PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ANTONIO PACINOTTI SCAFATI (SA) TEL 081/ FAX 081/ E.MAIL CF C.I.SATF04000D PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 A)Analisi della situazione e motivazione dell intervento Nel corso dell analisi dei risultati dell autovalutazione e di riflessioni (con tavoli di confronto e condivisione), compiute e discusse dal Gruppo di Miglioramento dell Istituto, sono stati evidenziati i seguenti punti di forza o di debolezza: Precisazione: il livello di rubricazione indicato, si riferisce all esito nella rubrica del RAV di Istituto riferito al corrente anno scolastico. Inoltre, i valori riportati sono riferiti al massimo e al minimo valore conseguito dall Istituto e non rappresentano il massimo e il minimo valore della rubrica posta nel documento RAV che invece individua 7 posizioni. Punti di forza Esiti Risultati scolastici (rubricato al valore 3) Risultati a distanza (rubricato al valore 4) Punti di debolezza Esiti Risultati nelle prove standard (rubricato al valore 3) Competenze chiave (rubricato al valore 3) Processi - Pratiche educative e didattiche Ambiente di apprendimento (rubricato al valore 2) Inclusione e potenziamento (rubricato al valore 1) Processi - Pratiche gestionali e organizzative Sviluppo e valorizzazione Risorse umane (rubricato al valore 2)

2 L analisi dei punti di forza ha evidenziato i seguenti risultati: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PUNTO DI FORZA Risultati scolastici INDICATORE E DESCRITTORE DI PERFORMANCE POSITIVO Esiti degli scrutini La scuola perde studenti nel corso del primo anno Trasferimenti e abbandoni per trasferimenti e abbandoni. La distribuzione degli studenti per fasce di voto evidenzia una situazione di equilibrio. Risultati a distanza Prosecuzione negli studi universitari Successo negli studi universitari Successo negli studi secondari di secondo grado Inserimento nel mondo del lavoro Tasso di ex studenti occupati in attività lavorative coerenti con l indirizzo di studi scelto La scuola non raccoglie in modo sistematico informazioni sui risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, ecc.). Il numero di immatricolati all'università è nella media o di poco inferiore alla media provinciale e regionale. I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'università sono buoni (la mediana dei crediti conseguiti dai diplomati dopo 1 e 2 di università anni è almeno 30 su 60). 2

3 L analisi dei punti di debolezza ha evidenziato i seguenti risultati: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CRITICITA Risultati nelle prove standard Competenze chiave INDICATORE DI PERFORMANCE NEGATIVO Risultati nelle prove di italiano e matematica al di sotto del corrispettivo dato regionale e nazionale Livelli di apprendimenti che vedono una bassa percentuale di allievi collocati ai livelli 4 e 5 rispetto al dato nazionale/regionale e fortemente raggruppati al livello 3 che risulta pertanto più elevato rispetto al dato nazionale e regionale Variabilità dei risultati dentro le classi risulta particolarmente alta rispetto al dato regionale, in Italiano e particolarmente alta tra le classi rispetto al dato regionale e ancor più rispetto a quello nazionale, in Matematica La scuola non valuta competenze chiave come l autonomia di iniziativa e la capacità di orientarsi e non sono presenti strumenti di rilevazione. Inoltre, la scuola non individua il livello delle competenze chiave raggiunto dagli studenti nel loro percorso formativo Ambiente di apprendimento Dimensione organizzativa: la durata delle lezioni è in orario standard ma non sono presenti format né strumenti condivisi per progettare la flessibilità all interno della scuola Dimensione metodologica: La scuola non promuove l'utilizzo di modalità didattiche innovative né la collaborazione tra docenti per la loro realizzazione, non essendoci stata, almeno in questi ultimi 10 anni, una politica strategica che orientasse parte delle risorse da destinare alla formazione docenti, se non in PON per il conseguimento della patente europea ECDL ed un solo PON per il conseguimento della certificazione linguistica in LS Dimensione relazionale: in caso di comportamenti violenti, la scuola adotta solo azioni interlocutorie e raramente sanzionatorie in riferimento ad attività non consentite lasciando trapelare una risposta non sempre decisa e adeguata, rispetto 3

4 alle azioni compiute Inclusione e differenziazione Recupero e potenziamento Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane Le attività per favorire l inclusione, sono limitate: molti insegnanti curricolari non utilizzano metodologie che favoriscono una didattica inclusiva e non partecipano in modo fattivo alla formulazione dei Piani Educativi Individualizzati. La scuola non si prende cura degli altri studenti con bisogni educativi speciali e i Piani Didattici Personalizzati non sono aggiornati con regolarità La scuola inoltre, non realizza attività su temi interculturali e/o sulla valorizzazione delle diversità Non sono definite procedure per inserire gli allievi nei percorsi di recupero e gli interventi realizzati per rispondere alle difficoltà di apprendimento degli studenti sono solo i corsi di recupero attivati a conclusione dell'anno scolastico. Inoltre, non sono presenti forme di monitoraggio e valutazione dei risultati raggiunti dagli studenti con maggiori difficoltà. Infine, nel lavoro d'aula non vengono utilizzati interventi individualizzati in funzione dei bisogni educativi degli studenti Mancanza di un piano condiviso e diffuso alle parti interessate per la utilizzazione delle risorse umane e di un piano di sviluppo delle competenze del personale rispetto all innovazione Mancanza di criteri condivisi per attribuzione di incarichi e responsabilità Le azioni a sostegno della funzione docente sono inadeguate 4

5 Analisi della criticità n 1: Risultati nelle prove standard (Questa parte dello schema può essere ripetuta per il numero di criticità) Analisi delle cause Gli allievi non vengono esercitati nel corso dell anno a prove strutturate sul modello INVALSI per cui, al momento della somministrazione, il disorientamento degli allievi si aggiunge alle perplessità di tipo cognitivo e all esercizio di abilità in riferimento alle conoscenze richieste Traguardo di lungo periodo individuato L intervento intende conseguire il/i seguente/i obiettivo/i: Migliorare i risultati nelle prove standard B) Articolazione Obiettivi di breve periodo L intervento intende conseguire i seguenti obiettivi: Migliorare progressivamente i risultati nell ambito delle esercitazioni attivate nel corso dell anno Traguardo correlato (tradotto in dato numerico o/e evidenze osservabili) Riduzione del 10% del numero di allievi che si collocano nel livello 3 a favore almeno del livello 4, mantenendo invariato il numero di allievi nell attuale percentuale, che si collocano ai livelli critici 1 e 2 Indicatori di processo Processi coinvolti nell azione di miglioramento: Somministrazione regolare e monitorata di esercitazioni finalizzate a far acquisire un consapevole orientamento agli allievi nell ambito delle prove standardizzate, sia in riferimento ai contenuti che alla struttura delle prove Fattori critici di successo: Integrare la programmazione curriculare con esercizi sul modello prove INVALSI Svolgere periodicamente nel corso dell anno, esercitazioni sul modello prove INVALSI 5

6 Analisi della criticità n 2: Competenze chiave Analisi delle cause La scuola non valuta competenze chiave come l autonomia di iniziativa e la capacità di orientarsi e non sono presenti strumenti di rilevazione. Inoltre, la scuola non individua il livello delle competenze chiave raggiunto dagli studenti nel loro percorso formativo Traguardo di lungo periodo individuato L intervento intende conseguire il/i seguente/i obiettivo/i: Valutare tutte le competenze chiave e di cittadinanza degli studenti con esplicitazione del livello raggiunto Monitorare eventuali differenze tra classi B) Articolazione Obiettivi di breve periodo L intervento intende conseguire i seguenti obiettivi: Predisporre in occasione degli incontri dipartimentali di inizio anno scolastico, format di rilevazione dei livelli raggiunti dagli studenti Traguardo correlato (tradotto in dato numerico o/e evidenze osservabili) Aumento del numero di studenti che conseguono un buon livello nel voto di condotta nel quale confluiscono il rispetto delle regole, il senso di legalità e di un etica della responsabilità, la collaborazione e lo spirito di gruppo. Indicatori di processo Processi coinvolti nell azione di miglioramento: Diminuzione degli episodi che richiedono interventi e azioni interlocutorie e sanzionatorie Rilevazione positiva in riferimento alla capacità dell alunno di agire in modo autonomo e responsabile Fattori critici di successo: Predisporre strumenti condivisi di rilevazione delle competenze chiave 6

7 Analisi della criticità n 3: Ambiente di apprendimento Analisi delle cause La scuola non promuove l'utilizzo di modalità didattiche innovative né la collaborazione tra docenti per la loro realizzazione, non essendoci stata, almeno in questi ultimi 10 anni, una politica strategica che orientasse parte delle risorse da destinare alla formazione docenti se non in qualche caso. La scuola, dotata di numerosi Laboratori, cura gli spazi laboratoriali in riferimento all'individuazione di figure di coordinamento ma NON cura l'aggiornamento dei materiali. Il dato è emerso nell'ambito della rilevazione dei Questionari Cometa di Customer Satisfaction riferiti a tutte le Parti Interessate interpellate (Alunni, Genitori, Docenti e Ata) somministrate negli anni 2012/13, 2013/14 e 2014/15. Inoltre, non è curato un aggiornamento riferito a materiali didattici rivolti ad alunni diversamente abili. Traguardo di lungo periodo individuato L intervento intende conseguire il/i seguente/i obiettivo/i: Migliorare l ambiente di apprendimento attraverso un aggiornamento di materiali, strumentazione nei Laboratori e aggiornamento dei docenti finalizzato al loro utilizzo e introducendo format condivisi per progettare la flessibilità della scuola B) Articolazione Obiettivi di breve periodo L intervento intende conseguire i seguenti obiettivi: Orientare parte delle risorse finanziarie per l aggiornamento di materiali e strumentazione in dotazione dei Laboratori Orientare parte delle risorse finanziarie per l aggiornamento dei docenti Traguardo correlato (tradotto in dato numerico o/e evidenze osservabili) Aumento della percentuale di alunni con esiti positivi al termine dell anno scolastico (Un ambiente di apprendimento adeguato ed aggiornato, favorisce situazioni di apprendimento anche per alunni che possono conseguire risultati positivi in situazioni di rilevazione non formale e non tradizionale, di conoscenze ed abilità) Indicatori di processo Processi coinvolti nell azione di miglioramento: Percentuale di alunni con esito di soddisfazione positivo rispetto all ambiente di apprendimento Fattori critici di successo: Disponibilità finanziaria da orientare secondo l obiettivo rilevato 7

8 Analisi della criticità n 4: Inclusione e potenziamento Analisi delle cause Molti insegnanti curricolari non utilizzano metodologie che favoriscono una didattica inclusiva e non partecipano in modo fattivo alla formulazione dei Piani Educativi Individualizzati. La scuola non si prende cura degli altri studenti con bisogni educativi speciali e i Piani Didattici Personalizzati non sono aggiornati con regolarità Gli interventi realizzati per rispondere alle difficoltà di apprendimento degli studenti sono solo i corsi di recupero attivati a conclusione dell'anno scolastico ed in riferimento ai quali non sono presenti forme di monitoraggio e valutazione dei risultati raggiunti dagli studenti con maggiori difficoltà. Infine, nel lavoro d'aula, non vengono utilizzati interventi individualizzati in funzione dei bisogni educativi degli studenti Traguardo di lungo periodo individuato L intervento intende conseguire il/i seguente/i obiettivo/i: Attuare una didattica inclusiva e implementare percorsi didattici in funzione dei bisogni educativi degli studenti Realizzare interventi di recupero e potenziamento intermedi nel corso dell anno scolastico B) Articolazione Obiettivi di breve periodo L intervento intende conseguire i seguenti obiettivi: -Coinvolgere maggiormente il C.di C., in occasione degli incontri cadenzati e programmati, nella progettazione di Piani Didattici Personalizzati mediante compilazione di format condivisi in termini di obiettivi e traguardi di apprendimento raggiunti -Ad inizio anno scolastico, imbastire le procedure necessarie per attivare interventi di recupero a chiusura del primo trimestre Traguardo correlato (tradotto in dato numerico o/e evidenze osservabili) Maggiore coinvolgimento nel lavoro d aula degli alunni con Piani Didattici Personalizzati Diminuzione della percentuale (10%) di alunni non promossi e/o con sospensione del giudizio Indicatori di processo Processi coinvolti nell azione di miglioramento: Percentuale di alunni BES e/o diversamente abili, con esito di soddisfazione positivo rispetto al grado di coinvolgimento e valorizzazione Esiti positivi in occasione della valutazione intermedia al Pentamestre (Aprile, prima della chiusura dell anno scolastico) Fattori critici di successo: Promuovere azioni che differenzino i percorsi didattici in funzione dei bisogni educativi degli studenti Orientare parte delle risorse finanziarie per attivare interventi di recupero a chiusura del primo trimestre 8

9 Analisi della criticità n 5: Valorizzazione delle risorse umane Analisi delle cause La scuola non raccoglie le esigenze formative dei docenti e del personale ATA anche se richiesto e solo nell'anno di implementazione del SGQ, la scuola ha indicato nel curricolo e nelle competenze, una richiesta di formazione. Tuttavia, non sono state attivate iniziative di formazione. La scuola utilizza il curriculum e le esperienze formative dei docenti solo per l'assegnazione di incarichi in progetti piuttosto che per una migliore gestione delle risorse umane ed incentiva la partecipazione dei docenti a gruppi di lavoro solo relativamente ad alcune tematiche, con media varietà di argomenti e con modalità organizzative di dipartimenti e di gruppi spontanei di docenti con una percentuale bassa rispetto al totale dei docenti stessi. Traguardo di lungo periodo individuato L intervento intende conseguire il/i seguente/i obiettivo/i: Formare periodicamente il personale docente e non docente della scuola Formalizzare gli incarichi utilizzando il curriculum o le esperienze formative maturate dai docenti B) Articolazione Obiettivi di breve periodo L intervento intende conseguire i seguenti obiettivi: Condividere criteri e modalità di attribuzione degli incarichi Rilevare le esigenze formative del personale docente e non docente Rilevare le competenze dei docenti in base al curriculum e/o esperienze formative maturate Traguardo correlato (tradotto in dato numerico o/e evidenze osservabili) Clima relazionale disteso Valorizzazione e migliore gestione delle risorse umane Indicatori di processo Processi coinvolti nell azione di miglioramento: Aumento della percentuale di partecipazione a gruppi di lavoro e produzione di materiali e/o esiti utili alla scuola Ricaduta delle iniziative di formazione nell attività ordinaria della scuola Fattori critici di successo: Attuare una politica strategica che orienti parte delle risorse finanziarie per il raggiungimento dell obiettivo rilevato Attuare un piano di sviluppo delle competenze del personale rispetto all innovazione Promuovere criteri condivisi per attribuzione di incarichi e responsabilità 9

10 Piano delle attività (Questa parte dello schema può essere ripetuta per il numero di obiettivi di miglioramento) Obiettivo n. 1 Migliorare i risultati nelle prove standard Fasi Attività Prodotti e attività Indicatori numerici FASE PROPEDEUTICA aprile 1^ FASE progettazione settembre 2^ FASE esecuzione Dicembre e marzo 3^ FASE verifica maggio Gantt del Piano Processo Attività Fase propedeutica 1^ fase Condivisione nei Dipartimenti di prove similari sul modello INVALSI da somministrare in due esercitazioni Prove da somministrare Attività di confronto Numero di prove Condivisione di prove Esamina di prove Percentuale prove esaminate 1^ e 2^ esercitazione Esercitazione in classe Esiti delle prove misurati sui livelli raggiunti Esecuzione prova nazionale rilevazione Punteggi riportati Responsabile Dipartimenti Dipartimenti 2^ fase Docenti C. di C. 3^ fase Docenti C. di C. AP- GIU o setoo otto novo dic Gen feb mar apr mag giu 10

11 C) Verifica degli esiti del Piano Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Obiettivo Indicatore Risultati attesi Risultati ottenuti Migliorare i risultati delle prove standard Risultati e punteggi degli studenti nelle prove di Italiano e Matematica Aumento della percentuale (10%) di alunni che guadagnano il 4 livello e percentuale invariata di alunni che si posizionano ai livelli critici 1 e 2 Piano delle attività (Questa parte dello schema può essere ripetuta per il numero di obiettivi di miglioramento) Obiettivo n. 2 Valutare tutte le competenze chiave e di cittadinanza degli studenti con esplicitazione del livello raggiunto Fasi Attività Prodotti e attività Indicatori numerici FASE PROPEDEUTICA aprile 1^ FASE progettazione settembre 2^ FASE esecuzione dicembre e marzo 3^ FASE verifica giugno Elaborazione e confronto nei Dipartimenti di format che esplicitino tutte le competenze e i traguardi di livello raggiunti Condivisione nei Dipartimenti dei format elaborati Materiali (prodotti di altre scuole, normativa nazionale ed europea) format Quantità e varietà di materiali a supporto dell attività di confronto e condivisione Numero format/uno per ogni dipartimento disciplinare Valutazione intermedia (dicembre e marzo) Attività di valutazione Livelli raggiunti Valutazione in sede di scrutinio finale Attività di valutazione Livelli raggiunti 11

12 Gantt del Piano Processo Attività Fase propedeutica 1^ fase Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Responsabile Dipartimenti Dipartimenti 2^ fase Docenti C. di C. 3^ fase Docenti C. di C. AP- GIU osssss setoo C) Verifica degli esiti del Piano Obiettivo Indicatore Risultati attesi Risultati ottenuti oottooo novooo oo dic Gen feb mar apr mag giu Valutare tutte le competenze chiave e di cittadinanza Numero di episodi che richiedono interventi e azioni interlocutorie e sanzionatorie Rilevazione positiva in riferimento alla capacità dell alunno di agire in modo autonomo e responsabile Diminuzione degli episodi che richiedono interventi e azioni interlocutorie e sanzionatori Aumento del numero di studenti che conseguono un voto positivo in condotta 12

13 Piano delle attività (Questa parte dello schema può essere ripetuta per il numero di obiettivi di miglioramento) Obiettivo n. 3 Migliorare l ambiente di apprendimento Fasi Attività Prodotti e attività Indicatori numerici FASE PROPEDEUTICA settembre 1^ FASE progettazione Dicembre 2^ FASE esecuzione Gennaio-maggio 3^ FASE verifica Giugno Gantt del Piano Processo Attività Fase propedeutica 1^ fase 2^ fase In fase di acquisizione di notizie circa il FIS Verbale riunione RSU condividere l orientamento di destinare parte delle risorse finanziare per migliorare la dimensione metodologica dell ambiente di apprendimento (aule, Laboratori, strumentazioni e materiali) In sede di prima Contrattazione Integrativa Verbale riunione RSU attuare quanto stabilito e condiviso Rilevare e monitorare la relazione tra ambiente Strumenti di rilevazione Percentuale di soddisfazione di apprendimento più adeguato e risultati (questionari di scolastici soddisfazione) Rilevare gli esiti in sede di scrutinio finale Attività di valutazione Diminuzione percentuale di studenti con sospensione del giudizio e/o non ammessi Responsabile DS-DSGA-GM-RSU DS-DSGA-RSU GM 3^ fase Docenti C. di C. AP- GIU osssss setoo oottooo novooo oo dic Gen feb mar apr mag giu 13

14 C) Verifica degli esiti del Piano Obiettivo Indicatore Risultati attesi Risultati ottenuti Migliorare l ambiente di apprendimento (dimensione metodologica) Risultati scolastici Riduzione percentuale di studenti con sospensione del giudizio e/o non ammessi Piano delle attività (Questa parte dello schema può essere ripetuta per il numero di obiettivi di miglioramento) Obiettivo n. 4 Attuare una didattica inclusiva e realizzare interventi di recupero e potenziamento intermedi nel corso dell anno scolastico Fasi Attività Prodotti e attività Indicatori numerici FASE PROPEDEUTICA aprile In sede di riunione finale dei dipartimenti (aprile per adozione libri di testo), attivare un confronto su tematiche ed azioni metodologiche finalizzate all inclusione Rilevazioni di materiali utili all argomento Percentuale di partecipazione 1^ FASE progettazione settembre Rilevare le procedure necessarie per attivare interventi di recupero a chiusura del primo trimestre Condivisione e confronto nella progettazione dei Dipartimenti, di Piani Didattici Personalizzati mediante compilazione di format condivisi in termini di obiettivi e traguardi di apprendimento raggiunti Piano degli interventi di recupero Piano delle attività (numero di docenti coinvolti e numero delle ore) Format Disponibilità dei docenti per i corsi di recupero Maggiore coinvolgimento nel lavoro d aula degli alunni con Piani Didattici Personalizzati Percentuale di frequenza ai corsi di recupero 14

15 2^ FASE esecuzione settembre-maggio 3^ FASE verifica giugno Gantt del Piano Processo Attività Fase propedeutica 1^ fase Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Maggiore coinvolgimento nel lavoro d aula degli alunni con Piani Didattici Personalizzati Attivazione degli interventi di recupero e potenziamento Verifica degli apprendimenti (scrutini finali) Responsabile Dipartimenti DS/DSGA/Vicepresidenza Dipartimenti/GM/FS 2^ fase Tutti i C. di C. 3^ fase Tutti i C. di C. AP- GIU osssss setoo Lavoro d aula Interventi di recupero Valutazioni riportate oottooo novooo oo dic Percentuale di alunni BES e/o diversamente abili, con esito di soddisfazione positivo rispetto al grado di coinvolgimento e valorizzazione Esiti di soddisfazione Percentuale alunni con sospensione del giudizio e/o non ammessi C) Verifica degli esiti del Piano Obiettivo Indicatore Risultati attesi Risultati ottenuti Gen feb mar apr mag giu Attuare una didattica inclusiva e realizzare interventi di recupero e potenziamento intermedi nel corso dell anno scolastico Esiti di soddisfazione Percentuale alunni che partecipano ai corsi attivati Percentuale di alunni BES e/o diversamente abili, con esito di soddisfazione positivo rispetto al grado di coinvolgimento e valorizzazione Esiti positivi e/o migliori in occasione della valutazione finale 15

16 Piano delle attività (Questa parte dello schema può essere ripetuta per il numero di obiettivi di miglioramento) Obiettivo n. 5 Formare periodicamente il personale docente e non docente della scuola Fasi Attività Prodotti e attività Indicatori numerici FASE PROPEDEUTICA aprile 1^ FASE progettazione settembre 2^ FASE esecuzione ottobre-giugno In sede al Collegio di validazione delle adozioni, Condividere criteri e modalità di attribuzione degli incarichi Rilevare le esigenze formative del personale docente e non docente In sede di Collegio di inizio anno, formalizzare le proposte Attivazione delle azioni formative programmate e relativo monitoraggio Attività di rilevazione Condivisione e riflessione in merito alla formulazione di eventuali proposte Piano formazione Corsi di formazione Partecipazione al confronto Percentuale di partecipazione Aumento della percentuale di partecipazione a gruppi di lavoro e produzione di materiali e/o esiti utili alla scuola 3^ FASE verifica giugno Conclusione attività di formazione Questionari di rilevazione Ricaduta delle iniziative di formazione nell attività ordinaria della scuola Gantt del Piano Processo Attività Fase propedeutica Responsabile Collegio dei docenti AP- GIU osssss setoo oottooo novooo oo dic Gen feb mar apr mag giu 1^ fase Collegio dei docenti 2^ fase DS-DSGA-GM-FS Area 2 3^ fase Docenti 16

17 C) Verifica degli esiti del Piano Obiettivo Indicatore Risultati attesi Risultati ottenuti Formare periodicamente il personale docente e non docente della scuola Percentuale di partecipazione a gruppi di lavoro e produzione di materiali e/o esiti utili alla scuola Clima relazionale disteso Valorizzazione e migliore gestione delle risorse umane Si ribadisce che, per quanto concerne i punti di forza e di debolezza individuati, questi corrispondono alla situazione reale rilevata in occasione della compilazione del RAV di Istituto, anche nei livelli di rubricazione indicati PRECISAZIONI E stato formulato un Piano delle attività e relativo Gantt per ciascuno degli obiettivi di miglioramento La scansione dei tempi indicata nei Piani delle attività e nei rispettivi Gantt, è modulata sulla scansione reale dell Istituto che seziona l anno in Trimestre e Pentamestre (la fase propedeutica, in bleu nel Gantt, corrisponde ai mesi di aprile e/o maggio prima della fine dell anno; il quadrato successivo, corrisponde al mese di settembre ed ogni casella successiva, corrisponde al mese successivo a settembre) Le figure di staff e di sistema indicate, corrispondono all Organigramma e Funzionigramma reale dell Istituto a seguito dell implementazione del SGQ nell anno scolastico 2012/13 A cura di Cristina Feniello 17

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Novembre 2014 INDICE della MAPPA INDICATORI 1 Contesto... 2 1.1 Popolazione scolastica... 2 1.2 Territorio e capitale sociale... 3 1.3 Risorse economiche

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della dispersione e dell insuccesso scolastico. - Rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione. Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 2015

Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione. Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 2015 Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione A cura di Sara Romiti, INVALSI Area Risultati scolastici Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 015 Rispondere

Dettagli

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari RAV e dintorni Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015 Maddalena Cassinari 1. Motivazione del RAV * La parola chiave è: MIGLIORAMENTO * Attraverso * azioni correttive * cambiamenti necessari

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

ESITI DEGLI STUDENTI

ESITI DEGLI STUDENTI ALLEGATO Priorità e Traguardi evidenziati nel Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola NAIC812007 "CAMPO DEL MORICINO" ESITI DEGLI STUDENTI 1. Risultati scolastici Studenti

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015 LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 Contesto e risorse 2 3 4 5 Esiti Processi Il Processo di Autovalutazione

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. B.SPAVENTA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA" Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

L I C E O S C I E N T I F I C O S T A T A L E D A L E S S A N D R O BA G H E R I A

L I C E O S C I E N T I F I C O S T A T A L E D A L E S S A N D R O BA G H E R I A 55 risposte su 70 email inviate. 78 % Contesto e Risorse La struttura dell'edificio è considerata in modo positivo 98,1 % dei docenti. I laboratori sono adeguatamente attrezzati per il 66 % dei docenti.

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Esiti - Risultati a distanza

Esiti - Risultati a distanza 1 di 10 06/06/2015 10:13 Benvenuto BEATRICE PRAMAGGIORE - Dirigente LICEO "C.AMORETTI" - IMPM01000A set. Home F.A.Q. Documentazione Help Processo di Autovalutazione NEWS LogOut Esiti - Risultati a distanza

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento AGIS014002 I.I.S.S. "MICHELE FODERA'" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill analisi e verifica servizio: rapporto autovalutazione e piano miglioramento valutazione

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PEIC828004 I. C. I.SILONE-MONTESILVANO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: NURI050001 prodotto il :04/08/2015 10:30:10 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - NURI050001 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE "E. AMALDI" SNV - Scuola:

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Struttura e analisi del RAV a cura della tutor con integrazione di materiali resi disponibili da USR Veneto Tutor: Anna Nardi FORMAZIONE DOCENTI REFERENTI Fasi procedimento

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: CRIC824007 prodotto il :07/10/2015 09:31:04 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - CRIC824007 IC CREMONA DUE SNV - Scuola: CRIC824007 prodotto il

Dettagli

Scuola : LICEO CLASSICO STATALE "C. BECCARIA" - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola : LICEO CLASSICO STATALE C. BECCARIA - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Scuola : LICEO CLASSICO STATALE "C. BECCARIA" - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

INTEGRAZIONE AL P.O.F. A.S. 2015/2016

INTEGRAZIONE AL P.O.F. A.S. 2015/2016 MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo D. A. Azuni Via Comm.Fumu 07020 Buddusò Cod.Fis.81000450908 Cod. Mec.SSIC80600X Codice Univoco dell Ufficio: UFXWJZ Telefono

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento RMIC83000Q GIUSEPPE MONTEZEMOLO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

Scuola: IIS Majorana di Moncalieri (Liceo e sezione associata Tecnico Economica ex Marro) a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusività.

Scuola: IIS Majorana di Moncalieri (Liceo e sezione associata Tecnico Economica ex Marro) a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusività. Sezione Liceale E.Majorana Scientifico Linguistico - Classico Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI tel. 011/6471271-2 fa 011/6471273 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

Benvenuto ANNUNZIATA MARCIANO - Dirigente I.C.VITRUVIO POLLIONE - LTIC81300V

Benvenuto ANNUNZIATA MARCIANO - Dirigente I.C.VITRUVIO POLLIONE - LTIC81300V Benvenuto ANNUNZIATA MARCIANO - Dirigente I.C.VITRUVIO POLLIONE - LTIC81300V L'operazione di chiusura è stata correttamente effettuata. Per consultare il Rav prodotto selezionare il bottone Preview Scelta

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 22) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Marina Battistin Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co.

Marina Battistin Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co. Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co. Descrivere la propria scuola sulla base di dati attendibili Attribuirsi11 voti, motivati, sulle dimensioni principali del funzionamento della

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7. www.iacpignataromaggiore.it Proc.09 Stesura del POF INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.ARCHIVIAZIONI SCOPO Questa

Dettagli

Processi - Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Processi - Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane 1 di 6 06/06/2015 11:26 Benvenuto BEATRICE PRAMAGGIORE - Dirigente LICEO "C.AMORETTI" - IMPM01000A set. Home F.A.Q. Documentazione Help Processo di Autovalutazione NEWS LogOut Processi - Sviluppo e valorizzazione

Dettagli

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Dino Cristanini Torino 15 dicembre 2014 LE FONTI DI RIFERIMENTO PER LA COSTRUZIONE DEL MODELLO IL MODELLO CIPP (CONTEXT

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016

PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GALLARATE LICEO SCIENTIFICO STATALE Leonardo da Vinci LICEO CLASSICO "Giovanni Pascoli" LICEO delle SCIENZE UMANE opz. ECONOMICO-SOCIALE PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

FAC SIMILE FORMULARIO COMPILAZIONE E CONSEGNA SOLO ON LINE http://www.indire.it/indicazioni/monitoraggio/ Monitoraggio dei documenti programmatici

FAC SIMILE FORMULARIO COMPILAZIONE E CONSEGNA SOLO ON LINE http://www.indire.it/indicazioni/monitoraggio/ Monitoraggio dei documenti programmatici A che punto siamo... indicazioni per il curricolo e indicazioni nazionali Monitoraggio dei documenti programmatici Formulario A PARTE GENERALE Formulario A - PARTE GENERALE - Pagina n 1 /11 Il piano dell

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI Via Danimarca, 54 90146 Palermo c.f. 80012700821 Telefono 091 515231 - Fax 091 520622 www.liceoggalileipalermo.gov.it - paps010002@istruzione.it paps010002@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia della scuola poiché traduce in prassi un comune senso

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) ISTITUTO SUPERIORE VERONA - TRENTO I.T.T. VERONA TRENTO - I.PIA. MAJORANA MEIS027008 IST. D'ISTRUZ. SUPERIORE IITI "VERONA TRENTO" MESSINA Via U. Bassi Is. 148 - Tel. ( 090 ) 29.34.854-29.34.070 - Fax

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE CALENDARIO ATTIVITA anno scolastico 2015-16 Suddivisione anno scolastico Primo quadrimestre: 14 settembre 23 gennaio Secondo quadrimestre: 25 gennaio 8 giugno DATA TIPO di RIUNIONE 1 settembre Collegio

Dettagli

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D 1. Contesto e risorse 1.1 Popolazione scolastica 1.2 Territorio e capitale sociale 1.3 Risorse economiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 IL RAV Il RAV (di seguito nominato Report) rappresenta la prima esperienza di autovalutazione dell Ist. Comprensivo

Dettagli

La struttura del RAV

La struttura del RAV DAL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE AL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE (RAV) PRIORITA STRATEGICHE DELLA VALUTAZIONE DEL SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE Per il prossimo triennio la valutazione

Dettagli

Laboratorio per lo Sviluppo della Qualità nella Scuola IPSS B. Montagna Polo di Vicenza. Nuovo SIQuS. Polo di Vicenza

Laboratorio per lo Sviluppo della Qualità nella Scuola IPSS B. Montagna Polo di Vicenza. Nuovo SIQuS. Polo di Vicenza Laboratorio per lo Sviluppo della Qualità nella Scuola IPSS B. Montagna Polo di Vicenza Nuovo SIQuS Polo di Vicenza Sistema Informativo per la Qualità nella Scuola Che cos è? E una filosofia ma è anche

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RGIC82000T BERLINGUER Anno Scolastico 2015/2016 Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 28) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

RAV CONTESTO 1. 1. POPOLAZIONE SCOLASTICA 1.3 RISORSE ECONOMICHE E MATERIALI 1.2. TERRITORIO E CAPITALE SOCIALE

RAV CONTESTO 1. 1. POPOLAZIONE SCOLASTICA 1.3 RISORSE ECONOMICHE E MATERIALI 1.2. TERRITORIO E CAPITALE SOCIALE RAV CONTESTO 1. 1. POPOLAZIONE SCOLASTICA OPPORTUNITA L uniformità del livello socio-economico di provenienza degli studenti facilita l intervento formale. VINCOLI Il livello socio-economico e culturale

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER

Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER Prot. 7904 del 1 settembre 2015 Legge del 13 luglio 2015, n. 107 La Buona Scuola Prot. 1738 del 2 marzo

Dettagli

1.3. In questa scuola i laboratori sono usati

1.3. In questa scuola i laboratori sono usati 1.1. In questa istituzione scolastica gli studenti sono assegnati alle diverse sezioni secondo modalità chiare e condivise regolarmente 83% 1.3. In questa scuola i laboratori sono usati (POLITICA SCOLASTICA)

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) IST. SECONDARIO SUP. DI CAIRO MONTENOTTE Corso XXV Aprile, 76 17014 Cairo Montenotte (SV) - tel.: 019-504684 e-mail: svis00300a@istruzione.it PEC: svis00300a@pec.istruzione.it

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO. Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio

COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO. Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio Micaela Ricciardi Come compilare il RAV: riflessioni per la Rete scuole Municipio II 5 marzo 2015 1 QUALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE La scuola italiana si dota oggi di uno strumento fondamentale che è quello della valutazione del sistema nazionale Bisogna dire con chiarezza che

Dettagli

Sistema Nazionale di Valutazione: aspetti teorici e modalità operative per la redazione del RAV

Sistema Nazionale di Valutazione: aspetti teorici e modalità operative per la redazione del RAV Liceo Seneca. Roma Primaria Don Bosco. Roma Primaria Angelo Mauri. Roma Liceo Isabella d Este. Tivoli Ist. Agrario S. Benedetto. Latina Primaria Luigi Minervini. Rieti Sistema Nazionale di Valutazione:

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Alla luce delle priorità individuate nel RAV, pubblicato all Albo elettronico della scuola e presente sul portale Scuola in Chiaro del M.I.U.R, sono state decise le azioni opportune

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015 1 PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015 PREMESSA Approvato dal Consiglio di Istituto nella seduta del 13/01/2016 delibera N. 114 Il presente Piano triennale dell offerta

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Via Filippo Visconti - Avellino Tel. n. 0825/22350 Cod. Meccanografico: AVRH04000X Cod. Fiscale: 92035900643 Posta elettronica: AVRH04000X@istruzione.it Posta certificata: AVRH04000X@pec.istruzione.it

Dettagli

RAV GUIDA AUTOVALUTAZIONE

RAV GUIDA AUTOVALUTAZIONE RAV GUIDA AUTOVALUTAZIONE INVALSI INDICE della GUIDA di AUTOVALUTAZIONE Indicazioni per la compilazione del RAV... 3 Dati della scuola... 6 1 Contesto... 7 1.1 Popolazione scolastica... 7 1.2 Territorio

Dettagli

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015 I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 201 Il Rapporto di Autovalutazione si articola in Sezioni, o macro aree, accessibili direttamente dalla Home Page per mezzo degli appositi link: CONTESTO; ESITI;

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE L INCLUONE Pag.1 di 8 La scuola italiana pensata nella Costituzione è una scuola che si fonda sui valori dell equità, della promozione sociale e sulla valorizzazione di tutti gli alunni, qualunque sia

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ufficio Dirigenti Tecnici NUCLEO DI SUPPORTO REGIONALE Dir. amministrativi: Gianluca Lombardo

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli