LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno"

Transcript

1 LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno

2 Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un esempi di derivato speculativo b. Hedging accounting: la copertura del rischio c. Considerazioni sull evoluzione degli IFRS 3. Il trattamento contabile dei derivati nel nostro ordinamento: a. Indicazioni dai principi contabili b. Le informazioni da fornire nella nota integrativa

3 Le fonti PRINCIPI INTERNAZIONALI: IAS 32,39 IFRS 7,9 SOCIETA QUOTATE: bilancio consolidato e d esercizio COMPAGNIE ASSICURATIVE: bilancio consolidato BANCHE e IST. FIN.: bilancio consolidato e d esercizio PRINCIPI NAZIONALI: C.C. artt bis, 2428 D.Lgs 87/92; P.Cont. 19 (fondi rischi), 22 (c/ordine) SOCIETA NON QUOTATE che non redigono il consolidato e non rientrano nell area di consolidamento di un gruppo che usa gli IAS/IFRS COMPAGNIE ASSICURATIVE: bilancio d esercizio (tranne che per quotate senza consolidato) Le società che redigono il consolidato o vengono consolidate da gruppi che utilizzano i principi internazionali hanno facoltà di utilizzare questi ultimi.

4 I principi contabili internazionali a. Derivati speculativi b. Hedging accounting c. Considerazioni sull evoluzione degli IFRS

5 Classi di strumenti finanziari nei principi contabili internazionali (IAS 39) Strumenti valutati a Fair Value con imputazione a Conto Economico (FV/PL) Finanziamenti e Crediti (L&R) Investimenti posseduti sino a scadenza (HTM) Attività finanziarie disponibili per la vendita(afs) Attività/passività finanziarie acquisite a scopo speculativo Attività finanziarie iscritte inizialmente in questa categoria Tutti i derivati (con regole particolari per l hedge accounting). Attività finanziarie (diverse da strumenti derivati) non quotate in mercati attivi, caratterizzate da pagamenti fissi o determinabili- Attività finanziarie con scadenza fissa e con pagamenti fissi (o determinabili) che un impresa ha l intenzione e la capacità di mantenere sino alla scadenza. Attività finanziarie che non rientrano nelle precedenti categorie: sono valutate al Fair Value, ma le variazioni di valore vengono iscritte direttamente a Patrimonio Netto

6 IAS 39: Classificazione Logiche di classificazione iniziale: ATTIVITA Fair value FV / PL AFS AFS si no Mantenuti con finalità di trading nel breve periodo o inizialmente classificati come FV/PL no Si tratta di crediti e finanziamenti? no Si ha l intento e la capacità di mantenerli sino a scadenza si si L&R HTM Amortised cost

7 Valutazione dei derivati 7 I derivati vengono considerati sempre come held for trading tranne nel caso di loro utilizzo come strumenti di hedging (operazioni di copertura): essi rientrano quindi nella categoria FV/PL Il FAIR VALUE all atto della stipula corrisponde al corrispettivo pagato; le variazioni successive del FAIR VALUE vengono rilevate nel Conto Economico Spesso il costo sostenuto al momento della stipula è pari a 0 (es: forward). In altri casi corrisponde al premio pagato (es: opzione)

8 Definizione di Fair Value (IAS 39) Il FAIR VALUE è definito dallo IAS 39 come il corrispettivo al quale un attività può essere scambiata, o una passività estinta, in una libera transazione fra parti consapevoli ed indipendenti. Può essere determinato facendo riferimento: al prezzo di mercato, se lo strumento finanziario è quotato in un mercato attivo; a tecniche di valutazione, quando non esiste un valore di mercato.

9 Le tecniche di valutazione del Fair Value previste nello IAS 39 utilizzo di recenti operazioni effettuate a normali condizioni di mercato sul medesimo strumento finanziario; se a disposizione, riferimento al fair value corrente di altro strumento finanziario analogo; utilizzo di modelli di determinazione del prezzo (ad esempio: flussi finanziari attualizzati).

10 Acquisto di opzioni call A acquista da B un opzione call su 10,000 titoli XY ad un prezzo di 10 ; il premio pagato per l opzione è di 0,5 per titolo 1/7 1/10 Scelta da parte di A se esercitare o meno l opzione: a) Esercita se valore titoli XY 10 b) Non esercita in caso contrario

11 Acquisto di opzioni call A acquista da B un opzione call su 10,000 titoli XY ad un prezzo di 10 ; il premio pagato per l opzione è di 0,5 per titolo D Opzioni call su titoli A Banca C/C /7 1/10 Scelta da parte di A se esercitare o meno l opzione: a) Esercita se valore titoli XY 10 b) Non esercita in caso contrario

12 Caso a: esercizio dell opzione call con consegna dei titoli A acquista da B un opzione call su 10,000 titoli XY ad un prezzo di 10 ; il premio pagato per l opzione è di 0,5 per titolo d Partecipazioni 1/ /10 a Banca C/C d Banca C/C a Partecipazioni Utile su partecipaz. d Perdite su partecip a Opzioni call su titoli A esercita l opzione poiché il valore del titolo XY = 11. Le azioni XY vengono acquistate da A e poi rivendute

13 Caso a: esercizio dell opzione call con regolamento del differenziale A acquista da B un opzione call su 10,000 titoli XY ad un prezzo di 10 ; il premio pagato per l opzione è di 0,5 per titolo 1/7 1/10 d Opzioni call su titoli a Utili su opzioni d Banca C/C a Opzioni call su titoli A esercita l opzione poiché il valore del titolo XY = 11. B versa ad A il differenziale tra 11 e 10, previo adeguamento del valore dell opzione

14 Caso b: l opzione call non viene esercitata A acquista da B un opzione call su 10,000 titoli XY ad un prezzo di 10 ; il premio pagato per l opzione è di 0,5 per titolo 1/7 1/10 d Perdite su opzioni a Opzioni call su titoli A non esercita l opzione poiché il valore del titolo XY = 9,6. La perdita subita da A è pari al premio pagato

15 La registrazione del valore dell opzione a fine esercizio A acquista da B un opzione call su 10,000 titoli XY ad un prezzo di 10 ; premio pagato: 0,5 per titolo D Opzioni call su titoli A Banca C/C Scelta da parte di A se esercitare o meno l opzione 1/11 31/12 1/2 D Opzioni call su titoli A Rivalutazioni di attività finanziarie Il FAIR VALUE dell opzione risulta pari a 0,67 per titolo 1.700

16 Hedging Accounting Gli elementi oggetto di copertura possono essere: Attività o passività rilevate in bilancio Impegni irrevocabili non iscritti a bilancio Operazioni programmate altamente probabili Investimenti netti in una gestione estera

17 Le diverse relazioni di copertura FAIR VALUE HEDGE: copertura dell esposizione alla variazione nel fair value di un attività o passività IRS su rischio di tasso da obbligazione AFS a tasso fisso CASH FLOW HEDGE: copertura dell esposizione a variazioni dei flussi finanziari connessi a un attività o passività o operazione prevista IRS a copertura di interessi da ricevere da un obbligazione AFS a tasso variabile acquistata HEDGE ON NET INVESTMENT IN FOREIGN ENTITY: Copertura dalle possibili perdite di valore su un investimento in un impresa estera

18 Metodi di valutazione dell efficacia della copertura Per poter considerare un derivato come strumento di copertura, è necessario che l effetto di copertura si riveli altamente efficace. Il principio contabile indica tre metodi per valutare l efficacia: Ratio Analysis Regression Analysis Hypothetical Derivative Method

19 Efficacia della copertura: la Ratio Analysis La Ratio Analysis: questo medoto prevede che il Rapporto di Copertura (quello sotto indicato o il suo reciproco) sia compreso tra l 80% e il 125%. RAPPORTO DI COPERTURA = Variazione FV strumento di copertura x 100 Variazione FV elemento coperto Tale condizione deve essere valutata attraverso TEST sia ex ante (prospective test) che ex post (retrospective test). E possibile valutare l efficacia sull intero arco temporale su cui si estende l operazione, ovvero su singoli periodi infra-annuali di reporting.

20 Efficacia della copertura: la Ratio Analysis VALORE RAPPORTO COPERTURA Rapporto = 100% 80% < rapporto < 125% 80%> rapporto > 125% EFFETTI CONTABILI COPERTURA PERFETTA: le variazioni di Fair Value verranno esposte a C/ec o a Riserva in relazione al tipo di rapporto di copertura COPERTURA ALTAMENTE EFFICACE: la parte di variazione di fair value non corrispondente a copertura perfetta passa comunque per il conto economico COPERTURA NON EFFICACE: non possono essere applicate le regole della hedging accounting

21 La contabilizzazione FAIR VALUE HEDGE L utile/perdita sul derivato viene rilevato a conto economico nell esercizio L utile/perdita originato dal rischio coperto viene rilevato anch esso a C/economico nel medesimo esercizio CASH FLOW HEDGE e HEDGE ON NET INVESTMENT IN FOREIGN OPERATION La parte di utile/perdita sul derivato che risulta coprire il rischio viene iscritta a Patrimonio Netto La porzione non efficace deve essere iscritta a C/Ec Gli importi registrati a patrimonio netto verranno girati a C/Ec quando i flussi coperti saranno effettivamente realizzati Se la compensazione tra variazione di Fair Value della posta coperta e quella del derivato esce dal range 80%-125%, si contabilizza a C/Ec l intera variazione del derivato, mentre la posta coperta sarà contabilizzata secondo le regole previste per la classe di appartenenza

22 Interest Rate Swap Il contratto IRS prevede il regolamento periodico tra l impresa contraente e l intermediario finanziario del differenziale sui tassi calcolato come segue: Differenziale = differenza tassi x Cap.Nozionale x gg 36000

23 Cash flow hedging tramite un contratto IRS: un esempio (fonte: DEZZANI, BIANCONE, BUSSO IAS / IFRS ) Alfa si finanzia per a tasso variabile Euribor 12 mesi + 2%. Per semplicità, immaginiamo che il debito preveda un unica data per il rimborso (31/12/20X3). Per proteggersi dai previsti rialzi dei tassi, Alfa stipula un IRS con le seguenti caratteristiche: Valore nozionale: 300,000 Tasso fisso pagato: 5,5% Tasso variabile incassato: Euribor 12 mesi Scadenza IRS: 31/12/20X3 Date di regolamento dei differenziali: 31/12 di ogni anno fair value 1/1 /20X1: 0

24 Cash flow hedging: primo anno IRS al 31/12 Euribor = 5% 1/1/20X1Ottenimento del prestito D banca c/c 300,000 A Debiti finanz. 300,000 31/12/X1 Tasso su finanziamento = 7%. Pagamento interessi: D Interessi passivi 21,000 A banca c/c 21,000 Contratto IRS: ALFA paga i fisso 5,5% (16,500) e incassa i var. 5% (15,000) D interessi passivi 1,500 A banca c/c 1,500 Confronto tra FAIR VALUE dell IRS (2,800) e dei flussi di interesse da finanziamento (2,800) D IRS di copertura 2,800 A Riserva da cash flow 2,800

25 Cash flow hedging: secondo anno IRS al 31/12 Euribor = 5,80% 31/12/X1 Tasso su finanziamento = 7,80%. Pagamento interessi: D Interessi passivi 23,400 A banca c/c 23,400 Contratto IRS: ALFA paga i fisso 5,5% (16,500) e incassa i var. 5,8% (17,400) D banca c/c 900 A Interessi passivi 900 Confronto tra FAIR VALUE dell IRS (2,100) e dei flussi di interesse da finanziamento (2,100) D Riserva da cash flow 700 A IRS di copertura 700

26 Cash flow hedging: terzo anno IRS al 31/12 Euribor = 6,30% 31/12/20X3 Rimborso del prestito D Debiti finanz. 300,000 A banca c/c 300,000 31/12/X3 Tasso su finanziamento = 8,30%. Pagamento interessi: D inter. passivi 24,900 A banca c/c 24,900 Contratto IRS: ALFA paga i fisso 5,5% (16,500) e incassa i var. 6,3% (18,900) D banca c/c 2,400 A inter. passivi 2,400 FAIR VALUE dell IRS e dei flussi di interesse da finanziamento = 0 (termina il finanz.) D Riserva da cash flow 2,100 A IRS di copertura 2,100

27 Fair Value e Cash Flow Hedge con IRS FAIR VALUE HEDGE (incasso fisso, pago variabile) Tasso fisso SOCIETA BANCA Euribor C/EC C/EC STATO PATRIM. Debito tasso fisso STATO PATRIM. STATO PATRIM. +FV IRS Debito tasso fisso -FV deb. -FV IRS Debito tasso fisso +FV deb. NEGOZIAZIONE IRS Caso A: aumento EURIBOR Caso B: calo EURIBOR Euribor SOCIETA BANCA Tasso fisso STATO PATRIM. Debito tasso var. STATO PATRIM. +FV IRS +RIS.P.N. Debito tasso var. STATO PATRIM. -RIS.PN Debito tasso var. -FV IRS CASH FLOW HEDGE (incasso variabile, pago fisso)

28 Il future come strumento di copertura Ipotesi: 1/10/X1 Alfa prevede di acquistare 1000 t di mais nell esercizio successivo (1/04/X2) Per fissare il prezzo, Alfa stipula un future con scadenza 1/04/X2 per l acquisto di mais a 120 /t 1/10/X1: il future ha valore nullo 31/12/X1: il mais aumenta di valore, il future ha quindi un FV = 3500 pari all incremento di costo previsto per il mais.

29 Rappresentazione contabile del future 31/12/20X1 D future di copert A Riserva da cash flow /04/X2 PREZZO MAIS = 125 /t D future di copert A riserva da cash flow REGOLAMENTO DEL FUTURE PER CASSA D banca 5,000 A future di copert. 5,000 ACQUISTO DEL MAIS D costo acquisto materie A debiti verso fornitori COPERTURA DELL INCREMENTO DI COSTO SUBITO D Riserva da cash flow A costi di acquisto 5.000

30 IFRS 7: le informazioni integrative sugli strumenti di hedging (1) L'entità deve indicare le seguenti informazioni separatamente per ogni tipo di copertura descritto nello IAS 39 [ossia, copertura di fair value, copertura di flussi finanziari e copertura di un investimento netto in una gestione estera]: a) la descrizione di ogni tipo di copertura; b) la descrizione degli strumenti finanziari designati come strumenti di copertura e i loro fair value alla data di chiusura dell'esercizio; e c) la natura dei rischi coperti.

31 IFRS 7: le informazioni integrative sugli strumenti di hedging (2) Per le coperture di flussi finanziari, l'entità deve indicare: a) i periodi in cui si prevede che i flussi finanziari si debbano verificare e quando si presume che incideranno sul prospetto di conto economico complessivo; b) la descrizione di qualsiasi operazione programmata per la quale la contabilizzazione dell'operazione di copertura era stata precedentemente effettuata, ma che si presume non si verificherà più in futuro; c) l'importo che è stato rilevato nel prospetto delle altre componenti di prospetto di conto economico complessivo nel corso dell'esercizio; d) l'importo che è stato riclassificato dal patrimonio netto all'utile (perdita) d'esercizio, con l indicazione dell'importo imputato ad ogni voce del prospetto delle altre componenti di prospetto di conto economico complessivo; e e) l'importo che è stato girato dal patrimonio netto nel corso dell'esercizio e incluso nel costo inizia le o in altro valore contabile di un'attività o passività non finanziaria la cui acquisizione o il cui verificarsi costituiva un'operazione coperta programmata ritenuta altamente probabile. [2]

32 Il processo di revisione dello IAS 39 FASI DEL PROGETTO EXPOSURE DRAFT STESURA DEFINITIVA 1. CLASSIFICAZIONE E VALUTAZIONE 2. IMPAIRMENT (titoli obbligazionari) 3. HEDGE ACCOUNTING ED luglio 2009 financial assets ED financial liabilities atteso per il secondo semestre 2010 ED ottobre 2009 ED in tempo per emanare il principio nel 2010 IFRS 9 emesso il 12 novembre 2009, con applicazione obbligatoria dal 2013 Completa sostituzione dello IAS 39 entro il 2010, applicazione ipotizzata entro il 2014 Completa sostituzione dello IAS 39 entro il 2010, applicazione ipotizzata entro il 2014

33 I principi Italiani -Il recepimento della Dir. 65/01 con il D.Lgs. 394/03 -Informazioni da fornire nella nota integrativa -Informazioni da fornire nella relazione sulla gestione

34 Il punto fondamentale: la finalità del bilancio (OIC 3) Le norme internazionali si rivolgono agli investitori e presentano il bilancio in una visione prevalentemente prospettica, mentre quelle europee e quelle nazionali che da esse derivano, interessate come sono alla tutela dei soci e dei creditori, hanno l obiettivo di una più prudente valutazione ai fini della conservazione del capitale. In sostanza, i principi contabili internazionali interpretano il bilancio in In sostanza, i principi contabili internazionali interpretano il bilancio in chiave evolutiva, dinamica; il risultato dell esercizio è visto quale indicatore della performance aziendale e tramite il bilancio nel suo complesso si vuole fornire agli investitori la possibilità di stimare la capacità dell impresa di generare utili futuri valutando al contempo il complesso dei rischi connessi all investimento così da poter assumere consapevoli decisioni in campo economico finanziario.

35 La Direttiva 2001/65/CE e il D.Lgs. 394/03 Dir. 2001/ 65/CE D.Lgs. 394/ 2003 Viene introdotto il Fair Value come possibile criterio di stima per alcuni elementi del patrimonio Introduzione del Fair Value come strumento di valutazione ai fini dell informativ a da dare nella Nota Integrativa DERIVATI: gli Stati membri possono autorizzare o obbligare l adozione del Fair value Dal 2005 in nota integrativa occorre indicare: NATURA, QUANTITA e FAIR VALUE degli strumenti derivati

36 Indicazioni dal Principio Cont. 22 (CNDC, 1997) Nei conti d ordine, fra gli impegni, vanno iscritti i contratti derivati, speculativi o di copertura, stipulati dall impresa. Il valore di iscrizione deve essere: 1. il valore nominale, il c.d. valore nozionale del contratto; 2. Per i contratti a termine su merci, valute e titoli, la valutazione deve essere fatta al prezzo forward fissato nel contratto. L iscrizione nei conti d ordine viene poi eliminata dopo la chiusura delle relative operazioni.

37 Indicazioni dal Pr.Cont. 19 (CNDC, 1996) a) Alle operazioni fuori bilancio relative a contratti derivati su titoli, valute, tassi d interesse e indici di borsa (ad esempio: futures, options, forward rate agreements, IRS) devono applicarsi i medesimi criteri di valutazione stabiliti per le corrispondenti attività e passività in bilancio CONSEGUENZE: Derivati di copertura su attività immobilizzata valutata a costo: anche il derivato è valutato a costo e non si tiene conto delle variazioni di valore del Fair Value Derivati di copertura su attività circolanti valutata al minore tra costo e mercato: assume rilevanza l eventuale valore corrente del derivato inferiore al suo costo. Per strumenti finanziari quotati è consentita la valutazione al Fair Value (87/92): assume rilevanza anche l incremento di valore del rispettivo derivato di copertura

38 Indicazioni dal Pr.Cont. 19 (CNDC, 1996) b) Le perdite nette maturate sugli strumenti finanziari derivati devono essere rilevate in bilancio in contropartita ad appositi fondo rischi. CONSEGUENZE: In presenza di derivati speculativi è necessario accertare il valore In presenza di derivati speculativi è necessario accertare il valore corrente (fair value) del derivato alla data di chiusura dell esercizio e iscrivere la relativa perdita in un apposito fondo rischi con contropartita alla voce di conto economico C17.

39 Il fair value nell art bis Prezzo di mercato: per tutti gli strumenti trattati su mercati attivi e per gli strumenti finanziari scomponibili in componenti per le quali sia possibile individuare un valore di mercato Valori di mercato di strumenti analoghi a quelli oggetto di valutazione, qualora essi non siano trattati su mercati attivi. Modelli e tecniche di valutazione generalmente accettati: per tutti quegli strumenti per i quali non sia possibile individuare dei mercati di riferimento affidabili. Tali tecniche e modelli di valutazione devono, per poter essere applicati, condurre comunque ad una ragionevole approssimazione del valore di mercato. Quando i dati determinati non contribuiscano alla chiarezza del bilancio e il fair value non sia determinabile in modo attendibile, infine, il codice dà la possibilità di disattendere le norme in commento.

40 Informazioni da dare nella Nota Integrativa Qualora sia stata applicata la valutazione al fair value degli strumenti finanziari, la nota integrativa del bilancio deve riportare: a) gli assunti fondamentali su cui si basano i modelli e le tecniche di valutazione, qualora il fair value sia stato determinato sulla base di modelli e tecniche di valutazione; b) per ogni categoria di strumenti finanziari, il fair value, le variazioni di valore iscritte nel conto economico, nonché quelle imputate alla riserva intestata al fair value; c) per ciascuna categoria di strumenti finanziari derivati, informazioni sull entità e sulla natura degli strumenti, comprese le condizioni significative che possono influenzare l importo, le scadenze e la certezza dei flussi finanziari futuri; d) una tabella che indichi le variazioni della riserva intestata al fair value intervenute nell esercizio.

41 Le informazioni richieste dall art.2428 c. 6 bis In relazione all'uso da parte della società di strumenti finanziari e se rilevanti per la valutazione della situazione patrimoniale e finanziaria e del risultato economico dell'esercizio: a) gli obiettivi e le politiche della società in materia di gestione del rischio finanziario, compresa la politica di copertura per ciascuna principale categoria di operazioni previste; b) l'esposizione della società al rischio di prezzo, al rischio di credito, al rischio di liquidità e al rischio di variazione dei flussi finanziari.

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

I derivati Contabilità, bilancio e fisco

I derivati Contabilità, bilancio e fisco I derivati Contabilità, bilancio e fisco Milano,20/10/2005 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Contabilizzazione di alcuni derivati di copertura e di quelli speculativi; Novità della nota integrativa

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL BILANCIO D ESERCIZIO 2006 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI (art. 2427-bis e art. 2428, co. 2, n. 6-bis) Documento n. 5 del 21 marzo 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello,

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 AGENDA Partecipazioni, titoli ed azioni

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Strumenti finanziari

Strumenti finanziari Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2011-2012 Principi contabili internazionali 1 Strumenti finanziari IAS 32 Financial Instruments presentation IAS 39Financial instruments and recognition

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012 sul trading book Roma, 4 dicembre 2012 AGENDA I PROGETTI DI REVISIONE DELLO IAS 39 CLASSIFICAZIONE E MISURAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI NEL NUOVO IFRS9 LA REVISIONE DEL PERIMETRO DEL TRADING BOOK IN

Dettagli

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012 www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 Agenda 1) Introduzione agli strumenti finanziari 2) Principali strumenti derivati 3) Normativa

Dettagli

CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO. Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi

CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO. Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi Torino, 22 novembre 2013 CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi INTEREST RATE SWAP Gli strumenti finanziari che vengono utilizzati a copertura

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38.

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38. OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ GUIDE OPERATIVE Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38 Guida 4 APPROVATA DAL CONSIGLIO

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari 1 Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Marialaura Napoli Agenda Lo scenario di riferimento; il quadro normativo (IAS 39, Schemi bilancio ex Circ. Banca d Italia n. 262) Definizione

Dettagli

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano APB Milano, 20 novembre 2003 L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano Carlo Calandrini Banca d Italia 1 Indice l l l l l Il quadro normativo Le principali novità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: il consiglio di amministrazione approva i risultati

Dettagli

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato Costo Ammortizzato Il costo ammortizzato è il valore a cui l attività/passività finanziaria è stata valutata alla rilevazione

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 21 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Convegno Gli strumenti derivati di copertura Genova, 13 maggio 2010 Auditorium Confindustria Dott. Marcello Pollio ODCEC Genova Studio

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI Marco Carbone Tavola rotonda TopLegal 23/ 09/ 2010 ARGOMENTI TRATTATI

Dettagli

Soluzioni e Documenti IAS ABI

Soluzioni e Documenti IAS ABI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Soluzioni e Documenti IAS ABI Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2013/2014 Bergamo, 14 maggio 2014 Soluzioni IAS

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, Anno accademico 2014/2015 10 e 11 febbraio 2015-1 parte Indice I principi IAS 32

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi La disciplina dei ratei e risconti è ampliata prevedendo ulteriori disposizioni sulle condizioni per la loro rilevazione in bilancio. La disciplina

Dettagli

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 TRANSIZIONE AI PRINCIPI IAS/IFRS Fino al 2004 Telecom

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 Il leasing è un contratto per mezzo del quale il locatore (lessor) trasferisce al locatario (lessee), in cambio di un pagamento o di una serie

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, anno accademico 2009/2010 Indice Premesse Principi contabili IAS 32 e 39 Principi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 144 - NOVEMBRE / DICEMBRE 2001. BORSE DI STUDIO 2002 Vincitori

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 144 - NOVEMBRE / DICEMBRE 2001. BORSE DI STUDIO 2002 Vincitori IL COMMERCIALISTA VENETO n. 144 - NOVEMBRE / DICEMBRE 2001 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE INSERTO 2 BORSE DI STUDIO 2002 Vincitori Iniziamo da questo numero la pubblicazione

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC OIC 3 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DA INCLUDERE NELLA NOTA INTEGRATIVA E NELLA RELAZIONE SULLA GESTIONE (ARTT. 2427-BIS E 2428, COMMA 2, N. 6-BIS C.C.) Marzo 2006 PRESENTAZIONE L Organismo

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio 246 Conto economico 246 Conto economico complessivo 247 Situazione patrimoniale-finanziaria 248 Rendiconto finanziario 249 Variazioni del patrimonio netto 251 Conto economico ai sensi della Delibera Consob

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Analisi di alcune operazioni effettuate da banche IAS Adopter Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2014/2015 Bergamo,

Dettagli

Gli strumenti finanziari

Gli strumenti finanziari Gli strumenti finanziari 1 Agenda Strumenti finanziari Iscrizione iniziale e valutazione successiva Impairment Derecognition Hedge Accounting Derivati impliciti L IFRS 9 Strumenti finanziari - 2 Definizione

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 8 IFRS 5: Attività non correnti possedute per la vendita e attività operative cessate Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

Bilancio di Telecom Italia S.p.A.

Bilancio di Telecom Italia S.p.A. Bilancio di Telecom Italia S.p.A. Indice 262 Indice 263 Stato patrimoniale 265 Conto economico 267 Prospetto dei movimenti di patrimonio netto 268 Rendiconto finanziario 270 Nota 1 Forma, contenuto ed

Dettagli

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA LA LEGGE FINANZIARIA 2008 IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS Renzo Parisotto 26 Gennaio 2008 IRES Modifiche specifiche per i

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

ODCEC di Verona. Derivati ed aziende Criticità e soluzioni. Contabilizzazione, iscrizione a bilancio e profili fiscali

ODCEC di Verona. Derivati ed aziende Criticità e soluzioni. Contabilizzazione, iscrizione a bilancio e profili fiscali ODCEC di Verona Derivati ed aziende Criticità e soluzioni Contabilizzazione, iscrizione a bilancio e profili fiscali 1 Indice dell intervento Contabilizzazione di derivati di copertura e speculativi secondo

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi Raffaele Mazzeo 24 novembre 2003 Alcuni luoghi

Dettagli

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario Strumenti finanziari derivati A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 Quadro generale... 2 2 Definizione e tipologie... 2 3 Rappresentazione in bilancio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A. RISOLUZIONE N. 58/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 marzo 2003 OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda NOTA INTEGRATIVA Parte A Politiche contabili Parte B Informazioni sullo Stato patrimoniale Parte C Informazioni sul Conto economico Parte D Redditività complessiva Parte E Informazioni sui rischi e sulle

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito Prof. Francesco Faraci Associato di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Premessa Assenza di una regolamentazione organica sul piano legisladvo Definizione

Dettagli

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali ed internazionali IFRS IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Francesco Chiulli 2 dicembre 2009 Indice Progetto

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata

Ragioneria Generale e Applicata Titoli e partecipazioni 1 Caratteri economico-aziendali Si tratta di assets di natura finanziaria Comprendono strumenti distinguibili in due categorie: quote o azioni i rappresentative tti dl del capitale

Dettagli

Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico

Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico di Claudia Mezzabotta (*) Le regole stabilite dallo IAS 39, Financial Instruments: Recognition and Measurement, in tema di hedge accounting concernono

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009 IAS 32-39 ed IFRS 7 Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure Verona, aprile 2009 IAS 32 e IAS 39 - Definizioni IAS 39 - Recognition IAS 39 Measurement IAS 39 Impairment

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

La disciplina fiscale degli strumenti finanziari derivati di copertura per i soggetti IAS adopter

La disciplina fiscale degli strumenti finanziari derivati di copertura per i soggetti IAS adopter SILVIA BARBERA FORTUNA La disciplina fiscale degli strumenti finanziari derivati di copertura per i soggetti IAS adopter SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Gli strumenti finanziari derivati nell ambito dei principi

Dettagli

1. Modifiche al Codice Civile recante disposizioni in materia di bilancio di esercizio

1. Modifiche al Codice Civile recante disposizioni in materia di bilancio di esercizio Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Roma, 24 aprile 2015 Oggetto: Osservazioni ai documenti di consultazione pubblica del Ministero dell Economia

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 IAS 28

Dettagli

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI Oggetto di studio: Analizza le VARIAZIONI intervenute in un FONDO da un esercizio all altro impieghi FLUSSI fonti Aggregato

Dettagli

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department LA GESTIONE DELL ESPOSIZIONE VALUTARIA MARIO ANTONIO VINZIA SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department Risk management Come si copre? Previsione dell esposizione esposizione aziendale al

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Il Gruppo conferma positivi risultati nella raccolta del risparmio

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

Criterio generale per la contabilizzazione delle operazioni di copertura (par. 153, 158) (EFRAGappendice

Criterio generale per la contabilizzazione delle operazioni di copertura (par. 153, 158) (EFRAGappendice OSSERVAZIONI DELL ABI ALLE PROPOSTE DI MODIFICA DEGLI IAS 32 E 39 SOMMARIO: 1. Premessa 2. - Osservazioni sulla ED IAS 39-2.1. Operazioni di copertura - 2.2. Ulteriori aspetti problematici - 3. Risposte

Dettagli