Articolo 1. Articolo 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Articolo 1. Articolo 2"

Transcript

1 Comune di Gazzo Comune di Grantorto Comune di Grumolo delle Abbadesse CONTRATTO DI SERVIZIO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI DI- STRIBUZIONE DEL GAS NATURALE AI SENSI DELL ARTICOLO 14 DEL DE- CRETO LEGISLATIVO 23 MAGGIO 2000, N. 164 ALLEGATO 3.F DISCIPLINA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS NATURALE ALLE UTENZE Natura ed efficacia della disciplina Articolo 1 Il Gestore, in virtù del contratto di servizio stipulato con il Comune di Gazzo/Grantorto/Grumolo delle Abbadesse, di seguito Titolare, ha acquistato il diritto per la distribuzione e somministrazione di gas naturale su tutto il territorio comunale per gli usi domestici, artigianali, industriali ed altri usi. La presente disciplina regolamenta i rapporti tra il Gestore e gli utenti finali (di seguito: utenti); esso non potrà mai modificare i rapporti tra il Titolare e il Gestore. Ai fini della presente disciplina per gas metano si intende gas naturale tal quale. Riferimenti normativi Articolo 2 La presente disciplina tiene conto della L. 281/1998 Disciplina dei diritti dei consumatori e degli utenti, della L. 1083/1971 Norme per la sicurezza dell impiego del gas combustibile, del D.Lgs. 164/2000 e delle delibere dell Autorità per l energia elettrica ed il gas (di seguito AEEG), in particolare: del TUDG, ossia il Testo unico delle disposizioni della regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione emanato dall AEEG; della RQDG, parte I del TUDG, intitolata Regolazione della qualità dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione , allegato alla delibera ARG/gas 120/08 dell AEEG; della RTDG, parte II del TUDG, intitolata Regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione , allegato A della delibera ARG/gas 159/08 dell AEEG. Standard di qualità del servizio Articolo 3 Ai sensi della RQDG, il Gestore applicherà i seguenti livelli generali di qualità commerciale: Tabella I art. 48 RQDG - Livelli Generali di Qualità Commerciale del Servizio di Distribuzione gas Percentuale minima di richieste di esecuzione di lavori complessi realizzati entro il tempo massimo di 60 giorni lavorativi, art. 37 RQDG 85% Percentuale minima di esiti di verifiche del gruppo di misura su richiesta del cliente finale comunicati entro il tempo massimo di 10 giorni lavorativi, art. 41 RQDG 90%

2 Percentuale minima di gruppi di misura sostituiti entro 10 giorni lavorativi dalla data di comunicazione al venditore del resoconto della verifica, art. 41 RQDG Percentuale minima di risposte motivate a reclami scritti o a richieste scritte di informazioni relativi al servizio di distribuzione comunicate entro il tempo massimo di 20 giorni lavorativi, art. 43 RQDG 90% 90% Ai sensi dell articolo 47, tabella H, della RQDG, il Gestore applicherà i seguenti livelli specifici di qualità commerciale, offerti in sede di gara (voce OT B dell offerta tecnica): Tabella dei livelli specifici di qualità commerciale del servizio; X% è la percentuale di riduzione offerta in sede di gara Livelli specifici di qualità del servizio Fino a G25 Da G40 Tempo massimo di preventivazione per l esecuzione di lavori semplici, art. 35 RQDG Tempo massimo di preventivazione per l esecuzione di lavori complessi, art. 35 RQDG 15*(1-X%) giorni lavorativi 40*(1-X%) giorni lavorativi Tempo massimo di esecuzione di lavori semplici, art. 36 RQDG 10*(1-X%) giorni lavorativi Tempo massimo di attivazione della fornitura, art. 38 RQDG 10*(1-X%) giorni lavorativi 15*(1-X%) lavorativi 15*(1-X%) lavorativi giorni giorni Tempo massimo di disattivazione della fornitura su richiesta del cliente, art. 39 RQDG 5*(1-X%) giorni lavorativi 7*(1-X%) giorni lavorativi Tempo massimo di riattivazione della fornitura in seguito a sospensione per morosità, art. 40 RQDG Tempo massimo di verifica della pressione di fornitura, art. 42 RQDG Fascia massima puntualità per appuntamenti, artt. 44 e 45 RQDG 2*(1-X%) giorni feriali 10*(1-X%) giorni feriali 2*(1-X%) ore Ai sensi dell art. 50, tabella L, della RQDG, il Gestore applicherà i seguenti indennizzi automatici, offerti in sede di gara (voce OT C dell offerta tecnica): Tabella degli indennizzi automatici per mancato rispetto dei livelli specifici di qualità; Y% è la percentuale di aumento offerta in sede di gara Livelli specifici di qualità del servizio Fino a G6 Da G10 a G25 Da G40 in su Mancato rispetto del tempo massimo di preventivazione, lavori semplici, art. 35 RQDG Mancato rispetto del tempo massimo di preventivazione, lavori complessi, art. 35 RQDG Mancato rispetto del tempo massimo di esecuzione, lavori semplici, art. 36 RQDG Mancato rispetto del tempo massimo di attivazione della fornitura, art. 38 RQDG Mancato rispetto del tempo massimo di disattivazione della fornitura su richiesta dell'utente, art. 39 RQDG Mancato rispetto del tempo massimo di riattivazione della fornitura in seguito a sospensione per morosità, art. 40 RQDG Mancato rispetto del tempo massimo di verifica della pressione di fornitura, art. 42 RQDG 2

3 Mancato rispetto della fascia di puntualità per appuntamenti, artt. 44 e 45 RQDG Articolo 4 Allacciamento Per ottenere un nuovo allacciamento, l'utente interessato deve inoltrare la domanda al Gestore e pagare l importo stabilito all art. 19. In caso di modifica dell allacciamento esistente per esigenze dell utente, l'interessato deve inoltrare la domanda al Gestore e pagare l importo preventivato. Nel caso di nuovo allacciamento, il richiedente deve produrre al Gestore la copia della concessione edilizia relativa all immobile da allacciare; in mancanza di questa, copia di una bolletta di altri servizi (ad e- sempio dell elettricità o del telefono), o un autocertificazione in cui si attesta che l immobile è stato costruito prima del Inoltre, il richiedente deve produrre copia del certificato di agibilità e abitabilità. Il richiedente, se locatario, deve dimostrare di essere autorizzato dal proprietario dello stabile all'installazione delle tubazioni dell'allacciamento del gas nei locali d'abitazione. Il preventivo dei lavori, l'esecuzione degli stessi e ogni altra attività del servizio reso all utenza per attivare l erogazione del gas metano, saranno svolte nel rispetto degli indicatori di qualità commerciale del servizio adottati dal Gestore ai sensi dell articolo 3. L'utente dovrà inoltre procurarsi dai proprietari dello stabile e di tutte le aree adiacenti interessate, il permesso per l'esecuzione di tutte le opere d allacciamento, nonché per quelle del relativo esercizio e manutenzione. I lavori di cui trattasi restano in ogni caso subordinati alle autorizzazioni delle Autorità competenti. In mancanza di dette autorizzazioni, il Gestore avrà il diritto di non eseguire la somministrazione, restituendo il contributo eventualmente già versato. Obbligo di servitù Articolo 5 L'utente è obbligato a consentire o ad ottenere da terzi la costituzione di servitù di passaggio, di appoggio o di rendere fisso a favore della rete di distribuzione del gas. In ogni caso, l utente dovrà agevolare il Gestore per il migliore esercizio della somministrazione. La servitù s intende gratuita se non diversamente pattuito e varrà anche nel caso in cui, tramite essa, sono effettuate forniture di gas naturale ad altri utenti. Proprietà ed uso degli impianti d adduzione Articolo 6 Il Gestore provvede alla realizzazione degli impianti occorrenti per addurre il gas fino al punto di riconsegna, contatore compreso, ne ha il possesso e assume l'obbligo della loro manutenzione e le conseguenti responsabilità. Il versamento di contributi per l allacciamento da parte dell utente non comporta il passaggio di proprietà dei beni e delle opere corrispondenti. Una volta realizzato l allacciamento su domanda dell utente, questi non ha diritto di richiedere la restituzione del contributo versato. Tali impianti potranno essere utilizzati dal Gestore anche per altre forniture a terzi, senza diritto per l'utente, o per il proprietario, di rimborso di quote di corrispettivi versati o di versamento di canoni per servitù o d altre somme in genere. Qualsiasi modifica che si rendesse necessaria, nel corso dell'esercizio, all'impianto d allacciamento ed al contatore, per spostamenti, aumenti di portata, adeguamenti ed altro, sarà eseguita dal Gestore ad e- sclusive spese dell'utente stesso. L'utente, però, potrà richiedere la restituzione di quanto versato senza diritto d interessi, qualora l'installazione non avvenisse entro sei mesi dalla firma della domanda di allacciamento. Per l'eventuale rimozione parziale o totale dell'impianto esterno, il proprietario o l'amministratore dello stabile dovrà presentare richiesta scritta, previa disdetta del contratto di fornitura del gas naturale da parte dell utente interessato. Non è consentito all'utente, né al proprietario o all'amministratore dello stabile, manomettere o comunque modificare alcuna parte dell'impianto esterno, né eseguire opere o lavori tali da compromettere e pregiudicare le condizioni di sicurezza del servizio del gas (allacciamento e tubazioni del gas, prese di ter- 3

4 ra per impianti elettrici, chiusura di balconi o ripiani aperti attraversati da tubazioni del gas, ecc.); se necessario, in casi del genere, il Gestore potrà modificare l impianto, in modo da soddisfare le esigenze dell'utente o del proprietario, addebitandogli le spese relative al lavoro. Il mancato pagamento di queste somme, così come la mancata osservanza delle citate prescrizioni circa le condizioni di sicurezza, potranno comportare l'interruzione della somministrazione del gas naturale agli utenti interessati, fermo restando che sui responsabili ricadranno in ogni caso tutte le conseguenze d eventuali incidenti o danni causati da infrazioni del genere. Punto di riconsegna Articolo 7 Il punto in cui inizia la proprietà dell'impianto di ricezione privato e la relativa responsabilità ed onere per la manutenzione è quello risultante dal raccordo tra la tubazione esterna stradale affidata al Gestore e quella privata, posta al confine tra la proprietà pubblica e la proprietà privata. Il Gestore si riserva comunque la facoltà di sigillare tratti d impianti e/o accessori di proprietà e manutenzione del privato al fine di garantire una corretta utilizzazione della somministrazione. La somministrazione del gas avviene all'uscita del misuratore. Il Gestore con l'accettazione della domanda di allacciamento e con l'esazione dei corrispettivi previsti, si impegna alla tempestiva erogazione secondo i livelli specifici di qualità del servizio. Articolo 8 Strumenti di misura, loro funzionalità e ricostruzione dei consumi Gli apparecchi misuratori sono forniti ed installati esclusivamente dal Gestore che ne stabilisce a suo criterio l'ubicazione e la portata (utilizzando anche eventuali dispositivi di limitazione della portata), la quale sarà proporzionata agli apparecchi utilizzatori serviti, ne rimane proprietario e può sostituirli o modificarli ogniqualvolta lo ritenga opportuno. Sul misuratore e sui relativi rubinetti d uscita e d entrata il Gestore farà apporre i contrassegni ed i sigilli prescritti dall'ufficio Metrico e quelli che riterrà opportuni a tutela dei propri diritti. L'utente è tenuto ad accertare che gli apparecchi siano regolarmente sigillati ed a rendere subito nota ogni irregolarità. Chiunque frodi o manometta i sigilli o i contrassegni, oppure apra abusivamente i rubinetti del misuratore, è soggetto ad una penalità di 200, oltre al pagamento d eventuali spese sostenute e salva ogni altra azione, anche penale, che possa competere al Gestore. L'utente non potrà provvedere di sua iniziativa all'apertura del misuratore, che sarà effettuata esclusivamente dal Gestore; in caso di infrazione di tale norma lo stesso è sollevato da ogni responsabilità e l'utente dovrà versare al Gestore una penale stabilita nella tabella dell articolo 20. E' tassativamente vietato riverniciare il misuratore: qualora l'utente contravvenisse, la spesa occorrente per il ripristino del misuratore in condizioni normali o la sua sostituzione, saranno a carico dell'utente. L'utente è responsabile della buona conservazione del misuratore con l'obbligo di sottostare a tutte le spese occorrenti per le riparazioni o le sostituzioni a lui imputabili e, a richiesta del Gestore, è tenuto a riconsegnarlo con gli annessi (compresi i sigilli e contrassegni). Per ogni apertura, chiusura, cambio o spostamento di contatore effettuato su richiesta dell'utente, il Gestore avrà diritto di addebitargli la relativa spesa, secondo quanto stabilito all articolo 20. E' fatto divieto all'utente di spostare il misuratore dal luogo in cui il Gestore lo ha collocato; in caso di abusivo spostamento, oltre che addebitare nuovamente all utente la spesa della messa in ripristino, il Gestore avrà il diritto di applicare una penale pari alla spesa occorrente per il ripristino stesso. Gli apparecchi e i loro sigilli devono sempre essere accessibili agli incaricati del Gestore che può verificarli in qualsiasi momento. Il Gestore può, a suo criterio, sottoporre i misuratori ad opportuni controlli, assumendosi tutte le spese relative. L'utente può chiedere la verifica della funzionalità degli apparecchi, con le modalità e le condizioni previste all art. 41 della RQDG. Verifiche e facoltà di sospensione Articolo 9 Il Gestore può in qualsiasi momento effettuare verifiche degli impianti e degli apparecchi d utilizzazione dell'utente, il quale è tenuto a consentire prontamente l'accesso per tale fine al personale incaricato. 4

5 Le verifiche hanno unicamente lo scopo di evitare perturbazioni alla rete di distribuzione nonché di controllare l'osservanza delle disposizioni contrattuali, senza perciò determinare l'assunzione da parte del Gestore d alcuna responsabilità verso l'utente o verso terzi. In caso fossero riscontrate irregolarità, il Gestore potrà sospendere la somministrazione con obbligo di preavviso, finché l'utente non abbia eseguito a sua cura e spese le necessarie modifiche, riservandosi, peraltro, la facoltà di richiedere il pagamento del controvalore di consumi non equamente registrati, nonché l'eventuale risarcimento dei danni. Articolo 10 Responsabilità per danni agli apparecchi di proprietà del Gestore L'utente è responsabile, a norma di legge, della sottrazione, perdita, distruzione o danneggiamento del materiale e degli apparecchi installati in modo non accessibile dall'esterno, di proprietà del Gestore. L'utente è comunque tenuto a comunicare prontamente al Gestore tali fatti, nonché a segnalare eventuali dubbi sulla funzionalità delle suddette apparecchiature. Le spese sostenute per sopralluoghi, riparazioni o modifiche degli impianti ed apparecchi di proprietà del Gestore, rese necessarie per fatto o nell'interesse dell'utente presso il quale sono state installate, sono a carico di quest'ultimo. Articolo 11 Impianti interni - modifiche delle caratteristiche della somministrazione Gli impianti e gli apparecchi degli utenti devono essere in ogni momento rispondenti alla vigenti disposizioni antinfortunistiche ed alle vigenti norme e comunque devono essere costruiti, installati e mantenuti secondo le norme della buona tecnica. L uso degli impianti interni e degli apparecchi di proprietà degli utenti non deve provocare disturbo all'esercizio della rete. L'utente che abbia disponibilità di altra fonte è tenuto, salva diversa specifica pattuizione, a predisporre i circuiti alimentati da tale disponibilità, in modo che essi risultino completamente distinti o separati da quelli alimentati con gas naturale fornito dal Gestore, cosicché in nessun caso sussista possibilità di parallelo, né di commutazione degli impianti stessi sulle diverse alimentazioni. Il Gestore può modificare, purché con congruo preavviso, le caratteristiche della somministrazione. La necessaria trasformazione degli impianti ed apparecchi avrà luogo a cura e spese del Gestore e dell'utente per quanto di rispettiva proprietà. Per il posizionamento dei contatori si dovrà fare riferimento a specifiche direttive emanate dal Gestore con stretta osservanza della normativa tecnica di legge. L'effettiva somministrazione del gas è subordinata alla presentazione, da parte dell'utente, di una dichiarazione rilasciata da un tecnico qualificato o dall'installatore, iscritti negli appositi albi professionali, attestante la buona esecuzione dell'impianto di ricezione, in ogni sua parte, secondo le normative vigenti e, comunque secondo i criteri della buona tecnica e nel rispetto del Decreto del ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37. Analoga dichiarazione deve essere presentata al Gestore ogniqualvolta l'utente apporti modifiche agli impianti interni. L utente garantisce che l'impianto sarà mantenuto nelle condizioni di sicurezza e idoneità. Richiesta di somministrazione Articolo 12 Per ottenere la somministrazione di gas naturale, per nuove utenze, subentri, variazioni o altro, il richiedente - o chi per esso con delega scritta - deve farne richiesta al Gestore, secondo le modalità previste dalla delibera 40/04 AEEG. Qualsiasi somministrazione relativa a locali adibiti ad abitazione a carattere familiare o collettivo (con e- sclusione d alberghi, ospedali, case di cura, scuole, ecc.) ovvero disposti in abitazioni "da privato consumatore finale" che non esercita in tali locali alcuna attività di carattere imprenditoriale rientrante nel campo applicativo dell'iva, si qualifica come uso domestico. Condizioni generali di somministrazione Articolo 13 La somministrazione di gas naturale è regolata dalle norme del presente regolamento e da quelle emanate, anche in futuro, da Enti od Organi pubblici competenti in materia e da eventuali condizioni speciali che di volta in volta possono essere fissate nei singoli contratti d utenza. 5

6 Il Gestore inoltre, si riserva la facoltà di proporre al Titolare in qualsiasi momento modifiche alle condizioni che regolano il rapporto di somministrazione. In caso d approvazione da parte del Titolare delle modifiche proposte, il Gestore dovrà comunicare agli utenti le nuove condizioni, mediante una lettera semplice o l apposito spazio in bolletta, oppure mediante avviso pubblicato sulla stampa locale. Le modifiche entreranno in vigore con le decorrenze indicate in tale comunicazione od avviso. Nella comunicazione relativa alla variazione del presente regolamento dovranno essere riportati gli estremi relativi agli atti ufficiali con i quali il Titolare approva tali modifiche. Inizio e modifica della somministrazione Articolo 14 La somministrazione inizierà dopo la stipula di specifico contratto con il proprio fornitore ed il versamento degli importi richiesti (spese d'impianto, subentro, posa e riapertura dei contatori secondo le tariffe in vigore, ecc., nonché le spese riguardanti tasse, bolli, imposte, ecc.). Nel caso l'utente voglia modificare l'entità delle forniture, deve farne specifica domanda e stipulare un nuovo contratto con la Società di vendita, la quale deve preventivamente ricevere il placet del Gestore. Cessazione dell'utenza Articolo 15 Gli utenti che vendono o cedono a qualsiasi titolo, abbandonano o danno in locazione i locali da loro occupati, ove si trovano impianti dell'allacciamento gas in attività, devono darne immediato avviso scritto alla Società di vendita, la quale ai sensi della delibera 138/04 AEEG richiede al Gestore di interrompere la somministrazione. L'utente deve pagare il controvalore dei consumi registrati fino al momento in cui cesserà il servizio, nonché i corrispettivi o quote fisse mensili fino alla scadenza contrattuale della fornitura, ovvero fino alla data di regolare subentro d altro utente, e solleva il Gestore da ogni responsabilità relativa alla cessazione da esso richiesta. Il Gestore cesserà la somministrazione nel più breve tempo possibile, compatibilmente con i propri programmi operativi. Resta salvo il diritto del Gestore di ritirare in qualsiasi momento il contatore installato in locali sfitti ritenendosi senz'altro nulle le opposizioni da parte dei singoli proprietari degli stabili. Qualora l'utente impedisca l'accesso agli operatori del Gestore per le necessarie operazioni di chiusura od asportazione del misuratore, il Gestore avrà il diritto d azione giudiziaria. Usi consentiti, divieto di cessione a terzi Articolo 16 L'utente è obbligato ad utilizzare il gas erogato solo per gli usi previsti dal contratto di fornitura e non può cederlo sotto qualsiasi forma a terzi, né utilizzarlo per propri scopi in locali e ambienti diversi e non indicati nello stesso. Qualsiasi utilizzo che l'utente, anche per interposta persona, faccia del gas fornito per usi diversi da quelli previsti, lo renderà responsabile di eventuali danni. Opzione tariffaria Articolo 17 Il Gestore applica l opzione tariffaria base OTB con osservanza della RTDG; potrà applicare tariffe migliorative rispetto all opzione tariffaria base approvata dall AEEG. Articolo 18 Accesso alla rete di distribuzione attività di fornitura e vendita di gas metano L accesso alla rete di distribuzione cittadina sarà consentito dal codice di rete predisposto dal Gestore. La fornitura del gas metano è fatta dalle società di vendita, autorizzate ai sensi dell articolo 17 del D.Lgs. 164/2000, direttamente ai clienti finali. Inoltre, l attività di vendita del gas metano è disciplinata dal D. Lgs. 206/05 - Codice del consumo e dalle delibere dell AEEG. 6

7 Contributo di allacciamento Articolo 19 In caso di nuovo allaccio, il richiedente sarà tenuto a versare al Gestore un contributo secondo la tabella seguente: gli importi di tabella sono al netto dell IVA, comprendono scavi e ripristini stradali e vanno scontati della percentuale Z% di ribasso offerta in sede di gara (offerta economica, voce OE B). Classe contatore G4 G6 G10 G16 G25 Da G40 in su A. Contributo fino a 10 ml dall asse strada, per il primo punto gas: B. Eccedenza estensione allacciamento oltre 10 ml dall asse strada: /m C. Contributo per ogni punto gas successivo al primo, insistente sulla stessa colonna montante: 400,00 550,00 700,00 800, , ,00 40,00 50,00 60,00 70,00 70,00 80,00 Contributo A ridotto del 50% I valori di tabella saranno annualmente aggiornati, secondo gli indici di settore documentati dal Gestore ed accettati dal Titolare. Prestazioni accessorie Articolo 20 Per le prestazioni accessorie del servizio di distribuzione gas, il Gestore applicherà i seguenti prezzi: gli importi di tabella sono al netto dell IVA e vanno scontati della percentuale W% di ribasso offerta in sede di gara (offerta economica, voce OE C). Attività Tariffa Attivazione nuova fornitura 35,00 Verifica comunicazione della lettura inviata da nuovo venditore in seguito a subentro fornitura su punto gas esistente 10,00 Intervento per termine fornitura 35,00 Cambio misuratore senza variazione di calibro 50,00 Mancato cambio di misuratore per segnalazione errata 25,00 Chiusura misuratore per morosità 35,00 Riapertura misuratore per morosità 35,00 Ricollocamento ed attivazione misuratore in seguito a rimozione (fino a G6) 50,00 Ricollocamento ed attivazione misuratore in seguito a rimozione (oltre G6) 100,00 Verifica misuratore in campo fino al G6 (salvo quanto previsto dall art. 41 della RQDG) 50,00 Verifica del misuratore in laboratorio fino al G6 (se il misuratore funziona correttamente salvo quanto previsto dall art. 41 della RQDG) 200,00 Verifica livello di pressione su rete 30,00 Sopralluoghi tecnici esclusi sopralluoghi per nuovi allacci e spostamenti 100,00 Manomissione strumenti di misura gas/apertura non autorizzata da parte dell utente 100,00 I valori di tabella saranno annualmente aggiornati, secondo l indice FOI dell ISTAT, a partire dal secondo anno di affidamento. 7

8 INDICE Articolo Natura ed efficacia della disciplina...1 Articolo Riferimenti normativi...1 Articolo Standard di qualità del servizio...1 Articolo Allacciamento...3 Articolo Obbligo di servitù...3 Articolo Proprietà ed uso degli impianti d adduzione...3 Articolo Punto di riconsegna...4 Articolo Strumenti di misura, loro funzionalità e ricostruzione dei consumi...4 Articolo Verifiche e facoltà di sospensione...4 Articolo Responsabilità per danni agli apparecchi di proprietà del Gestore...5 Articolo Impianti interni - modifiche delle caratteristiche della somministrazione...5 Articolo Richiesta di somministrazione...5 Articolo Condizioni generali di somministrazione...5 Articolo Inizio e modifica della somministrazione...6 Articolo Cessazione dell'utenza...6 Articolo Usi consentiti, divieto di cessione a terzi...6 Articolo Opzione tariffaria...6 Articolo Accesso alla rete di distribuzione attività di fornitura e vendita di gas metano...6 Articolo Contributo di allacciamento...7 Articolo Prestazioni accessorie...7 8

COMUNE DI MONTORO SUPERIORE

COMUNE DI MONTORO SUPERIORE COMUNE DI MONTORO SUPERIORE PROVINCIA DI AVELLINO AREA TECNICO MANUTENTIVA IV SETTORE CONTRATTO DI SERVIZIO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE AI SENSI DELL ARTICOLO 14

Dettagli

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA PRESTAZIONE PAG 1. PREMESSA 1 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE 2 3. PUNTI DI RICONSEGNA 2 4. POSA CONTATORE 2 5. MODIFICA PUNTO DI RICONSEGNA PER VARIAZIONE PORTATA 3 6. SPOSTAMENTO PUNTO DI

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva ELENCO PREZZII e CONDIIZIIONII DEII SERVIIZII E DELLE PRESTAZIIONII INDICE 01.00 PRESTAZIONI TECNICHE SVOLTE DAL DISTRIBUTORE... 2 02.00 PRESTAZIONI OPZIONALI... 2 03.00 ELENCO PREZZI ANNO 2009... 3 a

Dettagli

G.P. GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2014 (PROVVISORIO: dal 01/01/2014 alla data di variazione ISTAT)

G.P. GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2014 (PROVVISORIO: dal 01/01/2014 alla data di variazione ISTAT) Il Distributore si impegna, anche tramite terzi ed in relazione agli impianti per i quali è concessionario del servizio di distribuzione del gas naturale e di gas diversi dal gas naturale, a fornire le

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ed. ANNO 2016 Oggetto ed applicabilità Il presente listino prezzi verrà applicato in maniera imparziale sul territorio comunale

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa.

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa. ELENCO PREZZI In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento elenca le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa.

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa. ELENCO PREZZI In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento elenca le prestazioni

Dettagli

ASPM SORESINA SERVIZI

ASPM SORESINA SERVIZI ELENCO PRESTAZIONI Il documento descrive le prestazioni tecniche eseguibili dal Distributore su specifica richiesta del Venditore. Le richieste devono essere formalizzate con la compilazione dell apposita

Dettagli

SES RETI S.P.A. LISTINO PREZZI PREZZI VALIDO DAL 01/01/2014 COMUNE DI CARMIANO

SES RETI S.P.A. LISTINO PREZZI PREZZI VALIDO DAL 01/01/2014 COMUNE DI CARMIANO La SES RETI S.p.A. si impegna, nell impianto di distribuzione del gas naturale del comune di CARMIANO a fornire le prestazioni ed i servizi di seguito meglio individuati (denominati Attività ), in ottemperanza

Dettagli

ASPM SORESINA SERVIZI

ASPM SORESINA SERVIZI ELENCO PRESTAZIONI Il documento descrive le prestazioni tecniche eseguibili dal Distributore su specifica richiesta del Venditore. Le richieste devono essere formalizzate con la compilazione dell apposita

Dettagli

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla D.C.C. n. 29 del 27/06/2005 1 INDICE ART.1 ART.2 ART.3

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 SETTEMBRE 2011 In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto

Dettagli

LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE

LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE ANNO 2015 A.S.GA S.r.l. Via Roma 36 20083 GAGGIANO (MI) 1. Oggetto Il presente listino prezzi è relativo alle prestazioni accessorie offerte da A.S.GA S.r.l. relativamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL GAS

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL GAS Generalità REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL GAS Per TUBAZIONE STRADALE si intende il complesso delle tubazioni prevalentemente interrate posate sul suolo pubblico o privato che partendo da una centrale

Dettagli

2i RETE GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2016 in vigore dal 01/01/2016

2i RETE GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2016 in vigore dal 01/01/2016 Il Distributore si impegna, anche tramite terzi ed in relazione agli impianti per i quali è concessionario del servizio di distribuzione del gas naturale e di gas diversi dal gas naturale, a fornire le

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Comune di Castelfidardo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO - Delibera Consiglio Comunale n 22 del 23/03/2004 - Indice:

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE Società Uninominale Società soggetta a coordinamento e controllo da parte del Comune di Porto S. Giorgio SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 3 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

ELENCO PREZZI validità dal 01/01/2015

ELENCO PREZZI validità dal 01/01/2015 ELENCO PREZZI validità dal 01/01/2015 In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA Rev. 1 2011 1. OGGETTO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2.1. Attività comprese... 3 2.2. Esclusioni... 3 2.3. Attività non Standard... 3 2.4. Validità...

Dettagli

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO Allegato A alla deliberazione n. 246/2006 PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO 1. Premessa La presente procedura definisce i criteri e le metodologie per la determinazione

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE Al Servizio Principale di Distribuzione del Gas della COSEV SERVIZI S.p.A. 4 EDIZIONE decorrenza dal 22 Luglio 2015 (fatti salvi i prezzi stabiliti dalle delibere 573/2013

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

- IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 -

- IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 - - IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 - Pagina 1 di 8 info@ SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI A SERVIZIO DEL PUNTO DI RICONSEGNA Tutte le attività descritte sono svolte da personale interno della

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ANNO 2014 DISTRIBUTORE LOCALE del servizio GAS: Sidigas S.p.A. C.da Vasto, 15 83100 AVELLINO (AV) C.F. 8000290645 P. IVA

Dettagli

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE-

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- Agosto 2014 OGGETTO E APPLICABILITA Oggetto Sulla base di quanto previsto dal Codice di Rete tipo per la distribuzione del gas naturale, il presente

Dettagli

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE Società uni personale Società soggetta a coordinamento e controllo da parte del Comune di Porto S. Giorgio SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA

Dettagli

PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE AGGIORNAMENTO PREZZI: DICEMBRE 2011 DECORRENZA APPLICAZIONE 15 LUGLIO 2012 1 INDICE GENERALE DEFINIZIONI 3

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA Sede Legale P.zza Matteotti 1-06019 Umbertide tel. 0759417861 fax 0759412839 P. IVA 02617890542 ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA ELENCO PREZZI IN VIGORE FINO AL 31/03/2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI Versione valida dal 01/07/2014

ELENCO PREZZI UNITARI Versione valida dal 01/07/2014 Pag. 1 di 6 SERVIZIO DI PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO PRINCIPALE ELENCO PREZZI UNITARI Versione valida dal 01/07/2014 Preparazione Verifica Approvazione Data Responsabile Qualità, Sicurezza e Ambiente

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI TECNICHE DISTRIBUZIONE E MISURA GAS ANNO 2014

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI TECNICHE DISTRIBUZIONE E MISURA GAS ANNO 2014 ELENCO PREZZI PRESTAZIONI TECNICHE DISTRIBUZIONE E MISURA GAS ANNO 2014 Rev del 01 settembre 2014 1 - OGGETTO DEL DOCUMENTO 1.1 Scopo e campo di applicazione Il presente elenco prezzi dei servizi tecnici

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI SERVIZIO DI PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO PRINCIPALE ELENCO PREZZI UNITARI ANNO 2014 1 / 5 INDICE 1 OGGETTO 3 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3 MODALITA OPERATIVE 3 4 VALIDITA E VARIAZIONI DEI PREZZI 3

Dettagli

PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PREZZARIO PER ATTIVITA ACCESSORIE O OPZIONALI

PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PREZZARIO PER ATTIVITA ACCESSORIE O OPZIONALI PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE Rev. 2.0 PREZZARIO PER ATTIVITA ACCESSORIE O OPZIONALI INDICE GENERALE pag. 1 OGGETTO E APPLICABILITÀ 3 1.1 Oggetto

Dettagli

Comune di MONTEMAGGIORE AL METAURO (PU)

Comune di MONTEMAGGIORE AL METAURO (PU) Pubblico Servizio Distribuzione Metano Delibera A.E.E.G.S.I. n. 108/06 del 06 giugno 2006 e s.m.i. Comune di MONTEMAGGIORE AL METAURO (PU) ELENCO PREZZI PRESTAZIONI Pubblicato sul sito www.sadorireti.it

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2014

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2014 SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2014 In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE PREZZIARIO PRESTAZIONI ACCESSORIE e/o OPZIONALI ANNO 2015

DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE PREZZIARIO PRESTAZIONI ACCESSORIE e/o OPZIONALI ANNO 2015 DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE PREZZIARIO PRESTAZIONI ACCESSORIE e/o OPZIONALI ANNO 2015 SELGAS NET S.p.A ha aderito al Codice di rete tipo per la distribuzione del gas naturale (CRDG) approvato dall Autorità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA ACCESSORIE CBL DISTRIBUZIONE Rev. Data 1 01/01/2014 2 24/02/2014 SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA ACCESSORIE Oggetto Revisione prezzi ed integrazione voci. Validità nuovo prezzario: sino

Dettagli

PRESTAZIONI AL PUNTO DI RICONSEGNA - DECORRENZA 01/11/2014. ACCERTAMENTO DOCUMENTALE (Deliberazione n. 40/14 s.m.i. A.E.E.G.S.I.)

PRESTAZIONI AL PUNTO DI RICONSEGNA - DECORRENZA 01/11/2014. ACCERTAMENTO DOCUMENTALE (Deliberazione n. 40/14 s.m.i. A.E.E.G.S.I.) PRESTAZIONI AL PUNTO DI RICONSEGNA - DECORRENZA 01/11/2014 Il presente elenco prezzi disciplina le prestazioni accessorie al servizio principale di distribuzione e misura del gas naturale, nelle reti gestite

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1992 REVISIONE DAL 1993 COMUNE DI CONTURSI TERME Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Listino prezzi per attività al Punto di Riconsegna non comprese nella tariffa di distribuzione

Listino prezzi per attività al Punto di Riconsegna non comprese nella tariffa di distribuzione Gritti Gas Rete S.r.l. Via Carducci, 2 26900 Lodi (LO) Condizioni Economiche Attività Presso il Punto di Riconsegna (PDR) Listino prezzi per attività al Punto di Riconsegna non comprese nella tariffa di

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1991 REVISIONE DAL 1992 COMUNE DI ATENA LUCANA Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS

ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS Edison DG Spa Società a socio unico Sede Legale - Via Pelosa, 20 35030 Selvazzano Dentro PD Tel. +39 049 8739444 ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS Richiedere l allaccio è semplice È sufficiente presentare la

Dettagli

L I S T I N O In vigore dal 01.07.2010

L I S T I N O In vigore dal 01.07.2010 P a g. 1 d i 10 Attività tecniche standard e Servizi al Punto Di Riconsegna In vigore dal 01.07.2010 COGERVAP SRL Piazza Cav. F. Di Fiore snc/int.1 67030 Vittorito (AQ) Tel. 0864/727015 Fax 0864/727797

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 4 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

PREMESSA. descrizione

PREMESSA. descrizione ELENCO PREZZI DEI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA Acos S.p.A. S.p.A. C.so Italia, 49 15067 Novi Ligure Capitale Sociale Euro 17.075.864,00 Partita IVA 01681950067 REA n. 177353 Registro delle Imprese 15907

Dettagli

AMEA SPA AZIENDA MULTISERVIZI ENERGIA AMBIENTE

AMEA SPA AZIENDA MULTISERVIZI ENERGIA AMBIENTE AMEA SPA AZIENDA MULTISERVIZI ENERGIA AMBIENTE Regolamento di fornitura Energia Elettrica Codice documento_r.f.e.e. Tipo documento Regolamento. Codice RFEE rev_01 Reparti AMM _ TECNICO COMMERCIALE X_ DIREZIONE

Dettagli

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno.

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno. Oggetto Il presente Regolamento, redatto secondo le direttive stabilite dall'aeeg con deliberazione n. 229/01 e successive modificazioni e integrazioni, disciplina la somministrazione e la fornitura di

Dettagli

Elenco prezzi per attivitá accessorie non comprese nelle tariffe di distribuzione

Elenco prezzi per attivitá accessorie non comprese nelle tariffe di distribuzione Elenco prezzi per attivitá accessorie non comprese nelle tariffe di distribuzione Revisione Gennaio 2014 1/10 PREMESSA Il listino che di seguito viene prodotto "Elenco prezzi servizi accessori al punto

Dettagli

Regolamento per il servizio lampade votive

Regolamento per il servizio lampade votive COMUNE DI SAN GODENZO Provincia di Firenze Regolamento per il servizio lampade votive Approvato con deliberazione consiliare N 5 del 23.02.2012 Indice Art.1 - Premessa 2 Art.2 - Allacciamento 2 Art.3 Spese

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE COMUNE DI RIGNANO GARGANICO Provincia di Foggia REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiliare n. 45 del 30.11.2013-1

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE JULIA RETE s.u.r.l. Pagina 1 PREMESSA In conformità al Codice di rete tipo per la distribuzione del gas naturale, approvato dall AEEG (Autorità per l Energia Elettrica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO RURALE E PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA USO IRRIGUO COMUNE DI BIANZONE PROVINCIA DI SONDRIO Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 27.04.2011

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE ---- -- - - REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE (Appro~l(I con la dcllberft,10:1 COI1IIIi110 Comw1IIIe 1001J) 123 d~1 30 PUf\II'\ Slodaeo On.le AdrilU1a Poli-Bortone A.'~ét'I!iQre rag Ange\o Tondo J)lretto~

Dettagli

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua)

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) PREZZI STANDARD NON COMPRESI NELLA TARIFFA GESTORE DEL SII : Marche Multiservizi S.p.A. Via dei Canonici,144 60122 PESARO (PU) C.F., P. IVA N IVA 02059030417 Approvato

Dettagli

INDICE. Articolo 1 Finalità

INDICE. Articolo 1 Finalità Regolamento per la disciplina delle attività di verifica della conformità degli impianti di utenza del gas (Approvato con deliberazione n. 109/CC del 28-12-2010) Articolo 1 Finalità Articolo 2 Oggetto

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010 + 13,50%)

ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010 + 13,50%) GESTIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DEL GAS METANO NEL TERRITORIO DEI COMUNI DEL BACINO BASILICATA 03 (LAURIA-TRECCHINA-MARATEA-NEMOLI E RIVELLO) ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE NATURA E MODALITÀ' DEGLI ALLACCIAMENTI ART. 1 - La Società eroga acqua potabile in via ordinaria o provvisoria, da derivarsi dalla rete primaria, secondaria

Dettagli

C O M U N E D I U M B E R T I D E. -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE

C O M U N E D I U M B E R T I D E. -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE C O M U N E D I U M B E R T I D E -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE PRESSO I CIMITERI DEL COMUNE DI UMBERTIDE APPROVATO CON

Dettagli

CONTRIBUTI DI ALLACCIAMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI. COMUNE DI CASTELGOMBERTO (in vigore dal 01 gennaio 2015)

CONTRIBUTI DI ALLACCIAMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI. COMUNE DI CASTELGOMBERTO (in vigore dal 01 gennaio 2015) COMUNE DI CASTELGOMBERTO (in vigore dal 01 gennaio 2015) scontato del 1.602 Allacciamento (**) gas fino a kw 43,1(compreso) Nr. 602,00 1.603 Allacciamento (**) gas da kw 43,1 a 57,4 (compreso) Nr. 722,00

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio 3.3 Infrastrutture Manutenzioni Ambiente - Reti Tecnologiche Cimitero Parchi e Giardini Responsabile geom. Mario Bettelli SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE PERIODO DI VALIDITA' I corrispettivi indicati nel presente prezzario si intendono validi con decorrenza 1 Gennaio 2015 PREZZARIO PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PREMESSA Nel presente documento sono riportati i prezzi standard, IVA esclusa, applicati da

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Indice 1. Oggetto... 3 2. Caratteristiche della fornitura... 4 3. Gestione della fornitura... 5 4. Servizi connessi... 6 4.1 Call Center... 6 4.2 Responsabile della fornitura...

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA' TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE A DECORRERE DAL 01/01/2015

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA' TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE A DECORRERE DAL 01/01/2015 NEBRODI GAS S.AGATA srl Sede Legale: Via Mancini, 23-98071 CAPO D ORLANDO (ME) C.Fisc./ P.IVA: 03 081 960 837 Uffici: Via V.Veneto n.89-98076 S.AGATA MILITELLO (ME) Tel. e Fax 0941 722150 LISTINO PREZZI

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi),

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), E.T.R.A. S.P.A. CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA.- Tra: La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), Largo Parolini n.82/b, C.F. n.03278040245, che interviene

Dettagli

Il prezzo è applicabile solo nel caso in cui il Contatore misuri correttamente.

Il prezzo è applicabile solo nel caso in cui il Contatore misuri correttamente. Gruppo Erogasmet Erogasmet SpA Molteni SpA Elenco prezzi delle prestazioni accessorie al servizio di principale di distribuzione in vigore dal 1) Verifica del Gruppo di misura Ai sensi dell articolo 43.2

Dettagli

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA GESTIONE IN ECONOMIA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PRIVATADELLE SEPOLTURE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C.

Dettagli

UNIGAS Distribuzione S.r.l.

UNIGAS Distribuzione S.r.l. Organismo accreditato da ACCREDIA UNI EN ISO 9001:2008 SGQ Certificato n. 848 UNIGAS Distribuzione S.r.l. Comune di Alzano Lombardo (Bg) Elenco Prezzi per interventi al Punto di Riconsegna UNIGAS DISTRIBUZIONE

Dettagli

Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo. nata a ( ) il (c.f.: ) CHIEDE

Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo. nata a ( ) il (c.f.: ) CHIEDE Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo OGGETTO: Istanza per illuminazione votiva. Con la presente istanza il sottoscritto nata a ( ) il (c.f.: ) residente a in Via (Tel.: )

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA Gara per la fornitura di gas metano per il periodo 1 dicembre 2008 30 novembre 2009 ed energia elettrica per l anno solare 2009 all Università degli Studi di Perugia 1. OGGETTO DELLA GARA CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Allegato A alla deliberazione C.C. n. 18 del 28.9.2011 Il segretario comunale De Marco dott. Roberto COMUNE DI BORGHI Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI PER PRESTAZIONI ACCESSORIE ed OPZIONALI AI PUNTI DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI UNITARI PER PRESTAZIONI ACCESSORIE ed OPZIONALI AI PUNTI DI RICONSEGNA ELENCO PREZZI UNITARI PER PRESTAZIONI ACCESSORIE ed OPZIONALI AI PUNTI DI RICONSEGNA Servizio di Distribuzione del Gas Naturale di VALLE UMBRA SERVIZI SPA DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

Elenco prezzi. servizi al punto di riconsegna non. compresi nella tariffa di. distribuzione anno 2011

Elenco prezzi. servizi al punto di riconsegna non. compresi nella tariffa di. distribuzione anno 2011 Pagina 1 di 7 Elenco prezzi servizi al punto di riconsegna non compresi nella tariffa di distribuzione valevoli per il solo impianto di Marcon VE Serenissima Gas S.p.A. Unità Operativa Veneto Via Monte

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna Rep. n. SCHEMA DI CONTRATTO DI CONCESSIONE IN DIRITTO DI SUPERFICIE DI UN AREA IN LOCALITA PONTE SAMOGGIA EDIFICABILE PRODUTTIVA PER LA REALIZZAZIONE DI

Dettagli