TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA (IPT) Programma strutturato per la riabilitazione del paziente schizofrenico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA (IPT) Programma strutturato per la riabilitazione del paziente schizofrenico"

Transcript

1 TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA (IPT) Programma strutturato per la riabilitazione del paziente schizofrenico Brenner H., Roder V., Hodel B., Kienzle N., Invernizzi G., Vita A. McGraw-Hill

2 Modello vulnerabilità-stresscompetenze sociali Fattori protettivi -supporto sociale -competenze sociali Comportamenti di adattamento Eventi stressanti -eventi della vita -atmosfera familiare Alterazioni strutturali e funzionali cerebrali Disturbi cognitivi -Segni precoci -Sintomi prodromici -Episodio manifesto Modificazioni neurobiochimiche

3 IL CIRCOLO VIZIOSO DELLA SCHIZOFRENIA CHE DEFINISCE L INTERAZIONE TRA VARIABILI COGNITIVE E SOCIALI (Brenner,1992) Primo circolo funzioni cognitive elementari attenzione disfunzioni cognitive elementari Disfunzioni cognitive complesse funzioni cognitive complesse formazione dei concetti Secondo circolo Risposte inefficaci Ridotte abilità di coping Stressors sociali

4 Variabili ambientali Modello della pervasività Brenner, 1986 Complesso Livello macro sociale Comportamento manifesto Livello micro sociale Livello cognitivo Comportamento sub clinico Livello attentivo percettivo Variabili biologiche Elementare

5 TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

6 addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali CLT Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

7 addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali CLT Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva Abilità cognitive

8 IPT e CLT: Indicazioni Soggetti affetti da schizofrenia. Stabilizzazione del quadro clinico. Quadro clinico con prevalente sintomatologia negativa, i sintomi positivi se presenti non devono essere gravi. Compromissione del funzionamento cognitivo (IPT) Reali prospettive di cambiamento anche solo a lungo termine nell area oggetto del modulo (CLT).

9 IPT e CLT:Formazione dei gruppi Gruppi generalmente chiusi costituiti da 6-10 partecipanti Soggetti schizofrenici Omogenei per funzionamento cognitivo Eterogenei per età (tra i 20 e i 50 anni) e sesso Adeguata preparazione dei partecipanti al programma terapeutico

10 IPT e CLT: Preparazione del paziente alla partecipazione al gruppo Colloqui preliminari tra i terapeuti e il paziente finalizzati a valutare la motivazione e a fornire le informazioni relative al metodo (utile produrre materiale informativo scritto). Nel caso di soggetti particolarmente ansiosi rispetto all inserimento nel gruppo è consigliabile una presentazione più dettagliata dei sottoprogrammi/moduli, delle modalità di svolgimento delle sedute e delle regole generalmente adottate nel gruppo.

11 IPT e CLT:Setting Ambiente confortevole e sufficientemente ampio da consentire anche il lavoro in piccoli gruppi (CLT) sedie disposte circolarmente. Un tavolo. Supporti visivi: lavagne e/o lavagne a fogli mobili. Materiale audiovisivo: videocamera e televisore. Un locale aggiuntivo con finalità modulo specifiche: ufficio di gruppo e club del tempo libero (CLT).

12 IPT e CLT:Terapeuti Un terapeuta principale e almeno un coterapeuta Esperienza nella conduzione di gruppi per soggetti affetti da psicosi Sufficiente competenza nell applicazione di alcune tecniche cognitivo-comportamentali (CLT) Adeguata conoscenza dei metodi (lettura del manuale) ed addestramento alla conduzione dei gruppi Utile una supervisione per i terapeuti meno esperti

13 IPT e CLT:Terapeuti Terapeuta principale Conduce le sedute Rinforza i comportamenti funzionalifornendo un modello relazionale positivo Coterapeuta Funzione di modello Osserva l andamento del gruppo Supporta i partecipanti in difficoltà Sostituisce il terapeuta principale

14 IPT e CLT:Preparazione delle sedute Durata: minuti a seconda del livello di esperienza. Finalità: Pianificazione della seduta e definizione degli obbiettivi. Individuazione degli esercizi da svolgere Scelta del materiale terapeutico da utilizzare Definizione del livello di strutturazione da conferire alle sedute

15 Materiale terapeutico Materiale terapeutico Livello di complessità Contenuto emotivo bassa alta basso alto

16 IPT:Tempi Frequenza delle sedute: 2 sedute settimanali Durata delle sedute: minuti (deve essere stabilita in base alla fase del programma e alle caratteristiche cliniche del gruppo). Il passaggio da un sottoprogramma all altro non è predefinito, avviene quando tutti i partecipanti hanno raggiunto una sufficiente competenza nello svolgimento degli esercizi previsti. Durata complessiva : 8-18 mesi.

17 Strategie di motivazione 1. Regolazione del livello di strutturazione delle sedute 2. Tecniche terapeutiche

18 Modulazione del livello di strutturazione delle sedute Aumentano il livello di strutturazione: Stile di conduzione direttivo e orientato al compito. Pianificazione formale delle sedute tramite una descrizione delle modalità di svolgimento delle stesse. Trattazione di temi generali predefiniti rispetto a tematiche con particolare valenza personale (meno coinvolgenti sul piano emotivo). Esposizione didattica.

19 Abilità sociali e soluzione dei problemi TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA IPT FAMILIARITA CON LE DINAMICHE DI GRUPPO COMP. DIRETTIVO STRESS EMOTIVO E INTERAZIONE DI GRUPPO FAMILIARITA CON LE PROCEDURE STRUTTURATE Abilità cognitive

20 Tecniche terapeutiche Modellamento: il coterapeuta come modello nello svolgimento degli esercizi. Restituzione e riformulazione in positivo: es. gli aspetti negativi di una condizione intesi come aspetti da migliorare. Rinforzi positivi: rinforzi informativi vs rinforzi sociali.

21 TERAPIA PSICOLOGICA INTEGRATA IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

22 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

23 Le regole del gruppo Nessuna informazione personale viene riportata all esterno del gruppo. Tutti i partecipanti cercano di accettarsi reciprocamente e di aiutarsi a vicenda. Nessuno è obbligato a dire qualcosa se non vuole o non se la sente.....

24 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

25 Lunedì 22 9 Venerdì Giovedì 26 Mercoledì

26 Evidenziate tutte le carte in vostro possesso che abbiano il colore giallo! Lunedì Venerdì Giovedì

27 Evidenziate tutte le carte che hanno il colore giallo, un numero pari, a due cifre! Lunedì Venerdì Giovedì

28 Quali sono le caratteristiche che queste carte hanno in comune? Lunedì Venerdì Giovedì 26 Mercoledì

29 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

30 ESERCIZIO DELLE GERARCHIE CONCETTUALI Su Rotaie - Treno - Tram - Metropolitana... Su Acqua - Motoscafo - Barca a vela - Canoa - Gommone - Zattera... Mezzi Di Trasporto Su Strada - Automobile - Bus - Motocicletta - Triciclo - Bicicletta... D Aria - Aereo - Jet - Elicottero - Astronave - Mongolfiera - Razzo...

31 ESERCIZIO DELLE GERARCHIE CONCETTUALI Cibo - Gelato - Bevande - Insalata - Barbecue Vestiario -Pantaloncini - Sandali -Costume da bagno Estate Tempo -Umido -Caldo -Temporali -Molto sole Attività - Nuoto - Tuffi - Vacanze - Grigliate Accessori da spiaggia -Crema solare -Occhialini -Bikini -Pinne -Telo da spiaggia - Libro

32 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

33 ESERCIZIO DEI SINONIMI Orientati su fatti reali Abitazione: casa, domicilio, appartamento, stanza, dimora Orientati Emotivamente Spavento: panico, sgomento, terrore, smarrimento

34 ESERCIZIO DEI SINONIMI Abitazione: casa, domicilio, appartamento, stanza, dimora L ABITAZIONE dove vivo è piccola ma molto accogliente La CASA dove vivo è piccola ma molto accogliente

35 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

36 ESERCIZIO DI DEFINIZIONE DI PAROLE Orientato sui fatti Porta Esempio:-materiale: legno, plastica, metallo, vetro -forma: rettangolare -colore:marrone, bianca -localizzazione: ampia apertura nel mura -funzione: permette di entrare o uscire da un edificio o da una stanza Lavoro Tempo libero Orientati Emotivamente

37 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

38 ESERCIZIO DELLA PAROLA CHIAVE Orientati sui fatti penna-matita INCHIOSTRO Orientati Emotivamente armonia-disaccordo LITIGIO

39 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

40 ESERCIZIO DELLE PAROLE DIPENDENTI DAL CONTESTO RETE pesca calcio differenze Uso pescare delimitare la porta Contenuto pesci palla Luogo acqua campo sportivo similitudini Materiale corda Funzione raccogliere Struttura a maglie

41 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA DIFFERENZIAZIONE COGNITIVA I AREE DI INTERVENTO -ATTENZIONE -CONCENTRAZIONE -ELABORAZIONE DI CONCETTI -RAGIONAMENTO ASTRATTO -DISTINZIONE TRA ELEMENTI ESSENZIALI E NON ESSENZIALI -CLASSIFICAZIONE CATEGORIALE FASI ESERCIZI DI CATEGORIZZAZIONE DELLE CARTE ESERCIZI SUI CONCETTI VERBALI Es. delle gerarchie concettuali Es. dei sinonimi Es. dei contrari Es. di definizione di parole Es. della parola chiave Es. delle parole dipendenti dal contesto ESERCIZI DI INDIVIDUAZIONE DI UN OGGETTO

42 Terapia psicologica integrata IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

43 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA II PERCEZIONE SOCIALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI OSSERVAZIONE -ATTENZIONE SELETTIVA -CAPACITA DI DISCRIMINARE GLI STIMOLI RILEVANTI DA QUELLI IRRILEVANTI -INTERPRETAZIONE DI STIMOLI SOCIALI -COMPRENSIONE E INTERPRETAZIONE DI SITUAZIONI SOCIALI -CAPACITA DI SINTESI FASI RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI INTERPRETAZIONE E DISCUSSIONE DELLE INFORMAZIONI ASSEGNAZIONE DI UN TITOLO

44 Sottoprogramma di percezione sociale Materiale terapeutico: Diapositive C E O M N O T T E I N V U O T O COMPLESSITA VISIVA CONTENUTO EMOTIVO COMPLESSITA VISIVA PRIME BASSA ALTA NEUTRO COINVOLGENTE ULTIME

45 SOTTOPROGRAMMA DI PERCEZIONE SOCIALE Tecniche per la raccolta corretta delle informazioni Focalizzare Evidenziare elementi trascurati Guidare l attenzione su dettagli rilevanti Rinforzare Riassumere

46 SOTTOPROGRAMMA DI PERCEZIONE SOCIALE Tecniche che facilitano interpretazioni e commenti Facilitare l interpretazione: Per esempio, Sig. Sp. Può dirci qual è l espressione degli occhi della ragazza? Valutare l interpretazione: Bene, Sig.Sp., in base a che cosa lo ha deciso? Incoraggiare la discussione nel gruppo: E cosa pensano gli altri?

47

48

49

50

51

52

53

54

55 Terapia psicologica integrata IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

56 ALTERAZIONI DELLA COMUNICAZIONE IN CORSO DI SCHIZOFRENIA stress anomalie attentive/percettive riconoscimento della bizzarria da parte dell interlocutore blocco della comunicazione formulazione di risposte inadeguate e bizzarre raccolta di informazioni frammentarie

57 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

58 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

59 RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI A Contenuto Emotivo Neutro Il ristorante è chiuso il Lunedì Orientate Emotivamente Sono veramente arrabbiata con te perché non mi hai raggiunto al cinema come mi avevi promesso di fare

60 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

61 ESERCIZIO DI PARAFRASI TRENO Ieri ho perso il treno per Roma Ieri sono arrivato alla stazione quando il treno per Roma era appena partito Ieri sono giunto in stazione troppo tardi per prendere il treno diretto a Roma

62 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

63 ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA Avverbi Interrogativi Tema: IL CALCIO Parole associate al tema (circa 30) X Chi? Quando? Portiere Rete Che cosa? Quale? X Goal Rigore Come? Quanto? Porta Cross Dove? A chi? Difensore Pallone Perché? Chi ha segnato il goal? L attaccante della Roma

64 Terapia psicologica integrata IPT SOTTOPROGRAMMA III COMUNICAZIONE VERBALE AREE DI INTERVENTO -CAPACITA DI ASCOLTO -CAPACITA DI COMPRENSIONE -CAPACITA DI ELABORAZIONE E DI FORMULAZIONE DI UNA RISPOSTA FASI RIPETIZIONE LETTERALE DI FRASI ESERCIZIO DI PARAFRASI ESERCIZIO DI FORMULAZIONE DI DOMANDA CON RISPOSTA DOMANDE AD UNO O DUE MEMBRI DEL GRUPPO RELATIVE AD UN TEMA PREDEFINITO COMUNICAZIONE LIBERA

65 Gli ultimi 2 sottoprogrammi IPT consentono l acquisizione di 2 delle principali tecniche di intervento utilizzate nel metodo CLT. Role-play Problem solving Ristrutturazione cognitiva Tecniche di rilassamento

66 Role-play Può essere utilizzato in fase di valutazione (R-P diagnostico). Può essere utilizzato con finalità terapeutiche: la competenza sociale viene considerata come una abilità comportamentale ed il role-play diviene pertanto uno strumento per acquisirla o migliorarla.

67 Terapia psicologica integrata IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

68 Terapia psicologica integrata (IPT) SOTTOPROGRAMMA AREE DI INTERVENTO FASI IV ABILITA SOCIALI ABILITA NON VERBALI DI COMUNICAZIONE ASPETTI MOLARI DELLA COMPETENZA SOCIALE SELF-EFFICACY - ELABORAZIONE COGNITIVA (Preparazione del role-play) Descrizione del role-play Definizione del role-play Preparazione del dialogo (previa contestualizzazione della scenetta) Assegnazione di un titolo Discussione delle eventuali difficoltà Assegnazione del ruolo di osservatore Valutazione del livello soggettivo di difficoltà - MESSA IN SCENA DEL ROLE-PLAY Dimostrazione del role-play da parte dei coterapeuti Ripetizione del role-play da parte dei membri del gruppo Discussione sul role-play Esercizi in vivo

69 Role-play 1. Elaborazione cognitiva e preparazione del roleplay 2. Messa in scena del role-play 3. Valutazione del role-play e discussione sui feedback 4. Esercizi in vivo

70 Role-play: Elaborazione cognitiva e preparazione Descrizione dettagliata e concreta della situazione da simulare. Definizione degli obbiettivi e identificazione dei comportamenti necessari per conseguirli. Preparazione del dialogo (per punti o in forma estesa). Discussione sulle possibili difficoltà. Valutazione del livello soggettivo di difficoltà del roleplay mediante una scala a 10 punti (o categoriale). Assegnazione dei ruoli di osservatore

71 Role-play: messa in scena Allestimento di un piccolo palcoscenico. Dimostrazione del role-play da parte dei terapeuti (modelli). Messa in scena del role-play da parte dei partecipanti Ripetizione del role-play utilizzando i suggerimenti forniti dagli osservatori e dai terapeuti.

72 Role-play: Valutazione e discussione sui feedback 1. Al partecipante coinvolto direttamente nel role-play (ruolo attivo) viene per primo richiesto di commentare la sua prestazione. 2. Il partecipante/coterapeuta impegnato nel ruolo passivo commenta per secondo la prestazione. 3. Gli osservatori commentano le abilità da loro valutate. 4. Il terapeuta fa un commento conclusivo sulla prestazione utilizzando i contributi dei partecipanti.

73 Role-play: Esercizi in vivo (generalizzazione) Individuazione e definizione delle situazioni della quotidianità in cui esercitare le abilità apprese. Discussione sulle possibili difficoltà. Applicazione delle abilità apprese a situazioni reali della vita di tutti i giorni. Discussione sulle esperienze fatte.

74 SOTTOPROGRAMMA DI ABILITA SOCIALI 1 FASE: Elaborazione cognitiva (preparazione del role play) (1) Descrizione del Role-Play Hai appena ricevuto un bellissimo libro per il tuo compleanno da un amica. Tu vai a trovarla e la ringrazi per il regalo. Definizione dell obiettivo: ringraziare l amica per il regalo Preparazione del dialogo (dopo aver contestualizzato la scenetta) Sig.A: Ciao, come stai? Sig.B: Bene. Mi fa piacere vederti. Sig.A: Fa piacere anche a me. Volevo ringraziarti per il bellissimo libro che mi hai regalato! Sig. B: Sono contenta che ti sia piaciuto.

75 SOTTOPROGRAMMA DI ABILITA SOCIALI 1 FASE: Elaborazione cognitiva (preparazione del role-play) (2) Assegnazione di un titolo: ringraziare un amica per un regalo Discussione delle difficoltà (abilità di comunicazione) Assegnazione del ruolo di osservatore (abilità verbali e non verbali) Valutazione del livello soggettivo di difficoltà Scala di valutazione: 1- Molto facile 5- Molto difficile

76 SOTTOPROGRAMMA DI ABILITA SOCIALI 2 FASE: Messa in scena del role play Dimostrazione del role play da parte dei coterapeuti Ripetizione del role play da parte dei membri del gruppo Discussione sul role play: Il terapeuta principale orienta i commenti al role-play secondo il seguente schema: 1. Al partecipante viene chiesto di commentare la propria prestazione 2. Il coterapeuta commenta in termini positivi il role play 3. Gli osservatori commentano gli aspetti specifici su cui si sono concentrati (es. tono della voce) 4. Il terapeuta principale riassume tutti i commenti in termini positivi arricchendoli con i propri

77 Terapia psicologica integrata IPT addestramento abilità sociali e risoluzione dei problemi interpersonali Soluzione dei problemi interpersonali Abilità sociali Comunicazione verbale Percezione sociale Differenziazione cognitiva training cognitivo

78 Problem solving Per problema si intende il divario tra uno stato presente insoddisfacente e una situazione ideale da raggiungere insieme agli ostacoli che impediscono allo stato attuale di divenire lo stato desiderato.

79 Problem solving Il problem solving è il processo di risoluzione di un problema (per il quale non si può utilizzare una modalità di comportamento appresa) attraverso la formulazione di nuove strategie comportamentali. Si tratta di un processo influenzato non solo da variabili cognitive ma anche da fattori motivazionali ed emotivi.

80 ANALISI DEL PROBLEM SOLVING DI D ZURRILLO E GOLDFRIED (1971) orientamento generale identificazione di una situazione problematica elaborazione di soluzioni alternative valutazione delle situazioni alternative, selezione di una soluzione appropriata e del comportamento conseguente valutazione dell esito

81 Problem solving Principali deficit cognitivi in grado di interferire sulle strategie di risoluzione dei problemi Con l aumentare della complessità del problema, i soggetti schizofrenici compiono proporzionalmente più errori dei soggetti sani Riduzione delle abilità di utilizzare le informazioni rilevanti Riduzione delle informazioni contenute nella memoria Riduzione della capacità di risolvere i problemi quando aumentano le informazioni in entrata

82 PROBLEM SOLVING Obiettivi: permettere l acquisizione di interpretazioni reali Strategie: e favorire le soluzioni adeguate ad un problema Migliorare la capacità di identificazione di un problema Sviluppare un atteggiamento razionale e costruttivo verso i problemi (problema come aspetto normale della vita risolvibile, scoraggiare reazioni impulsive e di evitamento) Sviluppare un atteggiamento orientato alla soluzione Incoraggiare un atteggiamento mentale volto alla previsione delle possibili conseguenze della soluzione individuata

83 Terapia psicologica integrata (IPT) SOTTOPROGRAMMA V RISOLUZIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI AREA DI INTERVENTO UTILIZZO DI STRATEGIE PER LA GESTIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI FASI - IDENTIFICAZIONE DEL PROBLEMA - DESCRIZIONE DEL PROBLEMA - FORMULAZIONE DI SOLUZIONI ALTERNATIVE - VALUTAZIONE DELLE SOLUZIONI ALTERNATIVE - SCELTA DELLA SOLUZIONE MIGLIORE - APPLICAZIONE DELLA SOLUZIONE SCELTA - VALUTAZIONE DEI RISULTATI

84 CLT: problem solving 1. Gestione di situazioni problematiche standardizzate; 2. Iniziale trattazione dei problemi personali nell ambito degli interventi individuali; 3. Soluzione di problemi personali nell ambito del gruppo

85 Fasi del problem solving 1. Identificazione del problema 2. Autocontrollo 3. Descrizione del problema 4. Formulazione degli obbiettivi 5. Formulazione delle soluzioni alternative 6. Valutazione delle soluzioni e scelta della migliore 7. Pianificazione e applicazione della soluzione scelta 8. Valutazione dei risultati

86 Problem solving Identificazione di un problema: Sviluppo di capacità di autosservazione che permettano l utilizzo di sensazioni e percezioni di disagio quali segnali della presenza di un problema. Autocontrollo: Acquisizione delle capacità necessarie a controllare reazioni impulsive di evitamento.

87 Problem solving Descrizione del problema: dettagliata descrizione del problema e delle informazioni in proprio possesso (distinzione tra dati di fatto e impressioni). Formulazione degli obbiettivi: Che cosa desidero? Gli obbiettivi devono essere realistici e quindi effettivamente perseguibili. Formulazione delle soluzioni alternative: brainstorming.

88 Problem solving Valutazione delle soluzioni e scelta della migliore: Analisi dei vantaggi e degli svantaggi di ciascuna soluzione. Pianificazione e applicazione della soluzione scelta: pianificazione delle fasi di attuazione nella corretta sequenza. Valutazione dei risultati: ho risolto il problema?

89 SOTTOPROGRAMMA DI RISOLUZIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI Es: Ogni giorno arrivo in ritardo al Centro Diurno perché abito in una zona periferica, non servita adeguatamente dai mezzi pubblici 1. Identificazione del problema: Arrivo in ritardo al Centro Diurno 2. Descrizione del problema: A causa della lontananza e/o dell assenza di mezzi pubblici non riesco ad arrivare in orario al Centro Diurno 3. Formulazione di soluzioni alternative: a) mi faccio dare un passaggio da un familiare b) faccio l autostop c) chiamo un taxi d) uso una bicicletta e) vado in macchina f) mi sveglio prima ecc...

90 SOTTOPROGRAMMA DI RISOLUZIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI 4. Valutazione delle soluzioni alternative VANTAGGI SVANTAGGI - Chiamo un taxi - Comodo - Rapido - Facile da ottenere - E costoso - E lento quando c è traffico -Uso una bicicletta - Sono autonomo - Faccio dello sport - Evito il traffico - E gratuito - Faccio fatica - Respiro smog - Non adatta quando piove o nevica - Può essere pericolosa

91 SOTTOPROGRAMMA DI RISOLUZIONE DEI PROBLEMI INTERPERSONALI 5. Scelta della soluzione migliore: Uso la bicicletta 6. Applicazione della soluzione scelta: Decidere il giorno e l ora dell azione Ad Es.: Domani alle 9 uscirò di casa in bicicletta 7. Valutazione dei risultati: Ad es: grazie alla bicicletta i ritardi al Centro Diurno si sono ridotti

92 CLT: MODULI TEMPO LIBERO LAVORO CASA

93 Struttura dei moduli UNITA UNITA UNITA UNITA UNITA UNITA MODULO UNITA UNITA UNITA UNITA UNITA UNITA

94 CLT: Tematiche principali 1. Orientamento cognitivo 2. Acquisizione di abilità specifiche 3. Gestione delle situazioni problematiche

95 CLT ORIENTAMENTO COGNITIVO Valutazione delle aspettative, dei desideri, delle risorse e delle capacità dei partecipanti finalizzate alla formulazione di obbiettivi realistici

96 CLT ACQUISIZIONE DI ABILITA SPECIFICHE Identificazione delle abilità necessarie alla realizzazione degli obbiettivi formulati e acquisizione delle stesse sia in gruppo sia individualmente

97 CLT GESTIONE DELLE SITUAZIONI PROBLEMATICHE Acquisizione delle tecniche e delle strategie necessarie alla soluzione di situazioni problematiche

98 CLT: Tematiche principali INIZO MODULO FINE MODULO Orientamento cognitivo Acquisizione di abilità specifiche Gestione delle situazioni problematiche

99 CLT: TEMATICHE PRINCIPALI NELLE VARIE UNITA TEMPO LIBERO Orientamento cognitivo Acquisizione di abilità specifiche Gestione dei problemi

100 CLT: TEMATICHE PRINCIPALI NELLE VARIE UNITA LAVORO Orientamento cognitivo Acquisizione di abilità specifiche Gestione dei problemi

101 CLT: TEMATICHE PRINCIPALI NELLE VARIE UNITA. CASA Orientamento cognitivo Acquisizione di abilità specifiche Gestione dei problemi

102 Struttura delle unità INTERVENTI DI GRUPPO UNITA ESERCIZI DA SVOLGERE AUTONOMAMENTE INTERVENTI INDIVIDUALI ATTIVITA DI GRUPPO

103 Interventi di gruppo Prevedono l approfondimento e la discussione in gruppo di tematiche rilevanti e di interesse comune. Richiedono la partecipazione attiva di tutti i membri del gruppo e favoriscono atteggiamenti di tipo collaborativo. Prevedono lo svolgimento di esercizi in piccoli gruppi. Prevedono l assegnazione di compiti ai partecipanti e la loro successiva verifica e discussione. Si avvalgono in modo particolare delle tecniche di role play e di problem solving.

104 Esercizi da svolgere autonomamente Possono essere svolti da uno o più partecipanti. Consentono ai partecipanti di mettere in pratica le abilità apprese in gruppo. Prevedono la raccolta di informazioni e di materiale utile alla trattazione in gruppo di alcuni temi, conferendo ai singoli partecipanti ruoli di progressiva responsabilità. Si avvalgono frequentemente di materiale terapeutico (Allegati e Fogli di lavoro).

105 Interventi individuali Il numero, la frequenza e la durata è variabile e dipende dalle difficoltà presentate sia negli interventi di gruppo sia negli esercizi da svolgere autonomamente. Spesso necessari per la formulazione degli obbiettivi (orientamento cognitivo). Si avvalgono di interventi di ristrutturazione cognitiva, di role-play e di problem solving.

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Sempre collegato al tuo comfort con evohome

Sempre collegato al tuo comfort con evohome Sempre collegato al tuo comfort con evohome Pag 2 Comfort e controllo Comfort più controllo: proprio quello che puoi aspettarti da evohome Pag. 3 evohome Il sistema intelligente per il riscaldamento a

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli