TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA (IPT) Programma strutturato per la riabilitazione del paziente schizofrenico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA (IPT) Programma strutturato per la riabilitazione del paziente schizofrenico"

Transcript

1 TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA (IPT) Programma strutturato per la riabilitazione del paziente schizofrenico Brenner H., Roder V., Hodel B., Kienzle N., Invernizzi G., Vita A. McGraw-Hill

2 Modello vulnerabilità-stresscompetenze sociali Fattori protettivi -supporto sociale -competenze sociali Comportamenti di adattamento Eventi stressanti -eventi della vita -atmosfera familiare Alterazioni strutturali e funzionali cerebrali Disturbi cognitivi -Segni precoci -Sintomi prodromici -Episodio manifesto Modificazioni neurobiochimiche

3 IL CIRCOLO VIZIOSO DELLA SCHIZOFRENIA CHE DEFINISCE L INTERAZIONE TRA VARIABILI COGNITIVE E SOCIALI (Brenner,1992) Primo circolo funzioni cognitive elementari attenzione disfunzioni cognitive elementari Disfunzioni cognitive complesse funzioni cognitive complesse formazione dei concetti Secondo circolo Risposte inefficaci Ridotte abilità di coping Stressors sociali

4 Variabili ambientali Modello della pervasività Brenner, 1986 Complesso Livello macro sociale Comportamento manifesto Livello micro sociale Livello cognitivo Comportamento sub clinico Livello attentivo percettivo Variabili biologiche Elementare

5 TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

6 addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali CLT Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

7 addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali CLT Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva Abilità cognitive

8 IPT e CLT: Indicazioni Soggetti affetti da schizofrenia. Stabilizzazione del quadro clinico. Quadro clinico con prevalente sintomatologia negativa, i sintomi positivi se presenti non devono essere gravi. Compromissione del funzionamento cognitivo (IPT) Reali prospettive di cambiamento anche solo a lungo termine nell area oggetto del modulo (CLT).

9 IPT e CLT:Formazione dei gruppi Gruppi generalmente chiusi costituiti da 6-10 partecipanti Soggetti schizofrenici Omogenei per funzionamento cognitivo Eterogenei per età (tra i 20 e i 50 anni) e sesso Adeguata preparazione dei partecipanti al programma terapeutico

10 IPT e CLT: Preparazione del paziente alla partecipazione al gruppo Colloqui preliminari tra i terapeuti e il paziente finalizzati a valutare la motivazione e a fornire le informazioni relative al metodo (utile produrre materiale informativo scritto). Nel caso di soggetti particolarmente ansiosi rispetto all inserimento nel gruppo è consigliabile una presentazione più dettagliata dei sottoprogrammi/moduli, delle modalità di svolgimento delle sedute e delle regole generalmente adottate nel gruppo.

11 IPT e CLT:Setting Ambiente confortevole e sufficientemente ampio da consentire anche il lavoro in piccoli gruppi (CLT) sedie disposte circolarmente. Un tavolo. Supporti visivi: lavagne e/o lavagne a fogli mobili. Materiale audiovisivo: videocamera e televisore. Un locale aggiuntivo con finalità modulo specifiche: ufficio di gruppo e club del tempo libero (CLT).

12 IPT e CLT:Terapeuti Un terapeuta principale e almeno un coterapeuta Esperienza nella conduzione di gruppi per soggetti affetti da psicosi Sufficiente competenza nell applicazione di alcune tecniche cognitivo-comportamentali (CLT) Adeguata conoscenza dei metodi (lettura del manuale) ed addestramento alla conduzione dei gruppi Utile una supervisione per i terapeuti meno esperti

13 IPT e CLT:Terapeuti Terapeuta principale Conduce le sedute Rinforza i comportamenti funzionalifornendo un modello relazionale positivo Coterapeuta Funzione di modello Osserva l andamento del gruppo Supporta i partecipanti in difficoltà Sostituisce il terapeuta principale

14 IPT e CLT:Preparazione delle sedute Durata: minuti a seconda del livello di esperienza. Finalità: Pianificazione della seduta e definizione degli obbiettivi. Individuazione degli esercizi da svolgere Scelta del materiale terapeutico da utilizzare Definizione del livello di strutturazione da conferire alle sedute

15 Materiale terapeutico Materiale terapeutico Livello di complessità Contenuto emotivo bassa alta basso alto

16 IPT:Tempi Frequenza delle sedute: 2 sedute settimanali Durata delle sedute: minuti (deve essere stabilita in base alla fase del programma e alle caratteristiche cliniche del gruppo). Il passaggio da un sottoprogramma all altro non è predefinito, avviene quando tutti i partecipanti hanno raggiunto una sufficiente competenza nello svolgimento degli esercizi previsti. Durata complessiva : 8-18 mesi.

17 Strategie di motivazione 1. Regolazione del livello di strutturazione delle sedute 2. Tecniche terapeutiche

18 Modulazione del livello di strutturazione delle sedute Aumentano il livello di strutturazione: Stile di conduzione direttivo e orientato al compito. Pianificazione formale delle sedute tramite una descrizione delle modalità di svolgimento delle stesse. Trattazione di temi generali predefiniti rispetto a tematiche con particolare valenza personale (meno coinvolgenti sul piano emotivo). Esposizione didattica.

19 Abilità sociali e soluzione dei problemi TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA IPT FAMILIARITA CON LE DINAMICHE DI GRUPPO COMP. DIRETTIVO STRESS EMOTIVO E INTERAZIONE DI GRUPPO FAMILIARITA CON LE PROCEDURE STRUTTURATE Abilità cognitive

20 Tecniche terapeutiche Modellamento: il coterapeuta come modello nello svolgimento degli esercizi. Restituzione e riformulazione in positivo: es. gli aspetti negativi di una condizione intesi come aspetti da migliorare. Rinforzi positivi: rinforzi informativi vs rinforzi sociali.

21 TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

22 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

23 Le regole del gruppo Nessuna informazione personale viene riportata all esterno del gruppo. Tutti i partecipanti cercano di accettarsi reciprocamente e di aiutarsi a vicenda. Nessuno è obbligato a dire qualcosa se non vuole o non se la sente.....

24 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

25 Lunedì 22 9 Venerdì Giovedì 26 Mercoledì

26 Evidenziate tutte le carte in vostro possesso che abbiano il colore giallo! Lunedì Venerdì Giovedì

27 Evidenziate tutte le carte che hanno il colore giallo, un numero pari, a due cifre! Lunedì Venerdì Giovedì

28 Quali sono le caratteristiche che queste carte hanno in comune? Lunedì Venerdì Giovedì 26 Mercoledì

29 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

30 ESERCIZIO DELLE GERARCHIE CONCETTUALI Su Rotaie - Treno - Tram - Metropolitana... Su Acqua - Motoscafo - Barca a vela - Canoa - Gommone - Zattera... Mezzi Di Trasporto Su Strada - Automobile - Bus - Motocicletta - Triciclo - Bicicletta... D Aria - Aereo - Jet - Elicottero - Astronave - Mongolfiera - Razzo...

31 ESERCIZIO DELLE GERARCHIE CONCETTUALI Cibo - Gelato - Bevande - Insalata - Barbecue Vestiario -Pantaloncini - Sandali -Costume da bagno Estate Tempo -Umido -Caldo -Temporali -Molto sole Attività - Nuoto - Tuffi - Vacanze - Grigliate Accessori da spiaggia -Crema solare -Occhialini -Bikini -Pinne -Telo da spiaggia - Libro

32 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

33 ESERCIZIO DEI SINONIMI Orientati su fatti reali Abitazione: casa, domicilio, appartamento, stanza, dimora Orientati Emotivamente Spavento: panico, sgomento, terrore, smarrimento

34 ESERCIZIO DEI SINONIMI Abitazione: casa, domicilio, appartamento, stanza, dimora L ABITAZIONE dove vivo è piccola ma molto accogliente La CASA dove vivo è piccola ma molto accogliente

35 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

36 ESERCIZIO DI DEFINIZIONE DI PAROLE Orientato sui fatti Porta Esempio:-materiale: legno, plastica, metallo, vetro -forma: rettangolare -colore:marrone, bianca -localizzazione: ampia apertura nel mura -funzione: permette di entrare o uscire da un edificio o da una stanza Lavoro Tempo libero Orientati Emotivamente

37 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

38 ESERCIZIO DELLA PAROLA CHIAVE Orientati sui fatti penna-matita INCHIOSTRO Orientati Emotivamente armonia-disaccordo LITIGIO

39 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

40 ESERCIZIO DELLE PAROLE DIPENDENTI DAL CONTESTO RETE pesca calcio differenze Uso pescare delimitare la porta Contenuto pesci palla Luogo acqua campo sportivo similitudini Materiale corda Funzione raccogliere Struttura a maglie

41 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

42 Terapia psicologica integrata IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

43 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA II PERCEZIONE SOCIALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI OSSERVAZIONE -ATTENZIONE SELETTIVA -CAPACITA DI DISCRIMINARE GLI STIMOLI RILEVANTI DA QUELLI IRRILEVANTI -INTERPRETAZIONE DI STIMOLI SOCIALI -COMPRENSIONE E INTERPRETAZIONE DI SITUAZIONI SOCIALI -CAPACITA DI SINTESI FASI RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI INTERPRETAZIONE E DISCUSSIONE DELLE INFORMAZIONI ASSEGNAZIONE DI UN TITOLO

44 Sottoprogramma di percezione sociale Materiale terapeutico: Diapositive C E O M N O T T E I N V U O T O COMPLESSITA VISIVA CONTENUTO EMOTIVO COMPLESSITA VISIVA PRIME BASSA ALTA NEUTRO COINVOLGENTE ULTIME

45 SOTTOPROGRAMMA DI PERCEZIONE SOCIALE Tecniche per la raccolta corretta delle informazioni Focalizzare Evidenziare elementi trascurati Guidare l attenzione su dettagli rilevanti Rinforzare Riassumere

46 SOTTOPROGRAMMA DI PERCEZIONE SOCIALE Tecniche che facilitano interpretazioni e commenti Facilitare l interpretazione: Per esempio, Sig. Sp. Può dirci qual è l espressione degli occhi della ragazza? Valutare l interpretazione: Bene, Sig.Sp., in base a che cosa lo ha deciso? Incoraggiare la discussione nel gruppo: E cosa pensano gli altri?

47

48

49

50

51

52

53

54

55 Terapia psicologica integrata IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

56 ALTERAZIONI DELLA COMUNICAZIONE IN CORSO DI SCHIZOFRENIA stress anomalie attentive/percettive riconoscimento della bizzarria da parte dell interlocutore blocco della comunicazione formulazione di risposte inadeguate e bizzarre raccolta di informazioni frammentarie

57 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

58 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

59 RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI A Contenuto Emotivo Neutro Il ristorante è chiuso il Lunedì Orientate Emotivamente Sono veramente arrabbiata con te perché non mi hai raggiunto al cinema come mi avevi promesso di fare

60 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

61 ESERCIZIO DI PARAFRASI TRENO Ieri ho perso il treno per Roma Ieri sono arrivato alla stazione quando il treno per Roma era appena partito Ieri sono giunto in stazione troppo tardi per prendere il treno diretto a Roma

62 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

63 ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA Avverbi Interrogativi Tema: IL CALCIO Parole associate al tema (circa 30) X Chi? Quando? Portiere Rete Che cosa? Quale? X Goal Rigore Come? Quanto? Porta Cross Dove? A chi? Difensore Pallone Perché? Chi ha segnato il goal? L attaccante della Roma

64 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

65 Gli ultimi 2 sottoprogrammi IPT consentono l acquisizione di 2 delle principali tecniche di intervento utilizzate nel metodo CLT. Role-play Problem solving Ristrutturazione cognitiva Tecniche di rilassamento

66 Role-play Può essere utilizzato in fase di valutazione (R-P diagnostico). Può essere utilizzato con finalità terapeutiche: la competenza sociale viene considerata come una abilità comportamentale ed il role-play diviene pertanto uno strumento per acquisirla o migliorarla.

67 Terapia psicologica integrata IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

68 Terapia psicologica integrata (IPT) SOTTOPROGRAMMA AREE DI INTERVENTO FASI IV ABILITA SOCIALI ABILITA NON VERBALI DI COMUNICAZIONE ASPETTI MOLARI DELLA COMPETENZA SOCIALE SELF-EFFICACY - ELABORAZIONE COGNITIVA (Preparazione del role-play) Descrizione del role-play Definizione del role-play Preparazione del dialogo (previa contestualizzazione della scenetta) Assegnazione di un titolo Discussione delle eventuali difficoltà Assegnazione del ruolo di osservatore Valutazione del livello soggettivo di difficoltà - MESSA IN SCENA DEL ROLE-PLAY Dimostrazione del role-play da parte dei coterapeuti Ripetizione del role-play da parte dei membri del gruppo Discussione sul role-play Esercizi in vivo

69 Role-play 1. Elaborazione cognitiva e preparazione del roleplay 2. Messa in scena del role-play 3. Valutazione del role-play e discussione sui feedback 4. Esercizi in vivo

70 Role-play: Elaborazione cognitiva e preparazione Descrizione dettagliata e concreta della situazione da simulare. Definizione degli obbiettivi e identificazione dei comportamenti necessari per conseguirli. Preparazione del dialogo (per punti o in forma estesa). Discussione sulle possibili difficoltà. Valutazione del livello soggettivo di difficoltà del roleplay mediante una scala a 10 punti (o categoriale). Assegnazione dei ruoli di osservatore

71 Role-play: messa in scena Allestimento di un piccolo palcoscenico. Dimostrazione del role-play da parte dei terapeuti (modelli). Messa in scena del role-play da parte dei partecipanti Ripetizione del role-play utilizzando i suggerimenti forniti dagli osservatori e dai terapeuti.

72 Role-play: Valutazione e discussione sui feedback 1. Al partecipante coinvolto direttamente nel role-play (ruolo attivo) viene per primo richiesto di commentare la sua prestazione. 2. Il partecipante/coterapeuta impegnato nel ruolo passivo commenta per secondo la prestazione. 3. Gli osservatori commentano le abilità da loro valutate. 4. Il terapeuta fa un commento conclusivo sulla prestazione utilizzando i contributi dei partecipanti.

73 Role-play: Esercizi in vivo (generalizzazione) Individuazione e definizione delle situazioni della quotidianità in cui esercitare le abilità apprese. Discussione sulle possibili difficoltà. Applicazione delle abilità apprese a situazioni reali della vita di tutti i giorni. Discussione sulle esperienze fatte.

74 SOTTOPROGRAMMA DI ABILITA SOCIALI 1 FASE: Elaborazione cognitiva (preparazione del role play) (1) Descrizione del Role-Play Hai appena ricevuto un bellissimo libro per il tuo compleanno da un amica. Tu vai a trovarla e la ringrazi per il regalo. Definizione dell obiettivo: ringraziare l amica per il regalo Preparazione del dialogo (dopo aver contestualizzato la scenetta) Sig.A: Ciao, come stai? Sig.B: Bene. Mi fa piacere vederti. Sig.A: Fa piacere anche a me. Volevo ringraziarti per il bellissimo libro che mi hai regalato! Sig. B: Sono contenta che ti sia piaciuto.

75 SOTTOPROGRAMMA DI ABILITA SOCIALI 1 FASE: Elaborazione cognitiva (preparazione del role-play) (2) Assegnazione di un titolo: ringraziare un amica per un regalo Discussione delle difficoltà (abilità di comunicazione) Assegnazione del ruolo di osservatore (abilità verbali e non verbali) Valutazione del livello soggettivo di difficoltà Scala di valutazione: 1- Molto facile 5- Molto difficile

76 SOTTOPROGRAMMA DI ABILITA SOCIALI 2 FASE: Messa in scena del role play Dimostrazione del role play da parte dei coterapeuti Ripetizione del role play da parte dei membri del gruppo Discussione sul role play: Il terapeuta principale orienta i commenti al role-play secondo il seguente schema: 1. Al partecipante viene chiesto di commentare la propria prestazione 2. Il coterapeuta commenta in termini positivi il role play 3. Gli osservatori commentano gli aspetti specifici su cui si sono concentrati (es. tono della voce) 4. Il terapeuta principale riassume tutti i commenti in termini positivi arricchendoli con i propri

77 Terapia psicologica integrata IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

78 Problem solving Per problema si intende il divario tra uno stato presente insoddisfacente e una situazione ideale da raggiungere insieme agli ostacoli che impediscono allo stato attuale di divenire lo stato desiderato.

79 Problem solving Il problem solving è il processo di risoluzione di un problema (per il quale non si può utilizzare una modalità di comportamento appresa) attraverso la formulazione di nuove strategie comportamentali. Si tratta di un processo influenzato non solo da variabili cognitive ma anche da fattori motivazionali ed emotivi.

80 ANALISI DEL PROBLEM SOLVING DI D ZURRILLO E GOLDFRIED (1971) orientamento generale identificazione di una situazione problematica elaborazione di soluzioni alternative valutazione delle situazioni alternative, selezione di una soluzione appropriata e del comportamento conseguente valutazione dell esito

81 Problem solving Principali deficit cognitivi in grado di interferire sulle strategie di risoluzione dei problemi Con l aumentare della complessità del problema, i soggetti schizofrenici compiono proporzionalmente più errori dei soggetti sani Riduzione delle abilità di utilizzare le informazioni rilevanti Riduzione delle informazioni contenute nella memoria Riduzione della capacità di risolvere i problemi quando aumentano le informazioni in entrata

82 PROBLEM SOLVING Obiettivi: permettere l acquisizione di interpretazioni reali Strategie: e favorire le soluzioni adeguate ad un problema Migliorare la capacità di identificazione di un problema Sviluppare un atteggiamento razionale e costruttivo verso i problemi (problema come aspetto normale della vita risolvibile, scoraggiare reazioni impulsive e di evitamento) Sviluppare un atteggiamento orientato alla soluzione Incoraggiare un atteggiamento mentale volto alla previsione delle possibili conseguenze della soluzione individuata

83 Terapia psicologica integrata (IPT) SOTTOPROGRAMMA V RISOLUZIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI AREA DI INTERVENTO UTILIZZO DI STRATEGIE PER LA GESTIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI FASI - IDENTIFICAZIONE DEL PROBLEMA - DESCRIZIONE DEL PROBLEMA - FORMULAZIONE DI SOLUZIONI ALTERNATIVE - VALUTAZIONE DELLE SOLUZIONI ALTERNATIVE - SCELTA DELLA SOLUZIONE MIGLIORE - APPLICAZIONE DELLA SOLUZIONE SCELTA - VALUTAZIONE DEI RISULTATI

84 CLT: problem solving 1. Gestione di situazioni problematiche standardizzate; 2. Iniziale trattazione dei problemi personali nell ambito degli interventi individuali; 3. Soluzione di problemi personali nell ambito del gruppo

85 Fasi del problem solving 1. Identificazione del problema 2. Autocontrollo 3. Descrizione del problema 4. Formulazione degli obbiettivi 5. Formulazione delle soluzioni alternative 6. Valutazione delle soluzioni e scelta della migliore 7. Pianificazione e applicazione della soluzione scelta 8. Valutazione dei risultati

86 Problem solving Identificazione di un problema: Sviluppo di capacità di autosservazione che permettano l utilizzo di sensazioni e percezioni di disagio quali segnali della presenza di un problema. Autocontrollo: Acquisizione delle capacità necessarie a controllare reazioni impulsive di evitamento.

87 Problem solving Descrizione del problema: dettagliata descrizione del problema e delle informazioni in proprio possesso (distinzione tra dati di fatto e impressioni). Formulazione degli obbiettivi: Che cosa desidero? Gli obbiettivi devono essere realistici e quindi effettivamente perseguibili. Formulazione delle soluzioni alternative: brainstorming.

88 Problem solving Valutazione delle soluzioni e scelta della migliore: Analisi dei vantaggi e degli svantaggi di ciascuna soluzione. Pianificazione e applicazione della soluzione scelta: pianificazione delle fasi di attuazione nella corretta sequenza. Valutazione dei risultati: ho risolto il problema?

89 SOTTOPROGRAMMA DI RISOLUZIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI Es: Ogni giorno arrivo in ritardo al Centro Diurno perché abito in una zona periferica, non servita adeguatamente dai mezzi pubblici 1. Identificazione del problema: Arrivo in ritardo al Centro Diurno 2. Descrizione del problema: A causa della lontananza e/o dell assenza di mezzi pubblici non riesco ad arrivare in orario al Centro Diurno 3. Formulazione di soluzioni alternative: a) mi faccio dare un passaggio da un familiare b) faccio l autostop c) chiamo un taxi d) uso una bicicletta e) vado in macchina f) mi sveglio prima ecc...

90 SOTTOPROGRAMMA DI RISOLUZIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI 4. Valutazione delle soluzioni alternative VANTAGGI SVANTAGGI - Chiamo un taxi - Comodo - Rapido - Facile da ottenere - E costoso - E lento quando c è traffico -Uso una bicicletta - Sono autonomo - Faccio dello sport - Evito il traffico - E gratuito - Faccio fatica - Respiro smog - Non adatta quando piove o nevica - Può essere pericolosa

91 SOTTOPROGRAMMA DI RISOLUZIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI 5. Scelta della soluzione migliore: Uso la bicicletta 6. Applicazione della soluzione scelta: Decidere il giorno e l ora dell azione Ad Es.: Domani alle 9 uscirò di casa in bicicletta 7. Valutazione dei risultati: Ad es: grazie alla bicicletta i ritardi al Centro Diurno si sono ridotti

92 CLT: MODULI TEMPO LIBERO LAVORO CASA

93 Struttura dei moduli UNITA UNITA UNITA UNITA UNITA UNITA MODULO UNITA UNITA UNITA UNITA UNITA UNITA

94 CLT: Tematiche principali 1. Orientamento cognitivo 2. Acquisizione di abilità specifiche 3. Gestione delle situazioni problematiche

95 CLT ORIENTAMENTO COGNITIVO Valutazione delle aspettative, dei desideri, delle risorse e delle capacità dei partecipanti finalizzate alla formulazione di obbiettivi realistici

96 CLT ACQUISIZIONE DI ABILITA SPECIFICHE Identificazione delle abilità necessarie alla realizzazione degli obbiettivi formulati e acquisizione delle stesse sia in gruppo sia individualmente

97 CLT GESTIONE DELLE SITUAZIONI PROBLEMATICHE Acquisizione delle tecniche e delle strategie necessarie alla soluzione di situazioni problematiche

98 CLT: Tematiche principali INIZO MODULO FINE MODULO Orientamento cognitivo Acquisizione di abilità specifiche Gestione delle situazioni problematiche

99 CLT: TEMATICHE PRINCIPALI NELLE VARIE UNITA TEMPO LIBERO Orientamento cognitivo Acquisizione di abilità specifiche Gestione dei problemi

100 CLT: TEMATICHE PRINCIPALI NELLE VARIE UNITA LAVORO Orientamento cognitivo Acquisizione di abilità specifiche Gestione dei problemi

101 CLT: TEMATICHE PRINCIPALI NELLE VARIE UNITA. CASA Orientamento cognitivo Acquisizione di abilità specifiche Gestione dei problemi

102 Struttura delle unità INTERVENTI DI GRUPPO UNITA ESERCIZI DA SVOLGERE AUTONOMAMENTE INTERVENTI INDIVIDUALI ATTIVITA DI GRUPPO

103 Interventi di gruppo Prevedono l approfondimento e la discussione in gruppo di tematiche rilevanti e di interesse comune. Richiedono la partecipazione attiva di tutti i membri del gruppo e favoriscono atteggiamenti di tipo collaborativo. Prevedono lo svolgimento di esercizi in piccoli gruppi. Prevedono l assegnazione di compiti ai partecipanti e la loro successiva verifica e discussione. Si avvalgono in modo particolare delle tecniche di role play e di problem solving.

104 Esercizi da svolgere autonomamente Possono essere svolti da uno o più partecipanti. Consentono ai partecipanti di mettere in pratica le abilità apprese in gruppo. Prevedono la raccolta di informazioni e di materiale utile alla trattazione in gruppo di alcuni temi, conferendo ai singoli partecipanti ruoli di progressiva responsabilità. Si avvalgono frequentemente di materiale terapeutico (Allegati e Fogli di lavoro).

105 Interventi individuali Il numero, la frequenza e la durata è variabile e dipende dalle difficoltà presentate sia negli interventi di gruppo sia negli esercizi da svolgere autonomamente. Spesso necessari per la formulazione degli obbiettivi (orientamento cognitivo). Si avvalgono di interventi di ristrutturazione cognitiva, di role-play e di problem solving.

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015 VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE Edizione 2015 Il training alle abilità sociali e l auto aiuto come strumenti di riabilitazione e inclusione sociale Dr.ssa Mariella Battipaglia Diagnosi

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Problem Solving Therapy

Problem Solving Therapy PSICOLOGIA Problem Solving Therapy Raggiungere gli obiettivi e risolvere i problemi è una questione di metodo. Pochi semplici passi per una tecnica alla portata di tutti Dott. Roberto Cavaliere Psicologo

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia. Test di ascolto GIUGNO 2012. numero delle prove 2

Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia. Test di ascolto GIUGNO 2012. numero delle prove 2 Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 1 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010 Tipologie di rispecchiamento Il rispecchiamento può avvenire: -a livello non verbale, quando si riproducono la posizione, i gesti, i movimenti, la respirazione, l espressione

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Coaching e Counseling Psicologico. (Biennale 200 ore)

Corso di Alta Formazione in Coaching e Counseling Psicologico. (Biennale 200 ore) Corso di Alta Formazione in Coaching e Counseling Psicologico (Biennale 200 ore) Corsi patrocinati dall U.P. A.S.P.I.C. Università del Counseling ASPIC ROMA Scuola di Specializzazione in psicoterapia Autorizzazione

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C.

DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C. - Scuola secondaria di primo grado - DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C. Nota Alla compilazione della seguente Diagnosi funzionale hanno partecipato: i componenti dell equipe multidisciplinare dell ASL

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

FORMAZIONE UMANA GLOBALE

FORMAZIONE UMANA GLOBALE FORMAZIONE UMANA GLOBALE Effetti di un ciclo di otto sessioni di Meditazione Vigile (Mindfulness) sulla qualità di vita, la riduzione del livello di stress e il miglioramento di alcune abilità cognitive

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

Il colloquio psicologico

Il colloquio psicologico Il colloquio psicologico Nel colloquio psicologico, a fronte di un soggetto che propone un immagine di se stesso, fornisce informazioni, esprime sentimenti e opinioni, o implicitamente una richiesta di

Dettagli

LE TECNICHE UTILIZZATE

LE TECNICHE UTILIZZATE STUDIO DI PSICOLOGIA PESCARA DR. LUCA DI VENANZIO PSICOLOGO Il benessere è un tuo diritto! LE TECNICHE UTILIZZATE! ! Lo studio psicologico del Dr. Di Venanzio si occupa degli interventi di sostegno psicologico

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "G. MARCONI" IPSIA

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. MARCONI IPSIA 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "G. MARCONI" IPSIA I.T.E. - I.T.T. - I.P.S.E.O.A.

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA. Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012

DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA. Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012 DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012 ANSIA IN ETA EVOLUTIVA Il disturbo d ansia è la diagnosi più ricorrente entro i 16 anni! 10% Quando l ansia

Dettagli

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003)

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Dirigente Scolastico

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

MANUALE ANTI-BULLISMO. Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO )

MANUALE ANTI-BULLISMO. Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO ) Valter Valter Sarro Sarro 2005 2005 MANUALE ANTI-BULLISMO Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO ) Valter Valter Sarro Sarro 2004 2004 Il Manuale

Dettagli

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze (L'impatto della malattia mentale: menomazione, disfunzione,

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI. www.slidetube.it

MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI. www.slidetube.it MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI UNA PROFESSIONALITA EMERGENTE: IL TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA La Riabilitazione Psichiatrica vede il coinvolgimento

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

i sintomi I o entrambi I sintomi devono essere presenti prima dei 7 anni. I sintomi devono essere presenti in almeno due contesti (tipicamente casa e

i sintomi I o entrambi I sintomi devono essere presenti prima dei 7 anni. I sintomi devono essere presenti in almeno due contesti (tipicamente casa e L iperattività e il Disturbo da deficit attenzione/iperattività (ADHD): Il gioco sportivo come setting di intervento sulle problematiche specifiche Dott.ssa Oldani, Milano Ottobre 2011 Criteri diagnostici

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD)

Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Direzione scientifica: Prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia

Dettagli

TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO

TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO TEAM DEVELOPMENT GUIDARE E SVILUPPARE UN GRUPPO DI LAVORO "Non posso cambiare la direzione del vento ma posso aggiustare le vele per raggiungere sempre la mia destinazione" E. SHAFAK Capacità di guidare,

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD)

Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Direzione scientifica: Prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING

SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING PER STUDENTI E PERSONALE LUMSA Il Servizio di Psicologia clinica nasce dalla collaborazione scientifica tra il Corso di laurea in Psicologia della LUMSA e il

Dettagli

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Tesi di Laurea: nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie RELATORE:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Alla scuola materna Alcuni bambini iperattivi non riescono

Dettagli

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi ARPA Associazione Italiana per la Ricerca sulla Psicosi e l'autismo Viadel~herino,90 00193 Roma Te!. 06 6280728-06 66165298 PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI Contesto Sociale

Dettagli

Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali

Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali gruppo di lavoro SIRIF a cura di Massimo Clerici, Ester di Giacomo, Francesco Bartoli, Francesca

Dettagli

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati.

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Non ti scordar Cafè un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Quando le nostre esistenze sono in frantumi, e non ricordiamo più neanche qual è la prima lettera dell alfabeto, la mossa

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Concetto di formazione 2012. Management e cooperative

Concetto di formazione 2012. Management e cooperative Concetto di formazione 2012 Management e cooperative OBIETTIVI DEL PROGETTO INCREMENTO Competenze tecniche Competenze sociali Competenze metodologiche Competenze personali Macro aree tematiche Leadership

Dettagli

www.difensorecivico.lombardia.it

www.difensorecivico.lombardia.it www.difensorecivico.lombardia.it Ascolto, supporto, efficienza e competenza Per favorire il dialogo tra cittadino e pubblica amministrazione. Il Difensore regionale della Lombardia è al tuo fianco anche

Dettagli

EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON BAMBINI NELLO SPETTRO AUTISTICO

EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON BAMBINI NELLO SPETTRO AUTISTICO Diocesi di Tortona Ente di Diritto Ecclesiastico Centro PAOLO VI o.n.l.u.s. CENTRO DI RIABILITAZIONE EXTRAOSPEDALIERA CASALNOCETO (AL) EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON

Dettagli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli Chi sono? Mi chiamo Alessandro Pedrazzoli. Non lavoro nelle HR (risorse umane), non mi occupo di assumere direttamente dei candidati: mi occupo di Marketing, e in questo ebook ti spiegherò come sfruttarne

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) PEI ROBERTO - Barbara Corallo - Valeria Crespi - Manuela Guidobaldi - Emanuele Morandi PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Ritardo mentale lieve

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

Marketing internazionale

Marketing internazionale A.A. 2007-2008 Marketing internazionale Dott.ssa Vania Vigolo Lezione 5 1 Comportamento del consumatore? STIMOLI - Ambientali - Di marketing RISPOSTE: - Prodotto -Brand -Distributore - Prezzo - Tempo d

Dettagli

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE: Non indicano disabilità a livello cognitivo globale, il Q.I. è nel range della norma con un punteggio superiore a 85 (le normali

Dettagli

PRATICHE SISTEMICHE Area Aziende

PRATICHE SISTEMICHE Area Aziende Creiamo insieme Altre Visioni CATALOGO PROPOSTE Chi siamo Siamo un team composto da una rete di professionisti che offre percorsi di formazione e consulenza rivolti allo sviluppo delle persone in organizzazioni

Dettagli

DevOnD. Development On Demand. Coaching

DevOnD. Development On Demand. Coaching DevOnD Development On Demand Coaching Introduzione Cos e' l Individual Coaching? Il termine coach deriva dall inglese coche e allude all idea di trasporto. È una tecnica che facilita la realizzazione di

Dettagli

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE IN CLASSE SONO COSI Interessato dalle cose nuove ma ho difficoltà a stare tranquillo ed attento. Mi alza di continuo; Mi distraggo sempre! E pare che io

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI

CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI Essere autistici non significa non essere umani, ma essere diversi. Quello che è normale per altre persone non

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE LA CASA DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno! B- Buongiorno, signore cosa desidera? A- Cerco un appartamento. B- Da acquistare o in affitto? A- Ah, no, no in affitto. Comprare una casa è troppo impegnativo,

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

Non esiste un intervento che può rispondere a tutte le molteplici esigenze direttamente e indirettamente legate all Autismo.!

Non esiste un intervento che può rispondere a tutte le molteplici esigenze direttamente e indirettamente legate all Autismo.! 1 Non esiste un intervento che può rispondere a tutte le molteplici esigenze direttamente e indirettamente legate all Autismo. Non esiste un intervento che va bene per tutti i soggetti autistici; Non esiste

Dettagli

Tullio Scrimali e Damiana Tomasello

Tullio Scrimali e Damiana Tomasello Tullio Scrimali e Damiana Tomasello ANALISI COMPONENZIALE DEI PROTOCOLLI COGNITIVO-COMPORTAMENTALI PER IL TRATTAMENTO DELLA SCHIZOFRENIA Dalla ricerca allo sviluppo di un protocollo operativo evidence-based,

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Premessa Compiti della scuola A livello di classe scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di primo grado Accogliere gli alunni

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo di residenza Indirizzo domicilio MELISSA LOMBARDO Via cacciatori delle alpi, 175, Vittoria (RG), 97019 Via Folperti,61, Pavia,

Dettagli

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils LAURA PALEARI Psicologa Psicoterapeuta OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils PREMESSA Con il sopraggiungere

Dettagli

Responsabile Scientifico: Prof. Antonio Vita

Responsabile Scientifico: Prof. Antonio Vita Programma innovativo territoriale TR11 INTERVENTI DI RIABILITAZIONE COGNITIVA INTEGRATI NEL PROGETTO TERAPEUTICO- RIABILITATIVO DI PAZIENTI CON PSICOSI SCHIZOFRENICHE E LORO IMPATTO SULL ESITO FUNZIONALE

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Laboratorio per Lo sviluppo dell attenzione e delle abilità cognitive

Laboratorio per Lo sviluppo dell attenzione e delle abilità cognitive Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Gabriella Trevisi, Caterina Bernardi, Donatella Caner, Chiara Da Dalt, Iole Giacomazzi,

Dettagli