Cibi transgenici Analisi delle biotecnologie nel settore agroalimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cibi transgenici Analisi delle biotecnologie nel settore agroalimentare"

Transcript

1 Cibi transgenici Analisi delle biotecnologie nel settore agroalimentare Stefano Simonazzi 1

2 Indice Introduzione 2 1. Genesi degli alimenti transgenici Nascita e ingresso sul mercato Metodi per la produzione di piante transgeniche Possibili utilizzi 9 2. Rischi e vantaggi Schieramenti a confronto Rischi e rimedi Perdita della biodiversità Inquinamento genetico e comparsa di nuovi virus Nascita di erbacce resistenti Comparsa di nuovi insetti Danni all ambiente Resistenza agli antibiotici Allergie verso i nuovi cibi Modifica delle proprietà nutritive 3. La questione economica Brevettabilità: biopirateria e Terzo Mondo Monopolio economico Situazione politica Il problema dell etichettatura Il controllo della sicurezza 21 Conclusioni 22 Bibliografia 23 2

3 Introduzione L agricoltura ha da sempre sostenuto lo sviluppo delle comunità umane ed è sempre stata oggetto di particolari studi sul miglioramento delle tecniche di produzione. Tale miglioramento si è concretizzato con la selezione di alcune specie di piante più produttive che ha portato allo sviluppo di coltivazioni intensive, basate sull impiego di prodotti chimici e di fertilizzanti sintetici e sulla meccanizzazione; tutto ciò ha portato cospicui vantaggi, ma ha evidenziato problemi legati allo sfruttamento del suolo, all erosione e all inquinamento ambientale. La riflessione sull uso delle risorse impiegate in agricoltura ha portato ad individuare pratiche agronomiche che assicurino la sostenibilità, cioè la compatibilità delle pratiche agricole con le esigenze ambientali. Ma come si può raggiungere gli scopi sopraindicati di aumento della produttività e miglioramento della qualità, senza incrementare l estensione delle superfici agricole e gestendole a favore dell ambiente? L utilizzo delle biotecnologie e in particolare del miglioramento genetico è una della possibili risposte. Le biotecnologie rappresentano un metodo in più a disposizione dell agricoltura: esse rendono possibile l inserimento nelle piante di specifici geni, anche provenienti da specie assai diverse, la cui funzione è nota, affinché questi vengano espressi ed ereditati nelle generazioni successive. Il miglioramento genetico quindi non è altro che un sistema per ottimizzare la selezione naturale. Le biotecnologie non sono un invenzione dei giorni nostri, ma rappresentano tecniche nate con l uomo: più di tremila anni fa alcune popolazioni cinesi e i Sumeri della Mesopotamia sapevano già sfruttare i microrganismi per produrre pane e una rudimentale birra. Il miglioramento genetico è invece una caratteristica intrinseca della natura: da quando esiste la vita sulla Terra i microrganismi si scambiano geni, trasmettendosi informazioni per la loro stessa sopravvivenza. Le biotecnologie possono accrescere il rendimento e la resistenza alle malattie e aiutare gli agricoltori ad adattarsi a un peggioramento delle condizioni del suolo o agli effetti avversi dell inquinamento atmosferico. Il controllo biologico delle infestazioni potrebbe sostituire i prodotti chimici convenzionali con una nuova generazione di agenti naturali, rispettosi dell ambiente e accuratamente mirati che salvaguardino l acqua, i suoli, i cibi e la salute degli stessi agricoltori. Le tecniche biotecnologiche applicate in agricoltura stanno portando alla costruzione in laboratorio di nuovi alimenti i cosiddetti cibi transgenici ; questi ultimi si presentano come cibi migliorati dal punto di vista della durata, del gusto, del valore nutritivo (più vitamine, sali minerali, meno colesterolo, meno grassi, ecc.), che potrebbero potenzialmente risolvere le piaghe che affliggono i paesi sottosviluppati. Questi nuovi alimenti però non riescono a mettere d accordo tutti in quanto potrebbero rappresentare dei rischi per la salute, per le colture tradizionali e per l ambiente stesso in quanto non si possono prevedere gli effetti che le nuove piante, da cui si ottengono questi cibi, avranno sull ambiente. Altro delicato punto su cui si discute è l impatto che i cibi geneticamente modificati avranno sull economia mondiale. Alcune multinazionali, grazie allo sfruttamento dei brevetti su nuove piante modificate, potrebbero ottenere il monopolio di questo mercato con gravissime conseguenze per gli agricoltori, che per restare competitivi a livello di produzione si vedrebbero costretti al pagamento di ingenti cifre, per i paesi che non hanno avviato programmi di ricerca in questo settore e soprattutto per i paesi del terzo mondo che non 3

4 potendo sfruttare questa nuova tecnologia, appositamente creata per loro, vedrebbero aumentare ancora il divario con i paesi più sviluppati. 4

5 1 Genesi degli alimenti transgenici 1.1 Nascita e ingresso sul mercato Le tecniche biotecnologiche non nascono nella nostra epoca ma già seimila anni prima di Cristo l uomo ha imparato a sfruttare l azione dei lieviti e dei microrganismi per produrre i cibi fermentati: birra, vino, yogurt, eccetera. Negli anni trenta viene sviluppata una teoria sul gene e una decina di anni più tardi viene individuato il Dna come materiale ereditario. A distanza di mezzo secolo si comincia a pensare ad alcune applicazioni di ingegneria genetica in campo agricolo e nel 1983 nasce la prima pianta transgenica di tabacco. Nel 1985 viene autorizzato il rilascio sperimentale di batteri manipolati e l anno successivo vedono la luce le prime piante transgeniche coltivate in campo aperto sulle quali sono eseguiti i primi test sulla resistenza a insetti, virus e batteri. Il debutto del primo cibo transgenico si ha nel maggio del 1994 quando nei supermercati statunitensi compare Flavr Savr, un pomodoro creato dalla Calgene in cui la capacità di raggrinzire in seguito a maturazione è geneticamente proibita. Questo pomodoro ha vita difficile sul mercato: resta maturo a lungo ma in compenso è duro come un sasso e il suo sapore non è esaltante. A pochi mesi di distanza un migliaio di supermercati statunitensi cominciano a distribuire il pomodoro della linea Fresh World Farms, manipolato e brevettato dalla Dna Plant Technology per migliorarne colore, gusto, consistenza e durata. Anche questo si mantiene per due settimane senza marcire. Poco dopo è raggiunto dal collega Endless Summer, capace di durare sei settimane senza cedere alle insidie della maturazione. Contemporaneamente, la Zeneca Plant Science produce un concentrato di pomodoro, primo cibo transgenico a sbarcare in Europa: è il 5 febbraio 1996quando un centinaio di negozi inglesi cominciano a venderlo. Il successo è discreto nonostante l etichetta dichiari apertamente l origine transgenica del prodotto. Nel 1996 le piante transgeniche invadono definitivamente il mercato(tabella 1). Patate, pomodori, colza, ravizzone, meloni, cotone,tabacco, mais e soia si diffondono sui campi coltivati in Canada, negli Usa, in Giappone, in Argentina(tabella 2), mentre altre qualità transgeniche vengono coltivate a scopo sperimentale. Oggi le piante transgeniche autorizzate ad essere coltivate nell ambiente senza ulteriori controlli sono già almeno una quarantina, appartenenti a una dozzina di specie. In Europa quelle autorizzate per la coltivazione sono sette (anche se in alcuni casi singoli Paesi si sono rifiutati di accettarle sul proprio territorio): mais, soia, radicchio, ravizzone, melone, zucca, tabacco; ma sono in corso esperimenti su decine di varietà. 5

6 Tabella 1: Sperimentazione in campo di piante transgeniche a livello mondiale; numero totale dal 1986 al 31/12/1995 Argentina 78 Australia 46 Belgio 97 Belize 5 Bolivia 6 Bulgaria 3 Canada 486 Cile 39 Cina 60 Costa Rica 17 Cuba 18 Danimarca 16 Egitto 2 Finlandia 10 Francia 253 Germania 49 Guatemala 3 Ungheria 22 Italia 69 Giappone 25 Messico 38 N. Zelanda 15 Norvegia 1 Portogallo 5 Russia 11 Sud Africa 22 Spagna 30 Svezia 18 Svizzera 2 Thailandia 2 Olanda 113 U. K. 133 USA Zimbawe 1 TOTALE Fonte: Istituto sperimentale di Cerealicoltura Roma Tabella 2: superfici coltivate con piante transgeniche 1997 Coltura Paese Superficie (ha) Mais USA Argentina Canada Totale Colza Canada Totale Soia USA Argentina Canada Totale Cotone USA Australia Totale Pomodoro USA Cina Totale Tabacco Cina Totale Patata USA Canada Totale TOTALE Fonte: Istituto sperimentale di Cerealicoltura Roma 6

7 In Italia avvengono esperimenti autorizzati su tredici specie transgeniche (principalmente mais, pomodoro, tabacco e cicoria), tuttavia circa il venticinque percento della soia e del mais importati dagli Usa contiene semi transgenici che entrano (sotto forma di lecitine, sciroppi di glucosio, emulsionanti, eccetera) nella composizione del sessanta percento dei prodotti comprati al supermercato: cioccolata e dolciumi, bibite, gelati, pizza e pasta surgelata. Lo sbarco sul mercato non è però avvenuto così facilmente. Come abbiamo visto, negli anni Novanta le piante transgeniche invadono i campi coltivati di tutto il mondo e fanno capolino nelle nostre cucine. Inizia in questo momento la guerra tra chi è a favore della ricerca ma contrario al rilascio nell ambiente di nuovi organismi, chi è contrario altresì alla ricerca, per l impatto che questo settore può avere sull economia e chi vede nella manipolazione genetica di piante e alimenti la panacea di tutti i mali dei paesi sottosviluppati. Così gli anni del boom transgenico vedono anche il susseguirsi di numerose manifestazioni di protesta, specialmente negli Usa e in Europa settentrionale. Nel 1994, contemporaneamente all ingresso sul mercato dei primi pomodori transgenici, un gruppo di attivisti contrari alle biotecnologie divulgano un articolo scientifico secondo il quale frammenti del Dna transgenico possono essere incorporati nei batteri intestinali. Si diffonde il panico nell opinione pubblica. Nel 1995 Usa e Gran Bretagna rifiutano di etichettare i cibi contenenti ingredienti transgenici. In risposta, Danimarca, Svezia, Germania e Austria minacciano di bloccare l autorizzazione in Europa della soia manipolata. Nel frattempo gli ambientalisti suscitano scalpore diffondendo due articoli specialistici che dichiarano la possibilità di un inquinamento genetico. Nel 1996 lo scontro si fa più acceso, e mentre in diverse località d Europa settentrionale gruppi di attivisti distruggono una ventina di coltivazioni sperimentali, la Commissione Europea autorizza la commercializzazione del mais transgenico della multinazionale Novaris. Ma Austria, Lussemburgo e Italia emanano un decreto che ne proibisce la diffusione sul loro territorio, la Francia dichiara che accetterà il nuovo mais solo se ne verrà garantita la distinguibilità da quello naturale, mentre Gran Bretagna, Norvegia e Danimarca attendono dati scientifici definitivi sulla sicurezza. Nell agosto del 1997 il Giappone blocca la commercializzazione di pomodori transgenici, a ottobre la Norvegia proibisce la diffusione sul proprio territorio di alimenti modificati e a novembre Greenpeace occupa a Rotterdam una nave contenente soia transgenica. Nella primavera del 1998, in Germania, birrai e consumatori chiedono sia vietato produrre birra con lieviti geneticamente modificati. A settembre una sentenza in Francia blocca di nuovo il mais Novaris, già autorizzato dal Ministero dell agricoltura: la documentazione è giudicata insufficiente a valutare i rischi per la salute pubblica. In ottobre il governo indiano proibisce l importazione di semi manipolati dalla Monsanto, perché dopo il primo raccolto non germogliano più, obbligando i contadini a ricomprarli ogni anno. Nel Natale del 1998 la polemica compare sulle prime pagine di tutti i quotidiani italiani: militanti dell Alf (Animal Liberation Front: Fronte di liberazione degli animali), organizzazione animalista clandestina, avvelenano col topicida alcuni panettoni Nestlè e li inviano alle agenzie di stampa. Il panico si diffonde e le vendite crollano in pochi giorni. Causa del sabotaggio, l ammissione fatta da alcuni dirigenti della multinazionale riguardo la possibile utilizzazione di mais e soia transgenici tra gli ingredienti dei dolciumi. Oggi la battaglia continua più accesa che mai, fino a giungere a vere e proprie dimostrazioni in cui sono costrette a intervenire le forze dell ordine, come è avvenuto a Seattle nel novembre scorso in occasione del vertice Wto, all interno dei trattati per il Millenium Round. Le coltivazioni trangeniche ad uso agricolo non si sono però arrestate di fronte a queste manifestazioni e oggi oltre tredici milioni di ettari nel mondo sono destinati a questo tipo di colture. 7

8 1.2 Metodi per la produzione di piante transgeniche Le piante transgeniche sono quelle in cui è stato introdotto un gene estraneo che può provenire dalla propria specie o da altre specie. I pomodori, come le mele, le banane e molti altri frutti, continuano a maturare anche dopo la raccolta. Gradualmente cambiano colore, consistenza, sapore, fino a diventare immangiabili e marcire. L intero processo avviene per azione dell etilene il quale è contenuto in un ormone della crescita e innesca quelle reazioni interne di maturazione che degradano le pareti cellulari della frutta e le espongono agli agenti esterni. La soluzione biotecnologia a questo problema è molto semplice: inibire tramite alcuni geni la produzione di etilene nelle piante, rallentando drasticamente la maturazione dei frutti. Vediamo allora nel dettaglio come avvengono questi trasferimenti di geni. La tecnica più diffusa per introdurre geni nel nucleo delle cellule vegetali, si basa sulla capacità di un batterio, l Agrobacterium tumefaciens, di trasferire parte del proprio patrimonio genetico alle piante che infetta. Questo parassita attacca le radici e introduce nelle cellule un plasmide 1 che induce la formazione di un tumore, il callo del colletto. Il plasmide si comporta nella cellula vegetale come un disco di programma in un computer, obbligando la pianta a produrre tutto che è codificato nella propria sequenza di acido nucleico, a seguito di un integrazione dell informazione che è permanente. Manipolando il Dna del batterio, in modo da eliminare i geni che provocano la malattia nella pianta e sostituendoli con geni portatori dell informazione genetica che si desidera trasmettere alla stessa, si ottiene una pianta con le caratteristiche desiderate. Non tutti i vegetali sono vulnerabili all Agrobacterium. Per intervenire su cereali come riso, mais e frumento sono state inventate tecniche alternative. Una di queste è stata chiamata metodo del cannone (figura 1) e consiste in un vero e proprio bombardamento delle cellule con proiettili di materiale genetico. Si preparano microscopiche particelle di tungsteno o di oro, le si rivestono di Dna e le si sparano con un getto di elio a 1500 km/h contro la cellula vegetale. Le dimensioni dei proiettili sono tali da non provocare lesioni irreversibili alle strutture cellulari, e anche se le particelle metalliche restano nel citoplasma 2 non interferiscono con le funzioni cellulari. Il cromosoma 3 della cellula vegetale ingloba il frammento di Dna e la cellula acquisisce così la capacità di generare la sostanza codificata dal gene introdotto. Non è detto, però, che tutti i colpi vadano a segno. In questo caso sono necessari sistemi che permettano di capire quali cellule bombardate hanno inglobato il materiale genetico nel loro nucleo. Un sistema comune è quello di unire, insieme al Dna da introdurre, geni in grado di produrre sostanze rivelatrici. Un esempio di questi geni è dato dal gene che codifica per l enzima 4 glucoronidasi; la presenza di questo enzima permette di ottenere la colorazione blu nelle cellule che lo contengono. Altro metodo per introdurre geni nel nucleo di una cellula vegetale consiste nel sottoporre la cellula a brevi impulsi elettrici che provocano l apertura temporanea dei pori della membrana e la rendono permeabile al Dna estraneo. 1 Plasmide : molecola di Dna circolare extracromosomico, presente in diverse specie batteriche, che spesso si trasmette da un batterio all alto. 2 Citoplasma: protoplasma di una cellula con esclusione del nucleo. 3 Cromosoma: struttura contenente una molecola di Dna che trasmette l informazione genetica. 4 Enzima: catalizzatore organico; proteina che accelera le reazioni biologiche a temperatura e pressione ambientale. 8

9 Facendo riprodurre le cellule manipolate, prima in provetta e successivamente nelle serre, i ricercatori ottengono piante adulte transgeniche. Figura 1: Cannone a particelle Immagine tratta da Focus Extra n.1, numero speciale, autunno I vegetali sono inoltre in grado di sviluppare una sorta di reazione immunitaria nei confronti di un virus che li attacca, lo riconoscono immediatamente e lo bloccano. I biologi usano questo metodo per produrre varietà resistenti alle malattie: introducono nel loro Dna alcuni geni di origine virale, così la pianta è in grado di riconoscere e combattere il nemico fin dal primo tentativo di infezione: una specie di vaccinazione. Questo procedimento viene definito resistenza derivata da patogeni. Se gli aggressori non sono virus ma insetti, si inserisce nelle cellule vegetali un gene prelevato dal Bacillus thuringiensis, un microrganismo che produce una tossina insetticida, rendendo le foglie velenose solo per i parassiti. Questo batterio, classificato nel 1901, divenne famoso quando nel 1915 un ricercatore tedesco lo isolò, scoprendo una sua speciale capacità: il bacillo avvelena gli insetti che divorano le foglie delle piante su cui vive, producendo tossine che alterano il funzionamento della membrana digerente e sconvolgendo le capacità dell insetto di alimentarsi. Il fatto più notevole è che le tossine del Bt sono armi intelligenti : micidiali per alcuni insetti, completamente innocue per altri e senza alcun effetto sui mammiferi, essere umano compreso. Nel 1927 viene prodotto il primo spray insetticida a base di Bt. 9

10 1.3 Possibili utilizzi Nei prossimi anni decine di piante transgeniche entreranno nei nostri campi e centinaia di cibi modificati si riverseranno nelle nostre cucine. Vediamo quali potrebbero essere allora i possibili utilizzi di questa nuova tecnologia. La Fao al Forum mondiale svoltosi a Roma nel novembre del 1996 parla chiaro: I vantaggi derivati dall uso delle biotecnologie sono molteplici. Per esempio la resistenza agli insetti nocivi porta a un aumento della produzione e a una diminuzione dell uso di insetticidi. [ ] I processi biotecnologici e in particolare la modificazione genetica, si sono dimostrati particolarmente efficaci per lo studio di tecniche finalizzate all aumento della produzione di alimenti e del contenuto di sostanze nutrienti. 5 La necessità di aumentare la produzione alimentare mondiale senza intaccare le risorse che ne sono alla base richiede sistemi che permettano di praticare un agricoltura intensiva, ma nel pieno rispetto ambientale. L ingente impiego di erbicidi, considerato insostituibile nell agricoltura intensiva, rappresenta un costo e può costituire una fonte di inquinamento. Il fatto di rendere tollerante ad un erbicida una coltura commercialmente interessante, consente di usare la sostanza in questione in fase di post-emergenza, cioè dopo la germinazione della semente, in modo mirato e a dosi basse, dunque con costi produttivi molto ridotti. Le piante coltivate sono indispensabili per la vita umana, ma permettono la sopravvivenza di una moltitudine di insetti: ogni anno infatti circa il 13% della produzione agricola viene letteralmente divorata. Nei paesi del Terzo Mondo, per esempio, i raccolti vengono spesso distrutti da ingenti infestazioni di insetti (ad esempio le cavallette giganti dell Africa), mentre nei paesi più sviluppati esiste la possibilità di produrre opportuni insetticidi ed utilizzarli. Se si valutano le piante più coltivate, come mais, cotone e riso, si vede che solamente per queste tre colture viene impiegata quasi la metà degli insetticidi prodotti in tutto il mondo. Ma non è tutto: bisogna considerare anche i problemi legati all ambiente derivanti dall uso di questi preparati. Le biotecnologie, quindi, creerebbero un grande risparmio economico e soprattutto un minor inquinamento ambientale. La funzione della modificazione genetica degli alimenti può essere altresì quella di migliorarne le caratteristiche nutrizionali. Le proteine, i carboidrati e i grassi contenuti negli alimenti possono essere prodotti in forma o in quantità diverse per rendere più ricco e più digeribile il prodotto. Non solo, si stanno realizzando alimenti dietetici che soddisfano requisiti specifici in rapporto a precise malattie o allergie. Nel dicembre del 1997 due gruppi di ricerca, uno in Giappone e l altro in Svizzera, hanno annunciato la creazione di piante di riso transgenico a contenuto di ferro triplicato. Quella da ferro è la carenza alimentare più grave e diffusa nel mondo: ne soffrono oltre un milione di persone, specialmente nei paesi non industrializzati, dove il consumo di carne e alimenti diversificati è scarso. I biotecnologi sperano che il riso con il ferro incorporato possa diventare una carta vincente per integrare la dieta di popolazioni a rischio. Un principio che vale per tutte le produzioni di piante transgeniche e che le rende per questo particolarmente utili, è la possibilità di partire dai semi. Il loro facile trasporto permette di trasferire nei paesi del Terzo Mondo varietà ad alto valore aggiunto. Si tratta infatti di paesi 5 Citato in un opuscolo di propaganda della Monsanto Company dal titolo: Biotecnologie. Una promessa per il futuro: i risultati di oggi, i progetti di domani. 10

11 dove è diffuso il problema della conservazione che impedisce parecchi scambi commerciali e la distribuzione di importanti derrate alimentari, con un conseguente danno alle popolazioni locali, generalmente già bisognose di migliorare le loro condizioni di vita soprattutto nelle zone dove la malnutrizione è endemica. Altra promessa della biotecnologia moderna è la creazione di piante capaci di sopravvivere al freddo, alla siccità, ai terreni salini. Le piante producono naturalmente sostanze produttive contro gli stress esterni. Nel 1996 è stato creato un tabacco transgenico capace di produrre una di queste sostanze utili e in grado di resistere ad alte concentrazioni di sale nel terreno. Ricercatori del Max Planck Institut di Colonia, dell Università di Verona e dell Istituto sperimentale di orticoltura di Montanaso Lombardo, hanno messo a punto una tecnica per far fruttificare pomodori, melanzane e ciliege senza fecondazione. Questo può significare due grandi vantaggi per il coltivatore: tutta polpa e niente semi o noccioli e possibilità di riproduzione della pianta in tutte le stagioni. Altro obiettivo dell industria genetica vegetale è quello di migliorare i tempi di produzione. La maggior parte degli alberi fioriscono e fruttificano solo dopo alcuni anni. Gli scienziati del Salk Institute di San Diego hanno prodotto i primi prototipi di alberi dalla fioritura istantanea. Altra speranza dei biotecnologi è quella di produrre piante che sappiano clonarsi da sé in modo da poter avere copie perfette della madre; cosicché le qualità più produttive non sarebbero perse. Le piante transgeniche troveranno impiego nelle industrie, nei laboratori e nelle strade di città, trasformate in macchine viventi per la sintesi o la trasformazione di sostanze utili: plastica, oli, enzimi, metalli, sali e persino medicine, vaccini, componenti del sangue umano. Si è riusciti a creare in questo senso, una varietà transgenica di piante contenenti ben il quattordici percento del proprio peso in plastica, senza intaccarne la normale crescita. La più sorprendente applicazione di queste tecnologie è quella riguardante la produzione di proteine umane: presto sarà possibile vaccinarsi mangiando cibi transgenici! Già nel 1992 ricercatori dell Università del Texas avevano coltivato piante transgeniche in grado di produrre l antigene (ingrediente fondamentale del vaccino) per l epatite B; da allora si sono succeduti esperimenti in cui le piante hanno prodotto componenti per i vaccini contro il colera, la rabbia e diversi virus. Nel 1995 sono state create piante di tabacco e di patata contenenti una proteina capace di scatenare la produzione di anticorpi contro le infezioni intestinali provocate dal batterio Escherichia coli, infezione che è una delle cause principali di mortalità per i bambini nei paesi in via di sviluppo. Altro esempio delle meraviglie promesse dalla agrobiotecnologia è quello della fitodecontaminazione del suolo. Acque e terreni sono sempre più spesso inquinati da metalli pesanti estremamente tossici, frutto delle attività industriali (cadmio, piombo, mercurio, cromo). Eliminarli dalle aree inquinate costa caro. In natura le piante prelevano dal terreno le sostanze minerali di cui hanno bisogno e nei terreni inquinati possono assorbire anche gli elementi tossici. Il risultato è morte sicura, eppure alcune specie sono particolarmente resistenti e non soccombono: il loro segreto è nei vacuoli, una specie di sgabuzzino cellulare in cui la cellula accumula riserve nutritive, sostanze di difesa e ospiti scomodi da isolare, appunto i veleni esterni. I biotecnelogi stanno modificando tali meccanismi delle piante per produrre esemplari capaci di crescere sui suoli contaminati e già sono nati un lievito capace di accumulare grandi quantità di cadmio, e una pianta in grado di crescere persino in presenza di mercurio. Le biotecnologie sembrano avere la chiave per salvare il mondo ma non sono esenti da possibili rischi e da conseguenti critiche sia dal punto di vista ambientale e medico, sia dal punto di vista politico ed economico, come vedremo nei prossimi capitoli. 11

12 2 Rischi e vantaggi 2.1 Schieramenti a confronto Come abbiano visto non tutti sono concordi sul giudizio delle biotecnologie. Vediamo allora qualche rappresentante delle opposte opinioni. La formazione a favore dei cibi transgenici ha dalla sua molti personaggi celebri. Tra gli italiani troviamo Rita Levi Montalcini e Renato Dulbecco, premi Nobel per la medicina, mentre negli Usa diversi Nobel, pionieri delle tecniche di ingegneria genetica, si sono addirittura trasformati in veri e propri manager ai vertici di compagnie biotecnologiche; uno fra tutti Herbert Boyer. Dan Glickaman, ministro dell agricoltura statunitense, definisce la biotecnologia un salto quantico verso la sicurezza alimentare del pianeta, una tecnica per aumentare in maniera straordinaria i raccolti senza esaurire le risorse naturali, senza la quale saremmo costretti a sfruttare intensivamente le foreste e i terreni agricoli erodendoli. 6 La Monsanto ribattezza la biotecnologia una promessa per il futuro e in un opuscolo divulgativo 7 ne spiega così gli scopi: Una fabbrica sofisticata capace di costruire sostanze indispensabili per l esistenza umana. [ ] Se nel prossimo millennio la speranza di vita supererà, come dicono gli scienziati, i centoventi anni, lo si dovrà soprattutto ai grandi traguardi ottenuti con l uso delle biotecnologie, decine di prodotti di altissima utilità per proteggere la salute, migliorare la produzione di cibo, tutelare l ambiente. La Fao considera favorevolmente le nuove biotecnologie, in quanto la tecnologia del Dna ricombinante può avere maggiore importanza per i paesi in via di sviluppo che per quelli industrializzati e può rappresentare un mezzo per produrre sufficienti quantità di cibo sicuro e nutrizionalmente adeguato per una popolazione sempre crescente. 8 6 Dal discorso al Forum Mondiale per la sicurezza alimentare organizzato a Roma dalla Fao, 13 novembre Vedi nota 5. 8 Dai documenti del Forum Mondiale di Roma, 13 novembre

13 Per molti ricercatori gli alimenti transgenici sembrano essere l unico modo per perseguire lo sviluppo dei paesi poveri. Francesco Salamini, biotecnologo e direttore del Max Planck Institut di Colonia, sostiene 9 : Oggi, grazie al mais geneticamente modificato, in Italia si coltivano un milione di ettari e ne ricaviamo dieci milioni di tonnellate di prodotto. Cinquant anni fa due milioni di ettari producevano due milioni di tonnellate: se non avessimo quei semi ora dovremmo arare intorno al Colosseo. Gli oppositori dei nuovi cibi manipolati reclutano alleati tra le file di medici, fisiologi e biochimici ma anche ecologi, agronomi e botanici. Un autorevole istituto, contrario al rilascio di organismi geneticamente modificati (OGM), è il Rafi, Rural Advancement Foundation International (Fondazione internazionale per il progresso agricolo). Gli economisti e gli agronomi dello Iatp, Institute for Agricolture and Trade Policy (Istituto per una politica agricola e commerciale), temono che gli OGM danneggino la biodiversità e le fragili risorse dei paesi del sud del mondo, mentre al Forum sullo stato del Mondo di San Francisco un gruppo di intellettuali e scienziati ha stilato, nel novembre del 1997, una petizione in cui si chiede una moratoria sul rilascio in natura di organismi modificati. Tra i firmatari più celebri il fisico e scrittore Fritijof Capra, il filosofo della scienza Ervin Laszlo, i biologi Richard Strohman e Brian Goodwin, uno dei direttori scientifici del Santa Fe Institute. Il gruppo di oppositori ha al suo attivo diverse organizzazioni non governative: Greenpeace e Wwf, mentre in Italia spiccano Lagambiente, Lega antivivisezione, Crocevia, Comitato scientifico antivivisezione e un testimonial d eccezione: il premio Nobel per la letteratura Dario Fo. Molti di questi gruppi di ambientalisti pensano che migliorare l efficienza agricola non sia la condizione necessaria e sufficiente per garantire la sicurezza alimentare ai popoli della Terra. Anzi la necessità di produrre sempre più cibo secondo loro è un mito. Di cibo c è n è più di quello che serve a sfamare la popolazione umana, semmai viene consumato male e i terreni agricoli non sono sfruttati correttamente. Ad esempio, il settantotto percento del mais coltivato nel mondo viene dato in pasto ai polli o al bestiame, per lo più consumati nei paesi ricchi. Secondo gli ambientalisti la vicenda del cibo transgenico ha il sapore del déjà vu, perché già mezzo secolo fa istituti di ricerca occidentali e compagnie multinazionali promettevano una soluzione rapida e tutta tecnologica al problema della fame. L asso nella manica allora non si chiamavo Dna ricombinante ma Rivoluzione verde. Scrive a questo proposito Vandana Shiva 10 : Senza dubbio le biotecnologie possono accrescere la produttività di alcune piante di uso agricolo. Tuttavia i poveri e gli affamati sono tali non perché ci sia troppo poco cibo nel mondo: sono poveri e affamati perché, inevitabilmente, non hanno accesso ai mezzi economici per comprare il cibo o coltivarlo da sé, specialmente a causa del fatto che sempre più contadini nei paesi del sud del mondo perdono il possesso delle proprie terre. [ ] Aumentare la produzione agricola lasciando intatte le cause strutturali della povertà e della fame non è una ricetta per nutrire il mondo, ma per continuare ad affamarlo. 9 Espresso, 2 aprile Shiva V., Egziabher T.G., Von Hildebrand M., Lettera aperta ai ministri dell Unione Europea, diffusa via Internetnel mese di agosto

14 Un discorso a parte merita la Chiesa in quanto anche se alcuni gruppi religiosi vedono nella biotecnologia moderna una interferenza indebita in faccende di competenza divina, un crimine contro la creazione, una possibile nuova Babele in cui è l uomo a cambiare il linguaggio di Dio, la Chiesa ufficiale vede di buon occhi esperimenti su piante e cibi. Scrive il cardinale Ersilio Tonini 11 : L etica non è la scienza dei no. [ ] Non bisogna rinunciare alle opportunità che la scienza ci offre solo per paura del nuovo. [ ] Il Papa già nel 1984 ha detto che la ricerca attorno al Dna non è solo lecita, ma doverosa. Una nazione che trascurasse questo settore compirebbe un peccato più che mortale: diventerebbe responsabile di danni enormi per le future generazioni. Proviamo ora ad analizzare quali sono i possibili rischi che gli alimenti transgenici potrebbero causare. 2.2 Rischi e rimedi Secondo molti ambientalisti il rilascio in natura di organismi geneticamente modificati è pericoloso, perché è impossibile valutare in laboratorio l interazione tra il nuovo essere e l ambiente. I rischi riguardano la comparsa di supererbacce e di superparassiti, la nascita di nuovi ceppi di virus pericolosi o di malattie resistenti agli antibiotici, l estinzione di specie naturali,il diffondersi di allergie ai nuovi cibi. Greenpeace afferma: Gli organismi viventi si riproducono e si diffondono ma non possono essere revocati, rilasciatene uno sbagliato nell ambiente e il disastro sarà irreparabile. Vediamo ora in dettaglio quali sono questi rischi e come è possibile evitarli Perdita della biodiversità Diecimila anni fa la Terra era abitata da cinque milioni di persone che basavano la propria alimentazione su cinquemila piante. Oggi siamo sei miliardi ma usiamo solo centocinquanta piante alimentari. L ottantacinque percento delle varietà vegetali usate fino all inizio di questo secolo sono praticamente estinte. Questo problema è noto come erosione delle biodiversità. La biodiversità è un indispensabile serbatoio genetico che consente la vita sul globo. Se sulla Terra esistesse una sola varietà di mais la sua sopravvivenza sarebbe in grave crisi: un parassita infestante potrebbe infatti distruggere tutte le colture. Negli Usa ad esempio, tra il 1970 e il 1971, gran parte del raccolto di mais fu devastato da una sola malattia. Gli avversari delle biotecnologie ritengono che il problema dell uniformità genetica si acuirà notevolmente con l entrata sul mercato delle varietà transgeniche. Secondo il premio Nobel Renato Dulbecco l erosione genetica è una realtà, ma non è colpa delle biotecnologie, che si limitano a ripetere in laboratorio procedimenti conosciuti da millenni: un processo di selezione delle specie più resistenti e produttive AA.VV., Biotecnologia, cit. pag Monocorda E., Si può brevettare la vita?, L Espresso, 2 aprile

15 La biotecnologia secondo i suoi promotori, potrebbe invece fornire gli strumenti per salvaguardare la biodivesità 13 : L ingegneria genetica potrebbe essere impiegata per proteggere la biodiversità. Le biotecnologie possono infatti venire utilizzate per immagazzinare le informazioni sul patrimonio genetico delle varietà vegetali e animali tradizionali in apposite banche dei geni Inquinamento genetico e comparsa di nuovi virus Altro argomento controverso è quello delle possibili conseguenze ecologiche dovute al rilascio di organismi transgenici nell ambiente. Modificare un gene, o introdurne uno nuovo, porta a organismi dalle caratteristiche non del tutto prevedibili. I geni funzionano in una complessa rete di interdipendenze. La risposta dell organismo alle modificazioni genetiche è, come direbbe un matematico, non lineare: inserire due copie dello stesso gene non necessariamente raddoppia l effetto mentre, eliminandolo non sempre si sopprime del tutto la proteina che esso codifica. Vero è d altro canto che, come abbiamo visto, la biotecnologia moderna non fa nulla di diverso da quello che l agricoltore compie da sempre: selezionare piante con caratteristiche ottimali. Inoltre ogni organismo modificato prima di essere rilasciato nell ambiente viene studiato in laboratorio per anni e in tutti i suoi aspetti. Non è tutto. I nuovi organismi debbono essere esaminati anche dal punto di vista ecologico. Le loro relazioni con le altre specie, una volta rilasciati nell ambiente, sono tutte da valutare. Il punto forse più acceso riguarda, però, un nuovo tipo di inquinamento, ovvero quello genetico, dovuto all ibridazione tra specie, un processo noto come Hgt, Horizontal gene transfer (Trasferimento genetico orizzontale). Per gli ambientalisti e alcuni esperti in ecologia si tratta di un presagio inquietante di possibili disastri. I transgeni utilizzati per creare una patata potrebbero perciò propagarsi in altri organismi naturali, con conseguenze pericolose per l ambiente e per la salute umana. Per la Union of Concerned Scientists, i geni virali usati come promotori in molte piante transgeniche potrebbero ricombinarsi con geni simili di virus esterni alla pianta, per andare a produrre nuovi organismi immuni alle terapie e in grado di colpire altre specie. Tutte le principali organizzazioni sanitarie e di controllo, nazionali ed internazionali, nonché la Fao, hanno valutato essere minimo il rischio di ricombinazione dei virus e considerano la tecnologia transgenica sicura dal punto di vista del trasferimento genetico. Il fenomeno Hgt, dicono, avviene normalmente in natura e la presenza di organismi transgenici non cambierà in meglio né in peggio le sue caratteristiche Nascita di erbacce resistenti È probabile che geni introdotti artificialmente nelle varietà commerciali si diffondano in piante selvatiche e da qui nell ecosistema con il rischio immediato della comparsa di supererbacce. I geni per la tolleranza agli erbicidi, trasferiti alle piante selvatiche, possono portare alla comparsa di erbe infestanti dannose dal punto di vista commerciale e difficili da combattere. La pianta si diffonderebbe al di fuori dei campi coltivati, con il risultato di soppiantare rapidamente le specie selvatiche simili, portandole all estinzione. 13 AA.VV., Biotecnologia, cit., pag

16 Le colture transgeniche sono però tenute sotto strettissima osservazione e in zone controllate per ridurre al minimo questa eventualità Comparsa di nuovi insetti Un altro problema è quello della comparsa di nuovi insetti più devastanti. Gli insetti, come i microrganismi, possono sviluppare resistenza agli stessi mezzi chimici o biologici con i quali vengono combattuti Le piante transgeniche resistenti ai parassiti pongono problemi analoghi. È probabile infatti che si sviluppino presto insetti resistenti per esempio alla tossina del Bt, rendendo vana un arma utile da decenni agli agricoltori. Le compagnie biotecnologiche e nazionali hanno studiato alcune strategie per ritardare l insorgere di razze di insetti resistenti al Bt e ritengono che la più valida consista nel creare un rifugio, accanto alla zona coltivata con colture Bt, cioè una porzione di terreno nel quale si semine la stessa pianta ma non Bt e che non viene trattata con nessun insetticida al Bt, così da generare una popolazione non resistente al Bt e non sottoposta ad alcuna pressione selettiva. Quando gli insetti resistenti che provengono dai campi Bt si accoppiano con gli insetti sensibili al Bt, la progenie è a sua volta sensibile al Bt, in quanto questo è il carattere geneticamente dominante Danni all ambiente Un altra questione riguarda l uso degli erbicidi che, secondo alcuni, con la tolleranza indotta geneticamente potrebbero essere impiegati in quantità maggiore. L esperienza pratica dimostra però il contrario: si può distribuire l erbicida in maniera più razionale e si riducono notevolmente le quantità utilizzate. Anche per quanto riguarda l uso di risorse non rinnovabili le opinioni sono contrastanti in quanto gli ambientalisti affermano che il loro uso aumenterebbe con l introduzione delle nuove biotecnologie in agricoltura, ma i risultati delle ricerche mostrano piante che richiederanno un minor impiego di acqua, di concimi chimici e di energia; inoltre l aumento della produttività aiuterebbe a rallentare il disboscamento delle foreste Resistenza agli antibiotici Altro punto dibattuto è quello della resistenza agli antibiotici. I batteri, come anche gli insetti, hanno la capacità di sviluppare rapidamente forme di resistenza agli agenti tossici con i quali vengono attaccati. Il pericolo nasce per le piante transgeniche dal fatto che una procedura tipica, con cui i ricercatori riconoscono i segmenti del Dna da trasferire da un organismo all altro, è quella di marcarli, aggiungendo un gene capace di conferire resistenza a un certo antibiotico. Frammenti del gene marcatore resistente all antibiotico potrebbero finire per essere trasferiti ad altri organismi, per esempio tramite l alimentazione o il trasferimento genetico orizzontale, creando ulteriori ceppi di batteri resistenti agli antibiotici. Per quanto riguarda il trasferimento di Dna durante l alimentazione, questo è altamente improbabile poiché il Dna viene distrutto dagli acidi gastrici. Considerando invece l Hgt il rischio sul, piano teorico, consisterebbe nell eventualità che il gene della resistenza all antibiotico passi dal genoma 14 della pianta transgenica vivente a un batterio che abbia attaccato la pianta stessa e che a sua volta esso lo trasmetta ad una specie 14 Genoma: eredità genetica propria di una determinata specie. 16

17 diversa, patogena per l uomo. Ciascuno di questi eventi è molto improbabile se considerato singolarmente e quindi la possibilità del verificarsi della concatenazione di tali eventi diventa estremamente bassa Allergie verso i nuovi cibi Secondo alcuni esperti i cibi transgenici possono provocare nel consumatore allergie verso cibi prima del tutto innocui. Il rischi di allergie viene amplificato dal fatto che i cibi modificati a volte contengono Dna proveniente da organismi mai utilizzati prima per l alimentazione umana. L ingegneria genetica può trasferire negli alimenti modificati geni a loro estranei ma capaci di scatenare allergie in chi è sensibile. Facciamo un esempio: chi sa di essere allergico alle noci, può smettere di mangiarle e non avere problemi. Ma se un gene di una noce viene trasferito in piante di soia, può capitare che semi di soia finiscano col contenere proprio quelle proteine della noce che provocano allergia nelle persone sensibilizzate; Le quali però non sono consapevoli del rischi. Riguardo l interazione complessa tra geni non è sufficiente sapere quali transgeni siano contenuti in un cibo per poterne prevedere l allergenicità; bisognerebbe analizzare, una per una, tutte le proteine da un nuovo organismo e non verificare soltanto l allergenicità delle proteine corrispondenti ai transgeni introdotti. Dal canto loro, le compagnie produttrici di alimenti modificati ribattono che le analisi effettuate prima di mettere un nuovo prodotto sul mercato sono numerose e severe, nel rispetto delle norme stabilite dai principali organismi sanitari nazionali ed internazionali Modifica delle proprietà nutritive Ci si chiede, inoltre, se la facoltà di assorbimento da parte dell organismo delle sostanze nutritive non possa essere ostacolata o diminuita dalla manipolazione genetica. È possibile che durante il prolungamento artificiale del periodo di maturazione vengano decomposti dei componenti cellulari, ad esempio vitaminici, causando un impoverimento delle proprietà nutritive delle pianta. Anche questo rischio sembra però remoto in qunto gli attuali studi si stanno movendo in senso opposto: cercare di aumentare le proprietà nutritive degli alimenti. 17

18 3 La questione economica Brevettabilità: biopirateria e Terzo Mondo Tanto i sostenitori quanto i nemici delle biotecnologie sottolineano come l aspetto economico sia cruciale nella discussione sulle biotecnologie, dal momento che il loro impatto è potenzialmente enorme. La ricerca vende bene ma costa carissima. Produrre una nuova pianta significa spendere milioni di dollari e non avere la certezza di alcun tipo di rientro, se non i diritti di sfruttamento della scoperta attraverso il brevetto. La brevettazione, d altro canto, potrebbe causare una diminuzione ulteriore delle biodiversità, in quanto tutti, per restare competitivi, si rifornirebbero dallo stesso produttore di sementi modificate; potrebbe accrescere il debito di dipendenza economica dei paesi poveri, costretti ad acquistare ogni anno le sementi dai paesi evoluti; potrebbe inoltre far perdere le terre dei piccoli proprietari, i quali non hanno sufficienti mezzi per accedere alle nuove tecnologie, a favore dei grandi latifondisti. In realtà le leggi sulla difesa dei diritti di proprietà intellettuale sono lasciate solo in minima parte alle scelte delle singole nazioni, in quanto sono inserite all interno degli accordi internazionali sul commercio. La possibilità di brevettare sequenze genetiche e parti di organismi viventi esiste e sta scatenando una vera e propria febbre dell oro. La ricerca si sta facendo frenetica nelle foreste e nei villaggi del Terzo Mondo, dove istituti di ricerca dei paesi industrializzati e compagnie private, stanno studiando le proprietà delle piante utilizzate dai gruppi indigeni. Obaidullah Khana, vicedirettore generale della Fao, ha condannato senza mezzi termini queste pratiche, per le quali ha coniato il termine di biopirateria. La brevettazione della biodiversità rischia di aprire la strada a un nuovo colonialismo nei confronti dei paesi del sud del mondo. Il problema della biopirateria esiste ed è serio; basti pensare che almeno un quarto delle medicine esistenti provengono dalle piante selvatiche e dalla conoscenza tradizionale dei popoli indigeni. La stragrande maggioranza del materiale genetico dei semi, studiato nei laboratori e brevettato, deriva dalle foreste tropicali o dal lavoro di incrocio e selezione che i contadini indigeni praticano da sempre. Nell ultimo periodo si è visto un flusso di geni dal sud al nord del mondo, totalmente gratuito. Le grandi compagnie private hanno, però, scoperto un modo ulteriore per far fruttare questo flusso: prelevare da questi paesi geni per nuove sementi e rivendergliele comprensive di diritti d autore per il brevetto.

19 La maggior parte dei ricercatori considera cruciale per il progresso scientifico la brevettazione delle invenzioni biotecnologiche. Se non c è possibilità di giungere al brevetto in un dato settore, dicono, nessuno investirà per fare ricerca in quel settore, oppure le compagnie finanziatrici di ricerche copriranno col segreto industriale ogni scoperta, col danno di tutti. Scriveva Renato Dulbecco 15 : 6-10 anni di lavoro e una spesa tra 100 e 200 milioni di dollari e il successo è tutt altro che certo. Nessuna ditta potrebbe intraprendere l impresa se non fosse sicura di avere un ritorno adeguato, che solo il brevetto può garantire. Uno dei problemi è connesso ai cosiddetti brevetti pigliatutto, cioè al monopolio che il brevetto può assicurare a una data compagnia su applicazioni vastissime. In Europa l Agracutus (oggi acquistata dalla Monsanto) detiene il brevetto su qualunque pianta di soia transgenica, manipolata con qualunque tecnica e contenente qualunque gene estraneo. Ancora Renato Dulbecco 16 : È facile parlare in termini romantici. La realtà è che se le ditte non avessero insistito e investito su tali brevetti, non ci sarebbe nulla. Scriveva a questo proposito Edo Ronchi, ministro dell ambiente 17 : Il brevetto attribuisce la possibilità di sfruttamento commerciale a chi ne è titolare, traduce la ricerca in vantaggio economico e quindi incentiva, paga e orienta la ricerca stessa, concesso il brevetto è difficile impedire e, qualche volta persino controllare la commercializzazione. Non si tratta di bloccare la brevettabilità di ogni prodotto transgenico rinviando i controlli al dopo, alla sola commercializzazione. Si tratta invece di stabilire quali invenzioni biotecnologiche non possono essere e non devono essere brevettate, quali controlli vanno fatti prima della brevettazione e chi li deve fare, sapendo che decisioni simili non possono essere prese contemporaneamente in tutto il mondo e che ogni singolo paese e l Unione europea devono assumersi le loro responsabilità in tutte le sedi, internazionali e nazionali. Forse è vero: il brevetto è indispensabile affinché le compagnie continuino la ricerca, ma è vero anche che questo non deve portare a fenomeni di monopolio. Non deve impedire inoltre il perseguimento dello scopo per il quale le colture transgeniche sembrano essere nate: risolvere, o almeno alleviare, il problema della malnutrizione e della fame nel mondo. In questo senso un organismo di controllo è indispensabile affinché fenomeni di sfruttamento economico non si verifichino fra i detentori del brevetto e i paesi poveri che ne richiedono l utilizzo. 3.2 Monopolio economico La possibilità di aumentare il rendimento dei prodotti della natura con le nuove bioscienze è assolutamente straordinaria. Logicamente, le maggiori potenzialità si riscontrano nelle piante 15 Corriere della sera, 12 maggio Corriere della sera, 13 maggio L Unità, 21 luglio

20 finora meno valorizzate. Tuttavia le biotecnologie possono portare alla sovrapproduzione di beni finora meno valorizzati, con grande rischio per l economia mondiale che vedrebbe crollare il valore delle colture che oggi sostengono l economia (figura 2). Figura 2: Stime in milioni di dollari relative al mercato delle verdure geneticamente modificate negli Stati Uniti Pomodori Patate Lattuga Mais Cipolla Broccoli Carota Sedano Cavolfiore Valore attuale Valore dopo miglioramento genetico Fonte: Genetic Tecnology News, febbraio Il crollo dei prezzi delle produzioni agricole costringerà i piccoli proprietari ad acquistare le nuove sementi modificate dalle grandi compagnie biotecnogiche, le quali per aumentare sempre più i loro guadagni, stanno investendo nella produzione di nuove tecnologie volte a rendere sterili le sementi recuperate annualmente dai contadini per la semina successiva. Questa nuova tecnologia già soprannominata Terminator costringe i contadini a tornare al mercato commerciale dei semi ogni anno. Camilla Montecinos del Centro di educazione e tecnologia di Santiago del Cile afferma a proposito: i governi dovrebbero rendere illegale l impiego della Terminator perché è una tecnologia immorale che ruba alle comunità contadine il diritto millenario a conservare il patrimonio genetico agricolturale locale. Questa tecnologia, se verrà consentita, non porterà solo sconvolgimenti dal punto di vista economico, ma anche ambientale. La Terminator minaccia la biodiversità, infatti i pollini di questa nuova generazione di piante sterili potrebbero finire alle piante circostanti rendendo sterili i semi di queste ultime. 20

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Povertà rurale e Biotecnologie: not in my name di Maria Fonte

Povertà rurale e Biotecnologie: not in my name di Maria Fonte Povertà rurale e Biotecnologie: not in my name di Maria Fonte Sviluppo agricolo e povertà rurale nell era della globalizzazione Il contributo della Facoltà di Agraria Portici 27 marzo 2006 Possono le biotecnologie

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO ORGANISMO GENETICAMENTE MODIFICATO PRO CONTRO LA FAME NEL MONDO Il maggior utilizzo degli Ogm consentirà una maggiore produttività dei raccolti, garantendo cibo in abbondanza anche ai paesi più arretrati

Dettagli

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA I SEMI I semi sono un regalo della natura che i contadini, da sempre, si sono scambiati tra loro insieme a idee, conoscenze, cultura. QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA Gli agricoltori

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito.

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. Biotecnologie ed OGM Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. piante OGM nel mondo. I maggiori produttori di OGM nel mondo sono USA, Argentina, Canada

Dettagli

Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M

Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M Uno dei problemi inerenti lo sviluppo del progresso scientifico e tecnologico, che sarà di seguito affrontato per gli importanti risvolti che presenta per lo sviluppo

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

FOOD AND WATER FOR LIFE

FOOD AND WATER FOR LIFE FOOD AND WATER FOR LIFE 1.000.000.000 di persone soffrono la fame, la malnutrizione e la sete Milioni di persone soffrono per malattie associate al sovraalimentazione o per nutrizione di scarsa qualità

Dettagli

Il progresso tecnico in agricoltura. agricoltura. le dimensioni del progresso tecnico in

Il progresso tecnico in agricoltura. agricoltura. le dimensioni del progresso tecnico in Il progresso tecnico in agricoltura le dimensioni del progresso tecnico in agricoltura gli effetti del progresso tecnico (il caso del progresso tecnico risparmiatore dei costi) la nuova rivoluzione tecnologica

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

Organismi Geneticamente Modificati. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente Modificati. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è vietata l importazione. La

Dettagli

OGM: AL DI LÀ DELLE APPARENZE Intervista al Prof. Dr. Adolfo Panfili

OGM: AL DI LÀ DELLE APPARENZE Intervista al Prof. Dr. Adolfo Panfili OGM: AL DI LÀ DELLE APPARENZE Intervista al Prof. Dr. Adolfo Panfili La scelta e la qualità del cibo che consumiamo quotidianamente influenza il nostro benessere e la nostra salute. Abbiamo incontrato

Dettagli

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

-La crisi della diversità

-La crisi della diversità -La crisi della diversità La diversità culturale e la diversità biologica sono legati strettamente. Ovunque le comunità locali hanno sviluppato il proprio sapere, hanno trovato il modo di ricavare i mezzi

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary

GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary La consapevolezza crescente che molte moderne pratiche agricole non siano sostenibili spinge a cercare alternative che possano garantire la sicurezza

Dettagli

Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA

Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA A CURA DELL UFFICIO STAMPA 1 MIPAAF: 21 milioni di euro per le biotecnologie sostenibili Si tratta di un piano articolato su tre anni gestito dal

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 11 luglio 2008 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 L Istat rende disponibili i principali risultati dell indagine campionaria sull utilizzo dei prodotti

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica)

TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica) TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica) Si ottengono organismi transgenici o geneticamente modificati (OGM) Modificazione mirata (si trasferisce solo il gene oggetto di interesse) Si

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta?

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Organizzato da Istituto Superiore di Sanità Impiego di Ogm nella produzione primaria: il punto di vista degli

Dettagli

TRADIZIONE E NUOVE TECNOLOGIE

TRADIZIONE E NUOVE TECNOLOGIE la classe 3^E del Liceo Scientifico L. Da Vinci presenta TRADIZIONE E NUOVE TECNOLOGIE VERSO GLI OGM anno scolastico 2005-2006 Nuovi geni e nuove proteine, organismi geneticamente modificati e piante transgeniche,

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Sadava, Heller, Orians, Purves, Hillis Biologia.blu Ambiente e sostenibilità

Sadava, Heller, Orians, Purves, Hillis Biologia.blu Ambiente e sostenibilità Sadava, Heller, Orians, Purves, Hillis Biologia.blu Ambiente e sostenibilità VERIFICA LE TUE COMPETENZE - PROVE PISA Leggi attentamente il testo e rispondi alle domande che seguono. Le domande sono divise

Dettagli

BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854

BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854 BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854 Vandana Shiva è nata nell India del Nord a Dehra Dun nel 1952. Dopo aver studiato nelle scuole inglesi e statunitensi,

Dettagli

2010 Anno mondiale della Biodiversità. a colloquio con. Costantino Bonomi. Per saperne di più: http://www.mtsn.tn.it/seedbank/index.

2010 Anno mondiale della Biodiversità. a colloquio con. Costantino Bonomi. Per saperne di più: http://www.mtsn.tn.it/seedbank/index. FOCUS ORIZZONTI 2010 Anno mondiale della Biodiversità La Banca dei semi presso il Museo Tridentino di Scienze Naturali a colloquio con Costantino Bonomi Per saperne di più: http://www.mtsn.tn.it/seedbank/index.html

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Seconda parte: piante geneticamente modificate.

Biotecnologie ed OGM. Seconda parte: piante geneticamente modificate. Biotecnologie ed OGM Seconda parte: piante geneticamente modificate. frankenfood! Come si costruisce il Frankenfood? piante OGM Gli organismi geneticamente modificati secondo la tecnologia del DNA

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

Per ulteriori informazioni, contattare: Colleen Parr al numero (214) 665-1334, o via e-mail, all indirizzo colleen.parr@fleishman.

Per ulteriori informazioni, contattare: Colleen Parr al numero (214) 665-1334, o via e-mail, all indirizzo colleen.parr@fleishman. Per ulteriori informazioni, contattare: Colleen Parr al numero (214) 665-1334, o via e-mail, all indirizzo colleen.parr@fleishman.com La prevista seconda ondata di crescita e sviluppo delle colture biotecnologiche

Dettagli

MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI

MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI CHE COS E La Selezione Assistita da Marcatori (MAS, Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la selezione delle

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Il seno preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Disturbi al seno: una guerra che può essere vinta iniziando da una corretta alimentazione In ogni età la donna può presentare, in relazione

Dettagli

José Graziano da Silva. della

José Graziano da Silva. della 1 9 4 5 Se tutti facciamo la nostra parte, insieme possiamo realizzare l obiettivo fame zero nell arco della nostra vita José Graziano da Silva Direttore Generale della FAO A N N I della 2 0 1 5 i Nostri

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Biotecnologie ed OGM

Biotecnologie ed OGM Biotecnologie ed OGM Quarta parte: animali geneticamente modificati; problematiche scientifiche relative all uso degli OGM, in particolare delle piante GM. animali OGM mutant mouse p53 Le cavie mutanti

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto?

Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto? Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto? a) per passione 39% lavorare nell orto offre 1. una sana opportunità di esercizio fisico e vita attiva 2. crea salute e benessere fisico e psicologico 3. passione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI. Un cammino verso frutta e verdura con i 5 sensi

EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI. Un cammino verso frutta e verdura con i 5 sensi EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI Educazione alimentare nella scuola Le attività di educazione alimentare per l anno scolastico 2004 2005 sono state condotte in più di

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo?

Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo? Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo? SOSTENIBILITA Nel 'genome editing' la risposta alla sfida per l'agricoltura del futuro Roma, 24 set. (AdnKronos)

Dettagli

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it Le Biotecnologie La fine del XX secolo ha conosciuto un incredibile sviluppo della

Dettagli

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Andrea Rosati European Ambiente Socio Economico La popolazione mondiale raggiungerà 9,2 miliardi nel 2050 La produzione di cibo dovrà

Dettagli

Regione Toscana A.R.S.I.A. Maria Grazia Mammuccini

Regione Toscana A.R.S.I.A. Maria Grazia Mammuccini Regione Toscana A.R.S.I.A. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione nel Settore Agricolo e Forestale Maria Grazia Mammuccini Razze e varietà locali: esperienze dalla Toscana per considerare i

Dettagli

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO TUTELA DELLA BIODIVERSITA ED AGRICOLTURA BIOLOGICA Domenica 25 Ottobre 2015 con inizio

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione CIBO CHE NUTRE tra informazione e disinformazione Trino, 15 maggio 2014 ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE Alimentarsi vuol dire scegliere e assumere alimenti volontariamente. Nutrirsi vuol dire utilizzare le

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

Cosa sono? Come? Perchè?

Cosa sono? Come? Perchè? Cosa sono? Un organismo vivente si definisce Geneticamente Modificato (OGM), secondo la legislazione nazionale e comunitaria, quando " il materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto

Dettagli

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni di giornate di assenza per malattia (MISA- 2) Persone

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

Background La storia (alcune date ed eventi significativi) Il mercato ed i prodotti

Background La storia (alcune date ed eventi significativi) Il mercato ed i prodotti Background La storia (alcune date ed eventi significativi) La genetica moderna inizia nel 1865 con le leggi formulate da Mendel sull'ereditarietà dei caratteri genetici; nel 1943 il DNA viene riconosciuto

Dettagli

Nuove istituzioni per il futuro della produzione alimentare. Biodiversità, dominio pubblico e beni collettivi

Nuove istituzioni per il futuro della produzione alimentare. Biodiversità, dominio pubblico e beni collettivi Decennale dell Associazione Alessandro Bartola Cibo e Tecnologia: cosa mangeremo nel 2020? Ancona 15 dicembre 2005 Nuove istituzioni per il futuro della produzione alimentare. Biodiversità, dominio pubblico

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo Per animali transgenici

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

L'agricoltura biologica

L'agricoltura biologica Testo della carta N 105 L'agricoltura biologica Bio è meglio? L'agricoltura biologica viene considerata generalmente la forma di produzione che meglio si adatta all'ambiente. L'obiettivo è un circuito

Dettagli

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Amici dall'orto e dal frutteto che ci aiutano a mangiare bene e vivere meglio. Non li avete mai visti ammiccare dai banche

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Nella partita contro la deforestazione

Nella partita contro la deforestazione Nella partita contro la deforestazione facciamo il tifo per GLI ALBERI. Coop lancia il progetto Boschi e Foreste: una serie di iniziative concrete per contrastare la deforestazione e favorire l aumento

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI 24 aprile 15 Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa Ci siamo incontrati con Matteo che collabora con LAST MINUTE MARKET. LAST MINUT MARKET

Dettagli

A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati)

A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) a cura di: Arpav Area Tel. +39 0422 558515 Fax +39 0422 558516 e-mail: daptv@arpa.veneto.it

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri Homo Sapiens Sapiens ed Energia Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri 1 Il punto di vista energetico... E solo uno degli innumerevoli punti di vista utili per valutare

Dettagli

VILLA PAOLINA Centro di Educazione Ambientale e Scuola di Biodiversità. Per stare bene bisogna mangiare un po' di tutto

VILLA PAOLINA Centro di Educazione Ambientale e Scuola di Biodiversità. Per stare bene bisogna mangiare un po' di tutto Per stare bene bisogna mangiare un po' di tutto LA FAME NASCOSTA sottonutrizione Dieta poco varia consumo di cibi ricchi di energia, ma poveri di micronutrienti IODIO FERRO VITAMINA A ZINCO Dalla ricerca

Dettagli

Il DNA: la molecola della vita

Il DNA: la molecola della vita Il DNA: la molecola della vita Gli acidi nucleici comprendono il DNA (acido desossiribonucleico) e l RNA (acido ribonucleico). Sono costituiti da molecole molto grandi, formate da unità dette nucleotidi,

Dettagli

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Nel passato sono stati molti e forse troppi i soggetti che hanno promosso un educazione

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza?

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza? Retroscena Il caso La catena di vendita al dettaglio Jumbo è stata accusata da Kodak di importare direttamente dalla Gran Bretagna pellicole a colori e macchine fotografiche usa e getta brevettate. Kodak

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli