Un esempio di ereditarietà in JAVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un esempio di ereditarietà in JAVA"

Transcript

1 Un esempio di ereditarietà in JAVA Ecco un semplice esempio di ereditarietà e polimorfismo in Java. Una progressione numerica è una sequenza di numeri dipendenti l uno dal precedente o dai precedenti. Per esempio in una progressione aritmetica un numero si determina dai precedenti attraverso la somma. In una progressione geometrica invece un numero si determina dai precedenti attraverso la moltiplicazione. In ogni caso in una progressione c è bisogno di identificare: 1) il primo valore della progressione 2) la regola per determinare i successivi Si Inizia col definire una classe generica Progressione in cui si definiscono queste due variabili generiche: first (primo valore della progressione) e cur (valore corrente della progressione). La classe avrà anche i seguenti metodi: firstvalue() per azzerare la progressione e restituire il primo valore nextvalue() per fare avanzare la progressione di un passo e restituire il successivo valore printprogression(n) per stampare i primi n valori della progressione Ecco il codice della classe Progressione: / A class for numeric progressions. public class Progression { / First value of the progression. protected long first; / Current value of the progression. protected long cur; / Default constructor. Progression() { cur = first = 0; / Resets the progression to the first value protected long firstvalue() { cur = first; / Advances the progression to the next value of the progression return ++cur; // default next value

2 / Prints the first n values of the n number of values to print public void printprogression(int n) { System.out.print(firstValue()); for (int i = 2; i <= n; i++) System.out.print(" " + nextvalue()); System.out.println(); // ends the line Da questa classe è possibile attraverso lo schema riportato creare nuove classi per realizzare le progressioni aritmetiche, geometriche e di Fibonacci. Tutte queste nuove classi ereditano la classe Progression e ne estendono i metodi e le varibili istanza per adattarsi ai nuovi scopi.

3 Ecco i frammenti di codice delle classi seguenti: / Arithmetic progression. class ArithProgression extends Progression { / Increment. protected long inc; / Default constructor setting a unit increment. ArithProgression() { this(1); / Parametric constructor providing the increment. ArithProgression(long increment) { inc = increment; / Advances the progression by adding the increment to the next value of the progression cur += inc;

4 / Geometric Progression class GeomProgression extends Progression { / Default constructor setting base 2. GeomProgression() { this(2); / Parametric constructor providing the base base of the progression. GeomProgression(long base) { first = base; cur = first; / Advances the progression by multiplying the base with the next value of the progression cur = first;

5 / Fibonacci progression. class FibonacciProgression extends Progression { / Previous long prev; / Default constructor setting 0 and 1 as the first two values. FibonacciProgression() { this(0, 1); / Parametric constructor providing the first and second value1 value2 second FibonacciProgression(long value1, long value2) { first = value1; prev = value2 - value1; // fictitious value preceding the first / Advances the progression by adding the previous value to the next value of the progression long temp = prev; prev = cur; cur += temp;

Esempio: Costruttori ed ereditarietà

Esempio: Costruttori ed ereditarietà Esempio: 1 Introduzione Java prevede due automatismi legati ai costruttori: Se una classe non ha costruttori viene creato automaticamente il costruttore di default (quello senza parametri) Se in un costruttore

Dettagli

Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo.

Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo. Prototype 28 4. Prototype (GoF pag. 117) 4.1. Descrizione 4.2. Esempio Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo.

Dettagli

Modulo 4: Ereditarietà, interfacce e clonazione

Modulo 4: Ereditarietà, interfacce e clonazione Modulo 4: Ereditarietà, interfacce e clonazione Argomenti Trattati: Classi, Superclassi e Sottoclassi Ereditarietà Ereditarietà ed Attributi Privati Override super Ereditarietà e Costruttori Polimorfismo

Dettagli

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo Esempi al calcolatore su: 1) 2) Subtyping e polimorfismo 1 Esempio 1: 2 Introduzione Java prevede due automatismi legati ai costruttori: Se una classe non ha costruttori viene creato automaticamente il

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Incapsulamento Polimorfismo e Overloading Ereditarietà e Overriding Esercizi svolti Esercizi proposti Paradigma OO Le

Dettagli

Livelli di astrazione

Livelli di astrazione Realizzare Classi Astrazione Perdita di dettaglio Utile nella descrizione, progettazione, implementazione e utilizzo di sistemi complessi Dettagli trascurabili vengono incapsulati in sottosistemi più semplici

Dettagli

Aritmetica. Progetto dei programmi

Aritmetica. Progetto dei programmi Aritmetica Un approccio metodologico alla costruzione dei programmi. Tipi di dati primitivi. int, float, double Variabili, dichiarazioni e operazioni Progetto dei programmi 2 Definizione del problema Scenario

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Programmazione a oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012

Programmazione a oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Programmazione a oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Sommario Variabili statiche Ereditarietà multipla Le interfacce Binding Esercizi Esercizio ContoCorrente Creare una classe ContoCorrente

Dettagli

Scope e visibilità per classi

Scope e visibilità per classi Scope e visibilità per classi Packages Classi interne nelle loro diverse forme Interne / statiche / locali Utilizzo congiunto con interfacce Implementazione di iteratori Gestione di eventi Packages Package:

Dettagli

Ereditarietà e classi astratte

Ereditarietà e classi astratte Ereditarietà e classi astratte 6 Temi del capitolo 1. Il concetto di ereditarietà 2. Programmazione grafica con ereditarietà 3. Classi astratte 4. Il pattern TEMPLATE METHOD 5. Interfacce protected 6.

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta Programmazione a Oggetti Lezione 10 Ereditarieta Sommario Come definire sottoclassi Costruttori Abstract Classes Final Ereditarietà: promemoria Strumento tipico dell OOP per riusare il codice e creare

Dettagli

Esercizi della lezione 5 di Java

Esercizi della lezione 5 di Java Esercizi della lezione 5 di Java Esercizio 5 Create il tipo di dato Counter dell Esercizio 1 come sottoclasse del tipo di dato SimpleCounter. Esercizio 1 Create un tipo di dato Counter che abbia: un valore

Dettagli

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Java:Struttura di Programma Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Altre Attenzioni da riservare Java è Case Sensitive: La variabile «a» e la variabile «A» sono diverse Java ha alcune regole di scrittura: I nomi delle

Dettagli

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone Il linguaggio Java Nato nel maggio 95 (James Gosling & al.) Orientato ad oggetti, basato sulle classi, concorrente Fortemente tipato: distinzione chiara tra errori statici ed errori dinamici Ad alto livello:

Dettagli

3 - Variabili. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

3 - Variabili. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 3 - Variabili Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Controllo degli accessi

Controllo degli accessi Il linguaggio Java Il controllo degli accessi alle classi ed ai membri di una classe Controllo degli accessi Accesso alle classi Accesso alle classi package package miopackage; public public class class

Dettagli

sayhello public private protected return public class Greeter { public String sayhello() { String message = Hello, World! ; return message; } }

sayhello public private protected return public class Greeter { public String sayhello() { String message = Hello, World! ; return message; } } sayhello public class Greeter { public String sayhello() { String message = Hello, World! ; return message; publicprivate protected return void return; Greeter main main public class GreeterTest { public

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002. Soluzione degli Esercizi

COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002. Soluzione degli Esercizi COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002 degli Esercizi ESERCIZIO 1. Si consideri il seguente frammento di codice in linguaggio Java: int i=0, j=0; int[][] a=b; boolean trovato=false;

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 30 maggio 2014 Introduzione Un programma diviso in sezioni distinte Un approccio alla

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

!"#$%&&'()#*%+%+!"#$"',,'()#*%+ -")%*&'&'+'$.)+-$$%&&) !"#$%&&'(%)'*+%",#-%"#.'%&'#/0)-+#12"+3,)4+56#7+#.')8'9

!#$%&&'()#*%+%+!#$',,'()#*%+ -)%*&'&'+'$.)+-$$%&&) !#$%&&'(%)'*+%,#-%#.'%&'#/0)-+#12+3,)4+56#7+#.')8'9 !"#$%&&'()#*%+%+!"#$"',,'()#*%+ -")%*&'&'+'$.)+-$$%&&)!"#$%&&'(%)'*+%",#-%"#.'%&'#/0)-+#12"+3,)4+56#7+#.')8'9 Slide 1 Paradigmi di Programmazione! Un linguaggio supporta uno stile di programmazione se

Dettagli

Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 3 http://polaris.ing.unimo.it/fic/laboratorio.html. Outline

Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 3 http://polaris.ing.unimo.it/fic/laboratorio.html. Outline Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 3 http://polaris.ing.unimo.it/fic/laboratorio.html Ing. Francesco De Mola demola.francesco@unimore.it DII, Modena Via Vignolese (lab. Dottorandi

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Programmazione generica

Programmazione generica 16 Programmazione generica Obiettivi del capitolo Capire gli obiettivi della programmazione generica Essere in grado di realizzare classi e metodi generici Comprendere il meccanismo di esecuzione di metodi

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1 Prossime lezioni Dai TDA agli oggetti Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 18 19 gennaio

Dettagli

Main System Monitor Keyboard

Main System Monitor Keyboard Composite 57 8. Composite (Gof pag. 163) 8.1. Descrizione Consente la costruzione di gerarchie di oggetti composti. Gli oggetti composti possono essere conformati da oggetti singoli, oppure da altri oggetti

Dettagli

Java: Compilatore e Interprete

Java: Compilatore e Interprete Java: Compilatore e Interprete Java Virtual Machine Il bytecode non è Linguaggio Macchina. Per diventarlo, deve subire un ulteriore trasformazione che viene operata dall interprete Java in modalità JIT

Dettagli

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading in Java Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading La programmazione concorrente consente di eseguire più processi o thread nello stesso momento. Nel secondo caso si parla

Dettagli

Esempi in Java di program.ne O-O

Esempi in Java di program.ne O-O Esempi in Java di program.ne O-O Ereditarietà Polimorfismo statico e dinamico Esercitazione laboratorio Interfaccia Comparable e Comparator 1 Gerarchia di ereditarietà Persona IS_A Docente Studente Tecnico

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 12: Liste. Lezione 12 - Modulo 1. Posizione corrente. Introduzione

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 12: Liste. Lezione 12 - Modulo 1. Posizione corrente. Introduzione Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 12: Liste Lezione 12 - Modulo 1 Modulo 1: ADT lista e implementazione basata su array Modulo 2: Lista concatenata ADT lista e implementazione basata su array Politecnico

Dettagli

13. Chain of Responsibility

13. Chain of Responsibility Chain of Responsibility 92 13. Chain of Responsibility (GoF pag. 223) 13.1. Descrizione Consente di separare il mittente di una richiesta dal destinario, in modo di consentire a più di un oggetto di gestire

Dettagli

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking e Multithreading Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking si riferisce all abilità di un computer di eseguire processi (jobs) multipli in maniera concorrente si ricorda che

Dettagli

La prima applicazione Java. Creazione di oggetti - 1. La prima applicazione Java: schema di esecuzione. Gianpaolo Cugola - Sistemi Informativi in Rete

La prima applicazione Java. Creazione di oggetti - 1. La prima applicazione Java: schema di esecuzione. Gianpaolo Cugola - Sistemi Informativi in Rete La prima applicazione Java Programma MyFirstApplication Il programma visualizza una finestra vuota sullo schermo. Importo il package delle classi usate nel seguito. Dichiaro la classe MyFirstApplication

Dettagli

Const, friend, static,this

Const, friend, static,this Const, friend, static,this Sommario Lo speficatore const per gli oggetti e le funzioni membro Le funzioni friend I membri static di una classe Il puntatore this Oggetti const Alcuni oggetti devono poter

Dettagli

Metodologie di progetto Estensione di classi Implementazione di interfacce Composizione

Metodologie di progetto Estensione di classi Implementazione di interfacce Composizione Gerarchie di Tipi Metodologie di progetto Estensione di classi Implementazione di interfacce Composizione Notazione UML Relazione Simbolo Significato Ereditarietà Implementazione Aggregazione Dipendenza

Dettagli

Parola chiave extends

Parola chiave extends Il Linguaggio Java Ereditarietà Ereditarietà L'ereditarietà permette di creare nuove classi sulla base di classi esistenti In particolare, permette di riusare il codice (metodi e campi); aggiungere nuovi

Dettagli

Pila di interi. Car 1. Car n. Pila di interi: Pila di Oggetti: Gli elementi che sono inseriti e tolti dalla pila sono numeri interi

Pila di interi. Car 1. Car n. Pila di interi: Pila di Oggetti: Gli elementi che sono inseriti e tolti dalla pila sono numeri interi Pila di Oggetti Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577 234850 - interno: 7102 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Concetti su Java

Programmazione Java Avanzata Concetti su Java Programmazione Java Avanzata Concetti su Java Ing. Giuseppe D'Aquì Testi di Riferimento Java ( R. Liguori, P. Liguori), O'Reilly Hops Tecniche Nuove (2008) Java Virtual Machine Il codice scritto in Java

Dettagli

Ricorsione. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona.

Ricorsione. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Sommario Implementazione di Utilizzo ricorsione per processare dati in java vs. multipla

Dettagli

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma Eclipse Avviare un progetto e compilare un semplice programma Descrizione di Eclipse Eclipse è un ambiente di sviluppo che facilita la scrittura ed il debug di programmi java Permette di: Scrivere il codice

Dettagli

DESIGN PATTERNS Parte 5. Facade Strategy Composite Interpreter

DESIGN PATTERNS Parte 5. Facade Strategy Composite Interpreter DESIGN PATTERNS Parte 5 Facade Strategy Composite Interpreter FACADE Per proteggere la nostra applicazione sfruttando il Protect Variation possiamo usare il pattern Facade. Questo pattern è ottimo per

Dettagli

Esempio: il conto bancario

Esempio: il conto bancario Ereditarietà Prof. Francesco Scarcello D.E.I.S., Università della Calabria Corso di Informatica 2 Esempio: il conto bancario public class BankAccount { public BankAccount() { balance = 0; public BankAccount(double

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 La gestione dei thread in Java

Dettagli

Esercizi e soluzioni

Esercizi e soluzioni Esercizi e soluzioni Esercizi e soluzioni Esercizi modulo 1 Esercizio 1.a) HelloWorld Digitare, salvare, compilare ed eseguire il programma HelloWorld. Consigliamo al lettore di eseguire questo esercizio

Dettagli

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio QUEUE : considerazioni QUEUE : considerazioni Si è realizzata una struttura dati complessa utilizzandone una primitiva, l array. Il pregio di tale implementazione è il basso costo computazionale, mentre

Dettagli

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; }

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; } Java è un linguaggio di programmazione c indipendente dalla piattaforma, ovvero un linguaggio di programmazione che permette di compilare i programmi una volta sola e di installarli su computer che usano

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione Programmazione ad Oggetti: JAVA Esercitazione Docente Ing. Mariateresa Celardo mariateresa.celardo@uniroma2.it Scrivere la classe Motorino che ha i seguenti attributi colore: una stringa indicante il colore

Dettagli

Esempio 2: Subtyping

Esempio 2: Subtyping Esempio 2: Subtyping 22 Subclassing e subtyping Fino ad ora abbiamo trattato l ereditarietà come strumento che consente il riuso flessibile di classi già esistenti mediante l aggiunta o la ridefinizione

Dettagli

e il loro uso: esistente e cambiare quel che va cambiato specializzare (per ereditarietà) la classe Counter public class EsempioNuovo {

e il loro uso: esistente e cambiare quel che va cambiato specializzare (per ereditarietà) la classe Counter public class EsempioNuovo { APPROCCI PER IL RIUTILIZZO: ricopiare manualmente il codice della classe esistente e cambiare quel che va cambiato creare un oggetto composto che incapsuli il componente esistente... gli inoltri le operazioni

Dettagli

Ereditarietà. Corso di Tecniche di Programmazione

Ereditarietà. Corso di Tecniche di Programmazione Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ereditarietà Corso di Tecniche di Programmazione Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo)

Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni delle prove al calcolatore Esercizio 7 (esame del 08/01/2009) class TabellaDiNumeri{ private double[][] tabella;

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009. Enumerativi

Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009. Enumerativi Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009 Enumerativi Finora abbiamo creato enumerativi

Dettagli

Programmazione in Java Parte I: Fondamenti

Programmazione in Java Parte I: Fondamenti Programmazione in Java Parte I: Fondamenti Lezione 1 Dott. Marco Faella Riferimenti Testi consigliati: Progettazione del software e design pattern in Java di C.S. Horstmann Apogeo Gli esempi di codice

Dettagli

Organizzazione della lezione. 15. Java Remote Method Invocation (3) Lo schema del Factory Design Pattern - 1. Factory design pattern

Organizzazione della lezione. 15. Java Remote Method Invocation (3) Lo schema del Factory Design Pattern - 1. Factory design pattern Organizzazione della lezione 15. Java Remote Method Invocation (3) Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno Il design pattern

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1)

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Riassunto. La programmazione OO. Oggi. Esempio

Riassunto. La programmazione OO. Oggi. Esempio Riassunto La programmazione OO Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 17 29 novembre

Dettagli

Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection

Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection Introduzione a GCC: GNU Compiler Collection Caratteristiche di GCC Compilatore multipiattaforma modulare Disponibile per tutti i principali sistemi operativi Può produrre programmi per la maggior parte

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Paradigma O.O. Oggetti e Classi Ereditarietà Paradigma Object-Oriented Il paradigma O.O. si ispira all ambiente che ci circonda,

Dettagli

Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che

Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che Capitolo 3. Pesci e Animali Domestici Le Classi di Java Translated by Francesco Orciuoli Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che rappresentano gli oggetti del mondo reale. Sebbene le persone

Dettagli

Gestione delle eccezioni in Java

Gestione delle eccezioni in Java Gestione delle eccezioni in Java - Introduzione al concetto di eccezioni E possibile definire un eccezione come un situazione imprevista che il flusso di un applicazione può incontrare. È possibile gestire

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Esercitazione n 3. Capacità di analisi e di estensione di progetti esistenti Linguaggio Java:

Esercitazione n 3. Capacità di analisi e di estensione di progetti esistenti Linguaggio Java: Esercitazione n 3 Obiettivi: Capacità di analisi e di estensione di progetti esistenti Linguaggio Java: Ereditarietà delle classi Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Classi astratte Visibilità:

Dettagli

Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente.

Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente. Ricorsione Funzioni ricorsive Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente. Un esempio di funzione ricorsiva

Dettagli

Il Linguaggio Java. Le interfacce

Il Linguaggio Java. Le interfacce Il Linguaggio Java Le interfacce Ordinamento dei conti PROBLEMA: si vogliono ordinare i libretti di risparmio (SavingsAccount) in base al loro tasso di interesse REQUISITO: La classe dovrebbe essere ordinabile,

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Ereditarietà

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Ereditarietà Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Ereditarietà Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

UML Diagrammi delle classi. UML Diagramma classi 1

UML Diagrammi delle classi. UML Diagramma classi 1 UML Diagrammi delle classi UML Diagramma classi 1 Diagramma delle classi Non è nei nostri obiettivi affrontare UML nel suo complesso Ci concentreremo sui diagrammi delle classi che ci forniscono un linguaggio

Dettagli

Capitolo 4. Tipi di dati fondamentali. Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione

Capitolo 4. Tipi di dati fondamentali. Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Capitolo 4 Tipi di dati fondamentali Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Obiettivi del capitolo Apprendere l utilizzo di numeri interi e di numeri in virgola mobile

Dettagli

Programmazione ad Oggetti Modulo A (Esame del 11/9/2015)

Programmazione ad Oggetti Modulo A (Esame del 11/9/2015) Programmazione ad Oggetti Modulo A (Esame del 11/9/2015) Esercizio 1 Considerate la seguente gerarchia di classi: class A { public void print(string s) { System.out.println(s); public void m1() { print("a.m1");

Dettagli

Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso)

Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso) 1) Si considerino le classi Java: Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso) class Card Card (String seed, int value) this.seed=seed; this.value=value; String seed; int

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Novembre 2011 1 Contenuti q Somma di una sequenza di numeri interi

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce Esempio: Interfacce 1 Descrizione Si supponga di avere delle carte da gioco. Ogni carta rappresenta un Personaggio che può essere di tipo o Umano o Mostro. Un Personaggio di tipo Umano ha una forza fisica

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE JAVA JAVA

INTRODUZIONE INTRODUZIONE JAVA JAVA INTRODUZIONE INTRODUZIONE Lo sviluppo di applicazioni complesse porta a costruire moduli software sempre più potenti e versatili, che possano essere riutilizzati in numerosi progetti I linguaggi ad oggetti

Dettagli

Riassunto. I mattoni di base di un programma Java. Oggi. Un programma complicato. Oggi. Perché è complicato? Stefano Mizzaro 1.

Riassunto. I mattoni di base di un programma Java. Oggi. Un programma complicato. Oggi. Perché è complicato? Stefano Mizzaro 1. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 28 settembre

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 11. PHP - Complementi Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica Applicata

Dettagli

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce Esempio: Interfacce 1 Descrizione Si supponga di avere delle carte da gioco. Ogni carta rappresenta un Personaggio che può essere di tipo o Umano o Mostro. Un Personaggio di tipo Umano ha una forza fisica

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java

Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java Ing. Gianluca Caminiti Testi di Riferimento (Java) Cay Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java Apogeo, 2007 (Versione

Dettagli

Programmazione ad eventi in PHP Implementare gli eventi e gestire una coda di messaggi

Programmazione ad eventi in PHP Implementare gli eventi e gestire una coda di messaggi Implementare gli eventi e gestire una coda di messaggi Implementare in PHP la programmazione ad eventi Creare e gestire una coda di messaggi Usare gli eventi per scrivere componenti riusabili Gestire una

Dettagli

Corso di Grafica Computazionale

Corso di Grafica Computazionale Corso di Grafica Computazionale Note di C++ Docente: Massimiliano Corsini Laurea Specialistica in Ing. Informatica Università degli Studi di Siena Note Iniziali Il C++ non ha il concetto dei packages In

Dettagli

Programmazione 1 A.A. 2015/2016

Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Cognome e Nome Matricola Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Appello del 16 Dicembre 2015 Compito n 1 Prima parte Esercizio 1 (10 punti) Cosa stampa il seguente frammento di codice Java? int[] A = {3, 8, 91,

Dettagli

Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti:

Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti: Javadoc Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti: /* commenti */ // commenti /** commenti documentazione */ Questi ultimi generano automaticamente

Dettagli

Eredità in C++ Corso di Linguaggi di Programmazione ad Oggetti 1. a cura di Giancarlo Cherchi

Eredità in C++ Corso di Linguaggi di Programmazione ad Oggetti 1. a cura di Giancarlo Cherchi Eredità in C++ Corso di Linguaggi di Programmazione ad Oggetti 1 a cura di Giancarlo Cherchi 1 Introduzione Il meccanismo dell eredità consente di sfruttare delle relazioni tipo/sottotipo, ereditando attributi

Dettagli

AA 2014-2015. 20. Nomi, binding

AA 2014-2015. 20. Nomi, binding AA 2014-2015 20. Nomi, binding 1 Nomi Un nome in un linguaggio di programmazione è esa;amente quello che immaginate o la maggior parte dei nomi sono definia dal programma (gli idenaficatori) o ma anche

Dettagli

DEFINIZIONE DI NUOVI TIPI Un tipo è un insieme di valori.

DEFINIZIONE DI NUOVI TIPI Un tipo è un insieme di valori. 1 DEFINIZIONE DI NUOVI TIPI Un tipo è un insieme di valori. Per definire un nuovo tipo occorre specificare: 1. un nome per il tipo 2. come costruire i valori del tipo, cioè quali sono i costruttori del

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Esercizio: la classe CashRegister

Esercizio: la classe CashRegister Esercizio: la classe CashRegister Si veda anche il libro di testo: Consigli pratici 3.1 Sezione 4.2 Sezione 8.2 Esercizi 8.1 e 8.2 1 Problema Si chiede di realizzare una classe CashRegister che simuli

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Subtyping e polimorfismo

Programmazione orientata agli oggetti Subtyping e polimorfismo Programmazione orientata agli oggetti Subtyping e polimorfismo Fondamenti di Informatica L-B 1 Subclassing e subtyping Fino ad ora abbiamo trattato l ereditarietà come strumento che consente il riuso flessibile

Dettagli

Insieme.java. Printed by Paolo. Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; Tuesday February 24, /10

Insieme.java. Printed by Paolo. Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; Tuesday February 24, /10 Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; public Insieme() { elementi = new int[0]; public static boolean vuoto(insieme i) { return i.elementi.length == 0; Insieme.java public static

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli