Grafica e copertina a cura di G. Infantino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grafica e copertina a cura di G. Infantino"

Transcript

1

2 2

3 Grafica e copertina a cura di G. Infantino I dati e le informazioni contenute nel presente opuscolo potranno subire variazioni e modifiche in relazione alla costante opera di organizzazione dei servizi. 3

4 4

5 AZIENDA SANITARIA LOCALE ROMA C DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DIRETTORE: DOTT. LUIGI ATTENASIO CARTA DEI SERVIZI A CURA DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE ED EPIDEMIOLOGIA DEL DSM E DEL CENTRO STUDI E DOCUMENTAZIONE " VIERI MARZÌ " 5

6 6

7 Con l'espressione salute mentale, secondo la definizione dell' Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si fa riferimento ad uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l'individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all'interno della società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, partecipare costruttivamente ai mutamenti dell'ambiente, adattarsi alle condizioni esterne e ai conflitti interni. Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) 7

8 8

9 Indice Pag Prefazione 13 Introduzione a cura del Direttore del DSM 15 Nota Consulta Cittadina per la Salute Mentale di Roma 22 Capitale Nota Consulta Dipartimentale per la Salute Mentale 24 Che cos'è la Carta dei Servizi 26 PARTE I 30 Descrizione Dipartimento di Salute Mentale 30 Che cos'è 30 Quando rivolgersi al DSM 30 Che cosa fa 31 PARTE II 32 Descrizione dei Servizi 32 Il Centro di Salute Mentale (CSM) 32 Il Centro Diurno (CD) 33 La Comunità Terapeutica Riabilitativa (CTR) 33 Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) 33 PARTE III 35 Come si richiede la prestazione 35 In casi di emergenza 35 Il cittadino in situazione di crisi 35 PARTE IV 36 Presentazione dei Servizi 36 - Direzione DSM 36 Servizi per gli abitanti del Municipio VI 38 U.O.C. Territoriale Salute Mentale - Centro di Salute Mentale 38 - Centro Diurno 39 Indirizzi e telefoni utili 39 - Distretto VI - Municipio VI Servizi per gli abitanti del Municipio IX 41 9

10 U.O.C. Territoriale Salute Mentale - Centro di Salute Mentale 41 - Centro Diurno 42 - Centro per l'impresa sociale 42 Indirizzi e telefoni utili 43 - Distretto IX - Municipio IX Servizi per gli abitanti del Municipio XI 45 U.O.C. Territoriale Salute Mentale - Centro di Salute Mentale 45 - Centro Diurno 46 - Comunità Terapeutica Riabilitativa 46 Indirizzi e telefoni utili 47 - Distretto XI - Municipio XI Servizi per gli abitanti del Municipio XII 49 U.O.C. Territoriale Salute Mentale - Centro di Salute Mentale 49 - Centro Diurno 50 - Comunità Terapeutica Riabilitativa 51 Indirizzi e telefoni utili 51 - Distretto XII - Municipio XII I servizi Ospedalieri 53 - U.O.C. Ospedaliera Servizio Psichiatrico di Diagnosi e 53 Cura presso Ospedale San Giovanni - Addolorata - U.O.C. Ospedaliera Servizio Psichiatrico di Diagnosi e 54 Cura presso l'ospedale Sant'Eugenio PARTE V - Standard e impegni per i Servizi Territoriale 55 e Ospedalieri Tempi di attesa per accoglimento e prestazioni nei CSM 55 Umanizzazione e personalizzazione 56 Diritto all'informazione 58 Tempi di attesa per accoglimento e prestazioni nei SPDC 59 Umanizzazione e personalizzazione 59 Diritto all'informazione 60 Confort alberghiero nei SPDC 60 PARTE VI - Sistema tutela e Verifica 62 10

11 Soddisfazione del cittadino 62 Reclami 63 Carta dei Diritti 64 PARTE VII -...ciò che è utile sapere 66 Il ticket 66 - Dove si paga - Chi è esente ticket - Come si diventa esenti - Dove recarsi per diventare esenti Riconoscimento e invalidità civile 69 Riconoscimento benefici Legge 104 per l'handicap 70 Inserimento lavorativo 70 Consulta Dipartimentale per la Salute Mentale 71 Il trattamento sanitario obbligatorio (TSO) 72 Il trattamento sanitario volontario (TSV) 73 PARTE VIII - Versioni essenziali in inglese, spagnolo e 74 francese Versione essenziale in inglese 75 Versione essenziale in spagnolo 82 Versione essenziale in francese 91 11

12 12

13 PREFAZIONE A distanza di qualche anno 1, la scelta di stampare nuovamente la Carta dei Servizi del Dipartimento di Salute Mentale della ASL Roma C cade in un momento di cambiamenti nel nostro paese, in più settori della vita pubblica, che rischiano di pesare in maniera sostanziale sul panorama della tutela della salute mentale. Il progressivo depauperamento dei servizi che di essa si occupano da decenni, si è consumato, inesorabilmente, soprattutto negli ultimi cinque anni, con un accelerazione travolgente negli ultimi due. Nessuno avrebbe pensato che si sarebbe parlato di chiusura di Centri di Salute Mentale o di Centri Diurni etc. (già in più parti del paese non sufficienti a fornire risposte adeguate alla popolazione) quando, forse ingenuamente, si era sempre sperato il contrario. La salute mentale aveva ottenuto molto poco, le riforme risalenti alla fine degli anni settanta non erano mai state portate a termine e in molte zone del paese tanti progetti di rinnovamento hanno stentato a realizzarsi. L attesa è ormai vana, l illusione rischia di trasformarsi in una cocente delusione e la crisi economica, che ci sta investendo, si abbatte anche sui servizi e sulle organizzazioni, che sembravano rappresentare il conseguimento di prerogative alle quali mai più si sarebbe potuto rinunciare. La scelta di una ristampa può risuonare quasi come il canto del cigno ma vuole essere tutt altro. Innanzi tutto, l affermazione di un esistenza/esperienza di cui non si può non tener conto; i cittadini devono conservare il diritto che servizi ed operatori continuino ad operare per la tutela della propria salute mentale non in maniera fittizia ma rispettando standard di qualità che sono ormai esposti al pericolo di non essere più raggiungibili. 1 1 aggiornamento 19 febbraio aggiornamento febbraio aggiornamento dicembre

14 In secondo luogo, il desiderio di continuare a tenere alti gli ideali che hanno guidato la maggior parte di coloro che operano nel settore e che ciascuno ha cercato di rendere attuali nel corso degli anni. Il prendersi cura della persona, il rispetto della sua dignità, la difesa dei suoi diritti sono principi inalienabili, che rendono all operatore della salute mentale il senso profondo del suo lavoro. Infine, il sogno di vedere nuove generazioni di professionisti che abbiano ancora voglia di confrontarsi con il servizio pubblico riconsegnando ad esso il senso di bene comune da conservare, presidiare ed implementare e non come fardello di cui liberarsi. Ancora una volta, la Carta dei Servizi rappresenta per tutti noi il contratto e l impegno con i cittadini. Impegno che cercheremo di portare avanti con la tenacia, l entusiasmo e la consapevolezza che ci orientano. a cura del Nucleo di Valutazione ed Epidemiologia e del Centro Studi e Documentazione "Vieri Marzì" 14

15 Introduzione Una storia non soltanto nostra 1997, Giugno: "è tempo di trasloco fisico e mentale...sto prendendo servizio a Roma per dirigere il Dipartimento di Salute Mentale della Asl Rm C. La rivisitazione mentale delle cose fatte comporta in queste situazioni "critiche" sempre una sensazione di perdita. Alcune cose non torneranno più, se non nella memoria; le sostituiranno altre, di cui si è in attesa, febbrile e un poco preoccupata, comunque fieri di avere accettato la scommessa.... Era l'introduzione, ancora attualissima, di "Quando spunta il sole?", libro piccolo ma significativo e ricco di contenuti, che raccoglie i dodici numeri (uno per mese) del giornale redatto nel SPDC di Mantova dai pazienti lì ricoverati 2. In quei giorni lasciavo Mantova per venire a Roma. La vita riserva sorprese e coincidenze...ora lascio questo Dipartimento con questa introduzione alla nuova edizione della Carta dei Servizi che, più di 10 anni fa, pubblicammo tra i pochi, forse i primi, Dipartimenti, nati sulle ceneri del manicomio. Eravamo ben consapevoli della scommessa in gioco, e di quanto grande essa fosse. L'impegno per garantire qualità ai nostri servizi romani in questi anni è stato enorme; a volte ci siamo sentiti impotenti e non sufficientemente attrezzati, ma c'è l'orgoglio di avere fatto tutto, spesso riuscendoci (lo confermano gli scritti di 2 Con loro ci si riuniva periodicamente e insieme agli operatori si mettevano insieme riflessioni, punti di vista, osservazioni che trascritte costruivano un vero e proprio Gazzettino della vita quotidiana del reparto ma anche del Dipartimento e dei suoi vari servizi, dagli ambulatori territoriali fino ai centri diurni e residenziali. Questo "comitato di redazione", era logicamente un po' instabile per il ricambio di ricoverati: ciò più che un difetto divenne un pregio per il turnover di persone e idee in un vai e vieni ricco di inventiva e fantasia. Nel reparto la contenzione era stata sconfitta già nel primo anno della nostra gestione e le persone anche in crisi acuta venivano gestite e assistite senza essere più legate. Ciò era di grande conforto e segnava il clima del reparto per un lavoro di cura routinario di grande dignità che aveva al centro il rispetto dei diritti dei ricoverati 15

16 Marina Cornacchia e di Francesca Adinolfi, che ringraziamo di cuore), per rispettare quanto ci eravamo ripromessi: costruire un servizio flessibile, capace di accogliere e rispondere in modo efficace alle domande poste, con l obiettivo di contribuire al benessere e al miglioramento della qualità della vita e delle relazioni di tutti. Ci ha dato spesso coraggio il gusto di essere stati scelti da Andrea Alesini, primo Direttore Generale della ASL della neonata aziendalizzazione, medico igienista...generoso e colmo di impeto ideale...che aveva già iniziato una riorganizzazione radicale della ASL...valorizzando lavoro e impegni di coloro che lo meritavano...inaugurando una fase intensa e originale centrata sul rapporto diretto con l'utenza... La sua reggenza fu breve, troppo, una primavera, l'espace d'un matin, inversamente proporzionale al ricordo, grande grande, che serbiamo di lui, carico di stima, affetto e commozione 3. Una Carta dei Servizi, a maggior ragione se di salute mentale, la pensiamo pret a porter, un tomtom per orientarsi nei luoghi do- 3 Di Andrea abbiamo un ricordo ormai lontano nel tempo, ma vivissimo, che fa ancora parte della cassetta degli attrezzi che in questi 15 anni ci ha accompagnato, ombrello contro le intemperie. Lo incontrammo, una sola volta purtroppo, per il tragico destino che ne segnò l'esistenza, nel 1996, fine Gennaio o inizio Febbraio, comunque nell imminenza del carnevale. Ci ricordiamo bene quando, perché ci offrì delle frappe, dolci di quel periodo, che gli avevano regalato e che erano sul suo tavolo. Malgrado il suo ruolo di direttore generale si iniziò in modo subito non formale e molto cordiale. Con lui avevamo in comune tante cose senza esserci mai conosciuti prima, sicuramente una visione democratica del lavoro istituzionale nel pubblico. Ci si dette subito del tu e non solo per un fatto corporativo (era anche lui un medico e tra colleghi è uso darsi del tu). La sua esperienza in campo di riforma sanitaria, la famosa 833 di cui era stato, per la sua competenza e origine umbra, tra gli artefici, fu subito un terreno di confronto e molte cose si scoprirono patrimonio comune. Eravamo fermamente convinti che la Salute non è una merce e tanto meno la Salute Mentale e che, come scrive Luciana Castellina, era evidente che il progresso, nell'orizzonte del capitale, non avrebbe portato più libertà, ma meno, anzi imbarbarimento. Vi era anche la appartenenza ad associazioni gemelle, Medicina Democratica lui, Psichiatria Democratica noi. Ma quello che sorprese ambedue, quando si arrivò a un livello di confidenzialità, sbocco naturale di un rapporto costruito in modo sorprendentemente rapido, fu che eravamo nati lo stesso anno, 1949, lo stesso mese, Gennaio e quasi lo stesso giorno, 16 e 18. Sembrò un segno del destino e scherzando, da buoni Capricorno, testardi, concreti e utopisti insieme, ci ripromettemmo tante belle, importanti, cose da fare insieme per inverare quella frase che era una delle sue: sembra assurdo che i servizi nati per l uomo debbano essere ricondotti ad una dimensione umana perché l hanno persa o mai l hanno avuta. Eppure è questo l unico o- biettivo concreto: rimettere gli uomini e le donne al centro del sistema e che sempre ci accompagna. Un mese dopo si seppe che aveva un cancro all intestino. Morirà dopo nove mesi nella notte di Natale del 1996 a soli 48 anni. 16

17 ve si va se non si sta bene di testa, che sia (mi si passi un'altra metafora) come un Portolano, quaderno presente in ogni imbarcazione (non siamo tutti nella stessa barca?) con le coste, le loro tipicità e punti di repere, ma anche gli scogli, i ripari, i relitti, i ridossi: una mappa che sappia indicare, visto che di salute mentale parliamo, anche i rischi che si annidano ancora, a manicomio morto e sepolto, se si entra, per forza o per voglia, nel circuito psichiatrico. La geografia di questi luoghi è costruita non solo su spazi fisici ma anche sulle parole, sui sentimenti, prodotti dalle dimensioni spesso intangibili, come la comunicazione, l'intersoggettività, il legame sociale, lo scambio, i simboli. Più che il quanto, unità di misura è il come, la visibilità, la cooperazione, gli affetti in gioco ed è facile perdervi contrattualità sociale, dilapidare il potere di esercizio dei ruoli, affettivi, relazionali, familiari, lavorativi, che ci fanno cittadini, vedere scemare progressivamente i diritti, i più elementari di sopravvivenza biologica e sociale ma anche quelli più sofisticati, di comunicazione e di critica (la scienza delle malattie mentali negli "asili" della follia, per Foucault, sarà solo e sempre osservazione e classificazione, senza possibilità alcuna di dialogo). Tanto più se chi fornisce la prestazione è solo un erogatore e chi la usa, un utilizzatore passivo. Li volevamo, questi servizi, e lo scrivemmo già anni fa, non crocevia di controlli e consensi per legittimare l assetto sociale dato ma piuttosto punti di osservazione privilegiati, capaci di sbirciare l'apparato sociale nel suo insieme; servizi non solo, e non più, di psichiatria ma di salute mentale di comunità dove rispondere alle domande d aiuto fosse partecipare ad arricchire la capacità di fronteggiare la sofferenza ma anche impegnati a ridurre fratture e barriere sociali, invertire processi di selezione e di esclusione, coniugare la dimensione individuale con quella del benessere collettivo; servizi che fossero spazi di transito dei bisogni della gente, sempre più nel tessuto della Comunità, con rapporti progressivamente più stretti con i Municipi di riferimento, nell'utopia attiva e concreta di diventare luoghi di scambio, comunicazione e cultura, veri mercati di reciprocità. 17

18 Nel Barone rampante Italo Calvino narra di due fratelli: uno, Cosimo, è stanco del conformismo che lo circonda, disubbidisce al mondo, sale su un albero e ci resta tutta la vita. L'altro, Biagio, è invece ben radicato sulla terra, ligio ai doveri della realtà. Le due dimensioni (spesso la letteratura nel narrare il verosimile e il fantastico apre la strada a una maggiore comprensione della realtà) descritte con ironia e intelligenza fanno "sognare" un servizio con le radici (Biagio) ma anche (Cosimo) con le ali: il realismo non deve andare a discapito della trasformazione dei possibili, latenti nella realtà e che la realtà tradizionale a volte nasconde. Forse troppo candidamente, abbiamo auspicato che nei servizi la necessità solidaristica di equità e giustizia potesse convivere con la necessità aziendale di far quadrare i conti senza esserne sopraffatta. Su tutto ciò è calato il maglio della crisi senza prospettiva, della crescita obbligatoria, del profitto finanziario, della competitività con tutto ciò che poi è seguito: piani di rientro, spending review, rigore dei criteri di Maastricht. Al governo democratico, per Niklas Luhmann, si è sostituita la tecnocrazia e la governance. L'unica verità, sembra, quella degli economisti, ossessionati dal debito pubblico, dalla caduta del pil per cui sono infondate proposte, che non parlino che della morte di cui deve morire la sanità pubblica. E invece grandi economisti (Adam Smith, Stuart Mill, Keynes...) sono stati filosofi della politica e della morale e logiche di economia possono rendere compossibili diritti e limiti (confortano Nobel come Krugmann o Stieglitz), sposando impegni su questioni di valore che tengano conto di fattori sociali, etici, politici nel senso migliore del termine. Con parole più semplici ma non meno efficaci lo scrive in questa Carta, Marina Cornacchia, Presidente della Consulta di Roma capitale. Diceva Vieri Marzi, grande psichiatra basagliano, morto troppo presto: Se non sei disposto a cambiare il mondo con lo psicotico, non puoi curarlo e Edgar Morin: Più un sistema è complesso, più la solidarietà è un obbligo, non un optional. Al dogma neoliberista si è affiancato purtroppo un ingravescente, rovinoso disinteresse degli amministratori via via succedutisi, con qualche eccezione, a volte impensabile e non prevista, visto che, passateci un po' d'ironia, veniva dai loro e non dai no- 18

19 stri. Torna alla mente la metafora di Adorno sulla stupidità 4. Ma nessuna stupidità potrà cancellare che i matti, hommes infames, sono ridiventati persone, che i servizi non sono più gli archivi polverosi di dolore di foucaultiana memoria ma possibili spazi aperti di solidarietà e accoglienza, dove la vita è scandita dai tempi del quotidiano, corali e collettivi e che un bagno di passioni ha travolto la psichiatria (gli psichiatri?) senza cuore e senza anima, non in astratto, ma sul campo di battaglia dove si sono risentite voci mute da decenni, diventate prima timidi balbettii, poi diritti, rivendicati e riacquisiti, di partecipazione e libertà. Tutto ciò che tanti portatori di speranze collettive 5 hanno pensato possibile si è realizzato ed è ormai parte della Storia, che non è soltanto nostra, ma di tutti, soprattutto dei pazienti, una Storia per una volta scritta dai cosiddetti perdenti, e non dai vincitori. "Quando un vasaio si ritira, lascia al vasaio più giovane il suo vaso migliore e in questa vera e propria cerimonia di iniziazione il giovane non conserva il capolavoro, solo contemplandolo e ammirandolo, ma lo butta per terra, rompendolo in mille pezzi, che poi raccoglie e incorpora nella sua argilla...": è leggenda profana, dalla memoria orale degli indigeni dell'america nordoccidentale. Quale vaso lasciare? Quale il migliore? Tante esperienze merita- 4 l intelligenza che è creatività, somiglia alle antenne della chiocciola, scrive Adorno. Qualcuno colpisce le antenne perché queste si ritraggano e ogni volta la chiocciola le riporta fuori, perché continuino a esplorare il mondo attorno. Ma se di nuovo arriva il colpo, le antenne si ritraggono, e a ogni colpo la chiocciola tarda di più a estroflettere la sensibilità, e ogni volta le estroflette un po meno. E tuttavia quelle antenne esistono, quella sensibilità è annidata da qualche parte, è democraticamente diffusa ai quattro angoli del mondo, e chi coltiva la passione della democrazia la va a cercare... da Lidia Campagnano, Gli anni del disordine: Ed. La Tartaruga, Milano, E' la traduzione di "Hoffnungstrager", l'appellativo con cui venivano indicati i "Grunen", i Verdi, in Germania sin dalla loro prima apparizione politica. Lo scrive Alexander Langer il 21/10/1992 su "il manifesto" in un commosso ricordo di Petra Kelly, morta drammaticamente insieme al suo compagno ("Addio, Petra Kelly"). Anche Alexander Langer morirà tragicamente, suicida, a Firenze nel Luglio del

20 no ma scegliamo quella nella Scuola, nelle scuole, ad Arezzo, Genova, Mantova, Roma, con centinaia di studenti e professori. Punti di riferimento comuni: la Costituzione, la Carta dei diritti dell Unione Europea, la Dichiarazione universale dei diritti dell uomo, la in un reciproco apprendimento abbiamo affrontato il pregiudizio che segna ancora il matto, "naturalmente" irrecuperabile, pericoloso, cronico e che sporca il senso di una delle battaglie (anche politiche) più umane condotte negli ultimi 150 anni di storia italiana, una rivoluzione culturale e sociale che ha portato alla liberazione dei malati prima, alla nuova legge, di civiltà e progresso, poi. In me esisteva l'idea che fosse pericoloso... poi abbiamo vissuto con loro anche se per poco tempo, in casa famiglia abbiamo mangiato insieme, è stata un'esperienza forte. Siamo entrate con una visione, siamo uscite piene di gioia e con tutt'altro pensiero narra Cristina, studentessa. "...Era forte la prevenzione, la paura ad affrontare queste persone ma, vivendo e parlando con loro, il clima si è sciolto del tutto e l'opinione cambiata; ritengo che tale esperienza valga molto di più di un qualsiasi libro letto ribadisce la professoressa (cfr. "Chi ha paura della follia? - La 180 nella Scuola: roba da matti", Armando ed., scritto con Mariella Ciani, professoressa e Angelo Di Gennaro psicologo). Non si sono volute dare risposte ma stimolare domande: è possibile demarcare una volta per tutte ragione e follia? chi stabilisce che uno è sano e l'altro pazzo? Si può recuperare, nello sguardo di chi ci chiede aiuto, un punto di partenza per un sogno di libertà? In queste sfide abbiamo visto tanti giovani crescere e partecipare sempre più maturi alla vita scolastica prima, a quella sociale poi. Migliore commiato ci pare non possa esserci delle parole che Franco Basaglia nel 1979, a pochi mesi dalla morte, diceva in Brasile (cfr. le "Conferenze brasiliane") quando coinvolse in riflessioni pubbliche sul significato del suo lavoro centinaia di persone, di varia umanità e professionalità: Io sono come il menestrello medievale che attraversa i villaggi e se ne va. Quando partirò, il palco non dovrà restare vuoto. E il palco (lo abbiamo fantasiato, e, come nelle favole, avveniva davvero!!!) d'incanto si popolava di tutti quei protagonisti, pazienti e poi familiari e via 20

21 via infermieri, medici, assistenti sociali, psicologi, amministratori, politici, sindacalisti, giornalisti, studenti, persone di cultura, ma anche semplici, sensibili cittadini che hanno reso possibile questa impresa collettiva, iniziata in frontiera con creatività, pazienza, fiducia nel confronto, nella ricerca, nella forza della ragione, e che, per Francesco De Peri, chiude il ciclo delle grandi utopie sociali ottocentesche". Dott. Luigi Attenasio Direttore Dipartimento Salute Mentale ASL Roma C 21

22 Intervento del Presidente della Consulta cittadina permanente per la salute mentale di Roma Capitale Ci ritroviamo alla seconda emissione della Carta dei Servizi del Dipartimento di Salute Mentale della ASL RM C. Gli anni trascorsi dalla prima edizione hanno ancora di più permesso il consolidamento del forte legame, fatto di lavoro, di collaborazione, di condivisione, ma anche all occorrenza di sano confronto tra servizi territoriali e Consulta Cittadina. La Carta dei Servizi per noi significa l impegno che il servizio pubblico dichiara di mettere a disposizione dei cittadini del proprio territorio. Mai come in questo momento di distacco delle Istituzioni dalla dura quotidianità vissuta dal resto della popolazione, che si traduce per noi nella chiusura e in tagli indiscriminati di servizi essenziali, l emissione di questo documento è un atto di coraggio degli operatori del DSM per indicare e dare ai cittadini uno strumento che possa aiutarli a trovare una strada percorribile nella ricerca di sostegno e di cura, malgrado i tempi non certo favorevoli. Giorno per giorno si vive il continuo attacco al servizio pubblico, incomprensibile ma spiegabilissimo se si considerano i tanti, troppi, interessi che le materie sanità o sociale scatenano. Stiamo assistendo ad un lento ripiegamento e ripensamento su quanto era in essere a favore dei cittadini, tutto il sistema del welfare nazionale e territoriale è entrato in crisi a causa principalmente dello scadimento generalizzato della politica, della sua incapacità sia a programmare che a sostenere economicamente a lungo termine gli interventi necessari, sia ad assumersi la responsabilità della corretta gestione del bene comune. Comunque e malgrado tutto noi siamo ancora qui, a continuare a difendere e a dare voce a tutti coloro che si rivolgono al DSM nelle sue varie espressioni ed estensioni, a collaborare con gli operatori nel portare avanti temi come prevenzione, riabilitazione, reinserimento lavorativo ed inclusione sociale, a rendere la nostra presenza più visibile e costante nel territorio per mantene- 22

23 re, ove possibile incrementare e diversificare per aggiornarlo ai tempi, quanto in questi ultimi decenni si è conquistato. Abbiamo lottato e continueremo a lottare sostenendo il servizio pubblico per veder rispettati i diritti inviolabili e fondamentali delle persone sofferenti e delle loro famiglie, parlando di loro ma soprattutto con loro. Dando voce al loro disagio e rappresentandolo con forza nelle varie sedi e tavoli istituzionali. Grazie, quindi, al DSM RMC, dal Direttore a tutti gli operatori che collaborano con noi, grazie, soprattutto alle famiglie e agli utenti, per il sostegno nella nostra azione, ricordando che la forza delle famiglie sta nel rifiutare la solitudine, non piegare la testa, e non arrendersi mai. La Presidente Dott.ssa Marinella Cornacchia 23

24 Intervento della Presidente della Consulta Dipartimentale La Carta dei Servizi del Dipartimento di Salute Mentale della ASL RM C è alla sua seconda edizione e quindi il giudizio sul suo livello di validità quale strumento conoscitivo e conseguentemente operativo inserito nel sistema socio-sanitario del DSM in questione è molto impegnativo se ad esprimerlo è stata chiamata questa Consulta Dipartimentale e ciò per vari motivi. In primo luogo perché, se la precedente edizione ha comunque soddisfatto le aspettative di coloro che avevano bisogno di conoscere con esattezza le vie da percorrere per accedere all utilizzazione dei servizi pubblici, nella seconda edizione si è dovuto tenere conto delle esperienze acquisite negli anni in cui questo documento è stato utilizzato, anche considerando le notevoli variazioni intervenute sul territorio con riguardo, da un lato, alle Istituzioni regionali e comunali e dall altro al numero sempre crescente degli utenti e delle loro diversificate tipologie, mentre si verificava una costante riduzione delle risorse umane ed economiche fornite alle strutture pubbliche a vantaggio di quelle private che dovrebbero entrambe assicurare ai disabili psichiatrici una adeguata assistenza non certo in modo concorrenziale. A tale riguardo questa Consulta vuole invece evidenziare la circostanza che, mentre le strutture pubbliche debbono accogliere le richieste di tutti i cittadini ed anche di coloro che cittadini non sono i quali rivendicano il loro diritto alle cure ed al sostegno socio-economico, le strutture private, essendo aziende, non hanno tale obbligo e considerano coloro che accedono alle loro cure clienti per i quali qualcuno nella fattispecie gli Enti pubblici territoriali pagherà le spese, sottraendo dai fondi destinati alle strutture pubbliche, le somme richieste. In secondo luogo perché la Consulta Dipartimentale è l anello di congiunzione dei portatori di disagio o disturbo mentale nelle loro famiglie con le dette strutture pubbliche, e alle associazioni territoriali interessate e, poiché il suo compito istituzionale è quello di collaborare con il DSM anche verificando la buona realizzazione dei programmi e proponendo interventi mi- 24

25 gliorativi, ovvio che la valutazione della pubblicazione non può essere che severa. Ciò posto, tale valutazione alla luce delle considerazioni sopra riportate ed a seguito della lettura delle istruzioni e spiegazioni fornite in maniera precisa ed esaustiva, è decisamente positiva. Inoltre questo giudizio è ancora più consapevole perché la nuova edizione della Carta dei Servizi è la conferma della forte volontà del DSM di assicurare ai propri utenti ogni possibile supporto alle loro giuste esigenze di carattere medico e sociale. Questo in un periodo in cui è di tutta evidenza la miopia delle I- stituzioni, tese più verso obiettivi inerenti la quadratura dei conti, peraltro non disastrati dalle spese previste per il sistema sanità che invece era e dovrebbe ritornare ad essere un fiore all occhiello dell Italia. La Presidente Dott.ssa Francesca Adinolfi Marinelli 25

26 CHE COSA E LA CARTA DEI SERVIZI LA STORIA Negli anni il Nucleo Valutazione ed Epidemiologia (Nuvep) del DSM della Azienda Sanitaria Locale (Asl) Roma C ha realizzato la prima Indagine sulla soddisfazione degli utenti e dei loro familiari 6. I risultati ottenuti indicarono che il livello di soddisfazione diminuiva in relazione all inadeguatezza degli ambienti fisici dei servizi, dell informazione nelle sue molteplici dimensioni, della qualità e quantità di risposte ai bisogni sociali. Sulla base di quella esperienza 7 abbiamo predisposto la Carta dei 6 GRUPPO DI LAVORO STORICO Dr. Cozza M., Dr.ssa M. Amara, Dr. G. Infantino, Dr.ssa A. M. Monti, Dr.ssa I. Capasso, Ass. Soc. C. Tilli, Dr.ssa A. Bongiovanni, Dr.ssa L. Trinca, Ass. Soc. E. Pace, Dr. A. Piro, Dr.ssa A. Marra, Inf. Prof. D. Rossetti, Inf. Prof. R. Sacripanti, D.A.I. G. Leone, Dr.ssa S. Bartolomei, Inf. Prof. C. Mancinelli, Inf. Prof. D. Infuso, Dr. G. Bertagna, Inf. Prof. M. Andracchio, Dr.ssa C. Aporti, Dr.ssa S. Bartolomei, Inf. Prof. T. Bianchini, com. am. C. Bocci, Dr. N. Butera, Dr. R. Ciavoni, Dr.ssa A. Cosentini, Dr. G. Derme, Dr.ssa P. De Santis, Inf. Prof. F. De Fabiani, Dr.ssa M. Lazzari, Dr.ssa C. Lozza, Dr. S. Nascimbeni, Inf. Prof. P. Notarantonio, Dr.ssa M. L. Rocco, Dr. L. Spadaro, Inf. Prof. R. Sacripanti, Dr. S. Caddeo, Dr.ssa R. Castellani, Dr. G. Fiorillo e Dr. G. Valeri. Si ringraziano tutti gli operatori del DSM che con interesse, hanno partecipato alla realizzazione della Carta dei Servizi e a garantire con la consueta professionalità il rispetto degli impegni presi. 7 UNA IMPRESA COLLETTIVA Introduzione del Dr. Luigi Attenasio, Direttore del Dsm Asl Roma C I servizi territoriali di salute mentale sono nati dalla decostruzione e chiusura del manicomio e lo hanno superato completamente. In questi servizi del dopo riforma, a buon diritto di salute mentale e non di psichiatria, L obbligo di prendersi cura non è più scollegato dai tempi e dagli spazi del vivere quotidiano per i nessi, ormai evidenti, tra sofferenza e condizione storiche e contestuali di esistenza. Siamo costretti, pertanto, a molteplici sfide: che la necessità solidaristica di equità e giustizia possa convivere con la necessità aziendale di far quadrare i conti senza esserne sopraffatta; che gli oggetti prodotti, materiale dalle dimensioni intangibili e ricco di simboli siano la comunicazione, lo scambio, il legame sociale, l intersoggettività; che l unità di misura 26

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO MEDICO DI FAMIGLIA Molte persone si rivolgono al medico di base (o medico di famiglia ) come ad un medico che compila e fornisce ricette per farmaci

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Attività professionale WILMA ANGELA RENATA DI NAPOLI. Telefono 335-7504235 Fax

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Attività professionale WILMA ANGELA RENATA DI NAPOLI. Telefono 335-7504235 Fax CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono 335-7504235 Fax E-mail WILMA ANGELA RENATA DI NAPOLI VIA MARIGHETTO 110, TRENTO WILMAANGELA.DINAPOLI@APSS.TN.IT Nazionalità

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi le politiche CONFRONTI 3/2011 163 Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi Migliorando le condizioni di vita e spostandosi più in là le frontiere della medicina, da

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini E VERSO I CITTADINI RICONOSCERE IL PERSONALE ASPETTI RELAZIONALI UMANIZZAZIONE Garantire la riconoscibilità del personale che svolge servizio al pubblico Garantire il miglioramento dei rapporti tra gli

Dettagli

IMPARARE A DIRSI ADDIO

IMPARARE A DIRSI ADDIO IMPARARE A DIRSI ADDIO Quando la vita volge al termine: guida per familiari, operatori sanitari, volontari Se avete paura, leggete questo libro. Questo libro parla di un argomento proibito. Parla di una

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI TITOLO SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI AUTORI Giuseppe Cardamone (1), Edvige Facchi (2), Rita Pescosolido (3) (1) Direttore DSM ASL 9 di Grosseto

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DI GESTIONE Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pagina 1 di 5 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott. Luca Secchi. Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pag.2 di 5 1. FINALITA DELLA STRUTTURA 1.1.

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

La Cooperativa FILO DI ARIANNA

La Cooperativa FILO DI ARIANNA Salute mentale La Cooperativa FILO DI ARIANNA La Cooperativa Filo di Arianna è stata fondata nel 1995 a Monza. Nel 1999 assorbe servizi dell Area socio-sanitaria e socio-assistenziale da Caritas Ambrosiana.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COOPERATIVA ESPERANTO

CARTA DEI SERVIZI COOPERATIVA ESPERANTO CARTA DEI SERVIZI COOPERATIVA ESPERANTO Presidio Sanitario Esperanto Attività riabilitativa estensiva e di mantenimento, semiresidenziale e non residenziale per soggetti maggiori di anni 14 affetti da

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa A cura della Rete europea per i diritti e i doveri dei pazienti e degli operatori sanitari della Association

Dettagli

Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI

Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI Via Miranese 18 30035 Mirano (VE) Tel: 041 5795501 Fax: 041 5795501 e-mail: csm.mirano@ulss13mirano.ven.it DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direttore Dr.ssa

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Carta dei Servizi SERVIZI DI QUALITA

Carta dei Servizi SERVIZI DI QUALITA Carta dei Servizi SERVIZI DI QUALITA Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di religione, di opinioni politiche, personali

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSISTENZA PSICHIATRICA

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSISTENZA PSICHIATRICA La posizione della Società Italiana di Psichiatria sulla Proposta di Testo Unificato DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSISTENZA PSICHIATRICA Documento approvato dalla Conferenza delle Sezioni Regionali della

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO

AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA S. LUIGI GONZAGA IN COLLABORAZIONE CON ASL TO 3 ISTITUZIONE E istituito presso la, il Master di I livello

Dettagli

CENTRO di RIABILITAZIONE ambulatoriale day hospital tempo pieno vedano olona (va)

CENTRO di RIABILITAZIONE ambulatoriale day hospital tempo pieno vedano olona (va) A S S O C I A Z I O N E A S S O C I A Z I O N E VIA DON LUIGI MONZA, 10 21040 VEDANO OLONA (VA) TEL. 0332.866080 F AX 0332.400208 WWW. LANOSTRAFAMIGLIA. IT E - MAIL: LNFVEDANO@ TIN. IT C.F. E P. IVA: 00307430132

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base Questa guida vuol rendere più facile l accesso ai Servizi che vengono erogati nel Quartiere 3 di Firenze dall Azienda sanitaria a cui fanno capo in convenzione i medici di famiglia, i pediatri con i loro

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

Carta dei servizi. Ultimo aggiornamento 27.3.2012

Carta dei servizi. Ultimo aggiornamento 27.3.2012 Ultimo aggiornamento 27.3.2012 CENTRO DIURNO INTEGRATO LA CORTE Carta dei servizi Il Centro Diurno Integrato La Corte si trova a Vignate, in via Fermi 39, in una struttura appositamente realizzata dal

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Crisi economica e suicidi in italia

Crisi economica e suicidi in italia a cura del dottor Roberto ciavoni Sociologo Crisi economica e suicidi in italia Crisi e suicidio nel mondo del lavoro Parlarne senza Tabù è la prima forma Di Prevenzione Crisi economica e suicidi in italia

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK a cura di Sara Ferrari volontaria del Servizio Civile Nazionale Garanzia Giovani progetto ed elaborazione grafica

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Pronto! Io ci sono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A01 OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il Progetto la P.A Ente Corpo Volontari Protezione Civile

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Lezione del 30 novembre 2013 I Servizi Sociali nelle ASL Docente: Alessandra

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI

CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI N 32 Ottobre 2009 Commissione Odontoiatri Presidente Valerio Brucoli Segretario Ercole Romagnoli Componenti Dino Dini Claudio Gatti Luigi Paglia CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana Paganella e Cembra Centro Servizi Sanitari 38100 Trento - U.O. DI ASSISTENZA PRIMARIA CARTA DEL SERVIZIO CURE

Dettagli

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico Chi siamo Associazione nata a Brugherio nel 2000 da un gruppo di persone che ha vissuto l esperienza del tumore, convinti della necessità di dare risposta alle molteplici e complesse problematiche che

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati. La Camera, La Camera, premesso che: premesso che:

Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati. La Camera, La Camera, premesso che: premesso che: Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati al comma 3 dell articolo 1 della presente legge è previsto: i pazienti terminali o in condizioni di morte prevista come imminente hanno diritto a essere assistiti

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE

A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE Osservazioni generali Osservazioni al PSSR Si evidenziano solo alcune tra le criticità più rilevanti, la dove riguardano anche la salute

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO 1 Il Distretto socio-sanitario dell ambito di Monza (Monza, Brugherio e Villasanta) ha predisposto anche per l anno

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

PER UNA CARTA DELL ANIMAZIONE

PER UNA CARTA DELL ANIMAZIONE PER UNA CARTA DELL ANIMAZIONE (documento in progress) 2 PER UNA CARTA DELL ANIMAZIONE COSA SIGNIFICA ANIMAZIONE IN CAMPO GERONTOLOGICO Etimologicamente la parola animazione deriva dal verbo animare che,

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA A S S E S S O R A T O A L L E P O L I T I C H E S O C I A L I E A L L O S P O R T DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE E DELL ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI EROGATORI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione. La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress.

SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione. La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress. SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress. Dalla teoria... La formazione, nel campo della riabilitazione

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA Presentazione L organizzazione dei Servizi Sociali a favore

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 C A R T A D E I S E R V I Z I U n i t à O p e r a t i v a d i G e r i a t r i a Presidio Ospedaliero di Dolo Complesso

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO voce 4 - TITOLO DEL PROGETTO:Unicità della persona nel sociale voce 5 - SETTORE e Area di Intervento: Assistenza: A1 - Anziani voce 7 - OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE CUP AZIENDALE E RECUP REGIONALE

CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE CUP AZIENDALE E RECUP REGIONALE CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE CUP AZIENDALE E RECUP REGIONALE Il sistema di prenotazione RECUP con adozione di giuste deliberazioni della Regione Lazio del 2005/2006, è gestito dalla stessa Regione Lazio,

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Gli assistenti sociali nelle ASL del Lazio: numeri e distribuzione. Paola De Riù, vice Presidente CROAS Lazio - ASL Viterbo

Gli assistenti sociali nelle ASL del Lazio: numeri e distribuzione. Paola De Riù, vice Presidente CROAS Lazio - ASL Viterbo Gli assistenti sociali nelle ASL del Lazio: numeri e distribuzione Paola De Riù, vice Presidente CROAS Lazio - ASL Viterbo Come eravamo La figura professionale dell assistente sociale nella sanità è stata

Dettagli

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI MEDICINA INTERNA Ospedale di Santa Margherita Ligure Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI Capo Sala : Sig.ra Giulia PARETI DOVE SIAMO La struttura è situata al TERZO piano dell Ospedale di Santa Margherita

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO Il presente regolamento si compone di n. 6 pagine, compresa la

Dettagli