Per i giornalisti / Dossier e speciali / Donne, lavorare in sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per i giornalisti / Dossier e speciali / Donne, lavorare in sicurezza"

Transcript

1 TAVOLA : DONNE E LAVORO Dati Istat/Inail Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Popolazione Popolazione di 15 anni e oltre ,9 Occupati (Media 2012) ,3 Infortuni sul lavoro - Agricoltura, Industria e servizi, Dip. Conto Stato Infortuni denunciati in complesso ,3 di cui casi mortali ,8 - Settore navigazione Infortuni denunciati in complesso ,0 di cui casi mortali In complesso Infortuni denunciati in complesso ,3 di cui casi mortali ,8 Fonti: popolazione e occupazione: ISTAT; infortuni sul lavoro: INAIL, archivi Banca Dati Statistica aggiornata al In Italia le donne rappresentano il 51,9% della popolazione in età lavorativa (oltre i 15 anni) e il 41,3% del totale occupati, e sono concentrate prevalentemente nel Centro-Nord. Nel 2012 le lavoratrici sono aumentate di 110mila unità rispetto al 2011 (+1,2%), sfiorando i 9,5 milioni. Oltre alle occupate, aumenta il numero delle donne disposte a lavorare che cresce dal 16,5% a circa il 24%. Il segno più si deve a tre componenti: l aumento delle lavoratrici straniere, cresciute di 76mila unità (+7,9%); le 148mila ultracinquantenni che per effetto della riforma delle pensioni sono rimaste nel loro posto di lavoro (+ 6,8%) e la crescita delle donne indotte dal periodo 1

2 di ristrettezza economica ad entrare sul mercato del lavoro per compensare la perdita delle entrate maschili. Nonostante l'aumento dell'occupazione femminile dovuto all'insieme di questi fenomeni, in Italia la quota di donne occupate sul totale della popolazione rimane di gran lunga inferiore a quella dell Ue (tasso di occupazione pari al 47,1% contro 58,6%). Nel settore navigazione, nel 2012 si sono registrate denunce di infortuni, con un calo del 2,9% rispetto al 2011 (1.003 casi), di cui solo il 5% ha interessato le donne (52 casi). Solo uno il caso mortale verificatosi nel 2012 (contro i 6 del 2011) che ha coinvolto, al pari dell anno precedente, esclusivamente il genere maschile. TAVOLA : UOMINI E DONNE, INFORTUNI PER RAMO DI ATTIVITA' Rami di attività Maschi Femmine Totale % Femmine infortuni occupati infortuni occupati infortuni occupati su totale infortuni % Femmine su totale occupati Agricoltura ,2 29,0 Industria ,6 20,6 Servizi (compresi i Dipendenti conto Stato) ,9 49,6 In complesso ,3 41,3 indice di incidenza (x occupati) 32,6 23,1 28,7 Fonti: popolazione e occupazione: ISTAT; infortuni sul lavoro: INAIL, archivi Banca Dati Statistica aggiornata al

3 TAVOLA : DONNE E INFORTUNI PER MODALITA' DI EVENTO Gestioni: Agricoltura, Industria e servizi e Dipendenti conto Stato Infortuni in complesso Modalità di evento Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale In occasione di lavoro ,8 In itinere ,2 In complesso ,3 % Infortuni In itinere 8,4 18,3 11,7 di cui casi mortali Modalità di evento Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale In occasione di lavoro ,7 In itinere ,4 In complesso ,8 % Infortuni In itinere 22,0 54,5 24,5 Nota 1: i casi mortali riportati nelle tavole si riferiscono ai decessi denunciati all'istituto e avvenuti entro 180 giorni dalla data in cui si è verificato l'infortunio, con esclusione di quelli per i quali è stata accertata la causa non professionale o non tutelata. Per le tre gestioni principali (Agricoltura, Industria e servizi, Dipendenti conto Stato) sono gli infortuni sul lavoro che nel 2012 in Italia hanno coinvolto le donne, pari esattamente a un terzo del totale ( ) e sono 66 i casi mortali denunciati all Inail e avvenuti nel 2012 in ambito professionale e di tutela assicurativa, pari al 7,8% del totale (844). Si segnala, inoltre, come per le donne la quota degli infortuni in itinere (durante il percorso casalavoro e viceversa) sia decisamente più elevata di quella degli uomini: 18,3% contro 8,4% per gli infortuni in complesso, arrivando addirittura al 54,5% contro 22,0% per gli infortuni mortali. 3

4 Questo probabilmente perché le donne sono principalmente occupate (per oltre il 50%) nel ramo Servizi, e in particolare in attività come personale domestico, sanità e servizi sociali, di per sé meno pericolose ma più soggette a spostamenti casa-lavoro. Altre differenze possono essere colte in merito agli infortuni in itinere (76.751), che nonostante si dividano in termini assoluti quasi equamente tra i sessi (52% per le donne), vengono ad assumere però rilevanza particolarmente diversa se considerati in senso relativo: per le lavoratrici ogni sei denunce, una riguarda il tragitto casa-lavoro o viceversa, mentre per gli uomini tale rapporto si dilata ad una ogni dodici e si allontana ulteriormente per le denunce mortali (rispettivamente una su due contro una su cinque). TAVOLA : DONNE E INFORTUNI PER CLASSE DI ETA' Gestioni: Agricoltura, Industria e servizi e Dipendenti conto Stato Infortuni in complesso Classe di età Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Fino a 17 anni ,2 da 18 a 34 anni ,6 da 35 a 49 anni ,6 da 50 a 64 anni ,9 65 anni e oltre ,5 In complesso ,3 di cui casi mortali Classe di età Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Fino a 17 anni da 18 a 34 anni ,6 da 35 a 49 anni ,0 da 50 a 64 anni ,3 65 anni e oltre ,6 In complesso ,8 Nota 1: i casi mortali riportati nelle tavole si riferiscono ai decessi denunciati all'istituto e avvenuti entro 180 giorni dalla data in cui si è verificato l'infortunio, con esclusione di quelli per i quali è stata accertata la causa non professionale o non tutelata. 4

5 Relativamente all età delle infortunate, tutte le fasce hanno registrato nel 2012 un decremento infortunistico. La fascia d età ( casi) risulta la più colpita in valore assoluto rappresentando il 44% di tutti gli infortuni rosa ; all interno di questa classe gli infortuni delle donne costituiscono il 33,6% del totale (uomini più donne), anche se è quella da 50 a 64 anni (64.703) ad avere la quota percentuale rosa più elevata (38,9%). Anche per gli infortuni mortali il maggior numero di casi riguarda la classe (24 decessi). TAVOLA : DONNE E INFORTUNI PER SETTORE DI ATTIVITA' (*) INCIDENZA INFORTUNISTICA FEMMINILE SUL TOTALE Gestione: Industria e Servizi Settori di attività economica % infortuni Femmine su totale infortuni per Settore Personale domestico 88,9 Sanità e servizi sociali 73,6 Confezione articoli abbigliamento 71,9 Istruzione privata 52,5 Amministrazione pubblica 52,3 Alloggio e ristorazione 51,8 Attività finanziarie e assicurative 51,6 Fabbricazione di coke e prodotti del petrolio 6,2 Fabbricazione di prodotti in metallo 5,7 Industria del legno 5,6 Estrazione minerali da cave e miniere 5,3 Manutenzione macchine/apparecchiature 4,7 Metallurgia 2,9 Costruzioni 2,4 (*) codifica Ateco-Istat versione 2007 La graduatoria dei settori di attività economica con maggiore incidenza infortunistica femminile vede al primo posto il personale domestico (88,9%), a seguire la sanità e i servizi sociali (73,6%) e il confezionamento di articoli di abbigliamento (71,9%). Nei settori più rischiosi dell'industria, si scende addirittura al 2,4% di incidenza infortunistica femminile nelle costruzioni e al 2,9% nella metallurgia. Per gli infortuni dei dipendenti statali si registra una prevalente incidenza infortunistica femminile (73,6%) sicuramente per la maggiore presenza delle donne nelle Amministrazione Pubbliche (Ministeri, Università). 5

6 TAVOLA : DONNE E INFORTUNI INDENNIZZATI IN OCCASIONE DI LAVORO - SEDE DELLA LESIONE Sede della lesione Agricoltura Industria e servizi Dipendenti conto Stato Totale % sul Totale casi codificati Mano ,6 Colonna vertebrale ,7 Caviglia ,8 Ginocchio ,9 Cingolo toracico ,8 Polso ,6 Piede ,7 Cranio ,0 Parete toracica ,8 Faccia ,0 Braccio,avambraccio ,7 Gomito ,4 Gamba ,2 Occhi ,7 Collo ,4 Altre dita ,4 Cingolo pelvico ,1 Alluce ,1 Coscia ,9 Organi interni ,2 Non determinato Nel complesso ,0 La sede della lesione maggiormente interessata dagli infortuni indennizzati e occorsi in occasione di lavoro resta la mano, anche se per le donne presenta un incidenza inferiore rispetto agli uomini (20% contro 28%) dovuta al maggior peso assunto dalle altre sedi principali, quali la colonna vertebrale (13% contro 10%), la caviglia (11% e 7%) e il ginocchio (10% e 8%).. 6

7 TAVOLA : DONNE E INFORTUNI INDENNIZZATI IN OCCASIONE DI LAVORO - NATURA DELLA LESIONE Natura lesione Agricoltura Industria e servizi Dipendenti conto Stato In complesso % sul Totale casi codificati Contusione ,8 Lussazione, distorsione, distrazione ,4 Frattura ,1 Ferita ,9 Lesioni da altri agenti ,6 Lesioni da sforzo ,4 Corpi estranei ,6 Perdita anatomica ,2 Lesioni da agenti infettivi e parassitari ,1 Non determinato Nel complesso ,0 Nell ambito della natura delle lesioni, più rilevanti risultano, come per gli uomini, contusione e lussazione, ma questa volta con pesi relativi maggiori per le donne (rispettivamente 36% contro 28% e 30% contro 24%). Da segnalare, infine, che la caduta è la prima causa d infortunio per le donne (32% sul totale dei soli casi codificati) e la seconda per gli uomini (22%); segue la perdita di controllo di macchine e utensili (rispettivamente 20% e 29%). 7

8 TAVOLA : LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI Gestioni: Agricoltura, Industria e servizi e Dipendenti conto Stato Maschi Paese di nascita Infortuni in complesso % ROMANIA ,9 MAROCCO ,6 ALBANIA ,0 TUNISIA ,9 INDIA ,5 SENEGAL ,0 EGITTO ,8 SVIZZERA ,6 PAKISTAN ,6 GERMANIA ,5 TOTALE ,0 di cui Infortuni mortali 112 Femmine Paese di nascita Infortuni in complesso % ROMANIA ,5 MAROCCO ,6 ALBANIA ,7 PERU' ,2 UCRAINA ,3 MOLDOVA ,0 SVIZZERA ,9 POLONIA ,9 GERMANIA ,5 ECUADOR 934 3,2 TOTALE ,0 % femmine su totale infortuni stranieri 27,6 di cui: Infortuni mortali 11 % femmine su totale casi mortali stranieri 8,9 TOTALE (M+F) di cui: Infortuni mortali 123 Nota 1: i casi mortali riportati nelle tavole si riferiscono ai decessi denunciati all'istituto e 8

9 avvenuti entro 180 giorni dalla data in cui si è verificato l'infortunio, con esclusione di quelli per i quali è stata accertata la causa non professionale o non tutelata. Nel 2012, sono stati gli infortuni sul lavoro che hanno interessato le lavoratrici straniere (pari al 13,1%) del totale delle donne infortunate: le più colpite sono state le romene con casi, le marocchine con e le albanesi con casi. I casi mortali sono stati 11 sui 66 complessivi (17%). Romania, Marocco, Albania sono ancora i Paesi di nascita col maggior numero di decessi. TAVOLA : DONNE E INFORTUNI PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA Gestioni: Agricoltura, Industria e servizi e Dipendenti conto Stato Infortuni in complesso Ripartizione geografica Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Nord-ovest ,4 Nord-est ,2 Centro ,5 Sud ,4 Isole ,6 ITALIA ,3 Nota: il totale ITALIA comprende eventuali valori indeterminati comunque residuali di cui casi mortali Ripartizione geografica Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Nord-ovest ,4 Nord-est ,1 Centro ,1 Sud ,5 Isole ,5 ITALIA ,8 Nota 1: i casi mortali riportati nelle tavole si riferiscono ai decessi denunciati all'istituto e avvenuti entro 180 giorni dalla data in cui si è verificato l'infortunio, con esclusione di quelli per i quali è stata accertata la causa non professionale o non tutelata 9

10 Dall analisi territoriale risulta che gli infortuni femminili sono percentualmente più elevati al Nord (60%), seguito dal Centro (22%) e dal Mezzogiorno (18%); percentuale analoga per il Nord per i casi mortali, mentre Centro e Mezzogiorno si attestano al 20%. Il 2012 ha segnato rispetto al 2011 un calo infortunistico femminile in tutta Italia (-5,7% da del 2011 a del 2012); in particolare -7,6% nel Mezzogiorno, -7,4% al Centro, -5,3% nel Nord-est, -3,7% nel Nord-ovest. I casi mortali femminili hanno registrato un decremento di 25 casi (da 91 del 2011 ai 66 decessi del 2012) così ripartiti: da 30 a 21 nel Nord-est, da 21 a 13 nel Centro, da 22 a 13 nel Mezzogiorno. Nel Nord-ovest si registra, invece, l aumento di un caso mortale (da 18 a 19). TAVOLA : DONNE E INFORTUNI Infortuni in complesso - Femmine Gestioni Var. % 2012/2008 Agricoltura ,9 Industria e servizi ,9 Dipendenti conto Stato ,5 Totale Femmine ,8 In complesso (Femmine+Maschi) ,0 % Femmine / (Femmine+Maschi) 28,6 30,9 31,6 32,0 33,3 di cui casi mortali - Femmine Gestioni Var. % 2012/2008 Agricoltura ,3 Industria e servizi ,2 Dipendenti conto Stato ,1 Totale Femmine ,3 In complesso (Femmine+Maschi) ,6 % Femmine / (Femmine+Maschi) 7,7 6,8 8,0 10,1 7,8 Nota 1: i casi mortali riportati nelle tavole si riferiscono ai decessi denunciati all'istituto e avvenuti entro 180 giorni dalla data in cui si è verificato l'infortunio, con esclusione di quelli per i quali è stata accertata la causa non professionale o non tutelata 10

11 Gli infortuni in rosa sono calati dai del 2008 ai del 2012 (-12,8%), pur facendo registrare nel quinquennio un incremento di quasi 5 punti percentuali dell incidenza femminile sul totale degli infortuni (da 28,6% a 33,3%), a fronte di un aumento dell occupazione femminile solo dell 1,3% nello stesso periodo. Ciò per effetto di un calo infortunistico (-12,8% si ripete) molto più contenuto rispetto a quello dei colleghi uomini (-29,9% sempre tra il 2008 e il 2012) più concentrati delle donne in settori colpiti dalla crisi economica e occupazionale. La diminuzione degli infortuni per entrambi i sessi è stata per lo stesso quinquennio pari al 25,0% (da del 2008 a casi del 2012). I casi mortali femminili sono passati da 86 nel 2008 a 66 nel 2012 (-23,3%) con un calo di poco inferiore rispetto a quello complessivo (-24,6%). La riduzione degli incidenti femminili, nel quinquennio , è stata più rilevante in Agricoltura (-26,9%) che nell Industria e servizi (-12,9%) e tra i Dipendenti conto Stato (-4,5%). Sul piano territoriale, oltre il 60% degli infortuni femminili avvenuti nel 2012 si è verificato nel Nord del Paese, analogamente alla componente maschile. TAVOLA : DONNE E MALATTIE PROFESSIONALI PER GESTIONE Gestioni Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Agricoltura ,1 Industria e servizi ,7 Dipendenti Conto Stato ,9 In complesso ,9 di cui stranieri ,7 Le quasi 14mila denunce femminili di malattia professionale del 2012, pur concentrandosi, come per gli uomini, nell Industria e servizi (in misura del 76,0% del loro totale, contro l 84,9% dei maschi), registrano una maggiore incidenza dell Agricoltura (il 22,0% delle malattie femminili è agricola contro il 14,6% per i maschi). 11

12 TAVOLA : DONNE, TIPO DI MALATTIE PROFESSIONALI A CONFRONTO Gestioni: Agricoltura, Industria e servizi e Dipendenti conto Stato Tipo di malattia professionale Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale In complesso ,9 principalmente: Malattie osteo-articolari e muscolo-tendinee ,6 di cui: Affezioni dei dischi intervertebrali ,9 Tendiniti ,0 Sindrome del tunnel carpale ,4 Malattie del sistema nervoso e degli organi di senso ,7 di cui: Ipoacusia e sordità da rumore ,2 Malattie respiratorie ,1 Tumori ,6 Malattie cutanee ,7 Disturbi psichici ,6 di cui: Disturbi dell'adattamento cronico e posttraumatico da stress cronico ,2 Il confronto di genere sul tipo di malattia rivela che anche nel 2012, per entrambi i sessi, a colpire i lavoratori sono soprattutto le malattie osteo-articolari e muscolo tendinee (in particolare affezioni dei dischi intervertebrali, tendiniti e sindromi del tunnel carpale) ma con una differenza ben marcata tra uomini e donne: se tali patologie rappresentano il 61% delle denunce maschili, questa percentuale sfiora addirittura l 87% per le donne, ben 12mila delle loro 14mila denunce. In particolare, la sindrome del tunnel carpale viene denunciata più dalle donne che dagli uomini (2.965 contro 2.484). Per le donne risultano molto contenute (numericamente casi per ogni tipologia) le segnalazioni di ipoacusie, patologie respiratorie, tumori e malattie cutanee. 12

13 TAVOLA : DONNE E MALATTIE PROFESSIONALI PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA Gestioni: Agricoltura, Industria e servizi e Dipendenti conto Stato Ripartizione geografica Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Nord-ovest ,1 Nord-est ,5 Centro ,7 Sud ,9 Isole ,1 ITALIA ,9 Nel 2012 sono state quasi 14mila le denunce di malattia professionale da parte di lavoratrici donne. La quota femminile sul totale delle denunce è stata nel 2012 pari al 29,9%, un valore che non si discosta significativamente dall incidenza femminile sul fenomeno infortunistico (33,3%) e che, come per gli infortuni, è risultato costantemente in crescita nell ultimo quinquennio osservato (nel 2008 le denunce femminili erano il 25,9% del totale). 13

14 TAVOLA : DONNE E MALATTIE PROFESSIONALI A CONFRONTO Gestioni: Agricoltura, Industria e servizi e Dipendenti conto Stato Sesso Maschi var. % su anno precedente -- 13,4 17,9 9,4-1,1 var. % su ,4 33,7 46,3 44,7 Femmine var. % su anno precedente -- 23,6 31,7 11,3-2,3 var. % su ,6 62,8 81,2 77,0 Totale var. % su anno precedente -- 16,0 21,7 10,0-1,5 var. % su ,0 41,2 55,3 53,0 % Femmine su Totale 25,9 27,6 29,8 30,2 29,9 A differenza degli infortuni che sono numericamente diminuiti anche nel 2012, confermando il trend decrescente degli ultimi anni, le malattie professionali hanno continuato a crescere fino al 2011 e solo nel 2012 si è registrata una battuta d arresto (-1,5% passando da del 2011 a del 2012 per entrambi i sessi). Analogo andamento per le denunce femminili, aumentate del 77% nel quinquennio (da a casi) ma calate del 2,3% rispetto al 2011 ( denunce). 14

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche Sezione 1 Infortuni: analisi e statistiche 1.1 Analisi del fenomeno infortunistico in Regione Nel 2012 l andamento infortunistico in Molise evidenzia una significativa flessione del -6,2% rispetto all

Dettagli

Il lavoro, gli infortuni e le malattie professionali degli stranieri. INAIL Adelina Brusco e Daniela Gallieri

Il lavoro, gli infortuni e le malattie professionali degli stranieri. INAIL Adelina Brusco e Daniela Gallieri Il lavoro, gli infortuni e le malattie professionali degli stranieri INAIL Adelina Brusco e Daniela Gallieri Forum PA 17 maggio 2010 Assicurati, infortuni e malattie professionali sono rilevati tramite

Dettagli

SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale. Friuli Venezia Giulia

SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale. Friuli Venezia Giulia SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale Friuli Venezia Giulia Premessa Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Dettagli

Safety progetto formativo finanziato da Fondimpresa. Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009.

Safety progetto formativo finanziato da Fondimpresa. Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009. At Work progetto formativo finanziato da Fondimpresa Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009. Per l anno 2008 sono pervenute all INAIL 84.586 denunce di infortuni registrati su

Dettagli

Rapporto Annuale 2011. Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali

Rapporto Annuale 2011. Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali Rapporto Annuale 2011 Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali Roma, luglio 2012 INAIL Rapporto Annuale 2011 Andamenti e statistiche. Infortuni e malattie professionali Dati ed elaborazioni

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Infortuni sul lavoro ANDAMENTI E STATISTICHE. 1. Il bilancio infortunistico 2011

Infortuni sul lavoro ANDAMENTI E STATISTICHE. 1. Il bilancio infortunistico 2011 ANDAMENTI E STATISTICHE Infortuni sul lavoro 1. Il bilancio infortunistico 2011 Nel 2011 prosegue e si conferma ulteriormente l andamento decrescente degli infortuni sul lavoro che è in atto nel nostro

Dettagli

IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005

IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005 IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005 Il monitoraggio del fenomeno infortunistico nei principali comparti produttivi del territorio è attività che il Servizio pubblico di prevenzione

Dettagli

2.1 L andamento infortunistico

2.1 L andamento infortunistico 2.1 L andamento infortunistico Anche nel 2012, in Toscana, prosegue l andamento infortunistico in diminuzione. Infatti, le denunce di infortunio pervenute, ammontano a 53.286 casi con una differenza di

Dettagli

La crescita delle patologie muscolo-scheletriche (Anni 2006-2011) 30.550

La crescita delle patologie muscolo-scheletriche (Anni 2006-2011) 30.550 Elaborazioni statistiche a cura di Franco D Amico Coordinatore dei Servizi Statistico-informativi di ANMIL 35.000 La crescita delle patologie muscolo-scheletriche (Anni 2006-2011) 30.550 26.138 25.000

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 1 Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) Infortuni sul lavoro e malattie professionali nel settore forestale: i dati INAIL Maria Gullo INAIL Piemonte

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Infortuni sul lavoro e malattie professionali I dati al femminile

Infortuni sul lavoro e malattie professionali I dati al femminile Infortuni sul lavoro e malattie professionali I dati al femminile Il contesto attuale in Italia e in Europa Denunce anno 2013. Sono circa 246mila le denunce di infortunio pervenute all Inail che hanno

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Nelle scorse settimane l ISTAT ha presentato, nell ambito dell Indagine Forze di lavoro, l approfondimento Salute e Sicurezza

Dettagli

Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL ******

Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL ****** Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL Nei giorni scorsi è stato pubblicato dall INAIL il II volume delle Schede di rischio da sovraccarico biomeccanico

Dettagli

Infortuni, incidenti e infortuni mancati

Infortuni, incidenti e infortuni mancati Infortuni, incidenti e infortuni mancati Obiettivi Incidenti ed infortuni sul lavoro tendono a ripetersi perchè, spesso, purtroppo, sia le aziende, sia gli esseri umani non hanno memoria e dimenticano

Dettagli

Gli stranieri e il mondo del lavoro 1. Il lavoro degli extracomunitari residenti

Gli stranieri e il mondo del lavoro 1. Il lavoro degli extracomunitari residenti Gli stranieri e il mondo del lavoro 1 Attualmente le statistiche riguardanti l indagine Istat delle Forze Lavoro non permettono di reperire indicatori sugli stranieri (o sugli extracomunitari) a livello

Dettagli

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno 2012. Nel 2012 si è avuto

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro

Salute e sicurezza sul lavoro Salute e sicurezza sul lavoro II trimestre 2007 29 Dicembre 2008 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Analisi degli infortuni nell attività di raccolta rifiuti

Analisi degli infortuni nell attività di raccolta rifiuti Rimini, 11 novembre 2011 Analisi degli infortuni nell attività di raccolta rifiuti Silvia Mochi e Federica Cipolloni Consulenza Statistico Attuariale INAIL LA BASE DATI Lo studio riguarda gli infortuni

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Infortuni sul lavoro nel settore di igiene ambientale

Infortuni sul lavoro nel settore di igiene ambientale Infortuni sul lavoro nel settore di igiene ambientale CONSULENZA STATISTICO ATTUARIALE Cipolloni Federica Mochi Silvia Le denunce Anno evento 2012 Gli infortuni denunciati dalle aziende associate a Federambiente*

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Infortuni con mezzo di trasporto: dati statistici e opportunità per le aziende

Infortuni con mezzo di trasporto: dati statistici e opportunità per le aziende Infortuni con mezzo di trasporto: dati statistici e opportunità per le aziende Silvana Di Stefano INAIL DR Emilia Romagna CONTARP Eventi 2013 Io lavoro e guido sicuro 22 marzo 2013 Infortuni con mezzo

Dettagli

Terzo Rapporto annuale Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia

Terzo Rapporto annuale Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia 2013 Terzo Rapporto annuale Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Sintesi dei risultati La presenza degli stranieri

Dettagli

Infortuni sul Lavoro e Malattie Professionali nella provincia di Viterbo. Dati di attività U.O.C. PISLL

Infortuni sul Lavoro e Malattie Professionali nella provincia di Viterbo. Dati di attività U.O.C. PISLL REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO Osservatorio Epidemiologico Provinciale degli Infortuni sul Lavoro e delle Malattie Professionali REPORT 2 SEMESTRE ANNO 2009 Infortuni sul Lavoro e Malattie

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO

LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO I.N.A.I.L Direzione Regionale del Piemonte. LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO A cura di Mirko Maltana 1 e Maria Luigia Tomaciello 2 Nel corso del 2010 sono stati denunciati all Istituto Nazionale

Dettagli

Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL

Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno

Dettagli

L'ANDAMENTO DELLE MALATTIE PROFESSIONALI (2006-2010) Gestione / Tipo di malattia 2006 2010

L'ANDAMENTO DELLE MALATTIE PROFESSIONALI (2006-2010) Gestione / Tipo di malattia 2006 2010 L'ANDAMENTO DELLE MALATTIE PROFESSIONALI (2006-2010) Fonte: archivi Banca Dati Statistica aggiornati al 30 aprile 2011 MALATTIE PROFESSIONALI manifestatesi nel periodo 2006-2010 e denunciate, per gestione

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

Gli immigrati nei dati INAIL. Gli immigrati nei dati MalProf

Gli immigrati nei dati INAIL. Gli immigrati nei dati MalProf !"" #$ $% Gli immigrati nei dati INAIL Nati all estero, individuati tramite CF Z### Non considerata la Cittadinanza Gli immigrati nei dati MalProf Nati all estero, individuati tramite CF Z### Non considerata

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

PARTE QUINTA/ANDAMENTI E STATISTICHE INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI

PARTE QUINTA/ANDAMENTI E STATISTICHE INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI PARTE QUINTA/ANDAMENTI E STATISTICHE INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI 149 ANDAMENTI E STATISTICHE Il quadro socio-economico e occupazionale 1. Il quadro macroeconomico nazionale e internazionale Dopo

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Malattie professionali

Malattie professionali ANDAMENTI E STATISTICHE Malattie professionali 1. Le denunce nell ultimo quinquennio Nel 2011 aumentano ancora le denunce di malattie professionali: 46.558 casi. Dopo i significativi ridimensionamenti

Dettagli

Infortuni sul lavoro e malattie professionali nel Lazio Maggio 2011

Infortuni sul lavoro e malattie professionali nel Lazio Maggio 2011 Infortuni sul lavoro e malattie professionali nel Lazio Maggio 2011 A cura di: Daniele Di Nunzio Coordinatore Osservatorio Salute e Sicurezza dell Ires-Cgil Daniele Ranieri Responsabile Salute e Sicurezza

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

1. IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL PERIODO 1985-2004 PER L AMMINISTRAZIONE DELLA DIFESA.

1. IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL PERIODO 1985-2004 PER L AMMINISTRAZIONE DELLA DIFESA. 1. IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL PERIODO 1985-24 PER L AMMINISTRAZIONE DELLA DIFESA. Come già osservato nell edizione precedente del Rapporto Annuale degli Infortuni sul lavoro e malattie professionali

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

La Città e i suoi Quartieri al 2014

La Città e i suoi Quartieri al 2014 La Città e i suoi Quartieri al 2014 Un quadro demografico del Quartiere Don Bosco Popolazione residente nel Quartiere per grandi classi di età e sesso FEMMINE MASCHI 65 e più 45-64 30-44 15-29 0-14 0 200

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia

Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia PROCEDURA DA SEGUIRE DALLO STUDENTE DEL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA IN CASO DI INFORTUNIO OCCORSOGLI DURANTE L ATTIVITÀ TEORICO-PRATICA RIFERIMENTI D.P.R. 30 giugno

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA

IL MATRIMONIO IN ITALIA IL MATRIMONIO IN ITALIA Anno 2012 Fonte: rapporto ISTAT del 13 novembre 2013 (htttp://www.istat.it) Nel 2012 sono stati celebrati in Italia 207.138 matrimoni (3,5 ogni 1.000 abitanti), 2.308 in più rispetto

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. 05_08.doc 1 R.I. 08/05 Aprile 2005 Foto di copertina: Cantiere

Dettagli

FOCUS SUL SETTORE TESSILE

FOCUS SUL SETTORE TESSILE FOCUS SUL SETTORE TESSILE I dati utilizzati per le analisi qui presentate provengono dal file Asl 014 consegnato a fine 2009 ed aggiornato nell aprile 2010 dall INAIL Direzione Centrale alla ASL della

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Anno - Dati aggiornati al Maggio Casi di morte sul lavoro per Regione Regione % sul totale n casi Lombardia,9% 6 Emilia Romagna 9,9% Sicilia 9,% 9 Piemonte 9,% 9 Veneto,% Toscana 6,9% Campania 6,% Abruzzo,9%

Dettagli

Malattie professionali da agenti fisici: i dati, le tendenze.

Malattie professionali da agenti fisici: i dati, le tendenze. Malattie professionali da agenti fisici: i dati, le tendenze. Laura Filosa Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione - INAIL MERCOLEDI 7 MARZO GIOVEDI 8 MARZO M. P. DA AGENTI FISICI Novità legislative

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro STRADALI nella Regione del Veneto. Anni 2004-2008

Gli infortuni sul lavoro STRADALI nella Regione del Veneto. Anni 2004-2008 Gli infortuni sul lavoro STRADALI nella Regione del Veneto Anni 2004-2008 Gli infortuni sul lavoro STRADALI nella Regione del Veneto Anni 2004-2008 Dicembre 2010 Programma regionale per l Epidemiologia

Dettagli

Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto

Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto Lavoratore Autonomo SANO SICURO INFORMATO Padova 23 novembre 2012 Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto Roberto Agnesi Michela Veronese Lucia Calciano La crisi economica - PIL La crisi economica

Dettagli

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione, ambiente, energia e politiche per la montagna

Dettagli

NORMATIVA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

NORMATIVA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NORMATIVA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DLGS81/08 D.LGS Ultime novità legislative IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione

Dettagli

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Aggiornamento 2011 Indice 1 - Le dinamiche generali e la crisi economica pag. 2 2 - Una prospettiva settoriale pag. 5 3 - I lavoratori stranieri pag. 7

Dettagli

Rapporto Annuale Regionale 2006

Rapporto Annuale Regionale 2006 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO Rapporto Annuale Regionale 2006 Emilia Romagna Rapporto Annuale 2006 Comitato di redazione regionale Referente: Aude Cucurachi Sandra

Dettagli

Rapporto sull Immigrazione 2013

Rapporto sull Immigrazione 2013 Rapporto sull Immigrazione 2013 Gli stranieri sulla strada: possesso di veicoli e patenti in provincia di Macerata Barbara Vallesi Istat ERM sede per le Marche 15 aprile 2014 Indice Premessa Il possesso

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Il mondo dei trasporti tra costi ambientali, umani, sociali e infortuni sul lavoro

Il mondo dei trasporti tra costi ambientali, umani, sociali e infortuni sul lavoro Relazione Il mondo dei trasporti tra costi ambientali, umani, sociali e infortuni sul lavoro 1. IL SETTORE DEI TRASPORTI Il settore dei Trasporti in Italia contava - alla data dell ultimo censimento (2001),

Dettagli

Nel primo semestre 2004, tra le ditte collaboranti, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni

Nel primo semestre 2004, tra le ditte collaboranti, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni sul lavoro Nel primo semestre, tra le, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni L indice di frequenza infortunistica è pari a 16 infortuni ogni cento addetti, decisamente superiore

Dettagli

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA Analisi dei matrimoni nel Comune di Parma anni 2009-2012 A CURA DI RENZO SOLIANI Parma ottobre 2013 Matrimoni a Parma, anni 2009-2012 Nell attuale momento storico affrontare

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA

TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA Asher Colombo Elisa Martini LA PRESENZA STRANIERA COMPARAZIONI INTERNAZIONALI DIMENSIONI E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IN ITALIA Cittadini

Dettagli

La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale

La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale Rumore e vibrazioni meccaniche nel testo unico sulla sicurezza negli ambienti di lavoro Alessandria, 15 e 16 giugno 2010 La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale Dr.

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Lavoratori stranieri e infortuni sul lavoro

Lavoratori stranieri e infortuni sul lavoro AL stituto azionale Assicurazioni nfortuni sul Lavoro Direzione regionale Piemonte Lavoratori stranieri e infortuni sul lavoro A cura di Mirko Maltana 1, con la collaborazione di Maria Luigia Tomaciello

Dettagli

Malattie professionali e infortuni sul lavoro

Malattie professionali e infortuni sul lavoro 82 22 luglio 2015 Malattie professionali e infortuni sul lavoro Statistiche INAIL del 2014 L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno 2014. A livello

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL Tav.1 Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo 2005-2007 per anno, gestione e sesso Tav. 2 Infortuni sul lavoro avvenuti

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento: Franco Chiarini Redazione

Dettagli

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro.

Dettagli

Prevenzione e gestione del mal di schiena nel personale sanitario: i dati della provincia di Verona

Prevenzione e gestione del mal di schiena nel personale sanitario: i dati della provincia di Verona Verona, 6 dicembre 2007 Prevenzione e gestione del mal di schiena nel personale sanitario: i dati della provincia di Verona Mario Gobbi - Spisal Ulss 20 Verona spisal@ulss20.verona.it http://prevenzione.ulss20.verona.it

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/9/2016 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/9/2016 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/9/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

TAVOLA 1 Anno 2013: DONNE E LAVORO. % Femmine sul Totale. Dati Istat/Inail Maschi Femmine Totale

TAVOLA 1 Anno 2013: DONNE E LAVORO. % Femmine sul Totale. Dati Istat/Inail Maschi Femmine Totale TAVOLA 1 Anno 2013: DONNE E LAVORO Dati Istat/Inail Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Popolazione e Occupazione (anno 2013) Popolazione di 15 anni e oltre 25.106.840 27.044.327 52.151.167 51,9

Dettagli

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Appunti APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Sono 54 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 9 anni d età. Nel biennio 009-010 si è registrato un calo complessivo

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/10/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di

Dettagli

INAIL La Spezia - Dott.ssa Stella Greco

INAIL La Spezia - Dott.ssa Stella Greco GLI EVENTI TUTELATI INFORTUNI SUL LAVORO MALATTIE PROFESSIONALI DATI MONDIALI ed EUROPEI Infortuni sul lavoro Malattie professionali Casi mortali Giornate lavorative perse ILO (International Labour Organization)

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Focus I giovani e il mercato del lavoro

Focus I giovani e il mercato del lavoro Focus I giovani e il mercato del lavoro Per trovare lavoro conviene proseguire gli studi dopo il diploma Nel 2008 77 giovani (25-34 anni) su 100 lavorano o cercano un lavoro (tasso di attività); al sono

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/11/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di

Dettagli