Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 129

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 129"

Transcript

1 Gabriele Sofia, Silvia Spadacenta, Clelia Falletti, Giovanni Mirabella IL LINGUAGGIO INCARNATO DELL ATTORE: INDICAZIONI PRELIMINARI DI UN ESPERIMENTO PILOTA 1. Introduzione Come hanno evidenziato le ricerche ultratrentennali dell Antropologia teatrale, esiste una differenza tra controllo e organizzazione delle azioni effettuate nella vita quotidiana, e controllo e organizzazione delle azioni in una «situazione di rappresentazione organizzata», 1 ovvero in una situazione in cui un attore entra in una relazione teatrale con almeno uno spettatore. Questa differenza è dovuta a un fatto apparentemente abbastanza semplice: se nella vita quotidiana le azioni che vengono eseguite sono finalizzate al raggiungimento dell obiettivo dell azione, sulla scena l attore deve sia soddisfare l obiettivo dell azione che, con la stessa azione, stimolare, attrarre, sorprendere e guidare l attenzione dello spettatore. Questa particolare complessità rende necessario per l attore un certo tipo di allenamento che può presentarsi in forme diverse a seconda della tradizione teatrale di appartenenza del performer. Gran parte dell allenamento (o training, come spesso viene chiamato) si concentra proprio sullo sviluppo di una consapevolezza e di un controllo dell azione più accurati rispetto a quelli comunemente impiegati durante l agire quotidiano. L attore studia nel dettaglio il proprio atto motorio, per via pragmatica e tramite una serie di esercizi basati su vincoli e contraintes che dilatano i meccanismi di controllo dell agire quotidiano. 2 1 L Antropologia teatrale, disciplina fondata da Eugenio Barba nel 1979, si definisce come lo studio «del comportamento dell essere umano che utilizza la sua presenza fisica e mentale secondo principi diversi da quelli della vita quotidiana in una situazione di rappresentazione organizzata» (Eugenio Barba, Nicola Savarese, L arte segreta dell attore. Un dizionario di Antropologia teatrale (1983), ed. riv. e aggiornata, Milano, Ubulibri, 2005, p. 5). 2 Alcune ipotesi sulla possibile influenza del training dell attore sul livello neurobiologico dell azione sono avanzate da Sofia nella sua tesi di dottorato: Gabriele Sofia, La relazione attore-spettatore. Storia, ipotesi e sperimentazioni per lo studio del livello neurobiologico, tesi in cotutela tra la Sapienza Università di Roma e l Université Paris 8 Vincennes-Saint- Denis, codiretta da C. Falletti e J.-M. Pradier, discussa a Roma nel dicembre del 2011.

2 Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 129 L ipotesi del presente studio è che l addestramento al controllo motorio attuato nel training teatrale potrebbe agire sui circuiti neurali che sottostanno alle funzioni esecutive e motorie. Il punto di partenza è quello della cosiddetta teoria del linguaggio incarnato. 3 Secondo questa teoria, la comprensione linguistica di un verbo sarebbe legata all attivazione dello schema motorio che sottostà all esecuzione dell azione descritta dal verbo stesso. Ad esempio, la comprensione di una parola riferita a un verbo transitivo, come ad esempio afferrare, richiederebbe l attivazione del settore della corteccia motoria che controlla l azione dell afferrare. Questa ipotesi è indirettamente supportata sia da studi realizzati con tecniche di neuroimaging, 4 che da esperimenti comportamentali. Buccino e colleghi, 5 ad esempio, hanno notato che, facendo ascoltare a un soggetto delle frasi che implicavano l utilizzo di un determinato effettore, nell esecuzione delle azioni relative era visibile un rallentamento quando queste ultime venivano realizzate con il medesimo effettore. Risultati simili sono stati riportati da Sato e colleghi adoperando un paradigma denominato go/no-go. In tale esperimento, ad alcuni soggetti sani veniva chiesto di premere un pulsante (go) mentre venivano mostrati dei verbi di piede o di mano, oppure di non premere il pulsante (no-go) durante la presentazione di verbi astratti. È stato osservato che i tempi di reazione per premere il 3 M.H. Fischer, R.A. Zwaan, Embodied language: a review of the role of the motor system in language comprehension, in «Quarterly Journal of Experimental Psychology», n. 61, 2008, pp ; F. Pulvermuller, The neuroscience of language, Cambridge, Cambridge Univ. Press, 2002; V. Gallese, G. Lakoff, The Brain s concepts: the role of the Sensory-motor system in conceptual knowledge, in «Cognitive Neuropsychology», n. 22, 2005, p ; V. Gallese, Mirror neurons and the social nature of language: the neural exploitation hypothesis, in «Social Neuroscience», n. 3, 2008, pp O. Hauk, I. Johnsrude, F. Pulvermuller, Somatotopic representation of action words in human motor and premotor cortex, in «Neuron», n. 41, 2004, pp ; M. Tettamanti, G. Buccino, M.C. Saccuman, V. Gallese, M. Danna, P. Scifo, F. Fazio, G. Rizzolatti, S.F. Cappa, D. Perani, Listening to action-related sentences activates fronto-parietal motor circuits, in «Journal of Cognitive Neuroscience», n. 17, 2005, pp ; L. Aziz-Zadeh, S.M. Wilson, G. Rizzolatti, M. Iacoboni, Congruent embodied representations for visually presented actions and linguistic phrases describing actions, in «Current Biology», n. 16, 2006, pp ; V. Boulenger, O. Hauk, F. Pulvermuller, Grasping ideas with the motor system: semantic somatotopy in idiom comprehension, in «Cerebral Cortex», n. 19, 2009, pp ; G. Buccino, L. Riggio, G. Melli, F. Binkofski, V. Gallese, G. Rizzolatti, Listening to action-related sentences modulates the activity of the motor system: a combined TMS and behavioral study, in «Cognitive Brain Research», n. 24, 2005, pp G. Buccino, L. Riggio, G. Melli, F. Binkofski, V. Gallese, G. Rizzolatti, Listening to action-related sentences modulates the activity of the motor system cit.

3 130 pulsante erano più lunghi quando il verbo descriveva un azione compiuta con lo stesso effettore (la mano) con cui bisognava premere il pulsante (effetto interferenza). Questi dati sostengono il coinvolgimento del sistema motorio nei processi di comprensione del linguaggio di azione. Sulla stessa falsariga, un altro esperimento è stato condotto da Mirabella e la sua équipe 6 con l intento di rispondere ad alcune domande che rimanevano ancora aperte riguardo l interazione tra linguaggio e sistema motorio: a) il sistema motorio è necessario per la comprensione linguistica o la sua attività è solo un epifenomeno? b) Quando comincia e quando finisce l interferenza che causa l allungamento dei tempi di reazione? Il paradigma adottato era una variante di quello usato da Sato e colleghi. 7 Diversamente da quest ultimo, Mirabella e colleghi hanno chiesto ai soggetti di eseguire un movimento di raggiungimento di un target periferico ( reaching movements ), presentato su un touchscreen. Le azioni di raggiungimento hanno una rilevanza ecologica maggiore rispetto alle azioni di pressione: al di fuori dai laboratori neurofisiologici i primati eseguono continuamente azioni di raggiungimento, necessarie, ad esempio, per procurarsi del cibo. I risultati di Mirabella e colleghi, non ancora pubblicati, hanno effettivamente confermato le conclusioni a cui erano giunti Sato e colleghi e hanno aggiunto diversi tasselli mancanti. In primo luogo è stato evidenziato come anche le percentuali di errore riflettano un effetto di interferenza. In secondo luogo si è mostrato come questa interferenza appaia molto presto, già a 50 ms dal segnale di go e come abbia luogo solo quando per rispondere è necessaria un analisi semantica del verbo. Infatti, quando al soggetto viene chiesto di rispondere in base al colore della parola (se il verbo è scritto in verde il soggetto deve raggiungere il target, se in rosso deve rimanere fermo), le interferenze linguistiche sul movimento scompaiono. Ancora una volta questi risultati sono coerenti con la teoria del linguaggio incarnato, poiché dimostrano che la comprensione delle descrizioni verbali è legata all esperienza sensorimotoria dell azione stessa. Alla luce di queste scoperte, si è ritenuto di applicare quest ultimo paradigma allo studio degli attori. L ipotesi era la seguente: se è vero che il trai- 6 G. Mirabella, S. Iaconelli, S. Spadacenta, P. Federico, V. Gallese, Hand-Related Verbs Processing Specifically Affects the Planning and the Execution of Reaching Arms Movements, submitted. 7 M. Sato, M. Mengarelli, L. Riggio, V. Gallese, G. Buccino, Task related modulation of the motor system during language processing, in «Brain and Language», p. 105, 2008, pp

4 Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 131 ning teatrale agisce sul controllo motorio, allora lo studio dell interazione tra linguaggio di azione e movimento poteva mostrare una qualche modificazione. Questi studi sono nati dalla collaborazione tra il Dipartimento di Storia dell Arte e Spettacolo e l équipe del neurofisiologo Giovanni Mirabella e sono stati finanziati dalla Sapienza Università di Roma nell ambito del progetto: La psicofisiologia dell attore e dello spettatore: un indagine interdisciplinare, diretto dalla prof. Clelia Falletti. 2. Materiali e metodi I soggetti. Ventinove soggetti hanno partecipato all esperimento. Tredici attori e sedici soggetti di controllo. Tutti e ventinove i soggetti hanno partecipato a due task che chiameremo Esperimento 1 ed Esperimento 2. I partecipanti erano madrelingua italiani e destrimani. Nessuno è stato informato dell obiettivo dell esperimento. Gli attori sono stati selezionati sulla base del tipo e della costanza del loro training e dell esperienza teatrale. 8 L età dei soggetti e il tempo di esperienza teatrale (nel caso degli attori) sono riassunti nelle tabelle 1 e 2. Tabella 1: attori Attore Età Sesso Scolarità Anni di teatro 1 56 F D F L M D M D M L F D F D M D F L M D F D M D M D 34 MEDIA 47,6 25,4 8 I gruppi che hanno risposto positivamente all invito e hanno messo a disposizione i loro attori sono stati il Teatro Tascabile di Bergamo (3 attori), il Teatro La Madrugada di Milano (2 attori), l Abraxa Teatro di Roma (2 attori), il Teatro-Studio Vocabolo Macchia di Lugnano in Teverina, Terni (2 attori), il Teatro Ridotto di Bologna (1 attrice), il Teatro delle Selve di Pella, Novara (1 attore), il Teatro Natura di Roma (1 attrice), il Gruppo Taiko di Roma (1 attrice). Il Teatro dei due Mondi di Forlì aveva dato la disponibilità ma per problemi organizzativi non dipendenti dal teatro, la sperimentazione con i suoi attori non è stata possibile.

5 132 Tabella 2: controlli Controllo Età Sesso Scolarità Anni di teatro 1 52 F D // 2 54 M D // 3 50 M Ph.D // 4 43 M Ph.D // 5 35 F Ph.D // 6 53 F D // 7 36 F L // 8 57 M D // 9 48 F D // F D // F Ph.D // M D // M D // F L // M L // F L // MEDIA 47,5 Legenda: D, diploma; L, laurea; Ph.D, dottorato Stimoli verbali. In tutti gli esperimenti, i verbi erano presentati in modalità visiva. Per l Esperimento 1 sono stati utilizzati 30 verbi italiani declinati all infinito. Questi 30 verbi erano così suddivisi: 10 erano verbi di mano (es. tagliare), 10 erano verbi di piede (es. correre), 10 erano verbi astratti (es. scordare). I verbi, scelti in modo che fossero omogenei per lunghezza, numero di sillabe e frequenza lessicale, sono gli stessi dell esperimento di Sato e colleghi. Per l Esperimento 2 sono stati utilizzati solo la metà dei verbi di ogni categoria, omogenei per lunghezza, numero di sillabe e frequenza lessicale. 3. Test comportamentali Esperimento 1 (task semantico). I partecipanti all esperimento sedevano a una distanza di circa 50 cm da un touchscreen (MicroTouch, sampling rate 200 Hz) di 17 pollici. Un software non commerciale, CORTEX (http://www.cortex.salk.edu) è stato utilizzato per controllare la presentazione degli stimoli visivi e per registrare le risposte dei soggetti. La frequenza temporale degli stimoli era sincronizzata con quella del monitor. I partecipanti rispondevano a due serie di 240 prove (trials) per un totale di 480 prove. Ogni trial iniziava con la presentazione, al centro dello

6 Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 133 schermo, di un cerchio rosso (diametro di 2,8 cm) che i partecipanti dovevano toccare con il dito della mano destra; dopo un periodo variabile tra i 400 e i 700 ms, sopra il cerchio compariva il verbo e i partecipanti dovevano leggerlo. Se il verbo era un verbo di movimento ovvero un verbo di mano o di piede (go), i partecipanti dovevano raggiungere entro un tempo massimo di 600 ms un altro cerchio rosso che appariva alla loro destra a una distanza di 15 centimetri dal centro dello schermo. Se, invece, il verbo era astratto (no-go), all apparizione del cerchio rosso a destra, i partecipanti dovevano rimanere fermi sul cerchio rosso centrale. Il meccanismo è riassunto nella fig. 1. Se il soggetto eseguiva correttamente il compito, un segnale sonoro lo informava che il trial era andato a buon fine. A questo punto il soggetto poteva staccare il dito dallo schermo e ricominciare con un nuovo trial. Il tempo di presentazione del target laterale poteva avvenire a 53.2 ms oppure a ms dalla presentazione del verbo. Questo tempo di presentazione dello stimolo viene chiamato SOA (stimulus onset asynchrony). Il verbo rimaneva visibile fino alla fine del trial. Tutti i verbi erano di colore rosso e venivano presentati su uno sfondo nero. Ogni verbo veniva presentato otto volte per ciascuno dei due tempi del SOA. La presentazione dei verbi era randomizzata e gli errori venivano ripresentati ai partecipanti fino alla corretta esecuzione dell intero blocco di trial. Fig. 1. Schema esplicativo del meccanismo che sottende l esperimento 1. A sinistra sono illustrate le fasi del go e a destra il no-go.

7 134 Esperimento 2 (task non semantico). Nell esperimento 2 venivano presentati 360 prove (trial) divise in due blocchi da 180 prove. Differentemente dall Esperimento 1, in cui i partecipanti agivano in base alla semantica del verbo, in questo compito i segnali di go e no-go erano dati dal colore con cui veniva presentato il verbo. Ogni trial iniziava con la presentazione di un cerchio grigio che i partecipanti dovevano toccare con il dito della mano destra per far comparire il verbo. Se il verbo compariva di colore verde i soggetti dovevano raggiungere il target laterale di colore grigio che compariva a destra. Al contrario, se il verbo era di colore rosso, i partecipanti dovevano rimanere fermi sul cerchio grigio al centro dello schermo. Ogni verbo veniva presentato 12 volte per ogni SOA, la metà delle volte era presentato in verde e l altra metà in rosso. Come nell esperimento precedente, un segnale acustico avvertiva i partecipanti della corretta esecuzione del trial. 4. Analisi dei dati Per entrambi gli esperimenti i parametri misurati sono stati: il tempo di reazione (reaction time o RT), ovvero il tempo che intercorreva tra la presentazione del segnale di go e il distacco del dito dal target centrale per raggiungere il target laterale; il tempo di movimento (movement time o MT), ovvero il tempo che intercorreva tra il distacco del dito dal target centrale e il raggiungimento del target laterale; gli errori che il soggetto commetteva. Questi potevano essere dati dal rilascio del target centrale in una situazione nelle prove di nogo, oppure, in una situazione di go, dall eccessivo ritardo nel raggiungere il target laterale o dal mancato raggiungimento del target laterale. Nel caso dell Esperimento 1 è stata calcolata la media dei tempi di reazione RT e dei tempi di movimento MT per ogni categoria verbale (di mano e di piede) e nelle due diverse velocità di presentazione SOA (53,2 ms e 332,5 ms). È stata calcolata inoltre la media degli errori. Per quanto riguarda l Esperimento 2 sono stati calcolati anche gli RT e gli MT dei verbi astratti. Allo scopo di vedere se i risultati erano statisticamente validi, è stata fatta l analisi a misure ripetute della varianza (ANOVA). Il test di Mauchley è stato utilizzato per valutare la sphericity assumption e, dove appropriato, la correzione dei degrees of freedom è stata realizzata con la procedura Greenhouse-Geisser. La correzione di Bonferroni è stata applicata a tutti i test post-hoc.

8 Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore Discussione dei risultati preliminari Lo studio è ancora in fase di attuazione per cui sia il campione degli attori che dei non attori sarà integrato con altri soggetti. I risultati preliminari hanno innanzitutto evidenziato che non c è differenza nell effetto di interferenza tra i due gruppi: il comportamento degli attori è statisticamente identico a quello dei non attori. Nonostante questo, però nell Esperimento 1 è emerso che gli attori fanno meno errori rispetto ai non attori e hanno dei tempi di reazione (RT) più rapidi rispetto ai non attori. Inoltre quando i soggetti rispondono in base al colore e non alla semantica dei verbi l intereferenza sul movimento scompare. Le differenze riscontrate nell Esperimento 1 sembrano confermare la straordinaria plasticità di cui gode il cervello umano anche in età adulta. Infatti se sottraiamo all età media degli attori (47,6) la media degli anni di esperienza teatrale (25,4), possiamo osservare, con un certo grado di approssimazione, come l età media di inizio dell apprendistato teatrale si aggiri intorno ai 22 anni, ovvero in un periodo in cui il cervello è già adulto. Un ultima osservazione. La scolarità media dei controlli era tendenzialmente maggiore rispetto a quella degli attori. Tenendo conto di questo è possibile che utilizzando campioni con un pari grado di scolarità il risultato possa addirittura diventare più evidente. 6. Conclusione Allo stato attuale della ricerca, i risultati suggeriscono che non ci sono differenze nelle capacità di elaborazione linguistica, ma che il controllo volontario dell azione è più efficiente negli attori rispetto ai non attori. Questo potrebbe indicare che il training aumenti nell attore la capacità di concentrarsi su un compito e/o di eseguirlo più rapidamente e più precisamente. In futuro sarebbe auspicabile proseguire questo filone di ricerche focalizzandosi di volta in volta su una certa funzione esecutiva per comprendere quali tra le varie si modifica. In conclusione ci sentiamo di sottolineare che, nel panorama degli studi interdisciplinari tra teatro e neuroscienze, questa è la prima volta in cui si è cercato di dimostrare come il training teatrale modifichi la neurobiologia dell azione. Le indicazioni ottenute da questa ricerca, ancorché parziali, possono quindi diventare delle preziose indicazioni per le ricerche future.

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Psicologia cognitiva. Anna Borghi annamaria.borghi@unibo.it Sito web: http://laral.istc.cnr.it/borghi

Psicologia cognitiva. Anna Borghi annamaria.borghi@unibo.it Sito web: http://laral.istc.cnr.it/borghi Psicologia cognitiva Anna Borghi annamaria.borghi@unibo.it Sito web: http://laral.istc.cnr.it/borghi 1 Memoria semantica vs. teorie embodied : oggetti,concetti e parole 2 INDICE Memoria semantica: compiti

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Dai neuroni specchio alla consonanza intenzionale

Dai neuroni specchio alla consonanza intenzionale Rivista di Psicoanalisi, 2007, LIII, 1, 197-208. Dai neuroni specchio alla consonanza intenzionale Meccanismi neurofisiologici dell intersoggettività Vittorio Gallese Dipartimento di Neuroscienze Università

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Embodied Cognition: una nuova psicologia. Fausto Caruana, Anna M. Borghi. In stampa su Giornale Italiano di Psicologia, 2013

Embodied Cognition: una nuova psicologia. Fausto Caruana, Anna M. Borghi. In stampa su Giornale Italiano di Psicologia, 2013 Embodied Cognition: una nuova psicologia Fausto Caruana, Anna M. Borghi In stampa su Giornale Italiano di Psicologia, 2013 1. Introduzione In questo articolo avremo problemi di spazio: a più di vent anni

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Volume HUMIGRAIN SYSTEM. Manuale d uso

Volume HUMIGRAIN SYSTEM. Manuale d uso Volume 1 HUMIGRAIN SYSTEM Manuale d uso Manuale d uso Fornasier Tiziano & C. S.a.s. Via Mercatelli Maglio, 26 31010 Ponte della Priula (TV) - ITALY tel. +39 0438 445354 fax +39 0438 759210 Sommario Principio

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

La molteplice natura delle relazioni interpersonali: la ricerca di un comune meccanismo neurofisiologico

La molteplice natura delle relazioni interpersonali: la ricerca di un comune meccanismo neurofisiologico La molteplice natura delle relazioni interpersonali: la ricerca di un comune meccanismo neurofisiologico Vittorio Gallese vittorio.gallese@unipr.it http://www.unipr.it/~mirror/english/staff/gallese.htm

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE

GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE STRUTTURA DELL ELABORATO Frontespizio In Appendice è riportato un facsimile di frontespizio. Indice La definizione dell INDICE costituisce il punto di partenza e non

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione SMD FORM 004 DIRETTIVA PER LA VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE CONOSCENZE LINGUISTICHE IN AMBITO FORZE ARMATE Edizione 2005 I ELENCO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli