Relazione sulle attività associative 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sulle attività associative 2014"

Transcript

1 1 Relazione sulle attività associative 2014

2 Relazione sulle attività associative 2014 Introduzione alla Relazione Direzione Generale Organizzazione e Marketing Associativo Relazioni e Attività Internazionali Centro Studi e Cultura d Impresa Ufficio Stampa e Comunicazione Area Tecnico-Scientifica Amministrazione, Finanza e Controllo Gruppi Merceologici Relazione sulle attività associative 2014

3 INTRODUZIONE ALLA RELAZIONE La relazione che segue la prima del mio secondo mandato - illustra le attività svolte dall Associazione nelle tre aree strategiche: imprenditore, impresa e mondo esterno, in attuazione delle strategie del Consiglio direttivo e della Giunta e secondo le direttive generali definite nel programma triennale. Tutte le attività sono state condivise dal Consiglio direttivo, formato dai Vicepresidenti, dal Tesoriere e dai Consiglieri incaricati eletti con il Presidente, dai Presidenti dei Gruppi merceologici componenti di diritto dai Consiglieri eletti dalla Giunta e da due Consiglieri nominati dal Presidente. Una rappresentanza ampia e autorevole di tutte le componenti associative. Il vertice Vicepresidenti LUCIANO BERTINELLI BENEDETTO LAVINO VINCENZO MAGLIONE* CRISTINA SCOCCHIA Consiglieri incaricati LUCIO CARLI ROBERTO FERRO FABIO FRANCHINA AMBRA MARTONE Consiglieri eletti RENATO ANCOROTTI CARLO BAIESI SERENA CAIMANO VALERIA CAVALCANTE VITTORIA GANASSINI Presidenti dei Gruppi ANTONIO ARGENTIERI DARIO BELLETTI STEFANO FATELLI MATTEO LOCATELLI GIANNI MANZETTI Consiglieri nominati dal Presidente PAOLA ARUTA ENRICO DE TOMA Tesoriere FABIO PASTORI Le iniziative sono state ampiamente diffuse sia all interno che all esterno con i mezzi di comunicazione di Cosmetica Italia: Accademia 33, le mail ai diretti interessati, la Lettera del Presidente e Cosmetica Italia Daily News. Il materiale è sempre stato disponibile nell area riservata ai soci del sito web istituzionale. * fino a giugno Relazione sulle attività associative 2014

4 1. Area dell imprenditore Gli obiettivi verso le imprese associate e gli imprenditori erano sinteticamente: Fidelizzare e migliorare i rapporti interpersonali con gli Associati Il sito: nel 2014 le visite sono state con una media di 382 visite al giorno. Le pagine lette sono state con una media di 4 pagine a utente. I visitatori sono stati Il tempo medio di permanenza è stato di 4,31 minuti. È stata svolta l analisi tecnica e grafica per l aggiornamento del sito nel prossimo anno. Newsletter: nel 2014 sono state inviate 157 Cosmetica Italia Daily News. I contatti all interno delle imprese cosmetiche che ricevono Cosmetica Italia Daily News sono Accademia 33: anche nel 2014 è proseguita la pubblicazione del nostro house organ con 10 numeri. È stato inoltre completato il processo di revisione grafica avviato nel 2013 per rispondere alle esigenze e ai suggerimenti emersi nella readers satisfaction Facilitare la partecipazione Gruppi merceologici: l attività è stata consolidata per ottenere il maggior coinvolgimento progettuale, di conseguenza è migliorato il livello qualitativo delle iniziative e dei risultati; complessivamente le occasioni di incontro sono state oltre 35. Comunicazione interna: i componenti degli organi statutari hanno sempre ricevuto la documentazione dei temi trattati prima delle riunioni; tutte le informazioni utili alle imprese associate sono state pubblicate sul sito in tempo reale, con cadenza quotidiana. Aumentare il numero delle aziende associate, allungare la filiera. Dati registro imprese: nel 2014 il numero delle nuove imprese che si sono iscritte è stato pari a 23 unità. Sono stati mantenuti i buoni rapporti di collaborazione nell ambito della rappresentanza e dell informazione regolatoria con Federchimica, Mapic e Assocasa. 4 Relazione sulle attività associative 2014

5 2. Area del mondo esterno Gli obiettivi individuati erano numerosi poiché questa area strategica rappresenta l impegno più significativo per la tutela degli interessi generali delle imprese associate. Valorizzare il comparto cosmetico, rafforzare l identità di Cosmetica Italia e il ruolo sociale della cosmetica Expo 2015: nel corso dell anno sono state esaminate le numerose proposte di coinvolgimento di Cosmetica Italia nell Esposizione Universale. Alla fine è stato deciso di sottoscrivere l accordo con BolognaFiere per partecipare all interno del Parco della Biodiversità. Cosmetica Italia: il cambio del nome e del logo ha facilitato la comprensione e l attività svolta, consolidando in modo decisivo l immagine e la reputazione dell Associazione. Beauty Report: nel mese di giugno è stato presentato al mondo delle istituzioni il quinto Rapporto annuale sul valore dell industria cosmetica in Italia, elaborato da Ermeneia e pubblicato da Franco Angeli, con un focus rivolto al canale della Grande Distribuzione Organizzata. Alla presentazione hanno partecipato la Vicepresidente del Senato Valeria Fedeli e alcuni componenti delle Commissioni parlamentari della Camera e del Senato. L obiettivo del progetto è stato il confronto e la discussione basati sulla disponibilità di informazioni recenti e ad ampio spettro, per far conoscere e apprezzare l importanza e il peso di un settore economico competitivo, in crescita e orientato all innovazione e al rapporto con il consumatore. I risultati sono stati molto positivi e il Rapporto sarà presentato e pubblicato anche nel Piano di comunicazione: le uscite nel 2014 sono state (erano state nel 2013) di cui 167 sono state classificate come articoli di qualità tra agenzie e interviste. Inoltre si segnalano 41 uscite totalizzate in tv e radio (nazionali e locali). Nel 2014 La forza e il sorriso ha complessivamente costituito 370 laboratori di bellezza, coinvolgendo partecipanti in 47 Enti Ospitanti (tra ospedali e associazioni) sul territorio nazionale e portando a circa 370 il numero dei volontari coordinati dall associazione (medici, infermieri, psicologi, consulenti di bellezza). 5 Relazione sulle attività associative 2014

6 Nel corso dell anno i rapporti istituzionali con il Ministero della Salute e gli enti correlati sono stati frequenti e sono stati caratterizzati, pur nei differenti ruoli, dal confronto sulle competenze e sulle norme del settore, con particolare attenzione all attuazione del nuovo Regolamento. Tutelare la reputazione, l identità e il senso etico dell industria cosmetica ABC cosmetici: il sito, che promuove la conoscenza dei prodotti cosmetici con contenuti sia di tipo divulgativo sia di tipo scientifico, è ormai il punto di riferimento informativo destinato al pubblico dei consumatori, dei professionisti, dei giornalisti e anche alle aziende associate. Nel corso dell anno è stato oggetto di un restyling grafico e di un aggiornamento dei contenuti con inserimento di nuove sezioni; sono state inoltre registrate più di visite con pagine visualizzate. Crisis management: la procedura di contrasto delle crisi (in collaborazione con Hill&Knowlton) è stata sempre mantenuta attiva, ma non si sono registrate situazioni di particolare gravità. Nello specifico, l Associazione ha gestito preventivamente alcune richieste di partecipazione a programmi televisivi dedicati a temi potenzialmente controversi: Uno Mattina (Rai 1), Report (Rai 3), La Gabbia (La7). Cosmetica Italia ha collaborato attivamente alla preparazione dei contenuti delle trasmissioni e contribuito ad evitare eventuali virate critiche per il settore o per alcuni suoi specifici canali. Comunicazione commerciale: Cosmetica Italia ha attivamente contribuito alla revisione del Codice di disciplina, in attuazione delle linee guida elaborate in sede di Cosmetics Europe. Rafforzare l identità del settore Public affairs: sono proseguite le iniziative di confronto e scambio di informazioni ed esperienze con i Carabinieri del NAS, la Guardia di Finanza e le ASL, in collaborazione con altre associazioni di Federchimica. Cosmetica Italia partecipa inoltre alle riunioni del Ministero delle Attività Produttive sul tema della lotta alla contraffazione. Aumentare l influenza di Cosmetica Italia in Europa e mantenere la leadership in Italia Dopo la revisione statutaria, la partecipazione al Board Of Directors, all Active Association Members e ai gruppi di lavoro ha impegnato i nostri rappresentanti in 60 incontri e riunioni. 6 Relazione sulle attività associative 2014

7 Good sustainability: su questo tema Cosmetica Italia ha continuato la sua attività di sensibilizzazione delle imprese associate, soprattutto di medie e piccole dimensioni, divulgando le linee guida di Cosmetics Europe e partecipando attivamente al relativo gruppo di lavoro. In particolare ha promosso un seminario articolato in tre incontri per la formazione delle aziende associate con un buon riscontro in termini di partecipazione. Costruire un network tecnico-scientifico Sono state consolidate le attività istituzionali e di collaborazione rivolte al mondo scolastico, scientifico e accademico con l ulteriore sviluppo delle iniziative. IPAM: sono proseguiti i rapporti di collaborazione con attività comuni e scambi di informazioni. L Associazione Italiana Informatori Cosmetici Qualificati (AIICQ) ha concluso il terzo corso specifico sulla cosmetica. Cosmetica Italia ha offerto ancora il suo supporto logistico e organizzativo. Rafforzare il sistema di analisi economica e di mercato del settore per continuare a essere il principale punto di riferimento L attività di partecipazione e collaborazione con Federchimica è ormai consolidata, in particolare nelle aree del public affairs (sia a Roma che a Bruxelles), del Reach, della comunicazione, dell ufficio studi e del marketing associativo. L analisi congiunturale e le ricerche di mercato hanno ricevuto ulteriore impulso. In questo modo, si sono incrementate le conoscenze del mercato messe a disposizione delle aziende del settore. Nel 2014 è stato avviato il progetto che porterà all elaborazione e diffusione dei trend nel mercato cosmetico mondiale. 7 Relazione sulle attività associative 2014

8 3. Area dell impresa Aiutare le imprese a sviluppare il business con azioni di supporto Piano di internazionalizzazione: ha previsto e attuato numerose iniziative tra fiere, missioni e incontri di tipo informativo rivolti ai soci, con una partecipazione complessiva di circa 80 imprese associate. SoGeCos-Cosmoprof: è stato adottato anche nel 2014 lo strumento del protocollo d intesa per definire i ruoli, gli impegni e le responsabilità di entrambe le parti, come previsto dal contratto rinnovato su livelli di corrispettivo inferiori a quelli precedenti. Migliorare efficacia, efficienza, economicità Progetto Do better with less : il progetto si è sviluppato nel corso dell anno e ha consentito l uso ottimale delle risorse finanziarie in virtù di un analisi accurata e di una revisione delle spese efficace. Il bilancio delle tre organizzazioni riflette con evidenza i risultati raggiunti. Nel 2014 l Associazione e Unipro Servizi hanno ricevuto da Certiquality il rinnovo della certificazione ISO 9001/2000 e della certificazione ambientale ISO Corsi formazione interna/esterna: nel corso dell anno 2014 l attività è stata ancora intensa come negli anni precedenti e ha fatto uso dei finanziamenti messi a disposizione da Fondirigenti. Aiutare le imprese a sviluppare la professionalità delle risorse umane Fondimpresa: è proseguita l attività di promozione e sviluppo della formazione finanziata presso le imprese cosmetiche. 8 Relazione sulle attività associative 2014

9 Conclusioni L attività istituzionale si è svolta secondo le indicazioni del piano triennale della Presidenza, con l attuazione delle decisioni strategiche adottate dal Consiglio direttivo. Il processo di governance è sempre stato preceduto da un adeguata documentazione, in tal modo la conoscenza e la discussione degli argomenti all ordine del giorno è sempre stata facilitata e incoraggiata. Il grado di partecipazione degli imprenditori alla vita associativa si è mantenuto sui livelli degli anni precedenti e conta su un ottantina di persone coinvolte nell attività progettuale e nell attuazione dei programmi definiti. Con questa relazione di mandato si conclude anche l esperienza in Cosmetica Italia del Direttore Generale, Maurizio Crippa, che alla fine di giugno 2015 lascerà l incarico per raggiunti limiti di età. A lui va il nostro più sentito ringraziamento per l attività svolta con competenza e passione, insieme agli auguri di un futuro sereno. A Luca Nava, che gli subentra, il più caloroso incoraggiamento e augurio di buon lavoro. Fabio Rossello 9 Relazione sulle attività associative 2014

10 DIREZIONE GENERALE Gli obiettivi e i risultati della Direzione Generale Questa relazione è l ultima del mio incarico, durato nove anni e mezzo, e correttamente deve essere anche un bilancio sui risultati raggiunti e sul cammino che l organizzazione deve ancora compiere per essere sempre al passo con le esigenze degli Associati, imprese e imprenditori. Gli obiettivi che mi erano stati posti al momento dell assunzione erano quattro: 1) razionalizzare la struttura e assicurare la crescita professionale delle persone; 2) ottimizzare l uso delle risorse finanziarie dopo un periodo di forte crescita; 3) adottare strumenti manageriali per la gestione; 4) aumentare la reputazione dell allora Unipro all interno di Confindustria e presso le Istituzioni. Mi si chiedeva, in sintesi, di usare le mie esperienze precedenti applicandole nel nuovo contesto. Ho fatto del mio meglio e penso di aver raggiunto gli obiettivi e conseguito i risultati attesi dal vertice associativo. Razionalizzazione della struttura e crescita delle persone Nel 2006 la struttura associativa era formata da persone adeguate alle necessità in un contesto organizzativo che la crescita intensa della prima metà degli anni duemila aveva reso un po scoordinato e poco coeso. Nuove funzioni (internazionalizzazione, Centro Studi) ed enti correlati (CIA, Cosmexport) si erano aggiunte ad altre e mancava la visione d insieme che le indirizzasse verso obiettivi comuni e condivisi. Il personale era caratterizzato da esperienze monoaziendali (Unipro) e mostrava alcuni limiti di cultura organizzativa e manageriale. Nel corso degli anni la crescita, favorita dall attività di formazione intensa e mirata, si è rivelata solida, elevando nettamente il livello delle competenze, delle abilità e del comportamento. Oggi il gruppo è coeso pur nelle diversità delle persone, e ha colto in pieno il senso dell obiettivo comune, esplicito e chiaro per tutti: soddisfare le esigenze degli Associati. Uso ottimale delle risorse finanziarie Nel 2005 erano stati elaborati ben sette bilanci non aggregati né consolidati, con evidente difficoltà nel controllo dell uso delle risorse finanziarie nel momento del loro impiego, e con inevitabili sovrapposizioni e duplicazioni conseguenti. Inoltre, in seguito alla vendita totale delle quote nel sistema Cosmoprof, erano cessate le plusvalenze che per alcuni anni avevano finanziato buona parte dell attività. Grazie all incoraggiamento del vertice, nell arco di tre/quattro anni, si è arrivati a una strutturazione più razionale: l Associazione, la società 10 Relazione sulle attività associative 2014

11 di servizi e la società immobiliare. Trasparenza, facilità di controlli, pianificazione delle risorse inquadrate in un sistema semplice ma efficace. Nell arco del 2014, inoltre, il progetto Do better with less ha cominciato a dare i suoi frutti, come si può rilevare dalla lettura dei bilanci dell esercizio. La nuova Direzione Generale potrà così contare su una struttura meno costosa a parità di prestazioni. Ultimo ma non meno importante, il contratto con BolognaFiere che, seppur ridotto nella misura, permette ancora di mantenere inalterata la quota contributiva fino al 2017, quando dovrà essere rinnovato. Strumenti manageriali per la gestione La metamorfosi del sistema imprenditoriale italiano ha obbligato le Associazioni a modificare il loro modo di lavorare, imponendo l adozione di strumenti gestionali e manageriali in linea con quelli delle imprese. Il primo passo ha riguardato l analisi e la pianificazione strategica, basata sull analisi degli interlocutori esterni, degli eventuali concorrenti e dell articolazione delle imprese associate e, di conseguenza, dei loro fabbisogni di rappresentanza, appartenenza e di servizi erogati dalla struttura. Il piano è stato la prima opportunità per tutto il personale per conoscere l Associazione, le sue possibilità di crescita e le criticità incombenti e, soprattutto, l occasione per identificare e classificare per complessità e contributo alla mission associativa i portatori di interesse (stakeholder). Dall analisi si è passati alla definizione degli obiettivi e delle azioni da compiere per raggiungerli, secondo una lista di priorità che ha orientato in misura differente le risorse a disposizione. Da qui all uso del Sistema di Qualità in ambito ISO 9001 il passo è stato breve, come la successiva classificazione ISO Il workplan annuale ha quindi scandito i risultati attesi, i tempi e le responsabilità correlate. L analisi dei fabbisogni formativi e i conseguenti piani pluriennali di formazione individuale e collettiva ne hanno completato l attuazione. Infine, sotto la guida del nuovo Direttore Generale è partito un nuovo progetto di sviluppo del personale che, dall analisi del potenziale, porterà all opportuno e auspicabile processo di riorganizzazione del personale. La reputazione di Unipro Cosmetica Italia e Public Affairs La condizione particolare dell Associazione, federata in Federchimica ma con issue specifiche e di dimensione europea, aveva bisogno di una definizione precisa e di un azione più efficace. Innanzitutto, il venir meno della potestà legislativa locale a favore di quella europea dapprima in termini di Direttive e recentemente in termini di Regolamento sui 11 Relazione sulle attività associative 2014

12 cosmetici ha indotto la naturale chiusura degli uffici di Roma e il potenziamento della presenza a Bruxelles. È stato rinsaldato il rapporto con Federchimica, in particolare con le due Direzioni centrali dei rapporti istituzionali che hanno garantito la professionalità e l efficacia di cui c era bisogno. I rapporti con il Governo (Ministeri competenti), con il Parlamento italiano e con i Parlamentari europei tramite i dirigenti di Federchimica, sono cresciuti d intensità, autorevolezza ed efficacia, facilitando l attività di lobby e advocacy. Di conseguenza è aumentato il potere di convocazione (constituency) da parte di Cosmetica Italia, oggi in grado di parlare alle istituzioni e alla politica in modo autorevole e autonomo, seppur leale e allineato alle policy di Federchimica e Confindustria. In tal senso, l Associazione è diventata classe dirigente perché capace di rappresentare gli interessi comuni del settore cosmetico e, se del caso, di tutelarli con ogni mezzo corretto di persuasione e influenza. La specificità del settore cosmetico, tipicamente caratterizzata dalla vendita di beni di consumo, non aveva ricevuto sufficienti considerazioni e attenzioni fino a quando, dentro il sistema Confindustria, la cosmetica non ha cominciato a suscitare interesse per i suoi numeri, per la sua crescita, per la sua imprenditorialità. Missioni governative, alleanze con ICE e Promos, creazione di uno spazio autonomo e riconosciuto dentro il sistema Made in Italy, sono le conseguenze di un lavoro promozionale intenso di un settore che, in misura assoluta, è stato riconosciuto e apprezzato per la capacità imprenditoriale e il conseguente successo delle imprese italiane di ogni dimensione. L importanza delle relazioni interpersonali La progettualità intensa e vivace degli imprenditori che animano la governance e partecipano alla vita associativa ha aggiunto valore alle attività della struttura, sollecitandole a un impegno competente e generoso per l attuazione dei numerosi programmi, in particolare dei Gruppi merceologici, che hanno contribuito alle attività degli organismi associativi, al raggiungimento di uno standing di assoluto rilievo e riconoscimento dentro il sistema associativo imprenditoriale italiano. Un Associazione che gode di ottima salute, dunque, pronta a raccogliere le sfide del futuro per vincerle e contribuire in qualche misura al successo continuo delle imprese cosmetiche. Un sentito ringraziamento, infine, per la fiducia che è stata riposta in me e per la simpatia e il rispetto reciproco che hanno sempre caratterizzato i rapporti con gli imprenditori di Cosmetica Italia. Maurizio Crippa 12 Relazione sulle attività associative 2014

13 ORGANIZZAZIONE E MARKETING ASSOCIATIVO L Area Organizzazione e Marketing Associativo ha continuato ad assicurare l adempimento delle norme di disciplina della vita dell Associazione gestendo l attività degli organismi statutari. Ha attuato il programma di sviluppo associativo, curando le relazioni con i soci e reclutandone dei nuovi. L attività dell Area è articolata in quattro funzioni: sviluppo associativo, vita associativa, organizzazione e marketing. Sviluppo associativo La procedura di sviluppo associativo, definita con l adozione del Sistema di Gestione della Qualità, ha continuato a guidare il processo di acquisizione e fidelizzazione delle imprese associate e non. L efficacia del processo di sviluppo associativo è stata in larga misura garantita dalla collaborazione che tutte le altre aree di Cosmetica Italia hanno assicurato nella fase di approccio con i nuovi soci. Nell anno 2014 sono stati avviati contatti con 154 imprese e ne sono state associate 23, mentre ne sono state cancellate dal registro delle imprese 28: 3 per fusione con altre società, 3 per cessazione attività, 3 per insolvenza prolungata, 19 per dimissioni volontarie. Nel 2014 sono stati organizzati, per la prima volta, degli incontri informativi per le imprese non ancora associate. L iniziativa è nata con l obiettivo di far conoscere il valore dell Associazione, l importanza dei suoi servizi e della partecipazione alla vita associativa. Si sono svolti 5 incontri informativi ai quali hanno partecipato attivamente circa una ventina di imprese e, tra queste, 4 si sono associate. Vita associativa Nel corso del 2014 è stata avviata la seconda edizione del premio CosmeticAward - Premio italiano della cosmetica, nato con l obiettivo di premiare le attività imprenditoriali di successo. Questa edizione, incentrata sull innovazione della comunicazione, sarà rivolta alle aziende cosmetiche di tutte le dimensioni, nazionali e internazionali. Il tema sarà declinato nell analisi di best practice legate a campagne di comunicazione attuate nel corso del L iter di valutazione dei progetti presentati avverrà in due fasi rispettivamente monitorate 13 Relazione sulle attività associative 2014

14 da una Giuria Tecnica (composta da esperti indicati da Cosmetica Italia e da un ente terzo che si occuperà della selezione delle nomination) e da una Giuria professionale per l identificazione dei vincitori (composta da specialisti ed esperti, opinion leader del mondo della comunicazione). La premiazione delle aziende vincitrici si terrà in occasione di una serata il 29 settembre 2015 all Expo. All inizio del 2014 è stato pubblicato il catalogo Formazione & Informazione Il catalogo, nato con l obiettivo di offrire alle imprese occasioni di aggiornamento e formazione specifiche del settore cosmetico - difficilmente reperibili sul mercato - offre sia dei corsi di formazione professionale a pagamento che dei seminari informativi gratuiti. Il catalogo 2014 è stato rinnovato nella sua parte grafica e sono state introdotte delle modifiche sulle quote di partecipazione, offrendo la possibilità di ottenere sconti sulla partecipazione di più persone della stessa azienda. Organizzazione Questa funzione affidata all Area riguarda la cura della partecipazione degli imprenditori alla vita associativa, nell insieme articolata e complessa, degli organismi statutari e organizzativi. L assistenza all attività del Consiglio direttivo, della Giunta e della Consulta dei Past President, mediante la tempestiva diffusione delle informazioni e della documentazione a supporto degli incontri, costituisce la parte più impegnativa come si può desumere dal box che riassume il numero degli eventi. L Assemblea del 2014 nella sua parte privata ha approvato il Bilancio 2013, la delibera contributiva 2015 e ha eletto i componenti dei nuovi organismi che guideranno l Associazione nel triennio 2014/2017: Presidente, Vicepresidenti, Consiglieri incaricati e Tesoriere. In conformità alle disposizioni statutarie, è stato quindi rinnovato il Consiglio direttivo. Gestione degli organi associativi e aggiornamento cariche sociali: ASSEMBLEA: 1 riunione GIUNTA: 5 riunioni CONSIGLIO DIRETTIVO: 5 riunioni Marketing Questa funzione riguarda principalmente le azioni per promuovere i servizi associativi e a pagamento, per fidelizzare e migliorare i rapporti con gli Associati e per favorire la loro partecipazione alla vita associativa. 14 Relazione sulle attività associative 2014

15 Le convenzioni restano un utile strumento di risparmio per le aziende associate. Anche nel corso del 2014 si è provveduto ad aggiornare periodicamente l area, integrando gli accordi con nuove offerte. In particolare, le convenzioni aggiornate sono quelle derivanti da patti stipulati direttamente da Confindustria. Nel corso dell anno l indagine sulla soddisfazione degli Associati, istituita per verificare le mutate esigenze delle imprese e rispondere meglio in materia di servizi, identità e rappresentanza, ha proposto alle aziende associate alcuni sondaggi per conoscere il grado di soddisfazione verso iniziative specifiche. Nel 2015 la funzione marketing sarà maggiormente strutturata e realizzerà il piano di marketing elaborato nell ultima parte dell anno d intesa con le aree dell organizzazione di Cosmetica Italia. 15 Relazione sulle attività associative 2014

16 RELAZIONI E ATTIVITÀ INTERNAZIONALI L obiettivo dell Area Relazioni e Attività Internazionali è quello di assicurare la promozione del Made in Italy cosmetico nel mondo e aiutare le imprese italiane a sviluppare le esportazioni creando rapporti stabili e organizzati con gli operatori esteri. Il piano di internazionalizzazione 2014 è stato predisposto mettendo in relazione i suggerimenti dei soci (relativamente ai mercati e alle iniziative di interesse) e le segnalazioni dei partner istituzionali (Sogecos, Confindustria, Federchimica, ICE-Agenzia, CCIE, Promos, Regione Lombardia, ecc.), mantenendo la necessaria continuità delle azioni e della presenza nei Paesi finora esplorati e considerati di interesse. L attuazione del piano si è articolata in iniziative specifiche quali: l organizzazione di partecipazioni in collettiva ai Cosmoprof e a altre fiere cosmetiche; la partecipazione alle missioni istituzionali di scouting; la partecipazione alle missioni imprenditoriali commerciali; la progettazione di eventi di immagine e rappresentanza; l organizzazione di incontri formativi e informativi a carattere internazionale; l organizzazione di corsi di formazione a supporto del marketing internazionale; la ricerca diretta di finanziamenti presso enti pubblici nazionali e regionali. Nel 2014 le iniziative portate a termine sono state 14 organizzate su 8 paesi. Circa 100 imprese associate hanno partecipato a queste iniziative. Di importanza sempre crescente sono i rapporti con le istituzioni (per citarne alcune, Confindustria, ICE-Agenzia, Ministero Sviluppo Economico, Promos, Assocamerestero e la rete delle Camere di Commercio italiane all estero, Assolombarda) che permettono di migliorare la percezione del settore cosmetico italiano e di costruire nuove alleanze per ampliare i servizi per gli Associati. 16 Relazione sulle attività associative 2014

17 LE INIZIATIVE DEL 2014 COREA DEL SUD Italy with style, Seoul Dal 10 all 11 febbraio Organizzata da ICE-Agenzia, nell ambito della promozione speciale Made in Italy Progetto Accessorio finanziata dal Ministero per lo Sviluppo Economico, l iniziativa ha visto la partecipazione di 6 associazioni di categoria tra le quali Cosmetica Italia e il coinvolgimento di 110 aziende di tutti i comparti che rappresentano il sistema del fashion e accessori Made in Italy. Per la prima volta in Corea del Sud, un iniziativa promozionale unica in cui le imprese partecipanti hanno presentato il meglio della loro produzione agli operatori specializzati locali, alla stampa e ai più prestigiosi buyer coreani. Hanno aderito 7 imprese del settore cosmetico di cui 6 associate. Business con l estero strategie di internazionalizzazione 6 marzo - Milano Corso di formazione a supporto del marketing internazionale. Hanno partecipato 13 imprese associate. COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA Dal 4 al 7 aprile Incontro con i referenti delle Associazioni cosmetiche estere di Bulgaria, Germania, Grecia, Portogallo, Regno Unito e Spagna. CILE Mostra autonoma di cosmetica e gioielleria - Santiago del Cile Dal 28 al 29 aprile Missione imprenditoriale che ha visto la partecipazione di 21 aziende italiane, 13 di cosmetica (9 soci) e 8 di gioielleria tra le più significative dei settori per caratteristiche e tipologia di prodotto. Sono state realizzate delle postazioni allestite per l organizzazione di incontri professionali con circa 100 operatori esteri qualificati provenienti da 15 Paesi dell area (Cile, Bolivia, Ecuador, Panama, Costa Rica, Uruguay, Paraguay, Argentina, Brasile, 17 Relazione sulle attività associative 2014

18 Messico, Colombia, Perù, El Salvador, Guatemala, Nicaragua) selezionati dagli uffici ICE della rete estera e coordinati da alcuni trade analyst provenienti dagli stessi uffici. USA PROGETTO SPECIALE Missione di sistema MISE, ICE e Confindustria - Washington Dal 28 al 29 aprile Missione economica italiana al seguito del Viceministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda e del Presidente di Business Europe Emma Marcegaglia con i vertici delle Associazioni di categoria dei settori beni di consumo per incontrare le controparti USA che seguono le tematiche del commercio internazionale. USA PROGETTO SPECIALE Programma di formazione per le Piccole e Medie Imprese 7 maggio - Milano Incontro di formazione alle imprese con un taglio tecnico e commerciale sulle caratteristiche del mercato americano, per rendere le imprese consapevoli sia delle opportunità che delle criticità che questo mercato presenta. Hanno partecipato 17 imprese associate. Parte importante di tali programmi sono stati gli incontri individuali tra le imprese partecipanti e gli esperti di questioni doganali, legali e di marketing, trade analyst, rappresentanti di banche, reti d impresa, SACE e SIMEST, con i quali approfondire le materie trattate e delineare piani di internazionalizzazione personalizzati. USA Fiera Cosmoprof North America - Las Vegas Dal 13 al 15 luglio Organizzazione in collaborazione con Promos di una Collettiva Italia; azioni promozionali a favore del settore cosmetico italiano e a supporto dell azione commerciale delle imprese italiane presenti in fiera (30 aziende di cui 9 associate). In collaborazione con Sogecos/ BolognaFiere, Cosmetica Italia ha coordinato l ospitalità di quattro giornalisti VIP: Daniela Fedi Il Giornale, Marco Palma TG5, Angelo Ruggeri Milano Finanza Fashion e Annachiara Sacchi Corriere della Sera. 18 Relazione sulle attività associative 2014

19 SUDAFRICA Dal 19 al 24 luglio - Johannesburg Missione imprenditoriale con incontri b2b organizzata da Promos, in collaborazione con il Consorzio Camerale per l Internazionalizzazione, dedicata alle imprese del settore beni di consumo con particolare focus sul settore cosmetico (6 imprese associate) MALESIA E THAILANDIA 10 settembre - Milano Evento di presentazione dell industria cosmetica organizzato in collaborazione con ICE- Agenzia, su incarico del Ministero dello Sviluppo Economico nell ambito del Progetto Asean Awareness, su due mercati della regione Asean che si sono contraddistinti per un notevole fermento negli ultimi anni. L evento si è sviluppato in un seminario di presentazione sulle opportunità commerciali - con interventi dei trade analyst di ICE Kuala Lumpur e ICE Bangkok e contributi a cura di Cosmetica Italia su aspetti tecnico-normativi e di cultura di impresa - e incontri professionali tra le aziende italiane interessate (25 soci) e una selezione, contenuta ma altamente qualificata, di buyer provenienti dai due Paesi di riferimento (6 operatori). INDONESIA Fiera Cosmobeauté Indonesia - Jakarta Dal 9 all 11 ottobre Organizzazione in collaborazione con ICE-Agenzia di una Collettiva Italia di 16 aziende italiane (di cui 10 soci) e azioni promozionali a favore del settore cosmetico italiano e a supporto dell azione commerciale delle imprese presenti in fiera. Marketing internazionale a basso budget 22 settembre - Milano Corso di formazione a supporto del marketing internazionale. Hanno partecipato 15 imprese associate. 19 Relazione sulle attività associative 2014

20 USA PROGETTO SPECIALE Missione incoming di buyer americani Dal 22 al 26 ottobre Milano Missione incoming di buyer statunitensi della GDO, specialty stores, indipendent stores e indipendent retailer che hanno incontrato una selezione di imprese italiane operanti nei settori target del Progetto Speciale USA, tra cui la cosmetica. All iniziativa hanno partecipato 323 aziende italiane e circa 100 operatori di 89 aziende americane provenienti da 21 Stati; in particolare per il settore cosmetico hanno partecipato 23 imprese (di cui 12 soci) e 5 buyer. CINA Business focus su Hong Kong e Cina 4 novembre - Milano Incontro di presentazione dell industria cosmetica nei due Paesi, organizzato in collaborazione con Promos, sulle opportunità di business e aspetti tecnico-normativi e di cultura di impresa. Hanno partecipato 22 imprese associate. CINA Fiera Cosmoprof Asia - Hong Kong Dal 12 al 14 novembre Organizzazione in collaborazione con Promos di una collettiva di 35 aziende cosmetiche italiane (di cui 20 associate); azioni promozionali a favore del settore cosmetico italiano e a supporto dell azione commerciale delle imprese italiane presenti in fiera (96 aziende di cui 50 associate). In collaborazione con Sogecos/BolognaFiere, Cosmetica Italia ha coordinato l ospitalità di due giornaliste VIP: Simona Branchetti - TG5 Mediaset e Paola Pilati - L Espresso. Il Welcome Cocktail Reception Introducing Cosmoprof Worldwide Bologna 2015, organizzato martedì 11 novembre alle ore 18.00, è stato l evento con cui Cosmetica Italia, BolognaFiere e Cosmoprof Bologna hanno celebrato con stampa, associazioni\istituzioni ed espositori italiani l importanza strategica del mercato di Hong Kong, l eccellenza di Cosmoprof/ Cosmopack e il valore dell industria cosmetica italiana. 20 Relazione sulle attività associative 2014

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

P R O M O S. Il tuo partner per l internazionalizzazione. 4 Marzo 2015. Internazionalizzazione e marketing territoriale

P R O M O S. Il tuo partner per l internazionalizzazione. 4 Marzo 2015. Internazionalizzazione e marketing territoriale Internazionalizzazione e marketing territoriale P R O M O S CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO Il tuo partner per l internazionalizzazione Dal 1786 l istituzione al servizio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 Area Commercio e Promozione Estero Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Treviso www.tv.camcom.it promozione@tv.camcom.it

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Congresso Esportare di più si può, si deve

Congresso Esportare di più si può, si deve ICE AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL ESTERO E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE Congresso Esportare di più si può, si deve Lecce, 16 ottobre 2014 Giovanni Sacchi Direttore Ufficio di coordinamento

Dettagli

Laboratorio Efficienza Energetica

Laboratorio Efficienza Energetica Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti Presentazione del Progetto 1 Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti La crisi economica e la modifica strutturale

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987

L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987 CO M PA N Y P R O F I L E L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987 2 3 CISITA PARMA. La formazione a Parma, dal 1987 Cisita I NUMERI DI CISITA PARMA AZIENDE CLIENTI - 1.061 ORE DI FORMAZIONE EROGATE - 38.132

Dettagli

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015 Organismo Indipendente di Valutazione Sede, 03.04.2015 Pr. 88 PRESIDENTE Dott. Riccardo Maria Monti DIRETTORE GENERALE Dott. Roberto Luongo E,p.c.: Presidenza Direzione Generale Dott. Gianpaolo Bruno Dott.

Dettagli

Analisi dei risultati

Analisi dei risultati Milano, 28 marzo 2012 Indagine sulla soddisfazione degli associati 2011 Analisi dei risultati Matteo Locatelli Indice 1. Il campione 2. Servizi agli associati 2.1 - Servizi erogati da Unipro 2.2 Attributi

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Scheda di partecipazione Quinta edizione

Scheda di partecipazione Quinta edizione Scheda di partecipazione Quinta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista ComuniCare nformazione Società di comunicazione ed organizzazione eventi del mondo ANCI ditoria Comunicazione eventi publicrelations Informazione Editoria - Anci Rivista omunicazione Public Relations Congressi

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

passione make-up energia make beauty beauty Fabio Rossello energia ergia passione Presidente Cosmetica Italia passione beauty make energia well

passione make-up energia make beauty beauty Fabio Rossello energia ergia passione Presidente Cosmetica Italia passione beauty make energia well essere passione beauty s make-up energia passione ile Fabio Rossello make benessere beauty energia ergia Presidente Cosmetica Italia well beauty make passione energia well-being benessere Il quadro macroeconomico

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

Soluzioni. per le Imprese CHINA

Soluzioni. per le Imprese CHINA Soluzioni per le Imprese CHINA Il nostro team Fondazione Italia Cina e Camera di Commercio Italo Cinese hanno raggiunto un accordo di integrazione e hanno dato vita ad un unica sezione per l erogazione

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità

America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità Brasile, Colombia, El Salvador, Nicaragua Min. Plen. Inigo Lambertini Direttore Centrale per l Internazionalizzazione e le Autonomie Territoriali

Dettagli

Promos. Servizi e strumenti per l internazionalizzazione delle imprese. 19 Giugno 2013. Internazionalizzazione e marketing territoriale

Promos. Servizi e strumenti per l internazionalizzazione delle imprese. 19 Giugno 2013. Internazionalizzazione e marketing territoriale Internazionalizzazione e marketing territoriale Promos CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO Dal 1786 l istituzione al servizio del sistema produttivo di Milano. Servizi e strumenti

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

MARCHE Una crescita continua

MARCHE Una crescita continua MARCHE Una crescita continua Patrizia Camilletti camilletti@hepta.it Social Report annuale Social Plan 2012-2014 IL SOCIAL PLAN Strumento di pianificazione per il periodo 2012-2014 Social Pan 2012-2014

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

RICERCA PARTNER COMMERCIALI

RICERCA PARTNER COMMERCIALI RICERCA PARTNER COMMERCIALI In collaborazione con: Divisione di Alma Italia s.r.l. www.sanpaoloimprese.com PREMESSA Lo sviluppo commerciale è da sempre uno dei punti fondamentali dell attività aziendale.

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

Case history Miss Broadway

Case history Miss Broadway E giunto il momento per i brand di non preoccuparsi più dei social media, ma solo di goderne i benefici. Case history Miss Broadway Paglieri Sell System Miss Broadway http://www.missbroadway.it/ http://www.facebook.com/miss.broadway.makeup

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

20 MLN I GRANDI EVENTI COME ACCELERATORI DI BUSINESS RESTO DEL ITALIA. Produttori. Investitori MONDO. Compratori. Compratori Fornitori.

20 MLN I GRANDI EVENTI COME ACCELERATORI DI BUSINESS RESTO DEL ITALIA. Produttori. Investitori MONDO. Compratori. Compratori Fornitori. PADIGLIONE ITALIA I GRANDI EVENTI COME ACCELERATORI DI BUSINESS 145 PAESI 3 ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI 13 ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE 23 PARTNER 20 MLN VISITATORI ITALIA RESTO DEL Produttori Compratori

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

CONVENZIONE. tra. Confartigianato. In persona di. Giorgio Felici Presidente. Con sede legale in Torino Via Andrea Doria 15.

CONVENZIONE. tra. Confartigianato. In persona di. Giorgio Felici Presidente. Con sede legale in Torino Via Andrea Doria 15. CONVENZIONE tra Confartigianato In persona di Giorgio Felici Presidente Con sede legale in Torino Via Andrea Doria 15 Manpower Srl In persona dell Amministratore Delegato, Dott. Stefano Scabbio Con sede

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO Considerato che: - Il Ministero degli Affari Esteri ed il Ministero

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

21 Giugno 2011 Estratto pag. 13 Sezione Salerno Il tema di quest anno è L innovazione tra rischio e opportunità e l evento è promosso dal Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno,

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia 2013 2014 Articolazione innovativa in progetti tematici modulati in chiave geografica, con focus sulla Potenziamento ed estensione del supporto a Rafforzamento della I CONTENUTI IN SINTESI: I PUNTI CHIAVE

Dettagli

Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata

Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata di un gruppo di professionisti. La società, sorta per

Dettagli

2.571. Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali. Comunicati stampa. Articoli su quotidiani e periodici

2.571. Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali. Comunicati stampa. Articoli su quotidiani e periodici 190 Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali 168 Comunicati stampa 2.571 Articoli su quotidiani e periodici 37mila visualizzazioni della pagina online della Carta dei diritti 500 post su

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Percorso di internazionalizzazione

Percorso di internazionalizzazione Promozione export Macchinari lavorazione Plastica & gomma Percorso di internazionalizzazione FOCUS BENI STRUMENTALI - Macchinari ed attrezzature per lavorazione plastica e gomma PENETRAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Allegato sub A Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi Div. I Affari Generali, Personale, Gestione Amministrativa PROCEDURA

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo

Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo Agenda Accordo tra ISP e Confindustria Piccola Industria: punti chiave Crescita: nuovo modello di servizio e specializzazione Credito:

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY sintesi dei principali servizi e 1 INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio Italiana di Sydney (CCIE Sydney) favorisce

Dettagli

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia Internazionalizzazione e marketing territoriale P R O M O S CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO Dal 1786 l istituzione al servizio del sistema produttivo di Milano. Ruolo, servizi

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO. Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO. Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29 REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29 Progetto sperimentale per la promozione

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali

il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali Versione 1.2 - dicembre 2014 il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali ArcheoJobs è un portale web che opera su scala nazionale, raccoglie contenuti

Dettagli

BRAND ED EVENTI. Tra queste in particolare

BRAND ED EVENTI. Tra queste in particolare 1 CHI SIAMO comevoi, nata nel 2011, è un'agenzia di comunicazione composta da un gruppo di soci che vantano esperienza decennale nel campo dell editoria e della comunicazione. MISSION La nostra missione

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

Cristina Castellani Progetti di Comunicazione Integrata CURRICULUM PROFESSIONALE

Cristina Castellani Progetti di Comunicazione Integrata CURRICULUM PROFESSIONALE Cristina Castellani Progetti di Comunicazione Integrata CURRICULUM PROFESSIONALE Curriculum professionale Cristina Castellani è nata a Padova, vive e lavora a Milano. Laureata alla Facoltà di Lettere e

Dettagli

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ Ma&Mi è un agenzia di comunicazione a servizio completo, dove differenti professionalità si mettono al servizio del cliente per creare valore e per supportare lo

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

I Nostri Obiettivi, Il Vostro Risultato.

I Nostri Obiettivi, Il Vostro Risultato. UnicaItalia è la piattaforma multimediale dedicata alla promozione e allo sviluppo della capacità artigianale dell agroalimentare Made in Italy identificato nelle PMI della produzione e della distribuzione.

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

Rapporto del Garante della Comunicazione

Rapporto del Garante della Comunicazione PROVINCIA DI PISTOIA Il Garante della Comunicazione Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Variante Generale Fase di Approvazione Rapporto del Garante della Comunicazione ex art. 5 del Regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 Agenda Italia 2015 - Master Plan del Governo per Expo Milano 2015 INIZIATIVA N. 17

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

Titolo della presentazione

Titolo della presentazione Titolo della presentazione Antonio Valente L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA. LA SCELTA DEL MERCATO ESTERO ADATTO AL PROPRIO CORE BUSINESS LE STRATEGIE DI SVILUPPO SUL TERRITORIO INDICE Abstract Analisi

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

P R O M O S BANDO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI. 5 Maggio 2015. Internazionalizzazione e marketing territoriale

P R O M O S BANDO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI. 5 Maggio 2015. Internazionalizzazione e marketing territoriale Internazionalizzazione e marketing territoriale CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO P R O M O S DELLE IMPRESE MILANESI Dal 1786 l istituzione al servizio del sistema produttivo

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli