche sulla società, attuale e futura. E stata poi la volta della collaborazione di Fondazione IBSA con il Censis, uno dei principali istituti di ricerca socio-economica in Italia, per la realizzazione e la presentazione della ricerca Diventare genitori oggi. Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia. Proprio partendo da forti basi e conoscenze scientifiche abbiamo proposto e fornito un contributo di carattere sociale al dibattito sul tema della fecondazione assistita in Italia. Apporto che è stato sicuramente utile considerati i numerosi servizi che i media italiani hanno dedicato a quanto emerso dalla ricerca. Ultimo, ma non di meno importanza, il workshop che abbiamo organizzato con l Università Cattolica di Milano dal titolo Mente e social media: come cambia l individuo?, nel quale abbiamo coinvolto studiosi ed esperti internazionali dei social media per discutere l impatto di tali tecnologie nelle nostre vite. Anche in questo caso, partendo dalla letteratura e dalle conoscenze scientifiche condivise, abbiamo analizzato un fenomeno che sempre più avrà ricadute sull intera collettività. La visione allargata con cui sono stati sviluppati questi eventi ha permesso inoltre di raggiungere un pubblico di riferimento molto più eterogeneo. Dagli scienziati, per i quali queste aree costituiscono una passione ma anche una professione, alla gente comune, che si imbatte in questi temi ogni giorno e che quindi necessita di informazioni e conoscenze più approfondite.

4 editoriale Queste iniziative, insieme ai precedenti Forum, alle borse di studio e a tutte le attività di supporto alla ricerca sviluppate nel corso dell anno, rendono particolarmente significativo per la Fondazione IBSA il Per questo abbiamo voluto condividere con voi tutte le iniziative proposte quest anno con uno Speciale, allegato a questa newsletter, in cui ripercorrere tutto quello che la Fondazione ha fatto per la diffusione della cultura scientifica di qualità. Quest anno, a due anni dalla nostra nascita, ATTIVITA abbiamo ampliato ulteriormente la nostra proposta di iniziative; crediamo che il fitto calendario di appuntamenti e la partecipazione e risonanza mediatica riscontrate siano indicativi della particolare vivacità che la Fondazione è riuscita a infondere alle sue attività. Dinamismo che ci sentiamo di confermare e promettere anche per il Abbiamo già pianificato altri tre Forum, un primo a Milano dal titolo Sexual health and sexual ecology, ancora con un approccio sia scientifico sia sociale, un secondo presso l Università di Siena sul tema Stress, inflammation and reproduction e quindi su quali ripercussioni lo stress e le condizioni esterne possono avere sulla salute, un ultimo a settembre 2015 presso l Università della Svizzera Italiana di Lugano dal titolo Cancer and Immunology. Confermate anche le borse di studio, oltre al premio EFIC Fondazione IBSA Publication Award per supportare gli studi dei giovani ricercatori in un momento particolarmente difficile per la ricerca. Dopo la sua nascita, i primi passi che la Fondazione IBSA ha mosso sono stati molto importanti e di vera scoperta del mondo, quello della cultura scientifica di qualità, dentro il quale vuole avere un ruolo da protagonista. Grandi passi avanti che non sarebbero stati possibili se non con l aiuto e il sostegno di tante persone - studenti, ricercatori, medici specialistici, speakers, relatori, giornalisti e gente comune, appassionata e interessata ai temi che abbiamo proposto - che in questa occasione vogliamo ringraziare e alle quali vogliamo ribadire che ogni ulteriore stimolo, spunto e consiglio non potrà che rendere più interessante il nostro lungo cammino. Attualità

5 focus su Diventare genitori oggi. Indagine sulla fertilità/ infertilità in Italia. Uno spaccato sociale dalle tante sfaccettature E questo forse il dato più importante della ricerca realizzata con il Censis Diventare genitori oggi. Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia, presentata l 1 ottobre a Roma presso la Biblioteca del Senato Giovanni Spadolini. Una ricerca che la Fondazione IBSA ha fortemente voluto proprio per fornire al dibattito dati e letture più larghe di quelle prettamente mediche. E possiamo dire che il risultato è stato ampiamente raggiunto. Quanto discusso dai relatori, Ketty Vaccaro - Responsabile settore Welfare e sanità del Censis, Piergiorgio Crosignani - Già Professore di Ostetricia e Ginecologia Università degli Studi di Milano, Guglielmo Pepe - Già Direttore di SaluteLa Repubblica e Giuseppe Zizzo - Segretario della Fondazione IBSA, ha ottenuto grande visibilità sui media che hanno utilizzato i risultati e i contributi forniti dalla ricerca per approfondimenti e commenti sul, più che mai attuale, tema della fecondazione assistita. La ricerca ci rimanda l immagine di un Italia molto più diversificata e aperta di quanto non si possa pensare, a cominciare dall eterologa. La maggioranza è favorevole alla inseminazione omologa in vivo (l 85% del totale) e alla fecondazione omologa in vitro (73%). Le opinioni si dividono però sulla inseminazione/fecondazione eterologa. È d accordo con l uso di gameti esterni alla coppia ATTIVITA DIVENTARE GENITORI OGGI DIVENTARE GENITORI OGGI INDAGINE SULLA FERTILITÀ/INFERTILITÀ DI COPPIA A cura di Maria Concetta Vaccaro INDAGINE SULLA FERTILITÀ/INFERTILITÀ IN ITALIA Senato della Repubblica Biblioteca del Senato Giovanni Spadolini Sala degli Atti Parlamentari Piazza della Minerva, 38 Roma Giovedì 3 luglio 2014, ore 10, 30 il 40% degli italiani (tra i cattolici praticanti Attualità la percentuale scende al 30% e sale al 65% tra i non credenti). Il 35% è favorevole alla diagnosi pre-impianto (il 29% tra i cattolici praticanti). Solo il 14% concorda con la possibilità di ricorrere alla maternità surrogata (il cosiddetto «utero in affitto»). E appena il 9,5% è favorevole alla possibilità di scegliere in anticipo il sesso del nascituro. Solo l 11% del campione afferma di sapere che in Italia esiste una legge che regola la materia (la n.

6 focus su Dall inizio della crisi a oggi sono più di i nati in meno all anno. Siamo passati dai bambini del 2008 ai del 2013: mai così pochi nella storia d Italia (le serie storiche ufficiali partono dal 1862), nonostante l aumento nel tempo della popolazione, i progressi della medicina e il contributo degli immigrati residenti. Tra gli italiani c è una diffusa consapevolezza in merito al problema di denatalità che affligge il Paese. 40 del 2004). Questa piccola percentuale ne dà un giudizio nel complesso non positivo, soprattutto per l applicazione differenziata sul territorio nazionale (ogni Regione si sta muovendo per conto proprio) e per le limitazioni poste alle coppie. La maggioranza ritiene che dovrebbe essere modificata. Gli italiani sembrano inoltre aver maturato un superamento della famiglia tradizionale: in tanti ormai ammettono la possibilità di avere figli anche al di fuori della coppia eterosessuale tradizionale. Per il 46% è legittimo per i single, per il 29% è giusto anche per le coppie omosessuali. In questo giudizio la fede religiosa ha un influenza limitata: è d accordo il 43% dei cattolici praticanti nel primo caso e il 23% nel secondo. Intanto però il dato che sicuramente fa più riflettere è quello sul perdurante calo delle nascite: nel 2013 in Italia si è registrata una riduzione delle nascite del 3,7% rispetto all anno precedente, con un calo del tasso di natalità da 9 a 8,5 nati per mille abitanti. L 88% sa che oggi si fanno pochi figli. Il fenomeno viene spiegato soprattutto ricorrendo a motivi economici. Per l 83% la crisi rende più difficile la scelta di avere un figlio. E la percentuale supera il 90% tra i giovani fino a 34 anni, cioè le persone che subiscono maggiormente l impatto della crisi e allo stesso tempo sono maggiormente coinvolte nella decisione della procreazione. La crisi scoraggia la decisione di avere un figlio, dunque, ma anche l insufficienza delle politiche pubbliche a sostegno della famiglia. Il 61% degli italiani è convinto che le coppie sarebbero più propense ad avere figli se migliorassero gli interventi pubblici. Sgravi fiscali e aiuti economici diretti sono le principali richieste (71%), il 67% segnala l esigenza di potenziare gli asili nido, il 56% fa riferimento ad aiuti pubblici per sostenere i costi per l educazione dei figli (rette scolastiche, servizi di mensa o di trasporto). Un indagine utile anche per portare alla luce una conoscenza lacunosa su un tema di uso comune apparentemente come quello, appunto, dell infertilità.

7 focus su Il 45% degli italiani ammette di saperne poco e un ulteriore 15% afferma di non essere per nulla informato. Tra chi invece dichiara di conoscere il problema (il 40%), il 16% è stato coinvolto in maniera diretta, perché il problema ha riguardato una persona vicina (9%) oppure direttamente lui o il partner (7%). Forti incertezze si registrano sulle possibili cause dell infertilità. La metà degli intervistati sa che non esiste una prevalenza di cause maschili o femminili, ma il 33% ritiene che nella maggior parte dei casi l infertilità sia legata alla presenza di problemi in entrambi i partner. Tra le cause, la più citata è quella più generica: lo stress (31%). Seguono quelle che riguardano le donne: problemi o anomalie strutturali (21%), problemi ormonali e ovulatori (15%). L 11% cita genericamente problemi che riguardano l uomo e il 6% difetti del liquido seminale. Ma il 23% non è in grado di fornire nessuna risposta. Nell immaginario collettivo degli italiani il professionista d elezione a cui rivolgersi per affrontare i problemi di infertilità rimane il ginecologo, citato dal 63% del campione, mentre solo il 3% segnala l andrologo o l urologo. Più elevata è la quota di intervistati che ritengono che gli italiani siano poco o per nulla informati sulle metodiche per la procreazione medicalmente assistita (81%). Eppure, le coppie con problemi di infertilità devono affrontare non poche difficoltà, tra cui oggi sono ritenute prevalenti quelle economiche (67%), come per le coppie senza problemi che vogliono un figlio. Per l 80% del campione la crisi è un deterrente specifico anche per le coppie che devono ricorrere alla procreazione medicalmente assistita. Ma ci sono difficoltà anche sul piano delle informazioni, perché spesso non si sa a chi rivolgersi (42%), che si accompagnano alle difficoltà emotive (42%), come la chiusura in se stessi rispetto a un problema che rimane ancora difficile da comunicare e condividere. Sono questi gli spaccati e gli spunti di riflessione a 360 che la Fondazione si prefiggeva di portare alla ribalta con questa ricerca e siamo per questo particolarmente felici che il riscontro avuto sui mezzi di comunicazione sia stato così importante e imponente. Continueremo sicuramente questo percorso, abbiamo già in programma due altre ricerche che concluderanno il ciclo iniziato, una sui medici e una sulle coppie che seguono il percorso della procreazione assistita.

8 attivita' Al Forum Aging: is it a disease? i maggiori esperti internazionali si sono confrontati sulla grande sfida di coniugare longevità e buona salute Circa un centinaio di medici specialisti e ricercatori attivi nel settore di ricerca dedicato all aging si sono confrontati sulla tematica dell invecchiamento e delle malattie ad esso correlate in occasione del Forum Aging: is it a disease? organizzato dalla Fondazione IBSA il 27 settembre 2014 presso la Goethe University di Francoforte. A fare gli onori di casa il Prof. Carlo Gaetano, Direttore della Divisione di Epigenetica Cardiovascolare presso la Goethe University e local organizer del Forum. ATTIVITA Grande interesse ha suscitato l intervento di Edward Lakatta (Direttore del Laboratorio di Scienza Cardiovascolare del National Institute on Aging NIH di Baltimora) che ha presentato un excursus storico degli studi sull invecchiamento cardiovascolare sviluppati sia nel prestigioso Istituto americano noto per la lunga tradizione in questo campo sia in altri Istituti internazionali dove ha lavorato; in particolare Lakatta ha posto l accento sui fattori che contrastano il mantenimento delle funzioni cardiovascolari con l avanzare dell età, la cui cura potrebbe contribuire a raggiungere l obiettivo primario della ricerca sull invecchiamento, l Healthy Aging, ovverossia un invecchiamento in salute, in grado di preservare le funzioni degli organi e di esaltare la qualità della vita nonostante l avanzare dell età. Gli eventi molecolari e fisiopatologici alla base dei processi di senescenza cellulare ed invecchiamento nell uomo sono stati oggetto delle presentazioni di grandi esperti nel campo tra i quali Judith Campisi (docente presso il Buck Institute for Research on Aging in California) Eric Verdin (Direttore associato del Gladstone Institute of Virology dell Università di San Francisco), Barbara Demeneix (docente presso il Centre National de Recherche ed il Museum Nationale d Histoire Attualità Naturelle di Parigi), José-Arturo Londono Vallejo (Direttore del CNRS presso l Institut Curie di Parigi), Reinier Boon (Group Leader dell Institute of Cardiovascular Regeneration, presso la Goethe University di Francoforte), Karl Lenhard Rudolph (Direttore del Leibniz Institute for Age Research di Jena, Germania), e il Dr Bär (Senior Investigator del Centro Nazionale Spagnolo della Ricerca sul Cancro di Madrid).

9 attivita' la ricerca e il confronto su temi importanti e con forti ripercussioni sulla società come quello dell invecchiamento, a tale scopo ha ritenuto indispensabile coinvolgere i massimi esponenti riconosciuti a livello internazionale, accuratamente selezionati sulla base della loro eccellenza scientifica. Inoltre, i risultati dei lavori del Forum verranno distribuiti e condivisi tra i ricercatori e gli esperti di tutto il mondo in modo da contribuire concretamente al progresso scientifico in materia di healthy aging. In considerazione della tematica vasta e poliedrica di questo Forum, sono stati chiamati ad affiancare Antonella Farsetti, Senior Investigator del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma e Visiting Scientist presso la Goethe University di Francoforte, nonchè responsabile del Comitato Scientifico del Forum, anche altri esperti nel settore quali, Manuel Serrano (Direttore del Programma di Oncologia Molecolare presso il Centro Nazionale Spagnolo della Ricerca sul Cancro di Madrid), Pier Giuseppe Pelicci (Direttore del Dipartimento di Oncologia Sperimentale, Istituto Europeo di Oncologia di Milano), ed Alessandro Cellerino (docente presso la Scuola Normale Superiore di Pisa) che ha illustrato il grande contributo dei modelli sperimentali animali nella comprensione dei meccanismi intrinseci e nella potenziale prevenzione dei processi di invecchiamento e di sviluppo di tumori. La Fondazione IBSA ha organizzato questo, come gli altri Forum, mossa dalla necessità di sostenere

10 attivita' Mente e social media: come cambia l individuo? Workshop presso l Università Cattolica di Milano La nostra vita è sempre più intrecciata con le tecnologie digitali. In modo particolare con l utilizzo dei social media. Non fosse altro per il tempo che ognuno di noi dedica a questi strumenti digitali che non sono più solo mezzi di comunicazione, ma vere e proprie estensioni della nostra individualità nell intessere e sviluppare relazioni con il prossimo. Ecco perché la Fondazione IBSA si è fatta promotrice insieme all Università Cattolica dell organizzazione di un incontro tra studiosi ed esperti internazionali dei social media per discutere l impatto di tali tecnologie nelle nostre vite e, soprattutto, affrontare il tema se esse abbiano un ruolo, o meno, nel modificare la nostra individualità. L incontro dal titolo Mente e social media: come cambia l individuo? si è svolto il 28 ottobre 2014 presso l Università Cattolica a Milano ATTIVITA e ha visto la partecipazione di Silvia Misiti, Direttore di Fondazione IBSA, Gianni Riotta, Kate Davis, Giuseppe Riva, con la moderazione di Pierangelo Garzia. Davanti a un centinaio di partecipanti, tra studenti, ricercatori, appassionati di nuove tecnologie e gente comune, Giuseppe Riva, docente di Psicologia della Comunicazione e Psicologia e Nuove Tecnologie della Comunicazione presso l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, autore di Nativi Digitali (Il Mulino), ha sottolineato come un aspetto rilevante dei social media riguarda il tipo di vissuti emozionali ed aspettative che riponiamo in essi. Giuseppe Riva è anche autore, con il suo team di collaboratori, di una ricerca che Fondazione IBSA ha voluto supportare su un fenomeno diffuso ormai in modo virale, riguardante per l appunto l identità, che è la pratica dei selfie. La ricerca ha già mostrato dei risultati preliminari interessanti. Attualità 150 partecipanti (35% maschi, 65% femmine), con età media di 32 anni, hanno completato un questionario sul loro utilizzo di social media, sull attività del selfie e sulle motivazioni associate ad esso e il questionario Big Five Inventory per la misurazione dei tratti di personalità. Per quanto riguarda il primo obiettivo di ricerca, è emerso che gli scopi riconosciuti all attività del selfie sono soprattutto far ridere e divertire gli altri (39%),

11 attivita' (identità, aspetti interiori) bensì raccontare agli altri con chi sono, dove sono e cosa stanno facendo (aspetti esteriori). vanità (30%) e raccontare un momento della propria vita (21%). Quanto ai motivi per cui le persone si fanno i selfie, emerge che la spinta non è tanto esprimere come sono o come si sentono Rispetto al secondo obiettivo di ricerca, le donne si fanno notevolmente più selfie degli uomini, e risultano più interessate alle motivazioni interiori ( mi faccio selfie per mostrare come sono e come mi sento ). Inoltre, affermano di sperare maggiormente di ricevere commenti positivi dagli amici sui social network, e anche di temere maggiormente di ricevere commenti negativi dagli altri. Arrivando all ultima domanda di ricerca, sono tre gli aspetti della personalità che risultano associati all attività del selfie. Le persone che si fanno selfie, rispetto a coloro che non se li fanno, appaiono significativamente più estroverse (ovvero più socievoli ed entusiaste, caratterizzate da elevate capacità sociali) e più coscienziose (ovvero più caute e capaci di controllarsi, con la tendenza a pianificare le proprie azioni piuttosto che ad agire di impulso). Inoltre, essere molto estroversi si associa a un maggior utilizzo dei selfie per mostrare agli altri come ci si sente, mentre essere molto coscienziosi si associa al non essere particolarmente interessati ai commenti degli altri ai propri selfie, positivi o negativi che siano. Da ultimo, il tratto del neuroticismo o instabilità emotiva (tipico di persone che tendono a provare emozioni negative come rabbia e tristezza, sovente diffidenti nei confronti degli altri) si associa significativamente all essere particolarmente preoccupati dalla possibilità di ricevere commenti negativi. Secondo il giornalista e scrittore Gianni Riotta,

12 attivita' grande utilizzatore del web e dei social media, autore di Il web ci rende liberi? (Einaudi), tra i relatori dell incontro, già docente di comunicazione a Princeton, ci sono grandi differenze tra gli USA e l UE quando si parla di sviluppo e tecnologia in generale. La cultura USA è in generale più aperta al cambiamento, fiduciosa verso la tecnologia, più modernizzante. La società italiana sta invece rallentando, l Italia ha paura dell innovazione, va online ma non utilizza il web con lo stesso atteggiamento di ricerca che si riscontra all estero - ricerche internazionali ma anche nazionali da anni mostrano una predilezione italiana per i social network (e soprattutto per FB rispetto a Twitter ad esempio, fatta eccezione per i giovani che prediligono Twitter e Whatsapp). Infine, con l intervento di Kate Davis, professore associato all University of Washington Information School, autrice con Howard Gardner di Generazione App. La testa dei giovani e il nuovo mondo digitale (Feltrinelli), si è entrati nel vivo di una domanda cruciale: quali sono le implicazioni nello sviluppare la propria mente e la propria identità in un mondo digitale? Nel suo intervento, Davis ha esplorato il ruolo dei media digitali in tre aree vitali della vita adolescenziale: l identità, l intimità e l immaginazione. Basandosi su un ampio e vario programma di ricerca svolto con i colleghi della Harvard University, comprese interviste dirette con i giovani, focus group di coloro che lavorano con loro, nonché un raffronto originale e unico di produzioni artistiche giovanili, prima e dopo la rivoluzione digitale, Davis ha indagato sia le potenzialità che gli svantaggi delle nuove tecnologie multimediali per i giovani di oggi. Le conclusioni alle quali è arrivata Kate Davis sono che le app e le altre tecnologie di per sé non inducono la gente a comportarsi in un certo modo piuttosto che in un altro, è invece l interazione tra tecnologia e società che incoraggia alcune forme di comportamento, auto-espressione e comunicazione. Con questo workshop la Fondazione IBSA ha voluto allargare il suo perimetro d attenzione da quelli che sono gli aspetti più scientifici, trattati nei Forum e incontri, a una prospettiva culturale più ampia che parte dall individuo fino a coinvolgere la nostra società. Particolare interesse è stato posto, ancora una volta, sui giovani. In questa occasione si è voluto proporre un momento di dibattito su quella che già costituisce, e sempre più costituirà, una delle maggiori sfide del nostro tempo: l impatto che le nuove tecnologie hanno e avranno sulle individualità dei cosiddetti nativi digitali.

13 intervista Prof. Andrea Lenzi Professore di Endocrinologia Università degli Studi Sapienza di Roma e Presidente del Consiglio Universitario Nazionale, intervistato a margine della presentazione della ricerca del Censis sulla fertilità/infertilità in Italia fcome evidenziano i dati emersi dalla ricerca di Censis e Fondazione IBSA il problema dell infertilità di coppia è sempre più concreto e colpisce ormai molte persone. Quali sono le principali barriere per una coppia che oggi vive un problema di infertilità? Una prima barriera è rappresentata dai ritmi lavorativi che riducono notevolmente la possibilità di una vita sessuale e riproduttiva. Molte coppie per superare il problema della rarefazione dei rapporti, ricorrono ai cosiddetti rapporti mirati, a comando. Si ricorre a questo tipo di rapporti perché lo stress della vita lavorativa porta molte coppie ad imporsi di avere una serie di rapporti solo quando una macchinetta segnala il periodo ovulatorio. Ora deve essere ben chiaro che programmare i rapporti non aumenta il numero di gravidanze, ma aumenta solo il numero di partner maschili con problemi di erezione e desiderio e, di conseguenza, di coppie in crisi. Quindi avere dei rapporti solo nel periodo ovulatorio non è la soluzione dei problemi. Un altra barriera può essere di tipo economico. Le visite, i dosaggi, le analisi strumentali hanno dei costi che, in questa particolare contingenza economica, possono rappresentare una seria barriera per impostare correttamente il problema. La stessa presenza di un figlio con tutto quello che oggi ne consegue è un aggravio talora considerato un costo insostenibile. Un altra nota dolente, ATTIVITA specie in alcune regioni, sono i tempi e le liste di attesa per avere accesso non solo ad eventuali tecniche di inseminazione o fecondazione assistita, ma anche alla semplice visita dallo specialista ginecologo o andrologo. fquali sono le principali cause dell infertilità di coppia? A parte le cause diciamo classiche quali il varicocele, il criptorchidismo, le infezioni, i problemi ovulatori, la diffusione del fumo di sigaretta e di altre sostanza voluttuarie, ecc., alcune cause molto importanti sono insite nella società in cui viviamo. La gravidanza viene considerata sempre meno come un evento che si può realizzare in qualsiasi momento, ma solo in un periodo ben definito della vita di una coppia, tipicamente quando si è riusciti, per chi ci riesce, a sistemare altre variabili quali, soprattutto, quella economica, di avanzamento di carriera, di realizzazione personale, di incontro con un partner adeguato, ecc. Purtroppo, come ben sappiamo, tutto questo avviene in una fascia di età sempre più avanzata. Pensiamo ad esempio ad una ragazza che vuole seguire la carriera medica. Se tutto va bene si laurea a 24 anni, poi ha necessità di una specializzazione, quindi altri 4/5 anni, e si arriva a 29 anni; a questo punto non è detto che trovi un

14 intervista lavoro con una retribuzione dignitosa in tempi brevi; anche in questo caso dovrà aspettare, di nuovo se va bene, altri 2-3 anni e siamo a 32. Poi deve pensare alla casa in cui andare a vivere, altro incubo di tante coppie, insomma arriva a pensare ad una gravidanza non prima dei anni. E chiaro che una donna di 35 anni debba essere considerata giovane da un punto di vista anagrafico ma, purtroppo, dal punto di vista riproduttivo la sua percentuale cumulata di gravidanza (cioè la sua probabilità di rimanere incinta ogni volta che si espone a questa possibilità), come è ben documentato, si è notevolmente ridotta. Lo stesso vale per il maschio e questo è ancora meno noto e valutato. Se si vuole avere una idea di come la componente economica incida pesantemente sulla fertilità, basta confrontare le curve del reddito pro-capite italiano degli ultimi due anni con quelle della fertilità nel nostro Paese. Purtroppo sono due curve assolutamente sovrapponibili, mano a mano che declina il reddito declina anche la fertilità. C è poi un altro punto più sottile. Gary Becker, un economista premio Nobel della Scuola di Chicago, ha affermato che l epidemia di diabete ed obesità può essere spiegata anche con il fatto che le persone sono convinte che la scienza medica possa correggere praticamente tutto e, quindi, possa rimettere a posto anche il loro peso e la loro glicemia nel momento in cui uno decide di rivolgersi alla medicina. Io credo che questo sia vero anche nel caso delle coppie, nel senso che molte donne ritengono che la medicina possa risolvere e superare il problema età. Da questo punto di vista credo che i mass media abbiamo un ruolo fondamentale. Quando sui giornali ed in televisione vediamo personaggi noti e meno noti che partoriscono figli in una fascia di età elevata, se non viene spiegato bene che tale possibilità è frutto, nella stragrande maggioranza di casi, di ovodonazione, si rischia di ingenerare l equivoco che si possa procrastinare indefinitamente la ricerca del figlio. Altre cause sono rappresentate dalla precocità e dalla, spesso, promiscuità dei rapporti sessuali che espongono ad una maggiore incidenza di malattie sessualmente trasmesse, dalla diffusione del fumo di sigaretta e di altre sostanze, dalle alterazioni del ciclo e della spermatogenesi dovute ai difetti dello stile di vita di tutti i giorni. In pratica stiamo vivendo sotto i nostri occhi quello che i demografi chiamano la transizione demografica e cioè quel fenomeno demografico che consiste in una diminuzione della mortalità seguita da una diminuzione della natalità. fquali nuovi trattamenti e tecniche mette ora a disposizione la scienza per venire in aiuto delle coppie infertili? Sicuramente negli ultimi 25 anni ci sono stati dei grandissimi progressi nelle tecniche e nelle terapie dell infertilità di coppia. Prima però vorrei fare una considerazione da endocrinologo/andrologo. Uno dei principali passi avanti negli ultimi anni è rappresentato dalla maggiore consapevolezza del ruolo svolto dal partner maschile nell infertilità di coppia mentre fino a qualche anno fa veniva studiata in maniera approfondita la donna ed il ruolo del maschio era limitato, nel migliore dei casi, all effettuazione dello spermiogramma. Il ruolo

15 intervista dell andrologo è diventato fondamentale ed oggi grazie a sofisticate analisi di biologia molecolare, genetica, ecografia, ecc. siamo in grado di identificare e, in numerosi casi, anche trattare forme di infertilità o, addirittura, di sterilità che prima venivano classificate come intrattabili, ma ancora una volta bisogna arrivare precocemente e se possibile fare prevenzione nel ragazzo e addirittura nel bambino. Anche le tecniche di fecondazione assistita si sono notevolmente affinate e di conseguenza anche le percentuali di successo, in termini di gravidanze a termine. Le tecniche di biologia molecolare ci stanno aiutando a capire in maniera sempre più precisa in quali casi è opportuno impiegare le terapie mediche, specie quelle ormonali e le industrie farmaceutiche stanno facendo degli sforzi notevoli per fornirci farmaci sempre più sofisticati, purificati e sicuri, ed anche comodi come via di somministrazione. fquali sono i primi consigli che darebbe ad una coppia che oggi vive un problema di infertilità? Intanto di affidarsi a medici esperti nel campo della medicina della riproduzione che possano studiare in maniera corretta i due componenti della coppia e possano dare le giuste indicazioni e consigli per evitare che questo diventi un momento drammatico nella vita di una coppia. Adopero non a caso il termine drammatico perché è dimostrato che una coppia che prende coscienza del suo stato di infertilità reagisce dal punto di vista psicologico come una donna o un uomo a cui hanno diagnosticato un tumore. Per tale motivo noi medici ed operatori del campo dobbiamo essere particolarmente empatici e cercare di rendere un po più agevole il percorso di queste coppie che spesso reagiscono mettendo in atto una serie di comportamenti che, di frequente, peggiorano la situazione. Ho già detto dell errore clamoroso dei rapporti mirati, un altro caposaldo di molte coppie è la convinzione che l astinenza sessuale prolungata potenzi la qualità del liquido seminale, laddove sappiamo che è vero il contrario. Anche le presunte posizioni che aumentano la fecondità sono pure invenzioni, eppure, ancora oggi, tante donne ci raccontano che rimangono sdraiate dopo il rapporto o con le gambe in aria o cuscini dietro la schiena, tutte cose che possono solo aumentare lo stress senza portare nessun beneficio. In definitiva, il consiglio è quello di cercare di razionalizzare tale evento, con l aiuto dei giusti specialisti e, soprattutto, quello di cercare di tornare ad una sessualità che sia la più naturale possibile, perché nonostante i grandi progressi della scienza, vale sempre il vecchio adagio che la natura sa fare le cose molto meglio di noi uomini. Per concludere abbiamo bisogno di comunicazione, informazione e prevenzione per i giovanissimi ed i giovani, di creare una cultura ed intraprendere una politica che favorisca gravidanze precoci e di aiutare le coppie con problemi di infertilità con tutte le conoscenze, ma anche l esperienza e l umanità, che questo tema impone.

16 appuntamenti Proseguono le iniziative della Fondazione IBSA per la promozione e la divulgazione della scienza all interno del mondo accademico, delle istituzioni, negli ospedali e tra la gente comune. L attività dei forum proseguirà con i prossimi in calendario ATTIVITA Milano, 9 maggio Centro Congressi San Raffaele Sexual health and sexual ecology Siena, 3 luglio Università degli Studi di Siena Stress, inflammation and reproduction Lugano, 26 settembre Università della Svizzera Italiana Cancer and Immunology Borse di studio Chiusura bando 2014 Si chiude con la fine dell anno il bando per le borse di studio Sono 3, del valore di euro ciascuna, per giovani ricercatori (under 40 e precari) nelle aree di: endocrinologia, terapia del dolore e infertilità. Apertura bando 2015 Per il terzo anno consecutivo la Fondazione IBSA conferma il suo sostegno ai giovani studiosi. Durante la primavera del 2015 verrà infatti pubblicato il bando per le nuove borse di studio. Premio EFIC 2015 Per il secondo anno Fondazione IBSA in collaborazione con la EFIC (European Pain Federation) è sponsor del premio EFIC Fondazione IBSA Publication Award del valore di euro. Il premio è destinato a giovani sotto i 40 anni provenienti da tutta Europa, autori di un articolo nel settore della ricerca sul dolore Attualità pubblicato in una rivista internazionale nel corso del 2014.

17 speciale LE ATTIVITA DEL 2014 FONDAZIONE IBSA CRESCE E COMPIE DUE ANNI

18 SPECIALE: FONDAZIONE IBSA CRESCE E COMPIE DUE ANNI forum Stem cell therapy: Hype or Hope? Il punto sulle reali prospettive delle cure con le cellule staminali La terapia cellulare rappresenta uno dei settori di maggiore interesse della medicina moderna. Scienziati e studiosi sperimentano tecnologie sempre più innovative per riuscire a sostituire organi e tessuti irrimediabilmente compromessi attraverso l uso di cellule staminali, ma resta ancora molto da fare soprattutto sul piano clinico. Erano circa 200, perlopiù studenti universitari, ricercatori e medici specialistici, i partecipanti al Forum Stem cell therapy: hype or hope?, organizzato sabato 29 marzo 2014 dalla Fondazione IBSA presso l Auditorium dell Università della Svizzera italiana di Lugano. Un importante occasione di condivisione scientifica, resa possibile grazie al supporto della Fondazione, durante la quale è stato fatto il punto sullo stato dell arte della biologia cellulare per capirne le reali prospettive future. Fitto il programma degli interventi, da Paolo Bianco (Dir. Laboratorio Cellule staminali, Università Sapienza di Roma) a Pierre Gonczy (Swiss Institute for Experimental Cancer Research, Losanna), da Shahragim Tajbakhsh (Dir. Lab. di Cellule staminali, Istituto Pasteur di Parigi) a Vania Broccoli (Capo Unità Div. Neuroscienze Stem Cell Research Institute San Raffaele di Milano), da Thomas Rando (Dir. Glenn Laboratories for the Biology of Ageing, Stanford University) a Austin Smith (Dir. Wellcome Trust-Medical Research Council Stem Cell Institute, Cambridge University), professionisti di prestigio mondiale che hanno illustrato e condiviso i principali risultati delle loro attività di ricerca. Ad accomunarli nei loro progetti un aspirazione ambiziosa, la possibilità di rigenerare ogni parte del corpo danneggiata, e la consapevolezza che una cura efficace passa attraverso la piena conoscenza dei suoi benefici, dei suoi rischi e dei suoi limiti.

19 SPECIALE: FONDAZIONE IBSA CRESCE E COMPIE DUE ANNI forum Metabolic diseases and tendinopathies: the missing link Le ultime ricerche sulla connessione tra le malattie metaboliche e l insorgenza di tendinopatie Per stimolare i ricercatori a indagare meglio le relazioni tra le patologie metaboliche, spesso subcliniche e pertanto non facilmente diagnosticabili, e le alterazioni della matrice extracellulare o delle cellule stesse in un tendine patologico, si è tenuto sabato 21 giugno 2014 presso l Auditorium dell Università della Svizzera italiana di Lugano il Forum Metabolic diseases and tendinopathies: the missing link, voluto da Fondazione IBSA in collaborazione con ISMULT. Studenti universitari, ricercatori e medici specialistici, circa 150 componenti della comunità scientifica mondiale, hanno avuto l opportunità di confrontarsi rispetto a quella che, ancora oggi, è una patologia che altera profondamente la qualità di vita di milioni di persone ma che rimane oscura nelle cause e nel processo di guarigione. Tra i relatori dell incontro il Prof. Nicola Maffulli, Professore Ordinario presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università degli Studi di Salerno e la Queen Mary University di Londra, che ha sottolineato come, nonostante una serie di ipotesi, vi sono tuttora innumerevoli fattori totalmente sconosciuti che agiscono sui tendini; recentemente si è molto parlato della genetica delle tendinopatie: non vi è dubbio che alcune persone hanno ereditato geni, o varianti di geni, che predispongono a tali affezioni ma la grande prevalenza di malattie e disordini metabolici ha indotto, negli ultimi anni, a studiare le possibili connessioni fra problemi metabolici e malattie del sistema muscoloscheletrico. Il dibattito è stato inoltre stimolato dagli interventi di relatori di prestigio come Isabel Andia (Cruces University Hospital, Barakaldo), Francesco Oliva (Università di Tor Vergata, Roma), Andrew J. Carr (Oxford University), Anna C. Berardi (Ospedale Spirito Santo, Pescara), Michael Kjaer (University of Copenhagen), Louis J. Soslowsky (University of Pennsylvania), Antonio Frizziero (Università di Padova), Jess G. Snedeker (University of Zurich) e il gruppo della Prof.ssa Colao dell Università di Napoli. Il Prof. Michael Hirschmann (Dipartimento di Ortopedia e Traumatologia presso il Kantonsspital Baselland a Bruderholz) e il Dr. Christian Candrian (Ente Ospedaliero Cantonale Lugano) hanno moderato le sessioni scientifiche insieme al Prof. Maffulli e al Dr. Oliva.

20 SPECIALE: FONDAZIONE IBSA CRESCE E COMPIE DUE ANNI forum Aging: is it a disease? I maggiori esperti internazionali a confronto sulla grande sfida di coniugare longevità e buona salute Circa un centinaio di medici specialisti e ricercatori attivi nel settore di ricerca dedicato all aging si sono confrontati sulla tematica dell invecchiamento e delle malattie ad esso correlate in occasione del Forum Aging: is it a disease? organizzato da Fondazione IBSA il 27 settembre 2014 presso la Goethe University di Francoforte accolti dal Prof. Carlo Gaetano (Direttore della Divisione di Epigenetica Cardiovascolare presso la Goethe University e local organizer del Forum). Grande interesse ha suscitato l intervento di Edward Lakatta (Direttore del Laboratorio di Scienza Cardiovascolare del National Institute on Aging NIH di Baltimora) che ha presentato un excursus storico degli studi sull invecchiamento cardiovascolare sviluppati sia nel prestigioso Istituto americano noto per la lunga tradizione in questo campo sia in altri Istituti internazionali dove ha lavorato. Gli eventi molecolari e fisiopatologici alla base dei processi di senescenza cellulare ed invecchiamento nell uomo sono stati oggetto delle presentazioni di grandi esperti nel campo tra i quali Judith Campisi (docente presso il Buck Institute for Research on Aging in California) Eric Verdin (Direttore associato del Gladstone Institute of Virology dell Universita di San Francisco), Barbara Demeneix (docente presso il Centre National de Recherche ed il Museum Nationale d Histoire Naturelle di Parigi), José-Arturo Londono Vallejo (Direttore del CNRS presso l Institut Curie di Parigi), Reinier Boon (Group Leader dell Institute of Cardiovascular Regeneration, presso la Goethe University di Francoforte), Karl Lenhard Rudolph (Direttore del Leibniz Institute for Age Research di Jena, Germania), e il Dr Bär (Senior Investigator del Centro Nazionale Spagnolo della Ricerca sul Cancro di Madrid). In considerazione della tematica vasta e poliedrica di questo Forum, sono stati chiamati ad affiancare Antonella Farsetti, Senior Investigator del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma e Visiting Scientist presso la Goethe University di Francoforte, nonchè responsabile del Comitato Scientifico del Forum, anche altri esperti nel settore quali, Manuel Serrano (Direttore del Programma di Oncologia Molecolare presso il Centro Nazionale Spagnolo della Ricerca sul Cancro di Madrid), Pier Giuseppe Pelicci (Direttore del Dipartimento di Oncologia Sperimentale, Istituto Europeo di Oncologia di Milano), ed Alessandro Cellerino (docente presso la Scuola Normale Superiore di Pisa) che ha illustrato il grande contributo dei modelli sperimentali animali nella comprensione dei meccanismi intrinseci e nella potenziale prevenzione dei processi di invecchiamento e di sviluppo di tumori.

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

E se ci facessimo aiutare dai ragazzi? Il laboratorio adulto Cantieri diffusi per piccole opere La madre dello yogourt

E se ci facessimo aiutare dai ragazzi? Il laboratorio adulto Cantieri diffusi per piccole opere La madre dello yogourt E se ci facessimo aiutare dai ragazzi? Qualche ipotesi sulla relazione tra sperimentazioni e comunicazione dopo l incontro tra il CSN e gli staff regionali del 14 novembre di Franco Lorenzoni Il 14 novembre

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli