IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO - 169 -"

Transcript

1 IL LAGO D ENDINE CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

2 Il Lago d Endine si trova nell alta Val Cavallina, dove si è formato nell era quaternaria in seguito ai fenomeni di escavazione dovuti al movimento delle masse glaciali. Il lago è classificato come lago glaciale vallivo sbarrato da morena (Tonolli, 1975). Confrontato con altri laghi di origine glaciale, è caratterizzato da una profondità media particolarmente bassa. La scarsa profondità ha giocato un ruolo fondamentale nei processi di degrado ambientale e successivo recupero che hanno interessato il lago negli ultimi 50 anni. l bacino lacustre presenta la conformazione tipica dei laghi di origine glaciale: ha una forma allungata secondo l andamento della valle, lungo l asse nord-est, sud-ovest. Sulle sponde del lago si affacciano quattro comuni: Spinone, Ranzanico, Endine Gaiano e Monasterolo del Castello; il bacino imbrifero comprende inoltre il Comune di Bianzano, il cui abitato non si affaccia però sul lago. Il L. d Endine è considerato lago significativo dal PTUA della Regione Lombardia. Nella tabella sottostante sono riportate le principali grandezze morfometriche che caratterizzano il Lago d Endine ed il suo bacino imbrifero. Principali caratteristiche geografiche, morfometriche ed idrologiche del Lago d Endine Regione Lombardia Regione Lombardia, 2006a Provincia Bergamo Regione Lombardia, 2006a Latitudine centro lago N (Gauss Boaga: N) Regione Lombardia et al., 2005 Longitudine centro lago E 09 56' 25 (Gauss Boaga: E) Regione Lombardia et al., 2005 Tipo Naturale Regione Lombardia et al., 2005 Bacino idrografico Fiume Oglio, Fiume Po - Affluenti principali: T. Valle del Ferro - Emissario T. Cherio Regione Lombardia, 2006a Portata media annua uscita 1.4 m 3 /s (periodo ) Regione Lombardia et al., 2005 Livello medio lago 334 m s.l.m. Regione Lombardia et al., 2005 Area bacino imbrifero 36.7 km 2 (lago compreso) Regione Lombardia et al., 2005 Aree glaciali 0 km 2 Regione Lombardia et al., 2005 Area lago 2.34 km 2 Regione Lombardia, 2006a Altitudine massima bacino 1381 m s.l.m. (Monte Grione) Regione Lombardia, 2006a Profondità massima lago 9.4 m Regione Lombardia, 2006a Profondità media lago 5.1 m Regione Lombardia, 2006a Lunghezza massima lago 5 km Regione Lombardia, 2006a Larghezza media lago 0.6 km Regione Lombardia, 2006a Sviluppo costiero 13.9 km Regione Lombardia et al., 2005 Volume d'acqua 11.9*10 9 m 3 Regione Lombardia et al., 2005 Indice sinuosità lago 2.69 Regione Lombardia et al., 2005 Rapporto area bacino/lago 17.7 Regione Lombardia, 2006a Tempo teorico di ricambio 0.27 anni Regione Lombardia, 2006a Copertura di ghiaccio Si Regione Lombardia, 2006a Classificazione termica Dimittico Regione Lombardia et al., 2005 Geologia prevalente bacino Calcareo Regione Lombardia et al., 2005 Utilizzi Civile potabile, produzione di energia, industriale, irriguo, pesca, balneazione, navigazione Regione Lombardia et al., 2005 CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

3 LA QUALITÀ CHIMICO FISICA DELLE ACQUE DEL LAGO D ENDINE In questo capitolo è descritto lo stato di qualità del Lago d Endine sulla base dei principali parametri chimico fisici delle acque. CARATTERISTICHE TERMICHE Il Lago d Endine è classificato come dimittico, in quanto è caratterizzato da due distinti periodi di completo rimescolamento delle acque: uno autunnale ed uno primaverile, intervallati dalla stratificazione inversa invernale (con formazione di ghiaccio in genere nei mesi di dicembre e gennaio) e dalla stratificazione estiva. QUALITÀ CHIMICA DELLE ACQUE Il Lago d Endine già a partire dagli anni 70, presenta una discreta disponibilità di dati che permette di evidenziare il graduale recupero della qualità delle acque, con le concentrazioni di fosforo che in un paio di decenni si sono ridotte di circa 2/3, fino alle attuali condizioni di mesotrofia, coerenti con una buona trasparenza ed un contenuto non eccessivo di clorofilla nei due periodi invernale ed estivo considerati. Tale evoluzione è da collegare, come in altri casi, alle opere di collettamento dei reflui urbani e all adozione a scala nazionale di restrizioni nell uso del fosforo nei detergenti domestici. Condizioni di ridotta ossigenazione ipolimnica possono comunque ancora presentarsi durante la stratificazione estiva. Sporadica e non recente è invece la disponibilità di dati di macrocostituenti in fase disciolta, con un apprezzabile contenuto di soluti che determina una conducibilità di circa 350 µs cm-1 a 20 C (OLL, 2005). Nei paragrafi seguenti sono esaminati con maggiore dettaglio i principali indicatori chimico fisici di qualità delle acque lacustri del Lago d Endine. OSSIGENO DISCIOLTO La concentrazione di ossigeno disciolto lungo la colonna d acqua è caratterizzata da un andamento stagionale in relazione alla stratificazione delle acque; al culmine della stratificazione estiva si verifica fenomeni di anossia negli strati al di sotto dei 4 m, mentre in superficie l attività fotosintetica porta a valori di sovrasaturazione. Quest ultima raggiunge il culmine nel periodo primaverile, con valori tra il % (Regione Lombardia, 2006a). COMPOSTI DEL FOSFORO Andamento del fosforo totale nel Lago d Endine durante la massima circolazione delle acque; periodo (OLL, 2005). CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

4 CARICO INQUINANTE Negli anni Ottanta il carico esterno totale di fosforo è stato stimato in circa 1.7 tp/anno, ripartito in 0.72 tp/anno da liquami domestici, 0.84 tp/anno di origine diffusa e 0.14 tp/anno da sfioratori di piena. Attualmente la popolazione attuale gravante sul bacino del lago è di 6650 abitanti di cui oltre 200 fluttuanti. Il carico naturale di fosforo è stimato in 1.2 tp/anno. Il carico esterno totale di fosforo nel 2003, stimato con i modelli carico-risposta dell OECD, è di circa 1.7 tp/anno. Nel 2003 il carico esterno totale di fosforo stimato coefficienti indicati in metodologia era di circa 1.76 tp/anno, di cui 0.21 tp/anno dalle sorgenti puntiformi e 0,35 tp/anno dal diffuso antropico. Rispetto agli orizzonti temporali del 2008 e del 2016 il PTUA assume, a seguito degli interventi infrastrutturali previsti, che tutto il carico civile sia collettato fuori bacino, con un carico esterno totale di fosforo di circa 1.8 tp/anno, di cui tp/anno da agricoltura e zootecnia e 1.2 tp/anno dal diffuso naturale (Regione Lombardia, 2006a). Dati principali sull antropizzazione del bacino imbrifero (fonte dati: Regione Lombardia et al., 2005). Numero comuni nel bacino (2001) 5 Superficie agricola utilizzata (2001) 3.12 km 2 Popolazione residente in bacino (2001) 6440 abitanti Popolazione fluttuante in bacino (2001) 214 abitanti Zootecnia - avicoli (2001) 1680 capi Zootecnia - bovini (2001) 400 capi Zootecnia - caprini (2001) 230 capi Zootecnia - conigli (2001) 1110 capi Zootecnia equini (2001) 70 capi Zootecnia ovini (2001) 240 capi Zootecnia suini (2001) 40 capi Carico effettivo generato di fosforo ( ) t P/a Carico effettivo generato di azoto (2001) 63.1 t N/a CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

5 Diagramma di sintesi che correla la concentrazione di P totale in ingresso con le concentrazioni di P totale e di clorofilla nel lago in funzione del tempo di ricambio delle acque (Tw) nel Lago d Endine (Regione Lombardia, 2006a). La stellina indica la concentrazione di Ptotale raggiunta nel 1984, pari a 62 µgp/l, mentre l asterisco indica la concentrazione di Ptotale raggiunta nel 2003, pari a 38 µgp/l. LO STATO AMBIENTALE Il lago ha raggiunto lo stato ecologico sufficiente (concentrazione media di fosforo pari a 38 µgp/l). Il raggiungimento dell obiettivo di qualità previsto al 2016 (buono stato ecologico) non è perseguibile a causa della natura litologica del bacino idrografico di appartenenza (la concentrazione naturale di fosforo totale è stimata pari a 27 µgp/l). La meso-eutrofia sarebbe la classe trofica considerata come l obiettivo del risanamento, realisticamente raggiungibile, per il Lago di Endine (Regione Lombardia, 2006a). CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

6 LE BIOCENOSI ACQUATICHE DEL LAGO D ENDINE In questo capitolo viene presentata una sintesi delle conoscenze disponibili rispetto alle principali componenti della biocenosi acquatica del Lago d Endine: fitoplancton, zooplancton, macrofite e macroinvertebrati. I pesci, considerata l importanza che rivestono nel presente documento, saranno trattati in un capitolo a se stante. FITOPLANCTON Informazioni approfondite sulle fitocenosi planctoniche fanno riferimento al Il confronto tra dati più generali mostra un mutamento nelle caratteristiche delle cenosi. Verso la fine degli anni Settanta si è assistito ad una esplosione demografica di specie relativamente piccole, appartenenti alle diatomee e alle cianoficee. All inizio degli anni Novanta viceversa dominano gruppi dalle dimensioni più grandi, ascrivibili alle diatomee (tutto l anno) e alle dinoficee (periodo estivo). Nel 2002 si assiste invece ad una situazione dove sono decisamente dominanti le cianoficee (OLL, 2005). ZOOPLANCTON Non sono disponibili dati recenti, le informazioni più dettagliate fanno riferimento alla fine degli anni Settanta. Il periodo invernale è caratterizzato dalla dominanza dei rotiferi mentre quello estivo presenta una situazione più equilibrata (OLL, 2005). MACROFITE I dati maggiormente informativi fanno riferimento al periodo Fonti più recenti (1985) riportano esclusivamente un elenco floristico che comprende solo una parte delle specie. La presenza di bassi fondali,unita alla relativa abbondanza di nutrienti favorisce lo sviluppo delle macrofite, che ricoprono il 18% della superficie dello specchio lacustre (11% vegetazione emergente e 7% vegetazione sommersa). La profondità massima raggiunta è relativamente modesta e collocabile attorno a 3,5 m (OLL, 2005). BENTHOS Il benthos litorale (anno 1973) è più diversificato rispetto al corrispettivo profondo. Rimangono prevalenti (come numero di taxa) i Tubificidi e i Chironomidi, anche se i gasteropodi assumono un ruolo di rilievo all interno delle cenosi (OLL, 2005). CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

7 LA FAUNA ITTICA DEL LAGO D ENDINE La situazione della fauna ittica del Lago d Endine è stata monitorata attraverso un censimento stagionale svolto dalla primavera dell anno 2005 all autunno Il censimento ittico è stato condotto sia mediante pesca con le reti di diversa tipologia, dimensioni e maglia che mediante pesca elettrica da barca. L utilizzo integrato di entrambi i metodi consente infatti di ridurre il più possibile l errore di campionamento dovuto alla diversa selettività di cattura degli strumenti. I pesci catturati con le reti sono stati singolarmente identificati e conteggiati, suddividendoli per stadio vitale (giovani ed adulti); i risultati dell elettropesca sono stati invece espressi sotto forma di stime di abbondanza. Il siluro è stato oggetto di uno specifico approfondimento, con misurazione di lunghezza e peso dei soggetti catturati, esame del contenuto stomacale e del grado di maturazione delle gonadi. Le attività sono state effettuate contemporaneamente su tutto il bacino lacustre cercando per quanto possibile di coprire, attraverso una distribuzione dei campionamenti, l intero sviluppo longitudinale dello stesso ed anche le differenti tipologia ambientali presenti, comprese della porzione terminale del bacino lacustre da cui origina il Torrente Cherio. Particolare attenzione è stata posta ai tratti spondali in cui e presente un significativo canneto ed anche i tratti in cui è presente un affluente. Nel complesso i principali punti di campionamento utilizzati sono rappresentati nella figura di seguito riportata. Zone di indagine sulla fauna ittica del Lago d Endine CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

8 RISULTATI DELLE PESCATE CON RETI I campionamenti con reti hanno portato alla cattura di più di esemplari rappresentati in netta maggioranza da scardole. Riepilogo dei risultati dei campionamenti ittici con le reti 20/09/ /12/ /04/ /07/2006 Totale Specie catturate Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Carassio Carpa Cavedano Luccio Lucioperca Persico reale Persico sole Persico trota Savetta Scardola Siluro Tinca Trota iridea TOTALE Riepilogo dei risultati dei campionamenti ittici con le reti 100 set-05 dic-05 apr-06 lug-06 totale 90 Percentuale di individui catturati (%) Carassio Carpa Cavedano Luccio Lucioperca Persico reale Persico sole Persico trota Savetta Scardola Siluro Tinca Trota iridea CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

9 Scardole nella rete Carassi e scardole catturati con le reti RISULTATI DELL ELETTROPESCA L attività di elettropesca è stata effettuata in 5 differenti giornate così da consentire una valutazione di tipo stagionale dell uso degli habitat litorali da parte delle differenti specie. Dal confronto fra le abbondanze specifiche e le presenze stagionali emerge un quadro piuttosto interessante, che fornisce indicazioni anche di tipo gestionale. Specie osservate Riepilogo dei risultati dei campionamenti ittici con elettrostorditore Abbondanze Abbondanze Abbondanze Abbondanze relative relative relative relative /04/2006 Abbondanze relative 12/07/2006 Carassio comune comune scarso sporadico scarso Carpa comune sporadico assente sporadico sporadico Tinca scarso scarso scarso assente scarso Scardola abbondante abbondante comune scarso comune Persico reale sporadico sporadico comune sporadico comune Persico sole scarso scarso sporadico scarso comune Ghiozzo sporadico assente assente sporadico assente Anguilla abbondante abbondante scarso comune abbondante Cavedano scarso assente assente scarso assente Luccio scarso scarso sporadico scarso sporadico Persico trota scarso comune sporadico scarso scarso Lucioperca assente sporadico assente assente assente Siluro comune comune scarso comune comune CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

10 RISULTATI DELLE PESCATE SELETTIVE DI SILURO Fra le finalità di questo studio vi era quella di verificare l andamento nel lago, rispetto alle indagini di 5-6 anni orsono, del siluro, specie che può avere un effetto fortemente negativo sulle altre specie presenti, nonché di sperimentare se le tecniche di pesca con le reti e con l elettrostorditore potevano contribuire al contenimento della specie. L attività ha consentito di catturare ed esaminare circa 150 esemplari di questa specie, con soggetti delle differenti taglie, d un minimo di 14 cm ad un massimo di 220 cm per le lunghezze, da pochi grammi a 70 kg per i pesi. Nella figura sotto riportata viene rappresentata la curva lunghezza-peso dalla quale si evince che la specie nel Lago d Iseo alla lunghezza di 50 cm pesa mediamente 900 g ma i valori di peso crescono progressivamente e sempre in maggiore misura quando la lunghezza supera gli 80 cm di peso. Dal punto di vista alimentare le analisi effettuate sui contenuti stomacali dei pesci pescati hanno consentito di mettere in evidenza come anche i gamberi della specie Orconectes limosus, oltre all ittiofauna delle diverse specie, rappresentino una risorsa alimentare molto utilizzata anche dai soggetti adulti, ciò probabilmente in funzione della loro abbondanza e della loro maggiore semplicità di cattura. Dal punto di vista dell efficacia dei mezzi di cattura è emerso chiaramente come l elettropesca, in particolare nel periodo primaverile, consenta presso i canneti la cattura di numerosi esemplari, anche di taglia considerevole. Parimenti l utilizzo di reti con maglie di grandi dimensioni ( mm) consente la cattura di numerosi esemplari, con un effetto limitato sulle altre specie, proprio per la notevole dimensione delle maglie. Relazione lunghezza peso per il siluro del Lago d Endine y = 1,030E-05x 2,931E+00 R 2 = 9,698E Peso (g) Lunghezza (mm) CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

11 Il siluro di maggiori dimensioni catturato (2.20 m di lunghezza per 70 kg di peso) CONCLUSIONI DEL CENSIMENTO ITTICO SUL LAGO D ENDINE Dal punto di vista qualitativo, la composizione della comunità ittica è sostanzialmente identica a quella rilevata nel 2001, con la sola eccezione dell assenza della savetta; tale specie è peraltro non vocazionale per il lago in questione e nel 2001 fu rinvenuta con un unico esemplare. Le popolazioni ittiche più abbondanti restano quelle ciprinicole, in particolare quelle di scardola, carassio e tinca; se per quest ultima la conferma è positiva, meno favorevole dal punto di vista faunistico ed ambientale è invece il persistere di consistenti popolazioni di carassio e scardola, entrambi specie zooplanctofaghe infestanti, tolleranti al degrado ambientale e di nullo valore dal punto di vista della pesca (a ciò si aggiunge il fatto che il carassio è alloctono). Un dato confortante emerge dalla stabilità della situazione delle specie ittiche di maggior pregio, sia dal punto di vista naturalistico che alieutico, quali il persico reale, l anguilla e il luccio. Soddisfacente è anche la situazione di persico trota e persico sole, mentre il lucioperca (anch esso esotico), appare essere in decremento. Continua ad essere quasi assente l alborella, salvo catture sporadiche, ed anche il triotto ha mostrato un marcato declino. Anche la situazione della carpa, oggetto di particolare attenzione da parte dei pescatori che praticano il cosiddetto carp-fishing in crescente numero sul Lago d Endine, è da ritenersi soddisfacente. Una nota preoccupante è invece la crescente espansione numerica del siluro, che è ormai presente con individui di taglia importante e che potrebbe creare ulteriori squilibri nella comunità ittica del lago, andando a competere con gli altri predatori. CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

12 Elenco delle specie ittiche presenti nel Lago d Endine (OLL, 2005). Specie Specie (nome comune) (nome scientifico) Provenienza Alborella Alburnus alburnus alborella Indigeno X X X X X Anguilla Anguilla anguilla Indigeno X X X X X Barbo comune Barbus plebejus Indigeno X Carassio Carassius carassius Esotico X X X Carpa Cyprinus carpio Indigeno X X X X Carpa erbivora Ctenopharyngodon idellus Indigeno X Cavedano Leuciscus cephalus Indigeno X X X X Cobite Cobitis taenia Indigeno X X Ghiozzo Padogobius martensii Esotico X X Luccio Esox lucius Indigeno X X X X X Lucioperca Stizostedium lucioperca Esotico X X X Persico reale Perca fluviatilis Indigeno X X X X X Persico sole Lepomis gibbosus Esotico X X X Persico trota Micropterus salmoides Esotico X X X X Pesce gatto Ictalurus melas Esotico X Pigo Rutilus pigus Indigeno X Rodeo amaro Rhodeus amarus Esotico X X Savetta Chondrostoma soetta Indigeno X X Scardola Scardinius erythrophthalmus Indigeno X X X X X Scazzone Cottus gobio Indigeno X Siluro Silurus glanis Esotico X X Tinca Tinca tinca Indigeno X X X X X Triotto Rutilus erythrophthalmus Indigeno X X X Trota fario Salmo (trutta) trutta Indigeno X Trota iridea Oncorhynchus mykiss Esotico X Vairone Leuciscus souffia Indigeno X Valutazione sintetica dello stato delle popolazioni ittiche nel Lago d Endine Specie 1999/ /2007 Alborella Pessimo Pessimo Anguilla Discreto Discreto Carassio Ottimale Ottimale Carpa Discreto Discreto Cavedano Pessimo Pessimo Ghiozzo Mediocre Mediocre Luccio Discreto Discreto Lucioperca Discreto Mediocre Persico reale Discreto Discreto Persico sole Discreto Discreto Persico trota Discreto Discreto Rodeo amaro Pessimo Pessimo Savetta Pessimo Assente Scardola Ottimale Ottimale Siluro Mediocre Discreto Tinca Ottimale Ottimale Triotto Mediocre Pessimo Categorizzazione Classificazione ittica del Lago d Endine Acque di pregio ittico potenziale CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

13 INDICAZIONI GESTIONALI PER LA FAUNA ITTICA DEL LAGO D ENDINE Dall attività effettuata e dall analisi dei dati ambientali raccolti emergono alcuni elementi che è possibile sintetizzare come segue. L intervento messo in atto in questi ultimi anni è di tipo conservativo nel senso che il taglio effettuato in periodo invernale comporta comunque la ricrescita completa del canneto nei mesi successivi, lasciando quindi inalterata la superficie del canneto stesso; l effetto determinato rispetto alle condizioni chimico-fisiche delle acque è quello di ridurre la sostanza organica che, attraverso la marcescenza delle canne, giungerebbe al lago. L intervento di sfalcio del canneto, quando il livello trofico del lago era notevolmente superiore a quello attuale, ha dato un consistente contributo alla riduzione della trofia mentre oggi ha perso gran parte della rilevanza che aveva in termini di necessità di riduzione dei carichi; secondo quanto indicato dal PTUA della Regione Lombardia, la situazione attuale del fosforo, è ormai prossima all obiettivo di risanamento (la concentrazione attuale è indicata in 38 µgp/l e quella obiettivo è 34 µgp/l); ne consegue che oggi l intervento è da mettere in relazione soprattutto ad obiettivi di miglioramento dell habitat acquatico. La rimozione invernale di tratti di canneto determina delle zone spoglie a cui conseguono possibili interazioni con le biocenosi che nello stesso vivono o trovano saltuariamente riparo; a tal proposito è parso del tutto evidente che nel periodo tardo invernale-inizio primaverile l abbondanza dell ittiofauna fosse significativamente diversa fra le zone a canneto integro, per quanto con le canne ormai in progressivo disfacimento, dalle sponde prive di vegetazione. Ciò è dovuto al fatto che il taglio delle canne priva la riva di un naturale riparo per la fauna ittica durante il periodo necessario alla ricrescita della vegetazione; peraltro si è osservato che anche una volta ricostituitosi il canneto, quello che è rimasto inalterato presenta un maggior valore in termini di habitat rispetto a quello ricresciuto dopo lo sfalcio, per effetto dell accumulo dei resti delle piante cresciute nella stagione precedente. Questo consente di suggerire, dal punto di vista della gestione della fauna ittica, una modifica dei principi di intervento nelle zone oggetto di sfalcio Una tipologia di intervento a favore dell ittiofauna dovrebbe essere effettuato in modo da interessare non grandi aree rimosse in modo completo ma prevalentemente piccoli interventi distribuiti, finalizzati alla creazione di canali perpendicolari al fronte del canneto stesso che ne consentano l attraversamento sino in profondità; inoltre un area potenzialmente di grande interesse ma non interessata dai lavori è il canneto di Endine, all estremo nord del lago, dove sarebbe opportuna un azione energica, supportata anche da mezzi di movimento terra. Zona di canneto in cui è stata creata un apertura CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

14 Schema di sezione trasversale di un canale tipo da realizzare nel canneto perpendicolarmente alla sponda Schema di planimetria di un canale tipo da realizzare nel canneto perpendicolarmente alla sponda CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

15 Zona di canneto integra ma con elevata densità di canne, non utilizzabile dall ittiofauna Zona di canneto integra con discontinuità nel fronte che consentono rifugi ai pesci CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

16 METODOLOGIE PER IL CENSIMENTO DELLA COMUNITÀ ITTICA DEL LAGO D ENDINE I campionamenti di fauna ittica sono stati svolti sia con la posa di reti, sia con l elettropesca. Le reti sono state utilizzare sia per campionare gli ambienti litorali che quelli a centro lago; per massimizzare l efficacia di cattura e ridurre la selettività sono stati utilizzate reti di diverso tipo, maglia e lunghezza e altezza. Le categorie di reti usate sono le seguenti: - reti multimaglia - reti monomaglia - tramagli Le reti sono state posate alla sera e salpate al mattino del giorno successivo. Elenco delle reti utilizzate durante il censimento Tipo rete (dimensione maglia, lunghezza rete, altezza rete maglia 10; 20 x 4.5m (impiegata solo nel campionamento del ) maglia 10; 25 x 4.5m (impiegata solo nel campionamento del ) multimaglia 10-40; 100m tramaglio maglia 20; 20 x 1m maglia 25; 50 x 1.2m maglia 28; 80 x 1.5m tramaglio maglia 30; 15 x 1.5m maglia 30; 60 x 3m maglia 35; 70 x 1.5m maglia 35; 70 x 2m maglia 45; 20 x 2m maglia 55; 100 x 4m maglia 60; 100 x 2m maglia 80; 80 x 4.5m maglia 100; 25 x 4m maglia 100; 20 x 2m maglia 100; 25 x 2m L elettropesca è stata svolta da imbarcazione, utilizzando un elettrostorditore barellabile con una potenza di 2500 W operante in corrente continua. Con questo metodo sono stati sondati i principali habitat a ridosso delle rive, dove la profondità dell acqua era inferiore ad 1.5 m in modo che il range d azione del campo elettrico garantisse la cattura dei pesci. Questo approccio si è rivelato utile per campionare i pesci all interno del canneto e quelli nascosti negli anfratti delle rive, dimostrando particolare efficacia nei confronti di anguilla e siluro; esso ha poi consentito di catturare anche esemplari difficilmente finiscono nelle reti, come il persico trota o gli stadi giovanili di minori dimensioni di varie specie. CARTA ITTICA PROVINCIALE DI BERGAMO

LAGO DI VARESEARESE. Bacino imbrifero del Lago di Varese

LAGO DI VARESEARESE. Bacino imbrifero del Lago di Varese LAGO DI VARESEARESE Latitudine ( N): 45 48 Longitudine ( E): 08 45 Altitudine (m s.l.m.) 238 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 1226 Superficie lago (km 2 ) 14,8 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

ALBORELLA ANGUILLA. Appendice La fauna ittica BARBO. 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151

ALBORELLA ANGUILLA. Appendice La fauna ittica BARBO. 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 151 Appendice La fauna ittica ALBORELLA NOME LATINO: Alburnus alburnus alborella (De Filippi 1844) FAMIGLIA: Cyprinidae ORDINE: Cypriniformes

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE in vigore dal 01 gennaio 2016 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Ai sensi dell art. 16 della

Dettagli

I LAGHI LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago Maggiore

I LAGHI LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago Maggiore I LAGHI Carta delle vocazioni ittiche - Risultati LAGOAGO MAGGIOREAGGIORE Latitudine ( N): 45 47 Longitudine ( E): 08 40 Altitudine (m s.l.m.) 193,8 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 4.633 Superficie

Dettagli

LAGO DI GHIRLAHIRLA. Tempo teorico di ricambio (anni) 0,1. Torrente Margorabbia Lago maggiore Fiume Ticino Fiume Po

LAGO DI GHIRLAHIRLA. Tempo teorico di ricambio (anni) 0,1. Torrente Margorabbia Lago maggiore Fiume Ticino Fiume Po LAGO DI GHIRLAHIRLA Latitudine ( N): 45 55 Longitudine ( E): 08 49 Altitudine (m s.l.m.) 442 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 1129 Superficie lago (km2) 0,28 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLE TECNOLOGIE E L IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DELLE PICCOLE SPECIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Convenzione per l esecuzione di campagne di monitoraggio

Dettagli

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9.1 - Fiume Esino 9.1.1 - Caratteristiche ambientali Codice Nuovo: AN06ESIN06 Bacino Coordinate Geografiche Località

Dettagli

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.)

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.) Torrente Marano_ stazione Marano 3 (75 m.s.l.m.) Il Torrente Marano presenta, in questo tratto, caratteristiche ancora iporitrali. La velocità di corrente è moderata ed il fondale è costituito in prevalenza

Dettagli

Commissione italo svizzera per la pesca

Commissione italo svizzera per la pesca Commissione italo svizzera per la pesca REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Approvato nella seduta di Commissione del 12 giugno 2009 IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2010 REGOLAMENTO

Dettagli

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco)

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) Classificazione sulla base degli elementi di qualità fisico chimica: LTLeco 100 80 Percentuale 60 40 20 0 2008 2009 2010

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEMINE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Approvato a Pallanza nella seduta di Commissione del 5 giugno 1996 IN VIGORE DAL 1 SETTEMBRE 1996 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE

Dettagli

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA STATO DI AVANZAMENTO SETTEMBRE 2014 1 Il progetto di Censimento della fauna ittica nei laghi alpini nel territorio

Dettagli

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, Piazza Kennedy 10, 40032 Camugnano (BO), Italia

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, Piazza Kennedy 10, 40032 Camugnano (BO), Italia Studi Trent. Sci. Nat., 87 (2010): 197-201 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2010 ISSN 2035-7699 197 Nota breve - Short note Rilevamento e valutazione della fauna ittica dei laghi del Parco

Dettagli

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it Cause di alterazione delle comunità ittiche VARIAZIONE ARTIFICIALE DEI LIVELLI IDRICI Le variazioni artificiali dei livelli idrici rappresentano uno dei principali problemi a carico delle comunità ittiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. Art. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento approvato dalle Province di Bergamo

Dettagli

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite 23. Panzarolo Knipowitschia punctatissima 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite Il panzarolo (o ghiozzetto punteggiato), specie endemica del distretto padano, è attualmente considerato in

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica dell 8 novembre 2000 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 novembre 1993 1 concernente la legge federale sulla

Dettagli

INDAGINE CHIMICO- FISICA

INDAGINE CHIMICO- FISICA Fiume: Biedano Stazione: Casalone Corpo idrico ricettore: Marta Comune interessato : Vetralla Codice: MA 06 La sesta stazione (F. Biedano) si trova in località Casalone (42 21 04 N, 11 56 33 E), in una

Dettagli

Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche

Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche Simone Ciadamidaro Ricercatore ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS PhD in Biologia Animale Informazioni: eventienea_ispra@enea.it

Dettagli

Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria. Alessandro Candiotto. torrente Lemme Voltaggio

Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria. Alessandro Candiotto. torrente Lemme Voltaggio Stato dei fiumi e fauna ittica della provincia di Alessandria Alessandro Candiotto torrente Lemme Voltaggio L Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2010 "Anno Internazionale della Biodiversità"

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012

NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012 PROVINCIA DI BRESCIA Settore Caccia e Pesca NUOVE NORME INTRODOTTE DAL NUOVO PIANO ITTICO IN VIGORE DAL 26 FEBBRAIO 2012 per quanto non espressamente qui contenuto, valgono le disposizioni contenute nell

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA DILETTANTISTICA NELLE ACQUE DEL LAGO DI PUSIANO (CO) ANNO 2013

NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA DILETTANTISTICA NELLE ACQUE DEL LAGO DI PUSIANO (CO) ANNO 2013 NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA DILETTANTISTICA NELLE ACQUE DEL LAGO DI PUSIANO (CO) ANNO 2013 L esercizio della pesca nel Lago di Pusiano avviene nel rispetto di quanto previsto dal presente regolamento,

Dettagli

VADEMECUM DEL PESCATORE

VADEMECUM DEL PESCATORE VADEMECUM DEL PESCATORE Per ottenere per la volta la licenza di pesca dilettantistica (Licenza di pesca di tipo B), ovvero per rinnovare la propria licenza di pesca scaduta (vale 365 giorni la data di

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

SEGRINO, ALSERIO, MONTORFANO 3 laghi a confronto l eutrofia le naturali condizioni

SEGRINO, ALSERIO, MONTORFANO 3 laghi a confronto l eutrofia le naturali condizioni UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL AMBIENTEE DEL TERRITORIO SEGRINO, ALSERIO, MONTORFANO 3 laghi a confronto l eutrofia le naturali condizioni LETIZIA GARIBALDI LAGO

Dettagli

Ecodiver. La vita nei laghi. Necton. l ambiente di acqua dolce

Ecodiver. La vita nei laghi. Necton. l ambiente di acqua dolce 84 IL POPOLAMENTO ITTICO Il popolamento ittico è spesso il vertice della catena alimentare lacustre, infatti ne costituisce l'anello terminale. I grossi carnivori occupano una posizione sommale nella catena

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

1) specie ittiche destinate al ripopolamento delle acque interne, da individuarsi fra tutte quelle autoctone presenti in Emilia-Romagna;

1) specie ittiche destinate al ripopolamento delle acque interne, da individuarsi fra tutte quelle autoctone presenti in Emilia-Romagna; Delibera di Giunta - N.ro 1993/5463 - protocollato il 9/11/1993 Oggetto: L.R. N. 11 DEL 22/02/93, ART. 13. DEFINIZIONE DELLE SPECIE ITTICHE APPARTENENTI ALLA FAUNA LOCALE DI CUI E' CONSENTITO IL RIPOPOLAMENTO,

Dettagli

PROGETTO VALORIZZAZIONE SOSTENIBILE DEI PRODOTTI ITTICI TRADIZIONALI ED INNOVATIVI DEI LAGHI INSUBRICI

PROGETTO VALORIZZAZIONE SOSTENIBILE DEI PRODOTTI ITTICI TRADIZIONALI ED INNOVATIVI DEI LAGHI INSUBRICI PROGRAMMA OPERATIVO DI COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA ITALIA SVIZZERA 2007-2013 PROGETTO VALORIZZAZIONE SOSTENIBILE DEI PRODOTTI ITTICI TRADIZIONALI ED INNOVATIVI DEI LAGHI INSUBRICI RELAZIONE SCIENTIFICA

Dettagli

Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA

Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA Unione Pesca Sportiva di Sondrio INDAGINE SULLA POPOLAZIONE DI SALMERINO ALPINO NEL LAGO VIOLA Dr. Edoardo Fusi Luglio 2004 Indagine sulla popolazione di salmerino alpino nel lago Viola 1. introduzione

Dettagli

INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE

INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE Ufficio Acque reflue INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE Provincia di Biella: David Tezzon La Provincia di Biella e la Provincia di

Dettagli

Corso per Guardie Giurate Volontarie sulla Pesca

Corso per Guardie Giurate Volontarie sulla Pesca SERVIZIO FAUNISTICO Dott. Marco Aldrigo Corso per Guardie Giurate Volontarie sulla Pesca SPECIE ITTICHE AUTOCTONE. o quasi Bergamo, venerdì 3 febbraio 2012 ELENCO SISTEMATICO DELLE SPECIE TRATTATE Famiglia

Dettagli

La fauna ittica del biotopo Brusà - Vallette (Cerea - Verona)

La fauna ittica del biotopo Brusà - Vallette (Cerea - Verona) Quad. Staz. Ecol. civ. Mus. St. nat. Ferrara, 15: pp. 91-98, 2005 ISSN 0394-5782 Ivano Confortini* Paolo Turin ** Stefano Salviati*** La fauna ittica del biotopo Brusà - Vallette (Cerea - Verona) Abstract

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

0.923.221. Regolamento d applicazione

0.923.221. Regolamento d applicazione Traduzione 1 Regolamento d applicazione dell Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica francese concernente l esercizio della pesca e la protezione dell ambiente acquatico

Dettagli

Bacino imbrifero del Lago di Monate

Bacino imbrifero del Lago di Monate LAGO DI MONATE Latitudine ( N): 45 47 Longitudine ( E): 08 39 Altitudine (m s.l.m.) 266 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 457 Superficie lago (km 2 ) 2,5 Superficie bacino imbrifero naturale (km

Dettagli

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale.

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale. NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA IN ACQUE LIBERE ORARI, PERIODI DI PESCA, MISURE E LIMITI DI CATTURA IMPORTANTE - Per le acque gestite da associazioni piscatorie valgono i divieti stabiliti dai relativi

Dettagli

I CIPRINIDI ITALIANI

I CIPRINIDI ITALIANI CISBA Corso: La fauna ittica dei corsi d acqua Parco del Ticino 5-95 9 settembre 2005 I CIPRINIDI ITALIANI Biologia ed ecologia Paolo Turin Bioprogramm scrl - Padova I CIPRINIDI IN ITALIA I ciprinidi indigeni

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

LAGO DI LUGANOUGANO. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago di Lugano

LAGO DI LUGANOUGANO. Bacino imbrifero e sotto bacini del Lago di Lugano LAGO DI LUGANOUGANO Latitudine ( N): 45 58 Longitudine ( E): 08 59 Altitudine (m s.l.m.) 270 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 2.245 Superficie lago (km 2 ) 48,9 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO CONSIDERAZIONI SUL BILANCIO IDRICO DEL LAGO DI GARDA

DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO CONSIDERAZIONI SUL BILANCIO IDRICO DEL LAGO DI GARDA DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Progetto e realizzazione Italo Saccardo Gianmario Egiatti (autore) Dipartimento

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC)

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC) laborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto 213 3 - L ONIZIONI MTOROLOGIH NL TRRITORIO LL PROVINI I RVNN (on la collaborazione di RP - SIM) 3.1 - Gli indicatori meteorologici

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO (Delibera Commissariale n. 20 del 4 settembre 2008) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica del 30 agosto 2006 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 24 novembre 1993 1 concernente la legge federale sulla pesca

Dettagli

LAGO DI COMABBIOOMABBIO

LAGO DI COMABBIOOMABBIO LAGO DI COMABBIOOMABBIO Latitudine ( N): 46 45 Longitudine ( E): 08 41 Altitudine (m s.l.m.) 243 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 471 Superficie lago (km 2 ) 3,57 Superficie bacino imbrifero

Dettagli

CARTA ITTICA ALLEGATO B. della provincia di lodi. Schede delle Specie Ittiche Censite. Provincia di Lodi

CARTA ITTICA ALLEGATO B. della provincia di lodi. Schede delle Specie Ittiche Censite. Provincia di Lodi Provincia di Lodi CARTA ITTICA della provincia di lodi ALLEGATO B Schede delle Specie Ittiche Censite A cura di: Simone Rossi, Andrea Modesti, Sara Filippini 2009 Provincia di Lodi Coordinamento: Settore

Dettagli

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA L ampliamento della ricerca e l estensione degli studi sui salmonidi italiani, con riferimento

Dettagli

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO www.aiutopsicologico.it Dott. Cinzia Colombo L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE La vita, dal punto di vista scientifico, ha avuto origine

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA

2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA 2.3 IL NAVIGLIO MARTESANA Il Naviglio Martesana è stato realizzato nel XV secolo con lo scopo principale di fornire acqua alle utenze agricole poste nella pianura a est di Milano. Nonostante la principale

Dettagli

Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico

Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico Monitoraggio della fauna ittica nei laghi della Regione Piemonte: risultati e classificazione dello stato ecologico Pietro Volta CNR Istituto per lo Studio degli Ecosistemi Accordo di Collaborazione Istituzionale

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity Foto: Borrini Il sito di progetto è il SIC IT 1343502 Parco della Magra Vara che coincide per gran parte con il territorio del Parco di Montemarcello-Magra

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLA PESCA NELLE ACQUE DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DEI LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLA PESCA NELLE ACQUE DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DEI LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLA PESCA NELLE ACQUE DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DEI LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE Art. 1 Obiettivi 1. Il presente Regolamento, in conformità con le leggi

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015

DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015 DOCUMENTO TECNICO INTERPROVINCIALE DI RACCORDO DELLE AZIONI DI CONTROLLO SELETTIVO DEL CORMORANO NEL TERRITORIO LOMBARDO 2011-2015 OTTOBRE 2011 Sommario 1 Premessa...3 2 I popolamenti ittici delle acque

Dettagli

S INTESI DEI RISULTATI

S INTESI DEI RISULTATI S INTESI DEI RISULTATI I risultati delle analisi biologiche sono riassunti nella pagina successiva, dove sono riportate una carta con l indicazione delle classi di qualità raggiunte dalle stazioni monitorate

Dettagli

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca

Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca Ordinanza concernente la legge federale sulla pesca (OLFP) Modifica del 22.3.2017 Questo testo è una versione provvisoria. Fa stato unicamente la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLA RISERVA NATURALE DEI LAGHI LUNGO E DI RIPASOTTILE

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLA RISERVA NATURALE DEI LAGHI LUNGO E DI RIPASOTTILE REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLA RISERVA NATURALE DEI LAGHI LUNGO E DI RIPASOTTILE Premessa 1. La presente normativa, ispirandosi al principio dell uso sostenibile delle risorse naturali

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

COLATORE CIDELLARA-PIAVE

COLATORE CIDELLARA-PIAVE COLATORE CARATTERISTICHE ALORI Area omogenea (Bianchi, 199) 7 Bacino Idrografico Principale (Bassi,198) Oglio Bacino Idrografico Secondario (Bassi, 198) 13 Ente Gestore Cons. Bon. Dugali Comune inizio

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

STRUTTURA TERRITORIALE DI TRAPANI

STRUTTURA TERRITORIALE DI TRAPANI Monitoraggio Gorgo Basso 2015 Classificazione dello stato ecologico e dello stato chimico in base al DM n. 260/2010. Nel 2015 la ST di Trapani ha effettuato il monitoraggio del corpo idrico di transizione

Dettagli

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010 Il primo giornale online della provincia di Lecco Merateonline > Cronaca > Lecchese Scritto Giovedì 05 maggio 2011 alle 16:09 Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008.

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 Risoluzione ai sensi dell art. 38 del Regolamento generale

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale Sezione di Biologia. Università di Perugia

Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale Sezione di Biologia. Università di Perugia Massimo Lorenzoni Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale Sezione di Biologia Animale ed Ecologia. Università di Perugia Lucia Ghetti Servizio Programmazione Forestale, Faunistico Venatoria ed

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future. Dott. Pietro Ceccuzzi

Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future. Dott. Pietro Ceccuzzi Lago di Varese: gestione attuale e prospettive future Dott. Pietro Ceccuzzi Stato trofico Stato di qualità (2003) Stato di qualità obbiettivo Concentrazione naturale di fosforo Concentrazione attuale di

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI Franco Giovanardi (ISPRA) Francesca Pedullà (ARPACAL) Sala Conferenze Arpa Sicilia, Reale Albergo delle Povere

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

G. Lazzerini - E. Ciccarelli. Castiglion del Lago 1-2 dicembre

G. Lazzerini - E. Ciccarelli. Castiglion del Lago 1-2 dicembre PRIME VALUTAZIONI ECOLOGICHE SULLE MACROFITE DEL TRASIMENO G. Lazzerini - E. Ciccarelli Castiglion del Lago 1-2 dicembre 1 Secondo le procedure di valutazione definite dalla Direttiva Quadro sulle Acque

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

IL QUADERNO DEL PESCATORE

IL QUADERNO DEL PESCATORE IL QUADERNO DEL PESCATORE La Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere-Farfa, insieme agli amici pescatori sportivi che frequentano le aree di pesca all interno dell area protetta, hanno intrapreso una

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

DEI GRANDI LAGHI PREALPINI:

DEI GRANDI LAGHI PREALPINI: DEI GRANDI LAGHI PREALPINI: STRUTTURA, BIOLOGIA, TUTELA Prof. Ettore Grimaldi Dott. Alessandra Ippoliti* * G.R.A.I.A. Srl Varano Borghi (VA) Como, Università dell Insubria Giugno 2003 Il popolamento ittico

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA - A cura di Omar Giordano Giorgio Ficetto Tecnici faunistici C.A. CN2 PREMESSA

Dettagli

sullo stato e sull'evoluzione delle acque del Lago Maggiore Anno 2010

sullo stato e sull'evoluzione delle acque del Lago Maggiore Anno 2010 PANNELLO di CONTROLLO sullo stato e sull'evoluzione delle acque del Lago Maggiore Anno 21 Commissione Internazionale per la Protezione delle Acque Italo-Svizzere - Agosto 212 Premessa.. 2 Territorio di

Dettagli

Comabbio. Comabbio. Inquadramento geografico. Geologia prevalente del bacino. Inquadramento geografico regionale. Morfometria e idrologia

Comabbio. Comabbio. Inquadramento geografico. Geologia prevalente del bacino. Inquadramento geografico regionale. Morfometria e idrologia Comabbio Comabbio Inquadramento geografico Stato Italia Regione Lombardia Provincia Varese Bacino idrografico Fiume Ticino Coordinate geografiche a centro lago φ = 45 45 56 λ = 09 41 28 Coordinate Gauss-

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s.

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. ANNO 2012 specie prodotta quantità lunghezza media n mm lavarello 1.078.000 10-25 lavarello

Dettagli

Proposte di gestione per il fiume Adige

Proposte di gestione per il fiume Adige Allegato parte integrante Piano Adige 2012 Associazione pescatori dilettanti della Vallagarina Provincia Autonoma di Trento Servizio Foreste e Fauna Associazione pescatori dilettanti trentini Proposte

Dettagli

PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A.

PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A. PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A. 2014/2015 I progetti didattici la fauna ittica e terrestre in ambiente

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli