Conferenza Il Piano Export Sud e le nuove prospettive della Cooperazione Euro-Mediterranea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conferenza Il Piano Export Sud e le nuove prospettive della Cooperazione Euro-Mediterranea"

Transcript

1 Conferenza Il Piano Export Sud e le nuove prospettive della Cooperazione Euro-Mediterranea Palermo, 12 giugno 2014 Dott. Ferdinando PASTORE Direttore Ufficio ICE - Istanbul

2 Dati Demografici

3 Indicatori Macroeconomici

4 Quadro Economico PIL: 1,1 % (741 mld.$) -4,7% (616 mld $) 8,9 % (722 mld $) 8,5 % (772 mld $) 2,2 % (786 mld $) 4,4 % (820 mld $) N.D. PIL/ab: USD USD USD USD USD USD N.D. INFLAZIONE 10,1 % 6,53 % 6,4 % 10,45 % 6,16 % 7,4 % 9,38 % (Aprile) DISOCCUPAZIONE 10,7 % 14 % 11,9 % 9,8 % 10,1 % 10,0 % N.D. PRODUZIONE INDUSTRIALE -0,9% - 9,6% 16,9 % 3,7 % -3,8 % 0 % N.D.

5 Commercio Estero Milioni di $ Exports Imports

6 Il Commercio con l Esterol nel 2013 TURCHIA Gennaio Dicembre Var % IMPORTAZIONI ,4 % ESPORTAZIONI ,4 % TOTALE INTERSCAMBIO ,7 % (Fonte: TUIK - valori in migliaia di dollari)

7 Il commercio estero della Turchia principali paesi partner 2013 INTERSCAMBIO TURCHIA PAESI PRINCIPALI valori in 000 $ GERMANIA RUSSIA CINA ITALIA STATI UNITI REGNO UNITO

8 Il commercio estero della Turchia Importazioni 2013 PRINCIPALI FORNITORI DELLA TURCHIA valori in 000 $ IMPORTAZIONI TURCHE DALLA RUSSIA IMPORTAZIONI TURCHE DALLA GERMANIA IMPORTAZIONI TURCHE DALLA CINA IMPORTAZIONI TURCHE DAGLI STATI UNITI IMPORTAZIONI TURCHE DALL'ITALIA IMPORTAZIONE IRAN

9 Commercio Estero- Importazioni % 7% 4% 45% 22% 8% 37% 5% 9% 3% 2% 16% 17% Paesi UE Africa Altri Paesi Asiatici Altri Paesi Europei Paesi del Vicino e Medio Oriente Americhe Altri Paesi

10 Il commercio estero della Turchia Importazioni 2013 Ripartizione per settori (valori in 000 $) 3 ferro ed accaio ,2% ,4% ,4% ,1% ,2% ,7% ,0% macchinari 4 di precisione ad attrezzature elettriche ed elettroniche veicoli, 5 trattori e parti di ricambio 2 macchinari e apparecchiature meccaniche 1 combustibili ed oli minerali 6 pietre preziose e semipreziose altro

11 Il commercio estero della Turchia Esportazioni 2013 PRINCIPALI PAESI CLIENTI valori in 000 $ ESPORTAZIONI TURCHE VERSO LA GERMANIA ESPORTAZIONI TURCHE VERSO L'ITALIA ESPORTAZIONI TURCHE VERSO LA RUSSIA ESPORTAZIONI TURCHE VERSO REGNO UNITO ESPORTAZIONI TURCHE VERSO LA FRANCIA ESPORTAZIONE IRAQ

12 Commercio Estero - Esportazioni 14% 4% 8% % 6% 42% 57% 24% 5% 8% 4% 9% 9% 2% Paesi UE Africa Altri Paesi Asiatici Altri Paesi Europei Paesi del Vicino e Medio Oriente Americhe Altri Paesi

13 Il commercio estero della Turchia Esportazioni 2013 Ripartizione per settori export (valori in 000 $) ,3% ,6% ,2% 4 6 macchinari di precisione ad attrezzature elettriche ed elettroniche Pietre preziose e semi-preziose, metalli preziosi, perle, bigiotteria veicoli, trattori e parti di ricambio ,7% ,5% ,6% ,1% macchinari e apparecchiature meccaniche abbigliamento a maglia ed accessori ferro ed accaio altro

14 Il commercio con l UE l della Turchia 2013 (valori in 000 $) $ TURCHIA/ UE Gennaio Dicembre Var % Quota UE IMPORTAZIONI ,5 % 36,7 % ESPORTAZIONI ,2 % 41,5 % INTERSCAMBIO UE ,74 % 38,54 %

15 Interscambio Italia-Turchia INTERSCAMBIO 2010: 16,7 Mld Usd (+23,4%) 2011: 21,3 Mld Usd (+28,02%) 2012: 19,7 Mld Usd (-7,4%) 2013: 19,6 Mld Usd (-0,6) 2014 Marzo :4,7 Mld Usd (+4,3) EXPORT ITALIA 2010: 10,2 Mld Usd (+33,5%) 2011: 13,4 Mld Usd (+32,6%) 2012: 13,3 Mld Usd (-0,8%) 2013: 12,8 Mld Usd (-3,4) 2014 Marzo :2,8 Mld Usd (+1,6) IMPORT DA TURCHIA 2010: 6,5 Mld Usd (+10,5%) 2011: 7,9 Mld Usd (+20,8%) 2012: 6,4 Mld Usd (-18,8%) 2013: 6,7 Mld Usd (+5,5%) 2014 Marzo : 1,85 Mld Usd (+8,8%)

16 Interscambio Italia-Turchia (valori in milioni di $) 2 PAESE UE FORNITORE (dopo Germania) 3 PAESE UE CLIENTE (dopo Germania e Regno Unito) Marzo EXPORT IMPORT SALDO

17 Esportazioni Italia-Turchia coke e prodotti derivati macchinari prodotti in metallo, esclusi macchinari coke e prodotti derivati prodotti chimici veicoli macchinari apparecchiature elettriche prodotti della metallurgia prodotti in metallo, esclusi macchinari altro

18 Esportazioni Italia-Turchia prodotti agricoli veicoli prodotti della metallurgia prodotti agricoli prodotti in metallo prodotti chimici veicoli macchinari tessile/abbigliamento prodotti della metallurgia prodotti in gomma e plastici altro

19 Investimenti Diretti Esteri Quadro Generale IDE IN (flussi): (Fonte: Banca Centrale Turca) IDE OUT (flussi): (Fonte: Banca Centrale Turca) Febbraio 14,747 Mld USD 2,604 Mld USD 6,252 Mld USD 2,040 Mld USD 6,238 Mld USD 1,823 Mld USD 16,055 Mld USD 2,542 Mld USD 10,002 Mld USD 4,333 Mld USD 10,199 Mld USD 3,226 Mld USD 1,683 Mld USD 0,614 Mld USD

20 Investimenti Diretti Esteri Nel primo trimestre del 2014, i capitali esteri in entrata in Turchia hanno raggiunto i 4,2 miliardi di dollari, con un incremento del 49,6% rispetto allo stesso periodo del 2013.

21 Flussi di capitale in entrata in Turchia Nel primo trimestre del 2014, su 4,2 miliardi di dollari, di flusso di capitali in entrata, 3,1 miliardi era rappresentato da capitali esteri, 109 milioni da capitali di altro tipo, 1 milione da acquisiti immobilari eseguiti da non residenti. Nel periodo il settore principale (3 miliardi di $) e risultato quello industriale, con una quota del 62,2 %, seguito dal settore dei servizi (36,3 %) e da quello agricolo (1,5 % del totale). Comparati con la stesso periodo dell anno passato, i flussi di capitali nel settore agricolo sono aumentati di 12 volte, mentre nel settore industriale l aumento e stato del 142 %. Il settore dei servizi ha visto un decremento del 15%. Gli acquisti immobiliari da parte dei non residenti ammonta al 24% del totale.

22 Flussi di capitale in entrata per settore Un esame per settore mostra che industria manifatturiera, gas ed elettricita hanno avuto un incremento triplicato, mentre il settore minerario ha registrato un incremento dimezzato rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Il settore dei servizi ha in generali registrato un decremento, con l eccezione di pochi sub settori. Nell industria manifatturiera, computers e prodotti elettronici hanno attratto la quota maggiore di investimenti (56 % del totale, per un valore di 569 milioni di $) mentre gli altri principali settori dell industria manifatturiera (alimentari, bevande, tabacco) hanno conseguito una quota del 25 % del valore totale. Fonte: YASED (Associazione investitori esteri in Turchia)

23 Flussi di capitale in entrata in Turchia primo trimestre 2014 Nel primo trimestre del 2014, maggiori investitori in Turchia sono stati Paesi Bassi, Russia, Italia; le nazioni Europee hanno realizzato l 85% degli investimenti, mentre Asia, America e Africa hanno contribuito rispettivamente per 10%, 4% ed 1%.

24 Flussi di capitale in entrata in Turchia per paese di provenienza - primo trimestre 2014

25 Le aziende italiane in Turchia: IDE ITALIANI 2012: 4,6 Mld Usd (stock) Flussi ITALIANI 2012: 178 Milioni Usd 2013: 145 Milioni Usd Gennaio 14: 16 milioni di Usd N. Aziende Italiane in Turchia 2012: : Marzo 2014: 1.135

26 Punti di Forza

27 Settori Chiave

28 I settori Ambiente, Gestione delle Risorse Idriche, Sicurezza Alimentare, Agricoltura Biologica, Energie Rinnovabili e Ittica & Acquacoltura

29 Ambiente

30 Ambiente

31 Gestione delle Risorse Idriche

32 Gestione delle Risorse Idriche

33 Gestione delle Risorse Idriche

34 Gestione della Sicurezza Alimentare

35 Gestione della Sicurezza Alimentare

36 Agricoltura Biologica

37 Agricoltura Biologica Investimenti Esteri Gli investitori provenienti soprattutto dalla Francia, dal Regno Unito e dai Paesi Bassi stanno cercando opportunità di investimento nell'agricoltura biologica in diverse regioni della Turchia quali frutta e verdura nel Mar Egeo e Mediterraneo, allevamento e mangimi nell'anatolia Meridionale, legumi nell'anatolia Centrale e olive e olio d'oliva nella regione del Mar Egeo La Germania ha recentemente proposto di coltivare biologicamente e di esportare le verdure prodotte nei paesi dell'unione Europea

38 Agricoltura Biologica Meccanica del Mercato

39 Agricoltura Biologica GAP (Progetto Anatolia Sud Orientale)

40 Agricoltura Biologica Quadro Giuridico

41 Agricoltura Biologica Incentivi

42 Energia Rinnovabile

43 Energia Rinnovabile

44 Presenza Straniera nel Mercato Energia Rinnovabile

45 Energia Rinnovabile Opportunità di Investimento nella Vendita dell Energia Mercati Organizzati Accordi tra produttori e distributori Conto Energia Rischio Prezzo del Alto: Fluttuazioni stagionali e orarie del prezzo. Oneri di sbilanciamento imprevedibili. Medio: Prezzi negoziabili. Possibile copertura dei rischi collegati al prezzo di medio / lungo termine Il prezzo di riferimento è il prezzo di mercato Nessuno: Prezzo fisso indicizzato a USD Rischio di Vendita Nessuno: Possibile vendere tutto l'importo offerto Basso: L'importo è determinato sulla base dei negoziati. L'importo non può essere venduto tramite accordi bilaterali ma solo sul mercato del giorno prima. Nessuno: Obbligo di vendere tutto l'importo generato. Aspettative di Ricavo Alta volatilità: Volatilità collegata alle fluttuazioni del prezzo e oneri di sbilanciamento. Volatilità bassa/media: Possibilità di garantire un ricavo fisso attraverso contratti a media/lunga scadenza. Fisso: A causa dei prezzi fissi, non vi sono sorprese nelle aspettative di reddito. L'investitore non è responsabile dei costi di sbilanciamento.

46 Sostegni e Incentivi Energia Rinnovabile In particolare per investimenti idroelettrici ed eolici che ricorrono ad attrezzature prodotte localmente.

47 Pesca e Acquacoltura Potenzialità del settore Pesca e Acquacoltura

48 Produzione storica Pesca e Acquacoltura 900, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,000 79,031 61, Total Production (tonnellate) Fisherie Aquaculture

49 Pesca e Acquacoltura Dinamica del mercato e struttura della domanda

50 Pesca e Acquacoltura La Turchia esporta più di 200 tipi di prodotti della pesca verso 60 Paesi. Quasi il 50% della produzione di spigole e orate e il 33% di trote salmonate viene esportato in UE mentre la totalità della produzione di tonno rosso viene esportata in Giappone. I dati relativi alle esportazioni sono aumentati da tonnellate e 71.7 milioni nel 2002 a tonnellate e 386 milioni nel Altri 18% Francia Russia 2% 5% UK 6% Libano 4% Spagna 4% Mercati di esportazione Giappone 11% Germania 16% Olanda 19% Italia Grecia 3%

51 Pesca e Acquacoltura Le Importazioni in Turchia sono inferiori alle Esportazioni e insignificanti se paragonate alla dimensione attuale del mercato interno. L analisi delle importazioni del Paese mostra il predominio indiscusso della Norvegia. I prodotti norvegesi costituiscono quasi il 50% del totale delle importazioni di prodotti ittici in Turchia. Le importazioni sono aumentate da di tonnellate e 13.3 milioni nel 2002 a tonnellate e 138 milioni nel Paesi Importatori

52 Opportunità di Mercato

53 Investimento Matrice d Opportunità LIVELLO OPPORTUNITA Investimento Ampia Scala Investimento Scala Medio- Ridotta Vendita di Equipaggiamenti Servizi di Perizia e Consulenza Tecnica Ambiente Basso Medio Alto Alto Gestione Risorse Idriche Gestione Sicurezza Alimentare Agricoltura Biologica Alto Alto Alto Alto Basso Medio Alto Alto Basso Idroelettrica Alto Limitato Alto Alto Energia Eolica Alto Alto Alto Alto Energia Solare Limitato Alto Alto Alto Energia Geotermica Alto Alto Alto Alto Egergia da Biomasse Pesca Marittima e Interna Alto Basso Alto Alto Alto Basso Basso Limitato Limitato Acquacoltura Basso Alto Limitato Alto

54 Tipologie di appalto Appalti Pubblici Il Ministero dell'ambiente e delle Foreste può acquistare i servizi o le attrezzature necessarie per i progetti nazionali, ma i principali acquirenti di attrezzature e servizi sul mercato turco ambientale sono gli enti locali (municipalità) e le organizzazioni industriali. Le municipalità sono i principali attori per la costruzione e la gestione dei rifiuti solidi, delle acque e dei servizi di trattamento delle acque reflue. Il sistema di appalti pubblici impone spesso la partecipazione agli appalti di società stabilite sulla base del diritto locale. I contratti Costruisci- Gestisci-Trasferisci (BOT) e Costruisci-Detieni- Gestisci (BOO) rappresentano una buona opportunità per la collaborazione dei consorzi in cui le imprese straniere non solo forniscono il know-how, ma anche l'accesso ai finanziamenti. Gli appalti sono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, le riviste settoriali, i siti web delle relative organizzazioni committenti. Appalti Privati Le imprese del settore privato turco sono potenziali acquirenti dei trattamenti dei rifiuti industriali, delle tecnologie di riciclaggio e relative attrezzature nonché di prodotti e di servizi inerenti la prevenzione dell'inquinamento atmosferico. Esse dispongono di una limitata capacità di offerta interna a cui attingere. Il mercato ambientale turco vanta circa 150 aziende la cui capacità è in gran parte confinata alle attività di contrattazione ed incapace di intraprendere progetti ambientali di dimensioni globali, a causa della mancanza di esperienza. Nel settore delle energie rinnovabili, dell'agricoltura biologica e della pesca, le aziende private sono praticamente le uniche acquirenti.

55 Struttura degli investimenti Joint Ventures / Alleanze Strategiche Titolare Unico Ambiente Le joint venture a partecipazione straniera sono Gestione dell'acqua generalmente preferite per intraprendere progetti su ampia scala. Le imprese locali forniscono opere civili e le tecnologie di base per molti progetti di trattamento delle acque reflue industriali, dei sistemi di desolforazione dei gas di combustione degli impianti energetici e di compostaggio, degli inceneritori e le tecnologie di bonifica. Tuttavia, esse generalmente mancano di finanziamenti dei progetti. A fronte di tali Gestione Sicurezza Alimentare esigenze, e per le attrezzature di ingegneria avanzata, i fornitori locali devono importare la tecnologia, le attrezzature ed i servizi necessari, e spesso devono collaborare con un partner estero per il finanziamento dei progetti BOT / BOO del settore pubblico. Le società turche generalmente formano joint ventures e partnership con società straniere aventi una certa esperienza. La creazione di dinamiche bilaterali di mercato in questo settore è una pratica diffusa. Il mercato ambientale è dominato principalmente dalle aziende UE, USA e giapponesi che offrono tecnologie, servizi e attrezzature ambientali. La proprietà esclusiva in questi settori è un caso raro. Nei progetti più piccoli può essere fattibile, ma presenta ancora alcuni rischi in quanto i principali acquirenti sono le amministrazioni pubbliche centrali o locali. Agricoltura Biologica In questo settore gli investimenti esteri sono limitati; comunque nel caso che la produzione sia concentrata sulle esportazioni di proprietà esclusiva è meno rischiosa di quanto non sia negli altri settori. Idroelettrico Le joint venture sono generalmente preferite, in quanto il partner locale e piu esperto in questi Limitato settori altamente regolamentati. Energia Eolica Alto Alto Energia Solare Limitato Alto Energia Geotermale Alto Alto Energia da Biomassa Basso Alto Pesca Marina e Interna Acquacoltura Bassa probabilità Investimenti stranieri inesistenti in questo segmento Le imprese straniere di solito entrano sul mercato di prima persona in quanto questo settore non è eccessivamente regolamentato e il mercato è ben sviluppato soprattutto dal punto di vista delle esportazioni.

56 Ambiente

57 Ambiente Opportunità per i Beni e i Servizi Ambientali (EGS) Settore Opportunità Attuali Opportunità Future Normativa Quadro Inquinamento dell'aria e Controllo Buono Tecnologie Pulite Gestione dell'energia Consulenza Ambientale Monitoraggio Ambientale Inquinamento Marino Gestione dei Rifiuti Risorse Idriche EGS Totale Legenda Discreto Buono Basso Basso Discreto Discreto Buono Dimensioni relativamente grandi del mercato e dell'attività, regolamentazione relativamente esigente, spesa pubblica relativamente elevata e regime degli investimenti relativamente liberale. Miscela di mercato e attività di dimensioni modeste, regolamentazione non esigente, spesa pubblica di livello modesto e commercio e investimenti in fase di liberalizzazione ma tuttora restrittivi. Mercato e attività di dimensioni minime o inesistenti, nessuna regolamentazione, commercio e regime di investimenti restrittivi

58 Ambiente

59 Ambiente

60 Gestione delle risorse idriche

61 Gestione della sicurezza alimentare

62 Agricoltura Biologica Potenziale per Investimenti ed Esportazioni

63 Potenziale per le Importazioni Agricoltura Biologica

64 Pesca e Acquacoltura

65 Idroelettrico Energia Rinnovabile

66 Eolico Energia Rinnovabile

67 Solare Energia Rinnovabile

68 Biomassa/Geotermica Energia Rinnovabile

69 Servizi Ufficio ICE di Istanbul Informazioni Business intelligence (monitoraggio stampa locale, raccolta, analisi e diffusione di notizie macroeconomiche e di informazione merceologica) - Guide al mercato, Informazioni on-line (notizie flash su finanziamenti internazionali, opportunità di business, aggiudicazione di grandi progetti, gare internazionali), Statistiche (di dati macroeconomici e d'interscambio dell'italia, per settore, prodotto, area geografica). Indagini di mercato. Il tuo prodotto sul mercato (guida sulla situazione della Turchia, sul settore e sul prodotto di interesse. Informazioni riservate su imprese estere: reperite attraverso società di rating esterne, a costo ridotto Ricerca clienti e partner esteri: (invio di documentazione e campioni, alle imprese selezionate, con follow-up telefonico per riscontrare l'interesse), Organizzazione di incontri d'affari Il tuo consulente per l'estero (Esame delle possibilità di internazionalizzazione;selezione dei mercati; Guida personalizzata all acquisto dei servizi più idonei per l orientamento e la conoscenza dei mercati di interesse;esame dei risultati ottenuti)

70 Servizi Ufficio ICE di Istanbul Eventi promozionali e di comunicazione (partecipazione a fiere, distribuzione materiale informativo in occasione di eventi; organizzazione di convegni e simposi tecnologici, di presentazioni aziendali, di conferenze stampa, di missioni in Italia di operatori e giornalisti esteri, di azioni promozionali presso i punti vendita, di seminari, degustazione di vini e di prodotti alimentari; di iniziative di formazione nazionale e internazionale). Pubblicità su media esteri, dalla singola inserzione fino alla pianificazione di piani pubblicitari personalizzati. Assistenza sui mercati: interventi specifici sui mercati ove le imprese già operano, con interventi mirati per questioni legali, doganali e fiscali, consulenza per partecipazione a gare, utilizzo delle strutture dell'agenzia, azioni di ricerca personale, terreni, edifici, assistenza per la soluzione di controversie commerciali. L attrazione di investimenti esteri (ricerca di investitori esteri, raccolta di informazioni aggiuntive sul partner e i suoi progetti di investimento; consulenza per la predisposizione di documentazione economica e giuridica; consulenza contrattuale, anche tramite l ausilio di professionisti specializzati; mediazione dei rapporti con i soggetti italiani, pubblici e privati, coinvolti nella realizzazione dell investimento).

71 UFFICIO ICE DI ISTANBUL ORGANIGRAMMA Ferdinando Pastore Direttore Paolo Pinto Vice Direttore ÖMER DOĞAN : Senior Trade Analyst Macchinari ed attrezzature Industria Chimica: Farmaceutica, prodotti chimici, plastica e gommag RUHİ SABUNCU : Senior Trade Analyst Macchinari ed attrezzature Industria dei Trasporti e prodotti correlati: Industria delle costruzioni: NEMİKA CIANTRA YÜKSEL Y : Senior Trade Analyst Casa persona Tessile: Filati, tessuti (anche per arredamento),tempo Libero : Turismo, restauro, energia tecnologie protezione ambientale, attrezzature medicali CEYLİN N BEDİRO ROĞLU ERKMEN : Responsabile Contabilita MARUŞKA NEDYALKOF : Trade Analyst Beni Strumentali ( Macchine, informatica, florovivaismo) GÜLSÜM ÖZEN: Trade Analyst Beni di Consumo (Agroalimentari( Agroalimentari,, bevande, sistemi informatici, Elaborazione dati interscambio ed investimenti diretti, elaborazioni statistiche) TUĞÇE E YÜKSELY : Segretaria / Attivita di assistenza ai trade analyst AYŞIN ÖNER : Segretaria / Attivita di assistenza ai trade analyst İSMAİL ÇAYOĞLU : segreteria

72 DESK TUTELA PROPRIETA INTELLETTUALE E DI ASSISTENZA PER GLI OSTACOLI AL COMMERCIO Dal 5 maggio 2014 e' operativo presso ICE Istanbul il desk per la tutela della proprieta intellettuale finanziato dal Ministero per lo Sviluppo Economico. Per lo svolgimento delle attività del Desk ICE Istanbul si avvale di un esperto in materia legale e di un esperto in materia commerciale, con ottima conoscenza del mercato di riferimento nonchè di un assistente per l'attività di supporto agli esperti.

73 Tutela della Proprietà Intellettuale Esperto Legale: Avv. BENAN ILHANLI Informazione (Studio( ed elaborazione di normative locali, redazione di rapporti i e studi su tematiche di interesse per le MPI, elaborazione di flash h informativi da diffondere anche tramite strumenti di social network) Assistenza (su( casistiche specifiche, anche con l'ausilio di studi legali specializzati. messa a punto di piani di lavoro per conto di aziende, associazioni oni e consorzi, protezione della proprietà intellettuale) Formazione (Giornate formative) Interventi di comunicazione e di sensibilizzazione (Piani( di comunicazione diretti al consumo. Seminari informativi diretti alle imprese italiane e ai consumatori locali. Azioni di raccordo/lobby con interlocutori pubblici e privati.

74 ASSISTENZA SISTENZA PER GLI OSTACOLI AL COMMERCIO Esperto Commerciale: Dott.ssa ECE SANCAR Informazioni sulle barriere non tariffarie - Studio ed elaborazioni su nuovi atti, provvedimenti o prassi che incidano sul libero accesso al mercato delle imprese italiane, in particolare su: certificazioni, permessi di importazione; condizioni peggiorative e nella pratica di importazione, di ricerca di finanziamenti, di acquisti e di investimenti; maggiori i vischiosità nei comportamenti da parte di uffici o soggetti stranieri, che rendano più difficile l'accesso al loro mercato; procedure doganali onerose per import, export e transito, così come tasse discriminatorie; regolamenti e standard tecnici complicati e valutazioni di conformit rmità non in linea con quanto previsto da organismi internazionali; abuso di norme e misure sanitarie e fitosanitarie; restrizioni nell'accesso alle materie prime da esportare come tasse/dazi all'export, doppio prezzo; uso abusivo - o incompatibile con le norme OMC - degli strumenti di difesa commerciale, come ad esempio l'antidumping da parte di paesi terzi; uso abusivo o incompatibile con le norme OMC - di sussidi o aiuti di stato da parte di paesi terzi effettuato in modo da ostacolare l'accesso al loro mercato, come alcune iniziative di stimolo alle esportazioni e per migliorare la competitività. Informazioni sulle barriere tariffarie (Studio ed elaborazione su provvedimenti che hanno innalzato dazi o introdotto quote) Formazione Giornate informative e formative dirette alle imprese italiane.

75 Le imprese interessate possono contattare l'ufficio ICE di Istanbul ai seguenti recapiti: Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione l delle imprese italiane İtalyan DışD Ticaret ve Tanıtım m Ajansı İtalya Başkonsoloslu konsolosluğu u Ticari İlişkileri Geliştirme BölümüB Ufficio di Istanbul Lutfi Kirdar Uluslararasi Kongre ve Sergi Sarayi Gumus Cad N , Harbiye-Istanbul stanbul/turkiye T F ice.itit ice.gov.it PER LE NOTIZIE DALLA TURCHIA:

76 GRAZIE

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli