10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013"

Transcript

1 10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori Regolamento Pagina 1 di 8

2 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori Swisslifter (per facilitarne la leggibilità, il testo è stato redatto solamente nella forma maschile). 1. Diritto di partecipazione Iscrizione alle eliminatorie Hanno diritto di partecipazione tutte le persone che hanno saldato la quota iniziale o hanno ricevuto un invito personale e sono in possesso di una patente di guida per carrelli elevatori, riconosciuta dalla SUVA. Possibilità di ripetizione Nel caso in cui non dovesse superare le eliminatorie, il concorrente può iscriversi alle eliminatorie successive. Non è possibile riservare più eliminatorie allo stesso momento. Non appena ci si qualifica per la finale, non è più possibile partecipare a nessuna eliminatoria successiva. 2. Iscrizione L iscrizione può essere effettuata esclusivamente sulla pagina web Il numero dei partecipanti per le eliminatorie può variare a seconda dello spazio che l organizzatore ha a disposizione (di norma 60 conducenti). Le iscrizioni verranno accettate ed elaborate a seconda della data in cui sono state ricevute. L iscrizione per la finale non è necessaria. I finalisti verranno decisi tra i sei migliori delle rispettive eliminatorie. I finalisti verranno invitati alla finale, a tempo debito, personalmente dalla Swisslifter. 3. Categoria del concorso Titolo Concorso per conducenti di carrelli elevatori per il titolo di Swiss Forklift Champion. Eliminatorie Verranno organizzate per lo meno 11 eliminatorie in diverse località della Svizzera. Prove 1) Guida pratica 2) Destrezza Numero di tragitto Verranno effettuati due tragitti Un tragitto su un carrello controbilanciato elettrico a tre ruote -> Percorso Torre di Hanoi Un tragitto su un carrello elevatore con sedile laterale e montante retrattile -> Percorso Filo a piombo Finale La finale verrà disputata dai sei migliori delle rispettive eliminatorie. 4. Località delle eliminatorie Le 11 eliminatorie si svolgeranno presso i rivenditori o le scuole guida per carrelli elevatori in diverse località della Svizzera. Le eliminatorie si svolgeranno tra l autunno 2012 e la primavera Le diverse località e le date delle eliminatorie verranno pubblicate e aggiornate sulla pagina web ufficiale 5. Località della finale La finale verrà disputata l 8 giugno 2013 a Locarno. 6. Iscrizione e attribuzione del numero di partenza (eliminatorie o finale) L attribuzione del numero di partenza ai partecipanti verrà effettuata al momento indicato sull invito. I Pagina 2 di 8

3 numeri di partenza verranno consegnati di persona solamente dietro presentazione dell invito, presentazione di una patente di guida per carrelli elevatori in corso di validità, riconosciuta dalla SUVA, la carta d identità e firma del partecipante. 7. Orari di partenza (eliminatorie e finale) Sull invito personale verranno indicati gli orari di partenza esatti. Le indicazioni sono vincolanti. Non è permesso uno scambio dell orario di partenza e del percorso tra i partecipanti. I partecipanti che arrivano troppo tardi non hanno, in linea generale, diritto a richiedere un orario di partenza sostitutivo. Esiste comunque la possibilità di rivolgersi all organo d arbitrato che deciderà sulla procedura successiva. 8. Veicoli Durante le eliminatorie sarà l organizzatore a mettere a disposizione i veicoli necessari. L organizzatore metterà a disposizione per i percorsi i carrelli controbilanciati a tre ruote e i carrelli elevatore con sedile laterale e montante retrattile. I veicoli possono essere differenti a seconda dell organizzatore nella larghezza, nella lunghezza e nei comandi. I veicoli sono assegnati ai percorsi e non possono essere modificati. 9. Percorsi I percorsi sono stati testati attentamente dai singoli organizzatori. Le dimensioni possono essere adattate ai diversi tipi di veicoli. I percorsi in allegato al presente regolamento sono un esempio e possono differire leggermente da quelli dei concorsi. 10. Regole del concorso I partecipanti si impegnano a presentarsi alle gare equipaggiati come lo sono normalmente durante il lavoro. L equipaggiamento da lavoro comprende, in particolare, l obbligo d indossare le scarpe protettive. Nel caso in cui non indossasse le scarpe protettive, il partecipante non verrà ammesso al concorso. In generale si condurrà seconda le norme di formazione riconosciute dalla SUVA. I limiti del percorso devono essere considerati come degli ostacoli fissi con un altezza illimitata. Non è quindi permesso sollevare il carico al di sopra dei limiti per ottenere una migliore possibilità di manovra. Girarsi con un carico sollevato è pericoloso e quindi non permesso. Il carico può essere sollevato solo nel momento in cui il veicolo si trova esattamente nel prolungamento della superfice destinata all accatastamento. Nella parte restante del percorso il carico si deve trovare all altezza corretta per il trasporto. Durante i movimenti di correzione, nelle vicinanze dell area di accatastamento, la forca vuota deve essere abbassata fino a 15 cm dal suolo. Inoltre non è permesso effettuare manovre con il carico sollevato e sollevare la forca al di sopra dell accatastamento. 11. Criteri di valutazione (eliminatorie e finale) Ciascun partecipante parte con 0 punti. Vincerà il partecipante che, a conclusione della gara, avrà meno punti sul suo conto. L arbitro darà l ordine: Prendere in consegna il veicolo! I controlli non devono essere commentati ma eseguiti dal partecipante del concorso in maniera tale che l arbitro se ne possa accertare. I controlli vengono effettuati prima della registrazione del tempo! Qualsiasi controllo dimenticato vale come errore! Durante il concorso, a causa dell inquinamento acustico, si rinuncerà al controllo del clacson. 12. Tempi La misurazione del tempo inizierà al momento dell avvio della corsa e terminerà nel momento in cui la forca verrà posata per parcheggiare. Per ogni secondo verrà attribuito un punto al partecipante. 1 minuto = 60 punti, 1 secondo = 1 punto. Pagina 3 di 8

4 Esempio Tempo di percorrenza del percorso Torre di Hanoi Tempo di percorrenza del percorso Filo a piombo Pagina 4 di 8 = 6:45 minuti = 6:33 minuti Totale (6 x 60 punti + 45 punti) + (6 x 60 punti + 33 punti) = 797 punti Il tempo massimo di percorrenza per i singoli percorsi è di 7 minuti. Dopo 7 minuti la corsa verrà interrotta e il partecipante riceverà 500 punti in aggiunta al tempo di percorrenza. 13. Penalità 1 - PRESA IN CONSEGNA DEL VEICOLO Punti di penalità Sedile non posizionato Controllo volante non eseguito Controllo del freno a pedale e a mano non eseguito La chiusura adeguata del dispositivo d ancoraggio per i carrelli controbilanciati viene valutato 2 - GUIDARE, ACCATASTARE, COMANDI Sollevamento all indietro del carico, rilasciamento della forca, scontro durante l accatastamento La forca o il carico si trovano al di fuori dell area destinata all accatastamento ad un altezza di trasporto scorretta (15 cm dal suolo) Quando il carico è sollevato, possono essere effettuati solo minimi movimenti di correzione sulla superficie d accatastamento per correggere appunto la posizione Inclinazione del montante o della forca al momento dell inserimento e dell uscita dal pallet non corretta, il montante non è inclinato durante il trasporto Inclinazione prematura o tardiva del montante in avanti/indietro durante la fase d accatastamento (controbilanciato) Manovra prematura o tardiva in avanti/indietro del montante durante la fase d accatastamento (carrello con montante retrattile) Scostamenti superiori ai 3 cm nella fase d accatastamento (Gli scostamenti sull asse longitudinale e trasversale verranno valutati separatamente) Direzione dello sguardo - durante la retromarcia non guarda indietro, mancato sguardo di controllo in avanti con la forca estratta Posizione del corpo - durante la guida, nessuna parte del corpo deve trovarsi al di fuori della sagoma del veicolo Guida adatta, economica - vengono considerati degli errori accelerare e frenare bruscamente, giri incontrollati con il veicolo Spostare gli ostacoli - gli ostacoli vengono toccati o spostati Far cadere gli ostacoli* 3 - METTERI FUORI USO IL VEICOLO Forca non nella posizione di partenza, montante non in posizione verticale Le ruote girate non si trovano sull asse longitudinale del veicolo Arresto d emergenza (interruttore principale) non viene azionato 25, una volta 25, una volta 50, una volta 50, una volta 75, non limitata 1*

5 Freno a mano non tirato Regolamento Swiss Forklift Champion Chiavi lasciate nel veicolo e non consegnate all arbitro 4 - ALTRO Manipolazione dall esterno 50, una volta Mancato rispetto dei compiti assegnati o della loro successione * 150, una volta * * al massimo 3 volte, altrimenti squalifica 14. Interruzione o squalifica della corsa Se il partecipante necessita, per raggiungere il punto di controllo (= la metà dei compiti assegnati), 3,5 minuti o più, l arbitro può decidere d interrompere la corsa. Il partecipante si dirige, senza carico, direttamente al punto di partenza e parcheggia il carrello elevatore. Si continua a prendere il tempo fino a quando il carrello elevatore non è stato parcheggiato. In caso d interruzione o squalifica verranno aggiunti ai punti già assegnati altri 1500 punti. 15. Procedura in caso di parità Nel caso in cui due o più concorrenti raggiungano lo stesso numero di punti, per il piazzamento migliore è decisivo, rispettivamente per carrello controbilanciato e per carrello elevatore con montante retrattile: In prima linea: la somma dei tempi di percorrenza dei circuiti più bassa In seconda linea: la somma dei punti di penalità per gli errori fatti durante il percorso più bassa In terza linea: la somma dei punti di penalità per gli errori fatti nei comandi più bassa Se anche dopo aver valutato questi criteri, non si riuscisse ad arrivare ad un vincitore, si procederà ad uno spareggio, sulle cui modalità sarà l arbitro a decidere. 16. Esempio di una valutazione Durata 1 percorso 6:25 minuti 6 x punti 385 punti Durata 2 percorso 6:44 minuti 6 x punti 404 punti Ostacoli toccati 1 x 75 punti 75 punti Ostacoli caduti 1 x 150 punti 150 punti Posizione del corpo 2 x 25 punti 50 punti Totale 1064 punti Il risultato della corsa non verrà comunicato al candidato dall arbitro. I risultati intermedi verranno visualizzati su uno schermo e su internet. Le decisioni dell arbitro sugli errori durante la corsa sono definitivi e non sono impugnabili. 17. Squalifica Le motivazioni per un eventuale squalifica di un candidato del concorso sono le seguenti: 1) Tentativi di frode di qualsiasi tipo (passare il proprio numero di partenza ad altre persone, accettare l aiuto del pubblico). Pagina 5 di 8

6 2) Equipaggiamento protettivo assente o non conforme (scarpe protettive). 3) Manovre di guida pericolose. Questo vale per tutte le corse. 4) Palese incapacità alla guida. Gli arbitri possono impedire la corsa ai concorrenti incapaci di guidare (ad esempio, alcool). 18. Graduatoria I migliori risultati verranno pubblicati su graduatorie parziali. Le graduatorie verranno pubblicate dopo l annuncio dei piazzamenti. Ciascun partecipante riceverà, dopo l evento, una graduatoria e una carta di riconoscimento personale per posta. 19. Percorsi delle eliminatorie Torre di Hanoi Veicolo: Tempo di percorrenza: carrello elevatore tre ruote, controbilanciato 7 minuti al massimo Posizione di partenza Il percorso è costituito da tre stazioni pallet (1, 2, 3) ed una serie di pallet (3), che devono essere piazzati sulle stazioni. All inizio tutte e tre i pallet sono sistemati con una numerazione crescente (1, 2, 3) sulla stazione pallet (1), cioè il numero più alto si trova in basso e il numero più basso (1) si trova in alto. I pallet su questa prima stazione pallet (1) costituiscono una torre. Compito La torre della stazione pallet (1) deve essere spostata sulla stazione pallet (3). Un pallet può essere adagiato su un altra stazione pallet solamente se la stazione è in quel momento libera o se il pallet presente sulla forca ha un numero inferiore rispetto al pallet più in alto sulla stazione d arrivo. NEL RISPETTO DELLE SEGUENTI REGOLE Durante una corsa può essere spostato sempre e soltanto un pallet Può essere spostato sempre e soltanto il pallet più in alto di un accatastamento Mancato rispetto delle regole di piazzamento o della numerazione Punti di penalità 100, non limitata Pagina 6 di 8

7 Percorso 2 Filo a piombo Veicolo: Tempo di percorrenza: carrello con montante retrattile 7 minuti al massimo Posizione di partenza Il percorso è costituito da tre stazioni pallet (1, 2, 3) e la stessa serie di fili a piombo, suddivisi sul percorso. Sulle singole stazioni pallet si trovano dei pallet con coperchio. Al centro del coperchio si trova un foro. Sulla stazione pallet 1 il foro è più grande e sulla stazione pallet 3 il foro è più piccolo. Compito I tre fili a piombo devono essere ripartiti sulle 3 stazioni pallet e fatti scendere nei singoli fori. Durante la corsa deve essere rispettato l ordine 1, 2, 3. I fili a piombo devono essere presi singolarmente con la forca e trasportati alla stazione pallet corretta. Il carrello elevatore deve arrestarsi sulla linea marcata e il filo a piombo deve essere inserito nel foro con il montante retrattile. NEL RISPETTO DELLE SEGUENTI REGOLE Durante una corsa può essere spostato sempre e soltanto un filo a piombo La linea di delimitazione non può essere superata Il filo a piombo non può toccare il pallet o il bordo del foro Il filo a piombo deve essere inserito fino all anello che si trova sul pallet Si può tornare indietro solamente quando il montante è rientrato Punti di penalità Pagina 7 di 8

8 Pagina 8 di 8

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1.

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. IL CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI INDUSTRIALI SEMOVENTI (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 73 Allegato VI Accordo Stato Regioni del 22/02/2012)

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1.

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. IL CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI INDUSTRIALI SEMOVENTI (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 73 Allegato VI Accordo Stato Regioni del 22/02/2012)

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO COD 4.4.

PROGRAMMA DEL CORSO COD 4.4. PROGRAMMA DEL CORSO COD 4.4. IL CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI, SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO, TELESCOPICI ROTATIVI (D. Lgs. 9 aprile 2008

Dettagli

CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI, SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO, TELESCOPICI ROTATIVI

CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI, SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO, TELESCOPICI ROTATIVI Programma Corso di Formazione CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI, SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO, TELESCOPICI ROTATIVI Scandellari Srl in collaborazione

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1.

PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. PROGRAMMA DEL CORSO COD. 4.1. IL CARRELLO ELEVATORE SEMOVENTE CON CONDUCENTE A BORDO CARRELLI INDUSTRIALI SEMOVENTI (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 73 Allegato VI Accordo Stato Regioni del 22/02/2012)

Dettagli

REGOLAMENTO 2015 Giochi di Apertura GIOCO 1/4 - PRENDI I BARATTOLI

REGOLAMENTO 2015 Giochi di Apertura GIOCO 1/4 - PRENDI I BARATTOLI REGOLAMENTO 2015 Giochi di Apertura GIOCO 1/4 - PRENDI I BARATTOLI ART 1 - PARTECIPANTI: Le categorie sono le seguenti: Categoria bambini dai 6 ai 10 anni (anni di nascita dal 2009 al 2005) Categoria ragazzi

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI 1) Ogni gioco popolare inserito nel programma del Palio delle Borgate contribuisce alla classifica generale come evento singolo. TIRO ALLA FUNE 2) La gara inizia quando

Dettagli

Sicurezza informazioni carrelli elevatori a forche 626

Sicurezza informazioni carrelli elevatori a forche 626 Pagina 1 di 24 I Conducenti devono guidare il carrello elevatore a forche solo se sono stati addestrati in modo adeguato. Siete qualificati per essere dei conducenti di un carrello elevatore a forche?

Dettagli

1.5-3.5t Serie V - Carrello Elettrico a quattro ruote

1.5-3.5t Serie V - Carrello Elettrico a quattro ruote 1.5-3.5t Serie V - Carrello Elettrico a quattro ruote Caratteristiche Motore 1. Massima forza di trazione e dinamicità di guida, anche su superfici irregolari o rampe. 2. Motore AC altamente efficiente,

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

CORSO PER LA CONDUZIONE IN SICUREZZA DEL CARRELLO ELEVATORE (D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81)

CORSO PER LA CONDUZIONE IN SICUREZZA DEL CARRELLO ELEVATORE (D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) PROGRAMMA DEL CORSO CORSO PER LA CONDUZIONE IN SICUREZZA DEL CARRELLO ELEVATORE (D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) Durata del corso 12 ore Introduzione al corso Presentazione del corso Presentazione docenti

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

APPENDICE 1 DISPOSITIVI OBBLIGATORI DISPOSITIVI FACOLTATIVI

APPENDICE 1 DISPOSITIVI OBBLIGATORI DISPOSITIVI FACOLTATIVI APPENDICE 1 M O T O C I C L I A - Luce posizione anteriore; B - Luce posizione posteriore; D - Luce targa; E - Proiettore; G - Luce di arresto; O - Catadiottro rosso. I - Proiettore fendinebbia Tutti i

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Autoscuola Marche - http://www.autoscuolamarche.com/ DIRETTIVA 2012/36/UE DELLA COMMISSIONE del 19 novembre 2012

Autoscuola Marche - http://www.autoscuolamarche.com/ DIRETTIVA 2012/36/UE DELLA COMMISSIONE del 19 novembre 2012 DIRETTIVA 2012/36/UE DELLA COMMISSIONE del 19 novembre 2012 recante modifica della direttiva 2006/126/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la patente di guida LA COMMISSIONE EUROPEA, (Testo

Dettagli

CAMPIONATI DI SOCIETA 2015

CAMPIONATI DI SOCIETA 2015 CAMPIONATI DI SOCIETA 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionati di Società 1 CAMPIONATO di SOCIETA SERIE A MASCHILE Vi partecipano di diritto le prime sei Società classificate nell anno agonistico

Dettagli

Prima di ogni impiego è necessario accertare lo stato di conservazione della scala, in particolare:

Prima di ogni impiego è necessario accertare lo stato di conservazione della scala, in particolare: Le scale Opuscolo in materia di Salute e Sicurezza L'impiego di scale portatili, di diverso forma o tipologia, è consuetudine in ogni luogo di lavoro. L'accesso ai ripiani superiori di una scaffalatura,

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

I CARRELLI ELEVATORI CON OPERATORE A BORDO (carrelli elevatori a forche)

I CARRELLI ELEVATORI CON OPERATORE A BORDO (carrelli elevatori a forche) SCHEDA TECNICA N 24 I CARRELLI ELEVATORI CON OPERATORE A BORDO (carrelli elevatori a forche) Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail:

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionato di Promozione 1 CAMPIONATO di PROMOZIONE Regionale Al Campionato di Promozione (ex serie C) maschile 2015 possono iscriversi tutte

Dettagli

CORSO GIUDICE REGIONALE MARCHE - TEST DI VALUTAZIONE. Nominativo

CORSO GIUDICE REGIONALE MARCHE - TEST DI VALUTAZIONE. Nominativo GRUPPO GIUDICI GARE ANCONA 26/05/2013 1 CORSO GIUDICE REGIONALE MARCHE - TEST DI VALUTAZIONE Nominativo 1) Qual è la massima figura apicale tra i Giudici, che ha la responsabilità tecnico-organizzativa

Dettagli

Mezzo utilizzato: autogrù

Mezzo utilizzato: autogrù Procedure per la movimentazione delle billette nelle fasi di scarico dai mezzi di trasporto e per l alimentazione delle linee di forgiatura/stampaggio. La lavorazione riferita alla movimentazione dei fasci

Dettagli

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE GUIDA PRATICA DI SICUREZZA PER OPERATORI ADIBITI ALLA GUIDA DEI CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI NORME PER LA GESTIONE DEI CARRELLI PREMESSA Il presente opuscolo ha lo scopo di indicare ai carrellisti

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

GIOCHI I PALIO DEL VOLONTARIATO. 10 Giugno 2012. Regolamento giochi. Dalle 15.00 in poi

GIOCHI I PALIO DEL VOLONTARIATO. 10 Giugno 2012. Regolamento giochi. Dalle 15.00 in poi GIOCHI I PALIO DEL VOLONTARIATO 10 Giugno 2012 Dalle 15.00 in poi Regolamento giochi 1 GIOCO Svuotiamo la cantina!! Gioco per 3 giocatori della squadra. LA GARA AVRA UN TEMPO MASSIMO DI 3 MINUTI Il primo

Dettagli

Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate

Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate FD/FG40K FD/FG40KL FD/FG45K FD/FG50K 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.8 1.9 2.1 2.2 2.3 3.1 3.2 3.3 3.5 3.6 3.7 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.7 4.8 4.12 4.19

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

Prima esercitazione... Percorso coordinativo

Prima esercitazione... Percorso coordinativo Prima esercitazione.... Percorso coordinativo Alla partenza, il bambino dovrà prendere un cinesino posto vicino, passare sotto l ostacolo strisciando al suolo, correre tra i coni, inserire il cinesino

Dettagli

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE 1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE La manifestazione si svolgerà presso il PALASPORT FONTESCODELLA DI MACERATA DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010 Il ritrovo è fissato alle ore 13:15 Lo

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

MOVIMENTO ACCESSO E GUIDA DIRETTAMENTE DALLA CARROZZINA

MOVIMENTO ACCESSO E GUIDA DIRETTAMENTE DALLA CARROZZINA INDIPENDENZA e LIBERTÀ di MOVIMENTO Sappiamo che l indipendenza e la mobilità è estremamente importante per tutte le persone, in particolare per le persone che vivono quotidianamente su una carrozzina

Dettagli

modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione

modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione Facile gestione di carichi pesanti - un valore aggiunto per la produttività La manipolazione ed il montaggio manuale di carichi pesanti

Dettagli

Lista di controllo Gru a ponte e a portale

Lista di controllo Gru a ponte e a portale Sicurezza realizzabile Lista di controllo Gru a ponte e a portale Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru a ponte e a portale? Nell industria e nell artigianato le gru sono il

Dettagli

REGOLAMENTO GIOCHI IN PIAZZA

REGOLAMENTO GIOCHI IN PIAZZA 53 edizione REGOLAMENTO GIOCHI IN PIAZZA 26 SETTEMBRE 2015 (aggiornato con modifiche approvate dal Consiglio Direttivo maggio 2015) 53 PALIO DE SAN MICHELE PROGRAMMA DEI GIOCHI IN PIAZZA Piazza Mazzini,

Dettagli

REGOLAMENTO 1. MANIFESTAZIONE

REGOLAMENTO 1. MANIFESTAZIONE 1. MANIFESTAZIONE In generale: REGOLAMENTO Il Red Bull Alpenbrevet è una gara-escursione e prevede il rispetto della legge sulla circolazione stradale vigente. Viene organizzato dalla Red Bull SA con sede

Dettagli

Regole per l Volo in Triangolo con Alianti in Scala GPS

Regole per l Volo in Triangolo con Alianti in Scala GPS Regole per l Volo in Triangolo con Alianti in Scala GPS RCS- Traduzione dalla versione inglese 1.4e Autore: Gianni Vetrini Data: 12.3.2008 1. Definizione del volo triangolare con alianti in scala 1.1 Scopi

Dettagli

Contenuti dei corsi per operati di PLE

Contenuti dei corsi per operati di PLE Contenuti dei corsi per operati di PLE I contenuti del corso IPAF per operatori di PLE sono i medesimi indicati nell allegato III dell Accordo sia per quanto riguarda i moduli teorici (modulo giuridico-normativo

Dettagli

DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE

DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE Sommario Sommario 2 1 - Introduzione 3 1.1 Principio di funzionamento 4 1.2 Caratteristiche tecniche 4 2 Trasporto e imballo 5 2.1 Imballo

Dettagli

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO 3 Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA 13 di 19 1. LE NORME GENERALI PER LA CONDUZIONE L uso del carrello elevatore è consentito esclusivamente al personale autorizzato,

Dettagli

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE REGOLAMENTO: BIG TEAM - Programma rivolto a ginnaste/i principianti o che frequentano corsi di avviamento allo sport. - Questo programma di competizioni

Dettagli

Riferimenti NORMATIVI

Riferimenti NORMATIVI REALIZZAZIONE DI SCALE FISSE CON PROTEZIONE NORMA UNI EN ISO 14122-4 : 2010 DISTANZA TRA LA SCALA E OSTRUZIONI PERMANENTI: La distanza tra la scala e le ostruzioni permanenti deve essere: - Di fronte alla

Dettagli

Transpallet/ Elevatore elettrico 1.0-1.3 t

Transpallet/ Elevatore elettrico 1.0-1.3 t Transpallet/ Elevatore elettrico 1.0-1.3 t Easymover www.toyota-forklifts.it Transpallet elettrico Caratteristiche tecniche del transpallet elettrico PP13 1.1 Costruttore Toyota Identificazione Peso Ruote

Dettagli

CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO SGUK0502 P ORTOGALLO

CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO SGUK0502 P ORTOGALLO SGUK0502 P ORTOGALLO CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO 1. Introduzione La carrozzina da autospinta che avete acquistato è parte della gamma prodotti Invacare ed è stata realizzata con

Dettagli

REGOLAMENTO ENDURANCE DI 6 ORE

REGOLAMENTO ENDURANCE DI 6 ORE REGOLAMENTO ENDURANCE DI 6 ORE Questa corsa a squadre si svolgerà sulla pista di Baia Sardinia (Kartodromo Pista dei Campioni) il 8 ottobre 2011 su kart forniti dall organizzazione. Il regolamento di questa

Dettagli

@ FM-X Dati Tecnici Carrello retrattile con guidatore seduto FM-X 10 FM-X 12 FM-X 14 FM-X 17 FM-X 20 FM-X 22 FM-X 25

@ FM-X Dati Tecnici Carrello retrattile con guidatore seduto FM-X 10 FM-X 12 FM-X 14 FM-X 17 FM-X 20 FM-X 22 FM-X 25 @ FM-X Dati Tecnici Carrello retrattile con guidatore seduto FM-X 10 FM-X 12 FM-X 14 FM-X 17 FM-X 20 FM-X 22 FM-X 25 Precisione ai massimi livelli Questa scheda tecnica, conforme alle linee guida VDI 2198,

Dettagli

Sede Legale ed Amministrativa: località Campo di Pile - 67100 L AQUILA

Sede Legale ed Amministrativa: località Campo di Pile - 67100 L AQUILA BANDO DI CONCORSO PUBBLICO per la ricerca di un operatore di esercizio e per la costituzione di un elenco di idonei alle mansioni di OPERATORE DI ESERCIZIO In esecuzione della deliberazione n. 4 del 12.3.2010

Dettagli

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci.

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci. Direttiva per la sicurezza del delle merci. La vostra sicurezza è il nostro obiettivo. Note preliminari. 2 Prima di effettuare il delle merci è necessario leggere e applicare la presente direttiva contenente

Dettagli

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO Approvato con Decreto del Commissario Straordinario n. 45/2014 Articolo 1 SQUADRE a) La gara viene giocata da due squadre.

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE)

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE) Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO 2 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO PER ADULTI e 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO UNDER14

REGOLAMENTO 2 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO PER ADULTI e 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO UNDER14 REGOLAMENTO 2 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO PER ADULTI e 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO UNDER14 VILLETTA COMUNALE Montemarano, 23 Luglio 29 Luglio 2012 1. Squadre Composizione ed iscrizione Per il Torneo

Dettagli

-il certificato medico qualora dalla procedura on line lo stesso risulti scaduto

-il certificato medico qualora dalla procedura on line lo stesso risulti scaduto AUTOSTORICHE NORME GENERALI VERIFICHE SPORTIVE Procedura per le verifiche ante- gara Le verifiche sportive saranno effettuate in base all elenco iscritti(trasmesso all ACI nei termini previsti dal RSN

Dettagli

ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI

ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI (proposta per il CF da inserire nelle Norme Attuative 2015) PREMESSA Come già comunicato in occasione della riunione

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

FM-X Dati tecnici Carrello retrattile con guidatore seduto FM-X 10 FM-X 12 FM-X 14 FM-X 17 FM-X 20 FM-X 25

FM-X Dati tecnici Carrello retrattile con guidatore seduto FM-X 10 FM-X 12 FM-X 14 FM-X 17 FM-X 20 FM-X 25 @ FM-X Dati tecnici Carrello retrattile con guidatore seduto FM-X 10 FM-X 12 FM-X 14 FM-X 17 FM-X 20 FM-X 25 Precisione ai massimi livelli Questa scheda tecnica, conforme alle linee guida VDI 2198, fornisce

Dettagli

90º SPECIALE CARRELLI ELEVATORI

90º SPECIALE CARRELLI ELEVATORI SPECIALE CARRELLI ELEVATORI anthony nadalin, TMHE 90º CON I PIEDI PER TERRA Toyota ha instaurato un rapporto duraturo con molti dei suoi clienti. Il merito di ciò va in gran parte al Sistema di Stabilità

Dettagli

5. Festival di Auto d Epoca in Val Passiria Alto Adige Italia 16-18 MAGGIO 2014 Bando e manifestazioni

5. Festival di Auto d Epoca in Val Passiria Alto Adige Italia 16-18 MAGGIO 2014 Bando e manifestazioni 5. Festival di Auto d Epoca in Val Passiria Alto Adige Italia 16-18 MAGGIO 2014 Bando e manifestazioni 1.0 Requisiti di ammissione Sono ammesse tutte le vetture, aperte e chiuse, costruite entro il 31.12.1986

Dettagli

Figura 1 Accesso alle porte di accesso (cfr. allegato 3, punto 7.7.1.) Sagoma di prova 1 Sagoma di prova 2

Figura 1 Accesso alle porte di accesso (cfr. allegato 3, punto 7.7.1.) Sagoma di prova 1 Sagoma di prova 2 18.6.2015 L 153/67 ALLEGATO 4 SCHEMI ESPLICATIVI Figura 1 Accesso alle porte di accesso (cfr. allegato 3, punto 7.7.1.) Sagoma di prova 1 Sagoma di prova 2 Classe di veicolo Altezza del pannello superiore

Dettagli

Numero carrelli senza guidatore a bordo presenti in azienda

Numero carrelli senza guidatore a bordo presenti in azienda Pagina 1di 11 AZIENDA Redatto da Verificato Approvato Ines Magnani Carlo Veronesi Massimo Magnani firma firma TIPO SCHEDA A formazione ed informazione dei lavoratori NUMERO DI SCHEDE DATA VERIFICATO RI

Dettagli

REGOLAMENTO SPORTIVO CAMPIONATO ITALIANO VINTAGE ENDURANCE 2015

REGOLAMENTO SPORTIVO CAMPIONATO ITALIANO VINTAGE ENDURANCE 2015 REGOLAMENTO SPORTIVO CAMPIONATO ITALIANO VINTAGE ENDURANCE 2015 1. PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento si applica alle prove di Campionato Italiano Vintage Endurance 2015 (da qui in avanti definito

Dettagli

CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA

CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA CALCETTO Dimensioni Gare Palio Dimensioni Lunghezza m. 38 Larghezza m. 18,40

Dettagli

Stagione Sportiva 2013/2014 TEST TECNICI

Stagione Sportiva 2013/2014 TEST TECNICI TEST TECNICI PRECAMPIONATO SEZIONI 016_1314 TEST INTERATTIVI TECNICI ED ASSOCIATIVI 016_1314 Fra pochi momenti il via per l esecuzione del test Su calcio di rinvio, il pallone calciato con poca forza si

Dettagli

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password.

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Uso del computer e gestione dei file Primi passi col computer Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Spegnere il computer impiegando la procedura corretta.

Dettagli

f) Trattori agricoli o forestali: qualsiasi trattore agricolo o forestale a ruote o cingoli, a motore,

f) Trattori agricoli o forestali: qualsiasi trattore agricolo o forestale a ruote o cingoli, a motore, Abilitazione all uso di piattaforme di lavoro mobili elevabili, gru a torre, gru mobile, gru per autocarro, carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo, trattori agricoli eforestali, macchine movimento

Dettagli

1. SCOPO 2. APPLICAZIONE 3. ISTRUZIONE OPERATIVA ISTRUZIONE OPERATIVA UTILIZZO DEL CARRELLO ELEVATORE OBBLIGHI DEL CARRELLISTA

1. SCOPO 2. APPLICAZIONE 3. ISTRUZIONE OPERATIVA ISTRUZIONE OPERATIVA UTILIZZO DEL CARRELLO ELEVATORE OBBLIGHI DEL CARRELLISTA 1. SCOPO La presente istruzione ha lo scopo di definire le corrette modalità di utilizzo dei carrelli elevatori. 2. APPLICAZIONE L istruzione si applica ogniqualvolta si eseguano operazioni che prevedano

Dettagli

Istruzioni di montaggio per i Modelli:

Istruzioni di montaggio per i Modelli: Istruzioni di montaggio per i Modelli: 968999306/iZC Equipaggiati con: 96899934 TRD48 Gruppo di taglio a tunnel Tunnel Ram oppure 968999347 CD48 Gruppo di taglio Combi Montaggio Disimballare la macchina.

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

Formazione addetti carrelli senza conducente e commissionatori. A cura di Lucio Fattori Ingegnere civile, RSPP e consulente

Formazione addetti carrelli senza conducente e commissionatori. A cura di Lucio Fattori Ingegnere civile, RSPP e consulente Formazione addetti carrelli senza conducente e commissionatori A cura di Lucio Fattori Ingegnere civile, RSPP e consulente (estratto dalla Rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro 1/2014) Sulla Rivista

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE Sezione II PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE (RM 2008 A 000111: 20/02/2008 Italia) Tiziano Averna, Marco Traballesi Fondazione Santa Lucia Ettore Pennestrì, Pier Paolo

Dettagli

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro ( art. 73 comma 5 D. Lgs. 81/2008) Ing. Alessandro Gandini 1 premesse normative dell accordo del 22/02/2012 D. Lgs. 09 aprile 2008 n.

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale Federazione Ginnastica d Italia Settore Ginnastica Generale PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale L AREA DEI PERCORSI è di m. 9 x 3, ma tale misura potrebbe subire variazioni per problemi

Dettagli

SISTEMI DI PARCHEGGIO

SISTEMI DI PARCHEGGIO SISTEMI DI PARCHEGGIO Programma generale 2013/2014 Made in Germany. Il gruppo NUSSBAUM Direttori generali Hans-Georg Nußbaum and Steffen Nußbaum Aree di business Attrezzatura per l officina Sistemi di

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Equilibrio. Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni

Equilibrio. Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni Equilibrio Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni Mantenimento della verticale del capo in appoggio monopodalico Studi fatti dal Prof. Dario Riva Violetta evidenziano che una delle caratteristiche

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE

Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE Scheda 18 Operazione: MOVIMENTAZIONE DEI CARICHI Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE Introduzione Lo scopo della movimentazione dei carichi con carrello elevatore consiste nel sollevare, spostare,

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Presentazione dell Accordo Stato-Regioni 22/02/2012 INTRODUZIONE TITOLO III D.Lgs. 81/08

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 42/86 13.2.2002 ALLEGATO VI PRESCRIZIONI SPECIALI RELATIVE AI VEICOLI DI CAPACÀ NON SUPERIORE A 22 PASSEGGERI 1.1 Dimensioni minime delle uscite I vari tipi di uscita devono avere le seguenti dimensioni

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AFFARI GENERALI

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AFFARI GENERALI BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO E A TEMPO PIENO DI N 1 POSTO DI ISTRUTTORE TECNICO CAT. C - AREA DI ATTIVITA : SETTORE TECNICO UFFICIO AMBIENTE RISERVATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

COMITATO REGIONALE LIGURE

COMITATO REGIONALE LIGURE COMITATO REGIONALE LIGURE INTEGRAZIONE ALLE NORME ATTUATIVE NAZIONALI ANNO 2014 CATEGORIA GIOVANISSIMI PREMESSA Le presenti norme integrano quanto stabilito nel Regolamento Tecnico e nelle Norme Attuative

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2011 FASE REGIONALE SEGRATE CENTRO SPORTIVO DON GIUSSANI Via Donizzetti Redecesio di Segrate 5 GIUGNO 2011

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2011 FASE REGIONALE SEGRATE CENTRO SPORTIVO DON GIUSSANI Via Donizzetti Redecesio di Segrate 5 GIUGNO 2011 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2011 FASE REGIONALE SEGRATE CENTRO SPORTIVO DON GIUSSANI Via Donizzetti Redecesio di Segrate 5 GIUGNO 2011 Ogni squadra dovrà partecipare obbligatoriamente con 14 giocatori

Dettagli

@ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10

@ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10 @ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10 2 KANVAN DATI TECNICI Questa scheda tecnica indica solo i valori tecnici del carrello standard secondo la Direttiva VDI 2198. Gommature

Dettagli

REGOLAMENTO GIOCHI TERZA EDIZIONE. Giochi Senza Quartiere

REGOLAMENTO GIOCHI TERZA EDIZIONE. Giochi Senza Quartiere REGOLAMENTO GIOCHI TERZA EDIZIONE Giochi Senza Quartiere NOTE GENERALI Nelle Pagine a seguire verranno descritti i regolamenti di tutti i Giochi della Terza Edizione di Giochi Senza Quartiere. In questa

Dettagli

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441-346 0825520-346 4133777 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.calabria.fip.it

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE ISTITUTI DI 1 GRADO

DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE ISTITUTI DI 1 GRADO DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE ISTITUTI DI 1 GRADO PROGRAMMA ORARIO MERCOLEDI' 5 GIUGNO (Mattina) ORA CADETTI CADETTE 8.45 Ritrovo Giurie e Concorrenti 9.30 LUNGO - qualificazioni gruppo A 9.30 VORTEX

Dettagli

CARRELLI ELEVATORI TRILATERALI

CARRELLI ELEVATORI TRILATERALI CARRELLI ELEVATORI TRILATERALI Uomo a terra Uomo a bordo (carrello combinato) FEAII - Material Handling (I) -1- CARRELLI ELEVATORI TRILATERALI (vista dall alto) guide a terra FEAII - Material Handling

Dettagli

Il Comitato Regionale Toscana

Il Comitato Regionale Toscana FIARC Federazione Italiana Arcieri Tiro di Campagna http://www.fiarc.it Comitato Regionale Toscana http://www.fiarc-toscana.it Presidente Marco Bruno Il Comitato Regionale Toscana è lieto di annunciare

Dettagli

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA Pag. 1 di 6 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Manuale d uso Canon 350D

Manuale d uso Canon 350D Manuale d uso Canon 350D Per gestire la Canon 350D in dotazione e installata sul telescopio da 80cm dell Osservatorio del Celado eseguire scrupolosamente queste brevi ma essenziali manovre. Primo passo:

Dettagli

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici Tractel Italiana www.tractel.edilio.it SICUREZZA Sistemi anticaduta per lavori in quota Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici non protette, la cui altezza dal suolo è maggiore di

Dettagli