ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE IN JAPAN. Il Giappone. Lontano, diverso. Strano. ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE IN JAPAN. Il Giappone. Lontano, diverso. Strano. ottobre 2014"

Transcript

1 Il Giappone Lontano, diverso. Strano. ottobre 2014

2 LONTANO

3 LONTANO 19 milioni ab. 9 milioni ab. 36 milioni ab. POPOLAZIONE: 126,659,683 SUPERFICIE: 377,944 kmq su 6852 isole (75% del territorio montuoso) 60 vulcani attivi CAPITALE: Tokyo (Greater Tokyo ca ab) PRINCIPALI AREE METROPOLITANE: Osaka, Nagoya, Yokohama, Sapporo, Kobe, Kyoto, Fukuoka Temperatura media annua ( C) Tōkyō 17,2; Sapporo 6,8 Temperatura media gennaio/luglio( C) Tōkyō 3/24,5; Sapporo-7/19 Precipitazioni annue (mm) Tōkyō 1475; Sapporo 1125 Giorni di pioggia Tōkyō 117; Sapporo 140

4 LONTANO. MA accessibile Documenti d ingresso passaporto Vaccinazioni richieste nessuna Tensione elettrica (Volt) 100 Patente di guida italiana (con traduzione e/o permesso locale) Corsia di guida sinistra Prefisso tel. Int: 0081 Codice internet.jp Ora GMT +9 (+ 8 rispetto a Italia) ora legale non applicata conveniente stabile MONETA: yen giapponese (JPY) TASSO DI CAMBIO MEDIO 2012: 1 euro (EUR) 106,75 yen TASSO DI CAMBIO MEDIO 2013: 1 euro (EUR) 120,87 yen Indice di sviluppo umano: 0,901 (12 posto) ORIENTAMENTO DI STATO: monarchia parlamentare (Imperatore Akihito, dal 7-I-1989) Primo Ministro: Shinzō Abe (PLD), dal 26-XII-2012 Camera dei Deputati: seggi in base alle elezioni del 16-XII-2012: PLD (Partito liberaldemocratico), 294; PDG (Partito democratico del Giappone), 57; PRG (Partito del rinnovamento, populista nazionalista), 54; Kōmeitō (buddista), 31; PT (Partito di tutti, conservatore), 18; altri, 26 Membro di APEC, EBRD, OCSE, ONU, WTO, e osservatore Consiglio d'europa

5 LONTANO vicini ma lontani A Chinese perspective: Some surprising cultural differences upon coming to Japan / Andrew Miller (Japan Today Feb 20, 2013) - Upon entering a public lavatory, toilet paper is always provided, - Pedestrians in Japan obey crossing signals and wait to cross even if there is no traffic. - In Japan, it s considered impolite to eat while walking. - It is against the law for those under the age of 20 to smoke or imbibe alcohol. - Fundamentally, a child s medical expenses are free of charge. - Even part-time workers are treated with great respect. - Women only leave home after putting on make-up; - Hospital care includes full nursing; - Even older members of society use cosmetics to make themselves presentable. - It is considered impolite to carry on conversations in a loud voice while riding a train. - There is a strict no talking on the phone rules on trains, with most people putting their mobile phone in the manner mode setting. - Many people keep their wallet in their back pocket and plainly visible, however there is very little fear of it being stolen. - Public transport always arrives at the scheduled time. - Although there are no rubbish bins supplied on the streets, citizens take their litter home with them. The streets are always clean. - At fast food restaurants the staff treats the customer as if they were royalty - In Japan, if a person commits suicide by jumping in front of a train, their remaining family is charged for reparations. -Japan has hotels designed specifically for the purpose of having sex, where the front lobby is designed in such a way that the customer is saved the embarrassment of coming face to face with hotel staff. - Finally, many Chinese were, perhaps understandably, surprised to hear just how frequently Japan s prime minister changes. Many Chinese also state that living in Japan is very convenient, and society as a whole is very safe. It is very much a society in which you reap what you sow: by putting in the effort, you are recognized by those around you, which in turn encourages further individual growth. There is a strong social bond of solidarity.

6 LONTANO QUANDO LA LONTANANZA DIVENTA BARRIERA/1 Italia-Giappone: km italiano frenato a viaggiare in Giappone per cos; e tempi di viaggio, quando invece 2.Trasporto merci via nave: impossibile per prodo5 facilmente deperibili, rischioso per differenze fasce clima;che. 3.Trasporto aerero: cos; molto eleva;

7 LONTANO QUANDO LA LONTANANZA DIVENTA BARRIERA/2 L insularità storica del Giappone: un gigante-nano contemporaneo 1.Superpotenza economica globale ma nano poli;co/militare e assente dalla global conversa.on il Giappone soffre di scarsa visibilità a livello accademico 3.Pochi studen; studiano all estero 4.Professionalmente rappreasentato all estero: nei Top 100 execu;ve di MicrosoO nessun giapponese; nel FMI il 1.5%; nel WTO 3 giapponesi. 5.Nessun agenda a livello internazionale 6.Pochi stranieri vivono in Giappone: assenza di elite di immigra; o figli di immigra;

8 LONTANO UN MO(N)DO LONTANO (OLTRE 9731 KM) DI LAVORARE SCUOLA CLUBS RELAZIONE KO- HAI vs SEN- PAI AZIENDA Tipica configurazione di un ufficio in una azienda giapponese IMPIEGATI CAPO- UFFICIO IMPIEGATI CARRIERA PER ANZIANITÀ DECISIONI «BOTTOM- UP»

9 DIVERSO UN MO(N)DO LONTANO (OLTRE 9731 KM) DI LAVORARE/2 RAPPORTO FORNITORE-CLIENTE ALTAMENTE FIDUCIARIO E FIGLIO DEL VECCHIO SISTEMA DEGLI ZAIBATSU CONDIVISIONE DELLA RESPONSABILITÀ TRA FORNITORI E CLIENTI, CHE SI RIFLETTE IN ELEVATI RESI ACCETTATI ANCHE IN VIA EXTRA-CONTRATTUALE IN CASO DI RALLENTAMENTI DELLE VENDITE BASSISSIMA PERCENTUALE DI PAGAMENTI OVER-DUE, EFFETTI IMPAGATI, ASSEGNI POST- DATATI O DA PROTESTARE L ESEMPIO EMBLEMATICO DELL ASSENZA DI FATTURA IN CASO DI CONSEGNA SINGOLA ED EMISSIONE SOLO DI FATTURA RIEPILOGATIVA MENSILE (CON CONSEGUENTE ALLUNGAMENTO DEI TERMINI DI PAGAMENTO) Scarsità di fornitori stranieri in Giappone

10 DIVERSO

11 DIVERSO L ECONOMIA/1 Crescita: in lenta ripresa PIL nominale per settore (2012) primario 1,2 % secondario 27,5 % terziario 71,4 % - PIL ,3% a 2012 aumento tassa consumo) - aumento s;pendi e incen;vi bonus per riavvio acquis; in molte aziende - debito pubblico oltre 240%

12 DIVERSO L ECONOMIA/2 - emblema;co aumento 5% prezzi UNIQLO dopo l estate

13 DIVERSO L ECONOMIA/3 LE PREVISIONI OCSE SU PIL, DOMANDA INTERNA, COMMERCIO ESTERO Paesi OCSE Italia Giappone

14 Interscambio Italia- Giappone Le esportazioni italiane in Giappone stanno crescendo sostenutamente nonostante un tasso di cambio molto penalizzante EURO e YEN. Alla fine del 2013 le esportazioni ammontavano a 931 miliardi di yen (+21.8% alla fine del 2012) e il surplus italiano nel confron; del Giappone ha raggiunto i 612 miliardi di yen (+29.7% al 2012) L Italia è al 18 posto per valore interscambio con il Giappone: ca mld Euro nell anno fiscale giapponese 2012 il 3 Paese UE dopo Germania (10 ) e Francia (15 ) Totale importazioni giapponesi (valori CIF, Mio. JYEN) dall Italia 2013 / 2012 Year Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sept Oct Nov Dec Jan-Nov ,436 77,090 88,158 68,305 75,638 79,862 91,774 77,050 75,045 79,716 76,613 74, , ,757 57,194 59,365 59,438 64,658 58,328 74,306 63,342 58,280 72,910 67,355 71, , % 34.8% 48.5% 14.9% 17.0% 36.9% 23.5% 21.6% 28.8% 9.3% 13.7% 4.0% 21.8% Serie1 Serie2

15 DIVERSO L ECONOMIA/6 CHE COSA IMPORTA L ITALIA DAL GIAPPONE? (prime 10 categorie per codici PC in migliaia di yen - Dogane giapponesi) # CODICE PC PRINCIPAL COMMODITY NAME CUMULATIVE YEAR TO DATE VALUE Share sul totale Veicoli Passeggeri % Macchinari % 3 9 Beni non classifica; (principalmente beni reimporta;) % Motocicli % 5 8 Ar;coli vari (Principalmente strumen; di precisione, cancelleria, fotografia, strumen; musicali) % Chimica organica % Motori a combus;one interna % Medicinali % Tessu; % Materiali plas;ci %

16 DIVERSO L ECONOMIA/4 CHE COSA IMPORTA IL GIAPPONEL DALL ITALIA? Caro euro: guadagniamo in valore, ma perdiamo posizioni PRINCIPAL COMMODITY NAME UNIT CUMULATIVE YEAR TO DATE QUANTITY CUMULATIVE YEAR TO DATE VALUE 2013/2012 QTY 2013/2012 VAL Bags KG % 19% Passenger motor cars NO % 29% Footwear KG % 21% Organic chemicals NA - 16% Wine L % 27% Woman & girl dress DZ % 22% Men & boys dress DZ % 18% Internal combus;on engine KG % 25% Clothing accessories KG % 9% Vegetable oil, fat MT % 46% Furniture KG % 35% AircraO MT % 18% Sweaters DZ % 20% AircraO engines KG % 60% Cheese and curd MT % 24% Include silk SM % 24% Parts of motor vehicles KG % 36% Electrical measuring NA 29% Motorcycles, autocycles NO % - 6% Prepared addi;ves for oil MT % 52%

17 DIVERSO L ECONOMIA/9 import italiano Le performance migliori (in variazione percentuale, valore 2013 di almeno 1 milione di euro) PRINCIPAL COMMODITY NAME UNIT Le performance peggiori CUMULATIVE YEAR TO DATE QUANTITY CUMULATIVE YEAR TO DATE VALUE 2013/2012 QTY 2013/2012 VAL Pla;no GR % % Tonno KG % 904% Polpa d albero MT % 840% Ortaggi surgela; KG % 147% Olii e grassi lubrifican; KG % 208% Diaman; GR % - 12% Generatori e motori NO % 38% Motori per aerovelivoli KG % 60% Componen; MT % 260% Boiler generatori di vapore KG % 15% PRINCIPAL COMMODITY NAME UNIT CUMULATIVE YEAR TO DATE QUANTITY CUMULATIVE YEAR TO DATE VALUE 2013/2012 QTY 2013/2012 VAL KG % 8% Orologi NO % - 21% Semen; MT % 0% Libri e giornali KG % 10% Fili e barre in ferro e acciaio MT % 32% Nickel e leghe di nickel MT % - 43% Macchine per la lavorazione del cibo MT % - 18% Appara; per la registrazione video NO % 20% Componen; per turbine a gas KG % 92% Macchine da costruzione MT % - 50%

18 DIVERSO Focus settori: biomedicale/farmaceutico - in crescita costante con ampissima gamma di a_vità e tecnologicamente molto avanzato: farmaceu;co, mediche, ingegneria microbicae dei bio- processi e i cibi funzionali. - Nello sviluppo di prodo5 farmaceu;ci, nelle ricerche e nell medica le aziende e i produdori stranieri coprono una parte rilevante del mercato. - In crescita forme di ee- up con imprese straniere (condivisione cos;/rischi e nuove tecnologie e informazioni) e venture business grazie a snellimento regolamentazioni) - maggiore va ai biofarmaci (40% del mercato), con grandi potenzialità di sviluppo e guadagni. - Mala5e principali imputabili nell ordine a: ipertensione, problemi orali, cancro, diabete ma i cose maggiori per paziene cardiovascolari - conenuo invecchiamento della popolazione: 40% giapponesi in meno nel 2060; 1 su 2,5 over 65 e 1 su 4 over 75. Nel 2050 il 50% della spesa medica per cura anziani. - Possibilita future per lo sviluppo di nuovi tradamene diagnoseci, nuove adrezzature mediche e prodo_ per la salute nello shio da cura di mala_e acute a mala_e croniche. - Soluzioni IT per l home care

19 DIVERSO Focus settori: information Communication Technology Il mercato giapponese dell ICT in linea con quello mondiale non risente della crisi e ha registrato tassi di crescita costante negli ul;mi anni Pun; forza in con;nuo sviluppo per la comunicazione mobile : broadcaseng mulemediale per disposievi mobili, PC Tablet (con quote di mercato all'85% dominate da ipad), Social Media e Social Network System, Smart Grid e Green IT e IT medico e sanitario. I maggiori operatori di comunicazione mobile: NTT Docomo, KDDI e SomBank (in ordine di vendite) e Yahoo Japan/SoObank, Google, MicrosoO/MSN, Bing, OCN/NTT Communica;ons (in contenu; e servizi internet) nel dei servizi IT il mercato B2C con;nua a rimanere forte a quello B2B. mentre il mercato del sooware è in con;nua crescita, i cose dei servizi sono crollae a causa dei budget generalmente rido5 delle aziende giapponesi e del calo delle vendite di negli ul;mi anni L'export italiano ICT è cresciuto con tassi superiori al 49% verso il Giapppone, va segnalato l'andamento posievo dell'ict romano (+2,1%) in controtendenza alla media italiana (- 8,7%). Per avere buone probabilità di successo in Giappone, un azienda deve disenguersi per: tecnologia avanzata, unicità offerta, serietà, flessibilità, compaebilità, adadabilità, vantaggi di costo, facilità di uso, possibilità di personalizzazione prododo, presenza di un interfaccia giapponese

20 Altro 194,2 135,9 113,2 Totale 1.185,9 837,9 703,6 DIVERSO Valori in milioni di euro Focus Elaborazione settori: su meccanica/1 dati ISTAT (Classi Ateco 2007) Export verso il Giappone nel settore della meccanica e degli strumenti di precisione Settori Altre macchine di impiego generale n.c.a. 75,8 93,3 93,0 Orologi 50,0 84,3 80,4 Macchine per l'industria alimentare, bevande e tabacco 24,0 42,5 62,2 Macchine per impieghi speciali n.c.a. 49,1 55,1 59,2 Strumenti di misurazione, prova e navigazione 49,2 56,5 56,4 Macchine per l'agricoltura e la silvicoltura 34,0 54,4 48,9 Strumenti elettromedicali ed elettroterapeutici 44,8 43,7 36,7 Macchine e apparecchi sollevamento e movimentazione 11,9 12,7 30,7 Altre pompe e compressori 24,8 26,1 29,1 Motori e turbine (esclusi i mezzi di trasporto) 33,6 31,5 28,7 Macchine per l'industria della plastica e della gomma 9,5 6,7 27,2 Altro 132,1 146,1 136,5 Totale 538,8 652,9 689,0 Valori in milioni di euro Elaborazione su dati ISTAT (Classi Ateco 2007) La presenza economica italiana in Giappone risulta essere principalmente a carattere commerciale, anche se alcune società svolgono un'attività produttiva di un certo rilievo, come la Marposs (sistemi di precisione), la Tenaris

21 DIVERSO Focus settori: meccanica/ In marzo % ordini di macchinari italiani. Buone possibilita per componeneseca navale, automoeve, automazione industriale, lavorazione alimentare/packaging, parco giochi/giostre. Pun; di forza del made in Italy in Giappone: creaevità, elevae standard tecnologici di prododo, forte personalizzazione dell'offerta secondo le esigenze della domanda. N.B. estremamente importante l amer service

22 DIVERSO Focus settori: costruzioni - L industria delle costruzioni giapponese è la terza al mondo (dopo Usa e Cina) - tra le più sviluppate al mondo con tecniche antisismiche avanzatissime; - continui miglioramenti qualitativi dalla fase di design a quella di esecuzione. - ricerca e lo sviluppo focalizzati a lungo sugli impianti legati al settore energetico come centrali nucleari e serbatoi di stoccaggio di gas naturale liquefatto. Italia-Giappone: tendenze e possibilità di sviluppo - Stretta relazione tra la domanda di macchine per le costruzioni e lo sviluppo di infrastrutture (porti, gasdotti e strade): soprattutto per scavatori, bulldozer, gru cingolate e caricatori. - Nella scelta delle macchine da costruzione da parte del consumatore finale, la qualità e il livello avanzato tecnologico sono i principali fattori considerati. - Il mercato giapponese sta attualmente affrontando lo sviluppo di macchine per costruzioni riciclabili, e, di conseguenza, ricerche su apparecchiature da costruzione dal maggiore potenziale riciclabile. Tra i principali operatori giapponesi nel settore costruzione: Kajima Corp, Daiwa House Industry Co., Ltd, Sekisui House Ltd, Shimizu Corp., Taisei Corp.! Arredo e Contract: design italiano ma size giapponese; kitchen-ware; arredo/rifiniture per imbarcazioni lusso e navi crocera; arredo ecologico.

23 DIVERSO Focus settori: fashion/1 - - Giappone sesto importatore dei beni di lusso made in Italy Forza dei brand italiani: 100% made in Italy : bene insistere su importanza della tracciabilita, storia e tradizione ar;gianale MA adenzione alle nuove tendenze: Da anche io a prima io : bisogno di soddisfare desiderio di unicita, esclusivita dei clien; giapponesi Varieta dei brand: mantenendo alta la qualita bisogno di rispondere a esigenze di funzionalita Cosa c e sull oltre il 90% dei consumatori ri;ene importante il Paese d origine smeraldo: lusso ecologico Moda donna = non solo la taglia ma anche la concezione di sensualita e diversa Moda uomo = forte crescita ma diverso di mascolinita e alle caraderiseche mercato Estrema compe;;vita, sia qualita;va che per numero di compe;tors Quan;ta di merci oltre il livello necessario e ampiew gamme di prodo5 da varian; minim e Forte per tendenze e novita Veloce circolazione di informazioni e ad ampio raggio Tenmpi brevi di consegna delle emrci (a piccoli lo5 diversifica;) Richiesta dei consumatori di standard qualita;vi eleva;ssimi e costan; nel tempo Grande per l immagine aziendale

24 ! Focus settori: fashion/2 Mappatura della percezione del made in Italy in Giappone (100 consumatori anni, anno 2013) 16 / 98!"#$%&'(')'*&++&'+,%-,.."/&'+,%'"'0&%-1"'2"'3%"#"4,'4&5"34&6,7'!%&4-"&','8.&6"&'9343'/"-"4,'4,66&'+,%-,5"34,'2,"'#"&++34,9"'!"#$"%&''"#(#)*+,)-".#*/#0,)1"#+*2#3&1+'*4&.#5'*#"--)*%6-*#+&)4&+*-*#7"5'*#*/-&)8*3-"-*#+&)#,5/*#/"9*,/&:#!"#$%&'( ;"7&#*/#<-"'=# ;"7&#*/#>)"/4&# ;"7&#*/#?"+"/# ;"7&#*/#A3"# ;"7&#*/#EF*/"# )**#&+,*&(#&-./"0*&( $)"7*9*,/"'&.#")-*5*"/"'&.#"6-&/-*4,.#"00*7"%*'&.#76)&8,'&# 4,3-,3,.#+,4,#5*,8"/&# $)"7*9*,/"'&.#")-*5*"/"'&.#"6-&/-*4,.#"00*7"%*'&# B*,8"/&.#4,/8&/*&/-&# ;&7*"1&/-&#7*#%"33"#C6"'*-D.#+,4,#"6-&/-*4,# E,/8&/*&/-&# G"33"#C6"'*-D.#+,4,#"00*7"%*'&.#+,4,#76)&8,'&.#+,4,#&4,',5*4,# # "#$%&&#!'!(!)**+,$-*,!.%+!/#+01,2!3,!2+,4,5%! # The Italian Chamber of Commerce in Japan Enokizaka Building 3F, Akasaka, Minato-ku, Tokyo Tel. +81 (0) Fax +81 (0)

25 DIVERSO Focus settori: Pet - - Oltre 20 mil di animali da compagnia in Giappone (13 mil cani/8 mil ga5 segui; da pesci e tartarughe) 18 miliardi USD annui (2009): non risente della recessione > pet = family member mercato del pet- food in aumento (4.8 miliardi USD in 2011). Nestle Purina, Mars, Hill s Colgate dominano il mercato. 22% del food venduto presso supermerca; il resto in specialty stores o altre ;pologie di negozio. Bene i prodo5 bio. Servizi per pet: bou;que haute couture, pas;ccerie, saloni bellezza, spa, massaggi, hotel, organizzazioni feste, disposi;vi medicali di supporto come carrozzine e sedie a rotelle servizi funebri, cimiteri e cerimonie di celebrazione anniversario morte. Strumen; per tracking (chips iden;fica;vi) Non cuccie ma case per cani, cat- café, gufi- café, pappagalli- café. Rent- a- dog service

26 Focus settori: turismo - principali desenazioni per i giapponesi rimangono quelle tradizionali - Cina, Taiwan e Corea del Sud seguite da Hawaii e Paesi Europei. - Italia: conferma primato europeo (seguita da F e G) e costante ripresa grazi a favorevole cambio yen/euro. Bene Golden Route (Milano, Venezia, Firenze, Roma) e nuovi prodo_ d arte minori nelle Regioni piu' conosciute in Giappone, i;neari eno- gastronomici spt. se associa; a Slow Food, le Strade del Vino, i Borghi d Italia, le stagioni liriche nei teatri e nelle arene es;ve, lo shopping, anche negli outlet e i paesaggi alpini, il cui interesse e stato ravvivato dal novero delle Dolomi; nel Patrimonio Mondiale Unesco). IL TURISTA GIAPPONESE IN ITALIA > BOOM di turiste donne: lavoratrici tra anni che ancora risiedono con i genitori; professioniste o casalinghe di 50 anni che viaggiano per gra;ficazione personale, fare shopping, visitare luoghi ar;s;ci vis; alla TV o su riviste di tendenza. BOOM di turise culinari: boom di tour gastronomici verso l Italia (mol; repeaters) Contenu; i baby boomers (60enni) preoccupa; per contenmento inves;men; a causa della crisi.

27 Focus settori: turismo 1. Iden;ficazione con uno sele di vita qualitaevo, individuale 2. ricchezza storica, areseca, culturale 3. Qualità este;ca della produzione aregianale 4. Valori ambientali (sia urbani che naturali) = simbolo 5. Varietà, unicitá e qualitá gastronomiche ed enologiche 6. fadore umano italiano curiositá, disponibilità ed apertura 7. patrimonio ar;s;co su il territorio rice5vità di punta ospitata in palazzi, ville e di campagna, difficilmente rivaleggiabile dalla concorrenza 8. I borghi italiani = ambien; urbani a misura d uomo 9. Brands italiani S W 1. qualita' dei servizi alberghieri non adeguata a standard internazionali 2. allineamento prezzi ristoran; e rice5ve di fascia media. 3. microcriminalita' 4. lentezza e macchinosita rilascio vise di lavoro per personale giapponese operante in Italia nel viaggi b) tutela corpora;va della professione della guida turis;ca, con proibizione di funzioni di informazione agli accompagnatori giapponesi dei turis; di gruppo c) introduzioni di tasse e per e sosta bus turis;ci nei centri urbani d) sciopero dei mezzi pubblici 1. Possibilità di sfrudare la superioirta, alla concorrenza della proria offerta turis;ca 2. Possibilita di approfidare delle tendenze in in Giappone (eno- gastronomico/sport) 3. Promozione Sie Unesco Italiani: spt se saranno resi accessibili alcuni si; di accesso e visite difficoltosi. O T 1. mantenimento dell aduale dinamica dei prezzi interni in Italia 2. ritardi o carenze nel processo di riqualificazione di parte del patrimonio rice_vo nazionale 3. ritardi nel dare soluzione ai di contrasto di origine legisla;va e regolamentare 4. ritardi o carenze nell u;lizzo della leva tecnologica nella promozione turis;ca 5. gap inves;men; finanziari nella promozione turis;ca ai compe;tors internazionali 6. incapacita' di superare l stallo nello sviluppo dei collegamen; aerei tra Italia e Giappone 7. carenza di sorveglianza negli esercizi di accoglienza e/o ristorazione per o addebi; ingius;fica; 8. livello di sicurezza

28 DIVERSO UN APPROFONDIMENTO: IL SETTORE DEL FOOD&BEVERAGE (+ bio)

29 Quanto è importante il cibo nella spesa?

30 Quanto è importante l import agroalimentare? Valore dei cibi importa; al totale delle importazioni 12% Giappone: 6.000$ /ab.*anno 8% 4% Corea del Sud 524$/ab.*anno Fonte: World Bank

31 IMPORT prodo_ agroalimentari italiani in GIAPPONE? l Italia fornisce prodo_ trasformae export agroalimentare + 115% VS - 12% export complessivo > incidenza alimentare su export in Giappone da 5% a 13%. quote di rilievo per pomodori pelae (87%), paste alimentari (71%), prosciudo crudo (68%), olio di oliva (56%), vini fermi (15%) e formaggio (7%) boom ristorazione italiana: prodo5 specifici per ristorazione NO IMPORT POSSIBILE PER Carne bovina (a causa di problemi BSE) Pollame (a caua peste aviaria) Formaggio provolone (a causa dell addi;vo Esamina Esamitelen Tetramna E329) fresca non a foglia (95% ortaggi e tarocco) Alimen; contenen; colorante Sudan I.

32 Salumi 2013: annata record

33 Vino Anno di crescita, ma crescente compe;zione dal basso

34 Olio 2013 anno di boom, 2014 anno di consolidamento Il cresce sia in volume che in prezzo unitario, in corrispondenza di un visibile allargamento della domanda. il mercato ancora piccolo (ca. 1/30 dell Italia) vedrà probabilmente ancora episodi di temporanea saturazione.

35 Formaggi In calo i prodo5 non strategici. Occorre insistere sulla qualità

36 Numero di ricerche su Google inerenti i termini Gorgonzola, Mozzarella, Parmesan cheese, Reggiano

37 Le prime somme per il 2014 Italia forte in valore, nonostante IVA e yen debole (ma i volumi calano) Codice HS Descrizione 2013 gen- ago 2014 gen- ago Variazione % ulemo periodo Primi tre Salsicce, salami e prodo5 simili , ,00 44% China, USA, Thai Prosciu5, spalle non congela; , ,00 21% Spain, Italy, France non congelate , ,00 3% Italy, USA, Spain Prosciu5, spalle congela; % Vini spuman; , ,00 30% Vini non spuman; in bo5glie da meno di due litri , ,00 15% Olio d'oliva vergine (extra- vergine) , ,00 13% Olio d'oliva non vergine , ,00-11% Formaggi freschi non fermenta; , ,00 16% Formaggi , ,00-13% Formaggi a pasta erborinata , ,00 22% Altri formaggi (a pasta fusa) , ,00 5% Mexico, Canada, Chile France, Italy, Spain France, Italy, Chile Italy, Spain, Turkey Italy, Spain, Turkey Australia, USA, Italy Usa, Denmark, Australia Italy, Denmark, France New Zealand, USA, Australia Posizione Italia 2 NC (Spagna prima in volumi) 1 (Spagna prima in volumi)

38 Import italiano: ampio margine di crescita Livello raggiungibile 0.8% Italy Importazioni in Giappone di prodo5 alimentari trasforma;

39 %#.-1/%0I#(%/#21'('00/5# K"-#1/&%1&-#(/#4%1&-0'#'1+-"/??-0-#(-#L%01'#BL-2-"#G70%1"-)#M1-(%#N$$'&/-0/'"D#9-#1/)%.-0'#&9%#/)#OCP# (%))-#2'2')-?/'"%#-(*)0-#/"#Q/-22'"%#21%F%1/$&%#&'421-1%#21'('00/#-)/4%"0-1/#3/')'+/&/,#21'('00/#2%1# )-#&*1-#(%))-#2%1$'"-#(/#'1/+/"%#"-0*1-)%,#/"0%+1-0'1/#"-0*1-)/#%#-)01/#21'('00/#%#$%1./?/#$'$0%"/3/)/5## Import prodo5 biologici in Giappone &'$())'* +*,* -(.!'/"* 0%'11"#(2(* 3(%* 1."3"//%* $%")"0%!%* * 4/".%!"56.(7%2%"#(8* 9"):;(* 3%* 7(#3%/'* ')* 3(//'0)%"* <:#%/=>* +???* "##$! "##%! "##&! "##'! "#(#! "#((! "#("! "#()! "#(*! "#(+!! R5O## R5S## R5O## R5O## R5S## R5S## R5S## R5S## R5S## R5S##,-./0! 0! ! ! T5R## T5O## T5S## T5U## T5V## V5R## V5S## V5V## W5O## W5V## :50.0! ! :# :# :# :# :# :# :# :# :# :# ;5/12775! ! :# :# :# :# :# :# :# :# :# :# <-30! ! XY5X## XY5V## XY5O## XY5T## XT5Y## XV5T## XW5V## XC5C## OX5S## OO5W## =2>6-9952! ! R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O##,?112! ! C ! 45!.57>5D!!,?112! (##E! ! C ! 45!.57>5D! U5C## Y5S## Y5S## Y5U## Y5V## T5X## T5Y## T5C## V5U## V5C## U5C## Y5S## Y5S## Y5U## Y5V## T5X## T5Y## T5C## V5U## V5C## Tabella 1 - Mercato giapponese dei prodo; biologici Storico/Previsione. Volume di vendita al debaglio (unità: 1000 tonnellate, dove non segnalato diversamente) ################################################# C #[/4/"*0/.'#+/-22'"%$%#(/#!"#7(#%(#!(*2/".(,#"%+'?/#(/#+%"%1/#-)/4%"0-1/#%#('4%$0/&/#-2%10/#OU#'1%#$*#OU5#!!

40 La crescita prodo_ bio prevista nei prossimi anni Fatturato totale in centinaia di milioni di yen Fonte: International Federation of Organic Agriculture Movements, FIBL & Ken Research su rielaborazione di Mie Project

41 Da un inchiesta del 2012 emerge che: Oltre il 90% della popolazione intervistata ha sen;to parlare di «agricoltura bio (organica)» () Per oltre la metà della popolazione, l agricoltura biologica è un argomento che riveste un interesse personale Circa la metà della popolazione ha u;lizzato o u;lizza prodo5 organici Il cliente di prodo5 organici è alto- spendente e non ha par;colare interesse su temi ambientali, quanto su temi di salute personale e qualità dei prodo5 che compra

42 a_tudini verso i prodo_ bio: Immagine associata al cibo bio: 1. È sicuro (47,8%) 2. È sano (17,8%) 3. Rispetta l ambiente (15%) Prodotti bio che intendono comprare: 1. Ortaggi (51,1%) 2. Frutta (31%) 3. Riso (27,9%) 4. Prodotti lavorati vari di interesse per l Italia (>16%) In un certificato bio il consumatore vuole vedere: 1. Il luogo d origine (47,8%) 2. Una spiegazione di che cosa vuol dire certificato bio (17,8%) 3. Una spiegazione del metodo di produzione (15%) Chi non compra cibo bio pensa che: 1. Costi troppo per il proprio budget (63%) 2. Costi troppo per quello che vale (22%) 3. Non ci siano negozi vicini (17%)

43 Ristorane bio Esistono almeno 70 ristoran; e locali a Tokyo con un offerta bio, e circa 2000 nell intero Paese.

44 Negozi bio In Giappone si s;mano circa 350 distributori di prodo5 bio. La maggior concentrazione a Tokyo nelle aree di Shibuya e Aoyama con un target giovane e chic.

45 I nuovi conbini naturali (Natural Lawson) I merca; rionali (farmers markets, marches, temp- stalls)

46 Ma i grandi magazzini nonostante il trend nega;vo per l acquisto di prodo5 generici (ul;mi 10 anni da 372 a 259 unita contro aumento Convinience Stores da a )

47 A_tudini verso negozi e ristorane Chi utilizza cibo bio saltuariamente lo compra: 1. Al supermercato (70%) 2. In acquisto collettivo (8%) 3. Direttamente dal produttore (7%) 4. In negozi specializzati (4%) Ragioni per cui il cliente abituale compra verdure in un determinato punto vendita: 1. Capisce bene chi e dove produce cosa (41%) 2. La qualità è migliore (41%) 3. C è maggiore varietà (36%) 4. Ha prodotti locali (34%) Chi utilizza spesso cibo bio lo compra: 1. Al supermercato (46%) 2. In acquisto collettivo (19%) 3. Direttamente dal produttore (15%) 4. Su internet (8%) Comprerebbero (di più) cibo bio al supermercato se: 1. Non costasse di più che da altre parti (41%) 2. Nessuna condizione in particolare (28%) 3. La qualità fosse migliore (20%) 4. Ci fossero più informazioni sul produttore e il luogo (19%)

48 La parola degli importatori Non solo organico: per essere efficace il prodotto deve possedere alte qualità intrinseche o ulteriori caratteristiche che possano attirare target similari Allergy free/ gluten free: si tratta di una fascia di mercato sottosviluppata ma in aumento Vegetariano/vegano: in particolare sostituti del latte diversi dalla soia (e.g. mandorle) Soft drink bio sempre piu richesta Vini e liquori senza solfiti o acido sorbico

49 Il quadro normaevo per i prodo_ bio Fino a marzo 2013, la promozione e vendita di prodotti importati etichettati come «bio» o «organico» era permessa solo dopo certificazione imposta dall organismo JAS Da Aprile 2013, è possibile ottenere l equipollenza in presenza di due condizioni: 1. Certificazione bio italiana ottenuta da uno dei seguenti enti: Bios S.r.l., Ecogruppo Italia, QCertificazioni S.r.l., Sidel Spa 2. Importazione tramite importatore giapponese certificato JAS (lista disponibile su: La certificazione diretta JAS è sempre possibile attraverso i seguenti organismi certificatori in Italia: CCPB S.r.l., Bioagricert S.r.l., Istituto Mediterraneo di Certificazione (IMC), Suolo e Salute S.r.l. Dal gennaio 2014, i prodotti bio provenienti dagli USA possono essere venduti in Giappone senza etichetta JAS.

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE TUVIA IN CINA Il Gruppo TUVIA è presente in Cina dal 2008 con uffici diretti a Shanghai, Pechino e Hong Kong. PECHINO Oltre alle filiali,

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App Guida ai prodotti DOP, IGT, etc Proposta per la realizzazione di una App Introduzione Abbiamo iniziato a ragionare per voi così Abbiamo immaginato una App che possa essere utilizzata come guida nella scelta

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Presentato al CIO il Piano di base delle Olimpiadi di Tokyo I dettagli esplicativi sulle sedi di svolgimento delle gare saranno resi noti in futuro

Presentato al CIO il Piano di base delle Olimpiadi di Tokyo I dettagli esplicativi sulle sedi di svolgimento delle gare saranno resi noti in futuro Embassy of Italy, Tokyo Verso le Olimpiadi di Tokyo 2020:opportunità di business The4th March 2015 Presentato al CIO il Piano di base delle Olimpiadi di Tokyo I dettagli esplicativi sulle sedi di svolgimento

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei rapporti business to business. I settori di azione spaziano

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli