ZUMBO ROSARIANNA LABORATORIO DIDATTICO DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ZUMBO ROSARIANNA LABORATORIO DIDATTICO DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE"

Transcript

1 ZUMBO ROSARIANNA LABORATORIO DIDATTICO DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE

2 LABORATORIO DIDATTICO DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE Rosarianna Zumbo Pubblicato da Mistal Service sas Via U. Bonino, 3, Messina (Italy) Questo libro e distribuito come un lavoro Open Access. Ogni lettore può scaricare, copiare e usare il presente volume purché autore e casa editrice siano opportunamente citati. AVVISO IMPORTANTE L'editore non si assume nessuna responsabilità per qualsiasi svantaggio o danno derivante dalle informazioni, raccomandazioni o consigli elencati dovute all uso di materiale, illustrazione, metodo o idea contenuti nel presente volume. Opinioni ed affermazioni contenute in questo libro appartengono all Autore e non all Editore. Inoltre, l Editore non si assume nessuna responsabilità per l'accuratezza delle informazioni contenute nel presente volume. Pubblicato: Febbraio, 2013 Questo libro in forma elettronica e disponibile sul sito LABORATORIO DIDATTICO DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE Rosarianna Zumbo

3 INTRODUZIONE La SISSIS, Scuola Interuniversitaria Siciliana di Specializzazione per l Insegnamento Secondario, è una struttura didattica interateneo, cui partecipano con convenzione le Universit{ di Messina, Catania e Palermo. E stata istituita, al pari delle SISS nazionali, nel 1998, con l obiettivo di garantire una formazione completa e professionale agli insegnanti della scuola secondaria di primo e secondo grado. Il corso ha durata biennale, e prevede, oltre ad approfondimenti storici, epistemologici e didattici delle discipline di pertinenza delle singole classi concorsuali, almeno 200 ore di Area Comune, dedicate alle Scienze dell Educazione, delle ore di attivit{ laboratoriali e delle ore di tirocinio, proprio nell ottica di fornire le competenze pedagogiche, psicologiche e metodologiche ritenute indispensabili, nonché caratterizzanti, per conferire abiti scientifici alla professione dell insegnante della scuola secondaria di primo e secondo grado. Progetto di Tirocinio Le attività di tirocinio rappresentano un momento significativo e qualificante all interno dell offerta formativa del corso SISSIS, in quanto sono state pensate come occasione di raccordo tra competenze di tipo teorico e competenze pratico-operative. Il progetto di tirocinio offre la possibilità di osservare e sperimentare in prima persona cosa accade all interno della classe, al fine di fornire al futuro insegnante occasioni per mettersi alla prova e spunti di riflessione, nonché tutti gli strumenti per costruire una professionalità docente che non si identifica esclusivamente con la conoscenza della disciplina da insegnare, ma che richiede invece anche competenze operative in grado di tradurre quella conoscenza in stimoli efficaci, in grado di coinvolgere il gruppo classe e di guidarlo nel processo di apprendimento. Il progetto di tirocinio prevede diverse fasi, così articolate: 4

4 T.O.I. ( Tirocinio d Osservazione Indiretta) : si tratta di una riflessione guidata, in presenza di un docente supervisore, e ha lo scopo di introdurre lo specializzando ai diversi aspetti della realtà scolastica e alla conoscenza della normativa vigente in materia di autonomia e di organizzazione generale della scuola; T.O.D., ovvero il tirocinio di osservazione diretta. Si svolge direttamente all interno di due istituti scolastici, un istituto di scuole secondaria inferiore ed uno di scuola secondaria superiore, ed è dedicato alla riflessione sulla scuola, le sue strutture, la sua organizzazione e il suo funzionamento. In questa fase a ogni tirocinante è assegnato dalla scuola un tutor; T.I.A.( tirocinio di intervento attivo) : è la parte in cui è dato modo al tirocinante di mettersi alla prova, sperimentando personalmente le dinamiche di gestione del gruppo classe. In questa fase il tirocinante deve organizzare unità didattiche, attuarle in classe e verificare i risultati raggiunti dagli allievi, avvalendosi di griglie di osservazione, test o compiti opportunamente predisposti. T.R. (tirocinio di riflessione): in questa attività di tirocinio, sono previste ulteriori ore di riflessione su quanto si è osservato e su quanto si è fatto a scuola, da svolgersi in piccoli gruppi guidati dal supervisore, per favorire il confronto e lo scambio di impressioni e suggestioni. 5

5 CAPITOLO 1 Tirocinio d Osservazione Indiretta (T. O. I.) La prima fase del tirocinio, quella appunto di osservazione indiretta, si è articolata in molteplici incontri, ciascuno dei quali dedicato alla trattazione di un aspetto particolare dell organizzazione scolastica, allo scopo di far vedere come funziona concretamente il mondo della scuola oggi. Uno dei temi affrontati durante questa fase di tirocinio è stato: POF. POF Con la piena entrata a regime dell autonomia scolastica, le scuole sono tenute a presentare il proprio piano dell offerta formativa. Che cosa è Il Piano dell offerta formativa è la carta d identit{ della scuola di ogni istituzione scolastica. Il POF è il documento col quale ogni scuola presenta le proprie proposte formative all utenza; è quindi un documento pubblico, e va consegnato agli alunni all atto dell iscrizione. Ma questo documento non è sempre così facilmente accessibile: ad esempio, nella scuola media Enzo Drago dove ho svolto parte della mia attività di tirocinio, questa possibilit{ mi è stata negata, poiché mi è stato detto che non si può portare il documento al di fuori delle mura scolastiche, e non potevo neanche fotocopiarlo (perché la macchina fotocopiatrice non funzionava bene). La fisionomia del POF è determinata dalla progettazione del curricolo, sia per la quota definita a livello nazionale sia per 6

6 quella riservata alla scuola stessa, e dalle attività extracurriculari, educative ed organizzative. In altri termini, nel POF le scuole definiscono: - le discipline e le attivit{ scelte nell ambito della quota di curricolo riservata alla scuola; - le possibilità di opzione offerte agli studenti e alle loro famiglie; - le discipline e le attività aggiuntive, per la quota facoltativa del curricolo, e le eventuali collaborazioni con enti e istituzioni esterne; - l articolazione modulare del monte ore annuale di ciascuna disciplina e attività; - le modalità e i criteri adottati per la valutazione degli alunni e per il riconoscimento dei crediti. In tal modo il Ministero dell Istruzione, dell Universit{ e della Ricerca, ha ipotizzato una mappa delle categorie, che contiene: Condizioni generali di svolgimento del servizio scolastico Strutture, servizi e regole regole e statuti della scuola: diritti, doveri e forme di partecipazione orari di apertura strutture e servizi che gli Enti locali o altri mettono a disposizione della scuola collegamenti e rapporti con il tessuto urbano Corsi di studio attivati: corsi tradizionali corsi sperimentali orario obbligatorio annuale discipline della quota nazionale del curricolo competenze possedute al termine dei corsi (profili in uscita) Curricoli, cioè i percorsi effettivamente costruiti dalla singola istituzione scolastica, personalizzabili attraverso l uso degli strumenti di flessibilità discipline e attività della quota di curricolo riservata alla scuola (solo quando sar{ stato attuato quanto previsto dall art. 8 del Regolamento) compensazioni tra le discipline possibilità di opzione offerte agli studenti e alle famiglie discipline e attività aggiuntive ricerca e sperimentazione 7

7 modalità e criteri di valutazione degli alunni e per il riconoscimento dei crediti azioni di - accoglienza - continuità - orientamento, ri-orientamento (passerelle) - sostegno e recupero - promozione delle eccellenze tempi - adattamenti del calendario scolastico - articolazione dell orario complessivo annuale di ciascuna disciplina e attività - uso della quota del 15% del monte ore annuale per eventuali compensazioni tra le discipline - modalit{ di raccordo tra i tempi dell insegnamento e i ritmi di apprendimento degli alunni luoghi - aule - laboratori - palestre - luoghi esterni (teatri, università, parchi, mete di viaggi d istruzione) gruppi - classi - gruppi flessibili di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi - gruppi di alunni che frequentano discipline e attività opzionali - gruppi di alunni che frequentano discipline e attività aggiuntive Rapporti accordi di rete con altre scuole (a partire dal 1 settembre 2000 sarà possibile lo scambio dei docenti che abbiano uno stato giuridico omogeneo) rapporti con il territorio Risorse umane modalità di impiego dei docenti e del personale ATA modalit{ di organizzazione dell istituto Risorse finanziarie necessarie sintetizzate in un preventivo contenente spese di progettazione 8

8 spese per attività aggiuntive di insegnamento - di docenti interni - di docenti e/o esperti esterni spese per attività aggiuntive non di insegnamento - di docenti interni - di docenti e/o esperti esterni - di personale ATA spese di funzionamento (trasporti o altri servizi) spese per l acquisto di materiali di consumo e/o di beni spese per convenzioni e/o accordi di rete spese per la formazione del personale docente e ATA ogni altra spesa necessaria Criteri per il monitoraggio, la valutazione degli esiti, le conseguenti azioni correttive. indicatori e parametri componenti coinvolte eventuali osservatori esterni tempi azioni correttive strumenti di documentazione Singoli progetti concepiti come espressione coerente dell identità dell Istituto e a loro volta articolati in azione - individuazione del problema - descrizione del progetto fasi e modalità della realizzazione del progetto con la precisazione di - tempi - luoghi - gruppi - risorse umane - rapporti di rete con le altre scuole e con il territorio risorse finanziarie necessarie sintetizzate in un preventivo contenente - spese di progettazione - spese per attività aggiuntive di insegnamento - di docenti interni - di docenti e/o esperti esterni - spese per attività aggiuntive non di insegnamento - di docenti interni 9

9 - di docenti e/o esperti esterni - di personale ATA - spese di funzionamento (trasporti o altri servizi) - spese per l acquisto di materiali di consumo e/o di beni - spese per convenzioni e/o accordi di rete - spese per la formazione del personale docente e ATA - ogni altra spesa necessaria individuazione degli indicatori di successo per il successivo monitoraggio Ma spesso questo documento si trasforma in mera opera di pubblicizzazione da parte delle varie scuole che, per attirare l adesione e la simpatia del cliente /studente (e della sua famiglia), presentano delle proposte che se non sono proprio fasulle, sono per lo meno gonfiate. Durante il mio TOI, ad esempio, abbiamo analizzato i POF di varie Regioni Italiane: io ho esaminato il POF di un Liceo Scientifico Statale della Regione Lazio e ritengo che se la suddetta scuola esistesse realmente sarebbe una mera utopia, poiché le strutture e le proposte presentate sono talmente sensazionali da non sembrare completamente veritiere. Per tornare al documento POF di per se stesso, esso viene elaborato dal Collegio dei Docenti, generalmente a inizio anno scolastico, sulla base di un analisi delle esigenze e dei bisogni emersi dal territorio. L obiettivo è infatti rendere ogni scuola in grado di rispondere alle richieste del territorio, anche in collaborazione con gli enti locali, le associazioni, le istituzioni presenti. 10

10 CAPITOLO 2 Tirocinio di Osservazione Diretta (T. O. D.) Istituto Comprensivo Enzo Drago Il tipo di scuola in cui ho focalizzato la mia attenzione durante il tirocinio osservativo è l istituto comprensivo Enzo Drago, scuola secondaria di primo grado. La scuola risiede in Messina, in via Catania (zona Provinciale). L edificio è una struttura abbastanza vecchia: esternamente si presenta come una costruzione in muratura con intonaci deteriorati dal tempo e dalle intemperie; internamente l istituto è molto pulito, ma conserva sempre un aspetto piuttosto vissuto. La scuola è suddivisa in tre piani: il pianterreno è adibito a scuola materna; il primo piano è quello che dà il nome alla scuola dove sono situati i corsi A, B, C, D ed E; al secondo piano è collocato il corso F (di recente creazione) e un aula dotata di alcuni computers, utilizzata per le lezioni di informatica; al terzo piano si trova una tra le più importanti biblioteche storiche di Messina, la Biblioteca Cannizzaro. Alcuni anni fa le lezioni di Educazione Fisica si svolgevano nel seminterrato dell edificio, ma ormai il luogo è totalmente inagibile, quindi completamente inutilizzato, ed i Professori di Educazione Fisica preferiscono effettuare le proprie lezioni nell adiacente Ex-Gil, un campo di atletica all aperto. Il professore di Educazione Fisica, Renato Accorinti, è stato l ideatore di un innovativo progetto: un aula dell istituto, sistemata appositamente per l occasione, dedicata alla meditazione, quindi al benessere spirituale degli alunni. Si deve assolutamente dire che questo progetto è il primo in Italia e forse in tutta Europa. Purtroppo la mia attività di tirocinio è terminata prima dell inaugurazione di questa originale tipologia d insegnamento. L Enzo Drago (quindi il primo piano dell edificio) è una scuola molto piccola: 15 classi non molto grandi all interno, nelle quali le finestre sono abbastanza grandi, ma purtroppo non sono adornate di apposite tendine e gli alunni seduti ai primi banchi sono per questo infastiditi dal sole nelle calde e 11

11 luminose giornate di primavera; una segreteria; l aula del Dirigente Scolastico; l aula del Vice Dirigente Scolastico; l aula dei professori; una toilette per i professori, un bagno per gli alunni ed uno per le alunne. La disposizione delle classi è di tipo frontale. Lungo il corridoio si possono ammirare fotografie di passate gite scolastiche ed esperienze varie fatte dagli alunni (un ragazzo che esibisce una coppa vinta ad una qualche gara di atletica, una ragazza australiana corrispondente di una alunna della classe III A 2003), e alcuni disegni eseguiti dagli alunni più dotati. I vari avvisi e le circolari sono facilmente consultabili poiché affissi su una bacheca accanto alla segreteria e alla stanza del Vice Dirigente e che è situata proprio di fronte a questa. Al contrario il P.O.F. e il Regolamento d Istituto non sono egualmente consultabili: infatti non mi è stato possibile né consultare né vedere suddetti documenti, anche se dovrebbero essere di facile e pubblica fruibilità. Comunque un regolamento d istituto esiste e la scuola sembra osservarlo abbastanza bene: le ore di lezione sono 5, ripartite tra l orario di entrata che è alle 8.15 (il Dirigente Scolastico è molto severo in merito, sia riguardo agli alunni che agli insegnanti) e l orario di uscita che è alle 12.50; il mercoledì si fanno 6 ore e si esce alle 13.35; le ore sono di 55 minuti, ad eccezione della terza ora che è ridotta a causa della ricreazione; c è un orario di apertura dei servizi igienici (dalle 9.15 alle e dalle alle 13.15); durante l intervallo gli alunni non possono uscire, in quanto negli anni passati ci sono stati dei problemi con alcuni ragazzi che hanno creato una specie di rissa in corridoio. Prima di iniziare concretamente la mia attività di tirocinio di osservazione diretta (T.O.D.), io e la mia collega, Cambria Sebastiana, abbiamo ritenuto opportuno presentarci al Dirigente Scolastico, il professor Francesco Bonardelli, ex professore di Italiano e Storia che unisce l impegno scolastico alla collaborazione con la Gazzetta del Sud. Successivamente abbiamo parlato con la tutor assegnataci, la Professoressa Giuseppa Mondo e abbiamo tracciato 12

12 brevemente uno schizzo della nostra imminente attività tirocinante. Il Dirigente dell Enzo Drago quel giorno era assente e al suo posto siamo state accolte dal Vice Dirigente, il professor Orazio Raffone, insegnante di Tecnica. Il nostro incontro con la tutor è stato molto caloroso: ci ha accolte immediatamente con slancio positivo, dicendoci che con noi avrebbe svolto la sua prima esperienza di tutoraggio, ma che sarebbe stata completamente a nostra disposizione. Una volta affrontate queste prime formalità di presentazione, ho potuto dare inizio alla mia attività di tirocinio. Le classi in cui ho svolto la mia attività di tirocinio sono: I, II, III A e I, II e III C. La I A è composta da 26 alunni, di cui 12 femmine e 14 maschi; la II A è composta da 19 alunni, di cui 10 femmine e 9 maschi; la III A è composta da 21 alunni, di cui 9 femmine e 12 maschi. In I C ci sono 19 alunni, di cui 4 sono di sesso femminile e 15 maschile; in II C ci sono 21 alunni, di cui 11 sono femmine e 10 maschi; in III C ci sono 21 alunni, dei quali 9 sono ragazze e 12 ragazzi. La prima classe che ho avuto modo di osservare è stata la I A. L insegnante ci ha presentate a questa classe (e in I C) come delle ispettrici scolastiche, poiché ha detto che i ragazzi a quell et{ sono troppo piccoli e, dato che non avevano mai avuto prima di allora simili presenze in classe, non avrebbero capito il concetto di tirocinante e forse si sarebbero creati qualche problema di soggezione; successivamente, però, ha spiegato meglio il nostro ruolo lì. Quando la nostra tutor ha la prima ora di lezione, deve dedicare parte del suo tempo al controllo delle assenze e delle giustificazioni (devo dire che sa sfruttare abbastanza bene i 55 minuti di lezione disponibili sbrigando velocemente ma attentamente tutte queste piccole formalità). Attività Didattica Ho individuato le seguenti forme di lezione: all inizio, l insegnante è solita anticipare brevemente gli argomenti 13

13 grammaticali che svolgerà in classe ed eventualmente indica anche collegamenti e chiarimenti rispetto a quanto svolto in precedenza. La tutor spiega i nuovi argomenti grammaticali prima in Inglese, supportandoli con degli esempi e dopo chiarisce quanto prima spiegato in Italiano, scrivendo (in Inglese) le strutture grammaticali alla lavagna. Se qualche alunno non ha ancora capito, l insegnante fa rispiegare l argomento a chi volontariamente si offre di chiarire i dubbi del compagno/a. Una volta spiegata la regola grammaticale, l insegnante legge il testo Inglese ad alta voce, facendo ripetere collettivamente ogni battuta agli alunni e, dopo aver terminato in questo modo la lettura del brano, chiarisce il significato delle parole più difficili, scrivendole talvolta alla lavagna. Gli alunni solitamente seguono la spiegazione della professoressa e prendono appunti spontaneamente, scrivendo le strutture grammaticali in modo schematico in appositi quaderni che utilizzano solo per la grammatica (più che quaderni, sono quadernoni, poiché devono essere utilizzati dalla classe Prima alla classe Terza). In generale la professoressa Mondo è molto disponibile, simpatica e piuttosto materna nei confronti dei suoi alunni, anche se sa essere molto severa e intransigente se la necessità lo richiede. Dal canto loro, gli alunni non hanno timore a chiedere ogni tipo di chiarimento, con domande e osservazioni. Nelle sezioni da me osservate, c era un alunno autistico, seguito dall insegnante di sostegno. Per quanto concerne il momento della verifica, la mia tutor utilizza sia la forma scritta che orale. La verifica avviene quasi prevalentemente in modo formale, ma talvolta ho assistito anche a dei momenti valutativi piuttosto informali. La verifica orale consiste: nelle classi I A e II A, I C e II C gli alunni si recano alla cattedra e devono ripetere a memoria un dialogo presente nel libro di testo, in III A e in III C i ragazzi, sempre alla cattedra, ripetono a memoria un brano estratto dal libro di Civiltà. 14

14 Per quanto riguarda la verifica scritta, la professoressa Mondo utilizza (in tutte le classi) il metodo della trascrizione : gli alunni devono trascrivere, il più fedelmente possibile, i brani imparati a memoria. Prima di ogni verifica scritta, l insegnante si accerta che gli alunni non possano copiare dai testi o da apposite fotocopie il contenuto del brano da ricordare a memoria. Durante questa prova, gli alunni non comunicano tra loro. La professoressa Mondo non segue una precisa griglia per la correzione dei compiti scritti o per l assegnazione del voto dopo una verifica orale: solo la votazione di quest ultima viene immediatamente comunicata agli alunni. Se un alunno accusa in classe qualche malore fisico prima o durante una verifica scritta e, per questo, decide di chiamare un genitore perché lo riporti a casa, l insegnante fa recuperare la mancata prova durante la lezione successiva. Libri di Testo Il materiale didattico utilizzato dall insegnante è essenzialmente il libro di testo e delle sue spiegazioni che sono di tipo orale, specialmente per quanto riguarda la grammatica, poiché secondo lei nel libro questa è trattata in modo dispersivo e complicato: non ho avuto modo di constatare l impiego di altri strumenti didattici come il lettore cd o altro. Il libro di testo utilizzato è Way Points 2000 Plus - your way to European Certifications, di Giuliano Iantorno e Mario Papa, Edizione Zanichelli, Bologna (dotato anche di Student s Book + Workbook e 2cd audio); e un testo di Civilt{ New Trends Plus di Carla Pappalardo e Rosy Martucci, Medusa Editrice, Napoli. Way Points 2000 è un testo progettato per il raggiungimento della Certificazione Europea: è suddiviso in unità e moduli che mirano allo sviluppo delle quattro abilità (anche se queste ultime non sono equamente trattate) e sottomoduli che definiscono gli obiettivi che gli alunni dovranno raggiungere alla fine di alcune unità, raggruppate a seconda del contenuto grammaticale. 15

15 Il libro di civiltà è usato a partire dalla classe Seconda e specialmente nelle Terze, in previsione dell esame di stato. Non appena la professoressa entra in classe, saluta i ragazzi in Inglese e fa l appello (sia nelle Prime che nelle Terze): gli alunni sono abituati a rispondere in Inglese sia al saluto che all appello, dicendo Here se sono presenti, e Not here in modo collettivo per gli assenti. Gli Organi Collegiali Gli Organi Collegiali ai quali ho assistito sono stati: il Consiglio di Classe e il Collegio Docenti. Per entrambi gli Organi la modalità di convocazione è stata scritta e collettiva: le circolari contenenti date e orari dei suddetti sono state affisse nella sala professori. I punti trattati dal Consiglio di Classe sono stati: 1) Andamento didattico disciplinare; 2) Programmazione didattica. Sono stati analizzati il rendimento scolastico e la condotta degli alunni della sezione A e della sezione C, prestando particolare importanza agli alunni con maggiori problematiche. La professoressa di Religione ha denunciato un increscioso avvenimento: durante l ultima lezione, un alunno ripetente della III A si è rivolto a lei in modo non molto elegante. Si è deciso unanimemente di esporre l accaduto al Dirigente Scolastico, che decider{ se sospendere o meno l alunno. Per quanto riguarda il Collegio Docenti, esso si è svolto con la partecipazione dei docenti sia della scuola dell infanzia che della scuola secondaria di primo grado. Esso è stato presieduto inizialmente dal Vice Dirigente e poi dal Dirigente Scolastico, mentre la funzione di segretario è stata affidata ad un docente. Il punto del giorno del Collegio è stato: i Progetti. e la scelta di possibili criteri per la selezione di questi ultimi. I progetti dovranno essere valutati da una commissione composta da alcuni docenti. Il Dirigente Scolastico ha affermato che purtroppo non tutti i Progetti si potranno approvare, poiché si deve tenere in considerazione il voto di una commissione specifica che li può 16

16 approvare o bocciare, e la percentuale che si può detrarre dal Fondo d Istituto (il 60% su euro disponibili). Proprio per questo motivo ci sono stati dei momenti di tensione, poiché ognuno voleva che i propri progetti non fossero bocciati. Un altro tema esposto dal Dirigente Scolastico è stato l orario d entrata: alcuni professori, infatti, arrivano in ritardo, causando così disagi all interno delle classi. Complessivamente il livello di partecipazione è stato totale per entrambi gli Organi collegiali. 17

17 CAPITOLO 3 Tirocinio di Intervento Attivo (T. I. A.) Istituto Comprensivo Enzo Drago During the phase of T. I. A., I had my possibility to test and organize some teaching units in order to put them into practice. I proposed the following teaching unit for the students who attend the second year of the Scuola Media Enzo Drago, because it was here that I focused the most my T. I. A.. Target class: second year of the Scuola Media Enzo Drago. Time: 3 hours. Prerequisites: the students already master the use of present simple; they already know the Simple Past of the auxiliary verb to be, and the most common adverbs of frequency. Communicative Objectives: talking about past events; asking and giving information about past events. Grammar Point: Simple Past. Skills: reading, writing, listening, speaking. PROCEDURE In this stage the students are presented with the new linguistic material for the first time. The lesson starts with a dialogue which helps the students to build the vocabulary and consolidate grammar. But before going through the text a warming-up phase is necessary to help the students to identify the grammar rule they will be introduced. WARMING-UP (During the warming-up I asked the students not to open their books in order to let them speak as freely as possible). The aim is to focus the students on the grammar rule will be introduced in the unit. At first I introduced the Past Tense in Italian: I asked the students some questions, such as: Come si esprime il Passato in Italiano? ; 18

18 Che tempo utilizziamo quando diciamo: Ieri ho mangiato un panino?. Then, I spoke to them in Italian, saying : Guardate le frasi precedenti: in Italiano abbiamo utilizzato il Passato Prossimo, in Inglese, invece, per le stesse frasi, non si utilizza il Passato Prossimo. PRESENTATION STAGE At this point I made some examples to the students. I wrote on the blackboard the following sentences, in order to stimulate their interest and their attention towards the linguistic material presented: 1) Yesterday I went to the cinema with my friends. 2) W. A. Mozart lived from 1756 to He started composing at the age of 5 and wrote more than pieces of music. He was only 35 years old when he died. I asked the students to translate the sentences, saying to them that in English there are two different kinds of verbs at the Past tense, the Regular Verbs and the Irregular Verbs. I said to them: the past form for Regular Verbs end in ed, such as start-started; work-worked; like-liked. The past form for Irregular Verbs is variable, such as write-wrote; gowent: you can find a list of them at the end of your book. But I have to say that the students translated the sentences above with no great difficulty: I thought that their teacher had already presented to them the Past Tense. Then, I selected some students, (I decided to call the best student and the worst one) asking them to underline the verbs of the sentences I wrote on the blackboard: I said to them that the verbs of the sentences they had underlined were at the Past Tense, specifying that the verbs went, wrote and was were some Irregular Verbs and, on the contrary, the verbs lived and studied were Regular Verbs. At this point I decided to involve students attention through a dialogue so that the students were more interested in what they were going to listen, read and study. 19

19 LISTENING ACTIVITY In this stage I invited the students to listen to CD regarding the dialogue of their text-book: at first, they listened to the dialogue once, even if I noted they had already studied it by heart, as usual. In fact, they had never used before the CD concerning the dialogue, because their teacher isn t used to using it, so they were very interested in this new kind of activity. It is usually their teacher who reads aloud the dialogue, so they had never listened to a CD and they found the way of speaking of the characters and their pronunciation very strange. Oral practice stage In this stage the students had to practise listening, writing and speaking together, in order to improve the linguistic materials presented in the dialogue. I had previously prepared at home a true/false exercise of comprehension concerning the dialogue (it is given below) and I gave it to the students; then I proposed to them to listen carefully to the dialogue again, because they had to try to understand it in order to tick ( ) the correct answer (this is a kind of listening/writing exercise). True False 1) Mr and Mrs Greenfield were at home yesterday afternoon. 2) Nigel and Karen went to Mr Miller s. 3) Mr Miller was there. 20

20 4) Mrs Miller did let them in. 5) Karen and Nigel saw an message on Mrs Miller s computer. 6) Nigel and Karen read the message. 7) Nigel switched on his computer and he got into Mrs Miller s box. 8) Nigel didn t read the message. 9) The message was from Mr Miller s kidnappers. 10) They didn t want any money for his ransom. Then I proposed to the students a speaking exercise, that is to say the oral correction of the exercise above: each student had to tell the answer he/she had chosen. After the correction of the exercise, I invited the students to read aloud the dialogue individually. GRAMMAR STAGE Then I invited the students to underline the verbs of the dialogue, using a red colour for the Irregular Verbs and a blue one for the Regular Verbs. Then, I asked each student to tell me which verb they had underlined with the red colour and which with the blue one, in order to test if they had understood the linguistic material presented in the dialogue. Then I proposed to them to do the exercise 2b, Unit 16 of their text-book. In this kind of exercise they can practise Past Tense together with writing and speaking activities. 2b Ask your partner what he/she did yesterday. Write his/her answer beside the questions. What time did you get up yesterday? he/she got up at What did you do then? How did you go to school? When did school start?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI MODAL VERBS PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI ----------------------------------------------- 3 2 di 15 1 Verbi modali: aspetti grammaticali e pragmatici

Dettagli

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE LL RICERC DI UN DIDTTIC LTERNTIV THE SQURE VISUL LERNING PROGETTO VINCITORE LBEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMZIONE L utilizzo di: mappe concettuali intelligenti evita la frammentazione, gli incastri illogici

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Elenco dialoghi sia in italiano che in inglese

Elenco dialoghi sia in italiano che in inglese by Lewis Baker 44 Elenco dialoghi sia in italiano che in inglese 1. Present Simple (4 dialogues) Pagina 45 2. Past Simple (4 dialogues) Pagina 47 3. Present Continuous (4 dialogues) Pagina 49 4. Present

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

UNIT 1 PRESENT SIMPLE PRESENT CONTINUOUS

UNIT 1 PRESENT SIMPLE PRESENT CONTINUOUS UNIT 1 PRESENT SIMPLE PRESENT CONTINUOUS Per definire le situazioni espresse attraverso l uso del present simple utilizzeremo la seguente terminologia: permanent state timetable routine law of nature or

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta)

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta) Teoria tematica Ogni predicato ha una sua struttura argomentale, richiede cioè un certo numero di argomenti che indicano i partecipanti minimalmente coinvolti nell attività/stato espressi dal verbo stesso.

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Capire meglio il Grammar Focus

Capire meglio il Grammar Focus 13 Present continuous (ripasso) Avverbi di modo Per un ripasso del PRESENT CONTINUOUS vai ai GF 10 e 11. Il PRESENT CONTINUOUS si usa per azioni che si fanno in questo momento / ora. Osserva l immagine

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

PRESENT PERFECT, FIRST/SECOND CONDITIONAL,COMPARATIVI, SUPERLATIVI

PRESENT PERFECT, FIRST/SECOND CONDITIONAL,COMPARATIVI, SUPERLATIVI PRESENT PERFECT, FIRST/SECOND CONDITIONAL,COMPARATIVI, SUPERLATIVI PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 IL PRESENT PERFECT -----------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Manualino di Inglese. Marco Trentini mt@datasked.com

Manualino di Inglese. Marco Trentini mt@datasked.com Manualino di Inglese Marco Trentini mt@datasked.com 19 febbraio 2012 Prefazione Questo documento è un mini manuale di inglese, utile per una facile e veloce consultazione. La maggior parte di questo documento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura:

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura: From : The principal object - To : notions in simple and unelaborated expressions. The principal object, then, proposed in these Poems was to choose incidents L oggetto principale, poi, proposto in queste

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli