Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale"

Transcript

1 Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ultimi Sviluppi Battuta d arresto per gli investimenti stranieri in Turchia Pubblicata la classifica delle 500 maggiori aziende turche Nel primo semestre dell anno crescono i turisti in Turchia Secondo il Ministro Ergün, il tasso di crescita nel 2013 sarà del 4% Erdoğan invita la popolazione a non fare uso della carte di credito TOKİ costruirà 1 milione di nuove abitazioni entro il 2023 Modificato il progetto del 3 ponte sul Bosforo Il titolo Gtech spinto dalla Turchia Economia e Politica Economica Continua il deprezzamento della lira turca: la Banca centrale interviene a rialzo sui tassi Le banche straniere guardano alla Turchia Energia Gazprom offre rassicurazioni sulle forniture invernali di gas China Coal Construction investe sul Mar Nero Difficoltà per la Osmangazi Annunci e Gare Vai direttamente alla Pagina Indicatori Macroeconomici PIL, Inflazione, Interscambio, Borsa di Istanbul, Cambio N.22 24/07-31/07/2013 Prot. Nr Ambasciata d Italia in Ankara, Ufficio Commerciale, Atatürk Bulvarı 118, 06680, Ankara, ; ; tel ; fax Responsabile: Cons. Leg. Irene Castagnoli

2 Ultimi sviluppi Battuta d arresto per gli investimenti stranieri in Turchia Secondo i dati resi noti dalla Banca Centrale della Repubblica Turca (BCRT), tra il 2003 e il 2012 la Turchia ha attratto circa 100 miliardi di dollari di investimenti diretti esteri (IDE), di cui più di un quarto nel biennio Si tratta di una cifra consistente se si pensa che nel decennio precedente ( ) gli IDE affluiti nel Paese erano stati pari a milioni di dollari. Tuttavia, il dato riferito ai primi cinque mesi del 2013 appare meno confortante. Infatti, da gennaio a maggio 2013 gli investimenti diretti esteri sono stati pari a 3,13 miliardi di dollari, in calo del 44 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, quando gli IDE erano stati di 5,56 miliardi di dollari. I dati mensili mostrano un crollo a marzo (-87,2 per cento rispetto allo stesso mese del 2012) e una decisa decelerazione a maggio (-43,7 per cento). Al momento, anche le aspettative per il presente e il futuro non appaiono incoraggianti. Il recente annuncio della US Federal Reserve (Fed) di una prossima, progressiva riduzione delle misure espansive di politica monetaria finora adottate ( quantitative easing ) ha avuto un effetto sensibile sulle economie dei Paesi emergenti (Turchia inclusa), che avevano beneficiato della liquidità ampiamente disponibile a livello internazionale e di tassi di interesse nominali più elevati rispetto a quelli praticati dalle principali economie avanzate, sostanzialmente prossimi allo zero. In Turchia, a questo effetto Fed si è aggiunto l impatto delle turbolenze interne, che dalla fine di maggio, per alcune settimane, hanno agitato il Paese, potenzialmente scoraggiando gli investitori stranieri, rendendoli più cauti circa il futuro. Al momento, si vive una fase di attesa in cui peraltro, dicono in molti, non giovano, dal punto di vista della percezione del clima di business vigente in Turchia, le esternazioni di alcuni politici di primo piano circa il coinvolgimento, in relazione alle manifestazioni occorse nel Paese, di intermediari finanziari, imprenditori, potenze straniere e una ipotetica lobby dei tassi di interesse. (Fonte: Addetto Finanziario dell Ambasciata) TOP Pubblicata la classifica delle 500 maggiori aziende turche La Camera dell Industria di Istanbul ha pubblicato, come tradizione, l elenco delle 500 maggiori aziende turche. Al primo posto Tüpraş, la società che gestisce le raffinerie del Paese, con un fatturato pari a 40,1 miliardi di TL, al secondo posto Ford Otomotiv, con 6,1 miliardi di TL, e al terzo posto Oyak Renault, con 7,5 miliardi di TL. Seguono l Arçelik (elettrodmestici), EÜAŞ (l'ente statale di produzione elettrica), TOFAŞ (Koç-Fiat), Iskenderun Demir Çelik (produzione di ferro e acciaio), Eregli Demir Çelik (produzione di ferro e acciaio), İÇDAŞ (acciaieria) e Aygaz (GPL). Il giro d'affari delle prime 500 aziende turche ha raggiunto i 353,6 miliardi di TL, con un incremento del 9,2% rispetto al I guadagni delle top 500 si sono attestati sui 24,1 miliardi di TL, +6,3% rispetto al L'azienda più redditizia del 2012 è stata la TPAO (Turkish Petroleum Corporation), con guadagni pari a 1,5 miliardi di TL. Deludente la performance delle esportazioni, salite dai 63,3 miliardi di USD del 2011 a soltanto 63,7 miliardi di USD nel Nel frattempo il quoziente di indebitamento (debt to equity ratio) delle aziende della top 500 è del 134%, +70% rispetto al quoziente medio delle economie sviluppate. TOP Nel primo semestre dell anno crescono i turisti in Turchia Türkstat ha annunciato che nel mese di giugno il numero di turisti ( ) giunti in Turchia è aumentato del 4,93% rispetto al giugno del Di questi, non hanno effettuato pernottamenti. Nei primi sei mesi del 2013, il numero di turisti in arrivo ( ) è aumentato del 14,35% rispetto al primo semestre del Nella graduatoria dei Paesi di

3 provenienza stilata per il mese di giugno, prima è la Russia ( ), seguita da Germania ( ), Inghilterra ( ) e da Georgia, Bulgaria, Olanda, Svezia, Siria, Francia e Ucraina. Nella graduatoria che interessa il primo semestre, invece, prima la Germania ( ), seguita da Russia ( ), Inghilterra ( ), Georgia, Bulgaria, Siria, Iran, Olanda, Francia e USA. Nel mese di giugno Antalya è stata la città che ha registrato il maggior numero di presenze ( ), seguita da Istanbul ( ), Muğla ( ), Edirne ( ) e Artvin ( ). Nei primi sei mesi è comunque Istanbul a primeggiare ( ), seguita da Antalya ( ), Edirne ( ), Muğla ( ) e Artvin ( ). TOP Secondo il Ministro Ergün, il tasso di crescita nel 2013 sarà del 4% Il Ministro della Scienza, Industria e Tecnologia Nihat Ergün ha annunciato che le previsioni sul tasso di crescita per il 2013 rimangono al 4%, sottolineando che gli obiettivi a medio termine della Turchia sono invariati. In merito all aumento dei tassi d interesse ad opera della Banca Centrale, il Ministro Ergün ha dichiarato che il tutto rientra nelle attività ordinarie di quest'ultima, il cui compito è quello di gestire la politica monetaria alla luce degli obiettivi del Paese e dell'andamento dell economia: "Gli sviluppi a livello mondiale e le decisioni della FED hanno spinto la Banca Centrale a ritoccare i tassi d'interesse, un intervento mirato ad equilibrare i mercati turchi. Al contempo si registrano interessanti sviluppi nelle esportazioni, che contribuiranno senz altro al tasso di crescita. Il tutto indica che non c è motivo di ritoccare gli obiettivi della Turchia. TOP Erdoğan invita la popolazione a non fare uso della carte di credito Il primo ministro turco Erdogan ha invitato i cittadini turchi a non usare le carte di credito, accusando pubblicamente le banche di guadagnare sui "poveri". "Non usate le carte di credito ha detto Erdogan ad Ankara lo scorso 16 luglio. Durante il suo discorso, ha particolarmente preso di mira una banca, accusandola di guadagnare 600 milioni di lire turche all anno in commissioni e spese: "Allo stesso tempo, il totale [senza interessi] del fatturato delle banche statali quali Ziraat, Halk e Vakif sono 600 milioni di lire. Capite le dimensioni della posta in gioco?". Gli alti tassi e commissioni applicate dalle banche sono da tempo nel mirino dei consumatori e delle unioni dei consumatori, e con la nuova legge il governo obbliga le banche a offrire in opzione una carta di credito senza spese, portando a 5 milioni di TL la multa applicata alle banche che cercano di lucrare sulle commissioni. Uğur Gürses, un economista del quotidiano Radikal, ha affermato che, a suo avviso, l obiettivo del rimprovero del Primo Ministro non siano tanto i cittadini che utilizzano le carte per la spesa quotidiana, quanto piuttosto quelli che le utilizzino come strumento di finanziamento: "Se si potessero implementare delle misure che aumentino la concorrenza fra le banche, le commissioni delle carte di credito calerebbero. In secondo luogo, il governo dovrebbe garantire un uso più consapevole delle carte di credito da parte dei cittadini." I livelli di utilizzo della carta di credito nel Paese hanno subito una rapida impennata. Se nel 2008 erano 43 milioni i cittadini turchi che utilizzavano le carte di credito, tale numero è salito a 56 milioni ad aprile Anche nei primi tre mesi del 2013, il tasso di incremento è stato del 9,2% rispetto alla fine del Secondo i dati BDDK (l Agenzia per la Regolamentazione e la Supervisione bancaria), nel 2012 i proventi del settore bancario turco derivanti dagli oneri di servizio, pari a 14,8 miliardi di lire, sono stati sufficienti a coprire le spese per il personale delle banche stesse, 14,2 miliardi di lire. TOP TOKİ costruirà 1 milione di nuove abitazioni entro il 2023 L Ente Insediamenti Popolari (TOKİ) mira a costruire 1 milione di abitazioni entro il 2023, come ha dichiarato il Direttore Ahmet Haluk Karabel. Ricordando come TOKİ abbia stanziato 57

4 miliardi di TL per la realizzazione di nuove abitazioni negli ultimi dieci anni, Karabel ha sottolineato che il volume degli investimenti nelle costruzioni in Turchia ha raggiunto i 70,6 miliardi di USD nel 2012, per la maggior parte realizzati dal settore privato. TOKİ, fondato nel 1924 per sostenere lo sviluppo immobiliare, è stata molto attiva nel corso dell'ultimo decennio nel settore della ristrutturazione delle case dei quartieri meno abbienti, permettendo a 15 milioni di persone di acquistare un appartamento con pagamenti rateali: "Nell arco degli ultimi 10 anni, TOKİ ha costruito appartamenti a Istanbul, ad Ankara e almeno in altre città. Queste abitazioni hanno contribuito ad aumentare la disponibilità di alloggi e a mantenere i livelli degli affitti entro limiti ragionevoli appartamenti sono stati venduti a cittadini aventi un reddito molto basso, con pagamenti rateali a lunga scadenza. Karabel ha inoltre aggiunto che "gli operatori del settore delle costruzioni hanno in programma la realizzazione di circa milioni di case nuove entro il Come TOKI miriamo a realizzarne 1 milione". TOP Modificato il progetto del 3 ponte sul Bosforo L itinerario della rete stradale collegata al 3 ponte sul Bosforo è stato modificato per evitare danni ambientali alla Foresta di Belgrado e alla Foresta di Fatih. Le modifiche mirano anche ad evitare danni alla struttura naturale dei laghi e delle falde presenti nelle vicinanze dell'itinerario. A seguito delle modifiche, una delle carreggiate avrà 37 viadotti per un totale di 15 km, mentre l'altra ne avrà 74 per un totale di 30 km. TOP Il titolo Gtech spinto dalla Turchia Il titolo Gtech e salito del 2,07% ieri in borsa, chiudendo la seduta a 20,72 euro. L azienda operante nel settore lotterie e interessata alla privatizzazione delle riffe turche. Gli esperti di Banca Imi, che hanno confermato il rating buy con un target price di 24,7 euro per azione, hanno giudicato positivamente questa iniziativa anche se si sono riservati una certa cautela, Gtech (ex Lottomatica) ha rivisto recentemente la strategia internazionale suddividendosi in tre aree (Italia, Americhe e Internazionale) e entrando nella privatizzazione delle lotterie greche (Opap). Oltre al mercato Usa dove gestiamo 24 lotterie e come videolottery siamo presenti anche in Canada, puntiamo a crescere in Sudamerica e poi in Cina e nel resto dell Asia, ha spiegato il direttore generale Palo Ceretti settimana scorsa. Inoltre parteciperemo alla privatizzazione delle lettorei in Turchia. (Fonte: Articolo di Norberto Monassero su Milano Finanza del 26 luglio 2013) TOP Economia e politica economica Continua il deprezzamento della lira turca: la Banca centrale interviene a rialzo sui tassi La lira turca continua ad attraversare una fase delicata. Nelle ultime settimane, il cambio rispetto al dollaro e all euro è costantemente rimasto al di sopra di 1,90 e 2,50 rispettivamente, con punte occasionali sensibilmente più elevate. Le Autorità turche sottolineano che la performance della lira è in linea con quella delle altre valute delle economie emergenti: secondo dati della BCRT nel periodo 22 maggio-5 luglio la valuta nazionale avrebbe avuto, rispetto al dollaro USA, un deprezzamento del 5,5 per cento circa, inferiore a quanto avvenuto in Malesia, Messico, Russia, Sud Africa e Brasile (addirittura -10 per cento circa). I recenti interventi della Banca centrale sul mercato valutario, caratterizzati da cessioni massicce di dollari, non hanno sortito effetti sensibili sul cambio, mentre hanno prodotto un decumulo delle riserve ufficiali del Paese, scese a 103 miliardi di dollari il 19 luglio, dai 113 miliardi di inizio maggio Anche per fare fronte al deprezzamento valutario, il Comitato per la politica monetaria, per la

5 prima volta da ottobre 2011, ha deliberato un aumento dei tassi: l estremo superiore del corridoio dei tassi ( lending rate ) è stato infatti incrementato di 75 punti base (dal 6,50 al 7,25 per cento). Ciò dovrebbe consentire alla Banca centrale di modulare giornalmente il costo del denaro per le banche, con un potenziale innalzamento del tasso effettivo di rifinanziamento del sistema. Nella stessa occasione, la BCRT ha reso noto che avrebbe eliminato la riduzione dei tassi di 50 punti base finora applicata a favore delle principali banche del Paese ( primary dealers ), nei giorni in cui fornisce denaro vicino alla soglia superiore dei tassi: tale misura implica che il costo del finanziamento per le grandi banche potrebbe potenzialmente salire di 125 punti base, di cui 75 dovuti all aumento del tasso e 50 all eliminazione dello sconto. Gli altri tassi ( one week repo rate e borrowing rate ) sono rimasti invariati (4,5 e 3,5 per cento, rispettivamente). In una nota di commento, la Banca Centrale ha sottolineato, in controtendenza rispetto a quanto indicato finora, che le aspettative riguardo all inflazione mostrano un deterioramento, ancorché di natura ritenuta temporanea. Nell ultima rilevazione mensile, riferita a giugno 2013, l inflazione al consumo è stata pari all 8,3 per cento, un valore superiore alla banda di oscillazione obiettivo prevista dalle Autorità per fine anno (5 per cento più o meno due punti percentuali). Pertanto, si profila l ipotesi di possibili ulteriori interventi restrittivi: per il futuro, dicono analisti e osservatori, non si escludono misurati ritocchi a rialzo (25 punti base) sia del tasso di riferimento ( one week repo rate ), sia del lending rate. Analogamente, sul fronte del credito, si prevede l adozione di potenziali misure di intervento volte a ridurre l espansione dei prestiti interni: la stessa Banca centrale ha sottolineato che i valori rilevati continuano infatti a collocarsi al di sopra dell obiettivo massimo ritenuto accettabile dalle Autorità. (Fonte: Addetto Finanziario dell Ambasciata) TOP Le banche straniere guardano alla Turchia Secondo l azienda di consulenza e revisione Deloitte, gli enti finanziari europei, dell'estremo Oriente e del Medio Oriente seguono da vicino il settore bancario turco per cogliere occasioni di investimento. In particolare, in questo momento, una banca del Golfo sta analizzando il settore bancario turco ed un altra sta cercando di attivarsi nel settore dei mutui mobiliari e immobiliari in previsione di acquisire la licenza per poter operare direttamente nel Paese. Hasan Kılıç, della Deloitte Turkey, afferma che "circa 5 o 6 banche straniere stanno considerando la possibilità di investire in Turchia. I grandi progetti infrastrutturali in programma in Turchia mantengono alto l'interesse degli investitori stranieri, in quanto simili opportunità non esistono sui mercati occidentali. L interesse delle banche straniere maturato negli ultimi anni si è concretizzato con importanti acquisizioni, quali l acquisto della Denizbank da parte della russa Sberbank, per 3.6 miliardi di USD, e il trasferimento del 25% della Garanti Bank alla spagnola Banco Bilbao Vizcaya Argentaria, per 5.8 miliardi di USD. La Bank Audi libanese, il primo istituto di credito ad ottenere una licenza in Turchia nel corso degli ultimi 10 anni, il mese scorso ha aperto la sua prima filiale, con il nome di Odeabank. Altri istituti quali la Commercial Bank of Qatar, la Kuwaiti Burgan e la Saudi National Commercial Bank sono già operativi sul mercato locale, così come tre delle maggiori banche giapponesi, la Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ (BTMU), la Mizuho Corporate e la Sumitomo Mitsui. La BTMU ha ottenuto la licenza per operare, mentre le altre due hanno uffici di rappresentanza a Istanbul. TOP Energia Gazprom offre rassicurazioni sulle forniture invernali di gas La russa Gazprom, a seguito delle notizie circolate secondo le quali in Turchia si potrebbero

6 registrare interruzioni nell'erogazione del gas naturale durante il prossimo inverno, ha rilasciato una dichiarazione per smentire tali voci ed ha assicurato la piena disponibilità ad intervenire per ovviare ad eventuali inconvenienti che si potrebbero verificare. Le voci circolate nei giorni scorsi si basavano sul fatto che i depositi sotterranei in Ucraina non sarebbero in grado di fare fronte al fabbisogno invernale di Paesi quali la Turchia, la Grecia e la Bulgaria. TOP China Coal Construction investe sul Mar Nero La Hattat Holding, che ha in programma di realizzare una serie di centrali a carbone nell area di Amasra, sul Mar Nero, ha sottoscritto un accordo con la China Coal Construction per l'estrazione del carbone che sarà utilizzato in una centrale da MW. Secondo l accordo, che prevede l estrazione del carbone con macchinari importati dalla Cina e dall'europa, inizialmente la quantità annua sarà di 5 milioni di tonnellate per arrivare quindi a 10 milioni di tonnellate. L investimento complessivo sarà di circa 700 milioni di USD e creerà posti lavoro. TOP Difficoltà per la Osmangazi Yildizar SSS Holding, che nel 2010 ha acquistato i diritti della compagnia di distribuzione di energia Osmangazi per 485 milioni USD, non sembra navigare in buone acque. Il debito di Osmangazi con TETAS (l azienda statale che vende l energia elettrica ai distributori) avrebbe ormai superato, secondo le voci, i 120 milioni di TL (48 milioni di euro), e l Autorità per l Energia avrebbe avviato un inchiesta su Osmangazi la quale, pur continuando a ricevere regolari pagamenti dagli utenti finali, non pagherebbe più l energia acquistata. La notizia sembrerebbe trovare conferma sul quotidiano Taraf, secondo il quale un importante società locale sarebbe in grosse difficoltà finanziarie. Al rigardo, Taraf cita un rapporto della Corte dei Conti (Sayiştay) sulla banca di proprietà statale Halkbank, secondo il quale il gruppo dovrebbe più di milioni TL al settore bancario. La compagnia non pagherebbe puntualmente le rate del prestito, così come i contributi dei propri dipendenti e perfino le rate delle carte di credito dei proprietari. Sempre secondo il quotidiano, il gruppo avrebbe un debito di 823 milioni TL verso Halkbank, ma il collaterale del debito sembrerebbe essere un lotto di terra appartenente in realtà al Tesoro e non alla compagnia. Secondo alcune voci del settore, che preferiscono rimanere anonime, Halkbank avrebbe ristrutturato il debito del gruppo e firmato un protocollo in modo da non dover classificare il debito come prestito improduttivo. Nonostante il giornale non abbia potuto divulgare il nome del gruppo coinvolto nella vicenda a causa delle norme sulla privacy nel settore bancario, Yildizlar SSS Holding sembrerebbe corrispondere perfettamente alla descrizione. Ad avvalorare tale tesi, ci sarebbe il fatto che il Rapporto per il 2011 della Corte dei Conti non è stato reso pubblico né sottoposto al Parlamento. TOP Annunci e gare Linea metro Mecidiyeköy - Mahmutbey La gara d appalto bandita dalla Municipalità di Istanbul per la realizzazione della metropolitana Mecidiyeköy Mahmutbey, lunga 17,5 km e con una percorrenza pari a 26 minuti, si terrà il 18 settembre p.v. La linea trasporterà 70 mila persone all ora (in unica direzione). Il progetto, oltre alle gallerie e ad alcuni viadotti, prevede anche 15 stazioni. TOP TCDD annuncia una gara da 3,1 miliardi di dollari per l acquisto di 106 treni Secondo le dichiarazioni riportate dalla stampa del Direttore Generale, Süleyman Karaman, le Ferrovie turche, annunceranno una gara dal valore di 6 miliardi di lire turche (circa 3,1 miliardi di dollari Usa), per l acquisto di nuovi treni. La gara, che dovrebbe essere organizzata nei prossimi 2/3 mesi, sarà per 106 unità ed, avendo un valore molto elevato, prevederà fra le condizioni

7 quelle di stabilire una fabbrica locale ed una percentuale minima del 51% per le forniture da acquistare in Turchia. Il bando di gara e stato già approvato dal Ministero dello Sviluppo ed è in attesa del via libera definitivo del Consiglio dei Ministri. TOP Indicatori Macroeconomici PIL Dopo la crescita tumultuosa del 2010 (+9,2%) e del 2011 (+8,5%), che ha fatto attestare la Turchia ai primi posti al mondo fra i Paesi con la più alta crescita del PIL, nel 2012 il ritmo di crescita del PIL turco, in rallentamento per effetto delle politiche governative di contenimento e della congiuntura internazionale di contenimento, si e attestato al 2,2%. Nel primo trimestre del 2013, il tasso di crescita del Pil e stato pari al 3%. TOP Inflazione Nel 2011 l inflazione, dopo aver toccato il valore minimo storico del 3,9% (marzo), ha raggiunto a fine anno un valore a due cifre pari al 10,45%. Nel 2012 l inflazione ha mostrato una tendenza al calo, particolarmente marcata nell ultimo trimestre dell anno, che si e chiuso al 6,16%. A giugno 2013, l inflazione relativa ai beni al consumo in Turchia è stata pari all 8,30% rispetto allo stesso mese del 2012, in crescita rispetto a maggio TOP Interscambio con l Italia Nel 2011, l intercambio Italia-Turchia ha raggiunto la cifra record di 21,3 miliardi di dollari con esportazioni italiane pari a 13,45 miliardi di dollari, importazioni a 7,85 miliardi di dollari e un sal -do attivo per l'italia di 5,6 miliardi dollari. Nel 2012 l Italia si è attestata al sesto posto nella graduatoria dei Paesi partner della Turchia, dopo Germania, Federazione Russa, Iran, Cina e Stati Uniti, con un interscambio pari a 19,7 miliardi di dollari (-7,4% rispetto al 2011), articolato in e- sportazioni pari a 13,3 miliardi di dollari (-0,8%, quinto Paesi fornitore) ed importazioni pari a 6,3 miliardi di dollari (-18,8%, settimo mercato di sbocco per le merci turche). Il saldo era attivo per l'italia e ammontava a 6,9 miliardi di dollari. Nei primi cinque mesi del 2013, l Italia si e collocata al quinto posto fra i partner commerciali della Turchia, con un interscambio pari a 7,9 miliardi di dollari (-1,3%), composto da 5 miliardi di dollari di importazioni turche dall Italia (- 6,7%) e da 2,9 miliardi di dollari di esportazioni (+9,7%). Il saldo positivo per l Italia è di 2,1 miliardi di dollari. TOP Borsa di Istanbul Borsa di Istanbul (IMBK-100) al 31 luglio 2013: Cambio al 31luglio Euro = 2,5672 TL 1 Dollaro = 1,9360 TL TOP Cronache Economiche A cura di: Redazione: In collaborazione con: Francesco Varriale Edoardo Bonacina Serena Muroni Zeynep Demirtaş Per info:

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Risultati Alstom 2014/15

Risultati Alstom 2014/15 Comunicato stampa 6 maggio 2015 Risultati Alstom 2014/15 Nuovo record di ordini (10 miliardi di euro) e del portafoglio ordini (28 miliardi di euro) Utile operativo in aumento di circa il 20% Free cash

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ultimi Sviluppi Il valore dell interscambio globale della Turchia nel periodo gennaio/maggio 2013 ha superato i 167 mld di dollari La Turchia

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ultimi Sviluppi A gennaio calano gli Investimenti Diretti Esteri in Turchia Dall Arabia Saudita la prima offerta per la costruzione della centrale

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del credito sono sempre più evidenti. Le prime avvisaglie di miglioramento si

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo Ricavi a 204,7 milioni di Euro (206,6 milioni di Euro nel primo trimestre ) Margine operativo lordo a 24,2

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

DAILY 05.03.2015. giovedì 5 marzo 2015-1 -

DAILY 05.03.2015. giovedì 5 marzo 2015-1 - DAILY 05.03.2015 giovedì 5 marzo 2015-1 - Aspettando il trader Draghi Questa mattina vengo svegliato da un vento Grecale di forte intensità, che poche volte mi era capitato di sentire. Mi son detto: sarà

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

Flussi Turistici in Piemonte 2015

Flussi Turistici in Piemonte 2015 Flussi Turistici in Piemonte 215 Consuntivo e andamento negli ultimi 1 anni Osservatorio Turistico Regionale Interviene Cristina Bergonzo Contesto internazionale Ifattidel 215 Il turismo internazionale

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%)

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) 01/2015 Mercato Mercati nazionali 5.1.11 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2014 MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) Nel 2014, il prezzo medio dei suini da industria

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI ŀ IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI Il settore degli Apparecchi elettrici rappresenta una voce importante dell interscambio commerciale locale, soprattutto se si pensa che da tempo 1 genera

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli