La strategia Cloud di Microsoft Azure

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La strategia Cloud di Microsoft Azure"

Transcript

1 WHITE PAPER La strategia Cloud di Microsoft Azure Sponsored by: Microsoft Giancarlo Vercellino Dicembre 2014 IDC OPINION La Terza Piattaforma sta portando allo sviluppo di un ecosistema di servizi sempre più basato sul Cloud. La sinergia che si viene determinando tra la diffusione di nuovi dispositivi mobili, la proliferazione dei social network, la diffusione di nuove tecnologie per l'analisi di grandi masse di dati strutturati e non, rappresenta un circolo virtuoso che ha nel Cloud il proprio catalizzatore. Lo sviluppo di un nuovo ecosistema richiede che i Vendor riescano a superare le resistenze del mercato proponendo soluzioni che consentano non soltanto di portare nuova efficienza nell'it, ma fare innovazione e trasformazione aziendale. La realizzazione di tale obiettivo richiede un chiara visione tecnologica e la capacità di rivedere lo stesso modello di business dei Vendor. Il nuovo corso di Microsoft inaugurato da Satya Nadella appare come una delle visioni più lungimiranti di come debbano evolvere i Vendor per fronteggiare le sfide poste dalla Terza Piattaforma. Microsoft Azure è la piattaforma di Cloud Pubblico attraverso la quale Microsoft intende sviluppare la propria strategia coopetitiva negli scenari di mercato emergenti, posizionando sul mercato un ampio portafoglio di offerta basato su Infrastructure-as-a-Service (IaaS) e Platform-as-a-Service (PaaS). La strategia coopetitiva di Microsoft si fonda su tre cardini essenziali: Empowering the Business User. Microsoft Azure mette a disposizione della Line-of- Business una pluralità di servizi sempre più avanzati per espandere il ruolo dell'it in azienda attraverso una gestione sempre più sofistica del dato, degli analytics, della mobilità e dei nuovi dispositivi. Open to Open Software. La collaborazione con la comunità Open Source si sta rivelando cruciale per promuovere la diffusione della tecnologia presso segmenti più ampi del mercato. L'esigenza di mantenere un focus costante sull'innovazione ha consentito a Microsoft Azure di aprire significativamente alle tecnologie Open Source. IT as Utility Business. Gli scenari emergenti richiedono un ripensamento del modello di business dei Vendor, la competizione si sposta dalle applicazioni al servizio e alle infrastrutture. In questa prospettiva, la scelta di aprire Microsoft Azure alle principali applicazioni della concorrenza rappresenta una mossa importante. Dicembre 2014, IDC #IDCWP38W

2 INDICE P. Il Cloud come milieu per l innovazione 1 Azure e la strategia coopetitiva di Microsoft 4 Empowering the Business User. Cosa succede quando Microsoft democratizza l'it 6 Open to Open. Cosa succede quando Microsoft apre all'open Source Software 8 IT as Utility Business. Cosa succede quando Microsoft apre alle terze parti 9 Infrastrutture e partnership: una massa critica di investimenti 10 Conclusioni IDC #IDCWP38W

3 ELENCO DELLE FIGURE P. FIGURE 1 La Terza Piattaforma 1 FIGURE 2 Adozione di servizi di Cloud Pubblico nelle imprese europee 3 FIGURE 3 L architettura di Microsoft Azure IDC #IDCWP38W

4 IL CLOUD COME MILIEU PER L INNOVAZIONE Razionalizzando le diverse tensioni evolutive che hanno caratterizzato il settore ICT negli ultimi decenni a livello internazionale, nella visione tecnologica di IDC (Fig. 1) si evidenziano tre momenti distinti di evoluzione del settore in base alle piattaforme tecnologiche fondamentali che hanno costituito la struttura generale dell'ecosistema: la Prima Piattaforma, fino agli anni '80, dove i principali investimenti del settore erano focalizzati sui mainframe e le tecnologie ICT raggiungevano pochi milioni di individui; la Seconda Piattaforma, tra gli anni '80 e i primi anni Duemila, durante la quale il Personal Computer si afferma come modello dominante e vettore di rapida diffusione della tecnologia presso centinaia di milioni di utenti; la Terza Piattaforma, dai primi anni Duemila ad oggi la diffusione di smartphone e nuovi dispositivi mobili sta al centro del rinnovamento e dell'espansione del settore, che si indirizza verso miliardi di utenti. FIGURE 1 La Terza Piattaforma Source: IDC, 2014 Parallelamente a questo processo di globalizzazione delle capacità hardware e di infrastruttura si sono moltiplicate esponenzialmente le applicazioni disponibili, da poche centinaia a decine di migliaia, per rispondere alle esigenze sempre più specifiche e sofisticate dei più disparati comparti industriali IDC #IDCWP38W 1

5 Secondo IDC i fattori che stanno agendo da acceleratori nei processi di innovazione dentro e fuori al settore sono il Cloud, la Mobility, gli Analytics e il Social Business, in un processo che rappresenta un circolo virtuoso in grado di sostenersi ed espandersi autonomamente. La diffusione dei dispositivi mobili più diversi, che sono diventati di fatto una infrastruttura fondamentale sia nelle relazioni sociali che professionali, catalizza la diffusione di infrastrutture cloud per rispondere alle esigenze di servizio degli utenti in mobilità. L'intreccio tra mobilità e social network sta determinando un flusso tumultuoso e continuo di dati e informazioni che vengono prodotti non soltanto da dispositivi mobili, ma da oggetti di qualsiasi tipo che integrano sensori capaci di registrare e trasmettere qualsiasi parametro personale e ambientale, mettendo a disposizione una quantità sempre più ampia di dati che rappresentano la vera nuova materia prima del Terziario Avanzato, purché si disponga di tecnologie per analizzarli e intuito di business. Nello scenario che si viene determinando, seppure a macchie di leopardo, a livello nazionale e internazionale, si osserva un ecosistema dove l informazione e la capacità di elaborazione e comunicazione sono ubiquamente pervasive, e la value chain delle imprese di qualsiasi settore si espande sempre di più cogliendo le opportunità che via via si generano per creare valore attraverso l'informazione, con impatti sulle aziende che in taluni casi risultano in trasformazioni radicali del modello di business. In questa prospettiva, il Cloud rappresenta il milieu tecnologico in cui si ibridano soluzioni e tecnologie diverse per fare innovazione tecnologica localizzata. Dal punto di vista empirico, osservando le proposizioni commerciali che si vanno moltiplicando sul mercato da diversi anni, IDC ha prodotto un ampia mappatura del fenomeno Cloud a livello internazionale. Di fatto, sotto una semplice etichetta commerciale si nasconde un ampia articolazione di fenomeni, sia dal punto di vista tecnologico che organizzativo. In estrema sintesi, e senza alcuna pretesa di esaurire il tema, emergono almeno due distinte classificazioni del fenomeno: da una parte una classificazione del Cloud in base alla posizione nello stack dei servizi (e quindi la distinzione tra Infrastracture-as-a-Service, Platform-as-a-Service e Software-as-a- Service), dall altra una classificazione in base alla localizzazione del data center (e quindi la distinzione tra Cloud Pubblico, Privato e Ibrido). A livello globale, una parte sempre più importante della spesa IT si sta progressivamente spostando verso soluzioni e architetture di tipo Cloud. Sebbene in valore assoluto, in termini di valore monetario della spesa, il Cloud si possa considerare un epifenomeno rispetto al corso complessivo della spesa IT (sebbene con crescita a doppia cifra), molto più significativo appare il suo impatto in termini di adozione complessiva (Fig. 2, oltre il 60% delle imprese europee ha già adottato almeno tre distinti servizi di Cloud Pubblico, in Italia oltre il 70% ne impiega almeno uno), evidenziando un potenziale estremamente significativo di spiazzamento della spesa IT tradizionale (con effetti imprevedibili e ad ampio spettro, dall hardware ai servizi), non soltanto per le imprese più consolidate, ma soprattutto per le start-up e il new business: in questa prospettiva, il Cloud potrebbe rappresentare lo standard dei sistemi informativi delle imprese del prossimo decennio e dunque si potrebbe assistere a un rapido mutamento di quelli che sono i criteri di valutazione che portano i decision makers a valutare il trade-off tra infrastrutture on-premise e on-cloud IDC #IDCWP38W 2

6 FIGURE 2 Adozione di servizi di Cloud Pubblico nelle imprese europee 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 8,7% 10,9% 9,3% 12,8% 12,3% 16,3% 13,3% 12,3% 11,6% 12,2% 16,7% 15,1% 15,8% 12,8% 14,7% 12,2% 10,5% 11,8% 3,0% 16,8% 7,9% 11,9% 12,9% 12,9% 8,0% 9,6% 13,0% 12,6% 12,0% 14,6% 11,0% 14,6% 15,0% 11,6% 12,0% 10,6% 15,9% 18,7% 15,9% 10,0% 8,8% 6,8% 15 e oltre da 10 a 14 da 7 a 9 da 5 a 6 da 3 a 4 da 1 a 2 20% 10% 25,0% 22,8% 22,9% 34,6% 29,0% 26,4% 23,9% Zero 0% Francia Germania Italia Paesi Bassi Paesi Nordici Spagna Gran Bretagna Source: IDC, European End-User Software Survey, n=700, 2014 Come premesso in merito all eterogeneità tecnologico e organizzativa del fenomeno, la tipologia specifica di Cloud non è un fattore ininfluente nelle valutazioni aziendali. Secondo le ultime ricerche condotte da IDC sul fenomeno del Cloud a livello internazionale (IDC CloudTrack survey settembre 2013, European End-User Software Survey, 2014), confermata anche dalle indagini campionarie condotte da IDC sul mercato italiano (IDC Italy, survey marzo 2014), si desume una sostanziale differenza dei fattori inibitori ed abilitanti in base alla tipologia di Cloud: Cloud Pubblico Inhibitors: le principali incertezze rimangono legate alla sicurezza e alla localizzazione del dato (evidenziato come una criticità essenziale da oltre metà dei rispondenti), all eccesso di standardizzazione delle soluzioni che molto spesso collide con esigenze molto specifiche di conformità normativa (circa un terzo dei rispondenti), seguito dalle incertezze sugli SLA e l assistenza complessivamente prestata dai Vendor e dai loro Partner in termini di supporto e servizi (meno di un terzo dei rispondenti). Drivers: approfondendo il tema dei fattori che inducono a una trasformazione dell architettura IT in una dimensione Cloud, gli elementi che emergono con maggiore costanza sono una maggiore rapidità di accesso all innovazione tecnologica realizzata dai partner tecnologici e dalle terze parti (indicato da due rispondenti su cinque con riferimento all upgrade automatico delle soluzioni), l immediata disponibilità di strumenti per creare nuovi prodotti e servizi, la possibilità di razionalizzare il budget IT ottimizzando l impiego delle risorse disponibili (a questo obiettivo di fondo viene subordinata qualsiasi riflessione relativa al pricing a consumo e alla traslazione da capex a opex) IDC #IDCWP38W 3

7 Cloud Privato Inhibitors: le principali incertezze si rivolgono ad altre dimensioni, come la scarsa trasparenza complessiva nel costo delle soluzioni, l indisponibilità di infrastrutture adeguate per rispondere alle esigenze prestazionali delle applicazioni critiche (entrambe circa un terzo dei rispondenti), mentre sono molto meno legate alla sicurezza complessiva delle soluzioni (che si riduce a meno di un terzo dei rispondenti e si riferisce ad alcune configurazioni specifiche in cui le macchine risiedono fuori dal perimetro aziendale). Drivers: i fattori abilitanti che guidano l adozione di soluzioni Cloud convergono più ordinatamente su alcuni temi consolidati, come la necessità di semplificare e standardizzare l IT aziendale (quasi la metà dei rispondenti), l esigenza di migliorare la produttività dello staff IT congiuntamente a processi più generali di razionalizzazione della spesa, l opportunità di mobilizzare le risorse IT sulla base di meccanismi precisi di chargeback, costi standard e prezzi di trasferimento. In molti contesti organizzativi, la dicotomia tra Cloud Pubblico e Privato viene risolta adottando un approccio intermedio tra infrastrutture on-premise e on-cloud, determinando una architettura di Cloud Ibrido che nel complesso consente di mitigare almeno in parte alcune delle criticità che contraddistinguono propriamente le categorie contrapposte. Lo sviluppo di un ecosistema di servizi basato sul Cloud richiede che i Vendor riescano a superare le diffidenze del mercato proponendo soluzioni che consentano non soltanto di portare efficienza, ma fare innovazione e trasformazione aziendale. In questa fase del mercato, caratterizzato da tensioni internazionali e crisi strutturali delle economie, appare più che mai indispensabile ripensare le strategie per andare oltre le azioni tradizionali di business development e sviluppare sinergie comuni per il market development. Sotto questo aspetto, come si vedrà nelle prossime sezioni in merito ad Azure, il nuovo corso di Microsoft inaugurato da Satya Nadella appare come una delle visioni più lungimiranti nel settore. AZURE E LA STRATEGIA COOPETITIVA DI MICROSOFT Sin dalle prime dichiarazioni di febbraio e marzo 2014, è emerso subito con evidenza la consapevolezza di Satya Nadella di promuovere una nuova strategia che coniugasse, da un lato, continuità e sviluppo operativo degli asset tecnologici costituiti da Microsoft in oltre trent'anni di attività, e, dall'altro, innovazione e un nuovo modus operandi, indispensabili per crescere in un ecosistema IT che è cambiato con una celerità straordinaria nell'ultimo decennio. La strategia "Mobile-first, Cloud-first" rappresenta un nuovo principio per comprendere un mercato dominato da device sempre più multiformi e servizi di informazione sempre più pervasivi. Nel processo di consumerizzazione dell'it divengono sempre meno significative molte di quelle categorie tradizionali che distinguevano tra piattaforme di sviluppo, prodotti IT e prodotti per gli utenti finali. "Mobile-first, Cloud-first" non rappresenta soltanto un nuovo mantra aziendale, ma una strategia di sviluppo in un ecosistema di mercato basato su "ubiquitous computing" e "ambient intelligence". Nell'ambito di una tale visione complessiva del prossimo futuro, Microsoft ha proseguito incessantemente i propri sforzi di sviluppo prodotto secondo una roadmap che negli ultimi sei mesi ha trasformato profondamente la piattaforma complessiva delle soluzioni aziendali, inaugurando un modello di strategia coopetitiva che sta conseguendo risultati senza dubbio significativi (basti 2014 IDC #IDCWP38W 4

8 pensare al rilascio di Office su IoS nel marzo di quest anno, scaricato 12 milioni di volte in sette ore da itunes). La strategia coopetitiva di Microsoft si fonda su tre cardini essenziali: Empowering the Business User. Democratizzazione dell'it, ovvero, trasformazione dell'it da black-box a uso prevalente del dipartimento IT per la gestione dei sistemi informativi aziendali a strumento di business transformation nelle mani della Line-of-Business (LOB). L obiettivo di Microsoft è quello di trasformazione una black-box in una scatola di Lego a disposizione di chiunque in azienda abbia l intuito per mettere insieme i pezzi in modo nuovo. Open to Open Software. Gli ultimi decenni di storia dell'it hanno mostrato quanto l'innovazione nel settore sia sempre più spesso il risultato di un processo di sviluppo autonomo e distribuito affidato a comunità di sviluppatori che trascendono i consueti confini aziendali e nazionali. La collaborazione con questa comunità si sta rivelando cruciale per Microsoft. IT as Utility Business. Un aspetto centrale che consente a Microsoft una sempre maggiore apertura delle piattaforme, infrastrutture e servizi anche alle principali soluzioni della concorrenza deriva da un mutamento di prospettiva: nel nuovo ecosistema i tradizionali operatori competono sempre più spesso come imprese che erogano servizi attraverso la propria rete di infrastrutture, come le tradizionali utility dell energia, del gas, dell acqua, dell elettricità: in questo caso il bene sono i servizi ad alto contenuto di informazione e conoscenza. Azure è la piattaforma di Cloud Pubblico attraverso la quale Microsoft intende sviluppare la propria strategia coopetitiva negli scenari di mercato emergenti, posizionando sul mercato un ampio portafoglio di offerta basato su Infrastructure-as-a-Service (IaaS) e Platform-as-a-Service (PaaS). I servizi per il calcolo, l archiviazione, la gestione ed elaborazione dati, lo sviluppo applicativo, sono concepiti per consentire l espansione del data center aziendale in un Cloud Ibrido dove creare e gestire applicazioni, distribuire servizi dentro e fuori il perimetro aziendale, promuovere nuovi modelli di produttività e fare innovazione. La strategia di Microsoft si rivela aggressiva tanto sul piano collaborativo, quanto sul piano competitivo, proponendo un pricing del servizio basato sui minuti di consumo e garantendo l impegno di allinearsi ai prezzi della concorrenza per i servizi di base IDC #IDCWP38W 5

9 FIGURE 3 L architettura di Microsoft Azure Source: Microsoft (per maggiori referenze: Empowering the Business User. Cosa succede quando Microsoft democratizza l'it La grande sfida che si pone di fronte ai Vendor nei prossimi anni è quella di mettere a disposizione tecnologie che consentano di trasformare il dato in un nuovo fattore produttivo su cui qualunque azienda possa costruire valore. Non è soltanto una sfida tecnologica, quella di rendere sostenibili e alla portata di tutti le soluzioni tecnologiche più avanzate, ma è soprattutto una sfida organizzativa, perché richiede una sensibilità che molto spesso taglia trasversalmente diversi dipartimenti aziendali, senza risiedere necessariamente in nessuno. I prodromi dello scenario emergente si possono cogliere nella moltiplicazione di casi studio dove l'attore centrale dei processi di trasformazione aziendale è sempre più spesso la Line-of-Business: in tutti questi casi, l'it non svolge più soltanto una funzione di supporto, ma diventa strumento per portare l'innovazione al centro del core business aziendale. Proponendo una classificazione di massima, esistono almeno due grandi categorie di servizi e di strumenti che Microsoft Azure mette a disposizione della Line-of-Business per espandere la capacità dell IT: da una parte, i servizi di analytics per i nuovi paradigmi dell Internet industriale, dall altra, i servizi per fare spazio alla mobilità e alla consumerization. Servizi per l'espansione dell'it all'internet-of-things Big Data analytics. Microsoft Azure comprende una piattaforma di servizi di Big Data per la gestione dei dati nativi cloud. La soluzione HD Insight, che include soluzioni come Apache HBase e Apache Storm, ed è integrabile con l'appliance Microsoft 2014 IDC #IDCWP38W 6

10 Analytics Platform Solution, consente di scalare le esigenze di analisi fino all'ordine del petabyte senza nessun investimento hardware. Real-time analytics. Microsoft Azure ospita una piattaforma di servizi di real-time intelligence articolata su componenti distinti: Event Hubs, l'applicazione capace di registrare milioni di eventi al secondo provenienti da qualsiasi dispositivo; Stream Analytics, lo strumento di correlazione che procede all'analisi in tempo reale di flussi multipli; Data Factory, la piattaforma che integra dati provenienti da fonti e perimetri diversi in una logica di business, creando le strutture dati complesse per l'analisi. Predictive analytics. Microsoft Azure mette a disposizione una piattaforma per l'apprendimento automatico, Machine Learning Studio, basata su tecnologie sviluppate da Microsoft Research e integrata con oltre 350 pacchetti dei principali software di analisi statistica (es. R), consentendo a imprese di qualsiasi dimensione di sviluppare servizi predittivi avanzati in base alle loro specifiche aree di competenza industriale. Sebbene in talune occasioni alcune applicazioni legate ai Big Data e all Internet-of-things possano sembrare prospettive esclusivamente futuribili, di fatto nel repository dei casi studio di Microsoft è possibile cogliere molti spunti applicativi concreti a diversi livelli di maturazione, dalle sperimentazioni e i proof-of-concept, fino a vere e proprie implementazioni in ambito aziendale e industriale. Esistono già diversi casi studio da guardare con attenzione, forse il più interessante è il lavoro fatto per la London Underground, che ha consentito l'automazione del monitoraggio della metropolitana londinese, affidato a migliaia di sensori e telecamere, gestendo l'enorme mole di dati generati attraverso Azure. Invece, in un differente contesto come quello sanitario, attraverso l'impiego di HDInsight per l'analisi di sei anni di dati, il Leeds Teaching Hospital ha scoperto che su alcune prestazioni diagnostiche non accuratamente registrate non stavano procedendo correttamente con i rimborsi sanitari. Ancora un altro esempio: nell'ambito della distribuzione di prodotti alimentari, la JJ Food Service ha migliorato il processo di customer service impiegando Azure Machine Learning Studio per precompilare la shopping list dei clienti, non soltanto evitando ai clienti il laborioso compito di riempire il basket case, ma aggiungendo raccomandazioni rilevanti per ulteriori acquisti, con un impatto positivo in termini di customer retention. Servizi per l'espansione dell'it alla mobilità e alla consumerization Cryptography & protection policies. Microsoft Azure mette a disposizione Right Management Services per consentire una gestione della sicurezza centrata sui documenti specificando chi ha diritto di accedere, quando e come, un aspetto essenziale quando informazioni sensibili circolano in ambienti sempre più eterogenei caratterizzati da livelli di sicurezza variabili, riducendo il rischio che la distribuzione accidentale di documenti comprometta il vantaggio strategico dell'impresa e la conformità alle normative vigenti. Identity & access management. Microsoft Azure comprende Active Directory Premium, il servizio di autenticazione multi-fattore per semplificare l'identificazione degli utenti in ambienti ibridi (Windows, IoS, Android, etc.) e consentire l'accesso a una federazione di oltre 2000 servizi cloud (da quelli più comuni come Dropbox, Salesforce, fino alle soluzioni emergenti che si rendono via via disponibili presso gli app-stores). Una parte 2014 IDC #IDCWP38W 7

11 sempre maggiore dei task di gestione può essere gestita direttamente dalla Line-of- Business, come ad esempio il cambiamento della password e la gestione delle credenziali di gruppo, per realizzare la massima flessibilità di gestione. Mobile device management. Azure ospita Microsoft Intune, un servizio per la gestione applicativa su qualsiasi dispositivo espandendo la produttività aziendale ai più disparati scenari d'uso attraverso qualsiasi punto di accesso attraverso il portale di self-service: le applicazioni, le risorse e i dati aziendali diventano accessibili attraverso gli strumenti più familiari agli utenti finali, pur preservando rigorose policy di sicurezza sulle informazioni aziendali. Anche per i servizi legati alla mobilità e alla consumerization dal repository di Microsoft emerge una casistica di imprese che stanno procedendo più o meno speditamente in quei processi di trasformazione aziendale in cui il Cloud diventa una fattore essenziale per adattarsi a nuovi requisiti di mercato. La mobilità in sicurezza dei sistemi informativi è diventata un tema centrale per qualsiasi settore dove il capitale umano ha un ruolo centrale: ad esempio, una realtà dell'ingegneria civile e delle costruzioni come The Walsh Group, per garantire la massima sicurezza nell'espansione dei servizi IT ai suoi oltre 5000 dipendenti dislocati tra diverse sedi e diversi cantieri nel mondo si è rivolto alla Active Directory Premium. Nell'ambito dell'aviazione civile, operatori come EasyJet si trovano ad affrontare analoghi problemi rivolgendosi ai servizi che compongono la Active Directory per garantire i maggiori livelli possibili di sicurezza. Oltre alla sicurezza, l intero processo di booking e reservation, dalla ricerca del volo alla prenotazione del posto e l acquisto del biglietto, sono gestiti in modalità ibrida su Microsoft Azure, assicurando agli utenti la massima disponibilità di informazioni in tempo reale. La sensibilità del mercato sia rispetto al tema della privacy che della sicurezza ha portato Microsoft a espandere la conformità delle infrastrutture di Azure attraverso un ampio portafoglio di certificazioni (ISO/IEC 27018, ISO/IEC 27001, SOC 1 and SOC 2 SSAE 16/ISAE 3402, UK G- Cloud, HIPAA BAA, EU Model Clauses, Singapore MTCS Standard, FedRAMP, PCI DSS, Australia IRAP): in modo particolare, lo standard ISO/IEC definisce lo standard per il trattamento dei dati personali nelle infrastrutture cloud, stabilendo regole precise in merito alla restituzione, al trasferimento e alla eliminazione sicura dei dati personali. Open to Open. Cosa succede quando Microsoft apre all'open Source Software Dopo decenni di focalizzazione, se non esclusiva quantomeno prevalente, su una traiettoria tecnologica autonoma, indipendente e talvolta agli antipodi del software libero, il nuovo corso di sviluppo di Microsoft inaugurato da Nadella prende atto del ruolo fondamentale che l'open Source ha avuto nello sviluppo del settore, andando ben oltre una semplice apertura di principio di Azure alle esperienze della comunità degli sviluppatori, ma adottando una modello di innovazione che sotto diversi aspetti si avvicina all'open Innovation. Perseguendo l'obiettivo di rendere Azure una piattaforma su cui sia possibile fare innovazione venendo incontro alle competenze, alle esperienze e alla sensibilità degli sviluppatori, Microsoft ha operato una ampia integrazione dello stack Open Source, rendendo disponibile su Azure circa una settantina di applicazioni, linguaggi e frameworks diversi, tra cui distribuzioni Linux (es. Suse, Ubuntu, CoreOS, CentOS, Debian), 2014 IDC #IDCWP38W 8

12 application server (es. Apache, Tomcat), database di riferimento (es. MySQL, CouchDB, MongoDB) e distribuzioni Hadoop (es. Hortonworks Data Platform), Content Management Systems (es. Liferay, Wordpress, Drupal, Joomla) soluzioni verticali (es. Moodle per l'elearning, Spree e Magento per l'ecommerce) frameworks e ambienti di sviluppo (ed. Eclipse, Mantis, Symfony) linguaggi come Java, PHP, Node.js, Ruby, Python, Django. L'Open Source rappresenta una mossa importante nella strategia di Microsoft per lo sviluppo di un multi-sided market dove l'innovazione sia sempre più aperta, distribuita e collaborativa: di fatto si rivela una leva altamente funzionale allo sviluppo di un ecosistema collaborativo di partner composto da Independent Software Vendors, Value-added Resellers e System Integrators che fanno sviluppo e innovazione su Azure impiegando gli strumenti che catalizzano l'attenzione della comunità internazionale (con risultati peraltro importanti, circa il 35% del business complessivo della piattaforma deriva dalle loro soluzioni). IT as Utility Business. Cosa succede quando Microsoft apre alle terze parti Un aspetto centrale della strategia inaugurata da Microsoft nell'ultimo anno è la progressiva e sempre maggiore apertura delle piattaforme e infrastrutture di Azure alle applicazioni della concorrenza, stabilendo una serie di accordi strategici con i principali operatori internazionali: ecco che su Azure diventa possibile portare gran parte del software SAP (Business Suite Software, Business All-in-One, HANA Developer Edition, Netweaver dalla versione 7 in avanti), Oracle (Java, Oracle Database e Oracle WebLogic Server) e IBM (WebSphere Liberty, MQ, DB2). La strategia si estende ben al di là del solo livello applicativo, istruendo anche la mutua collaborazione a livello middleware, con l'obiettivo di fare della Microsoft Cloud Platform un ambiente di sviluppo eterogeneo. Infatti, nella roadmap di Microsoft è prevista la proposizione di servizi per la replicazione delle macchine virtuali, consentendo una ulteriore espansione della possibilità di impiegare il cloud pubblico come un vero e proprio "playing ground" dove IT e LOB possono sperimentare e fare innovazione nella massima autonomia e indipendenza. Evidenziando in estrema sintesi gli aspetti salienti su cui si basa la strategia coopetitiva di Microsoft, emergono due principi fondamentali a cui si fa affidamento per lo sviluppo organico di un ecosistema cloud quanto più vitale possibile: Portabilità delle licenze. Per consentire la mobilità di applicazioni/ piattaforme nell'emergente ecosistema cloud, un aspetto centrale degli accordi di collaborazione con gli altri Vendor consiste nella mutua apertura delle rispettive infrastrutture alle licenze dei concorrenti così da semplificare i processi di transizione tra on-premise e cloud, e tra cloud differenti. I meccanismi di licensing delle applicazioni/ piattaforme è del tutto separato da quello delle infrastrutture: così i clienti che dispongono di licenze on-premise di SAP, Oracle, IBM potranno distribuirle su Azure in conformità ai criteri delle rispettive licenze cloud, mantenendo del tutto inalterati i meccanismi standard di pricing e servizio dell'infrastruttura Azure sottostante. Sostegno ai modelli Cloud-first. Per facilitare i processi di business transformation, talvolta ostacolati dall'inevitabile inerzia organizzativa legata alla gestione di progetti complessi, sul marketplace di Azure sono disponibili immagini preconfigurate delle applicazioni SAP, 2014 IDC #IDCWP38W 9

13 Oracle e IBM con le configurazioni standard più comuni. Se si considera la disponibilità di tale opzione con la semplice modalità di self-provisioning in sei passi, si comprende il potenziale valore di simili iniziative come catalizzatori dei processi di trasformazione aziendale e diffusione del cloud nel mercato italiano. In merito al supporto, un modello di collaborazione così stretto con altri operatori, porta necessariamente Microsoft a intervenire in modo significativo sulle tradizionali modalità di ingaggio e di servizio per costruire sinergie con i diversi partner, operando in taluni casi come punto di contatto primario, in altri come supporto indiretto. Il puzzle della strategia Microsoft prende forma mettendo insieme le diverse componenti emerse finora. In uno scenario di mercato poi non così futuribile, alcuni operatori IT cercheranno di trasformare il proprio business evolvendo da un modello di competizione basato su licenze software a un modello basato su livelli di servizio: la competizione si sposterà progressivamente sulle infrastrutture cloud, adottando un modello di business sotto diversi aspetti assimilabile a quello delle utilities. Infrastrutture e partnership: una massa critica di investimenti La realizzazione di una strategia di così ampia portata ha richiesto un esteso investimento da parte di Microsoft nella creazione di una rete di infrastrutture e di alleanze a livello globale. La Cloud OS Network è un consorzio globale di Cloud Service Providers che operano sulla Microsoft Cloud Platform per servire le esigenze dei clienti a livello locale nelle singole nazioni. La rete comprende circa una settantina di partner per oltre cinquanta paesi (in Italia alla data odierna sono elencati Telecom Italia, Aruba, Dedagroup, Lepida). Dopo oltre 15 miliardi di dollari di investimenti per la propria infrastruttura cloud, la rete di datacenter di Microsoft è operativa in 17 regioni diverse a livello globale con un portfolio che comprende oltre 100 datacenter e circa un milione di server (in Europa sono presenti i datacenter di Dublino e Amsterdam). Nella necessità di garantire livelli di servizio ancora più qualificati, per servire esigenze particolari in termini di affidabilità, disponibilità, sicurezza e latenza delle comunicazioni, Microsoft ha costituito un network di partner globale per i servizi di connettività privata. Il servizio Express Route comprende i principali operatori TLC e CDN, tra cui si ricordano AT&T, Equinix, Level3, Verizon, Orange e, per il mercato italiano, BT. Con Express Route le imprese hanno la possibilità di estendere agevolmente il proprio datacenter proiettandosi in una modalità ibrida che integra sia infrastrutture on premise che on cloud. CONCLUSIONI Come evidenziato nella premessa e come osservato studiando il caso di Microsoft Azure, la diffusione di nuove forme di IT procurement sta rapidamente portando alla maturazione di inediti modelli industriali, e non soltanto nel comparto dell'information Technology. Nel medio termine si osserverà sempre più chiaramente una netta tensione competitiva tra ecosistemi basati sulle piattaforme di Cloud Pubblico sviluppate dai principali Vendors. Da un lato, la necessità di valorizzare gli investimenti in infrastrutture, dall'altro, la necessità di progredire verso modelli di business che oltrepassano la semplice remunerazione delle licenze software, porterà alla creazione di numerosi multi-sided market attraverso i quali gli interlocutori più diversi, dagli IT manager alla Line-of-Business, dagli sviluppatori freelance agli End-User, potranno negoziare 2014 IDC #IDCWP38W 10

14 punto per punto su servizi e applicazioni. In tale scenario, lo sviluppo di servizi basati sul Platformas-a-Service e sull'infrastructure-as-a-service rappresentano le fondamenta di un settore che sarà completamente rinnovato nel giro di un decennio. La ristrutturazione dell'information Technology porterà allo sviluppo di nuovi ruoli nell'ecosistema del Cloud: molti Vendors diventeranno Cloud Service Enablers, mettendo a disposizione ecosistemi di servizio basati sulle rispettive piattaforme Cloud, attraverso i quali le singole imprese finali potranno sviluppare applicazioni e servizi da proporre sul mercato, posizionandosi come Cloud Service Providers. I diversi operatori che operano nella System Integration e nel canale diventeranno Cloud Service Brokers, assumendo un ruolo sempre più consulenziale nell'indirizzare le imprese verso gli ecosistemi in competizione che meglio rispondono alle rispettive esigenze e necessità. La vera grande scommessa del settore consiste nella capacità delle imprese finali di espandere la propria catena del valore, affiancando accanto al core business tradizionale una serie di attività produttive, in senso lato, centrate sull'elaborazione dell'informazione e l'erogazione di servizi ad alto contenuto di conoscenza. Quante imprese saranno capaci di progredire da un impiego contingente del Cloud a una vera e propria trasformazione in Cloud Service Providers? Secondo IDC (CloudTrack Survey 2013), circa il 7% delle imprese sta facendo del Cloud un processo aziendale perfettamente integrato e ottimizzato per fare innovazione IDC #IDCWP38W 11

15 Chi è IDC IDC (International Data Corporation) è il primo gruppo mondiale specializzato in ricerche di mercato, servizi di consulenza e organizzazione di eventi nei settori dell Information Technology, delle telecomunicazioni e della tecnologia consumer. IDC, sulla base di elementi concreti e analisi di fatto, aiuta i professionisti IT, i dirigenti aziendali e la community degli investitori a prendere decisioni tempestive ed efficaci su acquisti e strategie di business. Oltre 1100 analisti di IDC in 110 Paesi del mondo mettono a disposizione a livello globale, regionale e locale la loro esperienza e capacità circa le opportunità e tendenze della tecnologia e dell industria. Da 50 anni, IDC fornisce analisi strategiche per aiutare i propri clienti a raggiungere i loro principali obiettivi di business. IDC fa parte del gruppo IDG, società leader a livello mondiale nel settore dell editoria, della ricerca e degli eventi in ambito tecnologico. IDC Italy Viale Monza, Milano, Italia idc-insights-community.com Copyright Notice This IDC research document was published as part of an IDC continuous intelligence service, providing written research, analyst interactions, telebriefings, and conferences. Visit to learn more about IDC subscription and consulting services. To view a list of IDC offices worldwide, visit Please contact the IDC Hotline at , ext (or ) or for information on applying the price of this document toward the purchase of an IDC service or for information on additional copies or Web rights. Copyright 2014 IDC. Reproduction is forbidden unless authorized. All rights reserved.

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY L evoluzione dell IT attraverso il Cloud White Paper per www.netalia.it Marzo 2015 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli