RASSEGNA STAMPA CONFINDUSTRIA ROMANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA CONFINDUSTRIA ROMANIA"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA CONFINDUSTRIA ROMANIA ASSEMBLEA GENERALE LEGAL SUMMIT 2015: DIRITTO, GOVERNANCE E IMPRESA 21 MAGGIO 2015, HOTEL INTERCONTINENTAL, BUCAREST A cura di ADV COMMUNICATION

2 INDICE ARTICOLI AMOS NEWS BURSA CURIERUL NATIONAL PIAZZA ROMANA ROMANIA24ORE SETTE GIORNI

3 AMOS NEWS

4 Assemblea Generale Confindustria Romania 2015 Legal Summit 2015 Diritto, Governance e Impresa Giovedì, presso la Sala Ronda del Hotel Intercontinental di Bucarest, si è tenuta l Assemblea Generale Confindustria Romania, un organizzazione autonoma, con carattere apolitico e senza scopo di lucro, che riunisce, in base al libero consenso, i datori di lavoro dei settori dell economia romena che producono beni e/o servizi e sono soci effettivi ; tutte le societa con sede legale in Romania che svolgono attività dirette di produzione di beni e/o servizi, che hanno un organizzazione di tipo industriale ed almeno il 50% del capitale sociale è possieduto direttamente o indirettamente da persone fisiche o giuridiche italiane. Ha aperto i lavori il Presidente Confindustria Romania, Mauro Maria Angelini, dichiarando che il Legal Summit rappresenta un opportunità per trasmettere contributi utili ai soci Confindustria Romania sulla corporate governance ed ha spiegato che questa rappresenta una serie di regole e controlli attraverso le quali una società viene gestita, rappresentando uno strumento atto a sostenere le imprese già internazionalizzate. Succesivamente è intervenuto l Ambasciatore d Italia a Bucarest, SE Diego Brasioli, che ha dichiarato che il mercato romeno è molto importante per l Italia, ed anche molto importante per le società italiane presenti in Romania, contare su un clima di normalità. L Italia rappresenta il Paese con il numero più grande di società presenti in Romania. Solo nel primo trimestre di quest anno sono state costituite 400 nuove imprese italiane, ha dichiarato l Ambasciatore Diego Brasioli. Sono seguiti gli interventi di: - Petrică- Mihail MARCOCI Accademia di Polizia Romena Anticorruzione e responsabilità di Impresa - Avv. Gianluca Carlesso - Studio Legale Tonucci & Partners, La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche nell'ordinamento romeno: sistemi e organi di controllo nell attività d'azienda" - Cicerone Stan - Autorità Nazionale per la Regolamentazione e il Monitoraggio delle Gare e Appalti Pubblici in Romania - Avv. Roberto Borasio - Studio Legale Borasio - Gromis di Trana Giaccone Responsabilità d Impresa - modelli organizzativi - Laura Severino Rina Group Settore Sostenibilità, Ambiente e Cambiamento Climatico, La ISO strumento di governance aziendale - Marco Paganin Generali Assicurazioni Italia (in connessione dall Italia) Polizza D&O, come tutelare le aziende attraverso gli organi di gestione e controllo

5 - Claudio Pucci - Studio Pucci Associati, Responsabilità d impresa Il contesto fiscale nei processi di internazionalizzazione.

6 BURSA

7 L Assemblea di Confindustria Romania di quest anno: Opportunità per le imprese associate per discutere sulla corporate governance. L Italia rappresenta il Paese con il numero più grande di imprese presenti in Romania L Assemblea Generale di Confindustria Romania, con il titolo Legal Summit 2015 Diritto, Governance e Impresa si è svolta ieri a Bucarest. Ha aperto i lavori il Presidente Confindustria Romania, Mauro Maria Angelini, che ha dichiarato che il Legal Summit rappresenta un opportunità per trasmettere contributi utili ai soci Confindustria Romania sulla corporate governance. Questa rappresenta, in genere una serie di regole, controlli e strutture attraverso le quali una società viene gestita e rappresenta uno strumento che può sostenere le imprese già internazionalizzate. Il Presidente Angelini ha ricordato la legge italiana numero 231 che può avere effetti anche sulle imprese italiane che svolgono la loro attività all estero. È intervenuto poi l Ambasciatore d Italia a Bucarest, SE Diego Brasioli che ha affermato che questo evento rappresenta un importante incontro e che è fondamentale per le società italiane, che svolgono la loro attività in Romania, contare su un clima di normalità. L Ambasciatore italiano ha dichiarato che il mercato romeno è molto importante per l Italia. Italia rappresenta il Paese con il più grande numero di società italiane presenti in Romania. Solo nel primo trimestre di quest anno sono state costituite 400 nuove società italiane. Petrica Mihail Marcoci dell Accademia di Polizia Romena ha parlato al pubblico sull Anticorruzione e corporate governance e sul fatto che molte società devono osservare le leggi del Paese di origine, le leggi del Paese ospitante, le leggi europee e l acquis comunitario. Gianluca Carlesso, dello Studio Tonucci & Partners, ha incentrato la sua prospettiva di analisi sul tema della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche nell ordinamento romeno e sui sistemi e organi di controllo nell attività dell azienda previsti dai modelli di organizzazione aziendale. È intervento poi Cicerone Stan ex Direttore dell Autorità Nazionale per la Regolamentazione e Monitoraggio delle Gare e Appalti Pubblici in Romania. L avvocato Roberto Borasio, dello Studio Legale Borasio Gromis di Trana- Giaccone, ha incentrato la sua analisi sulla responsabilità d impresa che deriva dai modelli organizzativi. Laura Severino, di Rina Group, ha parlato sullo standard ISO come strumento di governance aziendale. Marco Paganin di Generali Assicurazioni, ha spiegato cos è la polizza D&O a tutela delle aziende e degli organi di gestione e controllo. Claudio Pucci, dello Studio Pucci Associati, ha esposto il tema della responsabilità d impresa dal punto di vista del contesto fiscale nei processi di internazionalizzazione.

8 CURIERUL NATIONAL

9 Angelini: la corporate governance può sostenere le società già internazionalizzate La corporate governance rappresenta in genere una serie di regole, controlli, enti e strutture attraverso le quali una società viene gestita Confindustria Romania ha organizzato nei giorni scorsi Legal Summit 2015 Diritto, Governance e Impresa. Ha aperto i lavori il Presidente Confindustria Romania, Mauro Maria Angelini, che ha dichiarato che il Legal Summit rappresenta un opportunità per trasmettere contributi utili ai soci di Confindustria Romania sulla corporate governance e ha spiegato che questa rappresenta una serie di regole, controlli, enti e strutture attraverso le quali una società viene gestita. Angelini ha affermato che la corporate governance rappresenta anche uno strumento per sostenere le imprese già internazionalizzate. Il presidente ha ricordato la legge italiana numero 231 che può avere effetti anche sulle imprese italiane che svolgono la loro attività all estero. Angelini ha detto che ultimamente il mondo è cambiato tanto, basti guardare le relazioni governative. Siamo coscienti che molte cose stanno cambiando e che il contesto in cui lavoriamo è diverso da quella di dieci anni fa. Non c è più tolleranza degli stati per ciò che riguarda l evasione fiscale o il lavoro in nero. Quel periodo si è concluso. Siamo in una fase che ci condurrà ad una modalità diversa di lavorare, ha dichiarato il Presidente di Confindustria Romania. Diego Brasioli: Il mercato romeno è molto importante per l Italia È intervenuto poi l Ambasciatore d Italia a Bucarest, SE Diego Brasioli che ha affermato che l evento organizzato da Confindustria Romania rappresenta un importante incontro. È fondamentale per le società italiane che svolgono la loro attività in Romania, contare su un clima di normalità. L Ambasciatore italiano ha dichiarato che il mercato romeno è molto importante per l Italia, sottolineando che i dati del 2014 confermano il fatto che l Italia rappresenti il Paese con il numero più grande di società italiane presenti in Romania, fatto confermato dalla crescita di quasi il 10%del numero di società italiane. L Italia rappresenta il Paese con il più grande numero di società italiane presenti in Romania. Solo nel primo trimestre di quest anno sono state costituite 400 nuove società italiane, cioè imprese che hanno scelto la Romania per fare investimenti, ha affermato Diego Brasioli.

10 Il futuro per imprese europee, molto cupo Petrica Mihail Marcoci dell Accademia di Polizia Romena ha parlato al pubblico sull Anticorruzione e corporate governance e sul fatto che molte società devono osservare le leggi del Paese di origine, le leggi del Paese ospitante, le leggi europee e l acquis comunitario. Una delle conclusioni della crisi globale a cui abbiamo assistito è legata all inefficacia dei sistemi antifrode. Questi sistemi mancano in gran parte delle imprese europee, perchè gli europei, essendo più conservatori, non hanno ancora capito il problema. Il futuro per le imprese europee è molto cupo perchè, facendo un analisi, osserviamo che i meccanismi antifrode a livello europeo sono inefficaci, la corruzione si manifesta come effeto degli altri tre fenomeni che si manifestano nelle amministrazioni giuridiche europee: l evasione fiscale, contrabando e frode negli appalti pubblici. Ad un certo momento, la mancanza di adeguamento di questi meccanismi porterà all estinzione delle imprese europee sul mercato globale, ha dichiarato Marcoci. Una nuova legge nel settore degli appalti pubblici Cicerone Stan, il direttore dell Autorità Nazionale per la Regolamentazione e Monitoraggio degli Appalti Pubblici, ha affermato che si prevede l implementazione di una legislazione che sia flessibile e stabile. Si desidera una legislazione più snella nel settore degli acquisti pubblici ma anche un sistema di prevenzione più efficace per non arrivare alle sanzioni e per essere in grado di rimediare in tempo e rimuovere gli elementi che potrebbero invalidare una procedura d appalto. Inoltre, ci vuole una legislazione flessibile, una legislazione che sia stabile, per consentire agli operatori economici di realizzare le offerte in modo da avere reali possibilità di competere in un ambiente pulito e meno corrotto, ha dichiarato Stan. Nell ambito dell evento organizzato da Confindustria Romania, Gianluca Carlesso dello Studio Tonucci & Partners, ha incentrato la sua prospettiva di analisi sul tema della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche nell ordinamento romeno e sui sistemi e organi di controllo nell attività dell azienda previsti dai modelli di organizzazione aziendale. L avvocato Roberto Borasio, dello Studio Legale Borasio Gromis di Trana- Giaccone, ha incentrato la sua analisi sulla responsabilità d impresa che deriva dai modelli organizzativi. Laura Severino di Rina Group ha parlato sullo standard ISO come strumento di governance aziendale. Marco Paganin di Generali Assicurazioni, ha spiegato cos è la polizza D&O a tutela delle aziende e degli organi di gestione e controllo.

11 Claudio Pucci, dello Studio Pucci Associati, ha esposto il tema della responsabilità d impresa dal punto di vista del contesto fiscale nei processi di internazionalizzazione.

12 CURIERUL NATIONAL

13 L Ambasciatore d Italia a Bucarest, Diego Brasioli, durante il Legal Summit 2015, organizzato da Confindustria Romania: il mercato romeno è molto importante per l Italia Confindustria Romania ha organizzato giovedì sera l evento Legal Summit 2015 Diritto, Governance e Impresa. Nel suo intervento, l Ambasciatore d Italia a Bucarest, SE Diego Brasioli, ha affermato che l evento organizzato da Confindustria Romania rappresenta un importante incontro e che è fondamentale per le società italiane, che svolgono la loro attività in Romania, contare su un clima di normalità. L Ambasciatore italiano ha dichiarato che il mercato romeno è molto importante per l Italia. L Italia rappresenta il Paese con il numero più grande di società italiane presenti in Romania. Solo nel primo trimestre di quest anno sono state costituite 400 nuove società italiane, cioè imprese che hanno scelto la Romania per fare investimenti, ha affermato Diego Brasioli.

14 PIAZZA ROMANA

15 Confindustria Romania ha organizzato il Legal Summit 2015 Confindustria Romania ha organizzato l Assemblea annuale con il titolo Legal Summit 2015 Diritto, Governance e Impresa. L evento, svoltosi il 21 maggio presso Hotel Intercontinental, è stato aperto da Mauro Maria Angelini, il Presidente Confindustria Romania, che ha parlato della corporate governance, la definizione del concetto, strutture e legislazione. È seguito poi l intervento dell Ambasciatore Diego Brasioli, che ha sottolineato l importanza di un clima economico stabile per le imprese italiane che svolgono la loro attività in Romania. L Ambasciatore italiano ha fatto un annuncio che dimostra ancora una volta gli stretti rapporti economici tra i due paesi: nel primo trimestre di quest anno sono state costituite 400 nuove società italiane in Romania. Nell ambito dell evento sono intervenuti anche: Petrică Mihail Marcoci Accademia di Polizia; Gianluca Carlesso Tonucci&Partners; Cicerone Stan Direttore dell Autorità Nazionale per la Regolamentazione e Monitoraggio degli Appalti Pubblici; Roberto Borasio Studio Legale Borasio Gromis di Trana Giaccone; Laura Severino Rina Group; Marco Pagarin Generali Assicurazioni Italia; Claudio Pucci Pucci Associati.

16 ROMANIA24ORE

17 Legal Summit 2015: Diritto Governance e Impresa Giovedi 21 maggio, presso la Sala Ronda dell Hotel Intercontinental di Bucarest, si è tenuta la seconda edizione del Legal Summit organizzato da Confindustria Romania. Diritto, Governance e Impresa i temi trattati dagli speakers presenti in sala, che hanno raccolto il plauso da tutti i presenti in sala, per l alto livello dei contenuti trattati, di importanza fondamentale per le imprese. Al centro del dibattito la responsabilità sociale di impresa e la gestione aziendale nel framework legislativo romeno, italiano e dell UE, che tiene conto dei diversi fattori socio-economici e del rating economico che esamina temi attinenti alla governance, trasparenza e altri aspetti tipici della responsabilità d impresa e corporate governance, come quelli relativi alla legalità. Ha aperto i lavori, come di consueto, il Presidente di Confindustria Romania, Mauro Maria Angelini, che ha ribadito l importanza per le imprese italiane presenti in Romania di operare all interno della cultura della legalità e della responsabilità d impresa. Un tema non in contraddizione con la profittabilità dell impresa; al contrario va inteso come strategia finalizzata alla riuscita economica dell azienda, direttamente collegato al management aziendale interno, adattandosi alle dinamiche socio-economiche in continua evoluzione. Dopo i saluti introduttivi del Presidente, è intervenuto per i saluti istituzionali l Ambasciatore d Italia a Bucarest, Diego Brasioli, che ha voluto sottolineare come Confindustria Romania, l'anno scorso, abbia decisamente anticipato i tempi avviando la serie dei Legal Summit. L'Ambasciatore Brasioli ha anche ringraziato Confindustria Romania per il continuo lodevole impegno profuso a favore della Business Community italiana presente in Romania. In linea coi temi dell evento è intervenuto il Professore Petrică- Mihail Marcoci, dell Accademia di Polizia Romena, che ha analizzato in dettaglio il tema dell Anticorruzione collegato alla responsabilità d impresa, che implica un comportamento commerciale trasparente e responsabile per una crescita sostenibile dell azienda. Successivamente l analisi è stata integrata dall Avvocato Gianluca Carlesso dello Studio Tonucci & Partners, che ha incentrato la sua prospettiva di analisi sul tema della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche nell ordinamento romeno e sui sistemi e organi di controllo nell attività dell azienda previsti dai modelli di organizzazione aziendale. L'avvocato Carlesso ha citato anche l istituzione di un organo di vigilanza posto a

18 monitorare il funzionamento del management interno delle imprese e la definizione di un sistema disciplinare e sanzionatorio, nei confronti dell eventuale reato. Risale al 20 maggio la Decisione di Urgenza del Governo romeno per la fusione tra due entità statali: l'autoritatea Naţională pentru Reglementarea şi Monitorizarea Achiziţiilor Publice e Unitatea centrala pentru verificarea achizitiilor publice. E' nata quindi l'agentia Naţională Achiziţiilor Publice, Dopo solo 24 ore, proprio durante il Legal Summit è intervento il sig.cicerone Stan, ex Direttore dell Autorità Nazionale per la Regolamentazione e Monitoraggio delle Gare e Appalti Pubblici in Romania, che ha tenuto uno speech sulle novità che regolamentano il monitoraggio e il reperimento di tutte le informazioni per le imprese che partecipano alle gare d appalto. Un altro intervento molto atteso è stato quello dell Avvocato Roberto Borasio, dello Studio Legale Borasio Gromis di Trana- Giaccone, che ha incentrato la sua analisi sulla responsabilità d impresa che deriva dai modelli organizzativi in conformità ai requisiti di gestione e controllo previsti dalla legislazione, realizzando un completo sistema di controllo ed organizzazione interno. Coerentemente alla ratio del Summit si è tenuto lo speech di alto profilo tecnico da parte della Dott.ssa Laura Severino di Rina Group, del settore Sostenibilità, ambiente e cambiamento climatico, sullo standard ISO come strumento di governance aziendale, norma internazionale che dà la misura di quanto il tema della responsabilità sociale sia avvertito come rilevante per il mercato per le imprese all interno di un contesto economico globalizzato. É intervenuto in seguito il Dottor Marco Paganin tramite videoconference dall Italia, di Generali Assicurazioni, che ha presentato la polizza D&O (Directors' & Officers' Liability) a tutela delle aziende e degli organi di gestione e controllo, che opera a favore di amministratori, sindaci e dirigenti tenendoli indenni dalle perdite pecuniarie derivanti dagli atti illeciti commessi nelle loro funzioni manageriali e di supervisione, tutelandone il patrimonio personale e fornendo piena copertura per le loro responsabilità. In chiusura è seguita la relazione del Dott. Claudio Pucci, dello Studio Pucci Associati, che ha esposto il tema della responsabilità d impresa dal punto di vista del contesto fiscale nei processi di internazionalizzazione, tema di estrema importanza per le nostre aziende associate.

19 L evento si è concluso coi saluti e i ringraziamenti da parte del Presidente di Confindustria Romania, Mauro Maria Angelini e dal Direttore Generale Rocco Ferri. Al termine della Conferenza si è tenuto un business cocktail, una valida occasione di incontro B2B tra i nostri associati e gli ospiti presenti in sala. L evento, con ingresso libero riservato solo agli associati di Confindustria Romania, è stato organizzato seguendo la ratio del Patronat, che è quello di offrire la propria assistenza concreta alle imprese e alle associazioni imprenditoriali attive in Romania, con servizi e informazioni sempre aggiornati. Il Summit ha registrato dunque un ottimo riscontro per i contenuti, per il coordinamento tematico e per l alto profilo degli relatori, consolidando l importanza del Patronat quale organizzazione sempre attiva a servizio dei suoi associati. Tutto il Legal Summit e' stato trasmesso via streaming sulla WEBTV, Confindustriaromaniatv.ro, e ha potuto usufruire della traduzione in diretta in italiano per gli interventi tenuti in lingua romena.

20 SETTE GIORNI

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01 UniCredit Group INDICE CAPITOLO 1: Ambito e finalità del Modello di Organizzazione e Gestione... 2 1.1 Premessa... 2

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia

49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia SERVIZIO GESTIONE RISORSE DIVISIONE ORGANIZZAZIONE Roma 20/03/2015 Prot. n. All.ti n. 49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese di assicurazione

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Contenuti Introduzione 3 I valori del gruppo Value Partners 4 Le linee guida della nostra condotta verso gli stakeholder 5 Verso

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI 1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI Responsabile: Dott.ssa Anna Greco Tel.: 0917076283 E-mail: agri1.areagestionefondi@regione.sicilia.it - Assegnazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI DI BASE SUL PROGETTO E LA CONFERENZA

INFORMAZIONI DI BASE SUL PROGETTO E LA CONFERENZA Sostenere l'integrazione dei giovani lavoratori nei settori europei della metallurgia, dei trasporti, dell'alimentazione, dei servizi, dell'edilizia e del legno (nel quadro dell agenda sociale dell UE)

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità

Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità Global Policy Funzione Competente: Compliance Data: Dicembre 2014 Unit: Global AML Versione: 3 Indice 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Introduzione alle nuove direttive comunitarie in tema di appalti e concessioni e al loro recepimento in Italia

Introduzione alle nuove direttive comunitarie in tema di appalti e concessioni e al loro recepimento in Italia Introduzione alle nuove direttive comunitarie in tema di appalti e concessioni e al loro recepimento in Italia Avv. Marco Iannacci Dipartimento di Diritto Amministrativo e degli Appalti Pubblici Convegno

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli