G A D S. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva. Copia Archiviata Elettronicamente File: GADS 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G A D S. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva. Copia Archiviata Elettronicamente File: GADS 2012"

Transcript

1 G A D S Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva Copia Archiviata Elettronicamente File: GADS 2012 Copia cartacea Controllata in distribuzione ad enti esterni N : 1 Rilasciata a CAAF CONFARTIGIANATO PENSIONATI E DIPENDENTI SRL Copia cartacea non Controllata in distribuzione ad enti esterni N : 0 Revisioni Versione n. Pagina n. Motivo della revisione Data Versione n. 01 Data Redazione CAAF CONFARTIGIANATO 28 giugno 2012 Verifica CAAF CONFARTIGIANATO 28 giugno 2012 Approvazione CAAF CONFARTIGIANATO 28 giugno 2012 CONSULENZA ARCHIVISTICA CERTIFICATION AUTHORITY DESIGNATA

2 INDICE 1.1. Contenuto della Guida Conformità della GADS REGOLE PER LA PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE DELLA GUIDA FASI OPERATIVE Elaborazione modello Tempistica Metodologie di Conservazione Soluzione A Invio Cartaceo Procedura di preparazione del materiale cartaceo Soluzione B - Invio Elettronico Procedura Ricerca Pratica LE PROCEDURE DI ACQUISIZIONE Descrizione delle procedure operative Procedura di preparazione del materiale cartaceo Procedura di acquisizione Procedura di indicizzazione Procedura di verifica e controlli CONSULTAZIONE ON-LINE Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 2 di 13

3 1. INTRODUZIONE 1.1. Contenuto della Guida La presente Guida (GADS) descrive l organizzazione e i processi a carico del CAAF necessari alla conservazione sostitutiva delle dichiarazioni dei redditi emesse ai fini dell eventuale esibizione all Amministrazione Finanziaria in sede di controllo Conformità della GADS Documento Titolo Deliberazione CNIPA n. 11 del 19 febbraio 2004 "Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali" Note esplicative della deliberazione Note Esplicative delle Regole tecniche per la riproduzione e conservazione dei documenti su supporto ottico Decreto del 23 gennaio 2004 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto. Circolare Agenzia delle Entrate del 06/12/2006 n. 36 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto. Interpello /2007 ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Interpello della Consulta Nazionale Caaf presentato in data 24 gennaio 2007 e successiva integrazione del 22 giugno REGOLE PER LA PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE DELLA GUIDA La presente GADS viene approvata dal Responsabile della Conservazione e lo stesso provvederà alla divulgazione del documento in oggetto presso le società convenzionate. La Guida all Archiviazione Digitale Sostitutiva è pubblicata sia in formato elettronico PDF protetto in modo tale da assicurarne l integrità, sia in formato cartaceo. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 3 di 13

4 Il Responsabile della Conservazione si riserva di apportare variazioni alla presente GADS per esigenze tecniche o per modifiche alle procedure intervenute sia a causa di variazioni delle norme di legge o regolamenti, sia per ottimizzazioni del ciclo lavorativo. Le eventuali variazioni saranno comunicate e contestualmente sarà inviata una copia della nuova revisione del documento che riporterà Versione, Release e Data rilascio. Ogni nuova versione della GADS annulla e sostituisce le precedenti versioni, che rimangono tuttavia applicabili per i documenti emessi durante la loro vigenza e fino alla prima scadenza degli stessi. Variazioni che non hanno un impatto significativo sulle procedure comportano l incremento del numero di release del documento, mentre variazioni con un impatto significativo sulle procedure (come ad esempio modifiche rilevanti alle procedure operative) comportano l incremento del numero di versione del documento. In ogni caso la guida sarà prontamente pubblicata e consegnata alle Società Convenzionate con il CAAF Confartigianato Dipendenti e Pensionati Srl ed al coordinatore delle attività. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 4 di 13

5 3. FASI OPERATIVE 3.1. Elaborazione modello 730 Il contribuente che si avvale dell assistenza fiscale deve esibire al CAAF la documentazione necessaria per consentire la verifica della conformità dei dati esposti nella dichiarazione e del rispetto delle disposizioni che disciplinano gli oneri deducibili e detraibili. Il CAAF con la documentazione acquisita, vedi le modalità indicate nelle istruzioni rilasciate (mod. 730/2 analitico o sintetico), elabora la dichiarazione dei redditi ed al termine delle attività rilascia al contribuente la medesima dichiarazione (Mod.730 base) e il Modd , concernente la scelta per la destinazione dell'8 e 5 per mille. Il CAAF rilascia inoltre al contribuente una ricevuta del modello 730 e del modello consegnati e della documentazione esibita. La ricevuta è redatta in conformità al modello "730-2 per il CAAF" compilata anche mediante sistemi di elaborazione automatica. Nella ricevuta, qualora il CAAF non abbia conservato copia della documentazione esibita, è necessario indicare, in modo analitico, la predetta documentazione riguardante gli oneri riconosciuti; l'indicazione può avvenire sinteticamente quando il CAAF conserva copia dei documenti esibiti. Il CAAF deve conservare copia delle dichiarazioni trasmesse, per lo stesso periodo previsto dall'art. 43 del D.P.R. n. 600 del 1973, ai fini dell'eventuale esibizione all Amministrazione Finanziaria in sede di controllo. Oltre alla copia delle dichiarazioni trasmesse il CAAF e tenuto alla conservazione di tutta la documentazione acquisita, presentata dal contribuente, qualora l indicazione della stessa avvenga in forma sintetica. La copia delle dichiarazioni trasmesse e dei documenti cartacei (acquisiti e prodotti) per ogni pratica, una volta archiviati, saranno sottoposti al processo centralizzato di acquisizione digitale con il relativo trasferimento delle immagini su supporto ottico (CD/DVD). Al termine delle attività svolte nel pieno rispetto di quanto previsto in materia di archiviazione digitale sostitutiva (CNIPA), la documentazione sarà avviata alla distruzione fisica mediante macero riservato. Terminato il processo di acquisizione digitale la consultazione della documentazione potrà avvenire mediante procedure informatiche attraverso l accesso all archivio digitale. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 5 di 13

6 Si evidenzia che il modello unitamente al modello relativo alla privacy dovrà essere firmato in originale dal contribuente. Nel caso si scegliesse l invio in formato elettronico, i documenti sopra riportati, dovranno essere oggetto di acquisizione ottica Tempistica SCADENZE IL CAAF Entro il 15 giugno 2012 Rilascia ricevuta dell avvenuta presentazione della dichiarazione e della busta da parte del contribuente. Entro il 30 giugno 2012 Verifica la conformità dei dati esposti nella dichiarazione, effettua il calcolo delle imposte e consegna al contribuente copia della dichiarazione Mod. 730 e il prospetto di liquidazione Mod ; Entro il 12 luglio 2012 Comunica al sostituto il risultato finale della dichiarazione. Trasmette telematicamente all Agenzia delle Entrate le dichiarazioni predisposte Metodologie di Conservazione Nella parte che segue saranno illustrate le soluzioni tra le quali le società convenzionate dovranno scegliere per procedere alla smaterializzazione delle dichiarazioni elaborate. Entrambe le soluzioni si integrano completamente con gli strumenti e le metodologie utilizzate per gli adempimenti fiscali e per quanto previsto dalla normativa in materia di archiviazione sostitutiva (CNIPA). Le opzioni sono le seguenti: A. Invio delle dichiarazioni cartacee complete presso il Centro Servizi Sediin - Archanet; B. Invio delle dichiarazioni in formato elettronico ai server Sediin - Archanet. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 6 di 13

7 Soluzione A Invio Cartaceo Questa soluzione prevede l invio del materiale cartaceo, secondo le procedure di seguito descritte, direttamente al Centro Servizi Sediin - Archanet. Le dichiarazioni inviate, dopo la fase di accettazione, saranno sottoposte al processo di acquisizione digitale sostitutiva a norma di legge e successivamente messe in linea per la consultazione via web. Con questa soluzione la Società Convenzionata non dovrà dotarsi di scanner e/o connessioni a banda larga. L unico onere è quello della preparazione del materiale cartaceo da spedire al Centro Servizi Sediin - Archanet Procedura di preparazione del materiale cartaceo La copia delle dichiarazioni trasmesse e dei documenti cartacei (acquisiti e prodotti) dovrà essere organizzata come di seguito descritto al fine di agevolarne il trasporto e la lavorazione. I documenti cartacei (acquisiti e prodotti) di ogni singola pratica andranno raccolti in fascicoli/cartelline/faldoni o altro materiale atto a preservarne il contenuto, identificati dal Codice fiscale e/o Cognome e Nome del contribuente; Le pratiche saranno poste a loro volta nelle scatole fornite dal CAAF Confartigianato ed identificate da un numero progressivo, dai dati della società e dalla sigla dello sportello convenzionato. Al completamento di tutte le attività di assistenza fiscale, a partire dal 15 luglio 2012 e non oltre il 28 febbraio 2013, andrà predisposta la spedizione attenendosi alle seguenti indicazioni: 1. Sigillare le scatole con nastro adesivo; 2. Indicare sulla scatola i dati societari e la codifica fornita (es.: Cesena = CES ); dal CAAF Confartigianato della Società Convenzionata che ha elaborato le dichiarazioni 3. Compilare la bolla accompagnatoria/ritiro fornita unitamente alle scatole e/o reperibile sulla intranet CAAF compilando il documento in ogni sua parte; 4. Richiedere il ritiro delle scatole inviando la bolla compilata per fax 06/ od 5. Il corriere espresso provvederà al ritiro del materiale ed alla consegna al Centro Servizi. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 7 di 13

8 Soluzione B - Invio Elettronico Il Servizio descritto nel presente paragrafo risponde all esigenza recepita dal CAAF Confartigianato, di agevolare le Società Convenzionate che già gestiscono in formato elettronico la documentazione. Il servizio proposto potrà prevedere che venga instaurato un collegamento diretto, mediante diverse modalità tecniche da concordare (es.: posizionamento ftp), tra la Società convenzionata e il Centro Servizi Sediin - Archanet, mediante il quale inviare un flusso di dati in formato PDF + XML, contenente i documenti da sottoporre a conservazione sostitutiva. Il sistema di Gestione dei documenti elettronici, è stato realizzato nel rispetto delle specifiche descritte nella documentazione CNIPA in materia di Conservazione Sostitutiva. Le caratteristiche sinteticamente descritte sono le seguenti: o o o o o Definizione del processo di invio dei dati relativi ai documenti secondo formati che saranno concordati con il cliente e che in prima istanza possiamo ipotizzare costituiti da un flusso XML contenente gli attributi dei singoli documenti e i documenti stessi in formato PDF. Acquisizione dei documenti e relativi attributi attraverso un collegamento punto-punto tra Centro Servizi Archanet e Società di servizi. Indicizzazione dei documenti sulla base degli attributi definiti. Esecuzione del processo di Conservazione Sostitutiva che può essere riassunto nell esecuzione delle seguenti operazioni: creazione di un Lotto di documenti e del relativo File di indice, generazione delle impronte binarie del Lotto di documenti e del File di indice, memorizzazione delle impronte binarie del Lotto di documenti e del File di indice nel File di chiusura, apposizione della Marca Temporale e della Firma Digitale al File di chiusura, memorizzazione del Lotto di documenti, del File di indice e del File di chiusura (marcato temporalmente e firmato digitalmente) su supporto con caratteristiche di alta affidabilità e alta permanenza del dato. Realizzazione di un interfaccia di monitoraggio e di controllo dell intero sistema di Conservazione Sostitutiva. Data la ristrettezza dei tempi e vista la necessità da parte delle Società Convenzionate di adattare i propri sistemi informatici alla trasmissioni della documentazione secondo le linee sopra esposte, il Centro Servizi Sediin - Archanet si rende disponibile anche per il 2012 a valutare anche forme alternative per la trasmissione dei dati. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 8 di 13

9 Procedura La Società di servizi Convenzionata dovrà creare un flusso di dati da sottoporre a Conservazione. Tale flusso proveniente o meno dalla scansione di documentazione cartacea, sarà conservato da Sediin - Archanet secondo le direttive CNIPA. Sediin - Archanet non visualizza e/o modifica i documenti da trattare e pertanto non entrerà nel merito del contenuto e della sua effettiva rispondenza ai documenti originali. La Società Convenzionata incaricata alla gestione dei documenti, nell inviare a Sediin - Archanet i documenti da conservare implicitamente dichiarano la rispondenza di quanto inviato agli originali cartacei o elettronici. La Società dovrà quindi attenersi, nel processo di normalizzazione dei dati e preparazione dei flussi documentali da inviare a Sediin - Archanet, ai criteri indicati in relazione alle classi documentali, ai lotti, al flusso FTP, ai file di dati e ai file di controllo. La documentazione in formato elettronico così creata sarà oggetto di upload sul server remoto collocato presso la Server Farm del Centro Servizi Sediin - Archanet e, mediante applicazione, saranno apposte sulla documentazione firma digitale e marca temporale. Si evidenzia che in questo caso mancherà sulla dichiarazione la firma calligrafica del contribuente. Fatto salvo il caso in cui venga acquisita anche la copia firmata della dichiarazione Ricerca Pratica Al termine del processo di acquisizione, i documenti saranno messi a disposizione per la consultazione in area web riservata attraverso la quale sarà possibile effettuare la ricerca, la visualizzazione e la stampa dei documenti. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 9 di 13

10 Il Sistema di gestione sarà dotato di un apposita interfaccia che permetterà di: effettuare ricerche all interno del repository documentale, sulla base degli indici definiti, visualizzare i risultati della ricerca, visualizzare il documento risultante dalla ricerca effettuata, verificare la Marca Temporale e la Firma Digitale del lotto di documenti in cui ogni documento è stato inserito, effettuare la stampa del documento, effettuare il download di uno o di tutti i documenti risultanti dalla ricerca effettuata; La ricerca potrà essere effettuata per codice fiscale, cognome e nome. In caso di risultato plurimo, sarà visualizzata una schermata con un elenco di record rispondenti ai criteri di selezione, altrimenti saranno visualizzati direttamente i dati inerenti la ricerca. Per selezionare una pratica dalla lista in caso di risultato plurimo, basterà fare doppio clic sulla partita prescelta. 4. LE PROCEDURE DI ACQUISIZIONE 4.1. Descrizione delle procedure operative A garanzia che nessun individuo possa singolarmente compromettere o alterare le fasi di lavorazione oppure svolgere delle attività non autorizzate è previsto di affidare la gestione operativa del sistema a persone diverse con compiti separati e ben definiti, effettuando periodicamente controlli di qualità e/o congruenza in tutte le fasi di lavorazione. Il personale addetto allo svolgimento delle diverse attività è stato selezionato in base alla esperienza, con particolare attenzione alle loro caratteristiche di affidabilità e riservatezza. Prima dell inserimento del personale nell attività operativa sono stati pianificati corsi di formazione per sviluppare la consapevolezza dei compiti assegnati. In particolare, sono realizzati interventi formativi allo scopo di fornire ogni competenza (tecnica, organizzativa e procedurale) necessaria a svolgere al meglio i compiti assegnati Procedura di preparazione del materiale cartaceo Il materiale cartaceo consegnato al Centro Servizi sarà quindi organizzato in buste poste all interno di scatole impilate, a loro volta, su pedane di legno utilizzate per il trasporto. Sarà puntualmente verificata la congruità tra materiale consegnato e materiale dichiarato dalla Bolla che accompagna la spedizione. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 10 di 13

11 L Operatore di Preparazione del materiale cartaceo (OP) prende in consegna una scatola tra quelle impilate sulla pedana dei fascicoli da lavorare. In ogni scatola è presente una scheda riassuntiva, che riportata il numero della scatola e le buste in essa contenute. La prima attività di controllo dell OP è quello di evidenziare discordanze tra scheda e/o elenchi con l effettivo contenuto delle scatole. Al Coordinatore delle Attività (CA) viene segnalata, se esistente, questa non corrispondenza (mancanza o eccedenza) e successivamente il CA evidenzierà tale anomalia al responsabile del CAAF al fine di risolvere l incongruenza trovata. I modelli estratti dalle buste vengono controllati affinché si rispetti l ordine di scansione(730-2, ed eventuali documenti dichiarativi). Individuati all interno delle buste eventuali documenti fiscali attestanti spese in detrazione, l OP eseguirà le procedure che li renderanno conformi all attività di scansione. Nel caso in cui sia necessario, OP provvede all eliminazione dei punti metallici. Le pratiche non saranno riposte nelle buste ma bensì direttamente nelle scatole distinguendole tra loro con appositi separatori che saranno eliminati solo successivamente alla costatazione della buona riuscita delle procedure di scansione. Terminate tutte le attività di controllo e congruità, le scatole contenenti i modelli pronti alla scansione vengono consegnate al primo Operatore di Acquisizione (OA) disponibile per la lavorazione. Terminate le procedure di digitalizzazione, l OP riprende in consegna dal OA il materiale per la ricomposizione delle scatole e provvede alla loro disposizione su una nuova pedana che, distinta da quelle da cui è stata prelevata, riporta indicato lo status di lavorate. Le pedane con tutte le scatole elaborate vengono di seguito trasferite in un ala del locale destinata all uso di magazzino, questa area è distinta dal locale in cui sono presenti le scatole con il materiale da elaborare Procedura di acquisizione L OA prende in consegna la scatola assegnata dall OP, posiziona i documenti sull alimentatore dello scanner, modifica ove necessario i parametri di acquisizione ed infine effettua una prima valutazione qualitativa delle immagini acquisite. In caso di errata acquisizione OA cancella totalmente il documento e ripete completamente la fase di lavorazione. Le immagini acquisite in formato PDF vengono salvate in cartelle sul file system (directory), della postazione server riflettendo la struttura reale in cui è stato organizzato il materiale cartaceo (scatola, faldone, fascicolo). Di seguito viene esplicitata tale struttura: Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 11 di 13

12 scatola o faldone fascicolo All interno della cartella (directory) i documenti vengono denominati con un progressivo univoco crescente Procedura di indicizzazione La procedura di indicizzazione consente di visualizzare i documenti e di effettuare una valutazione qualitativa delle immagini acquisite, nel caso in cui i documenti superino questo controllo di qualità, l OA assegna la classe documentale (codice tipo documento). Nel caso in cui il controllo di qualità non venisse superato, la pratica viene completamente cancellata dal sistema e segnalato al CA per una sua nuova digitalizzazione. Al termine di questa procedura tutti i documenti delle pratiche indicizzate verranno resi disponibili per la fase di firma digitale Procedura di verifica e controlli Il CA recupera le pedane presenti nell ala del magazzino ove è presente il materiale da elaborare; elenca le scatole presenti su ogni singolo pedana, ne tiene traccia su un apposito registro informatico, che contiene le seguenti informazione: numero pedana; elenco scatole; elenco faldoni; Infine assegna il materiale agli OP. Al termine dell elaborazione di tutte le scatole presenti sulla stessa pedana, il CA verifica la corrispondenza tra le scatole lavorate ed il registro informatico, compilato all inizio della fase di lavora-zione. Durante la fase di scansione sono registrate, per ogni immagine, le seguenti informazioni: data ed ora di inizio lavorazione; data ed ora di fine lavorazione; campo note (sul fascicolo). Nella fase di ricomposizione delle pedane viene verificato che tutte le pratiche siano state correttamente lavorate attraverso riscontro sulla base dati. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 12 di 13

13 5. CONSULTAZIONE ON-LINE Tutte le pratiche digitalizzate e archiviate saranno consultabili dai dichiaranti e dal CAAF accedendo alla pagina e immettendo user e password di pertinenza. Tutto il materiale consultabile sarà archiviato secondo quanto stabilito dall Amministrazione Digitale in materia di Archiviazione Ottica Sostitutiva rendendolo quindi conforme all originale. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva 13 di 13

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement

Manuale d uso del Sistema di e-procurement Manuale d uso del Sistema di e-procurement Guida all utilizzo del servizio di generazione e trasmissione delle Fatture Elettroniche sul Portale Acquisti in Rete Data ultimo aggiornamento: 03/06/2014 Pagina

Dettagli

ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO

ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO Capitolato tecnico per l'affidamento della fornitura di creazione di una banca dati, tramite digitalizzazione delle schede individuali e dei fogli di famiglia del servizio

Dettagli

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: White Paper Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: Pagina 2 di 12 Versione 2.0 Sommario Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:... 1... 1 White Paper... 1 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

La conservazione sostitutiva dei documenti

La conservazione sostitutiva dei documenti Conservazione dei documenti 1/3 La conservazione sostitutiva dei documenti Corso di Informatica giuridica a.a. 2005-2006 I documenti degli archivi, le scritture contabili, la corrispondenza e gli atti,

Dettagli

K-Archive. Conservazione Sostitutiva

K-Archive. Conservazione Sostitutiva K-Archive per la Conservazione Sostitutiva Descrizione Prodotto Per informazioni: MKT Srl Corso Sempione 33-20145 Milano Tel: 02-33104666 FAX: 20-70039081 Sito: www.mkt.it Email: ufficio@mkt.it Copyright

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative Relatore Avv. Valentina Frediani 2 La conservazione elettronica dei documenti e le formalità da rispettare L argomento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 220/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.M. 23 gennaio 2004, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 220/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.M. 23 gennaio 2004, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 220/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 agosto 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Conservazione sostitutiva dei documenti analogici

Dettagli

Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A.

Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A. CONI SERVIZI S.P.A. Largo Lauro De Bosis n 15, 00135 Roma Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A. Istruzioni operative per la presentazione telematica delle offerte Istruzioni operative gare pubbliche

Dettagli

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono creare, emettere, gestire, archiviare e conservare fatture

Dettagli

LA SMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALI

LA SMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALI PRESENTA LA SMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALI CONSERVAZIONE ELETTRONICA: LA NORMATIVA Ai fini tributari, l emissione, la conservazione e l esibizione di documenti sotto forma di documenti informatici,

Dettagli

Gestione documentale e Conservazione Sostitutiva a norma CNIPA. L esperienza di Postecom

Gestione documentale e Conservazione Sostitutiva a norma CNIPA. L esperienza di Postecom Gestione documentale e Conservazione Sostitutiva a norma CNIPA L esperienza di Postecom Roma, 15 maggio 2008 Postecom: 7 anni di gestione documentale 2 2001 Lancio servizio Bollettino Report per la pubblicazione

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA I documenti contabili e fiscali rappresentano circa l 80% dei documenti prodotti da un azienda, dunque rappresentano anche il maggior costo di gestione documentale. Se l azienda

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

MANUALE DI CONSERVAZIONE

MANUALE DI CONSERVAZIONE AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA DI SPILIMBERGO Azienda pubblica di servizi alla persona ex L.r. 19/2003 Viale Barbacane, 19-33097 Spilimbergo PN Tel. 0427 2134 Fax 0427 41268 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE

Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 16 Indice 1 Introduzione...3 2 Genera certificato...4 3 Sospendi certificato...10 4 Riattiva certificato...12 5 Revoca certificato...14

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 11 marzo 2008 SEERVIIZZIIO TTEELLEEMATTIICO M DOGANALLEE G Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione

Dettagli

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) L AGENZIA DELLE ENTRATE CON IL PROVVEDIMENTO DIRETTORIALE DEL 23 FEBBRAIO 2015 HA DEFINITO LE MODALITA TECNICHE PER VISUALIZZARE

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 25 febbraio 2010 SERVIIZIIO TELEMATIICO DOGANALE Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione al servizio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT. N. 2010/143663 Provvedimento attuativo della comunicazione dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, ai sensi dell articolo 5 del decreto 23 gennaio 2004. IL DIRETTORE

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati RISOLUZIONE N. 52/E Roma, 17 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

Dettagli

Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione. Versione 1.0

Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione. Versione 1.0 Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione Versione 1.0 ANNO 2007 INDICE INTRODUZIONE... 3 CAP 1. REQUISITI E MODALITA DI ACCESSO... 4 CAP 1.1 MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Prot. n. 4519 del 12/10/2015 MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO PREMESSA II presente manuale, previsto dall'art. 5 del DPCM 3 dicembre 2013, descrive il sistema di gestione e di conservazione

Dettagli

COMUNE DI SINNAI (Provincia di Cagliari)

COMUNE DI SINNAI (Provincia di Cagliari) COMUNE DI SINNAI (Provincia di Cagliari) SETTORE ECONOMICO SOCIALE, PUBBLICA ISTRUZIONE,CULTURA, BIBLIOTECA E POLITICHE DEL LAVORO Istruzioni operative per l iscrizione al Portale SardegnaCAT e l accesso

Dettagli

LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI. 16 gennaio 2009

LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI. 16 gennaio 2009 LA VERIFICA FISCALE SUI DOCUMENTI INFORMATICI 16 gennaio 2009 Premessa La dematerializzazione dei documenti: esigenze comuni alle imprese e all Amministrazione Finanziaria; DM 23/01/2004; Delibera CNIPA

Dettagli

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE - CREDENZIALI DI ACCESSO E REGISTRAZIONE NELL AREA RISERVATA - COMPILAZIONE DOMANDA ISCRIZIONE - FIRMA

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

CONTROLLATA. CEO. Programma ECDL. P. Schgör

CONTROLLATA. CEO. Programma ECDL. P. Schgör Pag. 1 di 9 REVISIONI 1 08/10/2009 Prima emissione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA CONTROLLATA APPROVATA Funzione Responsabile della Funzione Qualità CEO. Programma ECDL Direttore Nome P.

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 18-01-2010 Messaggio n. 1715 OGGETTO: Nuovo servizio online per le Aziende e i Consulenti:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 196/E. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione del DM 23/01/2004, è stato esposto il seguente QUESITO

RISOLUZIONE N. 196/E. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione del DM 23/01/2004, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 196/E Roma, 30 luglio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 D.M. 23 gennaio 2004 conservazione sostitutiva

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 23 gennaio 2004: Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto. (Pubblicato nella G.U. n. 27 del 3 febbraio

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con delibera di Giunta Municipale n. 9 del 10.01.2011 INDICE 1. Premessa 2. Accesso al servizio 3. Finalità della

Dettagli

MODELLI 730 ISPEZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOTE OPERATIVE

MODELLI 730 ISPEZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOTE OPERATIVE MODELLI 730 ISPEZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOTE OPERATIVE La nostra attività, come a tutti voi noto, è soggetta vigilanza da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze. Questa attività si

Dettagli

Conservazione elettronica della fatturapa

Conservazione elettronica della fatturapa Conservazione elettronica della fatturapa Tanti i dubbi legati agli adempimenti amministrativi e in Unico 2015. Lo scorso 31.03.2015 si è realizzato il definitivo passaggio dalla fattura cartacea a quella

Dettagli

LA SOLUZIONE PROPOSTA E L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO Luisa Semolic Insiel S.p.A.

LA SOLUZIONE PROPOSTA E L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO Luisa Semolic Insiel S.p.A. LA SOLUZIONE PROPOSTA E L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO Luisa Semolic Insiel S.p.A. Udine, 11 giugno 2013 Il processo Sistemi documentali Sistema di conservazione Documenti archiviati Presa in carico e controllo

Dettagli

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1 U N I A R C Amministrazione Digitale dei Documenti Nell ambito delle trasformazioni legate alla conversione al digitale della Pubblica Amministrazione e delle Imprese (nuovo Codice dell Amministrazione

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

Fatturazione elettronica con WebCare

Fatturazione elettronica con WebCare Fatturazione Elettronica con WebCare 1 Adempimenti per la F.E. Emissione della fattura in formato elettronico, tramite produzione di un file «XML» nel formato previsto dalle specifiche tecniche indicate

Dettagli

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Data Creazione 04/12/2012 Versione 1.0 Autore Alberto Bruno Stato documento Revisioni 1 Sommario 1 - Introduzione... 3 2 - Attivazione

Dettagli

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2004 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di (G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro Direzione RSPP Responsabile Ufficio Tecnico Responsabile Ufficio Ragioneria (Ufficio Personale) Ufficio Segreteria

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro Direzione RSPP Responsabile Ufficio Tecnico Responsabile Ufficio Ragioneria (Ufficio Personale) Ufficio Segreteria Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione dei documenti e del 06/05/2013 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Presentazione delle Domande del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario Inserimento semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli

Dettagli

SCHEMA DI DELIBERAZIONE

SCHEMA DI DELIBERAZIONE Allegato al verbale dell'adunanza AIPA del 17 ottobre 2001 SCHEMA DI DELIBERAZIONE Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei

Dettagli

programma di informatica e sistemi informativi

programma di informatica e sistemi informativi programma di informatica e sistemi informativi Catania, 18 giugno 2008 1 Programma per gli esami di abilitazione nozioni di base di informatica: bit, Byte, Ram, Rom, linguaggi di programmazione, funzionamento

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet.

Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet. Prestazioni a sostegno del reddito Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet. - ASpI Descrizione del servizio Premessa Questo servizio rende possibile l invio e l istruzione automatica

Dettagli

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI CATALOGAZIONE, ARCHIVIAZIONE, GESTIONE E CONSULTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CIG:

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione del DM 23/01/2004, è stato esposto il seguente QUESITO

RISOLUZIONE N. 195/E. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione del DM 23/01/2004, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 195/E Roma, 30 luglio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 D.M. 23 gennaio 2004 conservazione sostitutiva

Dettagli

SPAZIOZERO SERVIZIO DI ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI CARTACEI

SPAZIOZERO SERVIZIO DI ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI CARTACEI SPAZIOZERO DI ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI CARTACEI Obbiettivi del servizio Con la digitalizzazione dell archivio cartaceo di: - Atti di Stato Civile - Cartellini Carte Identità - Cartellini Individuali

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

Linee guida delle procedure descritte nel presente manuale

Linee guida delle procedure descritte nel presente manuale Linee guida delle procedure descritte nel presente manuale 1. Registrazione utenti Per essere abilitati all invio delle comunicazioni è necessario che il datore di lavoro (soggetto obbligato) o suo delegato

Dettagli

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI Istruzioni per la chiusura degli archivi Versione n. 2014.11.19 Del: 19/11/2014 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato da: Claudio Caprara Categoria: File

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico domande di nulla osta al lavoro, al ricongiungimento familiare e conversioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO DELLE PRATICHE TRAMITE PEC AL SUAP DEL COMUNE DI SESTO FIORENTINO

ISTRUZIONI PER L INVIO DELLE PRATICHE TRAMITE PEC AL SUAP DEL COMUNE DI SESTO FIORENTINO ISTRUZIONI PER L INVIO DELLE PRATICHE TRAMITE PEC AL SUAP DEL COMUNE DI SESTO FIORENTINO [Istruzioni versione 25.10.2012 Le parti in giallo sono state introdotte con la presente versione] PREMESSA Le istruzioni

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/5 OGGETTO CONSERVAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE (DOCUMENTI INFORMATICI) CLASSIFICAZIONE DT IVA FATTURAZIONE ELETTRONICA 20.020.021 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 1 CO. 209-214 L. 24.12.2007 N. 244 (LEGGE

Dettagli

Accreditamento al SID

Accreditamento al SID Accreditamento al SID v. 3 del 22 ottobre 2013 Guida rapida 1 Sommario Accreditamento al SID... 3 1. Accesso all applicazione... 4 2. Richieste di accreditamento al SID... 6 2.1. Inserimento nuove richieste...

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

Sostituto abilitato Entratel con più sedi: ricezione diretta e incarico ad intermediario abilitato

Sostituto abilitato Entratel con più sedi: ricezione diretta e incarico ad intermediario abilitato FAQ Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi ai mod.

Dettagli

Manuale informativo per l utilizzo del Servizio di Firma Elettronica Avanzata (FEA) e Servizio Dematerializzazione Documenti

Manuale informativo per l utilizzo del Servizio di Firma Elettronica Avanzata (FEA) e Servizio Dematerializzazione Documenti Manuale informativo per l utilizzo del Servizio di Firma Elettronica Avanzata (FEA) e Servizio Dematerializzazione Documenti Documento predisposto ai sensi dell art. 57 commi 1 e 3 del DPCM 22.2.2013 Regole

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA

Dettagli

3. RICHIESTA RIMBORSO SPESE SANITARIE

3. RICHIESTA RIMBORSO SPESE SANITARIE 3. RICHIESTA RIMBORSO SPESE SANITARIE Si ricorda che le richieste di rimborso delle prestazioni sanitarie devono essere conformi al Regolamento Programmi Sanitari CADGI. In caso contrario la richiesta

Dettagli

DOCUVISION IL DOCUMENTALE DI PASSEPARTOUT

DOCUVISION IL DOCUMENTALE DI PASSEPARTOUT DOCUVISION IL DOCUMENTALE DI PASSEPARTOUT La App Documentale (detta anche Docuvision) permette di attivare il modulo tramite il quale si possono acquisire direttamente i documenti prodotti da Mexal Express

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

ARCHIVIAZIONE E. Obblighi & Opportunità. 8 Gennaio 2010

ARCHIVIAZIONE E. Obblighi & Opportunità. 8 Gennaio 2010 ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Obblighi & Opportunità 8 Gennaio 2010 Conservazione di documenti dal 2000 al 2006 2 MEMORIZZAZIONE, ARCHIVIAZIONE, CONSERVAZIONE 3 COSA SERVE 4 DOCUMENTO INFORMATICO

Dettagli

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva Manuale d uso Fatturazione elettronica attiva Prima FASE Data Versione Descrizione Autore 10/03/2015 Versione 2.0 Manuale Utente Patrizia Villani 28/05/2015 Versione 3.0 Revisione Manuale Utente Patrizia

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica:

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica: Fino ad oggi le imprese ed i loro intermediari evadevano gli obblighi riguardanti il Registro delle Imprese, l Agenzia delle Entrate, l INAIL e l INPS con procedure diverse per ogni Ente e, soprattutto,

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001

Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001 Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001 Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei

Dettagli

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO 5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO In questo capitolo tratteremo: a) dello scarico della pratica, b) della predisposizione della distinta di accompagnamento e c) di tutte

Dettagli

TRA. Il., di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da. in qualità di. nato a e residente in via..a questo atto autorizzato con

TRA. Il., di seguito per brevità denominato Ente, rappresentato da. in qualità di. nato a e residente in via..a questo atto autorizzato con CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI VALMADRERA E. (PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, GESTORI E CONCESSIONARI DI PUBBLICI SERVIZI, ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO) PER L ACCESSO IN CONSULTAZIONE ALLA BANCA DATI ANAGRAFICA.

Dettagli

F24 WEB PAGAMENTO ELETTRONICO IMPOSTE E CONTRIBUTI

F24 WEB PAGAMENTO ELETTRONICO IMPOSTE E CONTRIBUTI F24 WEB PAGAMENTO ELETTRONICO IMPOSTE E CONTRIBUTI NOTE OPERATIVE 1. PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO F24 WEB 1.1 Descrizione del Servizio 1.2 A chi si rivolge 1.3 Principali vantaggi 2. SOGGETTI COINVOLTI NEL

Dettagli

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 23-09-2015 Messaggio n. 5864 OGGETTO: Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche trasmesse

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI INDICE 1 di 9 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1. Redazione e identificazione 5.2. Controllo e verifica 5.3. Approvazione 5.4.

Dettagli

Applicativo PSR 2007-2013

Applicativo PSR 2007-2013 Applicativo PSR 2007-203 Manuale per la compilazione delle domande di acconto/saldo del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-203 Reg. (CE) n. 698/2005 INDICE Quadri di accesso al sistema Pag. 3 Quadro

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli e visualizzazione

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

ACCORDO PER LA ESAZIONE TELEMATICA DEL DIRITTO DI SEGUITO

ACCORDO PER LA ESAZIONE TELEMATICA DEL DIRITTO DI SEGUITO Pag. 1 di 5 ACCORDO PER LA ESAZIONE TELEMATICA DEL DIRITTO DI SEGUITO Tra la Società Italiana degli Autori ed Editori S.I.A.E. (di seguito per brevità chiamata S.I.A.E.), con sede in Viale della Letteratura

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 39 INDICE 1. PREMESSA 4 2. INSTALLAZIONE 5 3. ESECUZIONE 6 4. STRUTTURA DELLE CARTELLE 7 5. CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

COMMUNE DE QUART COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA VALLÉE D AOSTE

COMMUNE DE QUART COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA VALLÉE D AOSTE COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA COMMUNE DE QUART VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ONLINE Approvato con deliberazione della Giunta comunale n.16 del 2 marzo 2012 avente

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Le novità in tema di impronte degli archivi

Le novità in tema di impronte degli archivi Convegno organizzato da Associazione ICT Dott.Com Le novità in tema di impronte degli archivi Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 23 novembre 2012

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi. Dott.sa Paola Callegari

La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi. Dott.sa Paola Callegari La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi Dott.sa Paola Callegari Fatturazione Elettronica Emissione/ Trasmissione Archiviazione Conservazione CHIAVI

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010 Art. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.L.vo 22 gennaio 2004 n. 42 e dl DPR 28

Dettagli