< di 10 < di 10. < di 2 < di 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "< di 10 < di 10. < di 2 < di 2"

Transcript

1 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CASERTA DIRETTI A FAVORIRE LA COSTITUZIONE E L AMPLIAMENTO DELLE RETI DI IMPRESE Art. 1 Obiettivi e finalità L Asips intende incentivare la competitività del sistema economico locale supportando le aggregazioni tra imprese mettendo in rete le loro capacità, competenze e risorse, mediante lo scambio di conoscenze finalizzate alla collaborazione produttiva, progettazione, logistica e servizi connessi per l innovazione di processo, di prodotto, di servizio e/o organizzativo. Art. 2 Risorse finanziarie e agevolazioni concedibili 1. La dotazione per il presente avviso è di ,00 (Ventimila). 2. L entità del contributo a fondo perduto sarà calcolata nella misura del 70% delle spese ammissibili e non potrà superare il limite massimo 5.000,00 (cinquemila) per ogni aggregazione di imprese in forma di Rete. Art. 3 Soggetti beneficiari e requisiti di ammissibilità 1. I beneficiari delle agevolazioni previste dal presente bando sono le aggregazioni di micro, piccole e medie imprese (come meglio definite in nota n.1), con forma giuridica del contratto di rete, ai sensi del decreto legge 10 febbraio 2009 n. 5 convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, modificata ed integrata con la L. 23 luglio 2009 n. 99 e dalla Legge 30 luglio 2010 n e dalle leggi 134/2012 e 221/2012. In particolare, possono accedere al beneficio: a) le reti d imprese già costituite ed iscritte al Registro Imprese alla data di presentazione della domanda; b) le reti di imprese ancora da costituire. In tal caso occorre che alla domanda di contributo sia allegata una dichiarazione di intenti a formalizzarne la costituzione. 2. I contratti di rete devono prevedere una durata minima non inferiore ai 15 mesi, calcolata, per i contratti già stipulati, dalla data di presentazione della domanda, e, per quelli da stipulare, dalla data di sottoscrizione del contratto. Al contratto di rete, in qualunque forma stipulato (sia reti contratto, che reti soggetto ), è previsto che debbano partecipare un minimo di 3 (tre) PMI, così come definite dalla normativa comunitaria recepita a livello nazionale 1, di cui la maggioranza deve avere sede legale e/o operativa in provincia di Caserta. 1 Ai sensi della Raccomandazione 361/2003/CE del 6 maggio 2003 sono considerate microimprese, piccole imprese e medie imprese quelle che rispettano i requisiti della seguente tabella: Parametri Micro Impresa Piccola Impresa Media Impresa 1. Dipendenti < di 10 < di 50 < di Fatturato annuo oppure 2.2. Totale bilancio (in milioni di euro) < di 2 < di 2 < di 10 < di 10 < di 50 < di 43 Se l impresa è associata o collegata, i dati dei dipendenti e i dati finanziari sono determinati aggregando i dati dell impresa stessa ai dati delle eventuali imprese associate o collegate. 1. I requisiti sono cumulativi nel senso che devono sussistere tutti contemporaneamente. 2. Il numero di dipendenti occupati è calcolato in unità lavorative annue (U.L.A.) ed è pari al numero di dipendenti a tempo pieno durante l anno, conteggiando il lavoro dei dipendenti che non hanno lavorato tutto l anno o che hanno lavorato a tempo parziale o come lavoratori stagionali come frazioni di U.L.A. L anno da prendere in considerazione è quello dell ultimo esercizio contabile chiuso. 3. Il fatturato annuo e il totale bilancio sono quelli dell ultimo esercizio contabile approvato e vengono calcolati su base annua; se un impresa, alla data di chiusura dei conti, ha superato, nell uno o nell altro senso e su base annua, le soglie dei dipendenti o le soglie finanziarie, perde o acquisisce la qualifica di media, piccola o microimpresa solo se il superamento avviene per due esercizi consecutivi. Se si tratta di impresa di nuova costituzione, i cui conti non siano ancora stati approvati, i dati in questione sono oggetto di una stima in buona fede ad esercizio in corso. Se l impresa è associata o collegata, i dati dei dipendenti e i dati finanziari sono determinati aggregando i dati dell impresa stessa ai dati delle eventuali imprese associate o collegate.

2 In caso di rete contratto il contributo sarà concesso unicamente alle imprese (di micro, piccola o media dimensione) aventi sede legale e/o unità operativa in provincia di Caserta. In caso di rete soggetto il contributo sarà concesso unicamente alla rete che avrà anche la propria sede legale in provincia di Caserta. Al contratto di rete potranno altresì aderire consorzi o imprese di grandi dimensioni, a condizione che le imprese micro, piccole e medie imprese rappresentino complessivamente la maggioranza numerica della compagine contrattuale. Qualora alla rete partecipi un consorzio, lo stesso ai fini del conteggio conta come una sola impresa. Resta comunque esclusa la concessione dei contributi a consorzi o imprese di grandi dimensioni che potranno, tuttavia, rivestire il ruolo di capofila/soggetto mandatario della rete. 3. Tutte le imprese componenti la rete richiedente e la rete stessa nel caso di rete soggetto, sia che siano costituite che costituende, alla data di presentazione della domanda, devono risultare in possesso dei seguenti requisiti: a) essere regolarmente iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di competenza; b) essere attive; c) essere in regola con il pagamento del diritto camerale a tutto l anno ; SI CONSIGLIA DI VERIFICARE LA PROPRIA POSIZIONE CON L UFFICIO DEL DIRITTO ANNUALE PRIMA DI PRESENTARE LA DOMANDA. LA REGOLARIZZAZIONE SUCCESSIVA ALLA DATA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA NON SANA L IRREGOLARITÀ IN MODO RETROATTIVO E, IN OGNI CASO, NON FA VENIR MENO L INAMMISSIBILITA DELLA DOMANDA; d) non trovarsi nelle condizioni ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà; e) non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di amministrazione controllata o di concordato preventivo o di qualunque altra situazione equivalente e non deve avere in corso un procedimento per la dichiarazione di tali situazioni; f) non trovarsi in stato di cessazione o sospensione dell attività; g) non trovarsi in una delle condizioni di esclusione dalla partecipazione alle procedure di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi, di cui all art.38, comma 1, del D. lgs. 163/2006 e s.m.i. né abbiano in corso procedimenti penali per i reati di cui alla lettera c) dello stesso art. 38 comma 1; h) essere in regola con le disposizioni del regolamento de minimis. i) operare nel rispetto delle vigenti norme in materia di lavoro e prevenzione degli infortuni; j) essere in regola con le norme in materia previdenziale e fiscale, attestata dal possesso del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC). 4. Sono escluse dai benefici del presente bando le imprese che hanno procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche. 5. Le imprese della rete contratto, costituita o costituenda, nonché le imprese della rete soggetto costituenda, devono individuare, al proprio interno e tra le PMI con sede legale e/o operativa in provincia di Caserta, il soggetto prescelto per svolgere il ruolo di impresa capofila, conferendole espressa delega alla presentazione della domanda di partecipazione, cosi come alla gestione di tutti i rapporti con l Asips, ivi compreso l incasso e rendicontazione dei contributi previsti nel presente bando. Art. 4 Interventi finanziabili e Spese ammissibili 1. Sono finanziabili gli interventi rivolti: a) alla costituzione di nuove reti d imprese; b) all ampliamento partecipativo delle reti d imprese già costituite ed iscritte. In particolare, sono ammissibili le spese, sostenute (e conseguentemente fatturate) sia dalla rete soggetto, sia dalle singole imprese aderenti ad una rete contratto, aventi ad oggetto l assistenza tecnica e la consulenza specialistica per la redazione del contratto di rete e la sua costituzione, acquisite presso fornitori terzi, e, segnatamente, quelle relative a: 2 Sono considerate irregolari anche le posizioni per le quali siano stati erroneamente versati in difetto interessi o sanzioni o che, comunque, non facciano registrare una coincidenza piena ed assoluta tra quanto versato e quanto dovuto.

3 consulenze specialistiche e spese notarili sostenute per la redazione del contratto di rete e la formale costituzione delle reti d impresa o per rendere possibile o anche solo incentivare l ingresso di nuove imprese nei contratti di rete esistenti, per l importo massimo di 3.000,00; attività di consulenza e assistenza tecnica specialistica, solo se prestate da soggetti esterni all aggregazione e specificamente riferite al piano di fattibilità economica, tecnica e finanziaria del progetto sotteso al Contratto di Rete, ove ritenute strettamente funzionali alla concreta ed effettiva costituzione di nuove reti o all ampliamento partecipativo di reti già esistenti, per l importo massimo di 2.000,00. Requisito di erogazione del contributo è, nel caso di nuove costituzioni, la effettiva sottoscrizione del contratto di rete o, nel caso di nuove adesioni a reti preesistenti, l effettiva sottoscrizione del contratto da parte dei nuovi soggetti aderenti. Non sono ammissibili le consulenze ordinarie, legali, contabili, fiscali e simili, con la sola eccezione di quelle relative a specifici approfondimenti in relazione alle reti d impresa e sempre se strettamente funzionali agli obiettivi del presente bando. 2. Nell ambito degli interventi finanziabili, le spese di consulenza per poter essere riconosciute devono essere prestate: a) da una strutture specializzata, di cui dovrà essere fornita una scheda di presentazione; b) da professionisti che devono, necessariamente, essere iscritti ad albo professionale, di cui dovrà essere fornito curriculum professionale. In entrambi i casi dovrà essere presentata una relazione che illustri il dettaglio delle attività consulenziali svolte e ne evidenzi la finalizzazione agli obiettivi del presente bando. 3. Le spese ammissibili sono da intendersi al netto dell IVA (eccetto che sia indetraibile per il soggetto beneficiario) e di qualsiasi altro onere accessorio fiscale o finanziario. 4. L agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto sulle spese sostenute e ritenute ammissibili che dovranno essere: - sostenute, dalla rete soggetto o dalle singole imprese aderenti ad una rete contratto. successivamente alla data di presentazione della domanda ed entro il termine massimo indicato in sede di comunicazione di ammissibilità al contributo da parte dell Asips (fa fede la data dei titoli di spesa); - strettamente funzionali alla realizzazione dell intervento; - univocamente riconducibili agli interessi condivisi della rete; - fatturate direttamente ai soggetti beneficiari (rete soggetto o imprese aderenti alla rete); - identificabili, controllabili ed attestate da idonei documenti giustificativi: fattura, ricevuta fiscale, parcella o titolo equipollente. Le spese dovranno essere comprovate attraverso i seguenti strumenti di pagamenti: 1. bonifico; 2. ricevuta bancaria; 3. assegno bancario (allegare copia dell estratto conto da cui si evinca il movimento contabile); 4. RID (allegare copia dell estratto conto da cui si evinca il movimento contabile). Le spese potranno essere sostenute (e conseguentemente fatturate) sia dalla rete soggetto, sia dalle singole imprese aderenti ad una rete contratto. Non sono ammesse al contributo altre spese, ovvero voci di spesa differenti da quelle sopraelencate. Art. 5 Spese non ammissibili Non sono ammissibili le seguenti voci di spesa: a. spese per bolli, tasse e imposte; b. per adeguamento ad obblighi di legge; c. spese amministrative e di gestione; d. spese promozionali; e. spese per servizi continuativi, periodici, o connessi alle normali spese di funzionamento dell'impresa; f. spese di personale dipendente;

4 g. spese generali; h. spese di viaggio, vitto e soggiorno; i. spese sostenute per costi interni; j. spese regolate per contanti o attraverso cessione di beni o compensazione di qualsiasi genere tra il beneficiario ed il fornitore, ovvero con modalità che non consentano la tracciabilità dei pagamenti; k. spese fatturate alle imprese beneficiarie dal legale rappresentante, dall impresa capofila, dal mandatario di rete e da qualunque altro soggetto facente parte degli organi della rete, e dal coniuge o parenti entro il terzo grado dei soggetti richiamati; l. spese effettuate e/o fatturate alle imprese beneficiarie da società con rapporti di controllo o collegamento così come definiti ai sensi dell art del codice civile o che abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza; m. spese oggetto di fatturazione incrociata tra le imprese componenti il raggruppamento, o da parte di soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza delle imprese facenti parte dello stesso; n. spese relative ad un bene/servizio rispetto al quale il beneficiario abbia già fruito, per le stesse spese, di una misura di sostegno finanziario nazionale o comunitaria; o. spese fatturate all impresa richiedente da altra impresa che si trovi con la prima, nelle condizioni di cui all articolo 2359 del Codice Civile, o nel caso in cui entrambe siano partecipate, anche cumulativamente, per almeno il 25% da medesimi altri soggetti, tale ultima partecipazione rileva anche se determinata in via indiretta, relative al trasferimento a vario titolo della disponibilità di beni tra coniugi, parenti ed affini entro il terzo grado in linea diretta e collaterale; p. spese relative all acquisto di impianti e attrezzature; q. spese per l acquisizione di beni usati o rigenerati; r. spese per la sostituzione di macchinari e attrezzature, compresi i rinnovi delle licenze per l utilizzo del software; s. le spese per l acquisto di veicoli destinati al trasporto di merci su strada; t. le spese relative ad interventi per i quali l impresa ha già usufruito di contributi pubblici a qualsiasi titolo; u. le spese effettuate da imprese che, nel caso di rete-contratto, per mancanza di requisiti soggettivi ossia non micro o piccole e medie imprese, non possono essere beneficiarie del contributo. Art. 6 Regime comunitario 1. Le agevolazioni previste dal presente bando non sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche relativamente alle stesse spese ammissibili. 2. Il contributo di cui al presente bando viene concesso secondo quanto stabilito nei Regolamenti CE n. 1407/2013, n. 1408/2013 e n. 875/2007, relativi all applicazione del trattato sul funzionamento dell Unione Europea agli aiuti de minimis. 3. La dichiarazione de minimis deve essere presentata da tutti i partecipanti alla rete; nel caso di rete soggetto, oltre alle dichiarazioni delle singole imprese, deve essere presentata anche una dichiarazione de minimis riferita alla rete. 4. Qualsiasi variazione rispetto alle dichiarazioni rese in tema di contributi in regime di de minimis dovrà essere tempestivamente comunicata a mezzo PEC. Art. 7 Modalità di partecipazione 1. Per la partecipazione al presente bando occorre utilizzare esclusivamente il modello di domanda di cui all Allegato A, sottoscritto, ai sensi di degli artt. 38, 47 e 76 D.P.R. 445/2000, dal Legale Rappresentante dall Impresa capofila all uopo delegata dalle imprese partecipanti alla rete contratto, costituita o costituenda, nonché alla rete soggetto se costituenda, oppure dal Legale Rappresentante della rete soggetto se già costituita, che curerà tutti gli adempimenti relativi all istruttoria. L impresa Capofila deve: avere sede legale e/o operativa in provincia di Caserta; essere dotata di firma digitale e indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) da indicare nella domanda di contributo e da utilizzare in tutte le comunicazioni con l Asips. Ciascuna rete può presentare una sola domanda a valere sul bando.

5 Non è ammessa la trasmissione di più domande di contributo con un unico invio di Posta Elettronica Certificata (PEC). 2. La domanda di partecipazione, disponibile sul sito internet nella sezione Avvisi e Bandi, e corredata della documentazione richiesta, dovrà essere inviata, nel periodo compreso tra il 10 novembre ed il 10 dicembre 2014, esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC), in formato pdf, al seguente indirizzo: trasmettendo: a) originale informatico firmato digitalmente dal titolare/legale rappresentante dell impresa capofila; b) copia scansionata della domanda cartacea originale firmata calligraficamente dal titolare/legale rappresentante dell impresa capofila, unitamente alla copia di un documento di riconoscimento in corso di validità. Tutte le comunicazioni relative al presente avviso saranno trasmesse esclusivamente alla posta elettronica certificata utilizzata per l invio della domanda. L Asips sin d ora declina ogni responsabilità per il mancato funzionamento della PEC. Art. 8 Documentazione da allegare alla domanda Alla domanda dovranno essere allegati i seguenti documenti, in formato pdf: a) copia del contratto di rete (ove già costituito) o dichiarazione di intenti a costituirsi con copia della relativa ipotesi di contratto; b) dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà, relative al possesso dei requisiti di ammissibilità richiesti all art. 3 dell Avviso Pubblico, per ciascuna delle imprese aderenti al contratto di rete, come da modello predisposto dall Asips(Allegato B); c) delega a favore dell impresa capofila da parte delle imprese della rete contratto, costituita o costituenda, o della rete soggetto, se costituenda; d) autodichiarazione sui contributi in regime di de minimis resa da tutti i partecipanti alla rete e, nel caso di rete soggetto, anche dalla rete stessa, come da modelli predisposti dall Asips; e) il piano dei costi da sostenere, corredato dai preventivi di spesa e da eventuali ulteriori documenti giustificativi; le spese non supportate da preventivo saranno escluse dall agevolazione; f) curriculum vitae del consulente, qualora la consulenza sia resa da professionisti singoli, o scheda di presentazione, qualora sia fornita da strutture specializzate; g) relazione che illustri il dettaglio delle attività consulenziali svolte e ne evidenzi la finalizzazione agli obiettivi del presente bando; h) copia di valido documento di riconoscimento a corredo della domanda, delle dichiarazioni e della delega sopra citate (da allegare qualora tali documenti non siano firmati digitalmente). Art. 9 Esclusioni 1. Saranno considerate inammissibili le domande: - prive di qualsiasi allegato e/o elemento di valutazione; - non conformi al format di cui all'allegato A) del presente avviso; - presentate da imprese che alla data di trasmissione della domanda non risultano in regola con il diritto annuale (l inammissibilità permane nonostante l eventuale successiva regolarizzazione); - presentate con modalità diversa dalla PEC. 2. Per le domande: - incomplete in una qualsiasi parte o che non dovessero indicare uno qualsiasi degli elementi o dati richiesti, nonché quelle carenti nella documentazione richiesta; - prive di valido documento di riconoscimento; l Asips si riserva la facoltà di richiedere all'impresa ulteriore documentazione e/o chiarimenti ad integrazione della domanda, a mezzo PEC. Il mancato invio della suddetta documentazione integrativa, entro e non oltre il termine perentorio di sette giorni (compreso i festivi) dalla data di ricevimento della richiesta stessa, comporterà l'automatica esclusione della domanda.

6 Art. 10 Procedimento amministrativo Ai sensi della L. 241 del "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi" e successive modifiche ed integrazioni, il procedimento amministrativo riferito al bando è assegnato al dr. Luigi Rao. Tel. 0823/ Art. 11 Istruttoria ai fini della concessione del contributo 1. Il contributo sarà assegnato in base all ordine cronologico di ricezione della pratica da parte dell Asips, attestato dalla data e dall orario di presentazione tramite PEC fino alla concorrenza delle somme appositamente stanziate ai sensi del precedente art. 4. Ove, successivamente, si rendessero disponibili ulteriori risorse, l Asips si riserva, previa deliberazione del CdA, di procedere allo scorrimento della graduatoria. 2. L approvazione della graduatoria finale è disposta dal Consiglio di Amministrazione dell Azienda. 3. L Ufficio competente provvederà a comunicare ai soggetti richiedenti: - la concessione dell incentivo; - i termini e le modalità per la rendicontazione; - l eventuale esclusione dal beneficio con il motivo del rigetto. Art. 12 Rendicontazione e liquidazione del contributo 1. I beneficiari del contributo devono presentare, ai fini della liquidazione del contributo, e comunque entro e non oltre il termine indicato dall Asips, la richiesta di erogazione, redatta in forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi della normativa vigente in materia (art. 47 del D.P.R. 445/2000), resa dall impresa capofila della rete. 2. Alla richiesta dovrà essere allegata la seguente documentazione: a) per le Reti di impresa già formalizzate tramite la sottoscrizione di un Contratto di rete, documentazione probatoria dell avvenuto ampliamento partecipativo della rete; b) per le Reti di Impresa non ancora formalizzate tramite la sottoscrizione di un Contratto di rete, copia conforme del contratto di rete redatto ai sensi della normativa vigente in materia; il contratto di rete in entrambi i casi deve essere iscritto al registro delle imprese territorialmente competente secondo la vigente normativa; c) impegno a non revocare il contratto di rete per un periodo di 15 mesi; tale termine decorre dalla presentazione della domanda di ammissione al contributo, per i contratti di cui alla lettera a) e dalla data di sottoscrizione del contratto per quelli di cui alla lettera b); d) dichiarazione sostitutiva di atto notorio, resa dal Legale Rappresentante dell Impresa Capofila o della rete soggetto, di conformità al progetto presentato; e) piano dei costi sostenuti; f) copia conforme delle fatture, riferite ai preventivi di spesa che sono stati allegati alla domanda riportanti esplicito riferimento alla rete di impresa, emesse successivamente alla presentazione della stessa ed entro il termine massimo indicato in sede di comunicazione di ammissibilità al contributo da parte dell Asips; g) quietanze in originale delle fatture relative ai costi sostenuti. Per quietanza si intende: documentazione bancaria o postale nella quale vi sia esplicito riferimento alle fatture e che ne attesti l avvenuto pagamento nel rispetto della normativa vigente in materia di tracciabilità dei flussi finanziari; Inoltre, sulla base delle spese per le quali è stata richiesta l ammissibilità, dovrà essere allegata la seguente documentazione: h) copia del piano di fattibilità economica, tecnica e finanziaria del Contratto di Rete; i) copia della documentazione comprovante le consulenze ordinarie, legali, contabili, fiscali e simili, relative ad approfondimenti di tali aspetti in relazione alle reti d impresa.

7 3. Il contributo a fondo perduto dell intervento finanziario, verrà erogato dall Asips alla rete-soggetto o, nel caso di rete-contratto, all impresa individuata quale Capofila, entro 30 giorni dall ammissione definitiva al contributo e comunque previo esame della documentazione elencata al precedente comma 2. Nella richiesta di erogazione del contributo prevista dal precedente comma 1 si dovranno comunicare i dati identificativi del numero di conto corrente dedicato all incasso del contributo, il quale dovrà essere intestato alla rete soggetto o all impresa capofila espressamente delegata all incasso del contributo giuste le previsioni del presente bando. 4. Eventuali variazioni dell importo delle spese ammissibili complessivamente rendicontate rispetto all importo concesso saranno consentite esclusivamente in diminuzione. In tal caso il contributo verrà proporzionalmente ridotto nel rispetto della percentuale riconoscibile delle spese rendicontate. Qualora, invece, in fase di rendicontazione, l ammontare delle spese sostenute risultasse invece superiore a quanto indicato a preventivo, il contributo verrà liquidato nell importo concesso. 5. Nella fase di verifica della documentazione relativa alla rendicontazione, l Asips si riserva la facoltà di richiedere ai soggetti beneficiari i chiarimenti e le integrazioni documentali che si rendessero necessari, fissando un congruo termine per la risposta, che comunque non potrà essere superiore a 7 (sette) giorni solari e consecutivi dalla data della richiesta. Decorso infruttuosamente tale termine, la verifica della rendicontazione sarà conclusa sulla base della documentazione agli atti. 6. La liquidazione del contributo verrà disposta con bonifico su c/c dedicato al netto delle ritenute si legge. Art. 13 Rinuncia Qualora intendano rinunciare al contributo concesso, i soggetti beneficiari devono darne comunicazione con le stesse modalità utilizzate per la presentazione della domanda. In tal caso, qualora sia già stato erogato il contributo, i beneficiari dovranno restituire le somme ricevute, aumentate degli interessi legali maturati a partire dalla data di erogazione del contributo. Art. 14 Decadenza dal beneficio Il diritto al beneficio viene meno in caso di apertura di procedure concorsuali nei confronti di qualunque impresa partecipante alla rete o della stessa rete, oppure in caso di loro cancellazione dal Registro Imprese in data anteriore alla liquidazione del contributo. Il mancato invio della rendicontazione, nei termini e secondo le modalità previste dal precedente art. 12, o il mancato invio o l invio oltre i termini assegnati e senza giustificato motivo dei chiarimenti richiesti al beneficiario per l istruttoria entro i termini assegnati sarà intesa quale rinuncia al contributo e comporterà l esclusione dai benefici e la revoca dell agevolazione eventualmente concessa. Qualsiasi modifica dei dati indicati nella domanda presentata dovrà essere tempestivamente comunicata all indirizzo di posta elettronica certificata sopra richiamato. Art. 15 Controlli L Asips effettuerà, ai sensi dell art. 71 del DPR 445/2000, appositi controlli a campione per verificare la conformità all originale dei documenti trasmessi e la veridicità delle dichiarazioni sostitutive rilasciate. Qualora dai controlli emergessero irregolarità non sanabili, l Asips disporrà la revoca del contributo. Art. 16 Norme a tutela della privacy La presentazione della domanda di contributo comporta il consenso al trattamento dei dati in essa contenuti, per gli effetti del D.Lgs. 196 del 30/06/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), ai soli fini degli adempimenti necessari a dare applicazione al bando, compresa la comunicazione delle informazioni alle banche dati dei contributi pubblici previste dall ordinamento. Al bando si applica la disciplina prevista dall'articolo 18 del D.L. 83/2012, convertito con modificazioni in Legge n. 134/2012 che stabilisce: La concessione delle sovvenzioni, contributi ed ausili finanziari alle imprese e l'attribuzione dei corrispettivi e dei compensi a persone, professionisti, imprese ed enti privati e comunque di vantaggi economici di qualunque genere di cui all'articolo 12 della legge 7 agosto 1990, n. 241 ad enti pubblici

8 e privati, sono soggetti alla pubblicità sulla rete Internet, secondo il principio di accessibilità totale di cui all'art. 11 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n Art. 17 Pubblicità ed informazioni Del presente Avviso sarà data pubblicità mediante pubblicazione sul sito dell Azienda Speciale e Camera di Commercio di Caserta Gli interessati, per eventuali informazioni e/o chiarimenti, potranno contattare l Azienda Speciale Asips Piazza S. Anna Palazzo ERA Caserta ai seguenti recapiti: Tel. 0823/ fax 0823/ Apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

BANDO PUBBLICO. per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015. INFOPLUS - Bando n 2283466

BANDO PUBBLICO. per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015. INFOPLUS - Bando n 2283466 per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015 Rev. 1 Preparato: Camera di Commercio di Cosenza Approvato: DG n. 49 del 20.07.2015 Pagina 1 di 9 SOMMARIO 1. FINALITA...3

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016 Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 48 del 9.03.2016 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016 Art 1-

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari A seguito degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito, nel mese di maggio 2012, alcune

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, riconoscendo la Rete di Impresa quale strumento innovativo

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL TRAFFICO DI MERCI PER VIA FLUVIALE

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL TRAFFICO DI MERCI PER VIA FLUVIALE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL TRAFFICO DI MERCI PER VIA FLUVIALE Art. 1 Finalità e risorse Nell ambito degli obiettivi di realizzazione di progetti innovativi infrastrutturali

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI - MARCHI+2

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI - MARCHI+2 ALLEGATO 2 DOMANDA PER IMPRESE CONTITOLARI DI MARCHIO (i dati anagrafici riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT.

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 27/02/2016 IL SEGRETARIO COMUNALE QUALE RESPONSABILE

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Bando per il sostegno ai processi di brevettazione delle imprese della provincia di Piacenza Premessa La Camera di commercio di Piacenza

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L INFORMATIZZAZIONE DELLE PMI anno 2013

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L INFORMATIZZAZIONE DELLE PMI anno 2013 Art. 1 Finalità e risorse BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L INFORMATIZZAZIONE DELLE PMI anno 2013 Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale,

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

Art. 1 FINALITÀ. Art. 2 DESTINATARI

Art. 1 FINALITÀ. Art. 2 DESTINATARI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CASERTA DIRETTI A FAVORIRE L INTRODUZIONE DI SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AZIENDALE Art. 1 FINALITÀ 1. La competitività

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGRICOLE PER LA SENSIBILIZZAZIONE ALLE FORME DI SICUREZZA IN AZIENDA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGRICOLE PER LA SENSIBILIZZAZIONE ALLE FORME DI SICUREZZA IN AZIENDA BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGRICOLE PER LA SENSIBILIZZAZIONE ALLE FORME DI SICUREZZA IN AZIENDA Art. 1 Finalità e risorse Nell ambito delle proprie iniziative promozionali, la Camera

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI Largo C. Felice, 72 09124 Cagliari tel. 070/605121 - sito web: http//www.ca.camcom.it INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA.

BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA. BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA. Art. 1 Finalità Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Voucher CooperAttive!

Voucher CooperAttive! bando Voucher CooperAttive! per l acquisto di servizi di assistenza destinati allo sviluppo delle società cooperative Sviluppo Aziendale Check-up Economico Finanziario Riorganizzazione Responsabilita Sociale

Dettagli

Allegato A alla Delibera di Giunta n del (BOZZA PREPARATA PER LA GIUNTA CAMERALE DELLA CCIAA DI COSENZA)

Allegato A alla Delibera di Giunta n del (BOZZA PREPARATA PER LA GIUNTA CAMERALE DELLA CCIAA DI COSENZA) Allegato A alla Delibera di Giunta n del (BOZZA PREPARATA PER LA GIUNTA CAMERALE DELLA CCIAA DI COSENZA) BANDO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI, IN CONTO CAPITALE, PREVISTI DAL FONDO PER LA SICUREZZA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Regolamento allegato alla deliberazione C.C. n. 3 del 13.3.2014 REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI In favore delle

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI - DISEGNI+3

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI - DISEGNI+3 ALLEGATO 2 DOMANDA PER IMPRESE CONTITOLARI DI DISEGNO/MODELLO (I dati riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT.

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) A pena di revoca la rendicontazione dovrà essere formulata conformemente al presente

Dettagli

Provincia di Isernia

Provincia di Isernia Provincia di Isernia BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE, DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, SUI FINANZIAMENTI CONCESSI DALLE BANCHE Art. 1 : Scopi

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 Allegato 1) 1. FINALITA E RISORSE FINANZIARIE 1.1. Finalità La Regione Umbria, nell ambito delle proprie iniziative istituzionali, intende promuovere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

Bandi di finanziamento

Bandi di finanziamento Bandi di finanziamento per neo -imprese e aspiranti imprenditori 1Mantova 16 ottobre 2015 DUE INTERVENTI DISTINTI 1) BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE (1508 Bando Neo-Imprese) DOTAZIONE FINANZIARIA:

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali per promuovere

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

BANDO QUADRO 2015 - EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

BANDO QUADRO 2015 - EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA BANDO QUADRO 2015 - EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA (approvato con delibera di Giunta n. 47 del 31 marzo 2015) Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

Ad delibera n. 52 dd. 14.04.14 BANDO BANDA LARGA CONTRIBUTO PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA ANNO 2014

Ad delibera n. 52 dd. 14.04.14 BANDO BANDA LARGA CONTRIBUTO PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA ANNO 2014 Ad delibera n. 52 dd. 14.04.14 BANDO BANDA LARGA CONTRIBUTO PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità Nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici. Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1

Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici. Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1 Contributi CCIAA di Prato per realizzazione check up energetici Prato, 21 gennaio 2014 20/01/2014 1 Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione di check up energetici anno

Dettagli

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo

Dettagli

Circolare N. 13 del 27 Gennaio 2016

Circolare N. 13 del 27 Gennaio 2016 Circolare N. 13 del 27 Gennaio 2016 Bando disegni+3: via alle domande dal 12.03.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che in data 03.12.2015 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 1 del 7 Gennaio 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Bando marchi+2: domande al via dal 01.02.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che in data 03.12.2015

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov.

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov. Marca da bollo Euro 14,62 Spett.le CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO SERVIZIO PROMOZIONE ECONOMICA E REGOLAZIONE DEL MERCATO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO pri BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO 2013 1. Oggetto della procedura di assegnazione di finanziamenti

Dettagli

BANDO QUADRO 2014 - EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA.

BANDO QUADRO 2014 - EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. BANDO QUADRO 2014 - EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. (approvato con delibera di Giunta n. 19 del 20 febbraio 2014) Art.

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI ALLEGATO 1 - DOMANDA (I dati riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT. N.. DEL.. (Inserire numero e data del protocollo

Dettagli

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE EDILIZIA DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE:

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE EDILIZIA DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE: CODICE DOMANDA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5,

Dettagli

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI - Innovazione per progetti di comunicazione delle MPMI della provincia di Varese, anche in vista di Expo 2015. Anno 2013 Approvato con deliberazione di giunta camerale n.90 del 07/11/2013 1. PREMESSA Nell

Dettagli

BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale in misura massima

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 4. Tecnico e Sviluppo Locale N. 226 del Reg. Data 29/07/2011 N. 790 del Reg. Generale OGGETTO AVVISO

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. rappresentante dell'impresa/consorzio/cooperativa. con sede in Via n.

Il sottoscritto. nato a il. rappresentante dell'impresa/consorzio/cooperativa. con sede in Via n. 1406 fascicolo 12.4 1.2014 (determinazione n. 219/PRO del 19.9.2014 di modifica del provvedimento n. 170/PRO del 9.7.2014) MODULO PRINCIPALE ALLEGATO ALLA DOMANDA TELEMATICA DI CONTRIBUTO PER SISTEMI INFORMATICI.

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO. Via Pessina, 6-22100 Como

Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO. Via Pessina, 6-22100 Como Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO Via Pessina, 6-22100 Como In attuazione della deliberazione del Direttore Generale n. del è indetto CONCORSO PUBBLICO, per titoli ed esami,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI

ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI BANDO CONTRIBUTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE IN ITALIA ED ALL ESTERO DELLE IMPRESE CASERTANE PER L ANNO 2016 INIZIATIVE FIERISTICHE PROGRAMMATE DAL 1 GENNAIO 2016 AL 30 APRILE 2016 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER L AVVIO DI NUOVE IMPRESE IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Art. 1 Finalità

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

DOMANDA di Prestito Partecipativo Legge Regionale n. 4/2001 art. 7 commi 69 e seguenti

DOMANDA di Prestito Partecipativo Legge Regionale n. 4/2001 art. 7 commi 69 e seguenti DOMANDA di Prestito Partecipativo Legge Regionale n. 4/2001 art. 7 commi 69 e seguenti Spett.le CONFIDI GORIZIA Via Morelli, 39 34170 GORIZIA Marca da Bollo di 14,62 Il sottoscritto nato a il rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI A FAVORE DELLE IMPRESE UMBRE PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE IN ITALIA E ALL'ESTERO

REGOLAMENTO CONTRIBUTI A FAVORE DELLE IMPRESE UMBRE PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE IN ITALIA E ALL'ESTERO REGOLAMENTO CONTRIBUTI A FAVORE DELLE IMPRESE UMBRE PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE IN ITALIA E ALL'ESTERO ANNO 2015 1 Articolo 1 - Finalità Il Centro Estero Umbria, al fine di agevolare l internazionalizzazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Decreto Direttoriale 11.03.2014 Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 29 luglio

Dettagli

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi.

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi. ALLEGATO B Criteri e modalità per l erogazione dei contributi ai comuni, singoli o associati nonché ai municipi per le spese necessarie ai fini dell istituzione e gestione dei consigli comunali, municipali

Dettagli

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014 Avviso pubblico e Regolamento per la concessione di contributi a parziale concorso delle spese di organizzazione di viaggi in provincia di Napoli in periodi di bassa e media stagione Annualità 2014 Delibera

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015 Bando aperto dal 13/04/2015 Stanziamento: 400.000 Art. 1 - Finalità Al

Dettagli

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale del Garante): BENEFICIARIO FINALE (denominazione / ragione sociale PMI beneficiaria): LINEA D INTERVENTO PRESCELTA Linea

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1)

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI MACCHINARI, MEZZI E ATTREZZATURE TESTO DEL REGOLAMENTO(in vigore dal 1 ottobre 2001) SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) SCHEMA DELLA RELAZIONE SUGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI (Allegato2)

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L INFORMATIZZAZIONE DELLE PMI anno 2014

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L INFORMATIZZAZIONE DELLE PMI anno 2014 Art. 1 Finalità e risorse BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L INFORMATIZZAZIONE DELLE PMI anno 2014 Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale,

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011 Art. 1 - Oggetto e finalità La Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Bando Attività di Vicinato

Bando Attività di Vicinato COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo ALLEGATO B alla Delibera di Giunta Comunale P.G. 87807/06 BANDO ATTUATIVO DI CONCESSIONE CONTRIBUTI ANNO

Dettagli