Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche: problemi e vantaggi, realtà o prospettiva?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche: problemi e vantaggi, realtà o prospettiva?"

Transcript

1 Diocesi di Mazara del Vallo Servizio diocesano per l Insegnamento della Religione Cattolica Corso diocesano di aggiornamento per gli Insegnanti di Religione Cattolica in servizio nelle scuole della Diocesi La competenza pedagogico - didattica del docente per un Irc motivante ed educativo A.S Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche: problemi e vantaggi, realtà o prospettiva? di Roberto Astuto Mazzara del Vallo (Tp) 9 settembre 2011

2 Mi presento Insegno Religione Cattolica nel liceo scientifico Ettore Majorana di Latina, collaboro con l Università Salesiana di Roma nel campo della didattica multimediale e della formazione degli insegnanti, in alcuni progetti di e-learning e alla Rivista on-line di Pedagogia Religiosa 1. Mi piace utilizzare strumenti innovativi nell insegnamento anche perché nell Insegnamento della Religione Cattolica è indispensabile essere sempre sulla cresta dell onda per non essere travolti dall onda! Ratio Non intendo illustrarvi studi di psicologia o sociologia riguardo al rapporto tra i giovani e i media ma, come insegnante, vorrei offrirvi alcuni spunti concreti e riflessioni tratte dall esperienza per capire cosa sta succedendo ai nostri ragazzi e come reagiscono all impatto con le nuove tecnologie. Nel pomeriggio, invece, cercheremo di approfondire gli aspetti applicativi didattici e tecnici. Mettiamoci d accordo sul vocabolario Cosa vuol dire "multimedialità"? è facile definirla come molteplicità di mezzi ma i mezzi impiegati in campo educativo sono sempre stati molti: dal dialogo alla scrittura, dalla pittura alla musica, dall esercizio fisico all addestramento militare, disciplina, retorica fino alla stampa dei libri. Dove sta, allora, la novità, la peculiarità di ciò che sta succedendo nel mondo contemporaneo? Il pensiero corre alle nuove tecnologie: radio, cinema, televisione, mezzi audiovisivi, computer e Internet. Ma è giusto parlare di «Nuove tecnologie»? Nuovo è un concetto abbastanza relativo, ciò che è nuovo oggi sarà vecchio domani. Può generare reazioni di resistenza alla innovazione e comunque il concetto è troppo generico. 1 Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 2

3 Preferisco utilizzare l espressione Information and Communication Technologies (ICT) ovvero tecnologie dell informazione e della comunicazione: In-formazione: le informazioni, la conoscenza, il sapere, la parola, cioè il logos «forma» e «dà forma» ai nostri neuroni e alla nostra personalità. Non possiamo trascurare la base psicobiologica di ogni azione educativa così come gli sviluppatori delle nuove tecnologie informatiche e dei nuovi software si confrontano costantemente con i dati della psicologia. Comunicazione: la giusta attenzione che oggi viene posta sui mezzi, i «media», e i codici della comunicazione a volte porta in secondo piano la dimensione interpersonale insita nella comunicazione. Introducendo nuovi mezzi tecnologici nell educazione e nell apprendimento, quale impatto si provoca sulla sfera relazionale e sociale (famiglia, scuola, chiesa, amicizie ecc.)? Ad esempio, nella scuola si discute dell introduzione del computer, WiFi, LIM senza alcun dibattito sui nuovi metodi didattici da impiegare e sulle conseguenze relazionali, anche di potere tra studenti e docenti, che possono esserci utilizzando gli strumenti didattici multimediali e interattivi. Tecnologie: nell educazione e nell apprendimento sono sempre stati impiegati "mezzi", anche il libro a suo tempo è stata una nuova tecnologia e l introduzione della stampa nel XVI secolo ha provocato una rivoluzione della conoscenza e della cultura. Perché il computer o Internet dovrebbero essere diversi dall abbecedario? Una rivoluzione culturale Un po di storia: Internet nasce nel 1969, Nel 1971 Arpanet era formata da 15 nodi e 23 host, dei quali entrò a far parte anche la Nasa; gli utenti erano qualche centinaio. Oggi, dopo solo quaranta anni, abbiamo 2 miliardi di utenti e 300 milioni di siti, con dati in crescita continua ed esponenziale. Perché oggi si parla di Web2.0? IL WEB 2.0 Il termine "Internet 2.0" o "Web 2.0" è un nuovo modo di intendere la Rete, che pone al centro i contenuti, le informazioni, l'interazione. Oltre ai computer fanno parte della rete globale anche altre periferiche quali il cellulare, il palmare o il navigatore satellitare, la televisione, la radio, consolle per videogiochi lavatrici 2 [sic!] che possono interagire tra loro utilizzando le nuove tecnologie di condivisione del dato digitale. Il concetto di Web 2.0 pone l accento sulle capacità di condivisione dei dati tra le diverse piattaforme tecnologiche, sia hardware che software 3. Dietro a queste evoluzioni troviamo 2 TORELLI Umberto, Corriere Economia, (18 ottobre 2010) Pag MONTALTO M., Web 2.0: Internet volta pagina, Arriva la versione 2.0 di Internet, un'evoluzione tanto tecnologica quanto filosofica, (novembre 2005) Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 3

4 tecnologie quali: Web services, API, XML (vedi anche le Specifiche W3C), RSS (Really Simple Syndication) 4, Ajax 5, il filo conduttore è una nuova filosofia all'insegna della collaborazione. Questo è il Web 2.0, interazione sociale realizzata grazie alla tecnologia. I servizi e gli strumenti del Web 2.0 trasformano ogni utente da consumatore a partecipante, da utilizzatore passivo ad autore attivo di contenuti, messi a disposizione di chiunque si affacci su Internet, indipendentemente dal dispositivo che utilizza 6. Interazione sociale significa anche commercio elettronico, home banking, e-citizen, e- government 7, e-learning 8, telemedicina, Skype. I contenuti di questa forma di comunicazione sono principalmente multimediali, video, foto, mappe interattive, podcast 9 possono sostituire tranquillamente il testo di una pagina ma la novità maggiore è nel campo della personalizzazione: un sito viene visualizzato direttamente nella lingua dell utente, con i suoi colori e la sua grafica preferiti; non c è più bisogno di avere un proprio sito Internet per scrivere sul web ma basta Facebook, igoogle e molti altri strumenti Web 2.0; i contenuti vengono inoltre automaticamente adattati al tipo di piattaforma utilizzata computer o cellulare. La cultura e la comunicazione risentono profondamente di queste innovazioni sopravvenute nell ultimo decennio. Il testo scritto su carta è lineare, poco o nulla flessibile, il testo digitale è facilmente modificabile, reticolare moltiplicabile con facilità. video[web The Machine is Us-ing Us].mp4 10 Complessivamente possiamo affermare che nel Web 2.0 troviamo sommate le caratteristiche della multimedialità, della personalizzazione 11, della interattività e dell operatività. Non si tratta di qualcosa di tecnicamente nuovo ma della sommatoria ed dell interazione tra tecnologie preesistenti. 4 RSS definisce una struttura adatta a contenere un insieme di notizie, ciascuna delle quali sarà composta da vari campi (nome autore, titolo, testo, riassunto,...). Quando si pubblicano delle notizie in formato RSS, la struttura viene aggiornata con i nuovi dati; visto che il formato è predefinito, un qualunque lettore RSS potrà presentare in una maniera omogenea notizie provenienti dalle fonti più diverse. 5 AJAX, acronimo di Asynchronous JavaScript and XML, è una tecnica di sviluppo per la realizzazione di applicazioni web interattive (Rich Internet Application) 6 Un approfondimento semplice e chiaro su 7 Presidenza del Consiglio dei Ministri, Il Piano e-government 2012, 8 E- school, 9 Registrazioni audio (eventualmente anche video) in formati (ad esempio mp3) ascoltabili su Ipod, lettori mp3 o telefoni cellulari. 10 Digital Ethnografy, un gruppo di lavoro della Kansas State University guidato dal Dr. Michael Wesch dedicato ad esplorare ed estendere le possibilità di etnografia digitale. 11 Il linguaggio XML consente di creare pagine calibrate sull utente, ad esempio versioni di uno stesso sito nella lingua predefinita dal browser del visitatore. Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 4

5 Insomma siamo davanti ad una vera e propria rivoluzione culturale e quello che abbiamo visto finora potrebbe essere solo l inizio. Proviamo a correggere il titolo di queste riflessioni: fare lezione con la multimedialità, la personalizzazione, e soprattutto l interattività perché, a mio avviso, questa è la vera novità "democratica" delle ICT e da questo aspetto verranno i maggiori effetti sul campo educativo. «Democratica» significa tra l altro ridefinizione dei ruoli di potere degli educatori e degli educandi: genitori, insegnanti, catechisti, mass-media, Chiesa Quindi cominciamo a ragionare in termini complessivi, multimedialità, personalizzazione e interattività nel nuovo Web sono un tutt uno inscindibile. Nel Web 2.0 troviamo raccolte insieme molte delle caratteristiche di un ambiente di apprendimento efficace e rispondente ai bisogni di vedere, toccare ovvero partecipare e capire dell essere umano. Si tratta di un opportunità per chi concepisce l apprendimento in modo partecipativo, interattivo e cooperativo una vera disgrazia per gli amanti della lezione frontale e dell insegnamento vecchio stile. Anche in questo caso la tecnologia lascia poca scelta a chi non vuole adeguarsi infatti i nostri giovani sono ormai in gran parte «nativi digitali» 12 e tra breve lo saranno tutti. Sulla definizione di cosa significa nativi digitali c è un grande dibattito scientifico e pedagogico, io lo sintetizzerei con una battuta: coloro che hanno imparato ad usare il telecomando 13 e il mouse 14 prima che a leggere e scrivere 15. Di ciò è opportuno tenerne conto anche nella formazione dei docenti e degli educatori, la padronanza dei mezzi va vista anche come una forma di potere. Quali fondamenti per un utilizzo razionale delle ICT in campo educativo? Tecnologia e Intelligenze multiple È nota la teoria delle intelligenze multiple di Howard Gardner, ma la domanda su come essa possa essere applicata concretamente nei processi di insegnamento e di apprendimento, in particolare nel contesto della scuola italiana, mi sembra che abbia una risposta tutt altro che scontata. 12 GASSER Urs, PALFREY John, Born Digital - Connecting with a Global Generation of Digital Natives, Perseus Publishing, pp I primi telecomandi furono costruiti negli Stati Uniti poco dopo la seconda guerra mondiale: si trattava di telecomandi per un modello di televisore, al quale erano collegati con un cavo atto a trasmettere il segnale. I primi modelli di telecomando senza filo seguirono alcuni anni dopo, sostituendo gradualmente i precedenti. Il primo telecomando senza fili funzionale fu sviluppato da Robert Adler. 14 L'ideatore di questo supporto tecnologico si chiama Douglas Engelbart, nato nel 1925, che con mille problemi e difficoltà assieme a diciassette colleghi creò l'augmentation Research Center. Nacque così il progetto dell'nls: computer come estensioni delle capacità cognitive e di comunicare. Il 21 giugno 1967 ottenne il brevetto per il suo indicatore di posizione X-Y per display: il mouse. 15 Nativo digitale (dalla lingua inglese «digital native») è una espressione che viene applicata ad una persona che è cresciuta con le tecnologie digitali come i computer, Internet, telefoni cellulari e MP3. Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 5

6 Nel suo libro del 1983 intitolato Frames of Mind, Howard Gardner 16, dell'università di Harvard, ha individuato una decina di intelligenze che noi tutti possediamo. Poiché la nostra comprensione del cervello e del comportamento umano è in continua evoluzione, il numero delle tipologie di intelligenza identificate si sta espandendo. Da due a tre intelligenze nuove sono state aggiunte di recente. Gardner sostiene che ciascuno di noi possiede tutte le intelligenze, ma che non esistono due persone perfettamente identiche. Attualmente, Gardner ha identificato nove intelligenze: verbale linguistica, logico - matematica, visivo - spaziale, corporea - cinestetica, musicale - ritmica, intrapersonale e interpersonale, naturalista, esistenzialista. Originariamente, Gardner sviluppò l'elenco come un modello teorico della psicologia della mente, piuttosto che un modo pratico per affrontare le differenze individuali. Tuttavia, comprendendo i punti di forza e le debolezze di ciascun ragazzo rispetto alle varie intelligenze, siamo in grado di aiutarlo ad ottenere un maggior successo nell apprendimento. Egli osserva inoltre che l'integrazione di intelligenze multiple in classe determina il cambiamento della nostra idea circa l'insegnamento e l'apprendimento. Essa impone di affrontare le differenze individuali fornendo una serie di attività e di esperienze per facilitare l'apprendimento (personalizzazione e operatività). La tecnologia può essere utilizzata per facilitare l'apprendimento in ciascuna area di intelligenza. Non c'è un modo "giusto" per integrare intelligenze o tecnologie in classe. La chiave è quella di fornire il più efficace ambiente di apprendimento per gli studenti. Il mondo della scuola La scuola è veramente così arretrata come si dice? È possibile realizzare, in ambito scolastico, una educazione multimediale o alla multimedialità? Se per «giovani» intendiamo i cosiddetti «nativi digitali» esiste un problema di gap tecnologico-generazionale in ambito educativo? In ogni tipologia di intelligenza esistono tecnologie più o meno adatte a stimolarla. In allegato n.1 è possibile trovare (in inglese ma facilmente comprensibile) un elenco delle tecnologie utilizzabili 17 in rapporto alle diverse intelligenze ed alle caratteristiche ed ai ruoli ad esse connesse. La teoria delle intelligenze multiple dimostra che l utilizzo di strumenti di comunicazione e formazione multimediale soddisfa una esigenza intrinseca dell essere umano, apprendere vedendo, toccando e ascoltando ciò produce anche una soddisfazione sensoriale. Nella scuola primaria italiana, generalmente, queste esigenze sono tenute in considerazione mentre la situazione peggiora salendo di grado alla scuola secondaria e 16 GARDNER Howard, Formae mentis, Milano, Technology and Multiple Intelligences, 24 Nov Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 6

7 all università. La trascuratezza di alcuni canali comunicativi spiega una parte della scarsa efficacia del nostro sistema scolastico. È giusto utilizzare le ICT nell Insegnamento della Religione Cattolica? L Insegnamento della Religione Cattolica è una disciplina come le altre, occorre anche per noi porre attenzione al contesto culturale. Io, come insegnante, nella mia attività didattica posso anche non utilizzare mai tecnologie informatiche ma non posso ignorare come funzionano e quali effetti producono sulle persone che sto educando. La nostra disciplina è stata definita dal Papa «laboratorio di cultura ed umanità», ciò determina per noi un dovere particolare di attenzione agli aspetti più innovativi dell elaborazione culturale. Nel 2010, il corso nazionale organizzato dal Servizio Nazionale per l IRC della CEI e dal M.I.U.R. ha avuto come tema l Insegnamento della Religione Cattolica e la multimedialità 18. Abbiamo la responsabilità come cristiani oltre come educatori di non lasciare soli le giovani generazioni davanti ai nuovi e potenti mezzi della comunicazione sociale. Con quali finalità utilizzare le ICT nell Insegnamento della Religione Cattolica? Qualche tempo fa portare i ragazzi in sala computer era un fattore di stimolo delle motivazioni a seguire l IRC oggi, forse, non è più così oppure non basta. Occorre valutare gli strumenti didattici multimediali come qualsiasi altro strumento ovvero in rapporto all efficacia didattica. Sia rispetto al modello didattico sottostante sia, ad esempio facendo riferimento alla teoria delle intelligenze multiple di Howard Gardner, per la molteplicità dei canali comunicativi disponibili. MOLTEPLICITÀ DEI CANALI COMUNICATIVI Il linguaggio è la facoltà di poter esprimere e comunicare le conoscenze, i pensieri, i bisogni e i sentimenti. Pertanto, è una facoltà che si attua in diversi modi o procedimenti e ci sono tanti linguaggi quanti sono i procedimenti o i modi per attualizzare questa facoltà 19. L utilizzo di canali comunicativi visivi e uditivi assicura un maggior coinvolgimento dello studente ed una maggiore efficacia della comunicazione così come l utilizzo di canali uditivi non testuali (ad esempio la musica) assicura un maggior coinvolgimento sul piano emotivo. 18 Corso nazionale di aggiornamento L Irc nei nuovi processi di apprendimento (CEI-MIUR) Montesilvano, ottobre ANNICCHIARICO Vincenzo, Mediare il Vangelo oggi. Dire o comunicare?, Taranto, 2007, pag.70. Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 7

8 La musica (che può essere anche solo la colonna sonora di un film o il sottofondo di un video) offre un inesauribile risorsa per l elaborazione degli stati affettivi: per conoscere l altro, per conoscersi; per comunicare con sé e con l esterno 20. Un suo utilizzo nei processi educativi presuppone un educatore esperto non tanto di musica quanto della gestione delle reazioni emotive che si possono innescare. Lo strumento multimediale utilizzato da parte del docente consente di coinvolgere un numero maggiore di alunni e con maggiore intensità. Ritengo che la multimedialità non vada associata solo alle tecnologie, un educatore attraverso la voce deve sapere operare su vari canali comunicativi sia razionali che emotivi. L educatore dovrebbe avere un ventaglio di competenze comunicative che gli consentano di arrivare con il disegno, l arte o la musica dove non riesce ad arrivare con i messaggi verbali. Certamente le ICT offrono maggiori possibilità di utilizzo dei canali non verbali garantendo un accesso all arte, ai video e alla musica (ad esempio YouTube) semplice e rapido. Un mondo che meriterebbe attenzione, poi, è quello dei videogiochi: le potenzialità educative, o diseducative, di un video gioco sono immense. Perché il Ministero dell Istruzione o le case editrici, anziché nuovi libri di testo, non promuovono la realizzazione di videogiochi didattici per gli studenti? Perché la Chiesa, anziché altri catechismi cartacei, non favorisce lo sviluppo di applicazioni per la playstation? Credo che le principali resistenze a queste mie provocazioni non provengano da aspetti tecnici o valoriali ma dalla svalutazione dell aspetto ludico e del piacere da parte delle vecchie generazioni. A chi sembrassero troppo provocatorie le mie proposte ricordo che Don Bosco mise campi da gioco dentro gli oratori ma l oratorio 21, etimologicamente, è un luogo di preghiera non di gioco. 20 MARAGLIANO Roberto, Nuovo manuale di didattica multimediale, Roma Bari, 2004, pag Inizialmente gli oratori erano piccoli luoghi di culto dove i fedeli si riunivano a pregare (il termine deriva appunto dal latino orare, pregare). Il primo oratorio nel senso moderno fu creato da san Filippo Neri intorno al Con l'intento di creare una comunità di religiosi e laici unita in un vincolo di mutua carità sullo stile degli apostoli. Nel 1575 il papa Gregorio XIII eresse la Congregazione dell'oratorio e concesse a questa la chiesa di Santa Maria in Vallicella, che divenne così il luogo del primo oratorio. Le finalità dell'oratorio di San Filippo Neri erano quelle della preghiera, coinvolgendo uomini comuni e di cultura nella lettura della Bibbia, e dell'educazione dei ragazzi. Tra il 1802 e il 1808, santa Maddalena di Canossa, fondò le prime case (non ancora chiamati oratori) per raccogliere le ragazze di strada di Verona, mettendo a disposizione il suo palazzo e le case prese in affitto e istruendo loro alla religione e alla professione. Nel 1831 nacque il primo Oratorio Canossiano a Venezia con la compiacenza di papa Gregorio XVI. Di lì inizia la storia dei Figli della Carità - Canossiani. Sulla scia di Filippo Neri, nacque l'idea di Giovanni Bosco. Nel 1841 incontra dei giovani nella sacrestia della chiesa di San Francesco d'assisi a Torino per il primo di una serie di incontri di preghiera. La sua passione educativa per i giovani lo portò ad avvicinare sempre più ragazzi, tra i quali Domenico Savio. I primi affollati incontri non avevano un posto fisso. Solo nel giorno di Pasqua del 1846 l'oratorio si stabilì sotto una tettoia con un pezzo di prato, la tettoia Pinardi a Valdocco. Dall'esempio di Don Bosco, l'oratorio è diventato sempre più luogo di aggregazione e formazione, sia religiosa che umana. Le strutture si sono attrezzate ed ingrandite, oltre a diffondersi per tutta Italia, con maggior diffusione nel settentrione. In particolare l'arcivescovo di Milano card. Andrea Carlo Ferrari promosse la creazione di un oratorio maschile e di un oratorio femminile in ogni parrocchia. Dal 2001 una serie di provvedimenti legislativi [1] nazionali e regionali ha riconosciuto la «funzione sociale ed educativa svolta dagli oratori parrocchiali», promuovendo quindi la costruzione e la ristrutturazione delle strutture oratoriali. Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 8

9 Esempi didattici Le cose che ho illustrato cerco di metterle in pratica attraverso un costante lavoro di studio e di elaborazione didattica. Vi presenterò nel pomeriggio alcuni strumenti multimediali e interattivi che utilizzo nella mia professione didattica: il social network, Facebook; siti web ufficiali di istituzioni e motori di ricerca; Wikipedia, podcast, aggregatore di feed-rss, canale YouTube e software grafico e per prodotti audio-video; questionari on-line e pubblicazione degli elaborati su blog e siti Internet. Tali strumenti vanno sempre utilizzati all interno di un processo educativo ben progettato e strutturato. La multimedialità e le ICT possono svolgere, nelle mani di un educatore competente, un importante funzione educativa. Possono valorizzare la componente ludica accrescendo il piacere di educare ed essere educati. Le caratteristiche di personalizzazione dell e-learning e del Web2.0 possono aumentare le motivazioni dell educando e influire positivamente sull efficacia dei processi educativi. L interattività dei nuovi strumenti multimediali può essere utilizzata dagli educatori per favorire lo sviluppo dello spirito critico e della dimensione etica. Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 9

10 Conclusioni I cosiddetti nuovi "mezzi" per comunicare ed apprendere non possono essere visti solo come nuovi strumenti ma siamo di fronte ad una vera rivoluzione culturale, ad un nuovo modo di comunicare, di apprendere, di relazionarsi. Pertanto educare alla multimedialità non è semplicemente imparare ad utilizzare nuovi strumenti di comunicazione ma nuovi linguaggi. Occorre che il mondo degli adulti, genitori, insegnanti, educatori, si alfabetizzi nei nuovi linguaggi per dare una testimonianza seria e credibile; non è con le esortazioni o le ammonizioni che si può fare un servizio educativo ai giovani. Educare all uso della multimedialità implica utilizzare una molteplicità di mezzi nei processi educativi (multimediali) ma anche cambiare mentalità personalizzando gli interventi e dando maggiore spazio alla interattività e alla relazionalità. Occorre assumere le caratteristiche delle ICT (multimedialità, interattività, personalizzazione) nei processi educativi, parlare la medesima lingua dei «nativi digitali», rendere più piacevole la relazione educativa attraverso le proprietà particolari del gioco e della musica. Quando educare è un piacere, l educatore si accosta ai giovani e utilizza i loro strumenti comunicativi volentieri. Progettare i processi educativi secondo le moderne conoscenze della psicologia e della neurobiologia, in modo rispettoso delle regole implicite della comunicazione è il modo migliore di sviluppare una sana relazionalità. Non esiste vera educazione senza promozione dei valori della verità e della bellezza, le nuove tecnologie della comunicazione sicuramente pongono sfide impegnative sul piano etico. Offrono innumerevoli stimoli sensoriali che un po ci assuefanno anche al bisogno di cose belle, nuove e piacevoli ma occorre educare i giovani a valutare criticamente messaggi e modelli, a gestire la propria razionalità ed emotività senza farsi manipolare e strumentalizzare. Lo sviluppo del pensiero critico richiede competenze che i mezzi moderni della comunicazione sociale possono tanto facilmente incrementare e altrettanto facilmente umiliare. La responsabilità degli educatori, non «nativi digitali», deve concentrarsi nel comprendere le potenzialità del nuovo mondo della comunicazione, offrire ai giovani stimoli per usare i mezzi piuttosto che farsi usare mettendo al centro la persona umana e la relazionalità anziché gli effetti strabilianti dei nuovi potenti strumenti della comunicazione. I valori etici non sono contenuti da pubblicare on-line, lo chiamerei «moralismo 2.0», essi sono attinenti alla persona e alla testimonianza che l educatore dà sia quando opera in presenza che quando utilizza mezzi virtuali. Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 10

11 Deve assolutamente prevalere la dimensione personale e interpersonale dell educazione, solo così potremo dire che il web è fatto per l uomo e non l uomo per il web. Concludo con le parole di Benedetto XVI in occasione della XLV giornata mondiale delle comunicazioni sociali: «Comunicare il Vangelo attraverso i nuovi media significa non solo inserire contenuti dichiaratamente religiosi sulle piattaforme dei diversi mezzi, ma anche testimoniare con coerenza, nel proprio profilo digitale e nel modo di comunicare, scelte, preferenze, giudizi che siano profondamente coerenti con il Vangelo, anche quando di esso non si parla in forma esplicita. Del resto, anche nel mondo digitale non vi può essere annuncio di un messaggio senza una coerente testimonianza da parte di chi annuncia. Nei nuovi contesti e con le nuove forme di espressione, il cristiano è ancora una volta chiamato ad offrire una risposta a chiunque domandi ragione della speranza che è in lui (cfr 1Pt 3,15).» 22 Roberto Astuto 22 Benedetto XVI, Messaggio del Papa per la XLV Giornata delle Comunicazioni Sociali. Verità, annuncio e autenticità di vita nell era digitale. 5 giugno 2011 Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 11

12 BIBLIOGRAFIA Annicchiarico V., Mediare il Vangelo oggi. Dire o comunicare?, Parva itinera 37, Taranto, Babin P., McLUHAN M., Uomo nuovo cristiano nuovo nell era elettronica, Roma, Paoline, Cantoni, L., Di Blas, N., Comunicazione. Teoria e pratiche, Milano, Cantoni, L., Di Blas, N., Bolchini, D., Comunicazione, qualità, usabilità, Milano, Maragliano R., Nuovo manuale di didattica multimediale, con la collaborazione di Ornella Martini, Roma-Bari, Rivoltella P.C., Ferrari S., A scuola con i media digitali, Milano, Rivoltella P.C., Costruttivismo e pragmatica della comunicazione on line. Socialità e didattica in Internet, Trento, Rivoltella P.C., Carenzio A., Ragazzi connessi. I pre-adolescenti italiani e i nuovi media, Save the Children Italia OnlusSave the Children, CREMIT- Centro di Ricerca per l Educazione ai Media all Informazione e alla Tecnologia dell Università Cattolica del Sacro Cuore. Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 12

13 ALLEGATO 1 - TRATTO DA TECHNOLOGY AND MULTIPLE INTELLIGENCES - VERBAL/LINGUISTIC These "word smart" people learn best through language including speaking, writing, reading, and listening. They are able to verbally or in writing explain, convince, and express themselves. They enjoy writing and creating with words. They would also enjoy e-books, interactive books on CD-ROM, and other text-based software. Roles: They enjoy being the secretary, taking notes, and using the word processor. They would enjoy organizing the group's text and putting the project together. They enjoy the researching, listening, reading, and writing aspects of a research project. Technology Tools Web development tools - sharing a poem, myth, legend, news article PDF files Word processing (Word, Appleworks) - writing, rewriting, process writing; Brainstorming, listing, review terms, writing definitions, listing ideas; Writing a video script Voice annotation in word processing Using comments in word processing Desktop publishing (Publisher, Pagemaker) - the text aspect, bookmaking Desktop presentation (PowerPoint, Astound) - the text organization aspect Story-creation software (poems, essays, letters) Multimedia authoring (HyperStudio) - the text aspects Audio recorders and digitizers - recording oral histories and interviews Video recording - text aspect; storytelling, news program, interview, scripting, choral reading, retelling; speaking, debating, dramatizing Discussion lists and forums - discussing, debating Social networks Chats Reading and interpreting web information Electronic reference tools - encyclopedia, dictionaries CD-ROM Interactive books on CD, e-books, and text-based software TECHNOLOGY AND MULTIPLE INTELLIGENCES - LOGICAL/MATHEMATICAL These "number smart" people learn best through numbers, reasoning, and problem solving. They are able to create and manipulate visuals and create mental pictures from many perspectives. They like to weigh, measure, calculate, and organize data. Give students opportunities to create or manipulate data they find on the Internet. Provide them with a video camera to record their scientific experiment. Get them to use other intelligences in their sharing of data such as making an analogy or debating an issue. Roles: They enjoy collecting data, conducting experiments, and solving problems. Creating spreadsheets, databases, charts, and other data organization and calculation projects would be their contribution to a group. They enjoy problem solving, measuring, sequencing, predicting, experimenting, classifying, and data collection aspects of a research project. Technology Tools Organizational tools (databases, calendars) Calculation tools (spreadsheets) Online calculation tools and utilities Scientific equipment (probes) Science and math software Spreadsheets Statistics Graphing calculators and software Multimedia authoring (HyperStudio) - show results, animate Videotape - experiments, demonstrations, data gathering Animation - demonstrate an experiment Desktop presentation (PowerPoint) - show results Online data collection Problem solving software Webquests Computer-aided design - for problem solving Strategy, logic, and critical thinking software TECHNOLOGY AND MULTIPLE INTELLIGENCES - VISUAL/SPATIAL Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 13

14 These "picture smart" people learn best visually and tend to organize their thinking spatially. They like to think and create pictures. They are also drawn to information that is presented in a visual form. Encourage students to combine visual elements such as editing photographs or enhancing line drawings. Encourage them to add other intelligences such as written or oral descriptions or discussions. Ask them to make visual metaphors and stories. Roles: They would enjoy illustrating the project, identifying the visuals, color-coding the presentation, and creating the storyboard for the project. They enjoy identifying project visuals and visualizing aspects of a research project. Technology Tools Photo sharing websites Comics and Sequential art CAD - Computer-Aided Design Animation software Puzzle building tools Draw programs - Illustrator, CorelDraw Paint programs - Photoshop, Paint, KidPix, AppleWorks Timeline making - Tom Snyder's Timeliner Imaging software - Fireworks Desktop publishing (Publisher, Pagemaker) - layout aspect Desktop presentation (PowerPoint, Astound) - visual layout aspect Computer-generated charts, graphs, and tables (Graph Action; Graph Club) Spreadsheets for charts and graphs Web development tools Digital drawing pads 3D and morphing software Multimedia authoring (HyperStudio) Map making tools (Tom Snyder's Mapmaker) Video conferencing Scrapbooking, photo albums, and slide shows: oral history projects Visual information materials: photographs, clipart, charts, graphs, tables Color-code projects and ideas Match pictures to vocabulary words Websites with visual organizers or use color Visual Artwork Computer-generated Board Games Scanner Digital Camera Concept Mapping Tools and Diagrams (Inspiration & Kidspiration) TECHNOLOGY AND MULTIPLE INTELLIGENCES - BODILY/KINESTHETIC These "body smart" people learn best through physical activity such as dance, hands-on tasks, constructing models, and any kind of movement. They are able to manipulate and control objects, as well as express their ideas through movement. Give these students a video camera and let them record their movement such as a wood working activity or a skit. Add other intelligences such as taking still pictures and writing about the steps in the process. Roles: They like to create and move around. Get them involved with gathering and organizing physical materials, keyboarding, acting out roles, or manipulating objects. They would like to run the camera, operate the mouse, or take the pictures. TECHNOLOGY TOOLS Keyboarding, mouse, joystick, and other devices for movement Scientific probes and microscopes Video production - skits, dances, sports, role playing, demonstrations Animation - Macromedia Flash Claymation - sequence of movement Handheld Palms and Alphasmart - you can carry them everywhere Virtual Field Trip - using and creating Lego Logo and Robotics - other construction kit projects Digital still and video cameras - skits, plays, role playing, demonstrations Virtual worlds Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 14

15 TECHNOLOGY AND MULTIPLE INTELLIGENCES - MUSICAL/RHYTHMIC These "music smart" people learn best through sounds including listening and making sounds such as songs, rhythms, patterns, and other types of auditory expression. They are able to use inductive and deductive reasoning and identify relationships in data. Provide students with audio and video recorders to capture their musical expressions. Ask them to choose appropriate music to go with a slide show, artwork, or poem. Create and record hand-made instruments. Add other intelligences such as drawing patterns of music or writing about music and sounds. Roles: They like to choose and compose music for multimedia presentations. They like to see and hear patterns, so they may be good at sequencing a presentation. They are good listeners, so ask them to look for things that might be missing after watching a videotape. Technology Tools Video and audio recorders - digitize singing, musical instruments Sound and music files Music clips Music generation software Animation - Macromedia Flash Music composition software DVDs and CD-audios Interactive books with audio elements Audio notation in word processors Music sharing sites TECHNOLOGY AND MULTIPLE INTELLIGENCES - INTRAPERSONAL These "self smart" people learn best through metacognitive practices such as getting in touch with their feelings and self motivation. They are able to concentrate and be mindful. Provide tools to help students "think about their thinking" through writing, diagraming, or recording ideas. Roles: They are good at setting and pursuing goals and assessing work. They are good at working independently toward a group goal. Technology Tools Computer-based journaling Concept maps (Inspiration and Kidspiration) - idea webs Problem solving software - self paced software Internet research - self paced Word processing - brainstorming, diaries, journals Video projects - record personal ideas Multimedia portfolios Blogs TECHNOLOGY AND MULTIPLE INTELLIGENCES - INTERPERSONAL These "social smart" people learn best through interaction with other people through discussions, cooperative work, or social activities. They are able to create synergy in a room by being aware of the feelings and motives of others. Roles: They are good at rallying the group together and getting discussions going. They are good at teaching other members of the group and coordinating activities. In a group project, they are good at peer editing. Technology Tools Blogs projects Chat Word processing - chain writing, group editing, peer writing, brainstorming Listservs Forums and discussions Video and teleconferencing Group decisions software - Tom Snyder's decision Social networks Webquests with collaborative elements Video recording - sharing with others through skits, debates, role plays Collaborative computer software or games Group presentations (PowerPoint) Telecommunications projects - Flat Stanley Peer tutoring Virtual worlds Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 15

16 TECHNOLOGY AND MULTIPLE INTELLIGENCES - NATURALIST These "nature" people learn best through the interactions with the environment including outdoor activities, field trips, and involvement with plants and animals. They see the subtle meanings and patterns in nature and the world around them. They are able to adapt. Roles: They could enjoy field trips that involve observation and recording the world around them. Technology Tools Audio and video cameras - record natural world Digital cameras - record natural world, field trips Word processing - journaling, natural information Data organization and calculation (database, spreadsheet) - observations Desktop presentations (Powerpoint) - show tends and changes over time Use microscopes and probes - nature up close Geocaching - GPS EXISTENTIALIST A new intelligence is existentialist. These "wondering" people learn best through seeing the "big picture" of human existence by asking philosophical questions about the world. Technology tools include , chat, listservs, teleconferencing, and other interactive communication tools to help students address their questions. ALLEGATO 2 - MESSAGGIO DEL PAPA PER LA XLV GIORNATA DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI ~ VERITÀ, ANNUNCIO E AUTENTICITÀ DI VITA NELL ERA DIGITALE ~ 5 GIUGNO 2011 Soprattutto i giovani stanno vivendo questo cambiamento della comunicazione, con tutte le ansie, le contraddizioni e la creatività proprie di coloro che si aprono con entusiasmo e curiosità alle nuove esperienze della vita. Il coinvolgimento sempre maggiore nella pubblica arena digitale, quella creata dai cosiddetti social network, conduce a stabilire nuove forme di relazione interpersonale, influisce sulla percezione di sé e pone quindi, inevitabilmente, la questione non solo della correttezza del proprio agire, ma anche dell autenticità del proprio essere. La presenza in questi spazi virtuali può essere il segno di una ricerca autentica di incontro personale con l altro se si fa attenzione ad evitarne i pericoli, quali il rifugiarsi in una sorta di mondo parallelo, o l eccessiva esposizione al mondo virtuale. Nella ricerca di condivisione, di amicizie, ci si trova di fronte alla sfida dell essere autentici, fedeli a se stessi, senza cedere all illusione di costruire artificialmente il proprio profilo pubblico. Le nuove tecnologie permettono alle persone di incontrarsi oltre i confini dello spazio e delle stesse culture, inaugurando così un intero nuovo mondo di potenziali amicizie. Questa è una grande opportunità, ma comporta anche una maggiore attenzione e una presa di coscienza rispetto ai possibili rischi. Chi è il mio prossimo in questo nuovo mondo? Esiste il pericolo di essere meno presenti verso chi incontriamo nella nostra vita quotidiana ordinaria? Esiste il rischio di essere più distratti, perché la nostra attenzione è frammentata e assorta in un mondo differente rispetto a quello in cui viviamo? Abbiamo tempo di riflettere criticamente sulle nostre scelte e di alimentare rapporti umani che siano veramente profondi e duraturi? E importante ricordare sempre che il contatto virtuale non può e non deve sostituire il contatto umano diretto con le persone a tutti i livelli della nostra vita. Anche nell era digitale, ciascuno è posto di fronte alla necessità di essere persona autentica e riflessiva. Del resto, le dinamiche proprie dei social network mostrano che una persona è sempre coinvolta in ciò che comunica. Quando le persone si scambiano informazioni, stanno già condividendo se stesse, la loro visione del mondo, le loro speranze, i loro ideali. Ne consegue che esiste uno stile cristiano di presenza anche nel mondo digitale: esso si concretizza in una forma di comunicazione onesta ed aperta, responsabile e rispettosa dell altro. Comunicare il Vangelo attraverso i nuovi media significa non solo inserire contenuti dichiaratamente religiosi sulle piattaforme dei diversi mezzi, ma anche testimoniare con coerenza, nel proprio profilo digitale e nel modo di comunicare, scelte, preferenze, giudizi che siano profondamente coerenti con il Vangelo, anche quando di esso non si parla in forma esplicita. Del resto, anche nel mondo digitale non vi può essere annuncio di un messaggio senza una coerente testimonianza da parte di chi annuncia. Nei nuovi contesti e con le nuove forme di espressione, il cristiano è ancora una volta chiamato ad offrire una risposta a chiunque domandi ragione della speranza che è in lui (cfr 1Pt 3,15). Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 16

17 ALLEGATO 3 - I PRE-ADOLESCENTI ITALIANI E I NUOVI MEDIA Ricerca Ragazzi connessi. I pre-adolescenti italiani e i nuovi media realizzata da Save the Children insieme al CREMIT- Centro di Ricerca per l Educazione ai Media all Informazione e alla Tecnologia dell Università Cattolica del Sacro Cuore. Testo completo su: Sintesi a cura di A.Carenzio su: Ragazzi connessi Più volte abbiamo ribadito il ruolo della ricerca come bacino per orientare le pratiche educative, come possibile punto di avvio di attività e progetti che i dati della ricerca ci consegnano su un piatto d argento. Come dire, le ricerche sono ottime consigliere per attivarsi e trovare idee di fatto interessanti, dal momento che i risultati si fondano sull analisi e sull osservazione del reale. E così abbiamo deciso di insistere su questo semplice modo di intendere studi e ricerche, facilitati dallo stretto rapporto che lega il Cremit, che ha condotto la ricerca per Save the Children Italia, alla voce che il Mediario raccoglie e diffonde via web. In sintesi, non è per vezzo, né per banalità che ritorniamo a parlare di ricerca e Media Education, ma per amplificare alcune notazioni che ci sembrano decisamente utili per chi lavora nella scuola, nel mondo dell educazione informale, nelle comunità che con i minori hanno a che fare, senza dimenticare la famiglia come luogo di educazione per eccellenza. La ricerca Ragazzi connessi, presentata a Roma nel mese di dicembre, può funzionare da spunto secondo due piani. Il primo è di tipo tematico e riguarda proprio il mondo dei pre-adolescenti italiani, campione del lavoro condotto (1373 questionari raccolti), consegnandoci una riflessione che sembra ormai fortemente confermata, non solo dal presente studio: l accesso alla Rete, l uso dei cellulari, la presenza nei social network sono sempre meno vincolati all età, o a una specifica soglia temporale che determina l accesso in un nuovo spazio pubblico come nei riti di passaggio. Anzi, la soglia temporale collocata idealmente nella scuola secondaria di secondo grado ha fatto un deciso passo indietro. Il secondo piano è di tipo prospettico e conferma quanto da tempo stiamo promuovendo, ovvero una visione meno patologica e patologizzante del rapporto tra minori e Internet in favore di una analisi, certo non sconsiderata e scellerata, che tende a riconoscere il valore dei media digitali come spazio di socializzazione non necessariamente malato, ma funzionale al modo di creare relazioni significative che segna il territorio dei ragazzi, anche dei più giovani, nella società attuale. Gli aspetti su cui riflettere in chiave di progettazione educativa, in parte attesi, riguardano dunque una maggiore presenza dei pre-adolescenti nei social network (il 38,2% dei ragazzi possiede un profilo personale in Msn, ma anche in Habbo e Badù) e nei blog (il 32,4% ha aperto un blog contro il 18% del 2006) e una conferma delle motivazioni d uso: il 74,4% di chi abitualmente trascorre del tempo dei social network lo fa per mantenere attive le reti sociali abituali, sulla scorta di quanto detto in merito all uso dei cellulari (si veda l articolo Essere o non essere connessi), il 72% trova nel blog un modo per divertirsi. Questa sovrapposizione va dunque letta in chiave di conferma, non di noiosa ripetizione, come elemento che a questo punto non lascia spazio a incertezze o tentennamenti da parte di chi lavora a contatto con i ragazzi. Non ci sono scuse, sembra gridare la ricerca, assumendo la forma di un novello grillo parlante. Non significa certo che il quadretto sia idilliaco, le problematiche sono evidentemente presenti, la trasgressione delle norme e l assunzione di atteggiamenti irresponsabili non vengono certo cancellati solo per il fatto che navigare e inviare sms rappresentino oggi pratiche abituali (non è il contatto e la frequenza che ci rendono media competent o media literate). L esposizione al rischio, come evidenziato dal professor Rivoltella, dipende dal contesto familiare nel quale i minori si trovano: «quelli più a rischio di problemi, quali ad esempio la vittimizzazione in Internet e l esposizione o il coinvolgimento attivo nella pedo-pornografia, sono quelli che vivono spesso già in condizioni problematiche dove il riferimento adulto è di norma carente o addirittura assente». Quali, dunque, le linee di intervento che come detto in apertura la ricerca ci consegna? Ne evidenziamo i tratti principali, rimandando gli interessati al report disponibile online nel sito del Cremit, nell area dedicata ai progetti di ricerca (Connected children Ragazzi connessi a.a ). Per la famiglia si tratta di non chiudere gli occhi, ma al contrario di attivarsi per creare le condizioni di dialogo che per il campione raggiunto tramite questionario evidentemente manca, se consideriamo come nel momento del bisogno essi si rivolgano quasi esclusivamente al gruppo dei pari. Per gli enti e le associazioni che lavorano nel campo della sensibilizzazione per la sicurezza in rete, si tratta di riorientare il senso degli interventi e delle azioni intraprese, cambiando le metafore e aggiornando alcuni degli strumenti sino ad ora adottati, perché il rischio che si corre è duplice: utilizzare inutilmente le risorse economiche che messe a disposizione il nuovo Internet Safety Plan attivato per il quinquennio ha destinato all intero programma una cifra che si aggira attorno ai di euro e intervenire in maniera poco efficace, come Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 17

18 indicato dai referenti di Save the Children (nodo italiano della Rete europea Insafe) nelle conclusione del report: «molti degli scenari che vengono proposti a chi sta crescendo possono essere percepiti come irrealistici e poco credibili e la conseguenza più probabile è che le raccomandazioni non vengano ascoltate». Un ottimo lancio, quello delle ricerca di cui abbiamo parlato, soprattutto in vista dell evento Safer Internet Day, che il 10 febbraio metterà insieme più di 120 organizzazioni impegnate nel Programma (la prima edizione è stata organizzata nel 2004). Speriamo dunque che la proposta di aggiornamento che la realtà dei media e delle appropriazioni richiede venga tradotta in azioni di senso, per trasformare denaro e aspirazioni in consapevolezza, responsabilità e in uso attivo e creativo dei media. a cura di Alessandra Carenzio Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 18

19 ALLEGATO 4 - HOMO ZAPPING, LA GENERAZIONE DIGITALE VA A SCUOLA ROCCA 1 APRILE 2011 p di Giuseppe O. Longo Siamo entrati nell era digitale, caratterizzata da una generazione di giovani (i «nati digitali») che, formatisi sulle nuove tecnologie, le usano con grande disinvoltura insieme con profonda indifferenza per i loro meccanismi profondi, attenti solo al loro utilizzo opportunistico. Questa generazione digitale interagisce con le strutture tradizionali, in particolare con la scuola, in modi nuovi, che investono tutti gli aspetti dell individuo e della società. L uso precoce dei dispositivi digitali porta a connessioni cerebrali diverse da quelle dei bambini abituati alla lettura. Ciò comporta cambiamenti epistemologici radicali, che investono, in positivo e in negativo, tutti gli aspetti della società. I giudizi su questo cambiamento epocale sono molto variabili e ciò testimonia il disorientamento in cui ci dibattiamo. Le macchine della mente Tramite l ibridazione con la tecnologia cambia la natura umana, tramite la genomica l uomo cessa di riprodursi e comincia a prodursi. Cambia il modo di fare i figli, di allevarli e di educarli. Cambia il modo di comunicare, di apprendere e di insegnare, cambiano la nozione di tempo, la percezione dello spazio, il concetto di realtà. Tutti questi cambiamenti moltiplicano le scelte, esaltano la creatività e insieme estendono l omologazione, ci sopraffanno con l eccesso di dati e di possibilità, provocano lacerazioni e disadattamenti. Il lessico e la sintassi subiscono distorsioni e meticciamenti profondi. E la rappresentazione mediatica di tutti questi cambiamenti genera un «doppio» spettacolare del mondo che a volte è percepito più reale del mondo reale e accelera le mutazioni. In questa potente dinamica trasformativa le velocità di cambiamento non sono uniformi: certe componenti mutano più rapidamente di altre e questa disuniformità genera tensioni, disagi, conflitti e sofferenze. La transizione è così rapida che non ci permette la messa a fuoco e continuiamo a vedere il futuro con gli occhi, i parametri e i valori di un passato che fatichiamo a superare e in cui permangono robuste tracce di categorie aristoteliche. Ciò provoca un disorientamento e una sensazione di inadeguatezza che possono sfociare in angoscia o, all opposto, in precipitose fughe in avanti. Sul versante della tecnologia, accanto alle macchine tradizionali, che elaborano materia ed energia, sono comparse le macchine della mente, che elaborano informazione. In un susseguirsi sempre più rapido: il cinema il telegrafo, il telefono, la radio, la televisione, il calcolatore elettronico, le reti: sistemi e dispositivi che si sono affiancati a quelli tradizionali basati sulla comunicazione orale, sulla scrittura e sulla stampa. Inoltre lo sviluppo delle reti, derivate dall accoppiamento fra telecomunicazioni e calcolatori, ha dimostrato che la vera vocazione dei computer non è solo o tanto l esecuzione di calcoli laboriosissimi o il trattamento di enormi masse di dati, quanto il collegamento interattivo tra gli individui. Sempre più essi fungono da nodi della grande rete di comunicazione che si sta estendendo su tutto il pianeta. Bambini e computer Ogni tecnologia è un filtro, che potenzia certe capacità umane e ne indebolisce altre. L azione di filtro della tecnologia è evidentissima quando si ha a che fare con le macchine della mente e di fatto comporta un mutamento nella natura della comunicazione umana. I nostri strumenti comunicativi, sviluppati nel corso dell evoluzione biologica e poi culturale, devono venire a patti con la relativa rigidità dei calcolatori e delle reti. La comunicazione umana tende a somigliare a quella meccanica, tende a diventare più efficiente e meno sfumata, più logica e meno emotiva. Si può dunque capire quanto l interazione tra uomo e computer, e ancor più quella tra bambino e computer, condizioni le abilità comunicative ereditarie e il loro sviluppo. Quando viene al mondo, il bambino è un centro comunicativo di enorme ricchezza non solo potenziale ma anche attuale: già da piccolissimi i bambini imitano, si esprimono e recitano fin dalla culla. Sono padroni della capacità di comunicare in tutte le sue variegate e delicatissime sfumature. In particolare sanno «mettersi nei panni dell altro» e anticipare ciò che l altro sta per dire o per fare. Ma nel momento in cui i bambini si ibridano con la tecnologia, cosa che avviene sempre più precocemente, queste loro capacità comunicative ed espressive cominciano a essere filtrate e quindi, in qualche misura, vengono indebolite, mentre se ne arricchiscono altre. Il bambino che venga indirizzato al computer o a qualunque altra tecnologia sottile e importante, diventa tutt uno con la macchina e quindi non fa più ciò che faceva quando si ibridava, per esempio, con i libri. Questa vera e propria svolta epistemologica e pratica corrisponde a una trasformazione cerebrale che conferma la natura fondamentale della simbiosi uomo-tecnologia. Nei bambini che hanno un interazione precoce con la televisione e con il calcolatore, le connessioni cerebrali si sviluppano in modo diverso rispetto ai bambini che esercitano un attività di lettura e scrittura o un attività corporea. Oggi nella scuola vengono a contatto due generazioni (gli insegnanti e gli allievi) che, per le loro diverse esperienze cognitive precoci, hanno strutture cerebrali diverse e perciò dialogano con grande difficoltà. Questa è, credo, una delle principali ragioni della crisi della scuola. La scuola Da tempi antichissimi l uomo descrive e interpreta il mondo servendosi della lingua, e tale è la suggestione di questo strumento che le sono stati conferiti attributi divini: nella tradizione giudaico-cristiana è con la parola che Dio crea il mondo. Anche la radice greca della cultura occidentale ha attribuito un valore grandissimo al logos e ha nutrito l ambizione di tradurre in parola (in simbolo) tutta la sapienza, tutta la struttura, tutta la dinamica contenute nel Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 19

20 mondo. Anche la nostra scienza, sulla scorta dei Greci, cerca di tradurre in descrizioni esplicite linguistiche, simboliche, matematiche ciò che è implicito nella realtà. Tanto importante è la parola che per insegnare la lettura e la scrittura, le tecniche fondamentali per la trasmissione della cultura, cioè del mondo tout court, è stata istituita la scuola. Si può affermare che la scuola è l organo di riproduzione della società, poiché ne replica il sapere e le conoscenze. Essa tende a formare le nuove generazioni sulla falsariga di quelle precedenti, quindi, come tutti gli organi di riproduzione, anche la scuola è tendenzialmente conservatrice. Questo carattere conservatore della scuola è una delle cause delle difficoltà che essa incontra oggi, immersa com è in un contesto locale, nazionale e, soprattutto, mondiale che cambia rapidamente. È una sfida non da poco, perché da una parte è necessario adeguare la scuola al cambiamento, dall altra si tratta di conservarne le caratteristiche ritenute più utili e preziose. La scuola non può essere avulsa dal contesto che la circonda, quindi deve venire a patti con la società, in primo luogo perché è la società che finanzia la scuola e poi perché la scuola non è più l unica fonte del sapere, inteso non solo in senso istituzionale o canonico, ma in senso lato. Altre sono oggi le fonti a cui si abbeverano i giovani (e i meno giovani), in primo luogo Internet, e la scuola non può non tenerne conto. Grazie ai nuovi media comunicativi, rappresentativi ed espressivi si palesa la sostanziale fluidità e arbitrarietà dei codici rappresentativi e comunicativi. Si manifesta uno spostamento dalla logica, dal progetto razionale e gerarchico, dalla rigorosa rappresentazione geometrica e sequenziale, dalla severa sintassi di sapore classicheggiante e paludato verso forme anarchiche di bricolage linguistico, cognitivo e argomentativo. Al severo canone scolastico si sostituisce un piccolo cabotaggio spicciolo e opportunistico, che segue le sinuosità della costa e adotta espedienti improvvisati e stratagemmi locali. La comunicazione mediata dalla tecnologia sta assumendo un valore preponderante nella formazione identitaria, culturale e affettiva dei giovani «nati digitali». Rispetto alla tendenziale seriosità della scuola, che spesso è percepita dallo studente come una greve imposizione di passività e di attenzione, i media sono vivaci, coloriti, invitano dolcemente alla pigrizia (la televisione) o al contrario stimolano tutti i sensi titillandoli con l interattività e la multimedialità e ponendo l individuo al centro del processo comunicativo e creativo (nel caso della rete). Nel momento in cui i media audiovisivi irrompono sulla scena, diventando strumenti di trasmissione culturale e facendo alla scuola una concorrenza assai sostenuta e spesso vincente, essa entra in crisi e arranca per mettersi al passo (sottoponendosi a un travaglio trasformativo dagli esiti molto incerti e comunque allontanandosi dalla tradizione). Homo Zappiens La locuzione Homo Zappiens, in verità piuttosto sgraziata, è stata coniata da Wim Veen, dell Università di Delft, per indicare la generazione digitale, cioè quei giovani nati e cresciuti all ombra delle tecnologie mentali, abili nel gestire il flusso (o il sovraccarico) di informazioni che circola nei nuovi media e nell intrecciare le comunicazioni faccia a faccia con quelle virtuali. HZ apprende esplorando e baloccandosi, applicando le tecniche dei videogiochi a problemi di varia natura e impadronendosi di conoscenze che non fanno più parte di un canone scolastico semifisso ma sono negoziabili e mutevoli a seconda del contesto e delle circostanze. Queste capacità e caratteristiche di apprendimento potrebbero rivelarsi utilissime a HZ nella società della conoscenza «liquida» che si profila. Il tempo di attenzione breve, il comportamento iperattivo, l indipendenza nell apprendere fanno dello scolaro HZ un soggetto difficile ma stimolante, che richiede metodi nuovi e originali di insegnamento. E, sostiene Veen, è la scuola che si deve adattare a HZ perché la società che si annuncia avrà bisogno di persone capaci di affrontare la complessità, l instabilità e l incertezza. Gli insegnanti sono sottoposti a una forte tensione, che deriva dalle diverse abitudini cognitive e attive rispetto a HZ e dalla diversa architettura cerebrale. I giovani digitali sono impazienti, vogliono immediatamente le risposte ai loro quesiti, non si concentrano per risolvere categorie di problemi, ma si gettano sul caso particolare passando subito oltre, non fanno mai una sola cosa alla volta, saltano da Internet alla Tv, dal cellulare all ipod con una divisione di tempo vertiginosa che sfiora la simultaneità del multitasking. Mentre fanno i compiti ascoltano musica, gettano uno sguardo allo schermo Tv, inviano un sms e un messaggio a un «amico» appena conosciuto su Facebook, inseriscono il loro ultimo video in YouTube. Tutto ciò è il risultato dell incontro precoce con una realtà filtrata dai dispositivi digitali e con la possibilità di comunicare a costo nullo senza limiti spaziali. Armati di telecomando, mouse e cellulare, hanno il mondo a portata di clic, non conoscono i tempi lunghi della riflessione e ai libri e agli svaghi all aria aperta preferiscono i videogiochi, anche i più violenti, senza imbarazzi morali. Infine, HZ non ama la tecnologia di per sé, bensì per ciò che può consentirgli di fare, dimostrando una forte chiusura autoreferenziale. Veen, che manifesta nei confronti di HZ un entusiasmo profetico, non sembra porsi il problema di come questi giovani affronteranno il sodo e indocile mondo reale che, nonostante le sue derive virtuali, è per il momento ben lungi dallo scomparire nelle pieghe del ciberspazio. Poiché HZ costituisce ancora una piccola minoranza, si pone il problema dei rapporti con la maggioranza non digitale. E poi: quali strutture di governo e conduzione escogiterà la società liquida (o ameboide) del futuro, gestita da questi liquidi digitalisti? E un bell esercizio di futurologia sociopolitica. Roberto Astuto Fare lezione con l uso delle tecnologie informatiche Pag. 20

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Digital Storytelling:

Digital Storytelling: Digital Storytelling: una pluralità di approcci Seminari 2015 Michele Capalbo Progetto: POF 2015\2016 L.S. E. Fermi (CS) Percorso: Orientiamoci sulle TIC nella didattica curriculare Facciamo innovativamente

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta

Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta Scheda a cura di Tiziana Ferrini Tirocinante presso L Università della Valle d Aosta 1) Codonesu, F. L.

Dettagli

DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI:

DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI: DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI: APS - LP LABORATORIO DIDATTICO PEDAGOGICO INTEGRATO PER L INSEGNAMENTO DELL INFORMATICA 1

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?)

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) Tavola Rotonda E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) L'idea è quella di confrontare, nelle nostre diverse esperienze, come e quanto l'uso di Moodle è cambiato ed ha cambiato

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali COS È Il tempo per noi nasce da una riflessione attorno alla crescente influenza che i nuovi strumenti di comunicazione hanno nella vita di ciascuno di noi, nel cambiamento di abitudini e comportamenti

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA Quali metodi e strategiepossiamo adottare per l'inclusione delle diverse abilità? Difficoltà di Apprendimento LOW ACHIEVERS sono ragazzi che incontrano difficoltà,

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

La Buona Scuola. Tematica. Liceo Scientifico Statale J.F. Kennedy Roma. www.liceokennedy.org

La Buona Scuola. Tematica. Liceo Scientifico Statale J.F. Kennedy Roma. www.liceokennedy.org La Buona Scuola Tematica Liceo Scientifico Statale J.F. Kennedy Roma www.liceokennedy.org Il 20 ottobre 2014 3 ore Presso il Liceo Scientifico Statale «J.F. Kennedy» di Roma, via Nicola Fabrizi, 7 Aula

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva

Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva Vincenzo Pancucci Insegnante di Scienze Naturali a Milano vincenzo.pancucci@gmail.com L informatizzazione degli ambienti di apprendimento è uno dei punti

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli Lezione con la LIM. unisalento Perché piace agli insegnanti - rinnova la lezione frontale consente salvataggio di attività didattiche e il recupero rapido - facilita la spiegazione di processi, la descrizione

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PROGETTO EDUCAZIONE ALLA SOCIOAFFETTIVITA Il progetto sperimenta la tecnica del Circle Time, rispondendo al bisogno dei discenti di esplorarsi attraverso attività

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE EUROPA 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2 telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 http://www.iceuropa.it - e-mail: raic809002@istruzione.it PEC: raic809002@pec.istruzione.it

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Corso EPICT Valutazione e ICT

Corso EPICT Valutazione e ICT Corso EPICT Valutazione e ICT (Certificazione EPICT Bronze Valutazione e ICT) La valutazione nella Scuola digitale evolve come evoluti rispetto alla scuola tradizionale - sono gli oggetti di valutazione.

Dettagli

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009 Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti

Dettagli

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI Il Centro Territoriale Permanente (CTP) per la formazione e l istruzione in età adulta, operativo presso il nostro istituto si pone i seguenti obiettivi: affronta il tema della

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Comunicazione e Mass media

Comunicazione e Mass media Comunicazione e Mass media I mass-media La stampa Il cinema La radio La televisione Il telefono Il computer Le reti internet Comunicazione di massa Comprendono le istituzioni e le tecniche grazie alle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE E DELLE MONOENNIO ITALIANO monoennio 1. saper ascoltare interlocutori in contesti diversi 2. saper comunicare oralmente 3. acquisire la tecnica della lettura 4. acquisire la tecnica della scrittura a)

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Griglia riassuntiva dell'intervento formativo

Griglia riassuntiva dell'intervento formativo Griglia riassuntiva dell'intervento formativo Allegato 3 Titolo del progetto MULTIMEDIA LEARNING AND INTERNET ACTIVITY Scuola Liceo Scientifico Statale Galileo Ferraris Via Sorrisole 6 21100 Varese Tel.:

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist I Disturbi Specifici di Apprendimento Interventi nella Scuola Secondaria: applicazione delle misure compensative e dispensative in riferimento alle discipline di ambito umanistico Progetto Insegnare ad

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Gina Milano Maria Rita Pece

Gina Milano Maria Rita Pece Insegnanti: anno scolastico 2007/2008 Gina Milano Maria Rita Pece Ins. Gina Milano 1 INTRODUZIONE. Il seguente logo rappresenta: Ins. Gina Milano 2 INTRODUZIONE L obiettivo principale del nostro Piano

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

Introduzione Surfing time,navigare nel tempo, è stato il filo conduttore che il consiglio di classe si è dato per sviluppare il progetto, come illustrato nella mappa inserita nel documento di progettazione.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA. Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016. Alla cortese attenzione: Dott.

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA. Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016. Alla cortese attenzione: Dott. ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016 Alla cortese attenzione: Dott. Falessi Roberto Oggetto: Percorsi di formazione linguistica Data: 09

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori)

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori) insegnare non più e non solo per trasferire saperi, per cui spesso basta un clic, bensì per formare uno studente competente, avviato a essere un futuro cittadino riflessivo e responsabile, aperto al nuovo

Dettagli

Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting

Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting Area:.,.Grade Project plan summary: dopo aver illustrato agli alunni gli strumenti webquest e podcasting, mediante la LIM e alcune presentazioni

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli