Gruppo Una copia 1,00 DON ZENO p. 4/5 ANNIVERSARI p. 15 AZIONE CATTOLICA p. 11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Una copia 1,00 DON ZENO p. 4/5 ANNIVERSARI p. 15 AZIONE CATTOLICA p. 11"

Transcript

1 Le scatole sempre pronte......per muovere i vostri abiti. Le scatole sempre pronte......per muovere i vostri abiti. CLOTHES-PACK è il prodotto sempre pronto a magazzino, ideale per il settore tessile, le imprese di traslochi ed i privati. - Consegne all istante - Varie misure pronte - Tanti accessori - Prezzi convenienti SETTIMANALE DELLA DIOCESI DI CARPI CLOTHES-PACK è il prodotto sempre pronto a magazzino, ideale per il settore tessile, le imprese di traslochi ed i privati. - Consegne all istante - Varie misure pronte - Tanti accessori - Prezzi convenienti Numero 22 - Anno 23º Domenica 8 giugno CBM srl Via Archimede, Limidi di Soliera (Mo) Tel Fax Gruppo Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 nr. 46) art. 1, comma 1, DCB Ufficio Postale di Carpi (MO) CBM srl Via Archimede, Limidi di Soliera (Mo) Tel Fax Gruppo Una copia 1,00 DON ZENO p. 4/5 ANNIVERSARI p. 15 AZIONE CATTOLICA p. 11 Tra fiction e documentario I carpigiani nel cast EDITORIALE Si discute di rom, immigrati, sicurezza tra diritti e solidarietà Legalità e accoglienza Stefano Facchini* om, immigrati, sicurezza sono i temi da alcune R settimane al centro del dibattito pubblico nazionale. E a livello locale? A Carpi non ci sono Rom, i nomadi presenti appartengono ai Sinti. Nel territorio della diocesi il numero degli immigrati si attesta tra il 10-15% della popolazione, sulla scia di quanto avviene nel nord Italia e nel resto d Europa. Secondo le ultime rilevazioni aumenta costantemente tra i nostri concittadini la percentuale di coloro che si sentono meno sicuri e che temono reati contro la proprietà. Furti e rapine sono effettivamente in aumento. Come reagire allora a questo quadro che presenta luci e ombre problematiche? Nomadi E vero che a Carpi non ci sono i Rom ma non per questo i nostri Sinti sono amati e ben voluti. Deve comunque far riflettere che qui i problemi sono meno gravi che altrove almeno per due motivi: le comunità zingare che si stabilizzano pongono, di fatto, meno problemi di ordine pubblico rispetto a quelle che non trovano nido. Qualcuno dice che, per taciti accordi di convivenza, se i residenti di un campo nomadi stabile devono commettere qualche reato, lo fanno nei territori vicini ma raramente nel comune di residenza. Questo anche perché, ed è l altro motivo, nel tempo stabiliscono relazioni con i non zingari, coi servizi pubblici, beneficiano di servizi appositi, nascono cooperative, matrimoni misti. A Carpi non abbiamo assistito a baracche spianate, a roulottes fatte a pezzi con i ragni meccanici, a roghi fatti di povere cose, vestiti, stoviglie, coperte da distruggere. Le persone presenti al campo di Carpi si sono dimezzate in questi anni, passando da oltre 100 a poco più di 50: non sembra un numero impossibile da aiutare ed integrare. Immigrati Come ha detto un esperto, Enzo Maria Napolitano, in Italia ha vinto il multiculturalismo pragmatico : nessun problema a convivere con quelli di cui non possiamo fare a meno. Una icona può essere rappresentata dal modello veneto : intollerante a parole ma molto efficace nel produrre integrazione, perchè conviene innanzitutto ai veneti stessi. Di quel 10% di stranieri non si può fare a meno, dal momento che è pari a 122 miliardi di L attualità di una proposta A Mirandola il 60 di fondazione del guidismo Da sinistra Alberto, Maria Adele, Lara, Mario Marri Sicurezza Reati in città Più furti, meno rapine, tanta litigiosità Dopo tre anni di lavori presentato il nuovo Palazzo Foresti: un ristorante, negozi, uffici, abitazioni e soprattutto lo spazio espositivo per la Collezione Marri, 130 quadri dell Ottocento italiano Progetto nobile Mercato del contadino Avanti piano I pareri cauti delle associazioni di commercio 7 8 euro la quota di PIL prodotta dagli immigrati, senza contare la quota prodotta dai circa clandestini che lavorano e vivono PAGINA PAGINA Regole, libertà, bene comune Secondo fine settimana di Festa Mirandola Vera integrazione Al via la terza Festa multiculturale PAGINA 9 Avo 17 PAGINA Guardare avanti Un progetto con la scuola per educare alla cura 10 PAGINA

2 2 OPERTINA COPERTINA Il mondo vuole preti Il vescovo Alessandro Maggiolini ha festeggiato il giubileo dell ordinazione episcopale avvenuta nella Cattedrale di Carpi il 29 maggio 1983 Sintesi dell omelia di monsignor Alessandro Maggiolini nella Messa del 25 anniversario di servizio Episcopale giugno 1955: 53 anni di servizio presbiterale; 29 maggio 1983: 25 anni di servizio episcopale. Mi sono chiesto se oggi sono chiamato a celebrare una festa o a vivere un dolore da ricevere e da ripresentare a Dio. Ho ringraziato a lungo e profondamente il Signore per il sacerdozio che ho passato nei Seminari milanesi e in Università Cattolica nell insegnamento della Filosofia e della Teologia: ho sperimentato un contatto personale con gli alunni quasi una paternità di bellezza che, con la Ordinazione a Vescovo, ha assunto un poco lo schema del professore, di una guida di studio, amministrativa, docente, o di un manager. Ricordo l Episcopato come una punizione che la Chiesa mi ha inflitto, se penso alle fragilità e alle negligenze che sono stato chiamato a confessare. Il Signore mi usi misericordia e mi aiuti. 26 Scoperta graduale di chi è il prete Il prete non può sostituirsi a Cristo: se così facesse, formerebbe una Chiesa umana slabbrata, scentrata e squinternata un armata Brancaleone -, mentre la verità e la salvezza derivano dall unico e sommo sacerdote che è il Signore Gesù. Occorre essere cauti nell usare la dicitura alter Christus: eppure il sacerdote è in modo particolare alter Christus, anzi ipse Christus, in quanto attualizza e rende concreta e presente la rivelazione e la redenzione. Perdesse la fede anche a poco a poco, anche quasi senza accorgersene -, egli rinuncerebbe all umano e al divino: non sarebbe più né uomo riuscito, né vero rappresentante di Cristo: diventerebbe un essere inutile e un personaggio ingombrante. Un certo egualitarismo soprannaturale che vorrebbe tutti i credenti preti finirebbe per cancellarsi nella propria originalità cristiana che ha Cristo come Capo e Vescovo dei vescovi. Tutti preti nella Chiesa? Allora, nessun prete. Allora nessuna Chiesa Il prete, uomo della Parola di Dio La Parola di Dio va quasi saputa a memoria, appresa dal cuore e comunicata come un fatto che sta avvenendo in noi e per noi oggi, adesso; e si comprende che la predica non è un gioco letterario, ma un fatto reale e salvifico che ci prende e ci cambia. Non guasterà un velo di poesia in questa proposta del consegnarsi di Dio sulla nostra miseria. Non guasterà neppure un minimo di competenza per non rifarsi a Sacro Cuore, centro del cristianesimo: sacerdozio, centro della Chiesa Monsignor Alessandro Maggiolini con a fianco monsignor Duilio Franciosi nel giorno dell ordinazione episcopale, il 29 maggio 1983 na folla di fedeli si è assiepata in Cattedrale a Como venerdì 30 maggio per festeggiare il 25 di ordinazione episcopale di monsignor Alessandro Maggiolini. Significativo il titolo scelto da Maggiolini per la sua articolata omelia, nel giorno che la Chiesa dedica al Sacro Cuore e alla santificazione dei preti: Sacro Cuore, centro del cristianesimo; sacerdozio, centro della Chiesa. La riflessione di Maggiolini si è soffermata sulla figura del prete, uomo della Parola di Dio e del perdono. Altrettanto deciso l appello a saper comunicare, nel confessionale, una gioia incontenibile e ad amare con dilezione gratuita e totale la pro- pria comunità. Un amore che deve arrivare a condividere fino al pianto, esercitando il proprio ministero di padre i dolori del peccatore. I passaggi successivi sono stati dedicati all Eucaristia e alla Chiesa. Al vescovo emerito è stata donata una serie di icone che rappresentano i cinque misteri della luce, mentre al termine della Messa, a tutti i presenti in Cattedrale, è stato distribuito un libro, omaggio della diocesi al vescovo emerito, in cui sono raccolte le omelie pronunciate da Maggiolini durante il suo intero episcopato in occasione delle Messe Crismali del Giovedì Santo e delle ordinazioni sacerdotali che sono state oltre 100. Un figlio della Chiesa ambrosiana in servizio fra l Emilia e la Lombardia Monsignor Alessandro Maggiolini è nato a Bareggio (Milano) il 15 luglio Viene ordinato sacerdote il 26 giugno L elezione episcopale è datata 7 aprile 1983, quando viene chiamato a guidare la Chiesa di Carpi ( Modena). Il 29 maggio 1983 riceve l ordinazione episcopale nella Cattedrale di Carpi e, sei anni più tardi viene nominato presule della diocesi di Como, dove fa il suo ingresso il 19 marzo Seppur breve l episcopato di monsignor Maggiolini a Carpi ha lasciato il segno sia per l autorevolezza del magistero accompagnato da una solida impostazione culturale come dimostrano gli interventi di esperti e relatori di levatura internazionale, sia per i segni come il restauro della Sagra e della Cattedrale e le opere avviate nel settore della comunicazione (Notizie, 1986) e della carità (Porta Aperta, 1988). Uno dei momenti più lieti, per la diocesi e per lo stesso Maggiolini, è stato senza dubbio la visita di Giovanni Paolo II, nel giugno del 1988, il primo Pontefice a tornare a Carpi dopo ottocento anni. U certi predicabili già sgualciti che circolano in riviste le quali pretendono di esprimere assai più del Vangelo e del Magistero della Chiesa. E spesso non concludono. Poche frasi basterebbero. Il prete è l uomo del perdono Senza il sacramento della Penitenza, la vita umana sarebbe un tunnel senza sbocco e senza respiro. Un prete di seminario diceva a noi, ancor studenti, che da sacerdoti non avremmo dovuto più entrare in confessionale, se non fossimo stati capaci di comunicare una gioia incontenibile: la gioia del Padre che, in Cri- sto, attende e abbraccia misericordioso l inconcludenza dell uomo. Non temo molto l ingenuità: in Confessionale nascondo caramelle e corone del Rosario: anche le caramelle, almeno per i bambini, hanno un significato quasi sacramentale: dicono che chi si stacca dall inginocchiatoio deve sorridere perché è diventato una creatura nuova. Il confessore non può esimersi dal soffrire con il peccatore: talvolta deve anche prestarsi ad accuse ingiuste da cui non può difendersi, esercitando il suo ministero di padre. Eucaristia: il mondo santificato L Eucaristia non si chiude nel cuore del prete e del singolo credente, il quale non avrebbe che da custodire questo tesoro umano e divino vivo e vivificante: tra tutti gli appartenenti alla Comunità l Eucaristia stabilisce un nodo di amore che ripete l unità dei Tre nell identica Natura; e ogni comunicante si trova unito a tutti i comunicanti che formano la Chiesa. Quando si passa davanti all Eucaristia senza un gesto di ossequio o ci si limita a un accenno di genuflessione che sembra l esercizio ginnico di un artritico; quando non si vede più il prete pregare davanti al Tabernacolo, la vita perde si- gnificato e valore: si fa una solitudine orrenda attorno a noi e Cristo rimane tra noi ogni giorno sino alla fine dei secoli, solo. Per nulla. Tradimento. Decerebrazione e profanazione del cuore. Solitudine. Disperazione. La Chiesa: unita dall Eucaristia Lungi dall imporsi come una cella e un carcere, l autorità sacra si disegna come la custodia dell archè ( del principio di verità e di santificazione ), come la protezione del centro di unità umana e soprannaturale. E qui i cristiani adulti sappiano che l unico adulto nella Chiesa è il Bimbo nato Il grazie della Chiesa di Carpi al vescovo Alessandro Venticinque anni fa, il 29 maggio 1983, con una solenne liturgia di cui si conserva ancora viva memoria, monsignor Alessandro Maggiolini riceveva nella nostra Cattedrale la consacrazione episcopale. Il vescovo Elio Tinti attraverso un messaggio ha manifestato il sincero affetto con cui la Chiesa di Carpi partecipa al giubileo episcopale del vescovo Alessandro grata per quanto Egli ha donato negli anni di episcopato alla guida della comunità diocesana. La fede ci dice che il Vescovo è tra noi - scriveva su Notizie monsignor Giuseppe Tassi in occasione del quinto anniversario dell ordinazione, nel 1988 per rendere testimonianza alla luce. Certo la luce è Cristo ma il Vescovo ne è il candelabro. Egli è tra noi non per fare da padrone sulla nostra fede me per essere collaboratore della nostra gioia (2 Cor 1,24); per rinfrancarsi con noi e tra noi mediante la fede che abbiamo i comune lui e noi (Rom 1,11). Capiamo perché il Vescovo ha l assillo di garantirci che la nostra fede sia autentica; che sia la fede stessa degli apostoli, quella fede che solo può salvarci se l accogliamo in tutta la sua interezza. Ancora oggi rinnoviamo il grazie e gli auguri al vescovo Alessandro, padre e maestro nella fede e per la vita. dalla Vergine e Figlio di Dio. Chi si impettisce in una autonomia che vuole trovare la verità e salvarsi con le sole proprie forze, si avvia a una derelizione da cui non potrà svincolarsi se non per la grazia di chi ridiventa bambino e così si prepara per il Regno dei cieli. L autorità non mortifica, ma salva i deboli; non permette che siano schiacciati da coloro che si credono forti. Chiesa: sposa di Cristo Il sacerdote è chiamato ad amare la propria comunità. Se incomincia a criticare i propri fedeli come operai svogliati in uno stabilimento sbrecciato, sappia che è giunto il momento di cambiare posto. Il prete non può mendicare un affetto dai propri fedeli; egli stesso deve amare i membri della sua Chiesa con dilezione gratuita e totale per essere riamato. Senza nutrire l invidia di chi vorrebbe cambiare continuamente: l amore chiede tempo, pazienza, dedizione, servizio. Il mondo vuole preti Nonostante il vento di una moda sciagurata che vorrebbe il sacerdote destituito del proprio carattere e della propria missione, il mondo di oggi non chiede preti saltimbanchi, cantanti, ancor meno, esibizionisti, mondani, assai vicini alle figure degli uomini di spettacolo: come non mai attualmente chiede che il prete richiami e parli e renda presente ossessivamente la realtà del Signore Gesù, centro vivificante della storia e dell intera umanità. Poiché della verità e del valore supremo la ragione e il cuore hanno bisogno. La pastorale vocazionale La pastorale vocazionale più vera è quella che mostra nella comunità cristiana la presenza appassionata e lieta di sacerdoti che trovano la loro felicità autentica nella identificazione con il Signore Gesù e nella compagnia della Chiesa universale e locale: senza esitazione, senza vergogna; poiché il prete dà l ultimo motivo di senso alla vita. Un contagio inatteso e sorprendente lo darà il sorriso che il sacerdote cava dalla propria comunione con il Signore Gesù e con i fratelli. La bellezza di una vita si comunica solo con una vita riuscita nelle braccia del Signore e nell apertura ai fratelli. Maria Maria, madre e sorella dei sacerdoti sia sempre vicino a noi e conservi e accresca la Chiesa quale è modellata sul suo Figlio Gesù morto e risorto. Maria, prega per noi peccatori. Rendici santi sul modello del tuo Figlio, con la tua dolcezza e con il tuo coraggio di Madre sotto la croce e al centro del Cenacolo. Fa che il nostro non sia il tempo dell agonia della Chiesa - come talvolta temiamo -, ma la ripresa di un coraggio, di una solidità e di una espansione che raggiunga i confini della terra.

3 Una bella giornata di sole quel 3 giugno 1988, indimenticabile come avvenimento di fede, una data storica per la Città e la Chiesa di Carpi: il papa Giovanni Paolo II è venuto tra noi, ha incontrato il suo popolo in piazza Martiri, i sacerdoti e i giovani in Cattedrale. A vent anni di distanza il vescovo Elio Tinti e la Chiesa di Carpi ricordano l evento nella memoria del Servo di Dio Giovanni Paolo II, nella preghiera al Signore per il dono fatto alla Chiesa con il Suo magistero e per implorare la positiva e rapida chiusura del processo canonico per la beatificazione. In occasione della festa dei Santi Pie- C OPERTINA 3 giugno 1988: a vent anni dalla storica visita di Giovanni Paolo II a Carpi Il ricordo della Chiesa di Carpi nella memoria e nella preghiera tro e Paolo verrà pubblicato e divulgato il testo dell Appello ai credenti e non credenti durante l incontro con la cittadinanza in piazza Martiri e il dialogo con i giovani in Cattedrale. Inoltre a cura dell Ufficio comunicazioni sociali verrà realizzato il dvd della storica visita del Pontefice a Carpi. Al termine dell incontro con i giovani di Carpi il Papa, uscendo dalla Cattedrale, rivolse alcune brevi espressioni di saluto e di ringraziamento alle persone presenti nella piazza Martiri. Queste le parole improvvisate dal Papa. Ancora un altra possibilità di ammirare questa vostra piazza tanto applaudita. Grazie per la possibilità di incontrarci non soltanto nella Cattedrale ma anche in questa piazza e di portare la buona novella di Cristo, il Vangelo di Cristo, dentro la vostra città. Vi ringrazio per la buona accoglienza, vi auguro tutto il bene; auguro ai malati la guarigione, la sanità, a quelli che si trovano nella disperazione la fiducia e la speranza, auguro a tutti la forza che ci viene dallo Spirito Santo, che viene dalla croce di Cristo; la grazia è la croce di Cristo ed è in virtù del suo sacrificio che lo Spirito Santo rimane sempre tra noi, rimane sempre presente ed operante nei nostri spiriti umani. Ci troviamo con l immagine della Madonna alle nostre spalle. Allora rivolgiamoci a lei pregando con l Ave Maria... Ancora una volta grazie Carpi. 3 mergenza educativa, E nuovo clima politico, famiglia, tutela della vita, lotta alla povertà. È stato un discorso a 360 gradi quello pronunciato da papa Benedetto XVI che giovedì 29 maggio ha incontrato i vescovi italiani riuniti in Vaticano per la 58ª assemblea generale. Il Papa è stato accolto dal cardinal Angelo Bagnasco che, nel suo saluto, ha detto: Vivendo accanto al nostro popolo, insieme ai nostri sacerdoti siamo ben consapevoli dei problemi e delle speranze della gente. Di questo vissuto, abbiamo il dovere di dare voce rispettosa e chiara, come pastori che amano non solo le loro comunità ma tutti, la società intera. Riguardo ai giovani - tema sul quale hanno dibattuto i vescovi in questi giorni di assemblea - il cardinal Bagnasco ha ribadito l impegno come Chiesa italiana a comunicare loro la perenne giovinezza del Vangelo e la bellezza della Chiesa. I vescovi hanno donato al Santo Padre una copia della nuova traduzione italiana della Bibbia e il Papa scherzando ha detto: Spero che ci sarà anche un edizione tascabile. L emergenza educativa Nell incontro del Papa con i vescovi il punto sulla situazione della Chiesa e della società italiana Un clima nuovo In Italia è in atto una vera e propria emergenza educativa. Si è aperto con un pensiero forte sui giovani il discorso che Benedetto XVI ha rivolto all episcopato italiano. Quando - ha detto il Papa - in una società e in una cultura segnate da un relativismo pervasivo e non di rado aggressivo, sembrano venir meno le certezze basilari, i valori e le speranze che danno un senso alla vita, si diffonde facilmente, tra i genitori come tra gli insegnanti, la tentazione di rinunciare al proprio compito. Così - ha proseguito il Papa - i fanciulli, gli adolescenti e i giovani, pur circondati da molte attenzioni e tenuti forse eccessivamente al riparo dalle prove e dalle difficoltà della vita, si sentono alla fine lasciati soli davanti alle grandi domande che nascono inevitabilmente dentro di loro, come davanti alle attese e alle sfide che sentono incombere sul loro futuro. Benedetto XVI ha chiesto all episcopato italiano di accogliere con gioia le forze nuove rappresentate dai carismi e di sostenere le molte forme e occasioni di incontro con il mondo giovanile promosse nelle parrocchie, negli oratori e nelle scuole. Il Papa ha fatto cenno anche alla scuola cattolica, dicendo: In uno Stato democratico, che si onora di promuovere la libera iniziativa in ogni campo, non sembra giustificarsi l esclusione di un adeguato sostegno all impegno delle istituzioni ecclesiastiche nel campo scolastico. Il clima politico L Italia ha bisogno di uscire da un periodo difficile, ha detto Benedetto XVI, parlando della situazione complessiva del Paese. In questo ultimo periodo, ha osservato il Santo Padre, è sembrato affievolirsi il dinamismo economico e sociale, è diminuita la fiducia nel futuro ed è cresciuto invece il senso di insicurezza per le condizioni di povertà di tante famiglie, con la conseguente tendenza di ciascuno a rinchiudersi nel proprio particolare. In questo quadro, il Papa ha sottolineato la presenza di segnali di speranza: È proprio per la consapevolezza di questo contesto che avvertiamo con particolare gioia i segnali di un clima nuovo, più fiducioso e più costruttivo. Esso è legato al profilarsi di rapporti più sereni tra le forze politiche e le istituzioni, in virtù di una percezione più viva delle responsabilità comuni per il futuro della Nazione. Poi un avvertimento: Questo clima ha bisogno di consolidarsi e potrebbe presto svanire, se non trovasse riscontro in qualche risultato concreto. Il Papa ha poi rivendicato il dovere per l episcopato italiano di dare il suo specifico contributo. Nel quadro di una laicità sana e ben compresa - ha detto il Papa - occorre pertanto resistere ad ogni tendenza a considerare la religione, e in particolare il cristianesimo, come un fatto soltanto privato: le prospettive che nascono dalla nostra fede possono offrire invece un contributo fondamentale al chiarimento e alla soluzione dei maggiori problemi sociali e morali dell Italia e dell Europa di oggi. Le politiche Famiglia, tutela della vita, lotta alla povertà. Questi i campi di intervento e di impegno sottolineati dal Santo Padre nel suo discorso. Il primo è la questione relativa alla famiglia fondata sul matrimonio affinché - ha detto il Papa - si affermi una cultura favorevole, e non ostile, alla famiglia e alla vita. Si tratta anche di chiedere alle pubbliche istituzioni una politica coerente e organica che riconosca alla famiglia quel ruolo centrale che essa svolge nella società, in particolare per la generazione ed educazione dei figli: di una tale politica l Italia ha grande e urgente bisogno. Forte e costante - ha proseguito Benedetto XVI - deve essere ugualmente il nostro impegno per la dignità e la tutela della vita umana in ogni momento e condizione, dal concepimento e dalla fase embrionale alle situazioni di malattia e di sofferenza e fino alla morte naturale. Né possiamo chiudere gli occhi e trattenere la voce - ha aggiunto - di fronte alle povertà, ai disagi e alle ingiustizie sociali che affliggono tanta parte dell umanità e che richiedono il generoso impegno di tutti.

4 4 8 giugno '08 Il commento di Avvenire I due volti tivù di don Zeno, tra realtà e finzione E Mirella Poggialini* il confronto fra effetto-fiction ed effetto-documentario quel che resta nella memoria dopo la visione della seconda puntata di Don Zeno su Raiuno, coraggiosa fiction in cui Giulio Scarpati, al quale non ha fatto bene l imprinting indelebile di Un medico in famiglia, ha comunque reso con grande passione la figura di un prete generoso e vitale, che ha lasciato dietro di sé una traccia non cancellata. Un «prete bolscevico», come si dice a un certo punto nella fiction, diretta da Gianluigi Calderone con scrupolo e diligenza, secondo uno stile che ormai la tv ha adottato, trattando di sacerdoti. Quindi tono comunque elogiativo, aura di emotività diffusa, momenti di spettacolare commozione, in episodi ai quali la tragicità vien meno in nome di una effusione sentimentale in grado di catturare e di coinvolgere. Ben diverso il tono asciutto e anche aspro, invece, di certi dettagli che sono emersi, alle 0,40 della stessa serata di mercoledì, nel documentario Don Zeno, il prete ribelle che Raitre ha messo in onda in opportuno confronto con la fiction appena terminata. Un lavoro denso di Maite Carpio inserito nel ciclo La storia siamo noi, in cui il vero volto di don Zeno Saltini, la sua voce e il suo accento si sono offerti in un revival che ha consentito un paragone e la sottolineatura degli aspetti più spinosi e dei momenti più dolorosi della vita di questo prete innamorato dei «figli dell abbandono» e convinto che nel mondo ricchi e poveri non potessero convivere, in nome di una giustizia predicata da Cristo. La creazione di Nomadelfia nell excampo di concentramento di Fossoli vicino a Carpi, lo smantellamento della città dei ragazzi per i debiti eccessivi, la richiesta di riduzione allo stato laicale, per dieci anni, per ricostruire una nuova città in Maremma, fatta di tende, povertà e abnegazione; il senso della famiglia e dell amore come risorsa per i più deboli e soli sono temi che il documentario ha reso con forza maggiore rispetto alla fiction. Il confronto fra il linguaggio della fiction, volto a narrare romanzando e ad avvolgere i fatti con emozioni facilmente leggibili e perciò condivisibili, e la scabra immediatezza del documento ha messo in risalto, con abbinamento felice, la necessità delle due forme espositive in sovrapposizione e contrapposizione. Don Zeno alla fine è emerso davanti allo spettatore con una sua forza icastica e convincente, con le sue perorazioni appassionate, la sua convinzione radicata e fedele, il suo amore per la Chiesa e insieme la sua opposizione vibrante, in nome di una fratellanza cristiana in cui ha prodigato tutto se stesso con insegnamento di bene. * critica televisiva di Avvenire Grande successo di ascolti per la fiction di Raiuno su don Zeno. Lorenzo Di Pietro, attore carpigiano, ha recitato la parte di Palita. Tra i suoi progetti anche un ritorno nella città dei Pio con il desiderio di aprire una scuola di musical S Daniele Franda ono una persona determinata, timida ed estroversa al tempo stesso. Si autodefinisce così Lorenzo Di Pietro, l attore carpigiano che ha interpretato il personaggio di Palita, un ragazzo cresciuto a Nomadelfia, nello sceneggiato prodotto dalla Rai Don Zeno L uomo di Nomadelfia. Sono molto estroverso con gli amici e nel lavoro ma in altre situazioni sono abbastanza riservato precisa. Lorenzo, 29 anni e una vocazione pura per la recitazione e il canto, promette: Lotterò fino in fondo per fare questo mestiere. Poi aggiunge: In un mondo difficile come quello dello spettacolo e del cinema la caparbietà e la tenacia sono fondamentali per riuscire ad andare avanti. Per inseguire da più vicino il suo sogno nel 2001 si è trasferito da Budrione, dove vive tuttora la sua famiglia, a Roma. Dice di voler comprare casa nella Capitale ( magari a Trastevere ) ma tra i suoi progetti c è anche un ritorno a Carpi per dare vita ad una scuola di musical, il suo genere preferito. C OPERTINA Sul set aria di casa Lorenzo, parliamo subito di Don Zeno, la fiction della Rai andata in onda in prima serata il 27 e 28 maggio e che ha riscosso un successo di pubblico e di critica. Come è andata sul set? Raccontaci qualche aneddoto particolare. Sul set si respirava una bellissima aria. La comunità di Nomadelfia mi ha fatto vedere la realtà in modo diverso, come nessuno, o quasi, di noi concepisce. Penso che siano riusciti a lasciare il segno anche a noi attori e tecnici... di questi tempi, chi ci pensa più a fermarsi un attimino e guardarsi attorno per vedere se qualcuno ha bisogno? Lì invece ci si aiuta tutti e in continuazione e questo dimostra che in fondo, aiutare il prossimo e chi ha bisogno può non essere concepito tanto utopistico. Ricordo una curiosità: il mio primo giorno di riprese, in Bulgaria, avevo un bambino in braccio e mentre scendevamo le scale lui mi doveva fare una domanda e io dovevo rispondergli. Ma lui parlava in lingua bulgara e io in carpigiano! E stato buffo, ma quel bambino mi ha guardato così profondamente che mi sembrava di capirlo. Prima di iniziare a girare conoscevi la figura di don Zeno? Pensi che il suo operato e i suoi insegnamenti possano trasmettere qualcosa ancora oggi, nella società claudicante del nostro tempo? Mi ricordo di don Zeno in quanto fratello di Mamma Nina: alle scuole elementari la mia maestra ci parlava spesso di lei. Ovviamente, dopo essere stato preso per questa fiction, mi sono documentato e ho approfondito ciò che ricordavo molto superficialmente. E la Cantina Sociale di Carpi PUNTI VENDITA CARPI - via Cavata, 14 - Tel CONCORDIA - Prov. le per Mirandola, 57 - Tel RIO SALICETO - Via XX Settembre, 11/13 - Tel Aperto tutti i giorni dalle ore 8 alle 12 e dalle 14 alle 18 - Sabato mattina aperto fino alle 12 Da sinistra Nicolas Tenerani, Carlo Massari, Lorenzo Di Pietro durante le riprese in Bulgaria stessa cosa che ho detto al regista Gianluigi Calderone quando ho fatto il provino e lui mi ha risposto: Sarà meglio che ti documenti, Lorenzo, perché ho deciso di prenderti!. Secondo me l operato di don Zeno continuerà a lasciare importanti tracce man mano che passeranno gli anni. Nomadelfia ha radici così solide che potrà solo fortificarsi ancora di più negli anni a venire. Giulio Scarpati ha interpretato con passione il prete di Nomadelfia. Sei d accordo? Un interpretazione magistrale. Giulio Scarpati è un uomo di una professionalità meravigliosa, tanti suoi colleghi dovrebbero prenderlo ad esempio invece di scimmiottare questo mestie- re. E gli ascolti della fiction lo hanno dimostrato: la bravura del protagonista e la qualità del prodotto alla fine hanno avuto la meglio e il pubblico ha deciso di premiare queste cose. Parlaci un po di te: come è nata la passione per la recitazione? Prima ancora di diplomarmi al Istituto Professionale Carlo Cattaneo di Carpi avevo iniziato a frequentare il primo laboratorio di teatro organizzato dal Comunale di Carpi. Ho iniziato in sordina nel 1994, con Paolo Gera e Alessandra Gasparini, a cui dirò per sempre grazie, che tuttora insegnano al Vallauri. Per lo più lavoravamo con testi drammatici e autori come Brecht, Strindberg, ecc. Poi nel 2001, con tanta pa-

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA PROGETTAZIONE FORMATIVA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA CON GESU A SCUOLA DI FELICITA Insegnanti: Sonia Colarullo scuola

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

- 5 - risolvere insieme almeno i problemi più urgenti e più gravi, di dare avvio a una nuova stagione di crescita economica ma anche civile e morale.

- 5 - risolvere insieme almeno i problemi più urgenti e più gravi, di dare avvio a una nuova stagione di crescita economica ma anche civile e morale. Cari Fratelli Vescovi italiani, è questa la quarta volta nella quale ho la gioia di incontrarvi riuniti nella vostra Assemblea Generale, per riflettere con voi sulla missione della Chiesa in Italia e sulla

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

FOGLIETTO SETTIMANALE

FOGLIETTO SETTIMANALE PARROCCHIE DI S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it FOGLIETTO SETTIMANALE

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli