Borse di studio al Nord e al Sud

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Borse di studio al Nord e al Sud"

Transcript

1 Periodico trimestrale dell Associazione nazionale degli organismi per il diritto allo studio universitario. Anno XI - n. 2 Progettare un altro futuro Flavio Rodeghiero sulla dimensione europea del Diritto allo Studio Un campus grande come l Europa Il Forum Europeo di Padova YoUniverCity Borse di studio al Nord e al Sud Appello del Presidente ANDISU sui fondi stanziati per il 2010 Normative Il Bilancio sociale spiegato da Marco Grumo Intervista Giovanni di Pilato e l Ardsu Basilicata: «ottimizziamo l uso delle risorse» «I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.»

2 E DITORIALE D ALLE SEDI Progettare EDUCatt: 3 un altro futuro 11 più libri per di Flavio Rodeghiero tutti di Velania La Mendola P RIMO PIANO IL FORUM EUROPEO Un campus grande come l Europa a cura dello Staff di Forum 2010 Borse di studio al Nord e al Sud di Maurizio Natali n ORMATIVE Trasparenza e dialogo con il Bilancio sociale a cura di Maria Villano IN QUESTO NUMERO I E NTERVISTA A... GIOVANNI DI PILATO Università e Regione insieme per il DSU a cura di Maria Villano VENTI DALLE SEDI Trieste Milano Venezia Puglia a cura di Velania La Mendola Periodico trimestrale dell Associazione Nazionale degli organismi per il Diritto allo Studio Universitario Anno XI - n. 2 Direttore responsabile: Luigi Sotgiu Redazione, progetto grafico e impaginazione: Studio Editoriale EDUCatt - Largo Gemelli 1, Milano Hanno collaborato a questo numero: Giovanni Di Pilato, Angelo Giornelli, Marco Grumo, Velania La Mendola, Maurizio Natali, Carmela Pierini, Flavio Rodeghiero, Staff Forum 2010, Maria Villano. Un grazie in particolare a: Esu Padova, EDUCatt, Ardsu Basilicata. Stampa: Litografia Solari, Peschiera Borromeo (Milano) web: redazione: Foto di copertina: Fonte: (part.) Registrazione presso il tribunale di Cagliari n. 5 del 2 febbraio 2000

3 EDITORIALE Progettare un altro futuro Nuove risorse per rilanciare il capitale umano nell ottica del Diritto allo Studio nella dimensione europea, partendo dal Forum Europeo di Padova: un invito alla diffusione delle buone pratiche verso l eccellenza. di Flavio Rodeghiero Il Diritto allo Studio come espressione della cittadinanza europea: sono proprio gli scenari socio-economici internazionali che, mentre richiedono maggiore rigore nelle politiche di bilancio, impongono urgentemente di trovare risorse per rilanciare il capitale umano, intellettuale e culturale come unica risorsa veramente non rinnovabile. Le buone pratiche e le eccellenze che a livello europeo stanno producendo risultati concreti possono essere diffuse e valorizzate nell ottenimento di questo scopo: sono queste le idee di fondo su cui viaggia la preparazione del Forum Europeo 2010, e il motivo per cui è stato assegnato a Padova. Un grande sforzo congiunto di ECStA, ANDISU e della segreteria organizzativa dell Esu di Padova, alla quale è demandato il coordinamento, per un appuntamento che, dal 30 settembre al 3 ottobre, creerà a Padova il luogo della riflessione, la zona franca dei progetti, l opportunità di un patto con le politiche italiane ed europee per far crescere tutte le potenzialità legate allo studio. Per quanto riguarda il livello nazionale, è importante ripensare il rapporto tra Enti per il Diritto allo Studio, università e governace regionali che il nuovo federalismo rilancia, e riflettere sui necessari adeguamenti della legge 390/1991 mentre si discutono i nuovi assetti di riforma dell università. È nei momenti di crisi che è necessario far appello e incrementare tutte le risorse legate alla conoscenza, all innovazione, alla possibilità di crescere progettando un altro futuro. È solo così che possiamo sperare di sfilarci dall angolo in cui si è cacciato un sistema che, per troppo tempo, ha considerato i servizi alla cultura e allo Chi è Flavio Rodeghiero è componente del Comitato Esecutivo ANDISU e commissario straordinario dell Esu Padova. studio tutt altra cosa rispetto all economia, la ricchezza, qualcosa di totalmente disgiunto dal raggiungimento del sapere, i processi finanziari come rendita e non come investimento sullo studio, sul sapere e sulla ricerca. Chi ha scommesso su questa idea facile dei rapporti socioeconomici è oggi deluso. ECStA, ANDISU ed Esu Padova propongono di ripartire dall unico capitale cartolarizzabile con un rientro certo. È la formazione delle competenze, dicono gli economisti, lo scrigno e il forziere che ci restituisce moltiplicati i nostri risparmi. Non c è paragone, il rendimento medio privato di un anno di istruzione è infatti dell 8,9% (ricerca di Federico Cingano e Piero Cipollone per Bankitalia). A Padova l Esu con i suoi 1600 posti letto, le strutture di recente ampliate e adeguate, il suo milione e mezzo di pasti l anno serviti nelle ristorazioni e i tanti spazi di orientamento, lettura, socialità, dedicati agli studenti punta a rafforzare, con l appuntamento di fine settembre-ottobre, la rete e l alleanza per lo studio chiamando in causa le migliori energie culturali, imprenditoriali, politiche e, naturalmente, giovanili. Arriveranno oltre mille Erasmus a portarci la freschezza delle altre esperienze europee, ed il prologo sportivo, remiero e rugbistico per Nationes, rafforzerà la fraternità. È importante quindi che tutti gli Enti, soci di ANDISU in particolare, possano rappresentare la loro massa critica di competenze e buone pratiche perché l innovazione dei modelli sia in linea con l evoluzione positiva desiderata. Vi aspettiamo e diciamo grazie a tutti quelli che, anche molto lontano da Padova, stanno lavorando al Forum. n

4 Un campus grande come l Europa Il Forum Europeo per il Diritto allo Studio, quest anno intitolato YoUniverCity, si svolgerà a Padova dal 30 settembre al 3 ottobre, un incontro fondamentale per fare il punto sul futuro dei giovani attraverso le risorse universitarie. a cura dello staff di Forum 2010 La priorità del Forum Europeo per il Diritto allo Studio affidato per il 2010 a Padova che quest anno avrà il titolo di YoUniverCity è quella di rafforzare le politiche e le sensibilità attorno al sostegno e ai servizi rivolti a chi è dentro un percorso accademico. Non solo progetti, colloqui e convegni, ma un luogo per stringere un patto vincolante col mondo politico, imprenditoriale e dell associazionismo per tirare la volata al futuro dei giovani. Perché, proprio in tempi di crisi, l unica risorsa veramente non rinnovabile è quella umana, culturale e intellettuale: non ci si può permettere di disperderla. Attorno a questo focus si sta organizzando il Forum che, dal 30 settembre al 3 ottobre, porterà nel Veneto e a Padova oltre mille Erasmus da tutta Europa, migliaia di matricole, esponenti del mondo della cultura e dell impresa, testimonial che sono volti e firme noti a livello internazionale. Accanto al core business di YoUniver- City c è la promozione a tutti i livelli del Diritto allo Studio, una grande festa in un campus esteso a tutta la città: i concerti di musica classica e rock accanto a conferenze e teleconferenze di personaggi amati, letti e seguiti, da Andrea Camilleri a Philippe Daverio, con alcune sorprese che saranno annunciate nella tappa finale di avvicinamento al Forum, a metà settembre. Un ruolo importante avrà anche lo sport, che costituirà il prologo della festa: le regate e i raggruppamenti di rugby per Nationes, in

5 PRIMO PIANO In alto a sinistra una sala studio della Residenza Ceccarelli; in basso la mensa Ristoragripolis; sopra uno studente nella sala computer della Residenza Ceccarelli. un Veneto che nel canottaggio e nella palla ovale eccelle. Sport del resto nati nei college e nei campus, momenti di aggregazione e fraternità che non conoscono barriere. L Esu di Padova, assieme ad Andisu ed ECStA, ha voluto che a fine giugno il momento di annuncio di questo appuntamento europeo fosse un evento esso stesso: nel cuore della città dieci famosi e giovani street artists hanno animato con i loro graffiti, tra municipio e antica sede dell ateneo, il centro storico. Un modo per marcare questo Forum nella cifra del talento e della creatività di una generazione nuova. È imperniato sul tema Generazione Europa, Diritto allo Studio e cittadinanza europea uno dei momenti centrali di ap prendimento, con la presenza della Commissaria europea alla cultura Androulla Vassiliou, di europarlamentari e dei rappresentanti di ECStA. Un università grande come la città, una città grande come la sua università: il tema della compenetrazione e della con-fusione tra studio, servizi allo studio e territorio attraversa tutta questa edizione del Forum. Per questo i sindaci italiani, ma anche i sindaci e i rappresentanti dei Town Councils di Boston, Nancy, Friburgo, Coimbra, Iasi e Zara incontreranno i giovani e i responsabili europei del Diritto allo Studio. Il Diritto allo Studio proprio come diritto di cittadinanza sarà sempre in collegamento, durante la quattro giorni, con i temi della lotta a ogni forma di esclusione sociale in questo anno 2010 che è l anno europeo per la lotta alla povertà. La negazione del diritto a crescere e formarsi accademicamente

6 come categoria dell impoverimento sarà tematizzata e affrontata da relatori e scrittori, da giuristi e ricercatori. Un Forum che guarda al futuro ma che include tutta la grandezza del passato: i relatori di Cambridge e della Sorbona tireranno questo filo che lega lo studio e il diritto a studiare nel suo cammino evolutivo. È forte l impegno del tessuto produttivo veneto e italiano che sbarca al Forum 2010 con personalità, progetti e risorse: da Confindustria a consulenti di primo piano di istituti di credito, dai ricercatori alle as sociazioni, i panel di carattere economico produrranno partnership e progetti spendibili nell immediato futuro. Sulla qualità dei servizi allo studio e l esigenza di ampliarne la portata in linea con gli standard europei si misureranno esperti di innovazione e gestione italiani e stranieri. E, soprattutto, saranno gli stessi ospiti del Forum, a partire dagli studenti, a misurare, assaggiare, toccare, vivere tutto ciò che a Padova può offrire la rete dei servizi allo studio dell Esu. Con un generoso contributo di altre Regioni italiane, saranno allestiti anche stand di degustazione di prodotti tipici regionali che renderanno gradevole ogni pausa tra un convegno e un concerto. Perché, assieme allo sport e alla buona tavola, la musica sarà presente in ogni angolo della città, musica a tutte le ore e per tutti i gusti: dal rock e dal melodic pop delle band giovanili universitarie ai concerti dell Orchestra di Padova e del Veneto, dal barocco che risuonerà in molti angoli e chiese storiche fino al concerto di chiusura al Gran Teatro, con alcuni protagonisti della scena rock. Ci penserà la goliardia, ben radicata anche a Padova, a ricordare ai giovani ospiti quanto sia importante, oltre alla riflessione e all impegno, far festa, farla con quel gusto di dissacrante guasconaggine che, in modo intelligente, ribalta i ruoli e sa sdrammatizzare anche i punti critici. Un forum dei giovani pensato e animato dalle loro associazioni, un appuntamento consegnato a tutta la comunità che studia e che considera lo studio la leva formidabile per fare futuro. Vi aspettiamo e un grazie ai tanti, tantissimi che da tutto il mondo ci stanno dando una mano preziosa. n IL COMITATO ESECUTIVO per approfondire Il 20 maggio si è riunito il Comitato Esecutivo AN- DISU presso l Esu Padova. Tra i punti all ordine del giorno largo spazio è stato dato al Forum Europeo per il Diritto allo Studio. A introdurre l argomento è stato Giorgio Sbrissa, Direttore Generale di Esu Padova, che ha presentato il dossier sul Forum dando rilievo alla campagna di comunicazione: in particolare il titolo dell evento, YoUniverCity, condensa tre concetti che saranno ampiamente sviluppati nel corso del Forum: You = importanza della persona Univer = l università e la persona considerata in tutti i suoi aspetti City = importanza di creare un integrazione tra lo studente e la città ANDISU ha deciso poi di mettere a disposizione euro da destinare ai premi e al rimborso viaggi per i vincitori dei concorsi Total Art 2010 e Esu PD Unimusic Live L Esu Padova metterà a disposizione 160 posti nelle sue strutture per l accoglienza agli studenti fuori sede, mentre ANDISU stanzierà 3200 euro per contribuire alle trasferte degli studenti che vorranno partecipare. Il presidente ECStA (European Council for Student Affairs), Norberto Tonini, ha confermato la disponibilità alla collaborazione e al coinvolgimento dei rappresentanti degli studenti.

7 PRIMO PIANO Borse di studio al Nord e al Sud Il Presidente ANDISU manifesta la preoccupazione circa i contributi nazionali per le borse di studio i cui fondi non riescono a coprire le esigenze di tutti gli studenti aventi diritto, soprattutto al Sud dove le richieste sono maggiori. di Maurizio Natali Un recente articolo pubblicato sul Sole 24 ore lo scorso 7 giugno (di Maria Chiara Voci) ha fotografato una situazione preoccupante, che potrebbe diventare drammatica, per quanto riguarda i contributi nazionali per le borse di studio: a fronte dei 246 milioni stanziati quest anno (cifra raggiunta grazie a un finanziamento aggiuntivo una tantum di 135 milioni), nel 2010 saranno disponibili 100 milioni di euro, che nel 2011 potrebbero scendere addirittura a 76 milioni. Un problema aggiuntivo per l Italia che già risulta in pesante svantaggio rispetto alle medie europee, se si pensa che la spesa per le borse di studio supera il milardo l anno in Francia e Germania, mentre in Italia non arriva nemmeno ai 500 milioni è l enorme sproporzione tra il Nord e il Sud, dove eccettuate alcune regioni riesce a beneficiare della borsa di studio soltanto uno su due studenti aventi diritto: non tutte le regioni, infatti, sono in grado di integrare i fondi nazionali con risorse proprie per garantire la copertura del fabbisogno. Consapevole delle problematiche peculiari del Diritto allo Studio, ANDISU che ad oggi riunisce il 90% degli enti per il Diritto allo Studio italiani si è già fatto portatore di proposte e stimoli durante l audizione sostenuta in Senato lo scorso 16 febbraio e torna a invitare il Ministero dell Istruzione Università e Ricerca a trovare nuove soluzioni che permettano il pieno soddisfacimento dell articolo 34 della nostra Costituzione, garantendo almeno la continuità della erogazione delle borse di studio, così come, peraltro, prevede il DPCM 9 aprile 2001 art. 16 comma 8. n

8 Trasparenza e dialogo con il Bilancio sociale Il professore Marco Grumo, che ha collaborato alla stesura delle linee guida sul Bilancio sociale degli enti non profit dell Agenzia per le Onlus, spiega i benefici del Bilancio sociale per un ente per il Diritto allo Studio. a cura di Maria Villano Marco Grumo è membro dell Academy of Management (USA), del Comitato scientifico di ALTIS Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e membro del comitato scientifico per la stesura delle linee guida sul Bilancio sociale degli enti non profit dell Agenzia per le Onlus (Authority italiana per le aziende non profit). In questa breve intervista spiega il valore che il Bilancio sociale come strumento di misura, di dialogo, ma anche e soprattutto di miglioramento può rivestire per un Ente per il Diritto allo Studio. Quali sono gli aspetti peculiari di un Bilancio sociale che lo differenziano da un Bilancio tradizionale? Il Bilancio sociale esprime tutto ciò che i numeri non possono descrivere: l identità di un azienda, la strategia, il contributo sociale e di missione che l organizzazione offre alla realtà circostante. Oggetto del Bilancio sociale, in definitiva, è l analisi delle relazioni positive che un azienda (o un ente) è stata in grado di instaurare a vantaggio degli utenti finali: relazioni che sono sia interne con il personale che vi opera, sia esterne con tutti i portatori di interesse, dai fruitori dei servizi e dei prodotti offerti a tutti quei soggetti coinvolti nella sua attività. L identità, le relazioni, la missione e il contributo sociale ed economico generato da un organizzazione non possono essere in alcun modo espressi in un Bilancio tradizionale: per instaurare un dialogo con tutti gli Chi è Marco Grumo è membro del comitato scientifico per la stesura delle linee guida sul bilancio sociale degli enti non profit dell Agenzia per le Onlus.

9 NORMATIVE stakeholders il Bilancio sociale è uno strumento fondamentale che proietta in avanti l organizzazione. Perché un Ente per il Diritto allo Studio dovrebbe dotarsi di un Bilancio sociale? Un Ente per il Diritto allo Studio ha una serie di interlocutori cui si trova a dover rendere conto: da una parte, usufruendo anche di risorse pubbliche, deve dar conto del corretto impiego delle stesse; dall altra ogni Ente è inserito sempre in un sistema più ampio, che è quello dell Università e della comunità circostante con cui collabora strettamente. Tutte queste relazioni possono essere efficacemente rappresentate da un Bilancio sociale, che permette inoltre di instaurare una comunicazione trasparente con i diretti fruitori dei servizi offerti: in particolare gli studenti e le loro famiglie, ma non solo. Il Bilancio sociale non è dunque semplicemente uno strumento di rendicontazione, ma un modo per rappresentare ciò che si è fatto attraverso misure critiche di relazione, che permettano all Ente di stabilire anche quali sono gli obiettivi ancora da raggiungere e quali i punti su cui è necessario lavorare per migliorarsi. Che tipo di validità può avere all esterno un bilancio di questo tipo? Il Bilancio sociale è senza dubbio uno strumento di trasparenza che va a vantaggio della credibilità dell organizzazione e dell instaurazione di una costante e proficua relazione di collaborazione con la realtà esterna. Chi decide di intraprendere questo tipo di percorso impegnativo ma utilissimo ha già scartato la strada dell autoreferenzialità e ha deciso di mettersi in un dialogo costruttivo con la realtà esterna per migliorarsi continuamente. Quali possono essere altri effetti positivi creati, anche all interno della stessa azienda, dall esistenza di un Bilancio sociale? Il Bilancio sociale finisce per creare un circolo virtuoso all interno della stessa organizzazione, poiché implica un analisi completa dell azienda, dei suoi valori, della sua strategia e dei risultati raggiunti, favo-

10 rendo una chiarificazione complessiva degli obiettivi e di conseguenza una maggiore consapevolezza da parte di tutti coloro che lavorano al suo interno. La possibilità offerta dal Bilancio sociale di migliorare il proprio sistema di pianificazione e di controllo di gestione è il punto da cui l azienda può ripartire ogni volta, stabilendo via via nuovi obiettivi e risolvendo gli eventuali punti critici a favore dei destinatari ultimi delle attività. Quali punti di riferimento può trovare un Ente per il Diritto allo Studio che decida di intraprendere il percorso del Bilancio sociale? È attualmente disponibile la pubblicazione Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit, un voume che contiene le linee stilate dall Agenzia per le Onlus in collaborazione con Altis (Alta Scuola Impresa e Società dell Università Cattolica del Sacro Cuore) che costituiscono attualmente il riferimento più moderno a livello italiano. Manca ancora la scheda dedicata agli Enti per il Diritto allo Studio, per la redazione della quale un modello significativo potrà essere proprio il Bilancio di missione pubblicato da EDUCatt Università Cattolica di Milano, che è di fatto il primo Ente per il Diritto allo Studio italiano a basarsi sulle Linee Guida per la compilazione, rispettandole peraltro al livello massimo possibile (livello A+). n Per saperne di più Per maggiori informazioni sulle Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit vai su www. agenziaperleonlus.it

11 DALLE SEDI EDUCatt: più libri per tutti Lanciato a Milano il primo bookcrossing universitario, nato dalla collaborazione di EDUCatt con la Biblioteca dell Università Cattolica di Milano e la partnership con il Salone del Libro, Radio Rai e la Cattedra del Laboratorio di Editoria. di Velania La Mendola Per la prima volta viene presentata al Salone Internazionale del libro di Torino la serie dei Quaderni nata dal Laboratorio di editoria dell Università Cattolica che trova i suoi argomenti nel mondo dell editoria letteraria: partendo dalla sperimentazione in aula, ciascun volume è il frutto di una vera e propria officina editoriale, un piccolo laboratorio artigiano che ha consentito, nel corso dei dieci numeri che compongono ad oggi la collana, un esperienza di progettazione e cura editoriale a giovani e appassionati studenti. Tra i titoli dei Quaderni del Laboratorio di editoria Libri e scrittori di via Biancamano. Casi editoriali in 75 anni di Einaudi (EDUCatt, Milano 2009), una raccolta di saggi che ruota attorno agli autori e al catalogo dello Struzzo, il regno del principe dell editoria Giulio Einaudi, la cui figura è stata ricordata nella sala rossa del Lingotto il 14 maggio attraverso la voce di protagonisti del mondo einaudiano di ieri e di oggi: Ernesto Ferrero, direttore del Salone, Guido Davico Bonino, Mauro Bersani, Giovanni Tesio e l attesissimo Sebastiano Vassalli, davanti una platea di circa 350 persone, studenti, appassionati, ed anche l attuale presidente della casa editrice torinese Roberto Cerati. Un dibattito ricco e vivace, che prendendo avvio dagli studi condotti sulle carte d Archivio Einaudi e pubblicati nel volume, ha fornito diversi spunti di discussione ed anche qualche polemica, in particolare quella scatenata da Davico Bonino per la stoccata tirata a In alto Maria Grazia Mazzitelli, direttrice editoriale della Salani, mentre firma una copia di Harry Potter, il primo libro liberato nel bookcrossing.

12 Gian Arturo Ferrari, ex direttore della Mondadori Libri, che ha dichiarato che «il libro buono è quello che si vende» e a cui Davico ha risposto con la citazione di Thomas Fuller usata da Carlo Carena nella presentazione al volume: «La cultura ha guadagnato più che tutto i libri da cui gli stampatori hanno perso», polemica che è continuata sui quotidiani nazionali. L ultimo numero della collana, invece, Non è un caso che sia successo. Storie editoriali di best seller è stato presentato il 12 maggio in Università Cattolica, durante la lezione aperta del Laboratorio di editoria con ospite la direttrice editoriale della Salani, Maria Grazia Mazzitelli, madrina tra l altro del primo bookcrossing universitario italiano promosso dalla Biblioteca d Ateneo con EDUCatt e dal titolo Sosteniamo la lettura, avviato nell occasione e che continuerà nei prossimi mesi. L iniziativa è nata in collegamento con la giornata nazionale della lettura del 23 maggio e ha infatti ricevuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Presenti all evento anche altri ospiti d eccezione, come la scrittice Marta Moraz- Le foto di Sosteniamo la lettura Bookcrossing in Università Cattolica sono di Andrea Aschedamini (www.andreaaschedamini.com), partner dell iniziativa. In alto a sinistra i libri della collana Quaderni del Laboratorio di editoria presentati alla Fiera del Libro di Torino. In basso a sinistra una delle cartoline per le richieste di lettura degli studenti. Nell altra pagina, in alto a destra un momento dell inaugurazione del bookcrossing durante la lezione aperta del Laboratorio di editoria del prof. Roberto Cicala.

13 DALLE SEDI zoni, lo storico di editoria Gian Carlo Ferretti, l ex editor della Bompiani e attuale editore della Sylvestre Bonnard Vittorio Di Giuro, decano del mestiere e famoso per le sue imprese editoriali. Più di 900 i titoli liberati grazie alle donazioni delle case editrici, dei professori e degli studenti. Più di 800 i titoli raccolti e il numero è in crescita per le donazioni che continuano ad arrivare. Per sostenere la lettura valga allora l esortazione del prof. Roberto Cicala, docente della Cattedra di Editoria e moderatore dell incontro, che riferendosi ai genitori della Matilde di Dahl scrive: «Quando la bambina chiede di poter fare letture più interessanti dopo aver imparato a memoria tutte le ricette dell unico libro trovato in casa, un manuale di cucina, le viene risposto: Diavolo, ma cosa non va con la tele? Abbiamo una stupenda tele a venticinque pollici e vieni a chiederci un libro! Sei viziata ragazza mia! Ragazzi, viziatevi con i libri!» n BOOKCROSSING IN CIFRE * Il bookcrossing prevede la messa in circolo gratuita di libri per tutti, con la possibilità di donare e far leggere ad altri lettori il nostro romanzo preferito. L iniziativa Sosteniamo la lettura promossa da EDUCatt, ispirata alla giornata nazionale della lettura inaugurata il 23 maggio, ha ricevuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri 937 i volumi liberati ad oggi e reperibili nei punti bookcrossing messi a disposizione dall Università a da EDUCatt più di 800 i titoli a disposizione dalla A di Ammaniti alla Z di Zivkovic 8 i punti di distribuzione e messa in circolo gratuita dei libri (mense, collegi, biblioteche d ateneo, librario EDUCatt) 29 le case editrici che hanno aderito all iniziativa donando generosamente molti dei volumi messi in circolo, tra novità e grandi classici. Tra gli altri: Adelphi, Alcyone, Archinto, Alet, Amatea, Bompiani, Castelvecchi, Cives Universi, Edizioni e/o, Fazi editore, Fernandel, Giunti editore, Grandi&Associati, Guanda, Iperborea, Interlinea, Marcos y Marcos, Marsilio, Mondadori, Neri Pozza Editore, Ponte alle Grazie, RCS libri, Salani, Sellerio, Tea, Vita&Pensiero 5000 le car to li - ne/segnalibro per depositare le richieste di lettura: una possibilità per gli studenti di esprimere i propri desideri e suggerire i volumi da acquistare * L elenco aggiornato dei titoli liberati e messi in circolo, insieme a tutte le altre informazioni specifiche riguardanti l iniziativa, è disponibile su

14 Università e Regione insieme per il DSU Intervista a Giovanni di Pilato, direttore dell Ardsu Basilicata, azienda che si occupa della gestione del Diritto allo Studio a livello regionale. Ne emerge l immagine di un Ente che ha voglia di migliorarsi facendo sistema. La Basilicata, come molte altre regioni italiane, ha una gestione regionale dei servizi per il Diritto allo Studio: quali sono le peculiarità del DSU in Basilicata? La Basilicata con varie leggi regionali ha normato la materia istituendo questo ente. Per quanto siano evidenti incongruenze e carenze, può considerarsi ancora in fase di definizione ed assestamento una precisa programmazione in materia, innanzitutto individuando risorse finanziarie e organizzative adeguate alla mission. Vi sono premesse che fanno ben sperare per il futuro, a cominciare da una concreta attenzione della Regione nei confronti della nostra giovane Università, pesantemente penalizzata dai tagli nazionali. I consistenti sostegni finanziari regionali (che il Governatore De Filippo con coraggio intende anche rafforzare) lasciano presupporre che, dopo aver supportato l offerta di formazione, si vorrà rafforzare e ottimizzare anche la domanda, in grandissima parte lucana, attraverso una riconsiderazione e un potenziamento delle politiche del Diritto allo Studio. Nonostante le attuali criticità, tuttavia, con orgoglio posso affermare che risula cura di Maria Villano Giovanni Di Pilato, direttore dell Ardsu Basilicata, ci ha concesso questa intervista, in cui spiega le peculiarità del Diritto allo Studio gestito dalla Regione Basilicata, i suoi punti di forza e gli obiettivi che con costanza e volontà si stanno perseguendo nonostante le difficoltà. tati molto positivi si stanno raggiungendo, a cominciare dall aver erogato in questi ultimi 3 anni accademici le borse di studio al 100% degli studenti idonei. È un risultato tutt altro che scontato, visto anche il trend regressivo degli anni precedenti. Ma molto, onestamente, dobbiamo ancora fare e speriamo di avere l opportunità di continuare a impegnarci. In che modi e con quali strumenti la Regione Basilicata coordina e gestisce le attività per il Diritto allo Studio? L art. 4 della L.R. 11/1997 ha istituito la Conferenza Regione-Università, ma con compiti essenzialmente consultivi e di raccordo: pur dovendosi riunire almeno 3 volte l anno, solo a gennaio scorso, quindi a fine legislatura regionale, è stata convocata; un apposito gruppo di lavoro (costituito da tecnici della stessa Regione, dell Università di Basilicata, da rappresentanti degli studenti e dal sottoscritto) ha analiticamente individuato una molteplicità di possibili nuove iniziative indicando puntualmente anche l occorrente fabbisogno finanziario aggiuntivo. Ho ragione di credere che a breve non mancherà una traduzione operativa di tali orientamenti. Sulla base dell esperienza che ho maturato in questi 2 anni, anche grazie alle occasioni di confronto promosse da ANDISU ed esaminando le leggi delle altre regioni, credo vada rafforzato in Basilicata il momento della programmazione (ovvero dell indicazione in Chi è Giovanni Di Pilato è direttore dell Ardsu Basilicata.

15 INTERVISTA un tempo dato delle azioni considerate prioritarie) legando più direttamente a essa la individuazione delle risorse occorrenti: slegare questi due momenti significa fare quel che si può con le risorse assegnate, la qual cosa crea alla fine insoddisfazione di tutti gli attori coinvolti: amministratori regionali, studenti ed asset dell Ardsu. Ovviamente è benvenuto ogni controllo che, anzi, potrebbe non limitarsi al solo pur doveroso aspetto formale, ma anche alla capacità (in gran parte gestionale) di utilizzare al meglio le risorse assegnate. In tal senso va potenziata una cultura della gestione che, di per sé, esalta la dimensione politica e ottimizza l uso delle risorse. Ci sono anche, a Suo parere, degli aspetti meno vantaggiosi rispetto alla soluzione di gestione non Regionale adottata da altre regioni italiane? La soluzione non regionale adottata da qualche altra regione a mio parere risponde ad esigenze diverse da quelle della Basilicata. I fatti indicano che una soluzione satellitare alle università è concepibile quantomeno in realtà con più strutture accademiche (in Basilicata ve ne è solo una e con non pochi problemi finanziari di suo) con una storia solida alle spalle e una corposa struttura. Nella nostra regione non sarebbe concepibile e, comunque, non risolverebbe i problemi esistenti: resterebbe infatti immutata sia la criticità di personale dedicato che quella delle risorse finanziarie. Una struttura dedicata come l Ardsu, magari con un diverso assett istituzionale e operativo, credo possa meglio rispondere alle attese di un utenza così diffusa e, peraltro, in costante crescita. Peraltro la crescente regionalizzazione degli interventi rende ancor più strategico il ruolo di ANDISU nel consentire un confronto diretto tra enti che tendono ine - lut tabilmente a parcellizzare la propria esperienza rivolta essenzialmente a rispon - dere alle specifiche esigenze del territorio di ciascuno: ma fare sistema è quantomai opportuno per diffondere le best practices, per individuare standard di qualità dei servizi resi (e dei costi sostenuti), cui ognuno di noi può fare riferimento in una logica pro - positiva di benchmarking. Come è affrontato dall Ente per il Diritto allo Studio della Basilicata il problema dell orientamento al lavoro per gli studenti? Pur considerando rilevante l azione degli Enti per il Diritto allo Studio universitario devo evidenziare che da oltre un anno l unico funzionario addetto alle attività di orientamento è in pensione: non essendo stato sostituito, nonostante segnalazioni e solleciti di ogni genere, non siamo in condizione, spero ancora per poco, di svolgere una mirata e doverosa iniziativa. Al momento, comunque, stiamo rafforzando in una logica di sistema e con ogni possibile economia di scala tutte le possibili forme di collaborazione con l Università di Basilicata: non è il massimo, non è quel che ci si aspetta ma, con un forte e costante orientamento all utente, crediamo in ciò e forniamo ogni possibile supporto. n

16 Eventi dalle sedi TRIESTE UNA DOCU-FICTION SUI SERVIZI PER GLI STUDENTI a cura di Velania La Mendola Èstato proiettato il 30 marzo al cinema Ariston, durante la rassegna FilMakers, The room-mate: study and fun in Trieste, un documentario tra film, informazione e promozione. Il cortometraggio è stato presentato dall Assessore del Comune di Trieste Giorgio Rossi oltre che dai registi Diego Cenetiempo e Andrea Magnani. Realizzato dall Associazione 040, il corto racconta le avventure e le disavventure di tre ragazzi che hanno scelto Trieste per studiare e fare ricerca: una studentessa inglese, Nathalie, giunta in città con il programma Erasmus; Andrea, uno studente di chimica eternamente fuori corso e Mef, un ricercatore camerunese dell Ictp. I tre si ritrovano a condividere l appartamento sullo sfondo della Trieste di Joyce tra studio e divertimento. The room-mate: study and fun in Trieste è stato realizzato nell'ambito del progetto Sostegno per la creazione ed il potenziamento di servizi rivolti agli studenti nelle Città sedi di Università a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù in collaborazione con l ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani. L iniziativa Trieste città universitaria senza confini portata avanti dal Comune di Trieste in collaborazione con l Università di Trieste, la Sissa, l Erdisu, l Ictp e con il contributo della Fondazione CRTrieste e delle Assicurazioni Generali, è volta al potenziamento del ruolo di Trieste Città Universitaria e Trieste Città della Scienza. CERNOBBIO UNIVERSITÀ E LAVORO: UN FORUM PER CREARE NUOVE OCCASIONI ACernobbio, dal 23 al 25 settembre, avrà luogo la quarta edizione del BIP Forum. Il progetto BIP Borsa dell Innovazione e del Placement nasce nel 2007 da un idea semplice, ma al tempo stesso rivoluzionaria: creare un punto d incontro tra i diversi attori del mondo dello studio, della formazione e dell impresa. Il Forum è ormai divenuto una tappa fissa per gli operatori del placement delle università (italiane ed estere) e del campus recruiting delle aziende. Per il 2010, inoltre, l idea di fondo è quella di ampliare ulteriormente il network del Forum a tutti i soggetti pubblici che sono interessati alle politiche attive del lavoro, con particolare riferimento al passaggio tra mondo dello studio e mondo del lavoro: l obiettivo è di favorire uno scambio di esperienze e buone prassi tra realtà omogenee e, soprattutto, di sviluppare delle interazioni per creare dei progetti condivisi.

17 EVENTI MILANO IN MENSA A MERENDA di Carmela Pierini Uno dei principali obiettivi di EDU- Catt è creare strumenti che possano aiutare gli studenti nel loro percorso formativo, offrendo occasioni per migliorare la vita universitaria del singolo. In tale direzione si inserisce l iniziativa In mensa a merenda, elaborata per supportare lo studio pomeridiano degli studenti con un gustoso spuntino. La mensa aperta al pomeriggio, come luogo dove non consumare solo il pranzo e la cena, ma aggregrasi, socializzare, e perché no, anche studiare. L idea è quella di riutilizzare gli spazi a disposizione dell Ente per il Diritto allo Studio, reinventando, di volta in volta e a seconda delle esigenze espresse, luoghi e modalità di impiego. I due appuntamenti organizzati sino ad ora, il 27 aprile e il 5 maggio, hanno permesso agli utenti di percepire l intento di rinnovamento voluto da EDUCatt. La possibilità di studiare in uno spazio ampio e luminoso come quello del servizio ristorativo alternando ad esso una pausa in compagnia, anche grazie alla collaborazione di LatBri e Pepsi, è stata accolta con grande entusiasmo: numerosi gli studenti che hanno partecipato all evento riempiendo di vitalità, chiacchiere e studio gli ambienti a loro disposizione. Il carattere sperimentale dell evento ha consentito di raccogliere svariati spunti e suggerimenti per apportare variazioni in linea con la volontà espressa dagli studenti, in modo da estendere anche ad altri periodi dell anno accademico l apertura straordina- ria degli spazi ristorativi, il tutto sempre in risposta alla volontà di interazione e comunicazione continua, che EDUCatt estende al suo primario oggetto di interesse: lo studente. VENEZIA PORTE APERTE ALL ESTATE a cura di Velania La Mendola Anche quest anno l Esu Venezia apre le porte delle proprie residenze per studenti e studiosi che intendono soggiornare nella città, meta di turisti da tutto il mondo soprattutto nei mesi estivi, a prezzi modici. Il servizio è offerto dal 16 luglio al 12 settembre. Le residenze si trovano nelle vicinanze dei maggiori punti d interesse, Piazza S. Marco, Biennale, Lido, e offrono diversi servizi. Si può comodamente prenotare on line attraverso il link (booking online) relativo alla residenza prescelta, che ne verifica la disponibilità e procede alla prenotazione. Un occasione per conoscere e scoprire una città a misura di studente. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell Esu Venezia.

18 PUGLIA UNA GUIDA PER ORIENTARE GLI STUDENTI da edisuniversita.ba.it Regionale per il Diritto allo Studio, Adisu Puglia, ha provveduto a stampare un opuscolo di L Agenzia orientamento per i giovani che, finite le superiori, devono affrontare la scelta della Facoltà universitaria cui iscriversi. L opuscolo fornisce informazioni utili su tutte le attività che l Adisu promuove a favore degli studenti, soprattutto di coloro i quali necessitano di un sostegno economico: dall assegnazione di borse di studio ai servizi di alloggio e mensa, dai contributi per i trasporti al servizio prestito libri. Nella pubblicazione, in collaborazione e con il sostegno dell assessorato regionale al Diritto allo Studio, si trovano anche le indicazioni generali sul sistema universitario pugliese, le caratteristiche delle singole Università, le Facoltà e i corsi di laurea ospitati, la collocazione di sedi esterne e ogni altra azione utile. L opuscolo, stampato in 25 mila copie, verrà distribuito in tutte le sedi universitarie, attraverso le segreterie, nelle sedi Adisu, negli alloggi universitari e in ogni altra sede possibile. La novità di quest anno sono i gazebo allestiti nelle principali vie e piazze delle città sedi universitarie, nei quali, oltre al materiale illustrativo, sarà possibile acquisire ogni altra informazione utile. In particolare a Lecce il 22 giugno è stato allestito uno spazio di socializzazione dei materiali dell Adisu Puglia. Saranno messi a disposizione anche pieghevoli illustrativi dei servizi offerti dalla sede di Lecce dell Agenzia regionale per il Diritto allo Studio universitario. Il 23 giugno l iniziativa si è spostata presso le Officine Cantelmo, nell Open Space presso il quale l Adisu di Lecce nei mesi di giugno, luglio e settembre, offrirà servizi di sportello per la presentazione delle domande di Borsa di Studio e posto alloggio per l Anno Accademico 2010/2011. Sarà presente, con i propri servizi, anche la Banca Unicredit che illustrerà agli studenti interessati le opportunità offerte con la Genius Card che i vincitori di Borsa di Studio possono attivare per fruire, in maniera più immediata e diffusa, degli accrediti dei fondi regionali e per un utilizzo più agevole della linea di credito. Scrivici Le notizie sono selezionate dalla redazione di Articolo 34. Per inviare news su eventi o iniziative legate al Diritto allo Studio contattateci all indirizzo

19 Scaffale M. Oggero, Orgoglio di classe, Bompiani, Milano 2009, 192 pp., 12. Il libro è un invito e un incoraggiamento per tutti coloro che, a diverso titolo, fanno parte del mondo della scuola e dell istruzione; un mondo attualmente vittima di una pesante crisi, dalla quale si può uscire solo con buona volontà e fiducia nella cultura. L autrice, passando in rassegna con buon senso e ironia tutti i gradi di scuola dalle elementari all università lancia un messaggio forte a docenti, alunni, genitori e, non da ultimi, ai politici per ritrovare la fierezza, l efficienza, l intelligenza di una scuola che rivendichi con forza il proprio ruolo educativo. «Il tempo della scuola secondo la Oggero è e non deve cessare di essere un tempo pieno di cose, di nozioni da insegnare e imparare e di rapporti umani da far crescere, di maturità da conquistare; un tempo che è il più grande investimento che la nostra società possa fare su se stessa, un tempo sul quale non ci possono essere tagli e risparmi: perché gli studenti di oggi sono il Paese del futuro, e rendere la vita migliore a loro, ai loro genitori, ai loro insegnanti può contribuire all aumento della natalità e alla diffusione di valori condivisi. Contro l opinione largamente condivisa che il sapere non conti, perché non regala soldi facili o visibilità mediatica, i docenti devono recuperare l orgoglio di ciò che sono, di ciò che amano, della professione che hanno scelto.[...] (Sebbene io abbia smesso di insegnare da parecchi anni, non me ne sento ancora fuori, e l orgoglio della professione, che è una tra le più belle e gratificanti, continuo a provarlo)». In Italia la diffusione del Bilancio sociale che è la certificazione di un profilo etico, la valorizzazione di una cultura e la legittimazione in termini strutturali e soprattutto morali agli occhi della comunità è un fenomeno relativamente recente, che oggi comincia ad assumere dimensioni significative coinvolgendo tutte le tipologie di organizzazioni (imprese for profit, enti pubblici, organizzazioni non profit). Il tema del Bilancio sociale raccoglie infatti sempre maggiore attenzione fra gli operatori economici delle aree più sviluppate del Paese e si avvia a superare la prima fase di sperimentazione. Il presente volume si focalizza sulla preparazione del Bilancio sociale nelle imprese for profit, con riferimento alle quali l analisi è articolata come segue: anzitutto si definiscono i concetti di stakeholder, CSR (Corporate Social Responsibility) e strumenti per la sua gestione, le esigenze informative dei soggetti in parola e la risposta che il Bilancio sociale può dare in questa direzione. Si analizza poi la struttura e il contenuto del Bilancio sociale, evidenziando gli standard di riferimento per la sua stesura. Infine si esamina un campione di società italiane quotate presso la Borsa valori di Milano, sia allo scopo di compararne le caratteristiche formali, sia per analizzare le informazioni trasmesse agli stakeholders e le modalità del loro coinvolgimento. Per le sue caratteristiche teoriche ed empiriche, il volume può senz altro essere utile per gli studiosi, a vario titolo, della materia, nonché per i professionisti che si trovino a dovere affrontare dal punto di vista pratico le tematiche e problematiche inerenti il Bilancio sociale. S. Fossati, L. Luoni, P. Tettamanzi, Il bilancio sociale e la comunicazione con gli stakeholder, Pearson Education Italia, 2009, IX-195 pp., 24.

20 Articolo 34 Periodico trimestrale dell Associazione nazionale degli organismi per il diritto allo studio universitario

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO #IOLEGGOPERCHÉ 2016 IL PROGETTO, LA DINAMICA, GLI ATTORI UNA NUOVA MISSIONE PER I MESSAGGERI DELLA LETTURA: SVILUPPARE E RILANCIARE LE BIBLIOTECHE SCOLASTICHE

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013

PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013 ASSEMBLEA 26 OTTOBRE 2012 PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013 PROGRAMMA GENERALE ALSOB 1. Start-up a) Tesseramento soci Con l evento Laureati Eccellenti si apre l opportunità per i soci

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N. V II/2 ffebb rra io i 2011 I N D I C E F O C U S Concluso il ciclo di formazione per imprenditori

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N. V/5 maggio i 2010 I N D I C E F O C U S Punto di Contatto Nazionale OCSE, Disponibili sul sito due

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N. V II/7 -- lugl l io i 2011 I N D I C E F O C U S La Carta Valori di Trevisosystem segnalata al concorso

Dettagli

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico DIRITTO DI STAMPA 61 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Questio: l innovazione a portata di mano delle piccole e medie imprese

Questio: l innovazione a portata di mano delle piccole e medie imprese CONFRONTI 3/2012 117 Questio: l innovazione a portata di mano delle piccole e medie imprese Anche in Lombardia, che pure è una Regione tra le più innovatrici in Italia, nel campo della ricerca e dell innovazione

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA

AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA RINA LATU Sabato 17 Ottobre 2015 PALERMO CHI SIAMO Principali attività svolte da AVIS su tutto il territorio nazionale

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA A regola d ARTE Manuale di lavoro RENA Che cos è RENA? Intelligenza collettiva al servizio dell Italia La Rete per l eccellenza nazionale (RENA) è un associazione indipendente e plurale, animata da giovani

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali COS È Il tempo per noi nasce da una riflessione attorno alla crescente influenza che i nuovi strumenti di comunicazione hanno nella vita di ciascuno di noi, nel cambiamento di abitudini e comportamenti

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

Governare il cambiamento per creare valore condiviso

Governare il cambiamento per creare valore condiviso ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Percorsi formativi per una nuova Pubblica Amministrazione Governare il cambiamento per creare valore condiviso Corsi settembre - dicembre 2012: 1. Il nuovo governo locale

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA

OSSERVATORIO ECO-MEDIA OSSERVATORIO ECO-MEDIA Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO.

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO. EMILIA-ROMAGNA Documento definitivo, 09 ottobre 2014 Indice 1. La valutazione

Dettagli

PROGRAMMA. Tematica: LA SCRITTURA, STRUMENTO INDISPENSABILE DI EVOLUZIONE E CIVILTA

PROGRAMMA. Tematica: LA SCRITTURA, STRUMENTO INDISPENSABILE DI EVOLUZIONE E CIVILTA PROGRAMMA Tematica: LA SCRITTURA, STRUMENTO INDISPENSABILE DI EVOLUZIONE E CIVILTA Durata: da ottobre 2011 a maggio 2012, per complessive n. 80 ore di formazione suddivise in tre sessioni (24 ore in presenza

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

La povertà in Italia

La povertà in Italia La povertà in Italia Nell Italia di oggi non mancano i motivi per occuparsi della povertà. L 8% delle persone residenti nel nostro paese, infatti, vive in povertà assoluta (dato 2012) mentre nel 2005 erano

Dettagli

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA Il programma può subire delle variazioni, si consiglia pertanto di consultare periodicamente il sito www.orientasud.it MARTEDI

Dettagli

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI.

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Agli Studenti Unione degli Universitari UDU Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Gentili Studenti di UDU, come sapete, abbiamo iniziato già da qualche tempo

Dettagli

La gestione integrata dei rischi aziendali

La gestione integrata dei rischi aziendali Facoltà di SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE La gestione integrata dei rischi aziendali Strumento competitivo e a supporto della valutazione del merito creditizio Master Universitario di secondo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

[ crescere insieme per guardare lontano.] " Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005"

[ crescere insieme per guardare lontano.]  Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005 Studio Panato: Bilancio sociale 2005 [ crescere insieme per guardare lontano.] " Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005" Questo documento vuole essere: una breve analisi,

Dettagli

Roma 2015. Rassegna Stampa. VII edizione

Roma 2015. Rassegna Stampa. VII edizione Roma 2015 Rassegna Stampa VII edizione Nel mondo che cambia sempre più velocemente cercando con fatica di riprendersi dalla crisi, aumentano le sfide, la paura, le incertezze. La domanda che da sempre

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS Anno di costituzione: 1982 VIA FOLIGNO, 95-10149 TORINO TELEFONO 011.4533000 FAX 011.4530238 E-mail: andrea.torra@iol.it Persona da contattare: Andrea

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Silvia Trampetti. il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta

Silvia Trampetti. il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta Silvia Trampetti il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta Riflessioni e idee per l inclusione finanziaria di studenti universitari meritevoli Prefazione a cura del Prof. Dott. G.

Dettagli

PROGETTI SCUOLA MEDIA

PROGETTI SCUOLA MEDIA PROGETTI SCUOLA MEDIA Ad ampliamento delle attività curriculari vengono proposti progetti che si collocano in un ottica di continuum rispetto alla normale programmazione e che vanno ad ampliare ulteriormente

Dettagli

IL MARCHIO COLLETTIVO PER LA QUALITA E L ECCELLENZA DELLE SCUOLE S.A.P.E.R.I.

IL MARCHIO COLLETTIVO PER LA QUALITA E L ECCELLENZA DELLE SCUOLE S.A.P.E.R.I. IL MARCHIO COLLETTIVO PER LA QUALITA E L ECCELLENZA DELLE SCUOLE S.A.P.E.R.I. FRANCESCO de SANCTIS Direttore Generale USR Piemonte La Direzione Generale dell Ufficio Scolastico Regionale ha sostenuto la

Dettagli

CRISPINO DI GIROLAMO UN EDITORE IN ASCESA

CRISPINO DI GIROLAMO UN EDITORE IN ASCESA CRISPINO DI GIROLAMO UN EDITORE IN ASCESA Nello scorso mese di ottobre la Casa editrice trapanese Il Pozzo di Giacobbe ha avuto il suo battesimo internazionale alla Fiera di Francoforte 2012. Su una realtà

Dettagli

Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani

Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani Il mondo è davvero pieno di pericoli, e vi sono molti posti oscuri; ma si trovano ancora delle cose belle, e nonostante che l'amore sia ovunque mescolato

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B.

FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. Allegato 1.1) FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA ENTI LOCALI (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) SOGGETTO RICHIEDENTE Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

PORTALE ITALIA.GOV: i servizi e la sezione di formazione online Finsiel - Marcella Anna Pignatiello

PORTALE ITALIA.GOV: i servizi e la sezione di formazione online Finsiel - Marcella Anna Pignatiello PORTALE ITALIA.GOV: i servizi e la sezione di formazione online Finsiel - Marcella Anna Pignatiello Abstract 2.000 pagine di contenuti tra Guide ed Eventi 7.000 link a pagine di siti istituzionali 1.000

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: GIOVANI INFORMATI 7 SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia L Osservatorio Socialis L Osservatorio Socialis è un cantiere di promozione

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati,

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati, EDITORIALE FRANCESCO CATERINI Gentili Associati, si è appena concluso un altro anno denso di avvenimenti per l Associazione e in particolar modo per me che festeggio il primo anno in qualità di Presidente.

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

Dati e Progetti INTRODUZIONE

Dati e Progetti INTRODUZIONE INTRODUZIONE Obiettivo di questa sezione è mettere in evidenza i dati aggregati di tutte le voci rilevanti per descrivere le molteplici attività dei Collegi. Si è scelto di presentarle secondo la ripartizione

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012 PER LO SVILUPPO DI UN WELFARE EDUCATIVO P r e m e s s a Da tempo si avverte l esigenza di riprendere una riflessione condivisa intorno al concetto fondamentale di impegno della comunità e delle istituzioni

Dettagli

1 di 6 07/10/2012 12.45

1 di 6 07/10/2012 12.45 1 di 6 07/10/2012 12.45 cerca nel sito... - cerca per Comune - Cerca con Google Sei il visitatore n 80.558.433 Il primo giornale online della provincia di Lecco redazione@merateonline.it per la tua pubblicità

Dettagli

La casa sull albero. Donare voci Una carta del lettore volontario

La casa sull albero. Donare voci Una carta del lettore volontario La casa sull albero Donare voci Una carta del lettore volontario La casa sull albero Donare voci Una carta del lettore volontario Iniziativa REGIONE DEL VENETO Assessorato alla Cultura Direzione Beni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 2. SINTESI... 8 3. QUADRO DI RIFERIMENTO... 10 3.1 Influenzatori del contesto... 11 3.2 Attori sociali...

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO 1. CHI SIAMO? 2. COME RAGGIUNGERCI? 3. COSA SONO I DIPARTIMENTI? 4. COS È L ORIENTAMENTO IN INGRESSO? 5. COSA SONO I C.F.U.? 6. COSA SONO I CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA

ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA Acli Action Aid Anci Azione Cattolica Caritas Italiana CGIL CISL UIL Cnca Comunità di S. Egidio Confcooperative CONFERENZA STATO- REGIONI Conferenza delle Regioni e

Dettagli

XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA MARTEDI 29 OTTOBRE H 9.00 10.45 SALA DIONE Cerimonia inaugurale Il futuro dei giovani nell agenda politica Disoccupati, precari,

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica:

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 LA CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA PROPONE PER LA SEDE DI VICENZA PRESENZA DONNA IL PROGETTO E.SO.DO. 2015 Settore ed area di intervento

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

MASTER CLASS. Scholè < tempo della libertà e della identità>

MASTER CLASS. Scholè < tempo della libertà e della identità> MASTER CLASS Scholè < tempo della libertà e della identità> < Progetto di socializzazione multietnica attraverso al musica > Perugia, gennaio 2014 Logo Università per Stranieri Accademia di Belle Arti

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Comunicarsi al mercato

Comunicarsi al mercato FINANCE Comunicarsi al mercato Le strategie per avere più credito Le imprese e la comunicazione economica: tecniche e strumenti - Far crescere la propria reputazione nel mondo bancario e finanziario -

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO GUGLIELMO MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA

ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA COMUNE DI POLIA Provincia di Vibo Valentia Piazza Dott. Pasquale Pizzonia Tel/fax 0963.321091 comunepolia@libero.it comune@comune.polia.vv.it www.comune.polia.vv.it ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Dettagli

Uno schermo a Mirafiori

Uno schermo a Mirafiori Uno schermo a Mirafiori BANDO SECONDA EDIZIONE 2015 CINEMA ALL APERTO ALLA CASA NEL PARCO COLONNETTI BANDO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI UNA PROPOSTA CURATORIALE FINALIZZATA ALLA REALIZZAZIONE DI UNA RASSEGNA

Dettagli

Benvenuti. Da chi è condotto questo programma DAL PRINCIPIO. Strade in Transizione" 1.1 Introduzione

Benvenuti. Da chi è condotto questo programma DAL PRINCIPIO. Strade in Transizione 1.1 Introduzione 1. Introduzione 1 Strade in Transizione 1.1 Introduzione DAL PRINCIPIO Benvenuti State per imbarcarvi nel vostro viaggio verso uno stile di vita a basso consumo energetico. Questo vi aiuterà a risparmiare,

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

Una sfida possibile. Insieme, per una nuova idea di futuro.

Una sfida possibile. Insieme, per una nuova idea di futuro. Una sfida possibile. Insieme, per una nuova idea di futuro. Campagna di raccolta fondi 2015-2020. C è un idea di futuro in cui riconoscersi? Investire nei giovani: la nostra idea di futuro. Vi chiediamo

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

Bilancio Sociale 2014

Bilancio Sociale 2014 Attività di promozione e sviluppo del sistema AIC Bilancio sociale 2014 Associazione Italiana Celiachia 3 16 3 ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA AIC 3.1 COORDINAMENTO ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

Dettagli

Competenze e impiegabilità

Competenze e impiegabilità Intervento del Vicepresidente di Confindustria Ivanhoe Lo Bello 11 marzo 2014, Presentazione test TECO_ANVUR Competenze e impiegabilità Le competenze sono la chiave per lo sviluppo industriale del nostro

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Attività Culturali e Spettacolo Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA P.O.F.

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA P.O.F. ISTITUTO COMPRENSIVO VIA VOLSINIO Via Volsinio, 23-25 - 00199 Roma Tel./Fax 06/8546344 E-MAIL: rmic8d900r@istruzione.it PEC: rmic8d900r@pec.istruzione.it SITO WEB: www.istitutoviavolsinio.it PIANO dell

Dettagli

X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007

X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007 Con il patrocinio di ANCI Signor Sindaco Milano, 20 marzo 2007 La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha indetto le X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007 Siamo

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile EARTH e le organizzazioni firmatarie invitano le istituzioni europee a dare avvio a uno studio su scala

Dettagli

Indagine sulle nuove tecnologie nelle scuole secondarie di secondo grado di Milano e provincia

Indagine sulle nuove tecnologie nelle scuole secondarie di secondo grado di Milano e provincia Istituto di ricerca della Provincia di Milano e dell Unione delle Province d Italia Indagine sulle nuove tecnologie nelle scuole secondarie di secondo grado di Milano e provincia Promossa da Cisem e Provincia

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

Inventare il Futuro Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Inventare il Futuro Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Inventare il Futuro Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Inventare il Futuro è un progetto APQ multiazione che ha come obiettivo fondamentale il coinvolgimento e il protagonismo

Dettagli