NEWS Anno. Newsletter del Comitato Regionale Lazio - 10 gennaio 2015 E NEL NOME DI TONINO LA STELLA CONQUISTA LA FINALE DI MADRID

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWS Anno. Newsletter del Comitato Regionale Lazio - 10 gennaio 2015 E NEL NOME DI TONINO LA STELLA CONQUISTA LA FINALE DI MADRID"

Transcript

1 FIP LAZIO NEWS Anno Newsletter del Comitato Regionale Lazio - 10 gennaio Numero 1 COSTANZO, PER SEMPRE NEL NOSTRO CUORE ULTIMO TESTIMONE DELLA STAGIONE D ORO DEL BASKET ROMANO di Mario Arceri È stato un bel congedo. Se n'è andato in silenzio, assopendosi in un pomeriggio di una domenica di fine dicembre a poche ore dal Natale, quasi in punta di piedi per non disturbare troppo, com'era nel suo carattere. L'abbiamo accompa- (Continua a pagina 2) E NEL NOME DI TONINO LA STELLA CONQUISTA LA FINALE DI MADRID La Stella Azzurra fa la storia: conquista il Torneo Città di Roma e un posto per le Final Four di Madrid valevoli per l'euroleague Basketball Adidas Next Generation Tournament! Dopo le tre vittorie su tre partite nella prima fase, la Stella Azzurra ha sconfitto in finale gli spagnoli dell Unicaja Malaga in una partita semplicemente perfetta, terminata col punteggio di Francesco Zanza a pag.9 ALL'INTERNO 2015 ANNO DELL EUROPEO Pietro Moretti a pag.5 FERENTINO VOLA IN TOP SIX Federico Miola a pag.6 BONAFEDE MAMMA IN CAMPO Martina Borzì a pag.8 INCHIESTA: I GIOVANI DEL LAZIO Federico Miola a pag.11 VERSO IL TROFEO DELLE REGIONI a pag.13 BASKET FOREVER A FORMIA a pag.18

2 ULTIMO TESTIMONE DELLA STAGIONE D ORO DEL BASKET ROMANO (Continua da pagina 1) gnato in tanti verso il suo ultimo viaggio. Tonino Costanzo ci ha lasciati il 21 dicembre. Insieme avevamo trascorso appena tre giorni prima una serata di auguri, di sorrisi, di risate, di racconti. Lui lì, col solito sorriso sulle labbra, presenza grande eppure discreta: nulla faceva pensare che non l'avremmo più visto. Nella parrocchia di San Leonardo Murialdo, per l'estremo saluto, eravamo in tanti: il vicepresidente federale Gaetano Laguardia, il presidente del Comitato Regionale Francesco Martini, entrambi suoi allievi di sport e di vita tanti anni fa, e con loro centinaia di amici vecchi e nuovi, antichi avversari, o compagni di squadra come Pomilio giunto da Pescara o ragazzi che fece diventare campioni come Spinetti arrivato da Cagliari, e i giovani della Stella Azzurra di Germano D'Arcangeli oltre a Frère Remo Guidi che appena pochi mesi fa ne aveva fatto la figura centrale del suo bellissimo e toccante libro dedicato al ricordo di Frère Mario Grottanelli, l'uomo che, nella vita di Costanzo, ebbe un ruolo fondamentale. A fianco troverete un profilo di Tonino, un cammeo del grande campione e del grande uomo-simbolo della società del Collegio che è parte integrante di un lavoro editoriale riservato alle grandi squadre romane, di prossima uscita. Ora Sotto, Tonino Costanzo con Spinetti. dovrò aggiungere un In copertina: l incontro con Papa Pio XII (Continua a pagina 3) CONSIGLIO DIRETTIVO FIP LAZIO Presidente: Francesco Martini Vice-presidente: Mario Arceri Consiglieri: Andrea Alemanni, Enrico Gilardi, Massimo Giannini, Fulvia Pepe, Giorgio Tasciotti Delegati provinciali: Giovanni Colavolpe Latina Massimo Magliocco Frosinone Antonio Olivieri Rieti Vasco Michelini Viterbo COPERTINA SOMMARIO 5 L opinione: di Pietro Moretti 6 Serie A2 Gold: Ferentino ha ingranato 7 Nuovi coach in A2 per Veroli in Gold e Latina in Silver 8 Femminile: intervista a Monica Bonafede 9 Giovani: la Stella Azzurra trionfa all Adidas IJT 11 L inchiesta: pochi giovani di qualità dai vivai laziali 13 Verso il TdR: il Lazio a Lucca, Rimini e Ostia 14 Tornei: a Ostia in scena il Lido di Roma Tournament 15 Tornei: 40 squadre a Rieti per il Torneo della Befana 16 Tornei: Formia ospita il Torneo di Capodanno 17 Basket in carrozzina: Basket senza confini 18 Basket e sociale: Basket forever 19 Consiglio federale del 22 dicembre 20 Biblioteca: Manuale di pallacanestro 21 In breve 22 Appuntamenti del mese: i calendari TONINO COSTANZO UNA VITA PER LA STELLA CONTATTI Lungotevere Flaminio, ROMA Tel Fax Fax ufficio. gare Ferrero rimane alla guida della Stella fino al Il suo posto viene preso da Altero Felici e l'anno successivo da Tonino Costanzo, che ha solo 25 anni, che per cinque stagioni è stato il pivot dei nerostellati ma anche della Nazionale, dove conta 46 presenze e 359 punti e la partecipazione agli Europei del '53 (a soli diciannove anni) e del Una carriera straordinariamente precoce, di un talento di livello internazionale, purtroppo stroncata da un grave infortunio a un ginocchio, proseguita però sulla panchina romana per ben quattordici stagioni anche se con alterna fortuna. Tonino deve smettere ad appena 23 anni, quando già da quattro stagioni è un punto fermo della Nazionale ed è anche uno dei pochissimi italiani che raggiungono i due metri: Calebotta, Macoratti, Motto gli altri "giganti" a metà degli anni cinquanta, un'altezza che nel basket moderno consente un ruolo di guardia o di ala piccola e che allora consentiva di fare la differenza sotto canestro, soprattutto se abbinata ad una tecnica notevolissima. L'infortunio al ginocchio è grave: "Sentirsi dire a 23 anni che è il caso di smettere con l'agonismo è atroce - racconta a Gianfranco de Laurentiis - ma l'ambiente intorno a me era il migliore possibile; i compagni di squadra, meglio gli amici, disposti ad essermi vicini, la prospettiva di poter cominciare ad allenare interessante e cosi è passata anche quella svolta negativa". Costanzo è la vera bandiera della Stella Azzurra. Va in panchina giovanissimo, precoce come lo era stato da giocatore. Una vita nel Collegio, dai banchi di scuola ai più alti vertici agonistici e tecnici tutti insieme: una storia che si fa leggenda, quella di un gruppo di ragazzi che diventano uomini, che si realizzano professionalmente rimanendo uniti nello sport, alla luce di una stella (azzurra) che diventa un brand di (Continua a pagina 3) pag.2

3 COPERTINA pag.3 (Continua da pagina 2) ultimo capoverso, quello che non avrei mai voluto scrivere, almeno così presto. Tonino aveva ottant'anni: il primo febbraio prossimo ne avrebbe compiuti ottantuno. Almeno sessantacinque li aveva dedicati al basket. Da grande giocatore con una carriera presto interrotta da seri guai fisici. Da grande allenatore con una carriera intrapresa in modo quanto mai precoce. Da grande "tutor" infine dei ragazzi che a Roma e nella regione cominciano ad apprendere i primi rudimenti del basket trovando in Tonino un maestro abile, esperto, autorevole. "Non ho avuto la fortuna di avere figli, per me lo sono tutti questi ragazzi". Alle spalle di Enrico Gilardi, con il quale appena un mese fa aveva condiviso la Retina d'oro, premio alla carriera, svolgeva un lavoro prezioso e insostituibile nel programma dell'atg. Sedeva in panchina osservando, rispettando il suo ruolo, non imponendo l'indubbia autorità che avrebbe potuto utilizzare per il suo passato di grande uomo di basket. Eppure con i suoi misurati interventi, con i suoi consigli, ha saputo dare un contributo enorme alla crescita dei giovanissimi giocatori, ma anche alla formazione professionale dei tecnici che negli anni si sono alternati nel progetto giovanile del Comitato Regionale. Una figura importante, dunque, soprattutto l'ultimo testimone di una inimitabile generazione della pallacanestro romana (Continua a pagina 4) (Continua da pagina 2) qualità. Tonino allenerà la Stella Azzurra fino al , poi lascerà - a soli 38 anni, precoce anche nell'abbandono - proprio quando il basket comincia a cambiare volto, professionalizzandosi. Lui stesso passerà qualche stagione sulla panchina dell'italcable, a Perugia, per poi allontanarsi dalla pallacanestro. Riscopre il calcio (con i suoi due metri aveva iniziato da portiere) a livello di interesse sportivo: non comprende più il nuovo modo di fare basket. Tornerà ai bordi di un parquet molto più tardi, seguendo la nuova Stella e collaborando da padre nobile all'attività giovanile della regione Lazio. Senza troppi rimpianti: il basket gli ha dato un lavoro e una vita accettabile dopo avergli regalato grandi soddisfazioni e cocenti delusioni, accolte e superate con tanta filosofia. Il sodalizio con Altero Felici, "vice" già dai tempi di Ferrero e responsabile del settore giovanile, ha contribuito negli anni a creare tanti nuovi campioni all'interno del Collegio, incredibile miniera di talenti. Ad un certo punto non basta più: aumentano i costi, cresce il mercato, irrompono gli stranieri e dilaga il professionismo di fatto: Costanzo si arrende, non è più il suo mondo, arriva Valerio Bianchini e comincia un'altra storia, nella quale comunque il nome e la figura di Tonino continuano ad avere un ruolo centrale ed indelebile. E' il capitano storico, il giocatore che il 9 ottobre 1955 aveva consegnato al Santo Pontefice Pio XII un pallone da basket dopo un'esibizione in Piazza San Pietro di fronte a decine di migliaia di fedeli tra la Stella Azzurra e la Virtus Libertas Pesaro in occasione del decimo anniversario della costituzione del Centro Sportivo Italiano. L'immagine fece il giro del mondo e rappresenta ancora oggi uno degli spot più preziosi e incisivi per la promozione della pallacanestro. (da "I grandi club del basket romano", di prossima pubblicazione) La consegna della Retina d Oro a Costanzo e Gilardi, nel mese di novembre (foto P.Rampolla) Indirizzi utili del Comitato Regionale CITTA UFFICIO TELEFONO FAX CELLULARE INDIRIZZO Roma Presidenza L.gotevere Flaminio 80 Segreteria Gare Maschile Gare Femminile CNA CIA Azzurrina ATG Minibasket Fip Lazio CITTA TELEFONO DELEGATO Frosinone Massimo Magliocco Latina Gianni Colavolpe Rieti Antonio Olivieri Viterbo Vasco Michelini

4 COPERTINA pag.4 (Continua da pagina 3) che in questi ultimi mesi ha perso l'ultima altra fondamentale figura: Cafiero Perrella che se n'è andato a maggio, a 95 anni. Era il grande avversario, sulla panchina della Lazio, di Tonino, e amava dire che l'unico coach che temeva e rispettava era proprio lui, Costanzo. Smisero di allenare, agli inizi degli anni settanta, quasi contemporaneamente: la pallacanestro stava cambiando, non era più quella che loro avevano appreso da grandi maestri come Ferrero o Paratore, si insegnava sempre meno, il disagio era crescente fino a diventare insostenibile. Cambiare o farsi da parte: entrambi scelsero la via più difficile, ma orgogliosamente più corretta. Sono scomparsi Enzo Chiaria, Piero Volpini, Ernesto Hausmann: nomi che forse diranno poco o nulla ai più giovani, ma che per gli appassionati più anziani hanno rappresentato significativi punti di riferimento nello sport dei canestri. Non andrebbero dimenticati, non li hanno dimenticati quanti, martedì 23 dicembre, hanno affollato la chiesa di Via Pincherle per l'ultimo saluto a Tonino Costanzo. Eravamo in tanti, ciascuno con un proprio ricordo dell'uomo e del tecnico, tutti con l'incondizionata consapevolezza di sentirsi un poco più poveri. Per quanto mi riguarda, a Costanzo mi lega un'esperienza comune, la prima trasferta da inviato per il Corriere dello Sport in occasione dei Campionati del Mondo militari a Damasco nel Conoscevo Tonino: da giovanissimo seguivo i derby tra Stella Azzurra e Lazio, lui temutissimo coach dei "nemici", poi, da giornalista alle primissime armi, le interviste fatte con grande soggezione per quest'omone che giovanissimo era già leggenda, impenetrabile dietro gli occhiali sempre scuri. Il viaggio a Damasco, su un vecchio Convair ad elica dell'aeronautica Militare, fu interminabile: otto ore, con partenza da Ciampino e sosta a Brindisi per il rifornimento prima di attraversare il Mediterraneo con un largo giro per evitare l'insidioso spazio aereo di Israele e Libano: si era appena conclusa la guerra del Kippur. Era una bella Nazionale, con Roberto Quercia e Francesco Kunderfranco delfini di Costanzo, con Buzzavo, Pieric, Celoria, Calderari, Dordei, Lucarelli, tra gli altri. Il cielo di Damasco veniva continuamente e minacciosamente solcato dai caccia israeliani, le ragazze siriane non portavano il velo, nella casbah si incrociavano liberamente lingue e razze, la Moschea degli Omayyadi edificata sull'antico tempio aramaico di Hadad risalente al 3000 a. C. splendeva in tutta la sua bellezza, eccezionale diamante incastonato in una città dal fascino antico, si beveva solo Perrier, si evitavano le verdure crude sottoponendosi ad una dieta, immutabile nei giorni, di montone bollito. Ogni sera gli agenti segreti partivano in fuoristrada alla volta di Beirut e delle sue delizie notturne lasciando all'esercito il compito di sorvegliare durante la notte le sette squadre del Mondiale nella palazzina assegnata all'interno dell'università femminile della capitale siriana. Ogni mattina io, con Roberto Casciotti inseparabile compagno di quell'avventura, dovevo recarmi all'ufficio postale per spedire il "pezzo" sintetizzato in un telegramma per non spendere troppo e scritto in inglese, dopo averlo fatto vistare dalla censura del regime di Hafiz al-assad. L'Italia ne uscì con una medaglia di bronzo dietro a Stati Uniti e Grecia incrociando in semifinale gli americani, io con una prima indimenticabile esperienza professionale vissuta al fianco di Costanzo che, a nemmeno quarant'anni, abbandonava la sua vecchia Stella Azzurra, lasciata in eredità a Valerio Bianchini, per assumere la guida dell'italcable di Vittorio Salvadori a Perugia. Perdonatemi questa lunga digressione, una memoria personale legata all'uomo che non c'è più, ma che resterà nel nostro cuore. IL SIGNORE LO HA CHIAMATO NELLA SUA SQUADRA SPECIALE Tonino Costanzo con Vittorio Pomilio "Tonino ci ha lasciato in punta di piedi, quasi scusandosi di averlo fatto senza salutarci. Qui lo vediamo ai piedi dell'altare e mentre, portato a braccia, si avvia al riposo eterno. In quello scrigno, che ne protegge le spoglie, confluisce il nostro rimpianto, solidali con lui mentre si ricongiunge con Frère Mario. La sua assenza ci lascia più soli e più poveri, malgrado ciò abbiano perso la sua persona, non la sua umanità; se non sentiremo più la sua voce, ne conserveremo il ricordo, persistendo nell attaccamento ai colori di una Stella che oggi, accogliendolo, sembra riaffermare il nostro destino di immortalità e di luce vicino a quel Dio che, prestandocelo, lo ha richiesto come a metterlo nella sua squadra speciale, che vorremmo destinata alla nostra protezione" Frère Remo L. Guidi

5 BEN ARRIVATO 2015, ANNO DELL EUROPEO ON THE ROAD PER L ITALIA FONDAMENTALE SUPERARE IL GIRONE INFERNALE PER AVVICINARSI DI UN PASSO ALL OLIMPIADE DI RIO DE JANEIRO di Pietro Moretti L anno che verrà porterà una trasformazione cantava Lucio Dalla. Il 2015 è arrivato e sarà un anno importante per la pallacanestro italiana. A settembre è in programma il primo campionato europeo on the road di basket che assegnerà a due nazionali il lasciapassare per i Giochi Olimpici 2016 e ad altre quattro la possibilità di partecipare al torneo preolimpico che prenoterà gli ultimi tre posti per il volo a Rio de Janeiro. Parlavamo di trasformazione. Oggi partecipare al torneo olimpico di basket rappresenta un momento straordinario nella vita di una federazione sportiva. Da quando il mondo della NBA ha deciso di portare i suoi giocatori nel mondo a cinque cerchi (con il leggendario Dream Team nel 1992 a Barcellona) il torneo di pallacanestro è un avvenimento a se stante all interno delle gare olimpiche: il diamante più sfavillante. La nazionale azzurra è stata assente dalle ultime due O- limpiadi. L ultima partecipazione è di Atene 2004 con l argento olimpico, il risultato più importante della nostra pallacanestro che bissava lo stesso risultato di Mosca 80 anche se quella edizione era monca per il boicottaggio degli Stati Uniti a cui si unirono altre sessantacinque nazioni. La frequentazione fra gli azzurri e le Olimpiadi è stata assidua dai tempi di Roma 60 con sette partecipazioni consecutive culminate con l argento di Mosca. Poi nelle successive sette edizioni è diventata sporadica, solo due presenze a Sidney nel 2000 e ad Atene quattro anni dopo. Queste due partecipazioni furono figlie dei due ultimi grandi successi azzurri a livello continentale: l oro di Parigi nel 1999 ed il bronzo di Stoccolma nel Poi le nostre apparizioni agli Europei sono state da comprimari o poco più e di conseguenza fuori L OPINIONE pag.5 dalle Olimpiadi. Certamente l ideale sarebbe staccare il biglietto per il volo diretto per Rio de Janeiro che spetterà alle due finaliste di Euro 2015 e non ricorrere al volo con lo scalo intermedio del qualifying round. Di sicuro in un momento di vacche magre anche l accesso al torneo di qualificazione sarebbe un enorme successo per il nostro basket. Anche se in passato questo particolare torneo ha riservato amarezze. La più bruciante proprio nel 1992, proprio l anno della presenza del favoloso Dream Team. L Italia si presentava al qualifying round a Granada e Saragozza forte dell argento agli europei del 91 alle spalle della Jugoslavia. In quell anno le gerarchie sportive cominciavano ad essere stravolte dalla frantumazione dell ex Unione Sovietica e della ex Jugoslavia. I serbi furono esclusi dai Giochi Olimpici per le sanzioni Onu e in Spagna una rinnovata nazionale azzurra si qualificò al settimo posto. Si qualificarono per Barcellona: Lituania, Croazia, Germania Ovest e Comunità Stati Indipendenti (CSI, sigla che contemplava gli stati delle ex repubbliche sovietiche ad eccezioni di quelle baltiche). L Italia fu preceduta anche da Slovenia e Repubblica Ceca. L importanza dell Europeo on the Road 2015, che vedrà la sua fase finale in Francia disputarsi a Lille e le fase eliminatoria in Germania (Berlino), Lettonia (Riga), Croazia (Zagabria) e la stessa Francia (Montpellier), è fondamentale anche e, soprattutto, in chiave olimpica. L ultimo europeo in Slovenia, seppur chiuso all ottavo posto, ha dato segnali importanti di rivitalizzazione della nostra nazionale. Segnali confermati dalla qualificazione diretta, conquistata la scorsa estate, superando la Russia. Il sorteggio non ci è stato favorevole. Nel girone dell Italia ci sono Spagna, Serbia, Turchia, Germania e la cenerentola Irlanda. E un girone infernale e proprio l assenza di una favorita lo renderà ancora più duro. Bisognerà fare attenzione alle differenza canestri in ogni gara perché con l equilibrio dei valori in campo è prevedibile una ammucchiata nella classifica finale del gironcino ed allora saranno i particolari a fare la differenza. Anche perché se si riuscirà a passare queste forche caudine l accoppiamento nella prima partita del dentro-fuori sarà con le nazionali del gruppo A dove bisognerà solo evitare di incrociarsi con la Francia padrona di casa, il resto del lotto non è da brividi. Se si dovesse arrivare a questo punto, fra le prime otto, ecco che Rio de Janeiro potrebbe entrare nel mirino azzurro. Il Signore dell anello, Marco Belinelli, si è già dichiarato. Capitan Datome confidiamo che riuscirà a trovare spazio a Detroit ma anche se così non fosse siamo certi che arriverà pronto come sempre. La speranza è che la sfortuna la smetta di frequentare Gallinari e Bargnani. Con i quattro big NBA in piena efficienza e lo zoccolo duro che Pianigiani ha plasmato in questi anni siamo certi un ruolo da protagonisti lo possiamo interpretare perché come cantava Lucio Dalla: diventa importante che in questo istante ci sia anch io.

6 FERENTINO TRA LE TOP SIX PRIMO TRAGUARDO DELL ANNO GRAMENZI: IN QUESTE GIORNATE ABBIAMO RECUPERATO IL TEMPO PERDUTO. AIUTATI DALL ESPERIENZA DI GUARINO, BUCCI E PIERIC A2 GOLD pag.6 di Federico Miola Omar Thomas La vittoria su un campo complesso come Trieste l'ha confermato definitivamente. Se ancora ce ne fosse bisogno. Lo zoppicante inizio di campionato della FMC Ferentino era dovuto solo a una questione di rodaggio. E di scarsa conoscenza reciproca tra i tanti giocatori nuovi. Una volta affinati gli schemi e creata la necessaria alchimia tra gli atleti, Ferentino ha inanellato otto vittorie nelle ultime nove giornate, recuperando il terreno perduto proprio a causa della sua partenza ad handicap. E confermando le aspettative che tutti gli addetti ai lavori riponevano proprio nella squadra ciociara. Ora (anche in virtù del sacco di Trieste, che prima di domenica era staccata di soli due punti) la squadra del presidente Vittorio Ficchi è terza in coabitazione con la Manital Torino nel Campionato di A2 Gold ed ha agguantato il primo obiettivo stagionale, l'ingresso nelle Top Six di Coppa Italia di categoria. In effetti non abbiamo fatto molto in queste ultime giornate se non recuperare il tempo perso racconta, sorridendo, coach Franco Gramenzi, raggiunto telefonicamente mentre è di ritorno dalla lunghissima trasferta in terra friulana -. Dovevamo solo trovare un po' di fiducia e conoscerci un po' di più. In questo ci hanno sicuramente aiutato i tre giocatori che abbiamo confermato dall'anno scorso. Guarino, Bucci e Pierich sono stati fondamentali nell'inserimento dei nuovi arrivati. Se due conoscenze del basket nostrano come Paul Biligha e Omar Thomas ( Nonostante qualche anno in più sulle spalle, ha una grandissima esperienza e un talento immenso per la categoria oltre a difendere come pochissimi americani dice di quest'ultimo il coach abruzzese) ci hanno messo meno a carburare, dando quasi da subito un fattivo contributo sotto le plance (14 punti e 8 rimbalzi per un totale di 20 di valutazione per il lungo del 90', 16 punti quasi 7 rimbalzi e 19.9 valutazione per l'ala ex Sassari) per il rookie Markel Starks è stato decisamente più complesso. Beh firmando un giocatore proveniente dal college sapevamo di fare una scommessa. Ora però posso dire che l'abbiamo vinta. Il giocatore si sta affermando come uno dei migliori play della categoria. Il secondo obiettivo, più a lungo termine, si chiama playoff. Vogliamo entrare tra le prime otto e lì tentare di dire la nostra. Insieme a Verona, Brescia e Torino, le sue favorite per la vittoria finale. Queste sono tutte squadre create per salire di categoria. Se devo esprimere un parere la più quotata per me rimane Torino che ha giocatori di talento e grandissima esperienza, quella che è indispensabile in partite così decisive. Ora però Ferentino si gode lo storico traguardo delle Top Six, per pensare ai playoff c'è ancora tempo. Franco Gramenzi

7 VEROLI, DOPO I CONTRASTI CON LA STELLA AZZURA, CHIEDE A ROSSINI IL MIRACOLO-SALVEZZA A LATINA L'ARRIVO DI BARTOCCI HA PRODOTTO DUE VITTORIE MA IL GIOCO CONTINUA A LATITARE di Federico Miola NUOVI COACH IN A2 Senza Wojciechowski, il giovane La Torre e Legion (partito per altri lidi da oltre un mese) ad Alberto Rossini sarebbe servito un vero miracolo per stupire al suo esordio sulla panchina del disastrato Basket Veroli. I miracoli al Palasport Città di Frosinone purtroppo non si sono materializzati e il lupo, invece, ha dovuto assistere ad un'autentica disfatta. Sconfitto di trenta punti, senza mai davvero essere stato in partita. Già il primo quarto chiuso per Biella è lì a testimoniarlo. Ma l'ex guerriero di tante battaglie canturine forse era preparato. Una volta archiviata la fattiva collaborazione con la Stella Azzurra Roma, per Veroli si trattava di partire da zero nuovamente. E questo lui lo sapeva. In poco più di un mese all'interno dello storico club ciociaro è cambiato praticamente tutto. Lo sfogo dell'ex allenatore Germano D'Arcangeli ha infatti aperto una crisi tra le due società che in estate avevano deciso di iniziare un percorso comune. Successivamente le sue dimissioni, arrivate a causa delle note difficoltà economiche in cui versa il club ciociaro, hanno ufficializzato la fine di un rapporto breve, costringendo il presidente Uccioli a correre repentinamente ai ripari. D'Arcangeli riportava con sé a Roma tutti i giovani del vivaio che costituivano l'ossatura della squadra militante in A2 Gold, lasciando Veroli con i soli quattro giocatori contrattualizzati (Cucci, Grande, Woiciechowski e lo yankee Shaw). Da lì, e siamo alle novità degli ultimi giorni, il ritorno dello storico direttore sportivo Fabrizio Iannarilli, la scelta dell'esperto Lupo Rossini sulla panchina e l'arrivo del play under Francesco Veccia da Reggio Emilia e del croato Ivica Radic, già provato a Forlì. Dallo scorso primo gennaio ha spiegato il neo allenatore nel corso della sua conferenza stampa di presentazione - è iniziato anno zero per la squadra e e per un club che sta cercando di salvare un patrimonio della città: Veroli è simile alle mie Cantù e Jesi. Bisogna partire mettendo muri portanti e tetto: sto lavorando per far capire ai miei giocatori che solo con entusiasmo e motivazione si creano i muri portanti. Se l'entusiasmo c'è, il talento però latita. Domenica scorsa hanno calcato sensibilmente il parquet solo sei giocatori. Troppo poche forze per cercare di ottenere una salvezza che per ora sembra una pura utopia. Ma a Veroli, nonostante le difficoltà economiche, non si vuole smettere di lottare. L'obiettivo (non proibito vista l'esclusione dal campionato di Forlì) rimane approdare al quattordicesimo posto, evitando le forche caudine rappresentate dai play-out. Ai posteri l'ardua sentenza... Se nella vicina Veroli il cambio di allenatore per ora non ha sortito gli effetti sperati, a Latina, nel piano inferiore della A2 Silver, invece, ha prodotto due importanti vittorie scacciacrisi. Una volta allontanato Gigi Garelli reo di aver vinto solo le prime tre partite di campionato, Benacquista ha puntato tutto sul campano Maurizio Bartocci. L'ex coach di Napoli e Scafati, oltre a grande entusiasmo, ha portato in dono anche due vittorie contro due dirette concorrenti per la salvezza, come Roseto e Matera. La terza gara ha coinciso però con la prima sconfitta del nuovo corso. Ferrara, guidata dall'ex Virtus Bologna Hasbrouck, ha una volta di più mostrato i limiti difensivi e nella costruzione di gioco di una squadra ancora senza una sua identità ben precisa. L'arrivo di un americano come Reed ha sicuramente dato nuove soluzioni offensive ad un attacco abbastanza sterile, ma i tanti cambiamenti che hanno interessato il roster fin da agosto non hanno certo aiutato a creare amalgama e intesa tra i giocatori. Ora spetterà a coach Bartocci dare un sistema di gioco efficace e divertente. A Latina gli appassionati di basket ne hanno disperatamente bisogno. A destra, Alberto Rossini. Sotto time out di Maurizio Bartocci con la squadra pag.7

8 MONICA BONAFEDE PORTA L ESPERIENZA DELLE MASSIME SERIE A FRASCATI TORNANDO SUL PARQUET DOPO L IMPRESA PIU BELLA: DIVENTARE MAMMA FEMMINILE pag.8 di Martina Borzì Quando la passione è tanta, nulla può fermare la voglia di rimettersi in gioco: non gli infortuni, non gli ostacoli, non le novità che riserva la vita. Potrebbe essere riassunta con queste parole la filosofia di Monica Bonafede, ala nata a Roma 29 anni fa che, dopo aver accumulato incontri e canestri sui più prestigiosi parquet del basket in rosa (nonché ex azzurra), riparte oggi dalla giovane sezione femminile del Basket Frascati, accompagnata da tanta esperienza e daquna nuova tifosa: sua figlia Naid, nata lo scorso febbraio. Un percorso sportivo complesso e interessante, quello di Monica Bonafede, iniziato da giovanissima, come le stessa racconta: Avevo cinque anni quando ho fatto il mio ingresso del mondo del basket: accompagnavo mia sorella agli allenamenti al Sab Mentana, mi sono appassionata subito a quello sport e così, mentre mia sorella decise di smettere, io rimasi nel club fino all età di 15 anni, quando entrai a far parte della selezione dell epoca del Lazio (l attuale Azzurrina). Con tale selezione feci diversi concentramenti, che mi permisero di mettermi in luce, tanto da conquistarmi un doppio tesseramento: in serie B con il CUS Roma e in C con Mentana. Partecipando alle finali nazionali con le giovanili riuscii ad avere la visibilità che occorse per fare il grande salto: prima in A2 a Palestrina, dove però giocai poco a casa di un infortunio; poi, probabilmente facendo leva più sul mio carattere che sulle mie doti tecniche, all età di 19 anni, riuscii ad approdare nella massima serie a Taranto, dove rimasi per tre anni. Ho giocato quindi a Viterbo, poi a Umbertide (conquistando la promozione in A1) e infine con la Pallacanestro Ribera. L esperienza siciliana fu segnata dal mio secondo infortunio al crociato, che mi portò a pensare seriamente di smettere con la pallacanestro, ma grazie al sostegno di una persona come Angelo Bondi sono tornata a giocare in A2 a Orvieto nella stagione , in quella che amo definire la mia seconda vita cestistica. Una seconda vita che ha riportato l atleta sui parquet di mezza Italia: di nuovo a Viterbo, poi a La Spezia e infine a Bologna. Proprio lì, nella città delle due torri, una svolta importante attendeva Monica: A Bologna ho conosciuto l uomo della mia vita. A quel punto ho deciso di fare una scelta di vita: mettere da parte, almeno temporaneamente, la carriera sportiva per costruire una famiglia. In fondo, fin da piccola ho sempre ripetuto di avere tre sogni: diventare una giocatrice di basket, trovare l uomo dei miei sogni e avere una figliae per come sono andate le cose direi che non posso lamentarmi, l obiettivo è stato pienamente centrato!. Monica insegue gli obiettivi e non molla. Per questo l emozione e la gioia della maternità non le ha precluso la volontà di ricercare anche un altro tipo di emozione, quella che prova ogni atleta in campo. Dopo la gravidanza volevo rimettermi in gioco seriamente prosegue Bonafede ho quindi ricominciato a praticare il basket a Mentana. Lì, però, la situazione era piuttosto complessa, per cui, quando il presidente del Basket Frascati Fernando Monetti ha ribadito il grande interesse che da tempo nutriva nei miei confronti, sono stata felice di entrare a far parte del suo club nel mese di novembre. A Frascati ho trovato una società giovane ma in crescita, con alle spalle un progetto ambizioso di fare anche nel femminile qualcosa di importante. Il gruppo è stato fin da subito carinissimo con me, mi hanno accolto tutti senza problemi e la dirigenza mi ha convinto, grazie anche alla capacità di coniugare una buona gestione societaria con un ambiente familiare. Mi piace raccontare che ogni vittoria, per fare un esempio, la festeggiamo con i dolci che ci prepara la moglie del presidente per l occasione. E l apporto di Monica Bonafede (che nel suo passato cestistico può vantare anche l onore della maglia azzurra, indossata per tutte le giovanili e anche in alcuni raduni senior) nel club si è subito avvertito: da quando l ala è approdata a Frascati, infatti, per la squadra, che fino a quel momento non era riuscita a conquistare alcun punto nelle prime quattro gare, il bilancio è stato di quattro vittorie consecutive su altrettanti incontri. Non penso sia tutto merito mio, perché nelle precedenti partite perse la squadra aveva in più di un occasione comunque sfiorato la vittoriaforse, però, un po della mia esperienza ha contribuito a fare un passo in avanti per portare a casa il risultato. Vita sportiva e vita familiare: come si conciliano le cose? Una figlia, gli allenamenti, un lavoro, un trasloco, tornare in forma dopo la gravidanza: ammetto che non è facile far funzionare tutto questo. Ma con un po di organizzazione e soprattutto tanta passione nel fare le cose, tutto risulta più semplice!.

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

1 von 6 04.02.2012 18:49

1 von 6 04.02.2012 18:49 1 von 6 04.02.2012 18:49 Serie A Calendario Classifica Statistiche Squadre Alleghe Asiago Bolzano Cortina Fassa Pontebba Ritten Sport Valpellice Val Pusteria Vipiteno Serie A2 Classifica A2 Serie C Serie

Dettagli

CAMPIONATI GIOVANILI 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N 20 del 28 MAGGIO 2015

CAMPIONATI GIOVANILI 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N 20 del 28 MAGGIO 2015 CAMPIONATI GIOVANILI 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N 20 del 28 MAGGIO 2015 Si comunica a tutte le società dei campionati giovanili che a partire dal 12.05.2015 NON sono più accettati spostamenti via posta

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

Campionati Regionali Giovanili. Comitato Regionale Toscana

Campionati Regionali Giovanili. Comitato Regionale Toscana Campionati Regionali Giovanili Comitato Regionale Toscana Arezzo, 9-6-2013 Lista iscritti alle gare Campionati Regionali Giovanili Partecipanti 1-30/59 N.Tess... Giocatore NS. Cod.soc. Societa SMG SFG

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Comitato Regionale del Piemonte

Comitato Regionale del Piemonte Il Comitato Regionale ha programmato anche per quest anno il Progetto Giovani, il cui Regolamento Nazionale presenta una novità importante riguardante le sedi di svolgimento che saranno abbinate alle tappe

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A G I U O C O H A N D B A L L P a l l a m a n o AREA TERRITORIALE LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA - VENETO - FRIULI V. G. Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Dettagli

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli