ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE IN JAPAN. Il Giappone. Lontano, diverso. Strano. ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE IN JAPAN. Il Giappone. Lontano, diverso. Strano. ottobre 2014"

Transcript

1 Il Giappone Lontano, diverso. Strano. ottobre 2014

2 LONTANO

3 LONTANO 19 milioni ab. 9 milioni ab. 36 milioni ab. POPOLAZIONE: 126,659,683 SUPERFICIE: 377,944 kmq su 6852 isole (75% del territorio montuoso) 60 vulcani attivi CAPITALE: Tokyo (Greater Tokyo ca ab) PRINCIPALI AREE METROPOLITANE: Osaka, Nagoya, Yokohama, Sapporo, Kobe, Kyoto, Fukuoka Temperatura media annua ( C) Tōkyō 17,2; Sapporo 6,8 Temperatura media gennaio/luglio( C) Tōkyō 3/24,5; Sapporo-7/19 Precipitazioni annue (mm) Tōkyō 1475; Sapporo 1125 Giorni di pioggia Tōkyō 117; Sapporo 140

4 LONTANO. MA accessibile Documenti d ingresso passaporto Vaccinazioni richieste nessuna Tensione elettrica (Volt) 100 Patente di guida italiana (con traduzione e/o permesso locale) Corsia di guida sinistra Prefisso tel. Int: 0081 Codice internet.jp Ora GMT +9 (+ 8 rispetto a Italia) ora legale non applicata conveniente stabile MONETA: yen giapponese (JPY) TASSO DI CAMBIO MEDIO 2012: 1 euro (EUR) 106,75 yen TASSO DI CAMBIO MEDIO 2013: 1 euro (EUR) 120,87 yen Indice di sviluppo umano: 0,901 (12 posto) ORIENTAMENTO DI STATO: monarchia parlamentare (Imperatore Akihito, dal 7-I-1989) Primo Ministro: Shinzō Abe (PLD), dal 26-XII-2012 Camera dei Deputati: seggi in base alle elezioni del 16-XII-2012: PLD (Partito liberaldemocratico), 294; PDG (Partito democratico del Giappone), 57; PRG (Partito del rinnovamento, populista nazionalista), 54; Kōmeitō (buddista), 31; PT (Partito di tutti, conservatore), 18; altri, 26 Membro di APEC, EBRD, OCSE, ONU, WTO, e osservatore Consiglio d'europa

5 LONTANO vicini ma lontani A Chinese perspective: Some surprising cultural differences upon coming to Japan / Andrew Miller (Japan Today Feb 20, 2013) - Upon entering a public lavatory, toilet paper is always provided, - Pedestrians in Japan obey crossing signals and wait to cross even if there is no traffic. - In Japan, it s considered impolite to eat while walking. - It is against the law for those under the age of 20 to smoke or imbibe alcohol. - Fundamentally, a child s medical expenses are free of charge. - Even part-time workers are treated with great respect. - Women only leave home after putting on make-up; - Hospital care includes full nursing; - Even older members of society use cosmetics to make themselves presentable. - It is considered impolite to carry on conversations in a loud voice while riding a train. - There is a strict no talking on the phone rules on trains, with most people putting their mobile phone in the manner mode setting. - Many people keep their wallet in their back pocket and plainly visible, however there is very little fear of it being stolen. - Public transport always arrives at the scheduled time. - Although there are no rubbish bins supplied on the streets, citizens take their litter home with them. The streets are always clean. - At fast food restaurants the staff treats the customer as if they were royalty - In Japan, if a person commits suicide by jumping in front of a train, their remaining family is charged for reparations. -Japan has hotels designed specifically for the purpose of having sex, where the front lobby is designed in such a way that the customer is saved the embarrassment of coming face to face with hotel staff. - Finally, many Chinese were, perhaps understandably, surprised to hear just how frequently Japan s prime minister changes. Many Chinese also state that living in Japan is very convenient, and society as a whole is very safe. It is very much a society in which you reap what you sow: by putting in the effort, you are recognized by those around you, which in turn encourages further individual growth. There is a strong social bond of solidarity.

6 LONTANO QUANDO LA LONTANANZA DIVENTA BARRIERA/1 Italia-Giappone: km italiano frenato a viaggiare in Giappone per cos; e tempi di viaggio, quando invece 2.Trasporto merci via nave: impossibile per prodo5 facilmente deperibili, rischioso per differenze fasce clima;che. 3.Trasporto aerero: cos; molto eleva;

7 LONTANO QUANDO LA LONTANANZA DIVENTA BARRIERA/2 L insularità storica del Giappone: un gigante-nano contemporaneo 1.Superpotenza economica globale ma nano poli;co/militare e assente dalla global conversa.on il Giappone soffre di scarsa visibilità a livello accademico 3.Pochi studen; studiano all estero 4.Professionalmente rappreasentato all estero: nei Top 100 execu;ve di MicrosoO nessun giapponese; nel FMI il 1.5%; nel WTO 3 giapponesi. 5.Nessun agenda a livello internazionale 6.Pochi stranieri vivono in Giappone: assenza di elite di immigra; o figli di immigra;

8 LONTANO UN MO(N)DO LONTANO (OLTRE 9731 KM) DI LAVORARE SCUOLA CLUBS RELAZIONE KO- HAI vs SEN- PAI AZIENDA Tipica configurazione di un ufficio in una azienda giapponese IMPIEGATI CAPO- UFFICIO IMPIEGATI CARRIERA PER ANZIANITÀ DECISIONI «BOTTOM- UP»

9 DIVERSO UN MO(N)DO LONTANO (OLTRE 9731 KM) DI LAVORARE/2 RAPPORTO FORNITORE-CLIENTE ALTAMENTE FIDUCIARIO E FIGLIO DEL VECCHIO SISTEMA DEGLI ZAIBATSU CONDIVISIONE DELLA RESPONSABILITÀ TRA FORNITORI E CLIENTI, CHE SI RIFLETTE IN ELEVATI RESI ACCETTATI ANCHE IN VIA EXTRA-CONTRATTUALE IN CASO DI RALLENTAMENTI DELLE VENDITE BASSISSIMA PERCENTUALE DI PAGAMENTI OVER-DUE, EFFETTI IMPAGATI, ASSEGNI POST- DATATI O DA PROTESTARE L ESEMPIO EMBLEMATICO DELL ASSENZA DI FATTURA IN CASO DI CONSEGNA SINGOLA ED EMISSIONE SOLO DI FATTURA RIEPILOGATIVA MENSILE (CON CONSEGUENTE ALLUNGAMENTO DEI TERMINI DI PAGAMENTO) Scarsità di fornitori stranieri in Giappone

10 DIVERSO

11 DIVERSO L ECONOMIA/1 Crescita: in lenta ripresa PIL nominale per settore (2012) primario 1,2 % secondario 27,5 % terziario 71,4 % - PIL ,3% a 2012 aumento tassa consumo) - aumento s;pendi e incen;vi bonus per riavvio acquis; in molte aziende - debito pubblico oltre 240%

12 DIVERSO L ECONOMIA/2 - emblema;co aumento 5% prezzi UNIQLO dopo l estate

13 DIVERSO L ECONOMIA/3 LE PREVISIONI OCSE SU PIL, DOMANDA INTERNA, COMMERCIO ESTERO Paesi OCSE Italia Giappone

14 Interscambio Italia- Giappone Le esportazioni italiane in Giappone stanno crescendo sostenutamente nonostante un tasso di cambio molto penalizzante EURO e YEN. Alla fine del 2013 le esportazioni ammontavano a 931 miliardi di yen (+21.8% alla fine del 2012) e il surplus italiano nel confron; del Giappone ha raggiunto i 612 miliardi di yen (+29.7% al 2012) L Italia è al 18 posto per valore interscambio con il Giappone: ca mld Euro nell anno fiscale giapponese 2012 il 3 Paese UE dopo Germania (10 ) e Francia (15 ) Totale importazioni giapponesi (valori CIF, Mio. JYEN) dall Italia 2013 / 2012 Year Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sept Oct Nov Dec Jan-Nov ,436 77,090 88,158 68,305 75,638 79,862 91,774 77,050 75,045 79,716 76,613 74, , ,757 57,194 59,365 59,438 64,658 58,328 74,306 63,342 58,280 72,910 67,355 71, , % 34.8% 48.5% 14.9% 17.0% 36.9% 23.5% 21.6% 28.8% 9.3% 13.7% 4.0% 21.8% Serie1 Serie2

15 DIVERSO L ECONOMIA/6 CHE COSA IMPORTA L ITALIA DAL GIAPPONE? (prime 10 categorie per codici PC in migliaia di yen - Dogane giapponesi) # CODICE PC PRINCIPAL COMMODITY NAME CUMULATIVE YEAR TO DATE VALUE Share sul totale Veicoli Passeggeri % Macchinari % 3 9 Beni non classifica; (principalmente beni reimporta;) % Motocicli % 5 8 Ar;coli vari (Principalmente strumen; di precisione, cancelleria, fotografia, strumen; musicali) % Chimica organica % Motori a combus;one interna % Medicinali % Tessu; % Materiali plas;ci %

16 DIVERSO L ECONOMIA/4 CHE COSA IMPORTA IL GIAPPONEL DALL ITALIA? Caro euro: guadagniamo in valore, ma perdiamo posizioni PRINCIPAL COMMODITY NAME UNIT CUMULATIVE YEAR TO DATE QUANTITY CUMULATIVE YEAR TO DATE VALUE 2013/2012 QTY 2013/2012 VAL Bags KG % 19% Passenger motor cars NO % 29% Footwear KG % 21% Organic chemicals NA - 16% Wine L % 27% Woman & girl dress DZ % 22% Men & boys dress DZ % 18% Internal combus;on engine KG % 25% Clothing accessories KG % 9% Vegetable oil, fat MT % 46% Furniture KG % 35% AircraO MT % 18% Sweaters DZ % 20% AircraO engines KG % 60% Cheese and curd MT % 24% Include silk SM % 24% Parts of motor vehicles KG % 36% Electrical measuring NA 29% Motorcycles, autocycles NO % - 6% Prepared addi;ves for oil MT % 52%

17 DIVERSO L ECONOMIA/9 import italiano Le performance migliori (in variazione percentuale, valore 2013 di almeno 1 milione di euro) PRINCIPAL COMMODITY NAME UNIT Le performance peggiori CUMULATIVE YEAR TO DATE QUANTITY CUMULATIVE YEAR TO DATE VALUE 2013/2012 QTY 2013/2012 VAL Pla;no GR % % Tonno KG % 904% Polpa d albero MT % 840% Ortaggi surgela; KG % 147% Olii e grassi lubrifican; KG % 208% Diaman; GR % - 12% Generatori e motori NO % 38% Motori per aerovelivoli KG % 60% Componen; MT % 260% Boiler generatori di vapore KG % 15% PRINCIPAL COMMODITY NAME UNIT CUMULATIVE YEAR TO DATE QUANTITY CUMULATIVE YEAR TO DATE VALUE 2013/2012 QTY 2013/2012 VAL KG % 8% Orologi NO % - 21% Semen; MT % 0% Libri e giornali KG % 10% Fili e barre in ferro e acciaio MT % 32% Nickel e leghe di nickel MT % - 43% Macchine per la lavorazione del cibo MT % - 18% Appara; per la registrazione video NO % 20% Componen; per turbine a gas KG % 92% Macchine da costruzione MT % - 50%

18 DIVERSO Focus settori: biomedicale/farmaceutico - in crescita costante con ampissima gamma di a_vità e tecnologicamente molto avanzato: farmaceu;co, mediche, ingegneria microbicae dei bio- processi e i cibi funzionali. - Nello sviluppo di prodo5 farmaceu;ci, nelle ricerche e nell medica le aziende e i produdori stranieri coprono una parte rilevante del mercato. - In crescita forme di ee- up con imprese straniere (condivisione cos;/rischi e nuove tecnologie e informazioni) e venture business grazie a snellimento regolamentazioni) - maggiore va ai biofarmaci (40% del mercato), con grandi potenzialità di sviluppo e guadagni. - Mala5e principali imputabili nell ordine a: ipertensione, problemi orali, cancro, diabete ma i cose maggiori per paziene cardiovascolari - conenuo invecchiamento della popolazione: 40% giapponesi in meno nel 2060; 1 su 2,5 over 65 e 1 su 4 over 75. Nel 2050 il 50% della spesa medica per cura anziani. - Possibilita future per lo sviluppo di nuovi tradamene diagnoseci, nuove adrezzature mediche e prodo_ per la salute nello shio da cura di mala_e acute a mala_e croniche. - Soluzioni IT per l home care

19 DIVERSO Focus settori: information Communication Technology Il mercato giapponese dell ICT in linea con quello mondiale non risente della crisi e ha registrato tassi di crescita costante negli ul;mi anni Pun; forza in con;nuo sviluppo per la comunicazione mobile : broadcaseng mulemediale per disposievi mobili, PC Tablet (con quote di mercato all'85% dominate da ipad), Social Media e Social Network System, Smart Grid e Green IT e IT medico e sanitario. I maggiori operatori di comunicazione mobile: NTT Docomo, KDDI e SomBank (in ordine di vendite) e Yahoo Japan/SoObank, Google, MicrosoO/MSN, Bing, OCN/NTT Communica;ons (in contenu; e servizi internet) nel dei servizi IT il mercato B2C con;nua a rimanere forte a quello B2B. mentre il mercato del sooware è in con;nua crescita, i cose dei servizi sono crollae a causa dei budget generalmente rido5 delle aziende giapponesi e del calo delle vendite di negli ul;mi anni L'export italiano ICT è cresciuto con tassi superiori al 49% verso il Giapppone, va segnalato l'andamento posievo dell'ict romano (+2,1%) in controtendenza alla media italiana (- 8,7%). Per avere buone probabilità di successo in Giappone, un azienda deve disenguersi per: tecnologia avanzata, unicità offerta, serietà, flessibilità, compaebilità, adadabilità, vantaggi di costo, facilità di uso, possibilità di personalizzazione prododo, presenza di un interfaccia giapponese

20 Altro 194,2 135,9 113,2 Totale 1.185,9 837,9 703,6 DIVERSO Valori in milioni di euro Focus Elaborazione settori: su meccanica/1 dati ISTAT (Classi Ateco 2007) Export verso il Giappone nel settore della meccanica e degli strumenti di precisione Settori Altre macchine di impiego generale n.c.a. 75,8 93,3 93,0 Orologi 50,0 84,3 80,4 Macchine per l'industria alimentare, bevande e tabacco 24,0 42,5 62,2 Macchine per impieghi speciali n.c.a. 49,1 55,1 59,2 Strumenti di misurazione, prova e navigazione 49,2 56,5 56,4 Macchine per l'agricoltura e la silvicoltura 34,0 54,4 48,9 Strumenti elettromedicali ed elettroterapeutici 44,8 43,7 36,7 Macchine e apparecchi sollevamento e movimentazione 11,9 12,7 30,7 Altre pompe e compressori 24,8 26,1 29,1 Motori e turbine (esclusi i mezzi di trasporto) 33,6 31,5 28,7 Macchine per l'industria della plastica e della gomma 9,5 6,7 27,2 Altro 132,1 146,1 136,5 Totale 538,8 652,9 689,0 Valori in milioni di euro Elaborazione su dati ISTAT (Classi Ateco 2007) La presenza economica italiana in Giappone risulta essere principalmente a carattere commerciale, anche se alcune società svolgono un'attività produttiva di un certo rilievo, come la Marposs (sistemi di precisione), la Tenaris

21 DIVERSO Focus settori: meccanica/ In marzo % ordini di macchinari italiani. Buone possibilita per componeneseca navale, automoeve, automazione industriale, lavorazione alimentare/packaging, parco giochi/giostre. Pun; di forza del made in Italy in Giappone: creaevità, elevae standard tecnologici di prododo, forte personalizzazione dell'offerta secondo le esigenze della domanda. N.B. estremamente importante l amer service

22 DIVERSO Focus settori: costruzioni - L industria delle costruzioni giapponese è la terza al mondo (dopo Usa e Cina) - tra le più sviluppate al mondo con tecniche antisismiche avanzatissime; - continui miglioramenti qualitativi dalla fase di design a quella di esecuzione. - ricerca e lo sviluppo focalizzati a lungo sugli impianti legati al settore energetico come centrali nucleari e serbatoi di stoccaggio di gas naturale liquefatto. Italia-Giappone: tendenze e possibilità di sviluppo - Stretta relazione tra la domanda di macchine per le costruzioni e lo sviluppo di infrastrutture (porti, gasdotti e strade): soprattutto per scavatori, bulldozer, gru cingolate e caricatori. - Nella scelta delle macchine da costruzione da parte del consumatore finale, la qualità e il livello avanzato tecnologico sono i principali fattori considerati. - Il mercato giapponese sta attualmente affrontando lo sviluppo di macchine per costruzioni riciclabili, e, di conseguenza, ricerche su apparecchiature da costruzione dal maggiore potenziale riciclabile. Tra i principali operatori giapponesi nel settore costruzione: Kajima Corp, Daiwa House Industry Co., Ltd, Sekisui House Ltd, Shimizu Corp., Taisei Corp.! Arredo e Contract: design italiano ma size giapponese; kitchen-ware; arredo/rifiniture per imbarcazioni lusso e navi crocera; arredo ecologico.

23 DIVERSO Focus settori: fashion/1 - - Giappone sesto importatore dei beni di lusso made in Italy Forza dei brand italiani: 100% made in Italy : bene insistere su importanza della tracciabilita, storia e tradizione ar;gianale MA adenzione alle nuove tendenze: Da anche io a prima io : bisogno di soddisfare desiderio di unicita, esclusivita dei clien; giapponesi Varieta dei brand: mantenendo alta la qualita bisogno di rispondere a esigenze di funzionalita Cosa c e sull oltre il 90% dei consumatori ri;ene importante il Paese d origine smeraldo: lusso ecologico Moda donna = non solo la taglia ma anche la concezione di sensualita e diversa Moda uomo = forte crescita ma diverso di mascolinita e alle caraderiseche mercato Estrema compe;;vita, sia qualita;va che per numero di compe;tors Quan;ta di merci oltre il livello necessario e ampiew gamme di prodo5 da varian; minim e Forte per tendenze e novita Veloce circolazione di informazioni e ad ampio raggio Tenmpi brevi di consegna delle emrci (a piccoli lo5 diversifica;) Richiesta dei consumatori di standard qualita;vi eleva;ssimi e costan; nel tempo Grande per l immagine aziendale

24 ! Focus settori: fashion/2 Mappatura della percezione del made in Italy in Giappone (100 consumatori anni, anno 2013) 16 / 98!"#$%&'(')'*&++&'+,%-,.."/&'+,%'"'0&%-1"'2"'3%"#"4,'4&5"34&6,7'!%&4-"&','8.&6"&'9343'/"-"4,'4,66&'+,%-,5"34,'2,"'#"&++34,9"'!"#$"%&''"#(#)*+,)-".#*/#0,)1"#+*2#3&1+'*4&.#5'*#"--)*%6-*#+&)4&+*-*#7"5'*#*/-&)8*3-"-*#+&)#,5/*#/"9*,/&:#!"#$%&'( ;"7&#*/#<-"'=# ;"7&#*/#>)"/4&# ;"7&#*/#?"+"/# ;"7&#*/#A3"# ;"7&#*/#EF*/"# )**#&+,*&(#&-./"0*&( $)"7*9*,/"'&.#")-*5*"/"'&.#"6-&/-*4,.#"00*7"%*'&.#76)&8,'&# 4,3-,3,.#+,4,#5*,8"/&# $)"7*9*,/"'&.#")-*5*"/"'&.#"6-&/-*4,.#"00*7"%*'&# B*,8"/&.#4,/8&/*&/-&# ;&7*"1&/-&#7*#%"33"#C6"'*-D.#+,4,#"6-&/-*4,# E,/8&/*&/-&# G"33"#C6"'*-D.#+,4,#"00*7"%*'&.#+,4,#76)&8,'&.#+,4,#&4,',5*4,# # "#$%&&#!'!(!)**+,$-*,!.%+!/#+01,2!3,!2+,4,5%! # The Italian Chamber of Commerce in Japan Enokizaka Building 3F, Akasaka, Minato-ku, Tokyo Tel. +81 (0) Fax +81 (0)

25 DIVERSO Focus settori: Pet - - Oltre 20 mil di animali da compagnia in Giappone (13 mil cani/8 mil ga5 segui; da pesci e tartarughe) 18 miliardi USD annui (2009): non risente della recessione > pet = family member mercato del pet- food in aumento (4.8 miliardi USD in 2011). Nestle Purina, Mars, Hill s Colgate dominano il mercato. 22% del food venduto presso supermerca; il resto in specialty stores o altre ;pologie di negozio. Bene i prodo5 bio. Servizi per pet: bou;que haute couture, pas;ccerie, saloni bellezza, spa, massaggi, hotel, organizzazioni feste, disposi;vi medicali di supporto come carrozzine e sedie a rotelle servizi funebri, cimiteri e cerimonie di celebrazione anniversario morte. Strumen; per tracking (chips iden;fica;vi) Non cuccie ma case per cani, cat- café, gufi- café, pappagalli- café. Rent- a- dog service

26 Focus settori: turismo - principali desenazioni per i giapponesi rimangono quelle tradizionali - Cina, Taiwan e Corea del Sud seguite da Hawaii e Paesi Europei. - Italia: conferma primato europeo (seguita da F e G) e costante ripresa grazi a favorevole cambio yen/euro. Bene Golden Route (Milano, Venezia, Firenze, Roma) e nuovi prodo_ d arte minori nelle Regioni piu' conosciute in Giappone, i;neari eno- gastronomici spt. se associa; a Slow Food, le Strade del Vino, i Borghi d Italia, le stagioni liriche nei teatri e nelle arene es;ve, lo shopping, anche negli outlet e i paesaggi alpini, il cui interesse e stato ravvivato dal novero delle Dolomi; nel Patrimonio Mondiale Unesco). IL TURISTA GIAPPONESE IN ITALIA > BOOM di turiste donne: lavoratrici tra anni che ancora risiedono con i genitori; professioniste o casalinghe di 50 anni che viaggiano per gra;ficazione personale, fare shopping, visitare luoghi ar;s;ci vis; alla TV o su riviste di tendenza. BOOM di turise culinari: boom di tour gastronomici verso l Italia (mol; repeaters) Contenu; i baby boomers (60enni) preoccupa; per contenmento inves;men; a causa della crisi.

27 Focus settori: turismo 1. Iden;ficazione con uno sele di vita qualitaevo, individuale 2. ricchezza storica, areseca, culturale 3. Qualità este;ca della produzione aregianale 4. Valori ambientali (sia urbani che naturali) = simbolo 5. Varietà, unicitá e qualitá gastronomiche ed enologiche 6. fadore umano italiano curiositá, disponibilità ed apertura 7. patrimonio ar;s;co su il territorio rice5vità di punta ospitata in palazzi, ville e di campagna, difficilmente rivaleggiabile dalla concorrenza 8. I borghi italiani = ambien; urbani a misura d uomo 9. Brands italiani S W 1. qualita' dei servizi alberghieri non adeguata a standard internazionali 2. allineamento prezzi ristoran; e rice5ve di fascia media. 3. microcriminalita' 4. lentezza e macchinosita rilascio vise di lavoro per personale giapponese operante in Italia nel viaggi b) tutela corpora;va della professione della guida turis;ca, con proibizione di funzioni di informazione agli accompagnatori giapponesi dei turis; di gruppo c) introduzioni di tasse e per e sosta bus turis;ci nei centri urbani d) sciopero dei mezzi pubblici 1. Possibilità di sfrudare la superioirta, alla concorrenza della proria offerta turis;ca 2. Possibilita di approfidare delle tendenze in in Giappone (eno- gastronomico/sport) 3. Promozione Sie Unesco Italiani: spt se saranno resi accessibili alcuni si; di accesso e visite difficoltosi. O T 1. mantenimento dell aduale dinamica dei prezzi interni in Italia 2. ritardi o carenze nel processo di riqualificazione di parte del patrimonio rice_vo nazionale 3. ritardi nel dare soluzione ai di contrasto di origine legisla;va e regolamentare 4. ritardi o carenze nell u;lizzo della leva tecnologica nella promozione turis;ca 5. gap inves;men; finanziari nella promozione turis;ca ai compe;tors internazionali 6. incapacita' di superare l stallo nello sviluppo dei collegamen; aerei tra Italia e Giappone 7. carenza di sorveglianza negli esercizi di accoglienza e/o ristorazione per o addebi; ingius;fica; 8. livello di sicurezza

28 DIVERSO UN APPROFONDIMENTO: IL SETTORE DEL FOOD&BEVERAGE (+ bio)

29 Quanto è importante il cibo nella spesa?

30 Quanto è importante l import agroalimentare? Valore dei cibi importa; al totale delle importazioni 12% Giappone: 6.000$ /ab.*anno 8% 4% Corea del Sud 524$/ab.*anno Fonte: World Bank

31 IMPORT prodo_ agroalimentari italiani in GIAPPONE? l Italia fornisce prodo_ trasformae export agroalimentare + 115% VS - 12% export complessivo > incidenza alimentare su export in Giappone da 5% a 13%. quote di rilievo per pomodori pelae (87%), paste alimentari (71%), prosciudo crudo (68%), olio di oliva (56%), vini fermi (15%) e formaggio (7%) boom ristorazione italiana: prodo5 specifici per ristorazione NO IMPORT POSSIBILE PER Carne bovina (a causa di problemi BSE) Pollame (a caua peste aviaria) Formaggio provolone (a causa dell addi;vo Esamina Esamitelen Tetramna E329) fresca non a foglia (95% ortaggi e tarocco) Alimen; contenen; colorante Sudan I.

32 Salumi 2013: annata record

33 Vino Anno di crescita, ma crescente compe;zione dal basso

34 Olio 2013 anno di boom, 2014 anno di consolidamento Il cresce sia in volume che in prezzo unitario, in corrispondenza di un visibile allargamento della domanda. il mercato ancora piccolo (ca. 1/30 dell Italia) vedrà probabilmente ancora episodi di temporanea saturazione.

35 Formaggi In calo i prodo5 non strategici. Occorre insistere sulla qualità

36 Numero di ricerche su Google inerenti i termini Gorgonzola, Mozzarella, Parmesan cheese, Reggiano

37 Le prime somme per il 2014 Italia forte in valore, nonostante IVA e yen debole (ma i volumi calano) Codice HS Descrizione 2013 gen- ago 2014 gen- ago Variazione % ulemo periodo Primi tre Salsicce, salami e prodo5 simili , ,00 44% China, USA, Thai Prosciu5, spalle non congela; , ,00 21% Spain, Italy, France non congelate , ,00 3% Italy, USA, Spain Prosciu5, spalle congela; % Vini spuman; , ,00 30% Vini non spuman; in bo5glie da meno di due litri , ,00 15% Olio d'oliva vergine (extra- vergine) , ,00 13% Olio d'oliva non vergine , ,00-11% Formaggi freschi non fermenta; , ,00 16% Formaggi , ,00-13% Formaggi a pasta erborinata , ,00 22% Altri formaggi (a pasta fusa) , ,00 5% Mexico, Canada, Chile France, Italy, Spain France, Italy, Chile Italy, Spain, Turkey Italy, Spain, Turkey Australia, USA, Italy Usa, Denmark, Australia Italy, Denmark, France New Zealand, USA, Australia Posizione Italia 2 NC (Spagna prima in volumi) 1 (Spagna prima in volumi)

38 Import italiano: ampio margine di crescita Livello raggiungibile 0.8% Italy Importazioni in Giappone di prodo5 alimentari trasforma;

39 %#.-1/%0I#(%/#21'('00/5# K"-#1/&%1&-#(/#4%1&-0'#'1+-"/??-0-#(-#L%01'#BL-2-"#G70%1"-)#M1-(%#N$$'&/-0/'"D#9-#1/)%.-0'#&9%#/)#OCP# (%))-#2'2')-?/'"%#-(*)0-#/"#Q/-22'"%#21%F%1/$&%#&'421-1%#21'('00/#-)/4%"0-1/#3/')'+/&/,#21'('00/#2%1# )-#&*1-#(%))-#2%1$'"-#(/#'1/+/"%#"-0*1-)%,#/"0%+1-0'1/#"-0*1-)/#%#-)01/#21'('00/#%#$%1./?/#$'$0%"/3/)/5## Import prodo5 biologici in Giappone &'$())'* +*,* -(.!'/"* 0%'11"#(2(* 3(%* 1."3"//%* $%")"0%!%* * 4/".%!"56.(7%2%"#(8* 9"):;(* 3%* 7(#3%/'* ')* 3(//'0)%"* <:#%/=>* +???* "##$! "##%! "##&! "##'! "#(#! "#((! "#("! "#()! "#(*! "#(+!! R5O## R5S## R5O## R5O## R5S## R5S## R5S## R5S## R5S## R5S##,-./0! 0! ! ! T5R## T5O## T5S## T5U## T5V## V5R## V5S## V5V## W5O## W5V## :50.0! ! :# :# :# :# :# :# :# :# :# :# ;5/12775! ! :# :# :# :# :# :# :# :# :# :# <-30! ! XY5X## XY5V## XY5O## XY5T## XT5Y## XV5T## XW5V## XC5C## OX5S## OO5W## =2>6-9952! ! R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O## R5O##,?112! ! C ! 45!.57>5D!!,?112! (##E! ! C ! 45!.57>5D! U5C## Y5S## Y5S## Y5U## Y5V## T5X## T5Y## T5C## V5U## V5C## U5C## Y5S## Y5S## Y5U## Y5V## T5X## T5Y## T5C## V5U## V5C## Tabella 1 - Mercato giapponese dei prodo; biologici Storico/Previsione. Volume di vendita al debaglio (unità: 1000 tonnellate, dove non segnalato diversamente) ################################################# C #[/4/"*0/.'#+/-22'"%$%#(/#!"#7(#%(#!(*2/".(,#"%+'?/#(/#+%"%1/#-)/4%"0-1/#%#('4%$0/&/#-2%10/#OU#'1%#$*#OU5#!!

40 La crescita prodo_ bio prevista nei prossimi anni Fatturato totale in centinaia di milioni di yen Fonte: International Federation of Organic Agriculture Movements, FIBL & Ken Research su rielaborazione di Mie Project

41 Da un inchiesta del 2012 emerge che: Oltre il 90% della popolazione intervistata ha sen;to parlare di «agricoltura bio (organica)» () Per oltre la metà della popolazione, l agricoltura biologica è un argomento che riveste un interesse personale Circa la metà della popolazione ha u;lizzato o u;lizza prodo5 organici Il cliente di prodo5 organici è alto- spendente e non ha par;colare interesse su temi ambientali, quanto su temi di salute personale e qualità dei prodo5 che compra

42 a_tudini verso i prodo_ bio: Immagine associata al cibo bio: 1. È sicuro (47,8%) 2. È sano (17,8%) 3. Rispetta l ambiente (15%) Prodotti bio che intendono comprare: 1. Ortaggi (51,1%) 2. Frutta (31%) 3. Riso (27,9%) 4. Prodotti lavorati vari di interesse per l Italia (>16%) In un certificato bio il consumatore vuole vedere: 1. Il luogo d origine (47,8%) 2. Una spiegazione di che cosa vuol dire certificato bio (17,8%) 3. Una spiegazione del metodo di produzione (15%) Chi non compra cibo bio pensa che: 1. Costi troppo per il proprio budget (63%) 2. Costi troppo per quello che vale (22%) 3. Non ci siano negozi vicini (17%)

43 Ristorane bio Esistono almeno 70 ristoran; e locali a Tokyo con un offerta bio, e circa 2000 nell intero Paese.

44 Negozi bio In Giappone si s;mano circa 350 distributori di prodo5 bio. La maggior concentrazione a Tokyo nelle aree di Shibuya e Aoyama con un target giovane e chic.

45 I nuovi conbini naturali (Natural Lawson) I merca; rionali (farmers markets, marches, temp- stalls)

46 Ma i grandi magazzini nonostante il trend nega;vo per l acquisto di prodo5 generici (ul;mi 10 anni da 372 a 259 unita contro aumento Convinience Stores da a )

47 A_tudini verso negozi e ristorane Chi utilizza cibo bio saltuariamente lo compra: 1. Al supermercato (70%) 2. In acquisto collettivo (8%) 3. Direttamente dal produttore (7%) 4. In negozi specializzati (4%) Ragioni per cui il cliente abituale compra verdure in un determinato punto vendita: 1. Capisce bene chi e dove produce cosa (41%) 2. La qualità è migliore (41%) 3. C è maggiore varietà (36%) 4. Ha prodotti locali (34%) Chi utilizza spesso cibo bio lo compra: 1. Al supermercato (46%) 2. In acquisto collettivo (19%) 3. Direttamente dal produttore (15%) 4. Su internet (8%) Comprerebbero (di più) cibo bio al supermercato se: 1. Non costasse di più che da altre parti (41%) 2. Nessuna condizione in particolare (28%) 3. La qualità fosse migliore (20%) 4. Ci fossero più informazioni sul produttore e il luogo (19%)

48 La parola degli importatori Non solo organico: per essere efficace il prodotto deve possedere alte qualità intrinseche o ulteriori caratteristiche che possano attirare target similari Allergy free/ gluten free: si tratta di una fascia di mercato sottosviluppata ma in aumento Vegetariano/vegano: in particolare sostituti del latte diversi dalla soia (e.g. mandorle) Soft drink bio sempre piu richesta Vini e liquori senza solfiti o acido sorbico

49 Il quadro normaevo per i prodo_ bio Fino a marzo 2013, la promozione e vendita di prodotti importati etichettati come «bio» o «organico» era permessa solo dopo certificazione imposta dall organismo JAS Da Aprile 2013, è possibile ottenere l equipollenza in presenza di due condizioni: 1. Certificazione bio italiana ottenuta da uno dei seguenti enti: Bios S.r.l., Ecogruppo Italia, QCertificazioni S.r.l., Sidel Spa 2. Importazione tramite importatore giapponese certificato JAS (lista disponibile su: La certificazione diretta JAS è sempre possibile attraverso i seguenti organismi certificatori in Italia: CCPB S.r.l., Bioagricert S.r.l., Istituto Mediterraneo di Certificazione (IMC), Suolo e Salute S.r.l. Dal gennaio 2014, i prodotti bio provenienti dagli USA possono essere venduti in Giappone senza etichetta JAS.

Il Giappone. Lontano, diverso. Strano. giugno 2014

Il Giappone. Lontano, diverso. Strano. giugno 2014 Il Giappone Lontano, diverso. Strano. giugno 2014 LONTANO LONTANO 19 milioni ab. 9 milioni ab. 36 milioni ab. POPOLAZIONE: 126,659,683 SUPERFICIE: 377,944 kmq su 6852 isole (75% del territorio montuoso)

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a F r a n c i a m

Dettagli

IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS

IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS Alessandro Marino Segretario Generale Camera di Commercio Italo-Tedesca IMPORT TEDESCO ALIMENTARE Altri 33,3% Paesi Bassi 18,7%

Dettagli

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia 2013 2014 Articolazione innovativa in progetti tematici modulati in chiave geografica, con focus sulla Potenziamento ed estensione del supporto a Rafforzamento della I CONTENUTI IN SINTESI: I PUNTI CHIAVE

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce IL MERCATO AGROALIMENTARE IN THAILANDIA Il settore del Food in Thailandia è sicuramente uno dei piu promettenti e in rapida crescita. La concorrenza sta crescendo di pari passo; ogni anno infatti assistiamo

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE 1 DHL Express (Italy) s.r.l. Marketing 062014 LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE Tra i Paesi dell Asia orientale, dopo la Cina, il Giappone

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D 1 C o r e a d e l S u d G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a B

Dettagli

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Perche investire a Hong Kong Analisi dei dati di import/export di Hong

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

PROGETTO. Parma Point in Australia

PROGETTO. Parma Point in Australia PROGETTO Parma Point in Australia Marzo Agosto 2013 Il progetto La Camera di commercio di Parma, in collaborazione con la Camera di commercio italiana in Australia, propone alle imprese del territorio

Dettagli

Prot. n. 120.066 Siena, 28 marzo 2012. MISSIONE IMPRENDITORIALE IN COLOMBIA - MESSICO Bogotà e Città del Messico, 02-09 Giugno 2012 Multisettoriale

Prot. n. 120.066 Siena, 28 marzo 2012. MISSIONE IMPRENDITORIALE IN COLOMBIA - MESSICO Bogotà e Città del Messico, 02-09 Giugno 2012 Multisettoriale Prot. n. 120.066 Siena, 28 marzo 2012 MISSIONE IMPRENDITORIALE IN COLOMBIA - MESSICO Bogotà e Città del Messico, 02-09 Giugno 2012 Multisettoriale La Colombia con un PIL nominale di circa US$ 312,5 miliardi

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

FEDERAZIONE RUSSA. Agenzia ICE Mosca

FEDERAZIONE RUSSA. Agenzia ICE Mosca FEDERAZIONE RUSSA Interscambio, Esportazioni settore agroalimentare, Attività promozionale a supporto di Agenzia ICE Mosca Camera di Commercio Italo-Russa 29 Aprile 2015 Maurizio Forte Direttore Agenzia

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

BIOALIMENTARE PROMOZIONE DEL BIOALIMENTARE ITALIANO IN AUSTRALIA E GIAPPONE

BIOALIMENTARE PROMOZIONE DEL BIOALIMENTARE ITALIANO IN AUSTRALIA E GIAPPONE BIOALIMENTARE PROMOZIONE DEL BIOALIMENTARE ITALIANO IN AUSTRALIA E GIAPPONE realizzato da in collaborazione con Il progetto BioAlimentare Promozione del BioAlimentare italiano in Australia e Giappone è

Dettagli

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Milano, 28 aprile 2014 L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Paolo De Castro Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 MERCATO DEI PRODOTTI BIOLOGICI Introduzione Il mercato dei prodotti biologici in

Dettagli

Tianjin/Pechino Victoria Trading La porta di accesso al mercato cinese

Tianjin/Pechino Victoria Trading La porta di accesso al mercato cinese Tianjin/Pechino Victoria Trading La porta di accesso al mercato cinese La Cerimonia dell Accordo tra European Trade Centre e Victoria Trading Il progetto Tianjin è una nuova porta di accesso al mercato

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York

USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York CALZATURE Andamento Mercato Il mercato americano ha rappresentato nella storia un grande sbocco per il made in Italy, e rimane sempre una

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO

Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO IMPRESA E MERCATO Gestire l impresa come un sistema complesso IMPRESA E STRATEGIA Analizzare le opportunità di miglioramento dei risultati Fonte: Ansoff

Dettagli

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il settore alimentare cinese sta progressivamente cambiando grazie all aumento del potere d acquisto e all evoluzione

Dettagli

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY sintesi dei principali servizi e 1 INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio Italiana di Sydney (CCIE Sydney) favorisce

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina

Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina www.confapiexport.org Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina E-mail: info@umbriaproduce.com Un Paese due Sistemi: Hong Kong Tradizionale Modello di Consumo

Dettagli

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER Avvertenze I dati utilizzati sono gli ultimi disponibili, eccetto ove indicato. Le fonti sono istituti statistici

Dettagli

SHANGHAI INTERNATIONAL EXHIBITION CENTER 8-10 MARZO, 2013

SHANGHAI INTERNATIONAL EXHIBITION CENTER 8-10 MARZO, 2013 SHANGHAI INTERNATIONAL EXHIBITION CENTER Ente organizzatore I partners di SICEC In collaborazione con Con il Patrocinio della PERCHE ITALY MADE EXPO E UNA GRANDE MANIFESTAZIONE ESCLUSIVAMENTE DEDICATA

Dettagli

Progetto Este Farms. Prodotti agroalimentari toscani di alta qualità nella GDO statunitense Matthew Battaglia, 10 giugno 2015

Progetto Este Farms. Prodotti agroalimentari toscani di alta qualità nella GDO statunitense Matthew Battaglia, 10 giugno 2015 Progetto Este Farms Prodotti agroalimentari toscani di alta qualità nella GDO statunitense Matthew Battaglia, 10 giugno 2015 Chi siamo: PromoFirenze e Este Farms PromoFirenze è l Azienda Speciale della

Dettagli

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE GLI EFFETTI DELLA CRISI: EROSIONE DEL CETO MEDIO E CRESCITA DELLA POVERTA COLLOCAZIONE SOCIALE DELLE FAMIGLIE IN BASE AL REDDITO, AI COMPORTAMENTI DI CONSUMO E AGLI STILI DI VITA COME E CAMBIATA LA SPESA

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

MERCATO SVIZZERO opportunità per l export italiano

MERCATO SVIZZERO opportunità per l export italiano MERCATO SVIZZERO opportunità per l export italiano CONTATTI Camera di Commercio Italiana per la Svizzera Fabrizio Macrì, Marketing Seestrasse 123 CH 8002 Zürich Tel: 0041 44 289 23 23 Fax: 0041 44 201

Dettagli

Alimentaria & Horexpo & Tecnoalimentaria Lisbona, 22-24 Novembre2015

Alimentaria & Horexpo & Tecnoalimentaria Lisbona, 22-24 Novembre2015 Alimentaria & Horexpo & Tecnoalimentaria Lisbona, 22-24 Novembre2015 Salone Internazionale dell Alimentazione, dell Ospitalità Alberghiera e della Tecnologia per l Industria Alimentare. La realizzazione

Dettagli

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE Bolzano, 29 maggio 2015 PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Il Made in Italy Dop e Igp :

Dettagli

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza riservato e confidenziale 5 maggio 2014 esportare la dolce vita 1 Esportare la Dolce Vita il progetto cos è

Dettagli

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola aggiornamento al 30 gennaio 2015 Dieci punti di forza dell Italia, talvolta poco conosciuti, fotografati da Fondazione Symbola: 1) È uno dei cinque

Dettagli

INDACO NEL FOOD: Strategie e piano promozionale 2014. In.d.a.co. via Milazzo 28, Pesaro italia www.indaco.coop

INDACO NEL FOOD: Strategie e piano promozionale 2014. In.d.a.co. via Milazzo 28, Pesaro italia www.indaco.coop INDACO NEL FOOD: Strategie e piano promozionale 2014 In.d.a.co. via Milazzo 28, Pesaro italia www.indaco.coop MERCATO TARGET: CINA CENTRO- MERIDIONALE Strategia e strumenti PIATTAFORMA DISTRIBUTIVA: STRUMENTO

Dettagli

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013 MATCHING Brasile San Paolo, 24-25 giugno 2013 LE INFORMAZIONI GENERALI I settori* coinvolti sono : Agricolo, agroalimentare (food & beverage), agroindustriale Edilizia e impiantistica: materiali e prodotti

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

TASTE OF ITALY. Informativa. Houston, Texas (USA)_ 2-3 marzo 2016 OBIETTIVO IL MERCATO IL PROGETTO

TASTE OF ITALY. Informativa. Houston, Texas (USA)_ 2-3 marzo 2016 OBIETTIVO IL MERCATO IL PROGETTO Informativa TASTE OF ITALY Houston, Texas (USA)_ 2-3 marzo 2016 Gentile imprenditore, con la presente abbiamo il piacere di informarla che Marchet, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Ancona,

Dettagli

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA Accademia dei Georgofili Firenze, 2 dicembre 2014 PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA PAOLO DE CASTRO Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo LA CRESCITA

Dettagli

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Roma, 21 maggio 2015 il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Alessandra Lanza - Prometeia commercio mondiale (finalmente) in accelerazione e più dinamico della crescita del

Dettagli

dell Alleanza del Pacifico

dell Alleanza del Pacifico Internazionalizzare nei paesi dell Alleanza del Pacifico Alleanza del Pacifico 10-17 febbraio 10-17 marzo 2015 1 Che cos è l Alleanza del Pacifico È un iniziativa d integrazione regionale composta da Cile,

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA GIUGNO 2014 CONTENUTI E NOTE METODOLOGICHE Lo studio che segue, curato dall Agenzia ICE di Mosca, e di tipo congiunturale e analizza in dettaglio, per tavole

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

WINE TECHNOLOGY SHOW. 11 15 SetteMbre 2O17

WINE TECHNOLOGY SHOW. 11 15 SetteMbre 2O17 WINE TECHNOLOGY SHOW I N M U N I C H 11 15 SetteMbre 2O17 World s Leading Trade Fair for the Beverage and Liquid Food Industry Production + Filling + Packaging + Marketing Messe München drinktec.com/simei

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

CATALOGO SERVIZI. CAMERA di COMMERCIO ITALIANA Melbourne, Australia. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI. CAMERA di COMMERCIO ITALIANA Melbourne, Australia. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione Honorary President H.E. The Ambassador of Italy Honorary Councillor The Consul General of Italy for Victoria and Tasmania CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA Melbourne, Australia sintesi dei

Dettagli

Intervento del Prof. Beniamino Quintieri

Intervento del Prof. Beniamino Quintieri XVI Assemblea Plenaria dell Italy-Japan Business Group Intervento del Prof. Beniamino Quintieri Le relazioni economiche e commerciali tra Italia e Giappone si collocano oggi in un quadro congiunturale

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

LA GUIDA DEI VINI ITALIANI DI QUALITA A COLORI IN INGLESE E ONLINE UNO STRUMENTO INEDITO. Gian Piero Staffa

LA GUIDA DEI VINI ITALIANI DI QUALITA A COLORI IN INGLESE E ONLINE UNO STRUMENTO INEDITO. Gian Piero Staffa UNO STRUMENTO INEDITO I vini italiani di qualita presentati a piu di 20.000 Importatori, Riviste specializzate, Wine Brokers e Masters of Wine di 140 paesi del mondo con una immagine senza precedenti ed

Dettagli

UNIONCAMERE SICILIA DATI DELL IMPRESA DATI DEL LEGALE RAPPRESENTANTE

UNIONCAMERE SICILIA DATI DELL IMPRESA DATI DEL LEGALE RAPPRESENTANTE UNIONCAMERE SICILIA PO FESR 2007/2013 Asse V Obiettivo Operativo 5.2.1 EXPÒ 2015 - AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA SELEZIONE DI IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITÀ PREVISTE NELL

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

PRESENTAZIONE Firenze 2014

PRESENTAZIONE Firenze 2014 PRESENTAZIONE Firenze 2014 INDICE Presentazione generale del progetto... pg 3 Obiettivi... pg 3 Le caratteristiche del nuovo sito e-commerce... pg 3 Strumenti di promozione del progetto web.... pg 4 I

Dettagli

IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI. Overview:

IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI. Overview: IL VINO IN TAVOLA: TENDENZE e DATI Overview: La prima settimana di Aprile si è svolta a Verona la 47 edizione del VINITALY che ha registrato 148.000 (+6% rispetto lo scorso anno) dei quali 50.000 esteri

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Tendenze dei canali di vendita al dettaglio

Tendenze dei canali di vendita al dettaglio ProWein 2015 Indagine sommaria / 25 Febbraio 2015 Tendenze dei canali di vendita al dettaglio È un fatto ampiamente accettato nel commercio mondiale del vino che i canali di vendita al dettaglio attraverso

Dettagli

CHINA BUSINESS LAB. 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai. Promosso da

CHINA BUSINESS LAB. 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai. Promosso da CHINA BUSINESS LAB 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai Promosso da China Business Lab un evento unico ed esclusivo per iniziare a fare business in China Partner CHINA BUSINESS LAB Shanghai Chamber of Commerce

Dettagli

elò ITALIA Going to China

elò ITALIA Going to China elò ITALIA Going to China elò ITALIA: l unione di esperti per il massimo dei risultati Consulvendite Srl Italy Professional Srl SG Consulting Core Business aziendale Società specializzata nella consulenza

Dettagli

I dati economici italiani: ombre.

I dati economici italiani: ombre. I dati economici italiani: ombre. Nel 2014 la diminuzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano è pari allo 0,3% in termini reali. L Italia soffre più degli altri paesi Europei e la ripresa sarà molto

Dettagli

per il miglior eco-packaging alimentare proposto all interno dell evento

per il miglior eco-packaging alimentare proposto all interno dell evento per il miglior eco-packaging alimentare proposto all interno dell evento in collaborazione con Regolamento di partecipazione Art. 1 Enti organizzatori La Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus,

Dettagli

ESTERO OGGETTO: EUROSPORTELLO DI RAVENNA MISSIONE IMPRENDITORIALE IN MESSICO 11 15 NOVEMBRE 2013

ESTERO OGGETTO: EUROSPORTELLO DI RAVENNA MISSIONE IMPRENDITORIALE IN MESSICO 11 15 NOVEMBRE 2013 CONFIMI RAVENNA NEWS N. 19 DEL 30/08/2013 ESTERO OGGETTO: EUROSPORTELLO DI RAVENNA MISSIONE IMPRENDITORIALE IN MESSICO 11 15 NOVEMBRE 2013 Segnaliamo alle aziende interessate al mercato messicano che Eurosportello,

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

HC DUBAI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI

HC DUBAI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI SELEZIONA E SVILUPPA OCCASIONI PER ENTRARE NEI MIGLIORI DEPARTEMENT STORE E RETAILS CHI SIAMO CREIAMO OPPORTUNITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Birra e bevande Pasta ripiena Importatori. Delicatessen. Salumi Spezie. Olio. Formaggi. Export. Aceto. Latte e derivati. Parma, 5-8 Maggio CIBUS 2014

Birra e bevande Pasta ripiena Importatori. Delicatessen. Salumi Spezie. Olio. Formaggi. Export. Aceto. Latte e derivati. Parma, 5-8 Maggio CIBUS 2014 Prodotti BiologiciFrozenfood Pane e sostituti Formaggi Pasta ripiena CioccolatoAcque minerali Conserve vegetali Export Pasta secca Formaggi Carni Delicatessen CIBUS 2014 Salumi Buyer Parma, 5-8 Maggio

Dettagli

Il Made in Italy in Messico PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in Messico PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in Messico PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il Messico, con 105,9 milioni di abitanti, un PIL nominale di circa 886,4 miliardi di USD ed un PIL

Dettagli

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO 29-30 NOVEMBRE - 1 DICEMBRE 2014 CENTRO LE CIMINIERE - CATANIA www.expofoodandwine.com LE STRADE LA STRADA DEL VINO Area dedicata alle aziende vitivinicole,

Dettagli

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 Agenda Italia 2015 - Master Plan del Governo per Expo Milano 2015 INIZIATIVA N. 17

Dettagli

Strategie di promozione internazionale dei prodotti agroalimentari

Strategie di promozione internazionale dei prodotti agroalimentari per le Politiche di Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi Divisione X Promozione in Asia, Oceania e Paesi del Golfo Strategie di promozione internazionale dei prodotti agroalimentari italiani

Dettagli

Il processo di internazionalizzazione

Il processo di internazionalizzazione Il processo di internazionalizzazione Brescia, 16 aprile 2015 CONTENUTI Chi e Crossbridge Le fasi del processo di internazionalizzazione Le esperienze Le opportunità nel Far East I partner di Crossbridge

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce Il Mercato Thailandese Attori principali del settore agro-industriale Il settore agro-industriale thailandese conta oltre 10,000 aziende attive tra locali ed internazionali, e possibile raggruppare in

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Carlo D Asaro Biondo. Google

Carlo D Asaro Biondo. Google Carlo D Asaro Biondo Google Digital Business, come fare impresa on line 1 Il percepito dell Italia all estero 2 Il Made in Italy visto da Google 3 Stato dell arte di Internet in Italia 4 Il contributo

Dettagli

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di PERTH. sintesi dei principali servizi per le Imprese e le Amministrazioni e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di PERTH. sintesi dei principali servizi per le Imprese e le Amministrazioni e modalità di erogazione CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA di PERTH sintesi dei principali servizi per le Imprese e le Amministrazioni e INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio & Industria

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA:

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA: BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO MOD B COMPANY PROFILE 1) INFORMAZIONI GENERALI RAGIONE SOCIALE: P. IVA: INDIRIZZO: CAP: CITTA

Dettagli

AUSTRALIA. TIM GAUCI Console Generale e Dirigente Affari Commerciali CONSOLATO GENERALE D AUSTRALIA E AUSTRADE

AUSTRALIA. TIM GAUCI Console Generale e Dirigente Affari Commerciali CONSOLATO GENERALE D AUSTRALIA E AUSTRADE AUSTRALIA TIM GAUCI Console Generale e Dirigente Affari Commerciali CONSOLATO GENERALE D AUSTRALIA E AUSTRADE AUSTRALIA:UN ECONOMIA PROSPERA Contesto sociale, politico ed economico molto stabile Uno dei

Dettagli

Il mercato del vino italiano in Cina e procedure di importazione

Il mercato del vino italiano in Cina e procedure di importazione Il mercato del vino italiano in Cina e procedure di importazione Il mercato del vino Dal 2013 la Cina è diventata il primo paese al mondo per consumo di vino, superando sia la Francia sia l Italia nella

Dettagli

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000 Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS La spesa alimentare tra sicurezza, qualità e convenienza Risultati Pubblicati sul Messaggero del 24 novembre 2009 e presentati in

Dettagli

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa»

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» Forlì, 16 gennaio 2015 1 L Esposizione Universale Expo Milano 2015

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Scenari internazionali: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa premessa export strategia necessaria fatturato interno ed estero dell industria italiana indice mercato estero dal 2009

Dettagli

!"" # $ www.coolhunteritaly.it

! # $ www.coolhunteritaly.it www.coolhunteritaly.it %& COOL HUNTER Italy TRADE SHOW è il salone interamente dedicato ai giovani fashion designer Made in Italy che si svolge due volte all anno, nei mesi di settembre e di febbraio,

Dettagli

Il controllo della catena logistica come leva di competitività per le PMI

Il controllo della catena logistica come leva di competitività per le PMI Come esportare a casa del cliente Il controllo della catena logistica come leva di competitività per le PMI Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo

Dettagli

L innovativo sistema Enopost + Keatchen

L innovativo sistema Enopost + Keatchen L innovativo sistema Enopost + Enopost + Enopost Il Club di Degustatori è dove i tuoi prodotti potranno entrar a far parte ed essere acquistati on-line attraverso un sito e-commerce dedicato a tutti i

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014 CENTRO REGIONALE DI STUDI E RICERCHE ECONOMICO-SOCIALI istituito dalle Camere di Commercio d Abruzzo I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ABRUZZESI Indagine 2014 RAPPORTO INTERMEDIO L Aquila, 19 dicembre 2014 Sala

Dettagli