Mauro Castiello Reti Criminali. Social Network Analysis e Criminal Intelligence Analysis Tecniche di contrasto a confronto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mauro Castiello Reti Criminali. Social Network Analysis e Criminal Intelligence Analysis Tecniche di contrasto a confronto"

Transcript

1 A14

2

3 Mauro Castiello Reti Criminali Social Network Analysis e Criminal Intelligence Analysis Tecniche di contrasto a confronto

4 Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. via Quarto Negroni, Ariccia (RM) (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: marzo 2015

5 A Giorgia e ai miei genitori

6

7 La conoscenza non si sviluppa a partire dai dati per il semplice motivo che essi non esistono. Non ci sono dati che non siano costruiti o interpretati KARL POPPER

8

9 Indice 13 Introduzione Parte I La prospettiva di rete 23 Capitolo I La prospettiva di rete applicata ai fenomeni criminali 1.1. Introduzione, L oggetto di indagine, Gli obiettivi dell analisi dei reticoli criminali, Capitolo II L analisi di rete come prospettiva teorica 2.1. Le radici teoriche, L analisi e i suoi assunti, Il capitale sociale, Gli elementi del reticolo, Il soggetto, I legami, La relazione, Gruppi, sottogruppi e struttura del reticolo, Capitolo III Le fasi della ricerca: raccogliere, organizzare e rappresentare i dati 3.1. Le fasi della ricerca sociale, I passaggi della ricerca sociale nella SNA: la raccolta del dato relazionale, Organizzare i dati: le matrici, La rappresentazione dei dati, Le strutture di rete, Capitolo IV Descrivere la rete: gli strumenti e le misure fondamentali dell analisi di rete 4.1. Le statistiche del reticolo, La struttura, Misure di centralità, Centralità di grado (degree), Centralità di vicinanza (closeness), Centralità di intermediazione 9

10 10 Indice (betweenness), Indici di centralità applicati ai grafi diretti, Hub and Authorities, Centralità e reti di affiliazione, Indici di centralizzazione, Calcolo degli indici di centralizzazione in Ucinet, Gruppi e sottogruppi, N cliques, K plex, N Clan, K cores, Altre modalità per l individuazione dei sottogruppi, Posizione, ruoli ed equivalenze, Misurazione dell equivalenza strutturale, Nucleo/Periferia (core/periphery), Le reti ego centrate, Rilevamento dei buchi strutturali, Brokeraggio, Capitolo V Organizzare e rappresentare i dati con i programmi di Social Network Analysis 5.1. Introduzione, Ucinet, NetDraw, Pajek, NetMiner, Gephi, R per l analisi di rete, Interfaccia, I software per l analisi criminale, Analyst s Notebook, ORA (Organizational Risk Analysis), 193. Parte II Analisi dei reticoli e analisi criminale: tecniche a confronto 197 Capitolo I L approccio reticolare applicato ai fenomeni criminali 1.1. Introduzione, Proprietà generali del reticolo, Struttura e resilienza, Topologia e robustezza, La resilienza dei reticoli criminali, Efficienza dei reticoli, I soggetti prominenti e le caratteristiche dei nodi e dei legami, Strategie di contrasto, Capitolo II L approccio tradizionale: la prospettiva della criminal intelligence 2.1. Radici storiche ed evoluzione delle tecniche di criminal intelligence, Che cos è la criminal intelligence e a che cosa serve?, Le fasi del processo di intelligence, Raccolta delle informazioni, Valutazione, Collazione, Analisi ed integrazione dei dati, La distribuzione, Analisi dei flussi, Flusso dei beni, Flusso degli eventi, Flussi telefonici, Conclusione, 278.

11 Indice Capitolo III Tecniche di Analisi Criminale e di Analisi di rete: differenze e similitudini. Un possibile percorso di integrazione 3.1. Introduzione, Tecniche di analisi dei reticoli e tecniche di analisi criminale: un tentativo di integrazione, Proprietà generali del reticolo, Le dimensioni del reticolo e livello di efficienza, Misure di centralità, I sottogruppi, K core, Modularity, Equivalenza strutturale, Analisi Ego centrata, Strategia di contrasto: frammentazione dei reticoli, Considerazioni sui due approcci, L integrazione delle tecniche di analisi dei flussi nella prospettiva di rete, Flussi telefonici, Flusso dei beni, Flusso degli eventi, Conclusione, Capitolo IV Analisi dinamica delle reti criminali e applicazioni non standard dell analisi di rete 4.1. Introduzione, Un tentativo di applicazione dinamica, Analisi longitudinale dei dati con Pajek, Analisi geospaziale, Un tentativo di applicazione, Applicazioni non standard dell analisi di rete, Analisi di internet e dei social network con NodeXL, Analisi dei social network con Netvizz e Inmaps, Analisi dei testi, L analisi di rete nello studio dei testi, Conclusioni 361 Appendice 1. SNA per l analisi e le investigazioni 365 Appendice 2. Elementi di algebra delle matrici 369 Glossario 383 Riferimenti bibliografici

12

13 Introduzione I tragici eventi dell 11 settembre 2001 hanno dato impulso a studi sul terrorismo e sulle reti criminali basati sulla Social Network Analysis. Si sono in tal modo moltiplicati i lavori, soprattutto di respiro accademico, volti ad analizzare le organizzazioni criminali con questa prospettiva di studio. L obiettivo di questo lavoro consiste nel portare alla luce i vantaggi derivanti dall applicazione della Social Network Analysis (SNA), nello studio dei reticoli criminali, rispetto alle tradizionali tecniche di analisi criminale. Partendo da presupposti concettuali e metodologici differenti, i due approcci presentano una comune finalità, la ricerca del dato relazionale, aspetto che differenzia la Network Analysis dalle classiche ricerche sociali e che, per certi versi, l accomuna ad alcune tecniche di analisi criminale. La Network Analysis secondo Chiesi si occupa direttamente degli elementi costitutivi della società le relazioni tra attori al contrario delle tecniche tradizionali, che si sforzano di interpretare la realtà solo indirettamente attraverso gli attributi di individui singolarmente presi 1. La similitudine tra la SNA e gli approcci tradizionali è riscontrabile non solo nell elemento relazionale ma anche in quello metodologico. Alcune tecniche di analisi criminale, in particolare la Link Analysis, presentano rilevanti somiglianze con gli strumenti della prospettiva di rete, come sottolinea Sparrow: some of the simpler concepts from network analysis are already familiar to intelligence analysts accustomed to using link diagrams, Anacapa charts, or telephone toll analyses A.M. CHIESI, L analisi dei reticoli, Franco Angeli, Milano, 1999, p M.K. SPARROW, Network Vulnerabilities and Strategic Intelligence in Law Enforcement, in «International Journal of Intelligence and Counter Intelligence», Vol. 5, No. 3, 1991, p

14 14 Introduzione La Link Analysis per lo studio dei network criminali si avvale, infatti, di matrici di associazione, per la raccolta del dato relazionale, e dei diagrammi di collegamento, per la rappresentazione dei dati, mentre, sul piano delle metriche, presenta una misura paragonabile al grado (degree), ossia la frequenza. Per tale ragione, in questo studio viene proposto un percorso teso ad integrare alcune di queste tecniche nella prospettiva di rete, allo scopo di arricchire la cassetta degli attrezzi di coloro i quali sono chiamati, a diverso titolo, nella gravosa ed importante attività di contrasto alla criminalità organizzata. Nella sua formulazione originaria, la Link Analysis può essere considerata come una tecnica rivolta allo studio delle interazioni tra soggetti, tra questi e le macchine e tra le stesse macchine. Le prime applicazioni risalgono ai primi anni del secolo scorso nell ambito dei processi produttivi. In questo contesto, la Link Analysis veniva applicata per comprendere, all interno di un dato sistema, il modo in cui sono collegate tra di loro le diverse attività o gli eventi relativi ad un dato processo. A partire dagli anni Settanta, ha trovato applicazione anche nello studio delle organizzazioni criminali, diffondendosi negli anni successivi tra gli analisti delle diverse agenzie di Law Enforcement 3. I mutamenti indotti dalla globalizzazione e dall internazionalizzazione dell economia, nonché i poderosi sviluppi dei sistemi di comunicazione, hanno spinto le organizzazioni criminali ad adottare modelli reticolari più flessibili rispetto a modelli gerarchici e più rigidi. L esigenza di strumenti più sofisticati, per l analisi del complesso fenomeno della criminalità organizzata nelle sue molteplici forme, nasce da una serie di considerazioni che possono essere riassunte nei seguenti punti: esistenza di un preciso trend verso il networking delle organizzazioni criminali in cui l evidenza empirica dimostra la crescente importanza delle attività di relazione; molteplicità di fattori che spingono gli attori sociali verso la 3. Autorità competente incaricata dell applicazione della legge: la polizia, i servizi doganali o altra autorità nazionale che, in forza della legislazione interna, è competente a individuare, prevenire e indagare su reati o attività criminali, esercitare l autorità e adottare misure coercitive nell ambito di tali funzioni. REI Gruppo Terminologia Giuridica, Progetto Europol OCTA (EN>IT).

15 Introduzione 15 formazione di reti: il mercato, la globalizzazione, la ricerca di nuove opportunità. Per questi motivi, la prospettiva di rete e gli strumenti ad essa sottesi appaiono, in un contesto sociale e criminale di tipo reticolare, più adeguati ad interpretare i fenomeni criminali nelle loro forme organizzative, come sottolinea Block: il crimine organizzato è un fenomeno che si identifica nei rapporti di reciprocità instaurati tra criminali professionisti, politici e clienti. L essenza della criminalità organizzata è contenuta nelle relazioni che legano i membri del mondo illegale alle istituzioni e agli individui del mondo legale. Il crimine organizzato è un fenomeno storico i cui cambiamenti rispecchiano quelli della società civile, della politica e dell economia. Per tale motivo conclude l Autore il crimine organizzato è sempre più spesso rappresentato come un insieme di relazioni tra criminali professionisti, clienti del mondo legale e politici 4. La Social Network Analysis, o analisi dei reticoli 5, è un complesso di tecniche 6 e riferimenti teorici che vanta più di un secolo di studi ed è stata proficuamente impiegata nei più diversi ambiti sociali. L impiego di questa prospettiva nelle analisi sociali è però di recente applicazione in Italia, come sottolinea Salvini: l adozione dell analisi delle reti sociali nei processi di indagine empirica e di riflessione teorica nel nostro Paese è ancora assai ridotta, sostanzialmente circoscritta agli studi relativi al capitale sociale A. BLOCK, East Side West-Side: Organizing Crime in New York , University College Cardiff Press, Cardiff, 1980, p L analisi dei reticoli è il termine italiano comunemente utilizzato dalla comunità scientifica in luogo di quello in lingua inglese di network analysis. M. FOLLIS, Introduzione a M. Granovetter. La forza dei legami deboli e altri saggi, Liguori, Napoli, Per tecniche secondo la definizione di Corbetta si intendono le specifiche procedure operative riconosciute dalla comunità scientifica e trasmissibili per insegnamento di cui una disciplina scientifica si avvale per l acquisizione ed il controllo dei propri risultati empirici, ad esempio la tecnica di identificazione di un individuo partendo dalle sue impronte digitali. P. CORBETTA, La ricerca sociale: metodologia e tecniche. I paradigmi di riferimento, Milano, 2003, pp La scarsa presenza di pubblicazioni in materia di Social Network Analysis, a parte quelle dedicate al capitale sociale, secondo Salvini è riconducibile alla mancanza nel nostro Paese di una riflessione sistematica sulla natura teorica della SNA, sulla congruenza tra quadri teorici e ambiti metodologici e, infine, sulla coerenza delle tecniche di rilevazione e di analisi

16 16 Introduzione Ancora più ridotto, a differenza di altri Paesi, è il suo impiego nello studio della criminalità. In Italia, a parte l articolo di Calderoni 8 ed il libro di Scaglione 9, non si segnalano, nella bibliografia esaminata, a fronte di numerosi saggi e studi sulla criminalità organizzata, studi empirici condotti secondo la prospettiva di rete. La ridotta presenza di pubblicazioni in tema di SNA è certamente ascrivibile oltre ai limiti evidenziati da Salvini alla difficoltà di reperire dati di prima mano per la segretezza connaturata all attività criminale, che impedisce di fatto un contatto diretto tra i ricercatori ed i membri della criminalità organizzata. Limite che invece appare più circoscritto nell attività di altri ricercatori sul campo, ovvero gli analisti e gli investigatori delle forze di polizia, che possono contare su dati più attendibili e raccogliere all occorrenza dati di prima mano. È una posizione per certi versi privilegiata che il ricercatore di polizia 10 può utilizzare per tentare di risolvere alcuni dei problemi connaturati alla ricerca sociale, come l incompletezza dei dati o la mancanza dei dati relazionali, e per rilevare in tempo reale l evoluzione dei network criminali, spingendo in tal modo la ricerca a cogliere l aspetto dinamico del fenomeno. Altrettanto ridotta, trattandosi di una disciplina relativamente nuova, appare alla luce delle fonti consultate l applicadei dati rispetto agli assunti teorici e metodologici propri alla prospettiva di rete. A. SALVINI, Analisi delle reti sociali. Teorie, metodi, applicazioni, Franco Angeli, Milano, 2007, pp F. CALDERONI, The structure of drug trafficking mafias: the Ndrangheta and cocaine, in «Crime, Law and Social Change», 2012, pp Un tentativo di analisi di rete applicata ai reticoli criminali o, comunque, l idea di applicare l approccio di rete a questo tipo di fenomenologia criminale, è rinvenibile nella richiesta formulata dal noto sociologo Alessandro Pizzorno a Chiesi di utilizzare i verbali dei processi di mafia per indagare le strutture delle famiglie ed i loro reciproci legami. A.M. CHIESI, op. cit., p Il materiale empirico utilizzato da Scaglione nell opera appena citata consiste nelle intercettazioni raccolte dalle forze di polizia nell ambito delle indagini denominate Tagli Pregiati e Alleanza Nolana, su due organizzazioni criminali: una cosca mafiosa composta dalla famiglia Renzivillo di Gela, (anno 2006), ed un organizzazione camorrista appartenente al clan campano di Cava di Quindici (anno 2008) A. SCAGLIONE, Reti mafiose. Cosa nostra e camorra: organizzazioni criminali a confronto, Ed. Franco Angeli, Monza, Una delle questioni maggiormente dibattute nella ricerca sociale è quello della separazione o inclusione del ricercatore all interno del campo d indagine. Secondo Melucci, l avvento e lo sviluppo delle teorie interpretative hanno portato la disciplina ad una ridefinizione del rapporto tra l osservatore e il campo: si potrebbe dire che dalla dicotomia osservatore/campo si passa alla connessione osservatore nel campo. Questo cambiamento di prospettiva ha portato alla consapevolezza che l opposizione tra osservazione neutrale ed intervento è ormai superata perché ogni osservazione è anche intervento. A. MELUCCI, Verso una sociologia riflessiva, il Mulino, Bologna,1998, p. 22.

17 Introduzione 17 zione della Social Network Analysis nelle agenzie di Law Enforcement 11, a differenza della Link Analysis che invece risulta ampiamente utilizzata dagli organismi preposti al contrasto alla criminalità organizzata 12. Il lavoro che segue è suddiviso in due parti, composte rispettivamente da cinque e quattro capitoli. La prima parte è dedicata ai principi generali e alle tecniche di network analysis. Il primo capitolo è una premessa generale del testo, volta a circoscrivere l oggetto dell analisi svolta in questo lavoro. Il secondo capitolo è di tipo introduttivo e tratta questioni terminologiche, concettuali e teoriche. In esso, dopo aver proposto una definizione dell analisi dei reticoli, vengono richiamate le radici teoriche della prospettiva di rete e i principali concetti dei termini basilari di tale approccio: il soggetto, il legame, la relazione sociale, intesa come insieme dei legami, il concetto di gruppo e sottogruppo e quello del reticolo complessivo. Si tratta di richiami di carattere generale, con i quali si vuole offrire al lettore uno strumento di comprensione dell analisi dei reticoli applicata ai network criminali, senza la pretesa di rappresentare una panoramica complessiva della prospettiva di rete, per la quale si rimanda il lettore alla manualistica italiana e a quella in lingua straniera citata in bibliografia. Per tale ragione, a parte un richiamo all algebra delle matrici, si è scelto di non inserire le notazioni relative alle metriche di rete consultabili nei testi specifici. Il terzo capitolo, dopo la descrizione dei passaggi della ricerca sociale con riferimento anche alla SNA, è dedicato alle tecniche di raccolta dei dati, alla loro organizzazione e rappresentazione. Nel quarto capitolo vengono illustrate le principali metriche di rete, e in particolare 11. Le prime applicazioni della Social Network Analysis, per quel che è dato conoscere dai siti istituzionali, risalgono, per la Federal Bureau Investigations al 2008, allorquando l agenzia di polizia statunitense in collaborazione con sociologi ed informatici avvia un progetto di analisi su due gruppi criminali; per l Europol, al 2010, quando nel rapporto annuale, l ufficio di polizia europeo, annuncia l utilizzo della Social Network Analysis nell ambito dell analisi criminale. Europol, «Review General Report on Europol Activities», 2010, p Di recente le Nazioni Unite hanno pubblicato una nuova edizione (la prima risale al 2001), di un manuale destinato agli analisti criminali contenente le principali metodologie di Link Analysis. UNITED NATIONS OFFICE ON DRUGS AND CRIME, Criminal Intelligence Manual for Analysts, Vienna, 2011 pp Ulteriori contributi sulla materia, pubblicati dal medesimo organismo, sono presenti in United Nations Office on Drugs and Crime, Criminal Intelligence, Manual for Managers, Vienna, 2011, pp. 1 49; United Nations Office on Drugs and Crime, Criminal Intelligence, Manual for Front line Law Enforcement, Vienna, 2010, pp. 1 79; Interpol, Performance Budget Congressional Submission, 2010, p. 12; Europol, op. cit., p. 14.

18 18 Introduzione vengono descritte, con degli esempi pratici, le principali misure di centralità per i grafi diretti ed indiretti, gli indici di centralizzazione, le tecniche di ripartizione dei reticoli, l analisi delle equivalenze e le reti ego centrate. Infine, il quinto capitolo, coerentemente alla finalità del testo, rivolto a costituire uno strumento pratico per coloro i quali sono chiamati alla ricerca nell ambito della criminalità organizzata, illustra le funzionalità dei principali packages utilizzati dai ricercatori per questa tipologia di ricerca sociale. La seconda parte è costituita da quattro capitoli e si propone, mediante un approccio comparativo, di valutare non solo l efficacia delle tecniche di Network Analysis rispetto a quelle di analisi criminale, ma anche di proporre, alla luce di somiglianze di carattere per lo più formale tra le tecniche sottese alle due prospettive, un percorso di integrazione. Il primo capitolo è un approfondimento dei concetti generali della prospettiva di rete illustrati nei capitoli secondo e quarto della prima parte, calati però nel contesto dell analisi dei reticoli criminali. Nel medesimo capitolo vengono inoltre affrontati i temi della resilienza delle organizzazioni criminali in relazione alle loro caratteristiche topologiche ed organizzative. Nel secondo capitolo vengono definiti i principali termini connessi alla intelligence criminale, i riferimenti storici e gli ambiti applicativi, ed infine, i passaggi metodologici. Un approfondimento particolare in questo capitolo è dedicato ad una delle tecniche più diffuse dell analisi criminale, la Link Analysis, che tra le tecniche analizzate è quella più vicina alla Network Analysis. Il terzo capitolo costituisce un tentativo di integrazione di alcune tecniche di analisi criminale nell analisi di rete. Il materiale utilizzato per questo scopo è stato ricavato dai dati utilizzati da due studiosi americani, Walter Harper e Douglas Harris, nell ambito di un esperimento condotto nel lontano L intento perseguito dai due scienziati era quello di dimostrare, con un applicazione pratica rivolta alle forze di polizia della California, la validità delle tecniche di Link Analysis nell individuazione dei leaders di un gruppo criminale 13. Idealmente, seguendo la medesima finalità, si è scelto di impiegare i dati utilizzati in quell esperimento per dimostrare questa volta la validità della Social Network Analysis. Pur nei limiti del materiale utilizzato, 13. The Role of Behavioral Science in Physical Security, in Proceedings of the Third Annual Symposium, may 2-4, 1978, pp

19 Introduzione 19 privo degli attributi e delle variabili ambientali, si è cercato in questa parte del testo di operativizzare i concetti di rete proponendo nel contempo diverse possibilità di attacco ai reticoli criminali. Ai metodi di rilevamento degli aspetti dinamici dei reticoli e alle applicazioni non standard della SNA è dedicato l ultimo capitolo, il quarto. Nel chiudere queste brevi note introduttive sul testo mi è gradito rivolgere un ringraziamento a quanti mi hanno fornito spunti di riflessione e suggerimenti. Desidero formulare un ringraziamento particolare alla Professoressa Maria Rosaria D Esposito, docente di statistica presso l Università degli Studi di Salerno, che mi ha permesso di approfondire la materia dell analisi dei reticoli, e alla Professoressa Rossella Fadda, docente di diritto privato presso la facoltà di Scienze Economiche Giuridiche e Politiche dell Università degli Studi di Cagliari, per i consigli sulla stesura del testo. Ringrazio inoltre, per gli spunti di riflessione e per i preziosi suggerimenti di carattere metodologico, la Dott.ssa Laura Prota, ricercatrice presso l Università degli Studi di Salerno, e il Dott. Mario Tani ricercatore presso l Università Federico II di Napoli. Nonostante gli sforzi, sarà possibile riscontrare errori ed imprecisioni nel testo o nei numerosi esempi illustrati e di questo mi scuso fin d ora con il lettore.

20

21 PARTE I LA PROSPETTIVA DI RETE

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari L ANALISI DELLE RETI SOCIALI Obiettivi Il corso intende illustrare i principali aspetti teorici e metodologici relativi all analisi delle reti sociali (Social Network Analysis), fornendo conoscenze e competenze

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 5 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta

Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta Scheda a cura di Tiziana Ferrini Tirocinante presso L Università della Valle d Aosta 1) Codonesu, F. L.

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 6 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE FORM090 - SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA (I EDIZIONE) I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM090

CORSO DI FORMAZIONE FORM090 - SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA (I EDIZIONE) I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM090 CORSO DI FORMAZIONE FORM090 - SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA (I EDIZIONE) I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM090 www.unipegaso.it Titolo FORM090 - SCIENZE E TECNOLOGIE PER

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

MASTER di I Livello SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301

MASTER di I Livello SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301 Pagina 1/5 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SICUREZZA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2014/2015 Durata

Dettagli

La Chimica nella Scuola. a cura di

La Chimica nella Scuola. a cura di A03 La Chimica nella Scuola a cura di Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-xxxx-x

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Direttore Tiziana Migliore. Comitato scientifico Paolo Fabbri. Silvia Burini. Jean Marie Klinkenberg. Isabella Pezzini. Università IUAV di Venezia

Direttore Tiziana Migliore. Comitato scientifico Paolo Fabbri. Silvia Burini. Jean Marie Klinkenberg. Isabella Pezzini. Università IUAV di Venezia RIFLESSI 9 Direttore Tiziana Migliore Università IUAV di Venezia Comitato scientifico Paolo Fabbri Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma Silvia Burini Università

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN  PSICOLOGIA  MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO FINALITA : il corso propone di fornire agli studenti le nozioni di base della Medicina del lavoro al fine di

Dettagli

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

Il caso del Passante di Mestre

Il caso del Passante di Mestre A13 Luciano Bologna Schemi interpretativi per calmierare l entropia nel sistema di realizzazione delle opere pubbliche alla luce delle odierne tendenze di esternalizzazione Il caso del Passante di Mestre

Dettagli

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009 Ing. Gianluca Murgia murgia@unisi.it Milano 29/04/2009 Sommario Definizione di Social Network Analysis Tipologie di social network Costruzione di una social network Principali indicatori SNA Perché applicarla

Dettagli

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA a cura di Roberto Cafferata Saggi di Gianpaolo Abatecola, Alessandro Giosi, Sara Poggesi, Francesco Scafarto, Silvia Testarmata ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice

Dettagli

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia Appendice A IPI, ISTITUTO PER LA PROMOZIONE INDUSTRIALE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DG Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Progetto per l implementazione della griglia di

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it.

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it. Dipartimento di Scienze Criminologiche Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Corsi di Formazione e Master Anno Accademico 2014/2015 Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

La Chimica nella Scuola. a cura della

La Chimica nella Scuola. a cura della A03 La Chimica nella Scuola a cura della Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-xxxx-x

Dettagli

PROFILI PRIVATISTICI DELLA MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE

PROFILI PRIVATISTICI DELLA MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE PROFILI PRIVATISTICI DELLA MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE Osservazioni sugli aspetti di diritto sostanziale e spunti critici GAETANO EDOARDO NAPOLI il Mulino COLLANA DI STUDI GIURIDICI promossa dall Università

Dettagli

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda Roberto Candiotto Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio A01 Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I Laboratorio Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

Vincenzo Urciuoli Angelo Troiani Le Riserve Tecniche Life sotto Statutory Accounting Local, IAS/IFRS e in ottica Solvency II

Vincenzo Urciuoli Angelo Troiani Le Riserve Tecniche Life sotto Statutory Accounting Local, IAS/IFRS e in ottica Solvency II A13 Vincenzo Urciuoli Angelo Troiani Le Riserve Tecniche Life sotto Statutory Accounting Local, IAS/IFRS e in ottica Solvency II Metriche valutative a confronto Copyright MMXIV ARACNE editrice int.le

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico DIRITTO DI STAMPA 61 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO

LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO 3 Direttori Roberto BERTOZZI Università degli Studi Gabriele d Annunzio di Chieti Pescara Demeter Michael

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato UNA RICERCA DI MARKETING NEL SETTORE VITIVINICOLO. IL CASO CANTINA DI MONTALCINO

Dettagli

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane Bando Giovani Ricercatori Progetto di ricerca Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane di Manuela Stranges Dipartimento di Economia e

Dettagli

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici A13 Valerio Cellini Il falso in bilancio Aspetti economico-aziendali e giuridici Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

Direttori. Comitato redazionale Laura D AMATI. Maria Teresa NICOTRI. Aniello PARMA. Francesco Maria SILLA. Università degli Studi di Trieste

Direttori. Comitato redazionale Laura D AMATI. Maria Teresa NICOTRI. Aniello PARMA. Francesco Maria SILLA. Università degli Studi di Trieste LE VIE DEL DIRITTO 4 Direttori Mario FIORENTINI Università degli Studi di Trieste Maria MICELI Università degli Studi di Palermo Comitato redazionale Laura D AMATI Università degli Studi di Foggia Maurilio

Dettagli

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile A12 Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

C R I M I N O L O G I A 1.

C R I M I N O L O G I A 1. CRIMINOLOGIA 1. COLLANA CRIMINOLOGIA Swiss School of Management Consiglio Direttivo Coordinatore: Prof. Gaetano Pascale Vicecoordinatore: Prof. Vittorio Pedone Comitato scientifico: Prof. Gaetano Pascale

Dettagli

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni SCHEDA PROGETTO LIM Dati dell istituzione scolastica Codice VETF04000T Denominazione I.T.I.S. CARLO ZUCCANTE Indirizzo TF45 - PROGETTO ABACUS -INFORMATICA Titolo di progetto Classi coinvolte Docenti conduttori

Dettagli

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia A12 Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia Aracne editrice www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it Copyright MMXVI Gioacchino Onorati editore S.r.l. unipersonale www.gioacchinoonoratieditore.it

Dettagli

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003

Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 Lucia Baldi Analisi dei brevetti nell agricoltura italiana durante il periodo 1970 2003 ARACNE Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE 8 Direttore Paolo POLIDORI Università degli Studi di Camerino Comitato scientifico Federica CHELI Università degli Studi di Milano Biagina CHIOFALO Università

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi Presentazione Di anno in anno, alle aziende nonprofit si richiede di assistere sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte aziende nonprofit

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

Direttore. Comitato scientifico. Università Ca Foscari di Venezia. Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma

Direttore. Comitato scientifico. Università Ca Foscari di Venezia. Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma RIFLESSI 19 Direttore Tiziana MIGLIORE Università Ca Foscari di Venezia Comitato scientifico Paolo FABBRI Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma Silvia BURINI

Dettagli

Enzo Raia. Sicurezza nei cantieri edili

Enzo Raia. Sicurezza nei cantieri edili Enzo Raia Sicurezza nei cantieri edili Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 173 Roma (6) 9378165 ISBN 978 88 548 29 8 I diritti

Dettagli

IL MONDO DEL LAVORO NEL MERCATO E NELLE IMPRESE DEL NUOVO MILLENNIO Considerazioni e riflessioni sui cambiamenti a cavallo tra i due secoli

IL MONDO DEL LAVORO NEL MERCATO E NELLE IMPRESE DEL NUOVO MILLENNIO Considerazioni e riflessioni sui cambiamenti a cavallo tra i due secoli COLLANA FINANZAEDIRITTO IL MONDO DEL LAVORO NEL MERCATO E NELLE IMPRESE DEL NUOVO MILLENNIO Considerazioni e riflessioni sui cambiamenti a cavallo tra i due secoli Grazia Strano, Sergio Rosato, Luca Torri

Dettagli

Prefazione. Prof. Giancarlo Giacchetta Ordinario di Impianti Industriali Meccanici Facoltà d Ingegneria Università Politecnica delle Marche

Prefazione. Prof. Giancarlo Giacchetta Ordinario di Impianti Industriali Meccanici Facoltà d Ingegneria Università Politecnica delle Marche Prefazione Nei momenti di grave crisi economica e finanziaria diventa ancor più stringente perseguire politiche innovative in prospettiva dei mercati e dei bisogni del consumatore. È dai bisogni che si

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

1.1 Opera multimediale come software

1.1 Opera multimediale come software Possibile qualificazione dell opera multimediale in base alle categorie di opere dell ingegno: software; opera cinematografica; banca di dati; opera letteraria Dopo aver affrontato un possibile inquadramento

Dettagli

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Amedeo Leo Alessio Petrozziello Simone Romano amedeo.leo92@gmail.com alessio92p@gmail.com s.romano1992@gmail.com Università

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

«I LIBRI» DI ARCHIVIO PENALE

«I LIBRI» DI ARCHIVIO PENALE «I LIBRI» DI ARCHIVIO PENALE 6 L argomentazione giudiziale e il suo controllo in cassazione Atti del convegno Lipari, 10 settembre 2011 Promosso dell Unione Camere Penali Italiane a cura di Vincenzo Comi

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a far conseguire allo studente, al

Dettagli

Manuale d informatica per dipendenti pubblici

Manuale d informatica per dipendenti pubblici Pietro Mercatali Francesco Romano Laura Andrei Manuale d informatica per dipendenti pubblici ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING CLASSE TERZA AFM Correlazioni, calcolo e analisi del fabbisogno Fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche d impresa Teoria e principi di organizzazione

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Alessandra Rosa E-mail alessandra.rosa3@unibo.it - rosa.ale2@gmail.com Cittadinanza Italiana Data di nascita 27/07/1978 Istruzione e Date 11/2007-11/2010

Dettagli

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options A13 Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options L influenza della path dependency sulle potenzialità di sviluppo Prefazione di Antonio Renzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Alunni biennio dell istruzione professionale e tecnica

Alunni biennio dell istruzione professionale e tecnica Scheda di progettazione percorsi pluridisciplinari secondo le schema di competenze degli assi culturali (Biennio istruzione tecnica e professionale) Titolo: Destinatari: Alunni biennio dell istruzione

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

Percorso Apprendisti MODULO BASE

Percorso Apprendisti MODULO BASE Percorso Apprendisti MODULO BASE ORE: 40 COMPETENZE: Comunicare ed esprimersi correttamente nelle situazioni quotidiane e professionali saper identificare le proprie caratteristiche comunicative e le aree

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

Nóēsis Saggi e Studi sulla Cultura della Formazione

Nóēsis Saggi e Studi sulla Cultura della Formazione Nóēsis Saggi e Studi sulla Cultura della Formazione 4 Nóēsis Saggi e Studi sulla Cultura della Formazione Direzione Maura Camerucci (Università degli studi Roma Tre) Comitato scientifico Maria Rita Cifarelli

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Corso base per Tutor del programma Teen STAR Programma di Educazione Affettiva e Sessuale

Corso base per Tutor del programma Teen STAR Programma di Educazione Affettiva e Sessuale Corso base per Tutor del programma Teen STAR Programma di Educazione Affettiva e Sessuale Corso di formazione Formazione Permanente Centro d Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia 27 febbraio - 3 marzo

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli