Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano"

Transcript

1 Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano Barbara Alemanni Università Bocconi Alessandra Franzosi Borsa Italiana R&D Opening Trading Online Expo 20 Ottobre 2005 Milano

2 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 2

3 Finalità dell indagine Diversi sono gli indicatori che testimoniano la rilevanza dell e-finance e del trading online per il mercato finanziario italiano, sia in termini attuali che prospettici: Finalità e popolazione di indagine il potenziale massimo di penetrazione è ampio e l Italia è considerata un emerging market in ambito europeo: 15 milioni di risparmiatori banked utilizzano Internet (DigitalFinance, 2005); i tassi di penetrazione dell e-trading sono crescenti: nel 2004 sono stati aperti nuovi conti e-trading (KPMG, 2005); il mercato italiano presenta un elevata incidenza della partecipazione del retail: la quota di scambi effettuata sui mercati gestiti da Borsa Italiana e proveniente dal trading online è stimata per le azioni pari al 30% dei contratti e all 20% del controvalore negoziato, per i derivati al 6% dei contratti standard, al 20% dei trades e al 12% del controvalore nozionale (gennaiosettembre 2005). L industry presenta dei tratti di stabilità con riferimento al bacino complessivo di coloro che utilizzano il canale online per effettuare attività abituale di negoziazione. Ciò rende importante una riflessione ampia su attitudini e comportamenti dei traders. Borsa Italiana ha promosso una seconda indagine sui trader online italiani (TOL): Effettuata, in collaborazione con GfK Eurisko, attraverso interviste telefoniche (203) svolte nel mese di luglio 2005; prosegue l attività di analisi iniziata con l indagine di fine 2003 e presentata alla TOL Expo del maggio 2004, mostrando sia aspetti di continuità che di novità: struttura del portafoglio e dell operatività soprattutto in azioni e derivati, con particolare riferimento all evoluzione rispetto alla fine del 2003; analisi delle attitudini dei trader online alla luce delle principali teorie di finanza comportamentale. 3

4 Finalità e popolazione di indagine Diffusione del trading online in Italia (2005, stime) 15 milioni 3,7 milioni 520 mila mila mila 14% conti attivi 75% 85% conti inattivi 90% 10% 50% 50% Popolazione di riferimento Campione di indagine 203 interviste telefoniche Risparmiatori utilizzatori di Internet Conti di e-trading (1) aperti Conti con almeno un trade TOL NON SALTUARI (almeno 2 trades al mese) TOL attivi Day & heavy traders (1) Sono definiti di e-trading i conti corrente online con un conto titoli Elaborazioni Borsa Italiana R&D su dati Banca d Italia (2004), BNL-Centro Einaudi (2003), Borsa Italiana, DigitalFinance (2005) e KPMG (2005) 4

5 Anno di inizio dell operatività online Finalità e popolazione di indagine 10.0% 53.7% D&H traders FASE DI MATURAZIONE FASE DI AVVIO e CRESCITA TOL attivi Nel 2003 Nel % Prima del % Nel % 56.0% 51.5% 32.0% 40.6% 12.4% 12.0% 7.9% Nel % Nel % Avvio e crescita Consolidamento Maturazione ESPERIENZA MEDIA FASE DI CONSOLIDAMENTO 36.3% 5 anni Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: 203 interviste 5

6 Sintesi delle caratteristiche socio-demografiche dei TOL Finalità e popolazione di indagine I TOL intervistati presentano un profilo socio-demografico specifico rispetto alla popolazione italiana e sembrano mutuare alcune caratteristiche che connotano entrambe i target da cui derivano, ovvero i risparmiatori e gli utilizzatori di Internet. Il negoziatore online è tipicamente: un maschio: 96,6% rispetto al 48,7% della popolazione; residente nel Nord Ovest: 36,0% rispetto al 24,7% della popolazione; tra i 35 e i 44 anni: 35,0% rispetto al 22,0% della popolazione; libero professionista, lavoratore autonomo o imprenditore: 37,5% rispetto al 4,5% della popolazione; ha una cultura medio-alta: il 48,8% è laureato contro il 6,7% della popolazione; ha una buona situazione reddituale: il 51,1% dichiara di avere un reddito mensile familiare superiore ai euro. Sono accomunati all insieme dei risparmiatori dalla localizzazione geografica (concentrazione nelle regioni del Nord Italia). Come gli Internet users i TOL presentano un età media inferiore e una maggiore scolarizzazione. La maggior presenza di maschi caratterizza entrambe i target. 6

7 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 7

8 Canali e intermediari Modalità e canali di negoziazione Negozia solo online 48.3% Negozia anche con altre modalità 51.7% D&H 52,0% Attivi 44,6% Di persona in filiale 24.5% 32.7% D&H traders TOL attivi Di persona, a casa 2.9% 6.9% Call center, telefono 19.6% 19.8% Altro 1.0% 4.0% 0% 10% 20% 30% 40% Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 8

9 Tipologia di intermediari online utilizzati Canali e intermediari D&H traders TOL attivi INTERMEDIARI ONLINE UTILIZZATI PRINCIPALE INTERMEDIARIO ONLINE Solo specializzati Solo specializzati Entrambi Entrambi Solo non specializzati Solo non specializzati 30.6% 25.0% 23.5% 14.1% 27.9% 18.9% 45.9% 53.2% 60.9% Specializzati Specializzati Non specializzati Non specializzati 46.1% 29.7% 53.9% 70.3% 0% 20% 40% 60% 70.3% Solo grandi gruppi Solo grandi gruppi Entrambi Entrambi Non grandi gruppi Non grandi gruppi 35.7% 43.2% 51.1% 25.4% 20.0% 15.2% 39.8% 36.8% 33.7% Grandi gruppi Grandi gruppi Non grandi gruppi Non grandi gruppi 40.2% 52.5% 59.8% 47.5% 0% 20% 40% 60% 0% 20% 40% (1) Intermediari specializzati citati: Directa Sim, Fineco, IWBank, Millenium Sim, Online Sim, Piazza Affari Sim, Twice Sim, intermediari esteri (2) Grandi gruppi citati: BNL, Capitalia (con Fineco), Generali (con Banca Primavera), Intesa (con Intesa Trade), Monte Paschi (con Banca 121), San Paolo IMI (con Fideuram), Unicredito (con Xelion) Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 9

10 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 10

11 Portafoglio dei TOL % di intervistati che detengono al momento dell intervista lo strumento D&H traders Portafoglio TOL attivi C/c e depositi con finalità di investimento 59.6% 61.8% 57.4% Titoli di Stato 26.6% 26.5% 26.7% Titoli obbligazionari 40.4% 41.2% 39.6% Azioni: 92.6% 89.2% 96.0% - quotate in Borsa Italiana - quotate su borse estere 36.0% 91.6% 88.2% 95.0% 36.3% 35.6% Fondi azionari 52.2% 45.1%* 59.4%* Altri fondi 33.5% 30.4% 36.6% Gpm e Gpf 9.4% 9.8% 8.9% Polizze o fondi pensione 57.6% 59.8% 55.4% Strumenti derivati: 28.6% 45.1%* 11.9%* - Securitised derivatives 14.3% 20.6%* 7.9%* - Futures e opzioni 19.2% 31.4%* 6.9%* ETF 19.7% 20.6% 18.8% 0% 20% 40% 60% 80% * indica la significatività statistica al 90% delle differenze tra i D&H traders e i TOL attivi Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 11

12 Investimenti dei TOL nel biennio precedente % di intervistati che hanno detenuto, acquistato o venduto lo strumento D&H traders Portafoglio TOL attivi C/c e depositi con finalità di investimento Titoli di Stato Titoli obbligazionari 42.4% 51.7% 65.0% 69.6% 60.4% 44.1% 40.6% 49.0% 54.5% Azioni: - quotate in Borsa Italiana - quotate su borse estere 48.3% 96.6% 95.1% 94.1% 99.0% 92.2%* 98.0%* 52.0% 44.6% Fondi azionari Altri fondi 60.6% 41.9% 55.9% 65.3% 40.2% 43.6% Gpm e Gpf 13.8% 15.7% 11.9% Polizze o fondi pensione 60.6% 63.7% 57.4% Strumenti derivati: - Securitised derivatives - Futures e opzioni ETF 43.1% 28.1% 25.6% 26.1% 0% 20% 40% 60% 80% 60.4%* 25.7%* 38.2%* 17.8%* 36.3%* 14.9%* 25.5% 26.7% * indica la significatività statistica al 90% delle differenze tra i D&H traders e i TOL attivi Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 12

13 Portafoglio Confronto con i risultati dell indagine di fine 2003 Investimenti nel periodo D&H traders Portafoglio di fine periodo TOL attivi 13.0% Titoli di Stato 7.6% 4.1% 10.0% 3.1% Titoli obbligazionari 8.8% 6.9% 12.6%* -5.9% * -1.3% Azioni 1.4% 7.1%* -6.4% * 1.7% - quotate in Borsa Italiana 0.4% 6.9% -2.1% - quotate su borse estere -5.6% 5.7% 7.8% 14.0% Fondi azionari 15.4%* 9.0% 14.2%* 9.1% Altri fondi 14.2%* -1.6% 4.1% -1.8% Strumenti derivati 8.6% -21.9%** -6.4% -1.0% - Securitised derivatives 8.4% -21.1%** -3.1% -8.3% 1.7% - Futures e opzioni -7.3% -1.0% 12.0%* 13.8%** ETF 17.2%** 11.7%** 13.8% -20% -15% -10% -5% 0% 5% 10% 15% -5% 0% 5% 10% 15% *, ** indicano la significatività statistica al 95% e al 99% delle differenze tra la rilevazione del luglio 2005 (investimenti del biennio precedente) e quella di fine 2003 (investimenti del triennio precedente). Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati (203) 13

14 Utilizzo del canale online per prodotto % di intervistati che ha movimentato online lo strumento corrispondente, per tipologia di strumento D&H traders Portafoglio TOL attivi Titoli di Stato 53.5% 53.3% 65.3% 53.7% 52.1% Titoli obbligazionari 59.0% 60.0% 52.9% 58.2% 46.6% Azioni italiane 97.4% 95.7% 95.9% 99.0% 96.7% Azioni estere 81.6% 83.0% 89.8% 80.0% 83.5% Fondi azionari 45.5% 48.1% 38.9% 45.5% 33.7% Fondi monetari, obbl. e bilanciati 36.5% 45.6% 39.0% 34.1% 35.2% Securitised derivatives 91.2% 92.3% 75.8% 88.9% 75.6% Futures e opzioni 88.5% 94.6% 87.9% 73.3% 68.0% ETF 79.2% 88.5% 90.4% 70.4% 74.7% 0% 20% 40% 60% 80% In presenza del canale online questo diviene prevalente o esclusivo in pressoché tutti i casi confermando i risultati del 2003 Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: coloro che hanno dichiarato di aver investito nello strumento corrispondente 14

15 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 15

16 Operatività in azioni: numero di azioni negoziate Focus sulle azioni NUMERO DI AZIONI NEGOZIATE D&H traders TOL attivi Oltre % Fino a % 18.2% 39.6% 34.1% 34.1% 27.3% 25.0% 22.0% 9.9% Da 11 a % Da 6 a % Fino a 5 Da 6 a 10 Da 11 a 20 Oltre 20 NUMERO MEDIO DEI AZIONI Gli investitori in azioni possiedono nel 51,0% dei casi una azione e nel 74,9% due (1) D&H 18 Attivi 12 (differenza statisticamente significativa al 5%) (1) Franzosi, Grasso e Pellizzoni Investitori retail e Borsa, BItNotes n. 12 (novembre 2004) Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni negli ultimi 2 anni (193 rispondenti, di cui 94 D&H e 99 TOL attivi, % al netto dei non indica) 16

17 Focus sulle azioni Tipologia di azioni negoziate nei dodici mesi precedenti TIPOLOGIA DI AZIONI NEGOZIATE (% intervistati, percepito) I TITOLI ITALIANI TOP 10 (ranking di diffusione presso gli intervistati) Azioni estere Blue chips Mid & small caps 32.6% 29.9% 89.1% 91.8% 65.2% 60.8% 0% 30% 60% 90% D&H traders TOL Attivi TELECOM ITALIA 1 2 ENEL 2 1 ENI 3 4 STMICROELECTRONICS 4 3 FIAT 5 10 TIM 6 6 CAPITALIA 7 BANCA INTESA 8 8 GENERALI 9 5 FIDEURAM 10 UNICREDITO 7 SAN PAOLO IMI 9 Indice di correlazione (Indice di Spearman tra D&H e Attivi) D&H traders TOL attivi 0.70 Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni negli ultimi 2 anni (193 rispondenti, di cui 94 D&H e 99 TOL attivi, % al netto dei non indica). 17

18 Classe di rischio delle azioni italiane negoziate (1) Focus sulle azioni CATEGORIA DI RISCHIO DELLE AZIONI NEGOZIATE DAGLI INTERVISTATI (% intervistati) FREQUENZA DI NEGOZIONE DELLE AZIONI MENZIONATE PER CATEGORIA DI RISCHIO (% titoli citati) Basso 80.9% 73.7% Basso 24.3% 41.4% Medio basso 54.5% 63.8% Medio basso 22.4% 21.5% Medio 34.3% 52.1% Medio 14.3% 20.8% Medio alto 49.5% 52.1% Medio alto 14.6% 19.4% Alto 27.3% 26.6% Alto 7.4% 13.9% 0% 20% 40% 60% 80% 0% 10% 20% 30% 40% 50% D&H traders TOL attivi % su titoli % su titoli pesati per la frequenza (1) Il livello di rischio è definito ripartendo in quintili la distribuzione delle azioni quotate presso i mercati di Borsa Italiana e ordinate in base a una misura di value at risk Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni negli ultimi 2 anni (193 rispondenti, di cui 94 D&H e 99 TOL attivi, % al netto dei non indica); Base: numero di titoli citati (153) 18

19 Operatività in azioni: valore medio dei trades DISTRIBUZIONE VALORE TRADES IN AZIONI Focus sulle azioni D&H traders TOL attivi Oltre % Fino a % 47.7% 60.4% 11.0% 4.5% 26.1% 23.1% 21.6% 5.5% Da a % Da a % Fino a Oltre Dimensione media contratti azionario Italia (gennaio-ottobre 2005, euro): Blue Chip Star Standard Expandi VALORE MEDIO DEI TRADES D&H Attivi (differenza stastisticamente significativa al 5%) Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni negli ultimi 2 anni (193 rispondenti, di cui 94 D&H e 99 TOL attivi, le % sono al netto dei non indica) 19

20 Focus sui derivati Strumenti derivati negoziati nel corso degli ultimi 12 mesi NEGOZIATI* NEGOZIATI PER TIPOLOGIA DI TOL** % intervistati % intervistati per cui è lo strumento più negoziato D&H traders TOL Attivi Covered warrants 48.8% 40.2% 44.3% 60.0% Certificates 8.1% 3.7% 11.5% Futures su indice 25.6% 48.8% 40.0% 52.5% Future su azioni 17.4% 6.1% 19.7% 12.0% Opzioni su indice 18.6% 3.7% 18.0% 20.0% Opzioni su azioni 23.3% 11.0% 23.0% 24.0% Futures su tassi Futures materie prime Altro, non indica 16.3% 4.9% 10.5% 3.7% 2.4% 2.4% 21.3% 4.0% 13.1% 4.0% 3.2% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 0% 20% 40% 60% Fonte: Borsa Italiana - R&D. *Base: TOL che negoziano strumenti derivati (86, di cui 61 D&H e 25 TOL attivi) 20

21 Derivati su indici azionari TIPOLOGIA DI DERIVATI (% risposte) Focus sui derivati ASPETTI RILEVANTI PER LA SCELTA (scala da 4 a 1) Securitised derivatives 31.8% Molto Abbastanza Poco Per niente Media Futures 49.4% Volatilità indice 70.0% 23.3% 3.63 Opzioni 18.8% Composizione indice 36.7% 43.3% 3.10 TIPOLOGIA DI SOTTOSTANTE (% risposte) Ctvl min negoziazione 26.7% 41.7% 2.88 S&P/MIB 59.2% Valore margine gar 30.0% 36.7% 2.86 DAX 20.4% Liquidità contratto 86.7% 3.87 S&P500 Nasdaq 8.2% 8.2% Costi trades 58.3% 25.0% 3.40 Altro 4.1% Facilities piattaforma 61.7% 26.7% 3.51 Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: totale rispondenti per ciascuna domanda (46 per i sottostanti) 21

22 Derivati su singoli titoli TIPOLOGIA DI DERIVATI (% risposte) Focus sui derivati ASPETTI RILEVANTI PER LA SCELTA (scala da 4 a 1) Securitised derivatives 47.0% Molto Abbastanza Poco Per niente Media Futures 22.7% Volatilità titolo 68.8% 25.0% 3.60 Opzioni 30.3% Liquidità titolo 64.6% 25.0% 3.50 PRINCIPALI SOTTOSTANTI (% risposte) Lotto min derivato 22.9% 35.4% 2.72 STM 15.2% Valore margine gar 22.9% 41.7% 2.82 ENI FIAT 13.6% 12.1% Liquidità contratto 66.7% 3.55 ENEL TELECOM GENERALI 4.5% 7.6% 10.6% Costi trades Facilities piattaforma 43.8% 47.9% 37.5% 39.6% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: intervistati che hanno risposto a ciascuna domana (66 per i sottostanti) 22

23 Focus sull operatività in azioni e derivati Frequenza di negoziazione di azioni e derivati % di intervistati che ha movimentato lo strumento corrispondente, per frequenza di negoziazione Blue Chip D&H* Attivi* 2003 Mid&Small D&H* Attivi* 81.4% Estere Futures e opzioni D&H* Attivi* D&H* Attivi* Almeno 1 volta al giorno (% D&H traders) 27.8% 58.6% SeDex D&H* Attivi* 36.4% 0% 20% 40% 60% 80% 100% oltre 10 volte al giorno 6/10 volte al giorno 3/5 volte al giorno 1/2 volte al giorno 1 volta ogni 2/3 giorni 1 volta la settimana 1 volta ogni 15 giorni 1 volta al mese Meno di 1 volta al mese * Sono definiti D&H* coloro che hanno dichiarato di negoziare giornalmente azioni o derivati Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: per ogni strumento, coloro che lo hanno negoziato negli ultimi 12 mesi 23

24 Le frequenze di negoziazione relative Focus sull operatività in azioni e derivati Frequenze di negoziazione sui singoli strumenti, posta uguale a 1 la frequenza di negoziazione sulle blue chip italiane (2005) e sulle azioni italiane (2003) D&H traders TOL attivi Blue chip Mid & Small Azioni estere Futures e opzioni Sec derivs Rapporto tra numero medio di trades dei D&H* traders e TOL attivi, per prodotto 15x 17x 12x 21x 19x Azioni Italia Azioni estere Futures e opzioni Sec derivs 25x 23x 30x 27x * Sono definiti D&H* coloro che hanno dichiarato di negoziare giornalmente azioni o derivati Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: per ciascuno strumento, TOL che lo hanno negoziato nel corso degli ultimi 12 mesi 24

25 I mercati di negoziazione Focus sull operatività in azioni e derivati Azioni (196) Covered Warrant (42) 50.0% 88.1% 48.5% D&H Attivi 22,5% 5,9% Certificates (7) 71.4% 14.3% New York Stock Exchange Chicago Mercantile Exchange Futures indici azionari (42) 52.4% 35.7% Nasdaq 4 1 Futures su azioni (15) 86.7% Euronext Eurex Opzioni indici azionari (16) 68.8% 31.2% Deutsche Borse London Stock Exchange Opzioni su azioni (20) 75.0% 15.0% Liffe 7 5 Futures tassi e cambi (14) OM Group Bolsa de Madrid Futures materie prime (9) Preferisce non indicare 9% - Borsa Italiana Entrambi Altri mercati Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato azioni o strumenti derivati; in parentesi è indicata la base per ogni strumento; Base: coloro che hanno negoziato su mercati esteri (29) 25

26 Motivi di acquisto delle azioni quotate Focus sull operatività in azioni e derivati D&H traders TOL attivi Risultati societari positivi Indicatori di analisi tecnica favorevoli Positiva dinamica passata dei prezzi Settori con buone opportunità di crescita Alti dividendi Società conosciute a livello nazionale Volatilità Buon livello di conoscenza e informazioni sulla società Rumors/ indiscrezioni Buona liquidità Intuito/buona sorte Altro 4.3% 10.1% 4.3% 10.1% 11.7% 18.7% 17.0% 18.2% 6.4% 11.1% 3.2% 7.1% 3.2% 4.0% 9.6% 11.1% 5.3% 3.0% 9.7% 5.0% 44.7% 41.4% 48.9% 36.4% Representativeness Familiarity 0% 10% 20% 30% 40% 50% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che possiedono azioni italiane o estere (193) 26

27 Focus sull operatività in azioni e derivati Motivi di mantenimento in portafoglio e vendita delle azioni MOTIVI PER IL MANTENIMENTO MOTIVI PER LA VENDITA Mi aspettavo una crescita dei prezzi 68.8% 71.0% Ho voluto realizzare il guadagno 55.3% 52.5% Uscirei con una perdita 19.8% 14.0% Ho voluto vendere prima di perdere di più 11.7% 21.2% Mi danno buoni dividendi 16.7% 21.0% Non mi assicuravano più alti dividendi 2.1% 4.0% Non ho bisogno di smobilizzare Logica di high turnover 2.1% 3.0% 7.3% 6.0% Disposition effect Seeking of pride Volevo investire in altri prodotti Ho avuto bisogno di contanti 5.3% 6.1% 2.1% 4.0% Altro 5.1% 8.0% Mi ero dato delle regole 14.9% 17.2% Indicazioni di analisi tecnica 18.1% 11.1% 0% 20% 40% 60% Informazioni negative sulla società 11.7% 8.1% D&H traders TOL attivi Altro 4.2% 5.0% 0% 20% 40% 60% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che possiedono azioni italiane o estere (193) 0% 20% 40% 60% 27

28 Focus sull operatività in azioni e derivati La negoziazione di strumenti derivati: motivazioni PERCHE NEGOZIA STRUMENTI DERIVATI? Per guadare con limitato investimento iniziale (leva) 57.4% 56.0% Speculazione Per fare coperture Per divertimento Per guadagnare quando il mercato perde Per diversificare Altre motivazioni 26.2% 12.0% 13.1% 16.0% 4.9% 8.0% 3.3% 4.0% 1.6% 4.9% 12.0% 0% 20% 40% 60% D&H traders TOL attivi Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato o detenuto strumenti derivati nei due anni precedenti (83) 28

29 Focus sull operatività in azioni e derivati La negoziazione di strumenti derivati: difficoltà INCONTRA DIFFICOLTA NELLA NEGOZIAZIONE DEI DERIVATI? QUALI? Non negoziatori di derivati 57.6% 42.4% Negoziatori di derivati SI incontro delle difficoltà 57.0% NO nessuna difficoltà 43.0% (base=100) Scarsa negoziabilità (emittente e liquidità) Struttura dello strumento troppo complessa Il software della piattaforma è complesso Non è chiaro il funzionamento degli strumenti Difficile monitorare andamento Altre motivazioni 5.5% 5.5% 15.0% 12.5% 10.0% 60.7% D&H Nel confronto con il 2003 è in flessione la quota di coloro che hanno difficoltà di negoziazione degli strumenti derivati (61,3%) 52.5% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato o detenuto strumenti derivati nei due anni precedenti (83) 29

30 Focus sull operatività in azioni e derivati La non negoziazione di strumenti derivati: motivazioni PERCHE NON NEGOZIA STRUMENTI DERIVATI? Non ho le competenze 44.4% 42.4% Negoziatori di derivati Troppo rischiosi Ci vuole troppo tempo per seguirli 11.1% 21.3% 37.5% 31.1% 38.8% Non li conosco 12.5% 17.8% 57.6% Non negoziatori di derivati (base=100) Non sono utili Richiedono un investimento minimo troppo elevato Sconsigliati, non consigliati da intermediario Altre motivazioni 2.5% 1.3% 6.7% 5.0% 15.6% D&H traders TOL attivi 0% 20% 40% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: TOL che hanno negoziato o detenuto strumenti derivati nei due anni precedenti (125) 30

31 Focus sull operatività in azioni e derivati Patrimonio negoziato online con finalità di breve termine % di intervistati per classe di patrimonio finanziario destinato alla negoziazione di breve termine 40% D&H traders TOL attivi % MEDIA PATRIMONIO 30% D&H 39,2% Attivi 28,9% (differenza statisticamente significativa al 5%) 20% 10% 1-10% 11-20% 21-30% 31-40% 41-50% 51-70% 71-90% 100% Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: Tol che dedicano una % del patrimonio finanziario all attività di negoziazione di breve termine diversa da zero (186) 31

32 Strumenti negoziati con finalità di breve termine 1-10% 11-20% Focus sull operatività in azioni e derivati Famiglia di strumenti più importante per la negoziazione a breve, suddivisa per quota del patrimonio destinato alla negoziazione a breve termine 21-30% 31-40% 41-50% 51-70% 71-90% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% AZIONI ITALIA AZIONI ESTERE TITOLI DI STATO OBBLIGAZIONI FONDI CW/CERTIFICATES FUTURES/OPZIONI ETF Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: Tol che dedicano una % del patrimonio finanziario all attività di negoziazione di breve termine diversa da zero (186) 32

33 1-10% 11-20% Focus sull operatività in azioni e derivati Strumenti negoziati con finalità di breve termine Seconda famiglia di strumenti più importante per la negoziazione a breve, suddivisa per quota del patrimonio destinato alla negoziazione a breve termine 21-30% 31-40% 41-50% 51-70% 71-90% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% AZIONI ITALIA AZIONI ESTERE TITOLI DI STATO OBBLIGAZIONI FONDI CW/CERTIFICATES FUTURES/OPZIONI ETF Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: Tol che dedicano una % del patrimonio finanziario all attività di negoziazione di breve termine diversa da zero (186) 33

34 Rischio e portafoglio di breve termine 1-10% 11-20% Focus sull operatività in azioni e derivati Classe di rischio delle azioni italiane negoziate, suddiviso per quota del patrimonio movimentato per ragioni di breve termine 21-30% 31-40% 41-50% 51-70% 71-90% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% AZIONI A BASSO VAR AZIONI A MEDIO BASSO VAR AZIONI A MEDIO VAR AZIONI A MEDIO-ALTO VAR AZIONI AD ALTO VAR Fonte: Borsa Italiana - R&D. Base: intervistati che dedicano una parte del patrimonio alla negoziazione a breve 34

35 Performance nel trading online Focus sull operatività in azioni e derivati GUADAGNO CONSEGUITO ONLINE NEGLI ULTIMI 12 MESI GUADAGNO ATTESO PER I PROSSIMI 12 MESI D&H traders Attivi >30% 4.0% 17.6% 5.0% 15.7% 26.5% Tra 15 e 30% Tra 15 e 5% Tra +5 e -5% Tra -5 e 15% <-15% Non indica 3.9% 5.9% 2.0% 3.0% 3.9% 1.0% 12.7% 6.9% 30.4% 27.7% 29.4% 51.5% Classe di performance del Mibtel 2.0% 1.0% 23.8% 18.6% 13.9% 36.3% % 20% 40% 60% 0% 20% 40% 60% Fonte: Borsa Italiana - R&D. BASE. Tutti gli intervistati (203) Indice di correlazione (Indice di Spearman tra conseguito e atteso)

36 Contenuti Finalità dell analisi e modalità di indagine Canali e intermediari Portafoglio degli investitori online Focus su azioni e strumenti derivati Behavioural finance Tendenze evolutive 36

37 Behavioural finance Profili psicologici analizzati. Nell indagine sono state poste domande volte a disegnare alcuni aspetti del profilo psicologico dei TOL. Ci si riferisce a tratti tipicamente indagati nell ambito della finanza comportamentale. Il primo aspetto oggetto di indagine è il grado di overconfidence nel comportamento dei TOL. Si tratta di un comportamento oggetto di studio della psicologia cognitiva. L overconfidence ha diverse manifestazioni: la miscalibration : in genere la gente posta davanti alla valutazione della probabilità presenta intervalli di confidenza troppo stretti; l effetto meglio della media : in genere la gente pensa di essere meglio della media; l illusione di controllo e eccessivo ottimismo : in genere la gente ha un attesa eccessiva circa la propria probabilità di successo se confrontata con dati oggettivi. Collegata è l attitudine a un ottimismo eccessivo. Il secondo aspetto oggetto di indagine è il grado di self-monitoring dei TOL. Si tratta di un comportamento oggetto di studio della psicologia sociale. Si può pensare al self-monitoring come a una forma di intelligenza sociale, in quanto riflette l attitudine di un soggetto ad adattare il proprio atteggiamento a quanto atteso in società. Al crescere del self-monitoring, si presume aumenti la capacità di interpretare i segnali sociali e quindi aumentino le performance. L idea sottoposta a verifica in questo lavoro è se esista qualche tipo di relazione tra livello di self-monitoring e performance reddituali conseguite. 37

38 Behavioural finance Overconfidence : la miscalibration INDICATORE SINTETICO DI MISCALIBRATION FREQUENZA DI TRADING La presenza di una miscalibration nel comportamento della gente viene abitualmente verificata ponendo una serie di domande in cui si chiede di indicare un intervallo di valori tale per cui vi sia una probabilità del 90% che la risposta corretta sia contenuta all interno dell intervallo. Nel questionario somministrato durante il passato mese di luglio sono state poste 8 domande relative ai mercati (valore dell S&P/MIB, DAX, titolo Telecom etc.), in cui si chiedeva agli intervistati di fare una previsione circa il valore assunto dalla variabile alla fine del mese di agosto. Ci si trova in presenza di operatori ben calibrati se in media solo il 10% delle risposte corrette si trova al di fuori dei range indicati. %DI RISPOSTE AL DI FUORI DEL RANGE Media Mediana Dev.St. D&h traders TOL attivi 28,5%** 41,4%** 25,0% 40,0% 27,9% 34,5% ** significatività statistica all 1% di rifiuto dell ipotesi nulla di assenza di miscalibration Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati che hanno risposto almeno ad una domanda (163) 38

39 Overconfidence : l effetto meglio della media INDICATORE SINTETICO DELL EFFETTO MEGLIO DELLA MEDIA Behavioural finance FREQUENZA DI TRADING Per verificare la presenza di effetto meglio della media sono state poste delle domande volte a verificare le capacità e le performance degli intervistati rispetto agli altri TOL. Nelle domande poste si chiedeva agli intervistati di indicare la percentuale di TOL con capacità/performance superiori. Le risposte sono state codificate nel modo seguente: 50-risposte 50 Uno score pari a zero indica che l intervistato si colloca nella media; valori pari a -1 e +1 indicano rispettivamente che l intervistato si valuta peggiore di tutti gli altri e migliore di tutti gli altri SCORE DELLE DOMANDE MEGLIO DELLA MEDIA Media Mediana Dev.St. D&h traders TOL attivi 0,40** 0,32** 0,50 0,40 0,53 0,43 ** significatività statistica all 1% di rifiuto dell ipotesi nulla di assenza di effetto meglio della media Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati che hanno risposto almeno ad una domanda (119) 39

40 Overconfidence : l illusione di controllo (1) INDICATORE SINTETICO DI ILLUSIONE DI CONTROLLO Behavioural finance FREQUENZA DI TRADING Per verificare la presenza di illusione di controllo sono stati effettuati più test. IC1. Su un primo set di affermazioni del tipo: Non compro mai azioni che sottoperformano in futuro è stato chiesto agli intervistati di esprimere un parere (1= massimo accordo; 4= massimo disaccordo). Le risposte sono state standardizzate nell intervallo 0 (nessuna illusione di controllo) 1 (massima illusione di controllo). SCORE DELLE DOMANDE ILLUSIONE DI CONTROLLO Media Mediana Dev.St. D&h traders TOL attivi 0,61** 0,57** 0,61 0,61 0,13 0,11 ** significatività statistica all 1% di rifiuto dell ipotesi nulla di assenza di illusione di controllo, IC1 Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati che hanno risposto almeno ad una domanda (195) 40

41 Behavioural finance Overconfidence : l illusione di controllo INDICATORE SINTETICO DI ILLUSIONE DI CONTROLLO IC2 e IC3. Per testare l illusione di controllo è stata confrontata l indicazione data dagli intervistati circa la loro performance attesa per il futuro con quella conseguita (IC2) ed è poi stata confrontata la performance del benchmark di mercato con quella passata (IC3). Per i due indicatori uno score pari a 0 indica che la performance conseguita si si posiziona nella stessa classe della performance futura (IC2) o nella stessa classe del benchmark (IC3). Uno score con segno negativo indica una perfomance realizzata inferiore alla futura o inferiore al benchmark. Es. IC2= -2 indica che l intervistato si attende in futuro una performance superiore di due classi rispetto alla classe a cui appartiene quella realizzata. SCORE DELLE DOMANDE ILLUSIONE DI CONTROLLO Media IC2 Media IC3 FREQUENZA DI TRADING D&h traders TOL attivi -0,12-0,12-0,47-0,67 *Il benchmark di mercato considerato è la performance del Mibtel nei 12 mesi precedenti l intervista Elaborazioni su dati Borsa Italiana - R&D. Base: tutti gli intervistati che hanno risposto almeno ad una domanda (183) 41

L investitore online: profili e comportamenti

L investitore online: profili e comportamenti L investitore online: profili e comportamenti Alessandra Franzosi, Enrico Pellizzoni Research & Development Borsa Italiana Spa Opening Trading Online Expo 6 maggio 2004 Milano Contenuti I motivi dell analisi

Dettagli

Il trading online: un asset del mercato finanziario italiano

Il trading online: un asset del mercato finanziario italiano Il trading online: un asset del mercato finanziario italiano L articolo si focalizza sui risultati di un analisi, promossa da Borsa Italiana, sui trader online. Emerge la fotografia di un settore che si

Dettagli

TOL EXPO 2012: IL RAPPORTO DI BORSA ITALIANA SULL AZIONARIATO E IL TRADING ONLINE

TOL EXPO 2012: IL RAPPORTO DI BORSA ITALIANA SULL AZIONARIATO E IL TRADING ONLINE Comunicato Stampa Borsa Italiana S.p.A. Piazza degli Affari, 6 20123 Milano www.borsaitaliana.it 15 ottobre 2012 TOL EXPO 2012: IL RAPPORTO DI BORSA ITALIANA SULL AZIONARIATO E IL TRADING ONLINE - Presentazione

Dettagli

E-TRADING I RISULTATI DELL INDAGINE 2013 SU TRADER ED INVESTITORI

E-TRADING I RISULTATI DELL INDAGINE 2013 SU TRADER ED INVESTITORI E-TRADING I RISULTATI DELL INDAGINE 2013 SU TRADER ED INVESTITORI Anna Ponziani, ITF Forum Rimini, 2013 Indice 1 L Indagine ITF 2013 è stata condotta su 860 persone che partecipano ed hanno partecipato,

Dettagli

TRADERS ONLINE BEHAVIOUR. COME OPERANO I TRADER ONLINE ITALIANI SUI MERCATI?

TRADERS ONLINE BEHAVIOUR. COME OPERANO I TRADER ONLINE ITALIANI SUI MERCATI? TRADERS ONLINE BEHAVIOUR. COME OPERANO I TRADER ONLINE ITALIANI SUI MERCATI? Terzo rapporto sul mercato italiano Aprile 2007 Barbara Alemanni Università di Genova Alessandra Franzosi Borsa Italiana R&D

Dettagli

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Borsa Italiana Spa 7 maggio 2004 Milano 2 Sommario L effetto degli stacchi di dividendo e delle operazioni sul capitale sugli indici azionari 2 Dai numeri

Dettagli

L investitore retail e la Borsa. Quale possibile relazione con le società quotate?

L investitore retail e la Borsa. Quale possibile relazione con le società quotate? L investitore retail e la Borsa. Quale possibile relazione con le società quotate? Terzo rapporto di Borsa Italiana sullo shareholding in Italia In collaborazione con: Valentina Coraggio Luca Filippa Alessandra

Dettagli

GRAFICO 9 - ANDAMENTO DEL NUMERO DI COVERED WARRANT QUOTATI

GRAFICO 9 - ANDAMENTO DEL NUMERO DI COVERED WARRANT QUOTATI il mercato dei covered warrant Il Mercato dei Covered Warrant Il trend positivo che caratterizza il numero di covered warrant quotati fin dall ammissione di questi strumenti sul mercato italiano nel 1998

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

La diffusione e la percezione dei certificati presso la clientela finale e i financial advisor: una prima analisi empirica

La diffusione e la percezione dei certificati presso la clientela finale e i financial advisor: una prima analisi empirica Dinamiche e potenzialità di sviluppo del mercato dei certificati in Italia La diffusione e la percezione dei certificati presso la clientela finale e i financial advisor: una prima analisi empirica Francesco

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici

Gestione Finanziaria delle Imprese. La segmentazione dei Mercati Borsistici GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La segmentazione dei Mercati Borsistici Borsa Italiana SpA Si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento dei mercati finanziari, con l obiettivo di:

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Pietro Boni - Pietro Ghigini - Clara Robecchi. Telepass 4.2 - Istituti tecnici. Compensi agli amministratori: aspetto previdenziale

Pietro Boni - Pietro Ghigini - Clara Robecchi. Telepass 4.2 - Istituti tecnici. Compensi agli amministratori: aspetto previdenziale MODULO G Le società di persone MODULO H Le società di capitali e le cooperative LEZIONE 83 LEZIONE 88 LEZIONE 93 LEZIONE 107 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 14 Il trattamento fiscale delle

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio 1 Mercati e strumenti finanziari gestiti Dal 1998 Borsa Italiana SpA regolamenta, sviluppa e gestisce i mercati italiani azionari (MTA e Mercato Expandi), il mercato degli strumenti derivati (IDEM), il

Dettagli

Presentazione dei risultati Gli indici statistici

Presentazione dei risultati Gli indici statistici Le competenze economicofinanziarie degli italiani Presentazione dei risultati Gli indici statistici Carlo Di Chiacchio - INVALSI I comportamenti finanziari Il possesso di una competenza in campo economico

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Costanza Mannocchi Trading Online Expo 2014 Milano - Palazzo Mezzanotte - 24 ottobre 2014 Il successo dei certificati a leva fissa su Borsa Italiana I Certificati a Leva Fissa

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Roberto Del Conte Borsa Italiana Spa 7 Maggio 2004 Milano Trading Online Expo Contenuti I contratti Futures Idem Stock Futures

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO STRUTTURA DELLA BORSA VALORI ITALIANA Sommario: 1. I comparti della Borsa valori italiana. - 2. Il sistema telematico. - 3. MTA. - 4. Il mercato Expandi. - 5. Idem. - 6. IL sedex. - 7. Il

Dettagli

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne Roma, Palazzo Altieri 12/13 febbraio 2007 La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne (Centro Studi e Ricerche ABI - Associazione Bancaria Italiana)

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Agenda Parte Prima L evoluzione del mercato primario e secondario dei certificati di investimento negli ultimi anni La

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento.

Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento. Aletti Benchmark Certificate. Scelto il mercato, segue il suo andamento. Aletti Certificate. Ti porteremo dove da solo non riusciresti ad arrivare. Lo strumento finanziario che consente di realizzare una

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

6. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO *

6. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO * 79 6. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO * L'evoluzione del mercato degli strumenti finanziari nei primi 5 mesi del 2002 ha confermato la tendenza emersa nel 2001 e connessa con il perdurante

Dettagli

Questionario Banca diretta Corso Retail Banking Tor Vergata 2012-2013

Questionario Banca diretta Corso Retail Banking Tor Vergata 2012-2013 Questionario Banca diretta Corso Retail Banking Tor Vergata 2012-2013 A. FILTRO: lei personalmente possiede un conto corrente bancario? - Sì - No chiudere B. FILTRO: negli ultimi 3 mesi, lei personalmente

Dettagli

Piùpotenza per lemie performance di trading.

Piùpotenza per lemie performance di trading. Piùpotenza per lemie performance di trading. Mini Futures Certificate Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo. Strumenti finanziari strutturati a

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE in collaborazione I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 GENNAIO 2016 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 LA SPESA DELLE FAMIGLIE E INFERIORE DEL 6,3% RISPETTO AL 2008 Nonostante un

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Gli italiani e la voglia di cash. Renato Mannheimer Sociologo, politologo, Presidente di Ispo Ricerche

Gli italiani e la voglia di cash. Renato Mannheimer Sociologo, politologo, Presidente di Ispo Ricerche Gli italiani e la voglia di cash Renato Mannheimer Sociologo, politologo, Presidente di Ispo Ricerche Come si muove il consumatore tra i diversi sistemi di pagamento? 2 Appare consolidato l uso delle carte

Dettagli

Caratteristiche individuali e overcondence: l'impatto sul trading dei piccoli investitori

Caratteristiche individuali e overcondence: l'impatto sul trading dei piccoli investitori Caratteristiche individuali e overcondence: l'impatto sul trading dei piccoli investitori Enrico Maria Cervellati Università di Bologna e Luiss Guido Carli Scelte di investimento e regole di tutela Il

Dettagli

PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO. Presentazione degli ETF e di ishares

PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO. Presentazione degli ETF e di ishares PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO Presentazione degli ETF e di ishares Perché scegliere gli ETF? Gli Exchange Traded Fund (ETF) hanno rivoluzionato il modo in cui gli investitori

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO La ricerca La presente indagine, svoltasi nel mese di giugno 2006, aveva l obiettivo di indagare il rapporto degli Italiani con il risparmio e con le attività di investimento. Sono state raccolte 1.000

Dettagli

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Ottobre 2013 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Obiettivi ACRI ha chiesto ad IPSOS di condurre un indagine con lo scopo di fornire informazioni e dati di trend, ove possibile dal 2001, rispetto a: Percezione

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFES2. Il presente documento contiene le informazioni

Dettagli

Fideuram Risparmio. Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi breve termine"

Fideuram Risparmio. Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni Obbligazionari Euro governativi breve termine Fideuram Risparmio Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi breve termine" Relazione di gestione al 30 dicembre 2015 Parte specifica Società di

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Vuoi amplificare il tuo trading?

Vuoi amplificare il tuo trading? Vuoi amplificare il tuo trading? Benchmark a Leva Linea Smart di UniCredit. Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il Prospetto Informativo. Strumenti finanziari strutturati

Dettagli

Mercato Italiano 2007-2008. Accesso Globale ai Mercati Finanziari con i CFD. Tour

Mercato Italiano 2007-2008. Accesso Globale ai Mercati Finanziari con i CFD. Tour Mercato Italiano 2007-2008 Accesso Globale ai Mercati Finanziari con i CFD Chi è IG Markets? Parte del Gruppo IG fondata nel 1974 Autorizzata da FSA e da Consob tramite passaporto europeo Leader globale

Dettagli

Milano, 12 aprile 2008

Milano, 12 aprile 2008 Donato Finardi (*) Head of Listed Products Banca IMI Investire in borsa: come farlo con gli strumenti a disposizione dei risparmiatori (*) Le opinioni dell autore sono espresse a titolo personale e non

Dettagli

Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie

Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie Giuseppe Lusignani Università degli Studi di Bologna Padova, 22 ottobre

Dettagli

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

BONUS CAP CERTIFICATE

BONUS CAP CERTIFICATE BONUS CAP CERTIFICATE Puoi ottenere un extra-rendimento (Bonus) e il prezzo di emissione, finché il sottostante si mantiene sopra il livello di barriera. In caso contrario replichi la performance del sottostante

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento Negli ultimi mesi la situazione finanziaria

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI

QUESTIONARIO PER LA RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI QUESTIONARIO PER LA RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI ai sensi degli artt. 39 e 41 del Regolamento Intermediari adottato con delibera Consob n. 1619 del 29 ottobre 27, come successivamente integrato e modificato.

Dettagli

Per investitori italiani. Presentazione degli ETF ishares

Per investitori italiani. Presentazione degli ETF ishares Per investitori italiani Presentazione degli ETF ishares Perché scegliere gli ETF? Vantaggi degli ETF Gli Exchange Traded Fund (ETF) hanno rivoluzionato il modo in cui gli investitori gestiscono il proprio

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

ASSOSIM COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO SEMESTRE 2015. Il primo semestre del 2015 si conclude positivamente:

ASSOSIM COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO SEMESTRE 2015. Il primo semestre del 2015 si conclude positivamente: VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 8 20145 - MILANO TEL. 02/86454996 FAX 02/867898 assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI COMUNICATO STAMPA RAPPORTO ASSOSIM PRIMO

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera

Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera COMUNICATO STAMPA Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera Milano, 06 luglio 2015 - Secondo l ultima

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009 COMUNICATO STAMPA A febbraio la fiducia degli italiani torna a calare: dal Nord al

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

Il trading di volatilità

Il trading di volatilità Il trading di volatilità Come identificare i cicli di volatilità, come sfruttarne le potenzialità a proprio vantaggio contenendo i rischi. Relatore: Enrico Malverti Treviso, 7 Ottobre 2015 CHI SONO Enrico

Dettagli

Easy Trading, istruzioni per l uso

Easy Trading, istruzioni per l uso Easy Trading, istruzioni per l uso INIZIATIVE SU INDICI AZIONARI, MATERIE PRIME E BOND La prima pagina di Easy Trading scatta una fotografia della situazione in cui versano i mercati azionari, ponendo

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione III trimestre 214 Rapporto in sintesi Secondo l ultimo Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione, in diversi Paesi l inflazione attesa dai

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di MAGGIO 2004 NUMERO 22 LE NEWS DEL MESE IN QUESTO NUMERO BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE Le news del mese 1 Nel prossimo numero 1 Prima pagina 2 IDEM Quiz

Dettagli

I brokers online che collaborano a IDEMagazine

I brokers online che collaborano a IDEMagazine Numero 9 15 Marzo 2003 TRADING ONLINE EXPO: 28 e 29 marzo 2003 Palazzo Mezzanotte, Congress and Training Centre Piazza degli Affari, 6 Milano La manifestazione è organizzata da Borsa Italiana SpA, la società

Dettagli

Morningstar. Italy ETF Survey 2011. Sponsored by

Morningstar. Italy ETF Survey 2011. Sponsored by Morningstar Italy ETF Survey 2011 Sponsored by Etf, promossi per i costi, ma gli investitori vogliono saperne di più Conosce cosa sono gli Etf/Etc, ma vuole saperne di più sul funzionamento. Li sceglie

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine novembre 2009 Dati rilevati nel mese di ottobre 2009

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine novembre 2009 Dati rilevati nel mese di ottobre 2009 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine novembre 2009 Dati rilevati nel mese di ottobre 2009 Milano, 3 novembre 2009 COMUNICATO STAMPA In drastico calo le previsioni di risparmio.

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

MODULO F Forme e strutture aziendali

MODULO F Forme e strutture aziendali MODULO F Forme e strutture aziendali U.D. 1 Dalle imprese individuali alle società: le società di persone Paragrafo 6 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 18 Paragrafo 11 Il trattamento fiscale

Dettagli

GIUSEPPE ROSARIO PREGADIO SPREAD TRADING

GIUSEPPE ROSARIO PREGADIO SPREAD TRADING GIUSEPPE ROSARIO PREGADIO SPREAD TRADING Come Operare in Borsa con lo Spread Trading 2 Titolo SPREAD TRADING Autore Giuseppe Rosario Pregadio Editore Bruno Editore Sito internet www.brunoeditore.it ATTENZIONE:

Dettagli

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups I Quadrimestre 2014 Roma, luglio 2014 I risultati del questionario per la rilevazione del Sentiment del mercato immobiliare Primo Quadrimestre 2014

Dettagli

VUOI POTENZIARE LE TUE IDEE DI INVESTIMENTO? LE CARATTERISTICHE

VUOI POTENZIARE LE TUE IDEE DI INVESTIMENTO? LE CARATTERISTICHE VUOI POTENZIARE LE TUE IDEE DI INVESTIMENTO? LE CARATTERISTICHE Con i nuovi Benchmark a Leva 3 o 5 puoi replicare, moltiplicando x 3 o x 5 la performance giornaliera degli indici FTSE/MIB, CAC40, DAX ed

Dettagli

Parleremo delle opportunità di trading con gli IDEM stock futures.

Parleremo delle opportunità di trading con gli IDEM stock futures. IDEMDJD]LQH 1XPHUR 1(:6 /8*/,2$//,16(*1$',PLQL),%(,'(0672& )8785(6 $JRVWR 0LQL),%: il 17 luglio il minifib ha segnato il nuovo record storico giornaliero con 15.080 contratti scambiati. Il precedente record

Dettagli

PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS. Market Connect

PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS. Market Connect PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS Market Connect Market Connect nasce con un intento: avere una finestra sempre aperta sui mercati italiani ed esteri e offrire così una panoramica ampia e dettagliata sulla

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti

I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti Gabriella Utili Direzione consumatori conciliazioni e arbitrati Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Questa presentazione

Dettagli

VULNERABILITÀ E BENESSERE DELLE FAMIGLIE ITALIANE

VULNERABILITÀ E BENESSERE DELLE FAMIGLIE ITALIANE VULNERABILITÀ E BENESSERE DELLE FAMIGLIE ITALIANE Luisa Anderloni Daniela Vandone Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche Università degli Studi di Milano La crisi finanziaria e la

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

Scheda condizioni economiche

Scheda condizioni economiche Scheda condizioni economiche Il presente documento costituisce parte integrante delle Condizioni generali che regolano il contratto per la prestazione dei servizi e delle attività di investimento e del

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA 1 Riferimenti bibliografici Capitolo 12 e capitolo 15 (parti iniziali) 2 I BISOGNI FINANZIARI DEGLI OPERATORI finanziamento investimento consulenza Gestione rischi Il

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

Stat. BIt NOVEMBRE 2002 STATISTICHE MENSILI

Stat. BIt NOVEMBRE 2002 STATISTICHE MENSILI STATISTICHE MENSILI NOVEMBRE 2002 Versione al 22 gennaio 2003 INDICE COMMENTO................................................................................ PAG. 3 PRINCIPALI INDICATORI.......................................................................

Dettagli

La percezione del metano nei trasporti

La percezione del metano nei trasporti La percezione del metano nei trasporti Awareness e opinioni degli automobilisti italiani RISULTATI DELL INDAGINE DEMOSCOPICA In collaborazione con Verona, 28 maggio 2014 Premesse In linea con i trend su

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014)

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014) Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei risultati: famiglie

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Giugno 2015 (Dati cumulati cicli 3, 4 del 2014 e cicli 1, 2 del 2015) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010 Dati rilevati nel mese di maggio 2010 Milano, 3 giugno 2010 Comunicato stampa La crescita della fiducia è bloccata dalla crisi

Dettagli

OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE

OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE GfK Eurisko Milano, 16 Ottobre 2014 STUDIO SULLA POPOLAZIONE ITALIANA LAVORATRICE Salute e prevenzione 2 Obiettivi delle studio Esplorare

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal]

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO Introduzione; Idem vs Sedex; Breve introduzione

Dettagli