ISSN: Rivista di Diritto Bancario La nuova Cross-Border Regulation of Swaps/Derivatives : il documento CFTC dell 11 luglio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISSN: 2279 9737 Rivista di Diritto Bancario La nuova Cross-Border Regulation of Swaps/Derivatives : il documento CFTC dell 11 luglio 2013"

Transcript

1 ISSN: Rivista di Diritto Bancario Agosto 2013 La nuova Cross-Border Regulation of Swaps/Derivatives : il documento CFTC dell 11 luglio 2013 Alessandro Simionato 1. Premessa. La Commodity Futures Trading Commission (CFTC)1 Office of Public Affairs ha pubblicato l 11 luglio 2013 il documento denominato Cross-Border Regulation of Swaps/Derivatives, Discussion between the Commodity Futures Trading Commission and the European Union A Path Forward 2 che rappresenta come meglio emergerà già da un rapido esame dei suoi principali contenuti un primo ma significativo passo nella direzione di una regolamentazione comune del mercato transfrontaliero degli swaps e, più in generale, dei derivati OTC. La materia è regolata, negli Stati Uniti, dal Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act, entrato in vigore il 21 luglio 2010 e, in particolare, dal Title VII (Wall Street Transparency and Accountability), suddiviso nelle sezioni Regulation of Over-the-Counter Swaps Markets e Regulation of Security-Based Swap Markets ; nell Unione Europea ha trovato, invece, la sua prima regolamentazione uniforme con il Regolamento n. 648/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 4 luglio La U.S. Commodity Futures Trading Commission è un agenzia indipendente del Governo degli Stati Uniti che regola i mercati di futures e options. Con il Commodity Futures Trading Commission Act del 1974, il Congresso, ha creato la Commodity Futures Trading Commission per rimpiazzare lo U.S. Department of Agriculture s Commodity Exchange Authority quale agenzia federale indipendente responsabile per la regolamentazione del mercato di futures ed options. Da allora, il mandato è stato rinnovato ed ampliato più volte. La Commissione è formata da cinque Commissioners nominati dal Presidente e che rimangono in carica per cinque anni. La mission dichiarata della CFTC è quella di proteggere gli utenti del mercato ed il pubblico da frodi, manipolazioni, pratiche abusive e rischio sistemico relativo ai derivati che sono soggetti alla Commodity Exchange Act, nonché favorire mercati aperti, competitivi e finanziariamente solidi (http://www.cftc.gov/about/missionresponsibilities/index.htm). 2 Il testo è reperibile all indirizzo 1

2 sugli strumenti derivati OTC, le controparti centrali e i repertori di dati sulle negoziazioni (c.d. EMIR - European Market Infrastructure Regulation). L esame comparato della nuova regolamentazione europea e delle norme che nella stessa materia erano state parallelamente approvate e che già erano entrate in vigore oltreoceano non ha mancato di sollevare preoccupazioni: in particolare, benché le due legislazioni, quella europea e quella americana, partissero da esigenze e posizioni comuni espresse dai Paesi del G-20 ancora a partire dal 2008, all indomani dei momenti più accesi della crisi finanziaria continuavano a sussistere notevoli differenze fra le stesse, rese ancor più palesi dalla lettura dei primi standard tecnici (i draft regulation on technical standards, c.d. RTS ) resi noti dall ESMA (European Securities and Market Authority) per dare concreta attuazione alle previsioni dell EMIR. Uno dei punti maggiormente controversi è apparso, da subito, quello relativo all applicazione extra-territoriale delle norme stesse e, quindi, alla disciplina applicabile agli operatori in derivati europei che si trovassero a dover concludere operazioni con soggetti non UE e, per converso, a quella applicabile ai soggetti statunitensi per operazioni con controparti oltreoceano 3. Come correttamente rilevato nella discussion, infatti, la maggior parte del business globale legato a swaps e derivati è condotto tra l'ue e gli USA o all'interno degli stessi: una quantità significativa di transazioni avviene in modo transfrontaliero, tra controparti appartenenti a diverse giurisdizioni 4. L obiettivo, più o meno dichiarato, di entrambe le legislazioni poteva essere conseguentemente rinvenuto nella volontà di assoggettare a controllo il mercato dei derivati OTC gestito da operatori bancari e finanziari, rispettivamente europei e americani, verso clientela situata potenzialmente in ogni parte del mondo: più precisamente, se le previsioni dell EMIR potevano anche essere interpretate in difetto di una specifica previsione sul punto come riferite solo a contratti e operazioni concluse tra due controparti aventi entrambe sede nell Unione Europea 5 è certo, invece, che le prescrizioni del Dodd-Frank Act risultavano avere espressamente una portata extra-territoriale, essendone prevista l automatica applicazione anche tra due controparti non statunitensi, quando l operazione avesse determinati punti di contatto con la giurisdizione USA. I rischi di conflitti di legge, incongruenze ed incertezza giuridica che ne sarebbero potuti derivare sono evidenti. 3 V. LA MALFA, Nuovo Regolamento EMIR sui derivati OTC: i commenti ISDA agli RTS dell ESMA approvati il dal Parlamento Europeo, in 4 Sulle attività transfrontaliere delle banche e, in particolare, sul mercato dei derivati OTC nella seconda metà del 2012, v. AA. VV., Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI, su (in particolare pagg. 7-10). 5 V. LA MALFA, cit. 2

3 In un simile contesto, diversi incontri bilaterali si sono svolti, negli ultimi mesi, tra le autorità americane ed europee al fine di trovare un accordo per individuare, se non già norme comuni, quantomeno regole di equivalenza al fine di scongiurare la necessità per gli operatori di duplicazioni di adempimenti regolamentari nel caso di operazioni concluse tra intermediari europei ed americani. Ancorché il percorso non sia stato semplice e privo di ostacoli 6 la comune presa d atto di un elevato grado di somiglianza esistente tra le rispettive esigenze ha consentito di aprire la strada per affrontare i conflitti, le incongruenze e l'incertezza nella maniera più coerente con i principi del diritto internazionale. 2. I criteri sulla giurisdizione. Il testo pubblicato dalla CFTC prevede che Where a definition has to be given of market participants or infrastructure subject to US or EU jurisdiction, as a matter of principle, it will be construed on a territorial basis, to the extent appropriate. Tutti i soggetti che operano nel mercato degli swap saranno soggetti alla giurisdizione degli Stati Uniti piuttosto che a quella dell Unione Europea in base ad un criterio di tipo territoriale: essi saranno, in altri termini, assoggettati alla giurisdizione del proprio Paese d origine. Ai soggetti stranieri che non siano succursali di soggetti USA ( not affiliated with US persons ), né garantiti da soggetti statunitensi si applicano i requisiti c.d. transactionlevel 7 di cui al Dodd-Frank Act per quanto riguarda le operazioni con soggetti statunitensi e succursali garantite. Con riferimento agli operatori registrati dell'ue che non sono né succursali di soggetti statunitensi, né garantiti da soggetti statunitensi (i quali sarebbero perciò generalmente soggetti solo alle regole sulle transazioni degli Stati Uniti per le loro transazioni con soggetti statunitensi o succursali garantite statunitensi) che rispettino i requisiti di cui al titolo VII del Dodd-Frank Act 8 o dell EMIR, la Divisione Swap Dealer and 6 Il Commissario europeo per il mercato interno Michel Barnier solo un mese prima della pubblicazione del documento in commento aveva definito imperfetto l approccio della CFTC: S. SPATTI, Accordo sui derivati tra Usa e Unione europea. Al via la vigilanza incrociata, su Il Sole 24 ore, 11 luglio Le varie disposizioni sugli swap del Dodd-Frank Act possono essere suddivise in: (i) i requisiti a livello di ente (entity-level requirements), che si applicano a un operatore o ai major swap participants nel loro complesso, e (ii) requisiti a livello di transazione (transaction-level requirements), che si applicano a ciascuno swap. In particolare, i requisiti transaction-level requirements sono relativi a: (i) compensazione ed elaborazione di swap; (ii) margining (e segregation) per gli swap non compensati; (iii) trade execution (esecuzione dell operazione); (iv) documentazione dei rapporti di swap trading; (v) portfolio reconciliation e portfolio compression; (vi) segnalazione pubblica in tempo reale; (vii) ratifica (trade confirmation); (viii) archiviazione degli scambi giornalieri; (ix) standard di condotta. Sul punto 8 Si veda in particolare la Part II del Title VII (sec. da 721 a 774). 3

4 Intermediary Oversight della CFTC invierà una lettera di non intervento 9, specificando che qualora uno swap o un derivato OTC sia soggetto alla giurisdizione concorrente relativamente alle norme di mitigazione del rischio USA e UE, la conformità ai sensi dell EMIR comporterà la conformità con le relative norme CFTC 10. La soluzione dei problemi connessi alla giurisdizione dei soggetti operanti nel mercato globale di swap e derivati risulta essere stata, pertanto, correttamente condotta contando sull applicazione ed il rispetto delle altrui regole, piuttosto che forzando l applicazione delle proprie regole in un altra giurisdizione I requisiti entity-level. Con riferimento ai requisiti entity-level, la CFTC ha proposto che una forma di conformità sostitutiva 12 sia consentita per i requisiti previsti dall UE che siano paragonabili a quelli applicabili negli Stati Uniti ed altrettanto esaurienti 13. Le leggi dell'ue, come correttamente rileva la CFTC, prevedono, infatti, a loro volta, un sistema di equivalenza che si basa su una valutazione generale del quadro normativo di 9 Una lettera di non intervento (no-action letter) è una dichiarazione scritta da parte del personale di una Divisione della Commissione o del suo Office of the General Counsel che il suddetto staff non proporrà alla Commissione di avviare misure sanzionatorie per il mancato rispetto di una specifica disposizione di legge o di regolamenti della Commissione. Essa impegna solo il personale della Divisione che l ha rilasciata o l Office of the General Counsel per quanto riguarda la situazione, i fatti specifici e le persone cui la lettera fa riferimento, e i terzi non possono fare affidamento su di essa (da 10 Where a swap/otc derivative is subject to joint jurisdiction under US and EU risk mitigation rules, compliance under EMIR will achieve compliance with the relevant CFTC rules. 11 We will not seek to apply our rules (unreasonably) in the other jurisdiction, but will rely on the application and enforcement of the rules by the other jurisdiction. 12 Con l espressione conformità sostitutiva (substituted compliance) si indica la possibilità concessa agli operatori non statunitensi o ai major swap participants non statunitensi di svolgere la loro attività nel rispetto dei regolamenti del Paese d origine. 13 La CFTC intende autorizzare gli operatori non statunitensi e i major swap participants non statunitensi a sostituire con la conformità ai rispettivi requisiti di legge e regolamentari del proprio Paese d origine la conformità ai Regolamenti CEA (Commodity Exchange Act), se la Commissione constata che tali requisiti sono paragonabili a requisiti analoghi ai sensi dei regolamenti CEA e CFTC. Questo approccio si baserebbe sulla risalente politica della Commissione che prevede di riconoscere come paragonabili regimi normativi basati sui principi di coordinamento e cortesia internazionali in relazione alle attività transfrontaliere concernenti futures e options. Per quanto riguarda i requisiti a livello di ente (entitylevel), la Commissione consentirebbe la conformità sostitutiva laddove un operatore non statunitense o un major swap participant fosse soggetto a requisiti comparabili in forza della propria giurisdizione. Per quanto riguarda i requisiti a livello di transazione (transaction-level), la Commissione consentirebbe la conformità sostitutiva per gli scambi tra un operatore non statunitense o un major swap participant non statunitense e un soggetto non statunitense garantito da un soggetto statunitense, così come per gli swap con un affiliata non statunitense. La Commissione permetterebbe altresì la conformità sostitutiva per gli scambi tra una filiale estera di un operatore statunitense ed un soggetto non statunitense. Sul punto, 4

5 un paese terzo: una volta che l'equivalenza è stata determinata, i soggetti e le imprese di quel paese possono accedere e fornire i propri servizi in tutti gli Stati membri dell'ue basandosi sulle regole della loro giurisdizione d origine. 4. Trasparenza e trading. La CFTC ha precisato che qualora uno swap venga eseguito su base anonima e compensata in un mercato registrato e designato (designated contract market, DCM), in una swap execution facility (SEF) 14, o in un foreign board of trade (FBOT) 15 si riterrà che le controparti abbiano soddisfatto le loro esigenze transaction-level, tra cui i requisiti trade-execution della CFTC 16. Ad oggi, un FBOT operativo in virtù di una lettera di non intervento può consentire a membri identificati o altri partecipanti situati negli Stati Uniti di accedere alle negoziazioni direttamente nel sistema di trade matching del FBOT solo con riferimento ai futures ed ai contratti di opzione. Un FBOT registrato ai sensi della Parte 48 delle normative della CFTC 17 può, tuttavia, quotare anche i contratti di swap per la negoziazione ad accesso diretto, a determinate condizioni. A questo proposito, si legge nel documento in commento che, in considerazione dell apparente interesse da parte di alcuni FBOT che operano quotando swap per il trading con accesso diretto, la Division of Market Oversight della CFTC intende modificare le lettere di non intervento per consentire a tali FBOT di quotare gli swap, a determinate condizioni, mentre in futuro agli FBOT registrati sarà consentito di quotare i contratti di swap per la negoziazione per accesso diretto, alle stesse condizioni. 14 Piattaforma per il trading e la compensazione regolamentati di swaps, richiesta negli Stati Uniti dal Dodd-Frank Act. 15 Ai sensi del Code of Federal Regulation ( CFR, Title 17 - Commodity And Securities Exchanges; Chapter I - Commodity Futures Trading Commission; Part 1- General Regulations Under The Commodity Exchange Act; Section Definitions), con il termine foreign board of trade si intende qualunque board o mercato situato al di fuori degli Stati Uniti, i suoi territori o possedimenti, con o senza personalità giuridica, dove vengono immessi futures o options esteri. 16 Con riferimento ai trade execution requirements, si veda la section 2(h) del Commodity Exchange Act, così come modificato dalla section 723(a) ( (8) TRADE EXECUTION. ) del Dodd-Frank Act. 17 Ai sensi della Parte 48 delle normative della Commissione, foreign board of trade che desiderino [far] autorizzare membri identificati ed altri partecipanti che si trovino negli Stati Uniti con accesso diretto al loro sistema di trading elettronico e di order matching, devono richiedere e ricevere un ordine di iscrizione, secondo le modalità contenute nella Parte 48 (da ww.cftc.gov). Per la consultazione della Part 48: 17;cc=ecfr 5

6 In considerazione della continua evoluzione dei mercati e dei regimi normativi, al fine di garantire condizioni di parità, promuovere la partecipazione in mercati trasparenti e promuovere l'efficienza del mercato, la CFTC ha garantito un adeguato rimedio transitorio (verosimilmente una lettera di non intervento) a determinati MTF europei nel caso in cui il requisito trade-execution della CFTC venga attivato entro il 15 marzo Tale semplificazione sarà disponibile per gli MTF dotati di sistemi multilaterali di negoziazione, un sufficiente livello di trasparenza dei prezzi pre- e post-negoziazione, un accesso non discriminatorio per gli operatori di mercato ed un adeguato livello di vigilanza. 5. Le regole per la riduzione del rischio delle operazioni non compensate. Le regole adottate rispettivamente dalla CFTC e dalla UE per la riduzione del rischio, per le operazioni non compensate, sono molto simili: con l EMIR, infatti, la UE ha adottato norme di riduzione del rischio 18 che sono sostanzialmente identiche ad alcune delle norme di condotta dettate dalla CFTC per gli swap dealers e i major swap participants 19. Anche in materia di confirmation, riconciliazione e compressione del portafoglio e risoluzione delle controversie 20, i due regimi sono sostanzialmente identici 21. La CFTC ha conseguentemente reso noto che la sua Division of Swap Dealer and Intermediary Oversight emetterà una lettera di non intervento, specificando che per gli operatori di mercato che sono soggetti ai requisiti di cui al titolo VII del Dodd-Frank Act o di cui all EMIR, lo staff non raccomanderà alcuna misura di contrasto contro partecipanti al mercato nel caso in cui i partecipanti soddisfino gli opportuni requisiti ai sensi dell EMIR, che si presume siano sostanzialmente identici ai requisiti imposti dalla CFTC. 18 Art. 11 Reg. EMIR. 19 Si veda, in particolare, la sec. 731 del Dodd Frank Act, sec. 4s, lett. j e h. 20 Artt. 11, 12, 13 e 14 degli RTS (draft regulation on tecnical standards) ESMA del 27 settembre 2012; le misure per la riconciliazione dei portafogli e la eventuale compressione dei portafogli di derivati (che si ha tra due controparti che abbiano in essere in elevato numero di operazioni al fine di facilitarne la gestione) e la risoluzione delle dispute circa il valore rilevato delle operazioni (dispute resolution) saranno obbligatorie a partire dal 15 settembre La CFTC ha adottato delle final rules, ai sensi della nuova section 4s della section 731 del Dodd-Frank Act, che stabiliscono i requisiti per la documentazione dei rapporti di swap trading, la ratifica, portfolio reconciliation e portfolio compression per gli operatori in swap e major swap participants. Cfr Federal Register/Vol. 77, No. 176/Tuesday, September 11, 2012/Rules and Regulations e Federal Register/Vol. 78, No. 68/Tuesday, April 9, 2013/Rules and Regulations. 6

7 Il documento continua prevedendo che se un derivato OTC è sottoposto alla giurisdizione congiunta ai sensi delle norme di riduzione del rischio degli USA e dell'ue, la conformità all EMIR comporterà la conformità con le relative norme CFTC. Tale valutazione è in corso anche in ambito UE, da parte dell ESMA: laddove anche gli organi comunitari concludano nel senso dell equivalenza dei requisiti, potranno permettere ai partecipanti al mercato la scelta di attenersi alle regole EMIR o alle equivalenti regole CFTC. Una compiuta intesa sui margini di garanzia per gli swap non compensati 22 non pare, invece, ancora definitivamente raggiunta. Nel documento si legge, in proposito, che CFTC e UE stanno lavorando, assieme ad altre autorità di regolamentazione di tutto il mondo, al fine di armonizzare le loro rispettive norme in materia: in attesa che tali norme vengano applicate e fatte rispettare in modo sostanzialmente identico, ciò potrà tradursi in una decisione di equivalenza nella UE ed essere oggetto di conformità sostitutiva da parte della CFTC. 6. La compensazione obbligatoria. CFTC e UE prevedono procedimenti essenzialmente identici per quanto riguarda l'adozione di obblighi di compensazione obbligatoria 23, anche in materia di swap e derivati infragruppo 24. Come rilevato nella discussion, quando la UE adotterà la sua prima determinazione in materia di compensazione obbligatoria a partire dal prossimo anno 25, è probabile che questa riguardi le stesse classi di interest rate swap e di credit default swap della determinazione della CFTC. Sul tema di quali operatori di mercato siano tenuti alla compensazione obbligatoria, gli approcci sono già molto simili. 22 Tra i nuovi (e più stringenti) obblighi imposti dal Regolamento EMIR vi sono quelli che attengono all obbligo di appostare determinati livelli di garanzie collaterali a marginazione delle esposizioni in relazione ai derivati OTC per i quali non si applichino gli obblighi di compensazione tramite CCP (sul punto, V. LA MALFA, cit.). Si vedano, in particolare, gli art. 41 Reg. EMIR e la section 8a(7) del Commodity Exchange Act, così come modificato dalla section 736 del Dodd-Frank Act. 23 Si vedano, sul punto, gli artt. 4 e 5 Reg. EMIR e la sec. 723 Dodd-Frank Act. 24 Sul punto, art. 4, par. 2 Reg. EMIR e CFTC Letter No , 5 aprile Gli obblighi di utilizzo delle controparti centrali (CCP) a fini di compensazione (clearing) di tutte le operazioni in derivati OTC concluse (salvo che non si tratti di operazioni infragruppo o di copertura ) previsti dall EMIR saranno a pieno regime a partire dall estate del 2014: sul punto, D. GAUDIELLO - V. LA MALFA - S. PONTESILLI, Il 15 marzo l EMIR entra in vigore: problematiche ancora aperte e primi suggerimenti operativi, in 7

8 CFTC e UE hanno, in ogni caso, concordato un approccio più rigido alle operazioni transfrontaliere laddove esistano deroghe alla compensazione obbligatoria in una giurisdizione, ma non in un altra. 7. Le norme applicabili ai DCO/CCP. Le norme CFTC ed EMIR sulle Derivatives Clearing Organizations (DCO, o camere di compensazione ) e le controparti centrali (CCP, central counterparties) che sono registrate sia in USA che in UE, sono entrambe basate su standard minimi internazionali. Una differenza sostanziale permane, invece, in tema di copertura del margine iniziale 26. Affermando di voler lavorare congiuntamente in direzione di un obiettivo comune e al fine di evitare una rilevante frammentazione del mercato e l'incertezza circa gli obblighi di compensazione, la CE e la CFTC si sono proposte di far in modo che tali strutture siano in grado di compensare swap e strumenti derivati per i loro membri finché il riconoscimento non sia stato determinato. L'UE potrà raggiungere questo obiettivo attraverso decisioni di equivalenza ed il riconoscimento da parte dell'esma delle controparti centrali straniere, mentre la CFTC farà lo stesso attraverso mirati rimedi di non intervento. 8. Le comunicazioni ai repertori. Al fine di ridurre i rischi e promuovere la trasparenza in un mercato realmente globale quale quello degli swaps, CFTC e UE hanno convenuto di segnalare tutti i derivati OTC ai repertori di dati (Trade Repositories o Swap Data Repositories) 27. CFTC e UE hanno constatato come i loro rispettivi approcci per segnalare le operazioni ai trade repositories siano già molto simili 28, ma si sono impegnate, in ogni caso, a risolvere eventuali questioni tecniche che possano sorgere in linea con le conclusioni che possono essere tratte dalle discussioni in materia nelle sedi internazionali. 26 Si vedano gli art. 41 Reg. EMIR e la section 8a(7) del Commodity Exchange Act, così come modificato dalla section 736 del Dodd-Frank Act. 27 Il repertorio di dati sulle negoziazioni è definito all art. 2, n. 2) EMIR come una persona giuridica che raccoglie e conserva in modo centralizzato le registrazioni sui derivati. 28 Si vedano, sul punto, gli artt. 9 e 77 Regolamento EMIR e la sec. 728 Dodd-Frank Act; gli obblighi di reporting presso gli appositi trade repositories delle informazioni essenziali relative alle operazioni in derivati OTC ai sensi dell EMIR sono entrati in vigore il 1 luglio scorso. 8

9 9. Conclusioni. Risulta evidente, all esito della breve disamina sin qui compiuta sui suoi principali contenuti, come il documento in commento non sia in grado, da solo, di esaurire il tema della regolamentazione transfrontaliera dei derivati OTC, né tantomeno di fugare del tutto i rischi che su particolari questioni, anche di particolare rilievo pratico quali, ad esempio, quelle sui margini di garanzia per gli swap non compensati si verifichino situazioni di concreta incertezza normativa. Un significativo passo avanti in direzione di uno stretto coordinamento e di una effettiva cooperazione legislativa e regolamentare è stato, tuttavia, ormai compiuto e il percorso che pur non si preannuncia breve verso l obiettivo di una regolamentazione certa per il mercato transfrontaliero dei derivati OTC sembra ormai definitivamente intrapreso. 9

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID

La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID Milano, 20 marzo 2013 Avv. Roberto Ciciani La relazione è svolta a titolo personale e non impegna l Amministrazione di appartenenza Il processo

Dettagli

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI 15 Settembre 2014 TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI Avv. CARMINE ONCIA Milano Roma Bruxelles SOMMARIO EMIR AMBITO APPLICATIVO TECNICHE DI

Dettagli

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP A seguire, suddiviso per numero regolamento, l analisi di sintesi dei regolamenti pubblicati sulla gazzetta ufficiale dell Unione Europea. Regolamento

Dettagli

Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT

Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT EMIR e REMIT: giornata di studio EFET sulla regolamentazione finanziaria dei mercati energetici Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT Biagio De Filpo Direzione Mercati Autorità per

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 16 La riforma della regolamentazione finanziaria (cap.5) La riforma finanziaria in Europa La riforma finanziaria negli Stati Uniti 2 La riforma

Dettagli

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Financial Services Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Crisi Finanziaria/ Impegni del G20 Impatti della tecnologia Integrazioni Comunitarie Nuovo schema di vigilanza EU www.pwc.com/it

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO

NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO 1. NOVITÀ NORMATIVE... 3 1.1. BANCA D'ITALIA - Requisito di Copertura della Liquidità e Indice di Leva Finanziaria... 3 1.2. CONSOB Comunicazione sulla prestazione

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 14.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 337/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2010 in merito ad una

Dettagli

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti Norton Rose Fulbright Gianluigi Gugliotta Milano, 11 giugno 2014 MiFID (2004/39/CE) PRINCIPALI OBIETTIVI Favorire ulteriormente l integrazione, la

Dettagli

LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011

LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011 CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011 LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) Il corpus normativo che regola i mercati finanziari all interno dell Unione Europea, meglio conosciuto

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

REMIT - Chiarimenti e linee guida in merito all assolvimento dell obbligo di pubblicazione delle informazioni privilegiate

REMIT - Chiarimenti e linee guida in merito all assolvimento dell obbligo di pubblicazione delle informazioni privilegiate Allegato 1 REMIT - Chiarimenti e linee guida in merito all assolvimento dell obbligo di pubblicazione delle informazioni privilegiate 1. Premessa 1.1 Il Regolamento (UE) n. 1227/2011 del Parlamento europeo

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... Presentazione.... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... VII XVII XIX CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti derivati: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi

Dettagli

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Settembre 2015 MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Francesca Scacchi e Giuseppe Zaghini, Vigilanza su mercati e Servizi di Investimento, Federcasse La Direttiva 2014/65/UE (di seguito

Dettagli

SwapClear si impegna a offrire ai suoi clienti la gamma più completa di opzioni di protezione.

SwapClear si impegna a offrire ai suoi clienti la gamma più completa di opzioni di protezione. EMIR (European Market Infrastructure Regulation) La normativa che disciplina il mercato dei derivati OTC in tutti gli stati membri della UE, per limitare i rischi emersi durante la crisi finanziaria. EMIR

Dettagli

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari POSITION PAPER 8 giugno 2007 1. Premessa L Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI), che con oltre 800 banche

Dettagli

L ANALISI DELLA DISCIPLINA EMIR LA REVISIONE DELLA MIFID

L ANALISI DELLA DISCIPLINA EMIR LA REVISIONE DELLA MIFID L ANALISI DELLA DISCIPLINA EMIR LA REVISIONE DELLA MIFID CON LA COLLABORAZIONE SCIENTIFICA DI 27-2 8 Otto bre 2014 Spazio Chiossetto - via Chio ssetto 2 0, Milan o DESTINATARI Il workshop è rivolto ai

Dettagli

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A.

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail Milano, 27 marzo 2007 Alessandro Zignani 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. 1 Agenda 1. Il mercato obbligazionario

Dettagli

Ordinanza FINMA sull infrastruttura del mercato finanziario

Ordinanza FINMA sull infrastruttura del mercato finanziario 20 agosto 2015 Ordinanza FINMA sull infrastruttura del mercato finanziario Rapporto esplicativo Laupenstrasse 27, 3003 Bern Tel. +41 (0)31 327 91 00, Fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch / Sommario Punti

Dettagli

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010.

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010. Aprile 2014 Recepimento della AIFMD in Italia e spunti EMIR Laura Francazi, Allen & Overy Il decreto legislativo 1 che recepisce in Italia le disposizioni della direttiva europea sui gestori di fondi di

Dettagli

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi Scuola di Economia e Management DISAG- Dipartimento di Studi aziendali e Giuridici Corso di Diritto Europeo della Banca e della Finanza (EGIF) Prof.ssa Antonella Brozzetti a.a. 2015-2016 Le riforme delle

Dettagli

DIRITTO PROSPETTIVE. collana diretta da Paolo Cendon

DIRITTO PROSPETTIVE. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO PROSPETTIVE collana diretta da Paolo Cendon 6 DIRITTO PROSPETTIVE collana diretta da Paolo Cendon Proposte di politica del diritto, storie di vita vissuta, questioni al di là dei confini (globali,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 114,

(Testo rilevante ai fini del SEE) visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 114, L 173/84 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 REGOLAMENTO (UE) N. 600/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 sui mercati degli strumenti finanziari e che modifica il

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina della gestione collettiva del risparmio

Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina della gestione collettiva del risparmio FINANCIAL INSTITUTIONS ENERGY INFRASTRUCTURE, MINING AND COMMODITIES TRANSPORT TECHNOLOGY AND INNOVATION PHARMACEUTICALS AND LIFE SCIENCES Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina

Dettagli

2. le modalità per determinare l autorità competente ai fini dell esenzione, specie nel caso di istanti residenti in Paesi extra-ue;

2. le modalità per determinare l autorità competente ai fini dell esenzione, specie nel caso di istanti residenti in Paesi extra-ue; Comunicazione congiunta Banca d Italia/Consob in merito al recepimento degli Orientamenti emanati dall AESFEM (ESMA), concernenti l esenzione per attività di supporto agli scambi (market making) e operazioni

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Novembre 2011 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 53, paragrafo 1,

(Testo rilevante ai fini del SEE) visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 53, paragrafo 1, 12.6.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 173/349 DIRETTIVA 2014/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 23.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 148/2013 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2012 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

POSITION PAPER. 23 novembre 2007

POSITION PAPER. 23 novembre 2007 Risposta ABI alla consultazione della CONSOB sulla Comunicazione contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Mercati adottato in attuazione della MiFID 23 novembre 2007 POSITION

Dettagli

REGOLAMENTO relativo al prestito obbligazionario denominato: BANCO POPOLARE S.C. - OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER 2 A TASSO VARIABILE 2015/2022 CON

REGOLAMENTO relativo al prestito obbligazionario denominato: BANCO POPOLARE S.C. - OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER 2 A TASSO VARIABILE 2015/2022 CON Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX.

Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX. MODIFICA AL REGOLAMENTO DI EUROTLX Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX. Il nuovo regolamento entrerà in vigore lunedì 14 luglio 2014, compatibilmente con

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto condivide l iniziativa

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa... INDICE Presentazione... Premessa... pag. VII XV CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti «derivati»: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi presenti nell attività finanziaria...

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

COMMENTI DI BORSA ITALIANA ALLA CONSULTAZIONE SULLA COMUNICAZIONE IN TEMA DI MERCATI

COMMENTI DI BORSA ITALIANA ALLA CONSULTAZIONE SULLA COMUNICAZIONE IN TEMA DI MERCATI Allegato 1 COMMENTI DI BORSA ITALIANA ALLA CONSULTAZIONE SULLA COMUNICAZIONE IN TEMA DI MERCATI Nelle pagine successive sono riportate le osservazioni alle proposte di modifica che riguardano la Comunicazione

Dettagli

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi Presentazione XI Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi 1.1. Articolazione del capitolo 1 1.2. Alcune definizioni preliminari 2 1.2.1. Premessa 2 1.2.2. Valori mobiliari, strumenti

Dettagli

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob marzo 2012 Delibera Cda del 16 maggio 2012 Indice BCC di Valledolmo

Dettagli

Legge federale sull infrastruttura del mercato finanziario (Legge sull infrastruttura finanziaria; LInfFin)

Legge federale sull infrastruttura del mercato finanziario (Legge sull infrastruttura finanziaria; LInfFin) Dipartimento federale delle finanze DFF 29 novembre 2013 Legge federale sull infrastruttura del mercato finanziario (Legge sull infrastruttura finanziaria; LInfFin) Rapporto esplicativo per la procedura

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

11 DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI ALLA CLIENTELA RETAIL: CONSOB

11 DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI ALLA CLIENTELA RETAIL: CONSOB 1 2 OBBLIGHI DI SEGNALAZIONE STATISTICA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL NUOVO REGOLAMENTO OICVM: L ESMA PONE IN CONSULTAZIONE UN DISCUSSION PAPER

Dettagli

Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia

Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia 2011/0296(COD) 4.5.2012 EMENDAMENTI 1-9 Progetto di parere Holger Krahmer (PE486.103v01-00) del Parlamento europeo e del

Dettagli

Legge federale sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento sul mercato nel commercio di valori mobiliari e derivati

Legge federale sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento sul mercato nel commercio di valori mobiliari e derivati Decisioni del Consiglio nazionale del 17.6.2015 Proposta della Commissione del Consiglio degli Stati del 17.6.2015: adesione Legge federale sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING UN RECENTE STUDIO COMUNITARIO TRA EVOLUZIONE NORMATIVA E PROSPETTIVE Luca Di Majo La Direzione Generale sulle politiche interne in seno al Parlamento Europeo ha recentemente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia

I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia 1 I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia 24 gennaio 2014 Servizio Sistema dei pagamenti Marco Piccinini - 1 - 2 Sommario Il Sistema dei pagamenti: definizione,

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID Simone D Ippolito Markets Regulation Borsa Italiana Milano, 15 aprile 2008 Contenuti Aspetti generali L obbligo di best execution La strategia

Dettagli

intermediari Discussion

intermediari Discussion CONSOB Presentazione della Relazione per il 2013 Roma, 12 maggio 2014 La vigilanza sui mercati e sugli intermediari Discussion Giovanni Petrella Università Cattolica, Milano giovanni.petrella@unicatt.it

Dettagli

Workshop sulle Misure di Livello 2

Workshop sulle Misure di Livello 2 Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Martina Mosco Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide rappresentano una sintesi

Dettagli

Il cantiere europeo della previdenza complementare

Il cantiere europeo della previdenza complementare Il cantiere europeo della previdenza complementare Antonello Motroni Roma, 20 novembre 2014 Agenda Ue Long term financing investments (LTFI) - Revisione direttiva Iorp Proposta di regolamento su indici

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA

POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO 0/9 VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA CONSULTAZIONE SULLA

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

BANCA D ITALIA US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 TTIP Outline della presentazione Rilevanza degli scambi

Dettagli

BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Adottata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 28 settembre 2009. Riconfermata dal Consiglio

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 16/11/2011 ai sensi dell art. 45 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 del 23 maggio 2014 1) Poteri dell EIOPA e dell ESMA: pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell Unione Europa la Direttiva 2014/51/UE 2) CRR e CRD IV: pubblicate in Gazzetta

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Studio Ceresani. Studio Ceresani. Certified Public Accountant Tax and Business Consultant. Dott. Maurizio Ceresani

Studio Ceresani. Studio Ceresani. Certified Public Accountant Tax and Business Consultant. Dott. Maurizio Ceresani Certified Public Accountant Tax and Business Consultant Dott. Maurizio Revisore contabile e tributarista Spett.le ISVAP - Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI/STRUMENTI FINANZIARI. Divisione Banca dei Territori

LINEE GUIDA PER LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI/STRUMENTI FINANZIARI. Divisione Banca dei Territori LINEE GUIDA PER LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI/STRUMENTI FINANZIARI Divisione Banca dei Territori Ottobre 2010 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 LINEE GUIDA E CRITERI PER LA SELEZIONE DI EMITTENTI DI PRODOTTI/STRUMENTI

Dettagli

La gestione operativa del collaterale nel framework EMIR

La gestione operativa del collaterale nel framework EMIR La gestione operativa del collaterale nel framework EMIR Milano, 29 e 30 maggio 2014 In partnership con Un occasione di confronto sulla gestione contrattuale e operativa del collaterale. I partner dell

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 53, paragrafo 1,

(Testo rilevante ai fini del SEE) visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 53, paragrafo 1, 12.6.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 173/349 DIRETTIVA 2014/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la

Dettagli

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING Edizione aprile 2013 1 Premessa L art. 114, comma 7, del D. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUIF ) introdotto nell

Dettagli

STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI Strategia sull esecuzione degli ordini La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) è la Direttiva Europea entrata in vigore dal 1 Novembre 2007, che ha

Dettagli

NEWSLETTER n. 27 MARZO 2015 SOMMARIO

NEWSLETTER n. 27 MARZO 2015 SOMMARIO NEWSLETTER n. 27 MARZO 2015 SOMMARIO 1. NOVITÀ NORMATIVE... 3 1.1. BANCA DI ITALIA - ultimo aggiornamento alla Circolare n. 154 in materia di segnalazioni di vigilanza... 3 1.2. BANCA DI ITALIA - Operazioni

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina i dei imercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI EXECUTION-TRANSMISSION POLICY

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI EXECUTION-TRANSMISSION POLICY STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI O EXECUTION-TRANSMISSION POLICY Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12/05/2008 ai sensi dell art. 45 del Regolamento

Dettagli

La normativa EMIR e l obbligodireporting. Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading

La normativa EMIR e l obbligodireporting. Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading La normativa EMIR e l obbligodireporting Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading Roma, 23 gennaio 2014 L impianto normativo di EMIR Il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT)

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) Sintesi Sintesi Nel 2013 l EIOPA ha continuato a sviluppare il suo ruolo e profilo nel panorama europeo della vigilanza. La relazione annuale 2013 definisce i principali

Dettagli

Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015

Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015 Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015 OGGETTO: Decreti legislativi nn. 180 e 181 del 16 novembre 2015 di recepimento della direttiva 2014/59/UE. Prestazione dei servizi e delle attività di investimento,

Dettagli

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID)

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) (e relative norme di 2 livello: Direttiva 2006/73/CE e Regolamento 1287/2006) Regulation & Post Trading Division Fabrizio Plateroti Elena

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Martina Tambucci Consob, Divisione Mercati Le opinioni espresse sono a titolo personale e non impegnano

Dettagli

Maggio 2014. Il fenomeno ibrido dei crossing system: una valutazione alla luce dell attuale normativa e nell ottica della riforma MiFID II

Maggio 2014. Il fenomeno ibrido dei crossing system: una valutazione alla luce dell attuale normativa e nell ottica della riforma MiFID II Maggio 2014 Il fenomeno ibrido dei crossing system: una valutazione alla luce dell attuale normativa e nell ottica della riforma MiFID II Prof. Filippo Annunziata, Annunziata & Conso - Milano, Università

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 23.3.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 91/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 3 marzo 2011 concernente la proposta

Dettagli

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari Ànanziari, di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione 1 1.1.1. Le fonti comunitarie 3 1.1.2. L

Dettagli

Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia

Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia Avv. Lorenzo Parola Avv. Silvia Morlino Milano, 30 giugno 2008 Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia Sommario La riserva di attività

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell

Dettagli