20 - INDICE DELLA MATERIA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE E INTERPERSONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "20 - INDICE DELLA MATERIA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE E INTERPERSONALE"

Transcript

1 20 - INDICE DELLA MATERIA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE E INTERPERSONALE B449 L organizzazione degli eventi come strumento di comunicazione nella P.A. e nelle aziende... pag. 2 B361 Coaching: tecniche di affiancamento per sviluppare le prestazioni dei colleghi... pag. 3 M118 Master in management della comunicazione... pag. 4 B349 Il piano di comunicazione... pag. 6 B484 Comunicazione interna e organizzazione... pag. 7 B333 L ufficio stampa e i rapporti con i media nell era dei social network... pag. 8 B490 Comunicazione scritta per la carta e per il web... pag. 9 B491 Pubblicità on e off line e marketing non convenzionale... pag. 10 B482 Social media management: la comunicazione nel web pag. 11 B493 Tecniche di persuasione: scegliere le parole, parlare in pubblico, gestualità... pag. 12 B354 Gestire i rapporti con l utenza nella Pubblica Amministrazione... pag. 13 M262 Master in comunicazione efficace e gestione dei conflitti sui luoghi di lavoro... pag. 14 B455 La gestione creativa dei conflitti sui luoghi di lavoro... pag. 15 B454 Comunicazione efficace, public speaking, trasformazione delle conflittualità... pag. 16 M164 Master in scrittura efficace tradizionale e web... pag. 17 B492 E- government e ascolto delle esigenze dei cittadini attraverso il web... pag. 18 1

2 B449 L organizzazione degli eventi come strumento di comunicazione nella Pubblica Amministrazione e nelle Aziende 2 giorni 1 a edizione: giugno a edizione: novembre giorno 9-13/14-16,30 2 giorno 9-14 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Dott. Mauro FACONDO Esperto di formazione manageriale, marketing e comunicazione, organizzazione eventi e new media Dott.ssa Flavia TRUPIA Esperta di tecniche di comunicazione aziendale L evento è oggi considerato uno degli strumenti più efficaci della comunicazione istituzionale. Il corso intende illustrare le modalità e le tecniche per organizzare un evento di successo nella Pubblica Amministrazione così come in qualsiasi altra azienda. La scelta di comunicare attraverso gli eventi, infatti, è tra le tendenze più attuali nel campo. In un mercato in continua evoluzione, in cui la multimedialità sta cambiando le dinamiche di relazione con i target, gli eventi assumono un ruolo sempre più determinante quale strumento di forte interattività con i pubblici che si intendono raggiungere. Partendo da un analisi degli eventi nel loro valore strategico, il seminario fornisce gli strumenti per ideare, progettare e gestire gli eventi di comunicazione nella Pubblica Amministrazione e presenta le metodologie per misurarne l efficacia. Il seminario è destinato sia a coloro che vogliono lavorare nell ambito dell organizzazione degli eventi che a coloro che già lavorano in questo campo e vogliono approfondire le problematiche e il confronto tra Pubblica Amministrazione e privato in merito a questo strumento di comunicazione. L evento come strumento di comunicazione globale per la P.A. e l impresa. Il ruolo degli eventi nella comunicazione istituzionale. Definizione del target e mappatura dei fattori influenzanti. La definizione di event marketing: la miglior forma aggregante per un efficace comunicazione istituzionale. Come scegliere un evento in relazione agli obiettivi di comunicazione. Modelli e metodi operativi di gestione degli eventi. La strategia per l evento e la strategia dell evento. La pianificazione di un evento: dal brainstorming alla realizzazione. Architettura dei contenuti ed impostazione strategica. Le diverse tipologie di evento: istituzionali e di prodotto. Le fasi di preparazione: dalla creatività alla produzione. Briefing & brainstorming management. Budget e time planning di un evento. Gli eventi nella P.A. Ufficio stampa e comunicazione dell evento. Intervento e partecipazione dei media all interno di un evento. Gli eventi sul territorio: dal globale al locale. La conoscenza del territorio per il successo di un evento. I bisogni locali relazionati alle strategie globali. Strumenti e tecniche di misurazione dell efficacia di un evento. I risultati di un evento: l approccio strategico per la misurazione dell efficacia. Il ruolo della misurazione quale strumento competitivo: monitoring e benchmarking. La definizione degli obiettivi come premessa alla misurazione dell efficacia. La valutazione di un evento: tutti i possibili risultati. Casi reali di eccellenza (Aziende nazionali, Pubblica Amministrazione, Turismo). Esercitazione pratica. 2

3 B361 Coaching: tecniche di affiancamento per sviluppare le prestazioni dei colleghi 2 giorni ottobre ,00 14,30 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Dott. Sidi Said LAGATTOLLA Titolare Studio Consultmanagement Docente di management ed esperto di comportamento organizzativo Apprendere come utilizzare gli strumenti del coaching per far acquisire maggiore consapevolezza e sviluppare le prestazioni di collaboratori e colleghi. Esso permette di approfondire temi non facilmente esplicitabili in un contesto formativo allargato. Il coaching consente di focalizzarsi sul singolo individuo con una totale flessibilità di contenuti e modalità operative senza invadere la sfera intima della persona. Non è necessario infatti risalire alle cause di certi comportamenti per convincersi ad agire nuovi e più efficaci comportamenti. Il rapporto di coaching è un rapporto professionale, regolato sia da un contratto formale con il committente, sia da un patto di lavoro preventivamente stipulato fra il Coach ed il Coachee destinatario dell intervento. Chiunque, in posizione di responsabile gerarchico o funzionale, abbia l esigenza di sviluppare la consapevolezza e le prestazioni di collaboratori e colleghi. Presentazione del coaching come attività di sviluppo delle competenze individuali focalizzata sui comportamenti osservabili. Definizione di coaching, apprendimento e cambiamento; differenze fra insegnamento e coaching. La comunicazione efficace; principi della comunicazione interpersonale; comunicazione non verbale - paraverbale - verbale. Saper fare le domande, saper ascoltare. Autodiagnosi dei propri canali di comunicazione. Il metodo P.O.C.A. La relazione di coaching; il ruolo del coach. I tre momenti importanti del coaching; gli ingredienti per essere un bravo coach; strumenti e possibili ostacoli nella relazione di coaching; saper dare il feedback. 3

4 M118 MASTER IN MANAGEMENT DELLA COMUNICAZIONE 13 giorni, pari a 78 ore articolati in nove moduli frequentabili anche singolarmente PERIODI DI SVOLGIMENTO ottobre novembre dicembre ,45-14,45 euro 2.370,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) PROGETTO E DIREZIONE SCIENTIFICA Flavia TRUPIA Comunicatrice, docente e blogger Antonella BERNINI Esperta di comportamento organizzativo e life coach Mauro FACONDO Esperto di comunicazione e di social media Paolo CELATA Giornalista del Tg La7 Guglielmo CELATA Fondatore dell Associazione Openpolis Emiliano MASALA Attore Flavia TRUPIA Il master risponde all esigenza di qualificare e aggiornare in maniera specifica il personale e i responsabili delle funzioni di comunicazione e informazione nelle amministrazioni pubbliche e nelle aziende private, con particolare attenzione alla pianificazione e gestione delle attività e degli strumenti on e off line. Offrire conoscenze pratiche e abilità specifiche per la pianificazione della comunicazione, la gestione dei rapporti umani e della comunicazione interna, la gestione dell ufficio stampa e dei rapporti con i media anche grazie alle nuove tecnologie, la pubblicità sui media tradizionali e nuovi, la redazione di testi on line e off line, il marketing non convenzionale, la presenza sui social media, la costruzione di discorsi e la capacità di parlare in pubblico. Tutti i moduli sono costruiti con un approccio pratico e prevedono attività in aula e laboratori. 1 modulo (B349) 19 ottobre 2015 Il piano di comunicazione 4

5 2 modulo (B484) ottobre 2015 La comunicazione interna e l organizzazione 3 modulo (B333) ottobre 2015 L Ufficio stampa e i rapporti con i media nell era dei social network 4 modulo (B490) 16 novembre 2015 La comunicazione scritta per la carta e per il web 5 modulo (B491) 17 novembre 2015 Pubblicità on e off line e marketing non convenzionale 6 modulo (B449) novembre 2015 L organizzazione degli eventi come strumento di comunicazione 7 modulo (B482) 14 dicembre 2015 Social media management: la comunicazione nel web modulo (B492) 15 dicembre 2015 E-government e ascolto delle esigenze dei cittadini attraverso il web 9 modulo (B493) dicembre 2015 Tecniche di persuasione: scegliere le parole, parlare in pubblico, gestualità VALUTAZIONE FINALE A richiesta dei partecipanti sarà rilasciato il titolo di Master con valutazione finale espressa in sessantesimi a chi: abbia frequentato l intero Master presenti una ricerca sugli argomenti trattati nel Master, che verrà esaminata e valutata dal docente relatore 5

6 B349 Il piano di comunicazione 1 giorno 19 ottobre ,45 14,45 euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Dott.ssa Flavia TRUPIA Comunicatrice, docente e blogger Acquisire competenze per la progettazione della comunicazione relativamente a prodotti, servizi, istituzioni pubbliche e private, temi sociali. Conquistare la capacità di individuare l idea creativa (concept) alla base del piano di comunicazione. Creare interazione tra le diverse iniziative di comunicazione (cross media). Gestire la tempistica delle iniziative di comunicazione nel corso dell anno e imparare a costruire il relativo budget. Valutare i risultati in corso d opera. Il seminario è rivolto a coloro che desiderano costruire o ampliare le proprie competenze di comunicazione e pianificare le attività, garantendo una migliore gestione del budget e delle risorse umane e utilizzando al meglio la propria capacità creativa. Definizione del contesto di riferimento. Individuazione degli obiettivi di comunicazione, dei pubblici di riferimento e dei target. Formulazione dei messaggi chiave. Definizione della strategia. Progettazione delle iniziative di comunicazione da svolgere sia on line che off line. Gestione delle attività nei social media. Pianificazione del calendario e del budget. Partecipare a una gara. Valutazione dei risultati. Le diverse modalità di presentazione del piano di comunicazione ai committenti o al management della propria organizzazione (Power Point, infografiche, video). 6

7 B484 Comunicazione interna e organizzazione 2 giornate ottobre ,45 14,45 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Dott.ssa Antonella BERNINI Esperta di comportamento organizzativo e comunicazione aziendale Scoprire e potenziare le aree di miglioramento personali, individuando i punti forti e i punti deboli della comunicazione istituzionale e aziendale, per migliorare l attività lavorativa. Ottenere rapporti più efficaci e produttivi nell ambiente lavorativo, ottimizzando risorse personali e professionali, attraverso il lavoro cooperativo e la condivisione degli obiettivi comuni. Il seminario è destinato a tutti coloro che operano all interno delle organizzazioni pubbliche e private, sia in ruoli di affiancamento e collaborazione, sia in ruoli di responsabilità e leadership. La comunicazione di qualità: come gestire i rapporti interpersonali per agevolare la vita lavorativa quotidiana. Punti forti e punti deboli della comunicazione istituzionale e aziendale: rivedere la relazione tra persuadere e convincere per ottimizzare l attività lavorativa comune. Come attivare la complicità all interno del gruppo di lavoro, acquisendo il consenso e la collaborazione tra colleghi. Team building: analisi dei fattori comportamentali e psicologici in gioco nella gestione delle relazioni di gruppo. Gli stili di comunicazione nel rapporto interpersonale: modalità passiva, aggressiva e assertiva. L assertività come strumento di lavoro: applicazione pratica agli appuntamenti spinosi del lavoro quotidiano, nel rapporto con colleghi, collaboratori, capi e pubblici di riferimento interno. Autorità, autoritarismo e autorevolezza: differenze e applicazioni nei rapporti interpersonali. 7

8 B333 L ufficio stampa e i rapporti con i media nell era dei social network 2 giorni ottobre ,45 14,45 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Dott.ssa Flavia TRUPIA Comunicatrice, docente e blogger Dott. Mauro FACONDO Esperto di comunicazione e di social media Dott. Paolo CELATA Giornalista del Tg La7 Gestire le attività di ufficio stampa nell era dei social media. Acquisire le competenze per la gestione della mailing list media, per la redazione del comunicato stampa e la preparazione di una cartella stampa, per la gestione di Facebook, Twitter, YouTube e delle piattaforme del web 3.0. Avere le capacità per organizzare un evento che preveda la presenza dei media (conferenza stampa, evento, presentazione di un prodotto o di un servizio). Gestire un intervista, offline e online, e la presenza a un talk show. Il seminario è rivolto a coloro che desiderano costruire o ampliare le proprie capacità di gestire i rapporti con i media e di costruire notizie utili per l attività di ufficio stampa, integrando gli strumenti tradizionali e i social media. Ruolo dell ufficio stampa in un organizzazione. Creazione di una notizia e scrittura giornalistica. Rassegna stampa. Organizzazione e gestione di un intervista o della presenza all interno di un format televisivo o radiofonico. Attività di ufficio stampa in occasione di eventi. Metodologie e strumenti online per ricercare, filtrare e analizzare le informazioni nel web. Web e social media listening: come fare monitoraggio, individuare, selezionare e mappare blogger, opinionisti 2.0 e influencer online. Nuove piattaforme professionali di monitoraggio. Nuove modalità 3.0 a sostegno dell organizzazione della conferenza stampa o di un evento: siti di live streaming, siti di condivisione video e audio, attività live sui social network. Piattaforme on line per la diffusione delle notizie: citizen journalism, aggregatori di notizie dalla blogosfera, piattaforme di microblogging/live bloggings e Real Time Journalism, siti di diffusione 2.0. Nuove interpretazioni dei diritti di copyright ai tempi del web e dei social media (proprietà delle immagini). 8

9 B490 Comunicazione scritta per la carta e per il web 1 giorno DATA 16 novembre /14-16,30 euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Dott.ssa Flavia TRUPIA Esperta di tecniche di comunicazione aziendale Acquisire tecniche di scrittura che conferiscano a maggiore disinvoltura e rapidità. Ottenere la capacità di scrivere testi di facile comprensione, anche quando si trattano argomenti tecnici o complicati. Assicurare un valore maggiormente comunicativo e funzionale a documenti, relazioni, verbali, presentazioni. Avvalersi di sintesi, infografiche e schemi. Regole chiave per scrivere con forza e chiarezza. Cause di incomprensione nel linguaggio e le ambiguità d interpretazione. Scrivere semplice o scrivere complicato. Traduzione dall italiano all italiano: come semplificare testi complessi. Affrontare il foglio bianco: come iniziare? Punteggiatura. Principali norme redazionali. Redazione dei testi per il web (Facebook, Twitter, YouTube, blog, ecc.). Aspettative, codici culturali, codici linguistici e ruolo del lettore. Condizioni per una comunicazione scritta efficace: focalizzazione sul destinatario, chiarezza, concisione, concretezza, personalità. Previsione delle mosse del lettore. Raccolta, creazione e organizzazione delle idee. Esempi e attività di laboratorio in aula: la relazione di lavoro, il comunicato stampa, presentazione di un progetto, discorso in pubblico, piano editoriale per il social media management. Ruolo chiarificatore delle infografiche. 9

10 B491 Pubblicità on e off line e marketing non convenzionale 1 giorno DATA 17 novembre ,45 14,45 euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Dott.ssa Flavia TRUPIA Comunicatrice, docente e blogger Imparare a progettare e gestire una campagna pubblicitaria sui media cartacei e sui social media. Acquisire la capacità di committenza per gestire agenzie o consulenti di pubblicità e di pianificazione media. Formulare messaggi in linea con la strategia aziendale. Il seminario è rivolto a coloro che desiderano costruire o ampliare le proprie capacità di progettare attività di comunicazione e di pubblicità, di gestire il messaggio e la creatività, di impiegare i social network, di conoscere e avvalersi di iniziative di marketing non convenzionale. La pubblicità nel Tecniche per impostare una campagna pubblicitaria. Commissionare una campagna pubblicitaria. Giudicare la creatività. Conoscere le figure professionali della pubblicità e del marketing non convenzionale. Cos è il marketing non convenzionale. Scrivere una copy strategy coerente con il piano di comunicazione. Pianificare una campagna sui social media (Google Adword, pubblicità su Facebook, banner advertising, ecc.). 10

11 B482 Social media management: la comunicazione nel web METODOLOGIE E STRUMENTI OPERATIVI 1 giorno DATA 14 dicembre ,45-14,45 euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Mauro FACONDO Consulente e formatore in comunicazione e strategie su internet e sui nuovi media, fa parte della rete di comunicatori Professionisti Liberi Flavia TRUPIA Comunicatrice, docente e blogger Conoscere i social media e le loro principali novità per poterli integrare nei piani di comunicazione, in maniera mirata e coerente con obbiettivi e valori istituzionali. Individuare e analizzare commenti e recensioni di cittadini utenti e stakeholder nell intero ecosistema dei social media: forum, blog, wiki, social network, microblogging, siti di citizen journalism,piattaforme social news, contentcuration, condivisione foto e video eccetera. Monitorare e pianificare la propria presenza sui principali social network: Facebook, Twitter, YouTube, Google Plus, e altri. Creare e gestire un blog. Il seminario è rivolto a chi lavora, o vuole lavorare, nelle direzioni della comunicazione di Enti Pubblici, organizzazioni internazionali, enti non profit, società di consulenza. Panoramica generale dei social media e degli strumenti a disposizione nel Le novità del web e l impatto sulla comunicazione di enti pubblici e privati. Il ruolo attivo delle aggregazioni on line di utenti e cittadini e l impatto sulla formazione dell opinione pubblica. Principali comunità virtuali e social network (tipologie e differenze). Quali contesti di relazione online considerare, come utilizzarli e integrarli nel piano di comunicazione: social network tradizionali e piattaforme di comunicazione innovative, social news e siti Content Curation ( Scoop.it, Storify, Paper.li ecc.). Metodologie per trovare i luoghi di relazione online, impostare un attività di monitoraggio delle recensioni, commenti e istanze di utenti, cittadini e stakeholder, individuare e mappare opinion leader e influenzatori. Come impostare il piano di comunicazione 3.0. Predisporre un piano editoriale su comunità virtuali e social media (contenuti, regole, documento di policy, stile di scrittura). Diffondere notizie attraverso piattaforme di social news (es. Oknotizie, Buzzfeed, ecc.). Metodologie e tecniche di interazione sui Social Media. Gestione dei commenti negativi online da parte di utenti, cittadini e media. Spunti metodologi ed operativi per utilizzare Twitter, Facebook, Google Plus a sostegno della attività di comunicazione dell Ente. Condividere i contenuti di un sito o di un blog con altri ambienti di social networking (cross media). Panoramica degli strumenti indispensabili di gestione di Social Media Management e Communication (es. Nimble, Social Bro, Hootsuite, Twitterfeed, Buffer). 11

12 B493 Tecniche di persuasione: scegliere le parole, parlare in pubblico, gestualità 2 giorni dicembre ,45 14,45 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Dott. Emiliano MASALA Attore Dott.ssa Flavia TRUPIA Comunicatrice, docente e blogger Il seminario è rivolto alle persone che intendono interpretare e saper utilizzare i meccanismi della persuasione, sia verbali sia non verbali; conoscere le soluzioni linguistiche e testuali che rendono incisivo un discorso; gestire le tecniche di persuasione attraverso i media, con particolare riferimento alla televisione; acquisire le tecniche per affrontare il pubblico in modo efficace e non apprensivo. Scrivere un discorso. L arte retorica contemporanea. Le tecniche di argomentazione. Parlare in pubblico e gestire il corpo (respirazione, postura, movimento nello spazio, pause). Parlare davanti a una telecamera o alla radio. Etica della persuasione. Esempi di comunicazione persuasiva di politici, manager, personaggi della storia contemporanea (es. Barack Obama, Angela Merkel, Steve Jobs, Tony Blair, Alcide De Gasperi, Silvio Berlusconi, Mario Monti, ecc.). Strumenti audiovisivi, power point e infografiche a supporto di un discorso. 12

13 B354 Gestire i rapporti con l utenza nella Pubblica Amministrazione - TECNICHE DI RISOLUZIONE DEI PROBLEMI E DEI CONFLITTI E PER SVILUPPARE LA SODDISFAZIONE DELL UTENZA 2 giorni ottobre ,00-14,30 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Dott.ssa Luciana D AMBROSIO MARRI Sociologa del lavoro, esperta di leadership organizzativa e consulente selezione, formazione, sviluppo del personale. Coach individuale e di gruppi organizzativi Dott. Andrea CASTIELLO d ANTONIO Psicologo del lavoro, consulente di gestione e sviluppo delle risorse umane Tutti coloro che desiderano potenziare le capacità di relazione e comunicazione con i clienti esterni ed interni. Il modulo è rivolto ad accrescere la capacità di front-office rispetto allo svolgimento delle attività di servizio nei confronti dell utenza, con particolare attenzione alle situazioni conflittuali e di tensione nella risoluzione dei problemi. Acquisire strumenti per rapportarsi in maniera più efficace ai clienti interni ed esterni. Gestire i clienti difficili e le situazioni di tensione. Acquisire la capacità di problem solving : definire i problemi della struttura e dei clienti, le tecniche per analizzarli in maniera sistematica e le metodologie per cercare le soluzioni e implementarle nell ottica della massima efficacia (soluzione dei problemi) ed efficienza (tempo e sforzi impiegati). Organizzare il back-office e il front-office del servizio. Rispondere alle obiezioni ed ai reclami. Riconoscere i segnali di stress e l impatto emotivo delle attività di servizio. Identificare e implementare le dimensioni della qualità del servizio e gli strumenti per la rilevazione della soddisfazione dell utenza anche in relazione alla Direttiva 24/04/04 Min. Funzione Pubblica. Il metodo che si intende utilizzare è un metodo attivo e di carattere esperienziale. Attraverso l utilizzo di simulazioni i partecipanti potranno, alternativamente, sperimentare e osservare lo sviluppo delle abilità di comunicazione con i clienti esterni ed interni e le dinamiche connesse. Tramite esercitazioni, role-play, simulazioni, video si permetterà a ciascun partecipante di mettersi alla prova e ricevere un riscontro sulle proprie competenze di comunicazione. Il metodo sperimentale permette di rilevare la differenza tra le tecniche di comunicazione e la capacità di utilizzarle praticamente. Lo stile relazionale adeguato in relazione ai differenti clienti-utenti. Le competenze per gestire il rapporto con il cliente. Tecniche per affrontare le situazioni di tensione e conflittuali. Riconoscere i segnali di stress e il ruolo delle emozioni nei rapporti con l utenza. Gli utenti difficili e le dinamiche relazionali. Proporre la soluzione ed essere assertivi con gli interlocutori interni ed esterni. Gestire i conflitti nella relazione con i clienti-utenti: utilizzare l assertività. Superare le paure e i blocchi emotivi nel conflitto. Argomentazione del proprio punto di vista in modo convincente. Gestire le obiezioni e le situazioni critiche. Saper utilizzare l empatia in maniera efficace. Saper dire di no. Utilizzare strumenti per persuadere gli interlocutori e valorizzare il proprio punto di vista raggiungendo soluzioni soddisfacenti per entrambi. Saper fare un critica costruttiva. Ampliare le proprie abilità di influenzamento per raggiungere soluzioni condivise con i clienti esterni ed interni. Le dimensioni della qualità nel servizio nella Pubblica Amministrazione. Organizzare il flusso delle informazioni nel front-office e nel back-office. Strumenti di rilevazione e misurazione della soddisfazione dell utenza: questionari, focus-group, interviste. 13

14 M262 MASTER IN COMUNICAZIONE EFFICACE E GESTIONE DEI CONFLITTI SUI LUOGHI DI LAVORO 6 giorni articolato in due moduli frequentabili anche singolarmente PERIODI DI SVOLGIMENTO novembre novembre ,45-14,45 euro 1.200,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Prof.ssa Antonella SAPIO (coordinatrice) Formatrice Esperta in psicologia dei gruppi Claudia FRISONE Formatrice in ambito aziendale in corsi dedicati alla comunicazione e al public speaking Dott. Sidi Said LAGATTOLLA Docente di management ed esperto di comportamento organizzativo Il Master mira alla acquisizione di strumenti di conoscenza per una corretta gestione delle relazioni conflittuali e consente, nel contempo, il miglioramento delle abilità comunicative e relazionali, anche al fine di una adeguata valorizzazione delle risorse umane. Il lavoro viene svolto in particolare con attività di tipo esperienziale. 1 modulo (B455): novembre 2015 La gestione creativa dei conflitti sui luoghi di lavoro 2 modulo (B454): novembre 2015 Comunicazione efficace, public speaking, trasformazione delle conflittualità VALUTAZIONE FINALE A richiesta dei partecipanti sarà rilasciato il titolo di Master con valutazione finale espressa in sessantesimi a chi: abbia frequentato l intero Master affronti gli argomenti trattati in una prova finale 14

15 B455 La gestione creativa dei conflitti sui luoghi di lavoro 3 giorni novembre ,45-14,45 euro 640,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Dott. Sidi Said LAGATTOLLA Titolare Studio Consultmanagement Docente di management ed esperto di comportamento organizzativo Prof.ssa Antonella SAPIO Formatrice Esperta in psicologia dei gruppi Significato, struttura e tipologia dei conflitti sui luoghi di lavoro. I livelli impliciti ed espliciti di comunicazione. La comunicazione sana ed efficace: l armonia tra verbale e non verbale. Dinamica dell interazione conflittuale e caratteristiche dell escalation. La comunicazione problematica, distonica, simmetrica, disorientante, manipolativa, con doppio messaggio: i feedback negativi nei luoghi di lavoro e lo stress relazionale. Il disagio relazionale: diventare improduttivi e non valorizzare il proprio potenziale. Tecniche e strategie di prevenzione, gestione e risoluzione dei conflitti. Il modello interattivo-emozionale per la trasformazione delle conflittualità. La capacità di accogliere ed incontrare il bisogno dell altro: l ascolto. La gestione delle emozioni condivise: l empatia. La possibilità di sperimentare il piacere dell incontro: la condivisione. Il superamento della diversità e dell intolleranza: l integrazione. La comunicazione consapevole: il contenimento della distruttività e la capacità di orientare in modo costruttivo la relazione verso obiettivi condivisi. La trasformazione di una co mu nicazione problematica: la capacità di accogliere e sostenere il cambiamento dell altro. Aggressività, passività, assertività. Osservare, conoscere, sviluppare se stessi nel rapporto con gli altri: la conoscenza di se stessi, la consapevolezza della nostra molteplicità, la capacità di osservarci dentro, il primo passo verso la gestione dei conflitti all interno di noi stessi, passaggio imprescindibile per stabilire giuste relazioni con gli altri, nella vita e sul lavoro. 15

16 B454 Comunicazione efficace, public speaking, trasformazione delle conflittualità 3 giorni novembre ,45 14,45 euro 640,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Claudia FRISONE Formatrice in ambito aziendale in corsi dedicati alla comunicazione e al public speaking Prof.ssa Antonella SAPIO Formatrice Esperta in psicologia dei gruppi Coinvolgere, motivare e creare impatto su un pubblico interno o esterno; migliorare la proprie abilità comunicative tramite autovalutazione e implementazione delle proprie capacità personali. Gestire lo stress e le situazioni di tensione nella comunicazione e nelle presentazioni in pubblico. Gestire efficacemente le relazioni problematiche. Il seminario è rivolto a coloro che desiderano ampliare le proprie capacità di comunicazione in pubblico. Può essere di interesse anche per professionisti che desiderano accrescere il proprio impatto nella comunicazione di fronte ad un uditorio (avvocati, formatori, insegnanti, ruoli pubblici). Abilità e principi fondamentali della comunicazione. Riconoscere gli interlocutori e leggere i segnali. La struttura del discorso: costruire e articolare con chiarezza i contenuti della presentazione. Autovalutazione del proprio stile comunicativo per potenziare le proprie abilità nella comunicazione verbale e non verbale. Esercizi per implementare l impatto nell uso dei gesti, della voce e del corpo. Intelligenza emotiva: la gestione delle emozioni e dell ansia nelle presentazioni. Simulazione di incontri e di riunioni: le dinamiche di gruppo, la gestione dei conflitti e delle tensioni, la creazione del clima relazionale e del coinvolgimento verso obiettivi comuni. La voce: emissione, articolazione, pronuncia, modulazione, oratoria. Focalizzazione degli obiettivi e accenni teorici su: apparato respiratorio, apparato fonatorio, produzione e modulazione del suono. Esercizi pratici su: respirazione corretta e consapevole, per il potenziamento della vocalità e dell emissione; potenziamento della vocalità e dell emissione; articolazione e pronuncia, per la comprensibilità, la fluidità e la qualità dell eloquio; segnalazione di inflessioni dialettali e difetti che compromettono la comprensibilità; prosodia. Espressività e modulazione vocale: tono, volume e ritmo, per la comprensibilità, la fluidità e la qualità dell eloquio. Simulazioni. La trasformazione delle conflittualità. La gestione efficace delle relazioni problematiche e la valorizzazione delle risorse umane. Il clima relazionale quale indicatore della qualità di vita lavorativa. La gestione dello stress relazionale e il benessere organizzativo. 16

17 M164 MASTER IN SCRITTURA EFFICACE TRADIZIONALE E WEB 5 giorni PERIODO DI SVOLGIMENTO 30 novembre dicembre ,00-14,30 euro 1.030,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) Dott.ssa Antonella BERNINI Esperta di comportamento organizzativo e di tecniche di comunicazione efficace Dott.ssa Flavia TRUPIA Esperta di tecniche di comunicazione aziendale Saper comunicare scrivendo significa esprimersi con chiarezza, precisione linguistica, capacità di analisi e sintesi, presentandosi con una veste grafica espressiva e stimolante. Esistono, a questo proposito, tecniche adeguate per ottenere il massimo grado di efficacia nei messaggi scritti, il cui obiettivo primario è avere le risposte attese. Saper strutturare i testi in funzione degli obiettivi, degli interlocutori e dei contesti sono gli argomenti principali trattati nel Master. Ottenere capacità di analisi e sintesi, precisione di linguaggio e organizzazione strutturale nel redigere i messaggi. Fornire strumenti concreti per mirare i messaggi agli obiettivi desiderati, snellendo le procedure scritte interne alle organizzazioni. Creare l impatto grafico-visivo adeguato al conseguimento dei risultati desiderati. Gli elementi di base nella comunicazione organizzata. I principi di scrittura e la definizione degli obiettivi di comunicazione. Le cause di incomprensione nel linguaggio e le ambiguità d interpretazione. Un modello linguistico di precisione: il Metamodello. La fisiologia del foglio e del messaggio scritto. La rappresentazione grafica e il rapporto forma/contenuto in un documento. Analisi dei codici linguistici nei linguaggi specifici. La posta elettronica: il grado di efficacia nei messaggi e lo stile di scrittura. Il periodo. Il testo. Scrivere semplice o scrivere complicato : paratassi e ipotassi. La traduzione dall italiano all italiano: come semplificare testi complessi. Regole generali per scrivere con chiarezza. Affrontare il foglio bianco: come iniziare? La punteggiatura. Le principali norme redazionali. La redazione dei testi per il web. Aspettative, codici culturali, codici linguistici e ruolo del lettore. Condizioni per una comunicazione scritta efficace: focalizzazione sul destinatario, chiarezza, concisione, concretezza, personalità. Previsione delle mosse del lettore. Obiettivo, contesto, strategia. La documentazione: tecniche per prendere appunti. Raccolta, creazione e organizzazione delle idee. Struttura del testo in funzione dell obiettivo e del lettore: discorso informativo, descrittivo, narrativo, persuasivo, prescrittivo, ottativo. Il verbale, la relazione di lavoro, il comunicato stampa, il redazionale, la newsletter, il discorso in pubblico. VALUTAZIONE FINALE A richiesta dei partecipanti sarà rilasciato il titolo di Master con valutazione finale espressa in sessantesimi a chi: abbia frequentato l intero Master affronti gli argomenti trattati in una prova finale 17

18 B492 E-government e ascolto delle esigenze dei cittadini attraverso il web 1 giorno 15 dicembre ,45 14,45 euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Dott. Guglielmo CELATA Fondatore dell Associazione Openpolis Esplorare le potenzialità offerte dal web e dalle nuove tecnologie digitali (social media, 3.0, apps), comprendendone le dinamiche evolutive e le crescenti dimensioni problematiche, con particolare riferimento ai processi di ascolto e di coinvolgimento progettuale della cittadinanza e alle nuove frontiere dell e-government. Il seminario è rivolto a coloro che desiderano comprendere con maggiore profondità le opportunità (e le aree problematiche) delle nuove tecnologie digitali e la loro applicabilità ai metodi dell ascolto e alla progettazione di servizi per i cittadini. Possono avere particolare interesse a queste tematiche i sistemi informativi, le stazioni appaltanti, gli uffici di dialogo con i cittadini (assessorati allo sviluppo economico e all innovazione, agenzie digitali, ecc.). Evoluzione delle tecnologie legate a internet: siti e applicazioni social. Le nuove forme di cittadinanza attiva nell era della Rete sociale. Online petitioning, crowdsourcing, crowdfunding e altri processi di progettazione partecipata. Le nuove frontiere dell e-government alla luce del decreto trasparenza e della tendenza all apertura dei dati della P.A. Dal cittadino osservato al cittadino osservatore: la funzione pubblica nell era dell accountability. 18

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni VideoFisco - VideoLavoro ottobre 2014 Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni a cura di Eros Tugnoli 1 COMUNICAZIONE

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli