ADHD criteri diagnostici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADHD criteri diagnostici"

Transcript

1 ADHD criteri diagnostici Deny Menghini Dipartimento di Neuroscienze UOC Neuropsichiatria Infantile

2 Diagnosi ADHD: criteri diagnostici

3 Definizione ADHD - characterized by a pattern of behavior, present in multiple settings (e.g., school and home) - result in performance issues in social, educational, or work settings. 2 categories of inattention and hyperactivity and impulsivity: behaviors like failure to pay close attention to details difficulty organizing tasks and activities excessive talking fidgeting inability to remain seated in appropriate situations

4 1) Change the age of onset from onset of impairing symptoms by age 7 to onset of symptoms by age 12 2) Change the three subtypes to three current presentations 3) Change the examples in the items, without changing the exact wording of the DSM-IV items, to accommodate a lifespan relevance of each symptom and to improve clarity 4) Remove PDD from the exclusion criteria 5) Modify the pre-amble A1 and A2 to indicate that information must be obtained from two different informants (parents and teachers for children and third part/significant other for adults) whenever possible

5 Combined Presentation: If both Criterion A1 (Inattention) and Criterion A2 (Hyperactivity-Impulsivity) are met for the past 6 months. Predominantly Inattentive Presentation: If Criterion A1 (Inattention) is met but Criterion A2 (Hyperactivity-Impulsivity) is not met and 3 or more symptoms from Criterion A2 (Hyperactivity-Impulsivity) have been present for the past 6 months. Predominantly Hyperactive/Impulsive Presentation: If Criterion A2 (Hyperactivity-Impulsivity) is met and Criterion A1 (Inattention) is not met for the past 6 months. For older adolescents and adults (age 17 and older) at least five symptoms are required

6

7

8

9

10 Nessun criterio di esclusione - comorbidità con l autismo - non deve presentarsi però solo durante il corso di schizofrenia, psicosi o di altri disordini mentali o abuso di sostanze

11

12 Distribuzione fra sessi / 3-9/1 in campioni clinici 4/1 in campioni epidemiologici ADHD non diagnosticate? prevalenza delle forme inattentive? prevalenza delle forme iperattive ed impulsive? frequente comorbidità con disturbi esternalizzanti (DOP, DC)?

13 Prevalenza Popolazione 6-18 anni DSM IV 3,9% ICD-10 1,2% Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia

14 Complicanze secondarie - Difficoltà relazionali - Difficoltà scolastiche - Bassa autostima - Disturbo del comportamento Mediatori prognostici: a) condizioni ambientali; b) familiarità; c) tipologia clinica; d) comorbidità

15 Comorbidità Disturbo della Condotta A - Una modalità di comportamento ripetitiva ed persistente in cui i diritti fondamentali degli altri o le principali norme o regole societarie appropriate per l'età vengono violati, come manifestato dalla presenza di tre (o più) dei seguenti criteri nei 12 mesi precedenti, con almeno un criterio presente negli ultimi 6 mesi:

16 Comorbidità Disturbo Oppositivo Provocatorio A - Una modalità di comportamento negativistico, ostile e provocatorio che dura da almeno 6 mesi, durante i quali sono stati presenti 4 (o più) dei seguenti criteri: spesso va in collera; spesso litiga con gli adulti; spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare le richieste o regole degli adulti; spesso irrita deliberatamente le persone;

17 Comorbidità - Molto frequente (50%) Disturbo oppositivo-provocatorio, Disturbo della condotta - Frequente (30%) Disturbi d ansia, Disturbi di apprendimento - Moderatamente frequente (15%-20%) Disturbi dell umore (depressione, bipolare), Tic (Tourette) - Rara (5%-10%) Disturbi pervasivi di sviluppo (autismo, Asperger), Disabilità Intellettiva

18 Decorso del disturbo Comportament o antisociale Solo ADHD Comportamento distruttivo Disturbate relazioni familiari Bassa autostima Scarse attitudini sociali Problemi di apprendimento Disturbo oppositivo Disturbo dell'umore Comportamen to provocatorio Allontanamento dalla scuola Abuso di sostanze stupefacenti Disturbo di condotta Demotivazione Età Difficoltà di apprendimen to

19 Età prescolare (3-6 anni) - Massima iperattività - Crisi di rabbia - Gioco ridotto, semplificato, motorio - Litigiosità, provocatorietà - Assenza di paura, incidenti - Comportamenti aggressivi - Disturbo del sonno Molti di questi bambini non svilupperanno un ADHD!

20 6-12 anni Generalmente prima diagnosi - Apparente accentuazione di irrequietezza - Maggiore evidenza della disattenzione e impulsività - Difficoltà scolastiche - Evitamento di compiti cognitivi - Rifiuto da parte dei compagni - Bassa autostima

21 13-17 anni - 35%: sintomi sottosoglia, spesso prestazioni scolastiche inferiori - 50%: attenuazione di iperattività disturbo attentivo (difficoltà scolastiche, pianificazione ed organizzazione) instabilità in scelte scolastiche o relazionali condotte pericolose e ricerca di sensazioni forti problemi emotivi - 15%: permanenza della sindrome, impulsività, disadattamento sociale, difficoltà familiari.

22 Età adulta Il 50% con pregresso ADHD funziona normalmente Il restante 50% ha sintomi di diversa intensità: attenzione auto-organizzazione impulsività labilità di umore

23 Eziologia non esiste un'eziologia definita per l'adhd Numerosi dati sulla determinazione biologica dell ADHD dovuta all interazione tra geni ed ambiente: - Evidenze genetiche - Fattori ambientali - Interazioni geni-ambiente - Anomalie strutturali e funzionali cerebrali

24 Evidenze genetiche I genitori di b. ADHD rischio 2-8 volte > (Faraone e Biederman, 2000) I genitori adottivi rischio paragonabile ai controlli Tasso di concordanza fra gemelli omozigoti del 76% Numerosi geni e cromosomi coinvolti ( ad es. 5p13, 6q12, 11q22 15q 16p13 e 17p11)

25 Fattori ambientali il basso peso alla nascita/prematurità assunzione di alcol in gravidanza esposizione al: fumo materno piombo additivi (es. sodio benzoato o coloranti artificiali)

26 Interazioni geni-ambiente Alterazioni genetiche > in ADHD sottoposti al fumo materno in gravidanza (Kahn et al., 2003; Todd e Neuman, 2007; Becker et al. 2008)

27 ml Alterazioni strutturali cerebrali Volume cerebrale totale 1100 Controls > ADHD P< Controlli maschi ADHD maschi Control femmine ADHD femmine Età (anni) Castellanos et al. 2002

28 Caudato volume (ml) Alterazioni strutturali cerebrali Volume Nucleo caudato Controlli > ADHD, p<0.05 Interaction with age, p< Età (anni) Controlli ADHD

29 Cervelletto volume (ml) Alterazioni strutturali cerebrali Volume cerveletto Controlli > ADHD, p<0.001; Adjusted, p= Età (anni) Controlli ADHD

30 23 TD 12 ADHD

31 31 TD 28 ADHD 9.9 (2.0) 9.6 (1.8)

32 Anomalie funzionali cerebrali

33 cpfdl Distraibilità Disattenzione Ridotto giudizio critico Scarsa flessibilità cognitiva Comportamento disorganizzato Ridotta pianificazione Utilizzo di risposte automatiche

34 Test in cui si osservano cadute Working Memory Torre di Londra (TOL) Wisconsin Card Sorting Test

35 WORKING MEMORY

36 PROMEA prove per la memoria e l apprendimento S. Vicari

37 1. Ripetizione di non parole* Test di tipo uditivo-verbale per la memoria fonologica Lista di 40 non parole di diversa lunghezza a bassa o alta somiglianza con parole pomedoro camiro Alta word likeness *(Ciccarelli, 1998) beto rilaghetodo tilomicodi Bassa word likeness

38 Il compito richiesto è di ripetere le non parole 1 per ogni ripetizione corretta

39 PROMEA prove per la memoria e l apprendimento S. Vicari

40

41

42

43 SPAN di numeri diretta e inversa BVN Batteria di valutazione neuropsicologica per l'età evolutiva Batteria di valutazione neuropsicologica per l'età evolutiva Patrizia S. Bisiacchi, Michela Cendron, Maria Gugliotta, Patrizio Emanuele Tressoldi, Claudio Vio

44 Span indietro (BVN 5-11, Bisiacchi et al., 2005, erickson) Dallo span di 2 ad 8 (2 su 3) Misura di span più alto Adulto Digit Span Orsini et al., 1987

45 Span indietro (BVN 5-11, Bisiacchi et al., 2005, erickson) Dallo span di 2 ad 8 (2 su 3) Misura di span più alto

46 Working Memory Listening Span Test

47 Listening span test (Pazzaglia, Palladino & De Beni, 2000) Compito: memorizzazione dell ultima parola di una serie di frasi, che devono essere elaborate semanticamente. 1. ascoltare la sequenza di frasi e dire se ogni frase è vera o falsa. 2. alla fine della sequenza di frasi ricordare l ultima parola di ogni frase nel corretto ordine di presentazione.

48 Listening span test (Pazzaglia, Palladino & De Beni, 2000) -La gallina è un animale coperto di pelo (falso) -Le fiabe sono dei racconti di fantasia (vero) Da ricordare: pelo, fantasia

49 Listening span test (Pazzaglia, Palladino & De Beni, 2000) - La mucca è un mammifero con quattro zampe e una coda. - L acqua del mare è particolarmente ricca di sale. - Il gatto è un animale domestico. - I quotidiani si stampano con nuove notizie tutti i giorni.

50 200 8 Intelligenza fluida = Capacità di risolvere problemi Un training sulla WM viene generalizzato all intelligenza fluida E direttamente dipendente dalla quantità di pratica

51 studenti di 25 anni 25 min al giorno

52 200 8

53 200 8 Matrici di Raven

54 200 8 Perché si generalizza all intelligenza? Richiede continui processi esecutivi e pochissime abilità di automatizzazione La WM testata richiede più funzioni cognitive come inibire informazioni irrilevanti, controllare 2 compiti in contemporanea, aggiornare le informazioni in memoria Il controllo attentivo è comune alla WM e all intelligenza fluida Entrambi richiedono shifting attentivo

55

56

57 Planning Torre di londra

58 Planning ability

59 Torre di Londra (BVN 5-11, Bisiacchi et al., 2005, erickson) Torre di Londra (Sannio Fancello et al., 2006, erickson) Norme dai 4 ai 13 anni

60 Flessibilità cognitiva

61 Modello di Miyake e Shah (1999) sistema delle Funzioni Esecutive: La flessibilità cognitiva: ovvero la capacità di cambiare la propria strategia comportamentale in relazione a un evento ambientale, considerando differenti prospettive e priorità

62 TRAIL MAKING TEST (Gaudino, E. A., Geisler, M. W., Squires, N. K., 1995)

63

64 WCST (Heaton et al., 2000, OS) Flessibilità cognitiva Perseverazione Norme dai 6 ai 70 anni

65 Cognitive Flexibility

66 corbf Ridotta regolazione dei comportamenti socialmente adattivi Alterazioni della regolazione emotiva Alterazioni dei processi decisionali Ridotto rispetto delle regole sociali

67 Test in cui si osservano cadute Gambling Task (individuare carte svantaggiose a lungo termine ma vantaggiose inizialmente)

68 The PEBL Psychological Test Battery Sito da cui è possibile scaricare test sulle funzioni esecutive:

69 Giro del cingolo anteriore Mancanza di iniziativa e di attività spontanea Apatia Indifferenza verso le proprie necessità Inibire risposte precedentemente apprese Controllare l effetto interferenza da parte di stimoli distraenti Svolgere sequenza di azioni cooperative

70 Test in cui si osservano cadute Stroop Task Task attentivi Inibizione

71 STROOP TASK (Stroop, 1935) Compito: inibire una risposta automatica (lettura della parola che indica un colore) in un compito di denominazione di colori (denominazione del colore della parola: ad esempio la persona deve dire «verde», il colore con cui è scritta la parola «rosso», inibendo la risposta spontanea «rosso»)

72

73 5-16 anni

74 Attenzione selettiva uditiva Attenzione sostenuta uditiva

75 BVN 5-11 Bisiacchi, Cendron, Gugliotta, Tressoldi, Vio, 2005 Test di attenzione uditiva selettiva

76 Test di attenzione selettiva uditiva Consegna e somministrazione Ti farò ascoltare tante parole. Ogni volta che sentirai la parola SOLE dovrai battere sul tavolo la mano.

77 Mare- luna - quadro- fumo- SOLE Pesce- barca- mare- SOLE Luna- nave- quadro- SOLE Barca- pesce- nave- luna-quadro -luna- nave -quadro- marefumo- SOLE Mare- quadro- fumo- luna- quadro- SOLE Luna- pesce- barca- fumo- nave- pesce- SOLE Fumo- quadro- barca- nave- SOLE Nave- barca- fumo- barca- luna-fumo- SOLE Mare- quadro- mare- luna- barca- luna- mare- nave- SOLE

78 Attenzione sostenuta (Manly T, Anderson V, Robertson I, Nimmo-Smith I, 1999) Individuazione di stimoli target presentati in modalità uditiva all interno di lunga e monotona serie di numeri

79 TEA-Ch Test of Everyday Attention for Children (Manly, Robertson, Anderson, Nimmo-Smith, 1998) Test di attenzione sostenuta uditiva: Score!

80 Score! Quando sente un suono simile a quello di una sirena il bambino deve iniziare a contare gli spari fino a quando non sentirà di nuovo la sirena

81 INIBIZIONE

82

83 5-16 anni

84 TEA-Ch Test of Everyday Attention for Children (Manly, Robertson, Anderson, Nimmo-Smith, 1998) Test di inibizione: Opposite worlds

85

86 Batteria italiana per l'adhd Batteria per la valutazione dei bambini con deficit di attenzione/iperattività Marzocchi et al., 2005 Test delle ranette

87 Inibizione non verbale: Test delle ranette E stato costruito sul modello del Go/NoGo Task (Van der Meere, Marzocchi e De Meo, 2005) La prova può essere somministrata dai 5 anni agli 11 anni e 11 mesi.

88 Inibizione non verbale: Test delle ranette Viene mostrato un foglio in cui sono raffigurati 20 percorsi lungo una linea retta. Ciascun foglio presenta 14 caselle disposte in colonna. All interno di ciascuna casella è raffigurata una rana.

89 Inibizione non verbale: Test delle ranette Ascoltare attentamente una registrazione che può avere due tipi di nomi, suoni e azioni differenti: -un suono (Go) barrare la casella -successiva Suono Go - un altro suono, diverso dal primo (nogo) non barrare la casella successiva, passare al percorso seguente Suono nogo

90 Inibizione non verbale: Test delle ranette Se il bambino è riuscito a inibire la risposta motoria in corrispondenza del suono nogo, si troverà nella posizione terminale prevista e quindi gli verrà attribuito un punto. In caso contrario non gli sarà assegnato alcun punto. Sono previsti 20 percorsi quindi il punteggio può essere compreso tra 0 e 20.

91 Test Ranette Pratica

92 Inibizione : Stop Signal Reaction Time

93 correct delayed wrong NoStop trial (GO T) response RT +

94 correct correct wrong delayed wrong response response RT SSD + +

95 # Events P(wrong) NO-STOP TRIALS 1 ( inhibition f) 0 Stop Signal Delay (ms) + RT NoStop trial (STOP T) + SSD

96 Stima SSRT P(non cancel) 50% Go Stop 0 SSDm SSDm SSRT= RT - SSDm

97 Modelli Neuropsicologici dell ADHD Deficit funzioni esecutive (Barkley 1995, Sergeant 1999) Deficit nei meccanismi di risposta alla ricompensa (Delay adversion- Sonuga-Barke 1994) Deficit nell elaborazione delle informazioni temporali (Castellanos 2002)

98 Modelli Neuropsicologici Deficit nella regolazione di stato (Sergeant, 1999) Fluttuazione intra-individuale della performance (Castellanos, 2007)

99 Due i modelli con un numero maggiore di studi Deficit delle funzioni esecutive Deficit nei meccanismi di risposta alla ricompensa (Delay Adversion)

100 Modelli Neuropsicologici Deficit FE (Barkley 1995, Sergeant 1999, Brown 2006; Bidwell, 2007; Lambek, 2010) - Apprendimento implicito (Barnes, 2010) - Inibizione e WM (Kofler, 2010; Alderson, 2010; Nyman, 2010) - Effetto Stroop (Christiansen,2010) - Pianificazione (Luciana, 2009) - Flessibilità (Babb, 2010)

101 Funzioni Esecutive: studi clinici Studi di metanalisi mostrano un effect size moderato (0,4-0,7) rispetto all associazione tra ADHD e deficit FE (Willcutt,2005) Solo un sottogruppo di bambini con ADHD cade nelle FE (30-50%) Differenza tra i sessi: femmine = caduta maggiore nella pianificazione; maschi = inibizione della risposta (O Brien, 2010)

102

103 Delay Adversion Deficit nella capacità di valutare ricompense collocate lontano dall atto Il bambino non è più in grado di associare un atto ed una ricompensa temporalmente distanti Ciò determina un errore nella possibilità di scelta di ricompense future rispetto alle attuali.

104 Delay Aversion: studi clinici -Preferenza per una ricompensa più piccola ma immediata rispetto ad una più grande ma posticipata (Sonuga-Barke, 2008) - Effect size (moderato) in studi diversi che hanno utilizzato prove diverse (Willcutt,2006)

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT Cagliari Iglesias - Olbia NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ IN ETÀ EVOLUTIVA Dr.ssa Sabrina Cesetti Qualsiasi bambino (e la gran parte degli adulti) tende a distrarsi e a commettere

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

Attention Deficit Hyperactivity Disorder

Attention Deficit Hyperactivity Disorder Attention Deficit Hyperactivity Disorder ADHD Disturbo da deficit dell attenzione con iperattività/impulsività Dott.ssa Caterina Rosa Dott.ssa Elisa D Agati Neuropsichiatria Infantile Università di Roma

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO

IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO IL DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO Baiocco Roberto, Phd Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica, Facoltà di Psicologia 1 Sapienza Università di Roma 14/12/2009 1 PAROLE-CHIAVE Definizione di Disturbo

Dettagli

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna Centro Studi Erickson Autismi. Dai bambini agli adulti, dalla famiglia alla società I Servizi per l Autismo: la situazione italiana Franco Nardocci Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Qual è il ruolo del Pediatra nel caso di un bambino con sospetto ADHD?

Qual è il ruolo del Pediatra nel caso di un bambino con sospetto ADHD? ADHD - Introduzione L ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) è un disturbo dello sviluppo caratterizzato da: inattenzione, impulsività e iperattività motoria. Questi comportamenti, inappropriati

Dettagli

CARATTERISTICHE PRIMARIE

CARATTERISTICHE PRIMARIE IL PERCORSO DI PRESA IN CARICO MULTIMODALE DEL DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E IPERATTIVITA. L INTERVENTO PSICOLOGICO Risultati di un esperienza pilota Dott.ssa Vanzin Laura Dott.ssa Valli Angela

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD Dott.ssa Anna Maria Re Università degli studi di Padova Servizio per i disturbi dell apprendimento Sintomi nucleari dell ADHD Deficit di attenzione

Dettagli

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto AIFA Onlus /AIDAI Onlus A cura di: Consiglio Direttivo, AIFA Onlus Erica Menotti,

Dettagli

DDAI. DDAI:diagnosi differenziale e associata DDAI DDAI DDAI DDAI

DDAI. DDAI:diagnosi differenziale e associata DDAI DDAI DDAI DDAI :diagnosi differenziale e associata Renata Rizzo Neuropsichiatria Infantile Dipartimento di Pediatria, Università di Catania è una sindrome neurocomportamentale. I sintomi principali sono classificati

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA?

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? ADHD: STRUTTURARE L AMBIENTE E MIGLIORARE IL COMPORTAMENTO CTI ADRIA ROVIGO E BADIA POLESINE INCONTRI LABORATORIALI

Dettagli

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D)

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) SEGNALI PREMONITORI IN ETA PRESCOLASTICA Laura Barbirato Mamma di tre figli Psicologa dell apprendimento Dirigente Scolastica 1 Normalità o patologia?

Dettagli

I criteri del DSM-IV

I criteri del DSM-IV La diagnosi ADHD in età evolutiva I criteri del DSM-IV Dott.ssa Galati Monia Azienda Ospedaliera G. Salvini Servizio Territoriale N.P.I. Garbagnate Milanese Un Po Di Storia. Nel 1925 alcuni autori individuano

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA ADHD Dott.ssa Anna Maria Re Università degli studi di Padova Servizio per i disturbi dell apprendimento Equivoci frequenti in relazione al ADHD Il

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

Millepiedi Stefania. Le linee guida per l ADHD

Millepiedi Stefania. Le linee guida per l ADHD Millepiedi Stefania Le linee guida per l ADHD Laboratorio di psicopatologia e psicofarmacologia dell età evolutiva (Resp. Dr. G. Masi) Istituto di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza IRCCS

Dettagli

BIA Batteria Italiana per l ADHD. Marzocchi, Re e Cornoldi Anna M. Re Università di Padova

BIA Batteria Italiana per l ADHD. Marzocchi, Re e Cornoldi Anna M. Re Università di Padova BIA Batteria Italiana per l ADHD Marzocchi, Re e Cornoldi Anna M. Re Università di Padova Questionari: specifici SDAI, SDAG, SDAB generali per la valutazione di comorbilità: COM genitori e insegnanti BIA

Dettagli

NOSOGRAFIA E PSICOPATOLOGIA DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO. M. Cremonte SOC di Neuropsichiatria Infantile ASO di Alessandria

NOSOGRAFIA E PSICOPATOLOGIA DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO. M. Cremonte SOC di Neuropsichiatria Infantile ASO di Alessandria NOSOGRAFIA E PSICOPATOLOGIA DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO M. Cremonte SOC di Neuropsichiatria Infantile ASO di Alessandria DISTURBI DI APPRENDIMENTO (learning disorders DSM IV) Livello di apprendimento

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA (ADHD)

NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA (ADHD) 6 marzo 2015 Auditorium museo di scienze Brescia Dott.ssa Erminia Botturi Pedagogista clinica Formatrice AID Formatrice AIDAI NON SOLO DSA. DIFFICOLTA DI ATTENZIONE E DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

ADHD Versus Autismo. ADHD Versus Autismo. ADHD: Sintomi principali. Inattenzione. Come diagnosi differenziale. Come comorbidità

ADHD Versus Autismo. ADHD Versus Autismo. ADHD: Sintomi principali. Inattenzione. Come diagnosi differenziale. Come comorbidità ADHD Versus Autismo Vs ADHD Versus Autismo Come diagnosi differenziale Come comorbidità Potrebbero essere considerate in uno spettro? Luigi Mazzone 1 HAPPENING PEDIATRICO IBLEO Ragusa Poggio del Sole -

Dettagli

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 Definizione dell adhd (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) L ADHD è un disordine dello sviluppo neuropsichico dello studente caratterizzato da incapacità a mantenere

Dettagli

Quante persone con disabilità psichica nel lavoro?

Quante persone con disabilità psichica nel lavoro? Convegno L Inserimento socio-lavorativo delle persone con disturbo psichico Roma 3-4 Giugno 2015 Quante persone con disabilità psichica nel lavoro? Marco Trabucco Aurilio Coordinamento Generale Medico

Dettagli

I prerequisiti dell attenzione

I prerequisiti dell attenzione Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Cesare Cornoldi I prerequisiti dell attenzione C. Salviato PD: 0498209059/3284366766;

Dettagli

L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo. D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo

L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo. D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo Fare diagnosi Necessità di porre delle etichette diagnostiche (codificare) Somministriamo

Dettagli

Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa ADHD

Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa ADHD Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa nella diagnosi di ADHD Bisiacchi P.S. 1, Tarantino V. 1, Scala G.G. 1, Tozzi A.E. 2, Chiarotti F. 3, Salmaso S. 3 1 Dipartimento di Psicologia

Dettagli

DEFICIT D ATTENZIONE E IPERATTIVITA. ADHD o DDA/I

DEFICIT D ATTENZIONE E IPERATTIVITA. ADHD o DDA/I DEFICIT D ATTENZIONE E IPERATTIVITA ADHD o DDA/I *COSA E? *Disturbo del comportamento caratterizzato da inattenzione, impulsività e iperattività motoria *Ha un esordio precoce *È più frequente nei maschi

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO: CAUSE, INDIVIDUAZIONE PRECOCE E STRATEGIE DI INTERVENTO

DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO: CAUSE, INDIVIDUAZIONE PRECOCE E STRATEGIE DI INTERVENTO DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO: CAUSE, INDIVIDUAZIONE PRECOCE E STRATEGIE DI INTERVENTO Germana Englaro Psicologa, Psicoterapeuta SDA Università degli Studi di Padova Studio di Psicologia, Tolmezzo Tolmezzo,

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania Nella diagnosi delle sindromi ADHD, seguendo i criteri previsti sia nel DSM- IV-R sia nell'icd-10 dell'oms, occorre non

Dettagli

Disturbo da deficit di attenzione con iperattività (ADHD) IL BAMBINO IPERATTIVO. Dispense a cura di. Dott.ssa Chiara Baiamonte

Disturbo da deficit di attenzione con iperattività (ADHD) IL BAMBINO IPERATTIVO. Dispense a cura di. Dott.ssa Chiara Baiamonte Disturbo da deficit di attenzione con iperattività (ADHD) IL BAMBINO IPERATTIVO Dispense a cura di Dott.ssa Chiara Baiamonte DISTURBI DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA E DISTURBI DELLA CONDOTTA Serie

Dettagli

Che cosa è l autismo

Che cosa è l autismo Che cosa è l autismo AUTISMO L'autismo è un disturbo pervasivo dello sviluppo che si manifesta entro il terzo anno di età con gravi deficit della comunicazione (turbe qualitative e quantitative del linguaggio),

Dettagli

Disturbo da deficit di Attenzione/Iperattività

Disturbo da deficit di Attenzione/Iperattività VI Congresso Nazionale Disturbo da deficit di Attenzione/Iperattività Assisi, 10-12 maggio 2007 Servizio Autonomo di Neuropsichiatria Infantile Policlinico G.B. Rossi Verona Contributo alla definizione

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA PROGRAMMA DEL CORSO 14/11/2014 Comorbilità e aspetti associati alle difficoltà e ai disturbi dell apprendimento: un introduzione

Dettagli

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Renato Pizzuti Gaetano Sicuranza Assessorato alla Sanità Agenzia Regionale Sanitaria

Dettagli

Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo

Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Presentazione di un caso Luca ha nove anni, frequenta la quarta elementare e da qualche

Dettagli

I Sintomi. Disattenzione Iperattività Impulsività

I Sintomi. Disattenzione Iperattività Impulsività Definizione di ADHD ADHD è l' acronimo per l inglese Attention Deficit Hyperactivity Disorder) traducibile con Disturbo da Deficit Attentivo con Iperattività. E' un disordine dello sviluppo neuropsichico

Dettagli

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE Secondo l Organizzazione mondiale della Sanità i disturbi del comportamento infantile nel mondo sono in aumento: 1 bambino su 5 soffre di psicopatologie,

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

COMORBIDITA TRA ADHD E DISTURBI DA USO DI SOSTANZE IN ETA ADULTA

COMORBIDITA TRA ADHD E DISTURBI DA USO DI SOSTANZE IN ETA ADULTA VII Congresso Nazionale AIDAI-AIRIPA COMORBIDITA TRA ADHD E DISTURBI DA USO DI SOSTANZE IN ETA ADULTA Paola Sciarini Dipartimento di Scienze Sanitarie Applicate e Psicocomportamentali Università degli

Dettagli

Dislessia: informazioni generali

Dislessia: informazioni generali Dislessia: informazioni generali Autore: Sarah Menini da neuropsy.it Introduzione La dislessia è un disordine del linguaggio scritto caratterizzato da una capacità di lettura sostanzialmente al di sotto

Dettagli

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Prof.ssa Barbara De Marchi Meccanismi d azione della cocaina! La cocaina agisce su re-uptake

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE IPERATTIVITA :

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE IPERATTIVITA : IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE IPERATTIVITA : ADHD PROGRAMMA Caratteristiche generali del DDAI Aspetti teorici Evoluzione del DDAI Informazioni sulla procedura diagnostica Cos è necessario osservare

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Definizione e intervento educativo in ambito scolastico. Dott.ssa Ilaria Neri

I Disturbi del Comportamento Definizione e intervento educativo in ambito scolastico. Dott.ssa Ilaria Neri I Disturbi del Comportamento Definizione e intervento educativo in ambito scolastico Dott.ssa Ilaria Neri Disturbi da Deficit di Attenzione e da Comportamento Dirompente (DSM IV-TR) Deficit di Attenzione/

Dettagli

Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive

Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive L AIDAI ONLUS Regione Lazio persegue da sempre due obiettivi su cui è stata fondata l associazione regionale: - progetti di ricerca per

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia AA 2014-2015 (A-K) Docente Micaela Capobianco PhD Università «Sapienza» LABORATORIO: DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO:

Dettagli

ADHD DIAGNOSI CLINICA

ADHD DIAGNOSI CLINICA ADHD DIAGNOSI CLINICA G.A. Chiarenza, E.Tomassini Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza - Rho Azienda Ospedaliera G. Salvini - Garbagnate Milanese Giovedì 18 ottobre 2007

Dettagli

Profilo delle diverse tipologie di BES

Profilo delle diverse tipologie di BES Profilo delle diverse tipologie di BES Con la Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 e la CM n. 8 del 6 marzo 2013 che ha per oggetto l attuazione della direttiva Strumenti d intervento per alunni

Dettagli

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Società Italiana Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza SINPIA Bernardo Dalla Bernardina Presidente Franco Nardocci Past President Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Roma, 13

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA Attention Deficit Hyperactivity Disorder (ADHD) Disturbo ad esordio precoce (prima dei 7 anni) Caratterizzato da iperattività-impulsività e/o disturbo

Dettagli

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015 INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 197-15 Giulia Zigon, Roberta Ciampichini, Gemma Gatta, Enrico Grande, Silvia Francisci, Roberta De Angelis,

Dettagli

Stili cognitivi e difficoltà comportamentali

Stili cognitivi e difficoltà comportamentali + Stili cognitivi e difficoltà comportamentali Centro Psiky Dott.ssa Giorgia Concari Psicologa-Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Psicologia dell educazione e disabilità Università di Parma + Complessità

Dettagli

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva Definizione (Associazione Americana Ritardo Mentale 2002): il ritardo mentale è una disabilità caratterizzata da limitazioni significative sia

Dettagli

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Rosa Angela Fabio, Patrizia Oliva Università degli Studi di Messina Nei processi di scelta, le conseguenze, positive o negative, immediatamente

Dettagli

Diagnosi dei disturbi evolutivi

Diagnosi dei disturbi evolutivi C o l l a n a d i P s i c o l o g i a Claudio Vio e Gianluca Lo Presti Diagnosi dei disturbi evolutivi Modelli, criteri diagnostici e casi clinici Erickson Indice 7 Presentazione (di P.E. Tressoldi) 9

Dettagli

Autismo. Sindrome, cioè un insieme di sintomi, ovvero di segni osservabili.

Autismo. Sindrome, cioè un insieme di sintomi, ovvero di segni osservabili. Autismo Sindrome, cioè un insieme di sintomi, ovvero di segni osservabili. LA STORIA E GLI APPROCCI I precursori Bleuler nel 1911 definisce autismo uno dei tratti della schizofrenia Negli anni 90 è ormai

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

Il Disturbo da deficit di Attenzione / Iperattività

Il Disturbo da deficit di Attenzione / Iperattività Il Disturbo da deficit di Attenzione / Iperattività (Dott.ssa Federica Fini, Psicologa centro A.I.D.A.I. Emilia Romagna e Marche) vbreve storia del DDAI v Classificazione v Epidemiologia v Eziologia v

Dettagli

Uso terminologico e campo di applicazione

Uso terminologico e campo di applicazione Uso terminologico e campo di applicazione Con il termine Disturbi evolutivi Specifici di Apprendimento (acronimo convenzionale: DSA) ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche, e in particolare

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE - IPERATTIVITA (ADHD) Parte teorica

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE - IPERATTIVITA (ADHD) Parte teorica IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE - IPERATTIVITA (ADHD) Parte teorica Dott.ssa Laura Bedin, psicologa presso Centro Diurno Archimede per minori con Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività, difficoltà

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON IPERATTIVITÀ E DI UN PERCORSO DI PARENT TRAINING RIVOLTO AI GENITORI Laura Vanzin,

Dettagli

FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI

FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI TORRISI A. M.*, DI GUARDO G.*, BUONO S. *, DI NUOVO S. ** * U.O di Psicologia I.R.C.C.S Oasi Maria SS **Università di Catania Dibattito

Dettagli

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva Cos è la Neuropsicologia E la disciplina che studia i rapporti tra cervello e funzioni cognitive. Disciplina che studia i rapporti tra il cervello (strutture

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Idisturbi specifici dell apprendimento sono causati da una diversità a livello cerebrale che influisce sul modo in cui le informazioni vengono ricevute, elaborate e comunicate. In tal modo i bambini e

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE FUNZIONI ESECUTIVE IN ETA EVOLUTIVA

LA VALUTAZIONE DELLE FUNZIONI ESECUTIVE IN ETA EVOLUTIVA Corso di Formazione La Valutazione Neuropsicologica in età evolutiva Padova, 9-10 ottobre 2009 LA VALUTAZIONE DELLE FUNZIONI ESECUTIVE IN ETA EVOLUTIVA Gabriella Bottini Chiara Piroddi - Pina Scarpa Dipartimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 PREMESSA Il progetto annuale è stato definito secondo il modello di programmazione per sfondo integratore. Il GIRO D

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com IL PROBLEMA DISLESSIA Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA La dislessia è una disabilità invisibile per questo i genitori

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

Rilevazione alunni con sospetto di ADHD ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVE DISTURB

Rilevazione alunni con sospetto di ADHD ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVE DISTURB Rilevazione alunni con sospetto di ADHD ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVE DISTURB Questionario richiesto alla scuola dall UST relativo a : MODALITA DI INTERVENTO (PROTOCOLLO) MAPPATURA DEGLI ALUNNI CON ADHD

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici

Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici Dr.ssa A.I.Decembrino Centro per la Diagnosi,la Cura e lo Studio dei Disturbi della Comunicazione e della Socializzazione UONPIA AUSL PARMA Fidenza,

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA A cura di C.M. Gentile Psicologo, Coordinatore Osservatorio Provinciale contro i Fenomeni della D.S. e per la promozione

Dettagli

DSA e BES: il ruolo della Scuola

DSA e BES: il ruolo della Scuola DSA e BES: il ruolo della Scuola Cesare Cornoldi Difficoltà e disturbi dell'apprendimento Laboratori LABDA/LIRIPAC Università di Padova Difficoltà vs disturbo La distinzione è intuitiva La distinzione

Dettagli

+ Modelli Neuropsicologici per l ADHD

+ Modelli Neuropsicologici per l ADHD + Modelli Neuropsicologici per l ADHD 1. Funzioni esecutive Inibizione Memoria di Lavoro 2. Percezione temporale 3. Rinforzo-motivazione Avversione per l attesa 4. Attivazione/Regolazione 5. Discontrollo

Dettagli

Attività psico-educative per sviluppare la concentrazione e l autoregolazione in bambini di età prescolare

Attività psico-educative per sviluppare la concentrazione e l autoregolazione in bambini di età prescolare Attività psico-educative per sviluppare la concentrazione e l autoregolazione in bambini di età prescolare Anna M. Re Università di Padova VII congresso AIDAI Padova, 14-16 maggio 2009 Sviluppare la concentrazione

Dettagli