UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA «LA SAPIENZA» ANNALI DELLA SCUOLA SPECIALE PER ARCHIVISTI E BIBLIOTECARI. LEO S. OLSCHKI EDITORE a,s-/4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA «LA SAPIENZA» ANNALI DELLA SCUOLA SPECIALE PER ARCHIVISTI E BIBLIOTECARI. LEO S. OLSCHKI EDITORE a,s-/4"

Transcript

1 LEO S. OLSCHKI EDITORE a,s-/4 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA «LA SAPIENZA» ANNALI DELLA SCUOLA SPECIALE PER ARCHIVISTI E BIBLIOTECARI - Anno IX, 1995

2 FULVIA SPESSO* TOMMASO PIROLI, INCISORE ROMANO ( ): PROPOSTE PER UN CATALOGO Chiunque si occupi dell'incisione a Roma tra XVIII e XIX secolo presto o tardi si imbatte in un nome, quello di Tommaso Piroli, ma fuggevolmente: come se quella che un tempo fu persona reale fosse per sempre destinata a rimanere negli stretti confini della citazione, priva di uno spessore e quindi di una storia. Desiderio di queste brevi annotazioni è quindi quello di riannodare, per quanto possibile e con tutte le inevitabili lacune, le trame di un'esistenza. L'unica monografia dell'incisore è costituita dal necrologio comparso nel 1824, l'anno stesso della morte, su una rivista di memorie romane; l la ricostruzione è stata quindi operata sulla scorta delle succinte notizie biografiche in esso contenute. Nacque a Roma il16 ottobre 1750 da Giovanna Neri e da Matteo di Giacomo, originario di Morbegno nel comasco. Maestro argentiere, quest'ultimo ottenne la patente per l'esercizio il 28 settembre 1738, subentrando poco dopo nella casa con annessa bottega già tenuta da Francesco De Martini, di cui era stato per lungo tempo lavorante.' * Università «La Sapienza» di Roma. I L. CARDINALI, Necrologio, in Memorie romene di antichità e di belle arti, Roma, Ceracchi, 1824, Sezione II, pp Lo stesso testo venne più tardi pubblicato con il titolo Tommaso Piroli, «L'Album», 1839, VI, pp TIbollo di Matteo (un cavallo che corre), presentato al notaio il 17 ottobre 1740 e descritto come «ilcavallo d'oro» è identico, nell'iconografia e nella dicitura, a quello dei De Martini, argentieri a Roma per tre generazioni: il capostipite Marco esercitava già alla metà del secolo precedente. Cfr. A. BULGARICALISSONI,Maestri argentieri gemmari e orafi di Roma, Roma, Palombi, 1987, pp. 181,345. L'abitazione, due appartamenti con locale a pianterreno all'insegna appunto dci «Cavallo d'oro», era situata in Banchi; Matteo vi si trasferì con la moglie, i figli e i due fratelli più piccoli, Carlo e Domenico, che collaboravano con lui. Si può presumere che il negozio conoscesse un discreto successo, se tra il '44 e il '49 maestro Matteo ricevette

3 80 FULVIA SPESSO In tale ambiente di artigianato artistico il piccolo Tommaso fu naturalmente spinto allo studio del disegno «in quanto alle argenterie facevagli di bisogno». Ma possiamo supporre che le sue ambizioni fossero altre che quelle di seguire le orme paterne, ereditandone il mestiere, se lo troviamo vincitore del secondo premio per la terza classe di scultura - quella dei principianti - nel concorso indetto per l'anno 1766 dall'accademia di S. Luca, con un modello in creta della statua di Giona sita nella cappella Chigi di S. Maria del Popolo.' Quale fosse il seguito dato ai suoi studi plastici non ci è dato sapere, limitandosi il biografo ad affermare che il giovane «nimico di quelle maniere che tutte contraddicevano al vero, si conformò vieppiù nello abborrimento di esse». Probabilmente ancora alla ricerca di una strada da seguire, si recò a Firenze «con un Rosi, che gli era cognato ed esercitavasi nella pittura». Ci sembra che tal Rosi sia da identificarsi con quell' Agostino, allievo del Giaquinto e figlio pur egli di un orafo: che eseguì appunto in quella dal commendatore Sampajo, ministro del re del Portogallo, in più riprese, scudi come acconto per una serie di lavori eseguiti per la chiesa patriarcale di Lisbona e la cappella di S. Joao nella chiesa di S. Roque. Cfr. C. BULGARI, Argentieri gemmari e orafi d'italia, Roma, Del Turco, 1958, pp ) Orazione e componimenti poetici in lode delle Belle Arti. Relazione del solenne concorso e della diunbuzione de' premi celebrata sul Campidoglio doll'insigne Accademia del Disegno in S. Luca il dì 24 novembre 1766 essendo principe di essa il Sig. D. Francesco Preziado. Alla Santità di Nostro Signore Clemente XIII, Roma, G. Salomoni, s.d. NdI'introduzione, segnatamente alle pagine 7 e 8, si legge come «tra le più rilevanti cure dell'accademia Romana del Disegno. la massima è quella della celebrazione del Solenne Concorso de' Premi in Campidoglio. Quella funzione è il più efficace stimolo alla Gioventù studiosa per animarla a sostenere le fatiche compagne indivisibili d'una profittevole applicazione... Prossimo dunque ad incominciare l'anno 1766, in cui cader dovea l'anno quarto dopo l'ultima celebrazione del Solenne Concorso de' Premi, giusta lo stabilimento della S. M. di Benedetto XIV,... s'intrapresero i preparativi per questa nobile funzione. Furono intimati tutti gli Accademici a radunarsi nelle solite stanze in S. Luca,... nel giorno 4 agosto dell'anno 1765, e quivi ciascun di loro nella propria Professione recare in schedule separate i soggetti da proporsi ai giovani studenti... affine di dare lo spazio d'un anno di tempo a disegnarli, e moddlarli... Raccolti tutti i soggetti... si fece l'estrazione ptima di quelli della Pittura, poi della Scultura, e finalmente dell'architettura, tanto per la prima, che per la seconda, e terza Classe». La premiazione, come recita il titolo del libretto, avvenne nella sala del Gran Consiglio in Campidoglio. Dopo l'orazione di Tiberio Soderini, ed un concerto di strumenti musicali, alcuni cardinali consegnarono i premi, consistenti in due medaglioni d'argento a testa figuranti nel diritto il papa «felicemente regnante» e nel rovescio S. Luca, ai vincitori chiamati nominalmente. n secondo premio per la terza classe di scultura venne vinto, come si è detto, da «Tommaso Piroli Romano»; il primo invece andò a «Michele Tili Romano» e il terzo a «Pietro Marone Pisano». ~ U. THIEME-F.BECKER, Allgemeines Lexicon der bildenden Kunstlee - Von der Antike bis zur Gegenwart, Leipzig, Seemann, 1935, XXIX, p. 23. A proposito ddl'attività patema, si sottolinea come un Rosi risulti tra i lavoranti di Matteo Piroli negli anni l. Cfr. C. BULGARI, op. at., p. 350.

4 TOMMASO PIROLI. INCISORE ROMANO ( ) 81 città un affresco per la cappella del Crocefisso di S. Maria del Carmine dopo l'incendio del 1771.' Ivi l'incontro con un incisore in rame spinse Piroli a provarsi per la prima volta nella particolare tecnica; avendo a lungo disegnato le opere dei cinquecentisti e di altri autori più antichi, realizzò alfine sei tavole da Masaccio. Tornò a Roma dopo un'assenza di circa sette anni: quando, con esattezza, non è dato sapere, ignorandosi la data della partenza. Ma se leghiamo quest'ultima ai restauri di Rosi, possiamo ragionevolmente supporre che il rientro avvenisse alla fine degli anni settanta. Aveva ormai acquisito una fisionomia definita e definitiva: strinse amicizia con Giovanni Battista Piranesi, e disegnò ed incise numerosi monumenti per Seroux d'agincourt. Glistessi, forse, che pubblicò più tardi, senza data e «a proprie spese», con il titolo Gli edifici antichi di Roma, in ottantadue tavole, ciascuna fornita di scale in palmi romani e piedi francesi, deliziose nella semplice eleganza e puntualità, nel tratteggio non virtuosistico reso con limpidi segni paralleli.' Nel1783 avrebbe poi realizzato una veduta di S. Pietro e una traduzione a bulino della Deposizione di Caravaggio, fatto questo veramente eccezionale essendosi ormai specializzato nell' acquaforte. A quello stesso anno risale una ricevuta autografa da cui si deduce un impegno, non chiaro da individuare, per una statua di Apollo in Vaticario.' Successivamente, ma sempre nel corso degli anni '80, si recò, in compagnia dell'amico Carlo Labruzzi, pittore ed incisore," a Napoli, ed, U. PROCACCI, L'incendio della chiesa del Carmine del 1771, «Rivista d'arte», 1932, XIV, p. 175, n Gli edifici antichi di Roma ricercati nelle loro piante, e restituiti alla pristina magnzfi cenza secondo Palladio, Desgodetz; ed altri più recenti con l'aggiunta di qualche moderna fabbrica ad uso degli artisti, e de' viaggiatori. Pubblicati, e divisi in 82 Tavole dall'incisore Tommaso Piroli, s.l.d. 7 Biblioteca Nazionale d'archeologia e Storia dell'arte, Roma, Ms. Lanciani 121 B/2262, sotto la didascalia Musei Yaticani: «lo sottoscritto ho ricevuto dal Ill.mo Abb. Visconti scudi dodici al conto della statua di Apollo che presentemente sto lavorando; questo di 4 g [giugno?] dd Tommaso Piroli». L'acconto non è cospicuo: si tratta di un restauro (in questo caso Piroli avrebbe attinto alla primitiva vocazione) o di una incisione? Di grande interesse il riferimento a Visconti, verosimilmente Ennio Quirino (il cui padre Giovanni Antonio Battista, creatore dd Museo Pio Clementine, morì appena un anno dopo la data apposta sulla ricevuta, nel 1784), un personaggio che tornerà nella vita di Piroli. 8 Nato a Roma nell'ottobre dd 1748, Labruzzi fu essenzialmente pittore di paesaggio. n suo lavoro più importante è costituito dalla serie di disegni di rovine della via Appia da Roma a Benevento, realizzate nel Della sua attività di incisore si ricordano le tavole tratte dagli affreschi di Masolino a S. demente. Cfr. Elogio funebre del Sig. Carlo Labnazi romano, detto dall'avv. Luigi Bartoli nella chiesa parrocchiale di S. Domenico nel giorno delle solenne esequie 6

5 82 FULVIA SPESSO ebbe così modo di conoscere quanto restituito alla luce dagli scavi di Pompei ed Ercolano: il suo gusto si sarebbe così per sempre fissato «in sul buono», ossia quella che prima poteva essere tendenza si traduce in una chiara coscienza di fede neoclassica. Da tale esperienza dovette nascere l'idea di dar luogo ad una edizione de Le antichità di Ercolano più economica e maneggevole nel formato di quella promossa da Carlo III di Borbone," come l'autore non mancò di sottolineare nell'«avviso» del tomo primo, che unitamente al secondo, pure dedicato alla pittura, vedeva la luce «in Roma» nell'anno L'operazione si sgranò con cadenze biennali ma ebbe termine solo nel1807, con il tomo sesto dedicato a Lucerne e candelieri dopo uno iato di ben tredici anni." Se il tono di quest'ultimo volume è molto freddo, essenzialmente didattico-illustrativo, non altrettanto si può dire degli altri, ove l'incisione, pur non rifuggendo da effetti coloristici, non indulge in virtuosismi, affidandosi ad un linguaggio semplice di tratti orizzontali, verticali e diagonali tra loro paralleli e relativamente distanziati, che raggiunge talvolta i toni della commozione ora estetica ora intellettuale. Così, nelle due danzatrici della tavola 17 del primo tomo emergono prepotenti la grazia lieve del movimento, il candore e la giovinezza dei corpi grazie ad una felice intuizione che è tutta lirica e non esibizione tecnica, fatta eccezione per l'ingenuo espediente del fondo tanto densamente quadrettato da sembrare nero. Nella resa dei panneggi, poi, sembra già affermarsi quel gusto grafico che I1.XII.1817, Perugia, Baduel, 1817; F. LABRUZZIDI NEXIMA,Notizie sulla vita di Carlo Labruzzi pittore romano, «TI Buonarroti», , XII, pp. 37-4'; Le pitture di Masaccio esistenti in Roma nella basilica di S. Clemente colle teste lucidate dal Sig. Carlo Labrum e pubblicate da Giovanni Da/l'Armi, Roma, 1830; TH. AsHBYfìls: Dessins inedits de Carlo Labrum, «Mélanges d'archéologie et d'hìstoire», 1903, XXIII, pp , Le antichità di Ercolano, Napoli, Regia Stamperia, IO «Le fortunate scoperte fatte in questo secolo nelle dissepolte antiche città di Ercolano, Resina, Stabia e Pompej sono troppo note perché debba parlarsene. Molto meno voglio io far qui l'elogio, e procurare di mettere in grazia al Publico la regia magnifica Edizione di quei preziosi monumenti, in specie della Pittura, che ammirasi sotto il nome di Ercolano. Ella fu sempre, e sarà la delizia de' dotti, lo specchio, ed il rifugio degli artisti, la passione infine di tutti i curiosi indagatori delle antiche usanze, riti, e costumi. Ciò che solo desidero si è, di assicurare i Professori, ed Amatori delle belle Arti, che avendo io pensato a facilitare l'acquisto di Opera cosi utile, e dilettevole, incidendola ad Acqua Forte, in sesto più commodo, e meno dispendioso, non ho in questa nuova Edizione omesso alcuna Tavola; non mi sono partito né dal metodo, né dal sentimento de' suoi dotti Espositori: e che avendo profittato al bisogno delle profonde annotazioni, ho tralasciato di esse quello, che non prendendo di mira la spiegazione del soggetto, può soltanto servire di materiale ai Letterati per la illustrazione di consimili assunti». Da tale introduzione, a firma di Piroli, sembra potersi dedurre che questi, a detta del necrologio esperto di latino e francese, di poesia e musica, insomma uomo colto, curasse pure il testo e fosse stato il promotore, anche in sede imprenditoriale, dell'iniziativa. 11 Uscivano infatti nel 1790 il tomo terzo delle Pitture; nel 1792 il tomo quarto e primo dei Bronzi; nel 1794 il tomo quinto e secondo dei Bronzi.

6 TOMMASO PIROLI, INCISORE ROMANO ( ) 83 costituirà la cifra più significativa dell'autore (Fig. 1). Per quanto concerne i bronzi, venne adottata la soluzione di unificare quanto nell' editio princeps era dislocato in due tavole, illustrando ciascun busto simultaneamente di fronte e di profilo. La seconda presentazione è condotta a semplice contorno, sì da porsi come una sorta di astrazione metafisica nei confronti dell'altra, densa nelle sue ombreggiature (Fig. 2). Forse sempre in occasione del soggiorno napoletano maturarono quei contatti che dovevano portare Piroli ad incidere, sulla scorta dei disegni di Frederick Rehberg, le cosiddette «mosse» o «attitudini» di Emma Hart, protegée di sir William Hamilton, plenipotenziario di Sua Maestà britannica presso la corte di Napoli, consistenti in azioni drammatiche o interpretazioni psicologiche di figure del mondo antico, che tanto colpirono lo stesso Goethe, il quale in una lettera del scriveva «TI vecchio cavaliere la idolatra e si entusiasma per ogni cosa che faccia. In lei ha trovato tutta l' antichità, tutti i profili delle monete siciliane, persino l' Apollo del Belvedere». TIbiografo afferma che le «mosse» erano state condotte a termine nel 1794, e questa in effetti è la data che appare sul frontespizio della edizione consultata da ehi scrive." In una mostra che ebbe luogo in Inghilterra sui rapporti tra lady Hamilton (ex signorina Hart) e l'arte del suo tempo, fu esibita un' edizione - di proprietà privata anonima - in cui non compariva la data, ma illuogo di stampa e il tipografo, «Roma, Nicola de Antonj». Gli estensori del relativo catalogo pensarono quindi che fosse quella la primitiva edizione, verosimilmente da datarsi al 1788, comunque prima del 1790, anno in cui si celebrò il matrimonio tra l' avvenente ragazza e il nobile inglese." Questi avrebbe in definitiva promosso l'operazione (a lui infatti fa esplicito, anzi addirittura ampolloso riferimento il titolo) quando Emma era certo nella sue grazie, ma il matrimonio non si configurava neppure come progetto: perché certamente non sarebbe stato confacente a una lady ogni minimo riferimento a un tipo di attività assimilabile al teatro. Una volta varata l'iniziativa le eventuali ristampe non sarebbero più rientrate nelle facoltà di controllo di William Hamilton. TI fatto poi che, sempre nel frontespizio, un profilo femminile eli- 12 Drawings [aith[u//y copied from Nature and with permission dedicated to the Right Honourab/e Sir Wi//iam Hamilton His Britannic Majesty's Envoy Extraordinary and Plenipotenziary at the Court of Naples. By bis most humb/e Seruant Frederick Rehberg Historical Painter in bis Prussian Majesty's Service at Rome, MDCCXCIV, Engrav'd by Tbomas Piro/i. l} Lady Hamilton in relation to tbe art o] her time. An exbibition organised by the Arts Council of Great Bntain and the Greater London Council at the lreagb Bequest, Kenwood 18 july-16 october 1972, London, Shenval, 1972.

7 84 FULVIA SPESSO peato rechi le iniziali E. H. non è significativo, perché la giovane mantenne le stesse sia prima che dopo le nozze. TIlavoro consta di dodici tavole in cui la protagonista, variamente atteggiata e vestita, interpreta ora una musa, ora una ninfa, ora una mitica regina, ora una santa (Fig. 3); qualora si accettasse la collocazione dell'opera alla fine dell'ottavo decennio del secolo, il suo interesse risiederebbe nel fatto che il puro contorno era stato ormai acquisito come cifra stilistica, e la stessa costituirebbe perciò una sorta di prova generale di quella che, di lì a poco, doveva configurarsi come l'impresa più significativa, cioè la collaborazione con John Flaxman. Lo scultore e disegnatore inglese giunse a Roma con la moglie nel dicembre 1787 e prese dimora in casa dell'incisore Cunego. TI soggiorno, destinato a durare sette anni ed interrotto da una puntata a Napoli, obbligatoria per ehi volesse vedere gli scavi di Ercolano e Pompei, non poté non confortarne l'orientamento verso una visione purificata dall' enfasi della modernità tardo-barocca e astratta da complicazioni volumetriche e sintattiche, visione cui del resto si era lungamente allenato lavorando per la manifattura ceramica di Josiah Wedgwood, che nella linea Etruria aveva lanciato il motivo delle decorazioni a rilievo di ispirazione neoclassica, in genere bianche su fondo azzurro." Fu appartata la vita romana di Flaxman, che frequentò una stretta cerchia di artisti, tra cui la Kauffmann e Canova, il quale si stava ormai configurando quale vero e proprio leader del movimento neoclassico, di archeologi e studenti, ma proprio per questo laboriosa. Eseguì il gruppo marmoreo Furia di Atamante su commissione di Frederick Hervey, conte di Bristol, e una serie di disegni per Omero, Eschilo e Dante. n La scelta relativa all'incisore che doveva tradurre tali illustrazioni per la stampa cadde su Tommaso Piroli, che poteva vantare ormai un discreto nome nel giro antiquario e collezionistico anche al di fuori di un ambito strettamente locale, se già aveva eseguito il set per Hamilton. Nel1793 usciva così a Roma la prima edizione in trentaquattro tavole dell'odissea ed in trentanove tavole dell'diade; successivamente, nel 1795, quando l'artista aveva ormai lasciato Roma, venivano pubblicate le trenta tavole tratte dalle tragedie di Eschilo. Le centodieci incisioni dan- 14 Flaxman anche dopo il soggiorno italiano continuò ad operare nel campo delle arti apo plicate, fornendo disegni per gli orafi reali Rundell, Bridge and Rundell. l' La prima commissione giunse nel 1791 da parte di Mrs. Hare-Naylor, per le illustrazioni dei poemi omerici, la seconda nel 1792 da parte della cugina di quest'ultima, la contessa Dowager Spenser, per le illustrazioni delle tragedie di Eschilo. Infine Thomas Hope gli ordinò quelle per la Divina Commedia di Dante.

8 TOMMASO PIROLI, INCISORE ROMANO ( ) 85 tesche, realizzate già nel 1793, videro invece la luce solo nel 1802 con il titolo La Divina Commedia di Dante Alighieri cioè l'inferno, il Purgaterio ed il Paradiso composto da Giovanni Flaxman scultore ed inciso da Tommaso Piroli romano; infatti l' eccentrico Hope, il committente, aveva posto il veto perché ne voleva una fruizione esclusiva." Quello tra Flaxman e Piroli fu un incontro felice, assecondando l'incisore con il suo gusto già orientato verso la semplicità e la purezza il genio dell'illustratore britannico; incontro suggellato da un successo di pubblico che provocò anche atti di pirateria editoriale." Nel campo della grafica il disegno a tratto, per la sua efficacia dimostrativa che non comportava dispendio di mezzi ed energie, era pratica antica, già in uso agli inizi del XVI secolo 18 e rintracciabile anche successivamente in opere di carattere storico e archeologico. La temperie neoclassica non poté non favorirne il revival per quanto di asettico e formalmente rigoroso era ad esso connaturato; ma, quel che è di maggior interesse, ne intuì per la prima volta la potenza suggestiva. Per cui, se da un canto si tornò all'incisione a contorno per quelle valenze tradizionali di economia e di essenzialità che ben si attagliavano alla funzione di supporto di un testo, dall' altro la stessa particolare tecnica si trasformava in poetica. Ciò fu ovviamente determinato dal rinnovato confronto col mondo antico, da taluni più vagheggiato nelle sue accezioni severe e protoclassiche che in quelle mature ed ellenistiche. Tra questi Flaxman, attratto anche dalla cultura gotica e dai suoi ultimi echi in quella del primo '400, cui si potrebbe attribuire la paternità della svolta da prassi in estetica se non fosse stato preceduto, anche se solo di pochi mesi, dal digionese Benigne Gagneraux, il quale ne11792 stampava a Roma le Dix-buit estampes au trait di soggetto mitologico-pastorale non desunte da motivi preesistenti." Entrambi usarono un segno di spessore variabile, non uniforme come nei vasi greci tanto cari ai conoscitori fin de siécle, e questo 16 Thomas Hope aveva comunque fatto stampare nel 1794 a Roma da C. Wolff un'edizione ad uso pressoché privato, ovviamente rarissima. Cfr. Flaxman e Dante, a cura di C. Gizzi, Milano, Mazzotta, 1986, p L'anno successivo alla morte di Flaxman, avvenuta nel 1826, Giuseppe Piroli lesse per l'accademia tiberina una breve biografia di Flaxman nella quale, soffermandosi sul rapporto di stima e amicizia che aveva legato l'artista inglese al padre,lamentava come le incisioni originali di quest'ultimo fossero state lucidate e falsamente firmate dal milanese Vallardi, «che senza alcun pudore le riporta nel suo catalogo». Cfr. G. Praou, Giovanni Flaxman, «Album», 1838, V, pp Si vedano al proposito le tavole illustrative del De arti/ida/i perspectioa, di Jean Pèlerin detto Viator, pubblicato a Toul nel 1505 e nel A Roma i due artisti ebbero modo di conoscersi e anche frequentarsi, se la signora Flaxman annotava, il13 marzo 1791, il nome «Gagnero» sul suo diario. Cfr. Benigne Gagneraux

9 86 FULVIA SPESSO fu evidenziato nei confronti di Flaxman da George Cumberland, che nel 1796 pubblicava Thoughts on outline, sculpture, and tbe system tbat guided tbe ancient artists in composing tbeir figures and groups, spinto dalla crescente importanza che quel tipo di incisione andava assumendo." Non mancava, del resto, ehi ne esaltasse pur tuttavia l'intima consustanzialità con quella cultura." Una strada era stata comunque indicata, quella poi percorsa dal gruppo ribelle dei discepoli di David, i primitifs, e dalloro capo Maurice Quai, dal David stesso del Ratto delle Sabine e da Ingres. Piroli interpretò con sensibilità eccezionale le istanze flaxmaniane, traducendole in incisioni ove la linea domina priva di icastiche durezze, e ora assottigliandosi ora irrobustendosi descrive figure certo astratte nella sintetica bellezza e nell'equilibrio emotivo, ma non perentorie come nelle successive traduzioni di Reveil." Così Oceano, nel Prometeo incatenato, ed Atena, nella prima tavola dell'odirsea, si librano in una spazialità rarefatta che esalta nell'uno la maestà olimpica, nell' altra la grazia giovanile senza forzature di toni, mentre Andromaca, in una delle ultime illustrazioni dell'iliade, si abbandona tra le braccia delle ancelle alla vista del cadavere di Ettore con una morbidezza appena patetica che attenua la meccanicità dell'impostazione diagonale (Figg. 4, 5, 6). Nell'estate del 1794, ormai assolti gli impegni con l'artista inglese e forse sull'onda della notorietà che quegli stessi gli avevano procurato, Piroli stese «una scrittura d'associazione» con Antonio d'este e Pietro Vitali per l'esecuzione di sei incisioni da rilievi in gesso di Canova," che uscirono, senza data, rilegati in un album e dedicati all'accademia delle Scienze e Belle Lettere di Padova." Anche se lo scultore non figurava direttamente nell'accordo, per una serie di motivi -la cura attenta con cui ( ). Un pittore francese nella Roma di Pio VI, a cura di S. Laveissière, Roma, De Luca, Cfr. D. IRWIN, fohn Flaxman , Sculptor Illustrator Designer, London, Studio Vista/Christie's, 1979, pp «TI bravo scultore mio caro amico Flaxmann dalla tragedia di Euripide ricavò a semplici contorni alcuni quadri, e nominatamente quelli d'oreste infuriato, i quali non sarebbero stati disapprovati in Grecia al tempo di Timomaco». aro Vite dei pittori anticbi greci e latini compilate dal P. M. Guglielmo Della Valle minor conventuale, Siena, Pazzini Carli, 1795, p Achille Reveil, incisore parigino, realizzò una celebre traduzione delle opere di Flaxman tra il 1847 ed il } Lascito Fondazione Canova, Possagno, ene, Busta 9, Piroli. Su disegno di Vincenzo Camuccini vennero eseguiti: Wisse spettatore della danza de' figli di Alcinoo Re de' Peaci; Pirro, dopo trafitto Polite, uccide Priamo in presenza della famiglia; Achille dolente mentre Patroclo consegna Briseide agli Ara/di; Telemaco ritornando nella sua regia s'incontra colla madre Penelope; Socrate vicino a morte allontana da sé la sua famiglia, ritornando agl'amici; Socrate riceve alla presenza de' suoi amici la tazza del veleno. 24 «All'Ill.tre Academia delle Scienze, e Belle Lettere di Padova Antonio d'este e Pietro Vitali - TIprimo nostro scopo nel rendere pubblici per mezzo dell'incisione questi Bassi Rilievi

10 TOMMASO PIROLI, INCISORE ROMANO ( ) 87 seguiva in genere la traduzione in rami delle sue opere, la presenza di Antonio d'este, suo amministratore, e di Pietro Vitali, incisore di fiducia, e soprattutto il fatto che i gessi si trovassero ancora nello studio - ne è difficilmente ipotizzabile l' estraneità all'operazione. Con ogni probabilità, come fa supporre una firma a saldo delle spettanze in calce ad un contratto del 24 settembre 1795, la società si sciolse l'anno successivo; 2' ne consegue la collocazione dei sei rami entro quella data. Lo stile si fa sottilmente magniloquente, abbandonando lo smorzato lirismo che è poi il pregio maggiore della produzione immediatamente precedente; inoltre un sottile ma densissimo spessore d'ombra rinforza in taluni punti il contorno, con una chiara intenzione di forza plastica forse suggerita da Canova o comunque a lui gradita. Sempre nel1795, a detta del biografo, avrebbe quindi compiuto ben trecentoventitre rami con le immagini dei monumenti di Villa Borghese, commissionatigli da don Marcantonio. In effetti quel principe ebbe in animo di pubblicare la collezione di sculture antiche che ornavano la villa, e ne affidò il testo ad un prestigioso estensore, Ennio Quirino Visconti, che intraprese l'opera basandosi sui disegni e sulle tavole che si andavano man mano compiendo da parte di un nutrito stuolo di incisori. Nel contempo lo stesso principe finanziò un'operazione parallela, più rapida nei tempi di realizzazione e assai più economica, rivolta a un pubblico allargato, facendo incidere a contorno in rami di modesto formato l'intera collezione antiquaria, e scriverne il correlato commento al Lamberti, sempre sotto la direzione dell'insigne studioso. Nel 1796 uscivano così le Sculture del Palazzo della Villa Borghese detta Pincianai" seguite, l' anno immediatamente successivo, dai Monumenti Gabini della Villa Pinciana descritti da Ennio Quirino Visconti,2' corredate - entrambe le dd celebre Sig. Antonio Canova è stato di accrescere un nuovo lustro alle glorie della Nazione Veneta nelle Belle Arti. Non abbiamo potuto quindi un momento esitare nel decidersi a ehi offrire quest'opera. Da voi, illustre Accademia, è sostenuta la gloria nazionale nelle Scienze e nelle buone lettere. Quindi, se i membri de' quali siete composta tanto contribuiscono allo splendore di queste, quanto a quello delle Arti contribuisce il nostro scultore, una simiglianza d'oggetto rende a voi dovuta quest'offerta, e si lusinga che siate per onorarla di accoglienza, e di gradimento». 2' Cfr. Canova e l'incisione, a cura di G. Pezzini Bernini e F. Fiorani, Bassano dd Grappa, Ghedina etassotti, 1993, pp n volume, edito a Roma, si divide in due parti, ciascuna delle quali è preceduta dalle tavole, che vantano un proprio frontespizio arricchito da una immagine ddl'ingresso di Villa Borghese disegnato da Asprucci ed inciso da Morelli, e seguita dal testo, il cui frontespizio in altri caratteri ripete il titolo ma omette l'incisione aggiungendo peraltro il nome dello stampatore Pagliarini. 27 n volume esce a Roma presso Fulgoni e presenta le tavole inserite nel testo. n fronte-

11 88 FULVIA SPESSO pubblicazioni - da una cospicua serie di incisioni, più di trecento, che ci sembra poter individuare come quelle eseguite da Piroli per il Borghese. TIsuo nome, certo, non compare né nelle singole tavole né nei frontespizi, ma ciò può trarre la sua ragione dal carattere puramente esemplificativo dell'intero intervento, scevro di ogni pretesa artistica. La mole di lavoro, eseguito in uno spazio di tempo breve e tra l'altro gravato da diversi impegni, fa supporre una sorta di appalto da parte del Piroli, che poté affidare ad eventuali quanto ignoti collaboratori la cura manuale dell'incarico intervenuto in un momento particolarmente felice, anzi il più felice, della sua attività incisoria, momento in cui poté illudersi di mettere il suo talento al servizio di personalità artistiche emergenti. In altre parole l'impegno dovette essere assunto unicamente in quanto fonte di guadagno, sempre ben accetto e probabilmente necessario a finanziare le attività editoriali che maggiormente lo interessavano." Quanto all'edizione di lusso dei monumenti borghesiani, per la cui stampa don Marcantonio aveva addirittura progettato di chiamare in città il grande Bodoni, la stessa non andò immediatamente in porto per i disordini politici che di n a poco sconvolsero l'italia e le difficoltà economiche in cui si trovò a versare il generoso promotore. Vide infatti la luce venticinque anni dopo, per l'interessamento di Gio.Gherardo De Rossi e Stefano Piale, che rintracciarono le incisioni di grande formato e improntate a un gusto pittorico, eseguite tra il 1792 e il 1795 come si ricava da alcune date apposte accanto alla firma dagli incisori, e gran parte dei commenti viscontini integrati nelle parti mancanti da quelli già pubblicati dal Lamberti e da altri scritti per l'occasione dai curatori del recupero." Ancora intento all'esecuzione dei rami Borghese, Piroli stringeva amicizia con William Ottley, disegnatore dilettante,' incisore e scrittore di cose d' arte. Con lui intraprendeva nel 1797 un viaggio a Firenze dopo spizio è arricchito da una immagine della campagna romana sempre disegnata da Asprucci ed incisa da Morelli. 28 Sottolinea comunque il biografo l'operosità di Piroli, senza alludere ad aiuti, nel passo che di seguito si riporta. «Di commissioni non difettò... giammai, perché era venuto in reputazione di accurato intendente ed onesto. Alle commissioni, sebbene fossero molte, egli non mancò mai: perché dd faticare era volenteroso; nel durare la fatica, favorito dalla robustezza dd corpo; nello spedirsi sollecitamente dalla facilità e dalla franchezza che gli avevano procacciato un lungo studio dd disegno, uno acuto discernimento del vario stile, un abito felice contratto pel molto operare». 29 Illustrazioni de' monumenti scelti borghesiani già esistenti nella Villa sul Pincio scritte dal celebre Ennio Quirino Visconti membro dell'istituto nazionale e delle più rinomate Accademie d'europa date ora per la prima volta in luce dal cav. Gio.Gherardo De Rossi e da Stefano Piale sotto la guida di Vincenzo Peoli, Tomi I e II, in Roma MDCCCXXI nella Stamperia De Romanis.

12 T. IV Fig. 1. _ Le antichità di Ercolano, To~o I, Tav _.. _...,7äi,.. Fig. 2. _ Le antichità di Ercolano, Tomo IV, Tav. 19.

13 Fig Drawings copied from nature, Tav. VI. Fig Prometeo incatenato, Tav. 3.

14 Fig Odissea, Tav. 1..' ~~~----~ ~~~._~ _,~ ~. 1 J '1'"""...,>,",;,_;:.:~: 6- ~,;,\..,..,11,'.,...,.",... Fig Iliade, Tav. 30.

15 Fig Tuelee stories 01 tbe Old Testament, Tav. 2. -_.~--' ~- Fig Pein tu res du cabinet de [ules II, Tav. 6.

16 TOMMASO PIROLI, INCISORE ROMANO ) 89 aver dato alle stampe due set di dodici tavole ciascuno, tratte - con un gusto verrebbe da dire per assurdo già tardo-preraffaellita o simbolista (Fig. 7) - da disegni dello stesso Ottley ispirati alla vita di Cristo 30 e al Vecchio Testamente." Sempre secondo il biografo, il lavoro sarebbe stato eseguito «a fumo»: ma l'esame delle tavole in questione, dagli evidenti effetti acquarellati, sembra ricondurre, più che al mezzotinto o maniera nera che dir si voglia, all'acquatinta, un'invenzione da poco scaturita in ambiente francese come logica conseguenza dell'acquaforte," più consona ai modi di operare del Piroli, che sempre predilesse gli acidi al bulino. Nello stesso tomo di tempo realizzò infine I veggenti e gli antenati della Cappella Sistinta," che compaiono nel catalogo di vendita della Calcografia Camerale a partire dal n periodo, così fecondo di attività, contatti e speranze, ebbe bruscamente termine a causa dei violenti rivolgimenti politici che scossero l'europa e anche Roma. Dopo aver subito le pesanti condizioni del trattato di Tolentino, questa veniva occupata dal generale Berthier tra il1798 e il 1799 e si dava una costituzione repubblicana; papa Braschi moriva nella deportazione francese. Al sorgere del nuovo secolo Ferdinando di Borbone liberava la città, che sarebbe stata ripresa da Napoleone nel n nostro incisore, che nel 1798 aveva preso moglie," progettando di trasferirsi a Londra per aderire alle sollecitazioni degli amici inglesi, fu impossibilitato a muoversi e, cosa ancor più grave, per la penosa e generale penuria di lavoro legata alla crisi delle committenze, costretto ad operazioni umili quali vignette, impronte per la carta moneta e «sirnil cose da non partorire alcuna fama nello avvenire». Avrebbe poi eseguito, sempre «per negozio,... uno studio elementare di disegno sugli esemplari di Michelangelo, Raffaello e altri, nonché un corso completo di disegni 30 Twelve stories 01 the li/e 01 Christ engraved by Thomas Piroli lrom the designs 01 W. Y. Ottley, Roma, Fehr )1 Twelve stories 01 the OU Testament engraved by Thomas Pirolifrom the designs 01 William Young Ottley, Roma, Maggio Cfr. Le tecniche artistiche, a cura di C. Maltese, Milano, Mursia, 1983, pp ; L'acquatinta e le tecniche di resa tonale, Roma, Istituto nazionale per la grafica, 1989, p Le prime dodici tavole raffigurano Giona, Libica, Daniel, Cumana, Esaias, Delpbica, Zacberias, loel, Eritbraea, Ezecbiel, Persica, Hieremias; ciascuna delle due rimanenti quattro vele con Salmon, lesse, Ezecbias, Ozias, Zoroabel, Roboam, Aso, ]osias. 34 Le stesse incisioni sono elencate nei cataloghi di vendita del 1805, 1816, 1823, 1826, 1832, Secondo il necrologio del Cardinali, avrebbe eseguito, contemporaneamente ai Veggenti, «dodici Virtù di Raffaello dalla sala di Costantino». " In età quindi ormai matura e singolarmente non molto tempo dopo la morte della madre.

17 90 FULVIA SPESSO anatomici in trentotto tavole», e, «in forma di foglio stragrande», pianta e prospetto del palazzo di Lord Bristol in Inghilterra. Anche se nel1802 uno spiraglio pare aprirsi con l'incarico affidatogli da Canova in persona per la realizzazione di due incisioni dai bassorilievi La battaglia di Potidea e Venere danza con le Grazie alla presenza di Marte,36Piroli stava ormai meditando di cercare altrove fortuna se verso la fine dell' anno successivo lo troviamo insediato a Parigi, ove rimarrà ininterrottamente sino al marzo del In questa partenza dobbiamo forse leggere l'esilio volontario di un uomo che, oltre a subire gli effetti di una crisi che aveva travolto tanti artisti e tante iniziative culturali (basti pensare alla menzionata edizione di lusso dei monumenti borghesiani), si vedeva ormai negato ogni spazio per una sua probabile adesione alle nuove ideologie. Se si accetti tale ipotesi, non apparirà casuale lo stravolgimento del cognome prima in Pirelli e poi in Pirolli operato dai cataloghi della Calcografia a partire dal 1805, cognome che tornerà alla sua versione corretta soltanto nel TI papato Chiaramonti favorì l'allontanamento di alcuni intellettuali in odore di giacobinismo; il più famoso fra tutti fu Ennio Quirino Visconti, che era stato console e ministro degli Interni della Repubblica romana. Forse fu proprio l'insigne bibliotecario ed epigrafista vaticano, che stava curando la sezione archeologica del Museo napoleonico, poi del Louvre, a sollecitare l'arrivo a Parigi di Piroli, una sua vecchia conoscenza." Proprio dei monumenti antichi di quel museo egli curò infatti i disegni e le relative incisioni a contorno, con lo stesso stile incolore che si era notato nelle illustrazioni borghesiane, in una pubblicazione che uscì in quattro tomi dal1804 al 1806, per un totale di trecentodiciotto tavole non firmate, presso i fratelli Piranesi." Un indiscutibile punto di riferimento dovette essere lo stabilimento di questi ultimi, che avrebbero dato alle stampe tutte le opere concepite dall'esule nel primo soggiorno parigino. Ciò sarebbe spiegabile in un'ottica politica, qualora si accettasse l'ipotesi di un Piroli dalle simpatie «ri- J6 In un documento dci 24 aprile 1802 l'incisore dichiara di ricevere dallo scultore trenta scudi per la commissione. Cfr. Canova e l'incisione cit., pp. 32, 36 n. 12. )7 La Sistina riprodotta, a cura di A. Moltedo, Roma, Palombi, 1991, pp J8 Les monumenti antiques du Musée Napoléon, dessinés et gravés par Tbomas Piroli auec une explication par J. G. Scbtoeigbaeuser publiés par F. et P. Piranesi, freres - Tome Premier - A Pans, a l'ancien collège de Nauarre Montagne Sainte Geneoièoe et Place du Palais du Tribunat, Rue Saint Honoré, no1354, An XII, TItomo secondo (1804), terzo (1805) e quarto (1806) furono commentati da Louis Petit Radel. TI quarto tomo, infine, usciva presso il nuovo indirizzo dei Piranesi, au collège der Grassins. rue des Amandiers, [aub. St. [acques.

18 TOMMASO PIROLI. INCISORE ROMANO (InO 1824) 91 voluzionarie», dal momento che Pietro, il minore dei due figli del celeberrimo Giambattista, aveva partecipato attivamente ai moti giacobini del ,39 per poi lasciare assieme al fratello Francesco la città natale all'indomani della caduta dell' effimera Repubblica romana, portando con sé i rami della calcografia patema. Protetti da Giuseppe Bonaparte, i due videro accordarsi dal governo l' antico collegio di Navarra, ove nel giugno del 1802 annunciavano la creazione di una Accademia delle Belle Arti per l'esecuzione di tutte le specie incisorie. L'anno successivo aprirono un negozio nel palazzo del Tribunato, in via Sto Honoré al numero Presso tale indirizzo risultano in vendita le incisioni tratte dal Gabinetto di Giulio Il in Vaticano," che unitamente a quelle relative ai dipinti di Villa Lante " e Villa Altoviti 41 completano grosso modo il catalogo dell' artista sino al ritorno in Italia." 19 Partecipazione che sarebbe stata premiata con la carica di segretario generale della Prefettura del Tevere nel , cioè nel periodo del governo napoleonico che uniformò la struttura amministrativa della municipalità romana a quella dipartimentale francese. Cfr. M. LIZZANI,Due dei tre Piranesi, «Capitolium», 1952, pp o I fratelli Piranesi, nel 1805, dovettero lasciare il collegio di Navarra, dove si installò il Politecnico. Ebbero accordato in cambio, sempre dal governo, l'antico collège des Grassins. La loro calcografia fu soprattutto una impresa commerciale; la creazione di una Accademia gratuita per gli allievi più che come iniziativa fùantropica si configurava quale operazione volta ad assicurare il mantenimento del favore dei pubblici poteri, costituendo nel contempo una importante riserva di manodopera. L'Accademia non sopravvisse a lungo al trasloco presso il collège des Grassins. aro U. VAN DE SANDT, La calcograpbie des fréres Piranesi: quelques auatars de la grauure au trait, «Bulletin de la Société de I'Histoire de l'art français», 1978 ('80), pp Peintures du cabinet de [ules II, au Vatican, de l'inuention de Raphael, recueillies par les Piranesi, et dessinées par Tbomais) Piroli. A Pans cbez les Piranesi, rue de la Montagne Sainte Géneviève et place du Palais du Tribunat, a Rome cbez Th. Piroli, graveur, strada Gregoriana n" 203, An XII, Si tratta di una raccolta di quattordici incisioni di soggetti mitologici a sfondo galante. Da notare come nel frontespizio sia indicato, quale luogo di diffusione dell'album, l'indirizzo di Piroli, che il necrologio stabilisce peraltro al no34. Si può allora pensare a un punto vendita distinto ma non lontano dall'abitazione. 42 Peintures de la Villa Lante de l'inoention de Jules Romain, recueillies par les freres Piranesi et dessinées par Tbomas Piroli. Se uend à Paris rue de la Montagne, a Rome cbez Thomas Piroli graueur strada Gregoriana no 203. L'album contiene sedici incisioni raffiguranti i geni delle maggiori divinità del mondo classico, nonché il Ratto d'europa, l'amore trionfante, Venere, Cerere, Anfùrite, Nettuno, Plutone. 41 Peintures de la Ville Altoviti à Rome inoentées par Giorgio Vasa,; et gravées par Tbomas Piroli. Faisant parsie de la calcographie Piranesi a Paris l'an Le tredici incisioni aventi ad oggetto le quattro stagioni e gli dei dell'olimpo sono l'unica testimonianza esistente delle pitture eseguite nel 1553 dal Vasari per il casino di Bindo Altoviti in Prati di Castello. Cfr. CH. DAVlS, Per "attività romana del Vasari nel 1553: incisioni degli affreschi di Villa Altoviti e la «Fonte» di Villa Giuba, «Mitteilungen des kunsthistorischen Institutes in Florenz», 1979, 1-2, pp TI biografo aggiunge anche delle incisioni su commissione privata per una edizione di Ossian, ed altre tratte dalla sala Borgia in Vaticano e dalla Farnesina.

19 92 FULVIA SPESSO La traduzione di quelle opere rinascimentali è senz'altro guidata da un gusto sicuro, ma la perizia tecnica con cui sono condotte pare alludere alla malinconia di un mestiere che non è più al servizio di un impulso intellettuale, ma della mera sopravvivenza (Fig. 8). Il rientro a Roma, avvenuto nel1807, sembra legato unicamente alla illustrazione dei bassorilievi della collezione Albani per una operazione promossa da Pietro Piranesi e commentata dal celebre archeologo e numismatico danese Giorgio Zoega." Questi era strettamente legato a Carlo Labruzzi," a sua volta amico del Piroli da antica data: così, se la commissione arrivò certo dall' editore, essa dovette essere confortata anche dal parere favorevole del curatore del testo, che per esaltare la correttezza delle centoquindici tavole che corredano il volume articolato in due tomi, non esita a condannare la sciatteria di quelle predisposte per «l'elegante operetta di Lamberti sulle sculture della Villa Borghese». Da ciò si può dedurre che l'ipotesi sulla paternità del Piroli sia errata oppure che l' affermazione sia ingenua perché provocata dall'ignoranza di quella stessa paternità probabilmente taciuta o comunque «dimenticata» dallo stesso responsabile. La cura filologica porta ad annotare su ogni tavola le dimensioni del relativo monumento, e ad indicare per mezzo del tratteggio le parti non originali; ma, anche per la fattispecie, non si può non ripetere il giudizio espresso nei confronti di analoghe imprese dallo scopo esclusivamente didattico. Nel1808 Piroli si trasferiva nuovamente a Parigi, e dava alle stampe una raccolta di incisioni del Giudizio Universale di Michelangelo, basandosi su quelle realizzate da Conrad Martin Metz." Ciò viene ammesso senza alcun imbarazzo nella prefazione, dove anzi si sottolinea la portata pratica dell'operazione, che assicura un prodotto dai costi più contenuti (evingt-quatre francs l'exemplair») e anche la valentìa dell'autore, di cui si esalta «la touche spirituelle et pleine du sentirnent»." 4' Li Bassirileui antichi di Roma incisi da Tommaso Piroli colle illustrazioni di Giorgio Zoega. Pubblicati in Roma da Pietro Piranesi nel suo stabilimento calcografico strada del Bahuino no58, in Roma MDCCCVIII presso Francesco Burlié. L'opera è dedicata «A sua altezza imperiale il principe Eugenio Napoleone di Francia». 46 Carlo Labruzzi eseguì un ritratto di Zoega, ora conservato al Museo di Roma. Dopo la morte dell'archeologo, rimasto vedovo nel1807, i figli furono affidati alle cure del pittore, che pure viveva in ristrettezze. Cfr. J. BlRKEDAL HARTMANN, Appunti su Giorgio Zoega e Carlo Labruzzi, «Studi rornani», 1976, XXIV, pp Le Jugement unioersel, peint par Michel-Ange Bonaroti dans la Chapel/e Sixtine a Rome, divisé en dix sept plancbes, gravées au trai! par Thomas Piroli, puhlié par Bocchini a Paris Anche per i Veggenti della Sistina Piroli avrebbe in parte usato come materiale di base le incisioni dei suoi contemporanei. Cfr. La Sistina riprodotta cit., p. 174.

20 TOMMASO PIROLI, INCISORE ROMANO ( ) 93 L' anno successivo usciva la Napoleonide del Petroni, una raccolta di cento odi preceduta ciascuna da una immagine clipeata che presenta nel giro della cornice una iscrizione esplicativa." Le illustrazioni fissano alcuni momenti salienti dell' epopea napoleonica, e si ispirano nei costumi e nel tono al mondo romano. Il nome di Piroli non compare nel frontespizio e neppure all'interno del volume come firma, magari cifrata, della parte figurativa. L' attribuzione si basa unicamente su quanto afferma il biografo circa i lavori svolti nel corso del secondo soggiorno parigino, che terminò nel 1816 e dovette comunque essere singolarmente povero di commissioni, considerata anche la celerità dell'incisore il quale amava affermare «quello che nell'arte mia non si fa presto, non si fa bene». Avrebbre infatti ancora eseguito «grandissima parte della Galleria Sommariva» e «parte della grande opera del Cicognara». Ora, se del catalogo Sommariva si ha menzione solo nel necrologio," per quanto concerne la partecipazione alla Storia della scultura del Cicognara, essa dovette essere veramente minima, almeno a giudicare dalla seconda edizione dell'opera che è stato possibile consultare." Tornato a Roma, «stentò la vita per sette anni», afflitto da una forma di paresi; prima che il male gli impedisse del tutto di lavorare, tradusse le illustrazioni della Teogonia di Esiodo che Flaxman aveva iniziato a concepire a Roma e che erano state pubblicate nel 1817 incise da William Blake.'2 Morì il22 marzo 1824, e fu sepolto nella sua parrocchia, S. Andrea delle Fratte, ove da tempo riposavano i genitori.') Se ne andava, assistito dalla moglie e dal figlio Giuseppe, a detta del biografo pure incisore," un uomo <<vantaggiatodalla natura di bello e vivace aspetto, di grande sta- 49 S. E. PETRONl, Napoleonide, Napoli, nella stamperia francese, so Nome dimenticato quello di Giovanni Battista Sommariva, che legò le sue fortune alla rivoluzione e a Napoleone, e fu patrono di innumerevoli artisti nella Francia dd primo Ottocento riuscendo a costituire una cospicua collezione. Cfr. F. HASKELL, An Italian patron 01 Irench neo-dassie art, Oxford, Clarendon Press, 'I L. CICOGNARA, Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia fino al secolo di Canova, per servire di continuazione all'opere di Winckelmann e di D'Agincourt, Ied., ; II ed. Prato, Giachetti, L'intervento di Piroli è limitato all'esecuzione della Tavola XXXVI. '2 Cfr. Flaxman e Dante cit., pp. 20, 141.,J Dal momento che il padre era morto nel 1777, si deduce che a quella data era già stata lasciata la casa in Banchi, la cui parrocchia era la chiesa dei Ss. Celso e Giuliano. ~ Se di Giuseppe non rimangono tracce, ampiamente documentata è invece l'attività incisoria dd di lui figlio Luigi, che conclude la dinastia. Forse fu proprio Giuseppe a curare il catalogo paterno che il necrologio afferma si trovasse già alle stampe e che doveva comprendere ben 1250 rami. Anche di tale catalogo non si è trovata altra menzione.

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana Immagini dell ARTE NEOCLASSICA Prof.ssa Ida La Rana Il Neoclassicismo Il Neoclassicismo è un movimento culturale che intende recuperare la grandezza dell arte classica, ovvero di quella greco-romana. Si

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI

PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI (In collegamento con il programma culturale dell'accademia Incontri in Accademia Visite a studi di noti Artisti, Architetti e Scultori Passeggiate Romane Gite Culturali 10

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

* 5 aprile 1730, Beauvais 24 settembre 1814, Roma

* 5 aprile 1730, Beauvais 24 settembre 1814, Roma Séroux d Agincourt * 5 aprile 1730, Beauvais 24 settembre 1814, Roma Il periodo francese. Un uomo dallo spirito illuminato, ben inserito nella società francese dell Ancien Régime Jean-Baptiste-Louis-Georges

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA

DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA PIETRO ANTONIO LEO DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA a cura di Giuseppe Marci presentazione di Alessandro

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo 01. Giuseppe Fiorelli G. Fiorelli (1823-1896) 1896) Nel contesto dell epoca: epoca: H. Schliemann 1822-1890 1890 W. Dörpfeld 1853-1940 1940 A.L.P.

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura IL MUSEO RUBBOLI A GUALDO TADINO Lo scorso 15 gennaio è stato inaugurato a Gualdo Tadino il Museo Rubboli. Allestito negli antichi locali ottocenteschi dell opificio, ospita un importante collezione di

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità;

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità; Il Neoclassicismo inizia alla metà del XVIII sec., per concludersi nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di quegli anni fu l adesione ai principi dell arte classica. Quei principi di armonia,

Dettagli

Premio Leonardo 015 Sciascia Amateur d Estampes

Premio Leonardo 015 Sciascia Amateur d Estampes 2 Premio Leonardo 015 Sciascia 2016 Amateur d Estampes VIII EDIZIONE Fondazione Il Bisonte per lo studio dell arte grafica Fondazione Giuseppe Whitaker Palermo Per ricordare la passione di Leonardo Sciascia

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Amici di Palazzo Reale

Amici di Palazzo Reale Amici di Palazzo Reale 55 56 Umberto e Maria Josè. Ultimi Principi a Palazzo Una mostra per un ritrovato percorso di visita Giulia Piovano L hanno fornito l occasione per riaprire al pubblico le sale del

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Cinquecento Michelangelo Scultura

Cinquecento Michelangelo Scultura Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, Pietà, 1497-1499. Marmo, altezza 174 cm, larghezza 195 cm. Roma, Basilica di San Pietro. 1 Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, David, 1501-1504.

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori MEDICI MECENATI da banchieri a signori iovanni di Bicci 1360-1429 1429! Agli inizi del 400 inaugura il successo politico ed economico della famiglia! Il figlio Cosimo detto il Vecchio inizia il ramo principale!

Dettagli

Percorsi bibliografici

Percorsi bibliografici Percorsi bibliografici nelle collezioni della Biblioteca del Senato Biblioteca del Senato Giovanni Spadolini 2003 Il Palazzo e la Galleria Doria Pamphilj 2013 10ANNI DI APERTURA AL PUBBLICO Il Palazzo

Dettagli

Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015. PROGRAMMA (effettivamente svolto)

Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015. PROGRAMMA (effettivamente svolto) Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA (effettivamente svolto) Insegnate: Prof. MARCO PINAMONTI Classi: 2E, 3E, 3D, 3P, 4E/D, 4P, 5P, 5E Materia: STORIA

Dettagli

IL VERO. Handmade in Tuscany

IL VERO. Handmade in Tuscany IL VERO Handmade in Tuscany by COLORGIS CARAVAGGIO: IL PERCHÉ DELLA MOSTRA Nell anno delle celebrazioni del quarto centenario della morte di Caravaggio, Artevera e l architetto Gianfranco Martinoni, già

Dettagli

Associazione Culturale. I Gatti del Foro

Associazione Culturale. I Gatti del Foro Associazione Culturale I Gatti del Foro L Associazione I Gatti del Foro propone alle scuole medie inferiori una serie di visite guidate concepite per gli alunni delle classi 1ª, 2ª e 3ª. L intento è quello

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione Palazzo Foresti, via San. Francesco 20, Carpi 27 novembre 2009-24 gennaio 2010 Mostra promossa e organizzata da Società Palazzo Foresti, Carpi

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

1828 1856 ADOLFO FUMAGALLI

1828 1856 ADOLFO FUMAGALLI 1 ADOLFO FUMAGALLI Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli - Milano 1828 1856 Compositore e pianista virtuoso, fu senza dubbio uno degli esponenti più illustri dell Ottocento musicale italiano.

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

UNA INEDITA FOTOGRAFIA DEGLI ESORDI DI ADRIANO DE BONIS Andrea Sciolari, settembre 2014

UNA INEDITA FOTOGRAFIA DEGLI ESORDI DI ADRIANO DE BONIS Andrea Sciolari, settembre 2014 UNA INEDITA FOTOGRAFIA DEGLI ESORDI DI ADRIANO DE BONIS Andrea Sciolari, settembre 2014 1 UNA INEDITA FOTOGRAFIA DEGLI ESORDI DI ADRIANO DE BONIS Andrea Sciolari, settembre 2014 La fotografia del Colosseo

Dettagli

CURRUCULUM VITAE. Vincitore di una borsa di Studio presso la SAM, Scuola dell Arte della Medaglia, presso l Istituto

CURRUCULUM VITAE. Vincitore di una borsa di Studio presso la SAM, Scuola dell Arte della Medaglia, presso l Istituto CURRUCULUM VITAE Nome: PATRIZIO Cognome: DANIELE Via Francesco Gonin n 15 00133 Roma (RM) Cell: 389.9969607 E-mail: pdart@patriziodaniele.com Sito Internet: www.patriziodaniele.com DATI PERSONALI STOTO

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo

SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo LICEO SCIENTIFICO STATALE A. SCACCHI, BARI DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo Il repertorio presenta

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

Dirigente - Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte

Dirigente - Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gabrielli Edith Data di nascita 27/02/1970 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - Soprintendenza per i Beni Storici,

Dettagli

Offerta Didattica 2014/2015. www.tappetovolante.org 081 8631581 3391888611

Offerta Didattica 2014/2015. www.tappetovolante.org 081 8631581 3391888611 Offerta Didattica 2014/2015 www.tappetovolante.org 081 8631581 3391888611 La scuola va a teatro... con Tappeto Volante! La gita scolastica è da sempre considerata dagli studenti un appuntamento atteso

Dettagli

Carolina di Savoja Vogliono sposare la bella Carolina /e le vogliono far sposare il duca di Sassonia!/ «Oh quanto preferirei un povero contadino/ al duca di Sassonia che abita così lontano!»/ «Un povero

Dettagli

Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014

Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014 Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014 Arte in Italia tra Quattrocento e Settecento Nel secondo semestre, il 17 ottobre 2013, avrà inizio il Corso di Storia dell Arte Moderna, (12 CFU), indirizzato

Dettagli

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 Accademia degli Euteleti DELLA CITTÀ DI SAN MINIATO Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 a cura di Federico Tognoni Premessa di Mara Roani Introduzione di Lucia Tongiorgi Tomasi Edizioni ETS www.edizioniets.com

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

BERNINI E LA NUOVA ROMA. Pearson Italia

BERNINI E LA NUOVA ROMA. Pearson Italia L'artista dei papi Autoritratto, olio su tela, 53x43 cm, 1638 ca. Roma, Galleria Borghese. Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 - Roma 1680), è considerato già alla sua epoca l'architetto, lo scultore e il

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma.

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. ROMA IMPERIALE Incontro dei partecipanti con le guide davanti all ingresso principale del Colosseo -13.00

Dettagli

Giotto, la formazione e le. testimonianze...

Giotto, la formazione e le. testimonianze... Giotto, la formazione e le Lo cita Dante nella Divina commedia... testimonianze... "Credette Cimabue nella pittura tener lo campo, ed ora ha Giotto il grido si che la fama di colui oscura" (Purgatorio

Dettagli

La villa Arca del Santo di Anguillara

La villa Arca del Santo di Anguillara La villa Arca del Santo di Anguillara Veneta è stata per oltre tre secoli la sede locale della Ven. Arca del Santo di Padova, l Istituzione padovana creata per gestire il patrimonio della Basilica di S.

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Breve storia del corsivo

Breve storia del corsivo Breve storia del corsivo A cura di Monica Dengo Il modello di scrittura spiegato nell articolo Come imparare a scrivere meglio, ha origine nelle scritture del Rinascimento. Queste ultime si possono sommariamente

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I.

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I. Che cosa simboleggia la rosa dei Tudor? La rosa dei Tudor simboleggia l unione tra le famiglie inglesi dei Lancaster e degli York. Il simbolo della rosa Tudor fu il risultato del matrimonio tra Enrico

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

MUSEI VATICANI: verso una nuova didattica

MUSEI VATICANI: verso una nuova didattica MUSEI VATICANI: verso una nuova didattica Maria Serlupi Crescenzi EDUCAZIONE E MUSEI. Il contributo delle Arti e delle Scienze 18 novembre 2011 San Giovanni in Monte - Bologna 1 2 3 iboa ingoiano la loro

Dettagli

Lista Opere. I Sezione Il ritratto tardo repubblicano I sec. a.c. Ritratto di ignoto con busto moderno Metà del I sec. a.c.

Lista Opere. I Sezione Il ritratto tardo repubblicano I sec. a.c. Ritratto di ignoto con busto moderno Metà del I sec. a.c. Lista Opere I Sezione Il ritratto tardo repubblicano I sec. a.c. Ritratto di ignoto con busto moderno Metà del I sec. a.c. Testa maschile su busto non pertinente Terzo quarto del I sec. a.c. Ritratto maschile

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

CHAPEAU A MIA MADRE..

CHAPEAU A MIA MADRE.. Marjda Rossetti CHAPEAU A MIA MADRE.. di Marjda Rossetti Quella della modisteria Bruna Rossetti, è una delle piccole grandi storie che disegnano l identità di un luogo; un laboratorio dove si sono intrecciate

Dettagli

ASSESSORE LETIZIA FRANCHINA Curriculum vitae formato europeo

ASSESSORE LETIZIA FRANCHINA Curriculum vitae formato europeo INFORMAZIONI PERSONALI ASSESSORE LETIZIA FRANCHINA Curriculum vitae formato europeo Nome........FRANCHINA Letizia coniugata ROCCHINI Indirizzo.....4 Via Giuseppe di Vittorio, 53100 SIENA, ITALIA Telefono....0577330287/cellulare

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Inserire ritratto fotografico e/o foto di un opera (facoltativo, ma suggerito) Prof. Carlo Falciani Materia di insegnamento: Elementi di Iconografia e iconologia Ricevimento: primo semestre lunedì, martedì,

Dettagli

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Eraldo Canegallo Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Sant Agata Fossili Dicembre 2001 Introduzione La presente ricerca si riferisce alla parrocchia di Sant Agata, sita nel comune di

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 «VITA NOSTRA» Il periodico «Vita Nostra» venne istituito, con delibera del Consiglio di amministrazione, per celebrare il 60 anniversario della

Dettagli

Art. 6 Iscrizione L iscrizione avviene tramite compilazione della scheda di partecipazione, scaricabile da:

Art. 6 Iscrizione L iscrizione avviene tramite compilazione della scheda di partecipazione, scaricabile da: Premio Creatività Città di Marsciano 6a edizione, settembre 2013 Il Comune di Marsciano indice il Premio creatività città di Marsciano ed il bando dedicato all'arte emergente è interno alla programmazione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO FORUM NAZIONALE DI SCULTURA"

BANDO DI CONCORSO FORUM NAZIONALE DI SCULTURA BANDO DI CONCORSO FORUM NAZIONALE DI SCULTURA" Indetto dalla Federazione Italiana Club e Centri UNESCO sotto progetto elaborato dal Club UNESCO Carrara dei Marmi Premessa Il Club UNESCO Carrara dei Marmi

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 30 giugno 2002 La domenica con Gesù Tempo Ordinario Domenica 30 giugno 2002 Accogliere Gesù L'artista della settimana Loredana Sommaiuolo Colori in movimento "Abbasso

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

R O M A Archeologica, Cristiana, Barocca

R O M A Archeologica, Cristiana, Barocca Associazione culturale Bareggese Via Don Biella 2 Bareggio (MI) P. IVA : 07178300963 www.numtuccinsema.it L associazione culturale Bareggese P r o p o n e T o u r d i c i n q u e g i o r n i R O M A Archeologica,

Dettagli

UNA CANZONE IDEALE - perché la musica alimenta la speranza - BANDO DI CONCORSO

UNA CANZONE IDEALE - perché la musica alimenta la speranza - BANDO DI CONCORSO Parrocchia di Valeggio sul Mincio FESTIVAL DELLA FEDE 2013 UNA CANZONE IDEALE - perché la musica alimenta la speranza - In occasione dell'anno della Fede, iniziato da Papa Benedetto e proseguito da Papa

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

19/4/2015» Leonardo Da Vinci a Corato: L Autoritratto di Acerenza sarà presente nella sala convegni Corte Bracco dei Germani

19/4/2015» Leonardo Da Vinci a Corato: L Autoritratto di Acerenza sarà presente nella sala convegni Corte Bracco dei Germani 19/4/2015» Leonardo Da Vinci a Corato: L Autoritratto di Acerenza sarà presente nella sala convegni Corte Bracco dei Germani Leonardo Da Vinci a Corato: L Autoritratto di Acerenza sarà presente nella sala

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

VETRINA DELLE ECCELLENZE MADE IN ITALY PALAZZO ISIMBARDI MILANO 29 MAGGIO

VETRINA DELLE ECCELLENZE MADE IN ITALY PALAZZO ISIMBARDI MILANO 29 MAGGIO VETRINA DELLE ECCELLENZE MADE IN ITALY PALAZZO ISIMBARDI MILANO 29 MAGGIO GIORNATE DI MOSCA 2014 Dal 29 al 31 maggio 2014 si svolgeranno a Milano le Giornate di Mosca a Milano 2014 che vede al centro di

Dettagli

Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi.

Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi. Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi. Il filo che porta in questo mondo passa anche attraverso i tanti simboli

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli