LA NEGOZIAZIONE DELLE MERCI Tipologia, natura e funzioni delle Borse di commercio gestite dalle Camere di Commercio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NEGOZIAZIONE DELLE MERCI Tipologia, natura e funzioni delle Borse di commercio gestite dalle Camere di Commercio"

Transcript

1 LA NEGOZIAZIONE DELLE MERCI Tipologia, natura e funzioni delle Borse di commercio gestite dalle Camere di Commercio A cura di Claudio Venturi Sommario: - 1. Riferimenti normativi, natura e funzioni delle Borse di commercio. 2. Le Borse di commercio gestite dalle Camere di Commercio Borse merci e Sale di contrattazione Borsa telematica (Meteora) Borse immobiliari Borsa del recupero Natura e funzioni Organizzazione del mercato telematico della borsa di recupero Borse delle subforniture. 1. Riferimenti normativi, natura e funzioni delle Borse di commercio Allo scopo di favorire la concentrazione delle contrattazioni anche attraverso l'erogazione di servizi volti a favorire la stipulazione dei contratti, la Camera di Commercio ha istituito le Borse di commercio. Esse hanno lo scopo di agevolare l'incontro della domanda e dell'offerta. Le borse di commercio sono strutture specializzate, assoggettate ad una specifica regolamentazione, in cui si accentrano gli operatori economici e in cui si svolgono contrattazioni su prodotti, o per descrizione o per campione. La borsa merci viene comunemente definita come il luogo di incontro per lo svolgimento delle contrattazioni di merci, di prodotti e di servizi che possono formare oggetto di scambio, esclusi i beni le cui negoziazioni in base alle disposizioni vigenti si svolgono presso le borse valori. La borsa merci può dirsi, sostanzialmente, un istituto derivante dagli antichi mercati, dai quali si differenzia unicamente per l'assenza delle merci contrattate. Con il R.D.L. 26 luglio 1935, n. 1494, convertito dalla legge 9 gennaio 1936, n. 12, le borse merci vennero soppresse (perché «non più rispondenti alle necessità del mercato nell'attuale ordinamento corporativo dell'economia nazionale»). Caduto il regime fascista, la legge 30 maggio 1950, n. 374, ha ripristinato la facoltà di istituire le borse merci su proposta delle Camere di Commercio, con Decreto del Presidente della Repubblica, ad iniziativa del Ministero dell'industria. A seguito di tale ricostituzione, il Ministero dell'industria, con la Circolare n. 673/C del 16 gennaio 1954 diramò uno schema di regolamento-tipo, predisposto da una Commissione costituita presso l'unioncamere, che sarebbe dovuto essere recepito dagli Enti camerali per le proprie borse merci. Le borse merci oggi in vigore sono regolate dalla fondamentale legge 20 marzo 1913, n. 272 e dal relativo regolamento di attuazione approvato con R.D. 4 agosto 1913, n. 1068, nonché dalle successive modificazioni. Tuttocamere Borse merci Gennaio Pag. 1/6

2 Grande importanza assumono poi i regolamenti di borsa, approvati con decreto del Ministro dell'industria, e gli usi di borsa. La Camera di Commercio ha il compito di gestire e di amministrare la borsa merci, fornisce il personale e fa fronte alle spese necessarie per il funzionamento della borsa, riscuotendo i relativi diritti. 2. Le Borse gestite dalle Camere di Commercio Le Borse camerali sono: 1) Borse merci e Sale di contrattazione, 2) Borsa telematica (Meteora), 3) Borse immobiliari, 4) Borsa del recupero, 5) Borse delle subforniture Borse merci e Sale di contrattazione Sono strutture che possono essere definite quale luogo di incontro per lo svolgimento delle contrattazioni di merci, di prodotti e di servizi che possono formare oggetto di scambio. Gli operatori che utilizzano le Borse merci e le Sale contrattazioni appartengono soprattutto al settore della mediazione agricola. Nei locali della Borsa o della Sala si svolgono le trattative di compravendita a trattativa su semplice denominazione o su campione di merce (grano, farina, vino, ecc.), o su certificato di origine o di qualità. Le contrattazioni avvengono sulla base di contratti-tipo i quali vengono predisposti considerando la natura e la qualità della merce. Essi comprendono tutti gli elementi del contratto, compresi, salva diversa pattuizione, i termini di consegna, il ritiro, il pagamento e la costituzione in mora, con esclusione del prezzo e della qualità della merce. Al termine della giornata di mercato un apposito Comitato procede alla redazione del Listino dei prezzi, dove sono annotate le quotazioni dei prezzi delle merci contrattate. È attualmente in corso l'ammodernamento di dette Borse merci e il sistema tradizionale di contrattazione verrà, gradualmente, sostituito dal sistema telematico Borsa telematica (Meteora) 1 Alcune Camere di Commercio hanno istituito una società per azioni denominata Meteora S.p.a., con lo scopo di realizzare e gestire un sistema telematico di contrattazione dei prodotti agricoli, agroalimentari, ittici, standardizzati, tipici e di qualità e con l obiettivo di assicurare condizioni di trasparenza dei prezzi e garantire efficienza e razionalità ai relativi mercati. Il decreto del Ministro delle Attività Produttive del 9 Marzo 2002 (Gazzetta Ufficiale della Repubblica 2 Aprile 2002 n. 77 ) ha dato avvio alle contrattazioni telematiche delle merci e delle derrate, riconoscendo a Meteora il ruolo di gestore esclusivo della Borsa Merci Telematica Italiana. 1 La Borsa Merci Telematica Italiana Meteora Spa è raggiungibile via Internet al seguente indirizzo: Tuttocamere Borse merci Gennaio Pag. 2/6

3 Meteora è un grande mercato di incontro delle offerte di acquisto e di vendita, in grado di determinare in tempo reale i prezzi. Insieme alle Borse telematiche delle Camere di Commercio ad essa collegate, garantisce la trasparenza dei prezzi delle derrate agricole e dei prodotti agroalimentari e di qualità. Al mercato telematico accedono produttori agricoli, mediatori merceologici, commercianti, industriali del settore alimentare, previo accreditamento da parte del comitato di vigilanza della competente Camera di Commercio, che accerta professionalità, solvibilità e correttezza. Agli operatori accreditati, una volta iscritti in un apposito ruolo tenuto dalla Camera di Commercio, viene rilasciato un sistema di identificazione e una casella di posta elettronica per poter operare. Il collegamento telematico tra gli operatori, a differenza delle Borse merci tradizionali, consente la negoziazione delle merci indipendentemente dalla presenza fisica presso la sala di negoziazione Borse immobiliari L'obiettivo delle Borse immobiliari è quello di favorire la trasparenza del mercato immobiliare, anche attraverso l'uso di contratti-tipo, la disponibilità di una banca dati sulle domande ed offerte di compravendita e locazione di immobili. Le borse immobiliari sono disciplinate da un regolamento specifico il quale prevede quali organi del mercato il comitato di vigilanza e il comitato per il listino, entrambi nominati dalla locale Camera di Commercio. Nelle ore stabilite dal calendario di mercato, sono ammessi ad operare nella sala di contrattazione della Borsa immobiliare i mediatori immobiliari iscritti nel ruolo camerale, i titolari, gli amministratori e i dipendenti di imprese di costruzione (muniti di formale procura speciale o generale) e gli acquirenti. Le negoziazioni si svolgono per trattativa privata o per asta pubblica. Il pubblico non può negoziare direttamente. Al termine di ogni mercato è pubblicato il listino Borsa del recupero Natura e funzione La Borsa del recupero consiste in un servizio informatizzato, accessibile per via telematica, in grado di agevolare l'incontro della domanda e dell'offerta dei beni soggetti a recupero e delle attività ed operazioni di gestione dei rifiuti, di recupero, di smaltimento e di eventuale pretrattamento finalizzato allo smaltimento. La Borsa del Recupero è un servizio che le Camere di Commercio italiane mettono a disposizione delle aziende al fine di favorire la crescita del mercato del recupero, con l'obiettivo di promuovere l incontro della domanda e dell offerta di materiali recuperabili e di attività e operazioni di gestione dei rifiuti, di recupero, smaltimento in conformità alla normativa vigente. 2 La Borsa Telematica del Recupero (BTR) è raggiungibile via Internet al seguente indirizzo: Tuttocamere Borse merci Gennaio Pag. 3/6

4 Sono scambiati all interno della Borsa Telematica del recupero: rifiuti definiti dal Codice CER, compresi i rifiuti recuperabili (ossia i residui derivanti da processi produttivi suscettibili di essere utilizzati come materie prime in altri percorsi produttivi); materie prime ottenute da attività di recupero; beni durevoli a fine vita e rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Sono oggetto di negoziazione all'interno della Banca Telematica del Recupero (BTR) i seguenti servizi: Recupero Smaltimento Trattamento Trasporto L'accesso degli operatori alla Borsa nazionale telematica del recupero (BTR) è disciplinato dal regolamento generale, mentre specifici regolamenti disciplinano la negoziazione. L attuale Regolamento generale della Borsa Telematica del Recupero è stato adottato con decisione del Comitato di Borsa del 18 ottobre Le Camere di Commercio, quali organismi di accreditamento degli operatori, svolgono un ruolo di garanzia e di tutela del mercato e hanno la gestione operativa della Borsa telematica del recupero. Al fine di garantire l'efficiente ed omogenea offerta del servizio su tutto il territorio nazionale, gli enti camerali si avvalgono di Simea, un sistema telematico sviluppato da Ecocerved, società per l'ambiente del sistema camerale. Per l'accreditamento occorre una richiesta da parte degli operatori trasmessa per via telematica alle Camere di Commercio, con l'indicazione della posizione del Registro delle imprese e gli estremi di presentazione del Modello unico di dichiarazione ambientale. Se l'azienda richiedente svolge attività di gestione di rifiuti, nella domanda occorre indicare gli estremi di autorizzazioni, iscrizioni e comunicazioni che abilitano all'esercizio di detta gestione Organizzazione del mercato telematico della borsa del recupero Sono organi collegiali di direzione e vigilanza del mercato telematico del recupero: Il Comitato di Borsa, costituito presso Unioncamere, con funzioni di direzione, coordinamento e vigilanza; Le Consulte di Filiera; Le Camere di Commercio, organismi di accreditamento degli operatori, che svolgono così un ruolo di garanzia e tutela del mercato e degli operatori; Le Camere di Commercio al fine di garantire omogeneità d erogazione del servizio su tutto il territorio nazionale adotteranno un unica piattaforma telematica. Tutte le fasi dell utilizzo della Borsa Nazionale Telematica del recupero da parte degli operatori sono disciplinate dal Regolamento Generale e dai specifici regolamenti che disciplinano la negoziazione nelle singole filiere, predisposti dalle consulte di filiera. Tuttocamere Borse merci Gennaio Pag. 4/6

5 Contemporaneamente il regolamento viene pubblicato sul sito Internet: a tutti gli operatori per registrarsi viene richiesto di accettare quanto previsto dal regolamento. La gestione operativa della Borsa Telematica dei rifiuti è affidata alle Camere di Commercio che si avvalgono di un unica piattaforma telematica al fine di garantire l efficiente e omogenea offerta del servizio su tutto il territorio nazionale. Le Camere di Commercio sono l ente responsabile dell accreditamento degli operatori. Le Camere di Commercio utilizzano un unica piattaforma telematica nell ambito della quale assicurano: la gestione della Banca Dati della Borsa telematica del recupero e il regolare funzionamento del servizio; la costante manutenzione del servizio e delle sue funzionalità; il rilascio agli operatori delle chiavi univoche di accesso al sistema; l'assistenza agli utenti; la sicurezza del servizio consentendo l accesso ai soli operatori accreditati; l integrità e la riservatezza dei dati contenuti nella Borsa del Recupero; l adeguamento del servizio alle indicazioni espresse dal Comitato di Borsa; l'accesso da parte di Osservatorio nazionale dei Rifiuti e ANPA ai dati e alle informazioni; Il "Comitato di Borsa" è l'organismo che ha funzioni di vigilanza e di direzione generale della Borsa: ad esso è affidato il coordinamento e l omogeneizzazione del servizio sul territorio nazionale, e il ruolo di Osservatorio centrale per il funzionamento del mercato. In questa veste il Comitato potrà proporre modifiche ed adeguamenti all'intero "sistema borsa" al fine di seguire gli sviluppi sia normativi che tecnici legati all evoluzione del mercato del recupero e del riciclaggio. Tra le sue attribuzioni rientrano: approvazione del Regolamento Generale della Borsa telematica del recupero; approvazione dei Disciplinari di filiera predisposti dalle Consulte; vigilanza sull andamento del mercato; coordinamento generale delle attività sul territorio nazionale ed in particolare; progettazione e coordinamento delle campagne promozionali del servizio; indirizzo e monitoraggio delle attività delle Camere di Commercio; nomina, insediamento, definizione delle modalità di funzionamento delle Consulte di Filiera; coordinamento delle attività delle Consulte di Filiera; fissazione, aggiornamento dell eventuale canone di accreditamento per l utilizzo del servizio; determinazione delle cause di sospensione o esclusione degli operatori. All'interno del Comitato di Borsa sono rappresentati: Unioncamere, che fornisce il servizio di Segreteria Tecnica del Comitato, avvalendosi anche della collaborazione del Gestore Operativo del servizio telematico; Camere di Commercio con un rappresentante espresso dalla Commissione Nazionale per l'ambiente; Conferenza Stato Regioni; UPI; ANCI; Tuttocamere Borse merci Gennaio Pag. 5/6

6 Osservatorio Nazionale dei Rifiuti; Gestore della piattaforma telematica; Ministero dell Industria; Ministero dell'ambiente; Albo Nazionale dei Gestori; Agenzia Nazionale per l Ambiente; UNI. Le Consulte di filiera sono costituite a livello nazionale e sono nominate ed insediate dal Comitato Nazionale di Borsa. Delle Consulte, che hanno sede presso la Camera di Commercio maggiormente interessata, fanno parte gli operatori economici in rappresentanza della specifica filiera. I compiti delle Consulte sono: adottare disciplinari e specifiche di mercato relative alla qualità e alle modalità di scambio per singole filiere, ove queste esistano e siano riconosciute come standard di mercato o siano normate dagli enti competenti; in assenza di norme esistenti, predisporre dei Disciplinari di filiera, redatti per singoli materiali o categorie di questi, monitorare l andamento del mercato, proponendo eventualmente interventi correttivi Borse delle subforniture Il sistema camerale (alcune Unioni regionali ed Aziende speciali) in materia di subfornitura, oltre a svolgere attività di assistenza, di studio e di rilevazione di dati, ha promosso la costituzione di sale di contrattazione denominate Borse della subfornitura, in cui gli operatori possono mettersi in contatto con partner ed effettuare contrattazioni per lavorazioni industriali per conto di terzi. Tuttocamere Borse merci Gennaio Pag. 6/6

Regolamento Generale della Borsa Telematica del Recupero (adottato con decisione del Comitato di Borsa del 18/10/2001)

Regolamento Generale della Borsa Telematica del Recupero (adottato con decisione del Comitato di Borsa del 18/10/2001) Regolamento Generale della Borsa Telematica del Recupero (adottato con decisione del Comitato di Borsa del 18/10/2001) Articolo 1- Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il funzionamento,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE Allegato A alla delibera n. 294 del 13/12/2005 REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 Costituzione La Borsa Immobiliare dell Umbria, istituita con deliberazione della Giunta Camerale n. 719 del 25/11/1991 e successivi

Dettagli

Regolamento generale della Borsa Merci di Modena

Regolamento generale della Borsa Merci di Modena Regolamento generale della Borsa Merci di Modena Capo I Istituzione, scopo e vigilanza Art. 1 La Borsa Merci di Modena, istituita con decreto del Presidente della Repubblica in data 8 luglio 1980 è regolata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A.

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. Premesso - che la Borsa Merci Telematica Italiana Società Consortile per azioni (in appresso

Dettagli

BORSA MERCI DI PARMA

BORSA MERCI DI PARMA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI PARMA BORSA MERCI DI PARMA - REGOLAMENTO GENERALE DELLA BORSA MERCI DI PARMA REGOLAMENTO GENERALE DELLA BORSA MERCI DI PARMA CAP. I ISTITUZIONI,

Dettagli

Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 3 Dicembre 2007

Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 3 Dicembre 2007 Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 3 Dicembre 2007 1. Il TAR del Lazio sospende il decreto che aumenta i costi per il rilascio della Carta di identità elettronica (CIE) Il TAR del Lazio Sezione Terza,

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Verbale N 155 del 19/12/2014 Ordine del Giorno: 5. Varie ed eventuali. Note

Verbale N 155 del 19/12/2014 Ordine del Giorno: 5. Varie ed eventuali. Note COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE AMBIENTE SICUREZZA MOBILITÀ URBANA POLITICHE AGRICOLE POLITICHE ENERGETICHE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA

REGOLAMENTO GENERALE BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA REGOLAMENTO GENERALE DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA Approvato con delibera della Deputazione Nazionale nella riunione dell 11 gennaio 2007 Aggiornato nelle riunioni del: 24 ottobre 2007, 18 novembre

Dettagli

Meeting. Gli alimenti cultura del vivere

Meeting. Gli alimenti cultura del vivere Meeting Gli alimenti cultura del vivere Annibale Feroldi Direttore BMTI S.c.p.a. Nuove competenze professionali e nuovi modelli di vendita dei prodotti nei Paesi esteri 8 maggio 2015 PREMESSA SALUTI...

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE BORSA IMMOBILIARE DI TARANTO

REGOLAMENTO GENERALE BORSA IMMOBILIARE DI TARANTO REGOLAMENTO GENERALE BORSA IMMOBILIARE DI TARANTO (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SUBFOR NELLA SEDUTA DEL 31.05.2012) Legenda: nel testo del Regolamento si utilizzeranno le seguenti definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA

REGOLAMENTO GENERALE BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA REGOLAMENTO GENERALE DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA Approvato con delibera della Deputazione Nazionale nella riunione dell 11 gennaio 2007 2007 REGOLAMENTO GENERALE DELLA BORSA MERCI TELEMATICA

Dettagli

Convegno Camera di Commercio di Prato 23 maggio 2009. Paolo Checchi

Convegno Camera di Commercio di Prato 23 maggio 2009. Paolo Checchi Convegno Camera di Commercio di Prato 23 maggio 2009 Paolo Checchi Le Camere di Commercio di Firenze, Prato, Pistoia, Arezzo, Grosseto, Siena e Massa-Carrara hanno il piacere di presentare il nuovo portale

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE ISTITUZIONE DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE), COSTITUZIONE DI

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 01/ALBO/CN 23 LUGLIO 2014 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 23 Luglio 2014 Modalità per la fruizione telematica dei

Dettagli

Gestione rifiuti tossici e nocivi. Gestione imballaggi e rifiuti da imballaggio Elenchi rifiuti pericolosi (Catalogo Europeo dei Rifiuti- CER)

Gestione rifiuti tossici e nocivi. Gestione imballaggi e rifiuti da imballaggio Elenchi rifiuti pericolosi (Catalogo Europeo dei Rifiuti- CER) ALLEGATO 4: Riferimenti legislativi La regolamentazione della gestione dei rifiuti è stata oggetto di diversi provvedimenti normativi a livello comunitario, nella tabella che segue vengono riportati i

Dettagli

REGOLAMENTO SPECIALE VINO A DENOMINAZIONE DI. ORIGINE CONTROLLATA e A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA

REGOLAMENTO SPECIALE VINO A DENOMINAZIONE DI. ORIGINE CONTROLLATA e A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA REGOLAMENTO SPECIALE CATEGORIA DI PRODOTTO: VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA e A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA Ultima modifica: 9/05/2006 SOTTO-COMITATO NAZIONALE DI VIGILANZA

Dettagli

MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO DECRETO 5 maggio 2006: Individuazione dei rifiuti e dei combustibili derivati dai rifiuti ammessi a beneficiare del regime giuridico riservato alle fonti rinnovabili. (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

La sottoscrizione del bilancio

La sottoscrizione del bilancio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 159 26.05.2015 La sottoscrizione del bilancio Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Secondo quanto previsto dall articolo 2435,

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 45 del 19 novembre 2012 Cessione di prodotti agricoli e alimentari - Forma e contenuto dei contratti - Termini di pagamento e interessi di mora - Contrasto alle

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 6 08/08/2014 9.48 Leggi d'italia Ministero dello sviluppo economico D.M. 15-10-2010 Prezzi di vendita al pubblico dei carburanti per autotrazione. Pubblicato nella Gazz. Uff. 26 novembre 2010, n.

Dettagli

BORSA IMMOBILIARE DI PARMA - BIPAR

BORSA IMMOBILIARE DI PARMA - BIPAR BORSA IMMOBILIARE DI PARMA - BIPAR REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1. Borsa Immobiliare di Parma Articolo 2. Norme generali Articolo 3. Definizioni Articolo 4. Finalità Articolo 5. Oggetto della negoziazione

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/gurifulcrum/dispatcher?task=testoarticolo&datagu=20...

http://www.gazzettaufficiale.it/gurifulcrum/dispatcher?task=testoarticolo&datagu=20... Page 1 of 8 testo in vigore dal: 20-11-2007 IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO e IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Dettagli

Osservatorio del Mercato Immobiliare

Osservatorio del Mercato Immobiliare Osservatorio del Mercato Immobiliare (Presentazione curata da Luigi del Monaco* sulla base di documenti redatti dalla Direzione Centrale Osservatorio Mercato Immobiliare) * Direttore Ufficio Provinciale

Dettagli

Vigente al: 27-6-2013 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vigente al: 27-6-2013 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 75 Regolamento recante disciplina dei criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli esperti e degli organismi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO DI CAMPAGNA AMICA. di S. GIORGIO DI MANTOVA

REGOLAMENTO MERCATO DI CAMPAGNA AMICA. di S. GIORGIO DI MANTOVA REGOLAMENTO MERCATO DI CAMPAGNA AMICA di S. GIORGIO DI MANTOVA Approvato con atto del C.C. n. 14 del 26.2.2011. Pubblicato all albo comunale, ai sensi dell art. 71, comma 5, dello Statuto Comunale dal

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta relativa al1a gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta relativa al1a gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE "ISTITUZIONE E MODALITA' DI FUNZIONAMENTO DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO PREZZI. Approvato dalla Giunta Camerale con delibera n. 172 del 10/10/2006

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO PREZZI. Approvato dalla Giunta Camerale con delibera n. 172 del 10/10/2006 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO PREZZI Approvato dalla Giunta Camerale con delibera n. 172 del 10/10/2006 In vigore dal 27/10/2006 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO PREZZI DELLA

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive"

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante Disciplina della subfornitura nelle attività produttive Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CENTRO NAZIONALE PER L'INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CENTRO NAZIONALE PER L'INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CENTRO NAZIONALE PER L'INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CIRCOLARE 24 novembre 2005, n. 49 Modalità per la presentazione delle domande di iscrizione nell'elenco pubblico dei gestori di posta elettronica

Dettagli

Le circolari di Regione Lombardia e MATTM: primi indirizzi in materia di AUA

Le circolari di Regione Lombardia e MATTM: primi indirizzi in materia di AUA Le circolari di Regione Lombardia e MATTM: primi indirizzi in materia di AUA Roberto Esposito Regione Lombardia Pavia, 19 dicembre 2013 quadro normativo DPR n.13 marzo 2013 n.59 Regolamento AUA Pubblicato

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ORGANIZZATO E DELLA PIATTAFORMA DI REGISTRAZIONE DEGLI SCAMBI BILATERALI DELLE GARANZIE DI ORIGINE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ORGANIZZATO E DELLA PIATTAFORMA DI REGISTRAZIONE DEGLI SCAMBI BILATERALI DELLE GARANZIE DI ORIGINE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MERCATO ORGANIZZATO E DELLA PIATTAFORMA DI REGISTRAZIONE DEGLI SCAMBI BILATERALI DELLE GARANZIE DI ORIGINE Positivamente verificato dalla Direzione Mercati dell Autorità

Dettagli

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica 3.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 Assegnata alla 1^ Commissione consiliare Messaggio della Commissione in data 3 febbraio 2010 Approvata in data 9 febbraio 2010 Divenuta legge

Dettagli

NOTA * * * IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

NOTA * * * IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO D.M. 19 ottobre 2012 n. 199 NOTA Il Decreto 19 ottobre 2012, emanato dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali di concerto con il Ministero dello sviluppo economico, nella G.U.R.I.

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI AI FINI IVA PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI AI FINI IVA PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI AI FINI IVA PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Invio telematico delle pratiche al Registro delle imprese. 3. Invio telematico

Dettagli

in B.U. R.S. n. 14 del 30-3-2.007 sommario CIRC R(19) 7_07 Pag: 1

in B.U. R.S. n. 14 del 30-3-2.007 sommario CIRC R(19) 7_07 Pag: 1 CIRC R(19) 7_07 Pag: 1 Circolare Regione Sicilia Commercio n. 7 del 19/03/2007 Decreto legge 4 luglio 2006, n.223, convertito, con modificazioni, nella legge 4 agosto 2006, n.248. Articoli 3, 4, 5 e 11.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ALLEGATO Schema di DPR di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modifiche e integrazioni, concernente Attuazione della direttiva

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

Prodotti tipici classificati negli elenchi D.L. n. 173/1998 e D.MIPAF n. 350/1999.

Prodotti tipici classificati negli elenchi D.L. n. 173/1998 e D.MIPAF n. 350/1999. Bando per la partecipazione delle imprese agricole al Progetto Vetrina Toscana Internazionale. Filiera agroalimentare per favorire l export delle imprese Metropoli, Azienda Speciale della CCIAA di Firenze,

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 17 dicembre 2008 Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio dell'assistenza domiciliare (GU n. 6 del 9-1-2009 ) IL MINISTRO

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 212 del 12 Settembre 2003

Gazzetta Ufficiale N. 212 del 12 Settembre 2003 Gazzetta Ufficiale N. 212 del 12 Settembre 2003 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 25 luglio 2003, n.256 Regolamento concernente le modalita' di applicazione dell'accisa agevolata sul prodotto

Dettagli

STATUTO&DELLA&SCUOLA&SUPERIORE&PER&MEDIATORI&LINGUISTICI&CAROLINA&ALBASIO& & TITOLO&I& &LINEAMENTI&GENERALI&

STATUTO&DELLA&SCUOLA&SUPERIORE&PER&MEDIATORI&LINGUISTICI&CAROLINA&ALBASIO& & TITOLO&I& &LINEAMENTI&GENERALI& STATUTO&DELLA&SCUOLA&SUPERIORE&PER&MEDIATORI&LINGUISTICI&CAROLINA&ALBASIO& & TITOLO&I& &LINEAMENTI&GENERALI& Articolo1*ScuolaSuperioreperMediatoriLinguistici"CarolinaAlbasio" Articolo2*AutonomiaePersonalitàgiuridica

Dettagli

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITÀ TRENTINO Articolo 1 Oggetto 1 REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto 1.1 Il presente regolamento definisce le condizioni generali per la concessione dell uso del marchio collettivo denominato

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito

Dettagli

riguardante: AMBIENTE - Smaltimento rifiuti industriali e civili - Recupero, riciclaggio e riutilizzazione

riguardante: AMBIENTE - Smaltimento rifiuti industriali e civili - Recupero, riciclaggio e riutilizzazione Decreto Ministeriale n 185 del 25/09/2007 Istituzione e modalità di funzionamento del registro nazionale dei soggetti obbligati al finanziamento dei sistemi di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.5. Obblighi e adempimenti 1 GLOSSARIO 4 NORMATIVA 6 1.5 OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere la differenza

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore marittimo disciplinata dalla legge 12

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore marittimo disciplinata dalla legge 12 Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore marittimo disciplinata dalla legge 12 marzo 1968, n. 478 in attuazione degli articoli 75 e 80

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE

L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione Descrive il sistema di gestione e di conservazione dei documenti e fornisce le istruzioni per il corretto

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

I CONTRATTI-TIPO DELLE CAMERE DI COMMERCIO

I CONTRATTI-TIPO DELLE CAMERE DI COMMERCIO I CONTRATTI-TIPO DELLE CAMERE DI COMMERCIO Roma, Marzo 2011 1 Regolazione del mercato e non più controllo del mercato Evoluzione naturale coerente con la trasformazione del ruolo dello Stato che gradualmente

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 25 Settembre 2007, n. 185 (Gazzetta ufficiale 5 novembre 2007 n.

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 25 Settembre 2007, n. 185 (Gazzetta ufficiale 5 novembre 2007 n. Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 25 Settembre 2007, n. 185 (Gazzetta ufficiale 5 novembre 2007 n. 257) Istituzione e modalità di funzionamento del registro nazionale

Dettagli

Bologna, 14 febbraio 2008

Bologna, 14 febbraio 2008 Bologna, 14 febbraio 2008 B.M.T.I. S.c.p.A..A. Costituzione 26 gennaio 2000 Soci Unioncamere, Infocamere, Unione Regionale Puglia, Unione Regionale Lombardia, Unione Regionale Piemonte, 71Camere di Commercio.

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati STUDIO ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza dottore commercialista - revisore legale CLAUDIO

Dettagli

ASSONAUTICA ITALIANA

ASSONAUTICA ITALIANA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE PER LA NAUTICA DA DIPORTO E L ECONOMIA DEL MARE ASSONAUTICA ITALIANA (approvato dall Assemblea straordinaria del 22/04/2013) Art. 1 Denominazione, natura giuridica e

Dettagli

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Testo approvato con delibera Consiliare n. 81 del 12.5.03 Art. 1 SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA 1. L'Amministrazione Provinciale di Firenze

Dettagli

BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA

BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA CORSO DI FORMAZIONE I PARTE BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA Treviso, 5 dicembre 2007 BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA D.M. 174/06 (1/4) - D.M. 20 dicembre 2000 Possibilità di negoziare telematicamente i

Dettagli

DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016)

DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016) DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016) IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Dettagli

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE Art. 1 Uso e concessione del Marchio di Qualità Il presente Regolamento disciplina l uso e la concessione a terzi del Marchio di Qualità (di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità)

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità) LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE Art.1. (Finalità) 1. Le presenti linee guida disciplinano l anagrafe agricola unica del Piemonte ed il fascicolo aziendale, istituiti

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE D. Lgs. 49/2014 ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE Torino, 14 aprile 2014 GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente RECEPIMENTO DIRETTIVA EUROPEA SUI RAEE D. Lgs. 14 marzo 2014, n. 49 Attuazione della

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

(Finalità e ambito di applicazione)

(Finalità e ambito di applicazione) 6 15.1.2003 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 gennaio 2003, n. 3/R Regolamento per lo svolgimento delle procedure telematiche di acquisto

Dettagli

OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO PER LE AGENZIE IMMOBILIARI

OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO PER LE AGENZIE IMMOBILIARI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO PER LE AGENZIE IMMOBILIARI Gli obblighi in materia di antiriciclaggio sono stati estesi anche alle agenzie in mediazione immobiliare in quanto considerate attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento:

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento: DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 163 del 07-09-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

LA INFORMATIZZAZIONE DEL REGISTRO DELLE IMPRESE. Proposte di semplificazione dei procedimenti. Scheda riassuntiva a cura di Claudio Venturi

LA INFORMATIZZAZIONE DEL REGISTRO DELLE IMPRESE. Proposte di semplificazione dei procedimenti. Scheda riassuntiva a cura di Claudio Venturi LA INFORMATIZZAZIONE DEL REGISTRO DELLE IMPRESE Proposte di semplificazione dei procedimenti Scheda riassuntiva a cura di Claudio Venturi Tuttocamere - Invio telematico Semplificazione Pag. 1/6 Direttiva

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune.

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune. COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune. 1 PARTE I REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

La Regione Lombardia per la tutela dei consumatori: costruzione di un Osservatorio regionale prezzi

La Regione Lombardia per la tutela dei consumatori: costruzione di un Osservatorio regionale prezzi La Regione Lombardia per la tutela dei consumatori: costruzione di un Osservatorio regionale prezzi Como 24 giugno 2005 Regione Lombardia DG Commercio, Fiere e Mercati Struttura Tutela del Consumatore

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI Largo C. Felice, 72 09124 Cagliari tel. 070/605121 - sito web: http//www.ca.camcom.it INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale L analisi delle quantità dei materiali ottenuti dalla bonifica e dalla demolizione dei veicoli giunti a fine vita (ton/anno) avviate a reimpiego,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. N. 6499/2014 Approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei pagamenti dei tributi sospesi a seguito degli eventi meteorologici del novembre 2013 verificatisi

Dettagli

5 per mille al volontariato

5 per mille al volontariato 5 per mille al volontariato Edizione 2015 Infocontinua Terzo Settore Edizione: Marzo 2015 Indice A cura di Infocontinua Indice... 2 Inquadramento... 2 Come funziona... 2 Beneficiari... 2 Come le OdV possono

Dettagli

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari 1. NOZIONE DI GESTIONE ACCENTRATA DI STRUMENTI FINANZIARI L istituto della gestione accentrata per la custodia e l amministrazione di strumenti

Dettagli

I502 - GUARDIA DI FINANZA/FEDERAZIONE ITALIANA AGENTI IMMOBILIARI PROFESSIONALI Provvedimento n. 11970

I502 - GUARDIA DI FINANZA/FEDERAZIONE ITALIANA AGENTI IMMOBILIARI PROFESSIONALI Provvedimento n. 11970 I502 - GUARDIA DI FINANZA/FEDERAZIONE ITALIANA AGENTI IMMOBILIARI PROFESSIONALI Provvedimento n. 11970 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 8 maggio 2003; SENTITO il

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE TITOLO I DISCIPLINA DEL FINANZIAMENTO DEI MOVIMENTI E PARTITI POLITICI. Art. 1 (Abolizione del finanziamento pubblico)

DISEGNO DI LEGGE TITOLO I DISCIPLINA DEL FINANZIAMENTO DEI MOVIMENTI E PARTITI POLITICI. Art. 1 (Abolizione del finanziamento pubblico) DISEGNO DI LEGGE TITOLO I DISCIPLINA DEL FINANZIAMENTO DEI MOVIMENTI E PARTITI POLITICI Art. 1 (Abolizione del finanziamento pubblico) 1. E abolito il finanziamento pubblico dei partiti. 2. I partiti e

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pagina 1 di 5 Documenti collegati comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 7 DECRETO 18 marzo 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Modalita' di offerta e obblighi degli operatori nell'ambito della piattaforma di negoziazione per lo scambio delle quote di gas importato.

Dettagli