LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013

2 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per prevenire e reprimere i fenomeni corruttivi all interno della Pubblica amministrazione. E entrata in vigore il 28/11/2012. Il principio ispiratore della legge è senz altro quello della trasparenza dell attività amministrativa, per contrastare i fenomeni di illegalità e di corruzione. Trasparenza intesa come accessibilità totale delle informazioni concernenti l organizzazione e tutta l attività amministrativa. Trasparenza che garantisce forme diffuse di controllo sull utilizzo delle risorse pubbliche e, pertanto, concorre ad attuare i principi di democrazia, di eguaglianza, di imparzialità e di corretta amministrazione che sono alla base del nostro Ordinamento.

3 Recepisce disposizioni emanate da Organismi internazionali: - Art. 6 della Convenzione ONU contro la corruzione, adottata il 31/10/2003, ratificata dall Italia nel 2009; - Art. 20 e 21 della Convenzione penale sulla corruzione, siglata a Strasburgo, in ambito U.E., il 27/01/1999, ratificata nel 2012.

4 Le strategie di prevenzione e di contrasto alla corruzione derivano dall azione sinergica di tre soggetti: A) Comitato interministeriale, costituito con D.P.C. 16/1/2013: deve elaborare le Linee guida, gli indirizzi generali che serviranno anche per elaborare il Piano nazionale anticorruzione; B) Dipartimento della Funzione pubblica che opera come soggetto promotore delle strategie di prevenzione e come coordinatore della loro attuazione: deve elaborare il Piano nazionale anticorruzione che conterrà alcune indicazioni per l elaborazione dei Piani triennali di prevenzione da parte delle Amministrazioni; C) Autorità nazionale anticorruzione individuata nella Commissione Indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche - C.I.V.I.T.: svolge funzioni di raccordo con le altre autorità ed esercita poteri di vigilanza e controllo.

5 La Legge non contiene una definizione di corruzione. La Circolare 1/2013 del Dipartimento della Funzione pubblica individua il concetto di corruzione come comprensivo di tutte le situazioni in cui, nel corso dell attività amministrativa, si riscontri l abuso da parte di un soggetto del potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati. Concetto più ampio della fattispecie prevista dal Codice penale che si individua ogni qualvolta si rilevi un malfunzionamento dell amministrazione a causa dell uso a fini privati delle funzioni attribuite.

6 I DESTINATARI DELLE NORME I destinatari delle norme contenute nella Legge 190/2012 sono tutte le Pubbliche amministrazioni previste dall Art. 1, comma 2, del D.Lgs 30/03/2001 N. 165 e, quindi, le Amministrazioni centrali ma anche le Regioni e gli Enti locali.

7 IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE Art. 1, comma 7: l Organo di indirizzo politico dell Ente deve individuare tra i dirigenti amministrativi di ruolo di prima fascia in servizio, il Responsabile della prevenzione della corruzione. L Organo di indirizzo politico secondo l ANCI va individuato nel Sindaco (nel Ministro per i Ministeri). Negli Enti locali il Responsabile è individuato nel Segretario comunale, salvo diversa e motivata determinazione. Circolare N. 1/2013 del Dipartimento della funzione pubblica: il Responsabile non deve essere visto dai colleghi come un persecutore ; i rapporti debbano essere improntati alla massima collaborazione.

8 La Legge non prevede un termine per la nomina. La Circolare indica che le amministrazioni debbono provvedere tempestivamente. Anche l ANCI si è espressa in questi termini. La designazione deve essere comunicata alla C.I.V.I.T. La legge non individua la durata dell incarico, Si ritiene che la durata della designazione debba essere pari alla durata dell incarico dirigenziale.

9 I rilevanti compiti e le notevoli responsabilità del Responsabile della prevenzione della corruzione potranno essere remunerati, a seguito di valutazione positiva dell attività, nell ambito delle norme legislative e contrattuali vigenti. L Amministrazione deve assicurare lo svolgimento di adeguati percorsi formativi e di aggiornamento anche dopo la nomina.

10 E esclusa la possibilità di nominare più di un Responsabile nell ambito della stessa amministrazione. Per gli Enti di maggiore dimensione è possibile individuare, dei Referenti operanti nelle diverse strutture dell Ente. Gli Enti dovranno assicurare al Responsabile della prevenzione della corruzione un adeguato supporto

11 FUNZIONI COMPITI E RESPONSABILITA DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE Il Responsabile è infatti chiamato a svolgere le seguenti attività: 1) Elaborare la proposta di Piano triennale di prevenzione che deve essere adottato dall Organo di indirizzo politico entro il 31 Gennaio di ogni anno; 2) Definire procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione; 3) Verificare l efficace attuazione del Piano e la sua idoneità;

12 4) Proporre modifiche al Piano in caso di accertamento di significative violazioni o di mutamenti dell organizzazione o nell amministrazione; 5) Verificare l effettiva rotazione degli incarichi negli Uffici preposti allo svolgimento delle attività nel cui ambito è più elevato il rischio che siano commessi reati di corruzione; 6) Individuare il personale da inserire nei percorsi di formazione sui temi dell etica e della legalità.

13 Considerata la natura ed il livello dell attività svolta, il Responsabile della prevenzione riferisce all Autorità di indirizzo politico-amministrativo che lo ha nominato, ossia al Sindaco (o al Ministro). - Nel caso riscontri fatti che possono presentare una rilevanza disciplinare, deve riferirne al Dirigente preposto al settore; - Nel caso riscontri fatti suscettibili di dar luogo a responsabilità amministrativa deve presentare tempestiva denuncia alla Procura della Corte dei conti per eventuali iniziative in ordine all accertamento del danno erariale; - Nel caso in cui riscontri fatti che rappresentano notizie di reato, deve presentare denuncia alla Procura della Repubblica o ad un Ufficio di Polizia giudiziaria.

14 La Legge prevede rilevanti responsabilità per il Responsabile in caso di inadempimento. Il comma 8, dell Art. 1 configura una responsabilità dirigenziale: - In caso di mancata predisposizione del Piano; - In caso di mancata adozione delle procedure per la selezione e la formazione dei dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione.

15 Nell ipotesi in cui all interno dell Amministrazione sia commesso un reato di corruzione, accertato con sentenza passata in giudicato, il Responsabile della prevenzione risponde ai sensi dell Art. 21 del DL 30/03/2001 N. 165 nonché sul piano disciplinare, oltre che per il danno erariale e all immagine della Pubblica amministrazione, salvo che provi tutte le seguenti circostanze: - Di avere predisposto in modo corretto il Piano triennale di prevenzione verificando l effettiva rotazione degli incarichi negli uffici a maggior rischio corruttivo e individuando il personale da inserire nei programmi di formazione; - Di avere vigilato sul funzionamento e sull osservanza del Piano.

16 La sanzione disciplinare prevede la sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da un minimo di un mese ad un massimo di sei mesi. E inoltre individuata un ulteriore fattispecie di illecito disciplinare per omesso controllo in caso di ripetute violazioni del Piano.

17 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Il Responsabile della prevenzione deve elaborare la proposta di Piano triennale di prevenzione della corruzione che deve essere adottato dall Organo di indirizzo politico di ciascuna amministrazione entro il 31 Gennaio di ogni anno. In fase di prima applicazione tale termine è stato differito al 31 Marzo Quanto alla tempistica relativa all adozione del Piano da parte degli Enti locali, il comma 60 dell Art. 1 della L. 190/2012 ha demandato a specifiche intese, da adottarsi entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge, in sede di Conferenza unificata, la definizione degli adempimenti, con l indicazione dei relativi termini. Nelle more di tempo l ANCI suggerisce alle Amministrazioni, in via prudenziale, di avviare il lavoro per la definizione delle prime misure in materia di prevenzione alla corruzione.

18 Il Prefetto, su richiesta, fornisce il necessario supporto tecnico ed informativo agli Enti locali. Per quanto riguarda l iter procedurale, la Legge stabilisce che il Piano triennale deve essere redatto secondo le indicazioni contenute nel Piano nazionale anticorruzione. Ad oggi il Piano nazionale non è ancora stato predisposto. Sono solo state adottate le Linee di indirizzo da parte del Comitato interministeriale che individuano i contenuti minimi dei Piani triennali.

19 Ai sensi del comma 9 dell Art. 1 della Legge 190/2012 il Piano deve rispondere alle seguenti esigenze: A) Individuare le attività nell ambito delle quali è più elevato il rischio di corruzione, anche raccogliendo le proposte dei dirigenti, vengono citati, in particolare, i seguenti procedimenti: - Autorizzazioni e concessioni; - Scelta del contraente per l affidamento di lavori, forniture e servizi; - Concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati; - Concorsi e prove selettive per l assunzione del personale e progressioni di carriera.

20 B) Prevedere per i procedimenti sopra citati, meccanismi di formazione, attuazione e controllo delle decisioni idonei a prevenire il rischio di corruzione; C) Prevedere, con particolare riguardo ai citati procedimenti, obblighi di informazione nei confronti del Responsabile della prevenzione della corruzione; D) Monitorare il rispetto dei termini, previsti dalla legge o dai regolamenti, per la conclusione dei procedimenti;

21 E) Monitorare i rapporti tra l amministrazione e i soggetti che con la stessa stipulano contratti o che sono interessati a procedimenti di autorizzazione, concessione o erogazione di vantaggi economici di qualunque genere, anche verificando eventuali relazioni di parentela o affinità sussistenti tra i titolari, gli amministratori, i soci ed i dipendenti degli stessi soggetti e i dirigenti e i dipendenti dell Amministrazione; F) Individuare specifici obblighi di trasparenza ulteriori rispetto a quelli previsti da disposizioni di legge.

22 Ciascuna Amministrazione potrà fare riferimento ai contenuti minimi definiti nelle Linee guida, recependoli ed adattandoli alle proprie caratteristiche organizzative e coerentemente con le proprie specificità. La Circolare N. 1/2013 del Dipartimento della Funzione pubblica sottolinea il collegamento che dovrà sussistere tra il Piano triennale di prevenzione della corruzione ed il Programma triennale per la trasparenza che le Pubbliche amministrazioni debbono adottare ai sensi dell Art. 11 del D. Lgs. 150/2009. E necessario che si stabilisca un raccordo in termini organizzativi tra il Responsabile della trasparenza ed il Responsabile della prevenzione.

23 PUBBLICITA E TRASPARENZA DELL ATTIVITA AMMINISTRATIVA Entro sei mesi dall entrata in vigore della legge (Maggio 2013) con uno o più Decreti del Ministro per la Pubblica amministrazione saranno individuate le informazioni rilevanti per: - La pubblicazione nei siti web della Pubblica amministrazione delle informazioni relative a procedimenti amministrativi, Bilanci e Conti consuntivi, costi unitari di realizzazione delle opere pubbliche e di produzione dei servizi erogati ai cittadini;

24 - Pubblicità con riferimento ai procedimenti di autorizzazione e concessione, scelta del contraente per l affidamento di lavori servizi e forniture, concessione sussidi, contributi, concorsi e prove selettive; - Indicazione di un indirizzo P.E.C.; - Obbligo di rendere accessibile in ogni momento agli interessati, tramite strumenti di identificazione informatica, le informazioni relative ai provvedimenti ed ai procedimenti amministrativi che li riguardano, comprese quelle relative allo stato della procedura ed ai tempi dell Ufficio competente in ogni singola fase.

25 PARALLELISMI CON IL SISTEMA PREVISTO DAL D.LGS 231/2001 La Legge 190/2012 introduce un sistema di allocazione delle responsabilità per alcuni versi analogo a quello della responsabilità delle persone giuridiche previsto dal D.Lgs.231 del Con la nuova disciplina anticorruzione, anche nel settore pubblico come in quello privato diventa esenziale prevenire la cosiddetta colpa di organizzazione (irresponsabilità organizzata). Si ha colpa di organizzazione in presenza di un organizzazione pubblica organizzata confusamente, gestita in modo inefficiente, non responsabile e non responsabilizzata.

26 Nel sistema delineato con il D.Lgs. 231 si delinea il seguente sistema: il soggetto apicale commette il reato e anche l Ente al ricorrere di alcune condizioni ne risponde. Il criterio di imputazione soggettiva della responsabilità è la colpa di organizzazione, quale espressione di scelte di politica aziendale errate o quantomeno avventate. In forza del rapporto di immedesimazione organica che lega i soggetti apicali alla persona giuridica, il reato da loro commesso è qualificabile come proprio della persona giuridica. Fino alla legge 190 del 2012 da tale sistema di responsabilità erano esenti gli Enti pubblici non economici. La Legge 190/2012 ha introdotto un meccanismo di allocazione della responsabilità analogo seppur diverso rispetto a quello del D.Lgs 231/2001

27 Il tutto parte dalla nomina, nell ambito della pubblica amministrazione, del Responsabile della prevenzione della corruzione. Tale soggetto, come abbiamo visto, deve adempiere numerosi compiti. Ebbene, in caso di perpetrazione di un reato di corruzione accertato con sentenza passata in giudicato, risponde il responsabile anticorruzione. Anche in questo caso il criterio di imputazione soggettiva della responsabilità è la colpa di organizzazione. Esiste, quindi, una certa analogia con quanto previsto dal D.Lgs 231 che, in caso di commissione del reato da parte del soggetto apicale prevede anch essa una estensione della responsabilità.

28 Indubbiamente tra le due forme di responsabilità esistono differenze significative: - E diverso il Giudice: lì il giudice penale, qui la Corte dei conti; - E diversa la natura dell illecito: lì penale qui erariale e disciplinare; - E diverso il titolo di responsabilità: lì il dolo in ragione della natura tipicamente dolosa dei reati corruttivi qui tipicamente la colpa; - Soprattutto è differente il destinatario della responsabilità da colpa di organizzazione: nella 231/2001 è l Ente nella 190/2012 è una persona: il Responsabile della prevenzione, ossia tipicamente il Segretario comunale. In dottrina, infatti, ci si domanda se sia stato corretto concentrare tutta la responsabilità prevista dalla norma su tale soggetto.

29 I CONTROLLO DEL REVISORE DEI CONTI - Verifica della corretta nomina del Responsabile della prevenzione (da parte del Sindaco); - Verifica dell adozione del Piano triennale di prevenzione della corruzione (da parte della Giunta); - Verifica degli obblighi in tema di pubblicità dell attività amministrativa.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE Premessa Lo scorso 28 novembre è entrata in vigore la legge 6 novembre 2012 n. 190 contenente le disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012).

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). ART. 1 OGGETTO E FINALITA' Ai sensi della Legge 190/2012 "Disposizioni per

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016)

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016) PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016) SOMMARIO PRESENTAZIONE 1. CONTESTO INTERNO 2. IL PERSONALE 3. GLI ORGANI 4. OGGETTO E FINALITA 5. RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 6. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE C I TT A D i G E R A C E 1. Oggetto del Piano PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE 1. Il piano di prevenzione della corruzione: a) fornisce il diverso livello di esposizione degli

Dettagli

COMUNE DI BOSISIO PARINI PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI BOSISIO PARINI PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI BOSISIO PARINI PROVINCIA DI LECCO Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 (articolo 1, commi 8 e 9 della legge 60 novembre 2012 numero 190 recante le disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 G.A.L. Mongioie società consortile a r.l. Piazza Vittorio Veneto n. 1 12070 Mombasiglio C.F. e P.I. 02581140049 Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Approvato dal Consiglio

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.)

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) Triennio: 2015-2017 Responsabile: Dott. Pasquali Francesco Nomina del responsabile

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE PREMESSA Oggetto del piano Il Responsabile della prevenzione

Dettagli

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (2015-2017) Componenti: a) N. 15 Consiglieri componenti

Dettagli

Azienda provinciale foreste e demanio

Azienda provinciale foreste e demanio Landesbetrieb für Forst- und Domänenverwaltung Azienda provinciale foreste e demanio Azienda provinciale foreste e demanio Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013 2015 (ai sensi della legge

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n. 16 del 15/05/2013 OGGETTO: Esame ed approvazione del Piano triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (legge 190 del 06.11.2012). IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che ai sensi dell art.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Fondazione Provinciale Bresciana per L Assistenza Minorile onlus PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Triennio 2014 2016 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo

Dettagli

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELL AREA METROPOLITANA DI TORINO Sede legale: Viale C. Emanuele II, 256 10078 Venaria Reale (TO) - P.I. 01699930010 - tel. 011 4993311 fax 011 4594352 PIANO PROVVISORIO

Dettagli

DELIBERA DI GIUNTA N. 16

DELIBERA DI GIUNTA N. 16 COMUNITA VALSUGANA E TESINO DELIBERA DI GIUNTA N. 16 OGGETTO : Adozione piano triennale di prevenzione della corruzione (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. L anno 2014, il giorno 23

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n.

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n. Comune di Pompiano (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (Legge 6 novembre 2012, n. 190) ART. 1 Premessa e finalità del Piano di Prevenzione della Corruzione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016 UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Cadoneghe Vigodarzere PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016 Approvato con delibera

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Premessa Indice 1. Normativa 2. Oggetto e finalità del piano 3. Definizione di corruzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 OGGETTO: Approvazione del Piano per la prevenzione della corruzione e del Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 dell Autorità

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 INTRODUZIONE Con la legge n. 190 del 6 novembre 2012, entrata in vigore il 28 novembre 2012, sono state dettate

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

PER IL TRIENNIO 2014-2016

PER IL TRIENNIO 2014-2016 Pagina1 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE dell ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI TORINO (art. 1, comma 8, Legge 6 novembre 2012, n. 190) PER IL TRIENNIO

Dettagli

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

Piano Anticorruzione It.City S.p.A. Piano Anticorruzione It.City S.p.A. 2014 2016 Indice Premessa... 2 Organizzazione... 4 Referenti... 5 Compiti operativi dei Referenti... 7 Aree di rischio... 8 I Controlli... 9 La Trasparenza... 10 Codice

Dettagli

COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia

COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ai sensi art.1, VIII e IX comma, Legge 6 novembre 2012 n. 190. Adottato con deliberazione di G.C. N. 94/2013

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS 1 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) Legge 6 novembre 2012, n. 190) Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2014-2016 1 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre

Dettagli

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA Piano Anticorruzione Pianoro Centro SpA 2015-2017 Indice Premessa..... 2 Attività ed Organizzazione Aziendale 4 Referenti.. 5 Compiti operativi del Responsabile 5 Aree di rischio. 5 I Controlli 6 La Trasparenza...

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) Legge 6 novembre 2012, n. 190)

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli

La costruzione del piano anticorruzione in una Azienda Ospedaliera

La costruzione del piano anticorruzione in una Azienda Ospedaliera Barabino & Partners Roma, 25 settembre 2013 La costruzione del piano anticorruzione in una Azienda Ospedaliera Dott.ssa Loredana Luzzi Direttore Amministrativo A.O. G. Salvini - Garbagnate Milanese Il

Dettagli

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG C.F. Denominazione Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) 80045210582

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Azienda Speciale Servizi Alla Persona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Numero 39 Data 13/10/2014 Oggetto: Approvazione programma triennale trasparenza e piano triennale anticorruzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA

ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015 2017 Il Piano Triennale di prevenzione della corruzione è il documento previsto dall'art. 1 della

Dettagli

Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione

Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione 15 aprile 2015 A cura della Dott.ssa Giuseppina Massara SOMMARIO cos è la c.d. «Legge Anticorruzione»;

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2015-2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2015-2016 Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona Riconosciuta in data 17/10/2012 con decreto Prefettura di Verona n. 230/P C.F. e P.IVA: 04093500231 Via C. Montanari, 5 37122 Verona Telefono 045 8000082 Fax

Dettagli

Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018. Pag. 1 a 10

Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018. Pag. 1 a 10 Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018 Pag. 1 a 10 Sommario Premessa... 3 ORGANIZZAZIONE... 5 1 - REFERENTI... 6 2 - AREE DI RISCHIO... 7 3 MISURE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO... 9 4 - TRASPARENZA...

Dettagli

[Allegato 1 alla deliberazione G.C. n. 138 in data 11/12/2013] PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA

[Allegato 1 alla deliberazione G.C. n. 138 in data 11/12/2013] PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA [Allegato 1 alla deliberazione G.C. n. 138 in data 11/12/2013] PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA COMUNE DI MAGNAGO ABITANTI AL 01.01.2013 N. 9280 N. 5 POSIZIONI

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA SEGRETERIA GENERALE 2014-2016 UFFICIO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA SEGRETERIA GENERALE 2014-2016 UFFICIO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA 2014-2016 SEGRETERIA GENERALE UFFICIO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Gennaio 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.)

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) Ordine dei Farmacisti della Provincia di Torino Via Sant Anselmo 14 10125 Torino C.F. 80082540016 Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Adottato in data 17 dicembre 2014

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza pag.3 pag.4 Misure

Dettagli

COMUNE DI CALICE AL CORNOVIGLIO Provincia della Spezia

COMUNE DI CALICE AL CORNOVIGLIO Provincia della Spezia COMUNE DI CALICE AL CORNOVIGLIO Provincia della Spezia PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 1. OGGETTO DEL PIANO Il piano triennale per la prevenzione della corruzione: a) fornisce

Dettagli

Secondo l art.1 del D.Lgs 33/13 per trasparenza si intende

Secondo l art.1 del D.Lgs 33/13 per trasparenza si intende Il Servizio Trasparenza e prevenzione della corruzione descrive l Amministrazione trasparente Il concetto di trasparenza Secondo l art.1 del D.Lgs 33/13 per trasparenza si intende «l accessibilità totale

Dettagli

Giornata di studio in materia di trasparenza ed anticorruzione ASSOFARM. Massimo Maraziti esperto organizzazione e compliance

Giornata di studio in materia di trasparenza ed anticorruzione ASSOFARM. Massimo Maraziti esperto organizzazione e compliance Giornata di studio in materia di trasparenza ed anticorruzione ASSOFARM Massimo Maraziti esperto organizzazione e compliance Bologna, 13 Novembre 2015 Di cosa parleremo oggi. o Aggiornamento del Piano

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013 2015. (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) della legge 6 novembre 2012, n 190)

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013 2015. (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) della legge 6 novembre 2012, n 190) Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013 2015 (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) della legge 6 novembre 2012, n 190) adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 25 marzo

Dettagli

Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.)

Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la prevenzione della corruzione

Dettagli

Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico

Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico USR UMBRIA - Giornata della trasparenza 2014 18 dicembre 2014 - Sala S. Anna, PERUGIA Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico Ing. Bruno G. Lamonaca Ufficio

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 Indice Premessa Art. 1 La strategia nazionale di prevenzione della corruzione Art. 2 Il Piano triennale di prevenzione della

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC Periodo di riferimento: 2014/2016 (allegato alla deliberazione del n. 7/2014) INDICE PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Legge 6 novembre 2012 n. 190 Legge anticorruzione

Legge 6 novembre 2012 n. 190 Legge anticorruzione Legge 6 novembre 2012 n. 190 Legge anticorruzione Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella pubblica amministrazione Sommario Articolo 1 Disposizioni per

Dettagli

A.P.S.P. SAN GIOVANNI COMUNE DI MEZZOLOMBARDO Provincia di Trento

A.P.S.P. SAN GIOVANNI COMUNE DI MEZZOLOMBARDO Provincia di Trento A.P.S.P. SAN GIOVANNI COMUNE DI MEZZOLOMBARDO Provincia di Trento Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015 2017 1 INFORMAZIONI GENERALI 1.1 - L attuazione della Legge 6 novembre 2012 n. 190,

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 CAPO I PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Articolo 1 (Oggetto e finalità) 1.

Dettagli

PIANO PROVVISORIO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO PROVVISORIO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO PROVVISORIO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Introduzione È stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 13 novembre 2012 la Legge 6 novembre 2012 n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

COMUNE DI CERRO MAGGIORE (Provincia di Milano)

COMUNE DI CERRO MAGGIORE (Provincia di Milano) (Provincia di Milano) INDICE Articolo 1 La corruzione...pag. 1 Articolo 2 Il Responsabile della prevenzione della corruzione...pag. 1 Articolo 3 Compiti e responsabilità dei Dirigenti...Pag. 1 Articolo

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa RELAZIONE ANNUALE, A CURA del RESPONSABILE dell ANTICORRUZIONE, ai SENSI dell ART. 1, co. 14, della L. 190/2012, SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DI MILANO RISTORAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI' Provincia dell'ogliastra

COMUNE DI TORTOLI' Provincia dell'ogliastra COMUNE DI TORTOLI' Provincia dell'ogliastra C O P I A REGISTRO GENERALE Determinazione n. 1380 del 31/12/2014 AREA VIGILANZA Numero 3035 del 31/12/2014 OGGETTO Affidamento temporaneo servizio di vigilanza

Dettagli

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 INDICE 1. PREMESSA... - 3-2. L ATTIVITÀ SVOLTA DALLA FONDAZIONE INGM... - 4-3. INDIVIDUAZIONE DELLE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2016 2017 2018 EMISSIONE Dicembre 2015 DECORRENZA Gennaio 2016 Redazione a cura di: Responsabile Prevenzione della corruzione Approvato da: Consiglio di

Dettagli

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015 Modelli ex d.lgs. 21/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012 Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015 L impatto immediato e diretto della L. 190/2012 sul d.lgs. 21/01 La Legge 190

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n.41/2014 INDICE PREMESSA... 3 1. LE PRINCIPALI

Dettagli

Legge Anticorruzione: analisi della legge n. 190/2012. Articolo 18.02.2013 (Fernanda Faini)

Legge Anticorruzione: analisi della legge n. 190/2012. Articolo 18.02.2013 (Fernanda Faini) 1 di 13 03/03/2013 16:57 Legge Anticorruzione: analisi della legge n. 190/2012 Articolo 18.02.2013 (Fernanda Faini) La cosiddetta legge anticorruzione, legge 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 8 dd. 27.01.2014

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 8 dd. 27.01.2014 Deliberazione n. 8 dd. 27.01.2014 Pagina 1 di 6 COMUNE DI SAN LORENZO I N BANALE P r o v i n c i a d i T r e n t o Verbale di Deliberazione della Giunta comunale n. 8 dd. 27.01.2014 OGGETTO: Adozione del

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE E TRASPARENZA. Brianzacque srl. Viale Fermi, 105 20900 Monza. Allegato al Modello Organizzativo D.

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE E TRASPARENZA. Brianzacque srl. Viale Fermi, 105 20900 Monza. Allegato al Modello Organizzativo D. PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE E TRASPARENZA Brianzacque srl Viale Fermi, 105 20900 Monza Allegato al Modello Organizzativo D.Lgs 231/01 Sistemi integrati di gestione organizzativa Adempimenti ai sensi

Dettagli

Corruzione e Sprechi in sanità

Corruzione e Sprechi in sanità Corruzione e Sprechi in sanità Legge Anticorruzione: analisi della legge n. 190/2012 Tradate Giovedì 8 maggio 2014 Avv. Fabrizio Sardella Foro di Milano f.sardella@studiolegalesardella.com LA LEGGE N.190

Dettagli

SOCIETA PARMAZEROSEI S.P.A. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2014-2016

SOCIETA PARMAZEROSEI S.P.A. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2014-2016 SOCIETA PARMAZEROSEI S.P.A. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO 2014-2016 PREMESSA A seguito dell entrata in vigore della Legge Anticorruzione n. 190/2012 recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 17.02.2014. 1 PREMESSA Il presente documento costituisce il Piano di prevenzione della corruzione adottato

Dettagli

PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015 2017 (adottato con determina n. 3/2015)

PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015 2017 (adottato con determina n. 3/2015) PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 015 017 (adottato con determina n. 3/015) 1. PREMESSA Nel d.lgs. n. 150/009 Attuazione della legge 4 marzo 009 n.15 in materia di OTTIMIZZAZIONE

Dettagli

Trasparenza ed Anticorruzione

Trasparenza ed Anticorruzione Trasparenza ed Anticorruzione Prof. Giuseppe D Onza Professore Associato Direttore Master Auditing e Controllo Interno Università di Pisa Esperto Autorità Nazionale Anticorruzione Lucca, 12/01/2014 gdonza@ec.unipi.it

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE FONDAZIONE CAMPANIA DEI FESTIVAL 2014-2016 SOMMARIO

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE FONDAZIONE CAMPANIA DEI FESTIVAL 2014-2016 SOMMARIO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE FONDAZIONE CAMPANIA DEI FESTIVAL 2014-2016 SOMMARIO PREMESSA 1. CONTESTO INTERNO 2. IL PERSONALE 3. GLI ORGANI 4. OGGETTO E FINALITA' 5. RESPONSABILE DELLA

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Premessa Il Consorzio è stato costituito ai sensi dell art. 31 del T.U di cui al D.Lgs 267/2000

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE

PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE Triennio 2014/2016 1 Art. 1 Finalità Il presente piano, nell ambito delle analoghe regolamentazioni poste in essere dal socio unico- Comune di Cerveteri,

Dettagli

Area Amministrativa Emissione titoli di spesa Basso Emissione lasciapassare incasso denaro

Area Amministrativa Emissione titoli di spesa Basso Emissione lasciapassare incasso denaro CT SERVIZI SRL CON SOCIO UNICO IL COMUNE DI CAVALLINO TREPORTI Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014 2015 2016 Art. 1 Oggetto e finalità Ai sensi della Legge 190/2012 Disposizioni per la

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Direzione Strategica Il Responsabile della prevenzione della corruzione

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Direzione Strategica Il Responsabile della prevenzione della corruzione REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE Direzione Strategica Il Responsabile della prevenzione della corruzione Piano redatto ai sensi della Legge n. 190/2012 Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015. A cura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione della Provincia di Udine

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015. A cura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione della Provincia di Udine PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 A cura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione della Provincia di Udine Premessa La completa attuazione del Sistema Giuridico dell

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016 PREMESSA La legge 6 novembre 2012, n. 190, recante Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA AVVISO AL PERSONALE DIPENDENTE Procedura di consultazione interna: ai fini dell aggiornamento del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015-2017 (P.T.P.C.)

Dettagli

COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO Numero 14 Data 28/01/2014 Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DI GIUNTA COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE PER LA

Dettagli

Corso di formazione Profili generali Legge n. 190/2012

Corso di formazione Profili generali Legge n. 190/2012 Corso di formazione Profili generali Legge n. 190/2012 in materia della prevenzione e repressione della corruzione nella Pubblica Amministrazione Dicembre 2014 Torre del Greco Personale 3 Settore Assetto

Dettagli

PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE

PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE LEGGE 6 NOVEMBRE 2012 N. 190 Relazione anno 2013 a cura del Segretario Generale e del Responsabile del Servizio Integrità Il Consiglio Comunale, con deliberazione n.

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). Piano triennale approvato con deliberazione del Consiglio d Amministrazione 8/2013 del 26/03/2013 ART. 1 premessa 1. Il piano della

Dettagli

FONDAZIONE LA CASA ONLUS PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ 2016-2018

FONDAZIONE LA CASA ONLUS PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ 2016-2018 FONDAZIONE LA CASA ONLUS PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ 2016-2018 Approvato dal Consiglio Direttivo in data 17 dicembre 2015 INDICE

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

Determinazione del Segretario Generale Responsabile della Prevenzione della Corruzione

Determinazione del Segretario Generale Responsabile della Prevenzione della Corruzione C I T T A' D I I S P I C A (Provincia di Ragusa) Determinazione del Segretario Generale Responsabile della Prevenzione della Corruzione Approvazione relazione del responsabile della prevenzione della corruzione

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

COMUNE DI TREPPO CARNICO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016

COMUNE DI TREPPO CARNICO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 23 del 30/01/2014 COMUNE DI TREPPO CARNICO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Il Comune nell'elaborazione e nell'attuazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2014-2016

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2014-2016 Pagina 1/17 PIANO TRIENNALE Pagina 2/17 Sommario 1. LA SOCIETÀ E LA SUA ORGANIZZAZIONE...3 2. LA LEGGE 190/2012...3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE...4 4. FINALITÀ DEL

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 14/05/2015 con delibera n 4 del Verbale n. 7. AFOL Metropolitana Agenzia Metropolitana

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA LIGURIA DELIBERAZIO DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA LIGURIA 4 febbraio 2015 n. 26 /2015 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIO

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO CORRUZIONE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO CORRUZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO CORRUZIONE INDICE PARTE I Individuazione del rischio corruzione Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Aree a maggior rischio di corruzione

Dettagli