DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V CL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V CL"

Transcript

1 Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Liceo Scientifico opz. Scienze Applicate GUGLIELMO MARCONI Gorgonzola (Milano) Via Adda 1 Tel. 02/ Fax 02/ ESTRATTO DEL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V CL Liceo Scientifico Tecnologico a.s. 2014/2015 1

2 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia: I.R.C. Docente: prof.ssa Balconi Marcella Testo in uso: Marinoni G. / Cassinotti C., Andare oltre - Moduli per il triennio, Marietti Scuola. Il programma previsto per l anno scolastico 2014/2015 è stato interamente svolto. Le lezioni sono state seguite con frequenza regolare per tutto il corso dell anno dall intero gruppo classe. Nel complesso gli studenti hanno mantenuto un impegno costante durante tutto l anno partecipando alle lezioni con serietà e interesse. La metodologie di lavoro maggiormente impiegate sono state la lezione frontale con spazio dedicato alla discussione sui temi trattati, l analisi di testi biblici tratti dall antico e dal nuovo Testamento, il lavoro a piccoli gruppi in classe, la ricerca di informazioni su Internet, l utilizzo di audiovisivi. Tutti gli argomenti proposti sono stati trattati sempre cercando di valorizzare gli interessi, le domande e le esperienze emergenti dalla vita degli alunni. Per quanto riguarda la valutazione, si è tenuto conto in maniera significativa dell attenzione, della partecipazione, dell interesse degli studenti durante le lezioni, così come della disponibilità a collaborare con i compagni, della capacità di esprimere il proprio punto di vista e di saper rispettare quello degli altri anche se diverso dal proprio; ulteriori elementi di valutazione sono stati riflessioni e relazioni prodotte dagli studenti in merito a temi trattati in classe. Attraverso questa molteplicità di strumenti si è giunti a valutare un raggiungimento degli obiettivi didattici specifici più che soddisfacente per tutti gli studenti. CONTENUTI DEL CORSO EFFETTIVAMENTE SVOLTI LA LIBERTÀ Libertà e libero arbitrio Libertà: sogno o realtà? Libertà da/libertà di Paura di libertà LA MORALE CRISTIANA Libertà, responsabilità e Legge La Legge Antica: il Decalogo (Es 20, 1-17) La Legge Nuova: il Discorso della Montagna (Mt 5-7) Centralità di Cristo nell impegno etico cristiano La morale cristiana di fronte alle sfide culturali della società odierna Gli orientamenti della Chiesa sull etica personale e sociale IL COMPLESSO UNIVERSO DELLA BIOETICA Cos è la bioetica e il contesto in cui nasce I principi fondamentali della bioetica 2

3 Alcune questioni di bioetica Gli orientamenti della Chiesa Materia: Lingua e Letteratura Italiana Docente: Andreani Danilo Testo in uso: Luperini ed altri IL NUOVO LA SCRITTURA E L INTERPRETAZIONE ed ROSSA vol. 5, 6 Palumbo Editore Il programma di italiano è stato svolto tenendo presente la preoccupazione di dare agli studenti un quadro complessivo delle tematiche culturali che si sono sviluppate nella seconda parte dell Ottocento e nel Novecento. Quando è stato possibile,si è cercato di privilegiare il contatto diretto con l opera mediante la lettura di testi significativi antologizzati per risalire ad una sistemazione organica di alcune fondamentali nozioni. L analisi del testo, nel corso del triennio, è stata un momento importante per andare oltre la semplice conoscenza della biografia dell autore e dei contenuti delle sue opere. L obiettivo prefissato, nell intenzione dell insegnante, è stato quello di raggiungere, attraverso una migliore e specifica conoscenza, il piacere della lettura del testo e l appropriazione delle dinamiche storico culturali che hanno portato alla formulazione di idee valide per costruire una proposta personale capace di rispondere alle esigenze fondamentali di ogni singola persona. I testi più importanti sono stati oggetto di discussioni e di dibattiti in classe per stimolare, con la guida del manuale, l interpretazione e la valutazione. La lettura integrale di alcune opere della letteratura italiana ha completato il programma ed è servita, tra l altro, ad arricchire il patrimonio culturale degli studenti e renderli autonomi nella fruizione e, in prospettiva, nella scelta delle opere letterarie. Nel corso del triennio sono state proposte attività volte a far raggiunger agli studenti un adeguata padronanza delle tecniche di comunicazione. Sono state proposte attività di produzione scritta su diverse tipologie testuali, privilegiando il testo espositivo e argomentativo, il saggio breve come pure l analisi del testo narrativo o poetico La classe, nel triennio, ha lavorato con sufficiente interesse e uno studio abbastanza costante anche se non sempre adeguato alle richieste dell insegnante. La partecipazione è stata solo in particolari momenti attiva propositiva. La gran parte degli studenti ha raggiunto una preparazione pienamente sufficiente; pochi hanno dimostrato di aver acquisito una buona preparazione complessiva; alcuni hanno raggiunto una preparazione solo sufficiente. L aver diviso, quest anno, l insegnamento di italiano da storia per permettere la realizzazione del progetto CLIL, non ha favorito lo sviluppo di argomenti interdisciplinari. Nel complesso la classe ha raggiunto livelli di conoscenza e competenza discreti. Spiccano alcuni studenti tra il buono e l ottimo, alcuni si attestano sulla sufficienza, pochi non raggiungono, a oggi, la sufficienza PROGRAMMA Leopardi: i Canti: L infinito ; A Silvia ; Il canto notturno di un pastore errante per l Asia La quiete dopo la tempesta ; Il passero solitario Il sabato del villaggio ; A se stesso ; Operette morali: La scommessa di Prometeo ; Il dialogo tra un islandese e la Natura ; Il dialogo tra Colombo e Gutierrez ; IL dialogo tra Tristano ed un amico, La ginestra Il Realismo: Flaubert: I comizi agrari ; Emile Zola e il romanzo sperimentale: L ammazzatoio il Simbolismo Baudelaire: I fiori del male: L albatros ; Corrispondenze ; A una passante ; la perdita dell aureola 3

4 Giovanni Verga: vita e opere; l adesione al Verismo e il ciclo dei Vinti, Prefazione a Eva ; Nedda e il bozzetto siciliano ; Vita nei campi ; Novelle: Rosso Malpelo ; La Lupa ; Fantasticheria ; La roba ; La libertà I Malavoglia: (lettura integrale durante le vacanze estive) Ripresa delle tematiche e lettura dei brani antologizzati, in particolare: la prefazione ai Malavoglia ; Lettera a Salvatore Paolo Verdura Lo straniamento e l artificio della regressione; il sistema dei personaggi nei Malavoglia Mastro don Gesualdo: trama dell opera e la giornata di Gesualdo ; la morte di Gesualdo De Amicis Cuore e Collodi Le avventure di Pinocchio (trama delle opere) Carducci: Alla stazione in una mattina d autunno Giovanni Pascoli: La vita: tra il nido e la poesia, la poetica del fanciullino: Il fanciullino ; poesie:dai Canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno ; Myricae La struttura e i temi, la poetica, lo stile: Il giorno dei morti (Non antologizzata); Lavandare ; Novembre ; L assiuolo ; Temporale ; Il lampo ; X agosto ; Poemetti: I due orfani ; Digitale purpurea. Gabriele D Annunzio: vita e opere; le laudi; poesie: Qui giacciono i miei cani ; La pioggia nel pineto ; Pastori ; romanzi: Notturno Veglia alla salma di Giuseppe Miraglia Il Piacere: Ritratto di Andrea Sperelli La conclusione del romanzo Il Futuristi e Crepuscolari: i Manifesti: del Futurismo; della letteratura futurista, della lussuria; Marinetti: Bombardamento di Adrianopoli.Palazzeschi: Il codice di Parelà ; E lasciatemi divertire ; Chi sono? Corazzini: Desolazione del povero poeta sentimentale Thomas Mann: Tonio Groger (lettura integrale); Kafka: lettera al padre ; La Metamorfosi: Il risveglio di Gregor ; Gregor aggredito dal padre ; la morte di Gregor Pirandello: vite e opere; Il relativismo filosofico e la poetica dell umorismo; i personaggi e le maschere nude, la forma e la vita ; la differenza tra umorismo e comicità; da L umorismo : La vecchia imbellettata ; lettera alla sorella: La vita come un enorme pupazzata ; Serafino Gubbio operatore: la pagina finale; Uno Nessuno, Centomila: il furto ; la conclusione del romanzo ; novelle: Il treno ha fischiato ; Tu ridi ; C è qualcuno che ride ; La patente teatro: Così è se vi pare: Io sono colei che mi si crede. Romanzi: Il fu Mattia Pascal (lettura integrale): La lanterninosofia (fotocopia) Italo Svevo: la vita e le opere; la cultura e la poetica; Una vita; Senilità: L incontro con Angiolina ; inettitudine e senilità ; L ultimo appuntamento con Angiolina La coscienza di Zeno: L ultima sigaretta ; La morte di mio padre ; L addio a Carla la vita è una malattia ; La salute di Augusta. Sbarbaro: Taci anima stanca di godere ; Io che come un sonnambulo cammino Ungaretti: la vita, la formazione, la poetica;da Allegria: Veglia ; I fiumi ; Mattina ; Soldati ; In memoria ; San Martino del Carso Agonia (appunti). La madre ; Non gridate più Saba: Dal Canzoniere; Preghiera alla madre ; Città vecchia ; A mia moglie ; Tre poesie alla mia balia ; Eros ; Amai Montale: La vita e le opere; da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto Non chiederci la parola ; Spesso il male di vivere ;Satura: Ho sceso dandoti il braccio milioni di scale Calvino: vita e opere; la giornata di uno scrutatore (lettura integrale): Il padree che schiacciava le mandorle. Richiami a Marcovaldo e alla trilogia: Il Visconte dimezzato; il Cavaliere inesistente; Il barone rampante (letti integranlente negli anni passati) Pasolini: Ragazzi di vita: Riccetto viene arrestato ; saggio contro la televisione Accenni a:il neorealismo nel cinema italiano 4

5 Dante: Divina Commedia: conoscenza della struttura dell opera; lettura e analisi dei seguenti canti del Paradiso: dall I al XIII, sintesi canto XIV, lettura canto XV; sintesi dal XVI al XXXII; lettura del XXXIII Conclusione del programma il 7 maggio

6 Materia : STORIA Docente: Franini Anna Testo in uso Antonio Brancati Trebi Pagliarani Voci della Storia. L età contemporanea. Vo. 3 PROGRAMMA CLIL History CLIL: Non è stato adottato un testo specifico: a inizio anno scolastico, il mercato editoriale non presentava ancora volumi ad hoc per la disciplina. L insegnante ha poi attinto a due volumi : Clil History, The Twentieth Century, La Nuova Italia Clil History, History in English, Bruno Mondadori-Pearson 1) The age of Imperialism Causes - Scramble for Africa - Imperialism in Asia and American Expansionism - 2) U.S. enters World War I 3) Nazi Europe and the Holocaust The Logic of Extermination The Final Solution 4) The Crisis of 1929 and the New Deal Economic and Social Transformations between the Two World Wars The Great Depression A Democratic Response to the Crisis: the New Deal Roosevelt: A portrait 5) The United Nations: its structure and its aims PROGRAMMA DI STORIA L imperialismo, la crisi dell equilibrio europeo, lo scenario extraeuropeo La spartizione dell Africa e dell Asia La Germania di Guglielmo II e il nuovo sistema di alleanze L ascesa del Giappone La guerra tra Russia e Giappone L imperialismo degli Usa L Italia giolittiana I progressi sociali e lo sviluppo industriale dell Italia La politica interna La politica estera e la guerra in Libia La Grande Guerra Le origini del conflitto. La dinamica militare del conflitto L Italia in guerra. Il problema dell intervento. Attacchi frontali e vita di trincea 6

7 La svolta del 1917: la rivoluzione bolscevica e l intervento degli U.S.A. I trattati di pace e il nuovo volto dell Europa L Europa e il mondo dopo il conflitto Dalla rivoluzione russa alla nascita dell URSS L arretratezza della Russia- I Soviet La rivoluzione di febbraio La rivoluzione d ottobre Lenin alla guida dell Stato sovietico Il Comunismo di guerra La Nep L Unione sovietica di Stalin Il Dopoguerra in Italia e l avvento del Fascismo Le conseguenze della prima guerra mondiale La situazione economica e sociale Il Partito Popolare Italiano L occupazione delle fabbriche L ultimo Governo Giolitti Il programma dei Fasci di combattimento Lo squadrismo agrario Nascita del Partito Fascista La marcia su Roma Delitto Matteotti - Distruzione dello Stato liberale Le leggi razziali La politica interna ed economica I rapporti tra Chiesa e Fascismo La politica estera La crisi della Germania repubblicana e il nazismo La nascita della Repubblica di Weimar Il Nazionalsocialismo in Germania Il peso della sconfitta militare L inflazione del 1923 e la crisi del 1929 Adolph Hitler. Mein Kampf Il fascino del Nazionalsocialismo e l ascesa del Partito nazista Il ruolo del Furer Economia e politica nel Terzo Reich Gli Usa e la crisi del 1929 L industria americana negli anni Venti L inizio della grande depressione americana. La crisi del 1929 Il New Deal L Europa verso una nuova guerra Il riarmo della Germania nazista I fascismi in Europa La seconda guerra mondiale Le origini del conflitto IL successo della guerra lampo ( ) 7

8 La dinamica della guerra (La svolta del 41, controffensiva alleata) L Italia nella seconda guerra mondiale La caduta del Fascismo e la guerra civile in Italia L ordine bipolare, dalla Guerra fredda alla dissoluzione dell URSS La conferenza di Yalta - La conferenza di Potsdam Gli accordi di Bretton Woods La nascita degli organismi internazionali (Onu - Nato - Tribunale militare internazionale: Processo di Norimberga) L Europa del dopoguerra e la ricostruzione economica L ordine bipolare - Guerra fredda - Scenari di crisi dell assetto bipolare - Il blocco di Berlino 1. Il XX Congresso del PCUS 1) La crisi del 1956 in Polonia 1) La rivolta ungherese del L URSS e la crisi di Praga a) La Cina di Mao 1. Gli Usa e la guerra in Vietnam La decolonizzazione in Africa e in Asia 2. L indipendenza dell India Dal colonialismo al neocolonialismo L Italia della Prima Repubblica L Italia postbellica Gli anni del centrismo e della guerra fredda La ricostruzione economica L epoca del centro-sinistra L Italia del miracolo economico Gli anni delle contestazioni 8

9 Materia: INGLESE Docente: Zamarioli Simona Testi in uso - Letteratura: M. Spiazzi, M. Tavella, M. Layton PERFORMER CULTURE & LITERATURE Volumi 2 3, Zanichelli, Bologna, Inglese Generale: : M. Spiazzi, M. Tavella, M. Layton PERFORMER FCE TUTOR (Student s Book + Worbook), Zanichelli, Bologna, Nonostante il nuovo metodo di insegnamento proposto quest anno scolastico abbia inizialmente creato qualche difficoltà, la classe è poi riuscita ad adattarsi e a collaborare in modo positivo con la docente. Tuttavia permangono ancora criticità di natura morfosintattico che a volte impediscono una chiara esposizione dei contenuti storico-letterari e di carattere più generale. PROGRAMMA LETTERATURA An Age of Revolutions An Age of revolutions Industrial society The Gothic novel Mary Shelley and a new interest in science Frankestein. The Romantic Spirit Emotion vs reason William Wordsworth and nature Daffodils Jane Austen and the theme of love Pride and Prejudice. Coming of Age The first half of Queen Victoria s reign - The Victorian compromise The Victorian novel - Charles Dickens: Life Oliver Twist. A Two-Faced Reality The British Empire New aesthetic theories Aestheticism Oscar Wilde: the brilliant artist and the dandy The Picture of Dorian Gray. The Drums of War The Edwardian Age World War I The War Poets Rupert Brooke The Soldier / Wilfred Owen Dulce et Decorum Est The Easter Rising and the Irish war of Independence. The Great Watershed A deep cultural crises Sigmund Freud: a window on the unconscious - Modernism The Modernist Spirit The modern novel The stream of consciousness and the interior monologue - James Joyce: a modernist writer Dubliners : Eveline The Dead. From Boom to Bust World War II and after The dystopian novel George Orwell and political dystopia Animal Farm The Theatre of the Absurd and Samuel Beckett Waiting for Godot Roads to Freedom: Turbulent times in Britain The Irish Troubles Moving Forward: Britain: the Thatcher years and beyond. FILM Frankestein Pride and Prejudice - Oliver Twist -The Dead - 9

10 INGLESE GENERALE UNIT 7 - GRAMMAR: The passive; Have/get something done; so such; As, like, such as. - READING: Is technology changing our life too much? Cloning the first human. - VOCABULARY Phrasal verbs for technology. - LISTENING: The role of social media in rioting and disorder. - WRITING: A review. - USE OF ENGLISH: Key Word transformations; Open cloze. - SPEAKING: Why are they using a mobile phone? UNIT 8 GRAMMAR: Modals of certainty; Prefer, would rather, had better; Too much, not enough READING: Nature: friend or foe? What can we do? VOCABULARY: Natural disasters; Weather and climate; Phrasal verbs connected to nature. WRITING: An article. USE OF ENGLISH: Multiple-choice cloze; Word transformation. LISTENING: Live volcanoes in the world SPEAKING: Comparing green ideas and solutions to help the environment. UNIT 9 GRAMMAR: Relative clauses; Gerund and infinitives. READING: Historic feasts; Young champions. VOCABULARY: Challenges. USE OF ENGLISH: Multiple-choice cloze; Word transformation. LISTENING: Extreme sports. SPEAKING: Which sports should be part of a school curriculum? UNIT 10 - GRAMMAR: Reported Speech; Reporting verbs; Reporting questions. - READING: Will you be my Valentine? - VOCABULARY: collocations: SAY and TELL; Easily confused words: relationships - 10

11 Materia: FILOSOFIA Insegnante: BESTETTI Beatrice Testo in adozione: Abbagnano-Fornero: FARE FILOSOFIA, autori, testi e laboratorio. Volume terzo. Paravia RELAZIONE SUL PROGRAMMA di FILOSOFIA Seguendo le indicazioni ministeriali, nello svolgimento del programma, si sono scelti autori e nuclei tematici che favorissero - oltre che la conoscenza di filosofi tra i più significativi e fondamentali per la tradizione filosofica- la capacità di pensare per modelli diversi e l attitudine a problematizzare conoscenze, idee e credenze, mediante il riconoscimento della loro storicità. Gli autori sono stati così individuati per diversa tipologia, epoca storica, movimento di riferimento, di cui sono stati forniti ampi caratteri generali. Si sono proposti laboratori filosofici nonché letture di approfondimento tratte dalle opere più significative che permettessero, insieme alla lezione frontale espositiva, al brainstorming e alla simulazione di problemi, la conoscenza diretta dei filosofi. L interesse ed i risultati ottenuti sono stati complessivamente discreti, in alcuni casi buoni e, anche se in pochissimi, alcuni insufficienti. POICHE CON L ULTIMA RIFORMA DELLA SCUOLA SONO STATE RIDOTTE LE ORE DI INSEGNAMENTO NON E STATO POSSIBILE TERMINARE IL PROGRAMMA PREFISSATO. OBIETTIVI Approfondire la capacità di comprendere e usare la terminologia specifica Definire ed analizzare concetti Individuare alcuni fondamentali problemi filosofici Ricostruire la rete concettualedel pensiero dei diversi filosofi Comprendere e ricostruire le principali forme di argomentazione Comprendere le connessioni fra contesto storico - culturale e pensiero filosofico Confrontare le risposte date da diversi filosofi ad un stesso problema CONTENUTI DISCIPLINARI: L Idealismo tedesco (ripresa dei concetti della classe quarta) - Caratteri generali. Fichte: la struttura dialettica dell Io. Hegel: - capisaldi del sistema; - idea, natura e spirito. Le partizioni della filosofia; - la dialettica; - la Fenomenologia dello Spirito (figure). La contestazione dell hegelismo. Schopenhauer: - il mondo come rappresentazione; - la volontà e la condizione umana; - le vie della liberazione umana. 11

12 Il marxismo. - Caratteri generali. Kierkegaard: - la verità del singolo ; - gli stadi dell esistenza; - l angoscia; disperazione e fede; - l attimo e la storia: l eterno nel tempo. Feuerbach: - la critica della religione. Marx: - la critica al misticismo logico di Hegel; - la critica della civiltà moderna e del liberalismo; - la critica dell economia borghese e la problematica dell alienazione; - la concezione materialistica della storia; - sintesi del Manifesto ; - sintesi de Il Capitale. Nietzsche (il caso Nietzsche): - punti nodali; - arte e spirito dionisiaco; - la critica della morale e la trasvalutazione dei valori; - la distruzione della metafisica e la morte di Dio ; - l eterno ritorno e il superuomo; - il problema del nichilismo. Freud (la rivoluzione psicanalitica) - la nascita della psicanalisi; - l Io e l Inconscio; - L interpretazione dei sogni ; - Psicopatologia della vita quotidiana ; - la teoria della sessualità; - la religione e la civiltà. I filosofi del sospetto (Marx, Nietzsche e Freud). Il Positivismo - Caratteri generali Comte: - il principio regolatore dello sviluppo: la legge dei tre stadi; - il concetto della scienza; - i compiti della filosofia, la classificazione delle scienze e la sociologia. La reazione al Positivismo. - Caratteri generali. Lo Spiritualismo. - Caratteri generali. Bergson: - lo slancio vitale; - tempo e memoria; - l evoluzione creatrice; - morale e religione. Il Pragmatismo. (DA CONCLUDERE) 12

13 - Caratteri generali. Dewey: - lo strumentalismo; - la logica come teoria dell indagine; - esperienza ed educazione; - la società democratica. L Esistenzialismo. (DA CONCLUDERE) - Caratteri generali. Sartre: - l essere ed il nulla; - la teoria della libertà umana; - l uomo come Dio mancato; - la critica della ragione dialettica. La Fenomenologia. (DA CONCLUDERE) - Caratteri generali. Husserl: - la crisi delle scienze europee; - il metodo fenomenologico: l epochè fenomenologica e trascendentale; l intenzionalità; - l Io puro costitutivo del mondo naturale; - il recupero del mondo della vita. Popper, filosofo della ragione critica: (DA CONCLUDERE) - il criterio di falsificabilità; - il metodo della scienza; - critica al marxismo e alla psicanalisi; - rifiuto dell induzione e teoria della mente come faro ; - scienza e verità:il fallibilismo. La nuova filosofia politica. La scuola di Francoforte (Adorno e Marcuse) (DA CONCLUDERE) Sono stati affrontati i moduli Bioetica ed eugenetica e Bioetica ed eutanasia dal DIZIONARIO FILOSOFICO DEL CITTADINO allegato al libro di testo in adozione 13

14 Materia: MATEMATICA Docente: Cantamessa Silvia Relazione sulla classe Il lavoro in classe è stato positivo e il clima corretto e collaborativo ma poco propositivo; gli studenti sono stati attenti, disponibili ed in generale puntuali nello svolgimento del lavoro, ma la partecipazione e gli interventi dovevano essere spesso sollecitati. Alcuni alunni hanno raggiunto in modo adeguato gli obiettivi prefissati grazie allo studio costantemente profuso durante l intero percorso scolastico. Il gruppo più numeroso ha faticato in alcune occasioni a raggiungere un livello sufficiente di competenze e conoscenze, ma l impegno e la frequenza alle attività di recupero hanno permesso loro di superare le difficoltà incontrate e migliorare la preparazione. Alcuni alunni, tuttavia, pur rivelando una sufficiente conoscenza degli argomenti, faticano a gestire con la necessaria autonomia le situazioni problematiche complesse e svolgono con maggior sicurezza gli esercizi che, pur essendo assolutamente significativi e completi rispetto ai contenuti di quinta, sono un po più meccanici, applicativi e di routine. Nell articolare gli obiettivi di apprendimento ho privilegiato il tema relazioni e funzioni, accennato tardivamente al tema dati e previsioni ed omesso, per dedicare tempo al recupero ed al consolidamento, il tema geometria, ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Testo in uso Bergamini, Trifone, Barozzi - Matematica. Blu Ed. Zanichelli Cap20 : le funzioni e le loro proprietà : (Ripasso ed integrazione del programma di terza e quarta) classificazione, dominio e segno, proprietà, funz. inversa e funz. composte. Cap 21: i limiti delle funzioni : intervalli intorni; estremi sup. e inf., massimo e minimo; Punti interni, esterni e di frontiera. Insiemi aperti e chiusi;( cenni ai punti di accumulazione). Definizione di limite, lim. destro e sinistro, lim. per difetto ed eccesso; f x) l; f ( x) ; f ( x) l; f ( x) (def e verifica) ; asintoti orizzontale e lim xc ( lim lim lim xc x x verticale; teoremi generali sui limiti : UNICITÀ (con dim.), permanenza del segno e confronto (senza dim) Cap 22: L algebra dei limiti: somma differenza prodotto e quoziente; linearità; reciproco, radici, polinomi, razionali fratte( la dim. È stata illustrata ma NON sottoposta a verifica); funz. inverse e composte; esponenziali e logaritmi; forme di indecisione: 0/0, -, / 10,1. Limite notevole sinx/x e suoi corollari ( con dim.); 1 lim 1 e e dim. dei suoi x x corollari. Funzione continua in un punto e in un intervallo e punti di discontinuità di 1 a, 2 a e 3 a specie. Gli asintoti e la loro ricerca. Teoremi sulle funzioni continue : esistenza degli zeri; Weierstrasse; Darboux o dei valori intermedi ( di tutti solo l enunciato). Cap 24 La derivata di una funzione- Derivata di una funzione. Definizione di derivata in un punto. La funzione derivata. Significato geometrico di derivata; derivata dex e sin; Teorema sulla condizione necessaria per la derivabilità di una funzione(con dimostrazione). Derivate fondamentali con dimostrazione per le funzioni: costante, identica, quadrato, radice quadrata, e x, ln x, sen x, cosx (per sen x dim. su appunti), 14 x

15 logax ( con cambio di base), a x ( senza dim.) Teoremi sul calcolo delle derivate : somma, prodotto, reciproco, potenza, quoziente ( con dimostrazione); funzione composta, funzione inversa, derivata di arcsenx, arccosx e arctgx ( dim. illustrata in classe ma non richieste). Retta tangente al grafico di funzione. Punti stazionari,cuspidi e punti angolosi. Semplici der. logaritmiche ; derivate di ordine superiore. Definizione del differenziale di una funzione e suo significato geometrico. Cap 25: i teoremi del calcolo differenziale- Teorema di Rolle (con dimostrazione). Teorema di Lagrange (con dimostrazione). Funzioni crescenti e decrescenti in un intervallo( senza dim.) Teorema di De L'Hopital (senza dim.) ed applicazioni. Cap 26: I massimi, i minimi e i flessi- Definizioni di massimo, minimo assoluto e relativo, concavità, flesso ascendente e discendente e tangente inflessionale. Punti stazionari. Teoremi sui massimi e minimi relativi: condizioni necessaria (con dim.) e sufficiente (senza dim). Concavità di una curva e ricerca dei punti di flesso ( giustificazione con esempi ed applicazioni di geogebra, ma senza dim.) ed equazione della retta tangente in essi. Problemi di massimo e di minimo. ( Omesso il metodo delle derivate successive) Cap 27: Lo studio delle funzioni - studio di funzione e grafico completo. Dal grafico di una funzione a quello della sua derivata e viceversa (discussione guidata in classe con l ausilio della LIM ed di Geogebra). La risoluzione approssimata di un equazione: separazione delle radici; primo teorema di unicità dello zero ( con dim); secondo teorema (senza dim.) e metodo di bisezione. Cap 28: Gli integrali indefiniti- Primitive, definizione di integrale indefinito; condizione sufficiente di linearità e linearità e sue proprietà. Concetto di operatore lineare. Integrali immediati e di funzioni composte. Integrazione delle funzioni razionali fratte con applicazioni della divisione e scomposizione (il caso < 0 è stato illustrato con esempi ma solo il caso con b=0 è stato sottoposto a verifica). Integrazione per parti (con dim.). Integrazione per sostituzione (semplici casi. Omesse le funz. irrazionali) Primitive che soddisfano condizioni assegnate. Cap 29: L integrale definito e le sue proprietà- Teorema della media e sua giustificazione grafica (con dim); Funzione integrale. Teorema fondamentale del calcolo integrale( dim. esposta e discussa con gli studenti ma non sottoposta a verifica). Teorema del calcolo dell integrale definito ( o di Leibniz Newton) ( con dim.) Calcolo dell area di una superficie piana limitata da una o più curve. Area del segmento parabolico. Volume di un solido di rotazione (definizione,formula e semplici esempi di applicazione) e volume dei solidi calcolato per sezioni infinitesime. Integrali impropri (calcolati per funz. con un punto di discontinuità o calcolati in un intervallo illimitato ). Cenni al metodo dei rettangoli e dei trapezi. Cap 30: Le equazioni differenziali- equazioni diff. Del primo ordine del tipo y = f(x) e a variabili separabili. Problema di Cauchy. Cap 31: Le distribuzioni di probabilità: variabili casuali DISCRETE- def. di variabile casuale, funz. di distribuzione e di ripartizione; media, varianza e deviazione standard; distribuzione binomiale o Bernulliana. Sono stati proposti agli studenti SOLO SEMPLICI ESEMPI, discussi in classe e NON SOTTOPOSTI A VERIFICA. 15

16 Materia: SCIENZE NATURALI DOCENTE: LEONI Fiorentino TESTI UTILIZZATI: Chimica organica, biochimica e biotecnologie, autori vari, Zanichelli Biologia.blu PLUS, Sadava e altri, vol 3, Zanichelli Modelli globali, Tarbuck Lutgens, Linx Obiettivi e relazione sul programma La classe, nel corso dei 5 anni ha avuto la possibilità di spaziare all interno delle discipline afferenti alle scienze (biologia, chimica e scienze della Terra), avendo il tempo per approfondire i contenuti. Gli alunni sono stati stimolati a cogliere i singoli aspetti all interno di un contesto più ampio sia disciplinare che pluridisciplinare. Soprattutto nel triennio è stata utilizzata la pratica di laboratorio non solo per ripetere procedure già standardizzate, ma per riflettere su quanto i risultati delle esperienze mettevano sotto gli occhi degli alunni. In prima per esempio è stata fatta una lunga attività pratica che ha portato alla scoperta dell analemma (cosa sconosciuta agli alunni) e ad ipotizzare il perché di una curva così strana in rapporto a quanto studiato nella teoria. Per quanto riguarda la geologia sono state effettuate un paio di uscite molto finalizzate sotto il profilo didattico. 4 alunni hanno avuto la possibilità di partecipare al progetto Barcode promosso dal CUSMIBIO di Milano. Tale progetto che li ha impegnati per un numero elevato di ore principalmente in terza e in parte in quarta, ha permesso loro di comprendere le modalità classiche di classificazione, la classificazione fatta utilizzando il confronto tra le sequenze di uno stesso gene, e come le popolazioni di macroinvertebrati possono essere utilizzate per valutare la qualità di un ambiente. La classe ha perso un numero significativo di elementi nel corso dei 5 anni ma, nonostante questo la maggior parte ha raggiunto solo i livelli minimi degli obiettivi specifici del liceo delle scienze applicate. PROGRAMMA SVOLTO Regolazione dell espressione genica Regolazione ed espressione genica nei procarioti Regolazione a livello della trascrizione L operone: l operone LAC e l operone del triptofano La struttura del cromosoma eucariote Dagli unicellulari ai pluricellulari Gli istoni e i diversi livelli di avvolgimento Eucromatina ed eterocromatina Regolazione dell espressione genica negli eucarioti Regolazione trascrizionale (Condensazione della cromatina, fattori di trascrizione) Regolazione posttrascrizionale: (maturazione/splicing, traduzione) Microbiologia e ingegneria genetica 16

17 I plasmidi Caratteristiche generali Plasmide F e coniugazione batterica Plasmide R e resistenza agli antibiotici Plasmidi di lievito e plasmidi sintetici (cenni) I virus Caratteristiche generali. Ciclo litico e ciclo lisogeno Virus a RNA e trascrittasi inversa Trasduzione generale e specializzata Produzione dell insulina umana utilizzando il virus del Papilloma bovino Virus e cancro: interferenza sui geni oncogeni e su quelli oncorepressori I trasposoni Trasposoni nei procarioti (semplici e complessi) Trasposoni negli eucarioti (sequenze ripetitive) Gli enzimi di restrizione Utilizzo in natura Utilizzo nell ingegneria genetica Tagli netti e tagli asimmetrici Autodifesa dei batteri La tecnica dell elettroforesi La clonazione del DNA Tecnica che utilizza i plasmidi dei batteri Tecnica della PCR Sequenziamento del DNA dal frammento breve alla sequenza completa Metodo di Sanger Metodi più recenti (cenni) Tecnica della sovrapposizione Localizzazione dei geni sui cromosomi Tecnica delle sonde radioattive o fluorescenti Applicazioni dell ingegneria genetica Sintesi di proteine utili (es. della somatostatina) Il fingerprinting e l RFLP (polimorfismo della lunghezza dei frammenti di restrizione) - Casi processuali - Accertamenti di paternità Diagnosi prenatale (o comunque prima che si manifestino) di malattie genetiche (anemia falciforme e corea di Huntington) La dinamica terrestre La teoria di Wegener: prove e limiti 17

18 L espansione dei fondali oceanici Le dorsali e le faglie trasformi Le anomalie magnetiche Lo spessore dei sedimenti oceanici I margini continentali passivi I sistemi arco fossa Piano di Benioff Attività sismica Attività vulcanica Scontro placca oceanica placca oceanica Scontro placca oceanica placca continentale La formazione delle montagne: scontro continente - continente Meccanismi che spiegano il movimento delle placche L atmosfera terrestre Composizione e struttura Componenti fisse e variabili dell atmosfera La suddivisione dell atmosfera in base all andamento della temperatura Radiazioni solari e bilancio termico: assorbimento, riflessione, trasmissione e diffusione. L albedo Temperatura dell aria e fattori che la controllano Lettura e interpretazione di carte con isoterme medie mensili. Pressione atmosferica e venti Definizione di pressione atmosferica Fattori che influenzano la pressione atmosferica I venti: definizione e formazione L effetto Coriolies e la direzione dei venti al suolo e in quota nei due emisferi Zone cicloniche e anticicloniche La circolazione nella bassa troposfera: venti costanti, periodici Venti locali (in particolare le brezze, il fӧhn e lo stau) La circolazione nell alta troposfera e le correnti a getto. L umidità atmosferica e le precipitazioni Umidità assoluta e relativa Gradiente adiabatico secco e umido Aria stabile e instabile La formazione delle nubi e le due principali tipologie di nubi La formazione della rugiada e delle nebbie Le precipitazioni (la pioggia, la neve e la grandine) Le perturbazioni atmosferiche Definizione di fronte: fronte caldo, freddo e occluso 18

19 I cicloni delle medie latitudini I temporali I tornado Cenno alle previsioni del tempo La chimica organica Introduzione L ibridazione del carbonio e la struttura delle catene carboniose Le famiglie di composti organici e i gruppi funzionali Le formule di struttura e i diversi tipi di isomeria Struttura e proprietà fisiche Nomenclatura IUPAC Gli idrocarburi Caratteristiche degli alcani: strutture lineari e loro conformazione (eclissato e sfalsato), strutture ad anello e loro conformazioni (a sedia e a barca) Reattività degli alcani: scissione omolitica Gli alcheni e la conformazione cis e trans L addizione elettrofila negli alcheni (con meccanismo di reazione) Addizione radicalica (legame con i polimeri) Gli idrocarburi aromatici e la sostituzione elettrofila Gli alcoli e gli eteri Caratteristiche generali, nomenclatura e importanza degli alcoli Le principali reazioni: ossidazione, eliminazione, sostituzione nucleofila Struttura generale di un etere e caratteristiche fisiche rispetto agli alcoli (solubilità, p.e. ecc.) Aldeidi e chetoni Caratteristiche generali: geometria della molecola, nomenclatura proprietà fisiche ecc. Reazione di idrogenazione Reazione di addizione nucleofila Reazione di ossidazione Acidi carbossilici ed esteri Caratteristiche generali degli acidi carbossilici: geometria della molecola, nomenclatura proprietà fisiche (tra cui quelle acide) ecc. Reazione di sostituzione nucleofila Caratteristiche degli esteri, nomenclatura, come si ottengono, importanza in campo biologico Ammine ed ammidi Caratteristiche generali delle ammine, nomenclatura, comportamento basico. Le ammidi come prodotto tra la reazione di una ammina e un acido carbossilico Basicità delle ammidi I polimeri Definizione e concetto di polimero 19

20 La polimerizzazione per addizione: dal monomero al polimero e dal polimero al monomero Esempi: polietilene, polipropilene, polistirene e PVC La polimerizzazione per condensazione: esempi del nylon e del PET Reticolazione e resistenza delle fibre dei polimeri La cristallinità di un polimero e le sue proprietà fisiche (esempi del polietilene ad alta densità e del Kevlar). La biochimica Le molecole organiche I carboidrati. Formule di struttura dettagliate per glucosio (forma D e L, alfa e beta), galattosio e fruttosio. Legami alfa 1-4, beta 1-4 e alfa 1-6 negli amidi e nella cellulosa. I lipidi Le proteine Gli acidi nucleici Di tutti bisogna saper dire quali sono i monomeri, le caratteristiche, la loro importanza in campo biologico con qualche esempio, la formula di struttura generale. 20

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

Classe: 5ESC Indirizzo: Liceo Scientifico Materia: Scienze naturali (Chimica, Biologia,

Classe: 5ESC Indirizzo: Liceo Scientifico Materia: Scienze naturali (Chimica, Biologia, LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5ESC Indirizzo:

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo Nella classe vi sono delle differenze sul piano linguistico e nel possesso di contenuti ed abilità; la classe risulta sostanzialmente eterogenea con ottimi risultati per

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: V Dsc Indirizzo:

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare negli insiemi numerici N, Z, Q, calcolare espressioni,

Dettagli

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale Comunicare con la scuola I nuovi Istituti Tecnici del settore tecnologico Roma, 9 novembre 2009 Istituto tecnico industriale Galileo Galilei Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione

Dettagli

PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA

PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA ALLEGATO 6 PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA Storia d Italia e d Europa dal 1860 ai giorni nostri Tendenze e problemi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ENZO LUCIO ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

FISICA E LABORATORIO

FISICA E LABORATORIO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2014-2015 Classe V P indirizzo OTTICO Docente Giuseppe CORSINO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2013-2014 Classe V P indirizzo OTTICO

Dettagli

I.I.S. LEON BATTISTA ALBERTI

I.I.S. LEON BATTISTA ALBERTI I.I.S. LEON BATTISTA ALBERTI Via Pillon, 4-35031 Abano Terme (PD) tel. 049.812424 - fax 049.810554 alberti@provincia.padova.it PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE Anno scolastico 2007/2008 Classe:

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

Programma svolto Disegno e storia dell arte

Programma svolto Disegno e storia dell arte Programma svolto Disegno e storia dell arte A.S. 2014-15 Classe VE Prof Isabella Rossini Arte Neoclassica Caratteristiche generali del periodo Antonio Canova: stile letture e analisi di 1) Teseo sul Minotauro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

AVANGUARDIE SPAGNOLE

AVANGUARDIE SPAGNOLE AVANGUARDIE SPAGNOLE Vol III, pp. 690-98, 98, 728-32, 735-39 39 1 metà XX sec. Le avanguardie Rottura con i valori tradizionali della bellezza, del colore, della d forma e dello spazio Parigi ritorna a

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 09 /09 /2014 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 09 /09 /2014 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I RISULTATI DI APPRENDIMENTO - al termine del percorso quinquennale - al cui raggiungimento contribuisce la disciplina MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 4^BCAT Costruzioni Ambiente Territorio IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe collaborativa e nel complesso disciplinata. La classe

Dettagli

CLASSE 3C ALGEBRA GONIOMETRIA GEOMETRIA GEOMETRIA NEL PIANO RECUPERO PROGRAMMA A.S. PRECEDENTE. CALORIMETRIA e TERMODINAMICA

CLASSE 3C ALGEBRA GONIOMETRIA GEOMETRIA GEOMETRIA NEL PIANO RECUPERO PROGRAMMA A.S. PRECEDENTE. CALORIMETRIA e TERMODINAMICA CLASSE 3C La programmazione didattica per le discipline Matematica e Fisica prevede i temi di seguito elencati. Sia le famiglie che gli alunni hanno quindi possono seguire l agenda dei lavori in classe

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA

PROGRAMMA DI MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA A.S. 2014-2015 CLASSE IV SEZ. B INDIRIZZO SIA PROF. Orlando Rocco Carmelo ODULO MODULO ORD. ARGOMENT O 1 SEZ 1 FUNZIONI E LIMITIDI FUNZIONI ARGOMENTO 1 TOMO E SEZ 1 FUNZIONI E LIMITIDI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO)

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO) Insegnamento Docente Corso di Laurea CFU 8 Lingua di Insegnamento Italiano Semestre di svolgimento Primo Tipologia Fondamentale SSD SECS-S/06 Codice di Ateneo Anno di Corso Primo Matematica Generale (PROGRAMMA

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

I. I. S. S. POLO PROFESSIONALE Don Tonino Bello Tricase /Alessano

I. I. S. S. POLO PROFESSIONALE Don Tonino Bello Tricase /Alessano I. I. S. S. POLO PROFESSIONALE Don Tonino Bello Tricase /Alessano SETTORE SERVIZI SOCIO/SANITARI - INDIRIZZO: 1 1 ANNO DELL OBBLIGO SETTORE - Indirizzo: Articolazione: Arti ausiliarie delle professioni

Dettagli

ISTITUTI TECNICI. Settori Economico e Tecnologico AREA GENERALE. ISTITUTI TECNICI Area d istruzione generale Disciplina Lingua e letteratura italiana

ISTITUTI TECNICI. Settori Economico e Tecnologico AREA GENERALE. ISTITUTI TECNICI Area d istruzione generale Disciplina Lingua e letteratura italiana ISTITUTI TECNICI Settori Economico e Tecnologico AREA GENERALE ISTITUTI TECNICI Area d istruzione generale Disciplina Lingua e letteratura italiana Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Il docente

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 Pagina 1 di 8 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico) [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti obbligatori di

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Brescia Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Secondario Indirizzo Fisico Matematico Informatico Anno Accademico 2007-2008 Classe di abilitazione: A049

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G. GALILEI" - MACERATA a.s. 2014-2015. Contratto formativo

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI - MACERATA a.s. 2014-2015. Contratto formativo LICEO SCIENTIFICO STATALE "G. GALILEI" - MACERATA a.s. 2014-2015 Prof.: ANGELO ANGELETTI Disciplina: MATEMATICA Classe: 3M Contratto formativo 1. Analisi della classe Una prova d ingresso svolta all inizio

Dettagli

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord.

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord. Ist.Magistrale G. Comi Tricase ( LE Allegata al verbale del Consiglio di classe del 19/10/2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE della CLASSE 5 AA Anno scolastico 2015/2016 MATERIA Fisica DOCENTE Nicolì Pasquale

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 L insieme dei numeri razionali. Equazioni e disequazioni di primo grado Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.. IL PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano.

Dettagli

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro.

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro. Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016 Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia Piano di lavoro Settembre La nascita della filosofia : il contesto storico-culturale

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

ISTITUTI TECNICI. Settori Economico e Tecnologico AREA GENERALE. ISTITUTI TECNICI Area d istruzione generale Disciplina Lingua e letteratura italiana

ISTITUTI TECNICI. Settori Economico e Tecnologico AREA GENERALE. ISTITUTI TECNICI Area d istruzione generale Disciplina Lingua e letteratura italiana ISTITUTI TECNICI Settori Economico e Tecnologico AREA GENERALE ISTITUTI TECNICI Area d istruzione generale Disciplina Lingua e letteratura italiana Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Il docente

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA

Corso di Laurea in OSTETRICIA Disciplina: STATISTICA MEDICA Docente: Prof. Marco FERRARIO Processo induttivo e deduttivo della conoscenza: definizione di popolazioni, campione e unità statistiche, nozioni di teoria del campionamento;

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. CAVICCHI SCUOLA MEDIA A. GESSI. Anno scolastico 2014/2015. Classe III Sez: F. ARTE E IMMAGINE Prof.

ISTITUTO COMPRENSIVO E. CAVICCHI SCUOLA MEDIA A. GESSI. Anno scolastico 2014/2015. Classe III Sez: F. ARTE E IMMAGINE Prof. IL NEOCLASSICISMO Caratteri generali Jacques Louis David Antonio Canova Introduzione all 800 IL ROMANTICISMO Caratteri generali IL Romanticismo tedesco ISTITUTO COMPRENSIVO E. CAVICCHI SCUOLA MEDIA A.

Dettagli