L utilizzo delle strategie di Marketing Mix: una revisione sistematica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L utilizzo delle strategie di Marketing Mix: una revisione sistematica"

Transcript

1 L utilizzo delle strategie di Marketing Mix: una revisione sistematica Nadina Raluca Luca 1, L. Suzanne Suggs 2 1. Research collaborator with the Faculty of Communication Sciences at the University of Lugano, Switzerland 2. Assistant professor with the Faculty of Communication Sciences at the University of Lugano, Switzerland Sintesi e adattamento dell articolo: Strategies for the social marketing mix: a systematic review, in Social Marketing Quarterly, 2010, 16:4, pp: A cura di Elena Barbera, Eleonora Tosco DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) Abstract Il marketing mix è un elemento chiave del marketing sociale fondamentale nel determinare un cambiamento di comportamento e sociale. Sono poche le informazioni relative alle strategie di marketing mix applicate ad interventi di marketing sociale. Questa revisione sistematica individua le strategie di marketing mix (prodotto, prezzo, distribuzione, promozione, politiche e partnership) e i relativi effetti sui comportamenti di salute. E stata condotta una ricerca sistematica di articoli revisionati da pari e pubblicati in inglese tra il 1990 e il 2009 che ha selezionato gli interventi di marketing sociale incentrati sulla prevenzione delle malattie, il cancro, i disturbi cardiaci, il diabete, l HIV le MST, la salute riproduttiva, l attività fisica, l alimentazione e il fumo di tabacco. Gli articoli scelti dovevano avere i seguenti requisiti: aver individuato almeno tre delle P del marketing mix, aver fornito un resoconto relativo alla valutazione e rispettare almeno 6 dei criteri di riferimento del marketing sociale. Ventiquattro studi che descrivevano 17 interventi hanno rispettato tutti i criteri. La strategia completa di marketing mix è stata individuata in 5 interventi. Sono state individuate come pratiche correnti strategie quali l eliminazione delle barriere percepite, l utilizzo di internet per la distribuzione, la promozione attraverso tecnologie innovative, il coinvolgimento delle comunità e il sostegno delle politiche. I risultati hanno identificato un certo numero di strategie che mostravano le potenzialità del marketing mix con importanti conseguenze nella pratica.

2 Introduzione A partire dalla sua introduzione nel 1971, il marketing sociale ha acquisito una propria popolarità come approccio orientato al consumatore, innovativo ed efficace nel promuovere un cambiamento di comportamento e nel migliorare la qualità della vita degli individui, dei gruppi e della società (Kotler & Lee, 2008; Kotler & Zaltman, 1971). Il marketing mix è un elemento chiave del marketing sociale. Revisioni sistematiche e meta-analisi precedenti offrono informazioni ed evidenze rispetto all efficacia del marketing sociale negli interventi relativi a: alimentazione, attività fisica, abuso di sostanze, uso di tabacco, branding e mass media. Tuttavia esistono poche informazioni rispetto alle strategie utilizzate e alla valutazione del marketing mix (Evans, Blitstein, Hersey, Renaud, & Yaroch, 2008; Grilli, Ramsay & Minozzi, 2002; Snyder et al., 2004; Stead, Gordon, Angus, & McDermott, 2007). L obiettivo di questa revisione sistematica è di esaminare le strategie di marketing mix utilizzate e di sintetizzare l andamento dei risultati, focalizzando l attenzione sugli interventi volti a modificare dei comportamenti rispetto all alimentazione, all attività fisica, al diabete, al fumo, alle IST, all HIV, ai disturbi cardiaci e al cancro. Vengono, inoltre, presentate le diverse componenti delle strategie di marketing mix e vengono forniti suggerimenti di ricerca e proposte per la pratica futura. Metodi Fonti di dati e strategia di ricerca Dal 1 marzo al 30 aprile 2009 è stata condotta una ricerca sistematica della letteratura per reperire articoli revisionati da pari pubblicati tra il 1990 e il Le banche dati bibliografiche sulle quali è stata effettuata la ricerca sono: the Cochrane Library, Wiley Interscience, Science Direct, PsycINFO, PubMed, Psychology and Behavioral Sciences Collection, Communication & Mass Media Complete, Library, Information Science & Technology Abstracts Publications, Communication Studies, Social Services Abstracts, Sociological Abstracts, ABI=Inform, Emerald Management Xtra e JSTOR. I criteri di ricerca comprendono termini come prevenzione delle malattie, cancro, disturbi cardiaci, diabete, HIV, IST, salute riproduttiva, attività fisica, alimentazione, tabacco, marketing sociale, comunicazione per la salute, interventi di salute e promozione della salute. Criteri di selezione Gli articoli da includere nella revisione dovevano avere i seguenti requisiti: essere stati revisionati da pari, essere scritti in inglese, descrivere interventi di marketing sociale pubblicati tra il 1990 e il 2009, essere incentrati su uno dei temi di salute elencati precedentemente, rispettare i sei criteri di riferimento (benchmarks) del marketing sociale (Tabella 1; Andreasen, 2002), aver individuato almeno tre delle sei P (prodotto, prezzo, promozione, distribuzione, politiche e partnership) e aver fornito un resoconto relativo alla valutazione. TABLE 1 2

3 Tabella1 I sei criteri di riferimento (benchmarks) del Marketing Sociale a 1. Cambiamento di comportamento Attenzione al comportamento sulla base di una solida analisi comportamentale e di obiettivi di comportamento specifici 2. Analisi del consumatore Ricerca formativa per conoscere le esperienze, i valori e le necessità del consumatore. Gli elementi dell intervento sono testati precedentemente con il gruppo target 3. Segmentazione del target Variabili di segmentazione per selezionare il gruppo target; costruzione dei messaggi in base ai segmenti selezionati 4. Scambio Analisi dello scambio ; comprendere cosa devono dare le persone per ricevere in cambio i benefici proposti; considerare i benefici, gli incentivii, i fattori scoraggianti 5. Concorrenza Analisi delle forze concorenziali al cambiamento di comportamento, sia interne (fattori psicologici, piacere, desiderio, rischio, dipendenza, etc.) che esterne (altri fattori che possono influenzare); strategie per eliminare o ridurre la concorrenza 6. Marketing mix Marketing mix (prodotto, distribuzione, prezzo, promozione) e se necessario, aggiungere partnership e politiche. a Andreasen, Strumenti di misurazione dei risultati L efficacia dell intervento è stata valutata considerando il Social Marketing Effectiveness Framework: consapevolezza, impegno, comportamento, norme sociali e benessere (Varcoe, 2004; Tabella 2) Tabella 2 Social Marketing Effectiveness Framework a LIVELLO DI EFFICACIA CAMBIAMENTI RISULTATO METODO DI MISURAZIONE Consapevolezza Impegno Comportamento Maggiore consapevolezza del problema Cambiamento dell atteggiamento, contemplazione del cambiamento di comportamento Cambiamento del comportamento individuale Cambiamenti individuali rispetto alla consapevolezza Reazioni all intervento in termini di comportamento, cambiamenti individuali Cambiamenti individuali rispetto al comportamento Analisi del target Analisi del target, dati comportamentali Analisi del target, dati comportamentali Norma sociale Benessere Adapted from Varcoe, Diffusione del cambiamento di comportamento desiderato, sostenibilità, contesto politico (normative) Migliore qualità della vita per i singoli e per la società Cambiamenti normativi di sostegno ai comportamenti Cambiamenti a livello sociale e ambientale Media, politiche Dati sociali, ambientali ed epidemiologici 3

4 Conclusioni Sono stati selezionati 271 articoli, 24 dei quali descrivevano 17 interventi e soddisfacevano i criteri di inclusione (Tabella 3). Dal momento che sono stati pubblicati numerosi articoli incentrati su uno stesso intervento (per esempio sei articoli sulla campagna VERB) questi articoli sono stati raggruppati insieme. Strategie di social marketing mix La strategia completa di marketing mix è stata applicata in quattro interventi (1,2,5,9). La maggior parte degli interventi ha fornito evidenze rispetto al prodotto, alla distribuzione, alla promozione e alle partnership. Tabella 3 Interventi ID INTERVENTO TEMA DI SALUTE ARTICOLO 1 Energize Your Life! Alimentazione Shive & Neyman Morris, LEAN Alimentazione McDermott et al., Low-fat milk selection Alimentazione Wechsler, Basch, Zyber, & in schools Shea, Food Friends Alimentazione Young, Anderson, Bechstrom, Bellows, & Johnson, 2004; Johnson, Bellows Bechstrom, & Anderson, VERB Attività fisica Wong et al., 2004; Berkowitz et al., 2008; Berkowitz, Huhman & Nolin, 2008; Huhman et al., 2007; Price, Huhman, & Potter, 2008; Heitzler et al., Get Up and Do Attività fisica Peterson, Abraham, Waterfield, 2005 Something 7 Control Your Diabetes. Diabete Gallivan, Lising, Ammary, & Greenberg, 2007 For Life 8 Thunder and Lightning Diabete Almendarez, Boysun, & Clark, 2004 and Rain 9 Move More Diabetes Diabete Richert, Webb, Morse, O Toole, & Brownson, Heart Truth Disturbi cardiaci Long et al., Style: Doing the right IST Wackett, 1998 thing 12 The Healthy Talk IST & pianificazione familiare Cho, Oehlkers, Mandelbaum, Edlund, & Zurek, The Healthy Penis IST Montoya et al., 2005; Ahrens et al., HIV. Live with it. Get HIV Futterman et al., 2001 Tested! 15 Think Again HIV Lombardo & Le ger, Listening to reason Cessazione dal fumo De Gruchy & Coppel, I am the owner of me Cessazione dal fumo Schmidt, Kiss, & Lokanc-Diluzio, 2009 Prodotto Tutti gli interventi hanno evidenziato la loro offerta di prodotti. Le strategie comprendevano un posizionamento innovativo: l assunzione di frutta come amplificatore energetico (1) i cibi a basso contenuto di grassi come alternative alla moda (3), il controllo del diabete come un prodotto positivo (7,9) e il ripensamento di una tipica ideaprodotto (da usa il preservativo a ripensa ai rischi ) (15). Altre strategie individuate sono state: il superamento della concorrenza (5,6,17), le norme sociali (5,6,12,17), l uso della teoria per indurre le persone a smettere di fumare (16) e il branding (5,10,12,13,16). Il 4

5 posizionamento del prodotto come attraente e alla moda è stata una strategia comune utilizzata negli interventi sull alimentazione e l attività fisica, che ha riportato effetti positivi sul cambiamento di comportamento. Il posizionamento (ossia stimolare le percezioni degli individui rispetto al prodotto) è stato utilizzato anche negli interventi sul diabete (7,8) e sull HIV (15). Le grandi campagne (5,10,13) e il livello di consapevolezza rispetto ad un problema (10) (81%, 61%, 85% e 57%) sono stati influenzati da interventi che hanno adottato una strategia di branding. Prezzo La componente prezzo all interno del marketing mix è stata descritta in 13 interventi. Le strategie legate al prezzo negli interventi sull alimentazione comprendevano la riduzione dei prezzi (1,4) e l indicazione dei dati relativi ai costi-benefici derivanti da una sana alimentazione (1,2). Abbassare i prezzi è stata una strategia comune anche agli interventi sulle IST (12,13) e sull HIV (14) che hanno fornito la possibilità di effettuare dei test gratuiti e l opportunità di recarsi in luoghi alternativi per effettuare il test (14), attraverso una riduzione delle barriere, rendendo meno scomoda la possibilità di sottoporsi al test e fornendo un sostegno sociale (12) e un approccio confidenziale (13,14). Anche gli interventi sul diabete hanno cercato di fornire un supporto per ridurre i costi sociali relativi al cambiamento di comportamento (sostegno di un gruppo di pari, il coinvolgimento delle famiglie) (7,9) e un aiuto economico per incrementare l accesso ai test e all assistenza medica (7). Una strategia comune agli interventi sull attività fisica (5,6) e sulla cessazione/prevenzione del fumo (16,17) è stata quella di enfatizzare i benefici derivanti dallo scambio e l importanza delle norme sociali. Distribuzione (Place) Tutti gli interventi hanno descritto la componente relativa alla distribuzione. Le strategie più comuni comprendevano l utilizzo dei luoghi più frequentati dal target (scuole, centri commerciali, bar, luoghi di passaggio e luoghi di lavoro) e i canali di distribuzione esistenti (i centri religiosi e della comunità, i servizi sanitari) al fine di aumentare l accesso (1-6,7,9,12-14,16) e di rendere i luoghi più attraenti (5,9,14). Internet è stato utilizzato in cinque interventi: come luogo in cui formarsi, partecipare a workshop interattivi, leggere e assistere alle conferenze (2); come programma sul luogo di lavoro (7), come un luogo alternativo in cui sottoporsi a un test (superando le barriere psicologiche) (13) e in cui coinvolgere il pubblico di riferimento nell intervento (5,9) (Tabella 6). Un intervento sull HIV si è servito di eventi particolari per la distribuzione del prodotto e per renderlo disponibile al pubblico (14). Una simile strategia di distribuzione, utilizzata in un intervento sull attività fisica (5) avvicina il prodotto al target utilizzando tutti i luoghi in cui è possibile svolgere attività fisica (Wong et al., 2004) 6 Promozione La promozione è stata la componente del marketing mix più dettagliata negli interventi. Le strategie sono state suddivise secondo: il messaggio, la strategia creativa, chi trasmette il messaggio, altre strategie e i canali di comunicazione (Tabella 7). Per quanto riguarda le strategie positive legate al messaggio (contenuto, tipo di messaggio e pre-test), sono stati predominanti i messaggi unilaterali incentrati sui benefici derivanti dall assunzione di un determinato comportamento. Anche il pre-test è stato comune a 13 interventi (1,2, 4-7, 11-17). La comunicazione mirata al target è stata utilizzata in otto interventi volti a raggiungere gruppi diversi, attraverso messaggi ad hoc da un punto di vista culturale e linguistico (2,4,5,10,11,14-16). La comunicazione ad personam è stata invece utilizzata per creare messaggi rivolti ai gruppi etnici (5,10), messaggi di posta 5

6 elettronica (2), e messaggi e materiali ad hoc dal punto di vista culturale (7). La strategia creativa degli slogan del messaggio aveva l obiettivo di rafforzare il target di riferimento (7,9,10,17), di promuovere una chiamata all azione (8,10), di presentare delle immagini accattivanti (6) e di utilizzare un tono motivante (10,16). I messaggi narrativi sono stati utilizzati in quattro interventi (8,10-12), mentre l ironia è stata utilizzata nei messaggi rivolti ai bambini (3) e agli individui omosessuali e bisessuali (13). Otto interventi hanno fornito esempi relativi alla strategia utilizzata per veicolare il messaggio. In sei interventi il messaggio è stato veicolato dai membri del gruppo target (2,4,7,9,14,17). In un intervento sull HIV rivolto ai giovani (13), ma anche in altri interventi, questa modalità di veicolare il messaggio è stata una strategia efficace nel generare un elevata mobilitazione della comunità con effetti positivi sulla disseminazione del messaggio. Un programma di prevenzione dei disturbi cardiaci rivolto alle donne (10) e una campagna di promozione dell attività fisica rivolta ai pre-adolescenti (5) si è servita di testimonial e di personaggi famosi per dare forza all iniziativa. L utilizzo di persone che veicolano il messaggio ha aumentato la consapevolezza del messaggio e della campagna stessa (5,10). Negli interventi sul diabete (7,9) si è dimostrato efficace anche come rete di supporto sociale. Altre strategie comprendevano il marketing esperienziale, il contro marketing e il branding. Il contro marketing è stato utilizzato in un programma di prevenzione del fumo rivolto ai giovani (17), mentre le strategie di marketing esperienziale sono state utilizzate negli interventi sull alimentazione e l attività fisica rivolti a bambini (3,4,5) e studenti (1), compresi gli eventi in cui il pubblico di riferimento ha testato il prodotto (nuovi alimenti, latte magro, frullati di frutta) (1,3,4) e utilizzando eventi già esistenti all interno della comunità e gruppi di strada per promuovere l attività fisica (5). I tentativi legati al branding comprendevano la creazione di un logo e di uno slogan (4,7,12) o di un brand attraverso una vasta gamma di canali di comunicazione (5,10,13). Sul branding si è basata la promozione di un intervento incentrato sulle IST (rivolto agli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini) che due anni e mezzo dopo la campagna ha portato a raggiungere l 85% di consapevolezza del brand per Healthy Penis (13) (Montoya et al., 2005). Un altro intervento sullo stesso tema (rivolto ai giovani) ha utilizzato elementi di brand come il logo o uno slogan ma con scarsi risultati rispetto al brand Healthy Talk (12). Tutti gli interventi hanno descritto i canali di comunicazione utilizzati per la promozione. La carta stampata è sta utilizzata in tutti gli interventi, la radio in sette (5,7,8,11,12,14,17), la pubblicità all esterno in sette (6,11-16), la vendita diretta in nove (1-5, 7-9, 14), i social media in tre (2,5,10), i siti web in 10 (2,5,7,9,10,13-17), i media popolari, come i cartoni animati (3,4,13), le canzoni (5), i video (10) e il passaparola (9) in sei. I media più noti sono stati utilizzati in un intervento sull alimentazione rivolto ai bambini (3) e in un intervento sulle IST rivolto agli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini (13) e entrambi gli studi hanno mostrato una reazione positiva nei confronti dell utilizzo di questi canali. I social media sono stati un utile canale di comunicazione in un intervento sull alimentazione (2) e in un intervento sull attività fisica (5) nel raggiungere i membri del comitato scolastico e i pre-adolescenti. La combinazione dell utilizzo dei social media, di eventi speciali e di pubblicità a pagamento sui media è stata associata ad un elevato livello di consapevolezza della campagna (5) (Wong et al., 2004). Politiche La componente del marketing mix relativa alle politiche è presente in quattro interventi (1,2,5,9). Un intervento sull alimentazione ha descritto il cambiamento delle politiche del servizio mensa di un campus che ha introdotto la frutta dei distributori automatici e le 6

7 ciotole di frutta al posto delle patatine (1). Un altro intervento sull alimentazione ha fatto del cambiamento di politiche il suo primo obiettivo, portando a delle politiche alimentari più sane nel 10% dei distretti scolastici della California (2). Le strategie legate alle politiche relative agli interventi sull attività fisica (5) e sul diabete (9) hanno previsto una lavoro a monte con le comunità attraverso il coinvolgimento di partner, al fine di creare e mantenere un cambiamento strutturale. Partnership La maggior parte degli interventi ha dichiarato di utilizzare la componente legata alle partnership per moltissimi scopi: garantire il supporto della campagna (interventi basati sul setting) (1,2,4), diffondere il messaggio e sostenere la promozione (campagne regionali e nazionali) (5,7,14,15), raccogliere ulteriori finanziamenti (10,15), fornire una rete di supporto per implementare la campagna e fornire risorse umane e conoscitive (7,14) e per ottenere la comprensione e il sostengo della comunità con l obiettivo di generare un cambiamento di comportamento sostenibile (5,9,12-14). La strategia più frequente di partnership, individuata in nove interventi (1,2,5,7-10,13,14), è stata quella che ha utilizzato gli enti e le organizzazioni territoriali. Altre strategie comprendevano la collaborazione con le scuole (1,5-11), con i servizi sanitari attraverso operatori ed educatori (7,9,12,14), con i media (5,10,14) e con i rappresentanti delle imprese (1,5,10) (Tabella 9). Valutazione Nove interventi hanno utilizzato un disegno post-test: tre survey randomizzate (indagini campionarie), due survey a intercettazione del soggetto (13,15), due survey rappresentative su un campione a livello nazionale (7,10), un campionamento a grappoli e di convenienza (6), un campionamento di convenienza (16). Otto interventi hanno usato un disegno pre-/post (1 5, 11, 14, 17) compreso uno che ha usato una web survey (17), una survey di coorte di tipo longitudinale su un campione rappresentativo (5), tre studi quasi-sperimentali, compreso uno di tipo trasversale (1), uno che ha usato gruppi singoli (11), uno che ha usato gruppi di controllo e sperimentali (4), e una survey trasversale realizzata per strada (14). In tre interventi la valutazione è stata progettata e/o effettuata da un agenzia esterna (2, 5, 10). I risultati relativi alla maggior parte degli articoli sono elencati nella Social Marketing Effectiveness Framework descritta nella Tabella 3. Consapevolezza e impegno Gli interventi hanno mostrato un livello elevato di consapevolezza, tranne alcune eccezioni, come il programma di cessazione dal fumo (23.2%) (16) e un programma sul diabete (11%) (9). Due interventi sulle IST hanno mostrato un aumento delle conoscenze rispetto al problema (11,13). Cinque studi hanno mostrato dei cambiamenti rispetto agli atteggiamenti e alle intenzioni con un associazione positiva tra consapevolezza della campagna e percezioni e intenzioni del target: IST (12,13), HIV (15), attività fisica (5) e disturbi cardiaci (10). Cambiamento di comportamento Cambiamenti di comportamento a breve termine sono stati riportati in tutti gli interventi sull alimentazione (1-4). Gli interventi sulle IST e sull HIV hanno rilevato un aumento del 15% nel numero di screening effettuati (11), un aumento nel numero di test dell HIV effettuati (462 a partire da un numero base di 86) e che il 49% di coloro che erano consapevoli della campagna si è sottoposto ad un test per la sifilide due anni e mezzo dopo il lancio della campagna (13). Cambiamenti a medio e lungo termine sono stati rilevati negli interventi di controllo e di prevenzione del diabete, mostrando un aumento rispetto ai test del glucosio nel sangue dal 39% al 55% in cinque anni (7) e un aumento 7

8 dell attività fisica e dei livelli di partecipazione ai programmi di auto-gestione del diabete (9). Gli interventi sulla cessazione dal fumo e sulla prevenzione non hanno mostrato cambiamenti di comportamento significativi (16, 17). Un intervento sull attività fisica (5) ha mostrato un effetto statisticamente significativo sull attività fisica (p>.05) due anni dopo il lancio della campagna. Nella campagna The Heart Truth la consapevolezza del disturbo cardiaco è stata associata ad un cambiamento di comportamento che si è concretizzato nell aumento delle azioni volte a diminuire i rischi personali o familiari, i cambiamenti nello stile di vita e le visite dallo specialista (10). Norme sociali Sei interventi hanno portato a degli effetti legati alle norme sociali, definiti come cambiamenti normativi negli atteggiamenti e nei comportamenti (Varcoe, 2004, p.5). Un intervento sulle IST e sulla pianificazione familiare ha mostrato che non sono state create le norme sociali desiderate (12). Un intervento sull attività fisica ha indicato possibili effetti psicosociali, quali le influenze sociali e l auto-efficacia (59). Un programma sul diabete ha creato una rete sostenibile di volontari (LHE) e un altro ha riportato tendenze positive rispetto al comportamento (7). Due interventi sull alimentazione (1,2) hanno creato e implementato politiche di supporto al cambiamento di comportamento. Benessere Il livello di benessere, misurato in base al cambiamento degli effetti a livello sociale e ambientale valutato attraverso dati ambientali ed epidemiologici, si raggiunge più facilmente attraverso campagne più mature (Varcoe, 2004, p.5). Solo 2 dei 17 interventi hanno dichiarato di utilizzare i dati epidemiologici. L intervento sui disturbi cardiaci (10) sembra aver contribuito alla diminuzione delle morti correlate ai disturbi cardiaci nelle donne e un intervento sulle IST (13) può aver contribuito ad una minore incidenza dei casi di sifilide. Sebbene altri interventi possono aver contribuito al benessere, una mancanza di dati non permette una chiara classificazione dei risultati. Implicazioni per il Marketing Sociale La revisione sistematica ha descritto le strategie necessarie di marketing mix che possono contribuire all efficacia di un intervento. Le limitazioni delle valutazioni e la mancanza di indicazioni specifiche rispetto al marketing mix rendono più difficile fare una correlazione quantificabile tra le strategie di mix e i risultati dell intervento. Tuttavia gli autori di numerosi studi hanno proposto delle relazioni tra alcune strategie di marketing mix e i risultati (3-7,9,10,12,13,15). Nelle strategie legate al prodotto le pratiche ritenute più adatte a ricevere una risposta positiva comprendevano un forte posizionamento (2,3,5,10,13,15) la considerazione della concorrenza (5,6,10,15) e il branding (5,10,13). Possono aver contribuito agli effetti dell intervento le strategie di prezzo volte a ridurre i costi (1,4,7,9,13,14), ad eliminare o a ridurre al minimo il disagio legato all adozione del comportamento desiderato (12,13,14) e a supportare il target (socialmente ed economicamente) (1,4,7,9,13,14) nel superamento delle barriere. Tuttavia, in questi studi non vi sono informazioni specifiche rispetto all impatto di alcune strategie di prezzo sugli effetti dell intervento. Aumentare l accesso al prodotto attraverso eventi speciali nella comunità e canali di distribuzione esistenti, ma anche attraverso l uso di internet, sembrano essere strategie di distribuzione efficaci negli interventi sull attività fisica (5), sul diabete (7,9) e sulla prevenzione dell HIV (14). Strategie di promozione come il branding e il marketing esperienziale sono efficaci nel raggiungere il target di riferimento. Il branding ha l obiettivo di costruire un identità per l intervento e di rinforzare i suoi messaggi, portando ad un aumento della consapevolezza rispetto alla campagna e ad una diffusa consapevolezza rispetto alle scelte di salute, con 8

9 un possibile impatto sul comportamento (5,10,13). Il marketing esperienziale crea l opportunità per l individuo di provare e sperimentare il prodotto reale, dando l impressione di tangibilità e rimuovendo le altre barriere. Questa strategia è stata testata negli interventi sull attività fisica e l alimentazione rivolti a giovani e bambini (1,4,5) e volti a raggiungere un target molto ristretto ma con un elevato coinvolgimento personale da parte del target stesso (Heitzler, Asbury, & Kusner, 2008). Alcuni canali di comunicazione si sono dimostrati efficaci nel raggiungere differenti tipi di pubblico e di setting, fornendo proposte promozionali per gli interventi futuri: l uso dei media più conosciuti per i bambini (4,5) e gli omosessuali (13) e l uso dei social media (5,10), Internet (2,5,7,10,13), pubblicità a pagamento sui media (5,14), eventi speciali (3,5,10,13,14) e vendita diretta (2,3) per un pubblico più ampio e diversificato. I risultati hanno inoltre suggerito che l uso di persone ch veicolano il messaggio (personaggi pubblici e famosi e persone comuni) può aumentare l esposizione della campagna (5,10,14) e coinvolgere il target nella realizzazione della campagna stessa (14). I dati rivelano che la maggior parte delle campagne ha usato messaggi unilaterali, positivi e ha ricevuto risposte positive da parte del pubblico (2-5, 10, 13-15). Tuttavia, secondo alcune evidenze i fear appeals possono essere appropriati per il fumo di tabacco e i disturbi cardiaci (17,10). La maggior parte degli autori ha espresso l esigenza di adattare la comunicazione ai diversi gruppi (2,7,10,12), mentre evidenze esistenti suggeriscono che è più efficace la comunicazione mirata al singolo individuo (Krebs, Prochaska, & Rossi, 2010; Noar, Benac, & Harris, 2007). Sarebbe importante testare tali evidenze nelle ricerche future. Inoltre, effettuare un pre-test sui messaggi fornisce valide informazioni rispetto alla reazione del pubblico ai messaggi, prima del lancio della campagna (4,7,15,16). I pochi dati disponibili rispetto allo sviluppo delle politiche e alle loro implicazioni rende più difficile la valutazione dell efficacia delle strategie legate alle politiche. Emergono, comunque, alcune tendenze. Alcuni interventi comprendono efficacemente alcune politiche o un supporto alle politiche, al fine di collaborare con le comunità e le istituzioni per sostenere un cambiamento di comportamento (1,2,5,9). I professionisti di marketing sociale dovrebbero inserire le politiche all interno degli interventi per facilitare e sostenere il cambiamento di comportamento e poi descriverne i risultati. Sicuramente c è bisogno di una maggiore ricerca sull utilizzo della componente del marketing mix legata alle politiche. Per quanto riguarda le partnership, una tendenza incoraggiante ha mostrato che è possibile intraprendere fin dall inizio collaborazioni e partnership.(1,2,5,7,9,10,14). Gli interventi che hanno coinvolto dei partner fin dall inizio del processo hanno mostrato risultati positivi, riconoscendo il loro importante ruolo durante tutto il processo (1,2,7,9-12,14). Coinvolgere nella realizzazione e nel disegno della campagna enti del territorio (1,2,5,7,9,10,14), creare partnership con le imprese (1,2,5,7,10) e le scuole (1-5,11) e creare una rete di enti pubblici e organizzazioni non-profit (2,7,10,14,15) può fornire valide risorse per raggiungere un pubblico più ampio e per creare le infrastrutture necessarie. Tuttavia, per comprendere meglio come funzionano le partnership e i loro relativi effetti è necessaria una maggiore descrizione rispetto al loro sviluppo. I risultati di questa revisione sistematica mettono in evidenza la necessità di disegni di valutazione più rigorosi che testino l impatto delle strategie sui risultati. Inoltre, gli effetti relativi al comportamento devono essere misurati e descritti. Condurre studi più rigorosi potrebbe allargare la base di evidenza per gli interventi futuri portando all elaborazione e alla realizzazione di interventi più efficaci. 9

10 Limiti Sono stati inclusi solo articoli in lingua inglese, e questo ha avuto inevitabilmente un impatto sulla mappa geografica dei dati. Le strategie di mix non sono state sempre classificate in modo chiaro negli articoli, aumentando il rischio di non riuscire a codificarle. Le limitazioni metodologiche dei disegni di valutazione in alcuni studi rendono difficile l associazione dei risultati con gli effetti della campagna. Infine, questa review ha incluso una serie specifica di temi di salute, trascurando molti altri articoli che potevano contribuire alla ricerca in modo significativo. Conclusioni I risultati di questa revisione sistematica indicano una serie di strategie di marketing mix molto utilizzate negli interventi di promozione della salute: il posizionamento del prodotto e la concorrenza, la riduzione dei costi e la rimozione delle barriere percepite legate al prezzo, l utilizzo di luoghi frequentati e di canali di distribuzione esistenti per quanto riguarda la distribuzione, modalità di promozione innovative, il coinvolgimento delle comunità e il sostegno delle politiche. Sebbene, secondo il parere degli autori sia necessario descrivere in modo più approfondito le modalità di utilizzo di ogni componente del marketing mix, i risultati rivelano le potenzialità di ciascuna componente del mix applicata ad interventi di promozione della salute. La ricerca futura dovrebbe considerare in modo più approfondito l applicazione di queste strategie in contesti e su tematiche diverse. Riferimenti bibliografici Ahrens, K., Kent, C. K., Montoya, J. A., Rotblatt, H., McCright, J., Kerndt, P., & Klausner, J. D. (2006). Healthy penis: San Francisco s social marketing campaign to increase syphilis testing among gay and bisexual men. PLoS Medicine, 3 (12), e474. doi: =journal. pmed Almendarez, I., Boysun, M., & Clark, K. (2004). Thunder and lightning and rain: A Latino/Hispanic diabetes media awareness campaign. Family & Community Health, 27, Andreasen, A. R. (2002). Marketing social marketing in the social change market place. Journal of Public Policy and Marketing, 21(1), Berkowitz, J. M., Huhman, M., Heitzler, C. D., Potter, L. D., Nolin, M. J., & Banspach, S. W. (2008). Overview of formative, process, and outcome evaluation methods used in the VERBTM campaign. American Journal of Preventive Medicine, 34(6S), S222 S229. Berkowitz, J. M., Huhman, M., & Nolin, M. J. (2008). Did augmenting the VERBTM campaign advertising in select communities have an effect on awareness, attitudes, and physical activity?. American Journal of Preventive Medicine, 34(6S), S257 S266. Cho, H.,Oehlkers, P.,Mandelbaum, J., Edlund, K.,&Zurek, M. (2004).TheHealthy Talk family planning campaign of Massachusetts: A communication-centered approach. Health Education, 104, De Gruchy, J., & Coppel, D. (2008). Listening to reason: A social marketing stop-smoking campaign in Nottingham. Social Marketing Quarterly, 14(1), Evans, D., Blitstein, J., Hersey, J. C., Renaud, J., & Yaroch, A. L. (2008). Systematic review of public health branding. Journal of Health Communication, 13, Futterman, D. C., Peralta, L., Rudy, B. J., Wolfson, S., Guttmacher, S., Smith Rogers, A. & the Project Access Team of the Adolescent Medicine HIV=AIDS Research Network (2001). The ACCESS (adolescents connected to care, evaluation, and special services) project: Social marketing to promote HIV testing to adolescents, methods and first year results from a six city campaign. Journal of Adolescent Health, 29(suppl.),

11 Gallivan, J., Lising, M., Ammary, N. J., & Greenberg, R. (2007). The National Diabetes Education Program s Control Your Diabetes. For Life. campaign: Design, implementation, and lessons learned. Social Marketing Quarterly, 13(4), Grilli, R., Ramsay, C., & Minozzi, S. (2002). Mass media interventions: Effects on health services utilization. Cochrane Database of Systematic Reviews 1, Art. No.: CD doi: = CD Heitzler, C. D., Asbury, L. D.,&Kusner, S. L. (2008). Bringing play to life: The use of experiential marketing in the VERBTM campaign. American Journal of Preventive Medicine, 34(6S), S188 S193. Huhman, M. E., Potter, L. D., Duke, J. C., Judkins, D. R., Heitzler, C. D., & Wong, F. L. (2007). Evaluation of a national physical activity intervention for children: VERBTM campaign, American Journal of Preventive Medicine, 32(1), Johnson, S. L., Bellows, L., Beckstrom, L., & Anderson, J. (2007). Evaluation of a social marketing campaign targeting preschool children. American Journal of Health Behavior, 31(1), Kotler, P., & Lee, N. (2008). Social marketing lnfluencing behaviors for good. Los Angeles, CA: Sage. Kotler, P., & Zaltman, G. (1971). Social marketing: An approach to planned social change. Journal of Marketing, 35(3), Krebs, P., Prochaska, J. O., & Rossi, J. S. (2010). Defining what works in tailoring: A meta-analysis of computer-tailored interventions for health behavior change. Preventive Medicine, 51, Lombardo, A. P., & Le ger, Y. A. (2007). Thinking about Think Again in Canada: Assessing a social marketing HIV=AIDS prevention campaign. Journal of Health Communication, 12, Long, T., Taubenheim, A. M., Wayman, J., Temple, S., & Ruoff, B. A. (2008). The Heart Truth: Using the power of branding and social marketing to increase awareness of heart disease in women. Social Marketing Quarterly, 14(3), McDermott, R. J., Berends, V., McCormack Brown, K., Agron, P., Black, K. M., & Pitt Barnes, S. (2005). Impact of the California Project LEAN school board member social marketing campaign. Social Marketing Quarterly, 11(2), Montoya, J. A., Kent, C. K., Rotblatt, H., McCright, J., Kerndt, P. R., & Klausner, J. D. (2005). Social marketing campaign significantly associated with increases in syphilis testing among gay and bisexual men in San Francisco. Sexually Transmitted Diseases, 32, Noar, S. M., Benac, C. N., & Harris, M. S. (2007). Does tailoring matter? Meta-analytic review of tailored print health behavior change interventions. Psychological Bulletin, 133, Peterson, M., Abraham, A., & Waterfield, A. (2005). Marketing physical activity: Lessons learned from a statewide media campaign. Health Promotion Practice, 6, Price, S. M., Huhman, M., & Potter, L. D. (2008). Influencing the parents of children aged 9 13 years: Findings from the VERBTM campaign. American Journal of Preventive Medicine, 34(6S), S267 S274. Richert, M. L., Webb, A. J., Morse, N. A., O Toole, M. L., & Brownson, C. A. (2007). Move more diabetes: Using lay health educators to support physical activity in a community-based chronic disease selfmanagement program. Diabetes Educator, 33(S16), 179S 184S. Schmidt, E., Kiss, S. M., & Lokanc-Diluzio, W. (2009). Changing social norms: A mass media campaign for youth ages Canadian Journal of Public Health, 100(1), Shive, S. E., & Neyman Morris, M. (2006). Evaluation of the Energize Your Life! Social marketing campaign pilot study to increase fruit intake among community college students. Journal of American College Health, 55(1),

12 Snyder, L. B., Hamilton, M. A., Mitchell, E. W., Kiwanuka-Tondo, J., Fleming-Milici, F., & Proctor, D. (2004). A meta-analysis of the effect of mediated health communication campaigns on behavior change in the United States. Journal of Health Communication, 9(S1), Stead, M., Gordon, R., Angus, K., & McDermott, L. (2007). A systematic review of social marketing effectiveness. Health Education, 107, Trussler, T., & Marchand, R. (2005). Prevention revived: Evaluating the assumptions campaign. Vancouver, BC: Community-Based Research Centre. Retrieved from Varcoe, J. (2004). Assessing the effectiveness of social marketing. ESOMAR1 World Association of Research Professionals. Retrieved from Wacket, J. (1998). A theory based initiative to reduce the rates of chlamydia trachomatis infection among young adults in Yukon. Canadian Journal of Human Sexuality, 7, Wechsler, H., Basch, C. E., Zyber, P., & Shea, S. (1998). Promoting the selection of low-fat milk in elementary school cafeterias in an inner-city Latino community: Evaluation of an intervention. American Journal of Public Health, 88, Wong, F., Huhman, M., Heitzler, C., Asbury, L., Bretthauer-Mueller, R., McCarthy, S., & Londe, P. (2004). VERBTM a social marketing campaign to increase physical activity among youth. Preventive Chronic Disease, 1(3), 1 7. Young, L., Anderson, J., Beckstrom, L., Bellows, L., & Johnson, S. (2004). Using social marketing principles to guide the development of a nutrition education initiative for preschool-aged children. Journal of Nutrition Education and Behavior, 36,

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Vista la Dichiarazione di Berlino 1 sull'accesso aperto alla letteratura scientifica dell'ottobre 2003, nella quale

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PREVENZIONE DELLE MALATTIE NON TRASMISSIBILI: Investimenti che funzionanoper promuovere l attività fisica

PREVENZIONE DELLE MALATTIE NON TRASMISSIBILI: Investimenti che funzionanoper promuovere l attività fisica PREVENZIONE DELLE MALATTIE NON TRASMISSIBILI: Investimenti che funzionanoper promuovere l attività fisica Un documento che integra la Carta di Toronto per l Attività Fisica: una Chiamata Globale all Azione.

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile.

Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile. Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile Aprile 2008 1 Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli