a scuola di Protezione Civile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a scuola di Protezione Civile"

Transcript

1 Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia Circolo Didattico C. Baseggio - Marghera Classi III IV V Aprile 2008 A cura dei volontari del G.I.P.S. Corpo Forestale dello Stato Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia: i volontari l assistenza alla popolazione durante l emergenza e nelle evacuazioni 1

2 Alcuni si specializzano nell assistenza sanitaria Alcuni gruppi si occupano un po di tutto, altri invece si specializzano in compiti ben precisi 2

3 I Gruppi cinofili sono fatti da volontari che addestrano i cani I cani aiutano i volontari a cercare i dispersi o fare i salvataggi in mare 3

4 I volontari di Protezione Civile: la prevenzione e le esercitazioni I rischi del territorio: i rischi naturali e i rischi antropici Uno dei loro compiti più importanti è quello di insegnare agli altri cittadini (grandi e piccoli) come comportarsi in caso di emergenza. Il più importante dei rischi antropici: i l r i s c h i o i n d u s t r i a l e il trasporto delle merci pericolose Le industrie 4

5 Cosa si fa in caso di incidente? Come sappiamo se è avvenuto un incidente? Chiudersi in casa o raggiungere al più presto il più vicino locale al chiuso. Sigillare bene porte, finestre e prese d aria, con nastro adesivo o con panni bagnati. Sintonizzarsi sui canali TV e Radio per tenersi informati Le prese d aria,e gli impianti di riscaldamento e condizionamento devono essere chiusi Non telefonare se non in casi di estrema necessità. Le linee devono restare libere per i soccorritori I genitori non devono andare a prendere i bambini a scuola. Sono al sicuro e a loro pensano gli insegnanti. IL RISCHIO SISMICO: IL TERREMOTO I rischi naturali 5

6 Come ci comportiamo in caso di terremoto? Le zone sismiche in Italia Meglio restare al chiuso! 6

7 Come ci comportiamo in caso di terremoto? Come ci comportiamo in caso di terremoto? In casa non stiamo al centro della stanza Se siamo già fuori, cerchiamo spazi aperti! Allontaniamoci dalle finestre, o ripariamoci vicino ai muri portanti o sotto un tavolo dalla caduta di calcinacci o lampadari I punti sicuri in casa in caso di terremoto Il rischio vulcanico Un rischio naturale spesso difficile da prevedere e che può causare grandi danni 7

8 I vulcani in Italia I Campi Flegrei Il Vesuvio Lo Stromboli L Etna L Etna in attività eruzione del 2002 Lo Stromboli eruzione del 2007 La storia di Pompei 24 agosto 79 d.c. ore 10:00 8

9 Alle ore 12:00 un esplosione e tutti si voltano a guardare Dopo un ora inizia a piovere è pietra pomice La città è sommersa dalle ceneri Gli abitanti iniziano a fuggire All alba del giorno dopo la grande esplosione! 9

10 Un anno dopo Rimane un triste paesaggio lunare Anno 1250 Un suolo fertilissimo e qualche coccio antico che affiora 1800 : Si inizia a scavare per riscoprire la città di Pompei Pompei al giorno d oggi 10

11 Calchi di gesso di Pompei Come ci comportiamo in caso di eruzione vulcanica? Il rischio di incendi boschivi: un rischio naturale ma soprattutto antropico! 11

12 Raramente gli incendi possono scaturire spontaneamente dall autocombustione Certi incendi possono essere causati per distrazione! Evitiamo di abbandonare rifiuti nei boschi Evitiamo di accendere fuochi se non nelle aree appositamente attrezzate. Attenzione ai mozziconi di sigaretta accesi gettati dal finestrino Gli incendi dolosi: quelli peggiori!! Come ci comportiamo in caso di incendio boschivo? Cerca una via di fuga sicura: una strada, un corso d acqua. Non sostare in luoghi verso i quali soffia il vento Telefona subito al 1515 per dare l allarme se avvisti delle fiamme o anche solo fumo L incendio non è uno spettacolo! Non sostare lungo le strade. Devono restare libere per l arrivo dei vigili del fuoco 12

13 Le alluvioni: un rischio che ci riguarda molto da vicino! Le cause naturali Le piogge sono un fenomeno naturale. A volte però le precipitazioni possono essere particolarmente violente Perché l alluvione è anche un rischio antropico? Le aree verdi o i campi coltivati intorno ai canali e ai fiumi sono utili per assorbire l acqua in caso di piena dei corsi d acqua Il clima della Laguna di Venezia è molto particolare: forti precipitazioni unite alle correnti calde dei primi mesi dell autunno possono causare delle vere e proprie alluvioni Troppo cemento nelle nostre città, la scarsa manutenzione del sistema fognario eliminano queste aree naturali di raccolta delle acque in caso di forti piogge 13

14 La nostra storia: l alluvione di Venezia del 66 La nostra storia: l alluvione di Venezia del 66 La nostra storia: l alluvione di Venezia del 66 La nostra storia: l alluvione del 26 settembre

15 La nostra storia: l alluvione del 26 settembre 2007 La nostra storia: l alluvione del 26 settembre 2007 QUANDO ARRIVA: L ALLERTA METEO La nostra storia: l alluvione del 26 settembre 2007 L ARPAV e il radar di Teolo 15

16 Come ci teniamo informati prima che arrivi un alluvione? SMS Gastone Le previsioni Meteo in TV alla radio Sito Internet del Comune di Venezia e con il passaparola! L immagine del radar la mattina del 26 settembre Prima dell alluvione: proteggiamo gli ingressi con sacchi di sabbia Prima dell alluvione: proteggiamo le nostre cose svuotando le cantine e i garage 16

17 Prima dell alluvione: proteggiamo le nostre cose svuotando le cantine e i garage Prima dell alluvione: proteggiamo le nostre cose svuotando le cantine e i garage Era meglio portarla fuori dal garage prima! Durante l alluvione: se non corriamo il rischio di allagamento è meglio restare in casa! 17

18 E preferibile chiudere il gas e staccare la corrente elettrica se c è pericolo di allagamento. Se il piano terra rischia di allagarsi andiamo ai piani superiori Il telefono va usato solo per le reali emergenze! e offriamo ospitalità a chi ha bisogno di aiuto 18

19 E se sei in strada? Non avventurarti su ponti o in prossimità di canali In auto procedi lentamente e quando puoi fermati e lascia l auto in un posto sicuro Non intasare le strade: sono necessarie per i mezzi di soccorso Indossa abiti e calzature che proteggano dall acqua Attenzione ai sottopassi! Soprattutto se sei in auto Dopo l alluvione: se le autorità lo consigliano, non bere l acqua dal rubinetto Il ritorno alla normalità: continuiamo a tenerci informati 19

20 Puliamo e disinfettiamo tutte le superfici che sono state esposte all acqua di inondazione Dopo l alluvione: qualche precauzione! Il compito di ognuno di noi: l auto-protezione! Non utilizzare le apparecchiature elettriche che sono state esposte all acqua prima della verifica da parte di un tecnico Non consumare gli alimenti anche se confezionati che sono stati esposti all acqua 20

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Volontari Senza Frontiere - Pescara 1 CONOSCERE I RISCHI DEL TERRITORIO IN CUI VIVIAMO TERREMOTI FRANE

Dettagli

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Illustrazione al Consiglio delle bambine e dei bambini Pescara, 20 dicembre 2006 CONOSCERE I RISCHI DEL

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde Protezione Civile Direzione Protezione Civile LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 COS E LA PROTEZIONE CIVILE? Il termine protezione

Dettagli

A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili

A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili Norme di salvaguardia da rispettare in caso di incendi boschivi Legge quadro 353/2000. Periodo di riferimento 15 giugno

Dettagli

Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione

Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Comune di Caldogno - Piano di Protezione Civile Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Dott. Stefano Guderzo Dicembre 2011 Prevenzione del rischio idraulico ATTIVITA STRUTTURALI

Dettagli

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE Comune di Loano Prov. di Savona PROTEZIONE CIVILE NORME DI AUTOPROTEZIONE REDAZIONE: S.T.A. Progetti S.R.L Società di IngegneriaTerritorio Ambiente Corso Monte Grappa, 19/2 16137 Genova Tel. 010 25 18

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE NORME DI COMPORTAMENTO Cos è la Protezione Civile? Con la Protezione Civile si intendono tutte le strutture e le

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE

COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE per una cultura della sicurezza _ COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE Sapere se la zona in cui si vive, si svolge l attività lavorativa o si soggiorna, è

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE PIANO DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Bondone Il Piano di Protezione Civile del Comune di Bondone, ai sensi della vigente normativa provinciale, definisce l'organizzazione dell'apparato di Protezione civile

Dettagli

I rischi in Italia. Cerca riparo. Non precipitarti fuori. Chiudi gli interruttori. Ferma il veicolo

I rischi in Italia. Cerca riparo. Non precipitarti fuori. Chiudi gli interruttori. Ferma il veicolo Sismico Se si vive in zone soggette a fenomeni sismici occorre adottare alcuni comportamenti che saranno utili in caso di emergenza e per la salvaguardia della propria incolumità. Una casa costruita o

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE

MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE Le misure di autoprotezione indicano i comportamenti corretti da attuare in caso di emergenza. Sapere se la zona in cui si vive, si svolge l attività lavorativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE

COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE Scheda 1 Presentazione RECAPITI UFFICI COMUNALI Comune di Codognè via Roma 2 31013

Dettagli

Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico

Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico Comune di Ventimiglia Provincia di Imperia UFFICIO PROTEZIONE CIVILE D.G.R. n. 746 del 9 luglio 2007 Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico In occasione della dichiarazione

Dettagli

Incendi in Montagna. (Tratto dal "Corpo Forestale dello Stato")

Incendi in Montagna. (Tratto dal Corpo Forestale dello Stato) Incendi in Montagna "Gli incendi boschivi sono sempre insidiosi e basta un repentino cambiamento della direzione del vento per creare una trappola mortale anche per coloro che sono stati addestrati espressamente

Dettagli

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali.

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali. Progetto P.RI.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Novembre 2010 Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Forestale dello Stato Comando Regionale dell Emilia-Romagna Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco Direzione Regionale dell Emilia-Romagna Cos

Dettagli

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio.

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio. Per Rischio Industriale si intende la possibilità che in seguito ad un incidente rilevante presso un insediamento industriale si sviluppi un incendio, un esplosione o una nube tossica, coinvolgente una

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE 1 APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE IN CASO DI EMERGENZA VENGONO MESSE IN EVIDENZA LE ATTIVITÀ DA SVOLGERE DA PARTE DELLA DITTA

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

Capitolo 5 INFORMAZIONE

Capitolo 5 INFORMAZIONE Comunità Collinare Alto Astigiano Piano di Protezione Civile Intercomunale Aggiornamento 2011 Capitolo 5 INFORMAZIONE INDICE PARTE 5 INFORMAZIONE... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 La Comunicazione durante la

Dettagli

P.Ri.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria. Report di ricerca. Dicembre 2010

P.Ri.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria. Report di ricerca. Dicembre 2010 P.Ri.S.M.A Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Report di ricerca Dicembre 2010 Gli italiani hanno vissuto in misura maggiore l alluvione mentre gli austriaci hanno avuto

Dettagli

Le norme di comportamento per la popolazione

Le norme di comportamento per la popolazione Le norme di comportamento per la popolazione Norme di comportamento per la popolazione Si illustrano, nel seguito, le norme di comportamento generali da attuare in situazione di emergenza, a prescindere

Dettagli

Comune di Capraia e Limite

Comune di Capraia e Limite Comune di Capraia e Limite Protezione Civile Misure di auto protezione e norme elementari di comportamento in caso di calamità naturali Numeri telefonici utili PROT. CIVILE COMUNALE 0571 97811/34/39/42

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE Informazioni e buone norme di comportamento in caso di emergenza

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE Informazioni e buone norme di comportamento in caso di emergenza Assessorato alla Protezione Civile MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE Informazioni e buone norme di comportamento in caso di emergenza Rischio idrogeologico (alluvioni, frane) Rischio sismico Rischio incendio

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Poggio Berni Santarcangelo di Romagna Torriana Verucchio PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE PARTE GENERALE DOCUMENTO Allegato 8: Norme comportamentali FILE RG_Allegato8_Norme

Dettagli

Norme comportamentali per emergenze

Norme comportamentali per emergenze Norme comportamentali per emergenze www.protezionecivilecomunale.fermo.it COS E LA PROTEZIONE CIVILE? E un sistema composto da Istituzioni e Strutture Operative che concorrono, in base alle rispettive

Dettagli

LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE NORME COMPORTAMENTALI

LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE NORME COMPORTAMENTALI Questa mostra mette in evidenza le criticità del territorio bene comune fornendo indicazioni su come mitigarle e superarle. LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE GENERALI In caso di calamità è utile avere in

Dettagli

A scuola per la Prevenzione

A scuola per la Prevenzione Provincia di Brindisi Settore Protezione Civile In collaborazione con: Polizia Stradale Brindisi A scuola per la Prevenzione 118 Brindisi Servizio Civile Nazionale I Rischi Naturali: caratteristiche e

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011 Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile Prefettura di Taranto 6 dicembre 2011 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO 27 febbraio 2004 (G.U. 11-3-2004

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI Normalmente poco considerato nei cantieri. Tuttavia possono costituire fonte di innesco con conseguenze devastanti: - Uso fiamme libere per operazioni di impermeabilizzazioni

Dettagli

CONSIGLI E SUGGERIMENTI COME AFFRONTARE IN SICUREZZA UNA EMERGENZA CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI

CONSIGLI E SUGGERIMENTI COME AFFRONTARE IN SICUREZZA UNA EMERGENZA CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI CONSIGLI E SUGGERIMENTI COME AFFRONTARE IN SICUREZZA UNA EMERGENZA CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI 1 Èuna situazione, un fatto o una circostanza imprevista di pericolo che costringe quanti

Dettagli

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas)

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) ALLEGATO 4 NORME GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) DESTINATARIO: VISITATORI, PERSONALE

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza n u m e r i u t i l i Comune Santo Stefano di Magra Centralino 0187 697111 Polizia Municipale 0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

Un messaggio per la vita

Un messaggio per la vita Questura di Trento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato alla Salute e Politiche Sociali Associazione Abbattimento barriere della Comunicazione Trento SERVIZIO D'EMERGENZA DEDICATO AI SORDI Un messaggio

Dettagli

TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI. CM 62476D Edizione fuori commercio

TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI. CM 62476D Edizione fuori commercio TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI CM 62476D Edizione fuori commercio TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI Progettazione editoriale:

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 1 di 5 ALLEGATO 15 Misure di autoprotezione della Popolazione PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 2 di 5 Generalità Le azioni che le persone devono compiere, e quelle che devono evitare,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA

PROCEDURA DI EMERGENZA PROCEDURA DI EMERGENZA Premessa Il piano di emergenza ha lo scopo di consentire la gestione degli scenari incidentali ipotizzati pianificando una o più sequenze di azioni atte a ridurre le conseguenze

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

Dal documentario di Piero e Alberto Angela

Dal documentario di Piero e Alberto Angela Dal documentario di Piero e Alberto Angela Elaborato di Mattia C, Margherita e Marco. 1B Pompei e le altre città Pompei fu fondata intorno all VIII secolo a.c. dagli Oschi che si insediarono, distinti

Dettagli

Servizio di Protezione Civile

Servizio di Protezione Civile COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia Servizio di Protezione Civile Parliamo di Protezione Civile In Italia il Servizio Nazionale della Protezione Civile è costituito da una pluralità di Amministrazioni,

Dettagli

LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS. oggi, 7. .c'~niormuti. %!?T,l:i& Sicuri Domani, q

LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS. oggi, 7. .c'~niormuti. %!?T,l:i& Sicuri Domani, q LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS.c'~niormuti -- %!?T,l:i& Sicuri Domani, q,, I 1 oggi, 7 PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VENEZIA Per ridurre al minimo il rischio inda,istriale

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVI 1) Affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica. 2) Pianificare le azioni necessarie per proteggere

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA )

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA ) COMUNE di ROVITO ( prov. di COSENZA ) MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA ) COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA a) Se durante il terremoto si è in casa. COSA FARE? E necessario

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

INFORMAZIONE PROPEDEUTICA

INFORMAZIONE PROPEDEUTICA INFORMAZIONE PROPEDEUTICA Il Comune di Modena è dotato di un Servizio di Protezione Civile che si trova in via Santi, 40 e fa capo al Settore Ambiente e Protezione Civile Servizio Risorse, Territorio e

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE Il comportamento corretto e prudente di ognuno è la migliore forma di prevenzione contro gli infortuni. QUINDI: Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc..

Dettagli

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo LA TELEFONATA E L INTERVENTO, QUALUNQUE ESSO SIA, SONO COMPLETAMENTE GRATUITI È molto importante

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas

Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas IL-4G.105 Ed. 31.08.2013 Versione ridotta Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas Intervento di primo soccorso sul luogo dell incidente 1. Individuare il luogo dell incidente e isolare la zona con

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

C E INCENDIO E INCENDIO

C E INCENDIO E INCENDIO C E INCENDIO E INCENDIO Generalmente si distinguono due tipi di incendio per stabilire chi deve intervenire per lo spegnimento: incendi che bruciano le cose dell uomo - si chiama ed intervengono i incendi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS VIA GRAMSCI, 4 MASSA FISCAGLIA (FE) PIANO DI EMERGENZA ALUNNI E PERSONALE RELATIVAMENTE ALL'ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Classi: 2a 3a 4a 5a Alunni:

Dettagli

Sostanze presenti nello stabilimento

Sostanze presenti nello stabilimento COMUNE DI COTIGNOLA COMUNE DI BAGNACAVALLO EDISON STOCCAGGIO Spa Stabilimento San Potito e Cotignola Stoccaggio Impianti ubicati nei Comuni di Bagnacavallo, Cotignola e Faenza (RA) SCHEDA DI INFORMAZIONE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA

LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA Comune di Almese Polizia Municipale LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA 1 LA PROTEZIONE CIVILE IL SERVIZIO NAZIONALE E LOCALE PER LE EMERGENZE In Italia la Protezione Civile è un servizio nazionale organizzato

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

Manuale di Protezione Civile

Manuale di Protezione Civile Manuale di Protezione Civile Conoscere di più la natura di rischi potenziali o in atto sul territorio può consentire una sempre più incisiva azione di prevenzione e diviene condizione imprescindibile per

Dettagli

MATERIALE DIDATTICO. cl.1^ scuola Primaria

MATERIALE DIDATTICO. cl.1^ scuola Primaria MATERIALE DIDATTICO cl.1^ scuola Primaria FINALITA Guidare l alunno a costruire dentro di sé atteggiamenti di responsabilità, autocontrollo, esame della realtà, valutazione del rischio, coscienza dei propri

Dettagli

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE I.P.A. Ingegneria per l Ambiente AULA 1 ½ dalle 9.00 13.00 o dalle 14.00 18.00 INTERA dalle 9.00 13.00 e dalle 14.00 18.00 SERALE dalle 18.00 alle 22.00 AULA 2 ½ dalle

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA Terremoti Un terremoto è un movimento oscillatorio del suolo causato da tre eventi consecutivi: 1. movimenti in particolari zone della crosta terrestre*

Dettagli

PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA

PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia Comune di Gemona del Friuli Squadra Comunale Volontari P.C. e A.I.B. di Gemona del Friuli PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA anch io sono la protezione civile:

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MARISCOGLIO PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MARISCOGLIO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MARISCOGLIO PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA MARISCOGLIO Via Venezia Giulia, 2 PISA

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

Opuscolo informativo

Opuscolo informativo Istituto Comprensivo 1 Leonardo da Vinci Settala, lì 12/10/2015 Prot. n. 4851/A1b cir int. n. 47 C23 ALL ALBO DEL PLESSO Opuscolo informativo *PIANO DI EMERGENZA ESTERNO Ai sensi degli artt. 8 e 20 del

Dettagli

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 Arch. Cristina Maiolati Salute e I.I.S Via delle Sette Chiese Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 LA PREVENZIONE DEI RISCHI È volta a fornire alcune brevi indicazioni

Dettagli

EVENTO N. 2 INCENDIO BOSCHIVO GRUPPO AZZURRO

EVENTO N. 2 INCENDIO BOSCHIVO GRUPPO AZZURRO EVENTO N. 2 INCENDIO BOSCHIVO GRUPPO AZZURRO Maestre Alunni Ass/ne di Volontariato Strutture Operative chiamate a intervenire Regione Toscana Corpo Forestale dello Stato Provincia Mezzi impiegati elicottero

Dettagli