SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI. del 31 maggio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI. del 31 maggio 2015"

Transcript

1 ... MARZO (giorno di pubblicazione del decreto)... MARZO (5 giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto) Domenica 5 APRILE ( 56 giorno precedente la data delle votazioni) Da Lunedì 6 APRILE A Venerdì 5 GIUGNO ( 55 giorno precedente la data delle votazioni e fino al 5 giorno successivo alla stessa) APRILE... APRILE (15 giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi)... APRILE (20 giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi) SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI del 31 maggio 2015 Pubblicazione sul BUR del decreto di convocazione dei comizi per la elezione dei consigli Regionali. L Amministrazione comunale deve procedere ad una attenta revisione degli infissi e delle porte di accesso ai locali destinati a sede degli uffici di sezione (istruzioni ministeriali). Scade il termine per: Determinazione del responsabile del servizio di Costituzione dell ufficio elettorale comunale. Prima tornata della revisione dinamica straordinaria delle liste elettorali. (1 Turno) Lavoro straordinario dei dipendenti comunali: determinazione del responsabile del servizio di autorizzazione al personale comunale a compiere lavoro straordinario nei termini, nei limiti e per la durata di legge. (D.L , n. 8, conv. con modif. in legge , n. 63 e modif. con legge , n Legge stabilità 2014) Accertamento da parte del Sindaco (o di un assessore da lui delegato) con l assistenza del segretario comunale, della esistenza e del buono stato del materiale occorrente per l arredamento dei seggi elettorali, nonché delle urne, delle cabine, ecc... (art. 33, primo comma, del T.U. n. 361, modificato dall art. 1, lett. r), della legge 23 aprile 1976, n. 136). Spedizione, con il mezzo più celere, a cura dei Comuni di iscrizione elettorale, della cartolina-avviso (Modd. A, B e C) agli elettori residenti all estero (art. 6, della legge n. 40/1979, art. 50, legge 18/79 e art. 1, lett. b), del D.L , n. 300). Cod REG/COM 16 APRILE (45 giorno precedente... APRILE (5 giorno successivo a quello di pubblicazione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali) Pubblicazione del manifesto di assegnazione dei seggi alle circoscrizioni elettorali regionali (12 AR) Affissione, a cura del Sindaco, del manifesto di convocazione dei comizi elettorali per le elezioni amministrative (art. 18, 1 comma, del T.U. 16 maggio 1960, n. 570 e successive modificazioni; art. 8, 2 comma, della legge 8 marzo 1951, n. 122, e art. 13, 4 comma, L. 142/1990, come sostituito dall art. 10, L. 81/1993 e art. 1 D.P.R. 132/93); Dare assicurazione alla Prefettura dell avvenuta affissione dei manifesti. Scadenza del termine: (Seconda tornata della revisione dinamica straordinaria) a) per le cancellazioni da apportare alle liste elettorali degli elettori che abbiano perduto la cittadinanza italiana o che siano incorsi nella perdita del diritto elettorale in seguito a sentenza o ad altro provvedimento definitivo dell Autorità giudiziaria (art. 32, quarto comma, del T.U. 223/1967, come sostituito dall art. 2 della legge 7 febbraio 1979, n. 40); b) per la iscrizione degli elettori che hanno trasferito la residenza nel Comune (art. 32, quarto comma, del T.U. n. 223/1967, come sostituito dall art. 2 della legge n. 40/1979); c) per le variazioni da apportare alle liste in seguito al trasferimento di abitazione, da parte di elettori, nella circoscrizione di altra sezione del Comune (art. 41 del T.U. n. 223/1967); d) per l iscrizione nelle apposite liste elettorali aggiunte, dei cittadini dell Unione europea residenti in Italia, i quali abbiano presentato la relativa domanda. Da questo momento: ove pervengano provvedimenti da cui risulti la perdita del diritto elettorale a carico di elettori, notificare agli interessati stessi l esclusione dalla votazione e procede al ritiro della tessera elettorale (art ter, T.U. 223, come introdotto dall art. 10 della legge n. 15/92). N.B: La revisione straordinaria delle liste elettorali dovrà ovviamente riguardare anche le liste elettorali aggiunte per la Regione Trentino A.A. istituite dall art. 3 del decreto del Presidente della Repubblica 1 febbraio 1973, n. 50, modificato dal D.P.R. 15 luglio 1988, n. 295, ( 41 circ. 2397/AR), nonché di quelle aggiunte per la Regione Valle d Aosta, istituite con D.L. 22/04/94, n Termine entro il quale i cittadini di uno Stato membro dell Unione europea, che intendano partecipare alle elezioni comunali del Comune in cui sono residenti, devono presentare al sindaco una domanda di iscrizione nella lista elettorale aggiunta istituita presso lo stesso Comune. (Art. 3, comma 1, del decreto legislativo 12 aprile 1996, n. 197).

2 Martedì 21 APRILE (40 giorno antecedente APRILE (10 giorno successivo a quello in cui è stato pubblicato il manifesto di convocazione dei comizi elettorali e 35 giorno antecedente Da Martedì 28 APRILE A 30 APRILE (Dal 33 al 31 giorno antecedenti Da Martedì 28 APRILE A 2 MAGGIO 30 APRILE (31 giorno antecedente Venerdì 1 MAGGIO (30 giorno precedente Da oggi, gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l allontanamento dall abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l ausilio dei servizi di cui all articolo 29 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e gli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l allontanamentoi dall abitazione in cui dimorano, sono ammessi al voto nelle predette dimore, possono far pervenire al Sindaco del comune di iscrizione elettorale una dichiarazione in carta liberra attestante la volontà di esprimere il voto presso l abitazione in cui dimorano (art. 1, comma 1 e 3, del D.L. 3 gennaio 2006, n. 1, conv. con modificazioni dalla legge , n. 22 e succ. modificata dalla legge 7 maggio 2009, n. 46). Compilazione, da parte del Responsabile dell ufficio elettorale comunale, di un elenco in triplice copia dei cittadini che, pur essendo compresi nelle liste elettorali, non avranno compiuto il 18 anno di età nel giorno della votazione (Art. 33, primo comma, del testo unico sull elettorato attivo, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223, e successive modificazioni). Una copia dell elenco è immediatamente trasmessa dal sindaco alla Commissione elettorale circondariale la quale depenna, dalle liste sezionali destinate alla votazione, i nominativi dei cittadini compresi nell elenco. (Art. 33, secondo comma, del testo unico 20 marzo 1967, n. 223). Pubblicazione della seconda copia dell elenco nell Albo pretorio. (Art. 33, terzo comma, del testo unico 20 marzo 1967, n. 223). Deposito della terza copia dell elenco nella segreteria del Comune. (Art. 33, terzo comma, del testo unico 20 marzo 1967, n. 223). Delimitazione e ripartizione da parte della giunta comunale, degli spazi da destinare alle affissioni di propaganda elettorale, che saranno effettuate da parte di coloro che partecipano alla competizione elettorale con liste o gruppi di candidati. (Articoli 2, 3 e 4 della legge 4 aprile 1956, n. 212, e successive modificazioni). Allo scopo di garantire l immediato rilascio dei certificati di iscrizione nelle liste elettorali e l espletamento degli altri servizi necessari ai relativi procedimenti elettorali, gli uffici interessati alle consultazioni comunali e/o regionali, dovranno rimanere aperti nei giorni: martedì 28, mercoledì 29 e giovedì 30 anche nelle ore pomeridiane e nei giorni: venerdì 1 dalle ore 8.00 alle ore e sabato 2 dalle ore 8.00 alle ore Scadenza del termine entro il quale la giunta comunale delimita e ripartisce gli spazi da destinare alle affissioni di propaganda elettorale. (Articoli 2, 3 e 4 della legge 4 aprile 1956, n. 212, e successive modificazioni). Dalle ore 8.00 di oggi e sino alle ore di domani, inizio del termine per la presentazione alla Segreteria del Comune, delle candidature alla carica di Sindaco, delle liste per la elezione del Consiglio Comunale (Artt. 28 e 32 del T.U. n. 570/1960 e succ. modd; artt. 5 e 6 legge 25 marzo 1993, n. 81; art. 13, comma 4, legge 142/1990 e paragrafi 9 e segg. Pubb. min. n. 5); Entro lo stesso giorno il segretario comunale invia alla Commissione elettorale circondariale gli atti relativi alle candidature e alle liste presentate per l elezione diretta del sindaco e del consiglio comunale. (Per le elezioni comunali nei Comuni con popolazione superiore a abitanti: artt. 28, ultimo comma e 32, ultimo comma, del testo unico 16 maggio 1960, n. 570, e successive modificazioni); Scadenza del termine per le riparazioni e le integrazioni del materiale di arredamento dei seggi; Scadenza del termine per la nomina, da parte dei Presidenti delle Corti di appello, dei Presidenti di seggio (art. 35, primo comma, del T.U. n. 361); Scadenza del termine per la iscrizione nelle liste elettorali di cittadini per motivi diversi dal compimento del 18 anno di età o per riacquisto del diritto elettorale in seguito a cessazione di cause ostative (art. 32, n. 5, primo comma, del T.U. n. 223, come modificato dall'art. 2 della legge n. 40); Da oggi: Inizio della propaganda elettorale negli appositi spazi a ciò riservati, e divieto di ogni forma di propaganda luminosa o figurativa a carattere fisso (art. 4 legge 130/1975); Inizio del divieto di ogni forma di propaganda elettorale luminosa o figurativa e del lancio di volantini (art. 4, Legge n. 130/1975); Inizio della facoltà di tenere riunioni elettorali e comizi senza il preventivo avviso al Questore (art. 6, Legge n. 212/1968 come sostituito dall art. 7 della Legge n. 130/1975) 2 MAGGIO (29 giorno precedente Ore 12.00: Scade il termine per la presentazione, alla Segreteria del Comune, delle candidature e delle liste per la elezione del Consiglio Comunale (artt. 28 e 32 del T.U. 570/1960, come sostituiti dall art. 4, commi 9 e 10, L. 271/1991); Ore 24.00: Scadenza del termine per la trasmissione alla C.E.Circ. a cura del Segretario comunale, delle candidature e delle liste depositate per la elezione del Consiglio Comunale (artt. 28, 32, ultimi commi, T.U. n. 570/1960 e succ. modd.);

3 Domenica 3 MAGGIO (28 giorno precedente 7 MAGGIO (24 giorno precedente quello DA: Mercoledì 6 MAGGIO ED Lunedì (Dal 25 al 20 giorno precedente Lunedì (20 giorno precedente quello Lunedì (20 giorno precedente quello 16 MAGGIO (15 giorno precedente 21 MAGGIO (10 giorno precedente quello Entro le ore di oggi: Esame di approvazione, da parte della C.E.Circ. delle candidature alla carica di Sindaco e delle liste dei candidati per la elezione del Consiglio Comunale (artt. 30 e 33 T.U. n. 570/1960 e succ. modd.); Nei due giorni successivi alla ricezione delle comunicazioni delle candidature e delle liste ammesse (art. 5, Legge n. 212/1956 come sostituito dall art. 3 della legge n. 130/1975) la Giunta comunale deve: a) stabilire gli spazi per la propaganda elettorale (art. 2); b) delimitare, ripartire ed assegnare gli spazi per la propaganda (art. 3); La Commissione elettorale comunale, in pubblica adunanza, preannunziata due giorni prima con manifesto affisso all Albo pretorio del comune, alla presenza dei rappresentanti di lista della prima sezione del comune, se designati, procede: alla nomina di un numero di nominativi compresi nell albo degli scrutatori di cui all art. 1, della legge 8/3/1989, n. 95 come sost. dall art. 9, comma 1, della legge 30/4/1999, n. 120, pari al numero di quelli occorrenti per la costituzione dei seggi e graduatoria riserve (art. 6, legge 95/1989, come sost. dall art. 9, punto 4, della legge 21/12/2005, n. 207). La notifica delle nomine è fatta non oltre il 15 giorno antecedente la data delle elezioni. Scadenza del termine per la comunicazione da parte del Presidente della Corte d'appello ai Comuni della propria giurisdizione, dell'elenco delle persone nominate Presidenti di seggio (art. 35, quarto comma, del T.U. n. 361). Il Sindaco predispone un elenco di persone idonee a ricoprire la carica di Presidente di seggio in caso di impedimento di quelli nominati dalla Corte di Appello. (art. 1, lett. e), D.L. 187/1994). Scade il termine in cui gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l allontanamento dall abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l ausilio dei servizi di cui all articolo 29 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e gli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l allontanamentoi dall abitazione in cui dimorano, sono ammessi al voto nelle predette dimore, possono far pervenire al Sindaco del comune di iscrizione elettorale una dichiarazione in carta liberra attestante la volontà di esprimere il voto presso l abitazione in cui dimorano (art. 1, comma 1 e 3, del D.L. 3 gennaio 2006, n. 1, conv. con modificazioni dalla legge , n. 22 e succ. modificata dalla legge 7 maggio 2009, n. 46). Il responsabile dell ufficio elettorale comunale, provvede alla revisione straordinaria delle liste elettorali per la cancellazione degli elettori deceduti (art. 32, primo comma, n. 5, del T.U. n. 223/1967, come sostituito dall'art. 2 legge n. 40/1979), nonché al blocco delle liste ( 130, circ. 2600/L dell' 1/2/1986); Il Sindaco provvederà d'ora in poi al ritiro delle tessere elettorali relative ad elettori nel frattempo deceduti; Scade il termine per: Attuazione delle variazioni alle liste elettorali per morte degli elettori; Notifica della nomina agli scrutatori scelti dall albo (art. 6, primo comma, legge 95/1989). Entro 48 ore dalla notifica della nomina, gli eventuali rinunciatari devono comunicare il loro grave impedimento al Sindaco od al Commissario, che provvede a sostituirli; Invio alla C.E. Circ. delle eventuali proposte di variazione dei luoghi di riunione degli elettori, in conseguenza di sopravvenute gravi circostanze (art. 38, terzo comma, del T.U. n. 223, come modificato dalla Legge 244/1989); 23 MAGGIO (8 giorno precedente quello Martedì 26 MAGGIO (5 giorno precedente quello Affissione all Albo Pretorio ed in altri luoghi pubblici, a cura del Sindaco, del manifesto recante i nomi dei candidati alle elezioni regionali, con relativi contrassegni e numeri d ordine (art. 11, della legge n. 108/1968, come sostituito dall art. 13, comma 7, legge 53/1990 e succ. modificazioni). Affissione all Albo Pretorio ed in altri luoghi pubblici, a cura del Sindaco, del manifesto recante i nomi dei candidati alla carica di Sindaco e le liste dei candidati per le elezioni comunali (artt. 31, primo comma, e 34, primo comma, del T.U. n. 570 ed art. 4 D.P.R. n. 132/1993); Trasmissione al Sindaco, da parte del Presidente della Commissione (o sottocommissione) elettorale circondariale, di un esemplare delle liste di sezione autenticate per la votazione (art. 18, secondo comma, del T.U. n. 570/1960). Scadenza del termine entro il quale la C.E.Circ. decide sulle eventuali proposte del responsabile dell ufficio elettorale comunale di variazione dei luoghi di riunione degli elettori, in conseguenza di sopravvenute gravi circostanze (art. 38, penultimo ed ultimo comma, del T.U. n. 223)

4 28 MAGGIO (3 giorno precedente quello Scadenza del termine (non perentorio) entro cui gli elettori ricoverati in luoghi di cura ed i detenuti aventi diritto al voto devono inviare al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, la richiesta di esercitare il diritto di voto nel luogo di degenza o nel luogo di detenzione (art. 42, secondo comma, del T.U. n. 570/1960 e artt. 8 e 9 della legge 23 aprile 1976, n. 136); Entro oggi: il Sindaco od il Commissario notificano agli interessati l avvenuta nomina a scrutatore di seggio elettorale, in sostituzione di eventuali rinunciatari per grave impedimento. (art. 6, della legge 8 marzo 1989, n. 95, come sostituito dall art. 9, comma 4 della legge 21/12/2005, n Trasmissione al Sindaco, da parte della Commissione elettorale circondariale per la consegna al presidente di ogni seggio elettorale, dell elenco dei delegati autorizzati a designare, per l elezione diretta del sindaco e del consiglio comunale, i rappresentanti delle liste dei candidati presso il seggio (anche per l eventuale turno di ballottaggio). (Art. 35, primo comma, del testo unico 16 maggio 1960, n. 570) Venerdì 29 MAGGIO Scadenza del termine per la presentazione al Segretario Comunale delle designazioni dei rappresentanti di lista presso gli uffici elettorali di sezione, il quale ne curerà la trasmissione ai competenti Presidenti di seggio elettorale; Tale designazione potrà essere presentata direttamente ai Presidenti di sezione il sabato purché prima dell'inizio della votazione (art. 25 T.U. n. 361, come mod. e integrato dall art. 1, legge 136/1976 e art. 35, secondo comma, T.U. 570/1960). Scadenza del termine (non perentorio) per la compilazione, a cura del Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti gli elettori che hanno chiesto di votare nel luogo di cura o di detenzione, degli elenchi dei richiedenti stessi da consegnare ai Presidenti delle sezioni elettorali di competenza e rilascio agli interessati dell'attestazione di avvenuta inclusione nei suddetti elenchi (art. 42 e succ. modd. T.U. 570/1960); Pubblicazione del manifesto con cui il Sindaco dà notizia agli elettori delle eventuali variazioni apportate alle sedi delle sezioni elettorali (art. 38, ultimo comma, del T.U. n. 223); Scadenza del termine per l'attuazione delle variazioni da apportare alle liste di sezione, da parte della Commissione elettorale circondariale, in conseguenza di errori materiali di scritturazione od omissioni di nomi di elettori regolarmente iscritti nelle liste generali (art. 40, ultimo comma, del T.U. n. 223). (2 giorno precedente DA: Venerdì 29 MAGGIO sino a Domenica 31 MAGGIO (A decorrere dal 2 giorno antecedente quello della votazione sino al giorno della votazione compreso) Inizio del divieto di effettuare, nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per la votazione: - i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico; - la nuova affissione di stampati, giornali murali od altri e manifesti di propaganda elettorale; - la propaganda elettorale a mezzo di inserzioni pubblicitarie su quotidiani e periodici o mediante trasmissioni radiotelevisive; - l effettuazione di sondaggi demoscopici sull esito delle elezioni e sugli orientamenti politici degli elettori. (Art. 9 della legge 4 aprile 1956, n. 212, come sostituito dall art. 8 della legge 24 aprile 1975, n. 130; art. 9-bis del decreto-legge 6 dicembre 1984, n. 807, come aggiunto dall articolo unico della legge di conversione 4 febbraio 1985, n. 10; art. 20, comma 1, art. 2 ed art. 6 della legge 10 dicembre 1993, n. 515). Gli uffici elettorali comunali, al fine di rilasciare, previa annotazione in apposito registro, le tessere elettorali non consegnate, il rinnovo o i duplicati delle tessere in caso di deterioramento, smarrimento o furto dell originale, restano aperti: al venerdì e sabato antecedenti alla votazione dalle ore 9 alle ore 18, e la domenica per tutta la durata delle operazioni di voto; (comma 400, lettera g), legge stabilità 27 dicembre 2013, n. 147). 30 MAGGIO (giorno precedente quello di votazione) Da oggi: Inizio del divieto di nuove affissioni di propaganda, di comizi e di riunioni di propaganda, nonché di trasmissioni radiotelevisive di propaganda (art. 9 della legge n. 212, art. 9-bis del decreto legge 6 dicembre 1984, n. 807, convertito con modificazioni, nella legge 4 febbraio 1985, n. 10 e art. 29, L. 25/02/1993, n.81); Scadenza del termine per la presentazione della domanda da parte dei naviganti (marittimi ed aviatori) che si trovano fuori dal Comune di iscrizione elettorale per motivi di imbarco, di votare nel Comune in cui si trovano. Rilascio dei duplicati delle tessere elettorali ai diretti interessati (art. 19, T.U. n. 570). Prima dell insediamennto dei seggi: consegna ai presidenti dei seggi elettorali, a cura dei Sindaci, del materiale occorrente per la votazione e lo scrutinio, nonché degli elenchi degli elettori degenti e dei detenuti aventi diritto al voto che hanno ottenuto l autorizzazione a votare nei luoghi di cura o nel luogo di detenzione e degli altri elenchi previsti dalle istruzioni ministeriali (art. 27, comma 1, ed art. 42, comma 3, del T.U. 570/1960, art. 9 della legge n. 136/1976 e succ. modif. e istruzioni ministeriali). Ore 16.00: Costituzione dell ufficio elettorale di sezione da parte del Presidente (art. 41 del T.U. n. 361/1957 e art. 47, T.U. n. 570/1960 e succ. modificazioni) - Autenticazione e vidimazione delle schede per la votazione.

5 Alle ore 7.00: Ripresa delle operazioni elettorali ed inizio delle operazioni di votazione, che proseguiranno fino alle ore (art. 48 del T.U. n. 570/1960 e comma 399, legge 27 dicembre 2013, n stabilità); N.B.: L Ufficio elettorale comunale è aperto per tutto il periodo delle operazioni di voto per il rilascio dei duplicati, per le comunicazioni alla Prefettura, ecc... (art. 28, primo comma, del T.U. n. 361). Domenica 31 MAGGIO Ore 23.00: Il presidente del seggio ammette a votare gli elettori che, a tale ora, si trovano nei locali del seggio; quindi dichiara chiusa la votazione (art. 1, ultimo comma, della legge 17 febbraio 1968, n. 108, e successive modificazioni; art. 1 della legge 23 febbraio 1995, n. 43; art. 8, secondo comma, della legge 8 marzo 1951, n. 122, e successive modificazioni; artt. 1 e 4 legge 62/2002); Successivamente: Inizio in tutte le sezioni elettorali, delle operazioni di riscontro previste dall art. 53 del T.U. n. 570/1960. Appena compiute le operazioni di riscontro: Il presidente dell ufficio elettorale di sezione organizza lo spoglio delle schede e lo scrutinio dei relativi voti per le elezioni regionali (art. 1, ultimo comma, della legge 17 febbraio 1968, n. 108, e successive modificazioni; art. 1 della legge 23/02/1995, n. 43; art. 26 della legge 08/03/1951, n. 122; artt. 11 e 59, primo comma, del T.U. n. 570/1960; art. 13, comma 1, del D.P.R. 28/04/1993, n. 132). (giorno di votazione) Rinvio delle operazioni di scrutinio, relative alle elezioni comunali, alle ore di lunedì (art. 1, comma 2, D.L. 300/1994). Lunedì 1 GIUGNO (1 giorno successivo quello Mercoledì 3 GIUGNO (3 giorno successivo quello 1 OTTOBRE Ore 14.00: Inizio delle operazioni di scrutinio per le elezioni comunali (art. 1, comma 2, D.L. 187/1994). Restituzione alla Prefettura delle cassettine dei timbri delle sezioni, delle matite copiative usate per la votazione e delle schede di votazione non usate. N.B.: Oltre ai timbri per i seggi, la Prefettura fornirà, ai Presidenti degli Uffici centrali per le elezioni comunali nei comuni con + di ab., il timbro necessario per le proprie operazioni che, in caso di ballottaggio, sarà dai medesimi conservato per il riutilizzo. Per la sua conservazione e restituzione verranno stabilite le opportune intese. Scade il termine per la presentazione del rendiconto da parte del Comune delle spese anticipate per conto dello Stato, pena la decadenza del diritto al rimborso. Elezioni Comunali: PROCLAMAZIONE DEGLI ELETTI A Nei Comuni con popolazione sino a abitanti: Il Presidente della 1 a Sezione riunisce i Presidenti delle altre sezioni e fa la proclamazione degli eletti. In caso di parità di voti ottenuta da due candidati, RIMANDA la proclamazione al termine dello scrutinio della votazione del 2 turno di ballottaggio. (Art. 67, primo comma, del T.U. 16 maggio 1960, n. 570) (Art. 5 della legge 25 marzo 1993, n. 81). Nel caso che il Comune abbia una sola sezione, la proclamazione degli eletti avviene contestualmente alla chiusura dello scrutinio. Elaborazione a cura di: Cantelli A.G.C. - Bologna B Nei Comuni con popolazione superiore a abitanti: L Ufficio centrale proclama gli eletti solo nel caso in cui taluno dei candidati alla carica di Sindaco abbia ottenuto la maggioranza assoluta dei voti validi. In caso contrario il presidente sospende la proclamazione, individua i due candidati alla carica di Sindaco che hanno ottenuto il maggior numero di voti validi e rinvia la proclamazione al termine dello scrutinio della votazione del 2 turno di ballottaggio. (Art. 6, quinto comma, legge 25 marzo 1993, n. 81) (Artt. 72 e 73 del T.U. 16 maggio 1960, n. 570).

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013 ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione Termine entro il quale il Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI Gli articoli riportati, qualora manchi una diversa precisazione, si riferiscono al Testo unico delle leggi regionali sulla composizione ed elezione degli organi delle

Dettagli

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DOMENICA 3 MAGGIO 205 EVENTUALE TURNO DI BALLOTTAGGIO PER L ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI - DOMENICA GIUGNO 205 RIO DEGLI DEGLI UFFICI ELETTORALI COMUNALI E ALTRE SCADENZE

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI COMUNALI DEL 10 MAGGIO 2015

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI COMUNALI DEL 10 MAGGIO 2015 Regione autonoma Trentino Alto Adige GIUNTA REGIONALE Ufficio elettorale Elezioni amministrative Mod. 28-el. Per i comuni della Provincia di Trento CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015. Calendario delle operazioni elettorali

ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015. Calendario delle operazioni elettorali ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 ed eventuale turno di ballottaggio delle elezioni Comunali del 14 GIUGNO 2015 Calendario delle operazioni elettorali Redigere il verbale di assunzione in

Dettagli

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale Calendario delle operazioni elettorali 25 maggio 2014 La presente pubblicazione contiene le scadenze

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale REGIONE SICILIANA Servizio Elettorale PUBBLICAZIONE N. 1 R/bis CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER L ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DI DOMENICA

Dettagli

Prot. n. 2007003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo 2007

Prot. n. 2007003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo 2007 Prot. n. 003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo Ai signori Sindaci e Commissari Straordinari dei Comuni della Provincia Ai Signori Segretari Comunali dei Comuni della Provincia Ai Signori Presidenti delle

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 ed eventuale turno di ballottaggio delle elezioni Regionali e Comunali del 14 GIUGNO 2015

ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 ed eventuale turno di ballottaggio delle elezioni Regionali e Comunali del 14 GIUGNO 2015 ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 ed eventuale turno di ballottaggio delle elezioni Regionali e Comunali del 14 GIUGNO 2015 Calendario delle operazioni elettorali LEGGE REGIONALE 22 maggio

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali. Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali. Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014 Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA NELLE REGIONI EMILIA-ROMAGNA E CALABRIA LORO SEDI AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA DI PALERMO - TRAPANI AI COMMISSARI DEL GOVERNO

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Area II - Raccordo con gli enti locali e consultazioni elettorali Ufficio Elettorale Provinciale Prot. n. 13187/Area II - C.E. Cagliari, 18 febbraio 2008 Circ 3 - CE ex Min. 9/08 Ai Sigg. Sindaci e Segretari

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale PROT. N. 532/2008 AREA II BIS ELETTORALE 18 febbraio 2008 AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MILANO AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MONZA E DELLA BRIANZA ALLA SIG. QUESTORE

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014 Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Circoscrizionale presso il

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI - DOMENICA 5 GIUGNO 2016

ELEZIONI COMUNALI - DOMENICA 5 GIUGNO 2016 ELEZIONI COMUNALI - DOMENICA 5 GIUGNO ed eventuale turno di ballottaggio delle elezioni Comunali del 19 GIUGNO Calendario delle operazioni elettorali ADEMPIMENTI successivi al decreto di, da adottarsi

Dettagli

CALENDARIO ELETTORALE

CALENDARIO ELETTORALE ELEZIONI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEL CONSIGLIO REGIONALE di domenica 31 maggio 2015 CALENDARIO ELETTORALE Questa pubblicazione contiene il calendario delle operazioni relative all elezione del Presidente

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 9 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO VALENTIA e, per conoscenza,

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 17 / 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Al COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO SEDI TRENTO E BOLZANO

Dettagli

Prefettura di Perugia

Prefettura di Perugia Rispondere a: elettorale.prefpg@pec.interno.it Perugia, 8 aprile 2014 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI - Al Signor Commissario Straordinario del Comune di CANNARA GUALDO TADINO

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia AREA II raccordo con gli enti locali, consultazioni elettorali Pistoia 7 aprile 2014 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDE

Dettagli

Prot. n. 13881/2016 Area II Prefettura di Varese Varese, 2 maggio 2016 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 5 giugno 2016

Dettagli

Prot. n. 12275/2015 Area II Varese, 21 aprile 2015 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 31 maggio 2015 ed eventuale turno

Dettagli

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo AREA II RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI Prot. n. 9329/2014 Ferrara, 9 aprile 2014 Ai Signori Sindaci, Segretari comunali e

Dettagli

Prefettura di Rovigo Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rovigo Ufficio Territoriale del Governo CIRCOLARE N. 17/2014 Prefettura di Rovigo TRAMITE PEC Rovigo, (data del protocollo) All. 1 - AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA L O R O S E D I - AI SIGNORI PRESIDENTI DELLA COMMISSIONE E SOTTOCOMMISSIONI

Dettagli

Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi, Segretari comunali e Responsabili degli uffici elettorali dei Comuni Loro Sedi

Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi, Segretari comunali e Responsabili degli uffici elettorali dei Comuni Loro Sedi Prot.. n. 2059/S.E. Il,9 aprile Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi, Segretari comunali e Responsabili degli uffici elettorali dei Comuni Loro Sedi Ai Sigg. Presidenti della Commissioni

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Circolare n. 13 / 2015 Roma, 15 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Milano, data del protocollo Ufficio elettorale circoscrizionale c/o la Corte d Appello di Ufficio elettorale provinciale c/o il Tribunale di MONZA

Dettagli

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Prefettura di Roma Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Roma Ufficio Territoriale del Governo PEC Roma, data del protocollo AI SIGG.RI SINDACI, COMMISSARI STRAORDINARI E PREFETTIZI DEI COMUNI DI ROMA E PROVINCIA - LORO SEDI AI SIGG.RI SEGRETARI COMUNALI E RESPONSABILI DEI SERVIZI ELETTORALI DEI

Dettagli

Prot. n. 11255/2009 Area II Prefettura di Varese Varese, 17 aprile 2009 Circolare n. 53 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario del Comune di UBOLDO Al Sig. Commissario

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via e-mail Milano, data del protocollo Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Provincia di Milano LORO SEDI Al Sigg.ri Vicesindaci dei Comuni di PERO e ROZZANO

Dettagli

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI Anno 1 - Supplemento al n. 17 mese di Aprile 2013. Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 Editore : Co.Nord - Piazzale Risorgimento, n 14-24128 BERGAMO

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

COMUNE DI GRAFFIGNANO

COMUNE DI GRAFFIGNANO COMUNE DI GRAFFIGNANO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE In vista delle consultazioni elettorali indicate in oggetto, si richiamano di seguito i principali adempimenti prescritti dalla normativa

Dettagli

Calendario delle operazioni elettorali

Calendario delle operazioni elettorali ELEZIONI DEL PARLAMENTO EUROPEO e ELEZIONI COMUNALI DOMENICA 25 MAGGIO 2014 EVENTUALE TURNO DI BALLOTTAGGIO PER L'ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI DOMENICA 8 GIUGNO 2014 Calendario delle operazioni elettorali

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori Presidenti

Dettagli

Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI

Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo Prefettura Perugiia Prot Uscita del 23104!.2015 Numero: 0024540 Classifica: 033.10 f.lf( IIJ JIJI II ~IIHI!I Jlt l J ~ Perugia 23 aprile 2015 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI -

Dettagli

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE ELETTORALE CIRCOSCRIZIONALE presso IL TRIBUNALE DI AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE REGIONALE presso LA CORTE

Dettagli

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO Giorni rispetto alla votazione Entro il 55 giorno Entro il 45 giorno Dalla data di convocazione dei comizi elettorali

Dettagli

Prot. n. 10027/2011 Area II Prefettura di Varese Varese, 28 marzo 2011 Circolare n. 32 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario Straordinario del Comune di MALNATE e, p.c.

Dettagli

PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di Caltanissetta

PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di Caltanissetta Prot. n 88/09/Eu./ S.E. Caltanissetta, lì 09 aprile 2009 FAX URGENTISSIMO AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI AI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI AI SIGG. PRESIDENTI

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015

Area Il bis Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Ai Sigg. Sindaci e Commissari Straordinari Ai Sigg. Segretari Comunali Ai Responsabili degli

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE Tel. 011 9084060 Fax 011 9048763 E-mail: poliziamunicipale@comune.bruino.to.it OGGETTO: VERBALE ASSEMBLEA Il giorno 26 aprile

Dettagli

Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015

Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015 Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci e ai Responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali delle Prefetture

Dettagli

Circolare telegrafica urgentissima n. 7/08 Roma, 11 febbraio 2008 Precedenza assoluta AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA

Circolare telegrafica urgentissima n. 7/08 Roma, 11 febbraio 2008 Precedenza assoluta AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Circolare telegrafica urgentissima n. 7/08 Roma, 11 febbraio 2008 Precedenza assoluta AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO LORO SEDI AL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012)

COMUNE DI ROVIGO. REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012) COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012) TITOLO I CONSULTAZIONE POPOLARE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Iniziativa

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 1/2013 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI LORO SEDI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA - SERVIZI

Dettagli

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale Prot. U. 14054 del 10.1.2014 Prefettura di, data del protocollo Presidente dell Ufficio Elettorale Circoscrizionale presso la Corte d Appello di Roma Presidente dell Amministrazione Provinciale di Sindaci

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO NORME PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO APPROVATE CON DELIBERA DELL'8

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 24 / 2016 Roma, 29 aprile 2016 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA (ESCLUSI I PREFETTI DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA E DELLA SICILIA) LORO SEDI e, per conoscenza: AI PREFETTI DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo Prot. n. 16555 /2014/SE Modena, 8.4.2014 SINDACI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI SEGRETARI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI QUESTORE MODENA COMANDANTE PROVINCIALE CARABINIERI MODENA COMANDANTE PROVINCIALE GUARDIA

Dettagli

A lista d inoltro. Udine, 29 aprile 2016

A lista d inoltro. Udine, 29 aprile 2016 Circolare n. 06/EL A lista d inoltro Udine, 29 aprile 2016 TRASMISSIONE VIA P.E.C. ED E-MAIL oggetto: Elezioni comunali 2016. Disciplina della propaganda elettorale. PREMESSA In vista delle prossime elezioni

Dettagli

Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali

Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali Comune di Torre di Mosto Provincia di Venezia Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali ti aspettano nella tua sezione elettorale per eleggere: 1. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE VENETO 2. IL SINDACO

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA Prot. n. 343 Cagliari, 09/01/2014 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna Ai responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali

Dettagli

A lista d inoltro. Circolare n. 6/EL. Udine, 10 aprile 2014

A lista d inoltro. Circolare n. 6/EL. Udine, 10 aprile 2014 Circolare n. 6/EL A lista d inoltro Udine, 10 aprile 2014 TRASMESSA VIA PEC E E-MAIL oggetto: elezioni comunali 2014. Disciplina della propaganda elettorale. Utilizzo dei locali comunali per i partiti

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 14 Elezione diretta del presidente

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL DIRETTORE (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 15/9/2014) Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento detta le norme per

Dettagli

~w t6m~~"t"othdah/' ~VeMZÒ

~w t6m~~tothdah/' ~VeMZÒ ~~,(aza - ~w t6m~~"t"othdah/' ~VeMZÒ cd~ Prot. n. 2084/s.E. lì, 21.aprile 2015 Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi e Segretari comunali della provincia Loro Sedi Al Presidente dell'ufficio

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA Ufficio elettorale Piazza Sant Anna, 31 Cap. 37040 TEL. 0442/99133 99468 FAX 0442/99268 DETERMINAZIONE N. 30 del 07 aprile 2015 OGGETTO: Consultazioni elettorali

Dettagli

Calendario delle operazioni elettorali

Calendario delle operazioni elettorali REGIONE ABRUZZO Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie, Rapporti Esterni Servizio Legislativo Segretariato Generale della Presidenza Struttura Complessa Attuazione del Programma

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

VIA BELLE ARTI, 54 40126 BOLOGNA ITALIA TEL. 051 4226411 FAX 253032 C.F. 80080230370

VIA BELLE ARTI, 54 40126 BOLOGNA ITALIA TEL. 051 4226411 FAX 253032 C.F. 80080230370 Prot. n. 14279/A18 Bologna, 01/12/2015 IL DIRETTORE Vista la legge 21/12/1999 n. 508; Visto il D.P.R. 28/02/2003 n. 132 Regolamento recante criteri per l autonomia statutaria, regolamentare ed organizzativa

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

IL MINISTRO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO. di concerto con il MINISTRO DI GRAZIA E GIUSTIZIA

IL MINISTRO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO. di concerto con il MINISTRO DI GRAZIA E GIUSTIZIA IL MINISTRO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO di concerto con il MINISTRO DI GRAZIA E GIUSTIZIA Visto l art. 32 del testo unico approvato con Regio Decreto 20 settembre 1934, n. 2011; Visto

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 6 maggio 2015, n. 52. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI. Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti

IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI. Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI 1 Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti all albo degli avvocati, a mezzo di manifesti da affiggersi all interno del Palazzo di Giustizia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REFERENDUM CONSULTIVO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REFERENDUM CONSULTIVO COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME ***** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REFERENDUM CONSULTIVO Art. 1 Il presente Regolamento disciplina i referendum consultivi previsti dell'art.30 dello Statuto. Art.

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI DOMENICA 5 GIUGNO 2016

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI DOMENICA 5 GIUGNO 2016 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLE AUTONOMIE LOCALI SERVIZIO ELETTORALE PUBBLICAZIONE N. 1 bis CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

Osservatorio Legislativo Interregionale

Osservatorio Legislativo Interregionale Le novitàdel sistema elettorale della Lombardia. La legge elettorale regionale «Norme per l elezione del Consiglio regionale e del Presidente della Regione»(l.r. 31 ottobre 2012, n. 17) Ufficio Elettorale

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO 1. COSTITUZIONE. In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - promuovere le politiche di

Dettagli

BANDO. Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari

BANDO. Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari Prot. n. 1331 Affisso all Albo il 12 giugno 2015 Bari, 12 giugno 2015 BANDO Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari IL DIRETTORE VISTA le legge 21 dicembre 1999, n. 508; VISTO il D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole

Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole - L. 56/2014 (cd legge Delrio) e s.m.i - Circolare n. 32/2014 e Circolare 35/2014 del Ministero dell Interno

Dettagli

Elettorale. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf.

Elettorale. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf. Elettorale Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf. Albo scrutatori: creazione, revisione, nomine per Elezioni e relativi verbali,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA (approvato in data 4 luglio 2014 dal Consiglio Direttivo Regionale) Art. 1 Organo elettivo 1) Spetta all Assemblea

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI DOMENICA 11 GIUGNO 2017

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI DOMENICA 11 GIUGNO 2017 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLE AUTONOMIE LOCALI SERVIZIO ELETTORALE PUBBLICAZIONE N. 1 bis CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER

Dettagli

COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI. ART. 1 Disposizioni generali sul referendum

COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI. ART. 1 Disposizioni generali sul referendum COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI ART. 1 Disposizioni generali sul referendum 1. Il presente Regolamento, ai sensi dell art. 8 dello Statuto

Dettagli

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Requisiti generali di iscrizione)

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Requisiti generali di iscrizione) Regolamento regionale recante Registro regionale delle associazioni di promozione sociale e elezione dei rappresentanti presso l Osservatorio regionale (Legge regionale 7 febbraio 2006, n. 7) Art. 1. (Oggetto)

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 136 del 22.11.1996 Modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

VOTARE. Votare: uno dei diritti più importanti ed inviolabili del cittadino, la forma forse più semplice, ma

VOTARE. Votare: uno dei diritti più importanti ed inviolabili del cittadino, la forma forse più semplice, ma VOTARE Votare: uno dei diritti più importanti ed inviolabili del cittadino, la forma forse più semplice, ma fondamentale, di partecipazione alla vita civica. Sia che si tratti di elezioni o di referendum,

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA Pagina 1 di 6 Allegato A al Regolamento Associazione CSV Basilicata REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA Art. 1 Campo di applicazione del Regolamento

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 14 Elezione diretta del sindaco e del consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRIMARIE PER LA SCELTA DEL CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA ALLA CARICA DI PRESIDENTE DELLA REGIONE CALABRIA

REGOLAMENTO PER LE PRIMARIE PER LA SCELTA DEL CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA ALLA CARICA DI PRESIDENTE DELLA REGIONE CALABRIA REGOLAMENTO PER LE PRIMARIE PER LA SCELTA DEL CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA ALLA CARICA DI PRESIDENTE DELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA Le primarie per la scelta del candidato presidente della coalizione

Dettagli

DATA E ORA DI PRESENTAZIONE

DATA E ORA DI PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE DELLE LISTE - ELEZIONI COMUNALI 2015 Tratto dalle Istruzioni Ministeriali 2014 DATA E ORA DI PRESENTAZIONE 1 Le liste vanno presentata al Comune dalle ore 8,00 alle ore 20,00 di venerdì ------

Dettagli

Elettorale. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf.

Elettorale. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf. Albo scrutatori: creazione, revisione, nomine per Elezioni e relativi verbali, notifiche ed

Dettagli

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto)

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto) REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE VOTAZIONI DELLE DELIBERE DELL ASSEMBLEA PARITETICA, PER LE ELEZIONI, LA NOMINA E LA REVOCA DEI COMPONENTI L ASSEMBLEA DEI DELEGATI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED IL COLLEGIO

Dettagli

PROT. N. 370 Ozieri 11/06/2014 AVVISO PUBBLICO

PROT. N. 370 Ozieri 11/06/2014 AVVISO PUBBLICO PROT. N. 370 Ozieri 11/06/2014 AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE PER LA NOMINA DI REVISORE UNICO DEI CONTI DELL UNIONE DI COMUNI DEL LOGUDORO PER IL TRIENNIO 2014-2017 VISTA la propria

Dettagli