Esperienza di un trattamento. evolutiva. Experience o f n e u r o p sy c h o l o g i c a l-sublexical integrated treatment f o r

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienza di un trattamento. evolutiva. Experience o f n e u r o p sy c h o l o g i c a l-sublexical integrated treatment f o r"

Transcript

1 r i e n t a m e n t i d e l l a r i c e r c a Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgicsublessicale per la dislessia evlutiva Carla Mgentale e Claudia Chiesa L studi ffre un cntribut alla ricerca sull efficacia e sull efficienza dei trattamenti per la dislessia evlutiva. In particlare, viene illustrat un mdell di trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale che prevede di lavrare sia sulle abilità di decdifica (crrettezza e rapidità di lettura) sia sulle cmpnenti neurpsiclgiche di base che fann da prerequisit all acquisizine degli apprendimenti sclastici, cme l attenzine e la memria verbale e visu-spaziale. La ricerca che ha cinvlt sggetti, inclusi in un range di età che va dal secnd ann della scula primaria al terz ann della scula secndaria di prim grad, evidenzia migliramenti statisticamente e clinicamente significativi sia della velcità che della crrettezza di lettura. Inltre, si riprta la significatività statistica dei migliramenti ttenuti anche nelle cmrbidità presenti nei sggetti, quali disrtgrafia e discalculia, senza che esse sian state ggett di trattament, dirett e nelle cmpnenti neurpsiclgiche di attenzine e memria verbale e visu-spaziale. Parle chiave: dislessia, trattament neurpsiclgic, trattament sublessicale, cmrbidità. Experience f n e u r p sy c h l g i c a l-sublexical integrated treatment f r develpmental dyslexia Summary This paper ffers a cntributin t the research abut effectiveness and efficiency f develpmental dyslexia treatment. A neurpsychlgical and sublexical integrated treatment has been applied, in rder t imprve bth reading ability Edizini Ericksn Trent Vl. 6, n. 2, maggi 29 (pp ) 239

2 Vl. 6, n. 2, maggi 29 (accuracy and speed) and the neurpsychlgical cmpnents that are prerequisites fr learning, such as attentin, verbal memry, and visual spatial memry. The study invlved 31 subjects, frm secnd year f primary schl t eighth grade f secndary schl and shws statistical and clinically significant imprvements in bth reading speed and accuracy. Mrever, statistical significance is reprted abut imprvements in cmrbid disrders, such as dysgraphia and dyscalculia, that weren t treatment issues, and in attentin, verbal and spatial memry. Keywrds: dyslexia, neurpsychlgical treatment, sublexical treatment, cmrbidity. Intrduzine Definizine di dislessia Secnd la definizine di Lyn et al. (24), la dislessia è una delle numerse disabilità dell apprendiment. È un disturb specific su base linguistica di rigine cstituzinale, caratterizzat da difficltà nella decdifica di single parle, e di slit riflette un insufficiente elabrazine fnlgica. Queste difficltà sn spess inattese in rapprt all età e ad altre abilità cgnitive e sclastiche e nn derivan da una disabilità evlutiva generalizzata da una menmazine sensriale. La dislessia si manifesta cn una difficltà variabile in diverse frme di abilità linguistica: incapacità di leggere il test scritt in md fluente, accurat e cn un bun livell di cmprensine, e spess, prblemi nell acquisizine di una scrittura efficace ed efficiente. Spess il bambin dislessic ha difficltà a imparare alcune infrmazini in sequenza cme le lettere dell alfabet, i girni della settimana, i mesi dell ann, le tabelline e può presentare difficltà anche a livell spazi-temprale e in alcune abilità mtrie. La dislessia può prtare a una ridtta pratica della lettura che può impedire la crescita del vcablari e della cnscenza generale e inltre il bambin può perdere la fiducia in se stess e sviluppare prblemi a livell cmprtamentale e/ emtiv. Mlti sggetti dislessici presentan inltre altri disturbi in cmrbidità in altre aree cgnitive e sclastiche cme l attenzine, la matematica e/ la scrittura (Gaglian et al., 27). Diversi autri hann evidenziat nel temp un imprtante cmrbidità tra DSA e ADHD (stttip attentiv), disturbi della cndtta e disturb ppsitiv prvcatri, disturb d ansia (generalizzata e specifica), disturbi depressivi (distimici) cn percentuali che sembran mediate da sess ed età. Vengn riprtati quadri che presentan fattri di cmrbidità tra disturbi specifici di apprendiment e altri disturbi neurpsiclgici. È il cas di bambini che asscian al prfil di dislessia un disturb di linguaggi e di bambini cn difficltà prassiche e/ 24

3 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva visu-spaziali. Penge (22), riprtand dati epidemilgici relativi alla pplazine italiana, rivela che circa l 11% dei bambini dislessici presenta un disturb visu-prassic assciat e ben il 61% un disturb linguistic. Questa percentuale csì alta di difficltà linguistiche assciate si suddivide a sua vlta in disrdini di tip metafnlgic (46%), metalinguistici (28%) e misti per i rimanenti casi. Evluzine nel temp del disturb Cn l svilupp, i lettri dislessici pssn miglirare l accuratezza nella lettura delle parle, ma la lr lettura resta disfluente e quindi lenta e faticsa. Anche dp la scula primaria, infatti, persistn lentezza ed errri nella lettura, che rendn difficltsa la cmprensine del test scritt. Per quant riguarda l epidemilgia del disturb, la dislessia riguarda il 3-5% della pplazine in età sclare e almen l 8% della pplazine cn disturbi dell apprendiment. Secnd Ghidni e Angelini (28), circa due dislessici su tre in Italia nn vengn diagnsticati durante il percrs sclastic. La mancata attuazine nelle scule di pprtune misure facilitanti e di un crrett apprcci al particlare stile di apprendiment che la dislessia cmprta è causa di insuccess sclastic e nn eccezinalmente, anche se in misura difficilmente quantificabile, di dispersine sclastica da parte di studenti altrimenti capaci di nrmali e anche ttimi sviluppi in camp prfessinale e sciale. Secnd alcuni autri (Wilcutt e Penningtn, 2) nei sggetti preadlescenti e adlescenti cn DSA sn presenti, cn percentuali variabili a secnda delle casistiche, dal 3 al 5% di disturbi psichiatrici (ansia da prestazine, ansia sciale, fbia sciale) in assciazine a un percrs sclastic accidentat, svilupp di scarsa autstima e scarsa mtivazine ad apprendere, abbandn della scula cn maggir frequenza dei cetanei (McNulty, 23) e, per finire, difficltà nell instaurare relazini adeguate cn i pari (Hatcher et al., 22). Viste le ricadute imprtanti della dislessia su più aspetti dell individu diventa dunque asslutamente priritari sperimentare trattamenti che permettan una visine multicmpnenziale del disturb e che nn si rivlgan alla pura lettura ma a gni cmpnente neurpsiclgica, psiclgica e sciale che pssa influenzare e c-determinare l evluzine futura del disturb in una lgica in base alla quale la dislessia può causare disadattament ma in una relazine nn lineare, per cui il cncett di riabilitazine deve essere cncepit cme un equilibri tra trattament, abilitazine e prmzine di fattri di prtezine ad ampi spettr (Rurke e Fuerst, 1995). La velcità nell ttenere dei risultati riabilitativi, la pervasività e generalizzazine del success ttenut al miglirament dei deficit stessi, alle prestazini sclastiche e all immagine psitiva di sé, devn dunque essere l biettiv del trattament riabilitativ che rivede nel termine di «riabilitazine» la più riginaria definizine di «trattament in grad di miglirare significativamente la vita della persna». 241

4 Vl. 6, n. 2, maggi 29 Basi neurpsiclgiche sttstanti a diversi disturbi dell età evlutiva Studi presenti in letteratura dann rilevanza ad alcuni aspetti caratteristici del prfil neurpsiclgic dei sggetti dislessici cme cncause del perdurare delle difficltà sclastiche cnseguenti a deficit di lettura nnstante l evluzine psitiva, tramite trattament, nei parametri di lettura per liste di parle e nn-parle (Penge, 28). Utile appare allra una breve disamina dei crrelati neurpsiclgici della dislessia e degli altri disturbi dell apprendiment. 1. Presenza di disturbi visu-percettivi nella dislessia. Alcuni studi (ad esempi, Best e Demb, 1999) asscian la dislessia a prblemi visu-percettivi cn implicazini della via magncellulare. 2. Presenza di difficltà a livell di memria di lavr verbale nella dislessia e nella disrtgrafia. Mann et al. (198) miser a cnfrnt sggetti dislessici cn lettri cmpetenti, per quant riguardava la lr capacità di mantenere nella memria a breve termine infrmazini verbali. I risultati indicarn che la prestazine dei primi era significativamente inferire rispett a quella ttenuta dai secndi. E ciò nn stupisce vist che l infrmazine verbale è mantenuta in memria in maniera più efficiente, quand essa venga cdificata fnlgicamente. E vist che prpri quest sembra essere il prblema dminante dei dislessici e dei cattivi lettri, ne segue che la lr prestazine risultava nettamente inferire rispett al grupp di cntrll. Tali dati, pi, cnvergn cn quelli ttenuti da Shepherd e Urly (1993). Questi autri chieser a un grupp di allievi, dislessici cattivi lettri, di ripetere delle frasi e stringhe di parle, prive di cllegament reciprc. La ripetizine delle frasi fu effettuata cn un numer di errri clamrsamente inferire a quell che caratterizzò invece la ripetizine delle parle scllegate. Ancra una vlta, la spiegazine sembra risiedere sulla carente capacità di questi cattivi lettri nell elabrare una cdifica fnlgica. Altri studi (Rack, 1985) hann dimstrat che i dislessici, per ricrdare le parle, userebber più le caratteristiche visive rtgrafiche che le caratteristiche fnetiche, essend il lr deficit mnestic specific per quant riguarda la memria fnlgica. Deficit di cnsapevlezza fnlgica sn stati riscntrati anche da Bradley e Bryant (1983). Nella recente letteratura sull acquisizine del linguaggi scritt è stat accertat che le capacità metafnlgiche sn la chiave di access all acquisizine del cdice alfabetic e delle perazini di cnversine fnema-grafema. Piché un degli aspetti della cnsapevlezza fnlgica sarebbe la capacità di segmentare le parle in sillabe e in fnemi, capacità che implica la memria verbale, queste due funzini sarebber crrelate nell acquisizine della lettura e nella sua patlgia. In adlescenti/adulti cn dislessia vengn riprtati deficit in test di wrking memry (span, tken test) specialmente della cmpnente «central executive» (Chen-Mimran e Sapir 27; Smith-Spark e Fisk 27) a testimnianza del perdurare, se nn trattat, del prblema di memria di lavr in età adulta. Tra i test che si dimstran più sensibili nel differenziare dislessici adulti dai cntrlli sembra emergere prpri un dei principali cmpiti di memria di lavr quale l span invers (Ghidni e Angelini, 28). 242

5 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva 3. Presenza di difficltà attentive nella dislessia. È nt in letteratura che i sggetti dislessici presentan spess particlari difficltà nei cmpiti di fcalizzazine dell attenzine (Facetti, Turatt, 2; Facetti e Mlteni, 21). Ulteriri studi hann rilevat cme nei dislessici sia presente nn sl una difficltà nell rientament attentiv (Facetti et al. 2) ma si evidenzi anche un asimmetria nei cmpiti di ricerca visiva (Eden et al., 1993). Tali asimmetrie sn state ulterirmente indagate cnfermand l iptesi di un sbilanciament del fuc attentiv assciat alla dislessia (Facetti, 21). Bens (24) ritiene che nei dislessici sia raginevle iptizzare che l anmalia riscntrata a livell del fuc attentiv sia di tip più svrardinat alla mdalità sensriale, quindi da far risalire a livell vicin al prcessre centrale più amdale. L idea di base che si rifà al mdell che discende da Mscvitch e Umiltà (199) resta quella dell assciazine di un disturb mdulare e di un malfunzinament di alcune funzini esecutive nei dislessici. La dislessia, secnd questi autri, ptrebbe dunque ricevere una spiegazine partend dai fenmeni attentivi cme base sttstante del disturb, ferm restand che, data la multicmpnenzialità del sistema esecutiv, la diversificazine degli aspetti attentivi, i diversi sttsistemi cinvlti nella cmplessità del mdul di lettura, mlti e diversi sarann i tipi di dislessici e le cause sttstanti alla dislessia. Prfil neurpsiclgic dei discalculici Vi sn diverse iptesi interpretative presenti in letteratura relativamente alla cmrbidità tra dislessia e discalculia. Hitch e McAuley (1991) iptizzan che dislessia e discalculia sian determinate da un singl fattre sttstante, cmune a entrambe, identificabile nella memria di lavr. Altri ricercatri, pur cndividend l idea che a prvcare le difficltà sia un singl fattre, si rientan sulla rapidità di elabrazine dell infrmazine (Kail, 1992); altri ancra sulla capacità di autmatizzazine (Fawcett e Niclsn, 1994). Queste iptesi, che identifican in un unic fattre la causa della dislessia e dei disturbi crrelati, ptrebber risultare utili per tentare una spiegazine di diverse e cncmitanti difficltà. Geary (1993) a quest prpsit cnferma che le difficltà di prcessament numeric dei bambini cn discalculia sn svrappnibili alle difficltà di prcessament di materiale nn numeric, cme evidenziat da latenze sservate nella denminazine sia di cifre che di lettere, presentate al cmputer, e da altre evidenze. Secnd Temple (1992) esiste la pssibilità, ma nn la necessità, che dislessia e discalculia sian cmpresenti. L element relativ alla cmrbilità tra dislessia e discalculia è mlt cntrvers: i casi descritti di discalculici nn dislessici sn limitatissimi, mentre nella pratica clinica i segni di discalculia evlutiva sn quasi sempre assciati alla dislessia, per quant a vlte cmpensata e quindi riscntrabile slamente attravers un specific inquadrament neurpsiclgic. Se si cambia il punt di sservazine, si può ntare che in circa il 6% dei casi i bambini dislessici presentan anche una discalculia evlutiva (Badian 1983; Miles e Miles, 1992) difficltà nei cmpiti di prcessament numeric. 243

6 Vl. 6, n. 2, maggi 29 Mrrisn e Siegel (1991) trvan che nei discalculici cn dislessia e/ disrtgrafia si rilevan spess deficit in cmpiti di memria verbale a breve termine e di lavr. Nei puri discalculici sn più frequenti le difficltà in cmpiti visu-percettivi e visu-spaziali. Nella sua rassegna sulle disabilità in matematica Geary (1993) individua tre stttipi di disturb: il prim cn prevalente deficit nella memria verbale, spess assciat a difficltà di lettura, il secnd e il terz cn deficit specifici rispettivamente prevalenti nelle prcedure di calcl e nelle abilità visu-spaziali, cnfermand i dati di Mrrisn e Siegel. Shalev, Manr e Grss-Tsur (1997) al cntrari nn identifican differenze nel prfil neurpsiclgic dei lr sggetti cn discalculia pura e discalculia assciata a dislessia. L unica differenza che segnalan a caric del grupp di sggetti cn disturb in cmrbidità sn le prestazini inferiri rispett al campine cn sla discalculia nel calcl e nel recuper di fatti numerici. La cndizine assciata di dislessia e discalculia determinerebbe pertant un quadr clinic più grave rispett alla manifestazine del disturb islat. Gersten, Jrdan e Flj (25) cnferman i dati di Shalev e cllabratri. Secnd questi autri da questi dati emergerebbe che l assciazine tra discalculia e dislessia cmprta una maggire gravità del disturb di calcl e una minre capacità di recuper e che spess ma nn sempre i due disturbi hann in cmune una difficltà di memria verbale. Landerl, Bevan e Butterwrth (24) evidenzian in un lr studi cme nn vi sia nessuna differenza tra sggetti del terz ann della primaria cn sl discalculia e discalculia cn dislessia nel recuper di fatti numerici, valre psizinale e calcl scritt e nessuna differenza tra sggetti di 8 e 9 anni cn discalculia e discalculia più dislessia in cmpiti quali recuper di fatti numerici, cnteggi in avanti e indietr, dettat di numeri, cnfrnt di quantità entr il 9. Hanich et al. (21) trvan che i bambini del secnd ann della primaria cn discalculia ma senza dislessia hann una prestazine miglire rispett ai discalculici dislessici nelle aree che ptrebber essere mediate dal linguaggi ma nn in quelle legate alla grandezza numerica, al prcessament visu-spaziale e all autmatizzazine. Dunque, secnd questi autri ci sarebbe una relazine tra dislessia e cnteggi verbale ma nn nel recuper dei fatti numerici e nella stima di grandezza quantitativa. Rsati, Lucangeli e Tressldi (27) in un lr studi trvan che i prfili dei bambini cn discalculia pura e discalculia assciata a dislessia nn eran per niente differenziabili tra lr, cnfermand ancra una vlta la mancanza di difficltà di calcl cstantemente assciate a dislessia. Secnd questi autri ne cnsegue che per ra nn si evidenzian cause cmuni ai sintmi della dislessia e della discalculia. Data la presenza in letteratura di psizini ancra cntrastanti relativamente al prfil neurpsiclgic sttstante ai diversi disturbi dell apprendiment, alle cause di tali disturbi e agli strumenti diagnstici più indicati per rilevarne la presenza, per cui nn appain in alcun md cnfrntabili i diversi studi; appare cmunque interessante esplrare l apprt di un indagine neurpsiclgica e di un cnseguente trattament neurpsiclgic cme base per miglirare autmatizzare prcessi attentivi e mnestici che, in rapprt causale men cn i disturbi dell apprendiment, risultan cmunque determinanti al fine di cstituire i prerequisiti degli apprendimenti stessi, favrendne l acquisizine e cndizinandne l evluzine psitiva futura. 244

7 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva Il trattament della dislessia evlutiva In letteratura esistn pchi dati sui risultati dei trattamenti per miglirare la lettura nei sggetti dislessici, sia per la difficltà nel cndurre studi lngitudinali, sia per la scarsa abitudine di mlti clinici di raccgliere dati dalla lr pratica in md da pter essere utilizzati per la ricerca (Tressldi et al., 23). Per quant riguarda la letteratura internazinale, Swansn nel 1999 e Chard, Vaughn e Tyler nel 22, hann presentat due meta-analisi delle ricerche cndtte quasi esclusivamente per la lingua inglese. Swansn (citat in Tressldi et al., 23) distingue tra gli interventi educativi pubblicati dal 1963 al 1997 quelli basati su tecniche di istruzine diretta e quelli basati su tecniche di istruzine strategica e rivlti al miglirament della crrettezza nella lettura di parle e della cmprensine del test in bambini cn diagnsi di disturb dell apprendiment sclastic: i cambiamenti maggiri si ttengn cn prcedure di istruzine diretta per il recuper dell accuratezza e cn prcedure miste per il recuper della cmprensine. Chard, Vaughn e Tyler (citat in Tressldi et al., 23) invece presentan una rassegna degli studi pubblicati dal 1975 al 2 aventi cme scp quell di miglirare la fluenza della lettura dei sggetti cn difficltà di apprendiment. Questi autri trvan che gli apprcci più efficaci eran quelli che frnivan mdelli espliciti sul cme leggere e quelli che ffrivan ripetute pprtunità di leggere testi familiari cn feedback facilitanti. Questi dati che emergn dalla letteratura internazinale si rilevan sl in parte utili per la lingua italiana che, a differenza di quella inglese, è una lingua a rtgrafia trasparente, dve la crrispndenza tra rtgrafia e fnlgia è mlt reglare. Secnd alcuni autri (ad esempi, Landerl, Wimmer e Frith, 1997, in Cazzaniga et al., 25), la padrnanza dell abilità di decdifica nei linguaggi cn rtgrafie reglari è megli evidenziata dalla velcità di lettura che dall accuratezza. Stella e Cerruti Bindin (22) hann presentat dei dati lngitudinali dimstrand cme, sia per i nrmlettri che per i dislessici italiani, ci sia un aument della velcità di lettura dalla secnda classe della scula primaria alla terza della secndaria di prim grad. Tuttavia, mentre nella secnda classe della scula primaria la differenza tra nrmlettri e dislessici è in media di 1,36 sill./sec., alle scule secndarie di prim grad è di 2,5 sill./sec. Questa evluzine è cerente cn l iptesi che, per le rtgrafie reglari, i nrmlettri acquisiscan mlt rapidamente l abilità di decdifica, mentre i dislessici evidenzin difficltà nel padrneggiare e nell autmatizzare le cnnessini tra rappresentazini rtgrafiche e fnlgiche. Questa inefficienza su base strutturale può essere parzialmente superata cn pprtuni percrsi di trattament. I trattamenti più cnsciuti per la dislessia evlutiva (revisine in Tressldi et al., 23) sn: 1. trattament percettiv-mtri (Benetti, 22), che prevede esercizi di discriminazine visiva e favrisce l svilupp di pattern mtri che stann alla base della mtricità grsslana; 245

8 Vl. 6, n. 2, maggi trattament Davis-Piccli (Gdi, 22), che prevede esercizi per l svilupp di un fcus attentiv che favrisca la rilevazine rapida delle parle, esercizi di discriminazine spaziale dei grafemi e altri per l svilupp delle abilità di sintesi fnetica; 3. trattament linguistic generic (Lruss et al., 26), che prevede esercizi di lettura, per l svilupp della metafnlgia, esercizi di scrittura, ricerca e crrezine di errri, cmpsizine e scmpsizine di parle; 4. trattament Balance-Mdel (Lruss et al., 26) che è ispirat al metd Bakker e prevede la stimlazine dell emisfer ipattivat presentand parle nell emicamp ppst; 5. trattament lessicale cn parle islate (Judica et al., 22) che prevede la presentazine tachistscpica di parle a cmputer; 6. trattament per l autmatizzazine del ricnsciment sublessicale e lessicale (Tressldi, Lnciari e Vi, 2), che prevede esercizi per favrire l autmatizzazine nel ricnsciment di gruppi di grafemi linguisticamente rilevanti sempre più cmplessi, cme le sillabe. Parametri di efficacia ed efficienza dei trattamenti I criteri per valutare un trattament riabilitativ sn quell di efficacia e quell di efficienza: per efficacia si intende il cnfrnt dei cambiamenti nei parametri di velcità e accuratezza della lettura rispett a quelli attesi senza trattament, mentre per efficienza si intende il rapprt tra i risultati dell efficacia e la durata e intensità del trattament. Dall studi di Tressldi et al. (23) sul cnfrnt di efficacia ed efficienza dei diversi trattamenti per il miglirament della lettura in sggetti dislessici, è emers che il trattament sublessicale e il Balance-Mdel sn i più efficaci ed efficienti sia in velcità che in crrettezza. Per essere efficaci devn essere cndtti per cinque-sei re al mese, per un perid dai tre ai cinque mesi e pssn essere svlti anche a dmicili. Ma recenti studi (Prfum et al. 28) evidenzian cme anche disturbi cmpensati nella lettura di liste di parle crean significative difficltà nella lettura di brani ricchi di parle a bassa frequenza quali quelle che caratterizzan i testi delle scule secndarie di secnd grad incidend in md significativ dunque sulla autnma e fruttusa cmprensine del test scritt. Scp del presente lavr L scp di questa ricerca è, innanzitutt, ffrire un cntribut all studi dell efficacia ed efficienza nel trattament per la dislessia evlutiva. Inltre, data la cmrbidità spess presente nella pratica clinica tra dislessia e disrtgrafia (99%), discalculia (7%), DDAI (11%) (Gaglian et al., 27), l biettiv è di verificare se un trattament neurpsiclgic in aggiunta al trattament sublessicale sia in grad, nell stess temp del sublessicale, di intervenire anche sulle cmrbidità cn efficacia ed efficienza paragnabili e statisticamente e clinicamente significative. 246

9 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva Mdalità di trattament adttate press il «Centr di psiclgia, neurpsiclgia e psicterapia» Il trattament da ni adttat prevede la cmbinazine di due tipi di trattamenti: quell neurpsiclgic e quell sublessicale cme di seguit descritti. Trattament neurpsiclgic Partend dal prfil neurpsiclgic dei dislessici evidenziat in letteratura, si è prcedut alla cstruzine di un trattament che permetta di esercitare i meccanismi visupercettivi, la memria di lavr verbale e visu-spaziale nnché le diverse cmpnenti attentive (attenzine selettiva, sstenuta, divisa, ecc.). Le mdalità di stimlazine scelte sn quelle che segun. 1. Per i disturbi visu-percettivi: per i dislessici che presentan difficltà relative all analisi e alla discriminazine visiva delle lettere, viene prpst un lavr tes a ptenziare le abilità di memria visu-spaziale tramite esercizi che implican il lavr sulle immagini mentali cme ad esempi le rtazini e le simmetrie. Un lavr di quest tip, inltre, permette di ptenziare anche i prerequisiti necessari alle abilità di calcl in base a quant riprtat nella letteratura sulle basi neurpsiclgiche delle abilità di calcl. 2. Per la memria di lavr verbale: in base al nstr apprcci e a quant rilevat in letteratura si ritiene utile ptenziare anche la capacità di memria a breve termine e di lavr verbale in gni dislessic in trattament. Il mdell teric a cui si fa riferiment è quell di Daneman e Carpenter (198), e vengn di cnseguenza prpsti esercizi simili a quant previst dal cmpit «listening span test», dve al sggett è richiest di svlgere cntempraneamente due cmpiti: l elabrazine dell infrmazine verbale presentata, in cui il sggett deve giudicare la veridicità men di gni singla frase, e il manteniment in memria dell ultima parla di gni frase. Materiali ad hc sn stati creati al fine di permettere tale stimlazine. 3. Per le difficltà attentive: in base al nstr apprcci si ritiene utile ptenziare anche le capacità di attenzine selettiva e sstenuta, tramite esercizi cmputerizzati di attenzine divisa, resistenza alla distrazine, attenzine selettiva visiva e uditiva, barrage, secnd il mdell prpst da Sant Di Nuv (2). L iptesi di lavr sttstante è che l spazi dedicat al trattament neurpsiclgic sia prezis per il trattament delle cmrbidità e per favrire il prcess di generalizzazine delle abilità apprese ad altre abilità a esse relate. Trattament sublessicale Per favrire una prgressiva autmatizzazine nel ricnsciment di gruppi di grafemi linguisticamente rilevanti sempre più cmplessi, cme ad esempi le sillabe, si utilizzan 247

10 Vl. 6, n. 2, maggi 29 il sftware Dislessia e trattament sublessicale (Cazzaniga et al., 25) e il sftware WinABC (Tressldi, 23). Inizialmente si preferisce la mdalità cn presentazine sillabica e a scansine manuale csì da perseguire l biettiv della crrettezza di lettura. Sl in un secnd mment, per favrire l autmatizzazine dei prcessi di decdifica, si passa a una mdalità di scansine temprizzata per arrivare all biettiv di velcità previst dalla classe di appartenenza del sggett. Si affianca alla lettura di brani, anche la presentazine tachistscpica di sillabe, parle nn-parle e frasi csì da favrire le perazini di elabrazine visiva che prtan a un rapid ricnsciment dapprima delle sillabe e pi delle parle. In cas di difficltà nell analisi visiva, si prpngn esercizi di discriminazine visiva di lettere e figure simili, diversamente rientate, mirati a esercitare i prcessi di cdifica visiva e a favrire la discriminazine percettiva di grafemi simili. Per esercitare le abilità di analisi metafnlgica si prpngn esercizi di analisi e sintesi fnemica e sillabica cmpletament di parle in cui mancan una più lettere. Metd Partecipanti A quest studi hann partecipat 31 bambini frequentanti dalla secnda classe primaria al terz ann della secndaria di prim grad, cn un QI ttale uguale superire a 85, misurat cn le Matrici prgressive di Raven la WISC-R. Sn stati esclusi gravi cndizini di svantaggi sci-culturale linguistic e di patlgie sensriali, visiva uditiva neurlgiche. Per rientrare nel campine di questa ricerca i sggetti dvevan presentare una velcità di lettura del bran MT e/ delle prve di lettura di parle e nn-parle della Batteria per la valutazine della dislessia e disrtgrafia evlutiva (Sartri, Jb, Tressldi, 1995) inferire a due deviazini standard rispett alle nrme per l età. Per gni sggett sn state indagate diverse abilità cgnitive e in quest studi vengn riprtati slamente i dati relativi alle seguenti: raginament analgic, attenzine selettiva, memria a breve termine e di lavr, abilità di lettura di brani e di liste di parle e nn-parle, rtgrafia, calcl. La valutazine iniziale ha permess di individuare la presenza di altri disturbi in cmrbilità (disrtgrafia e discalculia) per i quali è stata cnsiderata la presenza di disturb qualra la prestazine risultasse inferire alle due deviazini standard. Nella tabella 1 sn riprtate le caratteristiche iniziali del campine espresse in media e deviazine standard; nella tabella 2 le caratteristiche dei sttgruppi cn cmrbidità e/ cn deficit/difficltà nelle aree neurpsiclgiche della memria e dell attenzine. Nella tabella 3 è indicata la media e la deviazine standard della durata in mesi, numer di re e intensità del trattament. 248

11 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva Tabella 1 Caratteristiche iniziali del campine (n = 31) espresse in media e deviazine standard Classe QI Bran sill./sec. Parle sill./sec. Nn-parle sill./sec. Bran errri Parle errri Nn-parle errri 4,23 (2,) 13 (11,81) 1,79 (1,7) 1,44 (,9) 1, (,43) 9,89 (4,6) 17,6 (12,18) 14,71 (6,13) Tabella 2 Caratteristiche iniziali dei sttgruppi di dislessici cn cmrbidità e/ cn deficit/difficltà nelle aree neurpsiclgiche espresse in punti zeta (media e deviazine standard degli stessi) Dislessici cn disrtgrafia n = 13 Dislessici cn discalculia n = 8 Dislessici cn deficit/ difficltà di attenzine selettiva «verbale» Matrici attentive n = 2 Dislessici cn deficit/difficltà di attenzine selettiva «spaziale» Tuluse-Piern n = 11 Dislessici cn deficit/difficltà di memria verbale n = 12 Dislessici cn deficit/ difficltà di memria visu-spaziale n = 1 z = -6,8 (3,24) z = -2,87 (1,38) z = -2,25 (1,4) z = -1,69 (,84) z = -1,61 (,65) z = -1,97 (,46) Tabella 3 Durata in mesi, numer di re e intensità del trattament (media e deviazine standard) Mesi Numer di re Ore al mese 6,71 (1,83) 26,97 (7,15) 4, (,) Strumenti di valutazine Le prve applicate prima e dp il trattament e al fllw-up sn quelle che segun. 1. Prva di lettura di bran MT (Crnldi e Clp, 1998) adeguat alla classe. 2. Prva di lettura di parle islate (4) e di nn-parle (5) della Batteria per la valutazine della dislessia e disrtgrafia evlutiva (Sartri, Jb e Tressldi, 1995). 3. Prva di scrittura di parle (1) della Batteria per la valutazine della dislessia e disrtgrafia evlutiva (Sartri, Jb e Tressldi, 1995). 4. Subtest di Memria di cifre della WISC-R (Wechsler, 1985). 5. Test di Crsi (Crnldi et al., 1995). 6. Matrici attentive (Bisiacchi et al., 1997). 249

12 Vl. 6, n. 2, maggi Test Tuluse-Piern (Bisiacchi et al., 1997). 8. Test ABCA (Lucangeli, Tressldi e Fire, 1998) BDE (Biancardi e Nicletti, 23) prve di calcl rale e scritt. Prcedura Sn stati selezinati i bambini che presentan una diagnsi di dislessia secnd i criteri stabiliti dal DSM-IV e ripresi dalla Cnsensus Cnference (26-27) in base ai quali le prve standardizzate specifiche da smministrare sn a più livelli: lettere, parle, nn-parle e bran. A tale scp sn state da ni utilizzate le prve MT (Crnldi e Clp, 1998), le Nuve prve di lettura MT per la scula media inferire (Crnldi e Clp, 1995) e la Batteria per la valutazine della dislessia e della disrtgrafia evlutiva (Sartri, Jb e Tressldi, 1995). Secnd le linee guida devn essere valutati entrambi i parametri di rapidità e accuratezza nella perfrmance e per parlare di dislessia deve esserci una distanza significativa dai valri medi attesi per la classe frequentata dal bambin in un nell altr dei due parametri menzinati (men due deviazini standard dalla media per la velcità e al di stt del 5 percentile per l accuratezza). Dp un accurata valutazine cgnitiva, neurpsiclgica e dell stat degli apprendimenti sclastici, i sggetti sn stati sttpsti a un trattament riabilitativ neurpsiclgic, che tenga cnt sia delle lr specifiche difficltà, sia dei lr punti di frza emersi in fase di valutazine. È prevista una seduta settimanale di un ra dve, accant al trattament sublessicale, specific per le difficltà di lettura, viene dat spazi al raffrzament delle funzini cgnitive e neurpsiclgiche di base, pre-requisiti per gli apprendimenti sclastici, che il bambin dislessic spess presenta debli, cme la memria di lavr verbale e visuspaziale l attenzine. Nn vengn assegnati cmpiti a casa. In aggiunta al lavr cn il bambin, è previst il cinvlgiment della scula e della famiglia, alle quali vengn frnite strategie didattiche, educative e di gestine delle prblematiche emerse in fase valutativa. Ogni quattr mesi viene effettuata una valutazine di cntrll che permette di mnitrare l andament del disturb e di calibrare l intervent riabilitativ. L inter campine è stat sttpst a tre valutazini: prima del trattament («pre»), alla fine del trattament («pst») e al fllw-up dp almen 4 mesi dalla fine del trattament. Risultati Per vedere se i cambiamenti ttenuti nella velcità e nella crrettezza di lettura sn statisticamente significativi sn state cndtte delle ANOVA a misure ripetute cn fattre «temp» entr i sggetti a tre livelli (pre-trattament, pst-trattament e fllw-up). Per i 25

13 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva cnfrnti pst-hc è stat effettuat il pst-hc di Tukey (p <,5). La stessa prcedura è stata utilizzata per verificare la significatività statistica dei cambiamenti nelle prestazini ai test per l rtgrafia, il calcl, l attenzine verbale e spaziale e la memria verbale e visu-spaziale. Efficacia statistica del trattament Velcità di lettura di bran, parle e nn-parle Nelle figure 1 e 2 sn riprtate rispettivamente le medie della velcità di lettura e degli errri nella lettura di bran, parle e nn-parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. Le analisi statistiche effettuate sulla velcità di lettura nei tre mmenti (pre, pst e fllw-up) e per il bran MT, la lettura di parle e di nn-parle, sn risultate tutte significative: a) medie nella velcità di lettura del bran MT al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up (figura 3). La differenza risulta significativa F(2,6) = 39,71, p <,1. Al pst-hc di Tukey (p <,5) risultan significative le differenze tra pre- e psttrattament, tra pre-trattament e fllw-up e tra pst-trattament e fllw-up; b) medie della velcità di lettura di parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllwup (figura 4). La differenza risulta significativa F(2,6) = 29,4, p <,1. Al pst-hc di Tukey (p <,5) risultan significative le differenze tra pre- e pst-trattament e tra pre-trattament e fllw-up; 2,5 Sill./sec. 2 1,5 1 Sill./sec.,5 Pre bran Pst bran Fllw-up bran Pre parle Pst parle Fllw-up parle Pre nnparle Pst nnparle Fllw-up nnparle Fig. 1 Medie della velcità nella lettura di bran, parle e nn-parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. 251

14 Vl. 6, n. 2, maggi Errri Errri Pre bran Pst bran Fllw-up bran Pre parle Pst parle Fllw-up parle Pre nnparle Pst nnparle Fllw-up nnparle Fig. 2 Medie degli errri nella lettura di bran, parle e nn-parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. c) medie della velcità di lettura di nn-parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up (figura 5). La differenza risulta significativa F(2,6) = 15,144, p <,1. Al pst-hc di Tukey (p <,5) risultan significative le differenze tra pre e pst trattament e tra pre trattament e fllw-up. 3 MT sill./sec. 2,5 2 Sill./sec. 1,5 1,5 Pre Pst Fllw-up Fig. 3 Medie della velcità di lettura del bran MT al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. 252

15 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva 2,5 2 PAROLE sill./sec. Sill./sec. 1,5 1,5 Pre Pst Fllw-up Fig. 4 Medie della velcità di lettura di parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. 1,4 NON-PAROLE sill./sec. 1,2 1 Sill./sec.,8,6,4,2 Pre Pst Fllw-up Fig. 5 Medie della velcità di lettura di nn-parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. Di s c u s s i n e In sintesi si può affermare che la differenza nella velcità di lettura (sill./sec.) nel bran MT, nella lettura di parle e di nn-parle risulta statisticamente significativa tra pre- e psttrattament cn il manteniment dei risultati ttenuti al fllw-up. Nella lettura di bran MT inltre si rileva un ulterire increment significativ di velcità di lettura tra pst-trattament e fllw-up che si può iptizzare sia frse imputabile all acquisizine di strategie autnme da parte del sggett in un cmpit di lettura «cn cntest», cmpit mlt più «eclgic» della lettura di liste di parle e di nn-parle e sul quale prbabilmente si aggiungn i benefici 253

16 Vl. 6, n. 2, maggi 29 di una lettura di brani effettuata nel cntest sclastic. Difficilmente appare prbabile che tale risultat sia cmpatibile cn una spiegazine alternativa di «recuper spntane» che altrimenti si suppne dvrebbe avvenire anche per le liste di parle. Errri nella lettura di bran, di parle e di nn-parle Per quant riguarda gli errri di lettura, alle analisi statistiche effettuate tra pre-, pst- e fllw-up per bran MT, parle e nn-parle, le differenze sn risultate tutte significative: a) medie del numer di errri nella lettura del bran MT al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up (figura 6). La differenza risulta significativa F(2,6) = 2,659, p <,1. Al pst-hc di Tukey (p <,5) risultan significative le differenze tra pre- e pst-trattament, tra pre-trattament e fllw-up e tra pst-trattament e fllw-up; b) medie del numer di errri nella lettura di parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up (figura 7). La differenza risulta significativa F(2,6) = 34,187, p <,1. Al pst-hc di Tukey (p <,5) risultan significative le differenze tra pre- e psttrattament e tra pre-trattament e fllw-up; c) medie del numer di errri nella lettura di nn-parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up (figura 8). La differenza risulta significativa F(2,6) = 41,488, p <,1. Al pst-hc di Tukey (p <,5) risultan significative le differenze tra pre- e pst-trattament e tra pre-trattament e fllw-up. Di s c u s s i n e In sintesi si può affermare che la differenza nel numer di errri nella lettura del bran MT, nella lettura di parle e di nn-parle risulta statisticamente significativa tra pre- e 12 MT errri 1 8 Errri Pre Pst Fllw-up Fig. 6 Medie del numer di errri al bran MT al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. 254

17 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva 25 2 PAROLE errri Errri Pre Pst Fllw-up Fig. 7 Medie del numer di errri nella lettura di parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. 18 NON PAROLE errri Errri Pre Pst Fllw-up Fig. 8 Medie del numer di errri nella lettura di nn-parle al pre-trattament, al pst-trattament e al fllw-up. pst-trattament cn il manteniment dei risultati ttenuti al fllw-up. Nel giustificare il miglirament ulterire negli errri del bran MT tra pst e fllw-up si rimanda alla discussine sulla velcità di lettura di bran, parle e nn-parle Efficacia clinica del trattament Per vedere se i migliramenti ttenuti sn significativi nn sl da un punt di vista statistic ma anche da un punt di vista clinic, sn stati cnfrntati i migliramenti 255

18 Vl. 6, n. 2, maggi 29 ttenuti nel trattament (pre- vs fllw-up) cn quelli attesi dall evluzine spntanea, che, secnd la ricerca di Tressldi et al. (21), crrispnde per i sggetti dislessici a,3 sill./sec. all ann per quant riguarda la velcità di lettura di bran e parle e a,14 sill./ sec. per quant riguarda la lettura di nn-parle. Cn queste stime, cnsiderand la durata del trattament e del perid di fllw-up di ciascun sggett, e cnfrntand l increment ttenut cn l increment spntane previst per un dislessic, è stat pssibile individuare la percentuale di sggetti che hann raggiunt superat il livell attes dall evluzine spntanea. Per quant riguarda gli errri, si è scelt cme valre cut-ff per la lettura di bran, un valre inferire a 1 errri che crrispnde a circa due deviazini standard dalla media per gran parte dei brani della batteria MT. Per quant riguarda le parle e nnparle, il valre di cut-ff scelt è il numer di errri inferiri al 1 percentile rispett alle nrme della classe frequentata (secnd le indicazini presenti in Allamandri et al., 27) (figura 9) Percentuali Percentuali Bran velcità Bran errri Parle velcità Parle errri Nn-parle velcità Nn-parle errri Fig. 9 Percentuali di sggetti che hann ttenut un miglirament in velcità e in crrettezza di lettura superire a quell attes dall evluzine spntanea. Si rileva un alta percentuale di sggetti del campine clinicamente miglirati in velcità e in crrettezza in lettura di bran, di parle e di nn-parle rispett all evluzine spntanea cme esit del trattament intrapres. Inferiri risultan le percentuali relative al numer di sggetti che hann ttenut un cambiament maggire, rispett all evluzine spntanea, nella velcità di lettura di parle e nn-parle: quest è da attribuire alla maggire imprtanza che nel trattament si dà alla crrettezza, puntand sl in un secnd mment alla velcità. Il criteri di efficacia, infatti, cnsidera prima il livell di crrettezza e successivamente quell della velcità. L efficacia di un trattament che ttiene un cambiament nella 256

19 c. mgentale e c. chiesa Esperienza di un trattament cmbinat neurpsiclgic-sublessicale per la dislessia evlutiva velcità di lettura senza raggiungere il criteri di sufficienza nella crrettezza, anche se prduce una riduzine statisticamente significativa degli errri, deve essere cnsiderat inferire a quella di un altr trattament che ttenga un livell inferire di cambiament nella velcità ma raggiunga il criteri di crrettezza (Tressldi et al., 23). Efficienza del trattament L efficienza del trattament è stata calclata mettend in rapprt i risultati dell efficacia cn la durata e l intensità del trattament, misurate rispettivamente in numer di mesi e re al mese (tabella 4). Questa misura frnisce quindi un indicazine di quante sillabe al secnd sn state guadagnate tenend cnt dei csti in termini di temp e intensità di lavr. Va specificat però che tale indice tiene in cnsiderazine sltant i migliramenti nella velcità di lettura, e nn la crrettezza (seguend le indicazini presenti in Allamandri et al., 27). Tabella 4 Medie e deviazini standard della durata in mesi del trattament e dei cambiamenti ttali (differenza tra fllw-up e pre-trattament) ttenuti nella velcità di lettura (sill./sec.) Durata Ore al mese Bran MT Parle Nn-parle 6,71 (1,83) 4 (,),53 (,35),49 (,43),19 (,23) La figura 1 rappresenta le medie del cambiament della velcità di lettura (sill./ sec.) rispett all intensità (re al mese) del trattament.,16,14,12,1 Sill./sec.,8,6,4,2 Bran Parle Nn-parle Fig. 1 Medie del cambiament della velcità di lettura (sill./sec.) rispett all intensità (re al mese) del trattament. 257

20 Vl. 6, n. 2, maggi 29 Può essere utile avere cme termine di cnfrnt per il parametr dell efficienza i risultati ttenuti nell studi sul cnfrnt multicentric di Allamandri et al. (27). L intensità dei diversi trattamenti, nei diversi centri, è riprtata nella tabella 5. Tabella 5 Intensità (re al mese) del trattament nei centri presenti nell studi di Allamandri et al. (27) Centr Ore al mese S. Dnà 2,3 (,4) Ripamnti 4,6 (,4) Rma 4 (,1) Mgentale 4(,) Abilmente 7 (1,6) Saviglian 8,6 (1,7) Cme si vede dalla figura 11 i risultati ttenuti per quant riguarda l efficienza del trattament (rispett all intensità del trattament) dell studi di Mgentale sn paragnabili a quelli ttenuti dal grupp di Rma, che presenta l stess numer di re al mese di trattament. Sill./sec.,35,3,25,2,15,1,5 S. Dnà Ripamnti Rma Mgentale Abilmente Saviglian S. Dnà Ripamnti Rma Mgentale Abilmente Saviglian S. Dnà Ripamnti Rma Mgentale Abilmente Saviglian Bran Parle Nn-parle Fig. 11 Medie del cambiament della velcità di lettura rispett alla intensità (re al mese) dei diversi trattamenti attuati nei centri presenti nell studi di Allamandri et al. (27) (adattament da Allamandri et al., 27). 258

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

Il primo documento internazionale per la definizione della sensibilitá al glutine

Il primo documento internazionale per la definizione della sensibilitá al glutine Il prim dcument internazinale per la definizine della sensibilitá al glutine Cnsensus Cnference n Gluten Sensitivity, Lndn 11/12 Februar 2011 Prfessr Alessi Fasan, M.D., Prfessr f Pediatrics, Medicine

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili Mercati energetici e metdi quantitativi: un pnte tra Università e Aziende 22-23 Maggi, Padva Apprcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestine rischi asset rinnvabili Manuele Mnti, Ph.D.

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Roma, 1 2 o9obre 2010 CONVEGNO QUANDO I CONTI NON TORNANO Modelli neuropsicologici e riabilitazione della discalculia LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

ESERCITAZIONI DI STATISTICA BIOMEDICA

ESERCITAZIONI DI STATISTICA BIOMEDICA ESERCITAZIONI DI STATISTICA BIOMEDICA ALCUNE NOTE SU R Matte Dell Omdarme agst 2012 Cpyright c 2012 Matte Dell Omdarme versin 1.3.3 mattdell@fastmail.fm Permissin is granted t cpy, distribute and/r mdify

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata Gli acciai inssidabili resistenti all'urt alle basse temperature, impiegati nella cstruzine di caldareria saldata dr. ing- Gabriele DI CAPRIO dirìgente del servizi tecnic del Centr Inx O Le applicazini

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Allegato al documento Consensus Conference "Disturbi specifici dell'apprendimento"

Allegato al documento Consensus Conference Disturbi specifici dell'apprendimento Allegato al documento Consensus Conference "Disturbi specifici dell'apprendimento" Il presente documento approfondisce la trattazione delle prove di letteratura contenute nel documento principale Consensus

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

DISTURBI E DIFFICOLTA DEL CALCOLO E DELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI: LINEE GUIDA PER LA SCUOLA (definizioni, strumenti e strategie)

DISTURBI E DIFFICOLTA DEL CALCOLO E DELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI: LINEE GUIDA PER LA SCUOLA (definizioni, strumenti e strategie) CENTRO REGIONALE DI RICERCA E SERVIZI EDUCATIVI PER LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA e-mail: martina.pedon@gmail.com; martina.pedron@edimargroup.com DISTURBI E DIFFICOLTA

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Cesare Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta Perini (Dipartimento di Psicologia Generale, Università di Padova)

Cesare Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta Perini (Dipartimento di Psicologia Generale, Università di Padova) [in pubblicazione su DISLESSIA] 0/1/0 Valut la rapidità e la correttezza della lettura di brani: nuove norme e alcune chiarificazioni per l uso delle prove MT Ces Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Avvis pubblic per la cncessine di cntributi ecnmici a sstegn di prgetti da attuare nelle Scule del Lazi - Presentazine n demand delle prpste prgettuali ALLEGATO A - Prgetti Esclusi - Scadenza 27 febbrai

Dettagli

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici Istituto Cesare Arici A.S. 2010-2011 Sommario 1. Premessa... 3 2. Responsabile progetto:... 3 3. Finalità... 4 4. Obiettivi... 4 5. Destinatari... 4 6. Attività... 5 7. Metodi... 6 8. Strumenti... 6 9.

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

Consigli per la risoluzione dei problemi

Consigli per la risoluzione dei problemi Cnsigli per la risluzine dei prblei Una parte fndaentale di gni crs di Fisica è la risluzine di prblei. Rislvere prblei spinge a raginare su idee e cncetti e a cprenderli egli attravers la lr applicazine.

Dettagli

Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento

Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento - UNITà DIDATTICHE ON LINE - Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento Per Psicologi, Insegnanti, Tecnici della Riabilitazione - PARTE SECONDA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

Possibilità di impiego su vite di induttori di resistenza nei confronti di Flavescenza dorata e sue dinamiche in giovani impianti

Possibilità di impiego su vite di induttori di resistenza nei confronti di Flavescenza dorata e sue dinamiche in giovani impianti Pssibilità di impieg su vite di induttri di resistenza nei cnfrnti di Flavescenza drata e sue dinamiche in givani impianti Albin Mrand, Simne Lavezzar www.viten.net Sperimentazine Induttri A. Mrand, S.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Milano, 7 settembre

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli