DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO"

Transcript

1 DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema Informativo : Articolata nei Settori Analisi e Progettazione dei Sistemi Informativi, Ricerca e Sviluppo Applicazioni, Flussi Informativi, Gestione Datawarehouse Aziendale. Struttura Complessa Tecnologie Informatiche : Articolata nei Settori Sistemi e Comunicazione Dati, Tecnologie Biomediche e Informatica Clinica, Assistenza agli utenti e Manutenzione Applicativa. Ufficio Segreteria e Supporto Amministrativo Pagina 1 di 1

2 Dipartimento INFORMATIVO e TECNOLOGICO Ufficio segreteria e supporto amministrativo al Dipartimento Struttura Complessa SISTEMA INFORMATIVO Struttura Complessa TECNOLOGIE INFORMATICHE ANALISI e PROGETTAZIONE SISTEMI INFORMATIVI RICERCA E SVILUPPO APPLICAZIONI FLUSSI INFORMATIVI SISTEMI e COMUNICAZIONE DATI TECNOLOGIE BIOMEDICHE e INFORMATICA CLINICA ASSISTENZA UTENTI e MANUTENZIONE APPLICATIVA GESTIONE DEL DATAWAREHOUSE AZIENDALE Pagina 2 di 2

3 UFFICIO SEGRETERIA e SUPPORTO AMMINISTRATIVO DEL DIPARTIMENTO: - supporto alle S.C. del Dipartimento - predisposizione atti amministrativi, procedure di gara, deliberazioni, atti, contratti, protocollo interno, gestione corrispondenza - emissione ordini, ricevimenti, liquidazione fatture - gestione inventario contabile risorse tecnologiche - coordinamento personale tecnico sotto il profilo amministrativo - segreteria e front office - gestione/attuazione processi qualità in aree di competenza Dipartimento. STRUTTURA COMPLESSA SISTEMA INFORMATIVO - coordinamento attività settori afferenti - partecipazione attività del Dipartimento nella definizione e pianificazione progetti - supporto alla Direzione Generale e la Direzione di Dipartimento nella predisposizione dei progetti relativi all introduzione e all evoluzione dei sistemi informativi nell azienda. - attuazione degli obiettivi assegnati dal Direttore Generale e definiti nella pianificazione dipartimentale, adottando gli atti e provvedimenti amministrativi di sua competenza - verifica e la valutazione sistematica dei risultati di gestione per favorire il raggiungimento degli obiettivi aziendali - coordinamento e controllo dell attività dei Responsabili di settore e degli addetti assegnati alla struttura od dei progetti ed attività ad essa afferenti - proposizione alla Direzione Generale, della nomina del Responsabile di settore di cui agli artt. 6, 7, 8 e 9. - organizzazione del lavoro ed della gestione delle risorse umane e strumentali assegnate alla propria struttura od a progetti ed attività ad essa afferenti. - controllo dei costi e la liquidazione delle spese relative a consulenze e/o forniture per le quali ha disposto il relativo ordine - analisi e progettazione, supporto all attuazione e valutazione di sistemi riguardanti il trattamento di dati coniugando tecnologia, risorse umane e organizzazione, strategie e formazione. - sviluppo di soluzione software originali in collaborazione con le altre strutture afferenti al Dipartimento o società terze. - verifica e predisposizione capitolati per l acquisizione di beni e servizi di competenza - analisi degli impatti organizzativi e informativi inerenti l acquisizione di applicazioni terze o di evoluzione e sviluppo di sistemi informativi aziendali - supporto e definizione, di concerto con le strutture organizzative interessate, dei sottosistemi informativi a supporto delle loro attività - attività di collaborazione e raccordo con le altre articolazioni aziendali Pagina 3 di 3

4 - definizione e gestione di strumenti per garantire il corretto trattamento dei dei dati necessari al governo dell azienda - gestione dei flussi informativi interni ed esterni all azienda, compresi i sistemi di diffusione dei dati. - conduzione di servizi informativi a valenza aziendale. - gestione contratti di manutenzione, di servizi e di utenze di competenza - partecipazione a progetti ed iniziative regionali, a sperimentazioni e attività che a qualsiasi titolo riguardano il trattamento di dati. SETTORE ANALISI e PROGETTAZIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI - supporto il raggiungimento degli obiettivi attraverso la predisposizione dei progetti operativi relativi ai sistemi informativi indicati dalla Direzione Generale - predisposizione studi di fattibilità per l introduzione e l evoluzione dei sistemi informativi garantendo la consistenza del sistema informativo aziendale - valutazioni circa l adozione di tecnologie per la realizzazione dei sistemi informativi automatizzati - supporto la fase di analisi relativa alla definizione ed alla revisione dei processi aziendali - supporto alle diverse articolazioni aziendali per la valutazione della revisione o introduzione di sistemi informativi automatizzati. - verifica l impatto di sistemi informativi e informatici da introdurre in azienda a fronte di progetti regionali o nazionali - analisi sul funzionamento dei sistemi informativi aziendali - definizione delle politiche per l utilizzo dei sistemi informativi automatizzati in relazione agli obiettivi indicati dalle diverse responsabilità aziendali - partecipazione ai gruppi di lavoro aziendali, regionali e nazionali ove sia previsto un trattamento di dati - monitoraggio dell evoluzione delle normative e dei principali standard di riferimento per la gestione dei sistemi informativi in ambito sanitario definendo le linee guida applicative per l adozione degli standard nei sistemi informativi aziendali - definizione ed aggiornamento del documento delle politiche di sicurezza sul trattamento dei dati, coordina la predisposizione dei piani operativi per la sicurezza dei dati e verifica l applicazione delle politiche di sicurezza. - supporto alla definizione dei piani di formazione informatica, tenuto conto degli obiettivi aziendali. - Partecipazione ai progetti relativi ai piani di e-government. RICERCA E SVILUPPO APPLICAZIONI - sviluppo di applicazioni in ambiente tradizionale o web, direttamente o tramite società terze - manutenzione applicativa di applicazioni, direttamente o tramite società terze - coordinamento del personale di società terze per le attività di sviluppo e manutenzione di applicazioni o progetti di competenza - Gestione delle fasi di ricerca di mercato per soluzioni applicative che possano rispondere ad esigenze aziendali - Monitoraggio dell evoluzione dei principali standard di riferimento per lo sviluppo dei sistemi informativi Pagina 4 di 4

5 SETTORE FLUSSI INFORMATIVI - coordinamento della predisposizione dei debiti informativi verso Regione Liguria, Ministero Della Salute e gli organi istituzionali attraverso un monitoraggio dei sistemi informativi. - predisposizione e invio i dati dei debiti Informativi verso Regione Liguria, Ministero Della Salute e gli organi istituzionali nel rispetto dei tempi stabiliti. - distribuzione dei dati di ritorno (controlli) ai diversi responsabili ai fini di un miglioramento continuo della qualità del dato. - partecipazione a gruppi di lavoro regionale per la gestione del debito informativo. - verifica del corretto adempimento del debito informativo da parte delle diverse articolazioni aziendali. - Gestione dei flussi relativi a sistemi informativi esterni, garantendone l inserimento nel datawarehouse aziendale, e, comunque nel sistema informativo aziendale. - Gestione della catalogazione di tutti i debiti informativi, al fine di fornire informazioni alle strutture interessate per evitare duplicazioni e anomalie sui dati trasferiti. - Raccolta di tutti i dati trasmessi, a qualsiasi titolo dalle diverse articolazioni aziendali verso l esterno dell azienza, e non gestite direttamente dal settore stesso. - supporto operativo alle applicazioni aziendali strategiche ove sia necessaria una competenza specialistica; a titolo di esempio gestione delle agende CUP. SETTORE GESTIONE DATAWAREHOUSE AZIENDALE - definizione, di concerto con le diverse componenti organizzative, standard aziendali per il trattamento dei dati in termini semantici e di sistemi di codifica. - gestione delle fasi di analisi, installazione e manutenzione delle basi dati aziendali di riferimento a supporto delle procedure informatiche. - gestione delle fasi di analisi, installazione e manutenzione del datawarehouse aziendale attraverso procedure sistematiche per l alimentazione e validazione dei dati - esecuzione di controlli di qualità dei dati per la verifica della congruità delle informazioni prodotte e per monitorare il corretto funzionamento dei sistemi informativi di origine dei dati. - gestione delle fasi di ricerca di mercato di soluzioni tecnologiche atte a supportare la gestione del datawarehouse aziendale. - distribuzione ai diversi livelli organizzativi, secondo le politiche di sicurezza in atto, di strumenti per la reportistica e analisi dei dati. - aggiornamenti ai sottosistemi informativi in relazione a nuove esigenze aziendali o regionali, in termini di indicatori o dati richiesti. - informazioni ai diversi livelli aziendali e ai sistemi per la pubblicazione, diffusione e comunicazione dei dati sia interni che esterni all azienda. - gestione dei sistemi per la pubblicazione dei dati. - pianificazione, esecuzione e controllo delle elaborazioni centralizzate. Pagina 5 di 5

6 STRUTTURA COMPLESSA TECNOLOGIE INFORMATICHE - supporto alla Direzione Generale e alla Direzione di Dipartimento nella predisposizione del piano di investimenti in tecnologie e soluzioni per l informatica e la comunicazione dati. - attuazione degli obiettivi assegnati dal Direttore Generale e definiti nella pianificazione dipartimentale, adottando gli atti e provvedimenti amministrativi di sua competenza. - verifica e valutazione sistematica dei risultati di gestione per favorire il raggiungimento degli obiettivi aziendali - coordinamento e controllo delle attività dei Responsabili di e degli addetti assegnati alla struttura od a progetti ed attività ad essa afferenti - proposizione alla Direzione Generale, della nomina del Responsabile di settore - organizzazione del lavoro e gestione delle risorse umane e strumentali assegnate alla propria struttura od a progetti ed attività ad essa afferenti - controllo dei costi e delle liquidazione delle spese relative a consulenze e/o forniture per le quali ha disposto il relativo ordine - presidio all'evoluzione tecnologica per individuare e applicare soluzioni e mezzi per l'automazione e l'innovazione d'ufficio e dei servizi di comunicazione ed elaborazione dati. - sviluppo di soluzioni software originali in collaborazione con le altre strutture afferenti al Dipartimento o società terze. - verifica e predisposizione capitolati per l acquisizione di beni e servizi di competenza - analisi degli impatti tecnologici inerenti l acquisizione di applicazioni terze o di evoluzione e sviluppo di sistemi informatici aziendali - supporto e definizione, di concerto con le strutture organizzative interessate, delle soluzioni informatiche a supporto delle loro attività - collaborazione e raccordo con le altre articolazioni aziendali - definizione e gestione di soluzioni tecnologiche in grado di assicurare gli standard di sicurezza delle infrastrutture per l accesso ai dati stabiliti dal dipartimento. - definizione e supporto all implementazione di politiche di sicurezza per la continuità del servizio e per il disaster recovery. - definizione ed esecuzione di politiche di backup, conservazione e restore finalizzate alla salvaguardia dei dati - gestione delle dismissioni di competenza - gestione contratti di manutenzione, di servizi e di utenze di competenza - partecipazione a progetti ed iniziative regionali per l area di competenza - monitoraggio e verifica dei livelli di servizio SETTORE SISTEMI E COMUNICAZIONI - supporto alla fase di definizione tecnica degli investimenti per l area dei sistemi di elaborazione e comunicazione dati. - monitoraggio, conduzione e gestione guasti dei sistemi centrali aziendali - definizione degli standard della rete di trasmissione dati aziendale e ne cura la progettazione e le attività di implementazione ed evoluzione - monitoraggio, la conduzione e la gestione guasti della rete di trasmissione dati aziendale. Pagina 6 di 6

7 - valutazione della rispondenza delle tecnologie di elaborazione e trasmissione dati agli standard di sicurezza aziendali e gestisce gli aspetti tecnologici relativi alla sicurezza dei dati stessi. - amministrazione, integrazione, gestione e manutenzione dei sistemi di database aziendali. - coordinamento dell attività di installazione di sistemi informatici/informativi aziendali e ne cura l esecuzione diretta o tramite società terze. - individuazione e scelta delle corrette collocazioni degli apparati distribuiti nei locali ed aree aziendali ed afferenti al Dipartimento Informativo e Tecnologico - verifica della manutenzione relativa all hardware ed al software di base, diretta o tramite società terze, di sistemi informatici/ applicativi aziendali. - integrazione dei sistemi e delle procedure informatiche di terze parti e/o proprietarie - implementazione e gestione del piano di sicurezza per la continuità del servizio ed il disaster recovery - definizione e ed esecuzione di politiche di backup, conservazione e restore finalizzate alla salvaguardia dei dati - gestione gli aspetti tecnologici del server WEB aziendale - definizione, implementazione e gestione dei servizi aziendali di accesso ad Internet - definizione, implementazione e gestione del servizio aziendale di posta elettronica - definizione degli standard tecnologici e della dislocazione logistica del cablaggio dati aziendale. - Coordinamento delle attività di personale interno o di società terze destinato alla realizzazione di progetti e/o attività di competenza del settore. - valutazioni circa vantaggi/svantaggi dell adozione di tecnologie informatiche per la realizzazioni di sistemi informativi automatizzati. SETTORE TECNOLOGIE BIOMEDICHE ed INFORMATICA CLINICA - selezione, definizione ed adozione di standard relativi alla comunicazione, rappresentazione e gestione di dati clinici - supporto nella definizione degli standard aziendali per la definizione dei protocolli di integrazione di tecnologie biomediche e sistemi informatici/informativi - supporto all utenza i nella definizione di protocolli tecnici ed organizzativi che ottimizzino i benefici conseguiti dall adozione di strumenti biomedicali e dalla relativa integrazione con il sistema informativo - supporto e consulenza tecnica in gare di appalto e deliberazioni per l acquisizione di tecnologie biomedicali. - partecipazione alla stesura dei capitolati di gara e collabora con le altre Strutture Aziendali nelle successive fasi di espletamento della stessa - installazione, l integrazione e cura nell esecuzione diretta o tramite società terze di soluzioni informatiche su dispositivi biomedici finalizzati all integrazione con il sistema informativo aziendale - consulenza ad altre articolazioni aziendali responsabili della manutenzione di tecnologie biomedicali relativamente agli aspetti progettuali ed operativi delle soluzioni tecnologiche adottate - supporto alle Direzioni aziendali nella definizione dei piani di investimento per il rinnovo o l introduzione di tecnologie biomedicali e cura degli aspetti progettuali inerenti la selezione e l introduzione in azienda (Health Technology Assesment) Pagina 7 di 7

8 - monitoraggio del mercato di riferimento con una costante analisi dei prodotti più innovativi per una migliore valutazione delle esigenze aziendali - partecipazione alle attività inerenti al Sistema di Gestione per la Qualità in collaborazione con tutte le Strutture Complesse o Semplici che utilizzino apparecchiature biomedicali o che siano incaricate della loro manutenzione - collaborazione con le altre articolazioni del Dipartimento Informativo e Tecnologico contribuisce alla definizione del datawarehouse delle tecnologie biomediche ai fini di una puntuale rilevazione quantitativa, qualitativa ed economica dell utilizzo delle stesse - partecipazione alle attività di collaudo ed accettazione delle tecnologie biomediche acquisite limitatamente alla parte di competenza - partecipazione ad iniziative regionali o nazionali inerenti gli aspetti di Technology Assesment ed osservatorio dei prezzi in area biomedica - coordinamento delle attività di personale interno o di società terze destinato alla realizzazione di progetti e/o attività di competenza del settore SETTORE ASSISTENZA UTENTI E MANUTENZIONE APPLICATIVA - coordinamento ed esecuzione delle attività di assistenza tecnica ed informativa all utenza in base ad esigenze contingenti legate all utilizzo dei sistemi informatici di supporto - coordinamento ed esecuzione delle attività di analisi e soluzione, anche tramite l utilizzo di società terze, di problemi tecnici legati alla singola utenza - coordinamento ed esecuzione delle attività di installazione diretta o tramite società terze di sistemi informatici / informativi periferici - organizzazione e coordinamento della conduzione e manutenzione hardware e software, diretta o tramite società terze, di sistemi informatici / informativi periferici - pianificazione esecuzione e controllo delle attività sistemistiche - assistenza applicativa all utenza - coordinamento ed esecuzione della manutenzione del software di sistema dei posti di lavoro individuali - gestione guasti e segnalazioni su hardware di sistemi periferici e coordinamento delle attività di soluzione e ripristino con i fornitori dei sistemi - gestione guasti e segnalazioni su applicazioni e software di base di sistemi periferici e coordinamento delle attività di soluzione e ripristino con i fornitori del software - gestione dell inventario fisico delle risorse tecnologiche, hardware e software di competenza delle strutture gestite dal dipartimento Pagina 8 di 8

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

! "! " #$% & "! "&% &&

! !  #$% & ! &% && ! "! " #$% & "! "&% && '( " )* '+,-$..$ / 0 1 2 ' 3 4" 5 5 &4&6& 27 &+ PROFILO PROFESSIONALE ESPERTO DATABASE E APPLICATIVI Categoria D Gestisce ed amministra le basi dati occupandosi anche della manutenzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA Azienda Sanitaria Locale n. 4 - Chiavarese Via G.B. Ghio 9-16043 CHIAVARI C.F. e P.IVA 01038700991 UNITA OPERATIVA GESTIONE TECNICA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SICCARDI GIULIO Indirizzo viale Bottaro 1/6 16125 Genova Telefono 010 2514694 / 3351288235 E-mail gsiccardi@gmail.com

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico OGGETTO: 1337 / 2014 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA GARA PER LA FORNITURA, L'INSTALLAZIONE,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VIA VALLE D AOSTA, 44 85010 PIGNOLA (PZ) Telefono 0971 42.05.75 - Cell. 328 26.12.935 Fax 0971 66.89.54 E-mail alessandro.pino@regione.basilicata.it

Dettagli

Allegato n. 2 ATTI STRUTTURE AFFERENTI ALLO STAFF

Allegato n. 2 ATTI STRUTTURE AFFERENTI ALLO STAFF Ambito organizzativo proponente / estensore Oggetto atto Atto Direttore Generale Atto Dirigenziale (ove necessaria Determina del Dirig./note) Organizzazione protocollo aziendale Gestione Albo Pretorio

Dettagli

LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0

LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0 LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0 LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE STRATEGICA NELL ELABORAZIONE

Dettagli

DIRETTORE AREA. Promocommercializzazione

DIRETTORE AREA. Promocommercializzazione ALLEGATO A - Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del direttore AREA Contabile-amministrativa AREA Promocommercializzazione AREA Studi, Innovazione e Statistica ALLEGATO

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

ORIGINALE ... PUBBLICATA a norma di legge. 23/04/2013 dal

ORIGINALE ... PUBBLICATA a norma di legge. 23/04/2013 dal REGIONE VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 21 Via Gianella, 1 37045 LEGNAGO(VR) Servizio: Ufficio Informatico ORIGINALE Deliberazione del Direttore Generale TRASMESSA PER ESECUZIONE A: UFFICIO

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L INNOVAZIONE DIREZIONE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Codice CIFRA: A02/DGR/2015/0000 OGGETTO: Società in house InnovaPuglia SpA.

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) 6 Via Giacomo Puccini 85100 Potenza Telefono(i) 0971 52920 Cellulare: 331 8531646 E-mail agnese.lapetina@alice.it Cittadinanza

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO CHI SIAMO Sogei è la società di ICT, a capitale interamente pubblico, partner tecnologico del Ministero dell Economia e delle Finanze italiano. Progettiamo, realizziamo,

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A5_1 V1.0 Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

ALLEGATO PROFILI FORMATIVI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE A) ATTIVITA' DI VENDITA E SUPPORTO ALLA CLIENTELA A1) QUALIFICAZIONE TECNICO/OPERATIVA

ALLEGATO PROFILI FORMATIVI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE A) ATTIVITA' DI VENDITA E SUPPORTO ALLA CLIENTELA A1) QUALIFICAZIONE TECNICO/OPERATIVA ALLEGATO PROFILI FORMATIVI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE A) ATTIVITA' DI VENDITA E SUPPORTO ALLA CLIENTELA A1) QUALIFICAZIONE TECNICO/OPERATIVA -assistenza alla clientela secondo procedure standardizzate

Dettagli

23.12.2014 ORDINE DI SERVIZIO n. 38/14 TUTELA AZIENDALE

23.12.2014 ORDINE DI SERVIZIO n. 38/14 TUTELA AZIENDALE TUTELA AZIENDALE Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione TUTELA AZIENDALE e ad attribuire e/o confermare le seguenti responsabilità:

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE IL DIRETTORE

AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE IL DIRETTORE AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE n. 10 del 05/05/2008 Oggetto: Approvazione profili professionali del personale dipendente dell Agenzia. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro.

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro. SCHEDA DEL CORSO Titolo: La gestione elettronica e la dematerializzazione dei documenti. Il Responsabile della La normativa, l operatività nelle aziende e negli studi professionali. Come sfruttare queste

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1247 / 2014 Area Staff OGGETTO: ACQUISIZIONE SERVIZIO AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO DEL SOFTWARE APPLICATIVO PER LA GESTIONE ECONOMICA

Dettagli

5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI

5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI 5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI Responsabile: Dott. Parrinello Antonio Giuseppe Tel.: 0917076039 E-mail: agri1.areaaffarigenerali@regione.sicilia.it Assegnazione

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

tutto quanto sopra premesso e considerato, tra:

tutto quanto sopra premesso e considerato, tra: Protocollo d intesa tra la Regione Piemonte e la Direzione Investigativa Antimafia - Centro Operativo di Torino per le modalità di fruizione di dati informativi concernenti il ciclo di esecuzione dei contratti

Dettagli

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Visto lo Statuto dell Agenzia delle dogane deliberato dal Comitato direttivo in data 5 dicembre 2000, modificato e integrato con delibere n. 5 del 14 dicembre 2000 e n. 10

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT

Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT : DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT ANNO 2014 VERIFICA DI FINE ANNO SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI : Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale di Brindisi

Azienda Sanitaria Locale di Brindisi Azienda Sanitaria Locale di Brindisi Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito e in prova/visione. SOMMARIO Titolo I Disposizioni generali Art.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC SERVIZIO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI IL RESPONSABILE SC SERVIZIO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC SERVIZIO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI IL RESPONSABILE SC SERVIZIO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC SERVIZIO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI 00001230 del 11/09/2015 OGGETTO: AMPLIAMENTI LINEE TRASMISSIONE DATI NELL AMBITO DELLA VIGENTE CONVENZIONE SCR - REGIONE PIEMONTE.

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria ORDINAMENTO PROFESSIONALE

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria ORDINAMENTO PROFESSIONALE Allegato C (DAP) Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale dell Amministrazione Penitenziaria (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE)

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

Provvedimento Organizzativo della Sezione INFN di Genova

Provvedimento Organizzativo della Sezione INFN di Genova Allegato alla deliberazione del Consiglio Direttivo n. 8046/2003 doc.gen. n. 1455/2003 Provvedimento Organizzativo della Sezione INFN di Genova (ai sensi degli articoli 10, comma 4, lettera h), e 20, comma

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 671 del 24/03/2011 OGGETTO: costituzione dell unità Team Energy Management ESERCIZIO 2011 Comune di Terni Direzione Manutenzioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE E IL COORDINAMENTO DELLA POLITICA ECONOMICA L Autorità Nazionale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO FORNITURA DI SERVIZI DI PRESIDIO DEL CENTRO DI CALCOLO E MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL SETTORE AMMINISTRATIVO ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

Procedura Gestione Settore Manutenzione

Procedura Gestione Settore Manutenzione Gestione Settore Manutenzione 7 Pag. 1 di 6 Rev. 00 del 30-03-2010 SOMMARIO 1. Scopo 2. Generalità 3. Applicabilità 4. Termini e Definizioni 5. Riferimenti 6. Responsabilità ed Aggiornamento 7. Modalità

Dettagli

OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A

OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A Installatore/trice manutentore/trice di impianti elettrici civili e industriali Applicare le norme tecniche del settore elettrico impiantistico e la relativa

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

L Italia si colloca all avanguardia sul tema della Telegestione Elettrica. Cos è la telegestione?

L Italia si colloca all avanguardia sul tema della Telegestione Elettrica. Cos è la telegestione? group Telegestione CONTESTO BENEFICI CARATTERISTICHE OFFERTA CASE HISTORY CONTESTO BENEFICI CARATTERISTICHE OFFERTA CASE HISTORY Cos è la telegestione? La Telegestione, che si colloca nell attività di

Dettagli

Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito. Art. 1. Art. 2

Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito. Art. 1. Art. 2 Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento disciplina il procedimento d accettazione di donazioni

Dettagli

Regolamento sulle donazioni e i comodati d uso gratuito

Regolamento sulle donazioni e i comodati d uso gratuito S.C. PATRIMONIO Regolamento sulle donazioni e i comodati d uso gratuito Pagina 1 di 8 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Oggetto del regolamento... 3 Art. 2 - Disciplina delle donazioni e dei contratti

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Approvvigionamenti delegato dal Direttore Generale dell Azienda con delibera regolamentare

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED

DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED CIG: Z4617CA034 OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA PER l IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO SOFTWARE

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BAT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 70031 A N D

Dettagli

Regolamento per l accettazione di donazioni, comodati e di concessione di usufrutto e di attrezzature.

Regolamento per l accettazione di donazioni, comodati e di concessione di usufrutto e di attrezzature. Regolamento per l accettazione di donazioni, comodati e di concessione di usufrutto e di attrezzature. Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento disciplina il procedimento d accettazione di

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO. Triennio 2013/2015

COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO. Triennio 2013/2015 COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO Piano triennale di razionalizzazione (art. 2 comma 594 L. 244/07) Triennio 2013/2015 Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO BOZZA DI CONVENZIONE L anno duemilaquattordici (2014) addì (.) del mese di in Treviso Via Cal di Breda, 116, nella sede della Provincia di Treviso,

Dettagli

CREDEMTEL. Credemtel S.p.A. Telese, 03/2015 CREDEMTEL

CREDEMTEL. Credemtel S.p.A. Telese, 03/2015 CREDEMTEL Credemtel S.p.A. Telese, 03/2015 Chi siamo è una società del Gruppo Bancario CREDEM, attiva dal 1989 nell offerta di servizi telematici a Banche, Aziende e Pubblica Amministrazione. 2 2 Presentazione Credemtel

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO P.O. PROGRAMMAZIONE E BILANCIO E responsabile della formazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale e della predisposizione relativi

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Dipartimento per gli Affari Generali e della Contabilità : Svolge le attività di autoamministrazione dell Agenzia, funzionali

Dettagli

Unione dei Comuni Terre d acque

Unione dei Comuni Terre d acque Comune di Borgolavezzaro Comune di Tornaco Comune di Vespolate Unione dei Comuni Terre d acque Il SISTEMA EI PROFILI PROFESSIONALI ELL UNIONE TERRE ACQUE Architetto Soggetto che conosce le tecniche di

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo)

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo) Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila Piano delle Performance 2014 (preventivo) In caso l Amministrazione o la Direzione Generale assegni obiettivi in corso d anno

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE) CCNI_MG

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli

Comune di Siena SERVIZI INFORMATICI

Comune di Siena SERVIZI INFORMATICI Comune di Siena SERVIZI INFORMATICI ATTO DIRIGENZIALE N 21 DEL11/01/2016 OGGETTO: AFFIDAMENTO MANUTENZIONE E ASSISTENZA PROCEDURE CONCILIA, J-IRIDE, TRADE WIN, ORGANIZERPER L'ANNO 2016 ATTRAVERSO LA PROCEDURA

Dettagli

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO AI SENSI DELL ART. 125 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA HARDWARE E

Dettagli

Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web

Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web Policy Argo Software in materia di protezione e disponibilità dei dati relativi ai servizi web Premessa La Argo software srl è impegnata costantemente a pianificare e monitorare le proprie azioni per la

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE Rag. Luisa Perdoni Savona, 20 Febbraio 2014 Cognome e Nome PERDONI LUISA Data di nascita 22 Giugno 1959 Qualifica Collaboratore Amministrativo

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ANDREA PEPPINO Indirizzo PIAZ.LE FERDINANDO MARTINI N.1, 20137 - MILANO Telefono 02/5512354 Fax 02/50313402 E-mail peppino.dandrea@unimi.it

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 "Rete Ferroviaria Italiana "

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 Rete Ferroviaria Italiana Direzione Personale e Organizzazione l Amministratore Delegato Il Direttore DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 "Rete Ferroviaria Italiana " Direzione Produzione Alle dirette dipendenze

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 LOGO AMMINISTRAZIONE MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. 1 SOMMARIO Obiettivi

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli