SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE EDIMAR 2) Codice di accreditamento: NZ ) Albo e classe di iscrizione: Albo Nazionale provvisorio degli enti di servizio civile nazionale 4 CARATTERISTICHE PROGETTO 4) Titolo del progetto: CA EDIMAR: FAMIGLIA AIUTA FAMIGLIA 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): E-01 Centri di aggregazione; 03 Animazione culturale verso giovani 6) Descrizione dell'area di riferimento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto Ca Edimar è un villaggio alla periferia di Padova, gestito dalla Fondazione Opera Edimar-ONLUS aperto a famiglie con figli in difficoltà per prevenire situazione di disagio nella convivenza e nella conduzione educativa tramite interventi e sostegni e, dove necessario, farsi carico dei minori anche per periodi di allontanamento dalla famiglia di origine attraverso forme e procedure o decise autonomamente dalla famiglia o, nei casi più gravi, concordate e/o attivate dai Servizi Sociali competenti. I dati sui minori fuori famiglia, pubblicati a fine 2012 dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, mettono in evidenza la diffusa difficoltà di assicurare a tutti i bambini e i ragazzi la tutela del diritto di crescere in un contesto familiare. Sta crescendo la consapevolezza che, se si eccettuano situazioni grave dove l allontanamento, più o meno temporaneo, dalla famiglia di origine è inevitabile per il

2 bene del minore, le forme di aiuto con le quali farsi carico della difficoltà educativa e genitoriale, non si possono più limitare a modelli precostituiti, quali l affido (comunque molto problematico in età adolescenziale) e il collocamento in una comunità familiare o educativa. Attorno al minore e alla sua famiglia in difficoltà potrebbe invece generarsi un movimento di capaci di adulti condividere e sostenere (e solo nei casi estremi sostituire) i nuclei familiari deboli, offrendo loro, in modo ordinato e guidato, opportunità fatte di relazioni, accompagnamento e altre forme di aiuto adeguate alle situazioni di affaticamento genitoriale e di carenze educative nei confronti dei minori. A tale proposito la Regione Veneto ha attivato in aprile tramite bando affidato all ULSS 8 di Asolo (TV) (Delibera 296 del ) - un progetto per la creazione di Luoghi di Accoglienza e Condivisione (LAC) che non si caratterizzano più per l offerta rigida di un servizio o struttura, ma che offrono una pluralità di opportunità e aiuti, potenziando l osservazione iniziale, la flessibilità dell intervento e la ricerca fra tutti gli attori interessati delle proposte più adeguate e rispettose dei diritti di ogni persona coinvolta. La caratteristica principale di questi luoghi LAC è la presenza di più nuclei familiari che, nel rispetto di ognuno e nella chiarezza delle responsabilità, condividano la stessa esperienza in modo che la diversità e la pluralità favoriscano la non rigidità nella risposta. La presenza di famiglie che vivono stabilmente in un luogo tende a rendere evidente la caratteristica e la natura originale di questo luogo: non solo la presenza di un clima familiare che qualunque adulto può contribuire a creare, ma un ambito di legami stabili che sono all origine di una casa e che si allargano e si intrecciano con la vita di chi, anche temporaneamente, passa attraverso queste case. Rappresenta pertanto la possibilità che ogni famiglia che ci abita ed è responsabile dell accoglienza nella propria casa sia sostenuta da un ambito comunitario. Tutto questo rappresenta un fattore ulteriore e importante per il successo dell affido e dell accoglienza in genere in una famiglia perché spesso tali esperienze falliscono anche per la solitudine in cui vivono o sono spesso lasciate le famiglie accoglienti di fronte ad emergenze e difficoltà. Ca Edimar è stata scelta per sperimentare tale progetto e ha come destinatari: - servizi sociali territoriali (attualmente attivi rapporti con Padova, Venezia, Alta Padovana) - consultori familiari (rapporti in atto con ULSS 16) - luoghi di intercettazione del bisogno: parrocchie, scuole, associazioni familiari Le azioni previste si suddividono in quattro macro ambiti: a) accoglienza, ascolto e presa in carico di situazioni di famiglie con forti problemi educativi con i propri figli o necessità di forme temporanee di sostegno b) accoglienza residenziale di minori per i quali è necessario un lavoro educativo complementare a quello della famiglia o, nei casi ritenuti più problematici dai Servizi competenti, temporaneamente sostitutivo tramite l inserimento in una comunità familiare o in progetti di affido c) accoglienza di minori in progetti diurni aventi lo scopo di favorire il successo formativo o l inserimento nel lavoro e/o altre attività che facciamo emergere attitudini e potenzialità d) progetti-ponte di accoglienza anche residenziale di giovani che, pur arrivati alla maggiore età, dopo l uscita dalle comunità e/o dai progetti protettivi previsti per i minori, sono privi di ambiti parentali di origine che sostengano il nuovo percorso verso l inserimento positivo nella vita attiva (in particolare nell inserimento lavorativo e nell autonomia responsabile)

3 In collegamento con Ca Edimar, l Associazione Edimar e la Fondazione Opera Edimar gestiscono il Centro Regionale per le Difficoltà di Apprendimento, che usufruisce tramite apposito Accordo della supervisione scientifica dell Università degli Studi di Padova. Il Centro garantisce progetti personalizzati per allievi delle scuole elementari, medie e del biennio delle superiori che presentano evidenti difficoltà nell apprendimento scolastico, al fine di potenziare le abilità di base, migliorare il metodo di studio e rimotivare all'impegno scolastico. All interno di questo articolato contesto di attività e di servizi educativi, poter utilizzare n. 3 volontari in servizio civile consentirà alle famiglie responsabili di Ca Edimar di organizzare la vita e la convivenza del villaggio in modo da garantire a tutti gli ospiti l attenzione necessaria e, in particolare, incrementare le opportunità di crescita offerte ai beneficiari del presente progetto: - famiglie con figli in difficoltà e/o situazioni di disagio conclamate - minori in situazione di allontanamento dalla famiglia - maggiorenni con legami parentali deboli o assenti - piccoli nuclei familiari (in particolare madri con figli) con legami parentali deboli o assenti - minori con difficoltà di apprendimento. Le attività si svolgeranno all interno del villaggio di Ca Edimar e/o presso le sedi delle attività previste per i ragazzi come ad esempio le sedi scolastiche o di progetti scolastici/formativi, sede delle attività sportive, abitazione di amici/parenti, luoghi per incontro con i genitori. 7) Obiettivi del progetto: Questo progetto permette ai volontari in servizio civile di: - maturare la consapevolezza della risorsa famiglia all interno di una organizzazione del welfare di comunità ; - contribuire alla conduzione di progetti educativi a favore di minori in collocazione eterofamiliare; - conseguire competenze riguardo a: lavoro in equipe, lavoro all interno del progetto della presa in carico, gestione di relazioni educativamente significative; - conseguire competenze specifiche all attività personalizzata con minore e giovani in difficoltà; - formarsi riguardo a: accogliere la diversità dell altro, la visione intera dell essere umano che si declina poi in aree di progettazione e proposta educativa all interno della libertà del ragazzo; - entrare nelle attuali problematiche degli Enti di solidarietà sociale che sono chiamati a rimodulare la loro presenza e attività all interno di un welfare in continuo cambiamento. Questo progetto permette ai volontari in servizio civile di: - maturare la consapevolezza della risorsa famiglia all interno di una organizzazione del welfare di comunità ; - contribuire alla conduzione di progetti educativi a favore di minori in collocazione eterofamiliare; - conseguire competenze riguardo a: lavoro in equipe, lavoro all interno del progetto della presa in carico, gestione di relazioni educativamente significative;

4 - conseguire competenze specifiche all attività personalizzata con minore e giovani in difficoltà; - formarsi riguardo a: accogliere la diversità dell altro, la visione intera dell essere umano che si declina poi in aree di progettazione e proposta educativa all interno della libertà del ragazzo; - entrare nelle attuali problematiche degli Enti di solidarietà sociale che sono chiamati a rimodulare la loro presenza e attività all interno di un welfare in continuo cambiamento. 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: 8.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Si sintetizza attraverso il seguente diagramma di Gant nei 12 mesi previsti dal progetto: ATTIVITA Accoglienza volontari Incontro tra volontari e personale dell'ente che ricopre ruoli di responsabilità al fine di sensibilizzare l'ente al servizio civile Incontro con le figure professionali del progetto, i volontari, e i volontari di altro ente. X X X X X X X Formazione generale X X X Formazione specifica X X X X Incontri di monitoraggio tra OLP e formatori Verifica dell operatività dei volontari nei vari ambiti del progetto Monitoraggio attività volontari Relazione finale volontari Corso per Certificazione competenze dei volontari Monitoraggio efficacia ed efficienza del progetto X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X I volontari saranno coinvolti nei seguenti ambiti con le rispettive risorse umane: a) la comunità familiare Casa famiglia, per 6 minori di sesso maschile, età compresa tra 8 e 13 anni, sotto la responsabilità di una delle tre famiglie coinvolte in Ca Edimar e degli educatori

5 b) la casa di una delle famiglie residenti che accoglie temporaneamente minori (al momento fino a 2) che sono in attesa della definizione di un progetto educativo adeguato (inserimento più stabile in comunità familiare, progetto-ponte verso l affido, rientro graduale in famiglia, etc.) c) i progetti diurni per adolescenti aventi lo scopo di favorire il successo formativo o l inserimento nel lavoro e/o altre attività che facciamo emergere attitudini e potenzialità d) l appartamento-ponte per maggiorenni privi di ambiti parentali di origine che sostengano il loro percorso verso l inserimento positivo nella vita attiva e) la proposta di incontri anche a carattere conviviale, in cui poter discutere e approfondire tematiche educative, anche proposte dai genitori stessi, in particolare dei figli adolescenti, insieme ad altre famiglie della rete di Ca Edimar che hanno affrontato o stanno affrontando gli stessi problemi f) attività nel tempo libero comuni tra famiglie, tra adulti e/o con i figli, con il coinvolgimento attivo di tutti nell organizzazione. 8.2 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, specificando se volontari o dipendenti a qualunque titolo dell ente. I volontari in servizio civile inseriti presso Ca Edimar opereranno in stretta relazione e collaborazione con le risorse umane di sistema previste dal progetto: - responsabile generale di Ca Edimar - psicologo psicoterapeuta - pedagogista. Per quanto riguarda invece le risorse umane necessarie all espletamento delle attività individuate, i volontari in servizio civile collaboreranno con le seguenti risorse umane: attività risorse umane dipendenti comunità familiare Casa famiglia, per 6 minori di sesso maschile, età compresa tra 8 e 13 anni risorse umane volontarie dell ente 2 6 casa famiglia per progetti ponte verso l affido 0 4 progetti diurni per adolescenti 2 10 l appartamento-ponte per maggiorenni 1 3 eventi culturali 0 10 attività nel tempo libero comuni tra famiglie Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto Durante le prime settimane i volontari in servizio civile fruiranno di una formazione d aula generale e specifica e prenderanno familiarità con l ambiente di Ca Edimar anche attraverso la presentazione dei macro ambiti e dei vari ambiti dell attività. Già dalla seconda settimana ciascun volontario inizierà gradualmente a collaborare al progetto attraverso l individuazione e l assegnazione di ognuno di loro nella/e area/e, tenuto conto anche delle inclinazioni professionali e sensibilità di ciascun volontario. Tale aree, tenuto conto del progetto complessivo e dei suoi ambiti di intervento, sono così suddivise:

6 area A: attività di affiancamento educativo agli educatori e alle famiglie all interno di Ca Edimar per le attività previste per i minori accolti durante la giornata (attività scolastiche, organizzazione del tempo libero, cura della cucina, etc.) accompagnamento dei ragazzi per attività sportive e ricreative in genere (con mezzi messi a disposizione della Fondazione Opera Edimar area B: affiancamento degli operatori assegnati per le altre forme di accoglienza previste (maggiorenni, nuclei familiari in temporanea difficoltà) area C: sostegno nella preparazione e gestione di eventi comunitari (feste, gite, etc.) Ciascun volontario farà riferimento ad un capo-area, scelto dai responsabili di Ca Edimar d intesa con l OLP, che curerà anche l attivazione dei rapporti con gli operatori dello stesso ambito di lavoro. I capi-area saranno il punto di riferimento operativo per ciascun volontario e parteciperanno ai periodici incontri di verifica del progetto con l operatore locale di progetto, previsti al terzo, sesto e nono mese di attività. 9) Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 10) Numero posti con vitto e alloggio: 11) Numero posti senza vitto e alloggio: 12) Numero posti con solo vitto: perché l orario di servizio comprende il pranzo ) Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: 30 ore sett. 14) Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6) : 6 15) Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Disponibilità a prevedere fino a 2 gg di servizio al mese durante giornate festive.

7 16) Sede/i di attuazione del progetto, Operatori Locali di Progetto e Responsabili Locali di Ente Accreditato N. Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo Cod. ident. sede N. vol. per sede Nominativi degli Operatori Locali di Progetto Cognome e nome Data di nascita C.F. 1 Ca Edimar Padova Via Due Palazzi Dupuis Mario DPSMRA50R07C638B 2

8 17) Eventuali attività di promozione e sensibilizzazione del servizio civile nazionale: La pubblicizzazione del progetto avviene attraverso un piano articolato di promozione che si avvale di diversi strumenti, tra cui si individuano: 1) il sito a cui si può accedere dalla rete delle associazioni di volontariato a livello locale (il Centro Servizi Volontariato), dalla Regione Veneto, dall osservatorio Regionale per l infanzia e l adolescenza. Il sito è già molto consultato dagli studenti universitari di Padova (della facoltà di Psicologia e scienze della formazione), Verona (scienze della formazione), Bologna (scienze della formazione), Trieste (psicologia), Milano (Università Cattolica del Sacro Cuore) con le quali l associazione Edimar ha le convenzioni per i tirocini universitari; 2) newsletter che arriva a circa persone; 4) pagina facebook di Ca Edimar; 3) manifesti nelle scuole superiori e presso l Università di Padova; 3)brevi articoli sulla stampa locale e di alcune occasioni di incontri con la proposta di servizio civile attraverso stand concordati in spazi accessibili: per le scuole medie superiori per complessive 15 h in università: per complessive 12 h per un totale di 27 h. 18) Eventuali autonomi criteri e modalità di selezione dei volontari: Nessuno 19) Ricorso a sistemi di selezione verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio): NO 20) Piano di monitoraggio interno per la valutazione dell'andamento delle attività del progetto: Il piano di monitoraggio prevede diversi momenti: 1. Per l attività dei volontari: a) una serie di incontri strutturati tra tutti i volontari del presente progetto e, per tre volte, un incontro con i volontari in servizio civile che operano nel progetto gestito dalla Fondazione San Gaetano-Onlus (criterio aggiuntivo ai sensi della Delibera Giunta Regionale del Veneto n. 665 del ) per un osservazione comune critica e sistematica sull esperienza in atto, analizzare i problemi emersi e raccogliere proposte, critiche e domande (vedi allegato:partner_fondaz San Gaetano.pdf ); b) tre incontri tra OLP e formatori per verificare l aderenza del percorso formativo con le problematiche e le competenze necessarie che il coinvolgimento dei volontari con le attività proposte fanno evidenziare; c) al termine del servizio viene richiesta ai volontari una relazione conclusiva che

9 identifichi criticità e positività del progetto ed elenchi le acquisizioni individuali. 2. Per tutte le figure che a vario titolo intervengono nella realizzazione del progetto: a) nel corso dell anno sono previsti almeno tre incontri di verifica generale del progetto e di riprogettazione; in ogni incontro viene analizzato lo stato di attuazione del progetto, il raggiungimento degli obiettivi quantitativi e qualitativi, i problemi sorti e le criticità; b) alla conclusione del progetto è prevista una riunione di verifica finale. 3. Per i fondatori dell'associazione Edimar, le diverse figure che intervengono nel progetto (OLP, progettista, responsabile formazione, responsabile informatico e responsabile amministrativo) e i volontari in servizio civile sono previsti almeno 3 momenti di incontro comune (all inizio, a metà e a fine progetto): - all inizio vi è un momento di informazione/formazione comune per illustrare la realtà associativa di Ca Edimar, il progetto e presentare le figure di riferimento, i ruoli e le competenze, allo scopo di sensibilizzare i responsabili ultimi sul valore della risorsa di volontariato attraverso il servizio civile; - a metà progetto per una verifica generale del progetto ed una eventuale riprogettazione; - alla fine del progetto per una verifica complessiva, finalizzata anche alla pubblicizzazione dei risultati. Questo risponde anche al criterio aggiuntivo ai sensi della Delibera Giunta Regionale del Veneto n. 665 del (vedi allegato: Incontro volontari-responsabili ente gestore.pdf) E previsto infine il monitoraggio complessivo sugli aspetti qualitativi e quantitativi attraverso la rilevazione di variabili di efficacia ed efficienza rispetto alle azioni di progetto e formative dei volontari. (vedi allegato: Questionario su efficienza progetto.pdf) allo scopo di pubblicizzare i risultati conseguiti. Per le azioni di progetto si valuterà:. Continuità del progetto. Livello di gradimento degli utenti rispetto al prodotto e rispetto al rapporto con gli operatori. Prodotti/servizi erogati. Numero degli interventi. Coinvolgimento progettuale dei volontari. Coinvolgimento di altre agenzie educative del territorio. Coinvolgimento degli enti locali Per le azioni rivolte ai volontari si valuterà:. Livello di soddisfazione dei volontari. Capacità di stare in gruppo insieme. Capacità di gestire e distinguere processi di collaborazione/conflitto. Capacità di riconoscere forme e processi di comunicazione efficace tra leadership e collaboratori. Capacità di riconoscere fasi e processi di progettazione. Incremento delle competenze e conoscenze personali 21) Ricorso a sistemi di monitoraggio verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio): NO

10 22) Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64: Generalmente si richiede il diploma di scuola media superiore. Si prevede una riserva pari al 33%, cioè per 1 volontario, rivolta a giovani con bassa scolarizzazione (scuola dell obbligo) (criterio aggiuntivo ai sensi della Delibera Giunta Regionale n. 655 del ) Fatto salvo il criterio precedente sarà data priorità a candidati muniti di patente, in quanto la sede di Via Due Palazzi non è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. 23) Eventuali risorse finanziarie aggiuntive destinate in modo specifico alla realizzazione del progetto: costo della formazione specifica costo della eventuale certificazione di competenze TOTALE ) Eventuali reti a sostegno del progetto (copromotori e/o partners): La Fondazione Opera Edimar, gestore di Ca Edimar, all interno dell Accordo di collaborazione con l Associazione Edimar, favorirà tutte le iniziative per permettere un inserimento positivo ed efficace dei volontari all interno della vita e dell esperienza di Ca Edimar (vedi allegato: PARTNER_Fondaz Opera Edimar.pdf). La Fondazione San Gaetano, titolare di un proprio progetto, collaborerà per attivare, per tre volte, un incontro tra i propri volontari in servizio civile e quelli del presente progetto (criterio aggiuntivo ai sensi della Delibera Giunta Regionale del Veneto n. 665 del ) per un osservazione comune critica e sistematica sull esperienza in atto, analizzare i problemi emersi e raccogliere proposte, critiche e domande. (vedi allegato:partner_fondaz San Gaetano.pdf ) 25) Risorse tecniche e strumentali necessarie per l attuazione del progetto: Il progetto prevede che ciascun volontario possa disporre di una propria postazione di lavoro, comprensiva di un computer, per la propria attività. A tale scopo l Associazione Edimar mette a disposizione per i volontari in servizio civile un apposito spazio, perché ciascun volontario deve poter disporre di un proprio tavolo e un proprio computer. La biblioteca presente a Ca Edimar e il servizio documentazione on line possono essere inoltre utilizzati anche dai volontari in servizio civile.

11 CARATTERISTICHE DELLE CONOSCENZE ACQUISIBILI 26) Eventuali crediti formativi riconosciuti: Non previsti 27) Eventuali tirocini riconosciuti : L Associazione Edimar è in convenzione per il tirocinio con la Facoltà di Psicologia dell Università di Padova e la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università di Padova, Verona e Bologna e e con l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. In particolare l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano si impegna a riconoscere i crediti formativi relativi al tirocinio ai propri studenti impegnati nel servizio civile nazionale presso questo progetto dell Associazione Edimar come da apposita convenzione del ((vedi allegato:tirocini_università Cattolica MI.pdf )) 28) Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l espletamento del servizio, certificabili e validi ai fini del curriculum vitae: Al termine del servizio verrà rilasciato a ciascun volontario un attestato in cui verranno descritte le attività svolte durante l anno, nonché le competenze formative e professionali acquisite. Tali competenze e professionalità fanno riferimento alle seguenti aree: - sviluppo di capacità relazionali con adolescenti e famiglie - capacità di progettare interventi educativi personalizzati - capacità di realizzare interventi educativi - capacità di lavorare in équipe - capacità di stendere relazioni sulle attività educative realizzate - capacità di organizzare e realizzare attività ricreative - capacità di affrontare situazioni di emergenza educativa. Per i volontari che lo richiedono le competenze saranno certificate da apposito Ente di formazione accreditato in Regione Veneto secondo la normativa vigente. Formazione generale dei volontari 29) Sede di realizzazione: Associazione Edimar via Due Palazzi 43 Padova 30) Modalità di attuazione:

12 La formazione generale viene effettuata in proprio, dai formatori individuati dell Associazione Edimar. 31) Ricorso a sistemi di formazione verificati in sede di accreditamento ed eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio: NO 32) Tecniche e metodologie di realizzazione previste: Le tecniche utilizzate varieranno a seconda dei singoli moduli: prevalentemente si tratta di tecniche che prevedono la partecipazione attiva dei volontari attraverso lavori di gruppo, esercitazioni e simulazioni. In particolare si utilizzeranno collaudate tecniche per contestualizzare, allenare, vivacizzare e personalizzare il percorso di apprendimento (Training tools) Non si esclude comunque la possibilità che alcune tematiche siano trattate nella forma della lezione frontale. 33) Contenuti della formazione: Lo scopo della formazione è quello di far esplicitare e confrontare i volontari circa le motivazioni e le attese di ciascuno nei confronti della scelta di Servizio Civile. I contenuti affrontati saranno i seguenti: L'identità del gruppo in formazione Dall'obiezione di coscienza al servizio civile nazionale: evoluzione storica, affinità e differenze tra le due realtà Il dovere di difesa della Patria La difesa civile non armata e nonviolenta La protezione civile La solidarietà e le forme di cittadinanza Servizio civile nazionale, associazionismo e volontariato La normativa vigente e la Carta di impegno etico Diritti e doveri del volontario in servizio civile Dall Associazione Edimar alla nascita di Ca Edimar: storia, mission, progettualità a questo incontro partecipano anche i fondatori dell'associazione Edimar: Il progetto CA EDIMAR: FAMIGLIA AIUTA FAMIGLIA 34) Durata: 42 ore (6 giornate da 7 ore ciascuna)

13 Formazione specifica (relativa al singolo progetto) dei volontari 35) Sede di realizzazione: Associazione Edimar, via Due Palazzi 43 a Padova 36) Modalità di attuazione: La formazione specifica viene realizzata a partire dalla seconda settimana di servizio da esperti individuati dall Associazione Edimar e tenuto conto delle competenze presenti all interno della Fondazione Opera Edimar. 37) Nominativo/i e dati anagrafici del/i formatore/i: Lucia Micheletto nata a Borgoricco (PD) il 02/06/1961 Zobel Maria Rita nata a San Giovanni Rotondo (FG) il 06/12/1964 Palamin Anna nata a Motta di Livenza (TV) il 30/10/ ) Competenze specifiche del/i formatore/i: Lucia Micheletto, psicologa del lavoro, esperta di formazione Zobel Maria Rita, psicologa e psicoterapeuta, formatore, esperta in problematiche giovanili e familiari Palamin Anna, pedagogista e esperta nei processi formativi 39) Tecniche e metodologie di realizzazione previste: Tecniche analoghe a quelle descritte per la formazione generale. Verranno distribuiti, comunque, materiali cartacei o informatici relativi ai vari contenuti affrontati. 40) Contenuti della formazione: Programma con contenuti della formazione specifica, indicazione esperti e ore previste (criterio aggiuntivo ai sensi della Delibera Giunta Regionale del Veneto n. 665 del )

14 - Il volontario in servizio civile e i rapporti con adulti e i minori: comunicazione, ascolto, leadership ; dott.ssa Lucia Micheletto, n. 12 ore di attività formativa - L adolescente in disagio sociale: il lavoro gruppoanalitico nel dispositivo della presa in carico e lavoro di rete ; Dott.ssa Maria Rita Zobel, n. 12 ore di attività formativa - Difficoltà e disturbi dell apprendimento: cause e modalità di individuazione ; Dott.ssa Lucia Micheletto, n. 6 ore di attività formativa - I principali strumenti di intervento per le difficoltà scolastiche ; Dott.ssa Anna Palamin, n. 6 ore di attività formativa - Il sostegno educativo nelle situazioni problematiche: pedagogia della famiglia ; Dott.ssa Maria Rita Zobel, n. 12 ore di attività formativa - Metodologia dell animazione ; Dott.ssa Lucia Micheletto, n. 6 ore di attività formativa. L intervento di rete nel lavoro con i minori e con le famiglie ; Dott.ssa Maria Rita Zobel, 12 ore di attività formativa Le difficoltà di studio: l'atteggiamento dello studente ; Dott.ssa Anna Palamin, n. 6 ore di attività formativa 41) Durata: 72 ore Altri elementi della formazione 42) Modalità di monitoraggio del piano di formazione (generale e specifica) predisposto: Ciascun formatore, alla fine della proprio modulo, somministrerà un questionario di valutazione. Al termine di ciascun ciclo di formazione l OLP provvede all organizzazione di un incontro con tutti i formatori coinvolti durante il quale si analizzeranno i risultati dei questionari di valutazione di fine modulo somministrati ai volontari. Durante l incontro viene distribuito a tutti i formatori un questionario i cui risultati verranno successivamente elaborati. 30 luglio 2014 Il Responsabile legale dell ente

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI RIMINI 2) Codice di accreditamento: NZ03588 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Nuovi Sviluppi Via J. Kennedy n. 24 90019 Trabia (PA) P.IVA 04654320821

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: 2) Codice di accreditamento: 3) Albo e classe di iscrizione: gna 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: 2) Codice di accreditamento: 3) Albo e classe di iscrizione: CARATTERISTICHE PROGETTO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ 03078

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda USL RM B 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE : ISTITUTO DEI CIECHI DI MILANO 1) Ente proponente il progetto: ISTITUTO DEI CIECHI di MILANO Via Vivaio, 7 20122

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda ASL RMB 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI PRIGNANO SULLA SECCHIA - MODENA 2) Codice di accreditamento: NZ00338

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA DEL FILO D ORO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ00672 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto PARLA CON NOI Settore ed area di intervento del progetto Settore E) EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: INTER_ AZIONE SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il presente progetto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Amministrazione Provinciale di Vercelli 2) Codice di accreditamento: NZ00384 3)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ALLEGATO 6 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI ENTE Ente proponente il progetto: Comune di Todi Codice accredito NZ02376 Regionale Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Naturalmente bimbi Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Coop

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

Progetto: Virgilio Tutorato per la motivazione allo studio e il recupero di situazioni di svantaggio

Progetto: Virgilio Tutorato per la motivazione allo studio e il recupero di situazioni di svantaggio liceo artistico statale Caravaggio 20127 Milano - Via Prinetti, 47 - tel. 02/890.789.26 7-8 fax 02/2614.4258-2611.7878 - e-mail info@liceocaravaggio.com Cod. MPI. MISL020003 Cod. Fisc. 80094670157 Progetto:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Nuova Generazione Via P. Mattarella snc 90019 Trabia (PA) C.F. 02732380825

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda ASL RMB 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE 2) Codice di accreditamento: NZ00526 3) Classe di

Dettagli

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico.

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico. 1) Titolo del progetto: Baby Parking in Ospedale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Educazione e Promozione Culturale Area: E 01 Centri di aggregazione

Dettagli

CATASTO AREE PUBBLICHE DISCARICHE ABUSIVE E TERRENI PRIVATI ABBANDONATI AL DEGRADO

CATASTO AREE PUBBLICHE DISCARICHE ABUSIVE E TERRENI PRIVATI ABBANDONATI AL DEGRADO (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE: COMUNE DI TERRACINA 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TERRACINA 2) Codice di accreditamento: NZ00094 3)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI BIBLIOTECA MARUCELLIANA FIRENZE 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NELLE ATTIVITA PREVISTE DELL ART.1, DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2002, N. 288 E DALL ART.0, DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2003, N. 289. ENTE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO : voce 4 Percorsi Paralleli ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e AREA DI INTERVENTO voce 5 : Settore Educazione e Promozione culturale Area di Intervento : Centri di

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI.

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. Denominazione Ente: Fondazione famiglia materna Indirizzo: via Saibanti 6 Recapito telefonico: 0464435200 Referente per i contatti con i giovani:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TORTONA 2) Codice di accreditamento: NZ01098 3) Albo e classe di iscrizione: ALBO

Dettagli

CRESCE LA VOGLIA DI BIBLIOTECA. L'utente cliente e le sue esigenze al primo posto.

CRESCE LA VOGLIA DI BIBLIOTECA. L'utente cliente e le sue esigenze al primo posto. (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE: COMUNE DI TERRACINA 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TERRACINA 2) Codice di accreditamento: NZ00094 3)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. Insieme nel tempo

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. Insieme nel tempo SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ03078

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione: Regione Campania

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE COMUNE DI NUORO 1) Ente proponente il progetto: Comune di Nuoro Settore Servizi Sociali e Culturali 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

Si ricorda che: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Si ricorda che: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : PER LA SEDE DI SASSARI: COSPES SALESIANI SARDEGNA VIA DE MARTINI N. 18 07040 SASSARI (SS) PER LA SEDE DI CAGLIARI: PARROCCHIA S. PAOLO, PIAZZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Avere cura: un valore, un impegno, una opportunità SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

ALLEGATO 5 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Nazionale

ALLEGATO 5 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Nazionale ALLEGATO 5 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il : Cooperativa Nuova Generazione Via P. Mattarella snc 90019 Trabia (PA) P.IVA 02732380825

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: DECISAMENTE ABILI 2014 AMBITO D INTERVENTO: affiancamento alle persone diversamente abili nelle attività di socializzazione a domicilio e nelle

Dettagli

A) Obiettivo Generale: Realizzare progetti che contribuiscano a creare situazioni di agio nei

A) Obiettivo Generale: Realizzare progetti che contribuiscano a creare situazioni di agio nei ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Primi passi insieme: bambini e famiglie nella comunità locale SETTORE e Area di Intervento: Assistenza A 02 Minori OBIETTIVI DEL PROGETTO MUNICIPALITA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI LAINO CASTELLO Piazza I Maggio n 18

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI COMUNITÀ EDUCATIVE COMUNITÀ FAMILIARE SERVIZIO SEMIRESIDENZIALE ALLOGGIO PER L AUTONOMIA COMUNITA EDUCATIVE COMUNITA FAMILIARE FONDAZIONE PIO ISTITUTO BUON PASTORE Via

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO. Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino.

CARATTERISTICHE PROGETTO. Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino. CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto S.O.S. SASD UNICAM Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino. Obiettivi generali che i candidati devono

Dettagli

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LEGA REGIONALE COOP. E MUTUE

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Le Nuvole Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti IMMIGRATI, Giorni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COOPERATIVA SOCIALE BEN - ESSERE 2) Codice di accreditamento: NZ04780 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Venezia interculturale: percorsi per diventare cittadini del mondo SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale attività interculturali

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Nuova Generazione Via P. Mattarella snc 90019 Trabia (PA) P.IVA 02732380825

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. C'era una (s)volta

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. C'era una (s)volta SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

Scheda sintetica del progetto di servizio civile La vita è bella insieme è bellissima!

Scheda sintetica del progetto di servizio civile La vita è bella insieme è bellissima! Scheda sintetica del progetto di servizio civile La vita è bella insieme è bellissima! Ente a cui indirizzare o consegnare la candidatura: SPES Associazione Promozione e Solidarietà Via Liberiana, 17 00185

Dettagli

INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA

INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA ENTE Ente proponente il progetto: U.I.L.D.M. Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Onlus - Direzione Nazionale Via P.P. Vergerio, 19-35126 Padova

Dettagli

ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1. Ente proponente il progetto: UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE 2. Codice di accreditamento: NZ00347 3. Classe

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: TEMPO PER CRESCERE : bambini, bisogni, diritti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE Settore E: Educazione e promozione culturale AREA 02

Dettagli

ELEMNTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

ELEMNTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ALLEGATO 6 ELEMNTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI RAVENNA 2) Codice di accreditamento: NZ00813 3) Albo e classe di iscrizione: ALBO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MEZZOJUSO 2) Codice di accreditamento: NZ00607 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

ARESS FABIOLA ONLUS FILI D ARGENTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NAZIONALE

ARESS FABIOLA ONLUS FILI D ARGENTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NAZIONALE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Aress Fabiola Onlus 2) Codice di accreditamento: NZ00963 3) Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TAVIANO 2) Codice di accreditamento: NZ00428 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NAZIONALE

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NAZIONALE (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Aress Fabiola onlus 2) Codice di accreditamento: NZ00963 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

Scheda sintetica del progetto di servizio civile Solidarietà senza età

Scheda sintetica del progetto di servizio civile Solidarietà senza età Scheda sintetica del progetto di servizio civile Solidarietà senza età Ente a cui indirizzare o consegnare la candidatura: SPES Associazione Promozione e Solidarietà Via Liberiana, 7 0085 Roma Tel. Viale

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE ENTE 1 ) Ente proponente il progetto: CINFORMI - PAT 2) Codice di iscrizione all albo e classe:_

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO TITOLO DEL PROGETTO: A ZIGO ZAGO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO E EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE 02 ANIMAZIONE CULTURALE VERSO MINORI 08 - LOTTA ALL'EVASIONE SCOLASTICA E ALL ABBANDONO SCOLASTICO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI ENTE Ente proponente il progetto: Comune di Deruta Codice accredito NZ04216 Regionale Albo e classe di

Dettagli

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE (Allegato 1) Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : ALLE SINGOLE SEDI DI ATTUAZIONE PROGETTO - LE DOMANDE VANNO INVIATE ENTRO IL 27 LUGLIO 2009 ENTRO LE ORE 14.00 (NON FA FEDE IL

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PUBBLICA ASSISTENZA A.R.M. 2) Codice di accreditamento: NZO1852 3) Albo e classe

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Rioccupiamoci di noi: le fragilità dell'età adulta SETTORE e Area di Intervento: Assistenza A 12 disagio adulto OBIETTIVI DEL PROGETTO SERVIZIO SOCIALE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: SFUMATURE EDUCATIVE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: E Educazione e Promozione culturale Area: 01Centri di aggregazione (bambini,

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO"

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: CI VORREI ESSERE ANCH'IO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO" SETTORE e Area di Intervento: Area di intervento A Settore Assistenza Codifica 06 (Disabili)

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: RESIDENZIALITA : TRA APPARTENENZA E SVINCOLO SETTORE E AREA DI INTERVENTO: A Assistenza - 02 Minori OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo generale

Dettagli