Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni"

Transcript

1 Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (41 punti) Lei ha iniziato a lavorare quale analista obbligazionario. Il primo giorno di lavoro si trova confrontato con il seguente portafoglio obbligazionario denominato in EURO: Obbligazione Cedola Tempo alla scadenza Prezzo Rating Duration X 3.50% 1 anno % AAA 1.00 Y 5.00% 2 anni % AA 1.95 Z 8.50% 3 anni % A 2.77 Nota: La cedola è pagabile annualmente. Assuma quale convenzione di calcolo dei giorni 30/360. a) Inizialmente le viene chiesto di rispondere ad alcune domande elementari basate sulle obbligazioni descritte nella tabella precedente. a1) Calcoli i tassi spot (detti anche tassi di sconto o tassi zero coupon ) per gli anni 1, 2 e 3. In questa domanda non tenga conto del fatto che le obbligazioni hanno rating diversi. Arrotondi la sua risposta alla seconda cifra decimale e mostri i calcoli svolti. (6 punti) a2) Qual'è l'obbligazione con la convessità più alta? (Dia una breve spiegazione, non sono richiesti calcoli) (3 punti) b) Successivamente, lei lavora su alcuni scenari di performance e di ristrutturazione legati all' obbligazione Y di cui sopra. b1) Calcoli il tasso di sconto break-even dopo 1 anno per un periodo di un anno in modo che il rendimento sul periodo di detenzione dell' obbligazione Y sia uguale a zero. Assuma ora che l'obbligazione Y sia 'putable' dopo 1 anno (prezzo strike 100%). L' option-adjusted-spread vale 145 punti base (o 1.45%) p.a. Lo spread di rendimento dell' obbligazione 'putable' Y rispetto ad obbligazioni governative normali ['straight'] è di 95 punti base. b2) Calcoli il valore dell'opzione put incorporata nell'obbligazione Y in termini di punti base p.a. (4 punti) b3) A parità di ogni altra condizione, come reagisce il valore di questa obbligazione putable ad un aumento della volatilità dei tassi d'interesse? (4 punti) c) Elenchi sei fattori di rischio di cui deve tener conto quando prende in considerazione un investimento in un'obbligazione subordinata, callable, a cedola fissa e denominata in una divisa estera. (6 punti) d) Assuma che vi sia un'obbligazione a 2 anni in USD con una cedola del 6% che quota alla pari. Attualmente l'euro tratta a 1.34 USD. Ora assuma che l'obbligazione Y sia, di nuovo, un'obbligazione 'straight' (cioè senza opzioni incorporate). Pagina 1 / 9

2 d1) Calcoli il corso di cambio break-even EUR/USD di modo che il rendimento sul periodo di detenzione dell'obbligazione in USD dopo un anno sia uguale al rendimento dell'obbligazione Y. Assuma che tra un anno i tassi di sconto ad 1 anno dell' EUR e dell' USD siano rimasti invariati al 3.00%, rispettivamente al 4.00%. (Nota: prima calcoli i rendimenti sul periodo di detenzione dell'obbligazione in USD e dell'obbligazione Y a tassi d'interesse e di cambio costanti; poi determini il corso di cambio EUR/USD di modo che i due rendimenti siano uguali. (9 punti) d2) Che rendimento sul periodo di detenzione dell'obbligazione in USD vi aspettate rispetto all'obbligazione Y se vendete a termine tutte le cedole in USD ed il rimborso del nominale contro EUR? Non sono richiesti calcoli (nota: il rischio di credito ['default risk'] dell'obbligazione in USD e dell'obbligazione Y sono identici, cioè entrambe hanno la stessa probabilità di fallimento e lo stesso valore di ripresa ['recovery value']). (4 punti) Pagina 2 / 9

3 Domanda 2: Valutazione e Analisi di Strumenti Derivati (29 punti) L'indice Nikkei vale attualmente 16,000 punti. Il mercato tratta futures e opzioni (di tipo europeo) sul Nikkei con scadenza tra 3 mesi. Il prezzo del futures coincide con il prezzo di non-arbitraggio; il prezzo delle opzioni è dato nella tabella seguente: Call Put Prezzo Strike Prezzo delle opzioni Delta 18,000 JPY JPY ,000 JPY JPY ,000 JPY JPY ,000 JPY P JPY ,000 JPY JPY ,000 JPY JPY Assuma che il tasso d'interesse privo di rischio a corto termine rimanga costante al 2% p.a. (semplice) durante i prossimi 3 mesi. Inoltre, ignori dividendi e costi di transazione. a) Calcoli il prezzo attuale del futures sul Nikkei. (3 punti) b) Utilizzando l'equazione della parità put/call ['put/call parity'], calcoli il prezzo attuale P dell'opzione put sul Nikkei con prezzo d esercizio di 16,000 JPY. Arrotondi la sua risposta alla terza cifra decimale. c) Lei decide di ricreare sinteticamente il payoff a scadenza di un'opzione put sul Nikkei con prezzo strike di 16,000 JPY. Per raggiungere questo obiettivo può utilizzare futures sul Nikkei e opzioni call sul Nikkei con prezzo strike di 16,000 JPY, ha inoltre la possibilità di indebitarsi o investire al tasso d'interesse a breve termine. Al momento attuale, quante unità di opzioni call deve acquistare o vendere, quanto deve prendere - rispettivamente dare - in prestito, e che posizione dovrebbe prendere sui futures sul Nikkei per riuscire nel suo intento? Assuma che il gestore di un portafoglio azionario del valore sempre equivalente a 1 milione di volte l'indice Nikkei tratterà futures e opzioni a fini di gestione di portafoglio. Noti che un'unità di trading per futures e opzioni corrisponde a 1,000 volte l'indice Nikkei (perciò, se il gestore desidera acquistare 1 un'unità di trading di opzioni put con prezzo strike 14,000 JPY, il costo sarà di 1, JPY = 56,488 JPY). d) Il gestore di portafoglio decide ora di vendere 1,000 unità di trading di opzioni call con prezzo strike di 17,000 JPY. Il ricavo generato dalla vendita delle opzioni viene investito al tasso privo di rischio. Se il gestore mantiene immutata questa posizione fino alla scadenza delle opzioni, quale sarà l'utile/perdita dell'intera posizione, inclusa la posizione sul portafoglio azionario, il payoff delle opzioni e l'attivo privo di rischio? Per la vostra risposta, utilizzate un grafico che mostra sull'asse orizzontale il valore dell'indice Nikkei e sull'asse verticale l'utile/perdita totale. Mostrate in maniera esplicita il valore massimo di di utile, il livello di break-even dell'indice Nikkei e i valori orizzontali che corrispondono Pagina 3 / 9

4 ai punti dove il grafico si piega ['kink points'], se del caso. Arrotondi le sue risposte all'intero in milioni di JPY. (6 punti) e) Assuma che la posizione descritta al punto d) possa essere ottenuta dinamicamente utilizzando futures sul Nikkei invece che vendendo opzioni call. Per ottenere ciò, che posizione deve prendere al momento attuale, e su quante unità di futures? Fornisca le cifre e spieghi i suoi ragionamenti. Arrotondi la sua risposta al primo punto decimale. f) Lei prende le posizioni futures calcolate al punto e), e l'istante successivo il Nikkei subisce un calo. Come deve modificare la sua posizione future se desidera mantenere l'hedge dinamico? Compra più futures, o vende più futures? Che approccio prende per stabilire l'ammontare della sua posizione? Come aggiusterebbe la sua posizione nel tempo? Spieghi il suo ragionamento. Non è necessario fornire cifre. Pagina 4 / 9

5 Domanda 3: Valutazione e Analisi di Strumenti Derivati (30 punti) La tabella sottostante mostra i prezzi attuali di obbligazioni zero coupon in USD (strips) con i rispettivi rendimenti (rendimenti semplici a capitalizzazione annua): Scadenza (in anni) Rendimento delle Obbligazioni Zero Coupon Tassi forward impliciti Prezzi Zero Coupon % 2.400% % 3.202% % 4.005% % 4.405% Nota: I Tassi Forward impliciti sono per un periodo di 1 anno che termina alla scadenza riportata nella colonna a sinistra. Tre anni fa' la vostra azienda ha sottoscritto un interest rate swap, dove riceveva il 4% p.a. fisso (a capitalizzazione annua) e pagava il LIBOR a 12 mesi su un ammontare nominale di 100 milioni di USD. Lo swap ha ora una vita residua di 4 anni. Per semplicità, assumete che tutti i tassi d'interesse in questa domanda siano privi di rischio, cioè potete ignorare il rischio di credito. Assumete che il tasso forward a un anno sia uguale al forward LIBOR a 12 mesi. a) Uno swap può essere caratterizzato come la differenza tra due obbligazioni. Calcoli il valore di ognuna delle due obbligazioni coinvolte (l'obbligazione a tasso variabile e quella a tasso fisso), assumendo che entrambe hanno appena pagato la cedola. Qual'è il valore dell'interest rate swap che ne risulta? Arrotondi le sue risposte alla seconda cifra decimale in milioni di USD. (8 punti) b) Uno swap può essere alternativamente visto come un portafoglio di 'forward rate agreements'. Mostrate che il valore dello swap risulta immutato se lo scomponete in un portafoglio di contratti forward (forward rate agreements). Arrotondi le sue risposte alla seconda cifra decimale in milioni di USD. (12 punti) c) Qual'è il tasso swap di un'interest rate swap generico della durata di 4 anni che inizia oggi, usando le stesse condizioni della tabella precedente? (questo swap quota al tasso attuale di mercato, perciò ha un valore iniziale di mercato uguale a zero). Arrotondi la sua risposta alla seconda cifra decimale in termini percentuali. (10 punti) [Suggerimento: Può usare la stessa analisi come al punto a), ma qui il valore dello swap deve essere uguale a zero.] Pagina 5 / 9

6 Domanda 4: Gestione di Portafoglio (32 punti) L'economia indiana sta crescendo rapidamente. Lei sta gestendo un fondo globale azionario denominato in USD che finora era investito in azioni di paesi sviluppati, ed ha deciso di aggiungere azioni indiane al suo portafoglio. La tabella sottostante mostra i rendimenti attesi, le deviazioni standard e i coefficienti di correlazione (tutti calcolati usando l'usd quale moneta di riferimento) stimati per il mercato azionario aggregato dei paesi sviluppati e del mercato azionario indiano. Il tasso d'interesse privo di rischio ammonta al 3%. Rendimento atteso (annualizzato, in %) Rischio (deviazione standard annualizzata, in %) Coefficiente di correlazione (ρ ) Azioni dei paesi sviluppati Azioni indiane a) Tramite l'aggiunta delle azioni indiane desiderate aumentare il rendimento atteso del vostro portafoglio dello 0.5%. Che percentuale dovreste allocare nelle azioni indiane? (3 punti) b) Assumendo che le azioni indiane vengano incluse nel portafoglio come calcolato al punto a), quale sarà la deviazione standard del suo portafoglio? (3 punti) c) Come cambia il 'ratio' [rapporto] di Sharpe del portafoglio calcolato al punto a) rispetto a quello del portafoglio investito unicamente in azioni dei paesi sviluppati? (4 punti) Il coefficiente di correlazione tra il mercato azionario dei paesi sviluppati e il mercato azionario indiano era in media di 0.30 durante i precedenti 10 anni. Durante questo periodo tuttavia il coefficiente di correlazione, misurato ad ogni punto nel tempo retrospettivamente sui precedenti 60 mesi, è praticamente sempre cresciuto a partire dall'anno 2000, come mostrato nel grafico sottostante. Coefficiente di correlazione tra i mercati azionari dei paesi sviluppati e dell'india (precedenti 60 mesi) Coefficiente di 0.4 correlazione Dec-97 Dec-98 Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Pagina 6 / 9

7 d) Secondo lei, quali fattori hanno portato ad un aumento del coefficiente di correlazione nel tempo? Fornisca delle ragioni plausibili considerando: (1) i fondamentali economici, e (2) il comportamento degli investitori. (10 punti) e) Mentre che mantenete il peso delle azioni indiane come proposto al punto a), decidete di cambiare la vostra stima sul coefficiente di correlazione da 0.30 a Le ipotesi sui rendimenti attesi e le deviazioni standard restano immutate. e1) La vostra decisione come influenza (a) il rendimento atteso, (b) il rischio (deviazione standard) e (c) il ratio di Sharpe del portafoglio? Descriva la direzione del cambiamento (aumenta, diminuisce, resta immutato) e fornisca ragioni per il cambiamento per ognuna delle tre variabili. Non sono richiesti calcoli. (6 punti) e2) La vostra decisione come cambia la forma della frontiera efficiente? Disegni nella figura sottostante due frontiere efficienti, basate una sull'ipotesi precedente (ρ = 0.30) e l'altra su quella nuova (ρ = 0.50). Disegni la posizione del portafoglio globale su ogni frontiera, mostrando come cambia di posizione. (6 punti) 16% 15% India 14% Expected return 13% 12% 11% 10% Developed countries 9% 8% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% Risk(standard deviation) Pagina 7 / 9

8 Domanda 5: Strumenti Derivati e Gestione di Portafoglio (48 punti) Lei è un gestore di portafoglio presso la BB Asset Management ed è responsabile di un portafoglio azionario ben diversificato del valore di EUR 175 milioni che rappresenta gli investimenti di un'importante azienda. Lei incontra il rappresentante legale designato dal suo cliente e gli mostra i risultati molto positivi raggiunti durante gli ultimi tre mesi. Gli suggerisce di coprire ['to hedge'] parzialmente il portafoglio azionario per il prossimo anno poichè teme un trend correttivo dei mercati finanziari, a causa dell'eccessiva speculazione registrata sul mercato immobiliare nell'ultimo periodo. Dopo aver spiegato le vostre ragioni, vi viene chiesto di procedere. a) Il vostro primo obiettivo è proteggere il portafoglio gestito da una diminuzione del 'capital value' superiore al 7.5% sui prossimi 12 mesi. Il portafoglio azionario ha un beta uguale a 1.20 rispetto all'indice DJ EURO STOXX 50 e il 'dividend yield' [rendimento da dividendi] del portafoglio è uguale al 2% p.a. L'ultima quotazione del DJ EURO STOXX 50 è 4,100, ed il suo dividend yield è del 3% p.a., mentre che il tasso d'interesse privo di rischio ammonta al 3.5%. Inizialmente desidera utilizzare opzioni put sull'indice per assicurare l'intero portafoglio gestito. Tutti i rendimenti ed i tassi d'interesse sono dati a capitalizzazione annua. a1) Assuma una correlazione perfetta tra il portafoglio azionario e l'indice, e che i costi dell'assicurazione siano finanziati esternamente dai fondi gestiti ['borne externally from the managed funds']; che opzione Europea con scadenza tra 12 mesi dovrebbe essere presa in considerazione? Calcoli il prezzo strike teorico. (10 punti) a2) Quanti contratti d'opzione dovrebbero essere acquistati o venduti se la taglia dell'opzione è di EUR per punto dell'indice? a3) Fornisca quattro principali difficoltà pratiche nell'applicare l'assicurazione di portafoglio statica. (4 punti) b) Confrontando il prezzo teorico e quello di mercato delle opzioni put sull'indice che dovrebbero essere usate, lei conclude che la strategia di assicurazione discussa al punto a) è troppo cara. Perciò, decide di applicare la parità put-call per creare una strategia put equivalente basata su opzioni call sull'indice con lo stesso prezzo strike e la stessa scadenza. Descriva questa strategia così come la sua implementazione. Suggerimento: consideri la parità Put-Call per un opzione Europea su un azione che paga un dividend yield. Lei può semplicemente sostituire S con S e -yt nella parità Put-Call elementare per un opzione europea su un azione che non paga dividendo: dove S è il prezzo spot del sottostante, y è il dividend yield a capitalizzazione continua, e T è il tempo alla scadenza. (7 punti) c) Alternativamente, lei considera una strategia dinamica di portafoglio basata su opzioni put sintetiche. c1) Presenti due vantaggi principali di questa strategia rispetto all'applicazione dell'assicurazione statica di portafoglio e anche lo svantaggio principale di questa strategia. Poi spieghi come creare il put sintetico. (7 punti) Pagina 8 / 9

9 c2) Basandosi sul caso discusso al punto a), e assumendo che i rendimenti siano distribuiti secondo la legge normale, descriva come creare un'opzione put sintetica trattando l'attivo sottostante, se N(d 1 ) = (dove N indica la funzione di distribuzione cumulata della distribuzione normale e d 1 il noto coefficiente nella formula di Black & Scholes). d) Il valore attuale del futures sul DJ EURO STOXX 50 con scadenza tra 1 anno è 4,120 e la taglia contrattuale è di EUR per ogni punto dell indice. d1) Qual'è il rapporto di copertura ['hedge ratio'] che copre interamente il portafoglio originale descritto sopra? d2) Quanti contratti futures sono necessari per coprire interamente il suo portafoglio originale? Pagina 9 / 9

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

FINANZA & MERCATI OPZIONI, FUTURES E ALTRI DERIVATI

FINANZA & MERCATI OPZIONI, FUTURES E ALTRI DERIVATI FINANZA & MERCATI OPZIONI, FUTURES E ALTRI DERIVATI JOHN C. HULL Joseph L. Rotman School of Management University of Toronto OPZIONI FUTURES E ALTRI DERIVATI SECONDA EDIZIONE ITALIANA QUARTA EDIZIONE AMERICANA

Dettagli

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Indice 1. Riguardo al MARCHIO... 2 2. Piattaforme di Trading... 3 3. Su cosa si Opera nel Mercato Forex?... 4 4. Cos è il Forex?... 4 5. Vantaggi del Mercato Forex...

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA

G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA A REVOCA O CANCELLAZIONE Tipo di contratto di compravendita di titoli, attraverso un intermediario, che perde validità al momento della sua esecuzione o dell'annullamento

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli