Relazione sulle attività associative 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sulle attività associative 2014"

Transcript

1 1 Relazione sulle attività associative 2014

2 Relazione sulle attività associative 2014 Introduzione alla Relazione Direzione Generale Organizzazione e Marketing Associativo Relazioni e Attività Internazionali Centro Studi e Cultura d Impresa Ufficio Stampa e Comunicazione Area Tecnico-Scientifica Amministrazione, Finanza e Controllo Gruppi Merceologici Relazione sulle attività associative 2014

3 INTRODUZIONE ALLA RELAZIONE La relazione che segue la prima del mio secondo mandato - illustra le attività svolte dall Associazione nelle tre aree strategiche: imprenditore, impresa e mondo esterno, in attuazione delle strategie del Consiglio direttivo e della Giunta e secondo le direttive generali definite nel programma triennale. Tutte le attività sono state condivise dal Consiglio direttivo, formato dai Vicepresidenti, dal Tesoriere e dai Consiglieri incaricati eletti con il Presidente, dai Presidenti dei Gruppi merceologici componenti di diritto dai Consiglieri eletti dalla Giunta e da due Consiglieri nominati dal Presidente. Una rappresentanza ampia e autorevole di tutte le componenti associative. Il vertice Vicepresidenti LUCIANO BERTINELLI BENEDETTO LAVINO VINCENZO MAGLIONE* CRISTINA SCOCCHIA Consiglieri incaricati LUCIO CARLI ROBERTO FERRO FABIO FRANCHINA AMBRA MARTONE Consiglieri eletti RENATO ANCOROTTI CARLO BAIESI SERENA CAIMANO VALERIA CAVALCANTE VITTORIA GANASSINI Presidenti dei Gruppi ANTONIO ARGENTIERI DARIO BELLETTI STEFANO FATELLI MATTEO LOCATELLI GIANNI MANZETTI Consiglieri nominati dal Presidente PAOLA ARUTA ENRICO DE TOMA Tesoriere FABIO PASTORI Le iniziative sono state ampiamente diffuse sia all interno che all esterno con i mezzi di comunicazione di Cosmetica Italia: Accademia 33, le mail ai diretti interessati, la Lettera del Presidente e Cosmetica Italia Daily News. Il materiale è sempre stato disponibile nell area riservata ai soci del sito web istituzionale. * fino a giugno Relazione sulle attività associative 2014

4 1. Area dell imprenditore Gli obiettivi verso le imprese associate e gli imprenditori erano sinteticamente: Fidelizzare e migliorare i rapporti interpersonali con gli Associati Il sito: nel 2014 le visite sono state con una media di 382 visite al giorno. Le pagine lette sono state con una media di 4 pagine a utente. I visitatori sono stati Il tempo medio di permanenza è stato di 4,31 minuti. È stata svolta l analisi tecnica e grafica per l aggiornamento del sito nel prossimo anno. Newsletter: nel 2014 sono state inviate 157 Cosmetica Italia Daily News. I contatti all interno delle imprese cosmetiche che ricevono Cosmetica Italia Daily News sono Accademia 33: anche nel 2014 è proseguita la pubblicazione del nostro house organ con 10 numeri. È stato inoltre completato il processo di revisione grafica avviato nel 2013 per rispondere alle esigenze e ai suggerimenti emersi nella readers satisfaction Facilitare la partecipazione Gruppi merceologici: l attività è stata consolidata per ottenere il maggior coinvolgimento progettuale, di conseguenza è migliorato il livello qualitativo delle iniziative e dei risultati; complessivamente le occasioni di incontro sono state oltre 35. Comunicazione interna: i componenti degli organi statutari hanno sempre ricevuto la documentazione dei temi trattati prima delle riunioni; tutte le informazioni utili alle imprese associate sono state pubblicate sul sito in tempo reale, con cadenza quotidiana. Aumentare il numero delle aziende associate, allungare la filiera. Dati registro imprese: nel 2014 il numero delle nuove imprese che si sono iscritte è stato pari a 23 unità. Sono stati mantenuti i buoni rapporti di collaborazione nell ambito della rappresentanza e dell informazione regolatoria con Federchimica, Mapic e Assocasa. 4 Relazione sulle attività associative 2014

5 2. Area del mondo esterno Gli obiettivi individuati erano numerosi poiché questa area strategica rappresenta l impegno più significativo per la tutela degli interessi generali delle imprese associate. Valorizzare il comparto cosmetico, rafforzare l identità di Cosmetica Italia e il ruolo sociale della cosmetica Expo 2015: nel corso dell anno sono state esaminate le numerose proposte di coinvolgimento di Cosmetica Italia nell Esposizione Universale. Alla fine è stato deciso di sottoscrivere l accordo con BolognaFiere per partecipare all interno del Parco della Biodiversità. Cosmetica Italia: il cambio del nome e del logo ha facilitato la comprensione e l attività svolta, consolidando in modo decisivo l immagine e la reputazione dell Associazione. Beauty Report: nel mese di giugno è stato presentato al mondo delle istituzioni il quinto Rapporto annuale sul valore dell industria cosmetica in Italia, elaborato da Ermeneia e pubblicato da Franco Angeli, con un focus rivolto al canale della Grande Distribuzione Organizzata. Alla presentazione hanno partecipato la Vicepresidente del Senato Valeria Fedeli e alcuni componenti delle Commissioni parlamentari della Camera e del Senato. L obiettivo del progetto è stato il confronto e la discussione basati sulla disponibilità di informazioni recenti e ad ampio spettro, per far conoscere e apprezzare l importanza e il peso di un settore economico competitivo, in crescita e orientato all innovazione e al rapporto con il consumatore. I risultati sono stati molto positivi e il Rapporto sarà presentato e pubblicato anche nel Piano di comunicazione: le uscite nel 2014 sono state (erano state nel 2013) di cui 167 sono state classificate come articoli di qualità tra agenzie e interviste. Inoltre si segnalano 41 uscite totalizzate in tv e radio (nazionali e locali). Nel 2014 La forza e il sorriso ha complessivamente costituito 370 laboratori di bellezza, coinvolgendo partecipanti in 47 Enti Ospitanti (tra ospedali e associazioni) sul territorio nazionale e portando a circa 370 il numero dei volontari coordinati dall associazione (medici, infermieri, psicologi, consulenti di bellezza). 5 Relazione sulle attività associative 2014

6 Nel corso dell anno i rapporti istituzionali con il Ministero della Salute e gli enti correlati sono stati frequenti e sono stati caratterizzati, pur nei differenti ruoli, dal confronto sulle competenze e sulle norme del settore, con particolare attenzione all attuazione del nuovo Regolamento. Tutelare la reputazione, l identità e il senso etico dell industria cosmetica ABC cosmetici: il sito, che promuove la conoscenza dei prodotti cosmetici con contenuti sia di tipo divulgativo sia di tipo scientifico, è ormai il punto di riferimento informativo destinato al pubblico dei consumatori, dei professionisti, dei giornalisti e anche alle aziende associate. Nel corso dell anno è stato oggetto di un restyling grafico e di un aggiornamento dei contenuti con inserimento di nuove sezioni; sono state inoltre registrate più di visite con pagine visualizzate. Crisis management: la procedura di contrasto delle crisi (in collaborazione con Hill&Knowlton) è stata sempre mantenuta attiva, ma non si sono registrate situazioni di particolare gravità. Nello specifico, l Associazione ha gestito preventivamente alcune richieste di partecipazione a programmi televisivi dedicati a temi potenzialmente controversi: Uno Mattina (Rai 1), Report (Rai 3), La Gabbia (La7). Cosmetica Italia ha collaborato attivamente alla preparazione dei contenuti delle trasmissioni e contribuito ad evitare eventuali virate critiche per il settore o per alcuni suoi specifici canali. Comunicazione commerciale: Cosmetica Italia ha attivamente contribuito alla revisione del Codice di disciplina, in attuazione delle linee guida elaborate in sede di Cosmetics Europe. Rafforzare l identità del settore Public affairs: sono proseguite le iniziative di confronto e scambio di informazioni ed esperienze con i Carabinieri del NAS, la Guardia di Finanza e le ASL, in collaborazione con altre associazioni di Federchimica. Cosmetica Italia partecipa inoltre alle riunioni del Ministero delle Attività Produttive sul tema della lotta alla contraffazione. Aumentare l influenza di Cosmetica Italia in Europa e mantenere la leadership in Italia Dopo la revisione statutaria, la partecipazione al Board Of Directors, all Active Association Members e ai gruppi di lavoro ha impegnato i nostri rappresentanti in 60 incontri e riunioni. 6 Relazione sulle attività associative 2014

7 Good sustainability: su questo tema Cosmetica Italia ha continuato la sua attività di sensibilizzazione delle imprese associate, soprattutto di medie e piccole dimensioni, divulgando le linee guida di Cosmetics Europe e partecipando attivamente al relativo gruppo di lavoro. In particolare ha promosso un seminario articolato in tre incontri per la formazione delle aziende associate con un buon riscontro in termini di partecipazione. Costruire un network tecnico-scientifico Sono state consolidate le attività istituzionali e di collaborazione rivolte al mondo scolastico, scientifico e accademico con l ulteriore sviluppo delle iniziative. IPAM: sono proseguiti i rapporti di collaborazione con attività comuni e scambi di informazioni. L Associazione Italiana Informatori Cosmetici Qualificati (AIICQ) ha concluso il terzo corso specifico sulla cosmetica. Cosmetica Italia ha offerto ancora il suo supporto logistico e organizzativo. Rafforzare il sistema di analisi economica e di mercato del settore per continuare a essere il principale punto di riferimento L attività di partecipazione e collaborazione con Federchimica è ormai consolidata, in particolare nelle aree del public affairs (sia a Roma che a Bruxelles), del Reach, della comunicazione, dell ufficio studi e del marketing associativo. L analisi congiunturale e le ricerche di mercato hanno ricevuto ulteriore impulso. In questo modo, si sono incrementate le conoscenze del mercato messe a disposizione delle aziende del settore. Nel 2014 è stato avviato il progetto che porterà all elaborazione e diffusione dei trend nel mercato cosmetico mondiale. 7 Relazione sulle attività associative 2014

8 3. Area dell impresa Aiutare le imprese a sviluppare il business con azioni di supporto Piano di internazionalizzazione: ha previsto e attuato numerose iniziative tra fiere, missioni e incontri di tipo informativo rivolti ai soci, con una partecipazione complessiva di circa 80 imprese associate. SoGeCos-Cosmoprof: è stato adottato anche nel 2014 lo strumento del protocollo d intesa per definire i ruoli, gli impegni e le responsabilità di entrambe le parti, come previsto dal contratto rinnovato su livelli di corrispettivo inferiori a quelli precedenti. Migliorare efficacia, efficienza, economicità Progetto Do better with less : il progetto si è sviluppato nel corso dell anno e ha consentito l uso ottimale delle risorse finanziarie in virtù di un analisi accurata e di una revisione delle spese efficace. Il bilancio delle tre organizzazioni riflette con evidenza i risultati raggiunti. Nel 2014 l Associazione e Unipro Servizi hanno ricevuto da Certiquality il rinnovo della certificazione ISO 9001/2000 e della certificazione ambientale ISO Corsi formazione interna/esterna: nel corso dell anno 2014 l attività è stata ancora intensa come negli anni precedenti e ha fatto uso dei finanziamenti messi a disposizione da Fondirigenti. Aiutare le imprese a sviluppare la professionalità delle risorse umane Fondimpresa: è proseguita l attività di promozione e sviluppo della formazione finanziata presso le imprese cosmetiche. 8 Relazione sulle attività associative 2014

9 Conclusioni L attività istituzionale si è svolta secondo le indicazioni del piano triennale della Presidenza, con l attuazione delle decisioni strategiche adottate dal Consiglio direttivo. Il processo di governance è sempre stato preceduto da un adeguata documentazione, in tal modo la conoscenza e la discussione degli argomenti all ordine del giorno è sempre stata facilitata e incoraggiata. Il grado di partecipazione degli imprenditori alla vita associativa si è mantenuto sui livelli degli anni precedenti e conta su un ottantina di persone coinvolte nell attività progettuale e nell attuazione dei programmi definiti. Con questa relazione di mandato si conclude anche l esperienza in Cosmetica Italia del Direttore Generale, Maurizio Crippa, che alla fine di giugno 2015 lascerà l incarico per raggiunti limiti di età. A lui va il nostro più sentito ringraziamento per l attività svolta con competenza e passione, insieme agli auguri di un futuro sereno. A Luca Nava, che gli subentra, il più caloroso incoraggiamento e augurio di buon lavoro. Fabio Rossello 9 Relazione sulle attività associative 2014

10 DIREZIONE GENERALE Gli obiettivi e i risultati della Direzione Generale Questa relazione è l ultima del mio incarico, durato nove anni e mezzo, e correttamente deve essere anche un bilancio sui risultati raggiunti e sul cammino che l organizzazione deve ancora compiere per essere sempre al passo con le esigenze degli Associati, imprese e imprenditori. Gli obiettivi che mi erano stati posti al momento dell assunzione erano quattro: 1) razionalizzare la struttura e assicurare la crescita professionale delle persone; 2) ottimizzare l uso delle risorse finanziarie dopo un periodo di forte crescita; 3) adottare strumenti manageriali per la gestione; 4) aumentare la reputazione dell allora Unipro all interno di Confindustria e presso le Istituzioni. Mi si chiedeva, in sintesi, di usare le mie esperienze precedenti applicandole nel nuovo contesto. Ho fatto del mio meglio e penso di aver raggiunto gli obiettivi e conseguito i risultati attesi dal vertice associativo. Razionalizzazione della struttura e crescita delle persone Nel 2006 la struttura associativa era formata da persone adeguate alle necessità in un contesto organizzativo che la crescita intensa della prima metà degli anni duemila aveva reso un po scoordinato e poco coeso. Nuove funzioni (internazionalizzazione, Centro Studi) ed enti correlati (CIA, Cosmexport) si erano aggiunte ad altre e mancava la visione d insieme che le indirizzasse verso obiettivi comuni e condivisi. Il personale era caratterizzato da esperienze monoaziendali (Unipro) e mostrava alcuni limiti di cultura organizzativa e manageriale. Nel corso degli anni la crescita, favorita dall attività di formazione intensa e mirata, si è rivelata solida, elevando nettamente il livello delle competenze, delle abilità e del comportamento. Oggi il gruppo è coeso pur nelle diversità delle persone, e ha colto in pieno il senso dell obiettivo comune, esplicito e chiaro per tutti: soddisfare le esigenze degli Associati. Uso ottimale delle risorse finanziarie Nel 2005 erano stati elaborati ben sette bilanci non aggregati né consolidati, con evidente difficoltà nel controllo dell uso delle risorse finanziarie nel momento del loro impiego, e con inevitabili sovrapposizioni e duplicazioni conseguenti. Inoltre, in seguito alla vendita totale delle quote nel sistema Cosmoprof, erano cessate le plusvalenze che per alcuni anni avevano finanziato buona parte dell attività. Grazie all incoraggiamento del vertice, nell arco di tre/quattro anni, si è arrivati a una strutturazione più razionale: l Associazione, la società 10 Relazione sulle attività associative 2014

11 di servizi e la società immobiliare. Trasparenza, facilità di controlli, pianificazione delle risorse inquadrate in un sistema semplice ma efficace. Nell arco del 2014, inoltre, il progetto Do better with less ha cominciato a dare i suoi frutti, come si può rilevare dalla lettura dei bilanci dell esercizio. La nuova Direzione Generale potrà così contare su una struttura meno costosa a parità di prestazioni. Ultimo ma non meno importante, il contratto con BolognaFiere che, seppur ridotto nella misura, permette ancora di mantenere inalterata la quota contributiva fino al 2017, quando dovrà essere rinnovato. Strumenti manageriali per la gestione La metamorfosi del sistema imprenditoriale italiano ha obbligato le Associazioni a modificare il loro modo di lavorare, imponendo l adozione di strumenti gestionali e manageriali in linea con quelli delle imprese. Il primo passo ha riguardato l analisi e la pianificazione strategica, basata sull analisi degli interlocutori esterni, degli eventuali concorrenti e dell articolazione delle imprese associate e, di conseguenza, dei loro fabbisogni di rappresentanza, appartenenza e di servizi erogati dalla struttura. Il piano è stato la prima opportunità per tutto il personale per conoscere l Associazione, le sue possibilità di crescita e le criticità incombenti e, soprattutto, l occasione per identificare e classificare per complessità e contributo alla mission associativa i portatori di interesse (stakeholder). Dall analisi si è passati alla definizione degli obiettivi e delle azioni da compiere per raggiungerli, secondo una lista di priorità che ha orientato in misura differente le risorse a disposizione. Da qui all uso del Sistema di Qualità in ambito ISO 9001 il passo è stato breve, come la successiva classificazione ISO Il workplan annuale ha quindi scandito i risultati attesi, i tempi e le responsabilità correlate. L analisi dei fabbisogni formativi e i conseguenti piani pluriennali di formazione individuale e collettiva ne hanno completato l attuazione. Infine, sotto la guida del nuovo Direttore Generale è partito un nuovo progetto di sviluppo del personale che, dall analisi del potenziale, porterà all opportuno e auspicabile processo di riorganizzazione del personale. La reputazione di Unipro Cosmetica Italia e Public Affairs La condizione particolare dell Associazione, federata in Federchimica ma con issue specifiche e di dimensione europea, aveva bisogno di una definizione precisa e di un azione più efficace. Innanzitutto, il venir meno della potestà legislativa locale a favore di quella europea dapprima in termini di Direttive e recentemente in termini di Regolamento sui 11 Relazione sulle attività associative 2014

12 cosmetici ha indotto la naturale chiusura degli uffici di Roma e il potenziamento della presenza a Bruxelles. È stato rinsaldato il rapporto con Federchimica, in particolare con le due Direzioni centrali dei rapporti istituzionali che hanno garantito la professionalità e l efficacia di cui c era bisogno. I rapporti con il Governo (Ministeri competenti), con il Parlamento italiano e con i Parlamentari europei tramite i dirigenti di Federchimica, sono cresciuti d intensità, autorevolezza ed efficacia, facilitando l attività di lobby e advocacy. Di conseguenza è aumentato il potere di convocazione (constituency) da parte di Cosmetica Italia, oggi in grado di parlare alle istituzioni e alla politica in modo autorevole e autonomo, seppur leale e allineato alle policy di Federchimica e Confindustria. In tal senso, l Associazione è diventata classe dirigente perché capace di rappresentare gli interessi comuni del settore cosmetico e, se del caso, di tutelarli con ogni mezzo corretto di persuasione e influenza. La specificità del settore cosmetico, tipicamente caratterizzata dalla vendita di beni di consumo, non aveva ricevuto sufficienti considerazioni e attenzioni fino a quando, dentro il sistema Confindustria, la cosmetica non ha cominciato a suscitare interesse per i suoi numeri, per la sua crescita, per la sua imprenditorialità. Missioni governative, alleanze con ICE e Promos, creazione di uno spazio autonomo e riconosciuto dentro il sistema Made in Italy, sono le conseguenze di un lavoro promozionale intenso di un settore che, in misura assoluta, è stato riconosciuto e apprezzato per la capacità imprenditoriale e il conseguente successo delle imprese italiane di ogni dimensione. L importanza delle relazioni interpersonali La progettualità intensa e vivace degli imprenditori che animano la governance e partecipano alla vita associativa ha aggiunto valore alle attività della struttura, sollecitandole a un impegno competente e generoso per l attuazione dei numerosi programmi, in particolare dei Gruppi merceologici, che hanno contribuito alle attività degli organismi associativi, al raggiungimento di uno standing di assoluto rilievo e riconoscimento dentro il sistema associativo imprenditoriale italiano. Un Associazione che gode di ottima salute, dunque, pronta a raccogliere le sfide del futuro per vincerle e contribuire in qualche misura al successo continuo delle imprese cosmetiche. Un sentito ringraziamento, infine, per la fiducia che è stata riposta in me e per la simpatia e il rispetto reciproco che hanno sempre caratterizzato i rapporti con gli imprenditori di Cosmetica Italia. Maurizio Crippa 12 Relazione sulle attività associative 2014

13 ORGANIZZAZIONE E MARKETING ASSOCIATIVO L Area Organizzazione e Marketing Associativo ha continuato ad assicurare l adempimento delle norme di disciplina della vita dell Associazione gestendo l attività degli organismi statutari. Ha attuato il programma di sviluppo associativo, curando le relazioni con i soci e reclutandone dei nuovi. L attività dell Area è articolata in quattro funzioni: sviluppo associativo, vita associativa, organizzazione e marketing. Sviluppo associativo La procedura di sviluppo associativo, definita con l adozione del Sistema di Gestione della Qualità, ha continuato a guidare il processo di acquisizione e fidelizzazione delle imprese associate e non. L efficacia del processo di sviluppo associativo è stata in larga misura garantita dalla collaborazione che tutte le altre aree di Cosmetica Italia hanno assicurato nella fase di approccio con i nuovi soci. Nell anno 2014 sono stati avviati contatti con 154 imprese e ne sono state associate 23, mentre ne sono state cancellate dal registro delle imprese 28: 3 per fusione con altre società, 3 per cessazione attività, 3 per insolvenza prolungata, 19 per dimissioni volontarie. Nel 2014 sono stati organizzati, per la prima volta, degli incontri informativi per le imprese non ancora associate. L iniziativa è nata con l obiettivo di far conoscere il valore dell Associazione, l importanza dei suoi servizi e della partecipazione alla vita associativa. Si sono svolti 5 incontri informativi ai quali hanno partecipato attivamente circa una ventina di imprese e, tra queste, 4 si sono associate. Vita associativa Nel corso del 2014 è stata avviata la seconda edizione del premio CosmeticAward - Premio italiano della cosmetica, nato con l obiettivo di premiare le attività imprenditoriali di successo. Questa edizione, incentrata sull innovazione della comunicazione, sarà rivolta alle aziende cosmetiche di tutte le dimensioni, nazionali e internazionali. Il tema sarà declinato nell analisi di best practice legate a campagne di comunicazione attuate nel corso del L iter di valutazione dei progetti presentati avverrà in due fasi rispettivamente monitorate 13 Relazione sulle attività associative 2014

14 da una Giuria Tecnica (composta da esperti indicati da Cosmetica Italia e da un ente terzo che si occuperà della selezione delle nomination) e da una Giuria professionale per l identificazione dei vincitori (composta da specialisti ed esperti, opinion leader del mondo della comunicazione). La premiazione delle aziende vincitrici si terrà in occasione di una serata il 29 settembre 2015 all Expo. All inizio del 2014 è stato pubblicato il catalogo Formazione & Informazione Il catalogo, nato con l obiettivo di offrire alle imprese occasioni di aggiornamento e formazione specifiche del settore cosmetico - difficilmente reperibili sul mercato - offre sia dei corsi di formazione professionale a pagamento che dei seminari informativi gratuiti. Il catalogo 2014 è stato rinnovato nella sua parte grafica e sono state introdotte delle modifiche sulle quote di partecipazione, offrendo la possibilità di ottenere sconti sulla partecipazione di più persone della stessa azienda. Organizzazione Questa funzione affidata all Area riguarda la cura della partecipazione degli imprenditori alla vita associativa, nell insieme articolata e complessa, degli organismi statutari e organizzativi. L assistenza all attività del Consiglio direttivo, della Giunta e della Consulta dei Past President, mediante la tempestiva diffusione delle informazioni e della documentazione a supporto degli incontri, costituisce la parte più impegnativa come si può desumere dal box che riassume il numero degli eventi. L Assemblea del 2014 nella sua parte privata ha approvato il Bilancio 2013, la delibera contributiva 2015 e ha eletto i componenti dei nuovi organismi che guideranno l Associazione nel triennio 2014/2017: Presidente, Vicepresidenti, Consiglieri incaricati e Tesoriere. In conformità alle disposizioni statutarie, è stato quindi rinnovato il Consiglio direttivo. Gestione degli organi associativi e aggiornamento cariche sociali: ASSEMBLEA: 1 riunione GIUNTA: 5 riunioni CONSIGLIO DIRETTIVO: 5 riunioni Marketing Questa funzione riguarda principalmente le azioni per promuovere i servizi associativi e a pagamento, per fidelizzare e migliorare i rapporti con gli Associati e per favorire la loro partecipazione alla vita associativa. 14 Relazione sulle attività associative 2014

15 Le convenzioni restano un utile strumento di risparmio per le aziende associate. Anche nel corso del 2014 si è provveduto ad aggiornare periodicamente l area, integrando gli accordi con nuove offerte. In particolare, le convenzioni aggiornate sono quelle derivanti da patti stipulati direttamente da Confindustria. Nel corso dell anno l indagine sulla soddisfazione degli Associati, istituita per verificare le mutate esigenze delle imprese e rispondere meglio in materia di servizi, identità e rappresentanza, ha proposto alle aziende associate alcuni sondaggi per conoscere il grado di soddisfazione verso iniziative specifiche. Nel 2015 la funzione marketing sarà maggiormente strutturata e realizzerà il piano di marketing elaborato nell ultima parte dell anno d intesa con le aree dell organizzazione di Cosmetica Italia. 15 Relazione sulle attività associative 2014

16 RELAZIONI E ATTIVITÀ INTERNAZIONALI L obiettivo dell Area Relazioni e Attività Internazionali è quello di assicurare la promozione del Made in Italy cosmetico nel mondo e aiutare le imprese italiane a sviluppare le esportazioni creando rapporti stabili e organizzati con gli operatori esteri. Il piano di internazionalizzazione 2014 è stato predisposto mettendo in relazione i suggerimenti dei soci (relativamente ai mercati e alle iniziative di interesse) e le segnalazioni dei partner istituzionali (Sogecos, Confindustria, Federchimica, ICE-Agenzia, CCIE, Promos, Regione Lombardia, ecc.), mantenendo la necessaria continuità delle azioni e della presenza nei Paesi finora esplorati e considerati di interesse. L attuazione del piano si è articolata in iniziative specifiche quali: l organizzazione di partecipazioni in collettiva ai Cosmoprof e a altre fiere cosmetiche; la partecipazione alle missioni istituzionali di scouting; la partecipazione alle missioni imprenditoriali commerciali; la progettazione di eventi di immagine e rappresentanza; l organizzazione di incontri formativi e informativi a carattere internazionale; l organizzazione di corsi di formazione a supporto del marketing internazionale; la ricerca diretta di finanziamenti presso enti pubblici nazionali e regionali. Nel 2014 le iniziative portate a termine sono state 14 organizzate su 8 paesi. Circa 100 imprese associate hanno partecipato a queste iniziative. Di importanza sempre crescente sono i rapporti con le istituzioni (per citarne alcune, Confindustria, ICE-Agenzia, Ministero Sviluppo Economico, Promos, Assocamerestero e la rete delle Camere di Commercio italiane all estero, Assolombarda) che permettono di migliorare la percezione del settore cosmetico italiano e di costruire nuove alleanze per ampliare i servizi per gli Associati. 16 Relazione sulle attività associative 2014

17 LE INIZIATIVE DEL 2014 COREA DEL SUD Italy with style, Seoul Dal 10 all 11 febbraio Organizzata da ICE-Agenzia, nell ambito della promozione speciale Made in Italy Progetto Accessorio finanziata dal Ministero per lo Sviluppo Economico, l iniziativa ha visto la partecipazione di 6 associazioni di categoria tra le quali Cosmetica Italia e il coinvolgimento di 110 aziende di tutti i comparti che rappresentano il sistema del fashion e accessori Made in Italy. Per la prima volta in Corea del Sud, un iniziativa promozionale unica in cui le imprese partecipanti hanno presentato il meglio della loro produzione agli operatori specializzati locali, alla stampa e ai più prestigiosi buyer coreani. Hanno aderito 7 imprese del settore cosmetico di cui 6 associate. Business con l estero strategie di internazionalizzazione 6 marzo - Milano Corso di formazione a supporto del marketing internazionale. Hanno partecipato 13 imprese associate. COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA Dal 4 al 7 aprile Incontro con i referenti delle Associazioni cosmetiche estere di Bulgaria, Germania, Grecia, Portogallo, Regno Unito e Spagna. CILE Mostra autonoma di cosmetica e gioielleria - Santiago del Cile Dal 28 al 29 aprile Missione imprenditoriale che ha visto la partecipazione di 21 aziende italiane, 13 di cosmetica (9 soci) e 8 di gioielleria tra le più significative dei settori per caratteristiche e tipologia di prodotto. Sono state realizzate delle postazioni allestite per l organizzazione di incontri professionali con circa 100 operatori esteri qualificati provenienti da 15 Paesi dell area (Cile, Bolivia, Ecuador, Panama, Costa Rica, Uruguay, Paraguay, Argentina, Brasile, 17 Relazione sulle attività associative 2014

18 Messico, Colombia, Perù, El Salvador, Guatemala, Nicaragua) selezionati dagli uffici ICE della rete estera e coordinati da alcuni trade analyst provenienti dagli stessi uffici. USA PROGETTO SPECIALE Missione di sistema MISE, ICE e Confindustria - Washington Dal 28 al 29 aprile Missione economica italiana al seguito del Viceministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda e del Presidente di Business Europe Emma Marcegaglia con i vertici delle Associazioni di categoria dei settori beni di consumo per incontrare le controparti USA che seguono le tematiche del commercio internazionale. USA PROGETTO SPECIALE Programma di formazione per le Piccole e Medie Imprese 7 maggio - Milano Incontro di formazione alle imprese con un taglio tecnico e commerciale sulle caratteristiche del mercato americano, per rendere le imprese consapevoli sia delle opportunità che delle criticità che questo mercato presenta. Hanno partecipato 17 imprese associate. Parte importante di tali programmi sono stati gli incontri individuali tra le imprese partecipanti e gli esperti di questioni doganali, legali e di marketing, trade analyst, rappresentanti di banche, reti d impresa, SACE e SIMEST, con i quali approfondire le materie trattate e delineare piani di internazionalizzazione personalizzati. USA Fiera Cosmoprof North America - Las Vegas Dal 13 al 15 luglio Organizzazione in collaborazione con Promos di una Collettiva Italia; azioni promozionali a favore del settore cosmetico italiano e a supporto dell azione commerciale delle imprese italiane presenti in fiera (30 aziende di cui 9 associate). In collaborazione con Sogecos/ BolognaFiere, Cosmetica Italia ha coordinato l ospitalità di quattro giornalisti VIP: Daniela Fedi Il Giornale, Marco Palma TG5, Angelo Ruggeri Milano Finanza Fashion e Annachiara Sacchi Corriere della Sera. 18 Relazione sulle attività associative 2014

19 SUDAFRICA Dal 19 al 24 luglio - Johannesburg Missione imprenditoriale con incontri b2b organizzata da Promos, in collaborazione con il Consorzio Camerale per l Internazionalizzazione, dedicata alle imprese del settore beni di consumo con particolare focus sul settore cosmetico (6 imprese associate) MALESIA E THAILANDIA 10 settembre - Milano Evento di presentazione dell industria cosmetica organizzato in collaborazione con ICE- Agenzia, su incarico del Ministero dello Sviluppo Economico nell ambito del Progetto Asean Awareness, su due mercati della regione Asean che si sono contraddistinti per un notevole fermento negli ultimi anni. L evento si è sviluppato in un seminario di presentazione sulle opportunità commerciali - con interventi dei trade analyst di ICE Kuala Lumpur e ICE Bangkok e contributi a cura di Cosmetica Italia su aspetti tecnico-normativi e di cultura di impresa - e incontri professionali tra le aziende italiane interessate (25 soci) e una selezione, contenuta ma altamente qualificata, di buyer provenienti dai due Paesi di riferimento (6 operatori). INDONESIA Fiera Cosmobeauté Indonesia - Jakarta Dal 9 all 11 ottobre Organizzazione in collaborazione con ICE-Agenzia di una Collettiva Italia di 16 aziende italiane (di cui 10 soci) e azioni promozionali a favore del settore cosmetico italiano e a supporto dell azione commerciale delle imprese presenti in fiera. Marketing internazionale a basso budget 22 settembre - Milano Corso di formazione a supporto del marketing internazionale. Hanno partecipato 15 imprese associate. 19 Relazione sulle attività associative 2014

20 USA PROGETTO SPECIALE Missione incoming di buyer americani Dal 22 al 26 ottobre Milano Missione incoming di buyer statunitensi della GDO, specialty stores, indipendent stores e indipendent retailer che hanno incontrato una selezione di imprese italiane operanti nei settori target del Progetto Speciale USA, tra cui la cosmetica. All iniziativa hanno partecipato 323 aziende italiane e circa 100 operatori di 89 aziende americane provenienti da 21 Stati; in particolare per il settore cosmetico hanno partecipato 23 imprese (di cui 12 soci) e 5 buyer. CINA Business focus su Hong Kong e Cina 4 novembre - Milano Incontro di presentazione dell industria cosmetica nei due Paesi, organizzato in collaborazione con Promos, sulle opportunità di business e aspetti tecnico-normativi e di cultura di impresa. Hanno partecipato 22 imprese associate. CINA Fiera Cosmoprof Asia - Hong Kong Dal 12 al 14 novembre Organizzazione in collaborazione con Promos di una collettiva di 35 aziende cosmetiche italiane (di cui 20 associate); azioni promozionali a favore del settore cosmetico italiano e a supporto dell azione commerciale delle imprese italiane presenti in fiera (96 aziende di cui 50 associate). In collaborazione con Sogecos/BolognaFiere, Cosmetica Italia ha coordinato l ospitalità di due giornaliste VIP: Simona Branchetti - TG5 Mediaset e Paola Pilati - L Espresso. Il Welcome Cocktail Reception Introducing Cosmoprof Worldwide Bologna 2015, organizzato martedì 11 novembre alle ore 18.00, è stato l evento con cui Cosmetica Italia, BolognaFiere e Cosmoprof Bologna hanno celebrato con stampa, associazioni\istituzioni ed espositori italiani l importanza strategica del mercato di Hong Kong, l eccellenza di Cosmoprof/ Cosmopack e il valore dell industria cosmetica italiana. 20 Relazione sulle attività associative 2014

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli