Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano"

Transcript

1 Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano Barbara Alemanni Università Bocconi Alessandra Franzosi Borsa Italiana R&D Opening Trading Online Expo 20 Ottobre 2005 Milano

2 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 2

3 Finalità dell indagine Diversi sono gli indicatori che testimoniano la rilevanza dell e-finance e del trading online per il mercato finanziario italiano, sia in termini attuali che prospettici: Finalità e popolazione di indagine il potenziale massimo di penetrazione è ampio e l Italia è considerata un emerging market in ambito europeo: 15 milioni di risparmiatori banked utilizzano Internet (DigitalFinance, 2005); i tassi di penetrazione dell e-trading sono crescenti: nel 2004 sono stati aperti nuovi conti e-trading (KPMG, 2005); il mercato italiano presenta un elevata incidenza della partecipazione del retail: la quota di scambi effettuata sui mercati gestiti da Borsa Italiana e proveniente dal trading online è stimata per le azioni pari al 30% dei contratti e all 20% del controvalore negoziato, per i derivati al 6% dei contratti standard, al 20% dei trades e al 12% del controvalore nozionale (gennaiosettembre 2005). L industry presenta dei tratti di stabilità con riferimento al bacino complessivo di coloro che utilizzano il canale online per effettuare attività abituale di negoziazione. Ciò rende importante una riflessione ampia su attitudini e comportamenti dei traders. Borsa Italiana ha promosso una seconda indagine sui trader online italiani (TOL): Effettuata, in collaborazione con GfK Eurisko, attraverso interviste telefoniche (203) svolte nel mese di luglio 2005; prosegue l attività di analisi iniziata con l indagine di fine 2003 e presentata alla TOL Expo del maggio 2004, mostrando sia aspetti di continuità che di novità: struttura del portafoglio e dell operatività soprattutto in azioni e derivati, con particolare riferimento all evoluzione rispetto alla fine del 2003; analisi delle attitudini dei trader online alla luce delle principali teorie di finanza comportamentale. 3

4 Finalità e popolazione di indagine Diffusione del trading online in Italia (2005, stime) 15 milioni 3,7 milioni 520 mila mila mila 14% conti attivi 75% 85% conti inattivi 90% 10% 50% 50% Popolazione di riferimento Campione di indagine 203 interviste telefoniche Risparmiatori utilizzatori di Internet Conti di e-trading (1) aperti Conti con almeno un trade TOL NON SALTUARI (almeno 2 trades al mese) TOL attivi Day & heavy traders (1) Sono definiti di e-trading i conti corrente online con un conto titoli Elaborazioni Borsa Italiana R&D su dati Banca d Italia (2004), BNL-Centro Einaudi (2003), Borsa Italiana, DigitalFinance (2005) e KPMG (2005) 4

5 Anno di inizio dell operatività online Finalità e popolazione di indagine 10.0% 53.7% D&H traders FASE DI MATURAZIONE FASE DI AVVIO e CRESCITA TOL attivi Nel 2003 Nel % Prima del % Nel % 56.0% 51.5% 32.0% 40.6% 12.4% 12.0% 7.9% Nel % Nel % Avvio e crescita Consolidamento Maturazione ESPERIENZA MEDIA FASE DI CONSOLIDAMENTO 36.3% 5 anni Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: 203 interviste 5

6 Sintesi delle caratteristiche socio-demografiche dei TOL Finalità e popolazione di indagine I TOL intervistati presentano un profilo socio-demografico specifico rispetto alla popolazione italiana e sembrano mutuare alcune caratteristiche che connotano entrambe i target da cui derivano, ovvero i risparmiatori e gli utilizzatori di Internet. Il negoziatore online è tipicamente: un maschio: 96,6% rispetto al 48,7% della popolazione; residente nel Nord Ovest: 36,0% rispetto al 24,7% della popolazione; tra i 35 e i 44 anni: 35,0% rispetto al 22,0% della popolazione; libero professionista, lavoratore autonomo o imprenditore: 37,5% rispetto al 4,5% della popolazione; ha una cultura medio-alta: il 48,8% è laureato contro il 6,7% della popolazione; ha una buona situazione reddituale: il 51,1% dichiara di avere un reddito mensile familiare superiore ai euro. Sono accomunati all insieme dei risparmiatori dalla localizzazione geografica (concentrazione nelle regioni del Nord Italia). Come gli Internet users i TOL presentano un età media inferiore e una maggiore scolarizzazione. La maggior presenza di maschi caratterizza entrambe i target. 6

7 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 7

8 Canali e intermediari Modalità e canali di negoziazione Negozia solo online 48.3% Negozia anche con altre modalità 51.7% D&H 52,0% Attivi 44,6% Di persona in filiale 24.5% 32.7% D&H traders TOL attivi Di persona, a casa 2.9% 6.9% Call center, telefono 19.6% 19.8% Altro 1.0% 4.0% 0% 10% 20% 30% 40% Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 8

9 Tipologia di intermediari online utilizzati Canali e intermediari D&H traders TOL attivi INTERMEDIARI ONLINE UTILIZZATI PRINCIPALE INTERMEDIARIO ONLINE Solo specializzati Solo specializzati Entrambi Entrambi Solo non specializzati Solo non specializzati 30.6% 25.0% 23.5% 14.1% 27.9% 18.9% 45.9% 53.2% 60.9% Specializzati Specializzati Non specializzati Non specializzati 46.1% 29.7% 53.9% 70.3% 0% 20% 40% 60% 70.3% Solo grandi gruppi Solo grandi gruppi Entrambi Entrambi Non grandi gruppi Non grandi gruppi 35.7% 43.2% 51.1% 25.4% 20.0% 15.2% 39.8% 36.8% 33.7% Grandi gruppi Grandi gruppi Non grandi gruppi Non grandi gruppi 40.2% 52.5% 59.8% 47.5% 0% 20% 40% 60% 0% 20% 40% (1) Intermediari specializzati citati: Directa Sim, Fineco, IWBank, Millenium Sim, Online Sim, Piazza Affari Sim, Twice Sim, intermediari esteri (2) Grandi gruppi citati: BNL, Capitalia (con Fineco), Generali (con Banca Primavera), Intesa (con Intesa Trade), Monte Paschi (con Banca 121), San Paolo IMI (con Fideuram), Unicredito (con Xelion) Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 9

10 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 10

11 Portafoglio dei TOL % di intervistati che detengono al momento dell intervista lo strumento D&H traders Portafoglio TOL attivi C/c e depositi con finalità di investimento 59.6% 61.8% 57.4% Titoli di Stato 26.6% 26.5% 26.7% Titoli obbligazionari 40.4% 41.2% 39.6% Azioni: 92.6% 89.2% 96.0% - quotate in Borsa Italiana - quotate su borse estere 36.0% 91.6% 88.2% 95.0% 36.3% 35.6% Fondi azionari 52.2% 45.1%* 59.4%* Altri fondi 33.5% 30.4% 36.6% Gpm e Gpf 9.4% 9.8% 8.9% Polizze o fondi pensione 57.6% 59.8% 55.4% Strumenti derivati: 28.6% 45.1%* 11.9%* - Securitised derivatives 14.3% 20.6%* 7.9%* - Futures e opzioni 19.2% 31.4%* 6.9%* ETF 19.7% 20.6% 18.8% 0% 20% 40% 60% 80% * indica la significatività statistica al 90% delle differenze tra i D&H traders e i TOL attivi Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 11

12 Investimenti dei TOL nel biennio precedente % di intervistati che hanno detenuto, acquistato o venduto lo strumento D&H traders Portafoglio TOL attivi C/c e depositi con finalità di investimento Titoli di Stato Titoli obbligazionari 42.4% 51.7% 65.0% 69.6% 60.4% 44.1% 40.6% 49.0% 54.5% Azioni: - quotate in Borsa Italiana - quotate su borse estere 48.3% 96.6% 95.1% 94.1% 99.0% 92.2%* 98.0%* 52.0% 44.6% Fondi azionari Altri fondi 60.6% 41.9% 55.9% 65.3% 40.2% 43.6% Gpm e Gpf 13.8% 15.7% 11.9% Polizze o fondi pensione 60.6% 63.7% 57.4% Strumenti derivati: - Securitised derivatives - Futures e opzioni ETF 43.1% 28.1% 25.6% 26.1% 0% 20% 40% 60% 80% 60.4%* 25.7%* 38.2%* 17.8%* 36.3%* 14.9%* 25.5% 26.7% * indica la significatività statistica al 90% delle differenze tra i D&H traders e i TOL attivi Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 12

13 Portafoglio Confronto con i risultati dell indagine di fine 2003 Investimenti nel periodo D&H traders Portafoglio di fine periodo TOL attivi 13.0% Titoli di Stato 7.6% 4.1% 10.0% 3.1% Titoli obbligazionari 8.8% 6.9% 12.6%* -5.9% * -1.3% Azioni 1.4% 7.1%* -6.4% * 1.7% - quotate in Borsa Italiana 0.4% 6.9% -2.1% - quotate su borse estere -5.6% 5.7% 7.8% 14.0% Fondi azionari 15.4%* 9.0% 14.2%* 9.1% Altri fondi 14.2%* -1.6% 4.1% -1.8% Strumenti derivati 8.6% -21.9%** -6.4% -1.0% - Securitised derivatives 8.4% -21.1%** -3.1% -8.3% 1.7% - Futures e opzioni -7.3% -1.0% 12.0%* 13.8%** ETF 17.2%** 11.7%** 13.8% -20% -15% -10% -5% 0% 5% 10% 15% -5% 0% 5% 10% 15% *, ** indicano la significatività statistica al 95% e al 99% delle differenze tra la rilevazione del luglio 2005 (investimenti del biennio precedente) e quella di fine 2003 (investimenti del triennio precedente). Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 13

14 Utilizzo del canale online per prodotto % di intervistati che ha movimentato online lo strumento corrispondente, per tipologia di strumento D&H traders Portafoglio TOL attivi Titoli di Stato 53.5% 53.3% 65.3% 53.7% 52.1% Titoli obbligazionari 59.0% 60.0% 52.9% 58.2% 46.6% Azioni italiane 97.4% 95.7% 95.9% 99.0% 96.7% Azioni estere 81.6% 83.0% 89.8% 80.0% 83.5% Fondi azionari 45.5% 48.1% 38.9% 45.5% 33.7% Fondi monetari, obbl. e bilanciati 36.5% 45.6% 39.0% 34.1% 35.2% Securitised derivatives 91.2% 92.3% 75.8% 88.9% 75.6% Futures e opzioni 88.5% 94.6% 87.9% 73.3% 68.0% ETF 79.2% 88.5% 90.4% 70.4% 74.7% 0% 20% 40% 60% 80% In presenza del canale online questo diviene prevalente o esclusivo in pressoché tutti i casi confermando i risultati del 2003 Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: coloro che hanno dichiarato di aver investito nello strumento corrispondente 14

15 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 15

16 Operatività in azioni: numero di azioni negoziate Focus sulle azioni NUMERO DI AZIONI NEGOZIATE D&H traders TOL attivi Oltre % Fino a % 18.2% 39.6% 34.1% 34.1% 27.3% 25.0% 22.0% 9.9% Da 11 a % Da 6 a % Fino a 5 Da 6 a 10 Da 11 a 20 Oltre 20 NUMERO MEDIO DEI AZIONI Gli investitori in azioni possiedono nel 51,0% dei casi una azione e nel 74,9% due (1) D&H 18 Attivi 12 (differenza statisticamente significativa al 5%) (1) Franzosi, Grasso e Pellizzoni Investitori retail e Borsa, BItNotes n. 12 (novembre 2004) Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni negli ultimi 2 anni (193 rispondenti, di cui 94 D&H e 99 TOL attivi, % al netto dei non indica) 16

17 Focus sulle azioni Tipologia di azioni negoziate nei dodici mesi precedenti TIPOLOGIA DI AZIONI NEGOZIATE (% intervistati, percepito) I TITOLI ITALIANI TOP 10 (ranking di diffusione presso gli intervistati) Azioni estere Blue chips Mid & small caps 32.6% 29.9% 89.1% 91.8% 65.2% 60.8% 0% 30% 60% 90% D&H traders TOL Attivi TELECOM ITALIA 1 2 ENEL 2 1 ENI 3 4 STMICROELECTRONICS 4 3 FIAT 5 10 TIM 6 6 CAPITALIA 7 BANCA INTESA 8 8 GENERALI 9 5 FIDEURAM 10 UNICREDITO 7 SAN PAOLO IMI 9 Indice di correlazione (Indice di Spearman tra D&H e Attivi) D&H traders TOL attivi 0.70 Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni negli ultimi 2 anni (193 rispondenti, di cui 94 D&H e 99 TOL attivi, % al netto dei non indica). 17

18 Classe di rischio delle azioni italiane negoziate (1) Focus sulle azioni CATEGORIA DI RISCHIO DELLE AZIONI NEGOZIATE DAGLI INTERVISTATI (% intervistati) FREQUENZA DI NEGOZIONE DELLE AZIONI MENZIONATE PER CATEGORIA DI RISCHIO (% titoli citati) Basso 80.9% 73.7% Basso 24.3% 41.4% Medio basso 54.5% 63.8% Medio basso 22.4% 21.5% Medio 34.3% 52.1% Medio 14.3% 20.8% Medio alto 49.5% 52.1% Medio alto 14.6% 19.4% Alto 27.3% 26.6% Alto 7.4% 13.9% 0% 20% 40% 60% 80% 0% 10% 20% 30% 40% 50% D&H traders TOL attivi % su titoli % su titoli pesati per la frequenza (1) Il livello di rischio è definito ripartendo in quintili la distribuzione delle azioni quotate presso i mercati di Borsa Italiana e ordinate in base a una misura di value at risk Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni negli ultimi 2 anni (193 rispondenti, di cui 94 D&H e 99 TOL attivi, % al netto dei non indica); Base: numero di titoli citati (153) 18

19 Operatività in azioni: valore medio dei trades DISTRIBUZIONE VALORE TRADES IN AZIONI Focus sulle azioni D&H traders TOL attivi Oltre % Fino a % 47.7% 60.4% 11.0% 4.5% 26.1% 23.1% 21.6% 5.5% Da a % Da a % Fino a Oltre Dimensione media contratti azionario Italia (gennaio-ottobre 2005, euro): Blue Chip Star Standard Expandi VALORE MEDIO DEI TRADES D&H Attivi (differenza stastisticamente significativa al 5%) Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni negli ultimi 2 anni (193 rispondenti, di cui 94 D&H e 99 TOL attivi, le % sono al netto dei non indica) 19

20 Focus sui derivati Strumenti derivati negoziati nel corso degli ultimi 12 mesi NEGOZIATI* NEGOZIATI PER TIPOLOGIA DI TOL** % intervistati % intervistati per cui è lo strumento più negoziato D&H traders TOL Attivi Covered warrants 48.8% 40.2% 44.3% 60.0% Certificates 8.1% 3.7% 11.5% Futures su indice 25.6% 48.8% 40.0% 52.5% Future su azioni 17.4% 6.1% 19.7% 12.0% Opzioni su indice 18.6% 3.7% 18.0% 20.0% Opzioni su azioni 23.3% 11.0% 23.0% 24.0% Futures su tassi Futures materie prime Altro, non indica 16.3% 4.9% 10.5% 3.7% 2.4% 2.4% 21.3% 4.0% 13.1% 4.0% 3.2% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 0% 20% 40% 60% Fonte: Borsa Italiana - R&D. *Base: TOL che negoziano strumenti derivati (86, di cui 61 D&H e 25 TOL attivi) 20

21 Derivati su indici azionari TIPOLOGIA DI DERIVATI (% risposte) Focus sui derivati ASPETTI RILEVANTI PER LA SCELTA (scala da 4 a 1) Securitised derivatives 31.8% Molto Abbastanza Poco Per niente Media Futures 49.4% Volatilità indice 70.0% 23.3% 3.63 Opzioni 18.8% Composizione indice 36.7% 43.3% 3.10 TIPOLOGIA DI SOTTOSTANTE (% risposte) Ctvl min negoziazione 26.7% 41.7% 2.88 S&P/MIB 59.2% Valore margine gar 30.0% 36.7% 2.86 DAX 20.4% Liquidità contratto 86.7% 3.87 S&P500 Nasdaq 8.2% 8.2% Costi trades 58.3% 25.0% 3.40 Altro 4.1% Facilities piattaforma 61.7% 26.7% 3.51 Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: totale rispondenti per ciascuna domanda (46 per i sottostanti) 21

22 Derivati su singoli titoli TIPOLOGIA DI DERIVATI (% risposte) Focus sui derivati ASPETTI RILEVANTI PER LA SCELTA (scala da 4 a 1) Securitised derivatives 47.0% Molto Abbastanza Poco Per niente Media Futures 22.7% Volatilità titolo 68.8% 25.0% 3.60 Opzioni 30.3% Liquidità titolo 64.6% 25.0% 3.50 PRINCIPALI SOTTOSTANTI (% risposte) Lotto min derivato 22.9% 35.4% 2.72 STM 15.2% Valore margine gar 22.9% 41.7% 2.82 ENI FIAT 13.6% 12.1% Liquidità contratto 66.7% 3.55 ENEL TELECOM GENERALI 4.5% 7.6% 10.6% Costi trades Facilities piattaforma 43.8% 47.9% 37.5% 39.6% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: intervistati che hanno risposto a ciascuna domana (66 per i sottostanti) 22

23 Focus sull operatività in azioni e derivati Frequenza di negoziazione di azioni e derivati % di intervistati che ha movimentato lo strumento corrispondente, per frequenza di negoziazione Blue Chip D&H* Attivi* 2003 Mid&Small D&H* Attivi* 81.4% Estere Futures e opzioni D&H* Attivi* D&H* Attivi* Almeno 1 volta al giorno (% D&H traders) 27.8% 58.6% SeDex D&H* Attivi* 36.4% 0% 20% 40% 60% 80% 100% oltre 10 volte al giorno 6/10 volte al giorno 3/5 volte al giorno 1/2 volte al giorno 1 volta ogni 2/3 giorni 1 volta la settimana 1 volta ogni 15 giorni 1 volta al mese Meno di 1 volta al mese * Sono definiti D&H* coloro che hanno dichiarato di negoziare giornalmente azioni o derivati Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: per ogni strumento, coloro che lo hanno negoziato negli ultimi 12 mesi 23

24 Le frequenze di negoziazione relative Focus sull operatività in azioni e derivati Frequenze di negoziazione sui singoli strumenti, posta uguale a 1 la frequenza di negoziazione sulle blue chip italiane (2005) e sulle azioni italiane (2003) D&H traders TOL attivi Blue chip Mid & Small Azioni estere Futures e opzioni Sec derivs Rapporto tra numero medio di trades dei D&H* traders e TOL attivi, per prodotto 15x 17x 12x 21x 19x Azioni Italia Azioni estere Futures e opzioni Sec derivs 25x 23x 30x 27x * Sono definiti D&H* coloro che hanno dichiarato di negoziare giornalmente azioni o derivati Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: per ciascuno strumento, TOL che lo hanno negoziato nel corso degli ultimi 12 mesi 24

25 I mercati di negoziazione Focus sull operatività in azioni e derivati Azioni (196) Covered Warrant (42) 50.0% 88.1% 48.5% D&H Attivi 22,5% 5,9% Certificates (7) 71.4% 14.3% New York Stock Exchange Chicago Mercantile Exchange Futures indici azionari (42) 52.4% 35.7% Nasdaq 4 1 Futures su azioni (15) 86.7% Euronext Eurex Opzioni indici azionari (16) 68.8% 31.2% Deutsche Borse London Stock Exchange Opzioni su azioni (20) 75.0% 15.0% Liffe 7 5 Futures tassi e cambi (14) OM Group Bolsa de Madrid Futures materie prime (9) Preferisce non indicare 9% - Borsa Italiana Entrambi Altri mercati Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni o strumenti derivati; in parentesi è indicata la base per ogni strumento; Base: coloro che hanno negoziato su mercati esteri (29) 25

26 Motivi di acquisto delle azioni quotate Focus sull operatività in azioni e derivati D&H traders TOL attivi Risultati societari positivi Indicatori di analisi tecnica favorevoli Positiva dinamica passata dei prezzi Settori con buone opportunità di crescita Alti dividendi Società conosciute a livello nazionale Volatilità Buon livello di conoscenza e informazioni sulla società Rumors/ indiscrezioni Buona liquidità Intuito/buona sorte Altro 4.3% 10.1% 4.3% 10.1% 11.7% 18.7% 17.0% 18.2% 6.4% 11.1% 3.2% 7.1% 3.2% 4.0% 9.6% 11.1% 5.3% 3.0% 9.7% 5.0% 44.7% 41.4% 48.9% 36.4% Representativeness Familiarity 0% 10% 20% 30% 40% 50% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che possiedono azioni italiane o estere (193) 26

27 Focus sull operatività in azioni e derivati Motivi di mantenimento in portafoglio e vendita delle azioni MOTIVI PER IL MANTENIMENTO MOTIVI PER LA VENDITA Mi aspettavo una crescita dei prezzi 68.8% 71.0% Ho voluto realizzare il guadagno 55.3% 52.5% Uscirei con una perdita 19.8% 14.0% Ho voluto vendere prima di perdere di più 11.7% 21.2% Mi danno buoni dividendi 16.7% 21.0% Non mi assicuravano più alti dividendi 2.1% 4.0% Non ho bisogno di smobilizzare Logica di high turnover 2.1% 3.0% 7.3% 6.0% Disposition effect Seeking of pride Volevo investire in altri prodotti Ho avuto bisogno di contanti 5.3% 6.1% 2.1% 4.0% Altro 5.1% 8.0% Mi ero dato delle regole 14.9% 17.2% Indicazioni di analisi tecnica 18.1% 11.1% 0% 20% 40% 60% Informazioni negative sulla società 11.7% 8.1% D&H traders TOL attivi Altro 4.2% 5.0% 0% 20% 40% 60% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che possiedono azioni italiane o estere (193) 0% 20% 40% 60% 27

28 Focus sull operatività in azioni e derivati La negoziazione di strumenti derivati: motivazioni PERCHE NEGOZIA STRUMENTI DERIVATI? Per guadare con limitato investimento iniziale (leva) 57.4% 56.0% Speculazione Per fare coperture Per divertimento Per guadagnare quando il mercato perde Per diversificare Altre motivazioni 26.2% 12.0% 13.1% 16.0% 4.9% 8.0% 3.3% 4.0% 1.6% 4.9% 12.0% 0% 20% 40% 60% D&H traders TOL attivi Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato o detenuto strumenti derivati nei due anni precedenti (83) 28

29 Focus sull operatività in azioni e derivati La negoziazione di strumenti derivati: difficoltà INCONTRA DIFFICOLTA NELLA NEGOZIAZIONE DEI DERIVATI? QUALI? Non negoziatori di derivati 57.6% 42.4% Negoziatori di derivati SI incontro delle difficoltà 57.0% NO nessuna difficoltà 43.0% (base=100) Scarsa negoziabilità (emittente e liquidità) Struttura dello strumento troppo complessa Il software della piattaforma è complesso Non è chiaro il funzionamento degli strumenti Difficile monitorare andamento Altre motivazioni 5.5% 5.5% 15.0% 12.5% 10.0% 60.7% D&H Nel confronto con il 2003 è in flessione la quota di coloro che hanno difficoltà di negoziazione degli strumenti derivati (61,3%) 52.5% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato o detenuto strumenti derivati nei due anni precedenti (83) 29

30 Focus sull operatività in azioni e derivati La non negoziazione di strumenti derivati: motivazioni PERCHE NON NEGOZIA STRUMENTI DERIVATI? Non ho le competenze 44.4% 42.4% Negoziatori di derivati Troppo rischiosi Ci vuole troppo tempo per seguirli 11.1% 21.3% 37.5% 31.1% 38.8% Non li conosco 12.5% 17.8% 57.6% Non negoziatori di derivati (base=100) Non sono utili Richiedono un investimento minimo troppo elevato Sconsigliati, non consigliati da intermediario Altre motivazioni 2.5% 1.3% 6.7% 5.0% 15.6% D&H traders TOL attivi 0% 20% 40% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato o detenuto strumenti derivati nei due anni precedenti (125) 30

31 Focus sull operatività in azioni e derivati Patrimonio negoziato online con finalità di breve termine % di intervistati per classe di patrimonio finanziario destinato alla negoziazione di breve termine 40% D&H traders TOL attivi % MEDIA PATRIMONIO 30% D&H 39,2% Attivi 28,9% (differenza statisticamente significativa al 5%) 20% 10% 1-10% 11-20% 21-30% 31-40% 41-50% 51-70% 71-90% 100% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: Tol che dedicano una % del patrimonio finanziario all attività di negoziazione di breve termine diversa da zero (186) 31

32 Strumenti negoziati con finalità di breve termine 1-10% 11-20% Focus sull operatività in azioni e derivati Famiglia di strumenti più importante per la negoziazione a breve, suddivisa per quota del patrimonio destinato alla negoziazione a breve termine 21-30% 31-40% 41-50% 51-70% 71-90% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% AZIONI ITALIA AZIONI ESTERE TITOLI DI STATO OBBLIGAZIONI FONDI CW/CERTIFICATES FUTURES/OPZIONI ETF Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: Tol che dedicano una % del patrimonio finanziario all attività di negoziazione di breve termine diversa da zero (186) 32

33 1-10% 11-20% Focus sull operatività in azioni e derivati Strumenti negoziati con finalità di breve termine Seconda famiglia di strumenti più importante per la negoziazione a breve, suddivisa per quota del patrimonio destinato alla negoziazione a breve termine 21-30% 31-40% 41-50% 51-70% 71-90% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% AZIONI ITALIA AZIONI ESTERE TITOLI DI STATO OBBLIGAZIONI FONDI CW/CERTIFICATES FUTURES/OPZIONI ETF Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: Tol che dedicano una % del patrimonio finanziario all attività di negoziazione di breve termine diversa da zero (186) 33

34 Rischio e portafoglio di breve termine 1-10% 11-20% Focus sull operatività in azioni e derivati Classe di rischio delle azioni italiane negoziate, suddiviso per quota del patrimonio movimentato per ragioni di breve termine 21-30% 31-40% 41-50% 51-70% 71-90% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% AZIONI A BASSO VAR AZIONI A MEDIO BASSO VAR AZIONI A MEDIO VAR AZIONI A MEDIO-ALTO VAR AZIONI AD ALTO VAR Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: intervistati che dedicano una parte del patrimonio alla negoziazione a breve 34

35 Performance nel trading online Focus sull operatività in azioni e derivati GUADAGNO CONSEGUITO ONLINE NEGLI ULTIMI 12 MESI GUADAGNO ATTESO PER I PROSSIMI 12 MESI D&H traders Attivi >30% 4.0% 17.6% 5.0% 15.7% 26.5% Tra 15 e 30% Tra 15 e 5% Tra +5 e -5% Tra -5 e 15% <-15% Non indica 3.9% 5.9% 2.0% 3.0% 3.9% 1.0% 12.7% 6.9% 30.4% 27.7% 29.4% 51.5% Classe di performance del Mibtel 2.0% 1.0% 23.8% 18.6% 13.9% 36.3% % 20% 40% 60% 0% 20% 40% 60% Fonte: Borsa Italiana - R&D. BASE. Tutti gli intervistati (203) Indice di correlazione (Indice di Spearman tra conseguito e atteso)

36 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 36

37 Behavioural finance Profili psicologici analizzati. Nell indagine sono state poste domande volte a disegnare alcuni aspetti del profilo psicologico dei TOL. Ci si riferisce a tratti tipicamente indagati nell ambito della finanza comportamentale. Il primo aspetto oggetto di indagine è il grado di overconfidence nel comportamento dei TOL. Si tratta di un comportamento oggetto di studio della psicologia cognitiva. L overconfidence ha diverse manifestazioni: la miscalibration : in genere la gente posta davanti alla valutazione della probabilità presenta intervalli di confidenza troppo stretti; l effetto meglio della media : in genere la gente pensa di essere meglio della media; l illusione di controllo e eccessivo ottimismo : in genere la gente ha un attesa eccessiva circa la propria probabilità di successo se confrontata con dati oggettivi. Collegata è l attitudine a un ottimismo eccessivo. Il secondo aspetto oggetto di indagine è il grado di self-monitoring dei TOL. Si tratta di un comportamento oggetto di studio della psicologia sociale. Si può pensare al self-monitoring come a una forma di intelligenza sociale, in quanto riflette l attitudine di un soggetto ad adattare il proprio atteggiamento a quanto atteso in società. Al crescere del self-monitoring, si presume aumenti la capacità di interpretare i segnali sociali e quindi aumentino le performance. L idea sottoposta a verifica in questo lavoro è se esista qualche tipo di relazione tra livello di self-monitoring e performance reddituali conseguite. 37

38 Behavioural finance Overconfidence : la miscalibration INDICATORE SINTETICO DI MISCALIBRATION FREQUENZA DI TRADING La presenza di una miscalibration nel comportamento della gente viene abitualmente verificata ponendo una serie di domande in cui si chiede di indicare un intervallo di valori tale per cui vi sia una probabilità del 90% che la risposta corretta sia contenuta all interno dell intervallo. Nel questionario somministrato durante il passato mese di luglio sono state poste 8 domande relative ai mercati (valore dell S&P/MIB, DAX, titolo Telecom etc.), in cui si chiedeva agli intervistati di fare una previsione circa il valore assunto dalla variabile alla fine del mese di agosto. Ci si trova in presenza di operatori ben calibrati se in media solo il 10% delle risposte corrette si trova al di fuori dei range indicati. %DI RISPOSTE AL DI FUORI DEL RANGE Media Mediana Dev.St. D&h traders TOL attivi 28,5%** 41,4%** 25,0% 40,0% 27,9% 34,5% ** significatività statistica all 1% di rifiuto dell ipotesi nulla di assenza di miscalibration Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati che hanno risposto almeno ad una domanda (163) 38

39 Overconfidence : l effetto meglio della media INDICATORE SINTETICO DELL EFFETTO MEGLIO DELLA MEDIA Behavioural finance FREQUENZA DI TRADING Per verificare la presenza di effetto meglio della media sono state poste delle domande volte a verificare le capacità e le performance degli intervistati rispetto agli altri TOL. Nelle domande poste si chiedeva agli intervistati di indicare la percentuale di TOL con capacità/performance superiori. Le risposte sono state codificate nel modo seguente: 50-risposte 50 Uno score pari a zero indica che l intervistato si colloca nella media; valori pari a -1 e +1 indicano rispettivamente che l intervistato si valuta peggiore di tutti gli altri e migliore di tutti gli altri SCORE DELLE DOMANDE MEGLIO DELLA MEDIA Media Mediana Dev.St. D&h traders TOL attivi 0,40** 0,32** 0,50 0,40 0,53 0,43 ** significatività statistica all 1% di rifiuto dell ipotesi nulla di assenza di effetto meglio della media Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati che hanno risposto almeno ad una domanda (119) 39

40 Overconfidence : l illusione di controllo (1) INDICATORE SINTETICO DI ILLUSIONE DI CONTROLLO Behavioural finance FREQUENZA DI TRADING Per verificare la presenza di illusione di controllo sono stati effettuati più test. IC1. Su un primo set di affermazioni del tipo: Non compro mai azioni che sottoperformano in futuro è stato chiesto agli intervistati di esprimere un parere (1= massimo accordo; 4= massimo disaccordo). Le risposte sono state standardizzate nell intervallo 0 (nessuna illusione di controllo) 1 (massima illusione di controllo). SCORE DELLE DOMANDE ILLUSIONE DI CONTROLLO Media Mediana Dev.St. D&h traders TOL attivi 0,61** 0,57** 0,61 0,61 0,13 0,11 ** significatività statistica all 1% di rifiuto dell ipotesi nulla di assenza di illusione di controllo, IC1 Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati che hanno risposto almeno ad una domanda (195) 40

41 Behavioural finance Overconfidence : l illusione di controllo INDICATORE SINTETICO DI ILLUSIONE DI CONTROLLO IC2 e IC3. Per testare l illusione di controllo è stata confrontata l indicazione data dagli intervistati circa la loro performance attesa per il futuro con quella conseguita (IC2) ed è poi stata confrontata la performance del benchmark di mercato con quella passata (IC3). Per i due indicatori uno score pari a 0 indica che la performance conseguita si si posiziona nella stessa classe della performance futura (IC2) o nella stessa classe del benchmark (IC3). Uno score con segno negativo indica una perfomance realizzata inferiore alla futura o inferiore al benchmark. Es. IC2= -2 indica che l intervistato si attende in futuro una performance superiore di due classi rispetto alla classe a cui appartiene quella realizzata. SCORE DELLE DOMANDE ILLUSIONE DI CONTROLLO Media IC2 Media IC3 FREQUENZA DI TRADING D&h traders TOL attivi -0,12-0,12-0,47-0,67 *Il benchmark di mercato considerato è la performance del Mibtel nei 12 mesi precedenti l intervista Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati che hanno risposto almeno ad una domanda (183) 41

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online!

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online! un All interno intervista esclusiva a Pietro Poletto di Borsa Italiana 44 GENNAIO 12 GENNAIO 12 CERTIFICATES BNP PARIBAS Investire con un click Innovative soluzioni di investimento per cogliere le opportunità

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO GOLD 2.0 NEWSLETTER OPERATIVA SUL MERCATO AZIONARIO a cura di Pierluigi Gerbino ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo della newsletter

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli