ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE (Legge 425/97 D.P.R. 323/98 Art.5.2, O.M. 41 del 11/05/2012)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE (Legge 425/97 D.P.R. 323/98 Art.5.2, O.M. 41 del 11/05/2012)"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE (Legge 425/97 D.P.R. 323/98 Art.5.2, O.M. 41 del 11/05/2012) Documento predisposto dal consiglio della classe 5 R - SIA Contenuto: Elenco dei candidati Elenco dei docenti del consiglio di classe Presentazione sintetica della classe Scheda informativa delle attività Scheda informativa relativa alle simulazioni delle prove d esame: Testi delle simulazioni della terza prova Griglia di correzione della simulazione della prima prova Griglia di correzione della simulazione della seconda prova Griglia di correzione complessiva delle simulazioni della terza prova Schede informative analitiche relative alle seguenti materie dell'ultimo anno di corso: 1. ITALIANO 6. DIRITTO 2. STORIA 7. EC. POLITICA 3. MATEMATICA 8. INFORMATICA 4. EC. AZIENDALE 9. PRIMA LINGUA: INGLESE 5. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 10. RELIGIONE La relazione dei casi BES e la relazione di presentazione dell'alunno certificato, allegate al presente documento, sono depositate presso l'archivio dati sensibili. Casalecchio di Reno, 15 maggio 2015 Il Dirigente Scolastico (Prof. Carlo Braga) Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi e per gli effetti dell art.3, c.2 D.Lgs. n.39/93

2 Documento del Consiglio di Classe 5R SIA Elenco dei candidati interni ed esterni Classe: 5 R - SIA Anno Scolastico: 2014/2015 Numero candidati interni: 18 Numero candidati esterni: - Cognome e Nome Provenienza Annotazioni 1. ARMENI Jessica ITC Salvemini 2. BENCIVENGA Lorenzo ITC Salvemini 3. CARBUNGCO Pia Monica ITC Salvemini 4. CHOWDURY Elisa ITC Salvemini 5. CURLEAC Ion ITC Salvemini 6. DRAGOTTA Andrea ITC Salvemini 7. GIGLIO Giulia ITC Salvemini 8. MAIANI Kevin ITC Salvemini 9. MARCHIS Daniel ITC Salvemini 10. MARZOCCHI Fabio ITC Salvemini 11. MORREALE Mattia ITC Salvemini 12. PARAZZA Andrea ITC Salvemini 13. RUCCI Ilaria ITC Salvemini 14. SACCHI Laura ITC Salvemini 15. SECCHIERI Davide ITC Salvemini 16. TOVOLI Luca Antonio ITC Salvemini 17. VENTURA Elena ITC Salvemini 18. VLADEAN Razvan ITC Salvemini 19. ZANINI Debora ITC Salvemini Documento del Consiglio di Classe Elenco dei docenti del consiglio di classe 1. Docenti del Consiglio di Classe Docente Materia Classe/i Membro Interno (SI/NO) BEGHELLI Alice Sostegno AD01 NO BULGARELLI Sandra Informatica NO DELMAESTRO Paola Matematica Sì DI STEFANO Antonella Diritto, Economia politica Sì FERRARI Matteo Religione NO FUCCI Carolina Lettere, Storia Sì MAGNANI Edda Scienze motorie NO

3 MANCOSU Roberta Sostegno AD02 NO MUSIANI Stefania Inglese NO NALDI Alberta Economia aziendale NO PAJETTI Andrea Sostegno AD04 NO TAGLIAVINI Marta ITP NO TURCHI Vera Sostegno AD03 NO 2. Storia della Classe (situazione iniziale ed evoluzione nel corso del Triennio) La classe consta di 18 studenti, di cui sette femmine e undici maschi. La maggior parte della classe è costituita da studenti iscritti fin dalla terza, anche se all inizio del quarto anno sono stati inseriti quattro studenti provenienti da altra sezione dell istituto, più una studentessa proveniente da altra scuola del bolognese. Nel corso del quarto anno una studentessa ha abbandonato già prima della fine del trimestre, mentre altri due hanno preferito l iscrizione al corso serale durante il pentamestre. Alla fine della quarta sono stati fermati due alunni dei 21 iscritti. Nel corso dell ultimo anno, la classe dagli inziali 19 iscritti si è ulteriormente ridotta nel corso del pentamestre dato il passaggio di un alunno al corso serale. Presentazione sintetica della classe Partecipazione e comportamento La classe ha dimostrato un comportamento generalmente corretto verso tutti i docenti del CdC. La discontinuità nella frequenza, date le numerose assenze, ha compromesso l iter formativo di alcuni discenti. L attenzione durante le ore di lezione non è sempre stata all altezza delle aspettative così come la partecipazione al dialogo educativo. Nonostante i miglioramenti registrati nel corso del triennio, i docenti hanno dovuto spesso sollecitare e guidare interventi, contributi e approfondimenti. Interesse ed impegno L interesse nei confronti delle discipline è stato in genere selettivo e non sempre supportato da un adeguato impegno domestico. Fin dall inizio dell anno scolastico la classe non ha mostrato una chiara percezione delle difficoltà del percorso da affrontare in vista dell esame di Stato; ciò ha comportato la necessità di continui richiami e revisioni degli argomenti proposti. Grado di preparazione e profitto Una parte della classe ha raggiunto una discreta preparazione nelle varie discipline. Alcuni alunni hanno conseguito obiettivi conoscitivi più che buoni, per altri la preparazione si assesta intorno alla sufficienza.

4 L esposizione orale e scritta dei contenuti risente della discontinuità nella frequenza e nello studio domestico nonché della scarsa autonomia nell integrazione, gestione e rielaborazione delle conoscenze acquisite. Mediamente, l esposizione dei contenuti risulta a tutt oggi eccessivamente schematica. Alcuni alunni, tuttavia, hanno compiuto un percorso di studi più che soddisfacente, acquisendo una buona preparazione di base. 3. Attività pluridisciplinari svolte durante l anno in corso e obiettivi raggiunti Laboratorio Statistica con gusto, proposto a tutti gli studenti delle classi quinte, è stato seguito da un solo alunno. Il laboratorio è stato condotto da esperti del dipartimento di statistica dell Università di Bologna nel piano nazionale delle lauree scientifiche finanziato da Miur. 4. Attività di recupero svolte durante l anno in corso e obiettivi raggiunti Recupero in itinere in tutte le discipline. Sportello pomeridiano di lettere e storia per un totale di 12 ore. 5. Metodi utilizzati durante l attività didattica, utilizzo di laboratori e strumentazioni didattiche Sono stati adottati i seguenti metodi didattici: Lezione frontale Lezione interattiva Lavoro a coppie/gruppi Discussione in classe, con interventi spontanei o sollecitati Problem Solving Sono stati utilizzati i seguenti strumenti: Manuale e/ fotocopie Laboratorio di Informatica Lettore CD /DVD Lavagna luminosa LIM 6. Criteri e strumenti di valutazione Strumenti per la verifica Strumenti utilizzati per la verifica formativa: Strumenti utilizzati per la verifica sommativa: Domande flash Rapida sintesi della lezione precedente Esercizi alla lavagna e/o in gruppo e correzione immediata Monitoraggio lavoro a coppie /a gruppi Discussione lavori di gruppo Esposizione orale di un testo Osservazione sistematica Interrogazione lunga Interrogazione breve Tema

5 Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale Raggiungimento degli obiettivi minimi disciplinari Metodo di studio Partecipazione all attività didattica Impegno Progresso nell apprendimento Livello della classe Prove strutturate/semistrutturate Questionario a domande aperte Relazione Problemi/esercizi Test di ascolto Lettura e analisi di testi con questionario relativo Corrispondenza turistica e commerciale, itinerari Sviluppo di progetti

6 Criteri per la corrispondenza fra voti e livelli di conoscenza e abilità: (secondo quanto definito nel POF) Livello Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo Eccellente Quando lo studente: Non dà alcuna informazione sull argomento proposto; Non coglie il senso del testo; La comunicazione è incomprensibile. Quando lo studente: Riferisce in modo frammentario e generico; Produce comunicazioni poco chiare; Si avvale di un lessico povero e/o improprio. Quando lo studente: Individua gli elementi essenziali dei problemi affrontati; Espone con semplicità, sufficiente proprietà e correttezza; Si avvale, soprattutto, di capacità mnemoniche. Quando lo studente: Coglie la complessità dei problemi affrontati; Sviluppa analisi corrette; Espone con lessico appropriato e corretto. Quando lo studente: Possiede conoscenze complete; Sviluppa abilità applicative e di rielaborazione autonoma; Espone con linguaggio tecnico puntuale. Quando lo studente: Definisce e discute con competenza i termini della problematica; Sviluppa sintesi concettuali organiche; Mostra proprietà, ricchezza e controllo dei mezzi espressivi; Quando lo studente: Definisce e discute con competenza i termini della problematica; Sviluppa sintesi concettuali organiche ed anche personalizzate; Mostra proprietà, ricchezza e controllo dei mezzi espressivi; Apporta contributi originali Valutazione in decimi fino a 4,5 5 voto < 6 6 voto < 7 7 voto < 8 8 voto < 9 9 voto < Modalità di gestione del colloquio orale e criteri di valutazione Per lo svolgimento del colloquio vengono individuate le seguenti modalità: Presentazione e discussione di un percorso pluridisciplinare proposto e presentato dal 1 fase: candidato, collegato agli argomenti di studio dell anno in corso, illustrato attraverso mappe concettuali o materiale documentario di approfondimento, anche in forma multimediale. 2 fase: Esposizione di argomenti di interesse disciplinare e interdisciplinare attinenti al lavoro didattico svolto nell ultimo anno, proposti dai docenti. 3 fase: Discussione delle prove scritte di esame.

7 8. Attività integrative Attività di orientamento Le iniziative programmate e realizzate sono state le seguenti: - Nel corso della classe quarta, progetto di alternanza scuola lavoro, bando regionale/provinciale (percorso formativo e stage della durata di tre settimane). - Partecipazione al progetto interscuole Martino ti orienta. - Partecipazione alle giornate d'orientamento organizzate dall'università di Bologna. - Partecipazione al progetto Alma Diploma e Alma orientati in collaborazione con la Provincia di Bologna, con il consorzio Alma Laurea ed il Centro per le transizioni (CETRANS) dell Università di Bologna (metodologia utilizzata percorso Alma Orientati). - Nell ambito del piano Nazionale delle Lauree Scientifiche finanziato dal MIUR e realizzato dai dipartimenti di Matematica e Statistica di Alma Mater, alcuni studenti hanno frequentato il laboratorio intensivo Infinito in matematica: alcune suggestioni (tre incontri pomeridiani nel mese di febbraio 2015, presso il dipartimento di matematica); altri studenti hanno frequentato il laboratorio Statistica con gusto (quattro incontri pomeridiani presso il nostro istituto). - Partecipazione al progetto orientamento ciclo di incontri su tematiche economico-finanziarie promosso dall Associazione Rotary: - Partecipazione ai progetti di simulazione d impresa in collaborazione con Unindustria - Incontri presso l Istituto sulle seguenti tematiche : - problematiche economico-finanziarie in collaborazione con Unicredit - come affrontare il colloquio di selezione e tecniche di ricerca attiva (docente esperto di comunicazione) - Servizio di placement: servizio di intermediazione sviluppato con l obiettivo di facilitare il rapporto fra domanda e offerta di lavoro attraverso un contatto diretto tra diplomati dell Istituto e aziende interessate alle professionalità formate attraverso i nostri percorsi formativi - Partecipazione all incontro Rapporto giovani in collaborazione con l Università Cattolica di Milano presso Itis O. Belluzzi. Viaggio di istruzione Vienna, marzo Mauthausen, maggio 2015 (solo alcuni alunni) Visite guidate Expo, Milano, giugno 2015 Incontri nell'ambito dell educazione alla salute Altre attività (tirocini estivi, laboratori, stage all'estero, ecc.) La classe ha partecipato alle attività di prevenzione all abuso di sostanze con visita alla comunità di S. Patrignano nel terzo anno e la partecipazione nel quarto anno allle giornate di sensibilizzazione e prevenzione denominate We free days organizzate ancora una volta da S. Patrignano. Festival nazionale del teatro scolastico, Cesena aprile 2015.

8 9. Simulazioni delle prime due prove d'esame Per quanto riguarda la simulazione della prima prova di esame, essa è stata proposta nello stesso giorno a tutti gli allievi delle classi quinte. Per quanto riguarda la simulazione della seconda prova di esame, essa è stata somministrata nelle forme e modalità decise dai colleghi della disciplina. Data di svolgimento Tempo di svolgimento Simulazione della prima prova 04 maggio ore Simulazione della seconda prova 06 maggio ore 10. Criteri seguiti per la progettazione delle simulazioni di terza prova La terza prova coinvolge potenzialmente tutte le discipline dell ultimo anno di studi. Il Consiglio di Classe tuttavia, tenuto conto del curriculum di studi, degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella programmazione didattica, ha individuato come oggetto delle 2 simulazioni in preparazione della Terza Prova scritta degli Esami di stato le seguenti discipline: A. Informatica B. Inglese C. Storia D. Diritto E. Economia politica F. Matematica

9 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa relativa alle simulazioni 11. Informazioni relative alla/e simulazione/i di terza prova svolta/e durante l anno Simulazione n 1 Data di svolgimento Tempo Assegnato 05/03/15 3 ore Materie coinvolte nella prova Tipologie di verifica N quesiti ( Tip. A, B, ) per materia Informatica Tipologia B 3 Inglese Tipologia B 3 Storia Tipologia B 2 Economia Politica Tipologia B 2 Simulazione n 2 Data di svolgimento Tempo Assegnato 28/04/15 3 ore Tipologie di verifica N quesiti Materie coinvolte nella prova ( Tip. A, B, ) per materia Informatica Tipologia B 3 Inglese Tipologia B 3 Diritto Tipologia B 2 Matematica Tipologia B 2 9

10 12. Modalità di correzione e criteri di valutazione adottati per le prove Per la valutazione della simulazione della prima prova è stata utilizzata la seguente griglia (inserire griglia) GRIGLIA DI CORREZIONE DELLA PRIMA PROVA D'ESAME a.s tipologie: A(analisi testo), B(saggio breve-articolo di giornale), C e D(temi di storia e attualità) a) competenze formali (punti 1-7) Livello rilevato Correttezza ortografica...(0-1) Correttezza morfosintattica...(0-1) Uso della punteggiatura...(0-1) Pertinenza del lessico...(0-2) Pertinenza del registro e del testo alla tipologia prescelta...(0-2) Punteggio competenze formali.../ 7 b) competenze contenutistiche e relative all'organizzazione testuale (p.1-8) Tipologia A: comprensione globale......(0-2) comprensione analitica...(0-2) interpretazione (capacità di collegare aspetti formali e di contenuto)...(0-2) contestualizzazione...(0-2) Tipologia B: capacità di utilizzare l'apparato documentario...(0-3) rielaborazione personale...(0-2) organizzazione testuale (coerenza e coesione)...(0-3) Tipologie C e D: comprensione dell'argomento (pertinenza della traccia)... (0-1) presenza di una o più tesi... (0-1) pertinenza delle argomentazioni e sviluppo delle tematiche (correttezza e ricchezza delle conoscenze nel tema di storia)...(0-4) organizzazione testuale (coerenza e coesione)... (0-2) Punteggio competenze contenutistiche.../8 1-1,5...scarso 2-2,5.grav. insuff. 3...insufficiente 3,5...quasi suff. 4...sufficient e 4,5...discreto 5...quasi buono 6...buono 7...ottimo Livello rilevato scarso 2,5-3..grav. Insuff 3,5-4...insuff. 4,5-5,5.quasi suff sufficiente 6,5... discreto 7. quasi buono 7,5...buono 8...ottimo Voto in 10 Voto in , , , , , Valutazione complessiva:.../15 10

11 Per la valutazione della simulazione della seconda prova è stata utilizzata la seguente griglia: GRIGLIA di CORREZIONE 2^ PROVA INDICATORI Aderenza alla traccia Interpretazione del testo Contenuto Qualità della comunicazione Utilizzo del linguaggio specifico Attinenza alla traccia Sviluppo del quesito obbligatorio Rielaborazione personale Contenuto Utilizzo egli strumenti operativi Sviluppo del quesito a scelta Rielaborazione personale Contenuto Utilizzo degli strumenti operativi PUNTI MAX LIVELLI PUNTI PUNTI ATTRIBUITI Grav. Insuff. 1 Insufficiente 2 Sufficiente 2,5 Discreto 3 Buono 3,5 Ottimo 4 Grav. Insuff. 1 2 Insufficiente 3-4 Sufficiente 4,5 Discreto 5 Buono 5,5 Ottimo 6 Grav. Insuff. 1 Insufficiente 2 Sufficiente 3 Discreto 4 Buono/ottimo 5 Voto complessivo attribuito alla prova: / 15 Per la valutazione della simulazione della terza prova è stata utilizzata la seguente griglia. GRIGLIA DI CORREZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO Conoscenza dei contenuti Frammentaria e confusa/errata Generica / incompleta Essenziale e manualistica Puntuale Approfondita ed esauriente Competenze disciplinari, pluridisciplinari e capacità di collegamento Non individua i concetti chiave Individua i concetti chiave, ma non li collega Individua i concetti chiave e stabilisce semplici collegamenti Individua i concetti chiave e stabilisce efficaci collegamenti

12 Competenze logico espressive Punteggio attribuito Rielabora le conoscenza anche con approfondimenti personali Si esprime in modo disorganico ed utilizza un modesto repertorio lessicale Si esprime in modo organico con un linguaggio corretto e appropriato Si esprime con coerenza, coesione e proprietà lessicale /15 12

13 TESTI DELLE SIMULAZIONI DELLE TERZE PROVE, 5 R SIA: PRIMA SUMULAZIONE, 5 MARZO 2015 INFORMATICA Quesito 1) modellazione di dati (5 punti) E dato il seguente problema: Si intendono gestire le camere di un albergo. Ogni camera è caratterizzata da numero, tipo (doppia, singola, tripla, suite), servizio (doccia, vasca), balcone (si/no), piano, vista mare (sì/no), costo della camera per notte. Per ogni giorno dell'anno e camera è indicato se è occupata o meno, il tipo di trattamento (BB = bed and breakfast, HB=mezza pensione, FB=pensione completa), il numero di persone che occupano la camera e le eventuali spese da addebitare (bar, bevande ai pasti ). Si richiede di fornire eventuali specifiche ad integrazione del testo, di modellare i fatti sopra descritti nel modello concettuale E-R e l'equivalente modello relazionale Quesito 2 SQL (5 punti) Dato il seguente data base relazionale che si afferisce ad aziende ciclistiche e composto da : produttore {d_produttore, nome, data_fondazione } vendite_bicicletta {id_bici, id_produttore*,id_modello*, quantità_venduta } modello { id_modello, nomemodello, prezzomodello} Organizzare le seguenti query: Elencare il totale delle biciclette vendute dalle aziende fondate prima del 1979 (punti 1) Elencare tutti i modelli di bici vendute in quantità inferiore alla media generale delle vendite (punti 2) Calcolare il volume di vendite in euro di biciclette per modello (punti 2) Quesito 3 teoria della normalizzazione (punti 5) 13

14 Data la Relazione : STUDENTEUNIVERSITARIO(codice_studente, nome_studente,cognome_studente, corso_laurea_frequentato, indirizzo_corso_laurea, nome_universita, citta_universita, tel_segreteriauniv) Eseguire i seguenti quesiti: definire in che forma normale si trova la relaziona data ed eventualmente portare la relazione in 3 NF Dare la definizione di 3 NF INGLESE AFTER SNOWDEN: HOW VULNERABLE IS THE INTERNET? The technology pioneers who designed the net s original protocols saw their creation as a way to share information freely across a network of networks. Yet Edward Snowden s leaks of classified documents from the US National Security Agency(NSA) have revealed that American spies, and their British counterparts at GCHQ, now use that very same internet to sweep up vast amounts of data from the digital trail we leave every day. It is not simply that they mine social media updates information we already give to companies, the NSA and GCHQ ( Government Communications Headquarters) have allegedly tapped into the internet structures and land based cables are not the only physical access points to intercept data. Snowden documents published in the Guardian in June 2013 indicate that the Us and Britain s spy programmes, aimed at mastering the internet, include tapping the undersea cables through which data and phone calls flow. This surveillance programme is called PRISM. Snowden s documents claimed GCHQ was able to monitor up to 600 million communications every day. GCHQ declined to comment on the claims but said it s compliance with the law was scrupulous. The scale of NSA and GCHQ s data collection is hard to comprehend and opinions about their legitimacy are divided: some believe it s a vital bulwark against terror attacks others insist the programmes are dangerous infringements of civil liberties. Snowden s revelations may lead to a change in how governments and large organisations use the internet. (BBC News Technology) 1) What is PRISM? How does it work? 2) What did Snowden do in June 2013? 3) Write a paragraph about Fair Trade. 14

15 DIRITTO QUESITI A RISPOSTA APERTA (Min.10 righe/max15 righe.15/15 punti a quesito) 1) Data una definizione di pressione fiscale illustra le conseguenze negative di un eccesso di essa. 2) Elenca i singoli principi di redazione del bilancio fornendo per ciascuno di essi una spiegazione sintetica. STORIA QUESITI A RISPOSTA APERTA (Min.10 righe/max15 righe.15/15 punti a quesito) 1. Quale fu la base sociale del nazionalsocialismo? 2. Si fornisca una definizione chiara, puntuale e convincente di totalitarismo SECONDA SIMULAZIONE, 28 APRILE 2015 INFORMATICA Rispondere ad ogni quesito seguendo la traccia proposta. Quesito 1: Relativamente al modello relazionale nei data base, fornisci le seguenti definizioni, aiutandoti anche con opportuni esempi: Concetto di relazione, tupla, grado e cardinalità Operazioni relazionali Quesito 2: GESTIONE AUTONOLEGGIO Una società, situata nelle vicinanze dell aeroporto Marconi di Bologna, gestisce il noleggio di automobili a diversi clienti italiani o stranieri per motivi di turismo o affari. Il programma, oltre alla gestione delle auto e dei clienti, deve anche prevedere la possibilità di prenotazione del veicolo via fax o . Partendo dal seguente problema, fornisci: Schema concettuale Schema logico, completo di attributi. Indica le chiavi in questo modo: chiave primaria (sottolineatura doppia), chiave esterna (con accanto un *) Schema fisico: indica, in corrispondenza di ogni attributo: tipo di dato, dimensione e obbligatorietà 15

16 Quesito 3: In un dipartimento lavorano più dipendenti con mansioni (impiegato, dirigente, ) e conseguenti livelli stipendiali diversi (da 1 a 5). Lo stipendio varia per ogni dipendente e dipende dal livello e da altre voci non indicate (anni anzianità, ). Il dipartimento ha un unico responsabile. Schema E/R: Dipartimenti 1 N lavorano Impiegati Schema logico: Dipartimenti(Codicedip, Nomedip, Gener_responsabile,Localita) Impiegati(Codiceimp, Gener, Data_assunzione,LivelloStipendiale, Mansione, StipendioBase, Codicedip) Scrivere le seguenti interrogazioni in linguaggio SQL: a) Visualizzare nominativo dipendente, nome dipartimento, stipendiobase per i dipendenti di livello compreso tra 3 e 5 ed assunti dal 1990 in poi b) Visualizzare i nominativi dei dipendenti con stipendio superiore alla media degli stipendi c) Visualizzare i nomi dei dipartimenti e relativo numero dipendenti per i dipartimenti di Milano o Roma con almeno 10 dipendenti INGLESE MARKETING WITH SOCIAL NETWORKS Social networks like Facebook, Twitter and My Space have gained in popularity. With smart phones now integrating social networks, users can surf and update their status online. Companies are realizing the potential of social networks and integrating them as a tool within their marketing mix strategy. Facebook has over 300 million users, from a business perspective this is the equivalent of reaching an audience the size of America. Dell have been really successful in this strategy. In 2009 their global sales associated with tweets reached $6,5 million. ASOS.com, the online clothing retailer, has business profiles on Facebook, Twitter, Bebo and My Space. The benefits of using social networks for business are different: business can keep customers updated in real time and if a business campaign is successful it may go viral. Social networks have the potential of reaching a wide audience as a consequence the company reputation improves as users see it as a presence within their social networking world. Social networks are the place to be, and being associated with them improves the business reputation. Moreover social networks help develop relationships with customers. When companies are planning their marketing strategy it makes sense to integrate social networks into the promotional campaign. 1) What are the Companies doing in order to increase their sales? 2) What are the advantages of using social networks for business? 3) Write a short paragraph ( 8-10 lines ) about Linux 16

17 QUESITO 1 MATEMATICA Il modello matematico di un problema di scelta è rappresentato dalla seguente funzione obiettivo z, soggetta al sistema di vincoli indicato: z = 90x 120y + 60 x 0, y 0 4x + y 0 7x 4y 1200 Il candidato, dopo aver classificato il problema di scelta a cui il modello si riferisce, determini, se esistono, il minimo ed il massimo della funzione nella suddetta regione ammissibile. (massimo 10 righe e un grafico) QUESITO 2 Il candidato classifichi la tipologia della seguente funzione, ne determini il dominio e lo rappresenti graficamente : 2 2 z = ln ( y x ) (massimo 10 righe ed un grafico) DIRITTO QUESITI A RISPOSTA APERTA (Max12 righe.15/15 punti a quesito) 1) Il/La candidato/a illustri sinteticamente i diversi principi costituzionali in materia di giustizia. 2) Il/La candidato/a dopo avere evidenziato le funzioni del governo si soffermi sulla funzione normativa. 17

18 Il presente documento è condiviso all unanimità dal Consiglio di Classe della 5 R in tutte le sue parti. Docente Firma BEGHELLI Alice BULGARELLI Sandra DELMAESTRO Paola DI STEFANO Antonella FERRARI Matteo FUCCI Carolina MAGNANI Edda MANCOSU Roberta MUSIANI Stefania NALDI Alberta PAJETTI Andrea TAGLIAVINI Marta TURCHI Vera Casalecchio, 15 maggio

19 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa relativa alle materie dell ultimo anno di corso Materia: Docente: Libro di Testo adottato: Altri testi utilizzati: MATEMATICA Paola Delmaestro Leonardo Sasso NUOVA MATEMATICA A COLORI EDIZIONE ROSSA VOLUME 5 + EBOOK 5 Petrini Editore appunti, schede di lavoro Altri sussidi didattici utilizzati: - 1. Argomenti svolti nell anno 1. La ricerca operativa problemi di scelta in condizione di certezza con effetti immediati: scelta nel continuo, nel discreto, fra due o più alternative problema delle scorte: sia nel caso di prezzo di acquisto indipendente dalla quantità ordinata, sia nel caso vengano concessi sconti problemi di scelta in condizione di certezza con effetti differiti: Criterio della preferenza assoluta, Criterio dell attualizzazione e significato del tasso di valutazione, Criterio del tasso interno di rendimento, problemi di scelta in condizione di incertezza con effetti immediati: Caratteristiche dei problemi di scelta in condizione di incertezza, Criterio del valor medio, Criterio del pessimista. 2. La programmazione lineare Caratteristiche di un problema di programmazione lineare Definizione di regione ammissibile Risolvere problemi di PL mediante il metodo grafico (calcolo della funzione nei vertici della regione ammissibile e con le curve di livello) Determinare e risolvere il modello di un problema di PL in tre variabili riconducibile a due 3. Analisi infinitesimale: funzioni in due variabili Definizione e dominio Linee di livello Derivate parziali del primo e del secondo ordine Piano tangente alla superficie Individuazione di punti stazionari e loro classificazione mediante il calcolo dell Hessiano 2. Obiettivi inizialmente fissati Conoscere: Riconoscere e comprendere linguaggi formalizzati Riconoscere e comprendere una teoria assiomatica Distinguere tra verifica e dimostrazione Conoscere le corrette definizioni degli enti utilizzati Conoscere i corretti enunciati dei teoremi utilizzati Conoscere i modelli formali normalmente utilizzati nelle strategie risolutive e il loro significato 19

20 Saper fare Costruire modelli per la soluzione di problemi Rappresentare e sintetizzare dati ricavandone informazioni Esprimere i contenuti utilizzando, almeno parzialmente, un linguaggio formalizzato Rappresentare graficamente funzioni in una e due variabili e individuarne le caratteristiche per via algebrica Analizzare, costruire il relativo modello matematico, risolvere e valutare i risultati di situazioni economiche 3. Criterio di sufficienza adottato Conoscenza teorica dell argomento; comprensione e applicazione sufficientemente corretta del problema proposto. Nella valutazione finale si tiene conto dei seguenti elementi: profitto raggiunto nelle singole prove, partecipazione al dialogo educativo, impegno e voglia di apprendere, miglioramento dei livelli di partenza, livello medio della classe. 4. Tipologia delle prove di verifica utilizzate per la valutazione 5. Numero delle prove svolte Problemi Esercizi Interrogazione breve Domande a risposte aperte trimestre: n 4 prove scritte (2 per lo scritto e 2 per l orale) pentamestre: n 3 prove scritte (una prova verrà svolta dopo il 15 maggio) di cui una simulazione di terza prova e almeno una prova orale 6. Ore assegnate per lo svolgimento delle prove 1 o 2 ore 20

21 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa relativa alle materie dell ultimo anno di corso Materia: Docente: Libro di Testo adottato: Altri testi utilizzati: -- Altri sussidi didattici utilizzati: -- SCIENZA DELLE FINANZE Prof.ssa Antonella Di Stefano Economia politica-scienza delle finanze e diritto tributario di L.Gagliardini,g.Palmerio,M.P.Lorenzon. 1. Argomenti svolti nell anno Unità di apprendimento n.1 L ATTIVITA FINANZIARIA PUBBLICA L attività finanziaria pubblica e la scienza delle finanze- Evoluzione storica dell attività finanziaria pubblica-la finanza pubblica come strumento di politica economica-i beni pubblici-il sistema delle imprese pubbliche in Italia e le privatizzazioni(caratteri generali) Unità di apprendimento n.2 LA POLITICA DELLA SPESA La spesa pubblica: principali classificazioni-gli effetti economici e sociali della spesa pubblica- La spesa pubblica e l analisi costi-benefici- L aumento della spesa pubblica e la sua misurazione-la crisi dello Stato sociale e il contenimento della spesa-la spesa per la sicurezza sociale in generale. Unità di apprendimento n.3 LA POLITICA DELL ENTRATA Le entrate originarie e le entrate derivate-le entrate straordinarie: principali tipologie- L alleggerimento del debito pubblico-le tasse e i contributi: definizioni-le imposte: elementi e principali classificazioni-capacità contributiva e progressività dell imposta- L applicazione della progressività--i principi giuridici delle imposte-i principi amministrativi delle imposte-gli effetti economici delle imposte. Unità di apprendimento n.4 LA POLITICA DI BILANCIO Il bilancio pubblico: principale normativa-tipi e principi del bilancio-teorie sulla politica di bilancio-la classificazione delle entrate e delle spese nel bilancio dello Stato: prospetto generale-i risultati del bilancio-la formazione del bilancio e il ciclo della programmazione finanziaria-il documento di economia e finanza e il disegno di legge di stabilità: definizioni e tempistiche-la formazione del bilancio preventivo e consuntivo-esecuzione e controllo del bilancio (caratteri generali). 21

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli