Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 129

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 129"

Transcript

1 Gabriele Sofia, Silvia Spadacenta, Clelia Falletti, Giovanni Mirabella IL LINGUAGGIO INCARNATO DELL ATTORE: INDICAZIONI PRELIMINARI DI UN ESPERIMENTO PILOTA 1. Introduzione Come hanno evidenziato le ricerche ultratrentennali dell Antropologia teatrale, esiste una differenza tra controllo e organizzazione delle azioni effettuate nella vita quotidiana, e controllo e organizzazione delle azioni in una «situazione di rappresentazione organizzata», 1 ovvero in una situazione in cui un attore entra in una relazione teatrale con almeno uno spettatore. Questa differenza è dovuta a un fatto apparentemente abbastanza semplice: se nella vita quotidiana le azioni che vengono eseguite sono finalizzate al raggiungimento dell obiettivo dell azione, sulla scena l attore deve sia soddisfare l obiettivo dell azione che, con la stessa azione, stimolare, attrarre, sorprendere e guidare l attenzione dello spettatore. Questa particolare complessità rende necessario per l attore un certo tipo di allenamento che può presentarsi in forme diverse a seconda della tradizione teatrale di appartenenza del performer. Gran parte dell allenamento (o training, come spesso viene chiamato) si concentra proprio sullo sviluppo di una consapevolezza e di un controllo dell azione più accurati rispetto a quelli comunemente impiegati durante l agire quotidiano. L attore studia nel dettaglio il proprio atto motorio, per via pragmatica e tramite una serie di esercizi basati su vincoli e contraintes che dilatano i meccanismi di controllo dell agire quotidiano. 2 1 L Antropologia teatrale, disciplina fondata da Eugenio Barba nel 1979, si definisce come lo studio «del comportamento dell essere umano che utilizza la sua presenza fisica e mentale secondo principi diversi da quelli della vita quotidiana in una situazione di rappresentazione organizzata» (Eugenio Barba, Nicola Savarese, L arte segreta dell attore. Un dizionario di Antropologia teatrale (1983), ed. riv. e aggiornata, Milano, Ubulibri, 2005, p. 5). 2 Alcune ipotesi sulla possibile influenza del training dell attore sul livello neurobiologico dell azione sono avanzate da Sofia nella sua tesi di dottorato: Gabriele Sofia, La relazione attore-spettatore. Storia, ipotesi e sperimentazioni per lo studio del livello neurobiologico, tesi in cotutela tra la Sapienza Università di Roma e l Université Paris 8 Vincennes-Saint- Denis, codiretta da C. Falletti e J.-M. Pradier, discussa a Roma nel dicembre del 2011.

2 Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 129 L ipotesi del presente studio è che l addestramento al controllo motorio attuato nel training teatrale potrebbe agire sui circuiti neurali che sottostanno alle funzioni esecutive e motorie. Il punto di partenza è quello della cosiddetta teoria del linguaggio incarnato. 3 Secondo questa teoria, la comprensione linguistica di un verbo sarebbe legata all attivazione dello schema motorio che sottostà all esecuzione dell azione descritta dal verbo stesso. Ad esempio, la comprensione di una parola riferita a un verbo transitivo, come ad esempio afferrare, richiederebbe l attivazione del settore della corteccia motoria che controlla l azione dell afferrare. Questa ipotesi è indirettamente supportata sia da studi realizzati con tecniche di neuroimaging, 4 che da esperimenti comportamentali. Buccino e colleghi, 5 ad esempio, hanno notato che, facendo ascoltare a un soggetto delle frasi che implicavano l utilizzo di un determinato effettore, nell esecuzione delle azioni relative era visibile un rallentamento quando queste ultime venivano realizzate con il medesimo effettore. Risultati simili sono stati riportati da Sato e colleghi adoperando un paradigma denominato go/no-go. In tale esperimento, ad alcuni soggetti sani veniva chiesto di premere un pulsante (go) mentre venivano mostrati dei verbi di piede o di mano, oppure di non premere il pulsante (no-go) durante la presentazione di verbi astratti. È stato osservato che i tempi di reazione per premere il 3 M.H. Fischer, R.A. Zwaan, Embodied language: a review of the role of the motor system in language comprehension, in «Quarterly Journal of Experimental Psychology», n. 61, 2008, pp ; F. Pulvermuller, The neuroscience of language, Cambridge, Cambridge Univ. Press, 2002; V. Gallese, G. Lakoff, The Brain s concepts: the role of the Sensory-motor system in conceptual knowledge, in «Cognitive Neuropsychology», n. 22, 2005, p ; V. Gallese, Mirror neurons and the social nature of language: the neural exploitation hypothesis, in «Social Neuroscience», n. 3, 2008, pp O. Hauk, I. Johnsrude, F. Pulvermuller, Somatotopic representation of action words in human motor and premotor cortex, in «Neuron», n. 41, 2004, pp ; M. Tettamanti, G. Buccino, M.C. Saccuman, V. Gallese, M. Danna, P. Scifo, F. Fazio, G. Rizzolatti, S.F. Cappa, D. Perani, Listening to action-related sentences activates fronto-parietal motor circuits, in «Journal of Cognitive Neuroscience», n. 17, 2005, pp ; L. Aziz-Zadeh, S.M. Wilson, G. Rizzolatti, M. Iacoboni, Congruent embodied representations for visually presented actions and linguistic phrases describing actions, in «Current Biology», n. 16, 2006, pp ; V. Boulenger, O. Hauk, F. Pulvermuller, Grasping ideas with the motor system: semantic somatotopy in idiom comprehension, in «Cerebral Cortex», n. 19, 2009, pp ; G. Buccino, L. Riggio, G. Melli, F. Binkofski, V. Gallese, G. Rizzolatti, Listening to action-related sentences modulates the activity of the motor system: a combined TMS and behavioral study, in «Cognitive Brain Research», n. 24, 2005, pp G. Buccino, L. Riggio, G. Melli, F. Binkofski, V. Gallese, G. Rizzolatti, Listening to action-related sentences modulates the activity of the motor system cit.

3 130 pulsante erano più lunghi quando il verbo descriveva un azione compiuta con lo stesso effettore (la mano) con cui bisognava premere il pulsante (effetto interferenza). Questi dati sostengono il coinvolgimento del sistema motorio nei processi di comprensione del linguaggio di azione. Sulla stessa falsariga, un altro esperimento è stato condotto da Mirabella e la sua équipe 6 con l intento di rispondere ad alcune domande che rimanevano ancora aperte riguardo l interazione tra linguaggio e sistema motorio: a) il sistema motorio è necessario per la comprensione linguistica o la sua attività è solo un epifenomeno? b) Quando comincia e quando finisce l interferenza che causa l allungamento dei tempi di reazione? Il paradigma adottato era una variante di quello usato da Sato e colleghi. 7 Diversamente da quest ultimo, Mirabella e colleghi hanno chiesto ai soggetti di eseguire un movimento di raggiungimento di un target periferico ( reaching movements ), presentato su un touchscreen. Le azioni di raggiungimento hanno una rilevanza ecologica maggiore rispetto alle azioni di pressione: al di fuori dai laboratori neurofisiologici i primati eseguono continuamente azioni di raggiungimento, necessarie, ad esempio, per procurarsi del cibo. I risultati di Mirabella e colleghi, non ancora pubblicati, hanno effettivamente confermato le conclusioni a cui erano giunti Sato e colleghi e hanno aggiunto diversi tasselli mancanti. In primo luogo è stato evidenziato come anche le percentuali di errore riflettano un effetto di interferenza. In secondo luogo si è mostrato come questa interferenza appaia molto presto, già a 50 ms dal segnale di go e come abbia luogo solo quando per rispondere è necessaria un analisi semantica del verbo. Infatti, quando al soggetto viene chiesto di rispondere in base al colore della parola (se il verbo è scritto in verde il soggetto deve raggiungere il target, se in rosso deve rimanere fermo), le interferenze linguistiche sul movimento scompaiono. Ancora una volta questi risultati sono coerenti con la teoria del linguaggio incarnato, poiché dimostrano che la comprensione delle descrizioni verbali è legata all esperienza sensorimotoria dell azione stessa. Alla luce di queste scoperte, si è ritenuto di applicare quest ultimo paradigma allo studio degli attori. L ipotesi era la seguente: se è vero che il trai- 6 G. Mirabella, S. Iaconelli, S. Spadacenta, P. Federico, V. Gallese, Hand-Related Verbs Processing Specifically Affects the Planning and the Execution of Reaching Arms Movements, submitted. 7 M. Sato, M. Mengarelli, L. Riggio, V. Gallese, G. Buccino, Task related modulation of the motor system during language processing, in «Brain and Language», p. 105, 2008, pp

4 Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 131 ning teatrale agisce sul controllo motorio, allora lo studio dell interazione tra linguaggio di azione e movimento poteva mostrare una qualche modificazione. Questi studi sono nati dalla collaborazione tra il Dipartimento di Storia dell Arte e Spettacolo e l équipe del neurofisiologo Giovanni Mirabella e sono stati finanziati dalla Sapienza Università di Roma nell ambito del progetto: La psicofisiologia dell attore e dello spettatore: un indagine interdisciplinare, diretto dalla prof. Clelia Falletti. 2. Materiali e metodi I soggetti. Ventinove soggetti hanno partecipato all esperimento. Tredici attori e sedici soggetti di controllo. Tutti e ventinove i soggetti hanno partecipato a due task che chiameremo Esperimento 1 ed Esperimento 2. I partecipanti erano madrelingua italiani e destrimani. Nessuno è stato informato dell obiettivo dell esperimento. Gli attori sono stati selezionati sulla base del tipo e della costanza del loro training e dell esperienza teatrale. 8 L età dei soggetti e il tempo di esperienza teatrale (nel caso degli attori) sono riassunti nelle tabelle 1 e 2. Tabella 1: attori Attore Età Sesso Scolarità Anni di teatro 1 56 F D F L M D M D M L F D F D M D F L M D F D M D M D 34 MEDIA 47,6 25,4 8 I gruppi che hanno risposto positivamente all invito e hanno messo a disposizione i loro attori sono stati il Teatro Tascabile di Bergamo (3 attori), il Teatro La Madrugada di Milano (2 attori), l Abraxa Teatro di Roma (2 attori), il Teatro-Studio Vocabolo Macchia di Lugnano in Teverina, Terni (2 attori), il Teatro Ridotto di Bologna (1 attrice), il Teatro delle Selve di Pella, Novara (1 attore), il Teatro Natura di Roma (1 attrice), il Gruppo Taiko di Roma (1 attrice). Il Teatro dei due Mondi di Forlì aveva dato la disponibilità ma per problemi organizzativi non dipendenti dal teatro, la sperimentazione con i suoi attori non è stata possibile.

5 132 Tabella 2: controlli Controllo Età Sesso Scolarità Anni di teatro 1 52 F D // 2 54 M D // 3 50 M Ph.D // 4 43 M Ph.D // 5 35 F Ph.D // 6 53 F D // 7 36 F L // 8 57 M D // 9 48 F D // F D // F Ph.D // M D // M D // F L // M L // F L // MEDIA 47,5 Legenda: D, diploma; L, laurea; Ph.D, dottorato Stimoli verbali. In tutti gli esperimenti, i verbi erano presentati in modalità visiva. Per l Esperimento 1 sono stati utilizzati 30 verbi italiani declinati all infinito. Questi 30 verbi erano così suddivisi: 10 erano verbi di mano (es. tagliare), 10 erano verbi di piede (es. correre), 10 erano verbi astratti (es. scordare). I verbi, scelti in modo che fossero omogenei per lunghezza, numero di sillabe e frequenza lessicale, sono gli stessi dell esperimento di Sato e colleghi. Per l Esperimento 2 sono stati utilizzati solo la metà dei verbi di ogni categoria, omogenei per lunghezza, numero di sillabe e frequenza lessicale. 3. Test comportamentali Esperimento 1 (task semantico). I partecipanti all esperimento sedevano a una distanza di circa 50 cm da un touchscreen (MicroTouch, sampling rate 200 Hz) di 17 pollici. Un software non commerciale, CORTEX (http://www.cortex.salk.edu) è stato utilizzato per controllare la presentazione degli stimoli visivi e per registrare le risposte dei soggetti. La frequenza temporale degli stimoli era sincronizzata con quella del monitor. I partecipanti rispondevano a due serie di 240 prove (trials) per un totale di 480 prove. Ogni trial iniziava con la presentazione, al centro dello

6 Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore 133 schermo, di un cerchio rosso (diametro di 2,8 cm) che i partecipanti dovevano toccare con il dito della mano destra; dopo un periodo variabile tra i 400 e i 700 ms, sopra il cerchio compariva il verbo e i partecipanti dovevano leggerlo. Se il verbo era un verbo di movimento ovvero un verbo di mano o di piede (go), i partecipanti dovevano raggiungere entro un tempo massimo di 600 ms un altro cerchio rosso che appariva alla loro destra a una distanza di 15 centimetri dal centro dello schermo. Se, invece, il verbo era astratto (no-go), all apparizione del cerchio rosso a destra, i partecipanti dovevano rimanere fermi sul cerchio rosso centrale. Il meccanismo è riassunto nella fig. 1. Se il soggetto eseguiva correttamente il compito, un segnale sonoro lo informava che il trial era andato a buon fine. A questo punto il soggetto poteva staccare il dito dallo schermo e ricominciare con un nuovo trial. Il tempo di presentazione del target laterale poteva avvenire a 53.2 ms oppure a ms dalla presentazione del verbo. Questo tempo di presentazione dello stimolo viene chiamato SOA (stimulus onset asynchrony). Il verbo rimaneva visibile fino alla fine del trial. Tutti i verbi erano di colore rosso e venivano presentati su uno sfondo nero. Ogni verbo veniva presentato otto volte per ciascuno dei due tempi del SOA. La presentazione dei verbi era randomizzata e gli errori venivano ripresentati ai partecipanti fino alla corretta esecuzione dell intero blocco di trial. Fig. 1. Schema esplicativo del meccanismo che sottende l esperimento 1. A sinistra sono illustrate le fasi del go e a destra il no-go.

7 134 Esperimento 2 (task non semantico). Nell esperimento 2 venivano presentati 360 prove (trial) divise in due blocchi da 180 prove. Differentemente dall Esperimento 1, in cui i partecipanti agivano in base alla semantica del verbo, in questo compito i segnali di go e no-go erano dati dal colore con cui veniva presentato il verbo. Ogni trial iniziava con la presentazione di un cerchio grigio che i partecipanti dovevano toccare con il dito della mano destra per far comparire il verbo. Se il verbo compariva di colore verde i soggetti dovevano raggiungere il target laterale di colore grigio che compariva a destra. Al contrario, se il verbo era di colore rosso, i partecipanti dovevano rimanere fermi sul cerchio grigio al centro dello schermo. Ogni verbo veniva presentato 12 volte per ogni SOA, la metà delle volte era presentato in verde e l altra metà in rosso. Come nell esperimento precedente, un segnale acustico avvertiva i partecipanti della corretta esecuzione del trial. 4. Analisi dei dati Per entrambi gli esperimenti i parametri misurati sono stati: il tempo di reazione (reaction time o RT), ovvero il tempo che intercorreva tra la presentazione del segnale di go e il distacco del dito dal target centrale per raggiungere il target laterale; il tempo di movimento (movement time o MT), ovvero il tempo che intercorreva tra il distacco del dito dal target centrale e il raggiungimento del target laterale; gli errori che il soggetto commetteva. Questi potevano essere dati dal rilascio del target centrale in una situazione nelle prove di nogo, oppure, in una situazione di go, dall eccessivo ritardo nel raggiungere il target laterale o dal mancato raggiungimento del target laterale. Nel caso dell Esperimento 1 è stata calcolata la media dei tempi di reazione RT e dei tempi di movimento MT per ogni categoria verbale (di mano e di piede) e nelle due diverse velocità di presentazione SOA (53,2 ms e 332,5 ms). È stata calcolata inoltre la media degli errori. Per quanto riguarda l Esperimento 2 sono stati calcolati anche gli RT e gli MT dei verbi astratti. Allo scopo di vedere se i risultati erano statisticamente validi, è stata fatta l analisi a misure ripetute della varianza (ANOVA). Il test di Mauchley è stato utilizzato per valutare la sphericity assumption e, dove appropriato, la correzione dei degrees of freedom è stata realizzata con la procedura Greenhouse-Geisser. La correzione di Bonferroni è stata applicata a tutti i test post-hoc.

8 Sofia-Spadacenta-Falletti-Mirabella, Il linguaggio incarnato dell attore Discussione dei risultati preliminari Lo studio è ancora in fase di attuazione per cui sia il campione degli attori che dei non attori sarà integrato con altri soggetti. I risultati preliminari hanno innanzitutto evidenziato che non c è differenza nell effetto di interferenza tra i due gruppi: il comportamento degli attori è statisticamente identico a quello dei non attori. Nonostante questo, però nell Esperimento 1 è emerso che gli attori fanno meno errori rispetto ai non attori e hanno dei tempi di reazione (RT) più rapidi rispetto ai non attori. Inoltre quando i soggetti rispondono in base al colore e non alla semantica dei verbi l intereferenza sul movimento scompare. Le differenze riscontrate nell Esperimento 1 sembrano confermare la straordinaria plasticità di cui gode il cervello umano anche in età adulta. Infatti se sottraiamo all età media degli attori (47,6) la media degli anni di esperienza teatrale (25,4), possiamo osservare, con un certo grado di approssimazione, come l età media di inizio dell apprendistato teatrale si aggiri intorno ai 22 anni, ovvero in un periodo in cui il cervello è già adulto. Un ultima osservazione. La scolarità media dei controlli era tendenzialmente maggiore rispetto a quella degli attori. Tenendo conto di questo è possibile che utilizzando campioni con un pari grado di scolarità il risultato possa addirittura diventare più evidente. 6. Conclusione Allo stato attuale della ricerca, i risultati suggeriscono che non ci sono differenze nelle capacità di elaborazione linguistica, ma che il controllo volontario dell azione è più efficiente negli attori rispetto ai non attori. Questo potrebbe indicare che il training aumenti nell attore la capacità di concentrarsi su un compito e/o di eseguirlo più rapidamente e più precisamente. In futuro sarebbe auspicabile proseguire questo filone di ricerche focalizzandosi di volta in volta su una certa funzione esecutiva per comprendere quali tra le varie si modifica. In conclusione ci sentiamo di sottolineare che, nel panorama degli studi interdisciplinari tra teatro e neuroscienze, questa è la prima volta in cui si è cercato di dimostrare come il training teatrale modifichi la neurobiologia dell azione. Le indicazioni ottenute da questa ricerca, ancorché parziali, possono quindi diventare delle preziose indicazioni per le ricerche future.

FILOSOFIA DEL LINGUAGGIO: prospettive di ricerca

FILOSOFIA DEL LINGUAGGIO: prospettive di ricerca FILOSOFIA DEL LINGUAGGIO: prospettive di ricerca Numero Quarto Febbraio 2008 Barbara Giolito barbara_giolito@libero.it Una componente non concettuale dell aspetto semantico del linguaggio: alcuni suggerimenti

Dettagli

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE IL CONTRIBUTO DELLE NEUROSCIENZE: IL DIBATTITO IN AMBITO EDUCATIVO. Bressanone 26/10/2012; Daniela Mario LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE I neuroni specchio e le rappresentazioni condivise

Dettagli

Decision making e neuroni a specchio. Roma, Aprile 2015 Marco Trespidi - FIGH

Decision making e neuroni a specchio. Roma, Aprile 2015 Marco Trespidi - FIGH Decision making e neuroni a specchio Roma, Aprile 2015 Marco Trespidi - FIGH Decision making una qualità indispensabile per un giocatore di pallamano Più semplicemente: Comprensione del gioco Capacità

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE.

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. Premesse teoriche Nella letteratura recente si trovano

Dettagli

La Realtà Virtuale e la simulazione motoria nell'elaborazione dei verbi d'azione

La Realtà Virtuale e la simulazione motoria nell'elaborazione dei verbi d'azione La Realtà Virtuale e la simulazione motoria nell'elaborazione dei verbi d'azione Claudia Repetto, PhD Dipartimento di Psicologia Università Cattolica di Milano Premesse: l embodiment Teorie tradizionali

Dettagli

SE IMMAGINO CAPISCO. Il ruolo della simulazione incarnata nella comprensione del testo. Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010

SE IMMAGINO CAPISCO. Il ruolo della simulazione incarnata nella comprensione del testo. Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 SE IMMAGINO CAPISCO Il ruolo della simulazione incarnata nella comprensione del testo PROGETTO DI RICERCA di Daniela L.Mario TUTOR SCIENTIFICO:

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Creare esperimenti di psicologia e neuroscienze con PsychoPy: una brevissima introduzione

Creare esperimenti di psicologia e neuroscienze con PsychoPy: una brevissima introduzione Indice Creare esperimenti di psicologia e neuroscienze con PsychoPy: una brevissima introduzione Davide Massidda davide.massidda@gmail.com L'effetto Simon: disegno della ricerca Python e PsychoPy L'apparato

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

Dottorando presso l Università Cattolica del Sacro Cuore - Scuola di Dottorato di

Dottorando presso l Università Cattolica del Sacro Cuore - Scuola di Dottorato di Marzo 2015 Piercarlo Mauri Curriculum Vitae Dati personali: Data di nascita: 23/12/1983 Luogo di nascita: Tradate (VA) - Italia Nazionalità: Italiana Telefono: +39 0303501594 E-mail: piercarlo.mauri@cognitiveneuroscience.it

Dettagli

Linguaggio e affordances

Linguaggio e affordances Linguaggio e affordances Uno studio sugli eventi di presa Irene De Felice ILC CNR Affordances: pattern motori incorporati nella rappresentazione dell'oggetto che sono in grado di influenzare azioni successive

Dettagli

ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche. Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A.

ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche. Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A. ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A. 2012-2013 OBIETTIVO Discussione di alcuni PROBLEMI EPISTEMOLOGICI

Dettagli

Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana

Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana 11 GIUGNO 2015 Elena Tomasuolo ISTC CNR Meeting Firenze Introduzione Una larga parte del lessico verbale consiste

Dettagli

Un modello neurale per spiegare le asimmetrie tra produzione e comprensione linguistica Marco Mirolli (marco.mirolli@istc.cnr.it)

Un modello neurale per spiegare le asimmetrie tra produzione e comprensione linguistica Marco Mirolli (marco.mirolli@istc.cnr.it) Un modello neurale per spiegare le asimmetrie tra produzione e comprensione linguistica Marco Mirolli (marco.mirolli@istc.cnr.it) Federico Cecconi (federico.cecconi@istc.cnr.it) Domenico Parisi (domenico.parisi@istc.cnr.it)

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

Capacità cognitive, prestazioni e abilità adattive nelle varie sindromi (Prima parte) Indice

Capacità cognitive, prestazioni e abilità adattive nelle varie sindromi (Prima parte) Indice LEZIONE: CAPACITÀ COGNITIVE, PRESTAZIONI E ABILITÀ ADATTIVE NELLE VARIE SINDROMI (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Tecniche di neuroimmagine. Linguaggio e cervello II. PET e linguaggio. La PET mette in evidenza l area di Broca al testing sintattico

Tecniche di neuroimmagine. Linguaggio e cervello II. PET e linguaggio. La PET mette in evidenza l area di Broca al testing sintattico Tecniche di neuroimmagine Linguaggio e cervello II. Ia PET (Tomografia a emissione di positroni) e la Risonanza Magnetica Funzionale determinano l afflusso sanguigno ad una determinata area del cervello:

Dettagli

LA PSICOLOGIA DEL SONNO

LA PSICOLOGIA DEL SONNO 109 LA PSICOLOGIA DEL SONNO PIERO SALZARULO Dipartimento di Psicologia, Università di Firenze 1. La psicologia del sonno: ricerche sperimentali La psicologia si è relativamente poco interessata allo studio

Dettagli

Nuovo Protocollo di ricerca DE

Nuovo Protocollo di ricerca DE ARGOMENTI DI NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA: NUOVE PROSPETTIVE DI RICERCA E LINEE DI TRATTAMENTO Disturbi del linguaggio e dell apprendimento Nuovo Protocollo di ricerca DE Floriana

Dettagli

TITOLO: Dall azione alla Comunicazione. Strutturazione delle competenze comunicative in soggetti con disturbo della comunicazione.

TITOLO: Dall azione alla Comunicazione. Strutturazione delle competenze comunicative in soggetti con disturbo della comunicazione. Cognitive Neurorehabilitative Approach to the Potentiality Process Centro Studi e Ricerca in Neuroriabilitazione Via Boldetti 12 00162 Roma www.cnapp.it info@cnapp.it C.F. 97221180587 P.Iva 07027831002

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

Indice. Prefazione...pag. 5. Introduzione...pag. 6. Quadro sinottico...pag. 11. Attività. I ciclo (5-8 anni)...pag. 15

Indice. Prefazione...pag. 5. Introduzione...pag. 6. Quadro sinottico...pag. 11. Attività. I ciclo (5-8 anni)...pag. 15 Indice Prefazione.......pag. 5 Introduzione.....pag. 6 Quadro sinottico....pag. 11 Attività I ciclo (5-8 anni).....pag. 15 Tutte le età (5-11 anni)....pag. 63 II ciclo (8-11 anni).....pag. 101 Bibliografia.....pag.

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

Dott.ssa Francesca De Rosi

Dott.ssa Francesca De Rosi Dott.ssa Francesca De Rosi Neuroscienze Studiano il funzionamento del sistema nervoso. Collaborano con: Anatomia Fisiologia Biologia Molecolare Genetica Biochimica Psicologia Pedagogia Tecniche d indagine

Dettagli

floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com

floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com 1 Deep Brain Stimulation Transcranial Magnetic Stimulation Transcranial Direct Current Stimulation Elettrodi impiantati chirurgicamente nel cervello Parkinson,

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA

CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA Matteo Candidi a) Formazione a1) Formazione Scolastica e Universitaria: 1996: Diploma di maturità Classico-Sperimentale, votazione 56/60, presso il Liceo Virgilio

Dettagli

Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive (CsrNC)

Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive (CsrNC) Università degli Studi di Bologna Laurea Magistrale in Neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Linguaggio orale & Linguaggio scritto. Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione

Linguaggio orale & Linguaggio scritto. Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione Linguaggio orale & Linguaggio scritto Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione Linguaggio orale & Linguaggio scritto All'età di sei anni un bambino è in grado di capire 14.000 parole circa

Dettagli

Di cosa si occupa lo studio sul movimento

Di cosa si occupa lo studio sul movimento Di cosa si occupa lo studio sul movimento Attività motoria e controllo motorio sono funzioni importanti e indispensabile sia da un punto di vista filogenetico che ontogentico. ontogenesi è l'insieme dei

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze Franca Stablum Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova 1 Neuropsicologia clinica = scienza applicata Problemi

Dettagli

Curriculum Vitae et Studiorum

Curriculum Vitae et Studiorum Curriculum Vitae et Studiorum Matteo Baccarini Informazioni Personali Nato a: Milano (Italy) il: 31-08-1982 Indirizzo: Cellulare: E-Mail: Parole Chiave Filosofia della Scienza; Logica; Filosofia delle

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

AVVISO N. 76 AI GENITORI DELLA SCUOLA PRIMARIA

AVVISO N. 76 AI GENITORI DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIAMONTEBELLO Scuola dell Infanzia,Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Via Montebello,18/a- 43123 Parma Tel. 0521252877 fax 0521962435 Cod.Fisc. 80010890343 C.M.PRIC834003

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie Mercoledì 20 marzo 2013 Dott.ssa Roberta Riccioni Psicologa Neuropsicologia dei DSA - Legislazione I disturbi dell'apprendimento contesti,

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca DI COSA PARLEREMO? Struttura del cervello e tecniche per studiarlo Processi cognitivi implicati

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012 METODO ANALOGICO ( metodo Bortolato) Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi nell anno scolastico 2011/2012 Durante l anno scolastico 2011/2012 le insegnanti delle CLASSI PRIME del

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dott. Maurizio Gorgoni. Ph.D. - Psicologo

CURRICULUM VITAE. Dott. Maurizio Gorgoni. Ph.D. - Psicologo CURRICULUM VITAE Dott. Maurizio Gorgoni Ph.D. - Psicologo STUDI SVOLTI, ATTIVITA FORMATIVA E PROFESSIONALE - Consegue il diploma presso l Istituto Tecnico Commerciale Antonietta Cezzi De Castro nell A.S.

Dettagli

Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»?

Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»? Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»? Probabilmente non avremo la possibilità di agire sulle

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Psicologia Generale I

Psicologia Generale I Psicologia Generale I Dott.ssa Paola Ricciardelli Dipartimento di Psicologia Edificio U6-3026c, int. 3734 paola.ricciardelli@unimib.it Ricevimento: Giovedì, 11:30-12:30 1 Sommario Il concetto di attenzione

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Percezione temporale. Una illusione percettiva di dilatazione temporale. Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Firenze Marzo 2013

Percezione temporale. Una illusione percettiva di dilatazione temporale. Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Firenze Marzo 2013 Percezione temporale Una illusione percettiva di dilatazione temporale Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Firenze Marzo 2013 Action, arousal and subjective time Kielan Yarrow (a) Patrick Haggard

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

Piccoli saggi. laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo. condotto da Carlo Maria Cirino

Piccoli saggi. laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo. condotto da Carlo Maria Cirino Piccoli saggi laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo condotto da Carlo Maria Cirino Progetto Didattica della filosofia coi bambini Destinatari Alunni di tutte le classi

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE. Attenzione e coscienza. roberto.burro@univr.it

PSICOLOGIA GENERALE. Attenzione e coscienza. roberto.burro@univr.it PSICOLOGIA GENERALE Attenzione e coscienza roberto.burro@univr.it L attenzione Definire puntualmente l attenzione non è facile perché si riferisce ad una varietà di fenomeni psicologici tra loro differenti.

Dettagli

Esercizi del programma (solo su CD-ROM)

Esercizi del programma (solo su CD-ROM) Esercizi Esercizi del programma (solo su CD-ROM) Utilizzo dei comandi Per capire il significato dei termini utilizzati nei video è possibile consultare il glossario.. Passa alla schermata successiva. Ritorna

Dettagli

Ballare il tango senza pestarsi i piedi

Ballare il tango senza pestarsi i piedi Roma, 23 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA Ballare il tango senza pestarsi i piedi Individuata l area del cervello che permette di coordinare il movimento tra esseri umani. Lo studio della Sapienza su Nature

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI TUTTI I DOCENTI DI ALFABETIZZAZIONE ITALIANO MATEMATICA REFERENTE INTERCULTURA: MARIANGELA BERTINO

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

MONDIPARALLELI saperi matematici e infanzia Seminario 06-07 Marzo 2015 ABSTRACT

MONDIPARALLELI saperi matematici e infanzia Seminario 06-07 Marzo 2015 ABSTRACT MARTINA ARDIZZI PhD Dipartimento Neuroscienze Università di Parma Neuroni Mirror e Cognizione Incarnata: il contributo delle Neuroscienze alla comprensione dello sviluppo cognitivo ABSTRACT La scoperta

Dettagli

AREE MOTORIE. Piero Paolo Battaglini

AREE MOTORIE. Piero Paolo Battaglini Corso di Neurofisiologia avanzato AREE MOTORIE Piero Paolo Battaglini Centro per le Neuroscienze BRAIN (Basic Research And Integrative Neuroscience) Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste

Dettagli

ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI Le competenze alfabetiche funzionali dei ragazzi che a 18 anni si trovano nel sistema

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA I DISURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO Relatrice: Chiar. ma Prof.ssa Annalisa SCANU Candidata:

Dettagli

Manuale Utente. Versione 3.0. Giugno 2012 1

Manuale Utente. Versione 3.0. Giugno 2012 1 Manuale Utente Versione 3.0 Giugno 2012 1 Manuale d uso di Parla con un Click Versione 3.0 Indice degli argomenti 1. Immagini Modificare le immagini - Modifiche generali delle immagini - Modifiche specifiche

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità INFANZIA Ha sviluppato esperienze affettive e relazionali significative.

Dettagli

NEUROSCIENZE E MARKETING:

NEUROSCIENZE E MARKETING: - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING SALES & COMMUNICATION NEUROSCIENZE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BRAINHQ IL TRAINING COGNITIVO SUL WEB

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BRAINHQ IL TRAINING COGNITIVO SUL WEB BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BRAINHQ IL TRAINING COGNITIVO SUL WEB L efficienza delle capacità mentali quali l attenzione, la memoria e l intelligenza sono gli indicatori primari del rendimento

Dettagli

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Lo sfondo: la sintesi nelle Indicazioni nazionali del 2012 e ipotesi di curricolo Conoscenze di base

Dettagli

Una tecnica metacognitiva: il cloze. Licia Landi landi@univirtual.it Laboratorio RED Università Ca' Foscari di Venezia

Una tecnica metacognitiva: il cloze. Licia Landi landi@univirtual.it Laboratorio RED Università Ca' Foscari di Venezia Una tecnica metacognitiva: il cloze Licia Landi landi@univirtual.it Laboratorio RED Università Ca' Foscari di Venezia In che cosa consiste il cloze? La procedura cloze è una tecnica che consiste nell'inserimento

Dettagli

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622 Over the rainbow : oltre l arcobaleno per scoprire, inventare, rappresentare, ed imparare attraverso la lingua italiana, le scienze, la lingua inglese e le nuove tecnologie Mavi Ferramosca, Scuola Primaria

Dettagli

Laboratorio di filosofia

Laboratorio di filosofia Laboratorio di filosofia Risvolti filosofici delle nuove acquisizioni nell ambito delle neuroscienze. Classe 4 scientifico A Coordinatrice Prof.ssa Laura Gagliardo Alunni: Fresia Giulia Elettra, Buttiglieri

Dettagli

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso!

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! 1 Erika Firpo Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! INTRODUZIONE Sempre più spesso i bambini e i ragazzi passano parte del loro tempo a giocare coi

Dettagli

TEATRO E NEUROSCIENZE

TEATRO E NEUROSCIENZE 220 EMANUELE FAZIO TEATRO E NEUROSCIENZE In the last decennia, many dialogues have developed by sharing among arts, aesthetics and sciences. The objective is to neuroaesthetics (dating back 1994) by Semir

Dettagli

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO Dopo uno studio e una sperimentazione sul campo durata più di 4 anni, abbiamo realizzato un applicazione per tablet (inizialmente per ipad, ma con progetti futuri di sviluppo

Dettagli

Cogito ergo riabilito. Un prototipo: il progetto COGITO

Cogito ergo riabilito. Un prototipo: il progetto COGITO Cogito ergo riabilito Le potenzialità del training computerizzato per i disturbi di attenzione, memoria visuo-spaziale e linguaggio Un prototipo: il progetto COGITO Dott.ssa Gindri P., Dott. Passerini

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

2. PROPRIETÀ COGNITIVE DEL SISTEMA MOTORIO NELLA CORTECCIA CEREBRALE

2. PROPRIETÀ COGNITIVE DEL SISTEMA MOTORIO NELLA CORTECCIA CEREBRALE 2. PROPRIETÀ COGNITIVE DEL SISTEMA MOTORIO NELLA CORTECCIA CEREBRALE Leonardo Fogassi doi: 10.7359/746-2015-foga 2.1. Il ruolo primario dell azione nella cognizione Il filosofo e psicologo americano William

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

Curare la dislessia con la musica: SI PUÒ!

Curare la dislessia con la musica: SI PUÒ! Curare la dislessia con la musica: SI PUÒ! Sono ormai passati 37 anni da quando il prof. Alfred Tomatis scriveva nel suo libro "Educazione e dislessia" dello stretto rapporto tra orecchio e dislessia.

Dettagli

La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali

La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali Differenze nel processamento lessicale e semantico in bambini con disturbo dello spettro autistico Giancarlo Zito, Magda Di Renzo, Federico

Dettagli

LINGUAGGIO. agli inizi, lesioni cerebrali. metodologia. recentemente, tecniche di neuroimmagine

LINGUAGGIO. agli inizi, lesioni cerebrali. metodologia. recentemente, tecniche di neuroimmagine LINGUAGGIO metodologia agli inizi, lesioni cerebrali recentemente, tecniche di neuroimmagine 1 AFASIA Perdita parziale o completa delle capacità linguistiche conseguente ad un danno cerebrale, spesso senza

Dettagli

Educazione Emotiva. Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE

Educazione Emotiva. Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE Educazione Emotiva Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE REBT = Rational Emotive Behavior Therapy Ideata da

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Daniela Longo(1), Ario Federici(1) e Emanuele Lattanzi(2) (1) Facoltà di Scienze Motorie Università di Urbino (2) Istituto di Scienze

Dettagli

I neuroni specchio 1. 1.1. I neuroni specchio (mirror neurons)

I neuroni specchio 1. 1.1. I neuroni specchio (mirror neurons) I neuroni specchio 1 «I neuroni specchio saranno per la psicologia quello che il DNA è stato per la biologia». (V. Ramachandran) 1.1. I neuroni specchio (mirror neurons) I neuroni specchio sono una classe

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Dott.ssa Martina Valente Psicologa master II livello in Psicopatologia dell Apprendimento s.a Psicoterapia cognitivo comportamentale per l infanzia e l adolescenza

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli